La carie dentaria è una malattia degenerativa dei tessuti duri del dente (smalto, Sanità. Sanità. Sanità. Sanità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La carie dentaria è una malattia degenerativa dei tessuti duri del dente (smalto, Sanità. Sanità. Sanità. Sanità"

Transcript

1 Settimanale d informazione socio-sanitaria dell A.N.I.O. anno 10 - n. 13 del 07 Aprile 2015 La carie dentaria è una malattia degenerativa dei tessuti duri del dente (smalto, dentina) su base infettiva, che si origina dalla superficie e procede in profondità, fino alla polpa dentale. A causarla sono i comuni microrganismi operanti nel cavo orale, principalmente quelli presenti nel dente nella forma di placca batterica. Se non si svolgono le comuni pratiche di igiene orale, i batteri riescono a dissolvere la matrice minerale e organica che costituisce il dente, creando lesioni. La carie, quando è limitata allo smalto e agli strati superficiali della dentina, si presenta asintomatica. È diagnosticabile solo dal medico con ispezione diretta o tramite esame radiografico. Il sintomo principale è il dolore, che compare, però, quando il processo è molto profondo, interessando la polpa del dente stesso. pag. 2 Sanità Staminali della placenta per curare l infarto pag.3 Sanità Sprechi in sanità, una voragine da miliardi di euro pag.4 Sanità Risolti i problemi cardiaci nei feti pag.5 Sanità Cuore, trapianti anche da persona morta pag.5 Sociale Sindrome del letargo, ecco come combattere il mal di primavera pag.6 Pillola dell Anio Stop agli oli raffinati pag.7

2 SANITA 2 La carie, come si sviluppa e agisce FARMACIA FATTA DOTT.SSA CLEMENTINA APERTA ANCHE IL SABATO AFFILIATO SANIT CARD Autoanalisi - Fitoterapia - Omeopatia - Veterinaria Ossigeno - Dermocosmesi - Preparazioni Magistrali Integratori sportivi - Puericultura SERVIZIO NOTTURNO CONTINUATO La carie rimane una delle patologie croniche più diffuse a livello mondiale. In Italia, a livello giovanile, nel 2006 i dati indicano una prevalenza di circa il 30% a 4 anni e circa il 50% a 12 anni. Peraltro, i dati sottostimano la presenza della patologia, poiché le rilevazioni sono normalmente eseguite attraverso esame visivo, mentre per una diagnosi precisa, sarebbe indicato associare l esame radiografico. Si tratta di una malattia causata da molteplici fattori che sono essenzialmente quattro, batteri, zuccheri, fattori predisponenti, tempo. Il trattamento prevede l asportazione del tessuto infetto e la sua sostituzione con materiale adatto al restauro, nel caso di coinvolgimento pulpare avanzato, l asportazione del tessuto pulpare e la sua sostituzione. Nel caso dei fattori predisponenti, sono interessate soprattutto le caratteristiche strutturali dei denti. La presenza di denti con solchi molto accentuati o di affollamento dentario causa il ristagno di residui alimentari e della placca batterica, che sono i fattori scatenanti della carie. Alcune condizioni fisiologiche come la gravidanza e l allattamento predispongono alla carie a causa di modificazioni ormonali che alterano la qualità della saliva. Quest ultima è resa più viscosa, aumentando così l adesività dei batteri al dente. In un dente nelle condizioni di salute normale, i batteri presenti nel cavo orale devono prima penetrare attraverso lo smalto, barriera naturale a matrice cristallina altamente mineralizzata, che in presenza di acidità può, però, rendersi più debole. I batteri, nutrendosi dei residui alimentari (principalmente zuccheri) producono metaboliti a ph acido che determinano dei varchi nello smalto. In questo modo, lo smalto assume un aspetto poroso (white spots) e si parla, in questi casi, di carie superficiale, sempre asintomatica. Quando lo smalto è totalmente oltrepassato, i batteri trovano la dentina, che è un tessuto con maggiore contenuto organico, attraversato da canali microscopici detti tubuli. In questa fase il processo carioso può procedere più speditamente e il dente diviene cavo, se la matrice dentinale è completamente distrutta. Questo spiega perché si ritrovano tipicamente cavità ampie in dentina con accessi coronali smaltei molto limitati. Nel momento in cui il processo carioso si avvicina alla polpa, i batteri e i prodotti tossici del processo di degradazione attraverso i tubuli dentinali possono attivare processi infiammatori, e compare la sintomatologia dolorosa vera e propria (pulpite). Esistono difetti dello smalto dovuti a deficit nel processo di formazione del dente (odontogenesi) o, più frequentemente, quando in seguito all abbassamento della gengiva per cause naturali (età) o patologiche (parodontopatia) si viene ad esporre la dentina radicolare. I batteri, così, possono attaccare subito lo strato più debole del dente, portando a processi cariosi più rapidi e più difficili da curare, con frequente recidiva. I batteri che vivono nella bocca, devono prima aderire alle superfici orali (mucose o dentarie). Il Lactobacillo acidofilus possiede tale caratteristica, producendo una matrice di mucopolisaccaridi su cui inizia a proliferare indisturbato lo Streptococco mutans responsabile della produzione degli acidi e dell erosione dello smalto. Quindi spazzolare i denti dopo i pasti, impedisce alla placca di organizzarsi e di aderire ai denti. Infatti, quando la lesione giunge in prossimità della polpa, compaiono i sintomi della malattia. I batteri producono enzimi e sostanze tossiche che diffondono attraverso i tubuli dentinali, direttamente collegati alle strutture vascolo-nervose presenti nella polpa. Se non si cura la lesione cariosa, tali sostanze tossiche diffondono fino all organo dentino-pulpare. A questo punto la sintomatologia diventa viva e assume le caratteristiche tipiche dell odontalgia. I sintomi specifici sono il dolore diffuso a tutta l emiarcata dentaria senza possibilità di distinzione del dente dolente, e il dolore esacerbato dagli stimoli chimici e fisici. In questo stadio la polpa è infiammata ed è aumentato il suo volume per dilatazione delle arterie per iperemia (aumento del sangue) per facilitare l arrivo delle cellule immunitarie. Dopo questa fase che può durare da poche ore a parecchi giorni, si ha spesso la scomparsa dei sintomi dolorosi, in quanto, la polpa essendo contenuta in un contenitore rigido, va incontro a ischemia e necrosi pulpare. Il processo infettivo a questo punto tenderà a spostarsi oltre il dente, provocando infiammazioni periapicali croniche (granuloma) o acute (parodontite apicale acuta). Importantissimo è evidenziare, che a questo stadio, i batteri diffondono in circolo creando delle condizioni molto rischiose, sia per l apparato cardiocircolatorio, sia per altri organi, come cervello, reni, polmoni, articolazioni, ecc. Inoltre soggetti defedati, se non opportunamente trattati rischiano il decesso. Dott. Andrea Mortillaro Medico odontoiatra Via dell Orsa Minore 102, Palermo tel

3 Dona il tuo 5 per mille ad ANIO Onlus C.F SANITA 3 Staminali della placenta per curare l infarto Ansa Il team diretto dal cardiologo Massimiliano Gnecchi, docente dell Università di Pavia, ha dimostrato che è possibile derivare dalla placenta umana cellule staminali di origine fetale che sono in grado di curare il danno da infarto miocardico. Si tratta di una scoperta nell ambito della medicina rigenerativa traslazionale che permette cioè di essere trasferita in modo rapido nell ambito clinico creando nuove tecniche diagnostiche e terapeutiche avanzate. Nello specifico le scoperte del team guidato da Massimiliano Gnecchi sono due. Il primo studio, accettato dalla rivista Stem Cells Translational Medicine, descrive appunto come si possa derivare dalla membrana amniotica della placenta cellule staminali che hanno una carta d identità identica a quella delle più studiate staminali derivate dal midollo osseo d individui adulti. Tuttavia queste cellule fetali hanno importanti vantaggi: essendo più giovani si moltiplicano velocemente e riescono a produrre più molecole che proteggono il cuore e molecole che favoriscono la formazione di vasi sanguigni indispensabili a nutrire il tessuto. Il gruppo pavese è riuscito a dimostrare che la sola somministrazione delle molecole prodotte da queste cellule riduce il danno da infarto e migliora la funzione del cuore in modello animale. I risultati di questo studio pongono quindi le basi per innovative terapie per la cura dell infarto miocardico mediante utilizzo dei fattori prodotti dalle cellule staminali. Inoltre, i ricercatori pavesi hanno dimostrato che modificando le cellule staminali con piccole molecole chiamate microrna è possibile migliorarne la loro capacità di differenziare in cardiomiociti, i mattoni che costituiscono il cuore. È l essenza della medicina rigenerativa: la possibilità di sostituire la parte di cuore morta in seguito ad infarto con nuovo tessuto cardiaco generato dalle staminali. La possibilità di poterlo fare con cellule fetali che non suscitano problemi etici rende la scoperta ancora più interessante. La speranza di Massimiliano Gnecchi e della sua équipe è che questi risultati, riportati sulla rivista Stem Cells, possano aprire la strada verso processi rigenerativi del cuore più efficaci che in passato e curare non solo l infarto ma anche lo scompenso cardiaco, altra malattia cardiaca molto diffusa, invalidante e gravata da altissima mortalità. Redazione

4 La sanità, negli ultimi decenni è diventata un immenso mercato, dove ruotano ricerche, interessi economici e politici, dove non sempre la salute dei cittadini è al primo posto. Oggi, vi fanno parte professionisti sanitari e parasanitari, associazioni di pazienti e di categoria, sindacati, industria, società scientifiche e la politica. Chiaramente, tutti questi portatori d interesse non lavorano sempre in armonia e collaborazione, ma spesso vanno in conflitto, con grave danno del paziente. Chi amministra le istituzioni sanitarie ha un impatto diretto sulle difficoltà che gli operatori e i pazienti vivono, ma sono indifferenti alle conseguenze che la loro amministrazione può portare. Questo comportamento gli si può ritorcere contro, ma la mancanza di responsabilizzazione li rende spesso miopi. Per anni, la Sicilia è stata sottoposta a severi controlli nella sua sanità da parte dello Stato centrale ed è stata considerata come la peggiore regione, seppur già dal 2014 la sua sanità fosse divenuta una delle più virtuose, quando altre regioni, come il Piemonte, riportavano risultati pessimi. Nonostante gli sforzi fatti, i pregiudizi sono duri a morire e i nostri esami non sono ancora finiti. Tuttavia, il deficit provocato dalla sanità a livello nazionale è ancora molto forte, cosa che pone più di un dubbio sulla validità delle misure adottate dal Governo centrale negli ultimi anni per abbassare non di poco le stesse spese sanitarie. Secondo la fondazione Gimbe, sono stati sprecati in sanità nel 2014 ben 25 miliardi di euro, equivalente ad un quarto di manovra finanziaria, pari al 23% del totale della spesa sanitaria di 111,4 mld. Le voci più onerose sono l eccessivo numero di prestazioni inefficaci, inappropriate o troppo costose rispetto ai benefici reali (7,6 mld) e la corruzione, che nel Ssn vale 5-6 mld. Queste le cifre sono state presentate durane la 10 conferenza nazionale della Gimbe, che riunisce a Bologna circa 500 partecipanti da tutt Italia, in rappresentanza di tutte le professioni sanitarie. Questi sprechi rappresentano una voragine che sottrae risorse a servizi essenziali e all innovazione che già non gode di buona salute. Dei 25 miliardi di sprechi, circa 7,69 mld sono assorbiti dall eccessivo ricorso a interventi sanitari inefficaci, inappropriati o dai costi elevati rispetto ai benefici reali che potrebbero dare. In pratica, troppo denaro se ne va in prestazioni che non servono, a causa della medicina difensiva ma anche della medicalizzazione della società e delle aspettative dei pazienti, del turn over delle tecnologie, dei conflitti di interesse. Secondo il presidente della Fondazione, Antonio Cartabellotta a questi miliardi si aggiungono 5-6 miliardi di euro (20%) erosi da frodi e abusi, comportamenti che minano la credibilità del Ssn e contro cui servono azioni concrete. Poco più di 4 mld vengono sprecati nell acquisto di SANITA 4 Sprechi in sanità, una voragine da miliardi di euro tecnologie sanitarie, farmaci e strumenti medici e di beni e servizi non sanitarie, come mense e lavanderie, a costi eccessivi, non standardizzati da un capo all altro della Penisola. Ma c è anche un sottoutilizzo delle prestazioni che brucia 3,08 miliardi (12%) per l aggravamento delle condizioni dei pazienti, ricoveri e altri interventi evitabili, se si fosse agito meglio prima. Inoltre, non sono sufficienti le diagnosi non necessarie, ci troviamo anche un eccessiva burocratizzazione delle funzioni amministrative e lo scarso aggiornamento tecnologico che incidono per circa 3 mld. Non può mancare l inadeguato coordinamento dell assistenza, fra ospedale e territorio, ma anche all interno di uno stesso ospedale, per cui vanno in fumo altri 2,56 miliardi di euro. Negli ultimi anni la tendenza sottrarre risorse finanziarie al Ssn è stata costante ed è destinata a durare. Si prevede che in futuro non ci saranno risorse aggiuntive e non si potranno finanziare servizi essenziali e o introdurre innovazioni se le Regioni non combatteranno gli sprechi e le inefficiente per reinvestire in ciò che serve davvero, sulla base delle necessità e delle evidenze scientifiche. Questo processo può avvenire solo se le aziende sanitarie si responsabilizzeranno, coinvolgendo tutti i professionisti sanitari e i cittadini. Francesco Sanfilippo

5 Dona il tuo 5 per mille ad ANIO Onlus C.F SANITA 5 Risolti i problemi cardiaci nei feti Un altra notizia proviene dagli Usa e riguarda l introduzione di un peacemaker nel feto nelle donne in gravidanza. Infatti, un team di ricercatori del Children Hospital di Los Angeles e dell University of Southern California (Usa) ha sviluppato il primo micropacemaker impiantabile abbastanza piccolo da risiedere interamente all interno del feto. Questo dispositivo è stato progettato per essere utilizzato sui feti, nel caso di blocco cardiaco completo. Secondo la rivista Heart Rhythm, gli scienziati americani hanno già eseguito test preclinici e di ottimizzazione, per cui lo strumento è già stato proposto quale dispositivo da usare sugli esseri umani dalla Food and Drug Administration (Fda). Non è escluso che la sperimentazione sul feto sia già molto vicina, il cui successo aprirebbe lo scenario ad una diminuzione notevole dei pericoli per i nascituri affetti da queste problematiche. Questo blocco cardiaco congenito è un difetto del sistema elettrico del cuore che ha origine nel feto e che rallenta notevolmente lo sviluppo dell organo, causando notevoli problemi sulla sua capacità di pompare il sangue. Anche se questa problematica può essere diagnosticata in utero, finora tutti i tentativi per trattarla con un pacemaker standard hanno fallito. La dimensione degli strumenti impiegati sinora esigeva che una piccola parte fosse impiantata nel feto, mentre il resto rimanesse all esterno del corpo della madre. Tuttavia, il movimento fetale può portare gli elettrodi a slegarsi dal cuore, causando il fallimento con i peacemaker standard. Con questo strumento, il feto potrà muoversi liberamente senza il rischio di far sganciare gli elettrodi. Si calcola, che, ogni anno, circa 500 gravidanze negli Stati Uniti siano interessate dal problema, divenendo così candidate a quest operazione. Il cardiologo pediatrico e principale autore principale del progetto, Yaniv Bar-Cohen, ha spiegato: Fino ad ora, i pacemaker che sono stati utilizzati nel tentativo di trattare questa condizione in un feto erano quelli progettati per gli adulti. Mancava un opzione specifica per i feti. Ramen Chmait, dell Istituto Chla-Usc for Maternal-Fetal Health ha assicurato: Ora abbiamo un pacemaker che può essere impiantato in utero, potenzialmente senza danni per il feto o la madre. Questo nuovo dispositivo offre una reale opportunità di prevenire l aborto spontaneo e il parto prematuro in bambini affetti da queste anomalie. Francesco Sanfilippo Cuore, trapianti anche da persona morta Il cuore umano è il nostro motore, ma non è esente da problemi e danni, per risolvere i quali si ricorre a varie tecnologie o tecniche (peace-maker o bypass) per dare modo a chi si ammala di poter prolungare la sua vita. I trapianti hanno segnato una novità notevole per la sopravvivenza del paziente, ma tale azione è avvenuta con il cuore del paziente che è morto a livello celebrale ma il cui muscolo cardiaco batte ancora. Di recente, secondo la Bbc, in Gran Bretagna dopo l Australia, è avvenuto il primo trapianto di cuore morto in Europa. Nel Cambridgeshire i chirurghi hanno realizzato con successo questo intervento da primato, con un cuore non battente, su un uomo di 60 anni. In questo caso, infatti, l organo proveniva da un donatore con cuore e polmoni che avevano smesso di funzionare, dunque in morte circolatoria. Secondo gli esperti dell Ospedale di Papworth, questa tecnica potrebbe aumentare il numero dei cuori disponibili almeno del 25%. In tutto il mondo, la domanda di organi per il trapianto supera l offerta e la lista d attesa è lunga, a tal punto che non sempre chi attende l organo sopravvive fino all operazione. Sinora, nel caso di un decesso e di un cuore non battente, si potevano donare reni, fegato e altri organi, ma la nuova procedura utilizza una macchina, definita heart in a box (cuore in una scatola), che permette di riavviare il cuore cinque minuti dopo la morte. Questo cuore, poi, è alimentato con sangue e sostanze nutritive ad hoc, conservandolo a temperatura corporea. Tuttavia, come funziona esattamente questa tecnica? Come si è sicuri che dopo che il cuore abbia smesso di battere, l organo non abbia subito danni? Secondo Stephen Grande Large, esecutore dell intervento, il cuore pulsante è stato monitorato per circa 50 minuti, controllandolo nei particolari. Dopo aver accertato che era in ottime condizioni, si è dato il via libera al trapianto. L organo è stato quindi rimosso e trasferito nella macchina, dove è stato alimentato e ha pulsato per altre tre ore prima del trapianto. Questo sistema, d altronde, è già utilizzato per consentire la sopravvivenza di polmoni, fegato e reni fuori del corpo. Il metodo standard per il trasporto degli organi è di imballarli sotto ghiaccio, ma alcuni possono già aver riportato danni, per questo occorre monitorare l organo durante il trasporto o all arrivo, altrimenti il trapianto è destinato al fallimento. Del resto, ogni macchina ha un costo considerevole e ogni unità per il cuore nella scatola costa sterline più altre sterline per ogni paziente trapiantato. Finora, gli unici ospedali inglesi che usano questo dispositivo sono due ma le sperimentazioni della tecnica sono in corso in vari Paesi. Francesco Sanfilippo

6 AdnKronos Spossatezza, affaticmento, nervosismo, giramenti di testa e difficoltà di concentrazione. Sono i sintomi principali del mal di primavera che secondo gli esperti colpisce circa 2 milioni di italiani ed è 6 volte più diffusa fra le donne. Una sindrome del letargo legata al rialzo delle temperature, ai disturbi allergici che colpiscono sempre più persone e all ora legale che tornerà proprio questa notte. Un mix che si cura con una vita sana e regolare anche a tavola. Tra i rimedi consigliati bere tanta acqua e scegliere alimenti ricchi di ferro, potassio e vitamina B. L ingrediente ideale è la carne di pollo: E l alimento giusto - assicura il nutrizionista Pietro Migliaccio, presidente della Società italiana di scienza dell alimentazione (Sisa) - Contiene tutti quei nutrienti ad alto valore biologico fondamentali per combattere la stanchezza primaverile. Via libera anche a frutta e verdura, e promosso il riposino pomeridiano. Dietro lo stress da primavera c è la variazione del ritmo circadiano che si compie all incirca ogni 24 ore - ricorda l esperto - e nel quale si ripetono regolarmente certi processi fisiologici che possono influire sulla sindrome di adattamento dell organismo. La regola numero uno è seguire una corretta distribuzione dei pasti nella giornata, secondo lo schema prima colazione, pranzo, cena ed eventualmente due spuntini, uno a metà mattina e l altro a metà pomeriggio. Ciò permette non solo di fornire calorie per dare forza ed energia all organismo - sottolinea Migliaccio - ma anche di mantenere costanti i livelli di glicemia ed evitare l abbassamento degli zuccheri che si manifesta proprio con stanchezza, irritabilità, affaticamento e difficoltà di concentrazione. Zoomando sul piatto, è fondamentale che a tavola ci siano sempre alimenti come la carne bianca, in particolare il pollo, alternati ad altri cibi durante la settimana. Il pollo - dice il nutrizionista - fornisce proteine di alto valore biologico (19 grammi per 100 g di pollo intero, e 23 g per 100 g di petto), elementi chiave per la sintesi dei neurotrasmettitori che partecipano alle reazioni di adattamento allo stress stagionale. Il pollo, poi, apporta ferro per la sintesi dell emoglobina, la molecola che trasporta ossigeno a tutti i tessuti. La carenza di ferro provoca anemia il cui sintomo più evidente è proprio la spossatezza. Il pollo è inoltre fonte di micronutrienti come potassio e calcio, nonché di vitamine del gruppo B, tutti necessari per mantenere in equilibrio le attività del sistema nervoso e prevenire ogni stato di stanchezza dovuto all affaticamento psicofisico. Questi nutrienti sono coinvolti in numerosi processi biochimici - precisa Migliaccio - quali la contrazione dei muscoli e del cuore e la conduzione degli impulsi nervosi. Pertanto consentono un buon stato di salute psichica e fisica, quindi vigore ed energia. Non è tutto. Il pollo rappresenta anche un arma efficace contro i sintomi allergici come riniti, asma ed eritemi, che in molti casi aggravano la stanchezza stagionale. E un alimento che non contiene né istamina né sostanze allergizzanti, elementi coinvolti in questo tipo di reazioni. Pertanto può essere consigliato nella dieta degli allergici per combattere la stanchezza stagionale aggravata dalla spossatezza di terapie con farmaci antistaminici, dice il nutrizionista. Non solo pollo, però: In caso di stanchezza occorre idratare l organismo in modo adeguato bevendo almeno un litro e mezzo di acqua al giorno. E, nei mesi più caldi, è bene aumentarne l apporto, raccomanda ancora l esperto. Il modo migliore per cominciare la giornata, prosegue, è una prima colazione a base di latte o yogurt, pane o biscotti o fette biscottate o cereali, miele o marmellata. Lo zucchero contenuto nel latte, nella marmellata o nel miele - analizza il nutrizionista - ci offre un immediata sferzata di energia, mentre l amido apportato dal pane o dalle fette biscottate consente di fornire gradualmente la benzina necessaria per svolgere le attività a cui ci si dedica durante la mattinata. Frutta o spremute di frutta fresca, o una piccola barretta di cioccolata, sono invece tra i migliori spuntini per ricaricarsi tra i pasti, mentre polline e pappa reale, spesso utilizzati contro la stanchezza, sono purtroppo solo dei palliativi anche se non si deve trascurare il loro possibile effetto placebo. Salute e Benessere 6 Sindrome del letargo, ecco come combattere il mal di primavera Sulla tavola, continua Migliaccio, non devono mancare la frutta e la verdura per completare l apporto di vitamine, sali minerali e acqua. E bene inoltre consumare tè o caffè, per l azione stimolante sul sistema nervoso dovuta alla presenza della teina e della caffeina che riducono la sensazione di stanchezza. Tuttavia è importante non eccedere nelle quantità. E per far pace con la sensazione di stanchezza l esperto dice sì al pisolino nelle prime ore pomeridiane, le più calde, possibilmente in un ambiente fresco e ventilato. Quanto agli integratori multivitaminici assunti per combattere la stanchezza stagionale, debbono essere sempre consigliati e prescritti dal proprio medico di fiducia e in tutti i casi acquistati in farmacia - avverte il nutrizionista - Per l assunzione di sostanze particolari quali il ginseng e il guaranà è sempre opportuno chiedere il parere del proprio medico. Inutile infine abbuffarsi con alimenti iperenergetici - conclude Migliaccio - sia perché rallentano i processi digestivi e quindi producono sonnolenza, sia perché a lungo andare possono incidere sul peso corporeo determinando un aumento ponderale non sempre gradito. Redazione

7 Dona il tuo 5 per mille ad ANIO Onlus C.F SALUTE E BENESSERE 7 Stop agli oli raffinati Oramai, da circa un anno, abbiamo iniziato una campagna di informazione al cittadino sull uso diffuso di olio raffinati, di grassi idrogenati e al comunemente usato olio di palma, che sotto gli occhi di tutti viene adoperato perché economico. A farne maggiore uso, sono soprattutto le aziende di prodotti alimentari attive nella ristorazione, perché la ritengono una soluzione economica da sposare imprescindibilmente. Tuttavia, parliamo di prevenzione, di stili di vita e alimentari corretti, di prodotti sani a Km 0, donne che tengono alla linea per la ormai prossima prova costume, mamme che stressano i figli nel mangiare sedano e carote a merenda, per poi permettersi in libertà la buona frittura di patatine o di verdure in un olio che di salutare non ha nulla. Faccio mio un detto latino, dove mi riconosco molto, Gutta cavant lapideuom (la goccia continua fa il solco) e in merito a questo argomento vi riporto un ennesima evidenza. I biscotti di una nota azienda riempiono le dispense delle nostre case da generazioni. Bambine e bambini sono cresciuti mangiandoli felici fin dal sesto mese di vita. Così i loro genitori hanno comprato questo prodotto per anni, sempre convinti che fosse la scelta migliore, la più sana e la più salutare. Ignoravano però, la presenza di un ingrediente dannoso, l olio di palma, un pericolo per l alta concentrazione di grassi che inserisce nel sangue. Oggi, circolano molte più informazioni che in passato e non possiamo più permettere che quest olio pericoloso sia ignorato. Una mamma indignata, che vorrebbe che i suoi figli crescessero mangiando alimenti sani e controllati, ha fatto partire una petizione per chiedere ad una azienda italiana di fare un passo in dietro nell utilizzo dell olio di palma nei biscotti più noti per lo svezzamento del bambini. Questi biscotti hanno una lunghissima tradizione e tuttora, nelle dispense dei supermercati, trovo con difficoltà altre opzioni. Infatti, non solo non esistono molti altri biscotti specifici per la prima infanzia, ma nessuna delle alternative sul mercato è priva di olio di palma. Perché non realizzare almeno un prodotto che ne faccia a meno? Perché non usare solo l olio d oliva, l ingrediente base della dieta mediterranea, che tutto il mondo ci invidia? La petizione lanciata in rete sta avendo ottimi successi, e noi la sosteniamo pienamente, essendo stati tra le poche testate giornalistiche di informazione socio sanitarie a denunciare l abuso dell utilizzo di questo olio. Le aziende interessate prenderanno atto di quest accorata richiesta? Tuttavia, gli si chiede di produrre almeno una linea di biscotti che non contengano olio di palma, un ingrediente dannoso, facilmente sostituibile con l olio d oliva. I nostri bambini hanno diritto a un alternativa, e soprattutto di poterli alimentare con prodotti sani e salutari e non con prodotti che per restare sul mercato sempre più competitivo preferiscono inficiare la loro qualità per avere un prezzo abbordabile. ALLERGOLOGIA DOTT. CLAUDIO RAGNO Specialista in Allergologia e immunologia clinica. diagnosi delle malattie respiratorie, delle allergie alimentari, per allergie a farmaci. Ticket visita Euro 34,50. Riceve a Palermo in via XII Gennaio cell ANDROLOGIA - UROLOGIA DOTT. EMILIO ITALIANO Specialista in Urologia e Andrologia. Consulente Sessuologo. Riceve a Palermo in via F.Paolo di Blasi 35. Sito Web: Per prenotazioni, telefonare ai numeri cell FISIATRIA DOTT.SSA BARBARA SCHEMBRI Medico Fisiatra, Osteopata, Omeotossicologia. Riceve per appuntamento Cell Studio medico zona Via Libertà GASTROENTEROLOGIA DOTT. SERGIO PERALTA Dirigente Medico U.O. di Gastro-enterologia ed Epatologia. Responsabile U.O.S. di Endoscopia Digestiva Policlinico, Piazza delle Cliniche, 2 Palermo. Mob MEDICINA INTERNA DOTT. MARIO MITRA Dirigente Medico Medicina 1 Ospedale Civico Palermo. Specialista in Medicina Interna. Consulenze internistiche, esami ecografici (addome, apparato urinario, tiroide), ecodoppler vascolare. Riceve per appuntamento in attività intramuraria presso Ospedale Civico Palermo Tel NEUROLOGIA DOTT. MARCELLO ROMANO Neurofisiopatologo. Az. Osp.Riuniti Villa Sofia Cervello, Studio di neurologia ed elettromiografico. Riceve per appuntamento in via E. Notarbartolo, 38 Palermo Tel Cell PSICOLOGIA DOTT.SSA CATERINA D ANNA Psicologa - Psicoterapeuta. Psicologia - Psicoterapia del bambino, dell adolescente e della famiglia. Via Tripoli 18 Palermo. Recapiti telefonici: DOTT.SSA VIVIANA CUTAIA Psicologa e Psicoterapeuta, Musicoterapeuta, consulenze psicologiche: individuali, di coppia, familiari, di gruppo. Via Belgio n.33, Palermo. Promozione: il I colloquio è gratuito per tutti i lettori del settimanale Nell Attesa Riceve per appuntamento: Mail: settimanale d informazione socio-sanitaria dell A.N.I.O. Reg. al Tribunale di Palermo n 11 del 29/05/2006 Comitato Scientifico: Dir. Scientifico: Girolamo Calsabianca Segretario Nazionale ANIO Onlus - Dr. Dario Bellomo Medico Specialista ASP di Asti Prof. Giorgio Maria Calori Prof. Univ. Milano Dir. COR Gaetano Pini (Mi) Prof.ssa Carla Giordano Resp. UOC di Endocrinologia Policlinico (Pa) Dr. Emilio Italiano Andrologo Osp. riuniti Villa Sofia Cervello Dr. Tommaso Mannone Risk Manager A. O. Villa Sofia-Cervello (Pa) Dr. Sergio Salomone Pres. Associazione A.S.S.O. Dr. Angelica Provenzano Resp. Centro Officine di Ippocrate A. O. Villa Sofia-Cervello (Pa) Dr. Alessandro Scorsone, Diabetologo, Asp 6 Ospedale Civico di Partinico Dr. Gabriele Viani, Medico Specialista in Radiologia Dr. Benedetto Alabastro, Consulente ANIO per il diabete A.N.I.O. Numero Verde: (chiamata gratuita) Siti web: Pagina Ufficiale ANIO Facebook: nell attesa... Edito da: Phoenix di Simona Lo Biondo Direttore Responsabile: Francesco Sanfilippo - Divisione Commerciale: Vincenzo Alaimo - Impaginazione Grafica: Andrea Ganci - Stampa: Pitti Grafica via Pelligra, 6 (Pa) Redazione: Andrea Ganci - Sito web: Pagina Ufficiale Nell attesa...: https://www.facebook.com/nellattesa Per abbonarsi al giornale: Inviare una a: Per la vostra pubblicità: Cell Le informazioni pubblicate da nell Attesa non sostituiscono in alcun modo i consigli, il parere, la visita, la prescrizione del medico.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli