SYSTEM AGRO Assicurazione del raccolto in risposta al cambiamento climatico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SYSTEM AGRO Assicurazione del raccolto in risposta al cambiamento climatico"

Transcript

1 SYSTEM AGRO Assicurazione del raccolto in risposta al MUNICH RE Special and Financial Risks SFR Agro

2 Pagina 2/17 raccolto in risposta al Indice 1. Esperienza mondiale nell'assicurazione del raccolto 3 2. Il come sfida particolare 4 3. I 4 pilastri di SystemAgro B Backing: contributo al premio assicurativo L Loss sharing: partecipazione statale ai danni da catastrofi assicurati O Open: accesso per tutti gli agricoltori C Central and uniform: struttura centrale e standardizzata delle condizioni d'assicurazione Tutto dipende alla giusta copertura SystemAgro i fattori di successo a colpo d'occhio 16

3 Pagina 3/17 1. Esperienza mondiale nell'assicurazione del raccolto Più di 35 anni di esperienze positive accumulate con l'assicurazione del raccolto su una superficie di 200 milioni di ettari dimostrano che SystemAgro è l'unica soluzione positiva sostenibile. L'assicurazione del raccolto copre in tutto il mondo oltre 200 milioni di ettari di superficie agricola. In oltre 35 anni si sono accumulate esperienze preziose in questi sistemi di assicurazione del raccolto. Munich Re ha selezionato le peculiarità dei sistemi che determinano un successo duraturo, definendole come best practice dell'assicurazione del raccolto: SystemAgro La struttura portante è rappresentato da una Public-Private Partnership costituita in base a principi assicurativi. Tramite leggi e regolamenti vengono regolamentate tutte le condizioni rilevanti ai fini assicurativi, che sono importanti per la copertura delle coltivazioni agricole, come ad esempio l'accesso all'assicurazione, la copertura del fabbisogno assicurativo a premi equi e la trasparenza nelle condizioni d'assicurazione e nella liquidazione dei danni.

4 Pagina 4/17 2. Il come sfida particolare Il "triangolo problematico" dell'agricoltura Prodotti alimentari e energia Agricoltura Finanza Cambiamento climatico Agricoltura SystemAgro Stato Settore assicurativo Il "triangolo risolutivo del risk management Il nostro mondo deve affrontare una serie di problemi urgenti: tra i principali figurano la crisi finanziaria, il, la sicurezza dei consumi e dei prodotti alimentari. L'agricoltura si trova a fronteggiare questi problemi in misura particolare, perché è da sempre (ma in futuro lo sarà ancor di più) al centro del triangolo formato da clima, mercati finanziari e sicurezza alimentare ed energetica. Le basse scorte mondiali di materie prime agricole, in particolare di grano (a fine 2008 le scorte internazionali di grano bastavano solo per 2 mesi), richiedono un contributo enorme della produzione agricola per il miglioramento della situazione nel settore energetico e alimentare mondiale. L'aumento della popolazione mondiale di circa 3 miliardi di persone entro il 2050 e il cambiamento delle abitudini alimentari fanno alzare la domanda di materie prime agricole in tutto il mondo. Questa problematica è aggravata dalla tendenza a una contrazione delle superfici coltivate e un maggiore utilizzo di queste materie prime per la produzione di energia. L'accesso più difficoltoso ai crediti dovuto alla crisi finanziaria colpisce l'agricoltura con il suo lungo ciclo finanziario (dalla semina al raccolto) in misura particolare. Anche se fra 3-4 anni la crisi finanziaria sarà debellata, probabilmente permarranno i timori globali rispetto alla sicurezza degli alimentari a causa dell'instabilità dei prezzi e di un equilibrio molto sensibile tra offerta e domanda. Per questo motivo è necessario rafforzare gli investimenti statali e privati in un'agricoltura assicurata in modo sostenibile. Questo anche e soprattutto perché la produzione agricola è direttamente esposta alle condizioni climatiche, e in particolare alle bizzarrie delle intemperie.

5 Pagina 5/17 In passato soprattutto gli agricoltori europei sono stati graziati da due importanti risorse: terre fertili e acqua in abbondanza. Ma proprio queste risorse si stanno assottigliando sempre più. La siccità del 2003, ad esempio, nell'agricoltura tedesca ha provocato danni alle coltivazioni per un importo di 1,3 miliardi di euro. Gli agricoltori colpiti hanno dovuto sostenere la maggior parte dei danni in proprio, perché gli indennizzi specifici statali sono risultati molto bassi: 72 milioni di euro secondo l'associazione degli agricoltori tedeschi (Deutscher Bauernverband), pari a poco meno del 6% dei danni. In Germania finora non esisteva un'assicurazione del raccolto sotto forma di Public-Private Partnership. Nel 2003 la compensazione "naturale" con l'aumento dei prezzi per il cattivo raccolto (offerta e domanda) ha attutito i danni di molti agricoltori, perché i prezzi dei prodotti agricoli erano cresciuti. Ma con l'andamento dei prezzi nel 2008 è diventato chiaro a tutti che un cattivo raccolto non viene compensato automaticamente da maggiori prezzi dovuti ai ridotti quantitativi alla produzione. Infatti la volatilità dei prezzi è sempre più spesso provocata da influssi che sono indipendenti dai raccolti a livello regionale. In Polonia nel 2006 si è verificata una situazione simile a quella tedesca del L'estrema siccità in primavera e in estate ha provocato danni alle coltivazioni pari a circa milioni di euro. Lo Stato polacco ha compensato solo una frazione delle perdite finanziarie tramite pagamenti specifici. Successivamente lo Stato polacco ha promosso la copertura dei rischi naturali sotto forma di assicurazione del raccolto insieme alle associazioni degli agricoltori, alle assicurazioni e alle università. La base era costituita da una legge per la promozione dell'assicurazione agricola del Questa legge prevede un sovvenzionamento dei premi dell'assicurazione del raccolto fino al 50% e altre regolamentazioni sostanziali per la partecipazione statale all'assicurazione del raccolto sotto forma di Public-Private Partnership. Con la progressiva specializzazione della produzione l'influsso dei rischi naturali sul risultato della produzione delle coltivazioni è ulteriormente aumentato e il in atto ne rafforza gli effetti. Infatti, da molti studi scientifici risulta che il globale si sta già manifestando nel numero e nell'intensità dei fenomeni climatici estremi. Questo vale soprattutto per le forti precipitazioni, i periodi di caldo e siccità e le tempeste. La quantificazione globale dell'influenza di altri fenomeni climatici estremi e dei danni da questi provocati è più difficile, ma per alcune regioni è già possibile. Ad esempio vi sono indizi di aumenti degli eventi che si accompagnano a forti temporali, come grandine e nubifragi. Tali aumenti si osservano ad esempio negli USA nella regione a est delle Rocky Mountains, nella Germania meridionale o in Svizzera. Il 2009 sembra corroborare questa tendenza: nel Land Baviera in Germania gli assicuratori che operano nel campo della grandine devono sostenere le quote di sinistri più alte dal In Svizzera si sono registrati danni ingenti dovuti a grandine. In entrambi i Paesi colpisce un fatto: le forti grandinate isolate hanno contribuito in maniera determinante al danno complessivo. Nello stato USA dello Iowa un'unica grandinata ha provocato nel 2009 più di 50 milioni di USD di danni alle colture.

6 Pagina 6/17 Il è in atto, come dimostrano le attuali serie di misurazioni, e negli ultimi anni è accelerato: il surriscaldamento globale negli ultimi 100 anni ha raggiunto i 0,7 C, in Germania sono già 1,1 C e sull'arco alpino circa 1,5 C dai primi anni Settanta, con il, le temperature delle superfici marine nelle zone di origine delle tempeste tropicali sono globalmente aumentate dello 0,5 C Il grafico seguente illustra questo andamento: Departures from the average (14.00 C) Departure 2008: C A questo proposito va detto che dall'inizio della fase di industrializzazione (1750) il surriscaldamento globale è originato in gran parte dalle emissioni di gas serra antropogeni e soltanto per una bassissima quota da fattori naturali (intensità del sole). Questo andamento si può seguire molto bene nel prossimo grafico. Source: IPCC 4AR 2007

7 Pagina 7/17 La crescente influenza del sui fenomeni climatici estremi e sui conseguenti danni, nella produzione agricola e nell'assicurazione agricola si evidenzia anche nella crescente esposizione a gelate tardive. Per la Germania, ad esempio, nell'ambito di un progetto sul nella coltivazione frutticola 1, si è notato che il rischio di gelate tardive è aumentato sensibilmente per molti tipi di frutta, a causa di un'anticipazione dell'inizio della fioritura dovuta a inverni più miti e corti. Dato che il periodo delle gelate, in particolare la data della gelata dell'ultima primavera, non ha subito la stessa anticipazione, aumenta il rischio dei danni da gelo. In regioni importanti per la frutticoltura tedesca si calcola che il rischio di gelate tardive per le ciliegie sia sei volte più alto e che per le mele sia raddoppiato 2. Il gelo durante la fioritura degli alberi in frutticoltura è uno degli eventi climatici più pericolosi e nei casi limite può distruggere il raccolto di un anno intero. Servono ulteriori analisi per determinare l'influsso del sul trend dei danni da catastrofi naturali. Anche per la produzione e l'assicurazione agricola i punti prioritari delle ricerche saranno: - differenziazione regionale di variazioni dei danni - cambiamenti nelle distribuzioni dei danni - ricerca di possibili nuovi scenari di danni. Con la progressiva intensificazione dovuta alla tecnicizzazione e alla specializzazione e con il crescente fabbisogno di investimenti e finanziamenti nella produzione agricola, la sfida è già oggi quella di infittire la rete di protezione per il coltivatore. L'assicurazione agricola - uno dei settori meglio informati sull'esposizione dei rischi naturali all'interno del settore assicurativo - può contribuire attivamente perché non si situa all'inizio della curva d'apprendimento. I maggiori costi del rischio dovuti a costi cresciuti significativamente e in linea con le attese per i danni da catastrofi si possono tenere sotto controllo solo tramite un approccio professionale di tutti i partner del rischio coinvolti. In senso lato si può parlare in questo caso di una "Public-Private Partnership climatica". Dare all'agricoltore l'accesso a uno strumento di management intelligente al fine di rafforzare la sua azienda dal suo interno e sotto la propria responsabilità, è l'obiettivo essenziale di SystemAgro. 1 Progetto di ricerca tedesco KliO, Progetto di ricerca tedesco KLIVEG, 2004

8 Pagina 8/17 3. I 4 pilastri di SystemAgro B L O C Backing Contributo al premio assicurativo Loss sharing Partecipazione statale ai danni da catastrofi assicurati Open Accesso per tutti gli agricoltori Central and uniform Struttura centrale e standardizzata delle condizioni d'assicurazione I 4 pilastri, denominati anche BLOC, hanno tutti la stessa portata. Non appena un pilastro viene a mancare, la stabilità del sistema vacilla. Per questo motivo i pilastri devono essere ancorati da normative statali sotto forma di leggi e regolamenti. L'impostazione concreta dei pilastri resta però flessibile. Infatti, SystemAgro funziona come strumento di gestione della politica agraria solo tenendo conto della struttura economica agricola e assicurativa esistente. 3.1 B Backing: contributo al premio assicurativo Contesto: il ciclo di reiterazione di un sinistro nell'assicurazione agraria è più breve che p.es. nelle coperture delle cose. Per questo nell'assicurazione agraria il tasso di sinistrosità è più alto. Realizzazione: lo Stato deve sovvenzionare il premio per l'assicurazione del raccolto. Altri aiuti statali per gli agricoltori devono essere integrati in un disegno complessivo efficiente. Effetto: rata di premio congrua con copertura dei rischi globale. Backing Contributo al premio assicurativo B

9 Pagina 9/17 B È la base della stipulazione dell'assicurazione che è già stata introdotta nella maggior parte dei paesi. Dato che lo Stato sovvenziona i premi, esso pone le basi per l'acquisto di un'assicurazione. Senza sovvenzioni il premio assicurativo per un'assicurazione del raccolto globale non sarebbe sostenibile o le franchigie degli agricoltori talmente alte da rendere praticamente rarissimo l'indennizzo del danno. Il motivo risiede nei brevi cicli di reiterazione dei sinistri, rispetto ad esempio all'assicurazione contro l'incendio. Anche l'estensione territoriale del danno, come nel caso della siccità, è maggiore rispetto agli altri rami. Ne conseguono tassi di premio molto più alti. Italia 2009: crollo del mercato dell'assicurazione del raccolto. In Italia i tassi di premio per l'assicurazione del raccolto di coltivazioni speciali come vite, frutta o verdura arrivano anche al 20% della somma assicurata. Una copertura sufficiente con franchigia del 10-30% della somma assicurata per gli agricoltori è possibile solo con sovvenzioni statali fino all'80% del premio. Dato che all'inizio del periodo di rischio 2009 lo Stato italiano non aveva ancora preso nessuna decisione sull'ammontare delle sovvenzioni del premio, quest'anno gli agricoltori italiani hanno ridotto drasticamente le superfici e colture assicurate contro i rischi naturali (soprattutto gelo). Al posto della sovvenzione fino all'80% come nel 2008 attualmente si parla di un livello attorno al 40-60%. Si prevede pertanto una flessione dei premi di mercato del 20% circa, pari a circa 50 milioni di euro. Questo esempio dimostra come l'agricoltore sia disposto a stipulare un'assicurazione del raccolto solo se lo Stato fornisce sostanziose sovvenzioni sul premio. Anche le sovvenzioni sui premi garantite sul lungo periodo sono indispensabili per la stabilità e la sostenibilità del sistema di assicurazione del raccolto. Tali sovvenzioni devono essere un elemento affidabile e duraturo del bilancio statale come negli USA ed essere ben radicate nella legge sull'assicurazione agricola, formando in tal modo la base del calcolo della redditività sia per le compagnie assicurative che per gli agricoltori. In questo modo anche lo Stato è in grado di preventivare sul lungo periodo le sue uscite per l'assicurazione del raccolto. Lo Stato agisce opportunamente se persegue una politica agraria integrata, ovvero abbinando le sovvenzioni sui premi ad altri strumenti. Negli USA, ad esempio, la stipulazione dell'assicurazione del raccolto è il requisito per la partecipazione ad altri programmi incentivati dallo Stato nel campo del risk management.

10 Pagina 10/ L Loss sharing: partecipazione statale ai danni da catastrofi assicurati Contesto: la sinistrosità nell'assicurazione del raccolto in anni di catastrofi può essere nettamente più alta che nel settore non agricolo. Realizzazione: partecipazione ai sinistri da catastrofe assicurati in anni con sinistrosità estremamente elevata. Effetto: 1. il sistema di assicurazione del raccolto si stabilizza. 2. le rate dei premi calano in seguito alla minore volatilità del risultato. 3. il capitale di rischio privato diventa disponibile. L Loss sharing Partecipazione statale ai danni da catastrofi assicurati L Una partecipazione statale ai danni da catastrofi assicurati stabilizza il sistema nel tempo e libera capitale di rischio privato. In genere lo Stato dispone di un aiuto pubblico per le catastrofi, che può essere utilizzato in modo specifico e che subentra in particolare in caso di danni molto estesi per siccità, inondazioni e gelo. È possibile ottenere un'alta copertura assicurativa solo se l'assicurazione del raccolto è la soluzione migliore, senza aiuti per catastrofi concorrenziali. Nei sistemi che sono ancora in fase di sviluppo, integrare in SystemAgro gli aiuti specifici esistenti rappresenta una sfida particolare per lo Stato. Il vantaggio dell'assicurazione del raccolto rispetto ad aiuti specifici consiste nel fatto che l'agricoltore acquisisce un diritto giuridico ai pagamenti dei danni e che lo Stato può utilizzare l'infrastruttura e il capitale di rischio del settore assicurativo. In questo modo l'erogazione non viene effettuata "a pioggia", ma in base al danno del singolo agricoltore e l'indennizzo viene effettuato quando l'agricoltore ne ha più urgente bisogno. L'esempio della grave inondazione del 1993 nel Middle West illustra chiaramente come la ripartizione del danno tra assicurazione e Stato possa attutire i danni da catastrofi assicurati e sia indispensabile per la stabilità e sostenibilità di un sistema di assicurazione del raccolto. Nell'estate 1993, il Missouri e il Mississippi con i loro affluenti hanno rotto gli argini dopo forti precipitazioni, provocando ingenti danni alle colture. Nel solo Minnesota si è registrato un danno di 360 milioni di dollari, che le assicurazioni hanno dovuto versare agli agricoltori. In mancanza di una partecipazione statale a questi pagamenti dei sinistri, nel 1993 gli assicuratori dei raccolti avrebbero dovuto spendere per il Minnesota sei volte i premi trattenuti. Unicamente con questo anno eccezionale il tasso medio di costo dei danni avrebbe superato di più del 20% il livello effettivo in un periodo di 20 anni. Gli agricoltori avrebbero quindi dovuto sostenere aumenti delle rate estremamente alti, mentre in caso di

11 Pagina 11/17 aumento delle rate l'accesso al capitale di rischio privato sarebbe venuto meno. Tutto questo in seguito a un unico sinistro. Con una ripartizione del danno tra Stato e assicurazione, l'assicurazione del raccolto resta quindi sempre disponibile anche dopo anni di livelli di sinistrosità estremamente elevati. Questa assicurazione, quindi, in caso di alto livello di copertura è per gli agricoltori un fattore di costo pressoché costante e quindi pianificabile. In questo contesto qual è la conseguenza della grande siccità in America meridionale nel 2008/2009? A causa di un periodo secco estremamente lungo e intenso, nella sola Argentina si sono registrati danni per circa 3,8 miliardi di euro alle piante coltivate. Come anche nei paesi limitrofi colpiti Uruguay e Paraguay, gli assicuratori del raccolto argentini hanno speso più del quintuplo dei premi ottenuti dagli agricoltori per pagare gli indennizzi. Solo a causa della bassa penetrazione del mercato dell'assicurazione del raccolto e della sua bassa quota nel portafoglio delle compagnie assicurative non si è arrivati a un grave dissesto dell'intero mercato assicurativo per raccolto e grandine. Dato che in Argentina il fabbisogno dell'assicurazione del raccolto è in crescita, a causa dell'alto potenziale di danni dovuti alla siccità questo sviluppo deve procedere di pari passo con una ripartizione del rischio tra Stato e settore assicurativo. 3.3 O Open: accesso per tutti gli agricoltori Contesto: un'alta penetrazione del mercato favorisce una vantaggiosa ripartizione dei rischi. Realizzazione: tutti gli agricoltori possono partecipare. Incentivo aggiuntivo per la partecipazione in abbinamento ad altre misure di politica Effetto: 1. tutti gli agricoltori possono ottenere aiuti finanziari dallo Stato. 2. il l sistema diventa un potente strumento della politica agraria orientato ai bisogni. Open Accesso per tutti gli agricoltori O

12 Pagina 12/17 O Le condizioni quadro giuridiche comprendono tutte le aziende agricole. Tutti gli agricoltori godono del supporto finanziario statale grazie all'impostazione aperta del sistema di assicurazione del raccolto. Ne risulta che per ogni agricoltore che vuole stipulare un'assicurazione esiste un obbligo di registrazione nel sistema. In questo modo SystemAgro contribuisce a una penetrazione sostanziale del mercato e diventa uno strumento di gestione della politica agraria mirata. Negli USA la penetrazione del mercato ammonta a più dell'80% della superficie 3. Questo dimostra come lo Stato possa ottenere un alto riscontro positivo presso gli agricoltori con la gestione mirata di trasferimenti di risorse nel sistema di assicurazione del raccolto. Tutti i rischi naturali che possono ridurre sensibilmente il reddito degli agricoltori americani, vengono raggruppati in un pacchetto multirischio, garantendo così una copertura globale di ogni singolo agricoltore. La stabilità e sostenibilità di questo sistema assicurativo si creano, oltre che con la sovvenzione dei premi e la partecipazione statale ai danni da catastrofi, con una compensazione regionale dei rischi tra i rischi assicurati. Con l'assicurazione dei rischi del raccolto 4 può essere coperto sia il coltivatore di frutta californiano dai rischi di gelo, che il coltivatore di grano in Kansas con un alto rischio di siccità e il produttore di mais nel Middle West con alto rischio di grandine. Per gli agricoltori statunitensi il premio assicurativo resta comunque finanziariamente sostenibile e il livello medio di copertura del 70-75% del raccolto medio storico resta a un livello elevato. 3.4 C Central and uniform: struttura centrale e standardizzata delle condizioni d'assicurazione Contesto: la competizione su rate e prodotti compromette la sostenibilità dell'assicurazione del raccolto. Il rispetto di disposizioni di legge e l'impiego di fondi statali devono essere controllati. Realizzazione: condizioni standardizzate (inclusi prodotti e processi) per tutti i soggetti coinvolti. Struttura centrale per la realizzazione e il controllo delle condizioni standardizzate. Effeto: 1. sostenibilità del sistema di assicurazione del raccolto. 2. trasparenza, controllo ed efficienza nella realizzazione di SystemAgro. C Central and uniform Struttura centrale e standardizzata delle condizioni d'assicurazione 3 riferito alle dieci principali coltivazioni 4 denominata negli USA Multi-Peril-Crop-Insurance MPC

13 Pagina 13/17 C La struttura centrale è la condizione per la trasparenza e l'efficienza di un sistema di assicurazione del raccolto. In passato gli approcci di tali sistemi sono stati ripetutamente implementati e supportati con sovvenzioni sui premi, per poi essere tuttavia dismessi già dopo pochi anni a causa delle rate di premio insufficienti e dell'alta sinistrosità. Questi tentativi non hanno solo mancato l'obiettivo di costruire un sistema di risk management, ma hanno anche bruciato fondi statali senza vantaggi a medio termine. Le esperienze dimostrano che le rate adeguate al rischio hanno un'enorme importanza proprio in virtù della frequenza ed estensione dei danni ai raccolti e che la competizione sulle rate compromette le chance di sopravvivenza di un'assicurazione del raccolto appena introdotta. Condizioni d'assicurazione standardizzate comprese rate, franchigie e direttive per la distribuzione e la liquidazione dei danni sono pertanto una premessa fondamentale per lo sviluppo di sistemi sostenibili di assicurazione del raccolto per due motivi: 1. solo premi adeguati al rischio permettono ai portatori di rischio di sostenere i pagamenti dei sinistri. In caso contrario il sistema collassa; 2. lo Stato ha un interesse legittimo nel fare in modo che i mezzi che mette a disposizione (sovvenzione premi, Loss sharing, spese di sviluppo e amministrazione) vengano utilizzati per un vantaggio di lungo termine degli agricoltori e del settore agrario. Trasparenza ed efficienza nell'impiego dei soldi statali sono quindi al primo posto. Per poter implementare, controllare e adeguare in corso d'opera condizioni standardizzate per tutti i soggetti coinvolti, un sistema di assicurazione del raccolto basato su SystemAgro deve dotarsi di una struttura centrale. Le sue principali funzioni sono: realizzazione delle disposizioni fissate dalle leggi implementazione e adeguamento costante di condizioni standardizzate per la gestione di SystemAgro autorizzazione delle compagnie assicurative coinvolte controllo dell'impiego dei mezzi statali (sovvenzione premi, Loss sharing) aumento dell'efficienza Questa struttura centrale può essere modificata a seconda delle varie situazioni regionali. Negli USA, ad esempio, la RMA 5, un dipartimento del ministero dell'agricoltura, si occupa di standardizzare le disposizioni nel campo delle rate, dei prodotti, delle condizioni d'assicurazione e della liquidazione dei sinistri. Esistono quindi rate di premio fissate per coltivazione, regione e prodotto, che sono vincolanti per tutte le compagnie assicurative. Tutti i processi vengono regolarmente sottoposti ad audit presso gli assicuratori. Non appena si rendono necessarie modifiche nel sistema di assicurazione del raccolto, esse vengono stabilite dalla RMA a livello centrale. Inoltre gli assicuratori del raccolto devono soddisfare degli standard minimi stabiliti dalla RMA. Questi standard includono p.es. disposizioni nel campo della dotazione minima di capitale di rischio o trasferimento del rischio. Solo le compagnie assicurative che soddisfano questi requisiti ottengono una licenza di vendita e possono offrire rate sovvenzionate. 5 Risk Management Agency

14 Pagina 14/17 Se un sistema di assicurazione del raccolto opera sotto forma di pool, tale pool rileva le funzioni delle struttura centrale. In Spagna gli assicuratori raccolgono le loro polizze nel pool assicurativo Agroseguro. Agroseguro incassa i premi per le società interessate e gestisce insieme a ENESA 6, un sottodipartimento del ministero dell'agricoltura, tutti i principali processi assicurativi. Tra questi figurano lo sviluppo di prodotti, la determinazione delle condizioni d'assicurazione e le delle somme assicurate per le diverse colture nonché la liquidazione dei danni. Anche nel caso del sistema turco, il pool assicurativo Tarsim 7, oltre ad altri importanti processi, accentra i principi della liquidazione dei danni. L'utilizzo di liquidatori esterni viene gestito dal pool. Già la momento della costituzione del Tarsim la constatazione dei danni veniva gestita per tutte le società di mercato da una società centrale, che con la costituzione del Tarsim è stata integrata nel pool. Negli USA, in Spagna e in Turchia, con la creazione di un'unità assicurativa centrale, è nata una struttura trasparente per agricoltori, Stato e assicurazioni, che opera con costi efficienti e grande efficacia nell'interesse di tutti i soggetti coinvolti. Le condizioni standardizzate e una struttura centrale non sostituiscono il settore assicurativo, che oltre al ruolo di portatore del rischio svolge importanti funzioni di distribuzione, gestione e assistenza e, in collaborazione con la struttura centrale, introduce miglioramenti ai prodotti e ai processi. 4. Tutto dipende alla giusta copertura Food security Agriculture sh Financial crisis Climate change Farmer/Agriculture SystemAgro Government/State Insurance 6 ENESA Entidad Estatal de Seguros Agrarios 7 TARSIM Agricultural Insurance Pool Management Company

