SYSTEM AGRO Assicurazione del raccolto in risposta al cambiamento climatico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SYSTEM AGRO Assicurazione del raccolto in risposta al cambiamento climatico"

Transcript

1 SYSTEM AGRO Assicurazione del raccolto in risposta al MUNICH RE Special and Financial Risks SFR Agro

2 Pagina 2/17 raccolto in risposta al Indice 1. Esperienza mondiale nell'assicurazione del raccolto 3 2. Il come sfida particolare 4 3. I 4 pilastri di SystemAgro B Backing: contributo al premio assicurativo L Loss sharing: partecipazione statale ai danni da catastrofi assicurati O Open: accesso per tutti gli agricoltori C Central and uniform: struttura centrale e standardizzata delle condizioni d'assicurazione Tutto dipende alla giusta copertura SystemAgro i fattori di successo a colpo d'occhio 16

3 Pagina 3/17 1. Esperienza mondiale nell'assicurazione del raccolto Più di 35 anni di esperienze positive accumulate con l'assicurazione del raccolto su una superficie di 200 milioni di ettari dimostrano che SystemAgro è l'unica soluzione positiva sostenibile. L'assicurazione del raccolto copre in tutto il mondo oltre 200 milioni di ettari di superficie agricola. In oltre 35 anni si sono accumulate esperienze preziose in questi sistemi di assicurazione del raccolto. Munich Re ha selezionato le peculiarità dei sistemi che determinano un successo duraturo, definendole come best practice dell'assicurazione del raccolto: SystemAgro La struttura portante è rappresentato da una Public-Private Partnership costituita in base a principi assicurativi. Tramite leggi e regolamenti vengono regolamentate tutte le condizioni rilevanti ai fini assicurativi, che sono importanti per la copertura delle coltivazioni agricole, come ad esempio l'accesso all'assicurazione, la copertura del fabbisogno assicurativo a premi equi e la trasparenza nelle condizioni d'assicurazione e nella liquidazione dei danni.

4 Pagina 4/17 2. Il come sfida particolare Il "triangolo problematico" dell'agricoltura Prodotti alimentari e energia Agricoltura Finanza Cambiamento climatico Agricoltura SystemAgro Stato Settore assicurativo Il "triangolo risolutivo del risk management Il nostro mondo deve affrontare una serie di problemi urgenti: tra i principali figurano la crisi finanziaria, il, la sicurezza dei consumi e dei prodotti alimentari. L'agricoltura si trova a fronteggiare questi problemi in misura particolare, perché è da sempre (ma in futuro lo sarà ancor di più) al centro del triangolo formato da clima, mercati finanziari e sicurezza alimentare ed energetica. Le basse scorte mondiali di materie prime agricole, in particolare di grano (a fine 2008 le scorte internazionali di grano bastavano solo per 2 mesi), richiedono un contributo enorme della produzione agricola per il miglioramento della situazione nel settore energetico e alimentare mondiale. L'aumento della popolazione mondiale di circa 3 miliardi di persone entro il 2050 e il cambiamento delle abitudini alimentari fanno alzare la domanda di materie prime agricole in tutto il mondo. Questa problematica è aggravata dalla tendenza a una contrazione delle superfici coltivate e un maggiore utilizzo di queste materie prime per la produzione di energia. L'accesso più difficoltoso ai crediti dovuto alla crisi finanziaria colpisce l'agricoltura con il suo lungo ciclo finanziario (dalla semina al raccolto) in misura particolare. Anche se fra 3-4 anni la crisi finanziaria sarà debellata, probabilmente permarranno i timori globali rispetto alla sicurezza degli alimentari a causa dell'instabilità dei prezzi e di un equilibrio molto sensibile tra offerta e domanda. Per questo motivo è necessario rafforzare gli investimenti statali e privati in un'agricoltura assicurata in modo sostenibile. Questo anche e soprattutto perché la produzione agricola è direttamente esposta alle condizioni climatiche, e in particolare alle bizzarrie delle intemperie.

5 Pagina 5/17 In passato soprattutto gli agricoltori europei sono stati graziati da due importanti risorse: terre fertili e acqua in abbondanza. Ma proprio queste risorse si stanno assottigliando sempre più. La siccità del 2003, ad esempio, nell'agricoltura tedesca ha provocato danni alle coltivazioni per un importo di 1,3 miliardi di euro. Gli agricoltori colpiti hanno dovuto sostenere la maggior parte dei danni in proprio, perché gli indennizzi specifici statali sono risultati molto bassi: 72 milioni di euro secondo l'associazione degli agricoltori tedeschi (Deutscher Bauernverband), pari a poco meno del 6% dei danni. In Germania finora non esisteva un'assicurazione del raccolto sotto forma di Public-Private Partnership. Nel 2003 la compensazione "naturale" con l'aumento dei prezzi per il cattivo raccolto (offerta e domanda) ha attutito i danni di molti agricoltori, perché i prezzi dei prodotti agricoli erano cresciuti. Ma con l'andamento dei prezzi nel 2008 è diventato chiaro a tutti che un cattivo raccolto non viene compensato automaticamente da maggiori prezzi dovuti ai ridotti quantitativi alla produzione. Infatti la volatilità dei prezzi è sempre più spesso provocata da influssi che sono indipendenti dai raccolti a livello regionale. In Polonia nel 2006 si è verificata una situazione simile a quella tedesca del L'estrema siccità in primavera e in estate ha provocato danni alle coltivazioni pari a circa milioni di euro. Lo Stato polacco ha compensato solo una frazione delle perdite finanziarie tramite pagamenti specifici. Successivamente lo Stato polacco ha promosso la copertura dei rischi naturali sotto forma di assicurazione del raccolto insieme alle associazioni degli agricoltori, alle assicurazioni e alle università. La base era costituita da una legge per la promozione dell'assicurazione agricola del Questa legge prevede un sovvenzionamento dei premi dell'assicurazione del raccolto fino al 50% e altre regolamentazioni sostanziali per la partecipazione statale all'assicurazione del raccolto sotto forma di Public-Private Partnership. Con la progressiva specializzazione della produzione l'influsso dei rischi naturali sul risultato della produzione delle coltivazioni è ulteriormente aumentato e il in atto ne rafforza gli effetti. Infatti, da molti studi scientifici risulta che il globale si sta già manifestando nel numero e nell'intensità dei fenomeni climatici estremi. Questo vale soprattutto per le forti precipitazioni, i periodi di caldo e siccità e le tempeste. La quantificazione globale dell'influenza di altri fenomeni climatici estremi e dei danni da questi provocati è più difficile, ma per alcune regioni è già possibile. Ad esempio vi sono indizi di aumenti degli eventi che si accompagnano a forti temporali, come grandine e nubifragi. Tali aumenti si osservano ad esempio negli USA nella regione a est delle Rocky Mountains, nella Germania meridionale o in Svizzera. Il 2009 sembra corroborare questa tendenza: nel Land Baviera in Germania gli assicuratori che operano nel campo della grandine devono sostenere le quote di sinistri più alte dal In Svizzera si sono registrati danni ingenti dovuti a grandine. In entrambi i Paesi colpisce un fatto: le forti grandinate isolate hanno contribuito in maniera determinante al danno complessivo. Nello stato USA dello Iowa un'unica grandinata ha provocato nel 2009 più di 50 milioni di USD di danni alle colture.

6 Pagina 6/17 Il è in atto, come dimostrano le attuali serie di misurazioni, e negli ultimi anni è accelerato: il surriscaldamento globale negli ultimi 100 anni ha raggiunto i 0,7 C, in Germania sono già 1,1 C e sull'arco alpino circa 1,5 C dai primi anni Settanta, con il, le temperature delle superfici marine nelle zone di origine delle tempeste tropicali sono globalmente aumentate dello 0,5 C Il grafico seguente illustra questo andamento: Departures from the average (14.00 C) Departure 2008: C A questo proposito va detto che dall'inizio della fase di industrializzazione (1750) il surriscaldamento globale è originato in gran parte dalle emissioni di gas serra antropogeni e soltanto per una bassissima quota da fattori naturali (intensità del sole). Questo andamento si può seguire molto bene nel prossimo grafico. Source: IPCC 4AR 2007

