CARTA DEI SERVIZI. OSPEDALE DI MIRANO - tel fax

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEI SERVIZI. OSPEDALE DI MIRANO - tel. 041.5794002 fax 041.5794004"

Transcript

1 OSPEDALE DI MIRANO - tel fax Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N 13 DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE U.O.C. di Oncologia ed Ematologia Oncologica (Direttore f.f.: Dott. M. Bari) OSPEDALE DI DOLO - tel fax CARTA DEI SERVIZI R723 Carta dei Servizi Emesso rev 4 del Approvato DRS 1

2 Gentile Signora/e Il personale sanitario, ritenendo di fare un servizio utile, ha curato la preparazione del presente opuscolo, con lo scopo di dare in maniera semplice le informazioni necessarie a facilitare l utilizzo da parte dei pazienti delle prestazioni mediche fornite dalla U.O.C. di Oncologia ed Ematologia Oncologica di Mirano - Dolo. Il nostro impegno è inoltre finalizzato a fornire strumenti chiari per aiutare i pazienti ed i loro familiari a comprendere i programmi di assistenza e a partecipare alla loro attuazione per raggiungere risultati positivi nella cura della malattia. Questo opuscolo è stato redatto nell intento di aiutare il paziente i i suoi familiari a comprendere norme e le regole consigliate per l assistenza in regime ambulatoriale, di Day- Hospital, di ricovero ordinario e speciale (Sezione Trapianti). Mission La mission della U.O.C. di Oncologia ed Ematologia Oncologica è fornire assistenza e terapia a pazienti adulti affetti da patologia oncologica ed oncoematologica secondo le direttive nazionali ed internazionali in continuo aggiornamento. L'attività viene svolta anche con metodiche multidisciplinari ed è supportata dall'attività di ricerca per la identificazione e lo sviluppo di approcci innovativi sempre rivolti alla prevenzione, alla guarigione o al controllo della malattia e dei suoi sintomi. Il Personale medico e infermieristico è a completa disposizione per ogni chiarimento o consiglio. R723 Carta dei Servizi Emesso rev 4 del Approvato DRS 2

3 Day Hospital - Ambulatori DIRETTORE f.f. : dott. M. Bari Responsabile U.O.S. Day Hospital : Dott. Mario Bari Coordinatore infermieristico: Vallì Calzavara Personale Medico Dott. Francesco Rosetti Dott.ssa Donata Sartori Dott.ssa Grazia Artioli Dott.ssa Lucia Borgato Dott.ssa Claudia Minotto Dott. Giovanni Bertoldero Servizio di Psiconcologia Dott.ssa Fiorenza Barbato Personale Infermieristico Ospedale di Mirano M.Andreuzza G. Bagnulo S. Coccato A. Morosin S. Salvalaio S.Salviato R. Scroccaro M. Sorato, M. Trevisanello S. Vitturi Personale OSS A. Trentin, C. Vallotto Personale Infermieristico Ospedale di Dolo L. Giacomello W.Pecchielan M.Rizzolo Personale OSS M. Siebessi A. Trentin C. Valotto M. Vecchiato R723 Carta dei Servizi Emesso rev 4 del Approvato DRS 3

4 PAZIENTI ESTERNI Sedi ATTIVITA AMBULATORIALE Dolo riviera XXIX Aprile 2 3 Piano Padiglione Nord Mirano Via L. Mariutto, Mirano (Ve) Monoblocco De Carlo 2 Piano: Terra Segreteria Sig.ra S. Nicolin, Sig.ra D. Tasso Tel Fax Prestazioni: Raccolta dati anagrafici pazienti Gestione visite già prenotate Appuntamenti per colloqui con medici (telefonare dalle ore alle 13.30) Esenzione ticket Gestione appuntamenti per esami in altre unità operative Visite Ambulatoriali Oncologiche ed Ematologiche Gli appuntamenti sono possono essere fissati chiamando il Centro Unico Prenotazioni (CUP) tel , oppure presso l ufficio cassa dei tre ospedali della nostra Azienda (Dolo/Mirano/Noale) Per effettuare le visite bisogna essere muniti di impegnativa del medico curante. I pazienti verranno visitati dallo staff medico, rispettando l ordine di appuntamento. Libera Professione Intra-moenia L accesso avviene su libera iniziativa del cittadino con scelta nominativa dello specialista al quale rivolgersi; non è necessaria l impegnativa del medico curante, appuntamenti presso CUP telefonico (tel ) ORARIO segreteria dalle ore 8.30 alle ore dal lunedì al venerdì R723 Carta dei Servizi Emesso rev 4 del Approvato DRS 4

