FASE DI IMPLEMENTAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FASE DI IMPLEMENTAZIONE"

Transcript

1 FASE DI IMPLEMENTAZIONE

2 NEWSLETTER 1, GIUGNO 2013

3 3 IL PROGETTO URBACT MARKETS RAFFORZA IL POTERE DEGLI STAKEHOLDER LOCALI. IL PROGETTO URBACT MARKETS PUNTA AD ESSERE UNO STRUMENTO CHIAVE DI SVILUPPO DELL OCCUPAZIONE E DELL IMPRENDITORIALITA, DELLA RIGENERAZIONE URBANA E DELLA SOSTENIBILITA NELLE CITTA Torino fa parte di un progetto europeo volto a rendere i mercati urbani motore di sviluppo dell occupazione, dell imprenditorialità, della rigenerazione urbana e delle economie a basso consumo energetico nelle città. Il progetto URBACT Markets riguarda 9 città europee, tra le quali Barcellona, Londra e Torino, che lavorano per implementare best practices legate ai mercati. Il progetto ha anche per scopo la creazione di un evento, pietra miliare nel calendario Europeo: la Giornata Europea dei Mercati. Attualmente, le autorità di gestione dei mercati locali stanno lavorando con gli stakeholder per identificare e porre le basi di un piano strategico per i mercati di Torino. Torino partecipa ad una sfida che riguarda tutta l Europa per rafforzare le capacità dei mercati nel sviluppare le città. Attualmente in fase di implementazione, URBACT Markets metterà in atto piani strategici per incentivare i mercati a generare occupazione e imprenditorialità, sviluppare le aree urbane e creare un ambiente locale più sostenibile..

4 4 CALENDARIO URBACT MARKETS FASE D IMPLEMENTAZIONE I mercati cambiano le città URBACT Markets è un progetto da 800,000 Euro che coinvolge le città di Barcellona, Londra (in particolare il Westminster City Council, UK), Torino (Italia), Suceava (Romania), Dublino (Irlanda), Tolosa (Francia), Pécs (Ungheria), Wroclaw (Polonia) e Attica (Grecia). Finanziato dal Fondo Regionale per lo Sviluppo dell Unione Europea, il progetto si inserisce nell URBACT European exchange and learning programme, che promuove lo sviluppo urbano sostenibile e la capacità delle città a condividere buone pratiche e insegnamenti con gli altri professionisti coinvolti nelle politiche urbane in Europa. URBACT vanta oggi più di 50 esperienze diverse di best-practice nei progetti urbani in ambiti vari, dall uso dei porti per lo sviluppo urbano ai progetti di mobilità nelle città. Questo progetto rappresenta un importante opportunità di imparare e implementare piani di azione per sviluppare l occupazione a livello locale, rigenerare i centro-città, creare reti locali di approvvigionamento efficienti e utilizzare i mercati per la crescita urbana. PRIMA PARTE: FINO A SETTEMBRE 2013 Recentemente, il Comitato di Monitoraggio di URBACT, con sede a Parigi, ha annunciato il suo consenso per il passaggio del progetto URBACT alla fase di implementazione, che durerà 27 mesi. Il progetto è diviso in 3 aree, ognuna guidata da una delle città partecipanti seguenti: - Barcellona guida il gruppo tecnico di lavoro sui mercati come motore per la rigenerazione urbana e sociale - Londra guida il gruppo per la promozione delle politiche di sostenibilità, sia in termini di catene di distribuzione alimentare, sia in termini di costruzioni efficienti - Torino sta sviluppando conoscenze per il rafforzamento dei mercati ai fini di generare benefici economici, occupazione e imprenditorialità. Ora le città partecipanti lavoreranno fino a settembre per sviluppare analisi SWOT (funti di forza, punti deboli, opportunità, pericoli) per i propri mercati e un manuale di buone pratiche per ciascuna delle tre aree citate sopra. Inoltre coinvolgeranno stakeholders locali per fare emergere nuove idee per i propri mercati, dialogando con partner tra cui commercianti, associazioni di quartiere, amministrazioni locali, ecc. SECONDA PARTE: DA SETTEMBRE 2013 A GENNAIO 2015 Questa fase includerà proposte concrete e piani di azione parte di piani strategici locali. L intero processo prevede una significativa partecipazione di stakeholder dei mercati, tra cui associazioni che rappresentano venditori ambulanti, commercianti, cittadini, entità economiche, istituzioni e altri enti coinvolti. Lo scopo è quello di raggiungere un accordo su un Piano di Azione Locale che sarà sviluppato negli anni successivi.

5 5 CALENDARIO URBACT MARKETS FASE D IMPLEMENTAZIONE TERZA PARTE: APRILE 2015 FINO AD Questa fase vedrà l implementazione di alcuni dei piani suddetti nelle città partner. Una delle proposte in corso di attuazione è quella di organizzare un European Day of Markets (Giornata Europea dei Mercati) tra i mesi di ottobre 2014 e Aprile 2015, nelle città partner, nell ottica di promuovere i mercati in Europa. Il mercato della Boqueria a Barcellona trasformato in passerella per una sfilata di moda CONFERENZE E SCAMBIO DI INFORMAZIONI Poichè l idea del progetto è quella di condividere informazioni e aiutare gli altri ad imparare buone pratiche, tre seminari transnazionali per evidenziare i problemi incontrati e dare aggiornamenti sui progetti urbani saranno organizzati per tutti i partner. I partecipanti potranno inoltre assistere a conferenze tematiche di esperti su temi specifici legati gli obiettivi dei tre ambiti chiavei. Visite studio saranno organizzate per facilitare gli scambi di know-how tra i partner. LA STORIA DI URBACT MARKETS Il progetto URBACT Markets è iniziato nel maggio 2012 con la cosiddetta fase di sviluppo con le città Londra, Torino (Italia), Suceava (Romania), e Plovdiv (Bulgaria) con Barcellona alla guida del gruppo di sviluppo urbano, Londra del gruppo sulla sostenibilità e Torino quello sull occupazione. Lo scopo era l apprendimento di buone pratiche degli altri partner, nell ambito dell obiettivo europeo di condivisione della conoscenza. Da allora fino a ottobre 2012, i rappresentanti delle città si sono impegnati con gli stakeholder locali a delineare esempi di buone prassi per creare un cosiddetto baseline study che mettesse in evidenza lo stato dell arte nell uso dei mercati come strumento di rigenerazione urbana e di specifici quartieri, creando economie a basse emissioni e catene di approvvigionamento locali, e generando ricchezza economica e posti di lavoro. Il baseline study (disponibile sul sito urbact.eu/markets ) comprende anche aspetti che coinvolgono tutti i gruppi di lavoro come il rinnovo di quartieri in declino e degradati, la scelerisque capacità dei quis, mercati consequat di quis, creare mattis legami ac, e il loro utilizzo per creare spazi dinamici di partecipazione pubblica e promuovere la salute pubblica.

6 6 NOTIZIE DAI PARTNER CASO STUDIO: TORINO IL COINVOGLIMENTO DEGLI STAKEHOLDERS DA RISULTATI PER TORINO: DI INVESTIMENTI PER IL WEB Le attività del Gruppo di Supporto Locale URBACT (ULSG) sono vincenti per Torino. Grazie ad idee concrete dell ULSG, la Camera di Commercio di Torino ha annunciato l avvio di un investimento di per creare una piattaforma web volta a promuovere i mercati locali e sperimentare servizi innovativi per i mercati. Coinvolgere i diversi stakeholder coinvolti nei progetti URBACT, qualunque sia la loro funzione, è un fattore chiave di successo. Questo è un principio guida dei metodi di URBACT. Il Metodo di Torino: Lavorare con i gruppi locali di supporto Prima di tutto, i leader del progetto URBACT identificano le persone e organizzazioni che hanno un interesse nella tematica trattata. Il risultato sono incontri a cui partecipano tra i 5 e gli 8 stakeholder, con 2 o 3 facilitatori. Questi stakeholder rappresentano tra gli altri la Camera di Commercio, consumatori, fornitori di servizi pubblici, residenti, commercianti. L incontro segue un percorso ben definito: i facilitatori usano una lavagna per annotare idee concrete sviluppate nel corso della discussione, dando all inizio una visione di insieme di come quell argomento era trattato in passato. Gli stakeholder si concentrano poi sul presente, mettendo in luce i punti di forza e le debolezze inerenti la situazione e valutando la loro importanza. Di nuovo, le idee vengono scritte sulla lavagna man mano che emergono. Il passo successivo è di solito il più creativo poichè le parti riflettono sul futuro del problema, generando idee che potrebbero migliorare la situazione. Il processo ha principalmente lo scopo di facilitare l approccio ad alcuni problemi centrali. Questi sono riassunti in un breve documento che evidenzia i punti principali emersi nel meeting, in particolare un analisi della situazione in esame con i suoi punti deboli o di forza e idee per il futuro. Questi verbali vengono poi raccolti dall esperto tematico URBACT di Torino e saranno presentati ai meeting plenari con gli stakeholders, nel corso del progetto URBACT, alla presenza dei rappresentanti politici competenti e della stampa. I partner transnazionali si incontrano a Dublino I partner di URBACT Markets si incontrano a Dublino l 8 luglio per la loro prima riunione transnazionale della fase d implementazione. Vengono qui presentate le analisi strategiche e SWOT dei partner. Il primo giorno di lavori vede anche presentazioni da parte di esperti tematici su ciascuna delle aree di studio principali del progetto, cioè Mercati e Pianificazione Urbana, Mercati e Economie a Basse Emissioni e Mercati e Imprenditorialità. Il secondo giorno del meeting si concentra sulla composizione dei gruppi locali di supporto, su un aggiornamento riguardo all iniziativa di URBACT Markets per creare una Giornata Europea dei Mercati e altre attività di comunicazione..

7 Quali sono i benefici del SFIDE DEI PARTNER progetto per voi? URBACT MARKETS 7 Attica Torino avrà numerosi benefici partecipando al progetto URBACT Markets: L elaborazione e approvazione di un Piano di Azione completo per i nostri mercati locali L identificazione e la promozione di nuove politiche di buone pratiche, investimenti e iniziative La generazione di conoscenze sui mercati che possono essere esportate ad altre città simili L attrazione di fondi europei o di altre fonti di finanziamento I mercati si adattano perfettamente alla nuova strategia europea per le SMART cities perché sono un mezzo per sviluppare la rigenerazione urbana e architettonica, la creazione di posti di lavoro e di dinamismo economico, catene di approvvigionamento locali, e possono promuovere i valori delle città sostenibili del futuro: promuovendo la produzione locale, la mobilità locale, il mangiare sano, l interazione tra le comunità rurali e urbane e possono anche creare spazi urbani di interazione. Per Torino, URBACT Markets rappresenta un opportunità di partecipazione alla costruzione dell agenda europea per i mercati e forse anche di poter ottenere opportunità di finanziamento così come il rafforzamento di modelli congiunti di gestione pubblico-privata. Attica è una penisola triangolare affacciata sul Mare Egeo. Nella Regione dell Attica si trova la capitale della Grecia, cioè Atene. Con più di 3.8 milioni di abitanti, l Attica è il principale hub di trasporto della Grecia, con il Porto del Pireo e il suo più vasto aeroporto (El. Venizelos). La regione conta 370 mercati, quasi tutti mercati alimentari settimanali all aperto, gestiti da una molteplicità di enti pubblici, agenzie e amministrazioni. L Attica si concentra su uno schema di cooperazione con la Città di Atene per dare un nuova vita a vecchi mercati coperti ormai chiusi, così come a mercati tradizionali all aperto, al fine di trasformarli in attrazioni turistiche. Il piano prevede miglioramenti e promozione del mercato coperto centrale di Atene (immagine sopra). Lo scopo è quello di integrare, ridisegnare e rafforzare il potenziale dei mercati locali tramite un piano generale di rigenerazione urbana e economica. Programmi di modernizzazione sono in corso di implementazione nei mercati alimentari coperti centrali nel rispetto di rigidi standard igienici e di qualità, rinnovando le strutture, migliorando i locali per lo stoccaggio e introducendo programmi ambientali per migliorare le aree intorno ai mercati. Occupazione e imprenditorialità Politiche per la costruzione di una rete di mercati verdi nella Regione dell Attica sono state adottate. Questa scelta implica la costruzione di mercati all aperto più attrattivi per i turisti e un miglioramento della qualità dell occupazione.

8 Barcellona 8 Situata sulla costa Mediterranea, l area metropolitana di Barcellona conta 5 milioni di abitanti ed è il cuore economico della Spagna e la capitale della regione autonoma della Catalogna. Conta 39 mercati alimentari coperti e 4 all aperto di vari prodotti e permanenti. Sono gestiti da un agenzia municipale con la partecipazione degli commercianti. vuole usare il potenziale dei mercati coperti e all aperto per dare valore aggiunto all ospitalità e alle attività del tempo libero. La rigenerazione dei mercati potrebbe essere un catalizzatore per una rivitalizzazione più ampia dell intera area. Il rinnovo del mercato di frutta e verdura significherebbe opportunità di sviluppo del campo turistico, così come migliori interazioni all interno della comunità. Barcellona ha ampiamente usato i mercati per rigenerare i suoi quartieri, con particolare riguardo questioni relative alle consegne e ai flussi di traffico e ad altri aspetti legati all impatto dei mercati sulla coesione sociale, al commercio locale, al mangiare sano, ai parcheggi, alla logistica sotterranea e alla gestione e raccolta differenziata dei rifiuti. Con 10 grandi progetti attualmente in corso, i mercati sono attori strategici in termini di rigenerazione urbana. L etica della pianificazione dei mercati della città si basa sul rispetto della sostenibilità e sul basso consumo energetico, sarà quindi un area chiave del progetto URBACT Markets. Occupazione e imprenditorialità Una delle forze motrici dello sviluppo dei mercati è la promozione delle produzioni locali e la creazione di opportunità per gli imprenditori locali e le produzioni alimentari locali. Londra (Westminster) I mercati di Barcellona si presentano già come un modello per le economie a basso impatto energetico in ragione dalla loro vicinanza alle popolazioni locali. Si stanno introducendo nuove tecnologie nei mercati della città per risparmiare energia, come il controllo climatico geotermico, i panelli solari, fotovoltaici e il riciclo. Occupazione e imprenditorialità La modernizzazione di numerosi mercati dimostra che Barcellona è in grado di adattare i propri mercati alle nuove tendenze di vendita nella grande distribuzione, generando nuova attività attorno ai mercati e creando posti di lavoro di qualità. Dublino Con una popolazione di abitanti, Dublino è la capitale della Repubblica d Irlanda. Il suo mercato di frutta e verdura è il mercato principale che la Città di Dublino ha coinvolto, e viene gestito da un sovrintendente, mentre gli altri mercati di strada e dei contadini vengono gestiti attraverso altri dipartimenti. La Città Londra è l area metropolitana più vasta dell Unione Europea e la quinta città più ricca del mondo. Conta 162 mercati di cui il 60% è coperto. Londra deve affrontare numerose sfide riguardo alle capacità delle autorità locali di gestire i propri mercati a livello commerciale per generare profitti.

9 Le politiche per i mercati hanno lo scopo di integrare i mercati con le attività commerciali esistenti e di bilanciare le necessità di turismo, commercio locale ed abitanti. 9 all aperto d Europa. Questi stanno affrontando dei processi di cambiamento che richiedono azioni coordinate da parte degli stakeholders locali. Le autorità locali sono sempre più interessate a promuovere un cambiamento del panorama commerciale, in particolar modo portando le persone nelle aree in cui sono situati i mercati, e affrontando i problemi connessi ai parcheggi nel centro di Londra. Le autorità inoltre, sono interessate a ridurre l impatto ambientale ed l impronta di CO2 dei mercati, specialmente limitando l uso delle buste di plastica, favorendo catene di distribuzione locali (Km0), sviluppando un sistema diffuso di riciclaggio del cibo, la centralizzazione dei sistemi di trasporto e consegna e l uso di fonti di energia sostenibili. Pecs Pecs è la più grande città nell Ungheria sud-occidentale, una dei capoluoghi di regione del paese, con più di abitanti. Un tempo città industriale, ora è maggiormente incentrata sulla cultura, ricerca ed innovazione. Ci sono 3 mercati alimentari e 1 non alimentare, con un mercato centrale di 3000 m2 aperto tutti i giorni. Tutti i mercati sono gestiti dalla società comunale Pecs Holding Zrt, dietro pagamento dei costi di affitto. Pecs mira a rivitalizzare due ampie piazze del centro cittadino, ospitando un mercato (one time market??) che riporta verso i tempi medievali e crea connessioni sociali Occupazione e imprenditorialità La città vuole incoraggiare i commercianti locali e delle aree confinanti, a vendere i propri prodotti nei mercati di Pecs. Torino è situata nel nord Italia e ha una popolazione di circa 1 milione di abitanti. E un centro turistico vivace e sede di un importante casa automobilistica. Nel 2006 ha ospitato i Giochi Olimpici Invernali. Torino conta 46 mercati all aperto e 6 coperti, tra cui il famoso mercato di Porta Palazzo, il più grande mercato Torino è impegnata a creare politiche integrate volte a coinvolgere i quartieri nella promozione dei mercati ed particolarmente nell uso dei mercati al fine di rivitalizzare le aree urbane meno sviluppate. Una delle sfide principali che Torino vuole affrontare è l uso dei mercati come uno strumento di promozione del commercio locale da parte dei contadini ed più in generale, il commercio a km 0 Occupazione ed imprenditorialità La città vuole capire l impatto potenziale dei mercati sulla creazione di occupazione. Vedono anche la capacità dei mercati nel generare profitti per i commercianti locali e nell attirare turismo, in particolar modo incoraggiando l uso di prodotti locali nei ristoranti e l apertura di nuove attività di ristorazione sorte all interno o vicino ai mercati. Modificare gli orari di apertura e chiusura dei mercati è un altra sfida per Torino. Tolosa

10 10 Tolosa si trova nel sud ovest della Francia con 1,2 milioni di abitanti. Conosciuta per la sua industria aerospaziale e high-tech oltre che per la massiccia popolazione studentesca. Tolosa ha 34 mercati, tutti gestiti direttamente dalla città. Tolosa ha affrontato un percorso politico chiaro, finalizzato alla creazione di una struttura del centro urbano solida, in cui i mercati giochino un ruolo decisivo. Vuole sviluppare il centro città e le maggiori vie commerciali tramite politiche integrate, allo scopo di sviluppare i mercati per creare una struttura urbana migliore. Tolosa sta affrontando ingenti investimenti per le linee di tram cittadini e le piste ciclabili, il che rivela il bisogno di creare una densa struttura urbana centrale piuttosto che una più ampia area commerciale periferica, offrendo ai consumatori prodotti locali Suceava Occupazione ed imprenditorialità Suceava vuole promuovere attività commerciali per creare lavoro, incentivare buone abitudini alimentari, una catena di distribuzione alimentare locale e prodotti ecologici Made in Bukovina Wroclaw Suceava si trova nella regione Bukovina, nel nord-est della Romania, con abitanti. La bellezza naturale porta turismo nella regione che ha anche un importante settore industriale, basato sulla produzione di legno e lavorazione del vetro. Suceava ha 3 mercati alimentari e uno non alimentare, 2 dei quali vendono prodotti fabbricati a mano tradizionali ed oggetti made in Bukovina Il centro città è stato rinnovato con aree pedonali, creando il problema dei parcheggi. La città ha come obiettivo quello di sviluppare un piano di mobilità e dei trasporti pubblici migliore e più rispettoso dell ambiente. Anche il problema del riciclaggio dei rifiuti è una priorità. Wroclaw si trova nel sud ovest della Polonia, vicino ai confini polacchi, cechi e tedeschi. Fa vanto di una vibrante popolazione studentesca, con una forte economia manifatturiera. Vi sono 17 mercati, solo 2 dei quali alimentari. I mercati di prodotti alimentari freschi hanno difficoltà a trovare il loro posto nell offerta commerciale. Il centro città di Wroclaw si è innovato molto e questo dovrebbe aiutare le attività commerciali locali a competere con la crescente attrazione dei centri commerciali. L area commerciale principale è stata rimessa in sesto e i lavori di rigenerazione urbana hanno aiutato la città ad organizzare le fiere di prodotti locali e rurali 2 volte l anno, oltre al periodo natalizio. La città cerca anche di promuovere prodotti fatti a mano e a sviluppare nuove cooperative commerciali.

11 URBACT è un programma di scambio e apprendimento, che promuove uno sviluppo urbano sostenibile. Rende possibile alle città di lavorare congiuntamente per sviluppare soluzioni alle maggiori sfide urbane, riaffermando il ruolo chiave che svolgono nell affrontare delle sfide sociali sempre più complesse. Le aiuta a sviluppare soluzioni pragmatiche che risultino nuove e sostenibili, e che possano integrare la dimensione economica con quella sociale ed ambientale. Rende possibile alle città di condividere le esperienze positive e le lezioni apprese con tutti i professionisti coinvolti nelle politiche urbane attraverso l Europa. URBACT coinvolge 181 città, 29 paesi e partecipanti attivi.

I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA

I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA 2 I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA I MERCATI SONO UNO STRUMENTO CHIAVE DI SVILUPPO DELLA RIGENERAZIONE URBANA, DI STILI DI VITA SOSTENIBILI, DELL OCCUPAZIONE E IMPRENDITORIALITÀ NELLE CITTÀ.

Dettagli

URBACT. NEWSLETTER 3, APRILE 2015 www.urbact.eu

URBACT. NEWSLETTER 3, APRILE 2015 www.urbact.eu URBACT NEWSLETTER 3, APRILE 2015 www.urbact.eu 2 IL PROGETTO URBACT MARKETS SI CONCLUDE MENTRE I PARTNERS CONTINUANO A SCAMBIARE CONOSCENZE E COLLABORAZIONI Più di 30 rappresentanti dai 9 partner di URBACT

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

Un progetto territoriale condiviso. Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno

Un progetto territoriale condiviso. Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno Il Piano di Azione Congiunto per l Energia sostenibile dell Isola d Elba Un progetto territoriale condiviso Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno LA RISPOSTA DEL JRC 2 Gli Interventi previsti

Dettagli

Bari, an European SMART CITY. Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari

Bari, an European SMART CITY. Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari Bari, an European SMART CITY Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari I cambiamenti climatici sono un fenomeno di portata globale, tuttavia le città possono contribuire in maniera

Dettagli

Il Programma MED 2014-2020

Il Programma MED 2014-2020 Il Programma MED 2014-2020 Obiettivo generale Promuovere una crescita sostenibile nel bacino mediterraneo favorendo pratiche innovative e un utilizzo ragionevole delle risorse (energia, acqua, risorse

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi.

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. Obiettivi generali Obiettivi specifici 5. Target: chi può partecipare 6. Progetto Pianifica T.U.:

Dettagli

Struttura di Università e Città

Struttura di Università e Città Sine Putimu. Università e città_allegati In occasione del quarto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

EATING CITY: Food & Cities: il futuro smart delle politiche alimentari urbane

EATING CITY: Food & Cities: il futuro smart delle politiche alimentari urbane EATING CITY: Food & Cities: il futuro smart delle politiche alimentari urbane Saragossa 20 Novembre 2015 Mensa Civica Maurizio Mariani President of Risteco Le Attività di Risteco Consorzio no profit per

Dettagli

CAPITOLO I: SCOPI E PRINCIPI

CAPITOLO I: SCOPI E PRINCIPI STATUTO RURENER Principi, diritti e doveri dei membri RURENER Disclaimer La responsabilità esclusiva del contenuto di questa pubblicazione è degli autori. Non riflette necessariamente l opinione delle

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 1 Il quarto Quadro strategico del Fondo regioni, di insicurezza alimentare

Dettagli

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY www.bergamosmartcity.com Presentazione Nasce Bergamo Smart City & Community, associazione finalizzata a creare una rete territoriale con uno scopo in comune: migliorare la qualità della vita dei cittadini

Dettagli

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 La Piattaforma europea dedicata ai professionisti dell edilizia sostenibile Iscriviti ed entra a far parte del nostro network www.construction21.eu Unioncamere del Veneto

Dettagli

CAT MED Change Mediterranean Metropolises Around Time

CAT MED Change Mediterranean Metropolises Around Time Undici città del Mediterraneo hanno deciso di concentrare le loro riflessioni e i loro sforzi per prevenire i rischi climatici attraverso la promozione di un modello urbano sostenibile, compatto e multifunzionale.

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

ICT e Smart Cities. ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016. Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless

ICT e Smart Cities. ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016. Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless ICT e Smart Cities ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016 Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless Di cosa vi parlo Le smart city, definizioni, opportunità, Nuovi

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Rassegna delle principali possibilità di finanziamento a disposizione

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Il nuovo Piano nazionale della logistica 2011-2020: effetti sul territorio veneto Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Gian Angelo Bellati

Dettagli

Il centro polifunzionale di Fiera Roma.

Il centro polifunzionale di Fiera Roma. Il centro polifunzionale di Fiera Roma. Un centro polifunzionale Esposizione, eventi, formazione, dimostrazioni, test e sperimentazione tecnologica: MES Polo Innovativo della Mobilità e Sicurezza Stradale

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

TRANSPORT LEARNING Corsi di formazione rivolti ad amministratori pubblici ed agenzie per l energia

TRANSPORT LEARNING Corsi di formazione rivolti ad amministratori pubblici ed agenzie per l energia TRANSPORT LEARNING Corsi di formazione rivolti ad amministratori pubblici ed agenzie per l energia istockphoto Contenuti Caro Lettore, Breve presentazione dei nostri servizi... 2 Creare una base di conoscenze

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di puntare ad una diffusione della sostenibilità sul territorio.

Dettagli

Dall 1 al 3 Aprile 2009 alla Nuova Fiera di Roma

Dall 1 al 3 Aprile 2009 alla Nuova Fiera di Roma Buone pratiche e tecnologie per l ambiente urbano e le città sostenibili Best practices and technologies for urban environment and sustainable cities Dall 1 al 3 Aprile 2009 alla Nuova Fiera di Roma Ecopolis:

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC Finalità: Obiettivo generale Migliorare, attraverso la cooperazione interregionale l efficacia dello sviluppo di politiche regionali nelle aree innovative, l economia della

Dettagli

IL PROGETTO MUSA E I PIANI URBANI DELLA MOBILITA

IL PROGETTO MUSA E I PIANI URBANI DELLA MOBILITA IL PROGETTO MUSA E I PIANI URBANI DELLA MOBILITA Carlo Carminucci, Isfort Bari, 13 Aprile 2012 La carta di identità del Progetto MUSA Nome: MUSA - Mobilità Urbana Sostenibile e Attrattori culturali Soggetto

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

Comune di Durazzo, INARCH Istituto Nazionale di Architettura Concorso internazionale per la Rivitalizzazione di Piazza della Libertà a

Comune di Durazzo, INARCH Istituto Nazionale di Architettura Concorso internazionale per la Rivitalizzazione di Piazza della Libertà a Comune di Durazzo, INARCH Istituto Nazionale di Architettura Concorso internazionale per la Rivitalizzazione di Piazza della Libertà a Durazzo/Revitalization Freedom square International Competition in

Dettagli

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICADIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA REGIONALE UNITARIA COMUNITARIA Dipartimento della Qualità Direzione Generale della Programmazione Sanitaria, dei Livelli

Dettagli

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA www.isemoa.eu Il progetto ISEMOA è iniziato nel Maggio 2010 e durerà fino al Maggio 2013. ISEMOA è cofinanziato dall Unione Europea con il

Dettagli

Per essere utili, ovunque

Per essere utili, ovunque MASTER IN ECONOMIA DELLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ANNO ACCADEMICO 2013-2014 In collaborazione con Per essere utili, ovunque LINK CAMPUS UNIVERSITY VIA NOMENTANA, 335 00162 Roma Tel: + 39

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Tiziana Dell Olmo, Regione Piemonte PROGRAMMAZIONE 2014-2020 IN PIEMONTE Programmi regionali

Dettagli

Il Progetto delle Città Intelligenti nel periodo di Programmazione 2014/2020. Francesco Profumo Presidente IREN S.p.a.

Il Progetto delle Città Intelligenti nel periodo di Programmazione 2014/2020. Francesco Profumo Presidente IREN S.p.a. Il Progetto delle Città Intelligenti nel periodo di Programmazione 2014/2020 Francesco Profumo Presidente IREN S.p.a. GLI UOMINI GIUNGONO INSIEME NELLE CITTA ALLO SCOPO DI VIVERE: RIMANGONO INSIEME PER

Dettagli

Progetto: NGG - NEW GREEN GENERATION

Progetto: NGG - NEW GREEN GENERATION Progetto: NGG - NEW GREEN GENERATION CONTESTO E GIUSTIFICAZIONE In Basilicata, la questione ambientale, di sicurezza e di sviluppo eco-sostenibile rivestono ruoli cruciali e urgenti, da cui non si può

Dettagli

Orientamenti per il POR del Veneto,

Orientamenti per il POR del Veneto, Orientamenti per il POR del Veneto, parte FESR 2014 2020 Venezia, 23 settembre 2013 Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Segreteria Generale della Programmazione Direzione Programmazione Orientamenti

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE

OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE MADEEXPO - MILANO 5-8 OTTOBRE 2011 PRESENTAZIONE EVENTO BORGHI&CENTRISTORICI OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE DEI BORGHI E CENTRI STORICI ITALIANI Intervento dell Ing. Francesco

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA Finalità: Obiettivo generale Rafforzare l attrattività e la competitività dell area-programma ASSI PRIORITARIE 1 Ambiente, trasporti e integrazione territoriale sostenibile

Dettagli

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO per l innovazione della città CHANGE MILANO è un iniziativa del Partito Democratico: un piano di progetti d innovazione per il governo della Città AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO Per aprire la

Dettagli

Istituto per le Energie Rinnovabili

Istituto per le Energie Rinnovabili Istituto per le Energie Rinnovabili Istituto per le Energie Rinnovabili L Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC appoggia partner industriali nella sperimentazione e nell implementazione di tecnologie

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Il Comune di Bologna promuove l impegno di tutti per la cura e la gestione dei beni

Dettagli

TORINOSMARTCITY. ROMA - 9 Febbraio 2012

TORINOSMARTCITY. ROMA - 9 Febbraio 2012 TORINOSMARTCITY DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY: IL PERCORSO DELLA CITTA DI TORINO ROMA - 9 Febbraio 2012 1 LE TAPPE 29 gennaio 2008 nell ambito della seconda edizione della Settimana Europea dell energia

