Val.Ma.Co. Val.Ma.Co.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Val.Ma.Co. Val.Ma.Co."

Transcript

1 La gestione delle aree prative È stato redatto un Piano di Gestione agro-silvo-pastorale, coerente con le esigenze di tutela delle specie di uccelli e degli habitat di interesse comunitario, basato sui risultati di indagini specifiche appositamente condotte. La redazione di questo Piano è avvenuta con il coinvolgimento dei soci dell AAC e ha consentito di redigere un Protocollo di gestione sostenibile che l AAC adotterà per le concessioni dei terreni ai soci. E stata quindi avviata la realizzazione degli interventi necessari al recupero dei fenomeni di degrado esistenti, secondo le modalità di gestione individuate, tra cui: la realizzazione di recinzioni per il controllo e la regolamentazione del pascolo, il recupero delle aree a pascolo degradate e delle aree di uliveto, il restauro dei fontanili, con creazione di piccoli ambienti umidi per aumentare le risorse trofiche; la bonifica e la ricostruzione dei muri a secco, con la creazione di nuovi habitat per la fauna. Progetto LIFE+ Natura Val.Ma.Co Val.Ma.Co. La riqualificazione e valorizzazione del territorio La riqualificazione e valorizzazione del territorio ha permesso la rimozione delle criticità che impedivano il controllo del territorio e un adeguata fruibilità turistico-ricreativa dell area. Le azioni che sono state previste riguardano in particolare: la riqualificazione della rete di strade rurali per la gestione del territorio e la fruizione, la realizzazione di un itinerario naturalistico e di un area di sosta attrezzati; l istallazione della pannellistica didattica e di segnaletica per la razionalizzazione della fruizione e la sensibilizzazione del pubblico e infine la realizzazione della sentieristica per l escursionismo e la gestione delle aree di uliveto. Le attività di informazione e disseminazione Molti dei fenomeni di degrado presenti nell area sono legati alla vicinanza ai centri abitati di Civitavecchia e Santa Marinella, nonché ad una fruizione generalmente non controllata e spesso dannosa per habitat e specie. Per questi motivi è stata prevista l organizzazione di eventi pubblici informativi, la realizzazione e distribuzione di un depliant informativo sul progetto e sulle modalità di gestione e di fruizione dell area, l attivazione di un sito Internet e l elaborazione di un CD-ROM dedicati al progetto LIFE, nonché l attivazione di un programma di sensibilizzazione ambientale per le scuole elementari e medie inferiori di Civitavecchia e l organizzazione di un convegno per la diffusione dei risultati del progetto stesso. In ultima analisi risulta particolarmente importante l azione di Networking, che ha permesso il confronto con altri soggetti impegnati in attività similari a quelle in esame, nonché il confronto tra progetti LIFE, al fine di migliorare la gestione e la conservazione del patrimonio naturalistico. La Valle del Marangone, un territorio da difendere e da vivere: conservazione dell avifauna nell area Nord-ovest ovest della ZPS IT Contatti Sito web di progetto: Associazione Agraria di Civitavecchia (AAC) Uff. Agraria tel Web: Responsabile del progetto: Roberto Passerini Cell ; Il Presidente (AAC) : Franco Barlafante Cell

2 Cos è Val.Ma.Co. Il progetto LIFE+ Natura La Valle del Marangone, un territorio da difendere e da vivere: conservazione dell avifauna nell area nord ovest della ZPS IT LIFE10 NAT/IT/ (VAL.MA.CO.), ha quale obiettivo generale quello di mantenere nell area, compresa all interno della ZPS Comprensorio Tolfetano-Cerite-Manziate, le condizioni idonee alla presenza dell avifauna di interesse comunitario. L area interessata dal progetto si trova lungo il limite occidentale della ZPS, a ridosso della periferia della Città di Civitavecchia e degli insediamenti turistici del Comune di Santa Marinella, quindi è soggetta ai fenomeni di degrado tipici di un area periurbana e al degrado dovuto ad una gestione delle attività agro-silvo-pastorali non compatibile con la tutela degli habitat e delle specie di interesse comunitario. Il progetto, giunto quasi alla sua conclusione, ha una durata complessiva di tre anni e vede una stretta collaborazione tra l Associazione Agraria di Civitavecchia (AAC) (Proponente e proprietaria dei terreni dell area) e i partners Temi S.r.l. (Società di Ingegneria Ambientale) e Ge.s.am S.a.s. (Società di agronomi). Le principali azioni previste dal progetto A Azioni preparatorie, elaborazione di Piani di Gestione e/o di azione: A Coordinamento del progetto; Indagini su habitat e specie di interesse comunitario; Redazione di un Piano di Gestione Agrosilvo-pastorale. C Azioni concrete di conservazione: Realizzazione di recinzioni per il controllo del pascolo; Recupero e riqualificazione di aree a pascolo degradate; Recupero di aree di uliveto; Restauro di fontanili e piccoli ambienti umidi: Bonifica e ricostruzione di muri a secco per la diversificazione di habitat; Riqualificazione della viabilità rurale. C Gli obiettivi del progetto Il progetto si prefigge lo scopo di assicurare una gestione a lungo termine della Valle del Marangone, compatibile con la tutela delle specie e degli habitat presenti nella ZPS, che permetta al contempo una fruizione consapevole dell area. In particolare si prevede: 1. il miglioramento della qualità dell habitat di nidificazione e di alimentazione per le specie target. L area di progetto rappresenta un tassello importante per la conservazione di un numero considerevole di specie di uccelli nidificanti, anche considerando il fatto che, per molte di queste, la ZPS dei Monti della Tolfa rappresenta la principale area di presenza in Italia centrale; D Informazione pubblica e disseminazione dei risultati: D 2. Il miglioramento dei parametri popolazionali delle specie target, come l aumento della loro densità e dei loro parametri riproduttivi, da valutare sul medio termine (rappresentato dalla durata del progetto) e come parte delle attività che saranno previste nell After LIFE plan; 3. Il miglioramento dello stato di conservazione oltre i confini dell area di progetto, attraverso il mantenimento/recupero dei valori naturalistici che hanno subito effetti negativi. La Valle del Marangone costituisce una stazione dalle caratteristiche peculiari, poiché nonostante sia posizionata a ridosso della fascia costiera urbanizzata, è una valle di elevato interesse naturalistico, che ospita le comunità ornitiche caratteristiche del paesaggio seminaturale della maremma. E Monitoraggio e gestione complessiva del progetto: Monitoraggio degli interventi e dei loro risultati; Networking. Realizzazione e distribuzione di materiale informativo; Realizzazione di un itinerario naturalistico e di strutture per la fruizione e valorizzazione del territorio; Elaborazione di un Piano After LIFE; Attività di sensibilizzazione per le scuole. E

3 Le azioni concrete Progetto LIFE+ Natura Val.Ma.Co. Il progetto LIFE+ Natura La Valle del Marangone, un territorio da difendere e da vivere: conservazione dell avifauna nell area nord ovest della ZPS IT (LIFE10 NAT/IT/ VAL.MA.CO.), al fine di garantire il mantenimento delle condizioni idonee alla presenza dell avifauna di interesse comunitario, prevede la realizzazione di diversi interventi concreti sul territorio, illustrati in questa newsletter. ATTIVITÀ PREPARATORIE: LA PROGETTAZIONE Elaborazione dei progetti definitivi ed esecutivi delle azioni concrete del progetto. Per realizzare le opere del Progetto LIFE, in conformità con la normativa nazionale sulle opere pubbliche, è stata prevista questa azione, pensata appositamente per gestire le problematiche legate alla progettazione ed all acquisizione dei pareri. La Valle del Marangone, un territorio da difendere e da vivere: conservazione dell avifauna nell area Nord-ovest della ZPS IT Newsletter Le azioni concrete Nel corso dell azione sono stati quindi elaborati i progetti definitivi ed esecutivi di tutti gli interventi concreti previsti. La procedura di acquisizione dei pareri su interventi diversi tra loro, in un territorio complesso quale quello della valle del Marangone, ha richiesto lo svolgimento di una Conferenza di servizi, inizialmente non prevista. Questo cambiamento ha comportato un allungamento dei tempi nella fase di progettazione definitiva, poiché è stato necessario accorpare in un unico progetto definitivo i singoli progetti su ciascun intervento. Tuttavia, tale procedura ha permesso al progetto LIFE di acquisire in un unica soluzione tutti i pareri necessari per la realizzazione di tutti gli interventi, velocizzando e snellendo fortemente l iter autorizzativo. Il paesaggio della Valle del Marangone

4 ATTIVITÀ CONCRETE: GLI INTERVENTI REALIZZATI Tutte le azioni concrete, in conformità con la normativa nazionale, sono seguite dalla attività di Direzione Lavori e coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione degli interventi, prevista da una specifica azione del progetto LIFE. Realizzazione di recinzioni per il controllo e la regolamentazione del pascolo. L assenza di una regolamentazione sostenibile del pascolo nell area ha portato in passato al degrado e all alterazione degli ambienti favorevoli alla riproduzione di specie come l Averla cenerina (Lanius minor), il Calandro (Anthus campestris) e la Calandrella (Calandrella brachydactila), oltre che alla riduzione dell habitat prioritario Percorsi substeppici di graminacee e piante annue dei Thero- Brachypodietea (6220*). Per questo motivo sono stati realizzati circa m di recinzioni, che impediscono l intrusione abusiva di bestiame dall esterno favorendo la regolamentazione del pascolo e garantendo allo stesso tempo l assoluta permeabilità alla fauna selvatica. Nella foto: recinzioni e fontanili per una gestione sostenibile del pascolo. Si nota lo sviluppo di vegetazione acquatica nell area recintata a sinistra del fontanile. Restauro di fontanili e creazione di piccoli ambienti umidi. L azione ha previsto il restauro dei fontanili presenti, inizialmente in condizioni di degrado e quindi non adatti per l abbeveraggio del bestiame, il quale si concentrava nei pochi punti d acqua utilizzabili, causando il degrado dei pascoli. L intervento di restauro, oltre ad aver garantito l alimentazione idrica dei fontanili, ha interessato anche le strutture murarie al fine di regimare il destino delle acque di scolo, ed ha previsto la realizzazione di piccoli ambienti umidi vicino ai fontanili, idonei per la colonizzazione da parte degli anfibi e dei macroinvertebrati. Si è così incrementata la biodiversità dell area, aumentando la complessità e la diversificazione della comunità faunistica e di conseguenza anche la disponibilità trofica potenziale per le specie ornitiche predatrici. Bonifica e ricostruzione di muri a secco per la diversificazione degli habitat e il ripristino della continuità ecologica per i rettili. L intervento ha previsto la bonifica e la ricostruzione parziale di m di muri a secco esistenti, molti dei quali semidistrutti dall incuria, dal degrado e dal tempo. I muri a secco rappresentano infatti un importante via di spostamento per i rettili, e risultano quindi fondamentali per mantenere la connessione ecologica tra siti diversi. L azione è dunque volta alla diversificazione degli habitat esistenti al fine di ricreare le condizioni idonee alla presenza di queste specie. Riqualificazione della rete di strade rurali per la gestione del territorio e la fruizione. L azione ha previsto la riqualificazione delle strade rurali presenti, prima sconnesse e non accessibili, le quali sono ora pienamente percorribili con mezzi motorizzati (solo dal personale autorizzato), ma soprattutto possono essere percorse in sicurezza dal pubblico a piedi, in mountain bike e a cavallo. I muri a secco Per questo sono state realizzate piccole aree di parcheggio vicine agli ingressi della Valle, dove i veicoli a motore La rete di strade rurali possono essere lasciati per proseguire con modalità più ecologiche. Tale intervento ora permette inoltre di accedere all area con automezzi di soccorso, soprattutto in caso di incendio, il cui rischio nell area per la vicinanza di zone abitate è elevato.

5 Realizzazione di itinerario naturalistico e di un area di sosta attrezzati per la valorizzazione turistica dell area e la sensibilizzazione del pubblico. L area interessata dal Progetto LIFE si trova alla periferia dell abitato di Civitavecchia e in prossimità di insediamenti costieri in costante espansione, rappresentando quindi un'area critica dal punto di vista della tutela, a causa di fattori di pressione antropica. Una valorizzazione del comprensorio a fini turisticoricreativi contribuisce a renderlo oggetto di tutela e salvaguardia sia da parte dell Amministrazione Comunale che della popolazione, divenendo un elemento qualificante del territorio. Per questi motivi, è stato realizzato un itinerario naturalistico che si sviluppa lungo il corso del Fosso Marangone, comprensivo di zone per l osservazione della fauna, e sono stati installati di cartelli informativi e pannelli didattici lungo il percorso. Nel fondovalle del Fosso Marangone sono state realizzate alcune aree di sosta attrezzata fruibili dal pubblico, delimitate da recinzioni alla maremmana per impedirvi l accesso al bestiame brado. Progettazione del sistema di pannellistica e segnaletica naturalistica e di fruizione dell area di intervento. Per un adeguata fruizione dell area che valorizzi il patrimonio naturalistico presente è stato necessario progettare l intero sistema di pannellistica e segnaletica. I pannelli sono stati installati grazie all azione descritta di seguito. Istallazione di pannellistica didattica e di segnaletica per la fruizione naturalistica. L azione ha previsto l istallazione della segnaletica di avvicinamento e della pannellistica didattico-educativa, fondamentali per favorire la conoscenza da parte degli abitanti di Civitavecchia dell area del progetto LIFE e delle sue valenze naturalistiche nell ambito della Rete Natura L azione allo stato attuale è in via di completamento. Gli arredi, realizzati o in via di completamento, sono: 9 cartelli informativi, installati su bacheche in legno; 30 pannelli didattici a leggio, installati su supporti in pietrame locale cementato; 2 discovery box, per le esperienze tattili; 10 pannelli didattici per realizzare una piccola mostra nell area attrezzata della Molaccia; frecce direzionali interne all area e frecce stradali, per indirizzare la fruizione locale. Tali arredi rendono immediatamente individuabile il sito Natura 2000 sul territorio, al fine di esaltarne la visibilità e la conoscenza da parte dei fruitori. La pannellistica del Progetto Val.Ma.Co. Realizzazione di sentieristica per l escursionismo e la gestione delle aree di uliveto. Sono stati ripristinati circa m di sentieri preesistenti andati in disuso e non più percorribili, mediante: sfalcio della vegetazione infestante nel rispetto delle piante arbustive e arboree, sistemazione del fondo con rimozione del pietrame, realizzazione di gradinate nei tratti di maggior pendenza, linee di deflusso delle acque e piccole opere di contenimento. Tutti gli interventi sono stati realizzati con tecniche di ingegneria naturalistica utilizzando legname e pietrame locale. Ciò permette una fruizione compatibile con gli obiettivi di tutela e la gestione degli uliveti, i quali costituiscono ambienti favorevoli alla presenza di numerose specie di interesse comunitario. Esempi di pannelli realizzati dal Progetto Val.Ma.Co.

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE10 NAT/IT/000247 Beneficiario coordinatore: Associazione Agraria di Civitavecchia Viale Guido Baccelli 35 00053 Civitavecchia Tel.: (+39) 0766.20340 Responsabile del progetto:

Dettagli

LIFE Project Number LIFE10 NAT/IT/000247. Inception Report. Covering the project activities from 01/09/2011 to 31/05/2012. Reporting Date 31/05/2012

LIFE Project Number LIFE10 NAT/IT/000247. Inception Report. Covering the project activities from 01/09/2011 to 31/05/2012. Reporting Date 31/05/2012 LIFE Project Number LIFE10 NAT/IT/000247 Inception Report Covering the project activities from 01/09/2011 to 31/05/2012 Reporting Date 31/05/2012 LIFE+ PROJECT NAME or Acronym La Valle del Marangone, un

Dettagli

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Variante parziale al vigente PRG ai sensi dell art. 26 della L.R. 34/92 e s.m.i. relativa al comparto edificatorio

Dettagli

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO Nell ambito delle misura di conservazione obbligatorie per i Siti della Rete Natura 2000, la normativa

Dettagli

Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione

Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione Il turismo e le aree protettein Italia. Verso gli Stati generali Fabriano 8-9 ottobre 2014 Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione Giuseppe Dodaro Realizzazione di un approfondimento

Dettagli

PROGETTO LIFE RI.CO.PR.I

PROGETTO LIFE RI.CO.PR.I PROGETTO LIFE RI.CO.PR.I Azione D.4 Realizzazione e collocazione di Pannelli informativi Accettura, 17 maggio 2012 OBIETTIVI Gli obiettivi generali dell azione sono: Promozione e sensibilizzazione al rispetto

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

LIFE Project Number LIFE10 NAT/IT/000247 MIDTERM Report Covering the project activities from 01/09/2011 to 31/12/2013. Reporting Date 31/12/2013

LIFE Project Number LIFE10 NAT/IT/000247 MIDTERM Report Covering the project activities from 01/09/2011 to 31/12/2013. Reporting Date 31/12/2013 LIFE Project Number LIFE10 NAT/IT/000247 MIDTERM Report Covering the project activities from 01/09/2011 to 31/12/2013 Reporting Date 31/12/2013 LIFE+ PROJECT NAME or Acronym La Valle del Marangone, un

Dettagli

PROVIDUNE (LIFE07NAT/IT/000519)

PROVIDUNE (LIFE07NAT/IT/000519) PROVIDUNE (LIFE07NAT/IT/000519) Conservazione e ripristino di habitat dunali nei siti delle Province di Cagliari, Matera, Caserta SIC PORTO CAMPANA (ITB042230) SIC STAGNO DI PISCINNI (ITB042218) ACTION

Dettagli

Presentazione dei Progetti LIFE Natura e Inf-Natura

Presentazione dei Progetti LIFE Natura e Inf-Natura Kick-off meeting LIFE+ 2010 Roma, 14 Novembre 2011 Presentazione dei Progetti LIFE Natura e Inf-Natura Stefano Grignolio Astrale-Timesis Progetti LIFE NAT e INF 2010 11 progetti NAT 1 progetto INF-NAT

Dettagli

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento L agricoltura trentina prende quota! I 5 passi per consultare facilmente online il PSR

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE PROGETTO LIFE+07 NAT IT000413 Petromyzon And River Continuity (P.A.R.C)

PIANO DI COMUNICAZIONE PROGETTO LIFE+07 NAT IT000413 Petromyzon And River Continuity (P.A.R.C) PIANO DI COMUNICAZIONE PROGETTO LIFE+07 NAT IT000413 Petromyzon And River Continuity (P.A.R.C) 1 1. PREMESSA Attraverso studi ed indagini effettuati nel 2004 nell area del SIC IT1343502 Parco Magra- Vara

Dettagli

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra Segonzano 25 novembre 2014 Michele Caldonazzi ALBATROS S.r.l. 1. Recupero

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS Buone pratiche di gestione e conservazione degli habitat agricoli Stefania Mandrone ISPRA Settore Gestione Agroecosistemi Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS L Aquila 7 Marzo

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

SINTESI DEGLI INTERVENTI E DELLE INIZIATIVE PER LA STRUTTURAZIONE E LA PROMOZIONE DELL ANPIL DEL MONTEFERRATO

SINTESI DEGLI INTERVENTI E DELLE INIZIATIVE PER LA STRUTTURAZIONE E LA PROMOZIONE DELL ANPIL DEL MONTEFERRATO SINTESI DEGLI INTERVENTI E DELLE INIZIATIVE PER LA STRUTTURAZIONE E LA PROMOZIONE DELL ANPIL DEL MONTEFERRATO L'ANPIL del Monteferrato è gestita in maniera unitaria mediante una convenzione del 4.5.2000

Dettagli

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000.

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. COSÉ LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA La valutazione di incidenza è un provvedimento indispensabile per valutare gli effetti che le pianificazioni

Dettagli

Azioni di conservazione. Pagina 1

Azioni di conservazione. Pagina 1 realizzabili (= Prati Pr 1 Tutelare i prati da fieno e gestire i prati con modalità attente alle esigenze di tutela della fauna senza costo; a carico dei privati che accedono ai fondi PSR Pr 2 Controllare

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

Capitolo 5 MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI DEI SITI PREVISTE DALLE NORMATIVE

Capitolo 5 MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI DEI SITI PREVISTE DALLE NORMATIVE Capitolo 5 MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI DEI SITI PREVISTE DALLE NORMATIVE 5.1 Normativa Nazionale Le Linee Guida per la gestione dei siti della Rete Natura 2000 del D.M. 3 settembre 2002 lasciano ampie

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 I Siti Natura 2000: esperienze a confronto Dott. Giorgio Occhipinti Task Force Rete Ecologica Regione Siciliana Il Piano

Dettagli

descrizione*del*golfo*agricolo*e*prati*adiacenti* book*fotografico*a*cura*del*comitato*golfo*agricolo* Maggio*2012*

descrizione*del*golfo*agricolo*e*prati*adiacenti* book*fotografico*a*cura*del*comitato*golfo*agricolo* Maggio*2012* !! descrizione*del*golfo*agricolo*e*prati*adiacenti* * book*fotografico*a*cura*del*comitato*golfo*agricolo* * Maggio*2012*!!!!! FotoN 1(TR1(Attivitàagricole UnafotografiapanoramicadelGolfoAgricoloscattatadallaRes.Campo,ViaF.lliCervi,Milano2.Sullo

Dettagli

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Fulvio CERFOLLI, PhD Che cos e un PIANO DI GESTIONE di un sito Natura 2000? E uno strumento di pianificazione del territorio

Dettagli

p.c. L ECO DI BERGAMO LORO SEDI

p.c. L ECO DI BERGAMO LORO SEDI Bergamo, 18 febbraio 2011 Spettabili - Regione Lombardia Sede Territoriale di Bergamo - Ente Regionale per i Servizi all'agricoltura e alle Foreste - Provincia di Bergamo - Prefettura di Bergamo - Comuni

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA RETE

PRESENTAZIONE DELLA RETE Progetto LIFE11/NAT/IT/000187 TEN Trentino Ecological Network IL PROGETTO LIFE+TEN E LE RETI DI RISERVE: la rete ecologica del Trentino in azione Rete di Riserve Alpi Ledrensi : azioni e programmi Paolo

Dettagli

REPORT Azione E9 DRY GRASSLAND MEETING

REPORT Azione E9 DRY GRASSLAND MEETING REPORT Azione E9 DRY GRASSLAND MEETING 14 maggio 2013 REPORT DRY GRASSLAND MEETING Roma 14 maggio 2013 Nell ambito della Azione E.9 Networking con beneficiary di altri progetti è stato organizzato, dalla

Dettagli

Finanziare la rete ecologica?

Finanziare la rete ecologica? Finanziare la rete ecologica? Panoramica sulle principali fonti di finanziamento Varese, 19 marzo 2015 Tipologie dei finanziamenti europei Fondi indiretti la cui gestione è demandata agli Stati membri

Dettagli

LA GESTIONE DELLA RETE NATURA 2000 IN PUGLIA. Dott. Giovanni Zaccaria Ufficio Parchi e Tutela della Biodiversità Regione Puglia

LA GESTIONE DELLA RETE NATURA 2000 IN PUGLIA. Dott. Giovanni Zaccaria Ufficio Parchi e Tutela della Biodiversità Regione Puglia LA GESTIONE DELLA RETE NATURA 2000 IN PUGLIA OBIETTIVO DEL PRESENTE INTERVENTO È UNA RIFLESSIONE SULLE STRATEGIE ED AZIONI SVOLTE E DA PIANIFICARE NELLA REGIONE PUGLIA IN TEMA DI GESTIONE DELLA RETE NATURA

Dettagli

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO REGIONE LOMBARDIA Scheda Reg Lomb A2 n. prot. 15545/06 Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO - Comune: Milano - Provincia: Milano - Committente: Comune

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

Ambienti rurali costieri

Ambienti rurali costieri Lo Specchio rurale A cura di Sandro Gentilini Paesaggio rurale Appunti didattici (Coltivi ai margini della laguna di Grado in località Belvedere) Introduzione Aspetti ecologici Aspetti paesaggistici Aspetti

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE Azione A.3 Predisposizione e sviluppo di un piano di comunicazione e informazione indirizzato ai cittadini e agli amministratori locali PREMESSA Il progetto, realizzato grazie allo

Dettagli

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Parco Regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell Abbadessa Parchi e Riserve dell Emilia Romagna David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Che cosa fa un Parco naturale?

Dettagli

ACTION D.1: Piano di comunicazione del progetto e materiale divulgativo

ACTION D.1: Piano di comunicazione del progetto e materiale divulgativo D. Public awareness and dissemination of results ACTION D.1: Piano di comunicazione del progetto e materiale divulgativo Il piano di comunicazione definirà la grafica da adottare nei vari strumenti di

Dettagli

LEGGE REGIONALE 26 ottobre 2006, n. 30. Istituzione del Parco naturale regionale. Costa Otranto-S. Maria di Leuca e Bosco di Tricase.

LEGGE REGIONALE 26 ottobre 2006, n. 30. Istituzione del Parco naturale regionale. Costa Otranto-S. Maria di Leuca e Bosco di Tricase. 19196 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 143 del 3-11-2006 PARTE PRIMA Leggi e Regolamenti Regionali LEGGE REGIONALE 26 ottobre 2006, n. 30 Istituzione del Parco naturale regionale Costa Otranto-S.

Dettagli

A. AZIONI PREPARATORIE

A. AZIONI PREPARATORIE LIFE TIB - Elenco Azioni A. AZIONI PREPARATORIE AZIONE A.1: AUTORIZZAZIONI PER ESEGUIRE LE AZIONI DI DEFRAMMENTAZIONE IN CORRISPONDENZA DELLE STRADE Richiesta di autorizzazione per eseguire gli interventi

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 maggio 2014, n. 943

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 maggio 2014, n. 943 19287 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 maggio 2014, n. 943 P.C.T.E. Grecia Italia 2007/2013 Progetto BIG. Accordo con il Dipartimento di Biologia ed il Museo Orto Botanico dell Università degli

Dettagli

Formazione Ambientale: le esperienze del progetto LIFE MAESTRALE

Formazione Ambientale: le esperienze del progetto LIFE MAESTRALE XXIII Congresso della S.It.E. Ancona, 16-18 settembre 2013 Formazione Ambientale: le esperienze del progetto LIFE MAESTRALE Fusco S. 1, Iannotta F. 1, Izzi F. 2, Stanisci A. 1 1 Dipartimento di Bioscienze

Dettagli

Obblighi di pubblicità ed informazione per i beneficiari del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013

Obblighi di pubblicità ed informazione per i beneficiari del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 Obblighi di pubblicità ed informazione per i beneficiari del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 ( s i n te s i d e l R e g o l a m e n to C E 1 9 7 4 / 0 6 e d e l l a D e l i b e r a G i u n

Dettagli

IL PARCO DEL RUBICONE

IL PARCO DEL RUBICONE COMUNE DI SAVIGNANO SUL RUBICONE Provincia di Forlì-Cesena Unità di Progetto Ufficio di Piano IL PARCO DEL RUBICONE LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLO STUDIO DI FATTIBILITA 47039 Savignano sul Rubicone

Dettagli

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Per il terzo anno il Consorzio Brenta arriva al prestigioso traguardo dell approvazione del Bilancio Ambientale, introdotto in modo innovativo

Dettagli

PROGETTO LIFE+ COLLI BERICI NATURA 2000

PROGETTO LIFE+ COLLI BERICI NATURA 2000 IL IL PROGETTO PROGETTO LIFE+ LIFE+ COLLI BERICI NATURA 2000 AZIONI AZIONI DI DI CONSERVAZIONE, CONSERVAZIONE, MIGLIORAMENTO MIGLIORAMENTO DEGLI DEGLI HABITAT HABITAT EE DELLE DELLE SPECIE SPECIE EE SALVAGUARDIA

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE. I: indirizzo D: direttiva P: prescrizione INDICE

NORME DI ATTUAZIONE. I: indirizzo D: direttiva P: prescrizione INDICE NORME DI ATTUAZIONE I: indirizzo D: direttiva P: prescrizione INDICE LA RETE ECOLOGICA...2 Definizioni: la rete ecologica...2 La rete ecologica di livello provinciale...2 Cartografia...3 Finalità e obiettivi...3

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL AREA DI RIEQUILIBRIO ECOLOGICO DENOMINATA BOSCO DI PORPORANA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL AREA DI RIEQUILIBRIO ECOLOGICO DENOMINATA BOSCO DI PORPORANA REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL AREA DI RIEQUILIBRIO ECOLOGICO DENOMINATA BOSCO DI PORPORANA Approvato con delibera del Consiglio Comunale del 14/11/2011, n. 14/84022 REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL AREA DI

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

Bando FONDAZIONE CARIPLO 2011 QUALIFICARE GLI SPAZI APERTI IN AMBITO URBANO E PERI-URBANO FACCIAMO SPAZIO

Bando FONDAZIONE CARIPLO 2011 QUALIFICARE GLI SPAZI APERTI IN AMBITO URBANO E PERI-URBANO FACCIAMO SPAZIO Bando FONDAZIONE CARIPLO 2011 QUALIFICARE GLI SPAZI APERTI IN AMBITO URBANO E PERI-URBANO FACCIAMO SPAZIO Descrizione degli studi di fattibilità di quattro aree significative Giugno 2011 Aree interessate

Dettagli

2.Beneficiari Imprenditori agricoli singoli o associati ed altri soggetti privati conduttori di azienda agricola.

2.Beneficiari Imprenditori agricoli singoli o associati ed altri soggetti privati conduttori di azienda agricola. AVVISO PUBBLICO CO. GAL MONTE PORO - SERRE VIBONESI AGENZIA PER LO SVILUPPO LOCALE IV Trav. Viale Affaccio, n 9 89900 VIBO VALENTIA Provincia di Vibo Valentia ASSE IV - APPROCCIO LEADER AREA INTERVENTO

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

ELABORATO 5 Impatti ambientali dell opera

ELABORATO 5 Impatti ambientali dell opera Impianto di depurazione S. Giustina (RN) Verifica di assoggettabilità L.R. 9/99 come integrata ai sensi del D. Lgs. 152/06 e s.m.i. STUDIO DI COMPATIBILITÀ AMBIENTALE Sezione di recupero fanghi di depurazione

Dettagli

Titolo: Professionalità e competenze nell Audit aziendale. Dr. ssa Agr. Berna Enrica

Titolo: Professionalità e competenze nell Audit aziendale. Dr. ssa Agr. Berna Enrica Titolo: Professionalità e competenze nell Audit aziendale Dr. ssa Agr. Berna Enrica e-mail: enricaberna@libero.it Cosa è la Condizionalità Allegato III e IV del Reg. UE 1782/03 La Condizionalità è l insieme

Dettagli

Progetto definitivo di un impianto fotovoltaico da 2200 Kwp

Progetto definitivo di un impianto fotovoltaico da 2200 Kwp Regione Emilia Romagna Comune di Bologna (BO) Progetto definitivo di un impianto fotovoltaico da 2200 Kwp da realizzarsi in loc. Borgo Panigale, Bologna (BO) RELAZIONE PAESAGGISTICA Arch. Roberto Capecci

Dettagli

GAL Oltrepo Mantovano Piano di Sviluppo Locale (sintesi)

GAL Oltrepo Mantovano Piano di Sviluppo Locale (sintesi) GAL Oltrepo Mantovano Agricoltura e Ambiente Un binomio tra sostenibilità e produttività per migliorare lo sviluppo delle aree rurali dell oltrepòmantovano 1 1. Il Gruppo di Azione Locale (GAL) Oltrepò

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna Bologna 17 giugno 2014 Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali I NUMERI DELLE AREE PROTETTE 14 PARCHI

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGIONALE DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART. 25 E 26, 40 COMMA 5 LETTERA B), 55 COMMA 4 E ART 56 VISTA la

Dettagli

PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono)

PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono) PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono) Progetto per la creazione di un bosco planiziale, di uno stagno per la riproduzione degli anfibi e di siepi, con valenza di corridoio ecologico,

Dettagli

L attività di monitoraggio è iniziata il 18 marzo 2013 e sta procedendo secondo le seguenti fasi:

L attività di monitoraggio è iniziata il 18 marzo 2013 e sta procedendo secondo le seguenti fasi: Piano di monitoraggio socio economico del progetto LIFE Ripristino degli habitat dunali nel paesaggio serricolo del golfo di Gela per la salvaguardia di Leopoldia gussonei L azione D.3 Monitoraggio socio

Dettagli

PREMESSE. Allegato sub A)

PREMESSE. Allegato sub A) Allegato sub A) SITI RETE NATURA 2000. DIRETTIVE PER L'APPLICAZIONE DELL'ALLEGTO A) ALLA DGR N. 3173/2006 GUIDA METODOLOGICA PER LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA AI SENSI DELLA DIRETTIVA 92/43/CEE. PREMESSE

Dettagli

PHOINIX percorso archeologiconaturalistico

PHOINIX percorso archeologiconaturalistico IN COLLABORAZIONE CON SETTORE PROMOZIONE DEL TERRITORIO Comune di Cabras PHOINIX percorso archeologiconaturalistico Report dell incontro di presentazione del 10 aprile 2015 Progettisti: Arch. Pier Paolo

Dettagli

La riqualificazione idrogeologica dei fontanili nell area milanese

La riqualificazione idrogeologica dei fontanili nell area milanese La riqualificazione idrogeologica dei fontanili nell area milanese Candidato: Cirone Gianpaolo (777261) Relatore: Prof. Bischetti Gian Battista Correlatore: Prof. Lassini Paolo Tutor: Dott. Besozzi Marco

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Tipo EA1a Strada rurale di pianura

Tipo EA1a Strada rurale di pianura Schede dei tipi di percorso Percorso EA1a Foglio 1 di 10 DEFINIZIONE DEL TIPO DESCRIZIONE SINTETICA Ambito: Sistema funzionale: Extraurbano Sistema insediativo diffuso Percorso su Strada rurale di pianura

Dettagli

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu Figura 4 Carta sentieri presenti nella Riserva WWF Monte Arcosu. 7.3 DITTA SANAI srl 7.3.1 Descrizione e ubicazione L azienda di proprietà della SANAI s.r.l. si estende su una superficie complessiva di

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 68/16 DEL 29.11.2010. PROVINCIA DI BRINDISI Servizio Ecologia ed Ambiente

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 68/16 DEL 29.11.2010. PROVINCIA DI BRINDISI Servizio Ecologia ed Ambiente ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 68/16 DEL 29.11.2010 PROVINCIA DI BRINDISI Servizio Ecologia ed Ambiente REGOLAMENTO PER LA REDAZIONE DEGLI STUDI E LA VALUTAZIONE DELLA COMPATIBILITA AMBIENTALE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO PARCO AGRICOLO DEL TICINELLO approvato dicembre 2013 Pag. 1/14

PROGETTO DEFINITIVO PARCO AGRICOLO DEL TICINELLO approvato dicembre 2013 Pag. 1/14 PROGETTO DEFINITIVO PARCO AGRICOLO DEL TICINELLO approvato dicembre 2013 Pag. 1/14 PD. INDICE 1.1 Inquadramento territoriale urbanistico e normativo... 3 1.2 Obiettivi e scelte progettuali... 4 1.3 Interazioni

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

Programma Ambientale 2006/2008 (Deliberazione di Consiglio Direttivo n. 23 del 4 dicembre 2006)

Programma Ambientale 2006/2008 (Deliberazione di Consiglio Direttivo n. 23 del 4 dicembre 2006) Programma Ambientale 2006/ 1 1.1 Promuovere l acquisizione di maggiore valore degli ambiti naturali esistenti nel territorio dell area protetta Realizzazione di studi su popolazioni faunistiche per le

Dettagli

COMUNE DI ACERRA. Oggetto: Fondi strutturali Europei 2007-2013 PON FESR IT 16 1 PO 004 AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO ASSE II OBIETTIVO C - Lavori di

COMUNE DI ACERRA. Oggetto: Fondi strutturali Europei 2007-2013 PON FESR IT 16 1 PO 004 AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO ASSE II OBIETTIVO C - Lavori di COMUNE DI ACERRA Provincia di Napol i Medaglia d Oro al Merito Civile (D.P.R. del 17/06/1999) 5 ª DIREZIONE - INFRASTRUTTURE Lavori Pubblici - Manutenzione ed Arredo Urbano Oggetto: Fondi strutturali Europei

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PIANI DI GESTIONE E LA REGOLAMENTAZIONE SOSTENIBILE DEI SIC E ZPS

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PIANI DI GESTIONE E LA REGOLAMENTAZIONE SOSTENIBILE DEI SIC E ZPS LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PIANI DI GESTIONE E LA REGOLAMENTAZIONE SOSTENIBILE DEI SIC E ZPS INTRODUZIONE: finalità e contenuti del documento 1. QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO 1.1 L iter amministrativo-decisionale

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE DI USO DEL VERDE pubblico TITOLO I Ambito di Applicazione - Disposizioni Generali ART.1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l uso

Dettagli

conservazione della biodiversità in aree agricole

conservazione della biodiversità in aree agricole Il progetto DINAMO: conservazione della biodiversità in aree agricole Una rete materiale e immateriale attivata nel Basso Molise Davide Marino 1, Angela Stanisci 1, Anna Loy 1, Maria Laura Carranza 1,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE Deliberazione n. 274/2014 Rep. Gen. Atti n. 185273/9.4/2010/108 Oggetto: Parere sul Programma Pluriennale degli Interventi (PPI) del Parco delle

Dettagli

DELLA REGIONE PUGLIA

DELLA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - DCB S1/PZ Anno XLI BARI, 31 DICEMBRE 2010 N. 195 Sede Presidenza Giunta Regionale

Dettagli

SIC Isola dell Asinara ITB010082 (aggiornamento) ZPS Isola dell Asinara ITB010001 ZPS Isola Piana di Porto Torres ITB013011

SIC Isola dell Asinara ITB010082 (aggiornamento) ZPS Isola dell Asinara ITB010001 ZPS Isola Piana di Porto Torres ITB013011 Redazione/aggiornamento dei Piani di gestione dei Siti Natura 2000 SIC Isola dell ITB010082 (aggiornamento) Riunione Partecipativa, Porto Torres, 23.04.2014 Ente Parco Nazionale dell Comune di Porto Torres

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEL SIC LA CALVANA (IT5150001)

PIANO DI GESTIONE DEL SIC LA CALVANA (IT5150001) Allegato A alla deliberazione di consiglio provinciale n. 53 del 19.07.2006 PIANO DI GESTIONE DEL SIC LA CALVANA (IT5150001) RELAZIONE PRELIMINARE D INDIRIZZO 1 QUADRO DI RIFERIMENTO... 2 1.1 LE COMPETENZE

Dettagli

Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b

Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b Regolamento ai sensi dell art. 9.2 delle Disposizioni di attuazione del Piano dei Servizi Comune di Cernusco sul Naviglio Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR: fra competitività e diversificazione Stella Caden Servizio Agricoltura - PAT Trento, 6 marzo 2014 Fasi principali della Programmazione

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

Progetto FA.RE.NA.IT

Progetto FA.RE.NA.IT Progetto FA.RE.NA.IT W kh R i Workshop Regione Molise M li Stato di attuazione delle misure del S di i d ll i d l PSR e prospettive future in Molise p p f Dott. For. Nicola Pavone Dott For Nicola Pavone

Dettagli

MASTER PLAN 2014 2029 Interventi di compensazione amb.: Relazione descrittiva del Parco ecologico-ricreativo

MASTER PLAN 2014 2029 Interventi di compensazione amb.: Relazione descrittiva del Parco ecologico-ricreativo INDICE 1. PREMESSA 2 2. INQUADRAMENTO 3 3. LO STATO ATTUALE 4 3.1 ASPETTI GENERALI 4 3.2 CARATTERI PAESAGGISTICI 4 4. IL PROGETTO 5 4.1 SCOPI E OBIETTIVI 5 4.2 RIFERIMENTO CULTURALE 6 4.3 SCELTE PROGETTUALI

Dettagli

Parchi nel Parco Aree attrezzate per bambini nel capoluogo del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi

Parchi nel Parco Aree attrezzate per bambini nel capoluogo del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi A BELLUNO Comune di Belluno Settore Interventi sul Territorio Unità Organizzativa Opere Pubbliche Parchi nel Parco Aree attrezzate per bambini nel capoluogo del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi

Dettagli

3.2 Descrizione sintetica dell impatto ambietale dell opera e delle misure. compensativo previste. Indicare inoltre se l intervento è soggetto alle

3.2 Descrizione sintetica dell impatto ambietale dell opera e delle misure. compensativo previste. Indicare inoltre se l intervento è soggetto alle 3.2 Descrizione sintetica dell impatto ambietale dell opera e delle misure compensativo previste. Indicare inoltre se l intervento è soggetto alle procedure di verifica o valutazione di impatto ambientale

Dettagli

COMUNE DI MASSA MARITTIMA

COMUNE DI MASSA MARITTIMA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA P. DI R. A- REA COMPLESSO EDILIZIO MOLINO BADII U.T.O.E. DI MASSA M.MA E GHIRLANDA (P.A.12 M.G.3). COMUNE DI MASSA MARITTIMA PROVINCIA DI GROSSETO COMMITTENTE: SIG. FRANCO

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Fiemme

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Fiemme L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Fiemme Tesero, 27 novembre 2014 Dott. Franco Rizzolli (MUSE) Dott. Angela

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER UNIONE EUROPEA Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Regione Puglia Attuazione dell impostazione LEADER Cos è il GAL? Il Gruppo di Azione Locale (GAL) è un gruppo formato da soggetti

Dettagli

Osservatorio del paesaggio dei parchi del Po e della Collina Torinese WORKING PAPER 06/2008

Osservatorio del paesaggio dei parchi del Po e della Collina Torinese WORKING PAPER 06/2008 OSSERVATORIO DEL PAESAGGIO DEI PARCHI DEL PO E DELLA COLLINA TORINESE WORKING PAPER 06/2008 Un piano strategico per il fiume Po Dipartimento Interateneo Territorio Politecnico e Università di Torino INDICE

Dettagli

PARCO LOCALE DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL ROCCOLO PROGRAMMA PLURIENNALE DI MASSIMA DEGLI INTERVENTI Primo anno

PARCO LOCALE DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL ROCCOLO PROGRAMMA PLURIENNALE DI MASSIMA DEGLI INTERVENTI Primo anno PARCO LOCALE DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL ROCCOLO PROGRAMMA PLURIENNALE DI MASSIMA DEGLI INTERVENTI Primo anno VOCI DI SPESA - Predisposizione e posa di segnaletica illustrante i confini del parco e

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

Workshop di formazione per insegnanti progetto LIFE TIB. Foto M.Mendi. Evoluzione nell'uso del suolo ed effetti sulla biodiversità

Workshop di formazione per insegnanti progetto LIFE TIB. Foto M.Mendi. Evoluzione nell'uso del suolo ed effetti sulla biodiversità Workshop di formazione per insegnanti progetto LIFE TIB Foto M.Mendi Evoluzione nell'uso del suolo ed effetti sulla biodiversità Che cos è la BIODIVERSITA???? La varietà della vita sulla Terra a tutti

Dettagli

"Città Visibili" - Torino Smart Festival 2012 Convegno internazionale NUTRIRSI DI PAESAGGIO Lingotto Fiere - 4 / 5 giugno 2012

Città Visibili - Torino Smart Festival 2012 Convegno internazionale NUTRIRSI DI PAESAGGIO Lingotto Fiere - 4 / 5 giugno 2012 "Città Visibili" - Torino Smart Festival 2012 Convegno internazionale NUTRIRSI DI PAESAGGIO Lingotto Fiere - 4 / 5 giugno 2012 Titolo: Restyling paesaggistico : esperienze di recupero di siti produttivi

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI MOBILITÀ

AVVISO PUBBLICO DI MOBILITÀ Allegato alla determinazione n. 91 del 07.08.2009 AVVISO PUBBLICO DI MOBILITÀ 1. PREMESSA L Agenzia regionale denominata Conservatoria delle Coste della Sardegna è stata istituita con l art. 16 della legge

Dettagli

Strumenti per l attuazione delle Reti Ecologiche nella pianificazione regionale piemontese

Strumenti per l attuazione delle Reti Ecologiche nella pianificazione regionale piemontese Direzione Programmazione Strategica, Politiche Territoriali ed Edilizia Settore Pianificazione territoriale e paesaggistica WORKSHOP Strumenti per la realizzazione delle Reti Ecologiche: dalla pianificazione

Dettagli

I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici

I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici Direttiva Habitat (92/43/CEE) 220 tipi di habitat (Al.I) e oltre 800 specie (Al.II)

Dettagli

Progetto Abbazie. Stefano Agostoni - DG Sistemi Verdi e Paesaggio

Progetto Abbazie. Stefano Agostoni - DG Sistemi Verdi e Paesaggio Progetto Abbazie Programma di riqualificazione dei sistemi paesistici abbaziali di Chiaravalle, Mirasole, Monlue, Viboldone, Morimondo, e della Certosa di Pavia nella pianura irrigua milanese Stefano Agostoni

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE

CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE PARCO REGIONALE DELLA VALLE DEL LAMBRO DIPARTIMENTO DI RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE Monza, 12 aprile 2013 Caso Studio LAMBRO DESCRIZIONE CASO STUDIO Inquadramento

Dettagli

Con il patrocinio di: C. Lenti, Foto Archivio P.F.Po vc al MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

Con il patrocinio di: C. Lenti, Foto Archivio P.F.Po vc al MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI Le risaie del vercellese: programma integrato per la riqualificazione ambientale e la gestione sostenibile dell agroecosistema risicolo Martedì 29 Novembre 2011 C. Lenti, Foto Archivio P.F.Po vc al Con

Dettagli