5 Day Hospital Informazioni utili ai pazienti Dolo Tel Orario dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore N.B. Per variare o disdire appuntamenti e per altre informazioni non urgenti, i signori pazienti sono pregati di telefonare dalle ore alle ore tel Mirano Tel Fax Orario dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle Sabato dalle ore 8.00 alle Prestazioni: Trattamento medico (chemioterapia, terapia di supporto nutrizionale, trasfusionale e antalgica) in regime di Day-Hospital delle neoplasie solide ed ematologiche dell adulto. Procedure diagnostiche mini-invasive. Ambulatorio infermieristico Esecuzione prelievi controllo e pre terapia Richieste esami strumentali Medicazioni e lavaggi cateteri venosi centrali Appuntamenti visite e prelievi APPUNTAMENTI : gli appuntamenti per prelievo, visita e successiva chemioterapia vengono assegnati dall ambulatorio infermieri ed annotati sulla lettera per il medico curante LAVAGGIO E MEDICAZIONE Catetere Venoso Centrale: martedì e venerdì dalle alle Il ricovero in Day Hospital prevede ricovero o cicli di ricovero di durata inferiore ad una giornata, con erogazione di prestazioni di diagnosi e cura. Il DH è provvisto, per la somministrazione di chemioterapici, di 4 posti letto e 10 poltrone. R723 Carta dei Servizi Emesso rev 4 del Approvato DRS 5

6 Day Hospital Ulteriori informazioni utili Il Day Hospital è a tutti gli effetti un ricovero ospedaliero giornaliero tramite il quale si rende possibile erogare la terapia senza la permanenza notturna. Si deve anche considerare che al centro affluiscono pazienti provenienti da sedi non sempre vicine e sono pertanto legati agli orari dei mezzi di trasporto o alla disponibilità di famigliari o conoscenti. Pertanto in base a: o stato di salute o tipologia della cura da eseguire o lontananza del domicilio dalla unità operativa l orario assegnato per la visita è solo indicativo per cui sono possibili variazioni legate a difficoltà contingenti. I medici possono decidere l ordine di visita anche indipendentemente dall ordine d arrivo. Tutti i medici ed il personale infermieristico sono comunque a disposizione per eventuali chiarimenti. Pazienti ambulatoriali Il paziente che ha una prenotazione per visita oncologica o ematologica deve per prima cosa recarsi allo sportello della Segreteria e consegnare impegnativa e fotocopia degli esami. Dopo ciò potrà accomodarsi in sala d attesa e verrà chiamato dal medico per la visita. Pazienti in regime di Day Hospital I pazienti che devono eseguire trattamenti e che hanno già gli esami prescritti refertati, dovranno recarsi allo sportello dell accettazione infermieristica, fornire il loro nominativo ed accomodarsi in sala d attesa. I pazienti che devono eseguire prelievo per esami ematochimici dovranno invece prendere il bigliettino con il numero (fornito da distributore posto nella sala d attesa) e attendere nella stessa di essere chiamati dal personale infermieristico: i prelievi verranno eseguiti nell ambulatorio n 1. Eseguito il prelievo si accomoderanno in sala d attesa, qualora la visita medica fosse programmata nella stessa giornata. I pazienti che presentano, nel giorno del ricovero programmato, problematiche particolari dovranno parlarne con l infermiere professionale in servizio allo sportello ed eventualmente chiedere un colloquio con il Medico Responsabile o col personale medico in servizio. I colloqui da parte dei famigliari autorizzati vanno fissati con l infermiere professionale in servizio presso l accettazione, che provvederà a prenotare un appuntamento con il personale medico.. Si raccomanda inoltre di non sostare nei corridoi del Day Hospital per non intralciare l attività medica ed infermieristica, di tenere il cellulare acceso solo con vibrazione e di non utilizzare le uscite d emergenza. Il Responsabile ed il personale medico ed infermieristico lavorano per un costante miglioramento del Servizio, anche con i vostri suggerimenti. R723 Carta dei Servizi Emesso rev 4 del Approvato DRS 6

7 Day Hospital / Ambulatori Ulteriori notizie e raccomandazioni La chiamata per l esecuzione dei prelievi ematici avviene tramite sequenza numerica Per il prelievo per esami ematochimici generali è utile il digiuno, eccetto che per il solo controllo dell emocromo. Il giorno della visita avvisare gli infermieri professionali ed attendere il proprio turno in sala di attesa. Fare una colazione leggera prima della terapia Non è obbligatorio essere assistiti durante la terapia: qualora necessario può essere rilasciata autorizzazione ad una sola persona Nel rispetto della privacy, chi lo desidera, può essere chiamato per numero e non per nome (segnalare la propria volontà alla segreteria o all accettazione infermieristica) Gli orari per la visita medica sono indicativi e possono subire delle variazioni legate alla particolarità della patologia e/o al sopraggiungere di visite urgenti Gli appuntamenti per colloquio con i medici vengono fissati dalla segreteria per i pazienti in regime ambulatoriale mentre per i pazienti in Day Hospital dalla accettazione infermieristica. Gli appuntamenti per visita e successivo ciclo di terapia vengono registrati dall infermiere professionale sulla lettera che il medico consegna dopo la visita Le infermiere provvedono, dopo la visita, all allestimento della terapia; nel frattempo il paziente sarà accompagnato nella stanza di degenza diurna E consigliabile non eseguire vaccinazioni in concomitanza della chemioterapia Nella giornata di terapia è consigliabile assumere una dieta asciutta Comunicare al medico durante la visita eventuali effetti collaterali legati alla terapia e tutti i farmaci assunti a domicilio; lo stesso suggerimento è valido anche per i presidi di erboristeria e per i prodotti definiti naturali o alternativi. Alcuni farmaci e sostanze possono interferire con i farmaci antitumorali alterandone l efficacia. Nel caso si rendesse necessaria l assunzione di un qualunque farmaco, per effetti collaterali o tossici dovuti alla terapia antitumorale o a patologie contingenti anche banali contattate l oncologo di riferimento R723 Carta dei Servizi Emesso rev 4 del Approvato DRS 7

8 BREAST UNIT E attivo un gruppo interdivisionale per la diagnosi e terapia del tumore della mammella (Breast Unit) costituito dalle U.O.C. di Chirurgia; U.O.S. di Senologia; U.O.S. per gli Screenings Oncologici dell ULSS 13; U.O.C. di Oncologia ed Ematologia Oncologica; Servizi di Radiologia; Servizio di Anatomia Patologica) a cui l'ambulatorio senologico afferisce e che ha messo a punto linee guida diagnosticoterapeutiche nell ambito del trattamento delle lesioni non palpabili, della chirurgia del linfonodo sentinella, della chirurgia ricostruttiva dopo interventi demolitivi sulla mammella. E di fondamentale importanza, nell ottica della prevenzione e trattamento precoce delle lesioni neoplastiche della mammella, la collaborazione nell ambito dello Screening Mammografico, che coinvolge le donne del territorio dell ULSS 13 dai 50 ai 69 anni con controlli biennali. E in corso, inoltre, una collaborazione con il Dipartimento di Scienze Biomediche dell Università di Padova e la Società Bio-Analitica di Padova per lo studio della risposta alla chemioterapia delle neoplasie mammarie in relazione al profilo genetico delle stesse. Tale progetto è sostenuto dal Ministero della Salute. Prenotazioni: Solo su indicazione del medico di famiglia con regolare impegnativa. Telefono: dalle ore alle R723 Carta dei Servizi Emesso rev 4 del Approvato DRS 8

9 Sezione Degenze Ospedale di Mirano DIRETTORE f.f. : Dott. M. Bari Responsabile Operativo: Dott. Giuseppe Azzarello Personale Medico (Oncologia) Dott.ssa Giorgia Boscolo Personale Medico (Ematologia) Dott. C.Minotto Dott. G.Bertoldero Coordinatore: tel Fax Sala Operativa Infermieristica: tel Personale Infermieristico Reparto Coordinatore : V. Calzavara I.P. : Diurnista: E. Minotto Turnisti: B. Barbara K. Bertolin C. Bettin S. Casarin MD Cupiello S. Donà E.Durante A. Liviero L. Mondi S. Paggin M. Pellizzon S. Simionato M. Trevisanello M. Vallotto Descrizione della Sezione 14 posti letto di degenza ordinaria (stanze a 1-2 letti, con bagno attrezzato anche per disabili), n 2 stanze sezione protetta per trapianto; n 2 ambulatori per visita ed interventi diagnostici. Soggiorno e sala da pranzo attrezzata con supporti audiovisivi, biblioteca e frigorifero ad uso dei degenti. Prestazioni Diagnosi e trattamento medico (convenzionale e ad alte dosi) delle neoplasie solide ed oncoematologiche dell adulto in regime di ricovero ordinario e speciale (Sezione Trapianti). Terapia trapiantologica (midollo e cellule staminali ematopoietiche periferiche PBSC): Trapianto autologo con/senza manipolazione in vitro Trapianto allogenico da donatore HLA compatibile o parzialmente compatibile (T depleto) Trapianto allogenico a condizionamento ridotto (miniallotrapianto) OSS : P. Dalle Magne, S. Marin, C. Selva. D. Doni R723 Carta dei Servizi Emesso rev 4 del Approvato DRS 9

10 Al momento del ricovero sarà effettuato: PROCEDURA DI RICOVERO I ricoveri sono programmati in base ai seguenti criteri: ricoveri programmati ricoveri urgenti ricovero per trapianto I ricoveri programmati sono confermati dal Caposala con un tempo di preavviso di ore. I pazienti dovranno presentarsi a digiuno alle ore 8.00 provvisti di : documentazione clinica (esami ed accertamenti diagnostici) farmaci assunti a domicilio colloquio infermieristico prelievo per esami ematochimici rilevazione parametri (PAO, peso, altezza) inserimento dati in scheda computerizzata assegnazione posto letto esecuzione ECG consegna braccialetto identificativo visita medica R723 Carta dei Servizi Emesso rev 4 del Approvato DRS 10

