Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa"

Transcript

1 Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges financial support from the European commission. Nevertheless the sole responsibility of this publication lies with the author. The European Union is not responsible for any use that may be made of the information contained therein.

2 Sommario Circa 250 milioni di europei usano già la bicicletta, vogliamo che diventino ancora di più. Il manifesto ECF per il Parlamento Europeo elenca 10 aree chiave in cui ECF raccomanda azioni decisive entro i prossimi 5 anni. Il manifesto dell ECF in versione dettagliata si trova qui (in inglese): 1. Fondi europei per progetti sulla ciclabilità Migliori provvedimenti per la ciclabilità incoraggeranno più persone ad usare più spesso la bicicletta. Quindi ECF ritiene che il 10% di tutti i budget per i trasporti dovrà essere stanziato per la ciclabilità. Nella UE questo si traduce in 6 miliardi di investimenti per progetti sulla ciclabilità nel periodo Durante il periodo finanziario precedente della UE ( ) approssimativamente 600 milioni di euro (cioè lo 0,7% del cofinanziamento UE) del fondo di 82 miliardi di euro per infrastrutture trasporti sono stati stanziati per infrastrutture ciclabili. 2. Sostenere EuroVelo, la rete europea di percorsi ciclabili EuroVelo, la rete europea di itinerari ciclabili, è costituita da 14 percorsi che collegano l'intero continente. Eurovelo è coordinata a livello europeo da ECF con una rete di centri di coordinamento nazionale che organizzano la realizzazione dei percorsi a livello nazionale. Queste organizzazioni stanno lavorando insieme per completare la rete nel Il contributo europeo dovrebbe essere lo stanziamento di fondi TEN-T per la costruzione di infrastrutture EuroVelo e la fornitura di assistenza tecnica e finanziaria per il coordinamento e la promozione della rete a livello europeo. 3. Veicoli motorizzati più sicuri per pedoni e ciclisti Circa la metà degli incidenti mortali in aree urbane vedono vittime pedoni e ciclisti. Poichè velocità e collisioni con veicoli a motore sono le cause principali di morte, devono essere adottate misure urgenti per migliorare la sicurezza. Per affrontare l'eccesso di velocità sempre più città hanno introdotto il limite di 30 km/h su gran parte della loro rete stradale. Tuttavia ciò è in contrasto con la Convenzione di Vienna sul traffico stradale del 1968, che prevede il limite di 50 km/h nei centri abitati. L ECF ritiene che sia tempo di abbassare a 30 km/h tale limite. Limiti di velocità più bassi devono perciò essere forzati. La gestione intelligente della velocità (Intelligent Speed Assistance, ISA) si è rivelata uno strumento efficace e a costi convenienti per ottenere ciò. Inoltre dovranno essere resi più sicuri gli autocarri. A causa della forma a mattone della cabina autocarro e della posizione rialzata del guidatore si creano vasti angoli morti intorno alla cabina, che causano seri infortuni e incidenti mortali ai ciclisti. Un adeguamento della legislazione europea dovrà richiedere un migliore design della cabina degli autocarri. 4. Parità di condizioni per la ciclabilità con altri modi di trasporto La congestione è una delle principali sfide per i sistemi di trasporto europei, particolarmente nelle ore di punta. Molti sistemi fiscali nazionali danno incentivi al trasporto non sostenibile, per es. rendendo molto conveniente l'uso di vetture aziendali ai dipendenti. Un risultato è le vetture 2/5

3 aziendali ammontano a circa il 50% del totale delle vendite di auto nuove nella UE. Gli stati membri devono essere incoraggiati dalla UE ad introdurre misure fiscali che incentivino la ciclabilità o la rimozione di ostacoli per gli spostamenti casa-lavoro. L ECF richiede anche che gli stati membri abbiano la possibilità di appllicare aliquote ridotte IVA sulla vendita di biciclette. 5. Migliore qualità dell aria in Europa L inquinamento atmosferico ha causato oltre morti premature nel Il 90% degli abitanti sono esposti ad uno o più inquinanti atmosferici dannosi, a livelli ritenuti rischiosi per la salute dell'oms. L ECF vuole rendere più severi i valori limite ambientali allineando la direttiva sulla qualità ambientale dell aria (AAQD) alle linee guida dell OMS (organizzazione mondiale della sanità). Allo scopo di migliorare la qualità dell aria la ciclabilità deve avere priorità rispetto al trasporto individuale motorizzato. La guida di veicoli a motore in contesti urbani (a due o tre ruote, auto, furgoni ed autocarri) deve diventare più pulita. 6. Trasporti e salute: i benefici della ciclabilità nelle politiche sanitarie e la dimensione salute nella valutazione dei trasporti Trasporto e salute pubblica hanno collegamenti intricati. La carenza di attività fisica è il maggiore rischio per le malattie da stile di vita ed il maggiore fattore di costo per i sistemi sanitari europei. La mobilità attiva può ridurre considerevolmente questi costi, la prevenzione è più conveniente delle cure. In modo similare l analisi costi-benefici nella valutazione dei trasporti mostra che gli investimenti in ciclabilità forniscono più alti rapporti costi- benefici che gli investimenti in trasporto motorizzato, soprattutto a causa dei benefici sulla salute derivanti dalla ciclabilità. Come conseguenza la UE dovrebbe raccomandare agli stati membri di includere i benefici della ciclabilità nelle politiche sanitarie e di integrare la dimensione sanitaria nelle valutazioni sui trasporti. Se l infrastruttura dei trasporti viene realizzata con fondi UE, la dimensione salute deve essere integrata. 7. Intregrare la ciclabilità nei sistemi di trasporto multimodale L accesso alla mobilità, ben più che il possesso una vettura privata, sta diventando la soluzione di default nell economia diffusa del 21 secolo. La ciclabilità deve essere un partner a pieno titolo in questo. Se la UE fornisce fondi per lo sviluppo di strumenti di pianificazione del trasporto multi-modale, le informazioni su reti ciclabili, accesso al bike sharing, e ai parcheggi biciclette devono essere integrate. Allo stesso modo i sistemi di bike sharing devono rientrare pienamente nella bigliettazione integrata. Per i viaggi in treno a lunga percorrenza deve essere permesso il trasporto di biciclette complete su tutti i servizi, emendando di conseguenza il regolamento EC 1371/2007 sui diritti dei passeggeri. 8. Statistiche e raccolta dati sull uso della bicicletta I dati sono politici. Ed ancor più, essi vengono usati per motivare decisioni su quali investimenti fare nelle infrastrutture dei trasporti. Mentre alcuni stati membri raccolgono ottimi dati sull uso della bicicletta, altri non lo fanno. Come conseguenza EuroStat non pubblica nessun dato 3/4

4 sull uso della bicicletta. Per ottenere buoni dati sugli attuali comportamenti nella ciclabilità, ECF raccomanda alla Commissione di convocare gruppi di esperti e relative valutazioni per realizzare un pacchetto di misure per l uso della bicicletta. In base a tale raccomandazione UE e stati membri dovranno provvedere a raccogliere i dati sull uso della bicicletta. 9. Un Master Plan europeo per la promozione della ciclabilità La ciclabilità è collegata a tutti i campi della politica europea. Ciò richiede una integrazione orizzontale per superare l'attuale approccio frammentario di differenti Direzioni Generali della Commissione. 11 stati membri della UE hanno attualmente in vigore strategie nazionali sulla ciclabilità, che definisce obbiettivi, strumenti e probabili risultati, ma che dà anche un forte segnale a tutte le altre autorità sulle politiche locali e regionali che riguardano la ciclabilità. La Commissione Europea dovrebbe seguire gli esempi nazionali, sviluppare e pubblicare un Master Plan sulla promozione della ciclabilità al più tardi nel Un obbiettivo della UE di ripartizione modale dei trasporti per il 2030 La UE ha già obbiettivi molto concreti in molte delle sue politiche, incluse quelle su mobilità urbana e trasporti. Per esempio la Commissione punta ad eliminare gradualmente i veicoli a carburante convenzionale per il 2050 e a raggiungere logistiche a zero CO2 nei maggiori centri urbani nel Mentre l ECF dà il benvenuto agli obbiettivi di mobilità urbana, pensiamo che sia cruciale aggiungere ad essa obbiettivi di ripartizione modale nei trasporti come significativo completamento. Se le auto a carburante convenzionale di oggi saranno semplicemente rimpiazzate nelle città da auto a carburante non-convenzionale, per es. auto elettriche, non ci sarà nessun progresso nella qualità dello spazio pubblico urbano, nel risolvere la carenza di parcheggi nei centri storici o nell incremento dell attività fisica dei cittadini europei. Almeno 6 stati membri si sono dati obbiettivi specifici di utilizzo della bicicletta. Sintesi delle raccomandazioni di ECF No Argomento 1 Fondi europei per progetti sulla ciclabilità 2 Sostenere EuroVelo, la rete europea di percorsi ciclabili 3 Veicoli motorizzati più sicuri per pedoni e ciclisti Raccomandazioni di ECF Durante il periodo finanziario della UE 6 miliardi di euro, cioè il 10% di tutti i budget per i trasporti, dovrà essere stanziato per la ciclabilità. Completare EuroVelo nel 2020 e asscicurare ad esso i fondi TEN-T Fornire assistenza tecnica e finanziaria per il coordinamento e la promozione della rete a livello europeo. Raccomandare che gli stati membri stabiliscano la velocità di 30 km/h invece che 50 km/h nei centri abitati Attrezzare i veicoli commerciali con assistenza intelligente velocità (ISA) e tutte le nuove autovetturealmeno con un ISA di preavviso; eventualmente attrezzare tutte le auto con ISA attivi Migliorare il design di cabina dei veicoli merci pesanti 4/4

5 4 Parità di condizioni per la ciclabilità con altri modi di trasporto 5 Migliore qualità dell aria in Europa 6 Trasporti e salute: i benefici della ciclabilità nelle politiche sanitarie e la dimensione salute nella valutazione dei trasporti 7 Intregrare la ciclabilità nei sistemi di trasporto multimodale 8 Statistiche e raccolta dati sull uso della bicicletta 9 Master Plan europeo per la promozione della ciclabilità 10 Obbiettivo della UE di ripartizione modale dei trasporti Raccomandare fortemente agli stati membri di dare alla ciclabilità parità di condizioni con altre modalità di trasporto in termini di incentivi fiscali ed altre faciltiazioni agli spostamenti casa-lavoro. Consentire agli stati membri di introdurre aliquote ridotte IVA sulla vendita di biciclette Adottare standard più severi di qualità dell aria, basati sulle linee guida OMS; Migliorare la conoscenza delle relazioni fra ripartizione modale dei trasporti e qualità dell aria ammbientale e analizzare quali contributi possano dare gli investimenti in ciclabilità nel raggiungere standard di qualità dell aria; Dare priorità alla mobilità attiva sul trasporto individuale motorizzato nelle città e rendere più pulti possibile i veicoli motorizzati La UE dovrebbe raccomandare fortemente agli stati membri di integrare i benefici della ciclabilità nelle politiche sanitarie e di integrare la dimensione sanitaria nelle valutazioni sui trasporti Se la UE co-finanzia progetti sui trasporti, la dimensione salute deve essere inclusa nella valutazione sui trasporti. Se la UE finanzia strumenti di pianificazione multimodale e sistemi di bigliettazione intregrata la ciclabilità deve farne parte; Sui treni a lunga percorrenza deve essere permesso il trasporto di biciclette complete su tutti i servizi Convocare gruppi di esperti e relative valutazioni nell orizzonte 2020 per realizzare un pacchetto di misure per l uso della bicicletta In base alle raccomandazioni dei gruppi di esperti, UE e stati membri dovranno provvedere a raccogliere i dati sull uso della bicicletta La Commissione Europea dovrebbe adottare un Master Plan sulla promozione della ciclabilità per il La UE dovrebbe adottare un obbiettivo ambizioso di ripartizione modale dei trasporti al più tardi per il /4

