PAGR N. 386 DGR n. 68/CR del 18/06/2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PAGR N. 386 DGR n. 68/CR del 18/06/2013"

Transcript

1 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO Quinta Commissione consiliare PAGR N. 386 DGR n. 68/CR del 18/06/2013 OSSERVAZIONI RELATIVE A SINGOLE ULSS, AZIENDE OSPEDALIERE DI PADOVA E DI VERONA, IOV PERVENUTE ALLA DATA DEL 31 LUGLIO 2013 Adeguamento delle schede di dotazione ospedaliera delle strutture pubbliche e private accreditate, di cui alla legge regionale n. 39/1993 e definizione delle schede di dotazione territoriale delle unità organizzative dei servizi e delle strutture di ricovero intermedie. PSSR A cura del Servizio Segreteria della Quinta Commissione Consiliare

2

3 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO Quinta Commissione consiliare PAGR N. 386 DGR n. 68/CR del 18/06/2013 OSSERVAZIONI ULSS 1 BELLUNO Adeguamento delle schede di dotazione ospedaliera delle strutture pubbliche e private accreditate, di cui alla legge regionale n. 39/1993 e definizione delle schede di dotazione territoriale delle unità organizzative dei servizi e delle strutture di ricovero intermedie. PSSR Luglio 2013

4

5

6 Fondazione Montagna e Europa Arnaldo Colleselli - Belluno Alla Commissione Sanità del Consiglio Regionale del Veneto La Fondazione Montagna e Europa Arnaldo Colleselli con sede in Belluno - iscritta al Registro regionale delle Persone giuridiche di diritto privato al numero d ordine 697 (BL/249) - richiamato il fatto di aver posto fin dal novembre 2011, assieme a personalità a vario titolo impegnate nella società civile, il tema del modello ospedaliero più adatto alla provincia di Belluno alla luce dei suoi dati epidemiologici, della struttura demografica e della dispersione abitativa che la caratterizzano, propone qui di seguito le proprie osservazioni sulle schede ospedaliere di cui alla DGR n. 68/CR con particolare riferimento al profilo che si intende attribuire all OSPEDALE SAN MARTINO DI BELLUNO. *** Per molti anni la Regione Veneto è riuscita a dare risposta all 80 per cento della casistica in un ambito di riferimento provinciale. Oggi, così non è più per la popolazione della provincia di Belluno, costretta ad appoggiarsi ad ospedali fuori provincia per trovare una serie di necessarie specializzazioni a causa dell affievolirsi di un ormai ineludibile e indispensabile adeguato livello di tecnologia e competenza delle prestazioni ospedaliere. *** Ora, le schede ospedaliere definiscono l ospedale San Martino di Belluno Hub a valenza provinciale, ma NON ne implementano i requisiti. Lo scenario epidemiologico giustifica ampiamente un ospedale di valenza provinciale per la cura di casi complessi sottesi a malattie cronicodegenerative quali le malattie cardiovascolari, quelle oncologiche, i politraumi che necessitano di osservazione neurochirurgica, e altre situazioni ancora. A questo punto si pone la necessità di sostenere un modello che, oltre a garantire tutti i servizi di base, assicuri ai Bellunesi (210 mila residenti oltre ai turisti) un sistema assistenziale per acuti volto a dare risposte competenti e tecnologicamente adeguate alle reali e prioritarie esigenze di salute. Si tratta quindi di rivedere le schede dell Ospedale San Martino per consentirgli di avere valenza provinciale, agendo innanzitutto su cinque leve. Vale a dire: Fondazione Montagna e Europa Arnaldo Colleselli - cod. fisc BELLUNO via Mier n 111 tel fax:

7 Fondazione Montagna e Europa Arnaldo Colleselli - Belluno confermando le apicalità esistenti di radioterapia e medicina nucleare, incomprensibilmente assegnate al coordinamento dell Azienda ULSS di Treviso, nonché di dermatologia; strutturando l attività di neurochirurgia anch essa coordinata da Treviso in modo da renderla stabile e continuativa senza soggiacere a convenzioni, di durata temporanea, oggetto di negoziazione fra le due Direzioni strategiche; potenziando sia l emodinamica interventistica con la garanzia del servizio effettivamente nell arco delle 24 ore sia l assistenza oncologica in chiave multidisciplinare favorendo la collaborazione diretta con l IOV; razionalizzando i servizi di ortopedia e neurologia al fine di dare la più ampia garanzia di efficacia per quanto riguarda le patologie ad elevato impatto clinico, adeguando la risposta sanitaria agli indicatori di eccellenza del Programma Nazionale Esiti di AGENAS; istituendo un servizio dedicato per le malattie neurodegenerative dell anziano, in ragione dell età media della popolazione residente. A prescindere dall organizzazione policentrica a rete dell Azienda ULSS 1, con i presidi ospedalieri di Agordo e Pieve di Cadore, va rivisto e potenziato il numero dei posti letto assegnato all Ospedale San Martino. Due presidi ospedalieri di rete, quali gli ospedali di Conegliano e Bassano del Grappa, registrano un numero di posti letto superiore a Belluno: 336 posti letto Conegliano, 402 posti letto Bassano contro i 312 di Belluno, che al ne perderà invece ben 75 rispetto alla situazione effettiva al già ridimensionato rispetto alla DGR 751/2005. Nonostante la dichiarata valenza provinciale, l Ospedale San Martino risulta l unico, in ambito bellunese e anche comparativamente con le situazioni contermini, ad essere fortemente penalizzato sia in termini di posti letto (- 75 sul 2012 e sulla DGR 751/2005) che di apicalità (- 3 sul 2012 e - 5 sulla DGR 751/2005). Quanto sopra non appare affatto ridondante e anzi deve trovare adeguato sostegno finanziario, dando da un lato piena attuazione alla previsione normativa dell articolo 9 comma 3 del Piano socio-sanitario e dall altro lato correggendo le vistose incongruenze che la sottostante tabella chiaramente evidenzia. pag. 2

8 Fondazione Montagna e Europa Arnaldo Colleselli - Belluno Specialità Posti letto o su Apicalità Cardiologia (emodinamica H24) Dermatologia 2 4 Gastroenterologia Geriatria Malattie infettive Medicina generale Nefrologia Neurologia Oncologia 6 1 Pneumologia Psichiatria 16 Radioterapia TV Chirurgia generale Neurochirurgia 7 TV Oculistica Ortopedia Otorinolaringoiatria Urologia Ostetricia e ginecologia 24 1 Patologia neonatale 4 Pediatria Anestesia e rianimazione 1 Terapia intensiva 10 5 Terapia intensiva cardiologica 9 Terapia intensiva neonatale 2 Accettazione e pronto soccorso 1 Anatomia patologica 1 Laboratorio analisi 1 Medicina nucleare TV Medicina trasfusionale 1 Microbiologia TV Radiologia 1 Terapia del dolore TV Lungodegenza 10 8 Riabilitazione funzionale Farmacia 1 Direzione medica 1 Totale pag. 3

9 Fondazione Montagna e Europa Arnaldo Colleselli - Belluno È difficile infine pensare che un sistema assistenziale pur valido possa mantenersi adeguato alla continua innovazione senza uno stretto rapporto con l Università, rapporto che deve basarsi su una convenzione stabile con l Ospedale San Martino, che permetta l interscambio di persone ed esperienze e la partecipazione a pieno titolo della struttura ospedaliera bellunese ai programmi di ricerca medica applicata. Belluno-Venezia, 12 luglio 2013 pag. 4

10 schede68cr Da: Francesco Sperti Inviato: domenica 7 luglio :01 A: schede68cr Cc: Francesco Sperti; Alessandro Galan; Giovanni Prosdocimo Oggetto: Commento Schede Regionali OCULISTICA Contr. completamento: Stato contrassegno: Completare Contrassegnato All attenzione della Va Commissione Consiglio Veneto. Nelle Schede Ospedaliere delle Oculistiche dell Ospedale di Mestre, dell Azienda Sanitaria di Padova, dell AOUI Verona, dell Ospedale di Vicenza e dell Ospedale di Treviso, compare una postilla volta a riconoscere le Strutture Complesse di Oculistica di tali Hubs come centro di riferimento anche per altre Strutture Semplici e Complesse di Oculistica di altre ULSS della stessa provincia o di provincia limitrofa. La terminologia utilizzata attività di diagnosi e trattamento delle Patologie Retiniche anche per altre ULSS, è eccessivamente ampia e pertanto incomprensibile. Infatti: 1) Diagnosi. Qualsiasi visita oculistica, anche di I livello, non può prescindere da una valutazione del fondo oculare per escludere Patologie Retiniche: se la diagnosi di queste Patologie Retiniche può essere fatta solo dagli Hubs regionali, tutte le altre Oculistiche non potranno erogare prestazione oculistiche come ad esempio eseguire l esame del fundus nei pazienti diabetici, ipertesi, miopi, maculopatici etc.. Allo stato attuale le Strutture Complesse di Oculistica della Regione Veneto sono perfettamente in grado di diagnosticare tutte le Patologie Retiniche e si sono organizzate con percorsi diagnostici atti a ridurre il disagio dei pazienti ed i carichi di lavoro del proprio personale medico e paramedico. Alcune di queste Strutture Complesse hanno già ottenuto specifiche certificazioni (ad es per il trattamento del paziente maculopatico) ed altre, come quella di Belluno, sono in procinto di ottenerle. 2) Trattamento. Tutte le Strutture Complesse di Oculistica del Veneto sono in grado di trattare la quasi totalità delle Patologie Retiniche. Tra l altro il trattamento delle Patologie Retiniche è un percorso lungo e articolato, con interventi e successive visite di controllo che impegnano notevolmente da un lato i pazienti ed i loro familiari e dall altra i dirigenti medici oculisti. Pensare di accentrare solo in alcuni Ospedali tale processo, determinerà situazioni logistiche estremamente ed incomprensibilmente disagevoli (ad esempio un paziente di Sappada (BL) sarebbe costretto ad intraprendere un viaggio di circa 2 ore per recarsi a Treviso [+ 2 per il 1

11 ritorno] e questo varie volte all anno!); inoltre le Strutture Complesse di Oculistica degli Hubs non sono organizzate per ricevere una marea di nuovi pazienti e le liste di attesa si allungheranno con la possibilità, quasi certezza, di non essere tempestivi nei trattamenti. Ciò apre un capitolo medico-legale di danno in omissis qualora la tempestività di un trattamento (possibile nella situazione attuale data l ottima organizzazione e preparazione dei medici oculisti di tutte le Strutture Complesse di Oculistica della Regione Veneto) non possa essere attuata con la nuova organizzazione, recando un danno del paziente. 3) Riabilitazione. Inoltre vorrei ricordare che nel percorso di follow-up del paziente con Patologia Retinica, oltre alla diagnosi ed al trattamento deve essere individuato anche quello della riabilitazione, fondamentale nella gestione del paziente retinopatico, con l allestimento di centri ipovisione. Tali centri ipovisione sono già presenti presso alcune Strutture Complesse non Hubs come ad esempio quelli, riconosciuti ufficialmente dalla regione, annessi alle unità operative di Padova Centro S. Paolo presso Struttura Complessa di Oculistica dell Ospedale S. Antonio di Padova, della Struttura Complessa di Oculistica Ospedale di Conegliano e della Struttura Complessa di Oculistica dell Ospedale di Belluno, ma a mia conoscenza non esistenti in tutte le strutture individuate come Hubs. Spero che queste poche righe, sicuramente condivise da molti Direttori di Struttura Complessa di Oculistica non ubicate negli Hubs regionali, possano far comprendere l incomprensibile disorganizzazione che si creerebbe qualora non fosse eliminata, o almeno modificata, la postilla di cui sopra. Il trattamento di alcune Patologie Retiniche di nicchia potrebbe giovarsi della creazione di pochi Hubs altamente specializzati, soprattutto se coinvolgono attrezzature costose e sono indirizzati a pochi pazienti. Nell Hub dovrebbe comunque essere eseguito solo l intervento, mentre i successivi controlli dovranno essere eseguiti presso le Strutture di Oculistca dove il paziente è residente, sempre nell intento di ridurre i disagi ai pazienti. Ma certamente questo non è il caso di un generico diagnosi e trattamento delle Patologie Retiniche! Distinti saluti Francesco Sperti, Direttore Unità Complesso di Oculistica Ospedale Belluno 2

12

13 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO Quinta Commissione consiliare PAGR N. 386 DGR n. 68/CR del 18/06/2013 OSSERVAZIONI ULSS 2 FELTRE Adeguamento delle schede di dotazione ospedaliera delle strutture pubbliche e private accreditate, di cui alla legge regionale n. 39/1993 e definizione delle schede di dotazione territoriale delle unità organizzative dei servizi e delle strutture di ricovero intermedie. PSSR Luglio 2013

14

15

16 OGGETTO: Osservazioni sulla DGRV 68/CR del 18 giugno L Esecutivo ha valutato oggi, 12 luglio, la proposta di deliberazione 68/CR ad oggetto: Adeguamento delle schede di dotazione ospedaliera delle strutture pubbliche e private accreditate, di cui alla L.R. 39/1993, e definizione delle schede di dotazione territoriale delle unità organizzative dei servizi e delle strutture di ricovero intermedie. PSSR trasmessa alla V^ Commissione Consiliare ed alla Conferenza Regionale permanente per la programmazione sanitaria e socio-sanitaria. L Esecutivo ha espresso un giudizio positivo per la conferma del ruolo, consistenza e prospettive di sviluppo (vedi il nuovo Centro di riferimento gastroenterologia oncologica) delle dotazioni ospedaliere. Lo considera un riconoscimento dell insostituibile ruolo dei presidi ospedalieri di Feltre e Lamon. Questo risultato deriva anche dalla validità dell operato della dirigenza dell Ulss di riferimento che ha saputo sviluppare nel tempo servizi sanitari all altezza delle richieste regionali per quanto concerne qualità, appropriatezza e sostenibilità. Ricorda inoltre la continuità del rapporto con la Provincia di Trento che, in virtù del servizio reso al Comprensorio del Primiero, riconosce una specificità aggiuntiva connotata da questa collaborazione ultraregionale in capo all Ulss di Feltre. Proprio in funzione della specificità montana della nostra Ulss altrettanta attenzione deve essere dedicata alla dotazione territoriale delle strutture intermedie ed alle forme associative dei medici. Questo anche in relazione alla volontà di accrescere il ruolo e la presenza dei servizi territoriali nella gestione delle nuove e crescenti domande di salute e di assistenza extraospedaliera. Da questo punto di vista considera insufficiente la dotazione attribuita e ritiene indispensabile prevedere per le più volte ribadite ragioni di conformazione orografica, dispersione territoriale e difficoltà di viabilità: almeno 3 Aggregazioni funzionali territoriali (AFT) ulteriori 15 posti di Strutture di ricovero intermedie per rispondere adeguatamente alle richieste territoriali ed alla distribuzione equilibrata di punti di erogazione di servizi non altrimenti sostituibili. In attesa di poter esporre direttamente le nostre istanze è gradita l occasione per porgere distinti saluti. Feltre 12 luglio 2013 Il Presidente della Conferenza dei Sindaci dell Ulss n 2 di Felt re (Paolo Perenzin) Note68_CR.doc Segreteria: Feltre - Via Bagnols sur Cèze 3 - tel fax Web link:

17 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO Quinta Commissione consiliare PAGR N. 386 DGR n. 68/CR del 18/06/2013 OSSERVAZIONI ULSS 3 BASSANO Adeguamento delle schede di dotazione ospedaliera delle strutture pubbliche e private accreditate, di cui alla legge regionale n. 39/1993 e definizione delle schede di dotazione territoriale delle unità organizzative dei servizi e delle strutture di ricovero intermedie. PSSR Luglio 2013

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27 schede68cr Da: Inviato: giovedì 27 giugno :23 A: schede68cr Oggetto: SOPPRESSIONE DEL PRIMARIATO DI ANATOMIA PATOLOGICA OSPEDALE DI BASSANO DEL GRAPPA Priorità: Contr. completamento: Stato contrassegno: Alta Completare Contrassegnato Buongiorno! Sono Dalla Costa Massimo, segretario della S.C. di Anatomia ed Istologia Patologica dell'ospedale di Bassano del Grappa. Pur consapevole della difficoltà nell'assegnazione delle risorse, credo che la soppressione del Primariato di Anatomia Patologica dell'ulss di Bassano del Grappa non possa essere considerata una ottimizzazione nell'organizzazione aziendale. E' sicuramente giusto che si realizzi a pieno la collaborazione in "Area vasta" delle Strutture di Anatomia Patologica della Provincia di Vicenza per la razionalizzazione dei costi (la realizzazione di un unico centro a Santorso per l'effettuazione della parte tecnica dei pap-test è senz'altro un passo verso questa direzione), ma un Servizio come il nostro che esegue circa esami all'anno e con una dotazione organica di 14 operatori "merita" un Direttore di Struttura. Inoltre, come ho letto da qualche parte in questi giorni: "Non stiamo parlando di un settore ospedaliero di secondaria importanza. Si tratta infatti della struttura meno sensibile al contatto diretto coi pazienti, che la gente comunemente associa ai soli esami autoptici ma che svolge in effetti una fondamentale e ben più ampia attività, che per oltre il 99% riguarda le analisi su campioni vivi di tessuti, svolgendo una funzione centrale nelle diagnosi e nelle decisioni terapeutiche per la maggioranza dei casi di malattie neoplastiche, degenerative e infiammatorie: e scusate se è poco." Cordiali saluti. Massimo Dalla Costa 1

28

29 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO Quinta Commissione consiliare PAGR N. 386 DGR n. 68/CR del 18/06/2013 OSSERVAZIONI ULSS 4 ALTO VICENTINO Adeguamento delle schede di dotazione ospedaliera delle strutture pubbliche e private accreditate, di cui alla legge regionale n. 39/1993 e definizione delle schede di dotazione territoriale delle unità organizzative dei servizi e delle strutture di ricovero intermedie. PSSR Luglio 2013

30 Osservazioni alla DGR 68 del 18 giugno 2013 Riabilitazione Il Piano socio sanitario regionale, a pagina 70 e 71, recita quanto segue: La patologia in fase acuta o con riacutizzazione trova risposta in Ospedale, più in dettaglio la degenza riabilitativa si distingue in: - riabilitazione intensiva (cod. 56): diretta al recupero di disabilità importanti e complesse, modificabili e che prevedono un trattamento riabilitativo omnicomprensivo di almeno 3 ore giornaliere (comprende patologie specifiche ad esempio la riabilitazione post ictus, la neuroriabilitazione, la riabilitazione spinale); - riabilitazione estensiva (cod.60): è rivolta a pazienti con potenzialità di recupero funzionale che non possono giovarsi o sostenere un trattamento riabilitativo intensivo e che richiedono di essere ospedalizzati in quanto affetti da instabilità clinica. L intervento deve essere inteso di almeno un ora giornaliera. La programmazione regionale prevede di destinare alle attività riabilitative ospedaliere un numero di posti letto pari allo 0,5 abitanti, ridefinendone la distribuzione territoriale sulla base dei dati epidemiologici (in particolare vanno aumentati i posti letto di riabilitazione estensiva per consentire una tempestiva accoglienza dai reparti per acuti di pazienti non ancora in grado di sottoporsi ad un programma di riabilitazione intensiva). Il numero di posti letto di riabilitazione ospedaliera previsti per l ULSS 4 è nettamente inferiore rispetto alle ULSS limitrofe, (in un contesto provinciale già comunque penalizzato rispetto ad altre provincie della Regione). Posti letto di riabilitazione ospedaliera, previsti dalla DGR 68 del 18 giugno 2013: ULSS 3: n. 47 pl ULSS 4: n. 18 pl ULSS 5: n. 145 pl La situazione della riabilitazione ospedaliera nella ULSS n.4 Alto Vicentino è la seguente: 1. posti letto presenti nelle vecchie schede ospedaliere: a. n. 17 p.l. di rabilitazione intensiva (cod 56), afferenti alla UO complessa di recupero e rieducazione funzionale; b. n. 9 p.l. di riabilitazione estensiva (cod 60), detta anche lungodegenza riabilitativa, afferenti alla UO complessa di medicina; c. tot. posti letto riabilitativi ospedalieri: n. 26 (17+9). d. In realtà i pl cod 56, con il trasferimento all Ospedale Unico, sono diventati n. 22 (tutti attivati). 2. le nuove schede ospedaliere prevedono solo 18 posti letto e tutti di cod 56, togliendo i posti letto cod 60. Poiché questa scelta è in totale disaccordo con quanto previsto nel Piano socio sanitario regionale per la rete riabilitativa (vedi sopra) e con i bisogni della popolazione dell Alto Vicentino, si propone quanto segue:

31 il mantenimento di tutti i posti letto riabilitativi ospedalieri attualmente attivi (n. 22 di riabilitazione intensiva cod 56 + n. 9 di riabilitazione estensiva cod 60: tot. 31 posti letto) unificati nell UO complessa di recupero e rieducazione funzionale. Si osserva inoltre che i posti letto aggiuntivi previsti dalle nuove schede ospedaliere presso il Presidio Ospedaliero di Lonigo potranno essere utilizzati, a nostro avviso, solo per pazienti stabilizzati e potranno quindi integrare, solo in questo senso, la rete riabilitativa a favore dei cittadini dell ULSS 4. Il fabbisogno indicato di 31 posti letto, rappresenta quindi un valore minimo irrinunciabile. Per quanto riguarda la riabilitazione cardiologica, in linea con le tradizionali buone pratiche dell ULSS 4 (vedi programma Cardio action), con quanto già previsto per le ULSS limitrofe e vista la necessità di accogliere pazienti post cardiochirurgici, riducendo in tal modo la mobilità extraregione, si richiede l attivazione, presso la UO complessa di Cardiologia di n. 4 posti letto di riabilitazione cardiologica cod 56. In relazione all utilizzo da parte dei nostri pazienti con gravi cerebro lesioni acquisite della rete riabilitativa provinciale (nella logica di hub and spoke con l Ospedale di Vicenza), si rileva, con preoccupazione, che nelle schede ospedaliere previste per l Ospedale di Vicenza non siano più previsti i posti letto di riabilitazione per le gravi cerebro lesioni acquisite (GCA), cod Per quanto attiene infine i posti letto di strutture di ricovero intermedie, si rileva che il numero di posti letto che dovrà essere attivato, per ottenere i programmati 113, pari allo 1,2 per mille abitanti sopra i 42 anni, non è di 20 ma bensì di 28. All interno di questa tipologia di assistenza residenziale opera il Centro di riabilitazione intensiva extra ospedaliero (centro ex art. 26) denominato Villa Miari, oggi utilizzato esclusivamente per pazienti provenienti da altre ULSS o da altre Regioni: si propone di aumentarne i posti letto da 10 a 20, destinandoli in parte anche a pazienti dell ULSS 4. Colgo l occasione per inviare distinti saluti. Il Direttore Generale F.to Avv. Daniela Carraro

32 CONFERENZA DEI SINDACI ULSS 4 ALTO VICENTINO Largo Savoia VALDASTICO (VI) Tel. 0445/ int. 3 Fax 0445/ Audizione V Commissione Consiliare Consiglio Regionale 17 Luglio 2013 Considerazione preliminare a qualsiasi osservazione alle schede ospedaliere e, più in generale, al sistema sanitario dell Alto Vicentino, non può che essere la constatazione di come l Azienda Ulss 4 rappresenti la frontiera del processo di razionalizzazione ospedaliera. Ulss 4 oggi mantiene il più basso rapporto (2.24) posti letto/abitanti della regione, il più basso tasso di ospedalizzazione, come molti altri indicatori testimoni di un processo di razionalizzazione nell Alto Vicentino concluso e, altrove, in questi termini, in alcuni territori non ancora avviato, in altri appena abbozzato. La credibilità della trasformazione del sistema sanitario regionale si rivela anzitutto, nella capacità di preservare le particolarità di quelle Aziende sanitarie che il PSSR ha assunto come modello, in primis proprio Ulss 4. La profonda razionalizzazione ospedaliera unita allo sviluppo della progettazione e sviluppo di risposte territoriali articolate costituisce il cuore del modello Alto Vicentino. Rimane da capire, ed è la prima domanda che consegniamo ai lavori della V Commissione, se questo ruolo di modello ed anche di apripista trovi la sua riconoscenza o finisca perfino per essere penalizzato rispetto allo sviluppo dell intero sistema sanitario. La domanda, non è impertinente, ed attiene l evoluzione del sistema sanitario veneto che non può che far riferimento alle esperienze già avviate di sviluppo territoriale. Per l Alto Vicentino fa riferimento il Piano di riorganizzazione del sistema socio-sanitario dell Alto Vicentino adottato sul finire del 2008 dall allora Direttore Generale Domenico Mantoan, che prevedeva medicine di gruppo integrate, ospedale di comunità, punti di primo intervento, promozione della salute, palliazione secondo criteri che hanno fatto da embrione al Piano Socio Sanitario Regionale approvato successivamente. Proprio lo stesso Piano di riorganizzazione adottato dalla Ulss, ha predisposto negli ex presidi ospedalieri l organizzazione di risposte territoriali, alcune delle quali, i due ospedali di comunità, oggi sostanzialmente smentite dall indicazione di pag. 7 dell allegato G della Dgr in oggetto, che contrasta la Dgr 588/2009 di riferimento per il Piano allora adottato e al quale chiediamo pronto rimedio. Vi è infatti l esigenza di assicurare la piena autonomia alla programmazione locale (peraltro da tempo già avvenuta) di individuare l ubicazione delle strutture intermedie, come l attivazione delle risposte territoriali. Indubbiamente riteniamo debbano essere lasciate alle relazioni tra Aziende e Conferenze le responsabilità di attuazione della programmazione regionale. Troppe volte la programmazione regionale non lascia spazio al principio della responsabilizzazione dei territori senza nemmeno darsi il tempo di riconoscere quali aree da tempo hanno sviluppato anche per conto della Regione Veneto un modello territoriale di riferimento. La programmazione delle schede dovrebbe anzitutto risolvere una considerazione banale, attualissima, secondo cui la mancata razionalizzazione ospedaliera in alcune Aziende penalizza in altre, dove impellente, l attivazione di risposte territoriali. La riduzione di 1227 posti letto ospedalieri per l attivazione di 1263 posti letto per strutture intermedie territoriali, dovrebbe affrontare finalmente nella nostra Regione il riequilibrio della dotazioni di posti letto. E sin troppo evidente che l ubicazione dei posti letto per strutture intermedie dovrebbe avvenire proprio in quei territori che hanno la minor ospedalizzazione e il minor numero di posti letto ospedalieri per abitante. Non può pertanto essere accettata la dotazione indicata di posti letto per strutture di ricovero intermedie per il nostro territorio. Riteniamo che, tenuto conto certamente della diversa situazione delle Aziende che ricomprendono il servizio di ospedali di rete, la conversione prevista di un tale numero di posti letto ospedalieri in posti letto per strutture intermedie debba

33 rappresentare la vera occasione per riequilibrare la somma di posti letti presenti nei diversi territori del Veneto. Così non è nella Dgr 68/Cr che mantiene sproporzioni evidenti nella dotazione ospedale-territorio nelle aree del Veneto. Tale sproporzione permane fortemente penalizzante per l Alto Vicentino ed alla V Commissione chiediamo di porvi finalmente rimedio. Serve quindi coraggio da parte della V Commissione regionale, come di tutta la politica regionale di determinare attraverso un miglioramento, forse in alcuni casi anche lo stravolgimento delle schede, questo definitivo riequilibrio. Fondamentale è poi la questione delle risorse. Non dimentichiamo che stiamo parlando di una delle Aziende più penalizzate dall impatto del project financing che incide per almeno 20 mln sulla situazione di bilancio aziendale. Tale situazione, documentata da più documenti inviati alla Regione Veneto e perennemente in attesa del fondino regionale, riteniamo possa dar luogo perlomeno a deroghe del personale, ad apicalità innovative, alla possibilità di articolare il territorio come programmato, al di fuori della risposta ospedaliera. Una rapida comparazione con le Ulss contermini, non sede di ospedale hub e simili per popolazione residente, dimostra come Ulss 4 conserva molti posti letto in meno (Ulss 3, 515 posti letto complessivi, Ulss 4, 444 posti letto complessivi, Ulss posti letto complessivi). Come detto Ulss 4 ha il tasso di occupazione posti letto per abitanti più basso del Veneto (2,24) rispetto ad obiettivi di piano molto più alti (3,5 posti letto per mille abitanti, di 0,5 per riabilitazione). L allineamento alla programmazione regionale impone l incremento di posti letto con contestuale riconoscimento delle risorse necessarie per la loro attivazione (personale, farmaci, presidi, etc..). Sempre nel confronto con Ulss limitrofe, si evince che Ulss 4, sono state riconosciute un numero inferiore di apicalità ospedaliere, con alcune palesi contraddizioni rispetto alla programmazione regionale (vedi il mantenimento della doppia apicalità per la medesima specialità presso Ulss 5), ma è rimasto anche inalterato il numero di apicalità complessive non ospedaliere previste dalla Dgr 975 del 18 giugno 2013 che non può essere trattata separatamente dalla Dgr 68/Cr. In tal modo, nuovamente non si registra una compensazione territoriale del minor numero di apicalità ospedaliere (Ulss 3, 25 primari ospedaliere, Ulss 4, 22 primari ospedalieri, Ulss 5, 24 primari di cui 2 per Ostetricia). Ancora una volta ed è l aspetto più preoccupante, anche in termini generali, la razionalizzazione ospedaliera non libera risorse in termini di apicalità per il territorio. Si ravvisa pertanto la necessità di attuare nei confronti di Ulss 4 una politica di compensazione rispetto al basso numero di posti letto (le nuove schede eliminano 2 apicalità ospedaliere: Malattie Infettive e Terapia Antalgica), aumentando il numero delle apicalità territoriali di almeno 2 unità e avendo attenzione a garantire le necessarie risorse (personale, farmaci etc..). Si rammenta solo a beneficio della V Commisione per onestà della riflessione, come il confronto risulta ancora più impietoso sia sulle apicalità ospedaliere, previste dalla Dgr 68/Cr, sia sulle apicalità territoriali o aziendali, previste dalla Dgr 975, se assume dimensioni regionali. Le stesse schede ospedaliere mostrano poi notevoli anomalie sul tema di cardiologia ed emodinamica. Il nunero di posti letto previsti per Ulss 4 risulta essere anch esso inferiore a quello delle Ulss limitrofe. L invarianza dei posti letto, peraltro già inferiori alle Ulss limitrofe, pertanto non è coerente con le funzioni di Hub che l ospedale unico dell Alto Vicentino è chiamato a svolgere dalla stessa programmazione ospedaliera nei confronti dei territori limitrofi. La cardiologia, nonostante il basso numero dei posti letto rispetto alle Ulss limitrofe, è chiamata a garantire infatti l attività di emodinamica anche per Ulss 5 Ovest Vicentino. L espletamento di tale attività impone l incremento di posti letto con contestuale riconoscimento delle risorse necessarie per la loro attivazione (personale, farmaci, presidi etc..). Il confronto dei posti letto di cardiologia è di nuovo penalizzante (Ulss 3, 16 posti letto di cardiologia, 12 posti letto di UCIC-unità cure intensive cardiologiche, 8 posti letto di riabilitazione cardiologica, Ulss 4, 16 posti letto di cardiologia, 6 posti letto di UCIC, Ulss 5, 20 posti di cardiologia, 4 posti letto di UCIC). Si osserva peraltro che l emodinamica dell Ulss 4 non è riconosciuta come Unità Operativa Semplice a valenza dipartimentale. Il numero di posti letto di riabilitazione ospedaliera previsti per Ulss 4 è nettamente inferiore rispetto alle Ulss limitrofe, in un contesto provinciale già comunque fortemente penalizzato rispetto ad altre province della Regione. La programmazione regionale prevede di destinare alle attività riabilitative ospedaliere un numero di posti letto pari allo 0,5 per mille di abitanti ridefinendo la distribuzione territoriale sulla base di dati epidemiologici. In particolare vanno aumentati i posti letto di riabilitazione estensiva per consentire una tempestiva accoglienza dei reparti per acuti di pazienti non ancora in grado di sottoporsi ad un programma di riabilitazione intensiva. Qui tutto siamo tranne che in una situazione di equa distribuzione territoriale.

Adeguamento delle schede di dotazione ospedaliera delle strutture pubbliche e private accreditate, di cui alla L.R. 39/1993, e definizione delle

Adeguamento delle schede di dotazione ospedaliera delle strutture pubbliche e private accreditate, di cui alla L.R. 39/1993, e definizione delle La sanità veneziana verso il 2015 Applicazione della deliberazione della Giunta regionale 68/CR del 18 giugno 2013 Adeguamento delle schede di dotazione ospedaliera delle strutture pubbliche e private

Dettagli

ALLEGATO C Dgr n. del pag. 9/162

ALLEGATO C Dgr n. del pag. 9/162 0 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 07 del 0 dicembre 3 ALLEGATO C Dgr n. del pag. 9/ A-Area Medica 5 9 3 0 Cardiologia Gastroenterologia Geriatria Medicina Generale Nefrologia Neurologia

Dettagli

ALLEGATO C Dgr n. del pag. 104/162

ALLEGATO C Dgr n. del pag. 104/162 ALLEGATO C Dgr n. del pag. 04/2 A-Area Medica 20 - Verona 5 2 2 29 32 Cardiologia Gastroenterologia Geriatria Medicina Generale Nefrologia Neurologia Psichiatria B-Area Chirurgica 9 3 43 TOTALE AREA 5

Dettagli

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura Allegato 3 requisiti organizzativi di personale minimi per le attività ospedaliere Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura 1 Gli schemi

Dettagli

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale Azienda ULSS n. 8 - Piano triennale di prevenzione della corruzione 2014-2016 ALLEGATO N. 2 L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla

Dettagli

L'organizzazione aziendale

L'organizzazione aziendale L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla direzione generale - dipartimento di prevenzione - distretto socio-sanitario unico - ospedale

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1697 del 05 giugno 2007 pag. 1/12

ALLEGATOA alla Dgr n. 1697 del 05 giugno 2007 pag. 1/12 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1697 del 05 giugno 2007 pag. 1/12 REGIONE VENETO - AZIENDA ULSS 5 ARZIGNANO AZIENDA ULSS 5 N p.l DIRETTIVE per Apicalità/U.O.A. Area AREA F.O. MEDICA:

Dettagli

Posti letto per tipo di disciplina negli ospedali a gestione diretta della provincia di Vicenza. Anni 2011 2013.

Posti letto per tipo di disciplina negli ospedali a gestione diretta della provincia di Vicenza. Anni 2011 2013. Posti letto per tipo di disciplina negli ospedali a gestione diretta della provincia di Vicenza. Anni 2011 2013. Anno 2011 2012 2013 104 ULSS 4 Alto Vicentino 105 ULSS 5 Arzignano 106 ULSS 6 Vicenza Acuti

Dettagli

Regione del Veneto DGR n. 3223 del 08 novembre 2002 ALLEGATO '2' Rete ospedaliera della Regione Veneto

Regione del Veneto DGR n. 3223 del 08 novembre 2002 ALLEGATO '2' Rete ospedaliera della Regione Veneto Regione del Veneto DGR n. 3223 del 08 novembre 2002 ALLEGATO '2' Rete ospedaliera della Regione Veneto Dotazione di funzioni e posti letto strutture a gestione privata N.B. Nei totali non sono conteggiate

Dettagli

INTEGRAZIONE della DGR 1-600 del 19 novembre 2014 ALLEGATO 1

INTEGRAZIONE della DGR 1-600 del 19 novembre 2014 ALLEGATO 1 INTEGRAZIONE della DGR 1-600 del 19 novembre 2014 ALLEGATO 1 A seguito del confronto con le Direzioni delle Aziende del Sistema Sanitario Regionale e con alcune Conferenze o Rappresentanze dei Sindaci

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

Strutture complesse della rete dei servizi di assistenza ospedaliera

Strutture complesse della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Allegato 2 della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Di seguito sono elencate le schede dei seguenti presidi ospedalieri Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico Burlo Garofolo di Trieste

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

Dati statistici sulle ASL della provincia di Vicenza - Anno 2006.

Dati statistici sulle ASL della provincia di Vicenza - Anno 2006. Dati statistici sulle ASL della provincia di Vicenza - Anno 2006. 103 - BASSANO DEL 104 - THIENE GRAPPA 105 - ARZIGNANO 106 - VICENZA POPOLAZIONE RESIDENTE Popolazione Infantile (0-13 anni) 25.300 25.848

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE Organigramma DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE AREA DI SUPPORTO DIREZIONALE PER L ORGANIZZAZIONE E LO SVILUPPO (ASDOS) INGEGNERIA CLINICA DIREZIONE

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 6 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 239/Csr Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2011, n. 13 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il

Dettagli

1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza

1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza organigramma aziendale dipartimento emergenza accettazione Denominazione Strutture Complesse 1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza 2. chirurgia di

Dettagli

Nota metodologica. Avvertenze

Nota metodologica. Avvertenze 1 Nota metodologica Le informazioni sulla struttura e l attività degli istituti di cura sono elaborate dall Istat a partire dai dati rilevati dal Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali.

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a..tornando a casa Gentile Sig. / Sig.ra, sta per tornare a casa dopo un periodo di ricovero presso la nostra Struttura

Dettagli

ALLEGATO 2. 1. Scheda Presidio. Istruzioni per la compilazione. 1.1 Fac simile scheda presidio

ALLEGATO 2. 1. Scheda Presidio. Istruzioni per la compilazione. 1.1 Fac simile scheda presidio ALLEGATO 2 1. Scheda Presidio Istruzioni per la compilazione Al punto 1.1 è riportato il fac simile della scheda; al punto 1.2 sono riportate le tabelle da utilizzare per la compilazione delle voci,,.

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

DOSSIER: OSPEDALE DEL LITORALE

DOSSIER: OSPEDALE DEL LITORALE MOL Movimento per l Ospedale del Litorale ASSOCIAZIONE Mail: movimento.ospedale.litorale@gmail.com Facebook: Movimento per l Ospedale del Litorale Sito: www.jesoloforum.com- Ospedale Sede: via Aleardi

Dettagli

Struttura organizzativa professionale. (art.2, comma1, lett u l.r. 40/2005)

Struttura organizzativa professionale. (art.2, comma1, lett u l.r. 40/2005) Allegato 1 Funzione operativa (art.2, comma1, lett l l.r. 40/2005) Struttura organizzativa professionale (art.2, comma1, lett u l.r. 40/2005) Dipartimento interaziendale di Area Vasta Allergologia ed immunologia

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

Allegato B Dgr n. del pag. 1 /27

Allegato B Dgr n. del pag. 1 /27 Allegato B Dgr n. del pag. 1 /27 01 - Belluno 01 - Belluno O. BELLUNO O. BELLUNO 52 Dermatologia 2 52 Dermatologia 4 58 Gastroenterologia 58 Gastroenterologia Attività endoscopica espletata anche per Ospedale

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE

DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DIPARTIMENTALE NEL SETORE TRAPIANTI

PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DIPARTIMENTALE NEL SETORE TRAPIANTI PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DIPARTIMENTALE NEL SETORE TRAPIANTI L attività dei prelievi e trapianti d organo inizia nel 1988. Essa ha subito nel corso degli anni un progressivo, anche se irregolare, aumento,

Dettagli

Allegato B Dgr n. del pag. 1 /23

Allegato B Dgr n. del pag. 1 /23 Allegato B Dgr n. del pag. 1 /23 01 - Belluno 01 - Belluno O. BELLUNO O. BELLUNO 52 Dermatologia 2 52 Dermatologia 4 58 Gastroenterologia 58 Gastroenterologia Attività endoscopica espletata anche per Ospedale

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n. 2122 del 19 novembre 2013

ALLEGATOB alla Dgr n. 2122 del 19 novembre 2013 Allegato B Dgr n. del pag. 1 /23 ALLEGATOB alla Dgr n. 2122 del 19 novembre 2013 01 - Belluno 01 - Belluno O. BELLUNO O. BELLUNO 52 Dermatologia 2 52 Dermatologia 4 58 Gastroenterologia 58 Gastroenterologia

Dettagli

TABELLE. Presidi di ricovero a ciclo continuo e diurno per acuti di classe B

TABELLE. Presidi di ricovero a ciclo continuo e diurno per acuti di classe B ALLEGATO 1 TABELLE 1. Tipologie di presidi B1.a TIPOLOGIA PRESIDIO Presidi ambulatoriali: prestazioni di specialistica e diagnostica - classe 1 (extraospedaliero) B1.b Presidi ambulatoriali: prestazioni

Dettagli

NUOVE STRUTTURE DI CURE INTERMEDIE E RIORGANIZZAZIONE DEI POSTI LETTO DI TEMPORANEITA

NUOVE STRUTTURE DI CURE INTERMEDIE E RIORGANIZZAZIONE DEI POSTI LETTO DI TEMPORANEITA NUOVE STRUTTURE DI CURE INTERMEDIE E RIORGANIZZAZIONE DEI POSTI LETTO DI TEMPORANEITA Dr. Mario Marin Responsabile S.D.D. Residenzialità Extraospedaliera Progetto riordino temporaneità Nell ambito delle

Dettagli

A.S.L. NO Azienda Sanitaria Locale

A.S.L. NO Azienda Sanitaria Locale Novara, 5 marzo 2013 CONTINUITA E CENTRALITA DEL PAZIENTE: LE DIRETTRICI DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELL ASL NO Oggi, martedì 5 marzo 2013 alle 11.00, alla presenza del Presidente della Regione Piemonte,

Dettagli

P.O. SS. Pietro e Paolo di Borgosesia

P.O. SS. Pietro e Paolo di Borgosesia P.O. SS. Pietro e Paolo di Borgosesia Nuova Area attrezzata (recovery room) della S.C. di Anestesia e Rianimazione Presentazione del Progetto FASE 1 Federico Gallo Dg ASL VC 19 maggio 2014 L analisi del

Dettagli

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013 Percorsi di cura dei disturbi dell alimentazione nella Regione Veneto Paolo Santonastaso Centro Regionale per i Disturbi Alimentari Dipartimento di Neuroscienze Università di padova Appropriatezza clinica,

Dettagli

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini Un patrimonio da difendere e sviluppare L AOU San Luigi per la sua collocazione geografica svolge

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 La rete ospedaliera, nuovi modelli organizzativi

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2451 Seduta del 07/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2451 Seduta del 07/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2451 Seduta del 07/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DIRETTORE SC PEDIATRIA

DIRETTORE SC PEDIATRIA DIRETTORE SC PEDIATRIA PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore di Crema

Dettagli

Legenda centri di responsabilità: CdR centri di costo: cdc centri di rilevazione per l'acquisto di prestazioni finali da terzi soggetti erogatori: cda

Legenda centri di responsabilità: CdR centri di costo: cdc centri di rilevazione per l'acquisto di prestazioni finali da terzi soggetti erogatori: cda REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Partita IVA no 0286642079 PIANO AZIENDALE DEI CENTRI DI RILEVAZIONE (allegato delibera n. del ) Legenda centri

Dettagli

Sviluppo del Sistema Cure Intermedie al fine dell utilizzo corretto delle risorse ex DGR 1235/2012

Sviluppo del Sistema Cure Intermedie al fine dell utilizzo corretto delle risorse ex DGR 1235/2012 Pagina 1 di 6 Sviluppo del Sistema Cure Intermedie al fine dell utilizzo corretto delle risorse ex DGR 1235/2012 Il presente documento è inteso a suggerire una allocazione ottimale dei pazienti che non

Dettagli

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Dott. Fortunato Rao, Direttore Generale Azienda ULSS 16, Regione del Veneto DECRETO LEGISLATIVO 6

Dettagli

Presidenza. Presidenza. Direzione

Presidenza. Presidenza. Direzione Presidenza Presidenza Ufficio Segreteria Generale Generale Generale di Staff Comitato Scientifico Farmacia Galliera Comitato unico di garanzia (CUG) Uffici: Coordinatore Scientifico Stampa Sicurezza app.

Dettagli

PIANO DEI CENTRI DI COSTO

PIANO DEI CENTRI DI COSTO REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Valentia Partita IVA n 02866420793 Allegato A alla delibera n. 109/CS del 8.2.2012 PIANO DEI CENTRI DI COSTO

Dettagli

BurVeT n. 63 del 1 luglio 2016

BurVeT n. 63 del 1 luglio 2016 BurVeT n. 63 del 1 luglio 2016 La presente rubrica comprende una selezione dei concorsi già pubblicati nel Bollettino Ufficiale, per i quali non sono ancora scaduti i termini di presentazione delle domande.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CONGEDO ORDINARIO ANNO 2005

PROGRAMMAZIONE CONGEDO ORDINARIO ANNO 2005 AZIENDA OSPEDALE - UNIVERSITA' Arcispedale Sant'Anna PROGRAMMAZIONE CONGEDO ORDINARIO ANNO 2005 L Azienda ritiene di confermare anche per l anno 2005 l obiettivo di procedere ad una tendenziale riduzione

Dettagli

PRESIDIO OSPEDALIERO DI SONDRIO

PRESIDIO OSPEDALIERO DI SONDRIO PRESIDIO OSPEDALIERO DI SONDRIO Centralino tel 0342.521111 Ufficio Protocollo fax 0342.521024 Direzione Medica tel 0342.521030 fax 0342.521368 Ufficio Cartelle Cliniche tel 0342.521366 direzionemedica.so@aovv.it

Dettagli

Deliberazione Argomento Contenuto Pag.

Deliberazione Argomento Contenuto Pag. SINTESI DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE ADEGUAMENTO DELLE SCHEDE DI DOTAZIONE OSPEDALIERA DELLE STRUTTURE PUBBLICHE E PRIVATE ACCREDITATE,DI CUI ALLA L.R. 39/1993, E DEFINIZIONE DELLE SCHEDE

Dettagli

LE AZIONI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI FERRARA

LE AZIONI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI FERRARA PIANO PROVINCIALE PER LA RIDUZIONE DEI TEMPI DI ATTESA DELLE PRESTAZIONI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE LE AZIONI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI FERRARA L Azienda Ospedaliero Universitaria di

Dettagli

Il San Filippo Neri può essere considerato uno degli. Ospedali romani all avanguardia per. l aggiornamento tecnologico. Non possiamo immaginare una

Il San Filippo Neri può essere considerato uno degli. Ospedali romani all avanguardia per. l aggiornamento tecnologico. Non possiamo immaginare una IL DIRETTORE GENERALE Il San Filippo Neri può essere considerato uno degli Ospedali romani all avanguardia per quanto concerne l aggiornamento tecnologico. Non possiamo immaginare una medicina moderna

Dettagli

L Oss nell. L infermiere e le figure di supporto: il processo di attribuzione Esperienze a confronto. Sede di Fermo

L Oss nell. L infermiere e le figure di supporto: il processo di attribuzione Esperienze a confronto. Sede di Fermo L infermiere e le figure di supporto: il processo di attribuzione Esperienze a confronto L Oss nell Sede di Fermo Antonino Longobardi Mariangela Cococcioni FERMO 20 GIUGNO 2012 L evoluzione del numero

Dettagli

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica La continuità assistenziale: il modello PAI LIVIA DE SIO Divisione Oncologia Medica ACO A.C.O. SanFilippoNeriRoma RETE SANITARIA IN ONCOLOGIA: obiettivi Presa in carico del paziente in modo globale Riconoscimentoi

Dettagli

ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2

ASL TO2 Torino Nord Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2 ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE Direzione Sanitaria Macro livello Distretti Circ. 4,5,6,7 Direzione distretto 4 Circoscr. 4 Direzione distretto 5 Circoscr. 5 Direzione

Dettagli

Deliberazione Argomento Contenuto Pag.

Deliberazione Argomento Contenuto Pag. SINTESI DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 68 DEL 18 GIUGNO 2013 ADEGUAMENTO DELLE SCHEDE DI DOTAZIONE OSPEDALIERA DELLE STRUTTURE PUBBLICHE E PRIVATE ACCREDITATE,DI CUI ALLA L.R. 39/993, E

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 Regione Campania ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA di TEANO Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI COMUNITÀ DI TEANO (OdC) Premessa L Ospedale di Comunità di Teano è una struttura

Dettagli

Via Messina 829 95126 Catania

Via Messina 829 95126 Catania REGIONE SICILIANA Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Riferimento Regionale di III Livello per l Emergenza Ufficio Relazioni con il Pubblico - e di Pubblica Tutela dell Utente e-mail:urp@ospedale-cannizzaro.it

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE

PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE Direzione centrale salute e protezione sociale PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE 2006-2008 (ex articolo 7 L.R. 23 del 29 luglio 2004) Documento N.2 di 2 Schede di ospedale Dicembre 2005 INDICE

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

UNIVERSITA ED AZIENDE SANITARIE: SINERGIE PER IL TERRITORIO

UNIVERSITA ED AZIENDE SANITARIE: SINERGIE PER IL TERRITORIO UNIVERSITA ED AZIENDE SANITARIE: SINERGIE PER IL TERRITORIO FERRARA, 20 FEBBRAIO 2008 AULA MAGNA RETTORATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA 1 LA REVISIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI: I DIPARTIMENTI E I

Dettagli

IL SISTEMA DELL URGENZA-EMERGENZA NELL IPOTESI DELL OSPEDALE UNICO DELL IMPERIESE. DIPARTIMENTO EMERGENZA ACCETTAZIONE Direttore: Gianni Oddone

IL SISTEMA DELL URGENZA-EMERGENZA NELL IPOTESI DELL OSPEDALE UNICO DELL IMPERIESE. DIPARTIMENTO EMERGENZA ACCETTAZIONE Direttore: Gianni Oddone IL SISTEMA DELL URGENZA-EMERGENZA NELL IPOTESI DELL OSPEDALE UNICO DELL IMPERIESE DIPARTIMENTO EMERGENZA ACCETTAZIONE Direttore: Gianni Oddone Necessità di rapido confronto fra due sistemi dell emergenza:

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

Allegato B. Azienda Sanitaria Locale di Cuneo, Mondovì e Savigliano ORGANIGRAMMA

Allegato B. Azienda Sanitaria Locale di Cuneo, Mondovì e Savigliano ORGANIGRAMMA Allegato B Azienda Sanitaria Locale di Cuneo, Mondovì e Savigliano ORGANIGRAMMA ORGANIGRAMMA GENERALE Direttore Generale SC Legale SC Servizio Prevenzione Protezione dei Percorsi cardio respiratori dei

Dettagli

Allegato 2 Strutture e standard organizzativi della rete dei servizi di assistenza ospedaliera

Allegato 2 Strutture e standard organizzativi della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Allegato 2 Strutture e standard organizzativi della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Di seguito sono elencate le schede dei seguenti presidi ospedalieri Istituto di Ricerca e Cura a Carattere

Dettagli

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei percorsi riabilitativi e sull attivazione dei Presidi

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento L UOSD Rete Assistenziale comprende

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O.

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA

Dettagli

RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA

RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA BOLOGNA - VENERDI' 24 GENNAIO 2014 CONGRESSO ANIMO EMILIA ROMAGNA Revisione organizzativa per intensità delle cure dell Area Internistica

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Dott. Giuseppe Taratufolo Dirigente medico Cure Primarie dell Azienda Sanitaria di Matera - ASM

Dott. Giuseppe Taratufolo Dirigente medico Cure Primarie dell Azienda Sanitaria di Matera - ASM SCHEDA DI SINTESI PER IL MONITORAGGIO DEI PROGETTI REGIONALI Linea operativa: Assistenza primaria, assistenza h 24 e riduzione degli accessi impropri al Pronto Soccorso Regione BASILICATA Titolo del progetto

Dettagli

PIANO PROVINCIALE RIDUZIONE TEMPI DI ATTESA DELLE PRESTAZIONI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE DELL AUSL DI FERRARA

PIANO PROVINCIALE RIDUZIONE TEMPI DI ATTESA DELLE PRESTAZIONI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE DELL AUSL DI FERRARA PIANO PROVINCIALE RIDUZIONE TEMPI DI ATTESA DELLE PRESTAZIONI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE DELL AUSL DI FERRARA Obiettivo 2015 sulle liste di attesa in Sanità in Regione Emilia - Romagna: garantire almeno

Dettagli

Ministero della Salute. Piano di indirizzo per la Riabilitazione

Ministero della Salute. Piano di indirizzo per la Riabilitazione Ministero della Salute Piano di indirizzo per la Riabilitazione La riabilitazione è disciplina medica - scientificamente certa - socialmente congrua - economicamente sostenibile I numeri della riabilitazione

Dettagli

La rete della Buona Sanità e la mission

La rete della Buona Sanità e la mission La rete della Buona Sanità e la mission CALL CENTER / C.U.P. SSP 081 19707700 Sanità Senza Problemi è il network della sanità privata che coinvolge strutture polispecialistiche operanti, anche in convenzione

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE CAMPANIA n. 48 del 3 agosto 2009. Atti della Regione PARTE I

BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE CAMPANIA n. 48 del 3 agosto 2009. Atti della Regione PARTE I A.G.C. 19 - Piano Sanitario Regionale e Rapporti con le UU.SS.LL. - Deliberazione n. 1274 del 16 luglio 2009 Piano di rientro - Interventi per il raggiungimento dell obiettivo di razionalizzazione e contenimento

Dettagli

Tariffari e politiche di rimborsi regionali

Tariffari e politiche di rimborsi regionali L attività di day surgery nella Regione Lombardia è praticata sin dagli anni 70 in diverse strutture ospedaliere della Regione; dove venivano trattate in day hospital alcune patologie ortopediche pediatriche

Dettagli

Dr.Piergiorgio Trevisan

Dr.Piergiorgio Trevisan LE CURE PRIMARIE Le AFT: stato dell arte del progressivo inserimento dei MMG e dei MCA nella struttura distrettuale per un distretto casa dei Medici di Assistenza Primaria Dr.Piergiorgio Trevisan L Azienda

Dettagli

L INTEGRAZIONE TRA OSPEDALITA PUBBLICA E PRIVATA. Dott. Mario Piccinini Presidente ARIS Triveneto

L INTEGRAZIONE TRA OSPEDALITA PUBBLICA E PRIVATA. Dott. Mario Piccinini Presidente ARIS Triveneto L INTEGRAZIONE TRA OSPEDALITA PUBBLICA E PRIVATA Dott. Mario Piccinini Presidente ARIS Triveneto Giovedì 29 gennaio 2015 Sanità Privata in Veneto A.R.I.S. e A.I.O.P. A.R.I.S. 7 ospedali di cui 1 Presidio

Dettagli

Ospedale M.O. A. Locatelli di Piario: presente e futuro Piario, 14 aprile 2016

Ospedale M.O. A. Locatelli di Piario: presente e futuro Piario, 14 aprile 2016 Ospedale M.O. A. Locatelli di Piario: presente e futuro Piario, 14 aprile 2016 ASST Bergamo Est 1 Ambito Valle Seriana Superiore e valle di Scalve OSPEDALE M.O. A. LOCATELLI DI PIARIO 2 STRUTTURA dell

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE BT (Andria Barletta Bisceglie Canosa Margherita di S. - Minervino S. Ferdinando di P. - Spinazzola Trani - Trinitapoli) 76123 A N D

Dettagli

Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna.

Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna. Allegato alla Delib.G.R. n. 49/14 del 7.12.2011 PROGETTO: Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna.

Dettagli

DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE

DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE Con il modello si intende costituire, al 1 gennaio 2007, l anagrafe delle strutture sanitarie pubbliche e private accreditate e delle strutture sociosanitarie

Dettagli

ALLEGATO C Dgr n. del pag. 1/162

ALLEGATO C Dgr n. del pag. 1/162 A-Area Medica 5 5 4 3 4 Cardiologia Dermatologia Gastroenterologia Geriatria Malattie Infettive Medicina Generale Nefrologia Neurologia Oncologia Pneumologia Psichiatria B-Area Chirurgica 30 34 3 3 43

Dettagli

Governance e Risk Management in Sanità Il punto di vista del Direttore Generale

Governance e Risk Management in Sanità Il punto di vista del Direttore Generale AZIENDA OSPEDALIERA CTO/MARIA ADELAIDE TORINO Governance e Risk Management in Sanità Il punto di vista del Direttore Generale Alberto Andrion Management in Anatomia Patologica: Quale rischio? Roma 22 24

Dettagli

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE SITI LOMBARDIA: PERCORSO DI FORMAZIONE IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE MILANO, 9 ottobre2013 Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco Dott.ssa Patrizia Monti

Dettagli

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon PREMESSO che: - Le esperienze condotte principalmente

Dettagli

Note metodologiche. Avvertenze

Note metodologiche. Avvertenze Note metodologiche Le informazioni sulla struttura e l attività degli istituti di cura sono elaborate dall Istat a partire dai dati rilevati dal Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali.

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

PRESENTAZIONE. DIRETTORE DEL CORSO Zoran Olivari UOC Cardiologia - Ospedale Ca Foncello, Treviso tel. 0422 322767 e-mail: segcardiotv@ulss.tv.

PRESENTAZIONE. DIRETTORE DEL CORSO Zoran Olivari UOC Cardiologia - Ospedale Ca Foncello, Treviso tel. 0422 322767 e-mail: segcardiotv@ulss.tv. PRESENTAZIONE I percorsi diagnostico terapeutici nell ambito delle patologie cardiovascolari sono soggetti a continua evoluzione in funzione di nuove disponibilità tecnologiche e di nuove possibilità terapeutiche

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO 2016

PROGRAMMA FORMATIVO 2016 PROGRAMMA FORMATIVO 2016 SEGRETERIA ORGANIZZATIVA U.O. POLITICHE PER IL PERSONALE E FORMAZIONE COMUNICAZIONE - URP e-mail: ecm@ospedaliriunitipalermo.it urp@ospedaliriunitipalermo.it U.O. POLITICHE PER

Dettagli

Consiglio per la salute 27.1.15 Pagina 1

Consiglio per la salute 27.1.15 Pagina 1 Oggetto: OSSERVAZIONI AL PIANO PROVINCIALE PER LA SALUTE E ALLE LINEE GUIDA PER LA RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA PROVINCIALE DA PARTE DEL CONSIGLIO PER LA SALUTE DELLA COMUNITA DELLE GIUDICARIE

Dettagli

Pronto Soccorso 46 di cui 4 in ospedali privati accreditati. Punti di Primo Intervento 10 di cui 2 stagionali estivi

Pronto Soccorso 46 di cui 4 in ospedali privati accreditati. Punti di Primo Intervento 10 di cui 2 stagionali estivi Organizzazione della rete Pronto Soccorso 46 di cui 4 in ospedali privati accreditati Punti di Primo Intervento 10 di cui 2 stagionali estivi Organizzazione della rete PRONTO SOCCORSO PUNTO DI PRIMO INTERVENTO

Dettagli

Assistenza Specialistica Ambulatoriale: Governo dei Tempi d Attesa

Assistenza Specialistica Ambulatoriale: Governo dei Tempi d Attesa Assistenza Specialistica Ambulatoriale: Governo dei Tempi d Attesa 26 Gennaio 2015 Politiche di Governo dei Tempi d Attesa Prestazioni oggetto di monitoraggio (1) Il monitoraggio dei tempi di attesa delle

Dettagli

LA CONTINUITA TERAPEUTICA IN RSA

LA CONTINUITA TERAPEUTICA IN RSA LA CONTINUITA TERAPEUTICA IN RSA I LETTI CAVS Dott.ssa E.P. Contuzzi Nucleo Territoriale di Continuità delle Cure Geriatria Territoriale ASLTO1 RSA, CAVS? RSA: residenza sanitaria assistenziale; struttura

Dettagli