7 Pagina 7/17 La crescente influenza del sui fenomeni climatici estremi e sui conseguenti danni, nella produzione agricola e nell'assicurazione agricola si evidenzia anche nella crescente esposizione a gelate tardive. Per la Germania, ad esempio, nell'ambito di un progetto sul nella coltivazione frutticola 1, si è notato che il rischio di gelate tardive è aumentato sensibilmente per molti tipi di frutta, a causa di un'anticipazione dell'inizio della fioritura dovuta a inverni più miti e corti. Dato che il periodo delle gelate, in particolare la data della gelata dell'ultima primavera, non ha subito la stessa anticipazione, aumenta il rischio dei danni da gelo. In regioni importanti per la frutticoltura tedesca si calcola che il rischio di gelate tardive per le ciliegie sia sei volte più alto e che per le mele sia raddoppiato 2. Il gelo durante la fioritura degli alberi in frutticoltura è uno degli eventi climatici più pericolosi e nei casi limite può distruggere il raccolto di un anno intero. Servono ulteriori analisi per determinare l'influsso del sul trend dei danni da catastrofi naturali. Anche per la produzione e l'assicurazione agricola i punti prioritari delle ricerche saranno: - differenziazione regionale di variazioni dei danni - cambiamenti nelle distribuzioni dei danni - ricerca di possibili nuovi scenari di danni. Con la progressiva intensificazione dovuta alla tecnicizzazione e alla specializzazione e con il crescente fabbisogno di investimenti e finanziamenti nella produzione agricola, la sfida è già oggi quella di infittire la rete di protezione per il coltivatore. L'assicurazione agricola - uno dei settori meglio informati sull'esposizione dei rischi naturali all'interno del settore assicurativo - può contribuire attivamente perché non si situa all'inizio della curva d'apprendimento. I maggiori costi del rischio dovuti a costi cresciuti significativamente e in linea con le attese per i danni da catastrofi si possono tenere sotto controllo solo tramite un approccio professionale di tutti i partner del rischio coinvolti. In senso lato si può parlare in questo caso di una "Public-Private Partnership climatica". Dare all'agricoltore l'accesso a uno strumento di management intelligente al fine di rafforzare la sua azienda dal suo interno e sotto la propria responsabilità, è l'obiettivo essenziale di SystemAgro. 1 Progetto di ricerca tedesco KliO, Progetto di ricerca tedesco KLIVEG, 2004

8 Pagina 8/17 3. I 4 pilastri di SystemAgro B L O C Backing Contributo al premio assicurativo Loss sharing Partecipazione statale ai danni da catastrofi assicurati Open Accesso per tutti gli agricoltori Central and uniform Struttura centrale e standardizzata delle condizioni d'assicurazione I 4 pilastri, denominati anche BLOC, hanno tutti la stessa portata. Non appena un pilastro viene a mancare, la stabilità del sistema vacilla. Per questo motivo i pilastri devono essere ancorati da normative statali sotto forma di leggi e regolamenti. L'impostazione concreta dei pilastri resta però flessibile. Infatti, SystemAgro funziona come strumento di gestione della politica agraria solo tenendo conto della struttura economica agricola e assicurativa esistente. 3.1 B Backing: contributo al premio assicurativo Contesto: il ciclo di reiterazione di un sinistro nell'assicurazione agraria è più breve che p.es. nelle coperture delle cose. Per questo nell'assicurazione agraria il tasso di sinistrosità è più alto. Realizzazione: lo Stato deve sovvenzionare il premio per l'assicurazione del raccolto. Altri aiuti statali per gli agricoltori devono essere integrati in un disegno complessivo efficiente. Effetto: rata di premio congrua con copertura dei rischi globale. Backing Contributo al premio assicurativo B