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER MOBILITY MANAGER D AZIENDA

CORSO DI FORMAZIONE PER MOBILITY MANAGER D AZIENDA BRESCIA 21 e 28 febbraio 7 marzo 2005 CORSO DI FORMAZIONE PER MOBILITY MANAGER D AZIENDA IL CONTRIBUTO DELLA BICICLETTA AL PIANO PER LA MOBILITA AZIENDALE Ing. Enrico Chiarini Ing. Enrico Chiarini - Corso

Dettagli

Dom. c) Per muoversi in città quale mezzo utilizza principalmente? L auto La moto/ il motorino I mezzi pubblici La bici Va a piedi Altro

Dom. c) Per muoversi in città quale mezzo utilizza principalmente? L auto La moto/ il motorino I mezzi pubblici La bici Va a piedi Altro Dom. a) L area in cui risiede è: Nel centro storico In centro città ma non nel centro storico In altri quartieri Dom. b) Nell area in cui risiede, attualmente: C'è una ZTL (zona a traffico limitato) Non

Dettagli

Materiali Didattici «Mobilità sostenibile» MATERIALI DI APPROFONDIMENTO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Materiali Didattici «Mobilità sostenibile» MATERIALI DI APPROFONDIMENTO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Materiali Didattici «Mobilità sostenibile» MATERIALI DI APPROFONDIMENTO GREEN JOBS Formazione e Orientamento Libro Bianco. Tabella di marcia verso uno spazio unico europeo dei trasporti- Per una politica

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

Premesso che: tenuto conto che:

Premesso che: tenuto conto che: Premesso che: Interrogazione In 13 a Commissione Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Al Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

Allegato. Carta Europea per la promozione e lo sviluppo della mobilità dolce e del turismo sostenibile nella Media Pianura Lombarda

Allegato. Carta Europea per la promozione e lo sviluppo della mobilità dolce e del turismo sostenibile nella Media Pianura Lombarda Allegato Carta Europea per la promozione e lo sviluppo della mobilità dolce e del turismo sostenibile nella Media Pianura Lombarda Pianura da Scoprire49 Indice Carta Europea Introduzione e piano d azione

Dettagli

The advanced logistics and intermodal system of the Northeast. Il sistema avanzato di logistica integrata. Your Ideal Logistics Provider

The advanced logistics and intermodal system of the Northeast. Il sistema avanzato di logistica integrata. Your Ideal Logistics Provider The advanced logistics and intermodal system of the Northeast Il sistema avanzato di logistica integrata Your Ideal Logistics Provider INTERPORTO PADOVA Interporto Padova S.p.A. è una società costituita

Dettagli

POLItiche ITALIA RACCOMANDAZIONI POLITICHE 2013 _ ITALIA

POLItiche ITALIA RACCOMANDAZIONI POLITICHE 2013 _ ITALIA 2013 RacCOMaNDAzIONi POLItiche ITALIA 1 KEEP ON TRACK! I progressi per il raggiungimento dei target al 2020 occorre siano accuratamente monitorati per assicurare che l'attuale sviluppo sia in linea con

Dettagli

SME INTEGRATION GUIDE. SMALL and MEDIUM-SIZED ENTERPRISES

SME INTEGRATION GUIDE. SMALL and MEDIUM-SIZED ENTERPRISES SME SMALL and MEDIUM-SIZED ENTERPRISES INTEGRATION GUIDE IT With financial support from the European Union Sole responsibility lies with the author and the Commission is not responsible for any use that

Dettagli

D i r e t t i v a Z O N E A B A S S E E M I S S I O NI Versione: Novembre 2015

D i r e t t i v a Z O N E A B A S S E E M I S S I O NI Versione: Novembre 2015 D i r e t t i v a Z O N E A B A S S E E M I S S I O NI Versione: Novembre 2015 Le zone a basse emissioni o a traffico limitato (LEZ/ZTL) sono aree che impongono limiti alle emissioni dei veicoli e vietano

Dettagli

Muoversi in città. Esperienze ed idee per la mobilità nuova in Italia. Francesco Petracchini

Muoversi in città. Esperienze ed idee per la mobilità nuova in Italia. Francesco Petracchini Muoversi in città. Esperienze ed idee per la mobilità nuova in Italia. Francesco Petracchini Gruppo mobilità sostenibile Kyoto Club. Città in movimento: pensare e progettare nuovi spazi di interazione

Dettagli

Green Mobility - un piano d azione per il futuro

Green Mobility - un piano d azione per il futuro Green Mobility - un piano d azione per il futuro Annette Kayser Project Manager, M. Sc. Città di Copenhagen La Regione dell Øresund 2,4 milioni di abitanti nella Regione. ¾ di questi nella parte Danese

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLO SPAZIO PUBBLICO

PROGETTAZIONE DELLO SPAZIO PUBBLICO BICIPLAN Individuazione della rete ciclabile strategica le ciclovie Quali tipologie per la rete portante PROGETTAZIONE DELLO SPAZIO PUBBLICO Interventi di moderazione del traffico Il concetto di «living

Dettagli

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza Aldo Vittorio MOLINARI Ingegnere in Milano La sicurezza stradale negli spostamenti sul lavoro e casa-lavoro. Il trasporto pubblico locale e la disciplina del traffico nelle strategie di miglioramento della

Dettagli

I p ri r n i ci c p i alil iri r f i l f e l s e si idel e llib i ro r bia i nco c o sullla l mob o iliilt i à re r g e io i n o ale l, e,

I p ri r n i ci c p i alil iri r f i l f e l s e si idel e llib i ro r bia i nco c o sullla l mob o iliilt i à re r g e io i n o ale l, e, I principali riflessi del Libro bianco sulla mobilità regionale, locale e urbana in Italia Carlo Carminucci, Isfort Roma, 17 giugno 2011 Dove eravamo rimasti: la mobilità locale nella programmazione europea.

Dettagli

La strategia europea al 2050 Metodologia TEN-T: la proposta di rete TEN-T italiana

La strategia europea al 2050 Metodologia TEN-T: la proposta di rete TEN-T italiana TEN-T Italian Transport Programme La strategia europea al 2050 Metodologia TEN-T: la proposta di rete TEN-T italiana CORRIDOI VERDI NELLA RETE TEN 6-7 Settembre 2011 TRENTO Ministero delleinfrastrututre

Dettagli

LE POLITICHE PER LA MOBILITÀ CICLABILE DEL COMUNE DI TORINO

LE POLITICHE PER LA MOBILITÀ CICLABILE DEL COMUNE DI TORINO LE POLITICHE PER LA MOBILITÀ CICLABILE DEL COMUNE DI TORINO Torino, settembre 2006 Torino 25 26 Febbraio 2009 Gabriella BIANCIARDI Percorsi europei per la mobilità sostenibile 1 TORINO ALCUNI DATI N ABITANTI:

Dettagli

con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus!

con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus! con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus! Lo sapete? Fatti e cifre sul trasporto con autobus in Italia e in Europa gli autobus sono essenziali alla mobilità delle persone? il trasporto

Dettagli

ACTION PLAN OTESHA. le organizzazioni locali e la società civile le autorità e i politici locali i politici europei

ACTION PLAN OTESHA. le organizzazioni locali e la società civile le autorità e i politici locali i politici europei ACTION PLAN OTESHA Action Plan Otesha è un action plan europeo condiviso dai CITIZENS europei al fine di promuovere un consumo più sostenibile nella vita di ogni giorno. Raggruppa gli impegni presi dalle

Dettagli

Il disegno di legge per una mobilità nuova

Il disegno di legge per una mobilità nuova Il disegno di legge per una mobilità nuova Dopo l incredibile giornata di sabato 4 Maggio, che ha visto le strade di Milano invase da decine di migliaia di persone a piedi e in bici, oggi vi presentiamo

Dettagli

C-LIEGE - Clean Last mile transport and logistics management for smart and efficient local Governments in Europe

C-LIEGE - Clean Last mile transport and logistics management for smart and efficient local Governments in Europe C-LIEGE - Clean Last mile transport and logistics management for smart and efficient local Governments in Europe DELIVERABLE D2.2 Knowledge Sharing Workshop proceedings- SUMMARY (Italian) Dissemination

Dettagli

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Bozza di indice 1. Il ruolo e i potenziali della mobilità sostenibile Definizione di Green Transport (dal Rapporto Towards a Green economy dell UNEP)

Dettagli

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO Popolazione/Inhabitants 1,800,000 1,700,000 1,600,000 1,500,000 1,400,000 1,300,000 1,200,000 1,100,000 1,000,000 Residenti a Milano

Dettagli

C-LIEGE - Clean Last mile transport and logistics management for smart and efficient local Governments in Europe

C-LIEGE - Clean Last mile transport and logistics management for smart and efficient local Governments in Europe C-LIEGE - Clean Last mile transport and logistics management for smart and efficient local Governments in Europe DELIVERABLE n. 7.1 TRANSFERABILITY PLAN FOR LOCAL GOVERNMENTS ON ENERGY SAVING AND SUSTAINABLE

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

La politica dei trasporti dell Unione europea Trasporti e viaggi più agevoli, più sicuri e più puliti

La politica dei trasporti dell Unione europea Trasporti e viaggi più agevoli, più sicuri e più puliti La politica dei trasporti dell Unione europea Trasporti e viaggi più agevoli, più sicuri e più puliti IT Il Gruppo PPE è impegnato a creare condizioni che favoriscano l introduzione di sistemi di trasporto

Dettagli

D i r e t t i v a G E S T I O N E S O S T E N I B I L E D E I P A R C H E G G I Versione: Novembre 2015

D i r e t t i v a G E S T I O N E S O S T E N I B I L E D E I P A R C H E G G I Versione: Novembre 2015 D i r e t t i v a G E S T I O N E S O S T E N I B I L E D E I P A R C H E G G I Versione: Novembre 2015 La gestione dei parcheggi è uno strumento potente con cui le città possono influenzare i trasporti.

Dettagli

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE)

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) INTRODUZIONE In concomitanza con l avvio dei lavori del 17esimo Forum Internazionale sull

Dettagli

MODELLO DI ENERGY AUDIT

MODELLO DI ENERGY AUDIT MODELLO DI ENERGY AUDIT Modello di Energy Audit Work Package n : 4 Deliverable nº: 13 Partner coordinatore di questo deliverable: A.L.E.S.A. Srl The sole responsibility for the content of this publication

Dettagli

Oggi parliamo di. Liberalizzazione del mercato elettrico

Oggi parliamo di. Liberalizzazione del mercato elettrico The sole responsibility for the content of this presentation lies with the authors. it does not necessarily reflect the opinion of the European Communities. The European Commission is not responsible for

Dettagli

APPLICAZIONE di ECVET PL n 4. Casi di Studio Europei RISULTATO n 7

APPLICAZIONE di ECVET PL n 4. Casi di Studio Europei RISULTATO n 7 APPLICAZIONE di ECVET PL n 4 Casi di Studio Europei RISULTATO n 7 DEKRA (LUGLIO, 2015) PROMETEO Project - Lifelong Learning Programme Leonardo Da Vinci (ToI) This project has been funded with support from

Dettagli

Obiettivo di Kyoto 2012

Obiettivo di Kyoto 2012 Un miliardo e seicentonovantadue milioni di euro in fumo: l autogol dell Italia su Kyoto L Italia continua a non definire una strategia per il rispetto del protocollo di Kyoto e paga dazio. L anno che

Dettagli

IEE/12/046/SI2.645700 Da Aprile 2013 a Marzo 2016

IEE/12/046/SI2.645700 Da Aprile 2013 a Marzo 2016 I Workshop GR3 L uso dell erba da sfalcio per la produzione di biogas: un opportunità da valutare Federico Correale Santacroce, Veneto Agricoltura GRass as a GReen Gas Resource Verona, Martedì 24 giugno

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITA O REGRESSO? SAN GIORGIO DI MANTOVA 16 FEBBRAIO 2011 CIRCOLO DELLA DECRESCITA FELICE DI MANTOVA

NUOVE OPPORTUNITA O REGRESSO? SAN GIORGIO DI MANTOVA 16 FEBBRAIO 2011 CIRCOLO DELLA DECRESCITA FELICE DI MANTOVA MOBILITA SOSTENIBILE NUOVE OPPORTUNITA O REGRESSO? SAN GIORGIO DI MANTOVA 16 FEBBRAIO 2011 CIRCOLO DELLA DECRESCITA FELICE DI MANTOVA MOBILITA SOSTENIBILE: LA VOGLIAMO COSI? COSI? COSI? COSI? . O COSI

Dettagli

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Scheda informativa 2 MISURE PER IL MOBILITY MANAGEMENT NELLE SCUOLE Annibale, il serpente sostenibile

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

- contribuire alla riduzione della povertà, - supportare la crescita economica ed - aiutare lo sviluppo dell amministrazione pubblica.

- contribuire alla riduzione della povertà, - supportare la crescita economica ed - aiutare lo sviluppo dell amministrazione pubblica. Il settore dei trasporti rappresenta un elemento di grande importanza per lo sviluppo di un paese, poichè le sue infrastrutture e servizi, se efficienti ed adeguati, possono: - contribuire alla riduzione

Dettagli

Moving in Europe. pamphlet - eu final civic recommendations

Moving in Europe. pamphlet - eu final civic recommendations Moving in Europe pamphlet - eu final civic recommendations This document is one of the activities promoted by the European project Mobility, a paradigm of European citizenship, which involved citizens

Dettagli

Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite

Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite in occasione della Prima Settimana Mondiale della Sicurezza Stradale, 23-29 aprile 2007. L a Prima Settimana Mondiale della Sicurezza Stradale delle

Dettagli

ASSOCIAZIONE SEED (SVIZZERA)

ASSOCIAZIONE SEED (SVIZZERA) Scheda informativa dell'impresa sociale ASSOCIAZIONE SEED (SVIZZERA) Fondata nel 2007 Forma legale Associazione Settore Fornitore di servizi per organizzazioni che operano nel sociale / sociale / cooperazione

Dettagli

Ti aspettiamo! www.eusd.it www.legambiente.it solardays@ambienteitalia.it campagne@legambiente.it

Ti aspettiamo! www.eusd.it www.legambiente.it solardays@ambienteitalia.it campagne@legambiente.it Mini guida all energia solare Cosa sono: gli European Solar Days sono la più importante campagna di informazione, su scala nazionale ed europea, per la promozione dell utilizzo dell energia solare sotto

Dettagli

INDIRIZZI AL SINDACO E ALLA GIUNTA PER L ADOZIONE DI UN PROGRAMMA STRATEGICO PER LA SICUREZZA STRADALE

INDIRIZZI AL SINDACO E ALLA GIUNTA PER L ADOZIONE DI UN PROGRAMMA STRATEGICO PER LA SICUREZZA STRADALE INDIRIZZI AL SINDACO E ALLA GIUNTA PER L ADOZIONE DI UN PROGRAMMA STRATEGICO PER LA SICUREZZA STRADALE Premesso che Roma è una delle città europee e tra le città italiane con il più alto tasso di vittime

Dettagli

PROGETTO SHEEP. Perché acquistare prodotti efficienti che consumano meno energia

PROGETTO SHEEP. Perché acquistare prodotti efficienti che consumano meno energia PROGETTO SHEEP Perché acquistare prodotti efficienti che consumano meno energia Premessa La presente dispensa è stata realizzata nell ambito del progetto SHEEP finanziato dal programma europeo Energie

Dettagli

LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA

LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA In Italia, nel 2008, gli incidenti stradali sono stati 218.963. Hanno determinato 4.731 morti e 310.739 feriti, per un costo sociale di circa 30 miliardi di Euro

Dettagli

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE The New Climate Economy Report EXECUTIVE SUMMARY La Commissione Mondiale per l Economia ed il Clima fu istituita per esaminare se sia possible ottenere una crescita economica

Dettagli

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 «Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 Our streets, our choice Ovvero «Le nostre strade, la nostra scelta»: lo slogan scelto quest'anno per la Settimana della Mobilità

Dettagli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità delle politiche nazionali e protezione degli utenti deboli LE DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638 incidenti stradali.

Dettagli

Prof. Ing. Ennio Cascetta

Prof. Ing. Ennio Cascetta Prof. Ing. Ennio Cascetta Professore Ordinario Università di Napoli Federico II Presidente delle Società Italiana di Politica dei Trasporti (S.I.Po.Tra) Roma, Centro Congressi Cavour, 30 aprile 2015 1

Dettagli

Progettazione della circolazione urbana

Progettazione della circolazione urbana Norme per i Piani Urbani del Traffico (PUT): Art. 36 del C.d.S. Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT (D.M. LL.PP. G.U. del 24.06.1995, n 146) [redatte su indicazioni del CIPET] 1

Dettagli

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Agenzia per la Mobilità EDUCAZIONE STRADALE TRA SCUOLA E FAMIGLIA L educazione

Dettagli

CONFERENZA PRESIDENTI 2010 Moderazione del traffico e ciclabilità diffusa Esperienze concrete e buone pratiche di comunicazione

CONFERENZA PRESIDENTI 2010 Moderazione del traffico e ciclabilità diffusa Esperienze concrete e buone pratiche di comunicazione FIAB Moderazione del traffico e ciclabilità diffusa Esperienze concrete e buone pratiche di comunicazione Mobilità e sicurezza: monitorabilità degli Obiettivi Edoardo Galatola Responsabile Sicurezza FIAB

Dettagli

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE UN RAPPORTO PER ROMA CAPITALE EXECUTIVE SUMMARY La mobilità costituisce un problema strategico prioritario per le aree urbane perché impatta direttamente

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

Metano e trasporti per il governo della mobilità

Metano e trasporti per il governo della mobilità Parma, 16 marzo 2010 Metano e trasporti per il governo della mobilità Lo stato dell arte delle più recenti azioni di mobilità sostenibile promosse dal Ministero dell ambiente Arch. Giovanna Rossi Ministero

Dettagli

Moving in Europe PER UNA MOBILITÀ PIÙ SOSTENIBILE E TUTELATA

Moving in Europe PER UNA MOBILITÀ PIÙ SOSTENIBILE E TUTELATA PER UNA MOBILITÀ PIÙ SOSTENIBILE E TUTELATA La presente guida rientra tra le attività promosse dal progetto europeo Mobilità, un paradigma della cittadinanza europea, che ha coinvolto cittadini di 8 Stati

Dettagli

Progettare una nuova mobilità per città (e territori) capaci di futuro

Progettare una nuova mobilità per città (e territori) capaci di futuro European Mobility Week Problematiche e misure per una mobilità urbana sostenibile Palermo 20 settembre 2007 Progettare una nuova mobilità per città (e territori) capaci di futuro Maria Rosa Vittadini Università

Dettagli

I fattori di rischio sanitario legati al traffico

I fattori di rischio sanitario legati al traffico POSSIBILI AZIONI COMUNI PER IL MIGLIORAMENTO DEI DETERMINANTI AMBIENTALI E SOCIALI DI SALUTE I fattori di rischio sanitario legati al traffico LA MOBILITA SOSTENIBILE costruzione delle competenze per rendere

Dettagli

Dimezzare morti e feriti tra i ciclisti entro il 2020. Documento ECF. 4 Programma d'azione UE per la sicurezza stradale 2011-2020

Dimezzare morti e feriti tra i ciclisti entro il 2020. Documento ECF. 4 Programma d'azione UE per la sicurezza stradale 2011-2020 Dimezzare morti e feriti tra i ciclisti entro il 2020 Documento ECF Per il 4 Programma d'azione UE per la sicurezza stradale 2011-2020 Giugno 2010 Scritto da: Fabian Küster, Catherine Laurence, Roger Geffen

Dettagli

SMART CITIES Roma, Senato della Repubblica, Sala palazzo Bologna 5 Giugno 2012 10:00 13:00

SMART CITIES Roma, Senato della Repubblica, Sala palazzo Bologna 5 Giugno 2012 10:00 13:00 SMART CITIES Roma, Senato della Repubblica, Sala palazzo Bologna 5 Giugno 2012 10:00 13:00 SMART CITIES Roma, Senato della Repubblica, Sala palazzo Bologna 5 Giugno 2012 10:00 13:00 SMART City Diagram

Dettagli

A Brescia su due ruote

A Brescia su due ruote Comune di Brescia - Assessorato alla Mobilità e Parchi A cura di E. Brunelli, V. Ventura Obiettivi per una politica a favore della mobilità ciclistica: CREAZIONE ED ESTENSIONE DELLA RETE CICLABILE SICUREZZA

Dettagli

Dagli anni 50 parte il boom dell automobile in Italia (e non solo) Ma negli anni 60 partono i primi provvedimenti di limitazione delle auto nei

Dagli anni 50 parte il boom dell automobile in Italia (e non solo) Ma negli anni 60 partono i primi provvedimenti di limitazione delle auto nei Muoversi in città. Esperienze ed idee per la mobilità nuova in Italia. Anna Donati, Gruppo mobilità sostenibile Kyoto Club. A SCUOLA E A LAVORO IN TPL. Messina, 23 marzo 2016 ATM - Comune di Messina Dipartimento

Dettagli

Esperienze di riferimento

Esperienze di riferimento Esperienze di riferimento Perché? Cosa? Come? "Se vuoi costruire una nave, non spronare la gente a raccogliere legna, preparare gli strumenti, assegnare loro compiti e il lavoro, ma insegna alla gente

Dettagli

info: www.eusd.it solardays@ambienteitalia.it

info: www.eusd.it solardays@ambienteitalia.it Cosa sono Gli European Solar Days sono la più importante campagna di informazione, su scala nazionale ed europea, per la promozione dell utilizzo dell energia solare sotto forma di calore (solare termico)

Dettagli

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 Verso il recepimento della Direttiva ITS in Italia: opportunità e prospettive nazionali Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 L Associazione TTS Italia TTS Italia è l Associazione

Dettagli

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU (redatto il 4 dicembre 2014) 1 SINTESI... 1 2 IL PGTU... 1 2.1 IL PGTU IN BREVE... 2 2.2 LE 6 AREE DI ROMA...

Dettagli

La Federazione Italiana Amici

La Federazione Italiana Amici La Federazione www.fiab-onlus.it La FIAB è una 9 federazione di 2 Associazioni e Gruppi cicloecologisti locali. Fondata nel 1989 siamo presenti in 17 regioni con 120 associazioni e 13.000 soci 2 1 20 19

Dettagli

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE

Dettagli

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2.1. Un processo graduale La messa in atto di un sistema di monitoraggio, quale quello sinteticamente delineato nel capitolo precedente, richiede un cambiamento

Dettagli

COSA E IL BICIPLAN? IL TERRITORIO GLI INTERVENTI PROMUOVERE LA BICI

COSA E IL BICIPLAN? IL TERRITORIO GLI INTERVENTI PROMUOVERE LA BICI progetto: Salita alle Monache Turchine 3, Genova ARENZANO, 13 GIUGNO 2009 COSA E IL BICIPLAN? IL TERRITORIO GLI INTERVENTI PROMUOVERE LA BICI COSA E IL BICIPLAN? MOTIVAZIONI Il BICIPLAN è uno strumento

Dettagli

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico Ottimizzare o disperdere risorse? La mobilità e il trasporto pubblico della città metropolitana Venerdì

Dettagli

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Introduzione Il traffico è la causa principale dell inquinamento urbano. Nelle aree urbane e metropolitane si sviluppa circa il 70 per cento di

Dettagli

Conoscere l etichetta energetica per risparmiare energia

Conoscere l etichetta energetica per risparmiare energia Formazione & informazione Conoscere l etichetta energetica per risparmiare energia Milena Presutto/Patrizia Pistochini per informazioni: eventienea_ispra@enea.it ENEA Ispra, 13-14 maggio 2014 Contenuto

Dettagli

Bari, an European SMART CITY. Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari

Bari, an European SMART CITY. Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari Bari, an European SMART CITY Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari I cambiamenti climatici sono un fenomeno di portata globale, tuttavia le città possono contribuire in maniera

Dettagli

C4 COMPONENTE PARTECIPAZIONE: Visione Comune Strategica. Fase 1 Avvio del processo partecipato

C4 COMPONENTE PARTECIPAZIONE: Visione Comune Strategica. Fase 1 Avvio del processo partecipato MED Programme Progetto MedStrategy Strategia Integrata per lo Sviluppo Sostenibile delle Aree Rurali del Mediterraneo Project reference no.: 2G-MED09-282 C4 CMPNENTE PARTECIPAZINE: Visione Comune Strategica

Dettagli

PICUM è una organizzazione non-governativa che promuove il rispetto per i diritti umani degli immigrati privi di documenti.

PICUM è una organizzazione non-governativa che promuove il rispetto per i diritti umani degli immigrati privi di documenti. PICUM è una organizzazione non-governativa che promuove il rispetto per i diritti umani degli immigrati privi di documenti. Van Parys Media MRCI DWAG & Susan Gogan Van Parys Media Difendere i diritti umani

Dettagli

Lezione n. 9 Pianificazione dei trasporti (PUM e PUT)

Lezione n. 9 Pianificazione dei trasporti (PUM e PUT) Tecnica e pianificazione urbanistica AA 2012-13 Prof. Maria Rosa Vittadini Lezione n. 9 Pianificazione dei trasporti (PUM e PUT) Le principali fonti per questa lezione : UE Libro Bianco 2001, La politica

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Roma 17 settembre 2013

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Roma 17 settembre 2013 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Roma 17 settembre 2013 Smart Mobility per città più vivibili L innovazione della mobilità elettrica in Italia Arch. Giovanna Rossi Responsabile

Dettagli

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Marco D Onofrio Direttore Divisione 3 della Direzione Generale TPL, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Coordinato

Dettagli

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE 28 February 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna PARKING MANAGEMENT AND MOBILITY IN BOLOGNA: THE NEW URBAN TRAFFIC PLAN Mr. Paolo Ferrecchi

Dettagli

2008MANIFESTO. Proposte al nuovo Parlamento e al Governo che guiderà il Paese REGOLE SICUREZZA FORMAZIONE FISCO AMBIENTE

2008MANIFESTO. Proposte al nuovo Parlamento e al Governo che guiderà il Paese REGOLE SICUREZZA FORMAZIONE FISCO AMBIENTE 2008MANIFESTO Proposte al nuovo Parlamento e al Governo che guiderà il Paese REGOLE SICUREZZA FORMAZIONE FISCO AMBIENTE Muoversi in sicurezza e nel rispetto dell ambiente, oltre ad essere una necessità

Dettagli

Ing. Claudio Maltoni Forlì Mobilità Integrata società in house del Comune di Forlì

Ing. Claudio Maltoni Forlì Mobilità Integrata società in house del Comune di Forlì Verso una distribuzione più sostenibile delle merci nel tessuto urbano della città: presentazione del Progetto europeo SMARTSET 18 Maggio 2013 Camera di Commercio di Forlì-Cesena Sala Zambelli Ing. Claudio

Dettagli

Scheda 3 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ SOCIALE DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 3 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ SOCIALE DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 3 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ SOCIALE DELLA MOBILITÀ GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il tema della mobilità sostenibile può essere visto da un particolare punto di vista cioè concentrando

Dettagli

Parere del Comitato delle regioni Pacchetto per la mobilità urbana (2014/C 271/04) Albert Bore (UK/PSE), membro del consiglio comunale di Birmingham

Parere del Comitato delle regioni Pacchetto per la mobilità urbana (2014/C 271/04) Albert Bore (UK/PSE), membro del consiglio comunale di Birmingham C 271/18 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 19.8.2014 Parere del Comitato delle regioni Pacchetto per la mobilità urbana (2014/C 271/04) Relatore: Albert Bore (UK/PSE), membro del consiglio comunale

Dettagli

Treno Verde 2013. L auto slow vince l inedito Trofeo 30 e lode. Legambiente lancia l appello per l introduzione del limite 30 km/h in città

Treno Verde 2013. L auto slow vince l inedito Trofeo 30 e lode. Legambiente lancia l appello per l introduzione del limite 30 km/h in città Comunicato Stampa Treno Verde 2013 L auto slow vince l inedito Trofeo 30 e lode Legambiente lancia l appello per l introduzione del limite 30 km/h in città Limiti di velocità sistematicamente violati a

Dettagli

Verso la città relazionale: ripensare le strade per una Mobilità Nuova

Verso la città relazionale: ripensare le strade per una Mobilità Nuova Verso la città relazionale: ripensare le strade per una Mobilità Nuova Che cos'è lo spazio pubblico? Lo spazio pubblico è un luogo fisico caratterizzato da un uso sociale collettivo ove chiunque ha il

Dettagli

ECO-SOCIAL E-SHOPS (MACEDONIA)

ECO-SOCIAL E-SHOPS (MACEDONIA) Scheda informativa dell'impresa sociale ECO-SOCIAL E-SHOPS (MACEDONIA) Fondata nel 1998 Forma legale Settore Area servita Sito web ONG Sociale - Sviluppo sostenibile Nazionale http://www.ort.org.mk/en

Dettagli

FIESTA. Families Intelligent Energy Saving. Targeted Action IEE/13/624/SI2.687934

FIESTA. Families Intelligent Energy Saving. Targeted Action IEE/13/624/SI2.687934 Families Intelligent Energy Saving Targeted Action IEE/13/624/SI2.687934 FIESTA The sole responsibility for the content of this presentation lies with the authors. It does not necessarily reflect the opinion

Dettagli

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI MOBILITA CICLISTICA A MILANO MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI BICICLETTA elaborato: presentazione codifica: 120100013_00 data: 17/05/2012 redatto: Veronica Gaiani verificato:

Dettagli

Francesco Paolo Lamacchia, Ph.D., P.E. International Technical Consultant

Francesco Paolo Lamacchia, Ph.D., P.E. International Technical Consultant Relatore Francesco Paolo Lamacchia, Ph.D., P.E. International Technical Consultant Altamura, 15 Novembre 2013 Ore 9:00 Sede Corso Umberto n.10 Altamura (BA) In #London, #Cologne, #Amsterdam and #Brussels,

Dettagli

Il Mobility Management. Maria Lelli

Il Mobility Management. Maria Lelli Il Mobility Management Maria Lelli IL MOBILITY MANAGEMENT Il MOBILITY MANAGEMENT è un approccio ai problemi della mobilità orientato alla gestione della domanda per la promozione della MOBILITA SOSTENIBILE

Dettagli

Advisory Board Liberalizzazione e competizione: lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi ferroviari in Europa e in Italia

Advisory Board Liberalizzazione e competizione: lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi ferroviari in Europa e in Italia Advisory Board Liberalizzazione e competizione: lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi ferroviari in Europa e in Italia I 10 punti chiave del rapporto I 10 PUNTI CHIAVE DEL RAPPORTO 1. L Europa,

Dettagli

Un piano per il BIKE SHARING regionale

Un piano per il BIKE SHARING regionale Un piano per il BIKE SHARING regionale Paolo Ferrecchi Direttore generale Reti infrastutturali, logistica e sistemi di mobilità. Regione Emilia-Romagna Settimana di educazione allo sviluppo sostenibile

Dettagli

Essence - Emerging Security Standards for the EU power Network controls and other Critical Equipment 2012-2014

Essence - Emerging Security Standards for the EU power Network controls and other Critical Equipment 2012-2014 Alberto_stefanini@virgilio.it Alberto_stefanini@virgilio.it Alberto_stefanini@virgilio.it Essence - Emerging Security Standards for the EU power Network controls and other Critical Equipment 2012-2014

Dettagli

Programma 2011-2020 sulla sicurezza stradale: misure dettagliate

Programma 2011-2020 sulla sicurezza stradale: misure dettagliate MEMO/10/343 Bruxelles, 20 luglio 2010 Programma 2011-2020 sulla sicurezza stradale: misure dettagliate La Commissione ha adottato oggi un programma ambizioso sulla sicurezza stradale inteso a dimezzare

Dettagli

LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0. Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA

LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0. Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0 Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA 1 I PRINCIPALI DATI DI ASSTRA I PRINCIPALI DATI DELLE AZIENDE ADERENTI AD ASSTRA Membri associati

Dettagli

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo Assessorato ai Trasporti Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo La mobilità delle persone in ambito urbano

Dettagli