15 Pagina 15/17 Il sistema di assicurazione del raccolto potrà essere sostenibile e condurre a un'alta copertura assicurativa solo se agli agricoltori verrà offerto uno strumento per il risk management individuale. Esistono due concetti di copertura sostanzialmente diversi: la copertura individuale del raccolto l'assicurazione indicizzata regionale basata su uno o più parametri meteorologici Il diverso funzionamento di questi due concetti di copertura deve essere rappresentato sulla scorta dell'estensione dell'assicurazione, della modellazione tariffaria e della determinazione dei danni. La tariffazione dell'assicurazione indicizzata si svolge in base a un modello di raccolto basato sui dati meteorologici. Se tale modello è strutturato in modo semplice, cioè pochi parametri meteorologici come precipitazioni e temperatura vengono messi in relazione in modo semplice con un possibile potenziale di danno, allora aumenta il rischio che l'agricoltore subisca un danno senza che l'assicurazione indicizzata si attivi. La produzione vegetale può essere determinata e prevista approssimativamente solo avvalendosi di modelli complessi. Il numero e la precisione dei dati di input a tal fine necessari sono fonte di ingenti spese nella prassi. Finora i modelli dotati di una precisione sufficiente hanno avuto successo solo in aree molto ristrette e con oneri per il rilevamento molto elevati. La copertura individuale degli agricoltori con rate di premio adeguate al rischio, pertanto, nell'assicurazione indicizzata è limitata entro confini molto ristretti. Inoltre le esperienze fatte nel design e nella tariffazione delle assicurazioni indicizzate non sono direttamente trasmissibili tra varie regioni e colture. India maggio 2009: il ciclone Aila si abbatte su ampie regioni dell'india orientale. I danni agli agricoltori colpiti sono stati ingenti. Coloro che avevano stipulato un'assicurazione indicizzata speravano in un indennizzo. Il ciclone, però, non ha raggiunto i valori di soglia previsti per le precipitazioni che avrebbero portato a un indennizzo. Dato che l'assicurazione indicizzata si basava solo su una quantità di precipitazioni, la maggior parte dei danni causati dalla tempesta e dall'inondazione non erano coperti. Questo esempio mostra come a causa della bassa correlazione con il singolo danno subito dall'agricoltore le assicurazioni indicizzate con una modellazione semplice non siano idonee a replicare meccanismi complessi. Per questo motivo e per il fatto che dei complessivi 75 milioni di euro di danni in agricoltura soltanto euro siano stati indennizzati con l'assicurazione indicizzata, il governo indiano sta pensando di introdurre una copertura del raccolto individuale. Solo la copertura del raccolto individuale offre all'agricoltore ciò che lui si aspetta: un indennizzo affidabile e sufficiente in caso di sinistro, ottenendo un alto grado di accettazione. Oltre che sulle informazioni sui rischi regionali, la base della tariffazione e dell'allestimento dei prodotti si basa sui dati storici del raccolto dell'agricoltore. L'onere per il rilevamento dei dati a questo scopo è sostenibile. Se l'agricoltore ha conseguito nella media degli anni passati un raccolto basso, allora sarà assicurato in base a previsioni statistiche di raccolto basse. Se invece l'agricoltore negli anni passati ha conseguito un raccolto elevato, si possono prevedere anche per l'anno assicurato raccolti elevati. Sebbene l'assicurazione indicizzata basata su un modello semplice presenti il vantaggio precedentemente illustrato di una determinazione dei danni veloce,

16 Pagina 16/17 poiché i dati presenti possono essere analizzati rapidamente in relazione al raggiungimento di un valore di soglia predefinito, a tale vantaggio in questo tipo di assicurazione rispetto alla liquidazione dei danni si contrappone lo svantaggio dovuto al fatto che l'onere per l'acquisizione, la garanzia di qualità e l'analisi dei dati con un modello sufficientemente realistico è troppo alto. In futuro l'assicurazione del raccolto potrà avvalersi di tecniche moderne per ottenere un rilevamento del raccolto con bassi costi da un lato, ma che sia anche obiettivo e non manipolabile dall'altro. A tal fine i dati sul raccolto rilevati a livello locale vengono utilizzati per la calibrazione dei dati telerilevati. Tali dati si basano su geocoordinate e possono proiettare le differenze di raccolto locali sulla superficie. 5. SystemAgro i fattori di successo a colpo d'occhio L'approccio integrativo è positivo per agricoltori compagnie assicurative Stato START S T A R T Stable Tailor-made All farmers Rated Transparent Nella panoramica generale SystemAgro si distingue per cinque fattori di successo: Stable: SystemAgro si dimostra sostenibile per l'intera agricoltura. Con SystemAgro la filiera ottiene un valore aggiunto anche a monte e a valle. Tailor-made: SystemAgro, come flessibile strumento di gestione della politica agraria, è confezionato su misura del risk management individuale dell'agricoltore ed è integrabile nella politica agraria di ogni Stato. SystemAgro tiene conto anche della struttura del sistema assicurativo presente.

17 Pagina 17/17 All farmers: SystemAgro consente a tutti gli agricoltori di assicurarsi, indipendentemente dall'esposizione della loro ubicazione o della loro produzione agricola. Rated: SystemAgro garantisce la liquidità dell'agricoltore, che in tal modo è non solo in grado di reperire i fondi per i mezzi di produzione necessari, ma anche costruire la forza finanziaria per investimenti orientati al futuro dell'azienda, come ad esempio nuove macchine o fabbricati o impianti aziendali. Un reddito stabile migliora sua solvibilità dell'agricoltore, ovvero la sua affidabilità presso le banche. Transparent: SystemAgro è organizzato in modo centralizzato. In questo modo sia lo Stato che l'agricoltore è in grado di conoscere l'utilizzo delle sovvenzioni e il sistema della determinazione dei premi. Il successo dell'approccio integrativo di SystemAgro consiste nel fatto che tutte le parti coinvolte nella Public-Private Partnership ottengono un grande vantaggio da questo sistema: l'agricoltore ottiene uno strumento gestionale professionale per la copertura della sua situazione di rischio individuale; la società di assicurazione si impegna sul lungo periodo in previsione di un risultato redditizio nel tempo; lo Stato si assicura un settore agricolo stabile e nel contempo aiuti per far fronte alle sfide del tramite una Public-Private Partnership climatica. SystemAgro è una soluzione win-win-win. Munich Re Special and Financial Risks SFR6 Agro Bernhard Bronold, Stephan Haverkamp, Alexa Mayer-Bosse, Holger Schwarz Telefono: +49 (89) Fax: +49 (89)

Il sistema assicurativo italiano per il comparto agricolo visto da una compagnia di riassicurazione

Il sistema assicurativo italiano per il comparto agricolo visto da una compagnia di riassicurazione Il sistema assicurativo italiano per il comparto agricolo visto da una compagnia di riassicurazione Gestione del rischio in agricoltura tra PAC, cambiamenti climatici e stabilizzazione dei redditi Perugia,

Dettagli

L assicurazione grandine e raccolti italiana a una svolta: dobbiamo ancora assicurare e riassicurare questo ramo?

L assicurazione grandine e raccolti italiana a una svolta: dobbiamo ancora assicurare e riassicurare questo ramo? L assicurazione grandine e raccolti italiana a una svolta: dobbiamo ancora assicurare e riassicurare questo ramo? Forum Riassicurativo Milano, 20 marzo 2013 Dr. Joachim Herbold Confronto fra i premi del

Dettagli

GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO. Marzo 2009

GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO. Marzo 2009 GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO Marzo 2009 GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO CONTENUTI

Dettagli

Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011

Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011 Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011 Che cosa sono il Copa e la Cogeca? Il Copa Gli agricoltori europei

Dettagli

COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI:

COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI: COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI: Dal 1996 al 2006 il tasso di inflazione ufficiale è stato del 24,9% Ma gli incrementi medi sono stati ad es Gasolio + 42,86 Contributi lavoratori autonomi + 41,18 variazione

Dettagli

Le assicurazioni basate su indici polizze innovative per il mercato italiano?

Le assicurazioni basate su indici polizze innovative per il mercato italiano? Le assicurazioni basate su indici polizze innovative per il mercato italiano? VIII Convegno nazionale sulla gestione del rischio in agricoltura Assisi, Italia, 3 febbraio 2016 Dr. Joachim Herbold Programma

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

L ASSICURAZIONE CONTRO LE CALAMITA ED AVVERSITA ATMOSFERICHE

L ASSICURAZIONE CONTRO LE CALAMITA ED AVVERSITA ATMOSFERICHE Presidenza Tel. 080/ 574. 77. 30 Bari 11 settembre 2006 Direzione Tel. 080/ 574. 46. 52-574. 48. 80 Centro Oper. Prov. Tel. 080/ 574. 48. 26-574. 47. 33 Telefax 080/ 527.73.42 L ASSICURAZIONE CONTRO LE

Dettagli

Il sistema assicurativo

Il sistema assicurativo Il sistema assicurativo Tipologie di rischio in agricoltura Strumenti per la difesa dai rischi Sistema assicurativo italiano Polizze multirischio Sistemi assicurativi di altri Paesi Tipologie di rischio

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

Lo sviluppo dei prodotti finanziari in Italia Carlo Maria Magni Gruppo di Lavoro Finanza

Lo sviluppo dei prodotti finanziari in Italia Carlo Maria Magni Gruppo di Lavoro Finanza Il solare fotovoltaico: la nascita di una nuova industria per il Mediterraneo Installare il sole: strumenti finanziari e assicurativi Lo sviluppo dei prodotti finanziari in Italia Carlo Maria Magni Zeroemission

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Gli strumenti di Politica Agraria

Gli strumenti di Politica Agraria Gli strumenti di Politica Agraria Prof. Andrea Segrè 1 Motivazioni degli interventi di politica agraria Migliorare il collegamento delle imprese agricole con il mercato Facilitare la concentrazione Stabilizzare

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

Nota di sintesi POLITICHE AGRICOLE NEI PAESI OCSE: MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 2003

Nota di sintesi POLITICHE AGRICOLE NEI PAESI OCSE: MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 2003 Nota di sintesi POLITICHE AGRICOLE NEI PAESI OCSE: MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 2003 Overview Agricultural Policies in OECD Countries: Monitoring and Evaluation 2003 Politiche agricole nei paesi Ocse : Monitoraggio

Dettagli

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Milano, 25 Novembre 2008 Atahotel Executive Dott. Massimiliano Maggioni KPMG Advisory S.p.A. Agenda Overview sul

Dettagli

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010 Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia Grano Italia, Bologna 30 settembre - 1 ottobre 2010 Aula Magna della Facoltà di Agraria Prof. Gabriele Canali SMEA, Alta Scuola

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE ACP-EU JOINT PARLIAMENTARY ASSEMBLY ASSEMBLEE PARLEMENTAIRE PARAIRE ACP-UE Commissione per lo sviluppo economico, le finanze e il commercio ACP-UE/101.868/B 19.3.2015 PROGETTO DI RELAZIONE sul finanziamento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Sergio Marini (Presidente Coldiretti)

Sergio Marini (Presidente Coldiretti) Venezia, 17 aprile 2008 Forum Internazionale DOMANI ENERGIA Quarta edizione Sergio Marini (Presidente Coldiretti) 1 Coldiretti ha affrontato la questione energetica partendo da quei fenomeni che destano

Dettagli

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Workshop Gli strumenti per l assicurazione del rischio di impresa nello scenario della nuova Pac L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Roma, 3 marzo 2009 Angelo Frascarelli

Dettagli

Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici.

Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici. Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici. Quali prospettive alla luce della prossima riforma? Simone Severini (Università della Tuscia - Coordinatore Unità: Prof. G. Dono) Portici

Dettagli

LE COPERTURE ASSICURATIVE PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

LE COPERTURE ASSICURATIVE PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI LE COPERTURE ASSICURATIVE PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Romina Ronchi Convegno Il IV conto energia: novità e aspetti di rilievo introdotti dal 4 conto energia in materia di fonti rinnovabili Pisa, 4 aprile

Dettagli

1. CONSIDERAZIONI DI CARATTERE GENERALE

1. CONSIDERAZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. CONSIDERAZIONI DI CARATTERE GENERALE Il Fondo di Riassicurazione istituito dall art. 127 comma 3 della Legge 388 del 2000, avendo come attività esclusiva la riassicurazione chiude il bilancio 2011 entro

Dettagli

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Schema dell intervento 1 dati sul contributo dell agricoltura alle emissioni di gas serra;

Dettagli

Argomenti Contro. Dokumentation Documentation Documentazione 13.095. Imposta sull energia invece dell IVA. Iniziativa popolare.

Argomenti Contro. Dokumentation Documentation Documentazione 13.095. Imposta sull energia invece dell IVA. Iniziativa popolare. Parlamentsdienste Services du Parlement Servizi 13.095 del Parlamento Servetschs dal parlament Argomenti Contro Imposta sull energia invece dell IVA. Iniziativa popolare Dokumentation Documentation Documentazione

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio 2014/2015: Retrospettiva e prospettive future Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio Retrospettiva 2014 La comunicazione relativa a una riduzione solo graduale degli acquisti di

Dettagli

PAC 2020: LA "CONTROPROPOSTA" APPROVATA DALLA COMAGRI DEL PE NUOVO REGIME DEI PAGAMENTI DIRETTI

PAC 2020: LA CONTROPROPOSTA APPROVATA DALLA COMAGRI DEL PE NUOVO REGIME DEI PAGAMENTI DIRETTI PAC 2020: LA "CONTROPROPOSTA" APPROVATA DALLA COMAGRI DEL PE NUOVO REGIME DEI PAGAMENTI DIRETTI ARGOMENTO Convergenza esterna Active farmers Flessibilità tra i pilastri NOVITÀ RISPETTO ALLA PROPOSTA UE

Dettagli

232 Euro ha e 334 Euro ha

232 Euro ha e 334 Euro ha L Italia dovrebbe perdere il 6,9 % dello stanziamento PAC proveniente UE La Lombardia per effetto della regionalizzazione passerebbe dal circa 13% attuale al 9%, nella migliore delle ipotesi, dell ammontare

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - Reddito complessivo dichiarato. prodotte dall Istat e disponibili sul sito http://www.istat.it/.

COMUNICATO STAMPA. - Reddito complessivo dichiarato. prodotte dall Istat e disponibili sul sito http://www.istat.it/. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2012, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. locazione, assoggettati a tassazione sostitutiva (cedolare secca). Si segnala che in questa definizione non rientrano 1

COMUNICATO STAMPA. locazione, assoggettati a tassazione sostitutiva (cedolare secca). Si segnala che in questa definizione non rientrano 1 COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2012, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

MIO FIGLIO OGGI FESTEGGIA 3 ANNI. DI MATRIMONIO.

MIO FIGLIO OGGI FESTEGGIA 3 ANNI. DI MATRIMONIO. MIO FIGLIO OGGI FESTEGGIA 3 ANNI. DI MATRIMONIO. Il tuo domani è più vicino di quello che pensi. Progettalo già da oggi risparmiando passo dopo passo. L importanza di pianificare già da oggi per essere

Dettagli

PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015

PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015 Speciale n.4 PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015 Per la gestione del rischio in agricoltura il 2015 lo possiamo considerare l anno zero viste le tante novità.

Dettagli

Il ruolo sociale e mutualistico dell assicurazione

Il ruolo sociale e mutualistico dell assicurazione Risposta alla consultazione sul documento: ELEMENTI PER UNA STRATEGIA NAZIONALE DI ADATTAMENTO AI CAMBIAMENTI CLIMATICI - Ministero dell Ambiente, Novembre 2013 Inquadramento La proposta di Strategia Nazionale

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

Contesto 1 - dai sistemi di bassa pressione ai cicloni

Contesto 1 - dai sistemi di bassa pressione ai cicloni www.atmosphere.mpg.de/enid/accentit > Speciale: Cicloni > C: Contesto 1 Contesto 1 - dai sistemi di bassa pressione ai cicloni Parole chiave: Dai sistemi di bassa pressione alle tempeste Le regioni in

Dettagli

STILE LONDINESE PER GLI AUTOBUS ITALIANI di Elisabetta Iossa

STILE LONDINESE PER GLI AUTOBUS ITALIANI di Elisabetta Iossa IEFE Centre for Research on Energy and Environmental Economics and Policy STILE LONDINESE PER GLI AUTOBUS ITALIANI di Elisabetta Iossa Un buon servizio di trasporto locale aumenta la fiducia dei cittadini

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/035/CR/C10 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 1. Le ripercussioni

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti DENIS PANTINI Responsabile Area Agricoltura e Industria Alimentare 5 aprile 2013 I temi di approfondimento Il percorso

Dettagli

Il protocollo di Kyoto

Il protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Il protocollo di Kyoto E' il primo tentativo globale di coordinamento delle politiche economiche di singoli stati sovrani. Il protocollo di Kyoto è lo storico accordo internazionale

Dettagli

La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea. Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale

La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea. Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale La PAC nel nuovo bilancio Ue Congelamento della spesa in valori correnti per entrambi i pilastri

Dettagli

Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014. Nota Esplicativa

Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014. Nota Esplicativa Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014 Nota Esplicativa L anno d imposta 2014 è caratterizzato dalla grande novità della dichiarazione precompilata che ha consentito

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI BIOLOGICO: NON SOLO MERCATO LE REGOLE L'agricoltura biologica rappresenta uno dei comparti dell'agroalimentare di qualità di maggior

Dettagli

Gestione del rischio

Gestione del rischio FORUM INTERNAZIONALE DELL AGRICOLTURA E DELL ALIMENTAZIONE POLITICHE EUROPEE SVILUPPO TERRITORIALE MERCATI Gestione del rischio Roberto D Auria Workshop su La nuova Pac - Un analisi dell accordo del 26

Dettagli

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini Le operazioni di gestione Prof.ssa Paola Orlandini 1 La gestione è un sistema di operazioni economiche messe in atto dal soggetto conomico per il raggiungimento del fine aziendale 2 Come coordinazione

Dettagli

ASSICURAZIONI AGRICOLE AGEVOLATE

ASSICURAZIONI AGRICOLE AGEVOLATE ASSICURAZIONI AGRICOLE AGEVOLATE I numeri della campagna 2011 I Fondi di mutualità Perugia, gennaio 2012 Il ruolo dell ISMEA per le assicurazioni agricole agevolate ISMEA realizza servizi assicurativi

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI Maggio 211 Pubblicazione realizzata con il contributo FEASR (Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale) nell'ambito delle attività

Dettagli

Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento. Settembre 2009

Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento. Settembre 2009 Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento Prof. Giuseppe Catalano, Politecnico di Milano Settembre 2009 Agenda 1.La spesa pubblica per il sistema universitario italiano fino

Dettagli

Allegato 1 prospetti di bilancio PURICELLI CONTO ECONOMICO 2006

Allegato 1 prospetti di bilancio PURICELLI CONTO ECONOMICO 2006 PURICELLI S.p.A. Al termine di una lunga discussione con i suoi principali collaboratori, il dr. Rossini -amministratore unico della PURICELLI S.p.A. - aveva deciso di acquistare nuovi macchinari e di

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

La produzione. Produzione

La produzione. Produzione La produzione Produzione > La produzione è attività che consiste nella combinazione di fattori produttivi (input) e nella loro trasformazione in prodotti (output) direttamente consumabili destinati ad

Dettagli

Principio dei tre pilastri

Principio dei tre pilastri Dipartimento federale dell interno/ Ufficio federale delle assicurazioni sociali Incontro con i media del 26 maggio 2003 (Ile Saint-Pierre) - Documentazione Garanzia ed evoluzione della previdenza professionale

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

Report sul gas naturale

Report sul gas naturale Report sul gas naturale A) Focus Energia B) Produzione Gas Naturale C) Consumo Gas Naturale D) Riserve Gas Naturale E) Il Commercio Mondiale di Gas Naturale F) I prezzi G) Il Nord America H) L Europa I)

Dettagli

La scelta della strategia di marketing

La scelta della strategia di marketing LA SCELTA DELLA STRATEGIA DI L obiettivo che l impresa deve perseguire in questa fase è quello di individuare la strategia di marketing che sia in grado di offrire all impresa il mezzo per realizzare i

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice

Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice Gallipoli, Venerdì 2 luglio 2010 Claudio Giannotti Università LUM Laboratorio di Finanza immobiliare Dottorato di Ricerca in Banca e

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti Università di Bologna 17 maggio, 2013 I temi di approfondimento Il percorso di riforma Gli obiettivi e lo scenario economico

Dettagli

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici.

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici. Relazione tecnica Schema di decreto-legge per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia, per la definizione

Dettagli

L ASSICURAZIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Le risposte del mercato assicurativo

L ASSICURAZIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Le risposte del mercato assicurativo 1 L ASSICURAZIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Le risposte del mercato assicurativo Indice Premessa L intervento di Gpa I rischi individuati Altre particolarità Il prodotto individuato Le fasce di rischio

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI La riconfigurazione del mercato delle costruzioni Lo scenario delle costruzioni

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 CONTRIBUZIONE EUROPEA: POLIZZE MULTIRISCHIO: FINO AL 65% DELLA SPESA PARAMETRATA DEFINIZIONI DELLE AVVERSITA DI FREQUENZA: GRANDINE: Acqua congelata nell atmosfera che precipita

Dettagli

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide FORUM BANCASSICURAZIONE 2015 Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide Umberto Guidoni Servizio Auto Agenda Focus sulla raccolta premi in Italia Il mercato

Dettagli

La finanza sostenibile. Cos è e come funziona?

La finanza sostenibile. Cos è e come funziona? La finanza sostenibile Cos è e come funziona? Alberto Stival,, 13.01.2016 in breve (SSF) rafforza la posizione della Svizzera sul mercato globale per la finanza sostenibile, fornendo informazioni e formazione

Dettagli

L Assicurazione italiana in cifre

L Assicurazione italiana in cifre L Assicurazione italiana in cifre Luglio 2010 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

Biogas: chimera o realtà?

Biogas: chimera o realtà? Biogas: chimera o realtà? La produzione di energia verde da biogas può essere sostenibile solo se gestita in modo professionale Collecchio, Green Days 21 Settembre 2013 Il biogas in Italia Impianti in

Dettagli

L'assicurazione contro i danni causati dagli elementi

L'assicurazione contro i danni causati dagli elementi L'assicurazione contro i danni causati dagli elementi naturali I. Compendio L'assicurazione contro i danni causati dagli elementi naturali copre i danni ai beni mobili e agli stabili a seguito di piene,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1 COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2013, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*) Turnaround Tecniche Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl di Massimo Lazzari (*) In questo sesto contributo verranno pubblicati i risultati di un osservatorio

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

La nuova PAC per la Sardegna

La nuova PAC per la Sardegna Università di Sassari Associazione Studenti di Agraria La nuova PAC per la Sardegna Vincenzo Lenucci Area Economica e Centro Studi - Confagricoltura Aula Magna Dipartimento di Agraria Sassari, venerdì

Dettagli

Soluzioni di credit management a misura d impresa Pag. 1. La presenza in Italia Pag. 3. I servizi assicurativi Pag. 4. La storia Pag.

Soluzioni di credit management a misura d impresa Pag. 1. La presenza in Italia Pag. 3. I servizi assicurativi Pag. 4. La storia Pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Soluzioni di credit management a misura d impresa Pag. 1 La presenza in Italia Pag. 3 I servizi assicurativi Pag. 4 La storia Pag. 6 I principali dati economico-finanziari

Dettagli

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico?

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? Davide Natale Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? 1) Perché il mercato fallisce? Il mercato fallisce prevalentemente a causa della presenza di tre fenomeni, che

Dettagli

PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale

PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale Gestione dei rischi in agricoltura - Assicurazioni del raccolto, degli animali e delle piante (art. 37 del Reg. Ue 1305/2013) Quadro d insieme A partire dal

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO Maggio 2012 In sintesi Il quadro internazionale dell agricoltura biologica Nel 2010, secondo gli ultimi dati disponibili, l agricoltura biologica a livello mondiale ha sostanzialmente confermato l estensione

Dettagli

GLI SCENARI EUROPEI PER IL DOPO QUOTE LATTE. Paolo Sckokai Università Cattolica, Piacenza

GLI SCENARI EUROPEI PER IL DOPO QUOTE LATTE. Paolo Sckokai Università Cattolica, Piacenza GLI SCENARI EUROPEI PER IL DOPO QUOTE LATTE Paolo Sckokai Università Cattolica, Piacenza Schema della relazione 1) Lo studio della Commissione Europea sul settore lattiero-caseario post-2015 2) Gli scenari

Dettagli

L avere di vecchiaia del pensionato è rimunerato con il tasso di interesse tecnico.

L avere di vecchiaia del pensionato è rimunerato con il tasso di interesse tecnico. Tasso di interesse tecnico per la determinazione dell aliquota di conversione della rendita nella previdenza professionale sovrabbligatoria 11.2003 / UFAP Ramo Vita I. Compendio L aliquota di conversione

Dettagli