Dettagli

Documenti internazionali sulla mobilità, la sicurezza stradale e lo sviluppo sostenibile Raccolta curata dal sito web mobilita&sicurezzastradale

Documenti internazionali sulla mobilità, la sicurezza stradale e lo sviluppo sostenibile Raccolta curata dal sito web mobilita&sicurezzastradale ACCORDO di BRISTOL Incontro informale tra i Ministri europei della Politica Urbana CREARE delle COMUNITA SOSTENIBILI in EUROPA Conclusioni della Presidenza Britannica dell UE BRISTOL Dicembre 2005 Meeting

Dettagli

Master progettazione urbana sostenibile. L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia

Master progettazione urbana sostenibile. L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia Master progettazione urbana sostenibile L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia - Cooperativa e sostenibilità - Risorse umane e Coop casa Brescia Il bilancio sociale e il processo

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

Piano di comunicazione esterna

Piano di comunicazione esterna Piano di comunicazione esterna Azioni di co-marketing per la promozione del territorio e attivazione azione pilota- Metrò del Mare Comune di Porto Torres 1 INDICE 1.INTRODUZIONE..3 1.1 SINTESI DELL AZIONE

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI ORIGINI Dopo l approvazione della proposta della città di Almeria per il recupero del suo centro storico, nel giugno del 2008, nel contesto

Dettagli

CONVEGNO. La diffusione dell energia solare in Regione Campania: stato dell arte e prospettive

CONVEGNO. La diffusione dell energia solare in Regione Campania: stato dell arte e prospettive 1 CONVEGNO La diffusione dell energia solare in Regione Campania: stato dell arte e prospettive Torre del Greco, 10 ottobre 2013 Palazzo Vallelonga Banca di Credito Popolare Ing. Michele MACALUSO Direttore

Dettagli

Figure Professionali «Eco-innovazioni»

Figure Professionali «Eco-innovazioni» Figure Professionali «Eco-innovazioni» FACILITATORE DI PROGETTI GREEN IN PARTNERSHIP MULTISTAKEHOLDER GREEN JOBS Formazione e Orientamento FACILITATORE DI PROGETTI GREEN IN PARTNERSHIP MULTISTAKEHOLDER

Dettagli

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP ICI Caldaie Spa. Utilizzata con concessione dell autore. Migliorare il processo produttivo con SAP ERP Partner Nome dell azienda ICI Caldaie Spa Settore Caldaie per uso residenziale e industriale, generatori

Dettagli

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati.

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati. PROGETTO JESSICA FINALITA Il Progetto Jessica intende unire esperienze di alta qualità, competenze istituzionali e risorse finanziarie pubbliche e private per aiutare a creare e organizzare dei nuovi strumenti

Dettagli

Carta dei servizi camst ristorazione scolastica

Carta dei servizi camst ristorazione scolastica Carta dei servizi camst ristorazione scolastica Camst. Il gusto di una bella storia. Camst è tra i più importanti gruppi di ristorazione in Italia ed è interamente costituito da capitale italiano. Nasce

Dettagli

CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE

CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE OBIETTIVI Obiettivo della Città di Torino è attivare una misura di accompagnamento e sostegno alla realizzazione di progetti imprenditoriali

Dettagli

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani Descrizione Progetto Il progetto, attraverso un processo partecipativo che coinvolge tutti i soggetti istituzionali, economici e

Dettagli

L'esperienza del Comune di Vicenza nella stesura del PAES, tra conurbazione ed aree industriali

L'esperienza del Comune di Vicenza nella stesura del PAES, tra conurbazione ed aree industriali L'esperienza del Comune di Vicenza nella stesura del PAES, tra conurbazione ed aree industriali UnionCamere del Veneto Giornata delle Energie Rinnovabili GBE Factory: edifici industriali e commerciali

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

La Città di Venezia e la Cooperazione Territoriale 2007-2013

La Città di Venezia e la Cooperazione Territoriale 2007-2013 La Città di Venezia e la Cooperazione Territoriale 2007-2013 Venezia, 23 Settembre 2013 Paola Ravenna Dirigente Politiche Comunitarie Il Servizio Politiche Comunitarie Costituito nel 2000 per gestire in

Dettagli

Avvio della programmazione 2007-13

Avvio della programmazione 2007-13 Avvio della programmazione 2007-13 Definizione dei criteri di selezione degli interventi per l attuazione delle strategie previste dal Programma Cagliari 9.11.2007 1 Le prossime scadenze Attività Definizione

Dettagli

La programmazione 2014-2020: Integrare i fondi per il territorio e per il consumo e le produzioni sostenibili

La programmazione 2014-2020: Integrare i fondi per il territorio e per il consumo e le produzioni sostenibili La programmazione 2014-2020: Integrare i fondi per il territorio e per il consumo e le produzioni sostenibili Bologna, 14 maggio 2014 Silvia Grandi Responsabile Servizio Intese Istituzionali e Programmi

Dettagli

Aggiornamento: maggio 2015

Aggiornamento: maggio 2015 BOLOGNA CONSUMI RESPONSABILI Aggiornamento: maggio 2015 Descrizione del progetto Diffusione di orientamenti e pratiche di consumerismo socialmente responsabile per promuovere il capitale sociale del territorio,

Dettagli

NEWSLETTER N. 6 LUGLIO 2014

NEWSLETTER N. 6 LUGLIO 2014 NEWSLETTER N. 6 LUGLIO 2014 Caro lettore, La newsletter che hai nelle tue mani è l ultimo numero delle newsletter di MANERGY. Il progetto, iniziato nel Maggio del 2011, è infatti giunto al termine. Negli

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY

IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY CBC IPA ADRIATICO 2007 2013 IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY ALTERENERGY (Energy Sustainability for Adriatic Small Communities) è la nuova sfida per la sostenibilità ambientale che punta a favorire la

Dettagli

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico La Provincia di Lucca esercita le competenze in materia energetica assegnatele dalla normativa nazionale e regionale in materia sia nel

Dettagli

Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire

Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire Smart City Exhibition, Bologna 16 18 ottobre 2013 Quando il Bes approda sul territorio diventa urbes Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire Alessandra Ferrara, Istat Alberto Fiorillo,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Cos è un Barcamp. Un assemblea creativa (non-conferenza) aperta i cui contenuti sono proposti dai partecipanti

Cos è un Barcamp. Un assemblea creativa (non-conferenza) aperta i cui contenuti sono proposti dai partecipanti Idee in Viaggio Cos è un Barcamp Un assemblea creativa (non-conferenza) aperta i cui contenuti sono proposti dai partecipanti stessi: chiunque può salire in cattedra, proporre un argomento e parlarne agli

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

YOUTH ON THE MOVE I GIOVANI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO: NUOVE IDEE E PROGETTI INNOVATIVI

YOUTH ON THE MOVE I GIOVANI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO: NUOVE IDEE E PROGETTI INNOVATIVI All. A) Formulario per la realizzazione del Project Work Finale A. DATI SUL PROPONENTE A.1 Istituto Scolastico: I.T.E. P.F. Calvi (Belluno) A.2 Classe/Classi coinvolte: IV B B. DATI DI SINTESI DEL PROGETTO

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI Alessandro PROFUMO: Sarebbe stato un grande piacere essere qui con voi questa mattina, ma il Comitato esecutivo dell ABI mi ha impegnato

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

Rete di regioni europee per un turismo sostenibile e competitivo

Rete di regioni europee per un turismo sostenibile e competitivo Rete di regioni europee per un turismo sostenibile e competitivo Nota per il convegno Palaunania Fondo 23 luglio 2010 1/ Introduzione e contesto Posizione della Commissione europea Nel marzo 2006, la

Dettagli

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ 3 Workshop di R&S Opportunità finanziarie per la ricerca delle Imprese Chimiche nei settori energetici e ambientali I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ Stefano Toffanin Milano,

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan Scegliamo di unire il potere dei mercati con l autorevolezza degli ideali universalmente riconosciuti. 1. Le opportunità del Patto

Dettagli

Newsletter della rete EEN Centro Italia

Newsletter della rete EEN Centro Italia N 9 anno 2014 Newsletter della rete EEN Centro Italia Enterprise Europe Network La rete al servizio delle imprese http://www.enterprise-europe-network-italia.eu/ http://een.ec.europa.eu/ Questo è il XXX

Dettagli

LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020

LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020 LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020 VERSO UN NUOVO MODELLO DI GOVERNANCE Enti Locali e politiche di coesione Smart City Comuni in classe A La Regione Sardegna accompagna i Comuni verso la sostenibilità ambientale,

Dettagli

I bandi e le procedure previste per le proposte progettuali da finanziare:

I bandi e le procedure previste per le proposte progettuali da finanziare: Lodovico Gherardi 1 I bandi e le procedure previste per le proposte progettuali da finanziare: L esempio della Partecipazione della Regione Emilia-Romagna ai primi bandi dei Programmi di Cooperazione territoriale

Dettagli

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA PERCORSI PER UN COMUNE ILLUMINATO L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PATTO DEI SINDACI, IL PROGETTO ENEA LUMIERE, LE ESCO, E TANTO ALTRO ANCORA Spendiamo

Dettagli

Nata nel CONSIAG PRATO INTESA SIENA COINGAS AREZZO gas metano GPL energia elettrica telecomunicazioni gas naturale servizi energetici

Nata nel CONSIAG PRATO INTESA SIENA COINGAS AREZZO gas metano GPL energia elettrica telecomunicazioni gas naturale servizi energetici Nata nel DALL ACCORDO TRA CONSIAG DI PRATO, INTESA DI SIENA E COINGAS DI AREZZO, che hanno scelto di aggregarsi per creare un soggetto a partecipazione pubblica di grandi dimensioni, è oggi una multiutility

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Tiziana Dell Olmo Regione Piemonte, Settore Programmazione Macroeconomica Biella, 28 gennaio

Dettagli

l imprenditoria sociale

l imprenditoria sociale L iniziativa per l imprenditoria sociale della Commissione europea Mercato interno e servizi L iniziativa per l imprenditoria sociale della Commissione europea Presidente della Commissione europea, José

Dettagli