11 N.B. limitare le visite nelle stanze di degenza dove richiesto da apposito cartello: nella stanza potrebbero essere ricoverati pazienti con basse difese immunitarie. Si sconsiglia l accesso ai bambini di età inferiore a 12 anni. Per favorire il riposo notturno è richiesto il silenzio dalle ore alle ore Ricevimento Medici I Medici sono disponibili per colloqui con i famigliari (previo consenso del paziente) nei seguenti giorni: il martedì e il venerdì dalle ore alle ore 14.00, previo appuntamento fissato con il Coordinatore Infermieristico o suo delegato. Il personale medico è comunque a disposizione, previo appuntamento, per eventuali colloqui urgenti. Dimissione Al momento della dimissione sarà rilasciata una lettera da consegnare al medico curante,nella quale sono riportate sinteticamente tutte le informazioni relative al ricovero e le indicazioni sulla eventuale prosecuzione delle cure. Se il paziente chiede di essere dimesso contro il parere del medico dovrà firmare una dichiarazione che solleva il Reparto da ogni responsabilità. Certificato di Ricovero: durante la degenza si possono richiedere certificati attestanti il ricovero, che non riportano la diagnosi (per datore di lavoro, assicurazione, ecc.) Visite Mediche Durante il giro visite, effettuato di norma nel corso della mattinata (ore ), è indispensabile rimanere nella propria stanza. Le assistenze e le visite sono pregate di non sostare nei corridoi, ma di attendere in sala d attesa. Orario Di Visita Ai Degenti Tutti i giorni Dalle ore alle ore Dalle ore alle ore Ogni eventuale deroga deve essere preventivamente autorizzata. Orario Pasti prima colazione ore 7.30 pranzo ore cena ore Il degente avrà la possibilità di scegliere il menu tra le proposte che saranno presentate dal personale. I pasti sono personalizzati, pre-porzionati e si potrà scegliere fra diverse tipologie di piatti anche se si è sottoposti a regimi dietetici vincolati. In casi particolari la dietista elaborerà diete personalizzate. Radio Televisione Il coordinatore può consentire l uso nella stanza di degenza di radio e apparecchi televisivi privati, purché muniti di cuffia. Telefoni Cellulari L uso dei telefoni cellulari è di regola consentito nelle stanze di degenza o nelle sale d attesa, sempre nel rispetto degli altri degenti o di divieti temporanei comunicati dal coordinatore. Denaro e Oggetti di Valore Si consiglia di portare denaro sufficiente solo per piccoli acquisti. L amministrazione non risponde per il denaro e gli oggetti di valore lasciati incustoditi. Eventuali smarrimenti di oggetti personali devono comunque essere immediatamente segnalati al personale di reparto. Per custodire la protesi dentaria, viene consegnata un apposita custodia. Pulizia e Ordine La pulizia della stanza viene effettuata ogni giorno. E importante mantenere in ordine gli arredi e la stanza e non lasciare oggetti fuori dagli armadi e dai comodini al fine di facilitare le operazioni di pulizia. R723 Carta dei Servizi Emesso rev 4 del Approvato DRS 11

12 NORME GENERALI PER I RICOVERATI Al momento del ricovero si consiglia di: RICOVERO IN SEZIONE SPECIALE (Centro Trapianti) Il ricovero avviene in camera singola con bagno interno e dotata di telefono, TV, in una zona separata dal reparto di degenza ordinaria. Ad ogni paziente viene consegnato un manuale quale linea guida al soggiorno da leggere nei giorni precedenti l entrata nella sezione speciale. La struttura è dotata di 2 camere singole nella zona speciale. La temperatura ambientale è regolata attraverso il termostato centralizzato. La bassa carica microbica ambientale viene mantenuta attraverso la chiusura costante di porte e finestre, il trattamento dell aria con flusso a pressione positiva all interno delle camere, le procedure di ingresso dei materiali e delle persone, le procedure di pulizia e disinfezione. Il personale sanitario indossa cuffia e divisa pulita ad ogni inizio turno, cambia le calzature all ingresso del reparto e, ad ogni ingresso nella camera di degenza, indossa la mascherina (se richiesto) e si lava le mani. Il controllo della camera è garantito inoltre da una telecamera, collegata a monitor situati nella stanza degli infermieri. E' fatto assoluto divieto di uscire dalla camera; per qualsiasi cosa di cui il paziente necessiti, utilizzerà il telefono (abilitato anche per effettuare chiamate all esterno e riceverle) o il campanello situato vicino al letto. E' permesso l'ingresso di un visitatore per paziente al giorno, dalle 14:00 alle 21:30, le modalità e la durata della visita saranno stabilite con il personale sanitario al momento dell ingresso. La dieta è già stabilita e redatta appositamente per il paziente sottoposto a trapianto; si può richiedere comunque l intervento della dietista per qualsiasi Variazione (consentita comunque dal medico). fare la doccia prima della sistemazione in camera indossare biancheria intima e pigiama puliti Durante il ricovero in camera è indispensabile : non uscire dalle camere senza autorizzazione del personale non aprire le finestre poiché il ricambio d aria viene garantito da apposito sistema di filtraggio concordare con il personale l ingresso in camera di materiale diverso da quello specificato Igiene personale quotidiana Si raccomanda in particolare di : eseguire un accurata igiene intima quotidiana curare l igiene della bocca almeno 3-4 volte al giorno e comunque dopo i pasti e prima di coricarsi, inizialmente con spazzolino da denti a setole morbide ed in seguito, quando indicato dal personale, solo con collutorio fornito dal reparto. Segnalare tempestivamente l insorgenza di fastidi o dolori alla mucosa orale non usare filo interdentale lavarsi frequentemente le mani curarsi le mani e i piedi ed attuare un taglio corto delle unghie utilizzando forbici a punta arrotondata non utilizzare smalto per le unghie usare soltanto rasoi elettrici cambiarsi la biancheria giornalmente R723 Carta dei Servizi Emesso rev 4 del Approvato DRS 12

13 MODALITA ORGANIZZATIVA DI PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE Dal mese di marzo 2013, è stata modificata l organizzazione infermieristica del reparto; quest ultimo viene suddiviso virtualmente in due settori: BLU, che comprende le stanze 5,6,7,8 e 9 per un totale di 8 pazienti, ed ARANCIONE che comprende le stanze 3,4,10 e 11 per un totale di 6 pazienti. Ogni settore è seguito da un infermiere di riferimento, che fornirà assistenza completa ai pazienti a lui affidati. Ogni mattina si tiene un breefing (alle 9:00 circa) a cui partecipa tutto il personale presente in servizio, nel corso del quale, il responsabile ed i medici di reparto discutono dei singoli pazienti insieme alla caposala e agli infermieri che riportano le consegne della notte ed eventuali problematiche insorte: in questo modo tutti hanno modo di conoscere i problemi emergenti dei pazienti ricoverati in Unità Operativa. L infermiere turnista di settore, si attiene ai piani di lavoro e li adatta secondo il carico assistenziale dei pazienti a lui affidati, eseguendo l assistenza avanzata che gli compete in quanto conosce a fondo le problematiche dei propri ricoverati e collabora costantemente con il medico per fornire loro l assistenza migliore. L infermiere giornaliero segue la parte burocratico-organizzativa e, in collaborazione con la coordinatrice, provvede ad istruire i colleghi sulle nuove metodiche in uso ed è di supporto in caso di urgenze o necessità emergenti dei pazienti. L Oss (operatore socio sanitario), è parte integrante della struttura organizzativa e provvede ad eseguire l assistenza di base, secondo i piani di lavoro, collabora e supporta l attività degli infermieri. I due settori non sono isolati: i metodi di lavoro sono comuni, i pazienti sono più controllati e sicuri, ma ora, i pazienti di ogni settore sanno con precisione a chi chiedere informazioni in quanto hanno il loro infermiere di riferimento che vedranno per tutta la durata del turno. R723 Carta dei Servizi Emesso rev 4 del Approvato DRS 13

14 Sede di Mirano Sede di Dolo SERVIZIO DI PSICO - ONCOLOGIA Orario ambulatorio: Lunedì, Martedì, Giovedì, Venerdì sede di Mirano Mercoledì sede di Dolo Visite programmate nel territorio ( in collaborazione con U.O.S. Cure Palliative) Variazioni nell orario saranno concordate in rapporto a particolari esigenze dei pazienti nelle varie sedi. Appuntamenti: Attività svolte in: Ambulatorio Day hospital Degenza ordinaria e speciale Assistenza domiciliare Consulenza e sostegno psicologico seduta di consulenza e/o sostegno psicologico individuale seduta di consulenza e/o sostegno psicologico della coppia e/o alla famiglia Diagnosi Psicologica Studio e valutazione psico-diagnostica dal punto di vista cognitivo, personologico, dello stato dell umore e del profilo psico-fisiologico colloquio anamnestico e psicodiagnostica individuale colloquio anamnestico e psicodiagnostica familiare o di coppia Psicoterapia psicoterapia individuale psicoterapia di coppia o familiare Psicologia della salute Valutazione continua della qualità della vita e durante il follow up. Applicazione di Tecniche a Mediazione corporea: rilassamento individuale e di gruppo training individuali di aromaterapia, massaggio con oli essenziali associati al rilassamento lezioni di gruppo a cadenza settimanale di tai chi kung Formazione Corsi di formazione e supervisione continua di gruppo e individuale dei volontari ospedalieri che operano all interno del Dipartimento Psicologia Clinica colloquio psicologico clinico individuale colloquio psicologico clinico familiare R723 Carta dei Servizi Emesso rev 4 del Approvato DRS 14

15 U.O.S. - Nucleo Cure Palliative Sede Dolo via XXIX Aprile n 2 Il servizio di Cure Palliative è alle dirette dipendenze del servizio territoriale; possono essere attivate direttamente dal reparto dove il paziente è ricoverato o dal Medico di famiglia, al fine di fornire un adeguata assistenza a domicilio. Telefoni: medico: Infermieri: ; ; COSA SONO LE CURE PALLIATIVE? E un Team composto da operatori sanitari di diverse specialità che propongono un nuovo modello di assistenza. Le Cure Palliative sono centrate sul principio dell assistenza globale (fisica, sociale, psichica e spirituale del paziente e della sua famiglia) e pongono particolare attenzione alla qualità di vita. Medici, infermieri e psicologi assistono il paziente e controllano i sintomi di malessere e disagio, sia fisici che psichici, causati dal progredire della malattia. A CHI SONO RIVOLTE LE CURE PALLIATIVE? I pazienti affetti da malattie croniche non più responsive alle terapie specifiche (Neoplasia, Aids, Alzheimer, SLA, malattie metaboliche, neurologiche, cardiologiche, endocrine, ecc.) sono oggi in continuo aumento, perché sono migliorate le possibilità di cura ed è quindi aumentato il tempo di sopravivenza. Le possibilità di intervento volte a migliorare lo stato psicofisico del paziente e la qualità di vita sono ancora numerose. Le Cure Palliative sono al servizio dei malati e delle loro famiglie per offrire tutto quanto è possibile e necessario a condurre una vita dignitosa e senza sofferenze. COME E ORGANIZZATO IL SERVIZIO DI CURE PALLIATIVE? Una persona non può rispondere a tutte le necessità espresse da un paziente. Secondo i principi delle Cure Palliative vengono perciò utilizzate le competenze di diversi professionisti che intervengono in modo coordinato: il Medico valuta la situazione del paziente ed imposta la terapia, mantenendo i contatti con il medico di famiglia; l Infermiere mette in atto il trattamento a domicilio provvedendo anche a raccogliere tutte le informazioni per adottare le terapie più opportune; lo Psicologo effettua colloqui individuali con i familiari e/o il paziente. R723 Carta dei Servizi Emesso rev 4 del Approvato DRS 15

16 PERCHE RIVOLGERSI ALLE CURE PALLIATIVE? Le Cure Palliative offrono vantaggi che altri tipi di assistenza non danno: servizi specializzati per il paziente e per la famiglia: controllo del dolore e degli altri sintomi; terapia nutrizionale; gestione presidi antalgici (peridurali, refill pompe intratecali), cannule tracheostomiche, CVC, cateteri vescicali, controllo parametri vitali, educazione sanitaria, toracentesi, paracentesi, SNG, medicazioni varie, ecc.; supporto psicologico e sociale; prescrizioni presidi ( letto articolato, materasso aria, carrozzina, ecc.) coinvolgimento del paziente e della famiglia: le Cure Palliative rendono la persona malata e la famiglia parte attiva dell Unità di Cura, della quale possono orientare e controllare scelte terapeutiche e assistenziali; possibilità di essere seguiti e assistiti nella propria abitazione il più a lungo possibile; possibilità di non sospendere totalmente le proprie attività dando il massimo sostegno nei momenti di crisi; possibilità di accettare ed esprimere sentimenti ed emozioni di paura e rabbia, confusione e dolore. ATTIVITA : L attività di Cure Palliative si svolge in tre direzioni: Domiciliare, Ospedaliera, Ambulatoriale. Domiciliare: interviene capillarmente su tutta la superficie territoriale della ULSS 13. Ospedaliera: attraverso consulenze, visione per eventuale presa in carico prima della dimissione ospedaliera, Day Surgery. Ambulatoriale: presso l ospedale di Dolo tutti i lunedì mattina. MODALITA DI ACCESSO: I pazienti presi in carico dalle Cure Palliative provengono o dall ospedale o dal domicilio: ospedale: attraverso segnalazione diretta da parte delle sezioni di degenza ordinaria o diurna: domicilio: su segnalazione del Distretto Territoriale su richiesta del MMG con relative specifiche di intervento (visita e/o presa in carico a domicilio). ORARIO SERVIZIO: dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle sabato: dalle 8.00 alle R723 Carta dei Servizi Emesso rev 4 del Approvato DRS 16

17 U.O.S. Screening Sede Ospedale di Dolo Indirizzo Via XXIX Aprile, Dolo (VE) Edificio: 6 DIRETTORE : dott. Mario Bari Responsabile : Dott.ssa Adriana Montaguti Personale Infermieristico F.Barison, L.Bernardi, A. Pasqualato OSS M. Formenti, Orari Segreteria: da lunedì a venerdì dalle ore 8.00 alle Segreteria: Fax : Personale amministrativo Abu Leil Saleh, A. Albanese, P. Coccato Piano: 1 Attività Pap test Colloqui per esami clinici (colonscopia, mammografia) Screening mammografico Orario di servizio Dalle ore 8.00 alle tutti i giorni feriali Descrizione Lo screening è un attività di prevenzione attiva rivolta alla popolazione in attuazione degli Accordi Stato Regioni 2004 e 2005, del Piano Sanitario Nazionale e del Piano Nazionale della Prevenzione, in accordo alle indicazioni del Centro Nazionale per il Controllo delle Malattie (CCM), della risoluzione del Parlamento Europeo e della Raccomandazione del Consiglio d Europa 2004, lo screening viene offerto come Programmi organizzati di diagnosi precoce e prevenzione del Cancro del Seno, della Cervice Uterina e del Colon Retto e rientra nei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA): Nell ULSS 13 sono attivi tre Programmi di Screening : Screening citologico per il tumore del collo dell utero per la popolazione femminile dai 25 ai 64 anni residente nel territorio dell ulss test di screening è il PAP test eseguito ogni tre anni le donne sono invitate ad eseguire il test con lettera personale in cui è indicato un appuntamento già prefissato presso il centro di prelievo più comodo da raggiungere i centri prelievo sono situati presso l Ospedale di Noale, di Mirano e di Dolo e l ambulatorio di Campolongo Maggiore il PAP test è gratuito; poiché la persona viene invitata non è necessaria l impegnativa il risultato del test viene comunicato mediante lettera qualora fossero necessari ulteriori accertamenti dopo il test (visita, colposcopia, etc.) il Programma garantisce e organizza tutto il percorso diagnostico necessario, il follow up e l eventuale trattamento in base ai protocolli regionali e nazionali anche queste prestazioni sono gratuite e la donna viene invitata con appuntamento già predisposto per spostare gli appuntamenti e richiedere chiarimenti o informazioni è sufficiente telefonare dalle ore 9.30 alle al numero , scrivere (indicando sempre anche un numero telefonico) all indirizzo o recarsi presso l U.O.S. Organizzazione Screening, edificio 6 dell Ospedale di Dolo. R723 Carta dei Servizi Emesso rev 4 del Approvato DRS 17

18 Screening mammografico per il tumore della mammella per la popolazione femminile residente nel territorio dell ULSS in fascia di età anni test di screening è la mammografia bilaterale con doppia proiezione e doppia lettura le donne sono invitate ad eseguire il test con lettera personale in cui è indicato un appuntamento già prefissato presso l Unità Mobile situata nel Comune di residenza o presso una delle U.O. di Radiologia ospedaliere la mammografia è gratuita; poiché la persona viene invitata non è necessaria l impegnativa il risultato del test viene comunicato mediante lettera qualora fossero necessari ulteriori accertamenti dopo il test (ecografia, visita, etc.) il Programma garantisce organizza tutto il percorso diagnostico necessario, il follow up e l eventuale trattamento in base ai protocolli regionali e nazionali anche queste prestazioni sono gratuite e la donna viene invitata con un appuntamento già predisposto per spostare gli appuntamenti e richiedere chiarimenti o informazioni è sufficiente telefonare dalle alle al numero , scrivere all indirizzo (indicando sempre anche un numero telefonico) o recarsi presso l U.O.S. Organizzazione Screening, edificio 6 dell Ospedale di Dolo. Presso la Segreteria Screening si può anche richiedere l appuntamento per la mammografia preventiva biennale in regime di esenzione, prevista dalla normativa per le donne in fascia di età 45-49, telefonando al n o scrivendo a Screening per il tumore del colon retto per la popolazione femminile e maschile residente nel territorio dell ULSS in fascia di età anni test di screening è il test per la ricerca del sangue occulto fecale (SOF o FOBT) le persone sono invitate ad eseguire il test con lettera personale in cui è indicato le farmacie territoriali dove è possibile ritirare, esibendo la lettera, il kit e le istruzioni per eseguire il test, il giorno e la sede in cui può essere consegnato il test alla lettera sono allegate le etichette di identificazione con barcode da applicare alla provetta il test è gratuito; poiché la persona viene invitata non è necessaria l impegnativa il risultato del test viene comunicato mediante lettera qualora il test risultasse positivo la persona viene invitata ad eseguire una pancolonscopia (gratuita) in analgosedazione proponendo già un appuntamento nei giorni precedenti l esecuzione della colonscopia, presso il centro screening un infermiera raccoglie l eventuale documentazione su patologie presenti o terapie in corso per la valutazione da parte dell endoscopista e dell anestesista, consegna i farmaci e spiega come deve essere eseguita la preparazione per spostare gli appuntamenti e richiedere chiarimenti o informazioni è sufficiente telefonare dalle 9.00 alle al numero , scrivere all indirizzo (indicando sempre anche un numero telefonico) o recarsi presso l U.O.S. Organizzazione Screening, edificio 6 dell Ospedale di Dolo. R723 Carta dei Servizi Emesso rev 4 del Approvato DRS 18

19 NUMERI UTILI AIL- Riviera del Brenta tel Croce Verde Padova tel Fax Croce Padova tel Fax Croce Bianca Padova tel Croce Gialla Spinea tel Croce Rossa Noale tel Croce Rossa Dolo tel Croce Rossa Mestre tel Croce D oro Marghera tel AVAPO Associazione Volontari per l'assistenza dei Pazienti Oncologici Noale - Ospedale di Noale - tel Conto Corrente N CUP TELEFONICO tel Si ricorda inoltre che per DISDIRE un appuntamento è necessario chiamare il numero verde gratuito attivo 24 ore su 24 Distretto Sanitario Area Nord Spinea tel Distretto Sanitario Area Sud Mira tel Guardia Medica Noale tel Guardia Medica Dolo tel U. O. S. Ufficio Relazioni con il Pubblico e Comunicazione Dolo tel Mirano tel R723 Carta dei Servizi Emesso rev 4 del Approvato DRS 19

20 PRINCIPI FONDAMENTALI 1) Efficienza ed efficacia La Direzione garantisce che i servizi siano conformi ai parametri di efficienza ed efficacia, secondo gli standard determinati nel rispetto del Regolamento nazionale vigente. 2) Comportamento degli operatori La Direzione, ai fini di garantire al cittadino un rapporto di cortesia, comprensione e idonea sensibilità alle esigenze correlate allo stato di salute, si impegna a mettere in atto tutti i provvedimenti necessari per la adeguata formazione degli operatori; gli stessi sono tenuti a indicare le proprie generalità se richiesto, sia nel rapporto personale che nelle comunicazioni telefoniche, a munirsi di tesserino di riconoscimento e sono tenuti soprattutto ad agevolare il paziente nel raggiungimento delle proprie richieste con la massima gentilezza; 3) Privacy La Direzione garantisce che il trattamento dei dati personali dei pazienti avviene nel rispetto delle disposizioni di cui al D. Lgs n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali. INFORMAZIONE E PRIVACY I pazienti hanno diritto ad essere informati sulle proprie condizioni di salute; il Direttore e i medici sono disponibili, in orari stabiliti e comunicati nei reparti, a fornire tutti i chiarimenti necessari. Al momento dell accesso e della raccolta dati in segreteria, come previsto dal decreto legislativo 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali, ad ogni paziente viene consegnata l informativa per il trattamento dei dati personali. Al momento dell accettazione viene inoltre richiesto di : Sottoscrivere il consenso al trattamento dei dati Specificare se e a quali persone debbano essere comunicate le notizie relative al proprio stato di salute Infatti i sanitari non possono fornire a terzi alcuna informazione sulle condizioni di salute senza il consenso dell interessato. In caso di minorenni e incapaci, il consenso sarà richiesto ai genitori o ai rappresentanti legali. CONSENSO INFORMATO Le norme di legge, oltre che il codice deontologico, impongono al medico di proporre sempre al paziente il percorso di diagnosi e cura al quale verrà sottoposto. Tale proposta si concretizza nell informazione specifica sui benefici, sui rischi e sulle alternative del/al trattamento. In particolare, per prestazioni che prevedono anestesia, intervento chirurgico, esami diagnostico-clinici invasivi, trasfusioni di sangue e in generale atti medici ad alto rischio, il paziente deve esprimere in maniera valida e consapevole il proprio consenso, ricevendo tutte le informazioni necessarie a tale scopo. Il consenso informato è formalizzato con la sottoscrizione da parte del paziente di un modello in uso in ogni sezione. R723 Carta dei Servizi Emesso rev 4 del Approvato DRS 20

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE)

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE) aggiornata ad Ottobre 2014 Indice pag. n. aggiornata ad Ottobre 2014 sanitarie che vengono offerte. Esiste un patto di solidarietà e fiducia che lega le strutture del Servizio Sanitario pubblico e il cittadino:

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

MEDICINA GENERALE DIRETTORE: Prof. Giovannella Baggio

MEDICINA GENERALE DIRETTORE: Prof. Giovannella Baggio Azienda Ospedaliera di Padova Medicina Generale AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA MEDICINA GENERALE DIRETTORE: Prof. Giovannella Baggio IL REPARTO Telefono: 049 8212675 CARTA DI ACCOGLIENZA PER IL PAZIENTE

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

INTRODUZIONE 7 Per avere informazioni sulla gestione della mia patologia e sul programma di Trapianto Polmonare a chi mi devo rivolgere?

INTRODUZIONE 7 Per avere informazioni sulla gestione della mia patologia e sul programma di Trapianto Polmonare a chi mi devo rivolgere? Policlinico S.Orsola-Malpighi S.Orsola-Malpighi Policlinico Guida al Trapianto di Polmone Orientarsi Supplemento d informazione a Diario di Bordo - Reg. Tribunale di Bologna n. 6759 del 31/12/97 n. 70

Dettagli

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi)

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi) Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali (Allegato alla Carta dei Servizi) REGOLAMENTO INTERNO RSA ************* TITOLO 1 OGGETTO, FINALITA, CARATTERISTICHE Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione CARTA DEI SERVIZI azienda caserta azienda caserta ospedaliera Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione progetto e redazione:

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0 Il seguente documento definisce i contenuti ed il formato delle informazioni importabili ed esportabili del sistema. Per ciascuna tipologia di informazione è previsto un file di testo codificato secondo

Dettagli

Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali.

Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali. ALLEGATO D Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali. Alle persone che entrano in contatto con medici e strutture sanitarie per cure, prestazioni mediche, acquisto di medicine,

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli