Accogliamoli tutti. Luigi Manconi Valentina Brinis. Una ragionevole proposta per salvare l Italia, gli italiani e gli immigrati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Accogliamoli tutti. Luigi Manconi Valentina Brinis. Una ragionevole proposta per salvare l Italia, gli italiani e gli immigrati"

Transcript

1 Luigi Manconi Valentina Brinis Accogliamoli tutti Una ragionevole proposta per salvare l Italia, gli italiani e gli immigrati Prefazione di Cécile Kyenge

2 Sito & estore Twitter twitter.com/ilsaggiatoreed Facebook il Saggiatore S.r.l., Milano 2013

3 Accogliamoli tutti A Pap Khouma e a Oreste Pivetta che, nel 1990, scrissero Io, venditore di elefanti e a Cecilia Milagros Aldazabal Alzamora

4

5 Sommario Prefazione di Cécile Kyenge 9 1. Il nome e il cognome dell altro 15 Sassari, Ma ci conviene espellerli? Prove di accoglienza 25 Una concretissima utopia 25 Lavoro rubato? Forse ritrovato o inventato 37 Badanti, infermieri, pizzaioli e altri ancora 44 E se andassero tutti via? E se non venissero più? Non sono tutte rose e fiori 67 Tutti delinquenti? 68 Infibulazione, poligamia e altri pasticci etici Accogliamoli tutti 85 Voler bene agli immigrati (e ai profughi)? 85 «Portateli a casa vostra!» Ovvero: accoglierli, ma dove? 94 Conclusione. Una ragionevole proposta 105 Note 109

6

7 Prefazione Non è un precetto evangelico, non è l utopia di un estremista, non è nemmeno una provocazione (come spiegheranno gli autori): il titolo di questo libro esprime un eventualità necessaria e perfino conveniente. Perché fare dell Italia un paese aperto e capace di accogliere? Le ragioni di fondo che individuano Manconi e Brinis, dopo anni di serio impegno e di approfondito studio su questi temi, sono due: perché non si può fare diversamente e perché, a certe condizioni, l arrivo di nuovi cittadini da altre nazioni può portare sorprendenti benefici al paese. L Italia, come tutti gli stati che hanno raggiunto un certo grado di benessere e rispetto dei diritti, è un luogo che attira persone in fuga da fame, guerre e dittature; che richiama individui che aspirano a dare una svolta positiva alla loro vita e intendono esercitare la loro libertà di movimento cambiando orizzonte. Un fenomeno sociale come le migrazioni che coinvolge elevati numeri di uomini e donne, che si dipana in un ampissimo arco temporale, che muove da motivazioni profonde, urgenti bisogni e potenti desideri non può dunque essere fermato se non per una quota irrisoria. Tutti coloro che hanno provato ad attuare il proibizioni-

8 10 Accogliamoli tutti smo delle migrazioni ne sono usciti praticamente sconfitti. Inoltre, tali politiche hanno imposto costi elevatissimi in termini di vite umane: ricordiamo le decine di migliaia di morti alle frontiere d Europa. Ma non solo: pattugliare, recludere, espellere e respingere comporta un imponente spesa pubblica, tale che, stando ai numeri, il gioco non sembra valere la candela. Tutto ciò non significa che le migrazioni vadano subite passivamente: gli autori sono lucidi da questo punto di vista. L arrivo consistente di persone provenienti da diversi contesti geografici e culturali, con storie di vita spesso travagliate ed esposte a situazioni di marginalità, apre una serie di difficoltà e dilemmi di non semplice risoluzione. L immigrazione dunque non può essere semplicemente osteggiata, né deve essere banalmente subita, né ricevuta con ingenuo e paternalistico sentimentalismo. L immigrazione va governata affinché divenga la risorsa che può e dovrà essere. E qui gli autori esprimono la loro critica severa alla politica italiana: l immigrazione sostengono non è stata sufficientemente governata, non è stata resa progetto. Io leggo il loro severo giudizio come un invito a realizzare politiche lungimiranti ed efficaci che includano vecchi e nuovi cittadini in un idea di paese innovativa e al contempo radicata nei valori che l hanno fondato. Un progetto d Italia che prenda sul serio l uguaglianza dei diritti, che sappia valorizzare il capitale umano nelle sue specificità, che sia in grado di far fiorire i territori grazie all apporto che ciascuno è in grado di offrire indipendentemente dalla propria genealogia, che sappia promuovere un rinnovato patto sociale, in cui il conflitto si esercita attraverso i mezzi della democrazia e la solidarietà è frutto di un operosa condivisione. Ma come può accadere che tutto questo si realizzi? Com è possibile che tra i poveri della terra che entrano nel Belpae-

9 Prefazione 11 se e i poveri italiani non si scateni una guerra? È ammissibile che in tempo di crisi si accolgano nuovi venuti, si distribuiscano servizi sociali e si accrescano i diritti di tutti, pure dei migranti? L interessante tesi che questo libro promuove, avvalorata da diversi esempi, è che tutto ciò è possibile, perché i diritti sono tra loro indivisibili e addirittura sinergici. Dati incontrovertibili dimostrano che l uscita dalla condizione di irregolarità (quindi un avanzamento in termini di diritti e opportunità) diminuisce drasticamente il tasso di reati commessi, con un evidente vantaggio per l intera comunità. Si può quindi affermare che, ai fini della sicurezza, fanno più i diritti della repressione. Inoltre, ampliare le maglie della regolarizzazione dei migranti significa emersione del lavoro nero e dunque minore evasione fiscale, con beneficio delle casse pubbliche. In alcuni comuni della Calabria, come Riace, Caulonia e Acquaformosa, poi, si è scoperto che l accoglienza dei rifugiati poteva essere la risposta giusta per far rinascere e crescere anche economicamente un paese invecchiato e spopolato dall emigrazione. Questi e numerosi altri esempi ben argomentati nel presente volume dimostrano che, in presenza di un progetto politico serio, l immigrazione può divenire davvero un occasione di ripresa e «risorgimento». Ma affinché ciò avvenga occorre vincere l idea che la coperta sia troppo corta. La tela va ancora tessuta e, se lo facciamo insieme, la coperta potrà diventare più lunga di quella che da soli avremmo mai potuto sperare di ottenere. Cécile Kyenge Ministro per l Integrazione

10

11 7 agosto 2013, Agenzia Adnkronos. Sono state trovate, ieri pomeriggio a Milano, nude, con ecchimosi e segni di costrizione a polsi e caviglie. Si tratta di tre giovani ragazze cinesi che sarebbero riuscite a scappare da un presunto aguzzino che le avrebbe segregate in casa, ma non si sa ancora per quanto. 7 agosto 2013, Unioncamere. Quasi le assunzioni non stagionali in meno rispetto al Cali più forti nelle micro e medio-grandi imprese, entrate quasi dimezzate al Sud. La contrazione maggiore del fabbisogno di lavoratori immigrati interessa più il comparto dei servizi, dove quest anno sono previste assunzioni in meno rispetto al 2012 (-31,7 per cento in termini relativi), e meno quello dell industria, che complessivamente riduce di 4180 unità il suo fabbisogno (-22,9 per cento sull anno precedente). Mentre scriviamo questo libretto, le due notizie qui sopra riportate sembrano voler mettere in discussione alla radice quanto intendiamo argomentare. La prima evoca scenari inquietanti non solo di mancata integrazione, ma forse anche di una sorta di vita criminale parallela, che si sviluppa nelle nostre città a seguito di alcuni effetti incontrollabili dei fenome-

12 14 Accogliamoli tutti ni migratori. La seconda notizia evidenzia l instabilità di quei processi, da tempo documentati, di positivo inserimento del lavoro straniero all interno del nostro sistema produttivo. In realtà, a nostro avviso, quei due dispacci di agenzia raccontano solo di quanta fatica comporti la dinamica delle relazioni interetniche nelle fasi di più acuta crisi economica e sociale. Con questo testo abbiamo voluto provare a completare il racconto, integrandolo con altre informazioni e altre esperienze, quadri inediti e prospettive ancora sfocate, che pure cominciano a delinearsi. Abbiamo scelto di farlo attraverso un pamphlet perché la discussione pubblica italiana in materia di immigrazione sembra oscillare un po affannosamente tra i toni accaldati della polemica politica e quelli pacati dell analisi scientifica. In tale contesto, pensiamo che possa risultare utile un intervento di non troppe pagine che, ricorrendo ad alcuni dati economici e sociali o limitandosi a evocarli, si prenda la responsabilità di formulare una proposta radicale. Eppure riteniamo plausibile e attendibile. In altre parole, scandalosa in apparenza, ragionevolissima nei fatti. L.M. V.B. 30 settembre 2013

13 1. Il nome e il cognome dell altro Sassari, 1988 Tutto ebbe inizio nell autunno del 1988, a Sassari. Almeno per noi, ebbe inizio allora. Ci trovavamo da Benito, il forno della fainé (la farinata di ceci che è, di per sé, una traccia significativa delle nostre migrazioni interne) di via Sant Apollinare, nel quartiere che porta lo stesso nome. Era il tardo pomeriggio e ci si era seduti da poco a un tavolino, quando un uomo, che aveva evidente familiarità con il locale e i suoi frequentatori, si rivolse al titolare. Il volume della voce era quello consueto delle ordinarie conversazioni familiari e, in generale, della quotidianità: era, cioè, elevatissimo. Quella voce domandò: «Hai visto Carboni?». La risposta: «Ancora no, ma verrà». Non facemmo particolare caso a quel dialogo, e continuammo a mangiare le nostre fette di fainé. Dopo qualche decina di minuti, sentimmo lo stesso Benito rivolgersi a qualcuno: «Buonasera Carboni». Ci voltammo senza particolare curiosità, ma non potemmo non sorprenderci nel realizzare che «Carboni» era un africano di altissima statura che, sorridente, rispondeva al saluto. La mano destra stringeva un enorme borsone celeste di tela plastificata (polipropilene?). La sua presenza e la sua attività non costituivano,

14 16 Accogliamoli tutti nemmeno allora, un evento così raro: già al tempo in Italia, e anche nell isola, i venditori ambulanti erano numerosi, e molti di essi erano senegalesi. Palesemente Carboni era uno di loro, e quel borsone non nascondeva alcun mistero. Rivolgendosi al nuovo arrivato, Benito gli disse che qualcuno lo aveva cercato. E così Carboni si sedette su una panca, chiese una Ichnusa (birra sarda considerata di notevole pregio) e si mise in attesa. A questo punto, incuriositi, notammo che Benito segnava su un suo quadernetto il costo della consumazione (si trattava dunque di un cliente abituale) e seguimmo la scena successiva, quando Carboni venne raggiunto dalla persona che prima lo aveva cercato. Poche parole e, in cambio di non sappiamo quale cifra, ci fu un passaggio di bombolette di butano per accendino. Poi, a breve distanza l uno dall altro, i due si allontanarono. Quando ci recammo alla cassa, chi tra noi aveva più confidenza con Benito chiese come mai il venditore ambulante avesse un nome «così sardo». La risposta giunse con sorprendente semplicità: piuttosto che imparare nomi stranieri «strani» e, soprattutto, difficili da ricordare e pronunciare, si preferiva ricorrere a cognomi locali molto diffusi Carboni, dunque, o Nieddu (nero in lingua sarda) che richiamavano la peculiarità fisica di quegli stranieri (il colore della pelle, appunto). La nostra ipersensibilità, propria di persone politicamente correttissime, ci fece registrare un lieve sbandamento (troppo anonima, generica e omologante appariva quella denominazione), ma la tranquillità con cui veniva accolta dal diretto interessato ci rassicurò un po. D altra parte, Carboni o Nieddu erano sempre meglio, infinitamente meglio, di quel vu cumprà all epoca dominante. È probabile che gli oltre due decenni passati abbiano fatto dimenticare quanto questa formula fosse allora diffusa, penetrata fino in fondo nel linguaggio pubblico e indiffe-

15 1. Il nome e il cognome dell altro 17 rentemente accolta fino a perdere parte della sua originaria connotazione stigmatizzante, e a diventare una sorta di neologismo destinato a indicare un fenomeno prima sconosciuto. Eppure, rimaneva chiaramente percepibile, in quella definizione, un senso denigratorio o, perlomeno, di netta presa di distanza: tanto più perché, come ogni formula generica e omologante, enfatizzava il carattere anonimo e indistinto di coloro ai quali veniva attribuita. Per giunta, quella medesima definizione conobbe, nella trascrizione giornalistica, una serie di slittamenti, che intervenivano a meglio precisare, ma sempre in termini squalificanti, i destinatari. I lavavetri diventarono vu lavà, preparando la deriva ostile che portò all uso di altre due specificazioni criminologiche: vu rubà e, infine, lo scelleratissimo vu stuprà. Con ciò, il processo di stigmatizzazione linguistica poté dirsi concluso, e nel peggiore dei modi. Da un dato di partenza problematico la povertà del vocabolario dei residenti nel definire i nuovi soggetti si arriva, assai rapidamente, a una serie di manifestazioni di quella «cultura del disgusto» di cui scriverà Martha Nussbaum. Rispetto a tutto ciò, l ingenua e volenterosa esercitazione di convivenza tentata dagli abitanti di quel quartiere (e forse della città) rappresentava evidentemente un tentativo goffo e approssimativo, e tuttavia meritevole di attenzione. Certo, quei venditori ambulanti di origine africana venivano chiamati con un cognome non loro «imposto», in qualche modo e comunque generico e generalizzante; un cognome riconoscibile, però, dalla comunità locale, che consentiva un approssimativa identificazione e agevolava una qualche integrazione. D altra parte, ciò sembrava incentivare un altro fattore di «normalizzazione» di quella nuova presenza: i Nieddu e i Carboni fornivano un servizio, modesto, agevolmente accoglibile nelle pieghe della vita quotidiana e della sua economia, e in ogni caso assai utile.

16 18 Accogliamoli tutti Il piccolo commercio ambulante costituisce un attività sempre presente nella vita urbana, ma soggetta alla periodicità di cicli di maggiore o minore vivacità, legati a fenomeni come i flussi migratori interni (in specie provenienti dalle zone rurali) e allo sviluppo o alla crisi di particolari settori economici. Quando, nella seconda metà degli anni ottanta, cresce il numero di venditori ambulanti stranieri (in particolare africani), quel tipo di commercio è ormai quasi esaurito, ed è limitato comunque ad alcune aree territoriali (città di medie e piccole dimensioni) e zone periferiche, oltre che a luoghi circoscritti, come quelli destinati ai mercati all aperto. I venditori ambulanti italiani sono notevolmente diminuiti di numero e hanno acquisito, allo stesso tempo, una loro «residenzialità». In altre parole, sono infinitamente meno mobili (meno «ambulanti») di quanto fossero in passato. Quella stessa mobilità perduta sembra essersi trasferita a persone «più giovani» sotto tutti i punti di vista. Questo del muoversi e della disponibilità alla fatica che comporta è un dato importante: basti pensare che, tra gli italiani, solo i venditori di cocco sembrano disposti a quell onerosissimo esercizio fisico che è l ambulantato di spiaggia (l infinito percorrere i bagnasciuga estivi alla ricerca di possibili acquirenti), mentre il numero di venditori ambulanti stranieri cresce in misura rilevante. In effetti, la disponibilità al sacrificio, a guadagni assai modesti e, soprattutto, a un moto pressoché perpetuo, costituisce l elemento essenziale di un attività che salvo rare eccezioni solo uomini giovani e dotati possono svolgere. A ben guardare, nonostante l ostilità dei titolari degli stabilimenti e la frequente opera di repressione da parte della polizia municipale, la comparsa sulle spiagge di tutto il territorio nazionale di quella nuova figura di commerciante ha ottenuto sin dal primo momento un grande successo. Anche perché questi venditori sembrano conoscere in maniera ap-

17 1. Il nome e il cognome dell altro 19 profondita si potrebbe dire «quasi naturale» la tecnica della vendita porta a porta (in questo caso, da ombrellone a ombrellone). È, certamente, una tecnica fatta di pressione e insistenza che possono diventare anche moleste e assillanti, fino a determinare irritazione o addirittura ostilità, ma che nella gran parte dei casi si rivela invece assai efficace. Una tecnica che si affida a un attitudine all immediata familiarità e a una negoziazione praticamente infinita, e pure a una certa disponibilità a scendere a patti, a trovare un compromesso, ad accordarsi. Un metodo «da bazar» o «da suk» che, dapprima guardato con sospetto, diviene presto consueto e perfino divertente. Giorno dopo giorno, nel tempo circoscritto di una vacanza al mare, si crea una particolare forma di rapporto di fiducia tra venditore e acquirente, che induce a qualche confidenza e riduce in maniera significativa un certo numero di pregiudizi e stereotipi. Accade così che, con frequenza stagionale, si abbia notizia di episodi che vedono i frequentatori di una o di un altra spiaggia «insorgere» in difesa degli ambulanti che la polizia municipale vorrebbe allontanare. In quel rapporto tra venditori e bagnanti, indubbiamente assai superficiale e occasionale, pesa assai poco la consapevolezza di come i primi siano alle dipendenze di strutture illegali che ne sfruttano il lavoro e la fatica, ne regolano i tempi e ne controllano i movimenti, imponendo spazi di mercato limitatissimi ed esili margini di guadagno e ricavandone, infine, ingenti profitti. Si pensa, piuttosto, a un opportunità di sopravvivenza che, in ogni caso, va accettata e, nei confini delle disponibilità di ciascuno, alimentata. Anche perché quell attività lavorativa così faticosa e palesemente poco remunerativa ecco il secondo e ancora più importante fattore che crea empatia non entra in concorrenza (o finora non è entrata in concorrenza) con il lavoro svolto da italiani.

18 20 Accogliamoli tutti Questo aspetto, avvertito in modo più o meno consapevole, è una componente essenziale della mancata ostilità tra residenti e nuovi arrivati: tanto più se il commercio ambulante, in particolare quello di spiaggia, resta tutt ora, dopo un quarto di secolo, interamente presidiato da stranieri. Qui la concorrenza non esiste, o comunque non si manifesta, e per una singolare e assai misteriosa legge di mercato si realizza una sorta di spontanea diversificazione merceologica, che continua ad assegnare in prevalenza a italiani la vendita del cocco e a stranieri quella di tutte le altre merci. La ragione è da ricercarsi probabilmente nel controllo monopolistico del piccolo settore delle noci di cocco da parte di poche famiglie e pochi distributori, che amministrano una rete di venditori legata alle realtà territoriali. Ciò produce uno sviluppo non competitivo dell attività commerciale e disinnesca potenziali conflitti. In altre parole, è come se alcune dinamiche di mercato si articolassero secondo uno schema duale, che prevede una concentrazione per nazionalità in distinti comparti lavorativi. E questo, naturalmente, non vale solo per la differenziazione di attività tra «venditori di elefanti» e «venditori di cocco», ma anche per settori più robusti e a maggior tasso di occupazione del nostro sistema economico. Lo vedremo più avanti. Forse, però, va presa in considerazione anche un altra ipotesi: che la distribuzione di compiti tra italiani venditori di alimenti e africani venditori di oggetti si debba anche a una sottile e non dichiarata resistenza da parte dei bagnanti ad acquistare e consumare cibo manipolato da «mani nere». Un atteggiamento comunque contraddetto dalla crescente presenza di stranieri nel settore della ristorazione, ben rappresentata dal fenomeno, ormai radicato nella percezione comune, del «pizzaiolo egiziano» (oltre che dalla massiccia diffusione dei «kebabbari»).

19 1. Il nome e il cognome dell altro 21 Al di là delle ragioni non facilmente decifrabili di tali dinamiche, ciò che qui ci preme sottolineare è come quel dato di «familiarità» tra bagnanti e ambulanti di spiaggia possa aiutare a comprendere diversi fenomeni di portata assai più ampia. Ma ci conviene espellerli? Questo libretto ha un titolo, Accogliamoli tutti, che non intende in alcun modo suonare provocatorio. In genere si proclama «farò una provocazione» proprio quando si sta per dire qualcosa di infinitamente banale o comunque prevedibile, o quando si vuole anticipatamente disinnescare il presunto scandalo di ciò che si sta per affermare. Qui, nulla del genere. La nostra è una dichiarazione politica, che allo stesso tempo allude alla sostanza di un possibile programma economico, sociale, culturale e legislativo. Qui si vuole provare come l accoglienza sia possibile e utile. Comporta, è ovvio, costi anche molto rilevanti, e fatiche assai onerose, ma resta un progetto plausibile e realizzabile. Tanto più che il suo contrario la non accoglienza è certamente più difficile (impossibile) e inutile (dannoso) da perseguire. Questo vale anche e soprattutto per i richiedenti asilo, protetti da precisi obblighi internazionali sottoscritti dall Italia. Nei confronti di questi ultimi, così come in genere di tutti i migranti, devono valere, dunque, considerazioni e politiche concrete, che appartengano a un campo, anche linguistico, alquanto differente da quello definito dai buoni sentimenti e da virtù come la solidarietà. Solidarietà è parola che non ci piace affatto. E per più di una ragione. Intanto, la questione dell immigrazione ha dato luogo a una lettura sempre oscillante tra ideologia e sentimento.

20 22 Accogliamoli tutti La versione virtuosa di questa interpretazione, nelle sue proiezioni sul sistema (la società multietnica, multiculturale, multireligiosa ), venne intesa da una parte tutt altro che trascurabile della sinistra e del cattolicesimo sociale come un orizzonte ideale, un aspettativa di emancipazione e di rinnovamento, un modello di società desiderabile. Per alcuni, e per certi settori della sinistra, una sorta di surrogato del socialismo. Il che non solo ha portato, com era inevitabile, a sottovalutare, talvolta addirittura irresponsabilmente, le fatiche e le contraddizioni che il fenomeno migratorio comporta (specie per gli strati più deboli della società, quelli che vivono un rapporto di maggior «prossimità» con gli stranieri); ma ha indotto anche a enfatizzare il contrasto tra un interpretazione tutta positiva dell immigrazione e una tutta negativa. Ciò ha quasi del tutto relegato il discorso pubblico sull immigrazione a una dimensione binaria: razzismo/antirazzismo. Ne deriva un atteggiamento tutto solidaristico a opera di quanti stanno sul primo versante (antirazzismo), con il rischio, presto e spesso tradottosi in parole e atti conseguenti, di un approccio interamente fondato sui «buoni sentimenti». Gli immigrati come «fratelli» o come «compagni», il rapporto con loro affidato a una mera scelta volontaristica e altruistica. Praticamente un disastro. 1 E ciò aiuta a comprendere anche perché il linguaggio e la gestualità «antirazzisti» si sono rivelati poco efficaci e ampiamente usurati. Per capirci: l antirazzismo è una sorta di premessa morale, culturale e politica, essenziale nella definizione dell identità di un democratico contemporaneo. Ma costituisce, appunto, un presupposto, più che un programma d azione o una strategia generale. E come programma e strategia rischia, se non applicato in maniera intelligente e sensibile, di limitarsi a petizioni di principio e dichiarazioni d intenti. Programmi astrattamente antirazzisti, quando

21 1. Il nome e il cognome dell altro 23 formulati in termini ideologici, possono addirittura risultare deleteri, se percepiti da coloro cui sarebbero destinati (e che in genere non possono «permetterseli») come pretesa di solidarietà e come ammonimento etico. Insomma, l antirazzismo è una precondizione, non una bandiera né una prospettiva politico-ideologica. A nostro avviso, la questione dell immigrazione va affrontata in modo del tutto opposto: sul piano dei diritti, delle garanzie e del sistema di cittadinanza, oltre che dell interesse economico-sociale, razionalmente inteso. È in particolare di quest ultimo che parleremo nelle pagine seguenti, a partire dalla constatazione che l acuto squilibrio demografico tra l Italia e gli altri paesi europei, da un lato, e le popolazioni rivierasche e dell intera Africa, dall altro, costituisce il primo e ineludibile fondamento di ogni riflessione sull immigrazione nel mondo contemporaneo. In altre parole, «accoglierli tutti» se intendiamo l espressione nel suo significato di indirizzo e di programma è relativamente più facile che respingerli tutti, ma anche più agevole e utile che selezionarli. Questo perché la ragione prima e principale dei movimenti migratori risiede negli squilibri economici e sociali a livello internazionale e nello scarto tra i tassi di natalità dei paesi sviluppati e quello dei paesi non sviluppati. E la conseguente pressione sui nostri confini è infinitamente più forte delle fragili barriere, comprese quelle goffamente militari o pesantemente repressive, che si decida di allestire. E soprattutto, accoglierli tutti è, sotto ogni profilo, più conveniente che respingerli. Più vantaggioso dal punto di vista economico. Più rassicurante da quello sociale. Più efficace sul piano dell integrazione e della convivenza. Ma, prima di fare riferimento allo scenario globale, vale la pena di partire da ciò che, non percepito o ignorato, accade in mezzo a noi.

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE PEDAGOGIA GENERALE E PEDAGOGIA INTERCULTURALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 2 Intercultura:

Dettagli

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica Luigi Biggeri Roma, 15-16 dicembre 2005 Circondati dai paesi poveri con vasti eserciti di giovani che reclamano lavori modesti nei paesi sviluppati

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia a cura di Cristian Fabbi La riflessione sul tema dei diritti ha portato alcune consapevolezze che, per altro, già erano diffuse tra noi, ma che ora

Dettagli

CLANDESTINITA NEL CANALE DI SICILIA : CONTROLLO SOCIALE E DEVIANZA TRA REALTA LOCALE E IMMIGRAZIONE

CLANDESTINITA NEL CANALE DI SICILIA : CONTROLLO SOCIALE E DEVIANZA TRA REALTA LOCALE E IMMIGRAZIONE FRONTESPIZIO INDICE ABSTRACT DI CLANDESTINITA NEL CANALE DI SICILIA : CONTROLLO SOCIALE E DEVIANZA TRA REALTA LOCALE E IMMIGRAZIONE ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA Intervento del Direttore Generale Francesco Rivolta Roma, 20 ottobre 2011 Condividere per crescere.

Dettagli

Come si genera il razzismo? 11 luoghi comuni sull'immigrazione. Una lezione in classe

Come si genera il razzismo? 11 luoghi comuni sull'immigrazione. Una lezione in classe La scuola che vogliamo Come si genera il razzismo? 11 luoghi comuni sull'immigrazione Una lezione in classe 1 / 6 Introduzione Il presente lavoro è tratto da un testo elaborato nel corso del 2009 nell'ambito

Dettagli

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio)

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La figura del mediatore culturale è nata negli anni sulla base di precise esigenze,

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE

VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE Progetto di mediazione linguistica e culturale per l integrazione di richiedenti asilo, rifugiati e beneficiari di protezione internazionale in Italia attraverso il volontariato

Dettagli

Servizio sociale e immigrazione. Di Daniela Simone

Servizio sociale e immigrazione. Di Daniela Simone Servizio sociale e immigrazione Di Daniela Simone Nel mondo, da secoli, l immigrazione è un fenomeno presente. Nell enciclopedia delle scienze sociali si afferma che Il fenomeno delle migrazioni è antico

Dettagli

SICUREZZA NEI FLUSSI MIGRATORI

SICUREZZA NEI FLUSSI MIGRATORI si SICUREZZA NEI FLUSSI MIGRATORI TECNOLOGIA AL SERVIZIO DELL IDENTIFICAZIONE L Italia paese che si protende geograficamente nel Mare Nostrum è la nuova frontiera dei flussi migratori provenienti dai paesi

Dettagli

Popolazione italiana: milione più, milione meno.

Popolazione italiana: milione più, milione meno. Luciano Petrioli Popolazione italiana: milione più, milione meno. Che l ultimo censimento 21-22/10/2001 della popolazione italiana sia stato uno dei più travagliati non è un mistero. Ma che gli abitanti

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

CONFERENZA INTERNAZIONALE Protezione civile e aiuti umanitari, uniti per affrontare disastri e crisi. Roma, 10-11 novembre 2011

CONFERENZA INTERNAZIONALE Protezione civile e aiuti umanitari, uniti per affrontare disastri e crisi. Roma, 10-11 novembre 2011 CONFERENZA INTERNAZIONALE Protezione civile e aiuti umanitari, uniti per affrontare disastri e crisi Rafforzare la cooperazione sul campo per una capacità di risposta internazionale più efficace Roma,

Dettagli

L ACQUISTO DI MACCHINE SICURE

L ACQUISTO DI MACCHINE SICURE L ACQUISTO DI MACCHINE SICURE E di difficile interpretazione la complessa normativa nazionale ed internazionale che dovrebbe regolamentare il tema della sicurezza delle macchine e degli impianti destinati

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Flussi di cittadini in Italia

Flussi di cittadini in Italia Flussi di cittadini in Italia Il fenomeno dell immigrazione in Italia secondo gli ultimi dati del Ministero del lavoro riguarda più di 4 milioni di stranieri con un incidenza sulla popolazione

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L educazione ai diritti umani può essere definita come l insieme dei programmi e delle attività educative centrati sulla promozione dell uguaglianza della dignità umana, al

Dettagli

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Marcello Pera La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Cerisdi, Palermo, 26 novembre 2001 SENATO DELLA REPUBBLICA TIPOGRAFIA DEL SENATO La giustizia come fondamento dello sviluppo e della

Dettagli

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi 544 7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi La seconda sottocomponente analizzata per l analisi demografica concerne le dinamiche dei flussi, considerando come tali i

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO La scuola contemporanea diventa sempre più un luogo di incontro di bambini e ragazzi che provengono da origini, storie di

Dettagli

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI DOCUMENTI 31 Ottobre 2014 Il risparmio è una lungimirante scelta etica civile, frutto innanzitutto del lavoro, che presuppone valori come la parsimonia, la previdenza

Dettagli

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC)

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Tesi di Laurea: Per un archivio scolastico della memoria. Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Lorena Maugeri Indice PREMESSA pag.4 PARTE PRIMA: MIGRAZIONI pag.12 Cap. I.

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA CITTADINANZA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE prende coscienza della propria persona ed impara ad averne cura prende coscienza degli altri bambini e impara a lavorare

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione

Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione Indagine demografica (1981-2013) con dati aggiornati al

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO DI LEGGE IN MATERIA DI DEDUCIBILITÀ DELLE RETRIBUZIONI DEI COLLABORATORI FAMILIARI

PRESENTAZIONE PROGETTO DI LEGGE IN MATERIA DI DEDUCIBILITÀ DELLE RETRIBUZIONI DEI COLLABORATORI FAMILIARI PRESENTAZIONE PROGETTO DI LEGGE IN MATERIA DI DEDUCIBILITÀ DELLE RETRIBUZIONI DEI COLLABORATORI FAMILIARI Modifica art. 10, comma 1 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi, approvato con D.P.R. del 22

Dettagli

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan venerdì 25 giugno 2010 Buon pomeriggio. Un cordiale saluto al Ministro

Dettagli

Corporate Social Responsability

Corporate Social Responsability Corporate Social Responsability elemento strategico per il successo dell impresa Il significato La Corporate Social Responsability, in italiano Responsabilità Sociale delle Imprese, può essere definita

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

Settimana strategica. Sassari solidale 27 settembre 2006

Settimana strategica. Sassari solidale 27 settembre 2006 Settimana strategica. Sassari solidale 27 settembre 2006 La qualità sociale di Sassari di Antonietta Mazzette Città Bella, Buona, Forte = Città Giusta? Può la nostra azione strategica avere come obiettivo

Dettagli

Italy as a migration crossroad

Italy as a migration crossroad Italy as a migration crossroad Migration and migration policies in Italy and Europe Migrazioni e politiche migratorie in Italia e in Europa Enrico Pugliese Sapienza Università di Roma and IRPPS-CNR Il

Dettagli

SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE NELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE

SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE NELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE NELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE Se vuoi 1 anno di prosperità fai crescere il grano; se vuoi 10 anni di prosperità fai crescere gli alberi; se vuoi 100 anni di prosperità fai

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

Che la formazione degli insegnanti sia sempre considerata un investimento importante da sostenere e promuovere.

Che la formazione degli insegnanti sia sempre considerata un investimento importante da sostenere e promuovere. Diritto all istruzione La legge 94 del 2009 (il pacchetto sicurezza di Maroni) introduce il superamento di un test di lingua italiana per l ottenimento e il mantenimento di alcune tipologie di permesso

Dettagli

Sicurezza e cittadinanza

Sicurezza e cittadinanza Sicurezza e cittadinanza (pp. 529 568 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale La criminalità oltre l emotività Negli ultimi tre anni la criminalità in

Dettagli

PRIMO ROUND: SOSTENIBILITÀ DELL ATTUALE MODELLO DI INTERNAZIONALZZAZIONE DEL WELFARE E IMPATTO CHE ESSO PRODUCE SUL NOSTRO SISTEMA DI WELFARE

PRIMO ROUND: SOSTENIBILITÀ DELL ATTUALE MODELLO DI INTERNAZIONALZZAZIONE DEL WELFARE E IMPATTO CHE ESSO PRODUCE SUL NOSTRO SISTEMA DI WELFARE PRIMO ROUND: SOSTENIBILITÀ DELL ATTUALE MODELLO DI INTERNAZIONALZZAZIONE DEL WELFARE E IMPATTO CHE ESSO PRODUCE SUL NOSTRO SISTEMA DI WELFARE A) Andamento della domanda di lavoro straniero in differenti

Dettagli

Introduzione. (Martha C. Nussbaum, Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica, Il Mulino, 2010)

Introduzione. (Martha C. Nussbaum, Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica, Il Mulino, 2010) 7 Introduzione «Cosa c è nell esistenza umana che rende così difficile sposare le istituzioni democratiche basate sul rispetto dei princìpi dell uguaglianza e delle garanzie del diritto, e così facile

Dettagli

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L a Storia perde i pezzi. Non capita sempre, soltanto qualche volta. Alcune cose vengono rimosse, dimenticate e spesso sono gli aspetti più

Dettagli

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA di Massimo Lazzari, Davide Mondaini e Violante Battistella (*) In questo contributo verrà illustrato il caso di un impresa che, aderendo al Progetto Ri-Lancio,

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

Focus: il caso dell abitazione

Focus: il caso dell abitazione Focus: il caso dell abitazione I grafici sono stati elaborati nell indagine Le difficoltà d accesso all abitazione da parte degli immigrati curata da Paola Bertolini e Francesco Pagliacci in occasione

Dettagli

Introspezione soggettiva e oggettiva

Introspezione soggettiva e oggettiva Introspezione soggettiva e oggettiva "Togliete i nasi ha detto una volta Galilei e spariranno anche gli odori". Quel che ha omesso di dire, però, è che, togliendo gli odori, sparirebbero anche i nasi (parafrasando

Dettagli

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO Mi sono spesso chiesto: come nasce, come si genera il fenomeno del razzismo? Quali sono le cause più profonde dell essere umano che ci fanno pensare

Dettagli

International Migration Outlook: SOPEMI - 2006 Edition. Prospettive delle migrazioni internazionali: SOPEMI Edizione 2006.

International Migration Outlook: SOPEMI - 2006 Edition. Prospettive delle migrazioni internazionali: SOPEMI Edizione 2006. International Migration Outlook: SOPEMI - 2006 Edition Summary Prospettive delle migrazioni internazionali: SOPEMI Edizione 2006 Sintesi Editoriale Gestire la migrazione - un delicato mix di misure pubbliche

Dettagli

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura MIGRANTI La classe I B incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti Progetto di intercultura Essere giovani nella società globale: in viaggio da me a

Dettagli

gli indicatori di cittadinanza attiva

gli indicatori di cittadinanza attiva gli indicatori di cittadinanza attiva 205 4. Osservazioni conclusive: gli indicatori di cittadinanza attiva La ricerca sul campo è stata condotta orientando il sistema di riferimento concettuale all individuazione

Dettagli

Comunicazione Esterna e Raccolta fondi

Comunicazione Esterna e Raccolta fondi Mario Onnis, Emergency Milano Comunicazione Esterna e Raccolta fondi La presente non intende essere una relazione sulle tecniche di raccolta fondi attuate da Emergency. Se non altro perché in Emergency

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Domanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus

Domanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus omanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus Il comportamento dei consumatori relativamente ad un certo bene viene, come noto, descritto di solito tramite una curva di domanda: una curva

Dettagli

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO 1. LA PREMESSA 2. LA DEFINIZIONE GIURIDICA 3. LA STORIA 4. I PUNTI DA PONDERARE 5. LA SITUAZIONE ATTUALE 6. CI FERMIAMO

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

Strana Italia in rete

Strana Italia in rete Strana Italia in rete Giancarlo Livraghi aprile 2007 Questa è la prima parte del numero 80 della rubrica Il mercante in rete http://gandalf.it/mercante/merca80.htm Tutte le statistiche sono sempre discutibili.

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

Il Benessere aziendale

Il Benessere aziendale Il Benessere aziendale Oggi vogliamo parlare di Benessere aziendale, e cioè di tutti quelle pratiche, approcci e buone pratiche per vivere bene in un organizzazione. La cosa più importante che voglio capire

Dettagli

Fine anni 70 e inizio anni 80 : inizia l era dell automazione, si producono macchine con tecnologie avanzate

Fine anni 70 e inizio anni 80 : inizia l era dell automazione, si producono macchine con tecnologie avanzate GLI SVILUPPI DELLA MANUALISTICA L esigenza di realizzare la Manualistica emerge per la prima volta in America Sono proprio i fabbricanti Americani i primi, tra la fine dell 800 e l inizio del 900, insieme

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD DIETRO IL FILO - 9 maggio 2012 1 Lo scopo della ricerca è è quello delle EMOZIONI, delle PERCEZIONI, dei SENTIMENTI; dimensioni difficili da comunicare.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si

È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si queste istituzioni n. 158-159 luglio-dicembre 2010 La crisi, il futuro, e i giovani di Laura balbo È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si porti l attenzione sugli effetti

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Io sono una porta semplice, aperta a metà ma capisco che sono fatta per essere spalancata

Io sono una porta semplice, aperta a metà ma capisco che sono fatta per essere spalancata Accogliente, aperta: magari un po a volte mi chiudo ma solo se sono stata distratta a cedere alla routine del quotidiano, non pecco di presunzione solo mi piace avere la disponibilità ad aprire la mia

Dettagli

I FIGLI DELL ORIZZONTE di Erri De Luca

I FIGLI DELL ORIZZONTE di Erri De Luca I FIGLI DELL ORIZZONTE di Erri De Luca Non fu il mare a raccoglierci, noi raccogliemmo il mare a braccia aperte. Il mare non è un fiume che sa il viaggio, è acqua selvatica. Siamo gli innumerevoli - raddoppia

Dettagli

LA CITTA Gioco di simulazione

LA CITTA Gioco di simulazione LA CITTA Gioco di simulazione Il gioco di simulazione La città propone ai partecipanti di affrontare il tema della legalità riportandolo a vissuti vicini al loro quotidiano e analizzandolo dalla prospettiva

Dettagli

IMBALLAGGI: una proposta per l Europa di Piero Capodieci, Presidente Comieco

IMBALLAGGI: una proposta per l Europa di Piero Capodieci, Presidente Comieco Milano, 28 novembre 2003 IMBALLAGGI: una proposta per l Europa di Piero Capodieci, Presidente Comieco Gli imballaggi sono stati il terreno di prova di un nuovo paradigma sociale che ha aggiunto alla responsabilità

Dettagli

La Casa delle Culture -Progetto-

La Casa delle Culture -Progetto- CONSULTA PROVINCIALE DELL IMMIGRAZIONE (Provincia di Modena) OGGETTO: Progetto "La Casa delle Culture". Il carattere strutturale che il fenomeno immigratorio ha assunto anche in Italia sollecita fortemente

Dettagli

Toqueville e la società civile organizzata a favore dei migranti

Toqueville e la società civile organizzata a favore dei migranti Toqueville e la società civile organizzata a favore dei migranti Associazionismo, società civile e migranti: (1) Quadro teorico (2) I consigli territoriali in Italia migrazioni 1 L importanza crescente

Dettagli

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà Progetto/azione Il tifoso protagonista della sicurezza Responsabilità Gabinetto del Sindaco Politiche per la Sicurezza Urbana Soggetti coinvolti Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società

Dettagli

Relazione Il volontario in Missione Milano, 23.11.2008

Relazione Il volontario in Missione Milano, 23.11.2008 Relazione Il volontario in Missione Milano, 23.11.2008 * Il sottotitolo di questo Convegno ci esorta a guardare all infinito. Vorrei dire che proprio in questo momento della nostra vita è un invito molto

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

ECONOMIA E QUALITA DELLA VITA a misura di bambino RICORDANDO DANIELA FURLAN IL PROF. BARATELLA E TANTI ALTRI...

ECONOMIA E QUALITA DELLA VITA a misura di bambino RICORDANDO DANIELA FURLAN IL PROF. BARATELLA E TANTI ALTRI... ECONOMIA E QUALITA DELLA VITA a misura di bambino RICORDANDO DANIELA FURLAN IL PROF. BARATELLA E TANTI ALTRI... 1 2 DENARO EURO ALTRE VALUTE CAMBIO CALCOLI BANCONOTE MONETE STORIA del denaro CONIO ALTRI

Dettagli

XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani. Noi, gli altri e la crisi

XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani. Noi, gli altri e la crisi XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani Noi, gli altri e la crisi Rapporto Giugno 2010 NOTA METODOLOGICA L Osservatorio sul capitale sociale è realizzato da Demos & Pi in collaborazione con

Dettagli

GLI ITALIANI E IL RISPARMIO

GLI ITALIANI E IL RISPARMIO COMUNICATO STAMPA Sondaggio realizzato per Acri da Abacus in occasione della 78ª Giornata Mondiale del Risparmio GLI ITALIANI E IL RISPARMIO Roma, 30 ottobre 2002. Gli Italiani sono sempre meno soddisfatti

Dettagli

La crisi europea: un occasione per superare la crisi della modernità e affermare una libertà alimentata da un nuovo umanesimo

La crisi europea: un occasione per superare la crisi della modernità e affermare una libertà alimentata da un nuovo umanesimo La crisi europea: un occasione per superare la crisi della modernità e affermare una libertà alimentata da un nuovo umanesimo È PROFESSORE ORDINARIO ALL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA, MEMBRO DEL CONSEIL

Dettagli

anno I, n.2, 2011 Recensioni

anno I, n.2, 2011 Recensioni L. Salamone, La disciplina giuridica dell'immigrazione clandestina via mare, nel diritto interno, europeo ed internazionale, Torino, Giappichelli 2011, pp. XXVI-406 Come è noto, gli arrivi irregolari per

Dettagli

Michelangelo Nigro. Premessa

Michelangelo Nigro. Premessa Le prospettive extrafiscali della finanza territoriale, con particolare riferimento alle forme associative fra comuni, in tema di reperimento di risorse finanziarie. Michelangelo Nigro Premessa Riforma

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

LE MIGRAZIONI: PASSATO, PRESENTE, IO, TE IIS Cartesio-Luxemburg; IC Via Cassia 1624; UM, Donne a colori, Casa Africa, Incredere

LE MIGRAZIONI: PASSATO, PRESENTE, IO, TE IIS Cartesio-Luxemburg; IC Via Cassia 1624; UM, Donne a colori, Casa Africa, Incredere LE MIGRAZIONI: PASSATO, PRESENTE, IO, TE IIS Cartesio-Luxemburg; IC Via Cassia 1624; UM, Donne a colori, Casa Africa, Incredere Idea base La mancanza di empatia nei confronti degli stranieri immigrati

Dettagli

Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03

Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03 Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03 Intervento del Direttore Energy Management di Tirreno Power Ugo Mattoni Roma, 17 luglio

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Immigrati e rifugiati: Oltre gli stereotipi. Maurizio Ambrosini, università di Milano, direttore della rivista Mondi migranti

Immigrati e rifugiati: Oltre gli stereotipi. Maurizio Ambrosini, università di Milano, direttore della rivista Mondi migranti Immigrati e rifugiati: Oltre gli stereotipi Maurizio Ambrosini, università di Milano, direttore della rivista Mondi migranti Chi sono gli immigrati? ONU: L immigrato è una persona che si è spostata in

Dettagli

Migrazioni internazionali: cause e flussi

Migrazioni internazionali: cause e flussi Migrazioni internazionali: cause e flussi Aspetti definitori La mobilità è attitudine della popolazione a spostarsi sul territorio Non esistono in genere società statiche Gli spostamenti - anche temporanei

Dettagli

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania Manifesto Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012 Bucarest, Romania Manifesto del PPE (Adottato durante il Congresso del PPE, Bucarest, 17 e 18 Ottobre 2012) 1. Chi siamo? Il Partito Popolare Europeo

Dettagli

Crisi del mercato immobiliare: tra realtà e percezione

Crisi del mercato immobiliare: tra realtà e percezione Pagina 1 Crisi del mercato immobiliare: tra realtà e percezione Stefano Lascar Secondo le previsioni di Nomisma, il 2011 dovrebbe essersi concluso con un ulteriore flessione delle compravendite del 6%

Dettagli

ADOTTIAMO UN AMICO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE E AMBIENTALE. PET TERAPY

ADOTTIAMO UN AMICO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE E AMBIENTALE. PET TERAPY ADOTTIAMO UN AMICO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE E AMBIENTALE. PET TERAPY Nel 1961 lo psichiatra Boris Levinson, parlò per la prima volta di Pet therapy in un lavoro in cui metteva in risalto il ruolo

Dettagli

L EFFICACIA DEI CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER DISOCCUPATI: i risultati di una analisi condotta in Piemonte

L EFFICACIA DEI CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER DISOCCUPATI: i risultati di una analisi condotta in Piemonte L EFFICACIA DEI CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER DISOCCUPATI: i risultati di una analisi condotta in Piemonte Valentina Battiloro (ASVAPP Progetto Valutazione) Luca Mo Costabella (ASVAPP Progetto

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITA. Introduzione

EDUCAZIONE ALLA LEGALITA. Introduzione EDUCAZIONE ALLA LEGALITA Introduzione Facendo seguito alle Indicazioni per il curricolo per la scuola d infanzia e per il primo ciclo di istruzione del Ministro della Pubblica Istruzione (settembre 2007)

Dettagli

Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE

Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE L istruzione è un servizio complesso, nel quale l intervento pubblico è tradizionalmente ampio in tutti i paesi. In Italia,

Dettagli