9 Pagina 9/17 B È la base della stipulazione dell'assicurazione che è già stata introdotta nella maggior parte dei paesi. Dato che lo Stato sovvenziona i premi, esso pone le basi per l'acquisto di un'assicurazione. Senza sovvenzioni il premio assicurativo per un'assicurazione del raccolto globale non sarebbe sostenibile o le franchigie degli agricoltori talmente alte da rendere praticamente rarissimo l'indennizzo del danno. Il motivo risiede nei brevi cicli di reiterazione dei sinistri, rispetto ad esempio all'assicurazione contro l'incendio. Anche l'estensione territoriale del danno, come nel caso della siccità, è maggiore rispetto agli altri rami. Ne conseguono tassi di premio molto più alti. Italia 2009: crollo del mercato dell'assicurazione del raccolto. In Italia i tassi di premio per l'assicurazione del raccolto di coltivazioni speciali come vite, frutta o verdura arrivano anche al 20% della somma assicurata. Una copertura sufficiente con franchigia del 10-30% della somma assicurata per gli agricoltori è possibile solo con sovvenzioni statali fino all'80% del premio. Dato che all'inizio del periodo di rischio 2009 lo Stato italiano non aveva ancora preso nessuna decisione sull'ammontare delle sovvenzioni del premio, quest'anno gli agricoltori italiani hanno ridotto drasticamente le superfici e colture assicurate contro i rischi naturali (soprattutto gelo). Al posto della sovvenzione fino all'80% come nel 2008 attualmente si parla di un livello attorno al 40-60%. Si prevede pertanto una flessione dei premi di mercato del 20% circa, pari a circa 50 milioni di euro. Questo esempio dimostra come l'agricoltore sia disposto a stipulare un'assicurazione del raccolto solo se lo Stato fornisce sostanziose sovvenzioni sul premio. Anche le sovvenzioni sui premi garantite sul lungo periodo sono indispensabili per la stabilità e la sostenibilità del sistema di assicurazione del raccolto. Tali sovvenzioni devono essere un elemento affidabile e duraturo del bilancio statale come negli USA ed essere ben radicate nella legge sull'assicurazione agricola, formando in tal modo la base del calcolo della redditività sia per le compagnie assicurative che per gli agricoltori. In questo modo anche lo Stato è in grado di preventivare sul lungo periodo le sue uscite per l'assicurazione del raccolto. Lo Stato agisce opportunamente se persegue una politica agraria integrata, ovvero abbinando le sovvenzioni sui premi ad altri strumenti. Negli USA, ad esempio, la stipulazione dell'assicurazione del raccolto è il requisito per la partecipazione ad altri programmi incentivati dallo Stato nel campo del risk management.

10 Pagina 10/ L Loss sharing: partecipazione statale ai danni da catastrofi assicurati Contesto: la sinistrosità nell'assicurazione del raccolto in anni di catastrofi può essere nettamente più alta che nel settore non agricolo. Realizzazione: partecipazione ai sinistri da catastrofe assicurati in anni con sinistrosità estremamente elevata. Effetto: 1. il sistema di assicurazione del raccolto si stabilizza. 2. le rate dei premi calano in seguito alla minore volatilità del risultato. 3. il capitale di rischio privato diventa disponibile. L Loss sharing Partecipazione statale ai danni da catastrofi assicurati L Una partecipazione statale ai danni da catastrofi assicurati stabilizza il sistema nel tempo e libera capitale di rischio privato. In genere lo Stato dispone di un aiuto pubblico per le catastrofi, che può essere utilizzato in modo specifico e che subentra in particolare in caso di danni molto estesi per siccità, inondazioni e gelo. È possibile ottenere un'alta copertura assicurativa solo se l'assicurazione del raccolto è la soluzione migliore, senza aiuti per catastrofi concorrenziali. Nei sistemi che sono ancora in fase di sviluppo, integrare in SystemAgro gli aiuti specifici esistenti rappresenta una sfida particolare per lo Stato. Il vantaggio dell'assicurazione del raccolto rispetto ad aiuti specifici consiste nel fatto che l'agricoltore acquisisce un diritto giuridico ai pagamenti dei danni e che lo Stato può utilizzare l'infrastruttura e il capitale di rischio del settore assicurativo. In questo modo l'erogazione non viene effettuata "a pioggia", ma in base al danno del singolo agricoltore e l'indennizzo viene effettuato quando l'agricoltore ne ha più urgente bisogno. L'esempio della grave inondazione del 1993 nel Middle West illustra chiaramente come la ripartizione del danno tra assicurazione e Stato possa attutire i danni da catastrofi assicurati e sia indispensabile per la stabilità e sostenibilità di un sistema di assicurazione del raccolto. Nell'estate 1993, il Missouri e il Mississippi con i loro affluenti hanno rotto gli argini dopo forti precipitazioni, provocando ingenti danni alle colture. Nel solo Minnesota si è registrato un danno di 360 milioni di dollari, che le assicurazioni hanno dovuto versare agli agricoltori. In mancanza di una partecipazione statale a questi pagamenti dei sinistri, nel 1993 gli assicuratori dei raccolti avrebbero dovuto spendere per il Minnesota sei volte i premi trattenuti. Unicamente con questo anno eccezionale il tasso medio di costo dei danni avrebbe superato di più del 20% il livello effettivo in un periodo di 20 anni. Gli agricoltori avrebbero quindi dovuto sostenere aumenti delle rate estremamente alti, mentre in caso di

11 Pagina 11/17 aumento delle rate l'accesso al capitale di rischio privato sarebbe venuto meno. Tutto questo in seguito a un unico sinistro. Con una ripartizione del danno tra Stato e assicurazione, l'assicurazione del raccolto resta quindi sempre disponibile anche dopo anni di livelli di sinistrosità estremamente elevati. Questa assicurazione, quindi, in caso di alto livello di copertura è per gli agricoltori un fattore di costo pressoché costante e quindi pianificabile. In questo contesto qual è la conseguenza della grande siccità in America meridionale nel 2008/2009? A causa di un periodo secco estremamente lungo e intenso, nella sola Argentina si sono registrati danni per circa 3,8 miliardi di euro alle piante coltivate. Come anche nei paesi limitrofi colpiti Uruguay e Paraguay, gli assicuratori del raccolto argentini hanno speso più del quintuplo dei premi ottenuti dagli agricoltori per pagare gli indennizzi. Solo a causa della bassa penetrazione del mercato dell'assicurazione del raccolto e della sua bassa quota nel portafoglio delle compagnie assicurative non si è arrivati a un grave dissesto dell'intero mercato assicurativo per raccolto e grandine. Dato che in Argentina il fabbisogno dell'assicurazione del raccolto è in crescita, a causa dell'alto potenziale di danni dovuti alla siccità questo sviluppo deve procedere di pari passo con una ripartizione del rischio tra Stato e settore assicurativo. 3.3 O Open: accesso per tutti gli agricoltori Contesto: un'alta penetrazione del mercato favorisce una vantaggiosa ripartizione dei rischi. Realizzazione: tutti gli agricoltori possono partecipare. Incentivo aggiuntivo per la partecipazione in abbinamento ad altre misure di politica Effetto: 1. tutti gli agricoltori possono ottenere aiuti finanziari dallo Stato. 2. il l sistema diventa un potente strumento della politica agraria orientato ai bisogni. Open Accesso per tutti gli agricoltori O

12 Pagina 12/17 O Le condizioni quadro giuridiche comprendono tutte le aziende agricole. Tutti gli agricoltori godono del supporto finanziario statale grazie all'impostazione aperta del sistema di assicurazione del raccolto. Ne risulta che per ogni agricoltore che vuole stipulare un'assicurazione esiste un obbligo di registrazione nel sistema. In questo modo SystemAgro contribuisce a una penetrazione sostanziale del mercato e diventa uno strumento di gestione della politica agraria mirata. Negli USA la penetrazione del mercato ammonta a più dell'80% della superficie 3. Questo dimostra come lo Stato possa ottenere un alto riscontro positivo presso gli agricoltori con la gestione mirata di trasferimenti di risorse nel sistema di assicurazione del raccolto. Tutti i rischi naturali che possono ridurre sensibilmente il reddito degli agricoltori americani, vengono raggruppati in un pacchetto multirischio, garantendo così una copertura globale di ogni singolo agricoltore. La stabilità e sostenibilità di questo sistema assicurativo si creano, oltre che con la sovvenzione dei premi e la partecipazione statale ai danni da catastrofi, con una compensazione regionale dei rischi tra i rischi assicurati. Con l'assicurazione dei rischi del raccolto 4 può essere coperto sia il coltivatore di frutta californiano dai rischi di gelo, che il coltivatore di grano in Kansas con un alto rischio di siccità e il produttore di mais nel Middle West con alto rischio di grandine. Per gli agricoltori statunitensi il premio assicurativo resta comunque finanziariamente sostenibile e il livello medio di copertura del 70-75% del raccolto medio storico resta a un livello elevato. 3.4 C Central and uniform: struttura centrale e standardizzata delle condizioni d'assicurazione Contesto: la competizione su rate e prodotti compromette la sostenibilità dell'assicurazione del raccolto. Il rispetto di disposizioni di legge e l'impiego di fondi statali devono essere controllati. Realizzazione: condizioni standardizzate (inclusi prodotti e processi) per tutti i soggetti coinvolti. Struttura centrale per la realizzazione e il controllo delle condizioni standardizzate. Effeto: 1. sostenibilità del sistema di assicurazione del raccolto. 2. trasparenza, controllo ed efficienza nella realizzazione di SystemAgro. C Central and uniform Struttura centrale e standardizzata delle condizioni d'assicurazione 3 riferito alle dieci principali coltivazioni 4 denominata negli USA Multi-Peril-Crop-Insurance MPC

13 Pagina 13/17 C La struttura centrale è la condizione per la trasparenza e l'efficienza di un sistema di assicurazione del raccolto. In passato gli approcci di tali sistemi sono stati ripetutamente implementati e supportati con sovvenzioni sui premi, per poi essere tuttavia dismessi già dopo pochi anni a causa delle rate di premio insufficienti e dell'alta sinistrosità. Questi tentativi non hanno solo mancato l'obiettivo di costruire un sistema di risk management, ma hanno anche bruciato fondi statali senza vantaggi a medio termine. Le esperienze dimostrano che le rate adeguate al rischio hanno un'enorme importanza proprio in virtù della frequenza ed estensione dei danni ai raccolti e che la competizione sulle rate compromette le chance di sopravvivenza di un'assicurazione del raccolto appena introdotta. Condizioni d'assicurazione standardizzate comprese rate, franchigie e direttive per la distribuzione e la liquidazione dei danni sono pertanto una premessa fondamentale per lo sviluppo di sistemi sostenibili di assicurazione del raccolto per due motivi: 1. solo premi adeguati al rischio permettono ai portatori di rischio di sostenere i pagamenti dei sinistri. In caso contrario il sistema collassa; 2. lo Stato ha un interesse legittimo nel fare in modo che i mezzi che mette a disposizione (sovvenzione premi, Loss sharing, spese di sviluppo e amministrazione) vengano utilizzati per un vantaggio di lungo termine degli agricoltori e del settore agrario. Trasparenza ed efficienza nell'impiego dei soldi statali sono quindi al primo posto. Per poter implementare, controllare e adeguare in corso d'opera condizioni standardizzate per tutti i soggetti coinvolti, un sistema di assicurazione del raccolto basato su SystemAgro deve dotarsi di una struttura centrale. Le sue principali funzioni sono: realizzazione delle disposizioni fissate dalle leggi implementazione e adeguamento costante di condizioni standardizzate per la gestione di SystemAgro autorizzazione delle compagnie assicurative coinvolte controllo dell'impiego dei mezzi statali (sovvenzione premi, Loss sharing) aumento dell'efficienza Questa struttura centrale può essere modificata a seconda delle varie situazioni regionali. Negli USA, ad esempio, la RMA 5, un dipartimento del ministero dell'agricoltura, si occupa di standardizzare le disposizioni nel campo delle rate, dei prodotti, delle condizioni d'assicurazione e della liquidazione dei sinistri. Esistono quindi rate di premio fissate per coltivazione, regione e prodotto, che sono vincolanti per tutte le compagnie assicurative. Tutti i processi vengono regolarmente sottoposti ad audit presso gli assicuratori. Non appena si rendono necessarie modifiche nel sistema di assicurazione del raccolto, esse vengono stabilite dalla RMA a livello centrale. Inoltre gli assicuratori del raccolto devono soddisfare degli standard minimi stabiliti dalla RMA. Questi standard includono p.es. disposizioni nel campo della dotazione minima di capitale di rischio o trasferimento del rischio. Solo le compagnie assicurative che soddisfano questi requisiti ottengono una licenza di vendita e possono offrire rate sovvenzionate. 5 Risk Management Agency

14 Pagina 14/17 Se un sistema di assicurazione del raccolto opera sotto forma di pool, tale pool rileva le funzioni delle struttura centrale. In Spagna gli assicuratori raccolgono le loro polizze nel pool assicurativo Agroseguro. Agroseguro incassa i premi per le società interessate e gestisce insieme a ENESA 6, un sottodipartimento del ministero dell'agricoltura, tutti i principali processi assicurativi. Tra questi figurano lo sviluppo di prodotti, la determinazione delle condizioni d'assicurazione e le delle somme assicurate per le diverse colture nonché la liquidazione dei danni. Anche nel caso del sistema turco, il pool assicurativo Tarsim 7, oltre ad altri importanti processi, accentra i principi della liquidazione dei danni. L'utilizzo di liquidatori esterni viene gestito dal pool. Già la momento della costituzione del Tarsim la constatazione dei danni veniva gestita per tutte le società di mercato da una società centrale, che con la costituzione del Tarsim è stata integrata nel pool. Negli USA, in Spagna e in Turchia, con la creazione di un'unità assicurativa centrale, è nata una struttura trasparente per agricoltori, Stato e assicurazioni, che opera con costi efficienti e grande efficacia nell'interesse di tutti i soggetti coinvolti. Le condizioni standardizzate e una struttura centrale non sostituiscono il settore assicurativo, che oltre al ruolo di portatore del rischio svolge importanti funzioni di distribuzione, gestione e assistenza e, in collaborazione con la struttura centrale, introduce miglioramenti ai prodotti e ai processi. 4. Tutto dipende alla giusta copertura Food security Agriculture sh Financial crisis Climate change Farmer/Agriculture SystemAgro Government/State Insurance 6 ENESA Entidad Estatal de Seguros Agrarios 7 TARSIM Agricultural Insurance Pool Management Company

15 Pagina 15/17 Il sistema di assicurazione del raccolto potrà essere sostenibile e condurre a un'alta copertura assicurativa solo se agli agricoltori verrà offerto uno strumento per il risk management individuale. Esistono due concetti di copertura sostanzialmente diversi: la copertura individuale del raccolto l'assicurazione indicizzata regionale basata su uno o più parametri meteorologici Il diverso funzionamento di questi due concetti di copertura deve essere rappresentato sulla scorta dell'estensione dell'assicurazione, della modellazione tariffaria e della determinazione dei danni. La tariffazione dell'assicurazione indicizzata si svolge in base a un modello di raccolto basato sui dati meteorologici. Se tale modello è strutturato in modo semplice, cioè pochi parametri meteorologici come precipitazioni e temperatura vengono messi in relazione in modo semplice con un possibile potenziale di danno, allora aumenta il rischio che l'agricoltore subisca un danno senza che l'assicurazione indicizzata si attivi. La produzione vegetale può essere determinata e prevista approssimativamente solo avvalendosi di modelli complessi. Il numero e la precisione dei dati di input a tal fine necessari sono fonte di ingenti spese nella prassi. Finora i modelli dotati di una precisione sufficiente hanno avuto successo solo in aree molto ristrette e con oneri per il rilevamento molto elevati. La copertura individuale degli agricoltori con rate di premio adeguate al rischio, pertanto, nell'assicurazione indicizzata è limitata entro confini molto ristretti. Inoltre le esperienze fatte nel design e nella tariffazione delle assicurazioni indicizzate non sono direttamente trasmissibili tra varie regioni e colture. India maggio 2009: il ciclone Aila si abbatte su ampie regioni dell'india orientale. I danni agli agricoltori colpiti sono stati ingenti. Coloro che avevano stipulato un'assicurazione indicizzata speravano in un indennizzo. Il ciclone, però, non ha raggiunto i valori di soglia previsti per le precipitazioni che avrebbero portato a un indennizzo. Dato che l'assicurazione indicizzata si basava solo su una quantità di precipitazioni, la maggior parte dei danni causati dalla tempesta e dall'inondazione non erano coperti. Questo esempio mostra come a causa della bassa correlazione con il singolo danno subito dall'agricoltore le assicurazioni indicizzate con una modellazione semplice non siano idonee a replicare meccanismi complessi. Per questo motivo e per il fatto che dei complessivi 75 milioni di euro di danni in agricoltura soltanto euro siano stati indennizzati con l'assicurazione indicizzata, il governo indiano sta pensando di introdurre una copertura del raccolto individuale. Solo la copertura del raccolto individuale offre all'agricoltore ciò che lui si aspetta: un indennizzo affidabile e sufficiente in caso di sinistro, ottenendo un alto grado di accettazione. Oltre che sulle informazioni sui rischi regionali, la base della tariffazione e dell'allestimento dei prodotti si basa sui dati storici del raccolto dell'agricoltore. L'onere per il rilevamento dei dati a questo scopo è sostenibile. Se l'agricoltore ha conseguito nella media degli anni passati un raccolto basso, allora sarà assicurato in base a previsioni statistiche di raccolto basse. Se invece l'agricoltore negli anni passati ha conseguito un raccolto elevato, si possono prevedere anche per l'anno assicurato raccolti elevati. Sebbene l'assicurazione indicizzata basata su un modello semplice presenti il vantaggio precedentemente illustrato di una determinazione dei danni veloce,

16 Pagina 16/17 poiché i dati presenti possono essere analizzati rapidamente in relazione al raggiungimento di un valore di soglia predefinito, a tale vantaggio in questo tipo di assicurazione rispetto alla liquidazione dei danni si contrappone lo svantaggio dovuto al fatto che l'onere per l'acquisizione, la garanzia di qualità e l'analisi dei dati con un modello sufficientemente realistico è troppo alto. In futuro l'assicurazione del raccolto potrà avvalersi di tecniche moderne per ottenere un rilevamento del raccolto con bassi costi da un lato, ma che sia anche obiettivo e non manipolabile dall'altro. A tal fine i dati sul raccolto rilevati a livello locale vengono utilizzati per la calibrazione dei dati telerilevati. Tali dati si basano su geocoordinate e possono proiettare le differenze di raccolto locali sulla superficie. 5. SystemAgro i fattori di successo a colpo d'occhio L'approccio integrativo è positivo per agricoltori compagnie assicurative Stato START S T A R T Stable Tailor-made All farmers Rated Transparent Nella panoramica generale SystemAgro si distingue per cinque fattori di successo: Stable: SystemAgro si dimostra sostenibile per l'intera agricoltura. Con SystemAgro la filiera ottiene un valore aggiunto anche a monte e a valle. Tailor-made: SystemAgro, come flessibile strumento di gestione della politica agraria, è confezionato su misura del risk management individuale dell'agricoltore ed è integrabile nella politica agraria di ogni Stato. SystemAgro tiene conto anche della struttura del sistema assicurativo presente.

17 Pagina 17/17 All farmers: SystemAgro consente a tutti gli agricoltori di assicurarsi, indipendentemente dall'esposizione della loro ubicazione o della loro produzione agricola. Rated: SystemAgro garantisce la liquidità dell'agricoltore, che in tal modo è non solo in grado di reperire i fondi per i mezzi di produzione necessari, ma anche costruire la forza finanziaria per investimenti orientati al futuro dell'azienda, come ad esempio nuove macchine o fabbricati o impianti aziendali. Un reddito stabile migliora sua solvibilità dell'agricoltore, ovvero la sua affidabilità presso le banche. Transparent: SystemAgro è organizzato in modo centralizzato. In questo modo sia lo Stato che l'agricoltore è in grado di conoscere l'utilizzo delle sovvenzioni e il sistema della determinazione dei premi. Il successo dell'approccio integrativo di SystemAgro consiste nel fatto che tutte le parti coinvolte nella Public-Private Partnership ottengono un grande vantaggio da questo sistema: l'agricoltore ottiene uno strumento gestionale professionale per la copertura della sua situazione di rischio individuale; la società di assicurazione si impegna sul lungo periodo in previsione di un risultato redditizio nel tempo; lo Stato si assicura un settore agricolo stabile e nel contempo aiuti per far fronte alle sfide del tramite una Public-Private Partnership climatica. SystemAgro è una soluzione win-win-win. Munich Re Special and Financial Risks SFR6 Agro Bernhard Bronold, Stephan Haverkamp, Alexa Mayer-Bosse, Holger Schwarz Telefono: +49 (89) Fax: +49 (89)

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI!

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! POTRA L EUROPA RINUNCIARE ALL INNOVAZIONE VARIETALE? LA NOSTRA VISIONE L innovazione legata alle sementi deve essere alla base della filiera alimentare, per stimolare lo sviluppo

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Forlì, 5 luglio 2013 Prot. n. 115/2013 LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Continuano a pervenire al nostro ufficio studi, numerose richieste di chiarimenti sulla gestione fiscale

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale IT 2014 n. 08 Relazione speciale La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? CORTE DEI CONTI EUROPEA CORTE DEI CONTI EUROPEA 12,

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola E' italiana la casa ad alta efficienza energetica campione del mondo che si è aggiudicata il primo posto

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

VS/2013/0379. Sviluppi recenti... 3 La tutela dei lavoratori e la crisi: la copertura asimmetrica degli ammortizzatori sociali... 4. Casi studio...

VS/2013/0379. Sviluppi recenti... 3 La tutela dei lavoratori e la crisi: la copertura asimmetrica degli ammortizzatori sociali... 4. Casi studio... Accordi difensivi e clausole di apertura: strategie integrate per il coinvolgimento dei lavoratori e la negoziazione collettiva contro la frammentazione e il declassamento. Casi studio in Italia a cura

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf)

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf) Capitolo 6 La produzione A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1 Questo file (con nome cap_06.pdf) può essere scaricato da siti e file elearning.moodle2.unito.it/esomas/course/ view.php?id=215 abbreviato

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Come risolvere il problema della non-democraticità del Fondo e della Fiduciaria? (molto potere al Consiglio di amministrazione)

Come risolvere il problema della non-democraticità del Fondo e della Fiduciaria? (molto potere al Consiglio di amministrazione) Domanda posta da MAG6 Come risolvere il problema della non-democraticità del Fondo e della Fiduciaria? (molto potere al Consiglio di amministrazione) Terre de liens è innanzitutto un movimento cittadino,

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli