Maria Messori Mariacristina Razzoli. Percorsi di Diritto e Legislazione Socio-sanitaria

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Maria Messori Mariacristina Razzoli. Percorsi di Diritto e Legislazione Socio-sanitaria"

Transcript

1 Maria Messori Mariacristina Razzoli Percorsi di Diritto e Legislazione Socio-sanitaria

2

3 I diritti di elaborazione in qualsiasi forma o opera, di memorizzazione anche digitale su supporti di qualsiasi tipo (inclusi magnetici e ottici), di riproduzione e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e le copie fotostatiche), i diritti di noleggio, di prestito e di traduzione sono riservati per tutti i paesi. L acquisto della presente copia dell opera non implica il trasferimento dei suddetti diritti né li esaurisce. Per le riproduzioni ad uso non personale (ad esempio: professionale, economico, commerciale, strumenti di studio collettivi, come dispense e simili) l editore potrà concedere a pagamento l autorizzazione a riprodurre un numero di pagine non superiore al 15% delle pagine del presente volume. Le richieste per tale tipo di riproduzione vanno inoltrate a Centro Licenze e Autorizzazioni per le Riproduzioni Editoriali (CLEARedi) Corso di Porta Romana, n Milano e sito web L editore, per quanto di propria spettanza, considera rare le opere fuori del proprio catalogo editoriale, consultabile al sito La fotocopia dei soli esemplari esistenti nelle biblioteche di tali opere è consentita, oltre il limite del 15%, non essendo concorrenziale all opera. Non possono considerarsi rare le opere di cui esiste, nel catalogo dell editore, una successiva edizione, le opere presenti in cataloghi di altri editori o le opere antologiche. Nei contratti di cessione è esclusa, per biblioteche, istituti di istruzione, musei ed archivi, la facoltà di cui all art ter legge diritto d autore. Maggiori informazioni sul nostro sito: L impegno a mantenere invariato il contenuto di questo volume per un quinquennio (art. 5 legge n. 169/2008) è comunicato nel catalogo Zanichelli, disponibile anche online sul sito ai sensi del DM 41 dell 8 aprile 2009, All. 1/B. Zanichelli garantisce che le risorse digitali di questo volume sotto il suo controllo saranno accessibili, a partire dall acquisto dell esemplare nuovo, per tutta la durata della normale utilizzazione didattica dell opera. Passato questo periodo, alcune o tutte le risorse potrebbero non essere più accessibili o disponibili: per maggiori informazioni, leggi my.zanichelli.it/fuoricatalogo. File per diversamente abili L editore mette a disposizione degli studenti non vedenti, ipovedenti, disabili motori o con disturbi specifici di apprendimento i file pdf in cui sono memorizzate le pagine di questo libro. Il formato del file permette l ingrandimento dei caratteri del testo e la lettura mediante software screen reader. Le informazioni su come ottenere i file sono sul sito Suggerimenti e segnalazione degli errori Realizzare un libro è un operazione complessa, che richiede numerosi controlli: sul testo, sulle immagini e sulle relazioni che si stabiliscono tra essi. L esperienza suggerisce che è praticamente impossibile pubblicare un libro privo di errori. Saremo quindi grati ai lettori che vorranno segnalarceli. Per segnalazioni o suggerimenti relativi a questo libro scrivere al seguente indirizzo: Le correzioni di eventuali errori presenti nel testo sono pubblicate nel sito Zanichelli editore S.p.A. opera con sistema qualità certificato CertiCarGraf n. 477 secondo la norma UNI EN ISO 9001:2008

4 > Presentazione Questo volume è destinato agli studenti del quinto anno degli Istituti Professionali indirizzo Servizi socio-sanitari. Il testo sviluppa e porta a compimento i contenuti in parte trattati nel volume per il secondo biennio ma non completamente esauriti, come il ruolo del terzo settore o la tutela della riservatezza. Il diritto commerciale è stato affrontato in modo sintetico, ma completo, per quanto riguarda impresa, azienda e società, mentre una più ampia trattazione è stata riservata agli argomenti caratterizzanti l indirizzo dei Servizi sociosanitari, come le società cooperative e l impresa sociale, nel rispetto delle indicazioni ministeriali. Proseguendo nell impostazione e nella presentazione dei contenuti del volume precedente, il testo costituisce, a nostro avviso, un efficace strumento di lavoro, con schemi e mappe concettuali che favoriscono la comprensione e la memorizzazione degli argomenti. Il testo si articola in 6 moduli, suddivisi in unità didattiche: 1. Percorsi di diritto commerciale: imprenditore e impresa 2. Le società mutualistiche 3. I principali contratti dell imprenditore 4. I rapporti tra autonomie territoriali e organizzazioni non profit 5. Il modello organizzativo delle reti socio-sanitarie 6. La deontologia professionale e la tutela della privacy Anche in questo secondo volume si è tenuto conto delle più recenti novità legislative, sia nazionali sia europee. L opera è corredata da percorsi di sintesi, esercizi e analisi di casi concreti e/o professionali, anche on line, al fine di favorire il conseguimento di una preparazione finale che non sia solo conoscitiva ma consenta anche di operare in campi applicativi. Maria Messori, Mariacristina Razzoli 3

5 > Indice > Modulo 1: Percorsi di diritto commerciale: imprenditore e impresa... 7 U.d. 1: L attività di impresa e le categorie di imprenditori Il diritto commerciale e la sua evoluzione L imprenditore La piccola impresa e l impresa familiare L imprenditore agricolo L imprenditore commerciale...14 U.d. 2: L azienda La nozione di azienda e i beni che la compongono I segni distintivi dell azienda: la ditta, l insegna e il marchio Le opere dell ingegno e le invenzioni industriali La concorrenza e l attività di impresa Il trasferimento dell azienda: la vendita...28 U.d. 3: La società in generale Nozione di società I conferimenti Capitale sociale e patrimonio sociale L esercizio in comune di un attività economica Lo scopo della divisione degli utili Società e associazione...39 U.d. 4: Le società di persone e le società di capitali Le diverse tipologie di società Le differenze fondamentali tra società di persone e società di capitali Le società di persone Le società di capitali...52 > Modulo 2: Le società mutualistiche U.d. 1: Le società cooperative Il fenomeno cooperativo Gli elementi caratterizzanti la società cooperativa La disciplina giuridica e i principi generali Gli utili e i ristorni La cooperativa a mutualità prevalente come società a regime fiscale agevolato I soci e la loro partecipazione Gli organi sociali La società cooperativa europea Le mutue assicuratrici...75 U.d. 2: Le cooperative sociali Il ruolo del terzo settore e la sua evoluzione Lo scopo mutualistico e la costituzione delle cooperative sociali Le cooperative sociali di tipo A e di tipo B e l oggetto sociale I possibili interventi delle cooperative sociali di tipo A e di tipo B Caratteristiche e ruolo dei soci Cooperative sociali e affidamento dei servizi pubblici Il fenomeno della cooperazione sociale in Italia...89 > Modulo 3: I principali contratti dell imprenditore...95 U.d. 1: Il contratto in generale Il contratto e l autonomia contrattuale La classificazione dei contratti Gli elementi del contratto La formazione dell accordo L invalidità del contratto U.d. 2: I contratti tipici e i contratti atipici Tipicità e atipicità dei contratti La vendita e la permuta L appalto Il mandato e il mutuo Il leasing e il contratto di engineering > Modulo 4: I rapporti tra autonomie territoriali e organizzazioni non profit U.d. 1: Il principio di sussidiarietà e la Legge costituzionale n. 3 del Contenuto ed evoluzione del principio di sussidiarietà Sussidiarietà verticale e sussidiarietà orizzontale La concreta applicazione della sussidiarietà orizzontale La Legge costituzionale n. 3 del 2001 e la sua attuazione

6 > Indice U.d. 2: Le autonomie territoriali nella riforma costituzionale Le autonomie territoriali e le riforme L autonomia degli enti territoriali L autonomia finanziaria e il federalismo fiscale Il Comune e le forme associative La Provincia e la spending review Gli altri enti locali La Regione Rapporti tra Stato, Regioni ed enti locali U.d. 3: Le funzioni del benessere e lo sviluppo del settore non profit Lo Stato sociale e le funzioni del benessere Il riparto di competenze tra Stato ed enti locali nel sistema di protezione sociale La crisi del Welfare State: aspetti economici e organizzativi Identità e ruolo del terzo settore Il nuovo Welfare e le reti sociali U.d. 4: L impresa sociale e le tipologie di forme associative L impresa sociale Le associazioni Le organizzazioni di volontariato (Odv) Le associazioni di promozione sociale (APS) Le organizzazioni non governative (ONG) Le fondazioni Le Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza (IPAB) Le organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) Le cooperative sociali > Modulo 5: Il modello organizzativo delle reti socio-sanitarie U.d. 1: La programmazione territoriale per la salute e il benessere La rete di servizi sociali e la Legge n. 328 del La gestione dei servizi socio-sanitari La programmazione sociale: il Piano di zona, l Accordo di programma e la co-progettazione Il sistema di finanziamento dei servizi sociali I meccanismi di finanziamento del terzo settore U.d. 2: La qualità dell assistenza e le modalità di affidamento dei servizi L autorizzazione e l accreditamento Lo strumento dell accreditamento come regolatore del mercato sociale Le modalità di affidamento dei servizi sociali al terzo settore > Modulo 6: La deontologia professionale e la tutela della privacy U.d. 1: Il ruolo e i principi etici delle professioni sociali e socio-sanitarie Il lavoro sociale L etica e la deontologia del lavoro sociale L individuazione delle professioni sociali e socio-sanitarie La formazione delle professioni sociali e socio-sanitarie Le figure professionali sociali di base a formazione regionale Le professioni sociali di formazione universitaria Le professioni dell integrazione socio-sanitaria U.d. 2: Le leggi sulla privacy e il trattamento dei dati Dalla L. n. 675 del 1996 al Codice privacy Il diritto alla protezione dei dati personali Il trattamento dei dati: modalità e adempimenti Il trattamento dei dati sanitari Il ruolo del Garante e la responsabilità per l illecito trattamento dei dati personali Diritto di accesso e riservatezza La protezione dei dati nei servizi sociali e socio-sanitari

7 > Abbreviazioni Per favorire una più agevole lettura del libro di testo, si riportano nella tabella che segue le abbreviazioni delle voci ricorrenti. Voci ricorrenti Abbreviazioni Articolo/articoli Codice civile Art./artt. c.c. Comma c. Costituzione della Repubblica italiana Codice penale Codice di procedura civile Codice di procedura penale Contratto collettivo nazionale del lavoro Corte Costituzionale Corte di Cassazione Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri Decreto legislativo Decreto legge Decreto del Presidente della Repubblica Decreto ministeriale Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana Cost. c.p. c.p.c. c.p.p. CCNL Corte Cost. Cass. D.P.C.M. D.Lgs. D.L. D.P.R. D.M. G.U. Legge L. Legge costituzionale Lettera L. cost. lett. Numero n. Regio decreto Sentenza Testo Unico R.D. Sent. T.U. 6

8 1 Percorsi di diritto commerciale: imprenditore e impresa 1.1 L attività di impresa e le categorie di imprenditori 1.2 L azienda 1.3 La società in generale 1.4 Le società di persone e le società di capitali Conoscenze > Conoscere gli aspetti essenziali dell organizzazione e dell esercizio dell attività d impresa. > Conoscere le diverse categorie di imprenditori e la particolare disciplina riservata all imprenditore commerciale. > Conoscere l azienda e i segni distintivi. > Conoscere la società nel suo complesso. Abilità > Saper individuare le diverse tipologie di società. > Saper riconoscere la disciplina applicabile alle diverse categorie di imprenditori. > Saper comprendere il funzionamento delle società di persone e delle società di capitali. 7

9 Modulo 1 > Percorsi di diritto commerciale: imprenditore e impresa 1.1 L attività di impresa e le categorie di imprenditori 1. IL DIRITTO COMMERCIALE E LA SUA EVOLUZIONE Il diritto commerciale Le tappe fondamentali L attività economica e le imprese, come ad esempio quelle industriali, bancarie, assicurative, sono disciplinate da quella branca del diritto privato che è comunemente denominata diritto commerciale. Dall emanazione del codice civile del 1942 (che ha riunito in unico testo sia le norme del diritto civile sia le norme del diritto commerciale) ad oggi, il sistema politico ed economico ha subito profondi mutamenti e, conseguentemente, anche gli istituti giuridici del diritto commerciale sono mutati in modo significativo. Tali cambiamenti si possono sintetizzare nelle seguenti tappe fondamentali: 1. con la Costituzione repubblicana del 1948 si dedica ampio spazio ai principi di libertà di iniziativa economica privata e pubblica (art. 41), si promuove la costituzione delle imprese cooperative, i cui fini di mutualità escludono la speculazione privata e garantiscono la tutela e lo sviluppo dell artigianato (art. 45), e inoltre si tutela il risparmio e si incentiva il suo investimento nei grandi complessi produttivi (art. 47); 2. dai primi anni 90, si è verificato un processo di privatizzazione di molte imprese pubbliche. Sempre in questo periodo l affermarsi della grande impresa pubblica e privata ha accentuato l esigenza di tutelare gli interessi dei lavoratori, dei consumatori, dei risparmiatori e della collettività nel suo complesso; 3. il diritto delle imprese si modifica di conseguenza e si arricchisce di nuovi istituti, in particolar modo nell ambito delle società di capitali e delle procedure concorsuali; Privatizzazione: per essa si intende il processo attraverso il quale lo Stato recede da interi settori della vita economico-sociale, mediante la trasformazione di un grande numero di enti pubblici in soggetti privati (ad es. ENEL, Ente Nazionale per l Energia Elettrica, oppure ENI, Ente Nazionale Idrocarburi). 4. a seguito dell unificazione europea e dell ampliamento dei mercati e dei rapporti commerciali internazionali, si è avvertita la necessità di realizzare un ordinamento sovranazionale che favorisse l integrazione economica fra le imprese degli Stati membri. Frutto di questo percorso è l introduzione di due nuovi tipi societari, disciplinati direttamente da regolamenti dell Unione Europea: la società europea (in vigore dal 2004, reg. CE/2157/2001) e la società cooperativa europea (in vigore dal 2006, reg. CE/1435/2003). 8

10 > L attività di impresa e le categorie di imprenditori ud 1 2. L IMPRENDITORE In questa sede l intento principale è quello di fornire gli strumenti conoscitivi essenziali riguardanti l organizzazione e l esercizio dell attività d impresa, per affrontare la successiva trattazione della disciplina e dei profili relativi al funzionamento delle società. In quest ottica è opportuno distinguere tra azienda e impresa. L azienda > Azienda di trasporti internazionali L impresa I requisiti necessari L attività economica La professionalità Secondo l art c.c. l azienda è il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa. Da questa sintetica definizione appare di tutta evidenza il legame giuridico tra azienda e impresa. In altre parole, si tratta di un rapporto di mezzo a fine, in quanto l azienda (es. locali, materie prime, macchinari, attrezzature) è lo strumento indispensabile per l attività dell imprenditore, ossia per la produzione di beni (es. azienda edile) o di servizi (es. azienda di assicurazioni) ovvero per lo scambio di beni (es. azienda per la rivendita di elettrodomestici). Nel codice civile non esiste la definizione di impresa, ma la si ricava indirettamente da quella di imprenditore, definito dall art c.c. come colui che esercita professionalmente un attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi. L impresa, dunque, è l attività economica esercitata dall imprenditore, mentre l azienda è il complesso dei beni utilizzati dall imprenditore per realizzare l attività stessa. L articolo sopra riportato contiene i requisiti necessari per l acquisto della qualità dell imprenditore, che sono: 1. L esercizio di un attività economica, per la quale si intende l esercizio di un attività produttiva di beni, che ricomprende sia le attività primarie (es. agricoltura), sia le attività industriali (es. produzioni di tessuti), o un attività produttiva di servizi (es. attività di trasporto o alberghiera), ovvero un attività di intermediazione nella circolazione di beni (es. rivendita di scarpe) o di servizi (es. rivendita di biglietti per una partita di calcio). Tutte queste attività produttive sono finalizzate a produrre nuova ricchezza (vengono infatti realizzati nuovi beni o nuovi servizi) e si distinguono da un attività di mero godimento di beni come, ad esempio, la riscossione dei canoni di locazione di un immobile da parte del proprietario, che non si configura come attività di impresa. 2. La professionalità, che è da intendersi come l esercizio abituale e non occasionale dell attività economica. Ciò non comporta, tuttavia, che la predetta attività debba essere svolta in modo continuato e senza interruzioni: ad esempio, l attività stagionale di chi gestisce un impianto sciistico è da considerarsi professionale, poiché si ripete in modo costante con tempi e cadenze dipendenti dalla natura e dalla tipologia dell attività stessa. 9

11 Modulo 1 > Percorsi di diritto commerciale: imprenditore e impresa > Attività di impresa alimentare > Attività alberghiera > Attività stagionale L economicità L organizzazione 3. L economicità, che è il modo con cui l attività è svolta, ossia il metodo economico teso a coprire, nel lungo periodo, i costi della produzione con i ricavi. Perciò non è imprenditore chi produce beni o servizi erogati poi gratuitamente o chi gestisce con un prezzo simbolico (cioè inferiore ai costi di produzione) un centro di assistenza per anziani. Al Costo: sacrificio economico sopportato dall imprenditore per l attività di impresa (es. lo stipendio dei lavoratori dipendenti, o il prezzo che paga l imprenditore per l acquisto delle materie prime). Ricavo: è il risultato in termini monetari della vendita dei beni prodotti. contrario, è sicuramente imprenditore chi fornisce gli stessi servizi con metodo economico. 4. L organizzazione, che è il complesso di tutti gli atti di programmazione e di coordinamento sia di elementi personali (es. lavoro), sia di elementi materiali (es. macchinari). È, ad esempio, imprenditore chi gestisce una sala di videogiochi. REQUISITI ESSENZIALI PER L ACQUISTO DELLA QUALITÀ DI IMPRENDITORE Attività economica Professionalità Economicità Organizzazione Consiste in un attività produttiva di beni o di servizi o di intermediazione di beni o di servizi. È l esercizio abituale e non occasionale dell attività economica. È il modo con cui l attività è svolta, ossia il metodo economico teso a coprire, nel lungo periodo, i costi della produzione con i ricavi. È il complesso di tutti quegli atti di programmazione e di coordinamento sia di elementi personali, sia di elementi materiali. 10

12 > L attività di impresa e le categorie di imprenditori ud 1 3. LA PICCOLA IMPRESA E L IMPRESA FAMILIARE La classificazione delle imprese Il piccolo imprenditore > Piccolo commerciante L impresa familiare Il codice civile, nell ambito della categoria generale di imprenditore, distingue in base: all oggetto dell impresa: imprenditore agricolo (art c.c.) e imprenditore commerciale (art c.c.); alla dimensione dell impresa: piccolo imprenditore (art c.c.) e imprenditore medio-grande; alla natura del soggetto che esercita l impresa: impresa privata e pubblica (art. 41, c. 3, Cost.), a seconda che l attività di impresa sia svolta da privati o dallo Stato e dagli altri enti pubblici. Dagli anni 90, una serie di interventi legislativi ha trasformato quasi tutti gli enti pubblici economici in società per azioni a partecipazione pubblica (es. ENEL, ENI). Quando l attività di impresa fa capo ad una singola persona si usa qualificarla come impresa individuale, mentre quando fa a capo ad una società o ad un ente pubblico si definisce impresa collettiva. L art c.c. ricomprende nella nozione di piccolo imprenditore: a. i coltivatori diretti del fondo; b. gli artigiani; c. i piccoli commercianti; d. coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente con il lavoro proprio e dei componenti della famiglia (c.d. criterio della prevalenza). Pertanto anche chi svolge un attività commerciale può essere considerato piccolo imprenditore se la esercita con il proprio lavoro personale e dei propri familiari e con un basso investimento di capitale. Vero è che, ad esempio, un gioielliere, anche se non si avvale di alcun collaboratore, non potrà essere considerato tale, dal momento che la sua attività presuppone un ingente impiego di capitale (che risulta prevalere sul proprio lavoro). In generale, questa tipologia di imprenditore, come l imprenditore agricolo, non è soggetta allo statuto DANIEL KORZENIEWSKI dell imprenditore commerciale (cfr. paragrafo n. 5). Ciò detto, dopo la riforma del diritto fallimentare (ed in particolare col decreto correttivo del 2007 D.L.gs. n. 169/2007) non è più sufficiente che gli imprenditori commerciali, per non essere assoggettati a fallimento, siano piccoli imprenditori, ma devono possedere congiuntamente una serie di requisiti di natura quantitativa e monetaria (es. avere debiti non superiori a euro). L impresa familiare è un impresa nella quale collaborano il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado dell imprenditore. È regolata dall art. 230 bis c.c., che è stato introdotto con la riforma del diritto di famiglia (L. n. 151/1975). 11

13 Modulo 1 > Percorsi di diritto commerciale: imprenditore e impresa I diritti dei familiari > Impresa familiare di floricoltura L imprenditore agricolo Le attività agricole essenziali L impresa familiare spesso è anche una piccola impresa, ma queste due tipologie non sempre coincidono e non vanno confuse tra loro. Ci può essere, infatti, una piccola impresa che non è impresa familiare (es. quando l imprenditore non ha familiari o non ne utilizza la collaborazione) o, al contrario, può esserci impresa familiare anche se questa non è di piccola dimensione. Prima della riforma del 1975, il lavoro familiare era un fenomeno molto diffuso, ma non tutelato e prestato a titolo gratuito, tanto che ai familiari non erano riconosciuti né diritti patrimoniali né diritti amministrativi. La collaborazione dei familiari in questo tipo di impresa esclude la presenza di un contratto di lavoro subordinato o di società. Ad essi la legge riconosce i seguenti diritti: diritto al mantenimento, secondo le condizioni patrimoniali della famiglia; diritto di partecipazione agli utili dell impresa familiare, ai beni acquistati con essi, nonché agli incrementi di valore dell azienda, anche dovuti all avviamento, in proporzione alla quantità del lavoro prestato; diritto di partecipare alle decisioni concernenti l impiego degli utili e degli incrementi, nonché a quelle relative alla gestione straordinaria, agli indirizzi produttivi e alla cessazione dell impresa. Nonostante il riconoscimento di questi diritti, l impresa familiare rimane pur sempre un impresa individuale e, di conseguenza, è solo il titolare dell impresa stessa a rispondere nei confronti dei creditori e ad essere, eventualmente, assoggettato al fallimento. 4. L IMPRENDITORE AGRICOLO Secondo il dettato del primo comma dell art c.c., è imprenditore agricolo chi esercita una delle seguenti attività: attività agricole essenziali: a. coltivazione del fondo, ossia un attività diretta ad ottenere i prodotti della terra; b. selvicoltura, ossia la coltivazione del bosco al fine di ricavarne legname; c. allevamento di animali, ossia l attività produttiva di specie animali. > Coltivazione del fondo > Selvicoltura > Allevamento di animali 12

14 > L attività di impresa e le categorie di imprenditori ud 1 Ai sensi del secondo comma del medesimo articolo, per coltivazione del fondo, per selvicoltura e per allevamento di animali si intendono le attività dirette alla cura e allo sviluppo di un ciclo biologico o di una fase necessaria del ciclo stesso di carattere vegetale o animale, che utilizzano o possono utilizzare il fondo, il bosco o le acque dolci, salmastre o marine. Pertanto, tutte le attività produttive di specie vegetali o animali sono attività agricole essenziali, anche se sono attuate con tecniche che prescindono dallo sfruttamento del terreno e dei suoi frutti. Conseguenza diretta di questa precisazione effettuata dal legislatore è che in tali attività rientrano, ad esempio, anche le coltivazioni in serra o in vivai (nonostante non siano messe a dimora nel terreno) o l allevamento in batteria di animali (senza che gli stessi siano alimentati con mangimi ottenuti dal fondo). Le attività agricole connesse > Viticoltura e produzione di vino Il terzo comma dell art c.c. prevede che l imprenditore agricolo possa esercitare anche: attività agricole connesse: a. dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione di prodotti ottenuti prevalentemente da un attività agricola essenziale (es. resta imprenditore agricolo colui che produce e vende formaggio utilizzando prevalentemente, ma non esclusivamente, il latte proveniente dal suo allevamento di animali); b. dirette alla fornitura di beni o servizi mediante l utilizzazione prevalente di attrezzature o risorse normalmente impiegate nell attività agricola esercitata (es. l imprenditore agricolo che svolge anche attività di agriturismo). L imprenditore agricolo gode di una disciplina meno rigorosa rispetto all imprenditore commerciale, in considerazione della particolare natura dell attività svolta, che comporta rischi maggiori (es. condizioni climatiche, epidemie che possono colpire le piante o gli animali), e per la minore consistenza del giro d affari e degli interessi coinvolti da tutelare (es. terzi, ossia i fornitori, i clienti, gli istituti di credito). Pertanto tale imprenditore è esonerato dalla tenuta delle scritture contabili, non è assoggettato al fallimento e alle altre procedure concorsuali in caso di insolvenza e deve iscriversi nella sezione speciale del registro delle imprese. Ciò riguarda gli imprenditori agricoli di qualsiasi dimensione, vale a dire anche la grande impresa agricola. 13

15 Modulo 1 > Percorsi di diritto commerciale: imprenditore e impresa 5. L IMPRENDITORE COMMERCIALE L imprenditore commerciale > Attività di trasporto marittimo Lo Statuto dell imprenditore commerciale L iscrizione nel registro delle imprese La tenuta delle scritture contabili È imprenditore commerciale ogni imprenditore che esercita una o più delle attività elencate dall art. 2195, c. 1, c.c., e cioè: 1. un attività industriale diretta alla produzione di beni o di servizi (es. impresa che produce piastrelle o impresa alberghiera); 2. un attività intermediaria nella circolazione dei beni (es. commercio all ingrosso o commercio al minuto); 3. un attività di trasporto per terra, per acqua o per aria (es. impresa di trasporto di merci); 4. un attività bancaria o assicurativa (es. raccolta del risparmio tra il pubblico ed esercizio del credito); 5. altre attività ausiliarie delle precedenti (es. imprese di agenzia o di marketing). L imprenditore commerciale è soggetto ad una particolare disciplina, che prende il nome di Statuto dell imprenditore commerciale. L impresa commerciale, per dimensioni e volume d affari, è sicuramente quella che coinvolge maggiormente gli interessi dei terzi che entrano in contatto con l imprenditore nell esercizio della sua attività. Proprio a tutela di questi ultimi il legislatore ha predisposto questa specifica disciplina, che prevede: l obbligo di iscrizione nel registro delle imprese. Tale registro, previsto sin dal codice civile del 1942, è stato istituito solo nel 1993 (L. n. 580/1993) ed è entrato in funzione nel È presente in ciascuna Provincia presso le Camere di commercio. Si articola in diverse sezioni: sezione ordinaria, nella quale sono tenuti ad iscriversi gli imprenditori commerciali non piccoli, tutte le società commerciali, le società cooperative, anche se non esercitano un attività commerciale e gli altri soggetti indicati dalla legge (es. società estere soggette alla legge italiana, enti pubblici economici); sezioni speciali, tra le quali quella riservata alle categorie di soggetti che secondo il codice civile non sono tenuti all obbligo di pubblicità legale (piccoli imprenditori individuali, imprenditori agricoli, inclusi i coltivatori diretti del fondo, società semplici). Vi è, inoltre, una sezione speciale destinata alle società tra professionisti (es. avvocati) ed una per le imprese sociali. Il registro delle imprese assolve la funzione di far conoscere ai terzi, che entrano in contatto con l imprenditore, le informazioni e i fatti, concernenti la sua attività, previsti dalla legge (es. i dati anagrafici dell imprenditore, l atto costitutivo e le sue modificazioni, i nominativi e i poteri degli amministratori). L obbligo della tenuta delle scritture contabili. Si tratta di documenti attraverso i quali è possibile verificare i singoli atti d impresa, la situazione del patrimonio dell imprenditore e l andamento economico dell attività esercitata. Le scritture contabili obbligatorie, ai sensi dell art c.c., sono: illibro giornale, che indica giorno per giorno le operazioni relative all esercizio dell impresa (art c.c.); 14

16 > L attività di impresa e le categorie di imprenditori ud 1 Il fallimento e le altre procedure concorsuali Ipoteca: è un diritto reale di garanzia che consente al creditore di espropriare i beni immobili vincolati, a garanzia del suo credito, e di soddisfarsi con preferenza sul prezzo ricavato dalla vendita forzata degli stessi beni. illibro degli inventari, che contiene l indicazione e la valutazione delle attività e delle passività dell attività di impresa. Si chiude con il bilancio e con il conto dei profitti e delle perdite (art c.c.); lealtre scritture contabili, che siano richieste dalla natura e dalle dimensioni dell impresa. La soggezione al fallimento e alle altre procedure concorsuali (es. concordato preventivo, liquidazione coatta amministrativa), in caso di insolvenza. Il fallimento è un istituto giuridico che si applica in caso di accertamento, con sentenza del Tribunale, dell insolvenza dell imprenditore commerciale non piccolo che non è più in grado di far fronte regolarmente alle proprie obbligazioni. Tale procedura esecutiva mira a liquidare il patrimonio dell impresa in modo concorsuale, ossia attuando la parità dei creditori. In base a questo principio essi vengono soddisfatti nella stessa percentuale, fatti salvi i diritti di prelazione (es. credito garantito da ipoteca). Il fallimento e le altre procedure concorsuali sono stati recentemente riformati dal D.Lgs. n. 5/2006, Riforma organica della disciplina delle procedure concorsuali, integrato e corretto dal D.Lgs. n. 169/2007. I collaboratori subordinati I collaboratori subordinati, di cui si può avvalere l imprenditore commerciale nell esercizio della sua attività, sono: l institore, vale a dire colui che è preposto dal titolare all esercizio di un impresa commerciale o di una sede secondaria o di un ramo particolare di essa (art c.c.) che può compiere tutti gli atti relativi all attività d impresa e, di norma, ha la rappresentanza processuale dell imprenditore (es. amministratore delegato o direttore generale); il procuratore, cioè colui il quale, in base a un rapporto continuativo, ha il potere di compiere per l imprenditore gli atti pertinenti all esercizio dell impresa, pur non essendo preposto ad essa (art c.c.), in forza di una procura che è un atto che indica i poteri conferitigli dall imprenditore (es. direttore amministrativo o direttore di produzione); il commesso, ossia colui che ha il potere di compiere gli atti che ordinariamente comporta la specie delle operazioni di cui è incaricato (art c.c.); non può concedere dilazioni di pagamento o sconti che non sono d uso (es. commessa di una profumeria o di un negozio di scarpe). > Institore > Procuratore > Commessa in una boutique 15

17 > Percorso per il ripasso > Percorso per il ripasso 16 > AZIENDA È il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa. > IMPRESA È l attività economica esercitata dall imprenditore. > IMPRENDITORE È imprenditore chi esercita professionalmente un attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi (art c.c.). I requisiti necessari per l acquisto della qualità dell imprenditore sono: attività economica; professionalità; economicità; organizzazione. > PICCOLO IMPRENDITORE È il coltivatore diretto del fondo, l artigiano, il piccolo commerciante e colui che esercita un attività professionale organizzata prevalentemente con il lavoro proprio e dei componenti della famiglia. > IMPRESA FAMILIARE È un impresa nella quale collaborano il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado dell imprenditore (art. 230 bis c.c.). Ai familiari sono riconosciuti i seguenti diritti: diritto al mantenimento; diritto di partecipazione agli utili dell impresa familiare, ai beni acquistati con essi, nonché agli incrementi di valore dell azienda; diritto di partecipare alle decisioni relative alla gestione straordinaria, agli indirizzi produttivi e alla cessazione dell impresa. > IMPRENDITORE AGRICOLO È colui che esercita una delle seguenti attività: coltivazione del fondo; selvicoltura; allevamento di animali e attività agricole connesse (art c.c.). > IMPRENDITORE COMMERCIALE È colui che esercita una o più delle attività elencate dall art. 2195, c. 1, c.c.: 1. un attività industriale diretta alla produzione di beni o di servizi; 2. un attività intermediaria nella circolazione dei beni; 3. un attività di trasporto per terra, per acqua o per aria; 4. un attività bancaria o assicurativa; 5. altre attività ausiliarie delle precedenti. L imprenditore commerciale è soggetto allo Statuto dell imprenditore commerciale che prevede: obbligo di iscrizione nel registro delle imprese; obbligo della tenuta delle scritture contabili; soggezione al fallimento e alle altre procedure concorsuali, in caso di insolvenza. I collaboratori subordinati, di cui si può avvalere nell esercizio della sua attività d impresa, sono: l institore, il procuratore e il commesso.

18 > Strumenti di verifica per l apprendimento > Livello BASE > Livello MEDIO > Livello AVANZATO Esercizio 1 Quesiti a risposta multipla. (1 punto per ciascuna risposta esatta) 1. L impresa è: a. l attività esercitata dall imprenditore b. un attività economica occasionale c. il complesso di beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa assicurativa d. un attività economica ininterrotta c. 2. È un attività agricola connessa: a. la selvicoltura b. la vendita di conserva da parte di un imprenditore che coltiva pomodori c. la vendita di miele da parte di un imprenditore che alleva polli d. la coltivazione del fondo 3. Tra i familiari collaboratori di un impresa familiare sussiste: a. un rapporto di lavoro dipendente b. un rapporto di lavoro autonomo c. un rapporto di fatto d. un contratto di società 4. Non può essere considerata attività d impresa: a. la gestione di un albergo sul mare per 6 mesi all anno b. l esercizio di un attività bancaria o l acquisto di due case al fine di rivenderle ad un prezzo superiore d. l esercizio di un attività di allevamento del bestiame 5. Sono soggetti al fallimento: a. gli imprenditori commerciali non piccoli b. i piccoli imprenditori c. gli imprenditori agricoli d. sia gli imprenditori agricoli sia gli imprenditori commerciali Punti:... /5 Esercizio 2 Quesiti a risposta singola. (4 punti per ciascuna risposta esatta) 1. Di che cosa si occupa il diritto commerciale? 2. Che cos è l azienda? 3. Perché si dice che sussiste un rapporto di mezzo a fine tra azienda e impresa? 4. Che cosa si intende per professionalità dell attività economica? 5. Che cosa significa economicità dell attività di impresa? 6. Chi è l imprenditore commerciale? 7. Che cosa si intende per Statuto dell imprenditore commerciale? 8. Chi è l artigiano? 9. Definisci l impresa familiare. 10. Chi è il piccolo imprenditore? Punti:... /40 Esercizio 3 Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false, motivando la risposta. (3 punti per ciascuna risposta esatta) 1. L imprenditore agricolo non è soggetto a fallimento Perché L azienda è l attività economica esercitata dall imprenditore Perché Lo Stato non può esercitare alcuna attività economica Perché L impresa familiare è stata introdotta con la riforma del diritto di famiglia Perché L attività dell imprenditore deve essere svolta senza interruzioni Perché... V Punti:... /15 F 17

19 > Strumenti di verifica per l apprendimento Esercizio 4 Trattazione sintetica di argomenti. (8 punti per ciascun argomento trattato) 1. Illustra le tappe fondamentali dell evoluzione del diritto commerciale. 2. Indica e spiega i requisiti essenziali della qualità dell imprenditore. 3. Confronta l imprenditore agricolo e l imprenditore commerciale. 4. Descrivi l impresa familiare e spiega la tutela predisposta dal codice civile per i familiari che collaborano di fatto con l imprenditore. Punti:... /32 Esercizio 5 Analisi del caso. (8 punti per ciascun caso risolto esattamente) 1. Luca è un viticoltore che, pur coltivando viti su svariati ettari di terreno, preferisce produrre vino con uve provenienti prevalentemente da altri viticoltori. Al momento della prima verifica contabile periodica, il commercialista gli fa presente che è obbligato a tenere le scritture contabili. Luca, seccato, obbietta che, essendo imprenditore agricolo, è esonerato da tale adempimento. Chi ha ragione? Motiva la tua risposta. Punti:... /8 Dopo aver calcolato il punteggio conseguito in ciascun livello, fai la somma totale e assegnati la valutazione ad essa corrispondente: Correzione esercizi Livelli Punteggio > Livello BASE... /5 > Livello MEDIO... /55 > Livello AVANZATO... /40 TOTALE punteggio... /100 Tabella di autovalutazione Punteggio conseguito Valutazione 0-35 Gravemente insufficiente Insufficiente Sufficiente/Discreto Discreto/Buono Ottimo 18

20 Modulo 1 > Percorsi di diritto commerciale: imprenditore e impresa 1.2 L azienda 1. LA NOZIONE DI AZIENDA E I BENI CHE LA COMPONGONO L azienda > Azienda Azienda e impresa Un complesso di beni eterogenei Con il termine azienda si identifica il complesso di beni (es. macchinari, merci, materie prime, locali) di cui l imprenditore si serve per la produzione e lo scambio di beni o servizi, ossia per lo svolgimento della propria attività economica. Sotto il profilo giuridico, l azienda, quale complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa (art c.c.), rappresenta un insieme di strumenti o fattori produttivi predisposti ed organizzati dall imprenditore per l esercizio dell attività economica. Il codice civile definisce sia l imprenditore (art. 2082) sia l azienda (art. 2555), ma non fornisce direttamente la nozione di impresa, perché la si desume dall art. NATALIYA HORA 2082 c.c.: l attività esercitata dall imprenditore per la produzione di beni (es. azienda manifatturiera) odi servizi (es. azienda di trasporti), ovvero per lo scambio di beni (es. concessionaria di automobili) o di servizi (es. agenzia di assicurazioni). Tra azienda e impresa c è un rapporto così strutturato: l azienda è l elemento oggettivo dell impresa, ossia il complesso di beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa (art c.c.); l impresa è l attività economica esercitata dall imprenditore. L azienda è formata da un complesso di beni eterogenei, collegati tra loro dalla destinazione comune (produzione), che possono essere: materiali, come ad esempio i macchinari, gli edifici, le merci; immateriali, come, ad esempio i diritti d autore, le invenzioni industriali, i segni distintivi dell azienda (ditta, insegna, marchio), l avviamento. Avviamento: attitudine dell azienda a produrre profitti. Si distingue tra avviamento oggettivo, dovuto alla capacità produttiva dell azienda stessa (es. per la sua ubicazione), e avviamento soggettivo, inerente alla capacità professionale dell imprenditore (es. l abilità del titolare di un bar di conservare e aumentare la clientela). > Beni immateriali: robots (invenzioni industriali) 19

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Capitolo 1 Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Il termine imprenditore esprime un concetto economico prima ancora che giuridico. L imprenditore è, infatti, colui che si pone

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano L impresa...1 L azienda...2 Avviamento...2 Trasferimento di azienda...3 Usufrutto e affitto di azienda...3 Classificazione dell attività

Dettagli

Prof.ssa Enrica Morena AZIENDA

Prof.ssa Enrica Morena AZIENDA Prof.ssa Enrica Morena AZIENDA Definizione Art. 2555 c.c. È il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa AZIENDA E IMPRESA Sono concetti differenti AZIENDA è il complesso

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

Percorso A. p A. Le imprese e le loro caratteristiche. L azienda. La classificazione delle aziende

Percorso A. p A. Le imprese e le loro caratteristiche. L azienda. La classificazione delle aziende Percorso A ndimento 2 Un it à di re p p A Le imprese e le loro caratteristiche L azienda L azienda è un sistema aperto e finalizzato: sistema, perché composto da vari elementi posti in relazione tra loro;

Dettagli

UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14 IMPRESA AGRICOLA. Statuto generale dell imprenditore + Articoli da 2135 a 2140 c.c.

UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14 IMPRESA AGRICOLA. Statuto generale dell imprenditore + Articoli da 2135 a 2140 c.c. UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14 IMPRESA AGRICOLA Statuto generale dell imprenditore + Articoli da 2135 a 2140 c.c. TRATTAMENTO DI FAVORE DEL LEGISLATORE importanza concreta della

Dettagli

6 IL TRASFERIMENTO DEI BENI AZIENDALI

6 IL TRASFERIMENTO DEI BENI AZIENDALI 6 IL TRASFERIMENTO DEI BENI AZIENDALI L IMPRESA è L ATTIVITA SVOLTA DALL IMPRENDITORE IN MODO PROFESSIONALE ED ORGANIZZATO DIVERSO è IL CONCETTO DI AZIENDA AZIENDA COMPLESSO DI BENI ORGANIZZATI DALL IMPRENDITORE

Dettagli

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari INTERMEDIARI FINANZIARI ART. 106 TUB, CONFIDI, AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA, MEDIATORI CREDITIZI E OPERATORI PROFESSIONALI

Dettagli

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCOPO E OBIETTIVO DELLA LEGGE La Legge n. 215 del 25 febbraio 1992 riporta un ampio ventaglio di disposizioni con lo scopo

Dettagli

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION PROFILO E MISSION UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA M.C.& Partners consulenze integrate aziendali - srl è una società di consulenza e servizi

Dettagli

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative n 27 del 22 luglio 2011 circolare n 416 del 21 luglio 2011 referente BRUGNOLI/mr Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative Nella Gazzetta ufficiale dell

Dettagli

L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI

L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI a cura Giuseppe Demauro La complessa fase di erogazione dei finanziamenti stipulati con le banche, si caratterizza anche per la determinazione dell imposta

Dettagli

La costituzione di raggruppamenti d imprese è finalizzata a dimostrare uno o più dei seguenti requisiti:

La costituzione di raggruppamenti d imprese è finalizzata a dimostrare uno o più dei seguenti requisiti: SCHEDA FORME ASSOCIATIVE DI PARTECIPAZIONE Nessun concorrente partecipante a RTI può presentare più offerte, né potrà subentrare successivamente alla gara ove abbia presentato offerta in una qualsiasi

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 30 gennaio 2015. Semplificazione in materia di documento unico di regolarità contributiva (DURC). IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MATERIA DIRITTO CLASSE 3 INDIRIZZO RIM DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: STATO E ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI VALUTARE FATTI E ORIENTARE I PROPRI COMPORTAMENTI IN BASE AD UN SISTEMA

Dettagli

MARCHIO e BREVETTO. Alleanza delle Cooperative Italiane Imola Progetto Experiment Gennaio Febbraio 2016. Avv. Elena Menotti

MARCHIO e BREVETTO. Alleanza delle Cooperative Italiane Imola Progetto Experiment Gennaio Febbraio 2016. Avv. Elena Menotti MARCHIO e BREVETTO Alleanza delle Cooperative Italiane Imola Progetto Experiment Gennaio Febbraio 2016 DIRITTO DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE Diritto della proprietà intellettuale ( in senso stretto ) -

Dettagli

Provincia di Verona AREA ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO TRIBUTI

Provincia di Verona AREA ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO TRIBUTI Comune di Soave Provincia di Verona AREA ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO TRIBUTI AL COMUNE DI SOAVE 1 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA PER IL RICONOSCIMENTO DELLA RURALITA AI FINI DELL IMPOSTA

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP

PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP 2 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP DLgs. 446/97 3 Prassi C.M. 4.6.98 n. 141/E; C.M. 26.7.2000 n. 148/E; Circ. Agenzia delle Entrate 6.8.2007 n. 48; Circ. Agenzia delle Entrate 19.11.2007 n. 61; Circ. Agenzia

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Elementi fondamentali di diritto d impresa

Elementi fondamentali di diritto d impresa Elementi fondamentali di diritto d impresa La nozione giuridica di imprenditore. Il nostro ordinamento legislativo non definisce espressamente il concetto di impresa, mentre specifica che cosa si intende

Dettagli

Il marchio collettivo

Il marchio collettivo Il marchio collettivo Natura e definizione Il marchio collettivo è un segno distintivo che svolge principalmente la funzione di garantire particolari caratteristiche qualitative di prodotti e servizi di

Dettagli

Programmazione annuale di Diritto e Legislazione turistica Classe 4^ Indirizzo Turismo (n. 3 ore settimanali) Sezione Tecnica

Programmazione annuale di Diritto e Legislazione turistica Classe 4^ Indirizzo Turismo (n. 3 ore settimanali) Sezione Tecnica Programmazione annuale di Diritto e Legislazione turistica Classe 4^ Indirizzo Turismo (n. 3 ore settimanali) Sezione Tecnica Modulo 1: I principali contratti e le altre fonti dell obbligazione Individuare

Dettagli

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Tecniche Informatiche di ricerca giuridica Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Proprietà industriale o diritto d autore? Istruzioni per l uso Di che cosa parleremo Il diritto d autore

Dettagli

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC Albez edutainment production Il reddito Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio economico di un impresa Conoscere la classificazione dei costi

Dettagli

La gestione dell impresa

La gestione dell impresa Albez edutainment production La gestione dell impresa Classe III ITC In questo modulo: La definizione di impresa e di gestione La classificazione delle operazioni di gestione La differenza tra beni a fecondità

Dettagli

InDIce DIScIplIne giuridiche la mediazione e il mandato la mediazione e il mandato introduzione al diritto introduzione al diritto

InDIce DIScIplIne giuridiche la mediazione e il mandato la mediazione e il mandato introduzione al diritto introduzione al diritto Indice Parte Prima Discipline giuridiche Capitolo Primo: La mediazione e il mandato 1. La mediazione... Pag. 7 2. Quadro legislativo sulla mediazione...» 12 3. La L. 3 febbraio 1989, n. 39 e la nuova procedura

Dettagli

LEZIONE 30 ottobre 2013

LEZIONE 30 ottobre 2013 1 LEZIONE 30 ottobre 2013 FACTORING NOZIONE > è il contratto in forza del quale il factor (cessionario), solitamente un impresa, si impegna ad acquistare da un imprenditore, per un certo periodo (cedente

Dettagli

6 La gestione. aziendale. 1 La gestione aziendale SCHEDA

6 La gestione. aziendale. 1 La gestione aziendale SCHEDA SCHEDA 6 La gestione aziendale Gli obiettivi didattici Conoscere il concetto di gestione Conoscere fonti di finanziamento ed elementi del patrimonio Saper classificare le operazioni di gestione Saper classificare

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA ALLEGATO D DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA Commercio equo e solidale 1. Il commercio equo e solidale è l attività di cooperazione economica e sociale finalizzata a consentire o migliorare

Dettagli

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 A seguito delle numerose domande inerenti al Patentino dei Frigoristi, giunte in redazione nei giorni scorsi, riportiamo le FAQ (domande

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 3 0 g e n n a i o 2 0 1 5 P a g. 1 di 5

C i r c o l a r e d e l 3 0 g e n n a i o 2 0 1 5 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 3 0 g e n n a i o 2 0 1 5 P a g. 1 di 5 Circolare numero 11/2015 Oggetto SPLIT PAYMENT Sommario Rapporti con la PA: dal 01.01.2015 l IVA non viene incamerata dal fornitore privato

Dettagli

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI ! SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI START-UP INNOVATIVA! Adempimenti amministrativi ed informazioni legali sulle nuove imprese dedicate all innovazione! (Legge

Dettagli

Il leasing e il Factoring

Il leasing e il Factoring Il leasing e il Factoring Il leasing Il leasing è giuridicamente un contratto atipico perché non ricade nelle tipologie previste dalla legislazione. Con il contratto di leasing tradizionale, l azienda

Dettagli

MODULO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI

MODULO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Richiedente:.. [ Titolo progetto:.. MODULO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Si richiede di compilare il presente modulo e di inviarlo firmato e completo degli allegati a: Fondazione di Piacenza e Vigevano

Dettagli

Al Comune di 33050 POZZUOLO DEL FRIULI Via xx Settembre, 31. Il/la sottoscritto/a:

Al Comune di 33050 POZZUOLO DEL FRIULI Via xx Settembre, 31. Il/la sottoscritto/a: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA VENDITA DI PRODOTTI RICAVATI DAI PROPRI FONDI (art. 4 del D.Lgs 228/01) da parte dell imprenditore agricolo 1 Il/la sottoscritto/a: Al Comune di 33050

Dettagli

MODELLO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E.

MODELLO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E. MODELLO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E. Avvertenze Generali Si raccomanda di indicare nell apposito spazio, in alto

Dettagli

MODELLO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E.

MODELLO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E. MODELLO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E. Avvertenze Generali Si raccomanda di indicare nell apposito spazio, in alto

Dettagli

Introduzione al diritto d autore

Introduzione al diritto d autore Introduzione al diritto d autore Lezione n. 1 Il diritto d autore Legge 22 aprile 1941 n. 633, Protezione del diritto d autore e di altri diritti connessi al suo esercizio Art. 1 Sono protette ai sensi

Dettagli

Ufficio competente alla ricezione del modulo E quello della sede legale dell impresa.

Ufficio competente alla ricezione del modulo E quello della sede legale dell impresa. MODULO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E., ed altri soggetti giuridici AVVERTENZE GENERALI Soggetti utilizzatori del

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente di cui all allegato A), costituisce il riferimento per tutti gli indirizzi

Dettagli

4, 1 13 2015, 272 RETI D IMPRESA

4, 1 13 2015, 272 RETI D IMPRESA Circolare recante le modalità di presentazione delle domande per l attribuzione del credito d imposta per incentivare la creazione di nuove reti di imprese ovvero lo svolgimento di nuove attività da parte

Dettagli

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini Le operazioni di gestione Prof.ssa Paola Orlandini 1 La gestione è un sistema di operazioni economiche messe in atto dal soggetto conomico per il raggiungimento del fine aziendale 2 Come coordinazione

Dettagli

CAMPO DI APPLICAZIONE

CAMPO DI APPLICAZIONE Campo di applicazione - CAMPO DI APPLICAZIONE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Articoli da 1742 a 1752 del Codice civile; Legge 3 maggio 1985, n. 204 Disciplina dell attività di agente e rappresentante di commercio

Dettagli

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo Seminario IL BREVETTO LA PROTEZIONE DELLA CREATIVITÀ INTELLETTUALE NEL CAMPO DELL INVENZIONE INDUSTRIALE Lunedì 21 maggio 2007 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32

Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32 Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32 2 Oggi nella realtà economica polacca funzionano le seguenti forme di attività economica: Oggi nella realtà economica polacca funzionano le seguenti forme

Dettagli

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA Le scelte economiche relative alla possibilità d intraprendere un attività in proprio sono profondamente connesse con le scelte di carattere giuridico. Di solito la

Dettagli

OGGETTO: Consulenza giuridica Associazione Bancaria Italiana Libro giornale Applicabilità dell imposta di bollo alle scritture contabili ausiliarie

OGGETTO: Consulenza giuridica Associazione Bancaria Italiana Libro giornale Applicabilità dell imposta di bollo alle scritture contabili ausiliarie RISOLUZIONE N. 371/E Roma, Roma, 06 ottobre 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Prot. n. 2008/137243 OGGETTO: Consulenza giuridica Associazione Bancaria Italiana Libro giornale Applicabilità

Dettagli

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente di cui all allegato A), costituisce il riferimento per tutti gli indirizzi

Dettagli

P I A N O D I L A V O R O

P I A N O D I L A V O R O ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico.

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative lo scopo mutualistico cioè non perseguono (o non dovrebbero perseguire) il lucro o profitto come tutte le altre società/imprese, ma hanno l obiettivo

Dettagli

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI Tema d esame ATTIVITÀ DIDATTICHE REDDITO, PATRIMONIO E ATTRAVERSO IL BILANCIO LORO RAPPRESENTAZIONE di Luisa VENINI MATERIE AZIENDALI (classe 5 IP Tecnico servizi sociali) Tecnica amministrativa Il candidato,

Dettagli

FONDAZIONE CARIPLO Modulo Extrabando

FONDAZIONE CARIPLO Modulo Extrabando GUIDA ALLA PRESENTAZIONE 1) Come presentare un progetto al di fuori dei bandi della Fondazione? Per presentare un progetto che non rientra nei bandi della Fondazione Cariplo è necessario: a) compilare

Dettagli

Diritto commerciale l. Lezione 09/10/2015

Diritto commerciale l. Lezione 09/10/2015 Diritto commerciale l Lezione 09/10/2015 Dimensioni dell impresa: - piccolo imprenditore - imprenditore medio-grande Dimensione dell impresa come «misura» dell organizzazione della stessa. Etero-organizzazione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l.

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. Approvato dal CdA del 15 ottobre 2010 2 INDICE Preambolo...4

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS

2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS 2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS LA DEDUCIBILITÀ DAL REDDITO DELLE EROGAZIONI LIBERALI ALLE ONLUS Per effetto del cosiddetto decreto sulla competitività (D.L. n. 35 del 2005), le persone fisiche e gli enti

Dettagli

L avvio di un attività

L avvio di un attività Le forme societarie e le Condizioni di Equilibrio Economico/Finanziario Le Forme Societarie L avvio di un attività Avviare un attività d impresa è un sogno di tante persone che, per proprie attitudini,

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DEL PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA

REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DEL PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DEL PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA SECONDA BOZZA Premessa Il presente regolamento stabilisce le regole per la concessione, il mantenimento e il rinnovo del

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI E DEFINIZIONE DEI CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER PUNTI VENDITA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

A/ ESTREMI DELLA DOMANDA/DENUNCIA

A/ ESTREMI DELLA DOMANDA/DENUNCIA MODULO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E., ed altri soggetti giuridici; attivita dell impresa AVVERTENZE GENERALI Soggetti

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1990 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori GRASSI, ALLOCCA e TECCE COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 GENNAIO 2008 Norme in materia di pluralismo informatico

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 169/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 luglio 2009 OGGETTO: Consulenza giuridica - Trattamento IVA applicabile alla gestione del patrimonio immobiliare. Art. 4, primo comma,

Dettagli

MODULO PER LA RICHIESTA DI ACQUISTO AREA PRODUTTIVA ZONA ARTIGIANALE / INDUSTRIALE DI PANNELLIA

MODULO PER LA RICHIESTA DI ACQUISTO AREA PRODUTTIVA ZONA ARTIGIANALE / INDUSTRIALE DI PANNELLIA AL COMUNE DI CODROIPO Piazza G. Garibaldi, 81 33033 CODROIPO (UD MODULO PER LA RICHIESTA DI ACQUISTO AREA PRODUTTIVA ZONA ARTIGIANALE / INDUSTRIALE DI PANNELLIA DATI RELATIVI ALL IMPRESA RICHIEDENTE Nominativo

Dettagli

Regime contabile: ordinario o semplificato

Regime contabile: ordinario o semplificato Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 02 20.01.2014 Regime contabile: ordinario o semplificato A cura di Devis Nucibella Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Istituto Istruzione Superiore 'Mattei Fortunato' Eboli (SA) Anno scolastico 2013/2014 Curricolo verticale Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Al termine del percorso

Dettagli

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle immobilizzazioni immateriali Seconda lezione 1 DEFINIZIONE condizioni produttive controllate dall impresa, utili per l esercizio della sua gestione

Dettagli

Presentazione domande 2015 per il 5 per mille CIRCOLARI EUTEKNE PER LA CLIENTELA NUMERO 21-15 APRILE 20151

Presentazione domande 2015 per il 5 per mille CIRCOLARI EUTEKNE PER LA CLIENTELA NUMERO 21-15 APRILE 20151 Presentazione domande 2015 per il 5 per mille 1 1 PREMESSA Per effetto dell art. 1 co. 154 della L. 23.12.2014 n. 190 (legge di stabilità 2015), la facoltà di destinazione del 5 per mille dell IRPEF si

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO... GUIDA SUI MUTUI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...7 MUTUO A DUE TIPI DI TASSO...8 MUTUO A TASSO

Dettagli

Corso di Diritto Commerciale

Corso di Diritto Commerciale Corso di Diritto Commerciale Anno accademico 2014-2015 Powered by PROF. MASSIMO RUBINO DE RITIS Control Editing dott. Mario Passaretta Il diritto d impresa Le norme utilizzate sono reperibili, gratuitamente,

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI Sommario Introduzione... 2 Il principio generale di esenzione dall Iva... 2 La nozione di impresa costruttrice... 3 Fabbricati

Dettagli

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI Il Fondo di Garanzia è stato istituito dalla Camera di Commercio con apposito Regolamento, approvato con deliberazione del Consiglio camerale

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Regione Puglia START UP Scheda informativa sul nuovo bando della Regione Puglia Sostegno allo start up di microimprese di nuova costituzione realizzate da soggetti svantaggiati. COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

Dettagli

INFORMATIVA IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) ANNO 2013. Novità acconto 2013

INFORMATIVA IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) ANNO 2013. Novità acconto 2013 Comune di Piacenza Servizio Entrate INFORMATIVA IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) ANNO Novità acconto Con il D.L. n. 102/ il legislatore ha escluso dal pagamento dell acconto dell IMU: le abitazioni principali

Dettagli

Al signor Sindaco del comune di Tradate

Al signor Sindaco del comune di Tradate ALLEGATO 2 Modulo B.1 (Istanza) Lì,... Al signor Sindaco del comune di Tradate OGGETTO: Richiesta di partecipazione alla gara per l aggiudicazione della gestione di centro per persone disabili in Gornate

Dettagli

MODULO A OGGETTO DELL APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA AREE ESTERNE E MANUTENZIONE DEL VERDE COMUNALE ANNI 2014 2015 2016. Il sottoscritto... nato il...

MODULO A OGGETTO DELL APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA AREE ESTERNE E MANUTENZIONE DEL VERDE COMUNALE ANNI 2014 2015 2016. Il sottoscritto... nato il... MODULO A OGGETTO DELL APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA AREE ESTERNE E MANUTENZIONE DEL VERDE COMUNALE ANNI 2014 2015 2016 Il sottoscritto... nato il... a... e residente a... Via... titolare legale rappresentante

Dettagli

Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso. (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014)

Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso. (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014) N. 195 del 10.07.2014 La Memory A cura di Riccardo Malvestiti Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014) Con il DL n. 91 del 24.06.2014 pubblicato

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

fieremilia s.r.l. a socio unico Corso Garibaldi, 59 REGGIO EMILIA

fieremilia s.r.l. a socio unico Corso Garibaldi, 59 REGGIO EMILIA fieremilia s.r.l. a socio unico Corso Garibaldi, 59 REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE, STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE. 1. Premessa

Dettagli

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani Consigliere provinciale MAURO MINNITI Via Perathoner, 10 39100 BOLZANO Tel. 0471-946209 www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento

Dettagli

Circolare N.182 del 13 Dicembre 2013

Circolare N.182 del 13 Dicembre 2013 Circolare N.182 del 13 Dicembre 2013 Artigiani e agricoli. Quali sono gli adempimenti per vendere online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo ha fornito

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

Guida pratica antiriciclaggio

Guida pratica antiriciclaggio Guida pratica antiriciclaggio UFFICIO STUDI NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO per le Agenzie Immobiliari e i Mediatori Creditizi Ufficio Studi FIAIP a cura di Armando Barsotti Dal 22 Aprile 2006 sono in vigore

Dettagli

a cura del Dott. Stefano Setti

a cura del Dott. Stefano Setti TRATTAMENTO FISCALE AI FINI IVA DEGLI ENTI NON-COMMERCIALI a cura del Dott. Stefano Setti Ai sensi dell art. 4, quarto comma, del DPR n. 633/72 per gli enti non commerciali si considerano effettuate nell

Dettagli

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio 1 di 6 La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio Come possono essere classificate le operazioni di gestione? La gestione aziendale è l insieme coordinato di operazioni attraverso le quali l impresa

Dettagli

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania Dalla pianificazione dell investimento all avvio dell attività imprenditoriale INVENTALAVORO JOB 2011 Catania, Le Ciminiere 14, 15, 16 dicembre 2011 LA PIANIFICAZIONE DELL INVESTIMENTO La creazione di

Dettagli