Dall Unità d Italia al 2050: dinamiche demografiche e modalità evolutive della popolazione. Specificità relative alla Puglia *

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dall Unità d Italia al 2050: dinamiche demografiche e modalità evolutive della popolazione. Specificità relative alla Puglia *"

Transcript

1 Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi Università degli Studi di Bari Aldo Moro - Vol. X (2011): Cleup, Padova - ISBN: Dall Unità d al 2050: dinamiche demografiche e modalità evolutive della popolazione. Specificità relative alla * Nunzio Mastrorocco Istituto Pugliese di Ricerche Economiche e Sociali (IPRES) Umberto Salinas Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università di Bari Aldo Moro Riassunto: Il presente contributo intende, per un verso, evidenziare brevemente le evoluzioni e le dinamiche demografiche della popolazione italiana nel corso degli ultimi 150 anni, per un altro, corroborato da dati previsionali, contribuire all intuizione ed interpretazione di possibili scenari demografici futuri nazionali e trans-nazionali. Nella prima parte dello studio vengono illustrati le dinamiche demografiche della popolazione italiana dal 1861 ad oggi; le variabili connesse alla natalità, nuzialità, fecondità, mobilità e mortalità sono analizzate sotto il duplice profilo di stock e di flusso mediante un articolata lettura strutturale. Una seconda sezione del contributo fornisce elementi prospettici, per la prima metà del XXI secolo, di quelle che potrebbero essere le modalità evolutive della popolazione italiana nelle sue componenti più importanti. Keywords:, popolazione,, dinamiche demografiche. * Il presente lavoro è stato elaborato in collaborazione fra gli Autori; tuttavia, è attribuibile a N. Mastrorocco la redazione dei par. 1, 3-4 e 6-8, a U. Salinas quella dei par. 2 e 5.

2

3 Mastrorocco N., Salinas U. - Dall Unità d al 2050: dinamiche demografiche e modalità evolutive della popolazione. Specificità relative alla MOVIMENTI E SVILUPPI DELLA POPOLAZIONE ITALIANA IN 150 ANNI In una panoramica che attraversa due secoli, il presente studio si propone, così, di fornire valide indicazioni a chi è (e chi sarà) chiamato a gestire la questione demografica come materia, oggi, avulsa dai confini nazionali di un Paese ma, anzi, oramai - a pieno titolo - considerata una vera e propria priorità comunitaria e planetaria. A 150 anni dalla sua unità l ha visto una crescita demografica di notevole rilievo; nello specifico, infatti, la popolazione italiana si è più che raddoppiata passando da circa 26 milioni ad oltre 60 milioni di residenti (tav.1). Nel complesso la serie storica in questione consente agevolmente di evidenziare incrementi demografici importanti in due particolari momenti Tabella 1. Popolazione residente dell' ai confini attuali per Ripartizioni d' (dati in migliaia) Censimenti ITALIA Nord-Ovest Nord-Est Centro PUGLIA 31 dicembre dicembre dicembre febbraio giugno dicembre aprile aprile novembre ottobre ottobre ottobre ottobre ottobre gennaio 2011* Fonte: ISTAT, SVIMEZ. * Dati di anagrafe.

4 198 Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Vol. X (2011) Figura 1. Evoluzione demografica italiana per circoscrizione Nord-Ovest Nord-Est Centro PUGLIA dicembre dicembre dicembre febbraio giugno dicembre aprile aprile novembre ottobre ottobre ottobre ottobre ottobre gennaio 2011* della propria storia: il Ventennio fasciata periodo come noto in cui l esaltazione della crescita demografica rientrava prepotentemente tra le principali politiche di governo del Regime ed il boom economico degli anni Cinquanta e Sessanta che oltre a coincidere con la fase conclusiva della transizione demografica italiana rappresentò un periodo, senza precedenti, di massima espansione per l economia e produttività del nostro Paese (fig.1). Il dato circoscrizionale assegna all area del dell il primato assoluto; a seguire la popolazione del Nord-Ovest ha rappresentato nel corso di un secolo e mezzo sempre un peso pari a circa un quarto dell intero universo demografico italiano. Tendenze simili si sono registrate per la allorquando la propria incidenza è sempre oscillata tra il 5 ed il 7% della popolazione complessiva nazionale. Osservando il tasso di incremento della popolazione (tav. 2), calcolato in base alla formula dell'interesse composto e prendendo come intervallo di tempo quello intercorrente tra le date dei vari censimenti, si evince

5 Mastrorocco N., Salinas U. - Dall Unità d al 2050: dinamiche demografiche e modalità evolutive della popolazione. Specificità relative alla 199 Tabella 2. Tasso di incremento della popolazione (per mille). Censimenti ITALIA Nord-Ovest Nord-Est Centro PUGLIA 31 dicembre dicembre ,7 6,1 8,0 8,0 5,8 7,6 31 dicembre ,7 5,6 3,9 3,8 7,6 11,2 10 febbraio ,3 5,5 4,6 7,9 7,0 10,6 10 giugno ,9 9,1 14,6 7,4 6,5 10,0 1 dicembre ,9 4,0 6,1 6,1-1,3 1,5 21 aprile ,7 5,6 5,9 8,9 9,7 11,9 21 aprile ,5 4,6 2,0 11,8 7,9 10,5 4 novembre ,6 5,6 5,4 8,5 9,8 13,3 15 ottobre ,4 11,4 0,9 8,0 4,9 6,0 24 ottobre ,7 12,8 5,4 9,3 1,6 4,6 25 ottobre ,4 2,3 3,9 4,6 6,1 7,8 20 ottobre ,4-2,2-0,3 1,0 2,4 4,1 21 ottobre ,4-0,1 2,4 0,0-0,1-0,3 1 gennaio 2011* 6,2 7,6 8,9 9,3 1,9 1,7 Fonte: ISTAT, SVIMEZ. * Dati di anagrafe. che l nel suo complesso ha sempre registrato una variazione positiva, ovvero, una crescita continua. La medesima tendenza la si è avuta solo per le regioni rientranti nella circoscrizione centrale del Paese. Tutte le altre circoscrizioni, infatti, nel corso di un secolo e mezzo hanno fatto registrare dei momenti di flessione delle proprie consistenze demografica; si pensi, ad e- sempio, alle regioni del che tra il 1911 ed il 1921 perdevano ogni anno 1,3 abitanti per mille residenti. Oggi le tendenze in atto vedono degli incrementi più sostenuti per quanto attiene le regioni centro-orientali rispetto a quanto si registra nelle restanti aree del Paese. A fronte di un fattore moltiplicativo (tav. 3) italiano, in 150 dalla sua unità, di circa 2,3 volte, il moltiplicatore della popolazione relativo agli ultimi 50 anni è di appena 1,2 con una variazione di poco meno di 20 punti percentuali. Interessante, per altro verso è il contesto della : essa, infatti, fa segnare un fattore moltiplicativo triplo (in un secolo e mezzo) ed una variazione dell ultimo cinquantennio pari al 19,6% La figura 2 illustra le evoluzioni negli ultimi 150 anni delle incidenze percentuali della popolazione del rispetto a quella del Centro- Nord, della popolazione della rispetto a quella del e della popolazione della rispetto a quella dell. Essa fa emergere che il peso della sul è stato costantemente in crescita passando da circa il 14% (1861) al 20% (2011). Su scala nazionale, invece, è

6 200 Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Vol. X (2011) Tabella 3. Variazioni percentuali e fattore moltiplicativo per taluni periodi temporali Censimenti ITALIA Nord-Ovest Nord-Est Centro PUGLIA variazioni percentuali var 1861/ ,3 130,6 118,2 173,5 117,1 206,4 var 1861/ ,2 37,2 42,9 41,9 40,2 64,4 var 1911/ ,1 37,2 24,6 51,4 37,6 55,9 var 1961/ ,8 22,5 22,5 27,3 12,6 19,6 fattore moltiplicativo 1861/2011 2,3 2,3 2,2 2,7 2,2 3,1 1861/1911 1,4 1,4 1,4 1,4 1,4 1,6 1911/1961 1,4 1,4 1,2 1,5 1,4 1,6 1961/2011 1,2 1,2 1,2 1,3 1,1 1,2 Fonte: ISTAT, SVIMEZ. * Per il 2011 i dati sono di anagrafe. Figura 2. Evoluzioni delle incidenze % della popolazione del rispetto a quella del Centro-Nord, della popolazione della rispetto a quella del e della popolazione della rispetto a quella dell Mez/CN (scala sx) Pug/Mez (scala dx) Pug/ITA (scala dx) dicembre dicembre dicembre febbraio giugno dicembre aprile aprile novembre ottobre ottobre ottobre ottobre ottobre gennaio 2011* 0 passata da un peso del 5,1% al 6,7% dell ultima rilevazione. Più altalenante è stata, invece, l incidenza del rispetto a quella del Centro- Nord del Paese; essa ha raggiunto la maggiore quota nel 1901 allorquando la popolazione meridionale rappresentava il 60% di quella centrosettentrionale. Valori assai simili si raggiungono durante il boom economico degli anni Cinquanta e Sessanta. A seguire sembra osservarsi un trend decrescente sino all attuale proporzione del 53%.

7 Mastrorocco N., Salinas U. - Dall Unità d al 2050: dinamiche demografiche e modalità evolutive della popolazione. Specificità relative alla 201 Con riferimento al rapporto di mascolinità (fig. 3) emerge un dato importante che vede un esubero della popolazione maschile rispetto a quella femminile dall Unità d sino ai primi decenni del Novecento. Il fenomeno si spiega in funzione dell elevata mortalità da parto per le donne. Successivamente il gentil sesso ha conquistato un peso demografico via via crescente determinando incidenze maschi/femmine sempre più favorevoli a quest ultime che nel corso degli ultimi anni hanno fatto registrare (e fanno tuttora registrare) primati nella speranza di vita alla nascita. Nel corso del tempo, le differenze territoriali si sono gradualmente attutite fino a convergere a quote identiche, intorno a 94 maschi per 100 femmine. Figura 3. Rapporto di mascolinità 106,0 ITALIA Centro-Nord PUGLIA 104,0 102,0 100,0 98,0 96,0 94,0 92,0 31 dicembre dicembre dicembre febbraio giugno dicembre aprile aprile novembre ottobre ottobre ottobre ottobre ottobre gennaio 2011*

8 202 Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Vol. X (2011) 2. SULLE PRINCIPALI EVOLUZIONI STRUTTURALI DEMOGRAFICHE DALL UNITÀ AD OGGI Dal punto di vista strutturale la popolazione italiana, nel corso della sua storia, ha visto radicalmente mutare la propria piramide dell età. Si passa, infatti, da una struttura (1861) in cui le consistenze delle classi infantili e giovanili sono assai massicce rispetto alle categorie adulte e anziane della popolazione che incidono minimamente sull intero universo, ad una struttura (2011) cosiddetta a salvadanaio in cui le classi più mature sono, appunto, quelle più pingue. E facilmente intuibile come il maggiore peso demografico si poggi su una base della piramide meno larga rispetto a quanto poteva accadere nel passato, e con chiare ripercussioni sull intero sistema previdenziale e pensionistico. 40 Figura 4 Popolazione 0 14 (%) ITALIA Centro Nord PUGLIA dicembre dicembre dicembre febbraio giugno dicembre aprile aprile novembre ottobre ottobre ottobre ottobre ottobre gennaio 2010* ITALIA Centro Nord PUGLIA Figura 5 Popolazione (%) dicembre dicembre dicembre febbraio giugno dicembre aprile aprile novembre ottobre ottobre ottobre ottobre ottobre gennaio 2010*

9 Mastrorocco N., Salinas U. - Dall Unità d al 2050: dinamiche demografiche e modalità evolutive della popolazione. Specificità relative alla ITALIA Centro Nord PUGLIA Figura 6 Popolazione 65+ (%) dicembre dicembre dicembre febbraio giugno dicembre aprile aprile novembre ottobre ottobre ottobre ottobre ottobre gennaio 2010* La lettura dei dati demografici considerati per struttura (figg. 4, 5, 6) consente di verificare che la classe di individui tra 0 e 14 anni è risultata abbastanza equipollente nei primi decenni dall Unità d - per tutti i territori in questione. Tale fascia pesava, infatti, per poco più di un terzo sulla popolazione complessiva. All indomani della Seconda Guerra Mondiale inizia a definirsi un trend decrescente e differenziato; nel 1951 in l incidenza dei 0-14enni si aggira a circa un quarto della popolazione complessiva, nel Centro-Nord è pari al 23,3% a fronte di un dato pugliese pari a circa il 33% della propria demografia. Nei decenni successivi le tendenze hanno iniziato a convergere fino a raggiungere quote abbastanza vicine nel 2010 allorquando il peso relativo di questa classe di età fluttua tra il 14 e 15 % delle rispettive popolazioni. Il peso dei 15-64enni ha subìto delle differenze territoriali notevoli dal 1911 al 1981; prima di questa arco di tempo, infatti, nei territori osservati, l incidenza delle generazioni adulte si sovrapponevano intorno al 61-62% delle rispettive popolazioni. Negli anni 30 il divario crebbe sino ad assegnare al Centro-Nord del Paese un incidenza pari ai 2/3 del totale a fronte del dove l incidenza era pari al 58%. Negli ultimi anni, per effetto del graduale invecchiamento della popolazione le incidenze dei diversi territori in questione sono tornate a sovrapporsi intorno al 65-67% delle rispettive consistenze demografiche. Eloquenti sono le indicazioni che porvengono dalla figura 6. Allorquando si scorge immediatamente il trend crescente delle serie storiche relative alle consistenze percentuali della classe over 65 anni. Si è passati da una presenza di circa 4 anziani ogni 100 abitanti (nel 1861) ad un rapporto di uno a cinque nel La differenziazione territoria-

10 204 Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Vol. X (2011) le si è iniziata a marcare durante gli anni Trenta del secolo passato avviando una serie storica relativa al Centro-Nord sempre superiore al. La presenza straniera maggiormente radicata nelle regioni centro-settentrinali lascia intuire e presagire una certa convergenza a livello circoscrizionale. Di non poco interesse il dato che vede la serie pugliese sempre superiore a quella dell intero dal boom economico sino ai nostri giorni. 3. TRASFORMAZIONI E DINAMICHE DEMOGRAFICHE IN ATTO L analisi dei tassi grezzi di natalità e di mortalità della popolazione in questi 150 anni permettono di evidenziare chiaramente la fase di transizione demografica attraversata dal Paese. Nel corso di 150 anni i tassi di natalità ed i tassi mortalità sono passati da quote che oscillavano tra 30 e 38 per mille (nel decennio successivo all Unità) a valori fluttuanti attorno al 10 per mille 1 (all indomani del boom economico allorquando, appunto, la transizione si è conclusa). Il processo in questione, più che per effetto dell incremento della mortalità, è spiegato in funzione di una graduale e decrescente fecondità della popolazione italiana direttamente influenzata da un calo dei matrimoni. 45,0 40,0 Figura 7 Tasso di natalità Centro-Nord 35,0 30,0 25,0 20,0 15,0 10,0 5, Si faccia eccezione per le due guerre mondiali, in cui i tassi sono molti vicino ed irregolari, e solo nel 1993 i decessi hanno superato le nascite.

11 Mastrorocco N., Salinas U. - Dall Unità d al 2050: dinamiche demografiche e modalità evolutive della popolazione. Specificità relative alla 205 Nello specifico (fig. 7), la fa rilevare un tasso di natalità sempre superiore al dato del ed a quello italiano; tuttavia, durante il baby boom degli anni Sessanta, pur mantenendo un livello di quasi il 25 per mille non fa osservare quell incremento rilevato per il Centro-Nord, ove come noto si è concentrata maggiormente la crescita economica di quegli anni. A partire dagli anni Duemila le serie storiche fanno registrare uno storico avvicinamento fino a sovrapporsi nell ultimo quinquennio. Un andamento differente lo si registra per le serie storiche del tasso di mortalità (fig. 8). All indomani del Secondo Conflitto Mondiale i tassi si sono notevolmente abbattuti raggiungendo la quota di circa il 10 per mille e mantenendola tale sino ai nostri giorni. Lievi differenze si leggono nello specifico territoriale: dal 1955 ad oggi, infatti, la fa rilevare sempre i valori più bassi rispetto all intero Paese ed al nel suo complesso. In 150 anni la speranza di vita di un bambino italiano alla nascita si è più che raddoppiata passando da circa 35 anni di vita attesa e differenze minime tra maschi e femmine - per un neonato del 1861, ai circa 79,1 anni (per un maschi) ed oltre 84,3 anni (per una donna) nati nel Entrando nel merito del dettaglio territoriale (tav. 4), all inizio del secolo scorso la faceva registrare una speranza di vita di 39 anni a fronte del dato nazionale pari a 44,2. Oggi un bambino nato in si attende 35,0 30,0 Figura 8 Tasso di mortalità Centro-Nord 25,0 20,0 15,0 10,0 5,

12 206 Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Vol. X (2011) di vivere 79,6 anni rispetto ad un maschietto italiano che registra un attesa di 79,1 anni. Il vantaggio si azzera allorquando si registra il dato femminile; nell ultimo secolo una neonata pugliese è passata da una speranza di vita di 40 anni (e 44,8 a livello nazionale) a 84,3 anni rilevati per le bambine nate nel 2010 (con identica quota per l nel suo complesso). In assoluto, dunque, il maggior guadagno in termini di anni di vita per entrambi i generi - lo ha fatto registrare la. Tabella 4. Speranza di vita alla nascita, per sesso (anni). Maschi Nord-Ovest Nord-Est Centro ITALIA ,2 44, , ,1 51,4 49, ,7 53, ,7 63,6 65,1 66,1 63, ,6 66, , ,2 69, ,5 70, , ,4 68,8 70,9 69, ,7 71,2 69, ,4 70, ,9 72,6 71,4 71,7 72,9 72, ,5 73,9 72,8 73,5 74,6 73, ,6 74,9 74,2 74,9 75,4 74, ,2 76,3 76, , ,6 77,6 78,1 78,5 78,5 78, ,6 78,7 79,1 79,4 79,4 79,1 Femmine Nord-Ovest Nord-Est Centro ITALIA , , ,8 50, , ,2 65,6 68,4 69,6 69,8 67, , ,5 73,4 73,6 72, ,6 74,2 74,9 75,7 76, ,4 74,8 75,6 76,5 77,2 75, ,9 76,4 77,3 77,9 78,1 77, ,3 77,9 78,6 79,2 79,2 78, , ,7 80,7 80, ,2 80,4 81,1 81,8 81,5 81, ,1 81,5 82,5 83,1 82,6 82, , ,9 84,3 83,8 83, ,3 83,9 84,4 84,8 84,5 84,3 Fonte: ISTAT, SVIMEZ.

13 Mastrorocco N., Salinas U. - Dall Unità d al 2050: dinamiche demografiche e modalità evolutive della popolazione. Specificità relative alla I MATRIMONI, LA FECONDITÀ E LA FAMIGLIA ITALIANA Il numero di famiglie italiane tra il 1861 ed il 2011 è aumentato di ben 5 volte; questo è interpretabile in funzione della dimensione che essa ha registrato nel corso dell ultimo secolo e mezzo. Nello specifico, si è passati da milioni di famiglie a quasi 25 milioni con una numerosità media quasi dimezzata; alla nascita dello stato italiano, infatti, il numero medio di componenti per famiglia era di 4,7 (1861) a fronte di 2,4 che identifica l attuale dimensione media. Per ben comprendere le dinamiche di natalità e fecondità è importante non prescindere dal quoziente di nuzialità (fig. 9). A fronte, infatti, di 8,2 matrimoni per mille residenti registrati nel 1861 si osserva oggi una quota più che dimezzata (3,8 per mille). E significativo è anche il fenomeno di matrimoni civili passati da una incidenza del 2,6% del totale (1931) ad una quota pari ad oltre un terzo del totale (35,7%). Nello specifico, osservando le serie storiche relative al fenomeno si evince che fino ai primi anni Sessanta del secolo scorso i tassi circoscrizionali Nord e Sud erano assai vicini e fluttuanti tra il 7 e 8 per mille, a seguire i differenziali territoriali iniziarono ad accrescersi facendo, comunque, mante- 9 Figura 9 Quozienti di nuzialità (per abitanti) 8,5 8 7,5 7 Centro Nord 6,5 6 5,5 5 4,5 4 3,

14 208 Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Vol. X (2011) nere il primato al (5-6 per mille) rispetto al Centro-Nord (4-5 per mille). Indicatore indiretto del fenomeno nuziale in atto è anche il numero delle separazioni coniugali; processo, questo, che ben identifica un evoluzione importante di un particolare aspetto della società italiana. Negli ultimi 130 anni, infatti, la crescita è stata esponenziale: si è passati da appena 717 casi registrati nel 1881 agli oltre 84 mila separazioni rilevate nel 2008 (fig. 10). Rapportando il numero di nati vivi per donne in età feconda tra 15 e 49 anni, si è determinato il quoziente di fecondità generale (fig. 11). Il dato regionale evidenzia un primato assoluto nei primi anni post-unitati; Figura ,0 Figura 11 Quoziente di fecondità 170,0 150,0 130,0 110,0 90,0 70,0 50,0 30, ,8 186,4 157,2 172,2 172,3 148,1 145,5 112,6 96,4 84,4 61,2 47,9 40,1 38,2 168,0 172,0 164,8 162,6 156,9 144,4 138,0 110,3 94,8 81,6 60,3 49,6 40,8 38,7 Centro Nord 155,7 159,8 158,4 148,7 125,8 93,0 87,8 65,7 60,3 61,1 37,6 33,8 38,0 41,9 ITALIA 160,5 160,9 138,3 147,5 126,8 105,6 102,7 78,8 72,5 68,1 45,6 39,6 39,0 40,7

15 Mastrorocco N., Salinas U. - Dall Unità d al 2050: dinamiche demografiche e modalità evolutive della popolazione. Specificità relative alla ,8 è il dato della nel 1871 a fronte di 155,7 nel Centro-Nord. Tale primato si è mantenuto costante per tutto l arco di tempo studiato; solo negli ultimi anni il Centro-Nord inizia a superare le regioni meridionali per effetto del maggiore contributo alle nascite garantito dalle donne straniere, per l appunto, maggiormente radicate nelle regioni centro-settentrionali. Assunto che per tasso di fecondità totale si intende il numero medio di figli per donna feconda, la donna italiana è passata dall avere, in media, circa 5 figli (nel 1861) durante l intero arco della propria vita feconda (15-49 anni), ad una quota vicino 1,4 figli attualmente registrati. E importante ricordare che il tasso di sostituzione, ovvero, necessario a garantire la sostituibilità della generazione delle madri con quello delle figlie è pari a 2,1. All indomani del famoso baby boom registrato in concomitanza del boom economico degli anni Sessanta, già sul finire degli anni Settanta il livello minimo di sostituzione non lo si raggiungeva più osservando delle flessioni continue e fino a registrare il minimo storico della fecondità italiana rilevato nel 1995 con poco più di un figlio per donna feconda. Solo molto recentemente il tasso inizia a far registrare una lieve ripresa ma per effetto di un forte contributo dato dalle mamme straniere, il cui tasso di fecondità è certamente superiore a quello delle mamme italiane. Il dato specifico relativo agli ultimi sessanta anni (fig. 12) evidenzia un notevole differenziale tra le diverse realtà circoscrizionali italiane. Il è nettamente superiore al Centro ed al Nord del Paese con va- 3,6 3,5 3,4 3,3 3,2 3,1 3 2,9 2,8 2,7 2,6 2,5 2,4 2,3 Figura 12 Numero di figli per donna (TFT) Nord Centro 2,2 2,1 2 1,9 1,8 1,7 1,6 1,5 1,4 1,3 1,2 1,

16 210 Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Vol. X (2011) lori che superano abbondantemente il livello di sostituzione (2,1) fino ai primi anni Ottanta del secolo scorso. Per altro verso, è interessante osservare che già prima del boom economico il Centro-Nord del Paese faceva registrare un TFT inferiore al livello di sostituzione evidenziando un deficit generazionale madri/figlie. Il baby boom ha consentito una crescita ed un recupero sostitutivo ma già nei primi anni Settanta il Centro-Nord evidenziava un calo vertiginoso raggiungendo minimi storici pari ad un figlio per donna feconda. Come accennato la recente ripresa è funzione delle leggi di fecondità fatta registrare dalle donne straniere. Un indicatore altrettanto importante per evidenziare l evoluzione non solo demografica ma anche socio-economica che il nostro Paese ha attraversato nell ultimo sessantennio è l età media al parto delle madri (fig. 13). Su tutti i territori in questione la mantiene sempre il primato negli anni Cinquanta e Sessanta con quote che scendono da circa 31 a 28 anni. Fino a- gli anni Ottanta le mamme più giovani sono quelle del Centro (27-28 anni). Terminato l effetto media delle madri partorienti durante il baby boom le serie storiche sono tornate a salire posizionandosi in contro tendenza rispetto al trentennio precedente; oggi, infatti, l età media al parto delle madri centro-settentrionali è di quasi un anno superiore all età delle mamme meridionali: per il 2008, il dato nazionale è pari a 31,1, il Centro fa rilevare 31,6, il Nord 31,1, il 30,7 e la 30,9 anni. 33 Figura 13 Età media della madre al parto 32, ,5 31 Nord Centro 30, , , , ,

17 Mastrorocco N., Salinas U. - Dall Unità d al 2050: dinamiche demografiche e modalità evolutive della popolazione. Specificità relative alla CONSIDERAZIONI SU TALUNI INDICI DI STRUTTURA Il continente europeo rimarrà quello con la più alta proporzione di anziani anche nel XXI secolo (sebbene la percentuale di anziani entro il 2030 raddoppierà sia in Asia sia in America Latina e Caraibi raggiungendo il 12% in Asia e l 11,5% in America Latina). La popolazione mondiale con un età di oltre 65 anni nel 2005 era di circa 475 milioni e le diverse stime delle Nazioni Unite suggeriscono che l incremento annuale continuerà ad essere di 10 milioni all anno per la prossima decade. I paesi industrializzati hanno, infatti, le più alte percentuali di anziani, all interno delle loro rispettive popolazioni, ma sono i paesi in via di sviluppo ad avere il numero maggiore di anziani in valore assoluto, con popolazioni numericamente molto più grandi. Il 60% della popolazione mondiale anziana vive, infatti, in questi paesi e il numero di tali persone, in futuro, è destinato ad aumentare quando il processo di transizione demografica nei PVS sarà concluso e, quindi, i tassi di fecondità raggiungeranno livelli simili a quelli attuali dei paesi industrializzati (ovvero, al di sotto della soglia di sostituzione). In definitiva, il processo di invecchiamento in (ed in Europa) rappresenta una delle prime sfide sociali cui non è possibile sottrarsi. Esso pone le principali basi in due fenomeni fortemente correlati tra loro: l innalzamento dell età media alla nascita e l abbassamento della fecondità. Ciò non può che alimentare un fisiologico processo di invecchiamento della popolazione che ha portato un rapporto, nel 1861, di 12 anziani ogni 100 giovanissimi (di età sotto i 15 anni), ad un indice di oltre 140 anziani per 100 under 15 anni calcolato per il 2010 ed una stima di 170 per il Il dato è fortemente significativo se lo si confronta con altre realtà nazionali: oggi, infatti, l è il secondo Paese più vecchio in Europa (dopo la Germania) ed il terzo nel mondo (il primato è del Giappone). Significativi sono anche i dati rinvenenti dalla lettura di talune classi di età. Nel 1861 i bambini italiani sotto i 5 anni rappresentavano il 13% della popolazione, oggi il loro peso è di circa 5%. Di contro la fascia anagrafica degli over 75 anni è passata da una incidenza dell 1%, nel 1861, ad un rapporto di una persona su 10, nel Nello specifico, con riferimento all indice di vecchiaia, quale rapporto tra la popolazione di individui in età over 65 anni e la popolazione di soggetti tra 0 e 14 anni, moltiplicato per 100, i dati osservati (fig. 14) mostrano chiaramente un trend sempre crescente ma scomponibile in due modalità differenti; fino, infatti, all inizio della Seconda Guerra Mondiale il rapporto in questione si sovrapponeva tra le diverse realtà territoriali prese in esame. In questo primo arco storico il ritmo di crescita delle serie era meno sostenuto rispetto all incremento - a ritmi esponenziali rilevato negli ultimi 50 anni,

18 212 Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Vol. X (2011) 160 Figura 14 Indice di vecchiaia Centro Nord * *Dati d anagrafe 80 Figura 15 Indice di dipendenza strutturale Centro Nord * *Dati d anagrafe processo che innesca differenze territoriali sempre più marcate. Infatti, già nel 1991 il Centro-Nord del Paese registrava un tasso superiore alla parità (128,2%) a fronte del che faceva rilevare un valore pare a 59,5. Gli ultimi dati evidenziano per la una quota pari a 122,1 (in linea col ), il Centro-Nord una valore pari a 157,9 ed un contesto nazionale di 144 over 65 anni per 100 under 15-enni. Altrettanto importanti sono le indicazioni provenienti dall indice di carico sociale, detto di dipendenza strutturale (fig. 15). Esso, infatti, rap-

19 Mastrorocco N., Salinas U. - Dall Unità d al 2050: dinamiche demografiche e modalità evolutive della popolazione. Specificità relative alla 213 porta le classi demografiche improduttive (0-14 anni e 65anni ed oltre) alla fascia produttiva (15-64 anni). All indomani dell Unità non si registravano differenze circoscrizionali ed i valori si aggiravano intorno al 60-62% per effetto di una maggiore presenza giovanile (e, dunque, un maggior peso del numeratore del rapporto). Il divario iniziò a manifestarsi maggiormente tra gli anni Trenta e Sessanta del secolo scorso: nel 1936, ad esempio, il contava un rapporto di 75 giovanissimi+anziani a fronte di 100 adulti in età da lavoro, il Centro- Nord, invece, faceva segnare una quota di 56,4%. Sul finire degli anni Ottanta le serie sono ritornate ad avvicinarsi e dopo quello che è stato per un secolo un trend decrescente, nei primi anni Duemila l indice è ripreso a risalire per effetto della crescente proporzione di anziani nella popolazione. Conferme in tal senso giungono, altresì, dall indice di dipendenza degli anziani (costruito rapportando gli over 65-enni alla classe adulta anni) (fig. 16). Come ci si poteva attendere esso mantiene un trend decisamente crescente passando da quote pari a 6-7% del 1861 a circa il 31% attuale. Dalla Seconda Guerra Mondiale in poi la serie del Centro-Nord è stata sempre la più elevata per effetto della tradizionale maggiore incidenza senile nella propria popolazione. 35,0 Figura 16 Indice di dipendenza degli anziani 30,0 25,0 Centro Nord 20,0 15,0 10,0 5, * *Dati d anagrafe 6. I MOVIMENTI MIGRATORI Gli aspetti che caratterizzano i movimenti migratori in entrata ed in uscita della popolazione italiana sono vastissimi. A fronte di una lunga storia emi-

20 214 Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Vol. X (2011) Tabella 5. Espatri di italiani per periodo e nazione di destinazione. Valori assoluti. Paese di destinazione Paese di destinazione Stati Uniti Svizzera Francia Germania Svizzera Francia Argentina Canada Germania Stati Uniti Canada Argentina Totale espatri Totale espatri gratoria, l fa registrare flussi immigratori relativamente recenti. Nel dettaglio del nostro processo migratorio, il Paese ha vissuto due momenti particolari: il primo durante i primi due decenni del XIX secolo ed il secondo all indomani della Seconda Guerra Mondiale, per i quali i flussi emigratori sono stati rispettivamente di poco inferiori ai 10 milioni e 5,6 milioni di italiani. Se nella prima fase emigratoria gli italiani prediligevano rotte transoceaniche (come Stati Uniti, Argentina, Canada), dagli anni Cinquanta dello scorso secolo la destinazione dei nostri emigranti è stata l Europa (con in testa Svizzera e Germania) (tav. 5). Il grafico 17 illustra le tendenze relative agli espatri che hanno interessato la, il ed il Centro-Nord del Paese; eloquenti sono i due picchi raggiunti nei primi decenni del Novecento e nel ventennio a cavallo del boom economico. Importante è, altresì, evidenziare che nel primo grande esodo all estero le consistenze provenienti dal Centro-Nord sono sempre state superiori a quelle meridionali, tendenza inversa si ebbe a registrare, invece, nel ventennio allorquando i flussi del spesso raddoppiarono quelli delle regioni centro-settentrionali. La scala destra del medesimo grafico conferma quanto suddetto allorquando si verifica che già dopo il secondo conflitto mondiale l incidenza di espatri meridionali rispetto a quelli settentrionali è stata sempre superiore al 100% raggiungendo quote di circa il 240% nei primi anni Sessanta del secolo passato. E dopo una prima tendenza a decrescere, fatta registrare già sul principio degli anni Ottanta, sembra riprendere una leggera crescita del rapporto giustificata da una patologica maggiore difficoltà a trovare occupazione nelle regioni meridionali rispetto a quanto accadeva in quelle centrosettentrionali. Dopo essere stata per circa un secolo un Paese di emigrazione, a partire dagli anni Settanta del Novecento l è divenuta terra di immigrazione con una incidenza percentuale sulla popolazione residente che dal 1981 ad

21 Mastrorocco N., Salinas U. - Dall Unità d al 2050: dinamiche demografiche e modalità evolutive della popolazione. Specificità relative alla Figura 17 Espatri. Scala sx = valori assoluti. Scala dx = incidenze % (scala sx) (scala sx) Centro Nord (scala sx) /Mezz /scala dx) Mezz/CN (scala dx) ,0 150,0 100,0 50,0 0,0 Figura 18 Incidenza % di stranieri sulla popolazione italiana 6,5 7,0 7,5 5,8 3,5 4,0 4,5 5,0 2,5 2,6 0,5 0, oggi è passata dallo 0,5% a circa il 7,5% (fig. 18): dato, questo, in linea con la media europea ma molto al di sotto di nazioni come Spagna (12%), Germania (8,5%) e Regno Unito (8%). In valore assoluto (fig. 19) la quota della popolazione straniera è cresciuta esponenzialmente dal 1961 ad oggi, allorquando si è passati da appena 62 mila unità ad oltre 4,2 milioni di residenti; ulteriori stime elevano tale quota ad oltre 6 milioni di stranieri. A fronte del notevole valore economico rappresentato dagli stranieri che nel nostro Paese lavorano e pagano le tasse

22 216 Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Vol. X (2011) andando a supportare il sistema pensionistico, non va trascurato, altresì, che il peso degli stranieri sui detenuti nelle nostre carceri si è impennato nell arco di vent anni ( ) dal 15 al 36,7%. In generale, il processo di integrazione degli stranieri nella società o- spitante inizia a consolidarsi quando il progetto migratorio assume i caratteri della stabilità, aumentano, cioè, i ricongiungimenti familiari, si sviluppa il tasso di natalità delle donne straniere, s incrementa il tasso di scolarizzazione di bambini e ragazzi stranieri, etc. Figura 19 Popolazione straniera residente ( ) Nati stranieri per 100 nati vivi Figura Centro Nord ITALIA

23 Mastrorocco N., Salinas U. - Dall Unità d al 2050: dinamiche demografiche e modalità evolutive della popolazione. Specificità relative alla 217 In questa ottica, molto importanti sono le indicazioni che rinvengono dallo studio dei nati stranieri per 100 bambini nati vivi (fig. 20). La giovinezza del fenomeno è spiegata dai tassi assai bassi dei primi anni Novanta: la quota dell nel 1933 era pari a 1,2 nati stranieri su 100 nati vivi, nel Centro-Nord il valore era pari a 1,9, nel era dello 0,4 ed in dello 0,3 per cento. Negli ultimi anni i differenziali sono molto cresciuti; le regioni centro-settentrionali, infatti, fanno registrare una quota pari a 15,1 a fronte del dato meridionale del 2,4% e della del 2%. E importante evidenziare (figg ) che il numero medio di figli per donna feconda differenziato tra le donne italiane e quelle straniere tende - col crescere della durata del progetto migratorio delle straniere a conver- Figura 21 Numero medio di figli per donna italiana e straniera Centro Nord Straniere ne Straniere ne Straniere ne Straniere ne 1,32 1,28 1,26 1,24 1,26 1,29 1,23 1,21 1,18 1,15 1,33 1,32 1,31 1,31 1,29 1,30 1,28 1,25 1,27 1,31 2,31 2,40 2,50 2,45 2,61 2,37 2,43 2,53 2,50 2,67 1,97 2,21 2,26 2,09 2,18 1,94 2,25 2,36 2,00 2, ,00 0,50 1,00 1,50 2,00 2,50 3,00

24 218 Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Vol. X (2011) Figura 22 Età media delle madri al parto Centro Nord Straniere ne Straniere ne Straniere ne Straniere ne 27,9 27,8 27,7 27,5 27,4 27,9 27,8 27,7 27,5 27,4 27,6 27,5 27,7 27,6 27,5 27,4 27,5 27,8 27,3 27,3 31,7 31,6 31,4 31,3 31,1 32,3 32,2 32,1 31,9 31,8 30,9 30,8 30,6 30,5 30,4 31,0 30,9 30,7 30,6 30, ,0 25,0 26,0 27,0 28,0 29,0 30,0 31,0 32,0 33,0 gere. A fronte, infatti, di un tasso di fecondità totale tra il 2005 ed il 2008 salito, per le donne italiane, da 1,26 a 1,32, quello delle donne straniere è sceso da 2,61 a 2,31. Il processo appare ancora più evidente per il Centro- Nord; il livello concernente le donne italiane è passato da 1,15 a 1,29 e quello delle donne straniere si è flesso da 2,67 a 2,37. Il maggior decremento della natalità straniera si è registrata per la allorquando si è passati da 2,37 a 1,94 figli per donna straniera feconda. Tale fenomeno appare confermato anche dalla lettura dei dati relativi l età media della madre al parto. Sia per le mamme italiane che per quelle straniere l età media al parto è cresciuta di mezzo anno (31,7 anni per le italiane e 27,9 anni per le straniere, nel 2008). Di contro, nell ambito del contesto territoriale pugliesi le mamme stranieri sono quelle più giovani con una età media al parto di 27,4 anni.

25 Mastrorocco N., Salinas U. - Dall Unità d al 2050: dinamiche demografiche e modalità evolutive della popolazione. Specificità relative alla MOBILITÀ E SALDO MIGRATORIO INTERNO In un contesto demografico sempre più incline alla mobilità territoriale delle popolazioni, particolarmente interessanti e degni sempre di maggiori approfondimenti appaiono i movimenti migratori all interno di una medesima nazione. Un analisi territoriale del fenomeno ovvero, di quelle aree maggiormente attrattive e una specifica osservazione di quelle che sono le nuove dinamiche nonché le nuove prospettive lavorative ed occupazionali potrebbero offrire utili indicazioni nella comprensione di fenomeni e problematiche demo-socio-economiche. Pur avendo, infatti, le migrazioni interne una minore visibilità, rispetto a quelle internazionali, esse mantengono un grande impatto economico e sociale influenzando fortemente i processi produttivi, le dinamiche demografiche e gli equilibri territoriali di un intero Paese. I dati più recenti evidenziano sia uno scenario migratorio interno sempre più innovativo e bilanciato, sia flussi - meno intensi ma più ragionati orientati verso direttrici differenziate e non tradizionali. Rispetto al passato le motivazioni che giustificano un cambio di residenza sono sostanzialmente di due tipi: una mobilità a medio e lungo raggio si sviluppa in funzione di un mancato incontro tra la domanda e l offerta di lavoro, mentre uno spostamento a breve distanza trova una sostanziale motivazione in determinanti di carattere personale e familiare. Un analisi dell excursus storico delle migrazioni interne nel nostro Paese meglio evidenzierebbe i radicali cambiamenti che negli ultimi decenni tale mobilità ha fatto registrare sia dal punto di vista quantitativo e qualitativo, sia per le direttrici seguite dai migranti. Non vi è dubbio, infatti, che in contro tendenza rispetto a quanto accadeva negli anni 60 e 70 del secolo scorso, l non fa più registrare un intenso spostamento di individui verso le regioni del triangolo industriale (Piemonte, Lombardia e Liguria): lentamente molte altre aree della nostra penisola hanno conquistato un ingente quota di manovalanza prima e di capitale qualificato dopo. Infatti, circa il carattere di una mobilità sempre più qualificata, ovvero, con più alti livelli d istruzione si registra una diretta relazione esistente tra mobilità interna e grado di istruzione dei migranti, stabilendo come un maggior grado d istruzione stia influenzando sempre più- in maniera determinante il recente processo di emigrazione giovanile dal verso il Centro-Nord dell. Il grafico 23 illustra agevolmente per il (e per la ) un saldo migratorio (costruito dalla differenza tra iscrizioni e cancellazioni anagrafiche) sempre negativo a fronte di una serie, sempre positiva, per il Centro-Nord del Paese. I maggiori picchi si registrano in concomitanza del boom economico, quando, cioè, la richiesta di manodopera al nord giustificava enormi flussi di lavoratori meridionali che si recavano precipuamente nel

26 220 Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Vol. X (2011) Figura Figura 24 Abitanti pugliesi trasferiti nel Centro Nord, per titolo di studio Nessun titolo o licenz. elem. Lic. Media Diploma Laurea triangolo industriale costruito tra Lombardia, Piemonte e Liguria. Come accennato una lieve ripresa dei flussi si evidenzia durante gli anni Novanta del secolo scorso ingenerando flussi con nuove caratteristiche rispetto al passato. Una lettura specifica della mobilità pugliese verso le regioni del Centro-Nord per titolo di studio conferma quanto suddetto (fig. 24). Nel corso

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi

Dettagli

INDICATORI DEMOGRAFICI

INDICATORI DEMOGRAFICI 27 gennaio 2012 INDICATORI DEMOGRAFICI Stime per l anno 2011 Sono 556 mila i bambini nati nel 2011, seimila in meno rispetto al 2010. Il numero di persone morte nell anno è pari a 592 mila, quattromila

Dettagli

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014 Capitolo 5.1 ANALISI DEI MOVIMENTI ANAGRAFICI DELLA PO- POLAZIONE 1 Maria Cristina Migliore Un primo sguardo di sintesi Nel 2014 la popolazione residente in Piemonte è diminuita di oltre 10mila unità.

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

ANALISI DELLA POPOLAZIONE. 1 Comune di Marsala ANALISI DEL CONTESTO SOCIO- ECONOMICO DELLA CITTÀ DI MARSALA

ANALISI DELLA POPOLAZIONE. 1 Comune di Marsala ANALISI DEL CONTESTO SOCIO- ECONOMICO DELLA CITTÀ DI MARSALA ANALISI DEL CONTESTO SOCIO- ECONOMICO DELLA CITTÀ DI MARSALA ANALISI DELLA POPOLAZIONE PROCESSO DI REDAZIONE DEL PIANO STRATEGICO DELLA CITTÀ DI MARSALA FASE DI DIAGNOSTICA, LETTURA ED ASCOLTO DEL TERRITORIO

Dettagli

3. L andamento dell offerta di lavoro al 2019 in provincia di Ferrara

3. L andamento dell offerta di lavoro al 2019 in provincia di Ferrara 3. L andamento dell offerta di lavoro al 2019 in provincia di Ferrara 3.1. L offerta giovanile di lavoro nel lungo periodo Una delle debolezze di fondo che caratterizza l Italia è l evoluzione demografica,

Dettagli

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA Nunzio Mastrorocco I quozienti grezzi o generici Volendo procedere all esame di un fenomeno demografico, in un primo e generico approccio è sufficiente

Dettagli

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 aprile 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Direttore Settore Statistica: Redazione a cura di: Gianluigi Bovini Franco Chiarini Brigitta Guarasci L'uso

Dettagli

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S.

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. COMUNE DI UDINE Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. Studi ISTRUZIONE 1951-1991 COMUNE DI UDINE U.O. Studi e Statistica

Dettagli

La popolazione: previsioni demografiche 2010-2030

La popolazione: previsioni demografiche 2010-2030 La popolazione: previsioni demografiche 2010-2030 Lamberto Soliani 1 - Introduzione. Le prossime trasformazioni demografiche nazionali e regionali sono descritte dall Istat in Previsioni demografiche 1

Dettagli

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013 A7. FECONDITÀ, NUZIALITÀ E DIVORZIALITÀ Diminuisce il tasso di fertilità dopo la crescita degli ultimi anni A livello nazionale il tasso di fecondità totale (numero medio di figli per donna in età feconda)

Dettagli

LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI

LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI Trieste novembre 2012 Riproduzioni e stampe dovranno riportare in modo visibile la fonte e la proprietà dell informazione. Inoltre, su richiesta al Servizio Statistica

Dettagli

Osservatorio economico locale del Comune di Follonica

Osservatorio economico locale del Comune di Follonica Osservatorio economico locale del Comune di Follonica Nota statistica su alcuni aspetti strutturali del sistema economico e produttivo del Comune di Follonica - 2010 Grosseto, Aprile 2011 INDICE INDICE...

Dettagli

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane L EVOLUZIONE DEL MODELLO FAMILIARE A BASSANO DEL GRAPPA Traccia di lettura dei

Dettagli

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 872.367 2.247.78 Superficie (km 2 ) 13,2 6.83,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.71,8 329,1 a cura del Servizio Statistica e Toponomastica Città

Dettagli

QUINTO RAPPORTO ANNUALE

QUINTO RAPPORTO ANNUALE QUINTO RAPPORTO ANNUALE I migranti nel mercato del lavoro in Italia a cura della Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione 20 15 LE NOVITA DEL QUINTO RAPPORTO ANNUALE 2015.

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali Indagine conoscitiva sull impatto in termini di genere della normativa previdenziale e sulle disparità esistenti in materia di trattamenti pensionistici tra uomini e donne Audizione dell Istituto nazionale

Dettagli

Crisi economica e migrazioni nella realtà europea

Crisi economica e migrazioni nella realtà europea XIII CONVEGNO Italian National Focal Point Infectious Diseases and Migrant Salute e Migrazione: nuovi scenari internazionali e nazionali Roma, 17 Febbraio 2015 Crisi economica e migrazioni nella realtà

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO Servizio Aziende e Partecipazioni comunali LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA Edizione 1/ST/st/26.10.2006

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 27 marzo 2006 La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. +

Dettagli

Il matrimonio in Italia: un istituzione in mutamento

Il matrimonio in Italia: un istituzione in mutamento 12 febbraio 2007 Il matrimonio in Italia: un istituzione in mutamento Anni 2004-2005 All indirizzo web demo.istat.it l Istat rende disponibili i principali risultati delle rilevazioni sui Matrimoni celebrati

Dettagli

1. LA POPOLAZIONE TORINESE

1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1.1. UNA CITTÀ UN PO PIÙ PICCOLA Torino continua a spopolarsi. Non solo nel 1999, ma durante tutta la seconda metà degli anni novanta, la città continua a perdere popolazione.

Dettagli

3.1. Il calcolo della popolazione futura mediante il modello per coorti di sopravvivenza

3.1. Il calcolo della popolazione futura mediante il modello per coorti di sopravvivenza 99 3. La popolazione del futuro: Turate al 2020 3.1. Il calcolo della popolazione futura mediante il modello per coorti di sopravvivenza Come sappiamo, il dimensionamento urbanistico è per molti aspetti

Dettagli

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO Bologna City Marketing 1 Aumento della popolazione Invecchiamento della popolazione attiva Abbassamento dell indice di vecchiaia e incremento dell i.s.p.a. Dal si

Dettagli

LE MIGRAZIONI INTERNE IN ITALIA DAL 1996 AL 2002

LE MIGRAZIONI INTERNE IN ITALIA DAL 1996 AL 2002 UNIVERSITẦ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTẦ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA POPOLAZIONE E SOCIETẦ TESI DI LAUREA LE MIGRAZIONI INTERNE IN ITALIA DAL 1996 AL 2002 Relatore: Ch.mo Prof.

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA di Liana Verzicco L UNIVERSITÀ Il contesto internazionale: lo spazio europeo dell istruzione superiore Nel XXI secolo sarà la conoscenza

Dettagli

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica Luigi Biggeri Roma, 15-16 dicembre 2005 Circondati dai paesi poveri con vasti eserciti di giovani che reclamano lavori modesti nei paesi sviluppati

Dettagli

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Documento a supporto degli indirizzi di Piano Socio-sanitario 2011-2013 della Regione del Veneto Novembre 2010 Indice 1 Il contesto demografico...1

Dettagli

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. Paragrafo 1.

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. Paragrafo 1. STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Paragrafo 1.2 ASPETTI SANITARI Novembre 2003 1.2.1 DEMOGRAFIA Il contesto demografico Il

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

Ufficio di Statistica n 4 - ottobre/dicembre 2009

Ufficio di Statistica n 4 - ottobre/dicembre 2009 n 4 - ottobre/dicembre 2009 Sposarsi a Roma Sempre più tardi e sempre di meno. Introduzione Il matrimonio è sempre stato considerato fin dall antichità il pilastro per la creazione di una famiglia e per

Dettagli

SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA

SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA In vista dell avvio della nuova ASL provinciale di Monza e Brianza, con l auspicio che possa essere

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per operare meglio E con trasparenza, in modo tale da essere Strumento di controllo sociale

Dettagli

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale.

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale. Serie schede tematiche gennaio 2007 - n. 27 - cod. 67447 pag. 1 I pensionati italiani: quanti sono, quanto percepiscono, dove risiedono i pensionati di nord, centro, sud, estero le pensioni sociali in

Dettagli

DATI AL 31/12/2008. Report

DATI AL 31/12/2008. Report Rilevazione coordinata dei dati in possesso delle Regioni e Province autonome su bambini e adolescenti fuori dalla famiglia in affidamento familiare (a singoli, famiglie e parenti) o accolti nei servizi

Dettagli

Le previsioni demografiche nell area fiorentina

Le previsioni demografiche nell area fiorentina Le previsioni demografiche nell area fiorentina Convegno nazionale: Persone, popolazioni, numeri Statistiche per le comunità locali Cagliari, 16-17 settembre 2010 Francesco Acciai Gianni Dugheri Serena

Dettagli

Giovani generazioni nel mercato del lavoro in Italia

Giovani generazioni nel mercato del lavoro in Italia Giovani generazioni nel mercato del lavoro in Italia Il contesto italiano Il processo di invecchiamento della popolazione interessa il nostro paese ormai da decenni. Oggi in Italia si contano più di 151,4

Dettagli

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI 1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI. DATI STATISTICI N.d.R.: I dati qui di seguito riportati sono stati ricavati dal sito www.istat.it e sono aggiornati al: - 13/11/2013 (dati sui matrimoni) - 23/06/2014

Dettagli

Saldo naturale negativo, matrimoni e divorzi in aumento Movimento naturale della popolazione 2010

Saldo naturale negativo, matrimoni e divorzi in aumento Movimento naturale della popolazione 2010 Saldo naturale negativo, matrimoni e divorzi in aumento Nel si registra un aumento delle nascite (+21, per un totale di 2.953) e dei decessi (+110, per un totale di 2.971). Il saldo naturale, ossia la

Dettagli

Figura 1. Popolazione e numero di famiglie ai Censimenti 1951-2011. Italia. Fonte: elaborazioni su dati Istat

Figura 1. Popolazione e numero di famiglie ai Censimenti 1951-2011. Italia. Fonte: elaborazioni su dati Istat 47 a Settimana Sociale dei Cattolici Italiani La famiglia, speranza e futuro per la società italiana Torino, 12-15 settembre 2013 La famiglia oggi: scenari e prospettive Relazione del Prof. Gian Carlo

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia.

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia. Meno matrimoni In Italia ha sempre ricoperto un ruolo decisivo nel sistema di protezione sociale la rete di welfare familiare. Anche nell ambito della famiglia registriamo dinamiche demografiche, sociali

Dettagli

1. Il quadro demografico

1. Il quadro demografico PARTE I ANALISI DI CONTESTO 1. Il quadro demografico Tra gli aspetti da considerare nella fase di elaborazione di un Programma provinciale delle politiche dell istruzione, della formazione e del lavoro

Dettagli

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani Note Brevi vi danno appuntamento alla seconda metà di Gennaio 2014 Note brevi n 14 / Dicembre 2013 www.cslegacoop.coop centrostudi@legacoop.coop Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1 L economia reale

Dettagli

FAMIGLIA. 1 2 3 4 5 6 totale 2011 29.4 27.4 20.4 17.1 4.3 1.3 100 2012 30.1 27.3 20.3 16.5 4.5 1.3 100 2013 30.2 27.3 20.2 16.6 4.3 1.

FAMIGLIA. 1 2 3 4 5 6 totale 2011 29.4 27.4 20.4 17.1 4.3 1.3 100 2012 30.1 27.3 20.3 16.5 4.5 1.3 100 2013 30.2 27.3 20.2 16.6 4.3 1. FAMIGLIA Numero di famiglie. Il numero di famiglie abitualmente dimoranti sul territorio nazionale è aumentato da 21.8 a 24.6 milioni nel 2013. Durante il periodo intercensuario le famiglie unipersonali

Dettagli

1 Rapporto sugli immigrati in Italia

1 Rapporto sugli immigrati in Italia 1 Rapporto sugli immigrati in Italia Dicembre 2007 1 Rapporto sugli immigrati in Italia Dicembre 2007 INDICE CAPITOLO I - IL QUADRO NORMATIVO E LE POLITICHE LOCALI 26 I.1. Introduzione 26 I.2. Le leggi

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

IL MATRIMONIO IN ITALIA

IL MATRIMONIO IN ITALIA IL MATRIMONIO IN ITALIA Anno 2012 Fonte: rapporto ISTAT del 13 novembre 2013 (htttp://www.istat.it) Nel 2012 sono stati celebrati in Italia 207.138 matrimoni (3,5 ogni 1.000 abitanti), 2.308 in più rispetto

Dettagli

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011 Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010 Maggio 2011 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Brigitta Guarasci Si ringrazia

Dettagli

Le fonti rinnovabili di energia (FER) in Puglia

Le fonti rinnovabili di energia (FER) in Puglia Le fonti rinnovabili di energia (FER) in Puglia Bari, Novembre 2015 Introduzione La presente nota intende illustrare l evoluzione in termini di numero di impianti, potenza ed energia prodotta delle fonti

Dettagli

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni): l Italia nello scenario internazionale I risultati dell indagine

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia 5 luglio 2005 Il testo qui presentato è pubblicato anche nel volume Madri sole - Sfide politiche e genitorialità alla prova, a cura

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Separazioni, divorzi e servizi di mediazione familiare Enrico Moretti Statistico, Istituto degli Innocenti di Firenze ATTI DEL CICLO DI INCONTRI

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

I SUICIDI IN ITALIA: TENDENZE E CONFRONTI, COME USARE LE STATISTICHE

I SUICIDI IN ITALIA: TENDENZE E CONFRONTI, COME USARE LE STATISTICHE 8 agosto 2012 I SUICIDI IN ITALIA: TENDENZE E CONFRONTI, COME USARE LE STATISTICHE Le statistiche sui suicidi vanno analizzate tenendo presente alcune importanti avvertenze. Le statistiche prodotte a livello

Dettagli

Popolazione e struttura demografica

Popolazione e struttura demografica Capitolo 3 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 3 e struttura demografica La dimensione e la struttura della popolazione, e le dinamiche demografiche

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

PRIMO ROUND: SOSTENIBILITÀ DELL ATTUALE MODELLO DI INTERNAZIONALZZAZIONE DEL WELFARE E IMPATTO CHE ESSO PRODUCE SUL NOSTRO SISTEMA DI WELFARE

PRIMO ROUND: SOSTENIBILITÀ DELL ATTUALE MODELLO DI INTERNAZIONALZZAZIONE DEL WELFARE E IMPATTO CHE ESSO PRODUCE SUL NOSTRO SISTEMA DI WELFARE PRIMO ROUND: SOSTENIBILITÀ DELL ATTUALE MODELLO DI INTERNAZIONALZZAZIONE DEL WELFARE E IMPATTO CHE ESSO PRODUCE SUL NOSTRO SISTEMA DI WELFARE A) Andamento della domanda di lavoro straniero in differenti

Dettagli

Famiglie miste in Italia, fra matrimoni, nascite, separazioni e divorzi

Famiglie miste in Italia, fra matrimoni, nascite, separazioni e divorzi 2 C- FLUSSI 2010.e$S_ B-internazionale 15-74 30/09/10 19:44 Pagina 133 Famiglie miste in Italia, fra matrimoni, nascite, separazioni e divorzi 133 L evolversi dei modelli familiari e il ruolo delle famiglie

Dettagli

CAPITOLO 2 - La spesa per pensioni

CAPITOLO 2 - La spesa per pensioni CAPITOLO 2 - La spesa per pensioni 2.1 Premessa Le previsioni della spesa pensionistica recepiscono la stima dei risultati di Contabilità Nazionale per l anno 2011 e i dati di previsione per gli anni 2012-2015

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Giugno 213 In breve Nel I trimestre 213 permangono le criticità del mercato del lavoro lombardo. Il quadro ancora negativo dell economia

Dettagli

1. LA POPOLAZIONE 1.1. RALLENTA LO SPOPOLAMENTO DEL CAPOLUOGO

1. LA POPOLAZIONE 1.1. RALLENTA LO SPOPOLAMENTO DEL CAPOLUOGO 1. LA POPOLAZIONE 1.1. RALLENTA LO SPOPOLAMENTO DEL CAPOLUOGO Ormai da quasi vent anni il comune di Torino sta perdendo popolazione. Dopo il boom demografico durato fino alla metà degli anni settanta,

Dettagli

Flussi di cittadini in Italia

Flussi di cittadini in Italia Flussi di cittadini in Italia Il fenomeno dell immigrazione in Italia secondo gli ultimi dati del Ministero del lavoro riguarda più di 4 milioni di stranieri con un incidenza sulla popolazione

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane. di Nicola C. Salerno 1

Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane. di Nicola C. Salerno 1 Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane di Nicola C. Salerno 1 1 3. Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane Le sfide attese dall invecchiamento

Dettagli

Regione Veneto REPORT DI RICERCA Gli scenari futuri e il sistema di risposta ai problemi degli anziani

Regione Veneto REPORT DI RICERCA Gli scenari futuri e il sistema di risposta ai problemi degli anziani Regione Veneto REPORT DI RICERCA Gli scenari futuri e il sistema di risposta ai problemi degli anziani Ottobre 2006 Indice: 1. Invecchiamento della popolazione e cambiamenti nei sistemi di welfare...3

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

Popolazione. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Popolazione. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Popolazione Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Popolazione L'Istat calcola che al 31 dicembre 2012 risiedono in Italia 59.685.227 persone.

Dettagli

sistema statistico nazionale Milano dati Serie economia e lavoro 12 Le Forze di Lavoro nel Comune di Milano 2004-2006

sistema statistico nazionale Milano dati Serie economia e lavoro 12 Le Forze di Lavoro nel Comune di Milano 2004-2006 sistema statistico nazionale Milano dati Serie economia e lavoro 12 Le Forze di Lavoro nel Comune di Milano 2004-2006 A cura di: Flavio Necchi, Paolo Mariani, Biancamaria Zavanella, Paolo Pavanati Elaborazioni

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 La salute dell anziano e l invecchiamento in buona salute Stato di salute, opportunità e qualità dell assistenza nelle regioni italiane L analisi della struttura demografica

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

Lo scenario demografico regionale, nazionale ed europeo

Lo scenario demografico regionale, nazionale ed europeo Lo scenario demografico regionale, nazionale ed europeo Angelina Mazzocchetti Servizio statistica e informazione geografica ? Transizione demografica: dove e quando Aree diverse del mondo si trovano in

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009

Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009 Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009 a cura di DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE CARITAS/MIGRANTES Via Aurelia 796 00165 ROMA tel. ++39/06/66514345 fax. ++39/06/66540087

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna

I redditi 2011 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna I redditi 2011 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori Ottobre 2013 Questa nota è stata elaborata da un gruppo di lavoro

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli ITALIA II trimestre 2009 Ottobre 2009 Livelli retributivi dei in Italia La presenza straniera nel nostro Paese è in continua evoluzione

Dettagli

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA.

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. La spesa per redditi da lavoro dipendente rappresenta la remunerazione complessiva erogata ai propri

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Luglio 2010 1 Rapporto curato da: G. Coccia gcoccia@lavoro.gov.it B. Rossi brossi@lavoro.gov.it Sul sito http://www.lavoro.gov.it

Dettagli

IL RICORSO ALLE CURE ODONTOIATRICHE E LA SALUTE DEI DENTI IN ITALIA Anno 2013

IL RICORSO ALLE CURE ODONTOIATRICHE E LA SALUTE DEI DENTI IN ITALIA Anno 2013 6 luglio 2015 IL RICORSO ALLE CURE ODONTOIATRICHE E LA SALUTE DEI DENTI IN ITALIA Anno 2013 Le cure odontoiatriche hanno subìto una flessione negli anni della crisi economica. La quota di popolazione che

Dettagli

Giovani, stranieri e strutture familiari

Giovani, stranieri e strutture familiari Giovani, stranieri e strutture familiari Come cambia la popolazione lombarda Alessandro Rosina Dipartimento di Scienze Statistiche Università Cattolica - Milano (alessandro.rosina@unicatt.it) Longevità

Dettagli

Rapporto sulla Coesione Sociale

Rapporto sulla Coesione Sociale Rapporto sulla Coesione Sociale Anno 2011 I Volume Sistema Statistico Nazionale SOMMARIO CAPITOLO 1: I CONTESTI... 5 1.1 Il quadro socio demografico... 5 1.1.1 Struttura e dinamica della popolazione...

Dettagli

COMUNE DI COMO. I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004. (1 Edizione)

COMUNE DI COMO. I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004. (1 Edizione) COMUNE DI COMO I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004 (1 Edizione) Settore Statistica - Agosto 2007 I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004

Dettagli