PAGR N. 386 DGR n. 68/CR del 18/06/2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PAGR N. 386 DGR n. 68/CR del 18/06/2013"

Transcript

1 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO Quinta Commissione consiliare PAGR N. 386 DGR n. 68/CR del 18/06/2013 OSSERVAZIONI RELATIVE A SINGOLE ULSS, AZIENDE OSPEDALIERE DI PADOVA E DI VERONA, IOV PERVENUTE ALLA DATA DEL 31 LUGLIO 2013 Adeguamento delle schede di dotazione ospedaliera delle strutture pubbliche e private accreditate, di cui alla legge regionale n. 39/1993 e definizione delle schede di dotazione territoriale delle unità organizzative dei servizi e delle strutture di ricovero intermedie. PSSR A cura del Servizio Segreteria della Quinta Commissione Consiliare

2

3 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO Quinta Commissione consiliare PAGR N. 386 DGR n. 68/CR del 18/06/2013 OSSERVAZIONI ULSS 1 BELLUNO Adeguamento delle schede di dotazione ospedaliera delle strutture pubbliche e private accreditate, di cui alla legge regionale n. 39/1993 e definizione delle schede di dotazione territoriale delle unità organizzative dei servizi e delle strutture di ricovero intermedie. PSSR Luglio 2013

4

5

6 Fondazione Montagna e Europa Arnaldo Colleselli - Belluno Alla Commissione Sanità del Consiglio Regionale del Veneto La Fondazione Montagna e Europa Arnaldo Colleselli con sede in Belluno - iscritta al Registro regionale delle Persone giuridiche di diritto privato al numero d ordine 697 (BL/249) - richiamato il fatto di aver posto fin dal novembre 2011, assieme a personalità a vario titolo impegnate nella società civile, il tema del modello ospedaliero più adatto alla provincia di Belluno alla luce dei suoi dati epidemiologici, della struttura demografica e della dispersione abitativa che la caratterizzano, propone qui di seguito le proprie osservazioni sulle schede ospedaliere di cui alla DGR n. 68/CR con particolare riferimento al profilo che si intende attribuire all OSPEDALE SAN MARTINO DI BELLUNO. *** Per molti anni la Regione Veneto è riuscita a dare risposta all 80 per cento della casistica in un ambito di riferimento provinciale. Oggi, così non è più per la popolazione della provincia di Belluno, costretta ad appoggiarsi ad ospedali fuori provincia per trovare una serie di necessarie specializzazioni a causa dell affievolirsi di un ormai ineludibile e indispensabile adeguato livello di tecnologia e competenza delle prestazioni ospedaliere. *** Ora, le schede ospedaliere definiscono l ospedale San Martino di Belluno Hub a valenza provinciale, ma NON ne implementano i requisiti. Lo scenario epidemiologico giustifica ampiamente un ospedale di valenza provinciale per la cura di casi complessi sottesi a malattie cronicodegenerative quali le malattie cardiovascolari, quelle oncologiche, i politraumi che necessitano di osservazione neurochirurgica, e altre situazioni ancora. A questo punto si pone la necessità di sostenere un modello che, oltre a garantire tutti i servizi di base, assicuri ai Bellunesi (210 mila residenti oltre ai turisti) un sistema assistenziale per acuti volto a dare risposte competenti e tecnologicamente adeguate alle reali e prioritarie esigenze di salute. Si tratta quindi di rivedere le schede dell Ospedale San Martino per consentirgli di avere valenza provinciale, agendo innanzitutto su cinque leve. Vale a dire: Fondazione Montagna e Europa Arnaldo Colleselli - cod. fisc BELLUNO via Mier n 111 tel fax:

7 Fondazione Montagna e Europa Arnaldo Colleselli - Belluno confermando le apicalità esistenti di radioterapia e medicina nucleare, incomprensibilmente assegnate al coordinamento dell Azienda ULSS di Treviso, nonché di dermatologia; strutturando l attività di neurochirurgia anch essa coordinata da Treviso in modo da renderla stabile e continuativa senza soggiacere a convenzioni, di durata temporanea, oggetto di negoziazione fra le due Direzioni strategiche; potenziando sia l emodinamica interventistica con la garanzia del servizio effettivamente nell arco delle 24 ore sia l assistenza oncologica in chiave multidisciplinare favorendo la collaborazione diretta con l IOV; razionalizzando i servizi di ortopedia e neurologia al fine di dare la più ampia garanzia di efficacia per quanto riguarda le patologie ad elevato impatto clinico, adeguando la risposta sanitaria agli indicatori di eccellenza del Programma Nazionale Esiti di AGENAS; istituendo un servizio dedicato per le malattie neurodegenerative dell anziano, in ragione dell età media della popolazione residente. A prescindere dall organizzazione policentrica a rete dell Azienda ULSS 1, con i presidi ospedalieri di Agordo e Pieve di Cadore, va rivisto e potenziato il numero dei posti letto assegnato all Ospedale San Martino. Due presidi ospedalieri di rete, quali gli ospedali di Conegliano e Bassano del Grappa, registrano un numero di posti letto superiore a Belluno: 336 posti letto Conegliano, 402 posti letto Bassano contro i 312 di Belluno, che al ne perderà invece ben 75 rispetto alla situazione effettiva al già ridimensionato rispetto alla DGR 751/2005. Nonostante la dichiarata valenza provinciale, l Ospedale San Martino risulta l unico, in ambito bellunese e anche comparativamente con le situazioni contermini, ad essere fortemente penalizzato sia in termini di posti letto (- 75 sul 2012 e sulla DGR 751/2005) che di apicalità (- 3 sul 2012 e - 5 sulla DGR 751/2005). Quanto sopra non appare affatto ridondante e anzi deve trovare adeguato sostegno finanziario, dando da un lato piena attuazione alla previsione normativa dell articolo 9 comma 3 del Piano socio-sanitario e dall altro lato correggendo le vistose incongruenze che la sottostante tabella chiaramente evidenzia. pag. 2

8 Fondazione Montagna e Europa Arnaldo Colleselli - Belluno Specialità Posti letto o su Apicalità Cardiologia (emodinamica H24) Dermatologia 2 4 Gastroenterologia Geriatria Malattie infettive Medicina generale Nefrologia Neurologia Oncologia 6 1 Pneumologia Psichiatria 16 Radioterapia TV Chirurgia generale Neurochirurgia 7 TV Oculistica Ortopedia Otorinolaringoiatria Urologia Ostetricia e ginecologia 24 1 Patologia neonatale 4 Pediatria Anestesia e rianimazione 1 Terapia intensiva 10 5 Terapia intensiva cardiologica 9 Terapia intensiva neonatale 2 Accettazione e pronto soccorso 1 Anatomia patologica 1 Laboratorio analisi 1 Medicina nucleare TV Medicina trasfusionale 1 Microbiologia TV Radiologia 1 Terapia del dolore TV Lungodegenza 10 8 Riabilitazione funzionale Farmacia 1 Direzione medica 1 Totale pag. 3

9 Fondazione Montagna e Europa Arnaldo Colleselli - Belluno È difficile infine pensare che un sistema assistenziale pur valido possa mantenersi adeguato alla continua innovazione senza uno stretto rapporto con l Università, rapporto che deve basarsi su una convenzione stabile con l Ospedale San Martino, che permetta l interscambio di persone ed esperienze e la partecipazione a pieno titolo della struttura ospedaliera bellunese ai programmi di ricerca medica applicata. Belluno-Venezia, 12 luglio 2013 pag. 4

10 schede68cr Da: Francesco Sperti Inviato: domenica 7 luglio :01 A: schede68cr Cc: Francesco Sperti; Alessandro Galan; Giovanni Prosdocimo Oggetto: Commento Schede Regionali OCULISTICA Contr. completamento: Stato contrassegno: Completare Contrassegnato All attenzione della Va Commissione Consiglio Veneto. Nelle Schede Ospedaliere delle Oculistiche dell Ospedale di Mestre, dell Azienda Sanitaria di Padova, dell AOUI Verona, dell Ospedale di Vicenza e dell Ospedale di Treviso, compare una postilla volta a riconoscere le Strutture Complesse di Oculistica di tali Hubs come centro di riferimento anche per altre Strutture Semplici e Complesse di Oculistica di altre ULSS della stessa provincia o di provincia limitrofa. La terminologia utilizzata attività di diagnosi e trattamento delle Patologie Retiniche anche per altre ULSS, è eccessivamente ampia e pertanto incomprensibile. Infatti: 1) Diagnosi. Qualsiasi visita oculistica, anche di I livello, non può prescindere da una valutazione del fondo oculare per escludere Patologie Retiniche: se la diagnosi di queste Patologie Retiniche può essere fatta solo dagli Hubs regionali, tutte le altre Oculistiche non potranno erogare prestazione oculistiche come ad esempio eseguire l esame del fundus nei pazienti diabetici, ipertesi, miopi, maculopatici etc.. Allo stato attuale le Strutture Complesse di Oculistica della Regione Veneto sono perfettamente in grado di diagnosticare tutte le Patologie Retiniche e si sono organizzate con percorsi diagnostici atti a ridurre il disagio dei pazienti ed i carichi di lavoro del proprio personale medico e paramedico. Alcune di queste Strutture Complesse hanno già ottenuto specifiche certificazioni (ad es per il trattamento del paziente maculopatico) ed altre, come quella di Belluno, sono in procinto di ottenerle. 2) Trattamento. Tutte le Strutture Complesse di Oculistica del Veneto sono in grado di trattare la quasi totalità delle Patologie Retiniche. Tra l altro il trattamento delle Patologie Retiniche è un percorso lungo e articolato, con interventi e successive visite di controllo che impegnano notevolmente da un lato i pazienti ed i loro familiari e dall altra i dirigenti medici oculisti. Pensare di accentrare solo in alcuni Ospedali tale processo, determinerà situazioni logistiche estremamente ed incomprensibilmente disagevoli (ad esempio un paziente di Sappada (BL) sarebbe costretto ad intraprendere un viaggio di circa 2 ore per recarsi a Treviso [+ 2 per il 1

11 ritorno] e questo varie volte all anno!); inoltre le Strutture Complesse di Oculistica degli Hubs non sono organizzate per ricevere una marea di nuovi pazienti e le liste di attesa si allungheranno con la possibilità, quasi certezza, di non essere tempestivi nei trattamenti. Ciò apre un capitolo medico-legale di danno in omissis qualora la tempestività di un trattamento (possibile nella situazione attuale data l ottima organizzazione e preparazione dei medici oculisti di tutte le Strutture Complesse di Oculistica della Regione Veneto) non possa essere attuata con la nuova organizzazione, recando un danno del paziente. 3) Riabilitazione. Inoltre vorrei ricordare che nel percorso di follow-up del paziente con Patologia Retinica, oltre alla diagnosi ed al trattamento deve essere individuato anche quello della riabilitazione, fondamentale nella gestione del paziente retinopatico, con l allestimento di centri ipovisione. Tali centri ipovisione sono già presenti presso alcune Strutture Complesse non Hubs come ad esempio quelli, riconosciuti ufficialmente dalla regione, annessi alle unità operative di Padova Centro S. Paolo presso Struttura Complessa di Oculistica dell Ospedale S. Antonio di Padova, della Struttura Complessa di Oculistica Ospedale di Conegliano e della Struttura Complessa di Oculistica dell Ospedale di Belluno, ma a mia conoscenza non esistenti in tutte le strutture individuate come Hubs. Spero che queste poche righe, sicuramente condivise da molti Direttori di Struttura Complessa di Oculistica non ubicate negli Hubs regionali, possano far comprendere l incomprensibile disorganizzazione che si creerebbe qualora non fosse eliminata, o almeno modificata, la postilla di cui sopra. Il trattamento di alcune Patologie Retiniche di nicchia potrebbe giovarsi della creazione di pochi Hubs altamente specializzati, soprattutto se coinvolgono attrezzature costose e sono indirizzati a pochi pazienti. Nell Hub dovrebbe comunque essere eseguito solo l intervento, mentre i successivi controlli dovranno essere eseguiti presso le Strutture di Oculistca dove il paziente è residente, sempre nell intento di ridurre i disagi ai pazienti. Ma certamente questo non è il caso di un generico diagnosi e trattamento delle Patologie Retiniche! Distinti saluti Francesco Sperti, Direttore Unità Complesso di Oculistica Ospedale Belluno 2

12

13 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO Quinta Commissione consiliare PAGR N. 386 DGR n. 68/CR del 18/06/2013 OSSERVAZIONI ULSS 2 FELTRE Adeguamento delle schede di dotazione ospedaliera delle strutture pubbliche e private accreditate, di cui alla legge regionale n. 39/1993 e definizione delle schede di dotazione territoriale delle unità organizzative dei servizi e delle strutture di ricovero intermedie. PSSR Luglio 2013

14

15

16 OGGETTO: Osservazioni sulla DGRV 68/CR del 18 giugno L Esecutivo ha valutato oggi, 12 luglio, la proposta di deliberazione 68/CR ad oggetto: Adeguamento delle schede di dotazione ospedaliera delle strutture pubbliche e private accreditate, di cui alla L.R. 39/1993, e definizione delle schede di dotazione territoriale delle unità organizzative dei servizi e delle strutture di ricovero intermedie. PSSR trasmessa alla V^ Commissione Consiliare ed alla Conferenza Regionale permanente per la programmazione sanitaria e socio-sanitaria. L Esecutivo ha espresso un giudizio positivo per la conferma del ruolo, consistenza e prospettive di sviluppo (vedi il nuovo Centro di riferimento gastroenterologia oncologica) delle dotazioni ospedaliere. Lo considera un riconoscimento dell insostituibile ruolo dei presidi ospedalieri di Feltre e Lamon. Questo risultato deriva anche dalla validità dell operato della dirigenza dell Ulss di riferimento che ha saputo sviluppare nel tempo servizi sanitari all altezza delle richieste regionali per quanto concerne qualità, appropriatezza e sostenibilità. Ricorda inoltre la continuità del rapporto con la Provincia di Trento che, in virtù del servizio reso al Comprensorio del Primiero, riconosce una specificità aggiuntiva connotata da questa collaborazione ultraregionale in capo all Ulss di Feltre. Proprio in funzione della specificità montana della nostra Ulss altrettanta attenzione deve essere dedicata alla dotazione territoriale delle strutture intermedie ed alle forme associative dei medici. Questo anche in relazione alla volontà di accrescere il ruolo e la presenza dei servizi territoriali nella gestione delle nuove e crescenti domande di salute e di assistenza extraospedaliera. Da questo punto di vista considera insufficiente la dotazione attribuita e ritiene indispensabile prevedere per le più volte ribadite ragioni di conformazione orografica, dispersione territoriale e difficoltà di viabilità: almeno 3 Aggregazioni funzionali territoriali (AFT) ulteriori 15 posti di Strutture di ricovero intermedie per rispondere adeguatamente alle richieste territoriali ed alla distribuzione equilibrata di punti di erogazione di servizi non altrimenti sostituibili. In attesa di poter esporre direttamente le nostre istanze è gradita l occasione per porgere distinti saluti. Feltre 12 luglio 2013 Il Presidente della Conferenza dei Sindaci dell Ulss n 2 di Felt re (Paolo Perenzin) Note68_CR.doc Segreteria: Feltre - Via Bagnols sur Cèze 3 - tel fax Web link:

17 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO Quinta Commissione consiliare PAGR N. 386 DGR n. 68/CR del 18/06/2013 OSSERVAZIONI ULSS 3 BASSANO Adeguamento delle schede di dotazione ospedaliera delle strutture pubbliche e private accreditate, di cui alla legge regionale n. 39/1993 e definizione delle schede di dotazione territoriale delle unità organizzative dei servizi e delle strutture di ricovero intermedie. PSSR Luglio 2013

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27 schede68cr Da: Inviato: giovedì 27 giugno :23 A: schede68cr Oggetto: SOPPRESSIONE DEL PRIMARIATO DI ANATOMIA PATOLOGICA OSPEDALE DI BASSANO DEL GRAPPA Priorità: Contr. completamento: Stato contrassegno: Alta Completare Contrassegnato Buongiorno! Sono Dalla Costa Massimo, segretario della S.C. di Anatomia ed Istologia Patologica dell'ospedale di Bassano del Grappa. Pur consapevole della difficoltà nell'assegnazione delle risorse, credo che la soppressione del Primariato di Anatomia Patologica dell'ulss di Bassano del Grappa non possa essere considerata una ottimizzazione nell'organizzazione aziendale. E' sicuramente giusto che si realizzi a pieno la collaborazione in "Area vasta" delle Strutture di Anatomia Patologica della Provincia di Vicenza per la razionalizzazione dei costi (la realizzazione di un unico centro a Santorso per l'effettuazione della parte tecnica dei pap-test è senz'altro un passo verso questa direzione), ma un Servizio come il nostro che esegue circa esami all'anno e con una dotazione organica di 14 operatori "merita" un Direttore di Struttura. Inoltre, come ho letto da qualche parte in questi giorni: "Non stiamo parlando di un settore ospedaliero di secondaria importanza. Si tratta infatti della struttura meno sensibile al contatto diretto coi pazienti, che la gente comunemente associa ai soli esami autoptici ma che svolge in effetti una fondamentale e ben più ampia attività, che per oltre il 99% riguarda le analisi su campioni vivi di tessuti, svolgendo una funzione centrale nelle diagnosi e nelle decisioni terapeutiche per la maggioranza dei casi di malattie neoplastiche, degenerative e infiammatorie: e scusate se è poco." Cordiali saluti. Massimo Dalla Costa 1

28

29 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO Quinta Commissione consiliare PAGR N. 386 DGR n. 68/CR del 18/06/2013 OSSERVAZIONI ULSS 4 ALTO VICENTINO Adeguamento delle schede di dotazione ospedaliera delle strutture pubbliche e private accreditate, di cui alla legge regionale n. 39/1993 e definizione delle schede di dotazione territoriale delle unità organizzative dei servizi e delle strutture di ricovero intermedie. PSSR Luglio 2013

30 Osservazioni alla DGR 68 del 18 giugno 2013 Riabilitazione Il Piano socio sanitario regionale, a pagina 70 e 71, recita quanto segue: La patologia in fase acuta o con riacutizzazione trova risposta in Ospedale, più in dettaglio la degenza riabilitativa si distingue in: - riabilitazione intensiva (cod. 56): diretta al recupero di disabilità importanti e complesse, modificabili e che prevedono un trattamento riabilitativo omnicomprensivo di almeno 3 ore giornaliere (comprende patologie specifiche ad esempio la riabilitazione post ictus, la neuroriabilitazione, la riabilitazione spinale); - riabilitazione estensiva (cod.60): è rivolta a pazienti con potenzialità di recupero funzionale che non possono giovarsi o sostenere un trattamento riabilitativo intensivo e che richiedono di essere ospedalizzati in quanto affetti da instabilità clinica. L intervento deve essere inteso di almeno un ora giornaliera. La programmazione regionale prevede di destinare alle attività riabilitative ospedaliere un numero di posti letto pari allo 0,5 abitanti, ridefinendone la distribuzione territoriale sulla base dei dati epidemiologici (in particolare vanno aumentati i posti letto di riabilitazione estensiva per consentire una tempestiva accoglienza dai reparti per acuti di pazienti non ancora in grado di sottoporsi ad un programma di riabilitazione intensiva). Il numero di posti letto di riabilitazione ospedaliera previsti per l ULSS 4 è nettamente inferiore rispetto alle ULSS limitrofe, (in un contesto provinciale già comunque penalizzato rispetto ad altre provincie della Regione). Posti letto di riabilitazione ospedaliera, previsti dalla DGR 68 del 18 giugno 2013: ULSS 3: n. 47 pl ULSS 4: n. 18 pl ULSS 5: n. 145 pl La situazione della riabilitazione ospedaliera nella ULSS n.4 Alto Vicentino è la seguente: 1. posti letto presenti nelle vecchie schede ospedaliere: a. n. 17 p.l. di rabilitazione intensiva (cod 56), afferenti alla UO complessa di recupero e rieducazione funzionale; b. n. 9 p.l. di riabilitazione estensiva (cod 60), detta anche lungodegenza riabilitativa, afferenti alla UO complessa di medicina; c. tot. posti letto riabilitativi ospedalieri: n. 26 (17+9). d. In realtà i pl cod 56, con il trasferimento all Ospedale Unico, sono diventati n. 22 (tutti attivati). 2. le nuove schede ospedaliere prevedono solo 18 posti letto e tutti di cod 56, togliendo i posti letto cod 60. Poiché questa scelta è in totale disaccordo con quanto previsto nel Piano socio sanitario regionale per la rete riabilitativa (vedi sopra) e con i bisogni della popolazione dell Alto Vicentino, si propone quanto segue:

31 il mantenimento di tutti i posti letto riabilitativi ospedalieri attualmente attivi (n. 22 di riabilitazione intensiva cod 56 + n. 9 di riabilitazione estensiva cod 60: tot. 31 posti letto) unificati nell UO complessa di recupero e rieducazione funzionale. Si osserva inoltre che i posti letto aggiuntivi previsti dalle nuove schede ospedaliere presso il Presidio Ospedaliero di Lonigo potranno essere utilizzati, a nostro avviso, solo per pazienti stabilizzati e potranno quindi integrare, solo in questo senso, la rete riabilitativa a favore dei cittadini dell ULSS 4. Il fabbisogno indicato di 31 posti letto, rappresenta quindi un valore minimo irrinunciabile. Per quanto riguarda la riabilitazione cardiologica, in linea con le tradizionali buone pratiche dell ULSS 4 (vedi programma Cardio action), con quanto già previsto per le ULSS limitrofe e vista la necessità di accogliere pazienti post cardiochirurgici, riducendo in tal modo la mobilità extraregione, si richiede l attivazione, presso la UO complessa di Cardiologia di n. 4 posti letto di riabilitazione cardiologica cod 56. In relazione all utilizzo da parte dei nostri pazienti con gravi cerebro lesioni acquisite della rete riabilitativa provinciale (nella logica di hub and spoke con l Ospedale di Vicenza), si rileva, con preoccupazione, che nelle schede ospedaliere previste per l Ospedale di Vicenza non siano più previsti i posti letto di riabilitazione per le gravi cerebro lesioni acquisite (GCA), cod Per quanto attiene infine i posti letto di strutture di ricovero intermedie, si rileva che il numero di posti letto che dovrà essere attivato, per ottenere i programmati 113, pari allo 1,2 per mille abitanti sopra i 42 anni, non è di 20 ma bensì di 28. All interno di questa tipologia di assistenza residenziale opera il Centro di riabilitazione intensiva extra ospedaliero (centro ex art. 26) denominato Villa Miari, oggi utilizzato esclusivamente per pazienti provenienti da altre ULSS o da altre Regioni: si propone di aumentarne i posti letto da 10 a 20, destinandoli in parte anche a pazienti dell ULSS 4. Colgo l occasione per inviare distinti saluti. Il Direttore Generale F.to Avv. Daniela Carraro

32 CONFERENZA DEI SINDACI ULSS 4 ALTO VICENTINO Largo Savoia VALDASTICO (VI) Tel. 0445/ int. 3 Fax 0445/ Audizione V Commissione Consiliare Consiglio Regionale 17 Luglio 2013 Considerazione preliminare a qualsiasi osservazione alle schede ospedaliere e, più in generale, al sistema sanitario dell Alto Vicentino, non può che essere la constatazione di come l Azienda Ulss 4 rappresenti la frontiera del processo di razionalizzazione ospedaliera. Ulss 4 oggi mantiene il più basso rapporto (2.24) posti letto/abitanti della regione, il più basso tasso di ospedalizzazione, come molti altri indicatori testimoni di un processo di razionalizzazione nell Alto Vicentino concluso e, altrove, in questi termini, in alcuni territori non ancora avviato, in altri appena abbozzato. La credibilità della trasformazione del sistema sanitario regionale si rivela anzitutto, nella capacità di preservare le particolarità di quelle Aziende sanitarie che il PSSR ha assunto come modello, in primis proprio Ulss 4. La profonda razionalizzazione ospedaliera unita allo sviluppo della progettazione e sviluppo di risposte territoriali articolate costituisce il cuore del modello Alto Vicentino. Rimane da capire, ed è la prima domanda che consegniamo ai lavori della V Commissione, se questo ruolo di modello ed anche di apripista trovi la sua riconoscenza o finisca perfino per essere penalizzato rispetto allo sviluppo dell intero sistema sanitario. La domanda, non è impertinente, ed attiene l evoluzione del sistema sanitario veneto che non può che far riferimento alle esperienze già avviate di sviluppo territoriale. Per l Alto Vicentino fa riferimento il Piano di riorganizzazione del sistema socio-sanitario dell Alto Vicentino adottato sul finire del 2008 dall allora Direttore Generale Domenico Mantoan, che prevedeva medicine di gruppo integrate, ospedale di comunità, punti di primo intervento, promozione della salute, palliazione secondo criteri che hanno fatto da embrione al Piano Socio Sanitario Regionale approvato successivamente. Proprio lo stesso Piano di riorganizzazione adottato dalla Ulss, ha predisposto negli ex presidi ospedalieri l organizzazione di risposte territoriali, alcune delle quali, i due ospedali di comunità, oggi sostanzialmente smentite dall indicazione di pag. 7 dell allegato G della Dgr in oggetto, che contrasta la Dgr 588/2009 di riferimento per il Piano allora adottato e al quale chiediamo pronto rimedio. Vi è infatti l esigenza di assicurare la piena autonomia alla programmazione locale (peraltro da tempo già avvenuta) di individuare l ubicazione delle strutture intermedie, come l attivazione delle risposte territoriali. Indubbiamente riteniamo debbano essere lasciate alle relazioni tra Aziende e Conferenze le responsabilità di attuazione della programmazione regionale. Troppe volte la programmazione regionale non lascia spazio al principio della responsabilizzazione dei territori senza nemmeno darsi il tempo di riconoscere quali aree da tempo hanno sviluppato anche per conto della Regione Veneto un modello territoriale di riferimento. La programmazione delle schede dovrebbe anzitutto risolvere una considerazione banale, attualissima, secondo cui la mancata razionalizzazione ospedaliera in alcune Aziende penalizza in altre, dove impellente, l attivazione di risposte territoriali. La riduzione di 1227 posti letto ospedalieri per l attivazione di 1263 posti letto per strutture intermedie territoriali, dovrebbe affrontare finalmente nella nostra Regione il riequilibrio della dotazioni di posti letto. E sin troppo evidente che l ubicazione dei posti letto per strutture intermedie dovrebbe avvenire proprio in quei territori che hanno la minor ospedalizzazione e il minor numero di posti letto ospedalieri per abitante. Non può pertanto essere accettata la dotazione indicata di posti letto per strutture di ricovero intermedie per il nostro territorio. Riteniamo che, tenuto conto certamente della diversa situazione delle Aziende che ricomprendono il servizio di ospedali di rete, la conversione prevista di un tale numero di posti letto ospedalieri in posti letto per strutture intermedie debba

33 rappresentare la vera occasione per riequilibrare la somma di posti letti presenti nei diversi territori del Veneto. Così non è nella Dgr 68/Cr che mantiene sproporzioni evidenti nella dotazione ospedale-territorio nelle aree del Veneto. Tale sproporzione permane fortemente penalizzante per l Alto Vicentino ed alla V Commissione chiediamo di porvi finalmente rimedio. Serve quindi coraggio da parte della V Commissione regionale, come di tutta la politica regionale di determinare attraverso un miglioramento, forse in alcuni casi anche lo stravolgimento delle schede, questo definitivo riequilibrio. Fondamentale è poi la questione delle risorse. Non dimentichiamo che stiamo parlando di una delle Aziende più penalizzate dall impatto del project financing che incide per almeno 20 mln sulla situazione di bilancio aziendale. Tale situazione, documentata da più documenti inviati alla Regione Veneto e perennemente in attesa del fondino regionale, riteniamo possa dar luogo perlomeno a deroghe del personale, ad apicalità innovative, alla possibilità di articolare il territorio come programmato, al di fuori della risposta ospedaliera. Una rapida comparazione con le Ulss contermini, non sede di ospedale hub e simili per popolazione residente, dimostra come Ulss 4 conserva molti posti letto in meno (Ulss 3, 515 posti letto complessivi, Ulss 4, 444 posti letto complessivi, Ulss posti letto complessivi). Come detto Ulss 4 ha il tasso di occupazione posti letto per abitanti più basso del Veneto (2,24) rispetto ad obiettivi di piano molto più alti (3,5 posti letto per mille abitanti, di 0,5 per riabilitazione). L allineamento alla programmazione regionale impone l incremento di posti letto con contestuale riconoscimento delle risorse necessarie per la loro attivazione (personale, farmaci, presidi, etc..). Sempre nel confronto con Ulss limitrofe, si evince che Ulss 4, sono state riconosciute un numero inferiore di apicalità ospedaliere, con alcune palesi contraddizioni rispetto alla programmazione regionale (vedi il mantenimento della doppia apicalità per la medesima specialità presso Ulss 5), ma è rimasto anche inalterato il numero di apicalità complessive non ospedaliere previste dalla Dgr 975 del 18 giugno 2013 che non può essere trattata separatamente dalla Dgr 68/Cr. In tal modo, nuovamente non si registra una compensazione territoriale del minor numero di apicalità ospedaliere (Ulss 3, 25 primari ospedaliere, Ulss 4, 22 primari ospedalieri, Ulss 5, 24 primari di cui 2 per Ostetricia). Ancora una volta ed è l aspetto più preoccupante, anche in termini generali, la razionalizzazione ospedaliera non libera risorse in termini di apicalità per il territorio. Si ravvisa pertanto la necessità di attuare nei confronti di Ulss 4 una politica di compensazione rispetto al basso numero di posti letto (le nuove schede eliminano 2 apicalità ospedaliere: Malattie Infettive e Terapia Antalgica), aumentando il numero delle apicalità territoriali di almeno 2 unità e avendo attenzione a garantire le necessarie risorse (personale, farmaci etc..). Si rammenta solo a beneficio della V Commisione per onestà della riflessione, come il confronto risulta ancora più impietoso sia sulle apicalità ospedaliere, previste dalla Dgr 68/Cr, sia sulle apicalità territoriali o aziendali, previste dalla Dgr 975, se assume dimensioni regionali. Le stesse schede ospedaliere mostrano poi notevoli anomalie sul tema di cardiologia ed emodinamica. Il nunero di posti letto previsti per Ulss 4 risulta essere anch esso inferiore a quello delle Ulss limitrofe. L invarianza dei posti letto, peraltro già inferiori alle Ulss limitrofe, pertanto non è coerente con le funzioni di Hub che l ospedale unico dell Alto Vicentino è chiamato a svolgere dalla stessa programmazione ospedaliera nei confronti dei territori limitrofi. La cardiologia, nonostante il basso numero dei posti letto rispetto alle Ulss limitrofe, è chiamata a garantire infatti l attività di emodinamica anche per Ulss 5 Ovest Vicentino. L espletamento di tale attività impone l incremento di posti letto con contestuale riconoscimento delle risorse necessarie per la loro attivazione (personale, farmaci, presidi etc..). Il confronto dei posti letto di cardiologia è di nuovo penalizzante (Ulss 3, 16 posti letto di cardiologia, 12 posti letto di UCIC-unità cure intensive cardiologiche, 8 posti letto di riabilitazione cardiologica, Ulss 4, 16 posti letto di cardiologia, 6 posti letto di UCIC, Ulss 5, 20 posti di cardiologia, 4 posti letto di UCIC). Si osserva peraltro che l emodinamica dell Ulss 4 non è riconosciuta come Unità Operativa Semplice a valenza dipartimentale. Il numero di posti letto di riabilitazione ospedaliera previsti per Ulss 4 è nettamente inferiore rispetto alle Ulss limitrofe, in un contesto provinciale già comunque fortemente penalizzato rispetto ad altre province della Regione. La programmazione regionale prevede di destinare alle attività riabilitative ospedaliere un numero di posti letto pari allo 0,5 per mille di abitanti ridefinendo la distribuzione territoriale sulla base di dati epidemiologici. In particolare vanno aumentati i posti letto di riabilitazione estensiva per consentire una tempestiva accoglienza dei reparti per acuti di pazienti non ancora in grado di sottoporsi ad un programma di riabilitazione intensiva. Qui tutto siamo tranne che in una situazione di equa distribuzione territoriale.

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE Versione 2.0 Aprile 2002 INDICE I.1 PREMESSA...5 I.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO...5 I.2 DEFINIZIONI PRELIMINARI...6 II. IL

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale della Campania Assessorato alla Sanità Area Generale di Coordinamento Assistenza Sanitaria Settore Interventi a Favore di Fasce Socio-Sanitarie Particolarmente Deboli Servizio Riabilitazione

Dettagli

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti D.M. 12-12-2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34, S.O. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco (G Ital Cardiol 2006; 7 (6): 387-432) 2006 CEPI Srl Per la corrispondenza: Dr. Andrea Di Lenarda S.C. di Cardiologia Università

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE corso di aggiornamento GESTIONE DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA CRONICA STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare Direttore scientifico: 18 aprile 2015 Sala Rosangelo Mazzarino (CL) edizione 1 PROGRAMMA

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007 Servizio Sanitario Nazionale - Regione del Veneto AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO - SANITARIA N. 8 Sede Legale: Via Forestuzzo, 41 Asolo (TV) Comuni: Altivole, Asolo, Borso del Grappa, Caerano di San Marco,

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Lo scompenso cardiaco nel Veneto

Lo scompenso cardiaco nel Veneto Lo scompenso cardiaco nel Veneto A cura del Coordinamento del SER Febbraio 2010 Questo rapporto è stato redatto dal Coordinamento del Sistema Epidemiologico Regionale Hanno contribuito alla sua stesura

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare STRUTTURE, SPESA, ATTIVITÀ Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare PROGRAMMI LE STRUTTURE, LA SPESA, LE ATTIVITÀ AL 31.12.2008 I PROGRAMMI, I MODELLI ORGANIZZATIVI MODELLI

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 OGGETTO: Fornitura in noleggio con somministrazione (durata: cinque anni) di n. 1 sistema per l analisi del linfonodo sentinella modello OSNA integrato

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE di CUNEO

AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE di CUNEO AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE di CUNEO Via Michele Coppino, 26-12100 CUNEO Tel. +39 0171.641111 fax +39 0171.699545 Email: aso.cuneo@cert.legalmail.it Sito web: http://www.ospedale.cuneo.it P.I./Cod.

Dettagli

-Azienda Unità Sanitaria Locale n. 12 Viareggio Regione Toscana

-Azienda Unità Sanitaria Locale n. 12 Viareggio Regione Toscana -Azienda Unità Sanitaria Locale n. 12 Viareggio Regione Toscana Direttore Amministrativo Paolo Gennaro Torrico 59507 direttore.amministrativo O.I.V. Organismo Indipendente di Valutazione Direttore Generale

Dettagli