Dall intersoggettività infantile alla comunicazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dall intersoggettività infantile alla comunicazione"

Transcript

1 Dall intersoggettività infantile alla comunicazione Stein Bråten e Colwyn Trevarthen Da: Bråten, S. (ed.), On Being Moved. From Mirror Neurons to Empathy, Amsterdam/Philedelphia, John Benjamins Publishing Company, 2007 Negli ultimi decenni la storia dell infanzia umana che era stata raccontata dai filosofi e dalle scienze mediche ha dovuto essere riscritta. Al posto dell idea che il bambino sia a-sociale ed ego-centrico, c è una nuova comprensione del fatto che ogni essere umano viene al mondo dotato di un vivace talento per la comunione interpersonale. L opinione positiva di molti genitori ha ricevuto numerose conferme da attente ricerche e osservazioni. Così, micro-analisi di proto-conversazioni con neonati di due mesi hanno rivelato che essi sono dotati di un sistema cerebrale che permette la percezione diretta di interesse e sentimento in un altra persona, e una sintonizzazione dialogica che permette un coinvolgimento delicato, regolato emozionalmente. Come i processi di partecipazione alterocentrica che Bråten (1998a, 2002) trova nelle situazioni di apprendimento culturale precoce, che molto probabilmente sono sostenute dal sistema dei neuroni-specchio scoperti da Rizzolatti e la sua equipe (Rizzolatti & Arbib, 1998), queste caratteristiche rompono radicalmente con gli assunti delle tradizioni freudiana e piagetiana, che implicano un lungo periodo evolutivo di decentramento prima che la socialità e l intersoggettività possano emergere. Modi dell intersoggettività Oggi, sulla base delle scoperte empiriche degli ultimi tre decenni, siamo in grado di distinguere diversi livelli di sintonizzazione intersoggettiva nello sviluppo umano prima della comparsa del linguaggio. L intersoggettività innata, definita negli anni 70 (Trevarthen, 1974, 1979; Bateson, 1975, 1979; Stern, 1977; Bullowa, 1979) aiuta a comprendere l emergere nel neonato del desiderio di parlare il linguaggio materno e della partecipazione intenzionale nell apprendimento di abitudini e modi culturali per tutto il periodo infantile. Seguire lo sviluppo della comunicazione di scopi e interessi nei primi due anni di vita ha condotto ad un resoconto ricco di sfumature di come il bambino usa la negoziazione con la consapevolezza e l intenzionalità dell altro allo scopo di comprenderne i significati. Lo schema seguente sintetizza le 1

2 tappe principali che preparano la strada e sostengono l elaborazione di competenze di livello superiore nella comunicazione e nel pensiero, inclusi il linguaggio conversazionale, la creazione di spiegazioni narrative e la condivisione di miti, credenze e idee scientifiche presenti nell ambiente familiare. 2 I. Dialogo intersoggettivo primario, fatto di proto-conversazione e reciproca imitazione simpatetica, visibile nelle prime settimane di vita. Esso conduce a vivaci giochi, ricchi dell emozione della consapevolezza dell altro. Gli attaccamenti affettivi sono rinforzati in questi giochi, e creano relazioni intorno ad abituali strutture e riti di canzoncine e giochi attivi, nei quali il bambino impara a prendere parte attiva, come ad esempio l interazione simile a una danza di un lattante di 11 mesi con la madre sul fasciatoio, registrata da Bråten nel Uno scambio di imitazioni ed espressioni emozionali può essere sollecitato nelle prime ore dopo la nascita (es. registrato nel 1983 da Kugiumutzakis, che fa vedere come il bambino mostra iniziativa, allo stesso modo in cui copia i movimenti). Ciò rivela che l imitazione di movimenti eseguiti da altri non è che un elemento della capacità innata di reciproco coinvolgimento, espressione di interesse empatico. Il reciproco rispecchiarsi e fare a turno che ritroviamo nella matura conversazione verbale, è chiaramente prefigurato in questi primi incontri di gioco mimetico-empatico, e la musicalità comunicativa implicita nella proto-conversazione diadica, si presta ad essere descritta in termini di parametri musicali, come ritmo e qualità. Dopo pochi mesi, il bambino può mostrare una socialità più ampia, essendo capace di impegnarsi contemporaneamente con più di un altra persona. II. Sintonizzazione intersoggettiva secondaria, visibile in una trangolazione soggetto-soggetto-oggetto (Trevarthen & Hubley, 1978), nella quale oggetti di attenzione congiunta e di riferimento emozionale sono messi in gioco come eventi di attenzione reciproca all interno di relazioni di fiducia. Il mostrare conoscenze e abilità imparate attraverso la condivisione di intenzioni e interessi è animato da emozioni di orgoglio e vergogna. Le azioni dell altro orientate sull oggetto sollecitano una percezione partecipante o una azione simile, come ad esempio il bambino che impara a riprodurre l azione di porgere il cibo col cucchiaio prima del compimento di un anno di età (registrato da Bråten nel 1996), e talvolta co-movimenti di aiuto, che intuiscono l intenzione (mancata) dell altro, come

3 nell esempio registrato da Trevarthen e Hubley di Tracy (11 mesi) che aiuta la mamma a spostare un oggetto. Nei mesi finali del primo anno, le parole che gli altri usano per indicare persone, azioni od oggetti attraggono l attenzione e invitano all imitazione. In seguito, dopo il 14 mese circa, i gesti e le vocalizzazioni del protolinguaggio lasciano il posto alla chiarezza linguistica, dando voce a contenuti e significati condivisi, che mostrano una consapevolezza reciproca. III. Comprensione intersoggettiva terziaria (Bråten & Trevarthen, 1994/2000), nel linguaggio conversazionale e narrativo, che implica asserzioni e un senso di sé e dell altro verbale e narrativo, in modalità di comunicazione simbolica di primo livello, e, (dai 3 ai 6 anni) apre alla capacità di articolare i punti di vista e all assorbimento emozionale, nel dialogo sé-altro nel gioco o nella narrazione immaginativa, nella simulazione della mente del compagno di conversazione, e nella capacità dell ascoltatore di completare le frasi incompiute in virtù della partecipazione alterocentrica (Bråten, 2002). Vogliamo sottolineare l importanza delle radici e del nutrimento socioemozionale nello sviluppo delle competenze dialogiche. Le emozioni sostenute nei coinvolgimenti affettivi tra adulti e bambini, e in seguito con i pari e altri soggetti di varie età, sono essenziali per la regolazione di un normale sviluppo del cervello, che porta alla crescita della coscienza dialogica e creativa, quindi al senso della comune consapevolezza culturale. Le emozioni non sono semplicemente responsabili del naturale controllo delle spinte istintive e delle avversioni, che serve all immediata sopravvivenza del corpo e fornisce regolarità ai cicli dell alimentazione e del sonno-veglia del bambino. Le emozioni che generano espressione nei cervelli separati della madre e del bambino possono essere unite in una confluenza affettiva che sviluppa una propria organizzazione, un organizzazione che si riflette nella più generale relazione sé-altro della mente in evoluzione. Il passaggio tra la competenza dialogica e la coscienza si manifesta nella sintonizzazione intersoggettiva a vari livelli dalla confluenza degli affetti al livello primario all avanzata simulazione sé-altro, fino ad un livello più avanzato che implica circuiti interni dialogici e auto-poietici di prospettive complementari sé-altro. 3 Di conseguenza, un punto importante è che queste acquisizioni di livello superiore continuano ad essere sostenute da capacità e competenze che si

4 dispiegano nei livelli primario e secondario, che continuano ad essere operative e supportive per tutto l arco della vita, come i diversi sensi del sé individuati nel modello di Stern (1985/2000). Questo tipo di processi di appagamento reciproco che abbiamo visto nelle proto-conversazioni precoci e nelle situazioni di apprendimento culturale prima del compimento del primo anno di vita, possono essere visti come simili alle caratteristiche della conversazione verbale di ordine superiore. Per esempio, gli adolescenti nella conversazione faccia a faccia spesso rispecchiano i gesti reciproci in modo molto simile a quello che osserviamo nelle interazioni precoci adulto-bambino, e molte volte assistiamo al completamento delle asserzioni dell altro, allo stesso modo delle sequenze che si manifestano nel gioco manuale preverbale orientato sull oggetto. Ad esempio, nel dialogo tra partecipanti con pari competenze linguistiche, la sintonizzazione sulla sintonizzazione dell altro (Rommetveit, 1998: 360) sembra predisposta per l interazione reciproca, simile a una danza, che possiamo osservare nelle prime settimane dopo la nascita. Il fatto che i neonati, 45 minuti dopo la nascita, sono capaci di imitare le espressioni facciali degli adulti con i quali entrano in contatto, è l evidenza di questa predisposizione innata. Naturalmente, altre forme di comunicazione umana adulta condividono gli stessi principi vitali e le stesse fondazioni ritmiche, e questo è specialmente chiaro nelle performance rituali, nel dramma, nella musica e nella danza. Qui di seguito, presentiamo una succinta caratterizzazione di alcune delle operazioni caratteristiche dei vari livelli. I. Imitazione e protoconversazione nei primi mesi di vita. Molti genitori hanno fatto l esperienza di come i loro bambini nei primi mesi di vita rispondono in modo complementare in un gioco finemente sintonizzato di soddisfazione reciproca e di rispecchiamento di gesti ed espressioni. Perfino durante le prime settimane di vita, madre e bambino possono raggiungere tale coordinazione di espressioni e movimenti, in una specie di danza circolare di movimenti corporei che si intrecciano e si completano reciprocamente. C è una sintonizzazione intersoggettiva primaria nel modo della reciproca protoconversazione soggetto-soggetto e nella comunione interpersonale, in cui ognuno partecipa e si accorda all espressione e al gesto emotivo dell altro, e ai movimenti che producono suoni, che invita al rispecchiamento e alla sintonizzazione affettiva, che inizia subito dopo la 4

5 5 II. nascita e prepara e sostiene competenze di ordine superiore più avanti nella vita. Per esempio, per quanto concerne l imitazione vocale e lo sviluppo del linguaggio, si è visto come un neonato di 45 minuti tenta di imitare il suono /a/, e uno di 20 settimane /a/, /u/, e /i/. A 6 settimane, e volte anche prima, il neonato si impegna in una protoconversazione reciproca con l adulto. Nella sua percezione precoce del linguaggio, il bambino inizia a sfrondare i suoni, separandoli dall ambiente percettivo (Kuhl, 1998). È stato documentato con studi sperimentali che nelle prime settimane di vita il bambino inizia ad imitare vari tipi di gesti, come la protrusione della lingua, movimento delle sopracciglia, rotazione della testa, movimenti delle dita, e gesti e movimenti che esprimono sorpresa, piacere e noia, nonché produzioni vocali. Un esempio evidente è la documentazione video di Kugiumutzakis (1983; 1998: 74), che mostra come i neonati già nella prima ora dopo la nascita tentano di imitare l adulto, in risposta a movimenti della bocca e delle sopracciglia. Invitati anche all imitazione vocale, rispettivamente, dei suoni /a/, /m/ e /ang/, i neonati (da 14 a 42 minuti dalla nascita) riescono a riprodurre il suono /a/, mentre non riescono con gli altri suoni. Cercando di emettere il suono, accompagnato con movimenti di tensione nelle mani e occhi chiusi, il risultato era di solito un intensa esplosione di un /a/ prolungato e non strutturato. Abbiamo un evidenza delle capacità di ascolto musicale dei neonati, e della loro preferenza naturale per gli aspetti musicali della voce. Perfino un neonato prematuro può attivamente contribuire ad un preciso scambio ritmico-canoro, con una regolazione di altezza e di timbro (Trevarthen, 1993; Malloch, 1999). Il modo con cui si parla ai neonati, anche in lingue diverse, ha aspetti ritmici e prosodici universali, e i suoni ascendenti suscitano e mantengono l attenzione dei bambini, più di quelli discendenti. A differenza dell acuto ascendente delle vocalizzazioni materne che stimolano il bambino, il suono è più basso e continuo nel confortare (Fernald, 1992; Papousek, 1994). C è una regolazione precisa della voce materna, e i neonati hanno un innata preferenza per l estensione vocale di una madre felice, quale che sia la lingua in cui parla. Apprendimento orientato all oggetto attraverso l azione partecipante. Quando entrano in gioco oggetti di attenzione congiunta e di rilevanza emozionale, intorno ai nove mesi, una finestra si apre per l apprendimento

6 imitativo della manipolazione di oggetti. Bråten (1996) ha documentato che i bambini sono capace di porgere il cibo col cucchiaio, imitando la persona che li nutre, prima del compimento di un anno di vita ad esempio, un bambino di 11 mesi, quando gli è dato il cucchiaio in mano, lo porge alla sorella maggiore come per nutrirla, e apre persino la bocca nell operazione. (Fig. 1, 2). Fig 1. Immagine tratta dal videotape di Bråten Fig. 2 Vari esempi dei neonati che nutrono i loro caregiver. Quando i bambini rispondono in questo modo, dimostrano che mentre venivano nutriti non partecipavano solo passivamente, ricevendo e mangiando il cibo, ma anche prendendo parte virtualmente al processo di nutrizione, mettendosi dal punto di vista dell adulto. Questo implica la 6

7 7 III. simulazione attraverso una partecipazione alterocentrica all azione dell altro, simile a quanto accade all adulto quando involontariamente apre la bocca mentre porge il cibo al bambino. La loro riproposizione di ciò che hanno esperito ricevendo il cibo dimostra che essi devono essere stati in grado di partecipare ai movimenti della persona che li nutre dal punto di vista di questa l opposto di quanto si pensa se si prende come riferimento la posizione egocentrica. Per essere in grado di restituire l atto del nutrire, devono essere stati in grado di partecipare virtualmente all attività di nutrimento, come se fossero co-autori dell azione (anche se i reali autori sono gli adulti). Questo è il criterio che definisce l apprendimento attraverso la partecipazione alterocentrica (Bråten, 1998). Più o meno allo stesso modo possiamo considerare il modo di agire del bambino di 18 mesi nel modello del recupero del comportamento di Meltzoff. Guardando lo sperimentatore che non riesce a mettere da parte un manubrio, il bambino, quando afferra il manubrio, lo mette da parte, solitamente con un sorriso trionfante. Qui si dimostra la capacità del bambino di leggere l intenzione del modello (Meltzoff & Moore, 1998: 50-52), ma c è molto di più, che può essere specificato nei termini della partecipazione alterocentrica. Dall aver partecipato virtualmente allo sforzo del modello, evocando il completamento simulato dell azione tentata, si produce una riproposizione circolare da parte del bambino, che realizza con successo l intenzione dell azione. Semplicemente guardando qualcuno che cerca di arrivare a uno scopo, il bambino mostra di saper realizzare quello scopo che non è stato raggiunto dall altro, attraverso la memoria emozionale dei circuiti di simulazione mentale evocati dalla percezione partecipante allo sforzo del modello. Di nuovo, questi sono processi operativi caratteristici della conversazione verbale. Comprensione intersoggettiva e contesti conversazionali. In ambedue i casi esposti sopra (il nutrimento reciproco e il compimento di un azione tentata), vediamo in atto processi operativi che somigliano ai processi della conversazione verbale, e probabilmente li sostengono. Qui vi sono precisi paralleli con l efficienza comunicazionale dimostrata nei dialoghi verbali più avanti nell ontogenesi. Per esempio, quando ascoltiamo il nostro partner di conversazione che è sul punto di dire qualcosa, ed esita prima di completare l affermazione, o sembra che non trovi la parola giusta, è

8 normale che senza esitazione forniamo la parola, completando l enunciazione del parlante, che silenziosamente fa un cenno di assenso,o lo conferma con un semplice si. Analoga è la situazione della pappa : quando i movimenti della bocca della persona che nutre bambino o adulto rispecchiano il movimento corrispondente di chi viene nutrito, possiamo vedere un parallelo con la partecipazione esibita dai partecipanti ad una conversazione verbale, che ricostruiscono reciprocamente gli atti verbali dell altro, e talvolta nel completano gli enunciati. Dai 3 ai 6 anni circa, si manifesta la meta-comprensione della comprensione dell altro, che implica una comprensione di secondo ordine di pensieri ed emozioni in sé stesso e nell altro, in virtù di una simulazione ricorsiva dei processi mentali dell altro che inizia con il riconoscimento della bugia, e l attribuzione di false credenze e con le costruzioni immaginative co-narrative con i pari, e permettendo al bambino che ascolta una storia di assumere il punto di vista del personaggio principale, come dimostrato da Harris (1998) e da Rall & Harris (2000). Questo riguarda il salto qualitativo verso la simulazione infantile o la teoria della mente, correlata con le loro abilità verbali e conversazionali, che implica la comprensione di secondo ordine dei pensieri e delle emozioni dell altro. Sembra ragionevole assumere che un sistema speculare per accordarsi agli atti degli altri può costituire una strada verso la simulazione delle altre menti (Bråten, 1998; Gallese & Goldman, 1998; Bråten & Gallese, 2004), e che questa capacità preverbale di partecipare virtualmente a quello che fanno gli altri può sostenere quella modalità ricorsiva di feedback che Bråten (1974) definisce simulazione conversazionale del modello della mente, che illustra come i partecipanti ad un dialogo simulano la produzione verbale e la comprensione dell altro. La musicalità nella comunicazione prelinguistica. La musicalità manifesta i propri aspetti fondamentali nei modi espressivi in cui il corpo umano addestrato si muove, e anche nei modi in cui i bambini agiscono in relazione alle espressioni ritmiche nelle vocalizzazioni nei gesti di altri esseri umani. Un neonato riconosce la madre dal tono e dalle inflessioni della sua voce. Quando un bambino di sei mesi sorride riconoscendo la sua canzoncina favorita, e 8

9 si muove al ritmo, è come conoscere il proprio nome, mostrando un me sociale all interno della condivisione affettiva familiare (Trevarthen, 2002: 21). È stato notato che una madre felice vocalizza intorno all ottava sopra il Do intermedio, e che l eloquio di una madre depressa,che non riesce a catturare l interesse del bambino, scende sotto tale estensione. L estensione musicale e la sua modulazione espressiva nel canto sembrano essere attributi innati della comunicazione vocale umana. La musica cerca ed invita all esperienza del movimento, e il suo suono cantato, simile a quello della voce, richiama anche sentimenti morali e affettivi che ci portano verso il sentire empatico (Panksepp & Bernatsky 2002). Per molti anni i coniugi Papousek e Daniel Stern e i suoi colleghi hanno, pur se in modi diversi, rivolto la loro attenzione alla musicalità dell espressione nella comunicazione con i bambini nella prima infanzia. I Papousek (1981) hanno identificato forme musicali di espressione intuitivamente prodotte da genitori e bambini, in una prospettiva di apprendimento culturale. Stern (1985) ha identificato la sintonizzazione affettiva della voce materna, con l essenziale supporto affettivo da cui dipende lo sviluppo di una personalità sicura ed espressiva nel bambino. Un senso interiore del tempo (kairos, e non chronos) è visibile nell attività spontanea di un neonato in tranquillo controllo dell energia del movimento nel momento presente (Stern, 2004). Il corpo del bambino si muove ritmicamente, in cicli scorrevoli di sforzo. Ciò mostra la misurata gerarchia ritmica del controllo motorio centrale, che è stata chiamata IMP, Intrinsic Motive Pulse (Pulsazione Motoria Intrinseca). Quelli che tra i muscoli e le giunture degli arti del bambino, come pure all interno del corpo, in quegli organi eterocettivi speciali che rispondono ai pattern energetici riflessi dall ambiente cavalcano il movimento, assorbendo efficientemente gli effetti di pressione, tocco, vista e suono. Riflessi di sorpresa disturbano il flusso solo occasionalmente, quando c è l intrusione di qualche stimolo inaspettato e non assimilato. L osservazione della partecipazione attiva dei bambini alle canzoncine e ai giochi corporei della madre mostra quanto essi sono interessati, e quanto siano disposti a muoversi con la musica. Mazokopaki and Trevarthen (2007) riportano che un bambino di 6 mesi si calma ascoltando la musica, si orienta e sorride, e in seguito si accorda con movimenti ritmici, quando afferra la musica. Bambini di 3 o 4 mesi imparano velocemente le canzoni, si muovono in accordo con esse, e 9

10 10 mostrano ai familiari la loro contentezza di essere capaci di muoversi con il ritmo e la melodia. Malloch (1999) ha dimostrato che il suono di una protoconversazione registrata tra una bambina scozzese di 6 settimane, Laura, e la madre poteva essere analizzata in termini rigorosamente acustico-musicali, secondo la base ritmica, il controllo qualitativo dell espressione melodica in altezza e timbro, fraseggio, con divisione, e progressione in cicli di decine di secondi in cicli narrativi di energia ed eccitazione. La sintonizzazione reciproca e i modi musicali in cui il bambino e l adulto, in una protoconversazione, risuonano reciprocamente, e reciprocamente completano suoni e movimenti dell altro, attestano la musa interiore (Bjorkvold 1992), e e possono essere paragonati ad alcune caratteristiche della conversazione verbale intima, in cui ogni partecipante completa gli enunciati dell altro. Supporto neurofisiologico e questioni sulla filogenesi Quando l ascoltatore completa l enunciato dell altro e quando la bocca della persona che nutre si apre riproducendo il movimento di chi è nutrito, la loro partecipazione virtuale è piuttosto evidente. Un sostegno parziale dal punto di vista neurofisiologico a queste cose è stato recentemente scoperto. La scoperta dei neuroni specchio, e l evidenza elettrofisiologica di un sistema di rispecchiamento nel cervello umano, ci informano sul tipo di sistema neurofisiologico che sostiene i processi di percezione partecipante di cui abbiamo parlato. I neuroni specchio, trovati per la prima volta nel cervello dei macachi, che scaricavano allo stesso modo quando la scimmia si prepara ad afferrare un pezzo di cibo e quando osserva un altro afferrarlo, appartengono ad un sistema che appare in grado di accordarsi all atto percepito, attraverso una simile attivazione interna del percettore. (Di Pellegrino et al. 1992; Fadiga et al. 1995; Stamenov & Gallese (Eds.) 2002). Ulteriori evidenze sperimentali suggeriscono che tale sistema esiste anche negli esseri umani, nella regione cerebrale che contiene l area di Broca (che non è solo funzionale al linguaggio, ma appare attiva sia durante l esecuzione di movimenti manuali, sia durante l immaginazione di essi). Identificando questo sistema che permette che all azione osservata corrisponda un azione simile, generata interiormente, dell osservatore, Rizzolatti e Arbib (1998) fanno riferimento alla teoria motoria della percezione del

11 linguaggio di Liberman (1993), che implica uno stretto legame tra la produzione e la percezione del linguaggio. Questo è parzialmente coincidente con il modello della simulazione mentale conversazionale di Bråten (1974) in cui l ascoltatore prende parte al processo di produzione verbale del parlante, e presuppone il substrato operazionale di un tale sistema di rispecchiamento. Bibliografia Akhtar, N., & Tomasello, M. (1998). Intersubjectivity in early learning and use. In S. Braten (Ed.), Intersubjective Communication and Emotion in Early Ontogeny (pp ). Cambridge: Cambridge University Press. Bateson, M. C. (1975). Mother-infant exchanges: The epigenesis of conversational interaction. In D. Aaronson & R. W. Rieber (Eds.), Developmental Psycholinguistics and Communication Disorders. Annals of the New York Academy of Sciences (Vol. CCLXIII) (pp ). New York: New York Academy of Sciences. Bateson, M. C. (1979). The epigenesis of conversational interaction. In M. Bullowa (Ed.), Before Speech (pp ). Cambridge: Cambridge University Press. Bjorkvold, J. R. (1992). The Muse Within: Creativity and Communication, Song and Play from Childhood through Maturity. New York: Harper Collins. Braten, S. (1974). Coding simulation circuits during symbolic interaction. Proceedings of the 7th International Congress on Cybernetics, 1973 (pp ). Namur: Association Internationale de Cybernetique. Braten, S. (1988). Dialogic mind: The infant and the adult in protoconversation. In M. Carvallo (Ed.), Nature, Cognition and System, I (pp ). Dordrecht: Kluwer Academic Publishers. Braten, S. (1996). Infants demonstrate that care-giving is reciprocal. Centre for Advanced Study SHS Newsletter, 2 (November), 2. Braten, S. (1998a). Infant learning by altercentric participation: The reverse of egocentric observation in autism. In S. Braten (Ed.), Intersubjective Communication and Emotion in Early Ontogeny (pp ). Cambridge: Cambridge University Press. Braten, S. (1998). Kommunikasjon ogsamspill -f raf0dsel til alderdom. Oslo: Tano-Aschehoug. Braten, S. (Ed.). (1998). Intersubjective Communication and Emotion in Early Ontogeny. Cambridge: Cambridge University Press. (In 2006 also in paperback issue.) Braten, S. (2002). Altercentric perception by infants and adults in dialogue: Ego s virtual participation in alter s complementary act. In M. Stamenov & V. Gallese (Eds.), Mirror Neurons and the Evolution of Brain and Language (pp ). Amsterdam/Philadelphia: John Benjamins. Braten, S. (2004). The hominin infant decentration hypothesis: Mirror neurons system adapted to subserve mother-centered participation. Commentary Behavioral and Brain Sciences, 27 (4), Braten, S., & Trevarthen, C. (1994/2000). Beginings of cultural learning. (Presented at the ZiF symposium, organized by Gunter Dux, University of Bielefeld, November 1994). In S. Braten (Ed.), Modellmakt og altersentriske spedbarn. Essays on Dialogue in Infant and Adult (pp ). Bergen: Sigma. Braten, S., & Gallese, V. (2004). On mirror neurons systems implication for social cognition and intersubjectivity (Interview by the editors L. T. Westlye & T. Weinholdt). Impuls, 58 (3), Bruner, J. (1995) The Culture of Education. Cambridge, MA: Harvard University Press. Bullowa, M. (Ed.). (1979). Before Speech. Cambridge: Cambridge University Press. Di Pellegrino, G., Fadiga, L., Fogassi, L., Gallese, V., & Rizzolatti, G. (1992). Understanding motor events: A neurophysiological study. Experimental Brain Research, 91, Donald, M. (1991). Origins of the Modern Mind. Three Stages in the Evolution of Culture and Cognition. Cambridge: Harvard University Press. Dunn, J. (1998). Siblings, emotion and the development of understanding. In S. Braten (Ed.), Intersubjective Communication and Emotion in Early Ontogeny (pp ). Cambridge: Cambridge University Press. Fadiga, L., Fogassi, L., Pavesi, G., & Rizzolatti, G. (1995). Motor facilitation during action observation: A magnetic stimulation study. Journal of Neurophysiology, 73, Fernald, A. (1992). Human maternal vocalizations to infants as biologically relevant signals. In J. H. Barkow, L. Cosmides, & J. Toby (Eds.), Adapted Mind (pp ). New York: Oxford University Press. Gallese, V., & Goldman, A. (1998). Mirror neurons and the simulation theory of mind- reading. Trends in Cognitive Science, 2 (12), Halliday, M. A. K. (1975). Learning How to Mean: Explorations in the Development of Language. London: Edward Arnold. Harris, P. (1998). Fictional Absorption: Emotional response to make-believe. In S. Braten (Ed.), Intersubjective Communication and Emotion in Early Ontogeny (pp ). Cambridge: Cambridge University Press. Hobson, R. Peter (1998). The intersubjective foundations of thought. In S. Braten (Ed.), Intersubjective Communication and Emotion in Early Ontogeny (pp ). Cambridge: Cambridge University Press. Kugiumutzakis, G. (1998). Neonatal imitation in the intersubjective companion space. In S. Braten (Ed.), Intersubjective Communication and 11

12 Emotion in Early Ontogeny (pp ). Cambridge: Cambridge University Press. Kuhl, P. (1998). Language, culture and intersubjectivity: The creation of shared perception. In S. Braten (Ed.), Intersubjective Communication and Emotion in Early Ontogeny (pp ). Cambridge: Cambridge University Press. Liberman, A. M. (1993). Haskin Laboratories Status Report on Speech Research, 113, Malloch, S. (1999). Mother and infants and communicative musicality. In I. Deliege (Ed.), Rhythms, Musical Narrative, and the Origins of Human Communication. Musicae Scientiae, Special Issue, (pp ). Liege, Belgium: European Society for the Cognitive Sciences of Music. Mazokopaki, K., & Trevarthen, C. (2007). Infants rhythms: Moving in the absence and presence of music. In S. Malloch & C. Trevarthen (Eds.), Communicative Musicality: Narratives of Expressive Gesture and Being Human. Oxford: Oxford University Press (in preparation). Meltzoff, A. N., & Moore, M. K. (1998). Infant intersubjectivity: Broadening the dialogue to include imitation, identity and intention. In S. Braten (Ed.), Intersubjective Communication and Emotion in Early Ontogeny (pp ). Cambridge: Cambridge University Press. Nagy, E., & Molnar, P. (2004). Homo imitans or Homo provocans? Human imprinting model of neonatal imitation. Infant Behaviour and Development, 27 (1), Panksepp, J., & Bernatzky, G. (2002). Emotional sounds and the brain: The neuro-affective foundations of musical appreciation. Behavioural Processes, 60, Papousek, H., &Papousek, M. (1987). Intuitive parenting: a dialectic counterpart to the infant s integrative competence. In H. R. Schaffer (Ed.), Handbook of Infant Development (pp. 6785). London: Academic Press. Rall, J., & Harris, P. (2000). In Cinderella s slippers. Story comprehension from the protagonist s point of view. Development Psychology, 36, Reddy, V. (2003). On being the object of attention: Implications for self-other consciousness. Trends in Cognitive Sciences, 7 (9), Rogoff, B. (2003). The Cultural Nature of Human Development. Oxford: Oxford University Press. Rizzolatti, G., Camarda, R., Fogassi, M., Gentilucci, M., Luppino, G., & Matelli, M. (1988). Functional organization of interior area 6 in the macaque monkey. Experimental Brain Research, 71, Rizzolatti, G., &Arbib, M. (1998). Language within our grasp. Trends in Neurosciences, 21 (5), Rizzolatti, G., Craighero, L., & Fadiga, L. (2002). The mirror system in humans. In M. Stamenov & V. Gallese (Eds.), Mirror Neurons and the Evolution of Brain and Language (pp ). Amsterdam/Philadelphia: John Benjamins. Rommetveit, R. (1998). Intersubjective attunement and linguistically mediated meaning in discourse. In S. Braten (Ed.), Intersubjective Communication and Emotion in Early Ontogeny (pp ). Cambridge: Cambridge University Press. Selby, J. M., & Bradley, B. S. (2003). Infants in groups: A paradigm for study of early social experience. Human Development, 46, Stamenov, M., & Gallese, V. (Eds.). (2002). Mirror Neurons and the Evolution of Brain and Language. Amsterdam/Philadelphia: John Benjamins. Stern, D. N. (1985). The Interpersonal World of the Infant. New York: Basic Books. Stern, D. N. (2000). Introduction to the paperback edition. In D. N. Stern (Ed.), The Interpersonal World of the Infant (pp. xi-xxxix). New York: Basic Books. (Also: London: Keaton 2003). Stern, D. N. (2004). The Present Moment in Psychotherapy and Everyday Life. NewYork: Norton. Trevarthen, C. (1974). Conversation with a two-month-old. New Scientist, 2, Trevarthen, C. (1979). Communication and cooperation in early infancy: A description of primary intersubjectivity. In M. Bullowa (Ed.), Before Speech (pp ). Cambridge: Cambridge University Press. Trevarthen, C. (1980). The Foundations of Intersubjectivity. In D. Olson (Ed.), The Social Foundation of Language and Thought (pp ). New York: Norton and Co. Trevarthen, C. (1986). Development of intersubjective motor control in infants. In M. G. Wade & H. T. A. Whiting (Eds.), Motor Development. Dordrecht: Martinus Nijhoff. Trevarthen, C. (1988). Infants trying to talk: How the child invites communication from the human world. In R. Soderbergh (Ed.), Children s Creative Communication (pp. 9-31). Lund: Lund University Press. Trevarthen, C. (1989). Origins and directions forthe concept ofinfant intersubjectivity. SRCD Newsletter, Autumn, 1-4. Trevarthen, C. (1990a). Signs before speech. In T. A. Sebeok & J. Umiker-Sebeok (Eds.), The Semiotic Web (pp ). Berlin/New York: Mouton de Gruyter. Trevarthen, C. (1990b). Growth and education in the hemispheres. In C. Trevarthen (Ed.), Brain Circuits and Functions of the Mind: Essays in Honours of Roger Sperry (pp ). NewYork: Cambridge University Press. Trevarthen, C. (1992a). Emotions of human infants and mothers and development of brain. Behavioral and Brain Sciences, 15 (3), Trevarthen, C. (1992b). An infant s motives for speaking and thinking in the culture. In A. H. Wold (Ed.), The Dialogical Alternative (pp ). Oslo: Scandinavian University Press/Oxford University Press (distr.). Trevarthen, C. (1993). The self born in intersubjectivity: An infant communicating. In U. Neisser (Ed.), The Perceived Self (pp ). New York: Cambridge University Press. Trevarthen, C. (1998). The concept and foundations of infant intersubjectivity. In S. Braten (Ed.), Intersubjective Communication and Emotion in Early Ontogeny (pp ). Cambridge: Cambridge University Press. Trevarthen, C. (2002). Origins of musical identity: Evidence from infancy for musical social awareness. In R. A. R. Mac Donald, D. J. Hargreaves, & D. Meill (Eds.), Musical Identities (pp ). Oxford: Oxford University Press. Trevarthen, C., & Hubley, P. (1978). Secondary intersubjectivity: Confidence, confiding, and acts of meaning in the first year. In J. Lock (Ed.), Action, Gesture, and Symbol (pp ). London: Academic Press. Trevarthen, C., Aitken, K. J., Papoudi, D., & Robarts, J. Z. (1998). Children with Autism (2nd ed.). London: Jessica Kingsley. Trevarthen, C., & Schogler, B. (2004). On musicality: Learning it s meaning from infants voices and jazz. Draft forthe Theory Forum Symposium on (Pre)verbal Intersubjectivity in Light of New Findings. The Norwegian Academy of Science, Oslo, October

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia

Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) GLI AMBITI CLASSICI DELLO SVILUPPO SV. FISICO-CEREBRALE SV. SENSORIALE-PERCETTIVO SV. MOTORIO SVILUPPO COGNITIVO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO SV.

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue Italian Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue The Italian translation of The right of the deaf child to grow up bilingual by François Grosjean University of Neuchâtel, Switzerland Translated

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

La molteplice natura delle relazioni interpersonali: la ricerca di un comune meccanismo neurofisiologico

La molteplice natura delle relazioni interpersonali: la ricerca di un comune meccanismo neurofisiologico La molteplice natura delle relazioni interpersonali: la ricerca di un comune meccanismo neurofisiologico Vittorio Gallese vittorio.gallese@unipr.it http://www.unipr.it/~mirror/english/staff/gallese.htm

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni.

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Ebook gratuito A cura della D.ssa Liliana Jaramillo, Psicologa ed esperta in stimolazione infantile http://www.bimbifelicionline.it Copyright

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Dai neuroni specchio alla consonanza intenzionale

Dai neuroni specchio alla consonanza intenzionale Rivista di Psicoanalisi, 2007, LIII, 1, 197-208. Dai neuroni specchio alla consonanza intenzionale Meccanismi neurofisiologici dell intersoggettività Vittorio Gallese Dipartimento di Neuroscienze Università

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner

Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner 1. Il concetto di sviluppo cognitivo. In Psicologia, per sviluppo cognitivo si intende lo sviluppo

Dettagli

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Premessa. Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Il percorso didattico realizzato è parte integrante di un progetto interculturale, Girotondo intorno al mondo, la cui tematica

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA.

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Raffello Cortina, Milano 2007 Benjamin Libet Il libro di Benjamin Libet ruota intorno alla problematica della relazione fra cervello ed esperienza

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Il termine indessicalità indica l onnipresente dipendenza dal contesto degli enunciati di qualunque lingua naturale, e comprende fenomeni diversissimi come

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13 Teoria musicale - 13 CAP X GLI INTERVALLI Quando si parla di intervalli nella teoria musicale, si intende la valutazione tonale della distanza tra due note. Non si tratta quindi l argomento dal punto di

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Un approccio inclusivo per Disturbi Specifici e Difficoltà di Apprendimento Anna Maria Antonucci AIRIPA Puglia Lo sviluppo dell intelligenza

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli