INTERNATIONAL STANDARD ISO Prima Edizione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTERNATIONAL STANDARD ISO 29990 Prima Edizione 2010-09-01"

Transcript

1 Reference number ISO 29990:2010(E) ISO 2010 INTERNATIONAL STANDARD ISO Prima Edizione Servizi di formazione per l educazione e la formazione non formali Requisiti minimi per i fornitori di servizi di formazione trad_ita_iso29990_rev.02.doc 1 di 18

2 Prefazione ISO (Organizzazione internazionale e per la standardizzazione) è una federazione mondiale di organismi nazionali di standardizzazione( organismi membri ISO) Il lavoro di preparazione degli Standard Internazionali è normalmente svolto attraverso i comitati tecnici ISO. Ogni membro interessato ad un argomento per il quale è stato stabilito un comitato tecnico ha il diritto di essere rappresentato da questo comitato. Le organizzazioni internazionali governative e non governative and, legate all ISO, prendono anch esse parte al lavoro. ISO collabora strettamente con la Commissione internazionale Elettrotecnica (IEC) per quanto riguarda tutte le questioni di standardizzazione elettrotecnica. Gli Standard Internazionali vengono redatti seguendo le regole dettate dalle direttive ISO/IEC, Parte 2. Il compito principale dei comitati tecnici è quello di preparare gli Standard. La bozza degli Standard Internazionali adottata dalle commissioni tecniche è circolata tra i membri per essere votata. La pubblicazione come requisito Standard Internazionale richiede l approvazione di almeno il 75% dei voti dei membri aventi diritto. Si richiama l attenzione sulla possibilità che alcuni degli elementi di questo documento possano essere oggetto di brevetto. ISO non potrà essere ritenuta responsabile per l identificazione di uno o tutti I diritti di brevetto. ISO è stato preparato da un Comitato Tecnico ISO/TC 232, Servizi di formazione per l educazione e l apprendimento informali. INTRODUZIONE L Obiettivo della presente norma Internazione è quello di fornire un modello generico per la qualità e l adempimento della pratica professionale,ed un riferimento comune per i fornitori dei servizi di formazione(lsps) e dei loro clienti nella progettazione, erogazione e fornitura di un educazione e formazione informali. Con il termine di Servizi di formazione invece di addestramento si vuole esprimere una centralità sull allievo e sui risultati dei processi e per enfatizzare la gamma completa di opzioni disponibili per la fornitura dei servizi di formazione. Questi standard internazionali si focalizzano sulla competenza dell LSPs. Esso è destinato ad assistere le organizzazioni e gli individui per selezionare un LSP che possa incontrare i bisogni dell organizzazione e le aspettative per competenza e sviluppo delle capacità che possono essere utilizzate per certificare i LSPs. La presente norma internazionale ha alcune somiglianze con molti dei sistemi di gestione pubblicati da ISO, in particolare ISO Ad esempio viene fornito nell allegato E un confronto del contenuto della presente norma Internazione con la norma ISO 9001:2008. trad_ita_iso29990_rev.02.doc 2 di 18

3 Servizi di formazione per l educazione e la formazione non formali Requisiti minimi per i fornitori del servizio 1 Scopo e campo di applicazione La presente norma internazionale specifica i requisiti minimi per i fornitori dei servizi di formazione per l educazione e la formazione non formali. NOTA 1 Nel caso in cui il fornitore dei servizi di formazione fa parte di un organizzazione che fornisce prodotti (merce e servizi) in aggiunta ai servizi di formazione, questo Standard Internazionale viene applicato solo all unità di fornitura dei servizi di formazione. NOTA 2 Esempi di educazione ed apprendimento non formali possono includere formazione professionale, apprendimento permanente e formazione aziendale sia in outsourcing che in sede. 2 Termini e definizioni Al fine del presente documento si applicano i seguenti termini e definizioni: 2.1 Associato: (Servizi di formazione)entità o persona non impiegata dal fornitore di servizi di formazione, ma che lavora sotto i suoi auspici per fornire servizi di formazione. NOTA Un associato non è un membro dello staff del fornitore di sevizi di formazione ESEMPIO Organizzazioni o appaltatori indipendenti, come istruttori, istruttore progettista,analista, project managers, o consulente professionale. 2.2 Riconoscimento (qualifica): (Servizi di formazione) designazione data da un fornitore di servizi di formazione ad un allievo al fine di indicare un livello di prestazione o conseguimento, o il completamento di un programma di apprendimento. 2.3 Business plan: piano di azione ideato per raggiungere obiettivi lavorativi 2.4 Competenza: (Servizi di formazione) conoscenza, comprensione, abilità o attitudine che siano osservabili o misurabili, o entrambe osservabili e misurabili, che viene applicata e controllata in una data situazione lavorativa e nello sviluppo professionale o personale o in entrambi. 2.5 Sviluppo professionale continuo: intenzionale accrescimento della conoscenza o competenza professionali 2.6 Curriculum: (Servizi di formazione) piano di studi preparato dal fornitore dei servizi di formazione che descrive gli scopi, i contenuti, i risultati dell insegnamento, i metodi di insegnamento e di apprendimento, i processi di valutazione ecc, in relazione ai servizi di formazione. 2.7 Valutazione della formazione:approccio normativo per l'analisi del processo di apprendimento o dei suoi risultati misurati in rapporto agli obbiettivi di apprendimento. 2.8 Facilitatore: (Servizi di formazione) persona che lavora con gli studenti per aiutarli con l'apprendimento NOTA Un facilitatore è spesso definito come un insegnante, un allenatore, un coach, un tutor o un mentore 2.9 Parti interessate: (Servizi per l'apprendimento) individuo, gruppo o organizzazione con un interesse diretto o indiretto al servizio di apprendimento, compresa la sua gestione ed i risultati, i processi coinvolti, o entrambi Processo chiave: (Servizi di formazione) processo essenziale per il servizio di formazione e la gestione di esso Allievo: persona impegnata nella formazione trad_ita_iso29990_rev.02.doc 3 di 18

4 2.12 Apprendimento: l'acquisizione della conoscenza, comportamento, competenze, valori, preferenze o comprensione. 2,13 Servizio di formazione: processi o sequenze di attività volte a consentire l'apprendimento. 2,14 Fornitore di servizi di formazione (LSP): un organizzazione di qualsiasi dimensione o un individuo che fornisce servizi di formazione nel campo della educazione non formale. Include anche tutti i collaboratori coinvolti nella prestazione del servizio di formazione. 2,15 Educazione non formale: (Servizi di formazione) attività educative organizzate al di fuori dei sistemi stabiliti riconosciuti di istruzione elementare,secondaria o superiore. ESEMPIO Formazione professionale, apprendimento permanente, formazione in azienda (sia in outsourcing o in-house). 2,16 Politica per la qualità: orientamenti e indirizzi generali di un'organizzazione relativi alla qualità ed espressi in modo formale sulla qualità. Nota 1 In genere la politica per la qualità è coerente con la politica complessiva dell'organizzazione e fornisce un quadro per la definizione degli obiettivi di qualità. NOTA 2 i principi di gestione della qualità presentati nella norma ISO 9000:2005 possono costituire una base per la creazione di una politica della qualità. [ISO 9000:2005, definition 3.2.4] 2,17 Sponsor:(Servizi di formazione) organizzazione o individuo che fornisce il supporto finanziario o di altro tipo per lo studente, o che ha un interesse nel risultato della formazione. NOTA Questo comprende aziende, agenzie governative, parenti, ecc 2,18 Applicazione della formazione:applicazione di quanto imparato durante il periodo di formazione ed altre situazioni. 3 Servizi di formazione 3,1 Determinazione dei bisogni formativi Generalità Prima di offrire i servizi di formazione, e al fine di orientare gli stessi in modo efficace, il fornitore di servizi di formazione (LSP) deve assicurare che è stata condotta un analisi dei bisogni formativi. NOTA : dove rilevanti, il LSP, dovrà tener conto dei quadri nazionali relativi agli standard di qualifica o progressione inerenti alla zona o al settore Bisogni delle parti interessate Prima di fornire il servizio di formazione, il LSP provvede affinché: a) in termini di analisi di qualificazione, vengano ottenute le informazioni rilevanti inerenti l educazione, la formazione e la storia degli studenti prima della formazione, comprese le qualifiche e le credenziali a loro assegnate e che queste informazioni siano ottenute ed utilizzate con il legittimo consenso; b) siano definiti gli obiettivi specifici, i desideri, le mete prefissate e le esigenze delle parti interessate ad intraprendere o commissionare il servizio di formazione; c) ove necessario e fattibile, agli studenti venga fornito il supporto di cui hanno bisogno per valutare i propri bisogni formativi e obiettivi; d) siano identificate le eventuali esigenze relative alla lingua, alla cultura, all alfabetizzazione, o altre particolari esigenze relative ad eventuali disabilita [vedi Web Content Accessibility Guidelines (WCAG)]; e) le parti interessate siano consultati per stabilire come si aspettano che vengano sviluppate, le competenze e le abilità durante il percorso formativo e quale sia il risultato del servizio stesso in relazione alle attività e responsabilità correlate al lavoro degli studenti, e su ciò che lo sponsor considera quali indicatori di successo; f) un accordo sia raggiunto e registrato con lo sponsor per il servizio di formazione che deve essere fornito. trad_ita_iso29990_rev.02.doc 4 di 18

5 3.1.3 I contenuti didattici e processo Il LSP provvede affinché: a) il contenuto e il processo di formazione tengano conto delle esigenze di tutte le parti interessate; b) i mezzi disponibili e le informazioni siano utilizzate per analizzare in modo efficace i problemi derivanti dagli specifici contenuti didattici e processi (per esempio: capacità acquisite in precedenza, requisiti specifici per l'allievo); c) i metodi di apprendimento e i materiali da utilizzare siano appropriati, precisi in termini di contenuti e sufficienti a soddisfare gli obiettivi dichiarati; d) il contenuto ed il processo di formazione tengano conto dei risultati dell'apprendimento. 3,2 Progettazione dei servizi di formazione Definizione degli obiettivi e delle finalità dei servizi di formazione Il LSP deve garantire che lo scopo, gli obiettivi specifici e risultati previsti del servizio di formazione, che è stato selezionato per soddisfare le esigenze delle parti interessate, così come i metodi di apprendimento da utilizzare, siano chiaramente specificati e comunicati alle parti interessate Definizione dei mezzi per il supporto e monitoraggio dell applicazione della formazione Il LSP deve considerare rilevanti le parti interessate per la definizione e la pianificazione dei modi in cui la formazione sarà strutturata e sostenuta, in modo da garantire che il processo di formazione sia valutato, monitorato, valutato e documentato in modo appropriato Pianificazione del Curriculum Il LSP deve: a) sviluppare e documentare un curriculum e dei mezzi di valutazione che riflettano e siano adatti agli scopi ed ai risultati di formazione previsti; b) selezionare i metodi di formazione, compreso l autoformazione, che : 1) rispondano alle finalità e requisiti del curriculum; 2) siano adatti per gli studenti; 3) tengano conto delle diverse esigenze dei singoli studenti; 4) si avvalgano, se appropriato, delle potenzialità del gruppo per fornire risorse e supporto alla formazione individuale e collettiva; c) specificare chiaramente il ruolo e le responsabilità delle parti interessate, tra cui lo stesso LSP, quando fornire i servizi di apprendimento e quando monitorare e valutare il processo di formazione. 3.3 Erogazione di servizi di formazione Informazione e orientamento Prima dell erogazione del servizio di formazione, il LSP deve notificare agli studenti e allo sponsor e, se del caso, verificandorne la loro comprensione circa: a) lo scopo/gli scopi, il format ed il contenuto dei servizi di formazione forniti, compresi gli strumenti, i criteri da utilizzare per la valutazione e la natura del premio o della relazione che sarà emessa al termine della formazione; b) gli impegni e le responsabilità degli studenti; c) gli impegni e le responsabilità del LSP nei confronti degli studenti; trad_ita_iso29990_rev.02.doc 5 di 18

6 d) le procedure da utilizzare in caso di insoddisfazione di una delle parti interessate, o di disaccordo tra una delle parti interessata ed il LSP; e) il supporto per la formazione, come l'accesso alla biblioteca, hotline, servizi di consulenza, accesso al computer, tutoraggio, ecc; f) metodi e periodicità della valutazione; g) ogni eventuale prerequisito, tecnico o meno, ossia le competenze richieste, le qualifiche professionali o l esperienza. Prima dell erogazione del servizio di formazione, il LSP deve notificare, a coloro che finanziano il servizio di formazione, le spese di loro competenza, come le tasse universitarie, tasse di esame e l'acquisto di materiale didattico Disponibilità e accessibilità delle risorse per la formazione Il LSP provvede affinché: a) tutte le risorse come definito nel piano di studi siano disponibili; b) tutti i facilitatori responsabili per l'erogazione dei servizi di apprendimento abbiano tutte le risorse di apprendimento disponibili e siano addestrati al loro uso; c) tutte le risorse, come definite nel curriculum, siano accessibili agli studenti L'ambiente formativo Nei casi in cui l'lsp è responsabile della fornitura o della scelta dell'ambiente destinato alla formazione, il LSP deve assicurarsi che lo stesso sia adeguato. Se il LSP non ha il controllo diretto sull'ambiente formativo, il LSP deve specificarne i requisiti minimi. NOTA 1 : l'ambiente formativo comprende strutture, attrezzature, materiale didattico, ecc NOTA 2 : si veda anche il punto 4,8 sulla ripartizione delle risorse quando si considera l ambiente formativo, perché i due aspetti sono strettamente correlati. 3.4 Monitoraggio dell'erogazione dei servizi di formazione Il LSP deve garantire che sia richiesto agli studenti il feedback sui metodi e le risorse utilizzate, oltre a quello relativo alla loro efficacia nel raggiungimento degli obiettivi formativi concordati. NOTA: per feedback da altre parti interessate, vedi Valutazione della formazione da parte dei fornitori dei servizi di formazione La valutazione degli obiettivi e delle finalità Il LSP deve : a) descrivere gli obiettivi generali e specifici di valutazione e scopi della valutazione; b) garantire che tutti i metodi di valutazione e mezzi impiegati dal LSP siano registrati, compresi la loro calendarizzazione e la loro razionalizzazione; c) garantire che le procedure di valutazione siano programmate, selezionate e condotte al fine di soddisfare gli obiettivi previsti, e che possano essere implementati in modo tale da fornire valore alle varie parti interessate; d) garantire che la valutazione sia condotta in modo legale ed etico; e) assicurare che le informazioni raccolte per le valutazioni del LSP siano: trad_ita_iso29990_rev.02.doc 6 di 18

7 1) mirate e sufficientemente comprensibili da consentire che la domanda di valutazione sia completamente soddisfatta e che le esigenze dei discenti siano adeguatamente affrontate; 2) sistematicamente ed accuratamente analizzate; 3) valide, affidabili e significative. Il LSP adotta misure ragionevoli per ridurre i pregiudizi nelle valutazioni Valutazione della formazione Questa sottoclausola comprende i requisiti del LSP utili per misurare ed analizzare il grado di raggiungimento degli obiettivi dei singoli studenti ed i risultati di apprendimento del servizio di formazione fornito. Il LSP provvede affinché: a) l'accesso ai risultati della valutazione LSP dell allievo venga data solo a coloro in possesso di legittimo consenso per visualizzare dette informazioni, e che questi risultati siano in un formato che faciliti la trasportabilità della valutazione; b) i singoli studenti con difficoltà, e coloro che necessitano di assistenza specifica con l'apprendimento in modo da raggiungere i risultati di apprendimento concordato, possano essere indirizzati agli esperti del settore in questione Valutazione del servizio di formazione Questa sottoclausola comprende i requisiti del LSP per misurare l'efficacia e la qualità del servizio di apprendimento stesso. Il LSP provvede affinché: a) le parti interessate coinvolte, o interessate dalla valutazione siano identificate; b) le persone incaricate della valutazione siano competenti e oggettive; c) i rapporti di valutazione siano trasparenti e descrivano chiaramente il servizio di formazione, gli obiettivi del servizio di apprendimento, i risultati e anche le prospettive, le procedure e le metodologie utilizzate per interpretare il risultati; d) il contesto (per esempio l ambiente formativo) in cui viene prestato il servizio di formazione sia esaminato abbastanza in dettaglio per identificare la probabile influenza sul servizio di formazione. 4 Gestione del fornitore del servizio di formazione 4.1 Requisiti generali per la gestione L Alta Direzione deve fornire evidenza del proprio impegno verso la presente norma internazionale. Il LSP deve stabilire e documentare un sistema di gestione e garantire che questo sia compreso, attuato, mantenuto e revisionato. Il LSP designa un membro della direzione che sarà responsabile per la gestione del sistema. L'applicazione e il rispetto dei i requisiti della presente norma internazionale, da parte del LSP, devono essere documentati. Questi documenti devono essere accessibili a tutto il personale interessato. Devono essere istituite procedure per assicurare l'accuratezza, la trasparenza, la pertinenza, la circolazione e la sicurezza della documentazione. Il LSP stabilisce le procedure per conservare le registrazioni per un periodo coerente con i suoi obblighi contrattuali ed i termini di legge (per esempio vedi ISO 15489). L'accesso a questi registri deve essere coerente con le modalità di riservatezza stabilite dal LSP. trad_ita_iso29990_rev.02.doc 7 di 18

8 4.2 Strategia e gestione aziendale Ai fini della conformità alla presente norma internazionale, il LSP deve redigere e documentare un business plan conformemente alle normali prassi commerciali. Il business plan deve includere una strategia e gli obiettivi di business, nonché una descrizione delle strutture, dei processi chiave e della politica della qualità del LSP. L'appendice A descrive il contenuto minimo di un business plan. 4.3 Riesame della Direzione Il LSP deve stabilire una procedura per il riesame del sistema di gestione ad intervalli pianificati, al fine di garantire la sua idoneità, adeguatezza ed efficacia, incluso il rispetto delle politiche indicate e degli obiettivi relativi alla realizzazione della presente norma internazionale. I riesami devono essere effettuati ad intervalli appropriati al contesto. L'allegato B illustra il tipo di informazioni che sono generalmente inclusi negli input per il riesame della direzione. 4,4 Azioni preventive e azioni correttive Il LSP deve stabilire procedure per l'individuazione e la gestione di non conformità relative al sistema di gestione, ad esempio il ciclo Plan-Do-Check-Act (PDCA). Il LSP deve anche, se necessario, adottare azioni per eliminare le cause delle non conformità, al fine di prevenirne la recidività. Le azioni preventive devono essere sufficienti per eliminare le cause di non conformità potenziali. Le azioni correttive devono essere proporzionate agli effetti dei problemi incontrati. Appendice C descrive il tipo di azioni preventive e azioni correttive che sono generalmente adottate. 4,5 Gestione finanziaria e gestione del rischio Il LSP, al fine di garantirne la continuità del business, deve predisporre e documentare: a) un adeguato sistema di gestione finanziaria; b) un sistema di identificazione, valutazione e gestione del rischio. 4.6 Gestione delle risorse umane Competenze del personale LSP e associati Il LSP deve provvedere affinché i dipendenti e collaboratori abbiano le competenze minime necessarie per svolgere i processi definiti nel requisito 3 e la descrizione delle loro mansioni, e che queste competenze siano mantenute. Il LSP dovrebbe fornire descrizioni delle mansioni che fanno riferimento alla competenze di base richieste, che devono essere riviste ad intervalli appropriati. NOTA L appendice D fornisce ulteriori informazioni per illustrare alcune delle competenze di cui al presente Standard Internazionale Valutazione delle competenze del LSP, delle prestazioni della gestione e dello sviluppo professionale Questo sottoclausola illustra i requisiti necessari a misurare il grado necessario per valutare le competenze del personale o dei collaboratori del LSP, necessarie per svolgere efficacemente le attività di cui sono incaricati e gestirne le performance. Il LSP provvede affinché: trad_ita_iso29990_rev.02.doc 8 di 18

9 a) le competenze di ogni membro dello staff o associato che fornisce servizi di formazione sotto i suoi auspici, siano valutate o giudicate in relazione alla loro mansione e che le valutazioni o giudizi siano documentati; b) i sistemi siano sviluppati e attuati per gestire, valutare e fornire feedback sulla competenza e le prestazioni del personale; NOTA Questo può essere ottenuto in vari modi, compresa l'osservazione regolare dell insegnamento e delle sessioni di formazione, con feedback agli istruttori relativi alle eventuali osservazioni. c) si ottenga un feedback da parte dello staff e dei collaboratori sulla loro motivazione e la soddisfazione lavorativa; d) personale e collaboratori intraprendano uno sviluppo professionale continuo, e l'impatto di questo venga valutato e documentato; e) le modalità di valutazione che sono scelte, sviluppate e implementate forniscano valide ed affidabili informazioni circa le competenze del team che provvede alla fornitura del servizio di formazione; f) tutti gli aspetti di questi processi siano coerenti con la legislazione vigente e con i principi fondamentali della equità e diritti umani e siano regolarmente riesaminati. 4.7 Comunicazione (interna / esterna) Il LSP deve, ove opportuno, implementare le procedure di informazione e consultazione con il personale e collaboratori coinvolti che possono avere un impatto diretto su di loro e, promuovere la comunicazione bidirezionale. Il LSP dovrebbe fornire opportunità di comunicazione tra il personale e collaboratori. 4.8 Risorse Il LSP provvede affinché il personale necessario, i collaboratori e le risorse di apprendimento siano selezionate e distribuite, tenendo conto di eventuali esigenze specifiche, e che le risorse della formazione siano regolarmente mantenute. NOTA Si veda anche e ESEMPIO : Il personale, i materiali didattici, le attrezzature, comprese le infrastrutture informatiche (per necessità speciali, per esempio vedi Web Content Accessibility Guidelines (WCAG); ambienti di lavoro e di formazione, attrezzature per la formazione o per servizi forniti fuori dei locali della LSP, cataloghi di tecnologie educative e di esigenze particolari; servizi di consulenza. 4.9 Audit interni Il LSP deve stabilire le procedure per gli audit interni, al fine di verificarne la conformità con la presente Norma Internazionale e che il sistema di gestione sia stato efficacemente attuato e mantenuto. Deve essere pianificato un programma di audit che prenda in considerazione l'importanza dei processi e delle aree da sottoporre a controllo, così come i risultati degli audit precedenti. Questo programma di audit deve comprendere tutti i processi per un periodo massimo di 36 mesi. Il LSP provvede affinché: a) gli audit interni siano effettuati da personale adeguatamente qualificato, con competenze sull attività di audit e sui requisiti della presente norma internazionale; b) gli auditor non verifichino il proprio lavoro; c) il personale responsabile per ogni area di controllo sia informato dell'esito della verifica; d) ogni eventuali opportunità di miglioramento venga identificata; e) ogni azione che derivi da audit interni venga gestita in modo tempestivo e appropriato. trad_ita_iso29990_rev.02.doc 9 di 18

10 4.10 Ritorni dalle parti interessate Il LSP deve predisporre e avvalersi di sistemi per la raccolta di feedback da parte delle parti interessate inerenti ai servizi di formazione forniti, in modo da analizzarli, rispondere e, in caso, agire su di essi. Il LSP deve disporre di un sistema per la gestione di reclami e ricorsi, e renderlo noto alle parti interessate. trad_ita_iso29990_rev.02.doc 10 di 18

11 Un business plan dovrebbe coprire i seguenti aspetti: APPENDICE A (informativa) Contenuti del business plan a) vision e mission: il LSP documenta la sua vision e la sua mission, includendo come si sostiene il valore della formazione ed il trattamento equo delle parti interessate; b) sviluppo e valutazione periodica della strategia: il LSP precisa la sua strategia ed il periodo di riesame e dimostra che sono condotti i controlli periodici; c) politica per la qualità: il LSP documenta il suo sistema di qualità e la politica di controllo della qualità; d) attività ed obiettivi di qualità: il LSP 1) documenta i propri obiettivi commerciali; 2) registra l effettiva attuazione di progetti di miglioramento all'interno dell'organizzazione, compresi i termini stessi; 3) stabilisce obiettivi misurabili e verificabili per i progetti di miglioramento all'interno dell'organizzazione, collegandoli alla propria politica di qualità; e) analisi di mercato: il LSP periodicamente riesamina e documenta la domanda di servizi di formazione; f) struttura organizzativa e operativa, comprese le aree di business e le collaborazioni: il LSP documenta la sua struttura organizzativa e assicura che questa struttura venga comunicata a tutti i membri dello staff ed agli associati; g) individuazione e progettazione dei processi chiave: il LSP fornisce evidenza della progettazione dei processi chiave, comprese le esigenze di analisi, progettazione, erogazione e valutazione; h) associati: il LSP pianifica e documenta come coinvolge gli associati nel loro lavoro. trad_ita_iso29990_rev.02.doc 11 di 18

12 APPENDICE B (informativa) Informazioni per i riesami della Direzione Le informazioni per i riesami della Direzione dovrebbero includere: a) i risultati degli audit interni ed esterni; b) il ritorno delle parti interessate relative al rispetto della presente norma internazionale; c) lo stato delle azioni preventive e azioni correttive; d) le azioni derivanti da precedenti riesami della direzione; e) il raggiungimento degli obiettivi; f) le eventuali modifiche che potrebbero influire sul sistema di gestione; g) gli eventuali ricorsi e reclami, così come la loro gestione; h) l'identificazione e la risoluzione di eventuali non conformità del sistema di gestione; i) i risultati della valutazione dei servizi di formazione. Il riesame della direzione dovrebbe portare a decisioni e azioni relative a : migliorare l'efficacia del sistema di gestione e dei suoi processi; migliorare il rispetto della presente norma internazionale; le risorse necessarie per l effettiva erogazione dei servizi di formazione. trad_ita_iso29990_rev.02.doc 12 di 18

13 APPENDICE C (informativa) Azioni preventive e azioni correttive La gestione delle azioni preventive e azioni correttive include: a) identificazione delle non conformità nel sistema di gestione; b) determinazione delle cause di non conformità; c) prevenzione o correzione delle non conformità; d) analisi della necessità di azioni al fine di assicurare che le non conformità non si ripetano; e) determinazione ed attuazione delle azioni necessarie in modo tempestivo; f) registrazione dei risultati delle azioni intraprese; g) riesame dell'efficacia delle azioni correttive prese. trad_ita_iso29990_rev.02.doc 13 di 18

14 APPENDICE D (Informativa) Esempi di competenze centrali per i fornitori di servizi di formazione Le competenze sono strutturate attorno a tre voci principali che riportano le competenze di base, come segue: competenze relative alla fornitura di servizi di formazione, che comprendono: applicazione della teoria di formazione; applicazione della metodologia di formazione; scelta e utilizzo dei materiali di supporto alla formazione; gestione esigenze particolari e diversità; valutazione dell apprendimento; essere un esperto della materia trattata; sviluppo di un curriculum; individuazione delle esigenze di apprendimento; applicazione della tecnologia di apprendimento; competenze personali, che riguardano qualità personali di un individuo come un facilitatore, e includono: ascolto e comunicazione in modo efficace; capacità di realizzazione di presentazioni; motivazione delle persone; facilitazione; gestione dei conflitti; sviluppo professionale continuo; utilizzo tecnologie informatiche in modo efficace; sensibilità per questioni di uguaglianza e diversità; aderenza ad un codice di condotta e dichiarazione di valori; competenze interculturali; guida, consulenza e tutoraggio; competenze di business, che riguardano la capacità del facilitatore di collegare la formazione agli obiettivi di business dei clienti e comprendono: l'innovazione e l'utilizzo delle nuove tecnologie; abilità commerciale (pianificazione, budgeting); gestione delle parti interessate; formule che regolano la politica di apprendimento; collegamenti e costruzione di relazioni con le parti; gestione delle performance aziendali; comprendere la mutevole natura del lavoro, ossia sociale, tecnologica, industriale, politica e culturale; utilizzo della tecnologia per gestire le comunicazioni; lavoro sullo sviluppo organizzativo e sulla sua efficacia; amministrazione della formazione. trad_ita_iso29990_rev.02.doc 14 di 18

15 APPENDICE E (informativa) Corrispondenza tra ISO 29990:2010 e ISO 9001:2008 Lo scopo della presente appendice è di fornire riferimenti incrociati tra la presente norma internazionale e la ISO 9001:2008. Nelle tabelle E.1 ed E.2: - il termine "(solo il titolo)" indica che vi è corrispondenza dei titoli, ma non dei contenuti; - dove il titolo è tra parentesi seguito dalla termine "Generalità", si intende una corrispondenza della descrizione generale, piuttosto che di punti specifici. trad_ita_iso29990_rev.02.doc 15 di 18

16 Table E.1 Corrispondenza tra ISO 29990:2010 e ISO 9001:2008 ISO : 2010 ISO 9001:2008 Scopo e campo di applicazione Scopo e campo di applicazione Generalità Applicazione Termini e definizioni 2 3 Termini e definizioni Servizi di formazione 3 7 Realizzazione del prodotto (solo titolo) Determinazione dei bisogni di formazione Processi relativi al cliente (solo titol) Generalità Bisogni delle parti interessate Contenuti didattici e processo Determinazione dei requisiti relativi alla prodotto Progettazione dei servizi di formazione 3.2 Definizione degli obiettivi e delle finalità dei servizi di formazione (Pianificazione della realizzazione del prodotto) Generalità Definizione dei mezzi per il supporto e monitoraggio dell applicazione della formazione Pianificazione del Curriculum ERogazione di servizi di formazione Produzione ed erogazione del servizio (solo titolo) Informazioni e orientamento Disponibilità e accessibilità delle (Infrastrutture) Generalità risorse per la formazione L'ambiente formativo Ambiente di lavoro Monitoraggio dell erogazione dei servizi di Misurazioni, analisi e miglioramento formazione (solo titolo) Valutazione della formazione da parte dei fornitori Generalità dei servizi di formazione Valutazione degli obiettivi e delle finalità Valutazione della formazione Monitoraggio e misurazione dei prodotti Valutazione del servizio di formazione Monitoraggio e misurazione dei processi Gestione del fornitore del servizio di formazione 4 4 Sistema di gestione per la qualità (solo titolo) Requisiti generali per la gestione Requisiti generali Requisiti relativi alla documentazione Impegno della direzione Strategia e gestione aziendale , , 5.5 Riesame della direzione Riesame della Direzione Azioni preventive e azioni correttive Gestione finanziaria e gestione del rischio 4.5 Rappresentante della direzione (solo titolo) (Sistema di gestione, politica per la qualità, Pianificazione, responsabilità, autorità e comunicazione) Generalità (Azioni correttive, azioni preventive) Generalità Gestione delle risorse umane Risorse umane (solo titolo) Competenze del personale LSP e associati Generalità Valutazione delle competenze del LSP, delle prestazioni della gestione e dello sviluppo professionale. Comunicazione (interna/esterna) (comunicazione interna) Generalità Risorse (Infrastrutture) Generalità Audit interni Audit interno Ritorni dalle parti interessate (Customer satisfaction) Generalità Business Plan contenuto nell'appendice A Informazioni per il riesame del sistema di gestione nell appendice B Azioni preventive e azioni correttive - Appendice C Annex A Annex B Annex C 4.2 Requisiti relativi alla documentazione (solo titolo) 5.6 Riesame della Direzione (Azioni correttive, azioni preventive) Generalità trad_ita_iso29990_rev.02.doc 16 di 18

17 Esempi di competenze centrali per i fornitori di servizi di formazione - Appendice D Annex D Table E.2 Corrispondenza tra ISO 29990:2010 e ISO 9001:2008 ISO 9001 : 2008 ISO : 2010 Introduzione Generalità L'approccio per processi Relazione con ISO 9004 Compatibilità con altri sistemi di gestione Introduzione Scopo e Campo di applicazione Generalità Riferimenti normativi Scopo e Campo di applicazione Termini e definizioni 3 2 Termini e definizioni Qualità del sistema di gestione (solo titolo) Gestione del fornitore dei servizi di formazione Requisiti generali per la gestione Strategia e gestione aziendale 4.5 Gestione finanziaria e gestione del rischio Requisiti generali Requisiti generali per la gestione Requisiti relativi alla documentazione (solo titolo) 4.2 Annex A Business plan Responsabilità della direzione (solo titolo) 5 4 Gestione del fornitore dei servizi di formazione Sistema di gestione Requisiti generali per la gestione Comunicazione interna Comunicazione (interna / esterna) Riesame della Direzione Annex B Riesame della direzione Informazioni per il riesame della Direzione Gestione delle risorse (solo titolo) Risorse Risorse umane (solo titolo) Risorse umane Generalità Competenze del personale LSP e degli associati (Infrastrutture) Generalità Risorse Ambiente di lavoro L'ambiente formativo Realizzazione del prodotto (solo titolo) 7 3 Servizi di formazione (Pianificazione della realizzazione del prodotto) Generalità Definizione degli obiettivi e delle finalità dei servizi di formazione Processi relativi al cliente (solo titolo)) Determinazione dei bisogni di formazione Determinazione dei requisiti relativi alla prodotto Generalità Bisogni delle parti interessate Progettazione e sviluppo (solo titolo) Progettazione dei servizi di formazione Acquisto (solo titolo) 7.4 Produzione e erogazione del servizio (solo titolo) Erogazione di servizi di formazione Controllo della produzione ed erogazione di servizi Valutazione della formazione da parte dei fornitori dei servizi di formazione Controllo dei dispositivi di monitoraggio e di 7.6 misurazione Misurazione, analisi e miglioramento (solo titolo) Monitoraggio dell erogazione dei servizi di formazione Generalità Valutazione della formazione da parte dei fornitori dei servizi di formazione Monitoraggio e misurazione (solo titolo) Valutazione della formazione da parte dei fornitori dei servizi di formazione La soddisfazione del cliente Ritorni dalle parti interessate Audit interno Audit interni Monitoraggio e misurazione dei processi Valutazione della formazione da parte dei fornitori dei servizi di formazione Monitoraggio e misurazione dei prodotti Valutazione della formazione da parte dei fornitori dei servizi di formazione Gestione del prodotto non conforme Azioni preventive e azioni correttive Analisi dei dati La valutazione degli obiettivi di valutazione e delle finalità (Azioni correttive) Generalità Annex Azioni preventive e azioni correttive Azioni preventive e azioni correttive trad_ita_iso29990_rev.02.doc 17 di 18

18 C (Azione preventiva) Generalità Annex C Azioni preventive e azioni correttive Azioni preventive e azioni correttive Bibliografia [1] ISO 9000:2005, Sistemi di gestione qualità Fondamenti e terminologia [2] ISO 9001:2008, Sistemi di gestione qualità Requisiti [3] ISO (all parts), Information and documentation Records management [4] WAI Accessibility Guidelines: Web Content Accessibility Guidelines (WCAG) 2.0 (2005), trad_ita_iso29990_rev.02.doc 18 di 18

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

APPENDICE B MODIFICHE TRA LA ISO 9001:2000 E LA ISO 9001:2008 (informativa)

APPENDICE B MODIFICHE TRA LA ISO 9001:2000 E LA ISO 9001:2008 (informativa) PPENDICE B MODIFICHE TR L ISO 9001:2000 E L ISO 9001:2008 (informativa) prospetto B.1 Modifiche tra la ISO 9001:2000 e la ISO 9001:2008 ISO 9001:2000 Punto Capoverso/Figura/ Prospetto/Nota Premessa Capoverso

Dettagli

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO Dott.ssa Lucia Romagnoli Ancona, 15 luglio 2015 maggio 2007 UNIVPM ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) ai sensi della

Dettagli

Approfondimento sulla ISO 29990

Approfondimento sulla ISO 29990 Approfondimento sulla ISO 29990 Lo standard ISO 29990 nasce da un progetto sul principio dell ISO 9001, volto alla creazione di uno standard dei servizi e dell organizzazione ed alla certificazione degli

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Ediz. MQ 00 Pag. 1 di 8 REVISIONI N REV. DATA APPROV DESCRIZIONE RIFERIMENTO PARAGRAFO RIFERIMENTO PAGINA 00 10-01-06 1A EMISSIONE TUTTI TUTTE 01 25-09-09 ADEGUAMENTO ALLA NORMA UN EN ISO 9001:2008 TUTTI

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

"L'APPROCCIO PER PROCESSI": UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA

L'APPROCCIO PER PROCESSI: UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA Vision 2000 I SUPPORTI DELL'ISO PER L'ATTUAZIONE DELLA NUOVA ISO 9001:2000 "L'APPROCCIO PER PROCESSI": UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA I significati di questa impostazione e un aiuto per la

Dettagli

GUIDA ALL'APPROCCIO PER PROCESSI NEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

GUIDA ALL'APPROCCIO PER PROCESSI NEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ GUIDA ALL'APPROCCIO PER PROCESSI NEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1) Introduzione (traduzione del documento ISO/TC176/SC2/N544R) Questo documento guida vuole aiutare gli utilizzatori delle norme

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SIF CAPITOLO 08 (ED. 01) MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO

MANUALE DELLA QUALITÀ SIF CAPITOLO 08 (ED. 01) MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO INDICE 8.1 Generalità 8.2 Monitoraggi e Misurazione 8.2.1 Soddisfazione del cliente 8.2.2 Verifiche Ispettive Interne 8.2.3 Monitoraggio e misurazione dei processi 8.2.4 Monitoraggio e misurazione dei

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Gestione delle Risorse

Gestione delle Risorse SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Gestione delle Risorse Mauro Toniolo Quality, Health & Safety Manager Messa a disposizione delle risorse Norma UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1) Introduzione Questo documento guida vuol aiutare gli utilizzatori delle norme serie ISO 9000:2000 a comprendere i concetti e

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Pag. 1 / 9 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO Indice: 8.0 - Oggetto 8.1 - Pianificazione delle misurazioni 8.2 - Misurazione e monitoraggio delle prestazioni del sistema 8.3 - Controllo del prodotto/servizio

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici

Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici 1 Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici PECULIARITÀ DELLA NORMA Il quadro di definizione delle competenze

Dettagli

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632)

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il

Dettagli

UNI EN ISO 19011: 2012. Elementi principali di cambiamento

UNI EN ISO 19011: 2012. Elementi principali di cambiamento UNI EN ISO 19011: 2012 Elementi principali di cambiamento 1 ISO 19011 è normalmente intesa come una guida per Audit interni Audit esterni Audit di 1 parte Audit di 2 parte Audit di 3 parte -Certificazione

Dettagli

Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius

Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius 3.0 Programmi Prerequisito ISO 4.2.1-5.1-5.3 La Direzione si impegna a favore di un sistema di gestione della sicurezza attraverso la politica

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4 Consiglio di amministrazione CENTRO DI TRADUZIONE DEGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA STRATEGIA 2008-2012 CT/CA-017/2008IT INDICE I- LA RAISON D ÊTRE DEL CENTRO...3 I-1. LA NOSTRA MISSIONE... 3 I-2. IL

Dettagli

GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ (AGGIORNAMENTO DEL 8.6.01)

GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ (AGGIORNAMENTO DEL 8.6.01) "L'APPROCCIO PER PROCESSI": UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA I significati di questa impostazione e un aiuto per la sua attuazione nell'ambito dei SGQ L'importanza che l'impostazione "per processi"

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Manuale della qualità 1 INTRODUZIONE 3 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 4 4.1 Requisiti generali 4 4.2 Requisiti

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12. Learning Center Engineering Management INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Autore: Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.2007 VIA

Dettagli

G.Pietro Trovesi Sistema di gestione per la Sicurezza delle Informazioni

G.Pietro Trovesi Sistema di gestione per la Sicurezza delle Informazioni G.Pietro Trovesi Sistema di gestione per la Sicurezza delle Informazioni Ente di normazione per le Tecnologie Informatiche e loro applicazioni Ente federato all UNI studiare ed elaborare norme nazionali,

Dettagli

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG)

Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG) SEMINARIO NAZIONALE Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG) Roma, Università di Roma Tre, 5-6 maggio 2015 L assicurazione interna

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO 8.1 Generalità l I.I.S. G.Antonietti, allo scopo di assicurare la conformità del proprio Sistema di Gestione della Qualità alla norma di riferimento UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

Le principali novità della norma UNI EN ISO 9001:2008 - Milano, 30 gennaio 2009

Le principali novità della norma UNI EN ISO 9001:2008 - Milano, 30 gennaio 2009 Incontro di aggiornamento SINCERT - UNI riservato agli Organismi accreditati e agli Ispettori SINCERT LA NUOVA UNI EN ISO 9001:2008. SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA REQUISITI Le principali novità della

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE PER LEAD AUDITOR SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO

PERCORSO DI FORMAZIONE PER LEAD AUDITOR SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO PERCORSO DI FORMAZIONE PER LEAD AUDITOR SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO La realizzazione del percorso formativo per Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Sicurezza e

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI 00198 Roma Via G. Paisiello, 24 - www.consrag.it

CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI 00198 Roma Via G. Paisiello, 24 - www.consrag.it Norme di attuazione sull applicazione delle tecnologie di e-learning agli eventi formativi previsti nei programmi di formazione professionale continua per i ragionieri commercialisti Indice 1. Definizioni..3

Dettagli

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti Partipilo dr. Valerio ODONTOIATRIA E SISTEMA QUALITA Data: 14-07-09 Pag. 4 di 5 Prodotto (Uni en iso Prodotto di proprietà dei cliente (documentazione della) (uni 10722-3:1999) (modifica della) (uni en

Dettagli

Fattori critici di successo

Fattori critici di successo CSF e KPI Fattori critici di successo Critical Success Factor (CSF) Definiscono le azioni o gli elementi più importanti per controllare i processi IT Linee guida orientate alla gestione del processo Devono

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. Audit

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. Audit Rev. 00 del 11.11.08 1. DISTRIBUZIONE A tutti i membri dell organizzazione ING. TOMMASO 2. SCOPO Gestione degli audit interni ambientali e di salute e sicurezza sul lavoro 3. APPLICABILITÀ La presente

Dettagli

Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Tratte dalle Regole per ottenere il riconoscimento IATF

Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Tratte dalle Regole per ottenere il riconoscimento IATF Regole 3 Edizione Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Tratte dalle Regole per ottenere il riconoscimento IATF 3 Edizione per

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 2

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 2 Lucidi prima parte 2.1.1.1 ~ 2.2.1.3 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 2 Pag. 8 Quale è lo scopo principale della norma UNI EN ISO 9001:2000/2008? A. Garantire il controllo della

Dettagli

Linee guida per gli audit dei sistemi di gestione per la qualità e/o ambientale

Linee guida per gli audit dei sistemi di gestione per la qualità e/o ambientale Linee guida per gli audit dei sistemi di gestione per la qualità e/o ambientale Guicielines for quality and/or environmental management systems auciiting Lignes directrices relatives aux audits de systemès

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LE NORME SERIE ISO 9000 Guidare e condurre con successo un'organizzazione richiede che questa sia

Dettagli

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 FIRMA: RIS DATA DI EMISSIONE: 13/3/2015 INDICE INDICE...2 CHANGELOG...3 RIFERIMENTI...3 SCOPO E OBIETTIVI...4 CAMPO DI APPLICAZIONE...4 POLICY...5

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 6.0 GENERALITÀ La presente sezione, in base alla mappatura dei processi definita nella sezione 2 del Manuale Gestione Qualità, descrive il "monitoraggio, misurazione ed analisi" ed il "miglioramento" che

Dettagli

Sistemi di gestione per la qualità Requisiti

Sistemi di gestione per la qualità Requisiti NORMA EUROPEA Sistemi di gestione per la qualità Requisiti UNI EN ISO 9001 NOVEMBRE 2008 Quality management systems Requirements La norma specifica i requisiti di un sistema di gestione per la qualità

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica nell organizzazione dell attività di Alac SpA.

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica nell organizzazione dell attività di Alac SpA. Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Audit P11 Rev 00 del 16/09/09 1. DISTRIBUZIONE Direzione RSPP 2. SCOPO

Dettagli

ISO/IEC 2700:2013. Principali modifiche e piano di transizione alla nuova edizione. DNV Business Assurance. All rights reserved.

ISO/IEC 2700:2013. Principali modifiche e piano di transizione alla nuova edizione. DNV Business Assurance. All rights reserved. ISO/IEC 2700:2013 Principali modifiche e piano di transizione alla nuova edizione ISO/IEC 27001 La norma ISO/IEC 27001, Information technology - Security techniques - Information security management systems

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL)

HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL) HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL) P. CLERICI*, A. GUERCIO**, L. QUARANTA** RIASSUNTO L organizzazione è costituita dalle persone e dalle loro relazioni reciproche e

Dettagli

Management e Certificazione della Qualità

Management e Certificazione della Qualità Management e Certificazione della Qualità Prof. Alessandro Ruggieri A.A. 2012-2013 Oggetto della lezione Certificazione: normazione e accreditamento terminologia e concetti ISO 9001:2008 Introduzione e

Dettagli

Aprile 2015 Global Unit Technology & Services SAFER, SMARTER, GREENER

Aprile 2015 Global Unit Technology & Services SAFER, SMARTER, GREENER Breve presentazione su: - High Level Structure delle ISO per gli standard del sistema di gestione - Principali cambiamenti nel DIS 9001:2015 e DIS 14001:2015 - Piano per la revisione e il periodo di transizione

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

Termini e Definizioni

Termini e Definizioni Convegno L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI PER LA SICUREZZA ALIMENTARE Roma 25-26 ottobre 2005 GESTIONE della DOCUMENTAZIONE Petteni A. & Pistone G. Termini e Definizioni GESTIONE Attività coordinate per

Dettagli

ISO 14001 ISO 14001:1996 ISO 14001:2004. Guida al confronto SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE

ISO 14001 ISO 14001:1996 ISO 14001:2004. Guida al confronto SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE ISO 14001 ISO 14001:1996 ISO 14001:2004 Guida al confronto SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE La ISO 14001 è una norma internazionale, che stabilisce i requisiti per definire, attuare e gestire un Sistema

Dettagli

Sistemi di gestione per la qualità Requisiti

Sistemi di gestione per la qualità Requisiti Titolo ISO/FDIS 9001:2000 Sistemi di gestione per la qualità Requisiti Quality management systems Requirements DOCUMENTO ISO ALLO STADIO DI PROGETTO FINALE DI NORMA INTERNAZIONALE (FINAL DRAFT INTERNATIONAL

Dettagli

PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni. Redazione (referente di processo) Responsabile Sistema Qualità (RSG)

PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni. Redazione (referente di processo) Responsabile Sistema Qualità (RSG) PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni Ed.2 Rev.0 del 22/07/2014 Redazione (referente di processo) Approvazione Andrea Marchesi Responsabile Sistema Qualità (RSG) Silvio Braini

Dettagli

CHECK LIST - ISO 9001:2008

CHECK LIST - ISO 9001:2008 ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ S.O.I. S.r.l. con socio unico V.I. del 4. SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 4.1 REQUISITI GENERALI L'Organizzazione ha stabilito, documentato, attuato e tiene aggiornato

Dettagli

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Titolo del pag. 1 di 6 Titolo del I N D I C E 1. SCOPO 2. GENERALITÀ 3. CAMPO DI APPLICAZIONE 4. LISTA DI DISTRIBUZIONE 5. DETERMINAZIONE DEL FABBISOGNO 6. SELEZIONE DEL PERSONALE 7. ITER DI INSERIMENTO

Dettagli

QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE

QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE La Direzione della PAPPASOLE S.p.A. (di seguito denominata "Struttura turistica") dichiara la sua ferma volontà di rendere operante il Sistema di Gestione Integrata

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA POLITICA DELLA QUALITÀ Mission ECOSISTEMI S.r.l. è una società di consulenza e formazione ambientale specializzata in strategie, programmi, azioni e strumenti per

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

VISION 2000 VISION 2000

VISION 2000 VISION 2000 VISION 2000 dalle QUALITA? ISO 9000 alle VISION 2000 SOMMARIO Aspetti generali, architettura e caratteristiche delle norme Evoluzione dei contenuti Ricadute sui processi di certificazione Applicazione

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008

Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE+ J. NIZZOLA TREZZO SULL ADDA Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008 REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE EMISSIONE

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione, Istruzione e Politiche Sociali Servizio Politiche della Transnazionalità, della Governance e della Qualificazione del Sistema Formativo CARTA DI QUALITÀ

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

OH&SAS Requisiti. 1. Scopo e Campo di Applicazione. 2 Riferimenti. 3 Termini e definizioni. 3.1 rischio accettabile (acceptable risk) 3.

OH&SAS Requisiti. 1. Scopo e Campo di Applicazione. 2 Riferimenti. 3 Termini e definizioni. 3.1 rischio accettabile (acceptable risk) 3. OH&SAS Requisiti 1. Scopo e Campo di Applicazione Questa Norma della serie Occupational Healt and Safety Assessment (OHSAS) specifica i requisiti per un Sistema di Gestione della Salute e della Sicurezza

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.03 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Guida IAF Internazional Accreditation Forum Piano di Transizione per la ISO 9001:2015

Guida IAF Internazional Accreditation Forum Piano di Transizione per la ISO 9001:2015 Guida al piano di transizione per ISO 9001:2015 1 Libera traduzione della Guida IAF Internazional Accreditation Forum Piano di Transizione per la ISO 9001:2015 L International Accreditation Forum, Inc.

Dettagli

È costituito dagli atteggiamenti e dalle azioni del board e del management rispetto all'importanza del controllo all'interno.

È costituito dagli atteggiamenti e dalle azioni del board e del management rispetto all'importanza del controllo all'interno. Glossario Internal Auditing Fonte: Associazione Italiana Internal Audit (AIIA) www.aiiaweb.it Adeguato controllo Un controllo è adeguato se viene pianificato e organizzato (progettato) dal management in

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Ediz. MQ 01 Pag. 1 di 5 REVISIONI N REV. DATA APPROV DESCRIZIONE RIFERIMENTO PARAGRAFO RIFERIMENTO PAGINA 00 10.05.11 1 a Emissione Tutti Tutte Sommario 4 LA QUALITA... 2 4.1 Requisiti Generali... 2 4.2

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 10 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 9001:2008 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

Code of good practice (People In Aid) per una buona pratica nella gestione e nel supporto al personale umanitario

Code of good practice (People In Aid) per una buona pratica nella gestione e nel supporto al personale umanitario Code of good practice (People In Aid) per una buona pratica nella gestione e nel supporto al personale umanitario Principio guida...1 Le persone sono fondamentali per il raggiungimento della nostra missione...1

Dettagli

Appendice III. Competenza e definizione della competenza

Appendice III. Competenza e definizione della competenza Appendice III. Competenza e definizione della competenza Competenze degli psicologi Lo scopo complessivo dell esercizio della professione di psicologo è di sviluppare e applicare i principi, le conoscenze,

Dettagli

Futura ISO 9001: novità e impatti

Futura ISO 9001: novità e impatti XII Conferenza Nazionale sul Sei Sigma Futura ISO 9001: novità e impatti Confindustria Firenze, 2015.03.28 Relatore: Nicola Gigante (ISO/TC176/SC2/WG24) Principali novità della ISO 9001:2015 Ormai definita

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA

SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373- Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR /

Dettagli

Manuale di gestione della Qualità

Manuale di gestione della Qualità SOMMARIO 5.1 Impegno della 5.2 Attenzione focalizzata all utente 5.3 Politica per la qualità 5.4 Pianificazione 5.5.Responsabilità, autorità e comunicazione 5.6. Riesame da parte della direzione 5.7. Attenzione

Dettagli

Linee guida. Accreditamento dei corsi di formazione strutturati per pompieri professionisti

Linee guida. Accreditamento dei corsi di formazione strutturati per pompieri professionisti Organisation der Arbeitswelt Feuerwehr (OdAFW) Organisation du Monde du Travail des Sapeurs-Pompiers (OMTSP) Organizzazione del Mondo del Lavoro Pompieri (OdMLP) Linee guida Accreditamento dei corsi di

Dettagli

Linea Guida. Termini e Definizioni

Linea Guida. Termini e Definizioni Istituto Meridiana S.r.l. Linea Guida 03 Linea Guida Termini e Definizioni 2 27.02.12 Rilievo Accredia e adeguamento normativo RQ RQ CT 1 10.11.11 Prima Emissione RQ RQ DG Em. Data Descrizione Redazione

Dettagli

L esecuzione di monitoraggi ed analisi si esplica principalmente nelle seguenti attività:

L esecuzione di monitoraggi ed analisi si esplica principalmente nelle seguenti attività: Pag. 1 /6 8 Misurazione analisi e 8.1 Generalità L Istituto pianifica ed attua attività di monitoraggio, misura, analisi e (PO 7.6) che consentono di: dimostrare la conformità del servizio ai requisiti

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 2.0 REQUISITI GENERALI E DESCRIZIONE DEI PROSSI Groupservice ha stabilito, attuato e documentato un Sistema Gestione Qualità mantenendone l'aggiornamento e verificandone costantemente l'efficacia, nell'ottica

Dettagli

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 Pagina 1 di 7 DATA I EMISSIONE: 12/01/2008 Resp. Redazione RGSQ Resp. Verifica RGSQ Resp. Approvazione DIR REVISIONI DATA MODIFICHE RESP. VERIFICA GESTIONE SISTEMA

Dettagli

MODELLO DI. Livello strategico

MODELLO DI. Livello strategico ALLEGATO II.1 MODELLO DI CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA ELEMENTI MINIMI La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che l organismo

Dettagli

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL Edizione nr. 02 Revisione nr. 01 Data: 26 / 08 / 2010 DALLERA BIGLIERI SRL MANUALE SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER LA QUALITÀ E L AMBIENTE DISTRIBUZIONE REDATTO IN CONFORMITÀ ALLE NORME UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

AUDIT. 2. Processo di valutazione

AUDIT. 2. Processo di valutazione AUDIT 2. Processo di valutazione FASE ATTIVITA DESCRIZIONE Inizio dell'audit Inizio dell attività Costituzione del gruppo di valutazione sulla base delle competenze generali e specifiche e dei differenti

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ MANUALE DELLA QUALITÀ RIF. NORMA UNI EN ISO 9001:2008 ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE NAZIONALE EDUCATORI CINOFILI iscritta nell'elenco delle associazioni rappresentative a livello nazionale delle professioni

Dettagli