Design for All. Le radici storiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Design for All. Le radici storiche"

Transcript

1 Design for All. Le radici storiche Il mio intervento è formulato su un percorso storico, sulla pratica del Design for All o Universal Design. Si intende per Design for All come l intervento sull intorno costruito, sul prodotto, sulla comunicazione visuale e servizi, per offrire eguali opportunità a tutti, tenendo presente la diversità delle persone e la propria variabilità nel tempo. Per questo il Design for All signica migliorare la qualità della vita di tutti i cittadini ed è direttamente proporzionale alle necessità che ogni individuo possa svilupparsi nelle migliori condizioni possibili. Con questa premessa la mia curiosità è stata stimolata per capire perchè la società attuale, in generale, si trova in un momento storico particolarmente sensibile. Una delle risposte quasi ovvia è stato ricercare, scavare nel passato per analizzare il contesto della società industriale, nell'ambito del project design quali personaggi misero la loro migliore sensibilità e professionalità, per pensare alla gente meno fortunata, non standard ; incontrare diverse soluzioni ai piccoli e grandi problemi quotidiani che tutta la popolazione, indistintamente, necessita. Fig. 1 Proporzioni evolutive nelle differenti tappe della vita Il Design for All si concreta partendo dalla diversità degli individui. Basicamente è una metodología per avvicinarsi al progetto e risolvere i problema pensando nelle esigenze reali che un utente stabilisce con un prodotto o servizio. Attualmente, esiste in questa era dell informazione una nuova minaccia per le persone, non solo la tradizionale povertà e analfabetismo ma anche quella riferita al conoscimento tecnologico, come Internet, il cellulare, la domotica e la genetica. Queste difficoltà si possono evitare aumentando la usabilità dei differenti elementi che compongono il contesto che ci circunda, migliorando così le capacità individuali attraverso dei processi educativi e garantendo che le differenti soluzioni individuali non impediscano lo sviluppo per il vantaggio della popolazione in generale.

2 Radici storiche In questo percorso storico per stabilire le radici del Design for All, si uniscono ed intersecano due ambiti che operano nell ambiente. Uno di provenienza sociale e fattoriale: l uomo, le sue abilità e l altro di progetto, sia dell intorno che di prodotto: il design e quindi l industria e la produzione. Thomas Paine con il Marchese di Condorcet, nella formulazione dei Diritti dell Uomo in piena Rivoluzione Francese, sicuramente hanno creato le basi sociali per il futuro sviluppo dell umanità. L Illuminismo, come causa, ha posto le premesse teoriche. La scienza sperimentale con l Encyclopédie di Diderot e D Alembert ha concretato i dati. Il mercantilismo, cioè la libera circolazione delle merci -espressa attraverso le grandi esposizioni universali- come effetto per la nascita dell industria. L industria, a sua volta, ha sviluppato e realizzato il progetto di design. Dall avvento del progetto e della produzione svoltasi nell epoca della Rivoluzione Industriale, passando per il Bauhaus, l Art Déco ed il funzionalismo, incontriamo che il riferimento più vicino al pensiero attuale del Design for All lo troviamo alla nascita dell Industrial Design nordamericano. Proprio da uno dei fautori del Streamline, Henry Dreyfuss pensò e applicò le basi teoriche destinate agli iniziati della nuova professione del design, evidenziando la utilità, le leggi del mercato, dando un ruolo secondario alla forma del prodotto e che è la macchina che deve adattarsi ai bisogni degli utenti. Scrive: Il designer industriale esordì eliminando gli eccessivi ornamenti, ma il suo vero lavoro iniziò quando si fermò a guardare intimamente il prodotto, cercando di capire quale fosse il motivo che lo faceva acquistare, escogitando dei mezzi che lo rendessero più vendibile - facendolo così più bello. Egli non dimentica mai che la bellezza è soltanto epidermica. Per anni nel nostro ufficio abbiamo tenuto presente il concetto: l'oggetto su cui stiamo lavorando sarà guidato, ci si siederà sopra, sarà osservato, ci si parlerà dentro, sarà attivato, maneggiato e usato in qualche modo dal singolo o dalla massa. Se il punto di contatto tra prodotto e pubblico diventa punto di attrito, allora il disegnatore índustriale avrà fallito il suo compito. Se invece il pubblico è reso più sicuro, più tranquillo, più desideroso di acquistare, più efficiente o semplicemente più felice, allora il disegnatore avrà vinto. (Designing for People,1955). Fig. 2 Fattori vitali del Industrial Design. H. Dreyfuss, 1950 In ergonomia Dreyfuss è conosciuto per l apporto, dovuto all esperienza militare che sviluppò negli anni 40, concretizzato dal volume The measures of Man, dove raccoglie i dati antropometrici e le indicazioni in campo ergonomico, valido tutt oggi con gli aggiornamenti del 1993 dove per la prima volta si riportano dati statistici relativi ai diversi disabili, alle donne gravide, ai bambini ed agli anziani.

3 . Fig. 3 Studio e applicazione di pomoli per i comandi nelle cabine degli aerei: non solo si analizza la prensilità ergonomica ma anche la diversificazione tattile. H. Dreyfuss, años A metà degli anni venti, nel campo della comunicazione visiva, Otto Neurath, scientifico sociale e Gerd Arntz, grafico, entrambi austriaci, svilupparono a metà degli anni venti ISOTYPE, International System of Typographic Picture Education, un sistema grafico per visualizzare, in forma più o meno schematica, dati economici o statistici. Questa forma di rappresentazione che utilizza simboli pittorici è stata fondamentale per la comprensione di dati normalmente complessi sino ad allora a pieno appannaggio degli specialisti. Neurath dichiarò: Il cittadino normale deve poter conseguire l informazione liberamente su tutti gli argomenti di cui è interessato, così come può capire le carte geografiche. Non esiste nessun campo dove l apprendimento umano attraverso l occhio non è possibile. Fig. 4 Diagrama figurato, Otto Neurath y Gerd Arntz, Sempre nella comunicazione visiva occupa uno spazio particolare Harry Beck, inglese e passeggero giornaliero, come utente, del Metro di Londra. Suoi gli studi, con la prima proposta grafica nel 1931, per rendere più chiara, comprensibile e veloce la lettura delle mappe dei percorsi delle linee della metropolitana. L'attuale visualizzazione del trasporto pubblico, in tutto il mondo, è basata su questa ricerca. Ricordiamo che nel 1948, alla fine della II Guerra Mondiale, si approvò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

4 In questo stesso anno, un neurochirurgo tedesco, Ludwig Guttmann coinvolse dei veterani inglesi della II Guerra Mondiale con danni alla colonna vertebrale, organizzando una competizione sportiva come forma terapeutica, la Stoke Mandeville Games. Attraverso un esperienza nefasta, come è la guerra, nacque un incontro sportivo che si trasformò nei primi Giochi per atleti con delle disabilità fisiche, visive o mentali a Roma nel Nel 1976 le prime Paralimpiadi Invernali furono tenute a Örnsköldsvik, in Svezia ed arriviamo ad oggi con Torino Nel 1958 il governo indiano invita Ray e Charles Eames a valutare le possibili applicazioni del design nella piccola industria. La relazione Eames Report viene messo a profitto dal NID, National Institute of Design, a Ahmedabad in India per formare e indirizzare la professione del designer utilizzando risorse locali. Charles Eames negli anni 50 dichiarò: Il design dovrebbe apportare il meglio di se stesso al maggior numero di persone con un costo mimimo. Richard Buckminster Fuller, ingegnere strutturalista americano, formula il suo concetto fondamentale sul pianeta terra come Space ship earth, questo dovuto alla sua esperienza in marina e della necessità di razionalizzare per la produzione industriale. Dichiara che Le circostanze per questa risoluzione del 27 erano vitali. Questa nuova esistenza era nata estattamente cinque anni dopo la morte del nostro primo figlio, e sarebbe andata avanti solo altri quattro anni. Lei doveva sopravvivere per la breve vita con influenza, menengite spinale, paralisi infantile, e finalmente una polmonite che ha potuto terminare le sue sofferenze. Credo che potete immaginare l intensità del nostro amore e il dolore per la perdita. Io dissi allora: se questa figlia avesse potuto vivere e crescere sana, per scoprire che io ho usato tutta la mia esperienza e capacità per produrre solo un vantaggio economico per lei, da opporre alla crescente avarizia del mondo dei nonabbienti e alla scomparsa di molti altri, potrebbe sentirsi realmente triste. Per questa ragione io mi sono dedicato all umanità, serntendo che lei si sarebbe sentita contenta solo in un mondo in cui si fosse progrediti a a unico e totale vantaggio dell umanità. (Luciano Rubino, Ray & Charles Eames. Il collettivo della fantasia, 1981, 91) Inizia quindi nel 1928 con le Unità Dymaxion, prodotte industrialmente, completamente autonome come ricovero per le operazioni oltremare dell esercito americano. Diventato famoso per le strutture geodetiche Dome propose, a fine anni 60, di climatizzare Manhattan coprendola con un immensa campana traslucida. Ammirevole progetto utopico che dimostra dove la tecnologia può arrivare, però senza pensare al risultato ecologico dell habitat che si sarebbe sviluppato sotto tale cupola. Fig. 5 Trasporto con elicottero di una cupola geodesica. Buckminster Fuller, 1953.

5 Sulla scia dell invenzione del transistor e quindi la possibilità di miniaturizzare, riducendo drasticamente le dimensioni dei prodotti e del Good Design, Arthur Pulos, teorico e docente di Industrial Design, anche alla Syracuse University, nel libro del 1983 scrive sulla etica riferendosi ai primi anni della pratica del design. Il designer iniziò a perdere il senso della responsabilità del mercato e del pubblico. Il consumatore, preso dalla frenesia della commercializzazione del postguerra, si trasformò in qualcosa da comprare più che in qualcosa di utile. La obsolescenza del prodotto, fattore di vendita, fu la richiesta, anzi la raccomandazione, ai designers più che la manipolazione della forma e dell ornamento per stimolare il mercato. Gli impulsi al cambio arrivano normalmente dalla società. Per esempio negli anni 60 al culmine con i movimenti del 68 e con Woodstock nell agosto del 69 formalizzano la dichiarazione di indipendenza della gioventù alternativa americana, teorizzati da Allen Gisberg nel suo decalogo che parlava di liberazione a tutti i livelli: sessuali, razziali, religiosi; di solidarietà con i popoli oppressi e di rispetto ecologico; di libertà fuori dal conformismo e da quella che si chiamava American way of life. La ecologia ed il tema ambientale escono alla luce nel 1962 attraverso Rachel Carson, biologa marina, con la denuncia dal libro Silent Spring, dove difende l ambiente di tutto il mondo per gli effetti delle tecniche impiegate in agricultura, dell uso degli insetticidi chimici e delle sostanze velenose, contaminanti, cancerogene o letali all uomo ed alla natura. Il DDT si vietò dopo l uscita della pubblicazione. Indubbiamente in Victor Papanek riscontriamo, attraverso la sua collaborazione con l UNESCO, un influenza di un forte impegno sociale che trasmette nei libri Designing for the real world e How things don t work. Notevole ed essenziale la sua partecipazione nei progetti e nella docenza per la disabilità, la povertà, i paesi sottosviluppati. Stiamo ancora progettando per le minoranze? Il fatto è che a un certo punto della nostra vita siamo stati bambini, e abbiamo bisogno di educazione durante tutta la vita. Diventiamo adolescenti, di mezz età e vecchi. Abbiamo bisogno dei servizi e dell aiuto di insegnanti, dottori, dentisti e ospedali. Apparteniamo tutti a speciali gruppi di bisogni, e tutti viviamo in un paese, il paese della mente umana che è appena nato ed è in via di sviluppo, non importa quale sia la nostra collocazione geografica e culturale. Abbiamo bisogno di trasporti, comunicazioni, prodotti, utensili, riparo e vestiti. Abbiamo bisogno di acqua e aria pura. Come specie abbiamo bisogno della sfida della ricerca, dell appagamento della conoscenza. Se quindi mettiamo insieme tutte le minoranze apparentemente piccole di cui s è parlato sopra e se combiniamo tutti questi bisogni speciali, ci rendiamo conto di aver disegnato per la maggioranza. Fig. 6 Bastón per ciechi realizzati in fibra luminescente. Progetto di R. Senn, 1969.

6 Anche se l atteggiamento colonialista e paternalista risalta nella progettazione di oggetti e apparecchi ottenuti con materiali riciclati e di ripiego con soluzioni di fortuna per paesi sottosviluppati, senza però il tentativo di darle un autonomia ed un riscatto. Critico a questo atteggiamento troviamo Gui Bonsiepe, designer e teorico tedesco della scuola di Ulm, che sviluppa in Teoria e pratica del disegno industriale, il problema della progettazione dei prodotti nei paesi del terzo mondo o in via di sviluppo, cioè ottenere nei paesi di Periferia una autosufficienza tecnologica attraverso un autonomia progettuale e produttiva. Parallelamente, un economista europeo, Ernst F. Schumacher, scrive ammonendo sulle risorse limitate e la produzione. Le risorse naturali sono un capitale e non una rendita, quindi attingendo ad esse senza controllo porterà alla distruzione delle materie prime e di conseguenza dell umanità. Solo intervenendo tecnologicamente su piccola scala si riesce a valutare se funziona ed eventualmente applicarlo su grande scala. È utile riportare il testo dove parla sullo sviluppo e afferma che il governo britannico in un libro bianco sullo sviluppo nell Oltremare così definiva gli obiettivi degli aiuti all estero: Fare ció che è in nostro potere per aiutare i paesi in via di sviluppo a fornire ai loro popoli le opportunità materiali di usare il loro talento, di vivere una vita piena e felice e di migliorare stabilmente il loro destino. (Piccolo è bello, uno studio di economia come se la gente contasse qualcosa, 1977). In generale, anche se si basa in una morale, direi fondamentalista, da questi concetti si è sviluppata la filosofia di Small is beautiful e le Tecnologie Alternative degli anni settanta. In questi stessi anni un antropologo statunitense, Edward T. Hall, iniziava ad applicare i principi ed i metodi della semiologia al comportamento umano nello spazio naturale e sociale. Uno dei fondatori della prossemica: la scienza che studia il significato e l uso dello spazio da parte dell umano. Nella pubblicazione La dimensione nascosta (1971) si riscontrano le profonde differenze nell uso del vivere lo spazio: fisico, antropizzato, socio-culturale, interattivo e psichico però mantenendo tra loro una stretta relazione. A metà degli anni 70 il Gruppo di Lavoro 5 dell ICSID, International Council of Societies of Industrial Design, sviluppò, in collaborazione con la Croce Rossa Internazionale, uno studio internazionale di design sui soccorsi per catastrofi con differenti proposte per risolvere moduli compatti di protezione, mezzi di sussistenza, unità di ricovero ed accessori. A fine anni 80 un architetto americano, Ronald L. Mace, obbligato per la maggior parte della sua vita alla sedia a rotelle, dovuto ad una poliomielite infantile, fonda il Centro per il design universale in Raleigh nel North Carolina. Sostenuto da una idea semplice ma geniale, sviluppata negli anni 70, sulle barriere architettoniche dichiarando che tutti hanno diritto ad utilizzare meglio l intorno. Creatore del termine Universal Design così definito: Il design universale cerca di incoraggiare prodotti attraenti, commerciabili che siano più usabili da ognuno. È design per l ambiente costruito e per prodotti per una definizione molto ampia di utilizzatori. Analogamente un designer europeo, Krzysztof Wodiczko, polacco, dopo essersi trasferito a New York, sviluppa, tra il 1986 ed il 1988, alcuni progetti con una forte carica di compromesso sociale. Primo tra questi un veicolo per i senzatetto creato per contribuire a riempire il pericoloso vuoto sulle necessità di ricovero. Il veicolo casa/magazzino ambulante in forma chiusa serve per raccogliere i residui della società urbana come latte di birra o bottiglie di vetro. Aperto diventa un rifugio per dormire.

7 Altro progetto interessante è un bastone tipo pastorale per emigranti, equipaggiato con un sistema di comunicazione ed emittente culturale. Il design non deve essere solo per i vincitori dichiara e gli oggetti sono a mezza strada tra il reale e l immaginario perchè possono essere utilizzati, ma sono fatti anche per provocare una reazione. Fig. 7 Veicolo con struttura telescopica per i senzatetto. K. Wodiczko, Nella moderna psicologia cognitivista Donald A. Norman ha raggiunto una fama mondiale per i suoi studi sulla memoria, l attenzione ed i processi cognitivi. A fine anni ottanta scrive un libro «sulla psicologia degli oggetti quotidiani, frutto delle mie frustazioni nell uso delle cose di tutti i giorni» (La caffettiera del masochista, psicopatologia degli oggetti quotidiani, 1997), con una serie di suggerimenti e consigli affronta il tema della progettazione di design. La società dell informazione ci stà sotterrando sotto tanta informazione, obbligandoci ad agire più come macchine che come esseri umani. L aggettivo digitale serve per sottometterci a una logica che non è la nostra. Ed il peggiore di tutto questo è che siamo stati noi stessi che ci siamo messi in questa trappola. La nuova Rivoluzione non si trova nella nostra economia o nei computers. È, soprattutto, una rivoluzione nell interazione sociale umana. La convergenza o no dei telefoni inalambrici, la costante disponibilità di collegamento e la capacità dei computers permettono che la interazione umana sia più ricca. Per questo deve servire l economia: per portarci a una società umanamente più ricca. Questo storico di Silicon Valley lanciò l idea del computer invisibile perchè la migliore tecnologia è quella che non si vede. Dichiarò: Il digitale è per le macchine. Le persone sono biologiche, alalogiche. Analogico significa analogo alla realtà. Le persone non sono macchine. Così è! Il comportamento analogico è molto più adatto per gli essere umani che il digitale. Lasciamo le regole digitali per le macchine e faremo più facile una miglior interazione degli esseri umani con le macchine. Nel 1989 Paul Hogan, designer irlandese, organizza la prima conferenza europea di Design e Discapacità con il supporto della Unione Europea. Questa iniziativa porta nel 1993 a fondare l EIDD, European Institute for Design and Disability, a Dublino: una Organizzazione non governativa per Contribuire a migliorare la qualità di tutti i cittadini con disabilità attraverso l applicazione del design. Attualmente ci sono delegazioni in tutti gli stati della comunità europea. Il Rural Studio, fondato da Dennis Ruth e dal già scomparso Samuel Mockbee, professori della Scuola di Architettura di Auburn in Alabama, Stati Uniti, uno studio di architettura che funziona dal 1993 come laboratorio indipendente.

8 Ha come principio ispiratore della propria attività la architettura sociale al servizio dei collettivi più sfavoriti della società nordamericana in una regione delle più povere specialmente nell ambito rurale come i negri, i senzatetto, i piccoli coltivatori, etc. Ugualmente è da mettere in risalto l impegno per formare, dalla Scuola, professionisti critici con valori etici professionali e personali, con un senso di volontariato al servizio delle cause sociali, compromessi con il mondo della cultura autoctona, in un contesto attuale sociale e politico negli USA aquista un valore particolare. Dal 1996 è apparsa una web interessante ed unica in Internet: Bad Human Factors Designs, creata da Michael J. Darnell, ingegnere statunitense esperto in usabilità. Nella web si trasmettono una varietà di esempi di cattivo design, direi perverso, sugli oggetti e servizi quotidiani che causano confusione e per questo possono portare a commettere errori da parte degli utilizzatori. Il positivo di questo minuzioso e dettagliato lavoro è quello di dare un suggerimento, una possibile soluzione per migliorare le prestazioni. Il Design for the World, creato nel 1998 dalle principali associazioni internazionali di design, ICSID, IFI e ICOGRADA. L obiettivo è di fomentare e promuovere il design volontario per le persone bisognose: Migliorare la propria vita attraverso il lavoro volontario dei designers. Per ultima, come tempo, nel 2001 la Design for All Foundation fondata da Francesc Aragall, pedagogo spagnolo. Riunisce le migliori aziende, entità pubbliche, private ed amministrazioni che sentono la necessità di migliorare le attitudini della propria organizzazione rispettando la sostenibilità e la diversità umana. In relazione al compromesso sociale, dell amministrazione pubblica, come progresso dello sviluppo si devono menzionare tre tappe fondamentali. La prima, negli anni 60 con la ABA, American Barrier Act, che portava in primo piano il problema dei disabili motori. La seconda nel 1990, quando si approvò la legge ADA, American with Disabilities Act, importante soprattutto negli Stati Uniti, indirizzata ai problemi di discriminazione contro le persone disabili nel settore lavorativo, dei servizi pubblici, dell educazione, dei trasporti e della telecomunicazione. Per ultimo, la ONU, che deliberarono gli Standard Rules (1993) dove per la prima volta fu valutata la disabilità in funzione della relazione delle persone con menomazione e il suo intorno. Sono risoluzioni che potranno trasformarsi, nel futuro, in norme di diritto quando si applicheranno in forma abituale nella maggioranza delle nazioni. Oggi, e siamo nell attualità, esistono differenti programmi a scala internazionale e dell Unione Europea sulla Società dell Informazione e la Comunicazione. Come buon esempio è apparso il WAL, Web Accessibility Initiative, dal W3 Consorzio della World Wide Web (Fondazione Nazionale della Scienza in USA, UE Direzione Generale XIII, governo del Canada, IBM, Lotus, Microsoft y NCR)- una iniziativa per l accessibilità nella rete attraverso cinque aree tematiche: tecnologia, normativa, strumenti, educazione, ricerca e sviluppo. Design for All: il normale è la diversità. Beppe Benenti Luglio 2007

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente LA SFIDA EDUCATIVA Kenneth J. Gergen La mia proposta è che la principale sfida del sistema educativo del nostro secolo sia quella di sostituire la tradizionale

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

WEBCONFERENCE. La lezione a casa

WEBCONFERENCE. La lezione a casa WEBCONFERENCE La lezione a casa Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it capovolgereibes.net 2 Valutazione dei video (1) 1. Video corti 2. Focus su un unico argomento 3. Essere chiari e non dare nulla per scontato

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute.

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute. Lo Schema BIAS FREE Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute di Mary Anne Burke Global Forum for Health Research Ginevra, Svizzera e Margrit

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it Vivi un mondo accessibile con Abiliatour www.abiliatour.it Che cos è Abiliatour O.N.L.U.S. L Associazione Abiliatour O.N.L.U.S. ha come scopo principale l assistenza e l aiuto alle persone disabili e alle

Dettagli

El lugar de las fresas

El lugar de las fresas El lugar de las fresas Il luogo delle fragole Un anziana contadina italiana dedita al lavoro, un immigrato marrocchino appena arrivato in Italia, una giovane cineasta spagnola; Da un incontro casuale al

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 [page break] Sono gli attuali modi di gestire le risorse

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 La capacità di godere richiede cultura, e la cultura equivale poi sempre alla capacità di godere. Thomas Mann 1 Oggetto Il progetto consiste nella creazione

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli