NEWSLETTER

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NEWSLETTER 35 23.04.2012"

Transcript

1 Anno-Jahr 5 Nr. 35/2012 Beilage zu Dimension Arbeit Allegato a Dimensione Lavoro Registriert Landesgericht Bozen Registrato presso il Tribunale di Bolzano Nr. 23/1996 st. NEWSLETTER ARBEITSFÖRDERUNGSINSTITUT Körperschaft öffentlichen Rechts für Forschung, Bildung und Information im Bereich Arbeit. ISTITUTO PROMOZIONE LAVORATORI Ente di diritto pubblico per la ricerca, formazione ed informazione nell'ambito del lavoro. I lavoratori parasubordinati in Alto Adige guadagnano mediamente all anno. Il 90% lavora in mono -committenza. Metà dei lavoratori a pr o- getto non ha altra copertura previdenziale. di Silvia Vogliotti 1. In sintesi I lavoratori parasubordinati che nel 2009 hanno prestato lavoro come collaboratori in provincia di Bolzano sono stati , di cui uomini (pari al 68%) e donne (pari al 32%). Mediamente hanno versato alla Gestione separata a fronte di un reddito medio di ( annui per gli uomini e per le donne). Il 10% dei parasubordinati ha redditi inferiori a 500 annui, un terzo guadagna tra 500 e Le donne sono mediamente più giovani degli uomini: il 25% delle donne ha infatti meno di 30 anni, rispetto all 11% degli uomini e hanno più di 60 anni solo il 14% delle donne rispetto al 24% degli uomini. I redditi dei collaboratori uomini crescono decisamente con il progredire dell età e superano la quota di all anno per i trentenni, con un picco di per i quarantenni. Per le donne, invece, le retribuzioni sono già mediamente più basse nei ventenni, ma crescono poi poco anche nelle classi di età superiori, non arrivando mai a medi annui. I collaboratori hanno in media pochi mesi di contribuzione alle spalle (il 55% delle donne e il 40% degli uomini vantano meno di 1 anno di contributi negli ultimi cinque), e in 9 casi su 10 lavorano per un solo committente. Il 37% dei collaboratori (5.280 persone) nel 2009 aveva un rapporto di lavoro esclusivo, ovvero non godeva di altra copertura previdenziale e non era pensionato. La percentuale di esclusivi sul totale della tipologia è assai elevata per i dottorati di ricerca (il 82% di questi assegnisti non ha altra forma previdenziale), per gli associati in partecipazione (dove gli esclusivi raggiungono il 83%) e per i venditori porta a porta (il 75% di essi fa unicamente questo lavoro). Tra i lavoratori a progetto il 54% non ha altra copertura previdenziale, quota che per i collaboratori occasionali è del 59%. Rispetto al reddito mediamente percepito da chi lavora esclusivamente come collaboratore parasubordinato notiamo una spiccata differenziazione di genere; in tutte le tipologia di lavoro le donne (con annuali) guadagnano meno dei loro colleghi uomini ( ). Tra i lavoratori a progetto un uomo guadagna mediamente , una donna arriva appena a annuali.

2 2 2. Il reddito medio dei parasubordinati nel 2009 era pari a Secondo i dati desunti dall Osservatorio sui lavoratori parasubordinati dell INPS i lavoratori parasubordinati che nel 2009 hanno prestato lavoro come collaboratori in provincia di Bolzano sono stati , di cui uomini (pari al 68%) e donne (pari al 32%) i. Complessivamente hanno versato oltre 49 milioni di all INPS, con un contributo medio pro capite di ii. I redditi percepiti da questi collaboratori ammontavano a quasi 242 milioni di, con un reddito medio di , ma con una netta differenza tra gli uomini (che ricevono in media annui) e le donne ( annui). Le collaboratrici pur rappresentano 1/3 del totale percepiscono appena 1/5 dei redditi totali, con un differenziale retributivo di genere pari al 51%. Tabella 1: Contribuenti collaboratori in provincia di Bolzano per sesso, contributi e redditi totali e medi (in ) 2009 Numero Contribuenti Contributi totali Contributo medio (pro capite) Redditi totali Reddito medio (pro capite) Maschi Femmine TOTALE Il grafico successivo mostra la distribuzione dei redditi per i collaboratori che hanno lavorato in provincia di Bolzano: emerge l alta incidenza dei lavoratori nelle classi retributive inferiori. Il 10% dei lavoratori ha redditi inferiori a 500 annui, un terzo tra 500 e e il 13% tra e annui. Appena il 10% dei collaboratori arriva invece a superare quota annui. Figura 1: Collaboratori per classe di reddito (in ) - provincia di Bolzano, ,0% 35,0% 35,5% 30,0% 25,0% 20,0% 15,0% 10,0% 5,0% 9,7% 12,6% 19,5% 12,7% 4,9% 5,1% 0,0% > Ma che età hanno questi collaboratori? Le donne sono mediamente più giovani degli uomini: il 25% delle donne ha meno di 30 anni, rispetto all 11% degli uomini e il 14% ha più di 60 anni, rispetto al 24% degli uomini.

3 Figura 2: Collaboratori per sesso ed età - provincia di Bolzano, ,0% 26,4% Männer/Maschi 25,0% Frauen/Femmine 22,0% 20,5% 20,0% 18,4% 20,6% 18,1% 23,8% 3 15,0% 10,0% 5,0% 14,3% 5,1% 5,7% 11,2% 14,0% 0,0% < Disaggregando i dati retributivi per sesso notiamo (Figura 3) che le donne sono maggiormente presenti nelle classi retributive inferiori. Tra 500 e annui li guadagnano, infatti, il 31% degli uomini ma ben il 45% delle donne. Le donne con retribuzioni superiori a sono appena l 11% rispetto al 28% dei loro colleghi uomini. Figura 3: Collaboratori per classe di reddito (in ) e sesso - provincia di Bolzano, ,0% 40,0% 30,0% 30,8% 45,4% Männer/Maschi Frauen/Femmine 20,0% 10,0% 0,0% 19,2% 20,0% 9,7% 9,5% 14,1% 14,9% 12,0% 8,1% 6,3% 7,0% 1,8% 1,1% > La sottostante figura 4 mostra come si registri una netta differenziazione dei redditi in relazione non solo all età, ma soprattutto rispetto al sesso. I redditi dei collaboratori infatti crescono decisamente, e superano la media di all anno per i trentenni, con un picco di per i quarantenni. Per le donne, invece, le retribuzioni sono già mediamente più basse nei ventenni, ma crescono poi poco anche nelle classi di età superiori, non arrivando mai a medi annui.

4 Figura 4: Reddito medio (in ) dei collaboratori per sesso ed età - provincia di Bolzano, Männer/Maschi Frauen/Femmine < Elevato il turnover e la mono-committenza Al fine di verificare quanto sia continuo il lavorato di collaboratore abbiamo analizzato i dati rispetto all anzianità contributiva negli ultimi 5 anni, ovvero al numero di mesi in cui risultano contributi versati negli ultimi 60. In Provincia di Bolzano risulta che i collaboratori iscritti alla gestione separata INPS hanno in media pochi mesi di contribuzione alle spalle. Infatti ben il 55% delle donne e il 40% degli uomini vantano meno di 1 anno di contributi negli ultimi cinque, il 14% delle donne e il 13% degli uomini tra 12 e 23 mesi. Il 23% degli uomini e appena il 10% delle donne ha versato contributi in tutti gli ultimi 60 mesi, segno evidente di un rapporto di collaborazione continuo nel corso dell ultimo lustro. L insieme dei collaboratori risulta quindi molto dinamico con un elevato turnover. La continuità contributiva si riflette anche nelle retribuzioni, dato che risulta che tra chi ha versato contributi continuativamente negli ultimi cinque anni la retribuzione media annuale è di per gli uomini e di per le donne. Vediamo ora per quanti committenti lavoravano i collaboratori in provincia di Bolzano nel 2009: l 89% dei collaboratori lavora in mono-committenza, appena l 8% ha due committenti e il 3% tre o più datori di lavoro, e i dati sono molto simili per gli uomini e per le donne. Dato significativo è quello per cui chi lavora in mono-committenza ha un reddito medio di annui, chi con 2 committenti arriva a annui e chi ha committenti più numerosi incassa fino a annui. Il 72% dei collaboratori era già presente come tale l anno precedente (lo era l 81% degli uomini e il 71% delle donne). Il 28% dei collaboratori che risultavano nel 2009 non era invece presente nel Il reddito medio tra chi era già presente nel 2008 è pari a , mentre chi nel 2008 non era presente nel 2009 aveva un reddito medio pari a Un parasubordinato ogni 3 è un lavoratore a progetto Considerando i vari tipi di rapporto codificati dall INPS tra cui i committenti possono scegliere per descrivere l attività svolta dai collaboratori, emerge che le professioni definite (amministratori, collaboratori di giornali, venditori porta a porte ecc.), pesano per il 51% del totale, mentre i collaboratori a progetto o occasionali per il restante 49%. La categoria più numerosa è quella di amministratori e sindaci di società (6.290 persone), che rappresentano ben il 45% di tutti i collaboratori. I collaboratori a progetto sono e risultano la seconda categoria per numerosità, mentre al terzo posto per diffusione ci sono i collaboratori presso le Pubbliche Amministrazioni iii.

5 Tabella 2: Contribuenti collaboratori e reddito medio (in ) per tipo di rapporto Provincia di lavoro Bolzano, 2009 Tipo di rapporto Reddito medio N. % (in ) Caratteristiche professionali definite % Amministratore, sindaco di società, ecc % Collaboratore di giornali, riviste, ecc. 88 1% Partecipante a collegi e commissioni 262 2% Amministratore di Enti locali (D.M ) 27 0,2% Dottorati di ricerca, assegno, borsa di studio 34 0,2% Venditore porta a porta 236 2% Associato in partecipazione 178 1% Caratteristiche professionali non definite % Collaboratore a progetto % Collaboratore occasionale 586 4% Autonomo occasionale 108 1% Collaboratore presso la P.A % Altre collaborazioni 473 3% TOTALE % Elaborazioni AFI-IPL su dati INPS La Tabella 2 evidenzia anche i redditi medi percepiti da questi lavoratori: gli amministratori e sindaci di società sono quelli con il reddito di gran lunga più elevato ( ), seguiti dagli associati in partecipazione con e dai dottorandi di ricerca e assegnisti di borse di studio ( annuali). I numerosi lavoratori a progetto guadagnano in media , risulta invece il reddito medio dei venditori porta a porta Il 37% dei parasubordinati non ha altra occupazione Vediamo ora quanti di questi collaboratori svolgono attività esclusiva (ovvero versano contributi solamente alla Gestione separata, con un aliquota che nel 2009 era pari al 25,72%) e quanti come attività concorrente ad altro lavoro o pensione (versando quindi nella Gestione separata contributi pari al 17%)iv. Come si evince dalla tabella 3 il 37% dei collaboratori ha un rapporto di lavoro esclusivo, ovvero non ha altra copertura previdenziale e non è pensionato. In Provincia di Bolzano nel corso del 2009 risultavano quindi lavoratori che versavano unicamente alla Gestione separata, che rappresentano quindi parasubordinati puri o esclusivi. A) I lavoratori parasubordinati esclusivi La percentuale di esclusivi sul totale della tipologia è assai elevata per i dottorati di ricerca (il 82% di questi assegnisti non ha altra forma previdenziale), per gli associati in partecipazione (dove gli esclusivi raggiungono il 83%) e per i venditori porta a porta (il 75% di essi fa unicamente questo lavoro). Tra i lavoratori a progetto il 54% non ha altra copertura previdenziale, quota che per i collaboratori occasionali è del 59%. Il reddito medio di questi lavoratori varia notevolmente a seconda della tipologia del rapporto di lavoro, ma resta rimarchevole il fatto che i lavoratori esclusivi (con annui) hanno redditi medi di poco superiori ai lavoratori concorrenti ( ), che però sono pensionati o hanno comunque un altro lavoro di altro tipo. I redditi medi maggiormente elevati sono appannaggio degli amministratori e sindaci di società, sia che essi svolgano questa attività in via esclusiva ( annui), sia in maniera concorrente ( ). Se escludiamo dai lavoratori esclusivi amministratori e sindaci di società, che hanno retribuzioni molto elevate e quindi innalzano la media totale, e ricalcoliamo la retribuzione media per i lavoratori subordinati esclusivi, risulta che per i lavoratori esclusivi il reddito medio risulta pari ad appena annui!

6 Tabella 3: Contribuenti collaboratori esclusivi e concorrenti e rispettivo reddito medio per tipo di rapporto provincia di lavoro Bolzano, 2009 Tipo di rapporto % esclusivi Esclusivi Reddito medio (in ) Concorrenti Reddito medio (in ) Caratteristiche professionali definite Amministratore, sindaco di società, ecc. 23% Collaboratore di giornali, riviste, ecc. 41% Partecipante a collegi e commissioni 7% Amministratore di Enti locali (D.M ) 4% Dottorati di ricerca, assegno, borsa di studio 82% Venditore porta a porta 75% Associato in partecipazione 83% Caratteristiche professionali non definite Collaboratore a progetto 54% Collaboratore occasionale 59% Autonomo occasionale 34% Collaboratore presso la P.A. 43% Altre collaborazioni 1% TOTALE 37% Elaborazioni AFI-IPL su dati INPS Nell attività esclusiva (vedi Tabella 4) si nota come la tipologia maggiormente diffusa tra gli uomini sia l amministratore/sindaco di società, mentre le donne svolgono nel 58% dei casi (1.409 persone su 2.429) le collaboratrici a progetto e nel 14% dei casi collaboratrici presso enti pubblici. Fra gli uomini i collaboratori a progetto esclusivi sono il 40% del totale. Tabella 4: Contribuenti collaboratori esclusivi e loro reddito medio per tipo di rapporto e sesso provincia di lavoro Bolzano, 2009 Tipo di rapporto Uomini Donne n. Reddito medio n. Reddito medio Amministratore, sindaco di società, ecc Collaboratore a progetto Collaboratore occasionale Collaboratore presso la P.A Venditore porta a porta Associato in partecipazione Collaboratore di giornali, riviste, ecc Dottorato di ricerca, assegno, borsa studio erogata da MUIR Autonomo occasionale Partecipante a collegi e commissioni Altre collaborazioni Enti locali (D.M ) TOTALE Elaborazione AFI-IPL su dati INPS Rispetto al reddito mediamente percepito da chi lavora esclusivamente come collaboratore parasubordinato notiamo una spiccata differenziazione di genere, in tutte le tipologia le donne (con ) guadagnano meno dei loro colleghi uomini ( ). Tra gli amministratori e i sindaci delle società il gap di genere è molto elevato, dai medi per gli uomini ai per le donne. Se un lavoratore a progetto uomo guadagna mediamente , una donna arriva appena a mensili. Anche tra gli associati in partecipazione, i venditori porta a porta e i dotto- 6

7 randi di ricerca il gap è consistentev. Le differenze sono da ricondurre da un lato ai minori periodi di lavoro mediamente effettati dalle donne e dall altro ai minori compensi percepiti a parità di durata del rapporto di lavoro. B) I lavoratori parasubordinati concorrenti Abbiamo visto il 63% dei collaboratori erano concorrenti, ovvero iscritti ad altra gestione previdenziale obbligatoria o risultavano pensionati. La sottostante tabella 5 mostra la numerosità e i redditi medi dei collaboratori concorrenti. Circa metà di questi collaboratori è amministratore o sindaco di società, mentre i collaboratori a progetto superano le unità. Le donne rappresentano circa un quarto del totale di questi collaboratori esclusivi, con una retribuzione media di mensili, inferiore ai mediamente percepiti nel 2009 dai colleghi uomini. Tabella 5: Contribuenti collaboratori concorrenti e loro reddito medio per tipo di rapporto e sesso provincia di lavoro Bolzano, 2009 Tipologia di rapporto Uomini Donne n. Reddito medio n. Reddito medio Amministratore, sindaco di società, ecc Collaboratore a progetto Collaboratore presso la P.A Altre collaborazioni Partecipante a collegi e commissioni Collaboratore occasionale Autonomo occasionale Collaboratore di giornali, riviste, ecc Venditore porta a porta Enti locali (D.M ) Associato in partecipazione Dottorato di ricerca, assegno, borsa studio erogata da MUIR TOTALE Elaborazione AFI-IPL su dati INPS Come abbiamo visto il 63% dei collaboratori che lavoravano nel 2009 in provincia di Bolzano erano concorrenti, ovvero iscritti ad altra assicurazione obbligatoria o risultavano pensionati. Vediamo ora nel dettaglio a quale tipologia assicurativa risultano iscritti e con quale reddito medio. Per gli uomini al primo posto vi sono i commercianti (1.566) e al secondo i pensionati (1.380). I lavoratori dipendenti risultano al terzo posto per numerosità con persone. Fra le donne, invece sono le lavoratrici dipendenti quelle maggiormente presenti, seguite dalle pensionate e dalle commercianti. Un analisi dei redditi medi per tipologia mostra come i commercianti siano quelli con le retribuzioni nettamente più elevate, pari a annui per gli uomini e per le donne. A seguire vi sono gli artigiani (con redditi medi di annui per gli uomini e per le donne) ed i titolari di pensione indiretta (ovvero liquidata ai superstiti di lavoratori deceduti prima di poter accedere al trattamento pensionistico di vecchiaia.). 7

8 Tabella 6: Contribuenti collaboratori esclusivi per reddito medio, tipologia di assicurazione e sesso provincia di lavoro Bolzano, 2009 Tipologia di assicurazione n. Uomini Reddito medio n. Donne Reddito medio Fondo pensione lavoratori dipendenti (FPLD) Commerciante Titolare pensione diretta Artigiano Altra contribuzione INPS Dipendente enti locali e amm. dello Stato Titolare pensione indiretta Casse professionali Altro Elaborazione AFI-IPL su dati INPS 8 6. Per approfondire Borella M., Segre G, (2011), Povera pensione dei parasubordinati, , articolo tratto da lavoce.info. Borella M., Segre G, (2009), Le pensioni dei lavoratori parasubordinati: prospettive dopo un decennio di gestione separata, WP CeRP 78/08. INPS (2009): Il lavoro parasubordinato nel 2007, reperibile sul sito dell Osservatorio dei lavoratori parasubordinati - INPS (2008): Il lavoro subordinato nel 2006, scaricabile dal sito dell Osservatorio dei lavoratori parasubordinati - Vogliotti S. (2010): Le pensioni dei parasubordinati: ridotta copertura previdenziale oggi, basse pensioni domani, 2009, scaricabile dal sito afi-ipl.org i L Osservatorio dell INPS contiene una serie di informazioni relative da un lato contribuenti professionisti (definiti come coloro che versano essi stessi i contributi con il meccanismo degli acconti e dei saldi negli stessi termini previsti per i versamenti IRPEF), e dall altro ai contribuenti collaboratori (ovvero coloro per cui il versamento contributivo è effettuato dal committente, sia esso persona fisica o soggetto giuridico), entro il mese successivo a quello della corresponsione del compenso. I Dati relativi ai contribuenti e ai professionisti sono riferiti alla regione di versamento di contribuzione, quindi essendo disaggregati fino alle singole Regioni, non sono disponibili informazioni per la sola provincia di Bolzano. Per il 2009 invece è disponibile una sezione denominata Dettagli contribuenti collaboratori che permette di effettuare elaborazioni per i collaboratori che hanno lavorato in provincia di Bolzano, ovvero coloro che hanno effettuato una prestazione lavorativa in Alto Adige, indipendentemente dalla provincia/regione di versamento dei contributi. ii I contributi che attualmente i lavoratori parasubordinati devono pagare alla Gestione separata dell INPS varia a seconda della loro posizione previdenziale. Per i soggetti senza copertura previdenziale obbligatoria il contributo è stato fissato per il 2011, al 26,72 per cento, per due terzi a carico dell'azienda e per un terzo a carico del lavoratore. Il contributo è comprensivo dello 0,72% che serve a finanziare il fondo per la maternità, gli assegni familiari e la malattia; nel 2009 tale contributo era pari al 25,72%. Per i collaboratori e i professionisti iscritti ad altre forme di previdenza obbligatoria, i titolari di pensione diretta, cioè quella derivante da contributi versati per il proprio lavoro e i titolari di pensione di reversibilità il contributo è fissato al 17 per cento (lo era anche nel 2009). iii Tale categoria avverte l INPS non individua però tutti coloro che lavorano per le Amministrazioni pubbliche. Vedasi: INPS: Il lavoro parasubordinato nel 2007, Marzo 2009, reperibile sul sito dell Osservatorio dei lavoratori parasubordinati, pagg. 28 segg.. iv Per gli esclusivi (iscritti alla gestione separata Inps senza altre coperture previdenziali obbligatorie) l aliquota contributiva è del 24,72% dal 1 gennaio 2008, del 25,72% dal 1 gennaio 2009 e del 26,72% dal 1 gennaio 2010 (art. 1, comma 79, legge 24 dicembre 2007, n. 247). Lo 0,5% del contributo versato è destinato al finanziamento dell indennità di maternità, dell indennità per congedo parentale, dell indennità di malattia e degli assegni al nucleo familiare. Per i concorrenti (iscritti alla gestione separata Inps con altre coperture previdenziali obbligatorie e/o titolari di pensione diretta e indiretta l aliquota contributiva è fissata dal 1 gennaio 2008 al 17%. v Se dal calcolo della media totale escludiamo gli amministratori e sindaci delle società, che con importi nettamente superiori innalzano la media, otteniamo che i collaboratori esclusivi (esclusi amministratori/sindaci) percepiscono a mediamente annuali se uomini e ad appena mensili se donne.

Aliquote contributive dei lavoratori iscritti alla gestione separata INPS Massimale per il 2014

Aliquote contributive dei lavoratori iscritti alla gestione separata INPS Massimale per il 2014 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 10 1 MARZO 2014 Aliquote contributive dei lavoratori iscritti alla gestione separata INPS

Dettagli

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma.

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma. Costo del lavoro Esempi di calcolo La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma Ai sensi dell art. 2222 c.c. è lavoratore autonomo colui

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

Pensioni delle donne: un analisi di genere

Pensioni delle donne: un analisi di genere Argomento A cura dello Spi-Cgil dell Emilia-Romagna n. 1 gennaio 2015 Pensioni delle donne: un analisi di genere Questo numero è a cura di Roberto Battaglia e Gabriella Dionigi con la collaborazione di

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 56 del 14 Aprile 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata: modifica delle aliquote contributive anno 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Osservatorio inps Provincia Bolzano ANNO: 2012. Complesso delle pensioni liquidate nell anno 2012. Categoria anzianità Totale importo

Osservatorio inps Provincia Bolzano ANNO: 2012. Complesso delle pensioni liquidate nell anno 2012. Categoria anzianità Totale importo 19 Osservatorio inps Provincia Bolzano ANNO: 2012 Complesso delle pensioni liquidate nell anno 2012 Sottocategoria: Anzianità Sesso: Femmine Tipo ai lavoratori Complesso delle pensioni liquidate nell anno

Dettagli

Sintesi del Rapporto annuale 2013

Sintesi del Rapporto annuale 2013 Ufficio Stampa Comunicato stampa Roma, 8 luglio 2014 Sintesi del Rapporto annuale 2013 L Inps al servizio del Paese L Inps esercita da sempre un ruolo di riferimento e di guida nell ambito della sicurezza

Dettagli

L EMISSIONE DEGLI ESTRATTI CONTO CONTRIBUTIVI PER GLI ISCRITTI ALLA GESTOINE SEPARATA INPS (ART. 2 DELLA LEGGE 335/95)

L EMISSIONE DEGLI ESTRATTI CONTO CONTRIBUTIVI PER GLI ISCRITTI ALLA GESTOINE SEPARATA INPS (ART. 2 DELLA LEGGE 335/95) L EMISSIONE DEGLI ESTRATTI CONTO CONTRIBUTIVI PER GLI ISCRITTI ALLA GESTOINE SEPARATA INPS (ART. 2 DELLA LEGGE 335/95) Caratteristiche dei destinatari degli estratti L'emissione dell'estratto conto nei

Dettagli

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Quadro giuridico di riferimento Livello di contribuzione Calcolo della prestazione (retributivo, misto e contributivo) Esempi di calcolo

Dettagli

Roma, 29 gennaio 2015

Roma, 29 gennaio 2015 DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2500 Roma, 29 gennaio 2015 ALLE ASSOCIAZIONI E AI SINDACATI TERRITORIALI ALLE UNIONI REGIONALI AI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA AI COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

SINTESI RAPPORTO ANNUALE INPS 2012

SINTESI RAPPORTO ANNUALE INPS 2012 Ufficio Stampa Comunicato stampa Roma, 16 luglio 2013 SINTESI RAPPORTO ANNUALE INPS 2012 Il nuovo Inps L Inps presenta quest anno la quinta edizione del Rapporto annuale, la prima dopo l incorporazione

Dettagli

Articolo 84. (Istituzione presso la tesoreria dello Stato del Fondo per l erogazione dei trattamenti di fine rapporto)

Articolo 84. (Istituzione presso la tesoreria dello Stato del Fondo per l erogazione dei trattamenti di fine rapporto) Articolo 84 (Istituzione presso la tesoreria dello Stato del Fondo per l erogazione dei trattamenti di fine rapporto) La disposizione è diretta a prevedere: a) l anticipo della decorrenza dal 1 gennaio

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA CASSA FORENSE La Cassa di Previdenza Forense è stata trasformata in ente con personalità giuridica di diritto privato con

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 La Gestione Separata Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 1 2 L iscrizione E a carico del lavoratore o del professionista Deve essere presentata entro 30 giorni dall inizio dell attività.

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

Docente: Domenico Comegna

Docente: Domenico Comegna Docente: Domenico Comegna Risorse destinate al Welfare ITALIA 26,5% PIL UE (15 paesi) 27,2% PIL Risorse destinate al Welfare Pensioni Sanità Famiglia Ammortizzatori Altre e disabilità Sociali voci GERMANIA

Dettagli

INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO

INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO 1 PRINCIPALI FONTI NORMATIVE E REGOLAMENTARI Legge 335/1995, art. 2, comma 25; Dlgs 103/96; Legge 247/07, art 1, comma 80 (norme di attuazione del Protocollo welfare

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Aprile 2015 Anno 2015 vigenti all 1.1.2015 e liquidate nel 2014 erogate dall Inps 1 Le Gestioni Le pensioni vigenti all 1.1.2015

Dettagli

Circolare Informativa n 14/2014. Gestione separata INPS Le nuove aliquote contributive

Circolare Informativa n 14/2014. Gestione separata INPS Le nuove aliquote contributive Circolare Informativa n 14/2014 Gestione separata INPS Le nuove aliquote contributive Pagina 1 di 5 INDICE Premessa pag. 3 1) Gestione separata: aliquote, minimali e massimali pag. 3 2) Gestione artigiani

Dettagli

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia La Previdenza Sociale in Italia Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia BBF&Partners, Servizi per la Gestione delle Risorse Umane 1 2 L Assicurazione Previdenziale Obbligatoria

Dettagli

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 29/03/2011. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Rinnovo 2006 - Tabelle

Rinnovo 2006 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Prestazioni Rinnovo 2006 - Tabelle Decreto 18 novembre 2005 G.U. n. 278 del 29 novembre 2005 A cura della Direzione Centrale per le Pensioni

Dettagli

" Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa "

 Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Monza Brianza " Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa " I redditi

Dettagli

I SISTEMI PREVIDENZIALI

I SISTEMI PREVIDENZIALI I SISTEMI PREVIDENZIALI 1 DEFINIZIONE Il sistema previdenziale, in generale, è un meccanismo di ridistribuzione che trasferisce risorse prodotte dalla popolazione attiva a favore di chi: ha cessato l attività

Dettagli

Dottor Domenico Comegna. Membro del consiglio di Indirizzo e vigilanza dell INPDAP

Dottor Domenico Comegna. Membro del consiglio di Indirizzo e vigilanza dell INPDAP Dottor Domenico Comegna Membro del consiglio di Indirizzo e vigilanza dell INPDAP La previdenza in Italia: fattori di crisi del sistema I fattori che hanno determinato l intervento normativo, attuatosi

Dettagli

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Introduzione Un aspetto al quale è stata dedicata relativamente poca attenzione durante gli

Dettagli

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di Le pensioni Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia,

Dettagli

I trasferimenti monetari alle famiglie. Sociologia della famiglia - Corso di laurea in Educatori di nido e comunità infantili

I trasferimenti monetari alle famiglie. Sociologia della famiglia - Corso di laurea in Educatori di nido e comunità infantili I trasferimenti monetari alle famiglie Trasferimenti economici alle famiglie Trasferimenti monetari diretti indiretti Assegni per il nucleo familiare Assegno di maternità A3F Detrazioni fiscali Storia

Dettagli

Fondo per le Pensioni del Personale Addetto ai Pubblici Servizi di Telefonia

Fondo per le Pensioni del Personale Addetto ai Pubblici Servizi di Telefonia In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento dei maggiori fondi speciali gestiti dall Istituto. Questo vuole essere un

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Fondo speciale dirigenti ex-inpdai. Istituto Nazionale Previdenza per i Dirigenti di Aziende Industriali

Fondo speciale dirigenti ex-inpdai. Istituto Nazionale Previdenza per i Dirigenti di Aziende Industriali Fondo speciale dirigenti ex-inpdai Istituto Nazionale Previdenza per i Dirigenti di Aziende Industriali L Inps prosegue la sua operazione porte aperte pubblicando una scheda sul fondo speciale dirigenti

Dettagli

Rinnovo 2011 - Tabelle

Rinnovo 2011 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Pensioni Rinnovo 2011 - Tabelle Perequazione provvisoria Pensioni e limiti di reddito 1,4% Limiti di reddito INVCIV totali 1,0% Indennità

Dettagli

DOVE NASCE IL PROBLEMA ENTI E CASSE PREVIDENZIALI

DOVE NASCE IL PROBLEMA ENTI E CASSE PREVIDENZIALI DOVE NASCE IL PROBLEMA ENTI E CASSE PREVIDENZIALI SETTORE PUBBLICO Fondo dipendenti enti statali (ex INPDAP) Fondo dipendenti enti locali e Asl (ex IINPDAP) SETTORE PRIVATO Fondo lavoratori dipendenti

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali Indagine conoscitiva sull impatto in termini di genere della normativa previdenziale e sulle disparità esistenti in materia di trattamenti pensionistici tra uomini e donne Audizione dell Istituto nazionale

Dettagli

Tresury DYnamic Microsimulation Model. La ricostruzione del campione IT-SILC sui dati amministrativi INPS

Tresury DYnamic Microsimulation Model. La ricostruzione del campione IT-SILC sui dati amministrativi INPS Tresury DYnamic Microsimulation Model Workshop Innovative Datsets and Models for Improving Welfare Policies La ricostruzione del campione IT-SILC sui dati amministrativi INPS A. Mundo G. Mattioni INPS

Dettagli

La Riforma Previdenziale Cosa cambia. Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2

La Riforma Previdenziale Cosa cambia. Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2 La Riforma Previdenziale Cosa cambia Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2 Indice I contributi soggettivo integrativo di solidarietà per i pensionati Le pensioni di Vecchiaia Unificata

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

Pensione di vecchiaia: ecco i nuovi requisiti di età per ottenerla

Pensione di vecchiaia: ecco i nuovi requisiti di età per ottenerla Pensione di vecchiaia: ecco i nuovi requisiti di età per ottenerla Maggio 2015 Più si va avanti e più si allontana l accesso alla pensione degli italiani. Col passare degli anni, infatti, aumenta l età

Dettagli

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Pensione di vecchiaia Con almeno 57 anni, sia uomini che donne possono conseguire la pensione di vecchiaia. Si prescinde

Dettagli

Circolare N.25 del 18 Febbraio 2014

Circolare N.25 del 18 Febbraio 2014 Circolare N.25 del 18 Febbraio 2014 Gestione separata, artigiani e commercianti. Le aliquote da applicare per il 2014 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la pubblicazione delle

Dettagli

Cumulo contributivo. ( Totalizzazione retributiva)

Cumulo contributivo. ( Totalizzazione retributiva) Cumulo contributivo ( Totalizzazione retributiva) Cumulo contributivo o Totalizzazione retributiva La legge di stabilità 2013 -Legge 24/12/ 2012 n. 228- introduce una nuova istituzione : il cumulo contributivo,

Dettagli

LE PREMESSE DELLA RIFORMA

LE PREMESSE DELLA RIFORMA LE PREMESSE DELLA RIFORMA Non sono state aumentate le aliquote contributive della Riforma 2008, sono stati tutelati i diritti maturati dagli iscritti ed è stata, al contempo, rivolta un attenzione particolare

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

Pensione lavoratori autonomi

Pensione lavoratori autonomi Pensione lavoratori autonomi SOGGETTI INTERESSATI: le speciali regole riguardanti i requisiti per il diritto alla pensione di vecchiaia e di anzianità dei lavoratori «autonomi» interessano le seguenti

Dettagli

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE a cura di Massimiliano Piras Delegato Ingegneri per il Medio Campidano Premessa Nel dicembre 2011, il Governo Monti emanava il Decreto Salva Italia

Dettagli

LE PENSIONI SOCIALI E PER INVALIDI CIVILI GLI ASSEGNI PER INVALIDI DEL LAVORO I REDDITI PER VEDOVE E ORFANI della regione

LE PENSIONI SOCIALI E PER INVALIDI CIVILI GLI ASSEGNI PER INVALIDI DEL LAVORO I REDDITI PER VEDOVE E ORFANI della regione Serie schede tematiche febbraio 2007 - n. 28 - cod. 67456 pag. 1 LE PENSIONI SOCIALI E PER INVALIDI CIVILI GLI ASSEGNI PER INVALIDI DEL LAVORO I REDDITI PER VEDOVE E ORFANI della regione di ogni provincia

Dettagli

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale.

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale. Serie schede tematiche gennaio 2007 - n. 27 - cod. 67447 pag. 1 I pensionati italiani: quanti sono, quanto percepiscono, dove risiedono i pensionati di nord, centro, sud, estero le pensioni sociali in

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo La pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA La Cassa è stata istituita con legge 8 gennaio 1952 ed è stata trasformata, a decorrere da 1 gennaio 1995, in fondazione con personalità giuridica di diritto

Dettagli

Andamento Economico-patrimoniale Fondo Clero (milioni di euro)

Andamento Economico-patrimoniale Fondo Clero (milioni di euro) -1.888-1.986-2.084 17/7/2015 In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento delle maggiori gestioni pensionistiche amministrate

Dettagli

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni.

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA DEI GIORNALISTI ITALIANI GIOVANNI AMENDOLA Via Nizza n. 35 00198 Roma SINTESI DEGLI INTERVENTI DI RIFORMA ADOTTATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL INPGI NELLA SEDUTA

Dettagli

ASSISTENZA WELFARE DOMANI

ASSISTENZA WELFARE DOMANI ASSISTENZA OGGI WELFARE DOMANI In attuazione del principio costituzionale di sicurezza sociale, la Cassa, oltre ai trattamenti previdenziali, tutela gli iscritti mediante erogazione di trattamenti assistenziali,

Dettagli

FNP CISL Milano. Quando si lavora dopo la pensione. Quando il cumulo è consentito. Numero 99 Settembre 2014

FNP CISL Milano. Quando si lavora dopo la pensione. Quando il cumulo è consentito. Numero 99 Settembre 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 99 Settembre 2014 Quando si lavora dopo la pensione "Il lavoro allontana da noi tre grandi mali: la noia, il vizio ed il bisogno"! A questa massima

Dettagli

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 SEMINARIO I LAVORATORI ATIPICI NELLE PROFESSIONI Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 Dr. Gianbattista Guzzetti (Unione Confcommercio Imprese per l Italia-Milano-Lodi-Monza

Dettagli

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo Prefettura RIMINI 10/03/2015 L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo 1919 Nascita della tutela obbligatoria per i lavoratori dipendenti L Istituto

Dettagli

5. Prestazioni di natura previdenziale

5. Prestazioni di natura previdenziale 5. Prestazioni di natura previdenziale Premessa Il tema della riforma delle pensioni in questi ultimi anni, è stato materia di grande dibattito e di aspri scontri. Ricordiamo ad esempio la riforma Maroni

Dettagli

Capitolo 4 Lavoratori Parasubordinati Infortuni sul lavoro

Capitolo 4 Lavoratori Parasubordinati Infortuni sul lavoro Capitolo 4 Lavoratori Parasubordinati Infortuni sul lavoro 4.1 Lavoratori Parasubordinati La legge n. 335 del 1995, ha istituito, all art. 2 comma 26, una Gestione separata presso l INPS, con la finalità

Dettagli

Pag. 1 di 5. Titolo: Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche

Pag. 1 di 5. Titolo: Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche I docenti delle Università pubbliche, in quanto dipendenti civili dello Stato, sono iscritti alla cassa per i trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS), istituita il 1 gennaio 1996 come

Dettagli

Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA

Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA Obbligo per le Casse dei Professionisti di dimostrare la propria sostenibilità a 50 anni previa adozione di misure dirette ad assicurare l equilibrio tra entrate

Dettagli

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 21 giugno 2011 Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 Nel 2009 l importo complessivo annuo delle prestazioni pensionistiche previdenziali e assistenziali erogate in Italia è stato

Dettagli

Contributi I.V.S. dovuti per l anno 2011 da artigiani e commercianti

Contributi I.V.S. dovuti per l anno 2011 da artigiani e commercianti Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121- Fax: 015 351426 Internet: www.biella.cna.it email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Contributi I.V.S. dovuti per l anno 2011 da artigiani e

Dettagli

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI A chi si rivolge La totalizzazione può essere esercitata dai soggetti iscritti a due o più forme di previdenza obbligatoria. Requisiti Pensione di vecchiaia: occorre avere

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

Guide operative. Le collaborazioni occasionali

Guide operative. Le collaborazioni occasionali Guide operative Schede di sintesi A cura di Stefano Liali - Consulente del lavoro Le collaborazioni occasionali Requisiti principali Differenze con le mini co.co.co. Caratteristiche lavoro autonomo occasionale

Dettagli

LAVORATORI PARASUBORDINATI

LAVORATORI PARASUBORDINATI LAVORATORI PARASUBORDINATI 1.1 INDENNITÀ UNA TANTUM A FINE CONTRATTO Anche per il 2013 è stata prevista una indennità una tantum. Per quanti termineranno il contratto nel 2013, i requisiti per l accesso

Dettagli

INDICE. 1 Premessa... 2 2 Lavoratori obbligati all iscrizione alla gestione separata... 2 3 Aliquote contributive previdenziali...

INDICE. 1 Premessa... 2 2 Lavoratori obbligati all iscrizione alla gestione separata... 2 3 Aliquote contributive previdenziali... Circolare 1 del 9 gennaio 2015 Aliquote contributive per gli iscritti alla gestione separata INPS - Aumenti per il 2015 INDICE 1 Premessa... 2 2 Lavoratori obbligati all iscrizione alla gestione separata...

Dettagli

RIFORMA DINI. Legge 08 agosto 1995 n. 335

RIFORMA DINI. Legge 08 agosto 1995 n. 335 RIFORMA DINI Legge 08 agosto 1995 n. 335 La legge 335/95 ha previsto tre distinti sistemi per la determinazione delle pensioni: Sistema contributivo per neoassunti dall 1 gennaio 1996 e per coloro che

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE

LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE Le PRESTAZIONI PREVIDENZIALI sono un trasferimento di denaro che sostituisce il reddito da lavoro nel momento in cui si verificano determinati eventi, quali:

Dettagli

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei Circolare INPS del 25 agosto 1995 n. 234 Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensio- nistico obbligatorio e complementare. Pensioni ai superstiti e trattamenti di invalidità. Nuovi limiti

Dettagli

Riscatto di laurea. Requisiti e calcolo dell onere

Riscatto di laurea. Requisiti e calcolo dell onere Riscatto di laurea Requisiti e calcolo dell onere Il riscatto Si definisce riscatto l operazione che consente la copertura contributiva di alcuni periodi privi di assicurazione La facoltà di riscatto può

Dettagli

2 INTERVENTI ECONOMICI ED EFFETTI SOCIALI 2.3 LE PENSIONI: SPESA, IMPORTI E NUMERO 2.3.1 LA SPESA PENSIONISTICA

2 INTERVENTI ECONOMICI ED EFFETTI SOCIALI 2.3 LE PENSIONI: SPESA, IMPORTI E NUMERO 2.3.1 LA SPESA PENSIONISTICA 2 INTERVENTI ECONOMICI ED EFFETTI SOCIALI 2.3 LE PENSIONI: SPESA, IMPORTI E NUMERO 2.3.1 LA SPESA PENSIONISTICA Le pensioni 22 erogate dall Istituto a favore dei cittadini in possesso di specifici requisiti

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione Come leggere la Busta Paga G.I. G.I. Formazione Formazione La Busta Paga Cos è A Cosa Serve Come è Composta COS E La Busta Paga è il prospetto che indica la retribuzione che il lavoratore percepisce per

Dettagli

Circolari per la clientela

Circolari per la clientela Circolari per la clientela ALIQUOTE CONTRIBUTIVE PER GLI ISCRITTI ALLA GESTIONE SEPARATA INPS AUMENTI PER IL 2015 1 1 PREMESSA Nel 2015, le aliquote contributive previdenziali applicabili agli iscritti

Dettagli

DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI)

DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) ART. 1 - NASPI A decorrere dal 1 Maggio 2015 è istituita una

Dettagli

FONDO DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DALL'ENEL E DALLE AZIENDE ELETTRICHE PRIVATE

FONDO DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DALL'ENEL E DALLE AZIENDE ELETTRICHE PRIVATE In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento dei maggiori fondi speciali gestiti dall Istituto. Questo vuole essere un

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO PENSIONI: DAL 1 GENNAIO 2012 è CAMBIAto TUTTO Una nuova riforma pensionistica L evoluzione demografica ha determinato un aumento esponenziale del numero dei pensionati rispetto

Dettagli

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO D.L. 201/2011 Il D.L. 201/2011, convertito nella L. 214/2011 (nota come Riforma delle pensioni), ha modificato in modo radicale il sistema previdenziale

Dettagli

PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli)

PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli) PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli) Adempimenti per l assunzione di una colf... 2 Gli scalini per l accesso alla

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 6 II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 14 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 E. Scritture relative

Dettagli

SINTESI DELLA RICERCA

SINTESI DELLA RICERCA Stabilmente precari? Rapporto 2008 sui lavoratori parasubordinati iscritti alle Gestione Separata INPS 1 2 Patrizio Di Nicola, Isabella Mingo 3 4 Zaira Bassetti, Mariangela Sabato Giugno 2008 SINTESI DELLA

Dettagli

SCADENZE FEBBRAIO 2015

SCADENZE FEBBRAIO 2015 SCADENZE FEBBRAIO 2015 MARTEDì 10 FEBBRAIO IMU TERRENI Scade il termine per il versamento dell IMU sui terreni; l imposta è calcolata in base alle aliquote standard (7,6 per mille) tranne quando i Comuni

Dettagli

INFORMATIVA DICEMBRE 2012

INFORMATIVA DICEMBRE 2012 1 DELEGATO INARCASSA PROV. DELL AQUILA ING. RENATO DI LORETO Via A. Tirabassi, 4 67051 Avezzano (AQ) TEL/FAX 0863.455920-393.9687826-348.0720128 e-mail: diloreto.renato@tiscali.it INFORMATIVA DICEMBRE

Dettagli

L associazione degli Enti di Previdenza Privati AdEPP

L associazione degli Enti di Previdenza Privati AdEPP L associazione degli Enti di Previdenza Privati AdEPP Gli iscritti 2 Il numero degli iscritti AdEPP al 2013 è pari a 1.416.245 unità, con un aumento percentuale del 15,7% tra il 2005 e il 2013. Se si considera

Dettagli

Docenti universitari: Ricalcolo delle pensioni determinate con il solo metodo contributivo.

Docenti universitari: Ricalcolo delle pensioni determinate con il solo metodo contributivo. Docenti universitari: Ricalcolo delle pensioni determinate con il solo metodo contributivo. 1) Generalità I professori universitari, in quanto dipendenti civili dello Stato, sono iscritti alla Cassa per

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

PENSIONI IN ESSERE AL 1 GENNAIO 2013 IN PROVINCIA DI MODENA EROGATE DALL'INPS (*)

PENSIONI IN ESSERE AL 1 GENNAIO 2013 IN PROVINCIA DI MODENA EROGATE DALL'INPS (*) PENSIONI IN ESSERE AL 1 GENNAIO 2013 IN PROVINCIA DI MODENA EROGATE DALL'INPS (*) Si riporta, in diverse tabelle, il numero delle pensioni erogate dall'inps in Provincia di Modena, numero che comprende

Dettagli

La previdenza per le donne. Donne in pensione Donne pensionande Donne giovani. Problemi comuni. Cristina Bolzani dipartimento previdenza SPI-CGIL

La previdenza per le donne. Donne in pensione Donne pensionande Donne giovani. Problemi comuni. Cristina Bolzani dipartimento previdenza SPI-CGIL La previdenza per le donne Donne in pensione Donne pensionande Donne giovani Problemi comuni Cristina Bolzani dipartimento previdenza SPI-CGIL 1 Un po di numeri PER RIFLETTEERE 2 Le donne in pensione 3

Dettagli

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 INDENNITA DIS-COLL Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 1 DESTINATARI Dal 1 gennaio 2015 è stata istituita, in via sperimentale, in relazione agli eventi di cessazione dal lavoro verificatisi

Dettagli

FONDO DI PREVIDENZA PER IL PERSONALE ADDETTO AI PUBBLICI SERVIZI DI TRASPORTO

FONDO DI PREVIDENZA PER IL PERSONALE ADDETTO AI PUBBLICI SERVIZI DI TRASPORTO In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento dei maggiori fondi speciali gestiti dall Istituto. Questo vuole essere un

Dettagli

La pensione per i lavoratori in servizio al 31.12.1995

La pensione per i lavoratori in servizio al 31.12.1995 La pensione per i lavoratori in servizio al 31.12.1995 Pensione di vecchiaia La pensione di vecchiaia viene riconosciuta a condizione che ricorrono le seguenti condizioni: compimento dell età pensionabile

Dettagli

Comunicato stampa. Roma, 29 maggio 2012. Ufficio stampa tel. 0659055085

Comunicato stampa. Roma, 29 maggio 2012. Ufficio stampa tel. 0659055085 Ufficio Stampa Comunicato stampa Roma, 29 maggio 2012 Il Rapporto annuale dell Inps viene presentato, nella Sala della Lupa della Camera dei Deputati, per la quarta volta. Questa edizione restituisce l

Dettagli

Informazioni Sommario

Informazioni Sommario Informazioni Sommario LA VECCHIAIA... 2 L'INVALIDITA'... 2 LA RENDITA Inail E LA REVERSIBILITA'... 3 L'ANZIANITA'... 3 IL PART TIME... 5 AZIENDA O Inps... 5 PENSIONE CONTRIBUTIVA... 5 LA VECCHIAIA Quando

Dettagli

6. CONTABILITA GENERALE

6. CONTABILITA GENERALE 6. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI GESTIONE SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 1 E. Scritture relative al lavoro dipendente Definizione Il lavoro rappresenta un fattore della produzione che contabilmente

Dettagli

Statistiche al femminile impresa, previdenza, caratteristiche demografiche e conciliazione dei tempi

Statistiche al femminile impresa, previdenza, caratteristiche demografiche e conciliazione dei tempi Statistiche al femminile impresa, previdenza, caratteristiche demografiche e conciliazione dei tempi di Nicola Serio Udine 30 settembre 2014 Donne Impresa FVG Caratteristiche demografiche delle imprenditrici

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli