Newsletter Terzo Settore - aprile 2015 Notizie Notizie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Newsletter Terzo Settore - aprile 2015 Notizie Notizie"

Transcript

1 Newsletter Terzo Settore - aprile Notizie Partenariato mondiale per l'agenda di sviluppo post-2015: il contributo della Commissione europea La Commissione europea ha elaborato nel mese di febbraio 2015 la comunicazione "Partenariato mondiale per l'eliminazione della povertà e lo sviluppo sostenibile dopo il 2015", frutto del lavoro congiunto dell'alto rappresentante e vicepresidente Federica Mogherini, del Commissario per la cooperazione internazionale e lo sviluppo Neven Mimica, e del Commissario per l'ambiente, gli affari marittimi e la pesca Karmenu Vella. Il 2015 è un anno fondamentale per lo sviluppo sostenibile mondiale: con l'adozione dell'agenda di sviluppo post-2015, l UE si prepara ad affrontare un momento cruciale nel definire una nuova agenda globale, per sradicare la povertà e promuovere uno sviluppo più equo e sostenibile nel mondo. La comunicazione recepisce i contributi dell'ue al processo di preparazione dell agenda post-2015 forniti in precedenza con la prima comunicazione di febbraio 2013 "Una vita dignitosa per tutti: porre fine alla povertà e dare al mondo un futuro sostenibile e con la seconda comunicazione di giugno 2014 "Una vita dignitosa per tutti: dalla visione all'azione collettiva". Il testo attuale contiene indicazioni e precise proposte per sviluppare un negoziato globale, in virtù di una stretta collaborazione con i partner internazionali nell ambito di un solido partenariato che coinvolga anche la società civile e il settore privato, basato sulla tutela dei diritti umani, sul sostegno alle istituzioni democratiche e alle buone prassi di governo, sulla inclusività, e sulla parità di genere. L obiettivo principale di questo partenariato mondiale, come evidenziato dalla Commissione europea, è la creazione di un contesto socio economico comune sensibilmente più favorevole per contrastare la povertà e garantire uno sviluppo inclusivo e sostenibile per le generazioni attuali e future in tutti i Paesi, ottenibile grazie ad un impegno su molteplici fronti strategici: attivando una mobilitazione e impiego efficace dei finanziamenti pubblici nazionali e internazionali; realizzando un diffuso ricorso al commercio e alla tecnologia; migliorando lo sfruttamento degli effetti positivi della migrazione grazie ad accordi e convenzioni internazionali che facilitino i traffici commerciali e promuovano un'ulteriore integrazione delle economie meno sviluppate nei mercati internazionali. La comunicazione conferma inoltre da un lato l adesione della Commissione all'invito rivolto dal segretario generale delle Nazioni Unite affinché tutti i paesi industrializzati raggiungano il traguardo ONU dello 0,7% del reddito nazionale lordo (RNL) per l'assistenza allo sviluppo (APS); dall altro la condivisione dell UE dell esortazione rivolta alle economie emergenti all impegno per aumentare il loro contributo al finanziamento pubblico internazionale, stabilendo obiettivi e scadenze specifiche per farlo. La comunicazione definisce così l orientamento dell'ue nel merito dei preparativi per la terza conferenza internazionale sul finanziamento dello sviluppo, che si terrà a Addis Abeba nel luglio 2015, e per il vertice speciale post-2015 che l'onu organizzerà a New York nel settembre 2015 coinvolgendo tutti i leader mondiali. Per approfondimenti: Notizie Banche e Terzo Settore, aumenta la fiducia e la "bancabilità" Ubi Banca, avvalendosi del supporto metodologico di Aiccon (Associazione italiana della Cultura della Cooperazione e del non profit), ha creato un Osservatorio per comprendere gli intrecci tra finanza classica e Terzo Settore. La verità è che anche le cooperative sociali riscontrano debiti, ma con una percentuale inferiore rispetto alle imprese classiche e, per loro natura, sono più resilienti, quindi sanno tutelare meglio delle altre aziende il lavoro, cercando di evitare licenziamenti. Questi i dati dell'osservatorio Ubi Banca, impegnato da 4 anni nel controllare l'evoluzione di offerta e domanda di finanza per il Terzo Settore. In particolare, quest'anno, si è scelto di analizzare i rapporti tra 500 cooperative sociali, 250 fondazioni e gli istituti di credito cui esse si sono

2 rivolti. In Italia, le imprese sociali sono , di cui il 43% al Sud; il 21% sono in fase di decollo; il valore della produzione di queste realtà è pari a 10,1 miliardi di euro con investimenti di 8,3 miliardi di euro. Questi numeri spiegano l'interesse delle banche a entrare nelle dinamiche produttive del Terzo Settore, adeguandosi alle dinamiche imprenditoriali cooperative e ai loro statuti. Le cooperative sociali, attraverso un intelligente uso del sistema bancario, sono dunque la nuova via dell'economia nazionale. Per quanto riguarda la colonna portante dell'imprenditoria del Terzo Settore, le cooperative sociali, il risultato della ricerca ha evidenziato come queste realtà aumentino del 70% i loro rapporti con istituti bancari e lo fanno in modo lungimirante: aprendo conti correnti, chiedendo prestiti, o diventando soci di banche diverse e di diversa natura (Banca Etica, come banche popolari o istituti classici, anche contemporaneamente: sono le "cooperative multibancarizzate"). Si conferma poi la tendenza positiva, già emersa nelle precedenti analisi dell'osservatorio, riguardo il livello di soddisfazione verso gli istituti di credito: si dichiarano soddisfatti il 54,8% delle coop prese in esame, con una crescita del 12% rispetto agli anni precedenti. Le imprese sociali italiane non fanno volontariato tout court, ma producono beni e servizi; si occupano di minori, inserimento lavorativo, progetti e attività culturali e sociali, ambiente, sostenibilità, riuso, riciclo. Tra i principali ambiti di attività delle cooperative prese in considerazione dall'osservatorio, il 44,8% opera nell'assistenza sociale e protezione civile, mentre circa 1/3 opera in cultura, sport, ricreazione e il 32,4% nella sanità. I risultati evidenziano che cresce la consapevolezza dell'imprenditoria sociale di potersi finanziare anche attraverso gli istituti di credito: è in aumento la richiesta di finanziamenti per investimenti (32,3%) e per l'attività corrente (37%), e con esiti positivi: oltre 1 cooperativa sociale su 2 si è vista riconoscere la totalità dell'importo richiesto. L'autofinanziamento resta la principale fonte di copertura degli investimenti (44,2%), ma è l'unico metodo soltanto per 4 cooperative su 10. Il 38% delle 250 fondazioni analizzate prevede di aumentare gli stanziamenti per il Terzo Settore; Il 68% di esse si dichiara soddisfatto delle banche cui si rivolge e i 2/3 delle fondazioni in questione non hanno debiti con le banche. Notizie Il Manifesto delle seconde generazioni È stato presentato all inizio di marzo al Presidente del Senato Pietro Grasso il Manifesto delle seconde generazioni. Nato da un iniziativa promossa dalla Direzione Generale dell immigrazione e delle politiche di integrazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, il Manifesto è il risultato di circa un anno e mezzo di lavoro svolto da parte di una rete di 30 associazioni delle seconde generazioni. L idea è stata quella di sviluppare alcune proposte prioritarie sul tema del lavoro, la scuola, la cultura e lo sport, quali campi all interno dei quali sperimentare processi di integrazione. Il lavoro di stesura del Manifesto è stato condotto attraverso la creazione di una community dedicata alle seconde generazioni e in particolare ai rappresentanti delle associazioni partecipanti all iniziativa, uno spazio di dialogo aperto a tutte le associazioni interessate ad aderire a questa rete nazionale e al Manifesto anche nel futuro. Gli aderenti al progetto si sono ritrovati nella formula seconde generazioni, pur nella consapevolezza dell ampio dibattito che l accompagna e della vastità delle situazioni ad essa riconducibili. Ecco, in sintesi, i dieci punti del Manifesto. Scuola: 1) Promuovere una formazione specifica dei docenti rivolta alla gestione di classi multiculturali; 2) Potenziare le azioni di sostegno scolastico, psicologico e di mediazione linguistico-culturali; 3) Rafforzare il coinvolgimento delle famiglie nella scuola; 4) Costruire un sistema integrato di orientamento e di transizione scuola-lavoro. Lavoro: 5) Riconoscere e valorizzare le competenze non formali e informali; 6) Incentivare l internazionalizzazione del mercato del lavoro. Cultura e Sport: 7) Valorizzare e favorire la conservazione della cultura del Paese d origine e rafforzare il legame con la cultura italiana; 8) Lo sport: verso una cittadinanza sportiva. Partecipazione e cittadinanza attiva: 9) Potenziare i servizi d informazione sui diritti e le opportunità di partecipazione; 10) Favorire l associazionismo, la cittadinanza attiva e le pari opportunità. Notizie

3 Corso di alta formazione "L'innovazione nelle imprese cooperative e sociali" Ritorna, per la IV edizione, il corso di alta formazione "L'innovazione nelle imprese cooperative e sociali", che si terrà dal 28 al 30 maggio a Rovereto e dall' 11 al 13 giugno a Rimini. Il corso è indirizzato a dirigenti di imprese cooperative e imprenditori sociali, professionisti e ricercatori dell'innovazione sociale. La quarta edizione pone al centro dei due moduli formativi i processi e le competenze in grado di favorire l'innovazione, le strategie e gli asset per rigenerare l'offerta di beni di interesse collettivo e propone laboratori innovativi che permetteranno ai partecipanti di sperimentare come generare il cambiamento, costruire le reti dell innovazione, misurare l impatto sociale. Il corso è frutto della collaborazione fra Euricse e Aiccon, due fra i più importanti centri di ricerca sulla cooperazione e il non profit in Italia; più di 80 imprenditori sociali e cooperativi hanno partecipato alle prime tre edizioni del corso. Le iscrizioni sono aperte fino al 14 maggio Tutte le informazioni sulle modalità di iscrizione, sui contenuti e i docenti del corso sono disponibili sul sito Water for Food apre le scadenze per nuove proposte progettuali Il Securing Water for Food Grand Challenge for Development è un iniziativa di collaborazione tra l Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale, l Agenzia svedese di sviluppo internazionale e il Ministero degli Affari esteri olandese. L invito a presentare proposte pubblicato di recente si concentra sul sostegno allo start up di soluzioni e prodotti a basso costo per migliorare l efficienza idrica e il riutilizzo delle acque reflue, per migliorare lo stoccaggio dell acqua e ridurre l impatto della salinità nelle falde acquifere e nella produzione alimentare. I vincitori riceveranno un contributo compreso tra e 3 milioni di dollari a sostegno dello sviluppo dell idea e lo scaling up del prodotto. Possono partecipare le organizzazioni non profit e profit e gli enti di ricerca. Il budget disponibile per la call è di 12,5 milioni di dollari. La scadenza per l invio delle domande è il 22 maggio Sito di riferimento: /rfa+number+sol-oaa swff.pdf Diritti, uguaglianza e cittadinanza - Azione Daphne Invito a presentare proposte JUST/2014/RDAP/AG/HARM per progetti transnazionali volti a combattere e prevenire la violenza di pratiche lesive, come la mutilazione genitale femminile, violenze sessuali, matrimoni precoci o forzati e i cosiddetti delitti d'onore, commessi contro le donne, i giovani e i bambini. Due sono le priorità del bando: promuovere un approccio integrato anche attraverso lo sviluppo e l avvio di protocolli e linee guida multi-settoriali per gli operatori; sensibilizzare e favorire il cambiamento di mentalità tra le comunità interessate. Ulteriori informazioni e modulistica sono reperibili all indirizzo: Scadenza: 3 giugno Welfare di Comunità e innovazione sociale : bando della Fondazione Cariplo In continuità con quanto avviato l anno scorso, nel 2015 Fondazione Cariplo lancia la seconda edizione del bando Welfare di Comunità e innovazione sociale mettendo a disposizione 10 milioni di euro destinati agli attori pubblici e privati determinati a intraprendere un percorso impegnativo e sfidante di programmazione territoriale, aperta e partecipata, e di rinnovare il welfare locale.

4 Le reti pubblico-private interessate hanno tempo fino al 17 aprile 2015 per presentare idee progettuali per realizzare sistemi territoriali di welfare comunitario capaci di produrre innovazione sulle modalità di risposta a un problema sociale. Analogamente alla prima edizione, il bando 2015 è articolato in tre fasi: 1) Call for ideas: 16 febbraio 2015, lancio della call for ideas. Scadenza presentazione domande: 17 aprile Per presentare un'idea sul bando è necessario registrarsi all'area riservata del sito di Fondazione Cariplo e compilare la modulistica. Entro maggio 2015 Fondazione Cariplo selezionerà le idee migliori. Fase 2) Studi di fattibilità: tra giugno e novembre 2015, le idee selezionate beneficeranno di un percorso di accompagnamento per trasformare l'idea in studio di fattibilità di un progetto triennale. Entro dicembre 2015 verranno selezionati gli studi di fattibilità valutati più coerenti con le linee guida del bando. FASE 3) Realizzazione: tra il 2016 e il 2018, i progetti selezionati saranno implementati con il sostegno e l'accompagnamento di Fondazione Cariplo anche all'interno di comunità di pratica. Sito di riferimento: Sodalitas Social Award Istituito nel 2003 per premiare le migliori pratiche di sostenibilità d impresa, il Sodalitas Social Award è riconosciuto come una delle iniziative che in questi anni hanno più contribuito a diffondere la cultura della sostenibilità d impresa e la sua integrazione nelle strategie aziendali. Dal suo avvio, l iniziativa ha registrato la partecipazione di imprese, con oltre progetti. A valutarne la capacità innovativa e l impatto, in base ai criteri del Modello EFQM per l Eccellenza (European Foundation for Quality Management), una giuria multistakeholder presieduta dal rettore dell Università Cattolica di Milano Franco Anelli. L edizione 2015 è orientata al tema della crescita come priorità del Paese e dell Europa. Le 6 nuove categorie previste dal bando del premio, completamente rinnovato, valorizzeranno le iniziative più in linea con i driver della crescita sostenibile e daranno visibilità all impegno dei partecipanti ad orientare responsabilmente i loro programmi di sostenibilità verso obiettivi di crescita: 1) Innovazione digitale; 2) Da economia lineare a economia circolare; 3) Terza rivoluzione industriale e nuovi sistemi produttivi; 4) Economia della condivisione; 5) Smart community, imprenditorialità e inclusione sociale; 6) Lavoro, sviluppo e valorizzazione delle persone. Verranno inoltre assegnati il premio speciale per la valorizzazione delle diversità e il premio speciale Best in class Crescita e sostenibilità, riservato all'iniziativa che meglio di ogni altra avrà saputo soddisfare unitariamente le aspettative di crescita, sostenibilità, inclusione e innovazione. Le candidature all edizione 2015 del Sodalitas Social Award possono essere presentate entro le ore 13 del 29 maggio 2015 sulla piattaforma digitale Ideatre60. Possono candidarsi imprese, organizzazioni, associazioni imprenditoriali, distretti industriali e istituzioni pubbliche o scolastiche. Tutti i progetti partecipanti al Sodalitas Social Award dal suo avvio sono pubblicati su Sodalitas Social Solution, il database online sulla sostenibilità d Impresa più completo a livello europeo: Il bando dell edizione 2015 è disponibile alla pagina: C è tempo fino al prossimo 26 aprile 2015 per partecipare alla seconda edizione di TuttoMondo Contest, concorso artistico per audiovisivi, fotografia e scrittura, promosso da Save the children e rivolto a tutti i giovani fino ai 21 anni. Tema di questa edizione è Luoghi/non luoghi. Il concorso è suddiviso in tre categorie: audiovisivo (cortometraggio o video della durata massima di 15 minuti); fotografia (da 1 a 10 scatti); narrazione (massimo 2 cartelle). Per partecipare al concorso occorre inviare la scheda di iscrizione compilata in tutte le sue parti e una copia dell opera a oppure a mezzo posta su cd o dvd.

5 I vincitori avranno l opportunità di produrre un opera multimediale che racconti una delle iniziative di Save the Children, che verrà pubblicizzata dall associazione stessa. Sito di riferimento: Documenti Ambiente è sviluppo : l approfondimento di CON_Magazine.it CON_magazine.it è il portale di approfondimento della Fondazione con il Sud, nato nel 2014 come spazio aperto al confronto e alla riflessione sul tema della coesione sociale e del suo rapporto con lo sviluppo, in Italia e in particolare nel Mezzogiorno. Il titolo dell approfondimento dell ultimo numero è Ambiente è sviluppo, ovvero la necessità di superare, nei fatti, la dicotomia tra economia ed ecologia e la contrapposizione tra diritti fondamentali quali la salute, la qualità della vita e il lavoro. Sito di riferimento: Documenti Welfare e interazioni pubblico-privato Percorsi di secondo welfare, in collaborazione con il Centro Einaudi, presenta il nuovo working paper della collana 2WEL dal titolo "Work Integration Social Enterprises in Italy: Virtuous Savings from Public-Private Interactions". Il paper è stato presentato durante la conferenza internazionale "Towards Inclusive Employment and Welfare Systems: Challenges for a Social Europe", svoltasi nell'ottobre 2014 a Berlino, nel corso del workshop "The changing role of non-public actors in active inclusion policies". Lo scopo del lavoro è duplice: da un lato mira a descrivere le interazioni tra le organizzazioni pubbliche e private coinvolte nell'attuazione delle politiche attive di inclusione in Italia, dall'altro vuole valutare i risparmi per il bilancio pubblico originati dalle attività delle Work Integration Social Enterprises (WISEs). Nella prima parte del lavoro, gli autori descrivono le caratteristiche delle politiche attive di inclusione italiane in termini di popolazione beneficiaria, prestazioni in denaro e incentivi economici volti a sostenere la forza lavoro marginale, che per loro natura richiedono azioni coordinate da parte di governi locali, agenzie di sanità pubblica e organizzazioni non profit, in genere cooperative sociali, che trattano direttamente con le persone vulnerabili. È quindi fornita un'analisi del quadro giuridico, delle alternative di governo per l'attuazione delle politiche e di come queste influenzino il comportamento degli attori istituzionali coinvolti. Su questi temi, attraverso un approccio meramente contabile, è stata svolta una ricerca empirica volta ad indagare se e in che misura la scelta fatta dal Governo italiano di sovvenzionare i lavori per le persone vulnerabili stia generando un risparmio per i bilanci pubblici. L'indagine è stata svolta su un campione di 30 WISE, che hanno impiegato circa lavoratori svantaggiati nel corso degli anni , valutando per ogni posizione il valore economico creato dal lavoro e il relativo gettito fiscale agevolato per ogni posizione. Questi dati sono stati confrontati con il costo effettivo dei sussidi e (in un'ottica controfattuale) con i costi di assistenza pubblica a cui il lavoratore avrebbe diritto se non fosse stato impiegato. È stata quindi svolta un'analisi multivariata per determinare l'efficacia delle varie tipologie di contratto di lavoro adottate e studiata l'eterogeneità dei risultati in funzione del tipo di occupazione e del sesso dei beneficiari. I risultati preliminari documentano che il contributo netto al bilancio pubblico della politica sul lavoro sussidiato è positivo, e che sostenere l'attività non profit delle WISE risulta una strategia efficace dal punto di vista del costo. Il documento è disponibile alla pagina: Eventi Europe in action : conferenza annuale di inclusion Europe Si svolgerà a Roma, il 21 e 22 maggio 2015 (presso l hotel NH Roma Midas in via Aurelia 800) Europe in Action, ossia la conferenza annuale di Inclusion Europe, l associazione europea di persone con disabilità intellettiva a cui Anffas Onlus - Associazione nazionale famiglie di persone con disabilità intellettiva e/o

6 relazionale aderisce e che si è avvalsa proprio della collaborazione di Anffas Onlus per l organizzazione di questo importante evento, per il quale è prevista la partecipazione di oltre 200 persone con disabilità intellettiva, di familiari, professionisti del settore e amici provenienti da tutta Europa. Tema della conferenza 2015 è Self-Advocacy and Families. Tradotto in italiano: Autorappresentanza e Famiglie. Un argomento significativo per le persone con disabilità e per le famiglie stesse, sia per l importanza che riveste l auto-rappresentanza per le persone con disabilità intellettiva e/o relazionale in un ottica di vita indipendente, sia per il supporto che le famiglie possono dare affinché tale concetto sia sviluppato al massimo e possa divenire così una realtà concreta. In particolare, si discuterà di come poter rafforzare e sostenere il movimento della Self-Advocacy a livello locale, regionale e nazionale e di come riuscire ad implementare e promuovere la Convenzione Onu sui Diritti delle Persone con Disabilità anche a livello locale attraverso il supporto dei Self-Advocates e dei familiari. Il programma dei lavori sarà quindi molto ricco e riguarderà, tra i molti temi, le sfide legali per l autorappresentanza, la partecipazione alle politiche, il supporto ai Self-Advocates, l accessibilità, la vita autonoma, il sostegno delle famiglie e la sensibilizzazione su questi argomenti in Italia. Il programma dell iniziativa è disponibile alla pagina: Eventi Autoconvocazione del volontariato italiano Lanciata il 5 dicembre 2014 in occasione della Giornata internazionale del volontariato, l iniziativa è promossa da Forum nazionale del Terzo Settore, Consulta del Volontariato presso il Forum, ConVol - Conferenza permanente delle Associazioni Federazioni e Reti di volontariato e CSVnet - Coordinamento nazionale dei Centri di servizio per il volontariato. Coinvolgerà i volontari che aderiscono alle decine di migliaia di organizzazioni presenti capillarmente su tutto il territorio nazionale che ogni giorno operano per il bene comune e che, attraverso il loro agire gratuito e volontario, creano occasioni di partecipazione e promozione umana e sociale. L appuntamento è a Roma, sabato 9 e domenica 10 maggio Sito di riferimento: Eventi La Biennale della Prossimità La Biennale della Prossimità è il primo appuntamento dedicato alle comunità locali, alle persone e ai loro bisogni guardati in ottica di prossimità. Promossa dalla Rete Nazionale per la Prossimità, la Biennale racconterà come andare incontro ai bisogni - sempre più vari e complicati, quasi mai coincidenti con le categorie rigide delle burocrazie - possa coincidere con la definizione di una nuova relazione in cui il soggetto destinatario è co-protagonista della risposta. Si sviluppano in modo sempre più diffuso iniziative di vicinanza, sostegno ed empowerment, promosse da una molteplicità di soggetti, tra cui i promotori della Rete della Prossimità e tanti altri che si aggregheranno. Cooperative, associazioni, gruppi di cittadini propongono luoghi di acquisto a basso costo, che sono anche centri di socialità, luoghi di attivismo, spazi per la ricerca del lavoro e molto altro Le formule e i soggetti sono diversi, ma alla base c è la stessa idea: i cittadini possono essere risorsa l uno per l altro e costruire insieme risposte per tutti. La Biennale della Prossimità raccoglierà queste idee e esperienze della società civile che stanno scrivendo un pezzo della società di domani. Tanti i temi, come i bisogni delle persone e dei territori: gli acquisti collettivi, il bisogno di cibo e di beni primari, la casa e il co-housing, la qualità della vita, la mutualità, la cittadinanza, il credito, la rigenerazione urbana, l imprenditorialità sociale, la salute L appuntamento è a Genova, dal 5 al 7 giugno Per approfondimenti:

7 Eventi Allora crealo! : appuntamento con l innovazione sociale Allora Crealo! è l evento dedicato alla nuova imprenditorialità giovanile che animerà anche quest anno, per la terza volta consecutiva, la Piazza Fiera a Trento per 5 giorni, dal 29 maggio al 2 giugno. Sulla scia del successo delle prime due edizioni, la Provincia Autonoma di Trento ha affidato ad Euricse il compito di arricchire il programma del Festival dell Economia con appuntamenti dedicati all occupazione e l imprenditorialità giovanile. L evento si pone nel contesto del Festival come la voce di una nuova generazione di imprenditori e di un nuovo approccio al lavoro: innovativo, sostenibile, sociale e creativo. Dal punto di vista dei contenuti l appuntamento verterà, quindi, attorno all innovazione sociale, puntando l attenzione su alcune significative realizzazioni e valutandole a partire da criteri di sostenibilità, sia sul versante economico imprenditoriale che dell impatto sociale generato. L innovazione sociale è un tema che si è molto diffuso negli ultimi anni, stimolando, da un lato, ricercatori ed esperti di ogni disciplina ad elaborare studi e riflessioni su questo fenomeno e, dall altro, policy maker nazionali e internazionali ed enti di varia natura (sia pubblici che privati) a promuovere differenti strumenti orientati a finanziare, sostenere e accompagnare la nascita di nuove imprese innovative. In vista dell evento che inizierà a fine maggio, è stata aperta una call per raccogliere e selezionare casi di studio su esperienze di imprese innovative già avviate (che siano sopravvissute alla Death valley ) che non solo abbiano realizzato in questi ultimi anni nuove soluzioni imprenditoriali, dimostrando la loro capacità di adattarsi all evoluzione dei bisogni che emergono dalla società civile, ma che si siano anche dimostrate capaci di produrre benefici sociali tangibili, di offrire nuovi posti di lavoro, sia direttamente che indirettamente, o di sviluppare economie esterne attraverso la realizzazione di nuove attività produttive in grado di interagire con quelle già esistenti sul territorio e con i suoi abitanti, contribuendo così allo sviluppo di altre imprese e della stessa comunità locale. La call è rivolta a: ricercatori ed esperti di ogni disciplina che sono intenzionati a sviluppare studi e riflessioni su questo tema, al fine di indagare lo stato evolutivo dell innovazione sociale in Italia con l obiettivo di contribuire ad arricchire il dibattito scientifico su questo tema; esperienze e iniziative imprenditoriali che hanno avviato progetti e attività economiche di questo tipo e hanno voglia di far conoscere la loro esperienza. La scadenza per presentare i propri contributi è fissata per il 15 maggio Sito di riferimento: Eventi Fondi strutturali europei: seminario di studio con Sardegna Solidale L'Europa è sempre più l'orizzonte di riferimento delle azioni politiche, economiche e sociali anche dei territori apparentemente più marginali e periferici. La Sardegna, periferia geografica d'europa, non lo è per la politica, l'economia e la socialità. Tra l'altro, la Sardegna è stata riconfermata come sede del soggetto gestore dell'ex ENPI, oggi ENI, programma europeo di cooperazione transfrontaliera mediterranea. Avvicinare l'europa ai cittadini e i cittadini all'europa è compito di istituzioni, mercato e organizzazioni di terzo settore. Una delle strade che certamente rende concreta la presenza dell'europa e le interazioni tra i cittadini europei è l'opportunità offerta dai fondi strutturali europei che, per il periodo , mettono in campo imponenti risorse finanziarie su diverse linee e settori. Conoscere e utilizzare i fondi strutturali è indispensabile per entrare in meccanismi di cambiamento che oggi coinvolgono gli stati membri dell'unione Europea e gli stati confinanti, specie quelli che si affacciano sul Mediterraneo. In questa prospettiva, il CSV Sardegna Solidale promuove per giovedì 9 aprile 2015, dalle 16 alle 19, un seminario di studio sul tema Fondi strutturali europei: un opportunità per le organizzazioni di volontariato. Il seminario si svolgerà nell'auditorium del Centro di Spiritualità delle Suore Giuseppine a Donigala Fenughedu (OR). A presentare il complesso argomento saranno i giovani professionisti dell'associazione OpenMed di Cagliari. La prima parte del seminario sarà dedicata alla presentazione dei Fondi strutturali europei e, in particolare, delle linee che possono interessare le organizzazioni di volontariato.

8 La seconda parte è dedicata alla parte tecnico-operativa relativa al passaggio dall'idea progettuale alla presentazione di un progetto. La terza parte è dedicata al Progetto ENI (ex ENPI), azione di cooperazione transfrontaliera che coinvolge, oltre ai paesi europei, i partner delle Regioni costiere del Mediterraneo (programma europeo di vicinato). Le adesioni al Seminario devono pervenire entro il 7 aprile 2015 tramite il numero verde o tramite l' La newsletter è curata dalla Direzione per la ricerca e il territorio - Terzo Settore. Se si desidera iscriversi alla mailing list, inviare una all'indirizzo inserendo nell'oggetto "richiesta iscrizione". Università degli Studi di Cagliari Direzione per la ricerca e il territorio Via S. Giorgio, 12 - ingresso 3, piano Cagliari Tel

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Il futuro che vogliamo

Il futuro che vogliamo Il futuro che vogliamo traduzione italiana di Laura Catalani, Claudio Falasca e Toni Federico Fondazione per lo Sviluppo sostenibile I. La nostra visione comune 1. Noi, i Capi di Stato e di Governo e rappresentanti

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

OGGETTO: Giornata del dono e Concorso "Donare, molto più di un semplice dare"

OGGETTO: Giornata del dono e Concorso Donare, molto più di un semplice dare Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione e la Partecipazione Ufficio

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

EXPORTIAMO BUON VIVERE 2015

EXPORTIAMO BUON VIVERE 2015 Comune di Forlì PRESENTANO EXPORTIAMO BUON VIVERE 2015 NOTTE VERDE e dell'innovazione RESPONSABILE e SETTIMANA DEL BUON VIVERE a cura di Centro per l Innovazione e lo Sviluppo Economico AZIENDA SPECIALE

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Gioventù in Azione Guida al Programma

Gioventù in Azione Guida al Programma Gioventù in Azione Guida al Programma Valida dal 1 gennaio 2013 Sommario INTRODUZIONE... 1 SEZIONE A INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGRAMMA GIOVENTÙ IN AZIONE... 3 1. Quali sono gli obiettivi, le priorità

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Guida ai finanziamenti europei per la progettazione sociale

Guida ai finanziamenti europei per la progettazione sociale Guida ai finanziamenti europei per la progettazione sociale Schede dei principali Programmi co-finanziati dall UE per la realizzazione di progetti sociali A cura di Progetti Sociali s.r.l. Impresa Sociale

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli