Azienda Usl Roma D Via Casal Bernocchi Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Azienda Usl Roma D Via Casal Bernocchi 73 00125 Roma www.aslromad.it"

Transcript

1 Bilancio di Mandato Agosto Marzo 2010

2 Azienda Usl Roma D Via Casal Bernocchi Roma Direttore Generale Dr.ssa Giuseppina Gabriele Direttore Sanitario Dr. Maurizio Rango Direttore Amministrativo Dr. Antonio Scuteri Dati aggiornati al 16 Marzo 2010 Finita di stampare il 22 Marzo 2010 Impaginazione e grafica a cura Ufficio Relazioni con il Pubblico

3 5 ANNI: UN IMPRESA COLLETTIVA Trovare nella Pratica la Teoria e nella Scienza l Impegno Sociale diceva uno dei miei Maestri lo psichiatra Franco Basaglia. Una utopia concreta che ha guidato questa Direzione. Abbiamo cercato di tenere sempre presente la necessità di favorire un approccio olistico nella presa in carico dei pazienti e di valorizzare tutte le buone pratiche. Condensare 5 anni di attività in poche pagine è sempre operazione difficile, sono un tempo breve per affrontare e risolvere tutte le difficoltà in cui versa un Azienda Sanitaria Locale, oggi possiamo dire che il bicchiere è stato sufficientemente colmato, ma altro ancora, sicuramente, ci sarebbe da fare. Il rischio è di sintetizzare in estremo un percorso articolato, incorrendo in qualche semplificazione che non permette di comprendere pienamente cosa ha significato il conseguimento di alcuni importanti obiettivi, in termini di impegno degli operatori, del direttore generale e della direzione aziendale, dei dirigenti e di tutte le figure professionali che hanno scelto di impegnarsi in questa impresa. Il quadro da cui si è partiti è quello descritto dalla stampa: un debito di proporzioni catastrofiche accumulatosi negli anni, sia per una mancanza di controlli adeguati che per varie forme di inquinamento del sistema. Un deficit da far tremare i polsi, che ha imposto alla Regione un duro Piano di Rientro dal debito precedente. In questi anni, nella Asl abbiamo ridotto questo disavanzo di 140 milioni di euro con una gestione improntata alla massima trasparenza. Eliminando gli sprechi si è potuto investire in nuovi Servizi, aprirne di nuovi e ristrutturare il 90% di quelli esistenti che ne avevano un gran bisogno. I Servizi sul Territorio poi hanno registrato un complessivo incremento e in particolare la specialistica ha aumentato le prestazioni del 30%. Altrettanto significativo: l attività legata all Ospedale Grassi ha avuto un incremento del 7,4%. Non avremmo potuto farlo senza una straordinaria partecipazione collettiva. La partita in gioco nella Sanità laziale era il mantenimento del carattere Pubblico del Servizio Sanitario. Caratteristica che ci viene invidiata e riconosciuta finanche oltre Oceano. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha definito il nostro Servizio Sanitario Nazionale uno dei migliori in assoluto nel mondo, il secondo dopo quello francese. segue

4 I lavoratori responsabilmente hanno avuto consapevolezza delle difficoltà di questa fase ed anche il loro impegno ci ha messo nelle condizioni di realizzare risultati significativi. Ci siamo impegnati comunque a non perdere mai di vista i bisogni di tutti gli utenti, condividendo la preoccupazione di un ottimo Direttore Generale che voglio ricordare: Sembra assurdo che i Servizi nati per l uomo debbano essere ricondotti ad una dimensione umana, perché l hanno persa o mai l hanno avuta. Eppure è questo l unico obiettivo concreto: rimettere gli uomini e le donne al centro del sistema. (Andrea Alesini) Le buone prassi insomma non sono scontate, non si ottengono con il lasciar fare ma con la condivisione degli obiettivi. La buona sanità è frutto di onestà, organizzazione, regole, primato delle professionalità e delle competenze, capacità delle strutture pubbliche di intervenire, indirizzare, controllare, sanzionare se è il caso, nella prospettiva di garantire il diritto alla salute di tutte e tutti. Un ringraziamento non formale a tutti i dirigenti anche a quelli avvicendati in questi anni, per il tramite degli attuali contrattatori di budget, chiedendo loro pubblicamente di trasmetterlo a tutti i dipendenti. Li voglio elencare: il dr. Andrea Balbi, la d.ssa Laura Barozzi, la d.ssa Mariagrazia Budroni, la d.ssa Simonetta Casile, il dr. Vittorio Chinni, il dr. Filippo Coiro, la d.ssa Milena Cuccu, l avv. Fabio Ferrara, il dr. Vito Miceli Sopo, il prof. Pierluigi Palazzetti, la d.ssa Diana Pasquarelli, il dr. Giovanni Sacripanti, la d.ssa Carla Salvitti, la d.ssa Daniela Sgroi, il dr. Agostino Sorce, il dr. Andrea Tranghese e il dr. Lindo Zarelli. Per ultimo, ma non per importanza, un grazie al dr. Scuteri e al dr.rango che mi hanno pazientemente, molto seriamente e con grande professionalità, accompagnato in questa faticosa impresa. Dr.ssa Giuseppina Gabriele Direttore Generale ASL Roma D

5 Indice 1. Premessa 2. Nuove strutture a servizio della popolazione: l attuazione dei progetti di edilizia sanitaria 2.1 Presìdi territoriali ristrutturati e nuovi suddivisi per Distretto 2.2 Ristrutturazioni nei Presidi Ospedalieri 2.3 Presìdi di imminente apertura 2.4 La Casa della Salute della donna e del bambino 2.5 Richieste di finanziamento alla Regione Lazio concesse per 4 cantieri 2.6 Richieste di finanziamento alla Regione Lazio per altri 2 cantieri 2.7 Richiesta di finanziamento approvata dalla Regione Lazio in attesa di autorizzazione da parte del Ministero della Salute 3. Il potenziamento del territorio 3.1 Le azioni per la specialistica ambulatoriale e l impegno nella riduzione dei tempi d attesa, problema di difficile soluzione pag 7 pag 9 pag 11 pag 13 pag 13 pag 13 pag 13 pag 13 pag 13 pag 15 pag L efficienza e l appropriatezza degli ospedali 5. La prevenzione 6. L attenzione alle fasce deboli 7. La programmazione ed il controllo 8. L utilizzo delle risorse 8.1 L efficienza e trasparenza nella spesa per beni e servizi 8.2 Personale 8.3 Il monitoraggio della spesa farmaceutica 8.4 I controlli sui soggetti accreditati 8.5 Riduzione perdita esercizio 9. L atto aziendale, il Piano di Rientro e le azioni di innovazione e riorganizzazione 9.1 L Atto aziendale ed il potenziamento degli strumenti di gestione aziendale 9.2 Sintesi delle innovazioni introdotte 10. La comunicazione e la partecipazione dei cittadini pag 31 pag 35 pag 39 pag 43 pag 45 pag 45 pag 47 pag 49 pag 53 pag 57 pag 59 pag 59 pag 65 pag 71 5

6 PRESIDIO SANT AGOSTINO Ostia Intervento: Ristrutturazione intero stabile Importo lavori: ,00 Tempi di esecuzione: in corso d opera Superficie: mq Descrizione dell opera: adeguamento alle norme antisismiche e prevenzione incendi; consolidamento solai; realizzazione nuovi impianti elettrici, di climatizzazione, di elevazione, telefonici e trasmissione dati; sostituzione infissi interni ed esterni; restauro facciate esterne; tinteggiatura dei locali. 6

7 1. Premessa Il complesso di azioni esercitate dalla Direzione Generale della Azienda USL Roma D, nei 5 anni cui si fa riferimento, non può essere compiutamente descritto in una breve sintesi ma richiederebbe un - ampia ed approfondita analisi. Il governo di un Azienda complessa e peculiare quale quella sanitaria, particolarmente popolosa ed estesa (Popolazione residente: circa abitanti. Estensione: 517 kmq. Numero di dipendenti: 2494) si esplica infatti in contesti difficili e mutevoli, caratterizzati dalla forte autonomia professionale, dalla relazione con gli Enti e le Comunità locali, dalle richieste di un utenza fortunatamente sempre più consapevole ed esigente, da precisi obblighi normativi e da vincoli di natura economico-finanziaria, particolarmente stringenti in presenza di un Piano di Rientro, in una Regione commissariata, con un debito regionale di partenza di circa 10 miliardi di euro e dalla presenza e dai legittimi interessi di una platea di interlocutori e di fornitori. Sono da evidenziare altresì le criticità di situazioni di fatto che questa Direzione aziendale ha riscontrato all inizio del proprio mandato, caratterizzate da ritardi nelle procedure di indizione ed aggiudicazione delle gare (molti servizi e forniture erano gestiti in regime di proroga o di fatto), dal mancato utilizzo di fondi stanziati ex articolo 20, che aveva determinato uno stato di assoluta fatiscenza nella maggior parte dei 55 Presidi sul territorio e nei 3 Presidi Ospedalieri, dal conseguente ritardo nei pagamenti dei SAL, da inefficienze nel calcolo e versamento dell IRAP, da lacune nello sviluppo della contabilità analitica, dalla mancata determinazione dei fondi contrattuali e dalla mancata approvazione del bilancio al (successivamente approvato con Delibera n.120 del 8/11/2005). 7

8 P.O. G.B. GRASSI Ostia Intervento: Ristrutturazione reparto Ortopedia Importo lavori: ,00 Tempi di esecuzione: 8 mesi Superficie: 700 mq Descrizione dell opera: adeguamento normativa delle stanze di degenza; stanze da due posti letto con wc dedicato; adeguamento impianti elettrici, telefonici e trasmissione dati; rifacimento pavimentazione e rivestimenti murali; tinteggiatura dei locali. 8

9 2. Nuove strutture a servizio della popolazione: l attuazione dei progetti di edilizia sanitaria Si è ritenuto che una linea prioritaria di attività fosse quella di ristrutturare le sedi esistenti e cercarne di nuove per aprire ulteriori servizi ai cittadini. Le tendenze demografiche ed epidemiologiche possono essere affrontate solo con un forte ruolo del territorio e della cooperazione tra tutti i soggetti, sanitari e sociali, che vi operano; perciò sono stati valorizzati i Poliambulatori ed i Presìdi territoriali ed è stato richiesto ed ottenuto un finanziamento regionale per l investimento in nuove attrezzature da collocarvi. E stato dato forte impulso a tutte le attività riguardanti il potenziamento e la riqualificazione dei presidi aziendali, in particolare sono stati aperti i cantieri finalizzati alla ristrutturazione dei Presidi dell Azienda, di cui una parte finanziati con i fondi ex articolo 20 e un altra con i fondi aziendali o con finanziamenti regionale ad hoc, per un impegno economico totale di circa di Euro. I lavori di 39 cantieri si sono già conclusi e altri saranno operativi nei primi mesi del 2010; a conclusione del mandato il 90% circa delle sedi aziendali sarà stato ristrutturato e messo a norma. Sono stati anche richiesti alla Regione i finanziamenti di altre sedi, la cui realizzazione porterà al 100% le sedi rinnovate o ristrutturate. Sono state inoltre dismesse alcune sedi in affitto, grazie alla ristrutturazione di quelle di proprietà, determinando di conseguenza un buon risparmio economico. 9

10 AMBULATORIO VIA DEGLI ORTI Fiumicino Intervento: Ristrutturazione intero stabile Importo lavori: ,00 Tempi di esecuzione: 12 mesi Superficie: 500 mq Descrizione dell opera: realizzazione nuovi impianti elettrici, di climatizzazione, di elevazione, telefonici e trasmissione dati; sostituzione infissi interni ed esterni; restauro facciate esterne; tinteggiatura dei locali; abbattimento barriere architettoniche. 10

11 2.1 Presìdi territoriali ristrutturati e nuovi suddivisi per Distretto: Comune di Fiumicino Ristrutturazione dell Ambulatorio di via degli Orti Nuova sede in via Giorgio Giorgis con accorpamento dei servizi Consultorio, TSMREE, Medicina Legale, Vaccinazioni e Direzione Distretto Ristrutturazione della sede DSM di largo Spinarello con attività ambulatoriali e residenziali per 8 posti letto. Consultorio di Fregene Ampliamento del Poliambulatorio di via Coni Zugna Municipio XIII Ristrutturazione del Poliambulatorio di Ostia Antica Locali di via del Sommergibile sede del TSMREE di Ostia Ristrutturazione e nuova destinazione del Presidio del Dipartimento della Prevenzione di via Vasco de Gama Repubbliche Marinare Ristrutturazione del Centro prelievi di via Repubbliche Marinare con creazione di un polo per la diagnostica di laboratorio delle infezioni del basso tratto genito femminile Ristrutturazione dei locali di via Cagni Apertura dell Ambulatorio veterinario di via Forni Ristrutturazione edificio in via Quinqueremi per i Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Apertura Presidio di Acilia (Montesarchio) - Consultorio e Vaccinazioni Municipio XV Ristrutturazione del Poliambulatorio di via Vaiano con Servizio TAC Apertura del Poliambulatorio di Commercity Apertura dello Sportello CUP presso il presidio di via Fermi Ambulatorio di via Portuense 571 Municipio XVI Nuova sede in via Pascarella per il Poliambulatorio di Monteverde Nuova sede per Consultorio ed Ambulatorio in largo Quaroni Apertura di 3 nuove Case famiglia per pazienti psichiatrici 11

12 P.O. CPO Ostia Intervento: Completamento 3 e 4 piano Importo lavori: ,00 Tempi di esecuzione: 24 mesi Superficie: mq Descrizione dell opera: realizzazione di 24 posti di degenza; rifacimento impianti elettrici, di climatizzazione, di elevazione, telefonici e trasmissione dati; sostituzione infissi interni; tinteggiatura locali. 12

13 2.2 Ristrutturazioni nei Presidi Ospedalieri Attivazione del servizio di Emodinamica presso il P.O. G.B. Grassi Realizzazione della Casa del Parto naturale Acqualuce nella pineta dell Ospedale GB Grassi (unica nel Centro Sud Italia, la 5ª in Italia a realizzare il parto naturale in acqua). Aumento da 10 a 20 posti letto per la Degenza breve presso l Ospedale GB Grassi Ristrutturazione del Reparto di Ortopedia - GB Grassi Ristrutturazione del Reparto di Chirurgia - GB Grassi Ristrutturazione del Reparto di Otorino - GB Grassi Ristrutturazione del Reparto di Medicina Donne - GB Grassi Ristrutturazione del Reparto di Medicina Uomini - GB Grassi Ristrutturazione del Reparto di Oculistica - GB Grassi Pronto Soccorso: realizzazione reparto Sub-Intensiva - GB Grassi Ristrutturazione del Laboratorio di Analisi - GB Grassi Ristrutturazione e potenziamento del Blocco Operatorio e del Centro Rianimazione - GB Grassi Laboratorio Anatomia Citologica - GB Grassi Completamento dei piani 3 e 4 - CPO Apertura della Casa Agevole - CPO Adeguamento funzionale dei locali di piano terra - CPO 2.3 Presìdi di imminente apertura Presidio di via Catacombe di Generosa (riavvio dei lavori) (Municipio XV) CSM via delle Sirene (Municipio XIII) Centro Diurno Tagaste (Municipio XIII) 2.4 La Casa della Salute della donna e del bambino Ristrutturazione S. Agostino (ex ospedale di Ostia) L intervento di ristrutturazione che interessa una superficie di mq in due edifici, è stato finanziato dalla Regione (4 milioni di euro) e dall Azienda USL (1 milione); i lavori dovrebbero concludersi entro il Richieste di finanziamento alla Regione Lazio concesse per 4 cantieri: Poliambulatorio di via Paolini ad Ostia ristrutturazione Presidio di via del Casaletto - ristrutturazione Presidio di via Portuense (Ponte Galeria) - ristrutturazione Presidio di largo Quadrelli - ristrutturazione 2.6 Richieste di finanziamento alla Regione Lazio per altri 2 cantieri: Presidio di Mazzacurati - ristrutturazione Presidio Territoriale di Prossimità di via Saponara Acilia 2.7 Richiesta di finanziamento approvata dalla Regione Lazio in attesa di autorizzazione da parte del Ministero della Salute Nuova palazzina del G.B. Grassi per ambulatori ed uffici 13

14 P.O. CPO Ostia Intervento: Realizzazione della Casa Agevole Importo lavori: ,00 Tempi di esecuzione: 2 mesi Superficie: 70 mq Descrizione dell opera: realizzazione di una struttura dove una persona che abbia subito un grave incidente possa trovare la massima accoglienza, composto da: camera, cucina e soggiorno completo di arredamenti. 14

15 3. Il potenziamento del territorio L attività ambulatoriale specialistica (SIAS) è incrementata tra il 2005 ed il 2009 del 30%, con un aumento assoluto di circa prestazioni, gli utenti raggiunti sono stati circa nel E stata incrementata l attività oraria degli specialisti ambulatoriali convenzionati, con il quasi completo utilizzo delle ore destinate all Azienda dal riparto regionale. Sono state acquisite tecnologie ed attrezzature in tutti gli ambulatori, con particolare attenzione agli ecografi, attrezzature per la chirurgia ambulatoriale, attrezzature per l oculistica e per la cardiologia; investimento regionale per il rinnovo e il potenziamento delle attrezzature dei Consultori. E stata completata la riorganizzazione del Laboratorio di analisi che consta sul territorio di 12 centri prelievo collegati in rete con un collegamento tipo client-server (invio di referti in tempo reale). Inoltre sono stati realizzati 3 centri prelievo presso i CAD Distrettuali e 3 centri prelievo presso i SERT e Villa Maraini: per questi ultimi è stata realizzata una rete informatica interna che consente la visualizzazione dei dati di laboratorio su una cartella clinica dedicata. Il modello organizzativo adottato ha consentito di erogare nel 2009 un numero di prestazioni di laboratorio pari a : nel processo di consolidamento delle prestazioni analitiche è stato coinvolto anche il servizio Immunotrasfusionale. E stata attivata la collaborazione tra specialisti ospedalieri e quelli del territorio, con scambio di reciproca consulenza e presenza degli specialisti ospedalieri nelle sedi ambulatoriali; erogazione a livello ospedaliero delle prestazioni a più alta complessità strumentale e a pazienti con necessità assistenziali multiple, riservando al territorio le prestazioni di primo livello e quelle che si configurano quali percorsi diagnostico-terapeutici. E stato attivato il Progetto PRE.CA.M. con i Medici di Famiglia ed i Cardiologi del Territorio di Fiumicino, che consiste in uno screening di prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari della popolazione di Fiumicino. I pazienti ad alto rischio di sviluppare un evento cardiovascolare acuto (ictus, infarto), verranno riferiti per accertamenti e cure specifiche all UOC Cardiologia del GB Grassi. E stato realizzato il Progetto di continuità assistenziale Un ponte tra Ospedale e Territorio, che prevede l accesso in Ospedale su richiesta appropriata dei Medici di Famiglia senza liste d attesa, la diagnostica e la cura del paziente in Ospedale ed il follow-up dopo ricovero garantito dall UOC Cardiologia per almeno 6 mesi o fino alla stabilizzazione del paziente. Con tale progetto si ottiene l assoluta assenza di liste di attesa per eventuali urgenze differibili, l appropriatezza diagnosticoterapeutica condivisa con i Medici di Famiglia. Entrambi i progetti beneficeranno dell informatizzazione attuata all interno dell UOC Cardiologia. Sono stati attivati in tutti e quattro i Distretti i Punti Unici di Accesso (PUA) per l orientamento e la presa in carico di pazienti fragili e con richieste di integrazione socio-sanitaria. 15

16 P.O. G.B. GRASSI Ostia Intervento: Attivazione Reparto Emodinamica Importo lavori: ,00 Tempi di esecuzione: 12 mesi Superficie: 165 mq Descrizione dell opera: dotare l ospedale del Reparto di Emodinamica secondo la normativa vigente, mediante la realizzazione di nuovi pavimenti e rivestimenti murali, nuovi infissi interni, impianti di protezione anti raggi x. 16

17 Nel territorio del Municipio XIII è stato realizzato un progetto per la presenza in alcune scuole di un infermiere addetto all assistenza ed all educazione sanitaria. Un cospicuo aumento è stato realizzato nelle attività materno - infantili: il numero dei parti presso il Grassi è passato da nel 2005 a nel 2008 fino a toccare quota nel I parti espletati nella Casa del Parto naturale sono già 23. Le attività dei consultori sono aumentate da nel 2005 a circa nel 2009, con un aumento del numero degli utenti raggiunti. Particolare rilievo è stato posto dall Azienda allo screening di popolazione, tanto che solo nel 2008 sono state eseguite oltre mammografie, pap test per lo screening citologico, circa 1000 test per ricerca HPV con test di biologia molecolare. E stato avviato lo screening del tumore del colon retto con l effettuazione di circa 5000 test per la ricerca del sangue occulto presso il laboratorio di analisi. E stata ampliata l assistenza territoriale ai malati oncologici. E stata creata la rete territoriale per l assistenza ai soggetti affetti da morbo di Alzheimer, potenziata l assistenza domiciliare ed aperto il primo centro Alzheimer nel territorio aziendale (Casa Vittoria). Sono stati costituiti 3 Nuclei di cure primarie gestiti con personale dell Azienda (oltre prestazioni all anno), non essendo stato ancora possibile avviare la riorganizzazione con la presenza di MMG; è stato inoltre attivato, mediante accordo con gli MMG, un Ambulatorio dei codici bianchi e verdi presso il DEA dell Ospedale Grassi (circa 700 prestazioni al mese). 17

18 POLIAMBULATORIO OSTIA ANTICA Ostia Intervento: Ristrutturazione intero stabile Importo lavori: ,00 Tempi di esecuzione: 24 mesi Superficie: 400 mq Descrizione dell opera: realizzazione nuovi impianti elettrici, di climatizzazione, di elevazioni, telefonici e trasmissione dati; sostituzione infissi interni ed esterni; restauro facciate esterne; tinteggiatura dei locali; abbattimento barriere architettoniche. 18

19 Nel settore dell assistenza domiciliare sono state riviste le modalità di erogazione della stessa e progettata una diversa organizzazione con l applicazione delle recenti Linee guida ministeriali in materia, gestendo i pazienti non più per singole prestazioni quanto per complessiva presa in carico, tramite una società mista costituita come sperimentazione gestionale; tale assistenza riguarda tutti e quattro i Distretti con modalità organizzative ed assistenziali omogenee. E stato costituito il Comitato aziendale per l assistenza domiciliare per uniformare pratiche e strumenti tra i vari Distretti. Con deliberazione n. 295 del è stata approvata la convenzione per la gestione dei servizi sanitari, per le opere di ristrutturazione e le eventuali iniziative tra H.C. Litorale S.p.A. e l Azienda USL Roma D. Al fine di rendere omogeneo attraverso un unica procedura aziendale l accesso degli utenti, la valutazione per la presa in carico ed il monitoraggio del trattamento presso i CAD aziendali è stata redatta e approvata un apposita procedura successivamente aggiornata alla luce delle disposizioni regionali in materia con deliberazione n. 528 del Si è elaborata la procedura aziendale per la valutazione e il trattamento dei pazienti in dimissione difficile, in corso di validazione definitiva. E in corso di elaborazione la procedura informativa nella quale vengono esplicitate tutte le modalità di accesso ai servizi territoriali dell Azienda USL Roma D o dell ambito territoriale, come ad esempio: il Punto Unico di Accesso (PUA), compresa la modulistica ivi necessaria alla segnalazione e successiva attivazione dell assistenza domiciliare da parte di chi desidera favorire la stessa per la persona malata non autosufficiente. 19

20 P.O. G.B. GRASSI Ostia Intervento: Ristrutturazione Laboratorio Analisi Importo lavori: ,00 Tempi di esecuzione: 5 mesi Superficie: 600 mq Descrizione dell opera: adeguamento a norma e fornitura apparecchiature nuove per: esami di chimica clinica, marcatori tumorali, cardiaci, esami ormonali, diagnostica virologica in immunometria, test di screening. 20

21 E stato aumentato il numero di Commissioni per il riconoscimento dell invalidità civile (attualmente 13), la frequenza delle sedute (attualmente bisettimanale) e sono state altresì decentrate e aumentate le sedi di attività attualmente presenti in tutti e quattro i Distretti Sanitari. I tempi di attesa fra i 4 ed i 6 mesi del 2005 sono scesi ad oggi a 30/40 giorni e 20 per giorni per i pazienti oncologici. Sono state avviate sperimentazioni per l utilizzo del modello di Cure Palliative in ambito non oncologico. E stato così stipulato ed è operativo il protocollo tra Azienda USL Roma D e Hospice Sacro Cuore per l'assistenza in cure palliative di malati affetti da Sclerosi Laterale amiotrofica (SLA), che prevede la presa in carico da parte dell'hospice Sacro Cuore, di complessivi 9 pazienti, sia in regime domiciliare (6 pazienti) che residenziale (3 pazienti). E stata anche autorizzata ed è in corso una sperimentazione a titolo gratuito del modello di Cure Palliative su 10 pazienti affetti da grave insufficienza respiratoria, affidata alla Ryder Italia Onlus, sotto la supervisione dei servizi territoriali pneumologici. In entrambe le sperimentazioni i risultati preliminari appaiono molto positivi. Dal primo giugno 2009 inoltre l'hospice Sacro Cuore eroga assistenza domiciliare e residenziale a pazienti oncologici residenti in tutto il territorio della Azienda USL Roma D e non più solo per quelli residenti nei Distretti Sanitari Municipio XV e XVI. Nel settore Protesica la ASL provvede alla fornitura in riutilizzo, come da DGR 319/04, di letti, carrozzine, deambulatori, sollevatori, montascale; sono forniti in noleggio respiratori e ventilatori. Per la fornitura di ausili ad assorbenza per l incontinenza urinaria si aderisce alla convenzione che la Consip ha stipulato con la Santex, assistendo utenti, tra adulti e minori. Sono stati immessi nel sistema di registrazione aziendale le attività e le prestazioni dei SerT e del TSMREE, per una maggior rapidità di gestione e trasparenza delle liste d attesa. Nel TSMREE sono state riviste ed aggiornate le liste d attesa per riabilitazione e per logoterapia; per quest ultima sono state individuate le priorità (per età e per patologia) e si è proceduto alla formazione di gruppi terapeutici e di presa in carico a cicli ; attualmente la lista si è ridotta a meno di 54 casi. Il numero di prestazioni nel corso degli ultimi anni è notevolmente aumentato in tutti i presidi aziendali del TSMREE; alcuni presidi sono stati specializzati nella valutazioni e la presa in carico terapeutica delle sindromi dello spettro autistico. Tale settore si è fatto carico anche di nuovi 177 utenti, precedentemente assistiti presso la struttura provvisoriamente accreditata IKT S. Antonio, chiusa per motivi giudiziari; l Azienda ha assunto il personale, assicurando in tal modo la continuità assistenziale ed il sostegno alle famiglie. E già operativo nel Presidio di via Colautti (Distretto Municipio XVI) un servizio adibito alla diagnosi precoce e presa in carico sull autismo. Particolare impulso è stato dato al lavoro sugli adolescenti con il Progetto Bullismo riservato ai ragazzi delle scuole medie superiori anche con utilizzo della tecnica Drum-circle (percussioni) ed è stato aperto ad Ostia un Centro diurno per gli adolescenti a rischio, assolutamente innovativo ed unico nel panorama regionale. Inoltre è attivo il protocollo che regolamenta la collaborazione sul passaggio di casi di giovani adulti tra TSMREE e DSM. 21

22 P.O. G.B. GRASSI Ostia Intervento: Realizzazione della Casa del Parto Naturale Importo lavori: ,00 Tempi di esecuzione: 6 mesi Superficie: 200 mq Descrizione dell opera: realizzazione del Casa del Parto in Acqua in legno naturale inserita all interno della pineta in prossimità del reparto di ostetricia e ginecologia. 22

23 Nel settore dell assistenza psichiatrica sono state aperte 3 nuove Case famiglia; è stata ristrutturata la sede di largo dello Spinarello nel comune di Fiumicino dove è stata realizzata una Comunità per giovani adulti ed è in corso di ristrutturazione una sede che sarà destinata ad una comunità terapeutica. Dopo sensibilizzazione degli psichiatri ad ottimizzare l appropriatezza dei ricoveri, si è giunti ad una riduzione della spesa di circa euro e alla riduzione delle giornate di degenza nelle due Case di cura neuropsichiatriche provvisoriamente accreditate presenti nel territorio; sono stati svolti corsi di formazione ai MMG, medici di guardia ed operatori, nonché gli interventi precoci sugli esordi psicotici, sia sul territorio che nell area di degenza dedicata. Si è avviata la cartella clinica informatizzata on line del DSM con un notevole miglioramento delle possibilità di verifica epidemiologica. Si è ottenuto l aumento degli inserimenti lavorativi e dei tirocini di lavoro delle persone con disagio mentale (101 inserimenti lavorativi e 53 tirocini). Ha un valore particolare la nuova esperienza lavorativa di un gruppo di utenti del DSM realizzata con l utilizzo di uno spazio nel Parco della Madonnetta adibito a coltivazione biologica. 23

24 SEDE DSM SPINARELLO Fiumicino Intervento: Ristrutturazione intero stabile Importo lavori: ,00 Tempi di esecuzione: 23 mesi Superficie: 700 mq Descrizione dell opera: realizzazione di un Centro semiresidenziale e di un Centro diurno per il Dipartimento di Salute Mentale; realizzazione nuovi impianti elettrici, di climatizzazione, di elevazione, telefonici e trasmissione dati; sostituzione infissi interni ed esterni; restauro facciate esterne; tinteggiatura dei locali; abbattimento barriere architettoniche. 24

25 3.1 Le azioni per la specialistica ambulatoriale e l impegno nella riduzione dei tempi d attesa, problema di difficile soluzione Per fronteggiare tale problematica sono stati messi in atto diversi strumenti in grado di garantire il controllo dei tempi di attesa, con particolare riguardo al governo della domanda ed al controllo dell - appropriatezza delle prestazioni richieste. In tale ottica specifica attenzione è stata posta alla razionalizzazione delle risorse umane e strumentali, mettendo in atto iniziative finalizzate a: monitoraggio e pieno utilizzo delle apparecchiature ad alta e bassa tecnologia acquisizione di nuovi ecografi multidisciplinari predisposizione ed esecuzione di un Progetto sperimentale approvato dalla Regione Lazio e finalizzato alla riduzione dei tempi di attesa per prestazioni di mammografia clinica, ecocolordoppler vascolare ed ecografia internistica tramite incremento dell offerta di prestazioni. Il Progetto è ancora in corso di esecuzione e ha dato risultati positivi in termini di riduzione dei tempi di attesa soprattutto per le prestazioni di mammografia clinica gestione delle agende di prenotazione con la differenziazione tra prime visite e visite di controllo per evitare che queste ultime vadano ad allungare ulteriormente i tempi di attesa monitoraggio dell entità del drop-out, al fine di rimodulare le agende di prenotazione integrandole con prenotazioni in sovrannumero trasformazione delle agende cartacee in agende informatiche uniformità nei tempi di esecuzione delle prestazioni aggiuntive e di quelle istituzionali, vincolando le prime alla reale riduzione dei tempi di attesa 25

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

Casa della Salute. Portomaggiore e Ostellato. Portomaggiore. Via De Amicis 22. Casa della Salute. Casa della Salute

Casa della Salute. Portomaggiore e Ostellato. Portomaggiore. Via De Amicis 22. Casa della Salute. Casa della Salute Casa della Salute Casa della Salute Azienda Unità Sanitaria Locale di Ferrara Casa della Salute Portomaggiore e Ostellato Via De Amicis 22 Portomaggiore Cos è la Casa della Salute La Casa della Salute

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

Allegato B. Azienda Sanitaria Locale di Cuneo, Mondovì e Savigliano ORGANIGRAMMA

Allegato B. Azienda Sanitaria Locale di Cuneo, Mondovì e Savigliano ORGANIGRAMMA Allegato B Azienda Sanitaria Locale di Cuneo, Mondovì e Savigliano ORGANIGRAMMA ORGANIGRAMMA GENERALE Direttore Generale SC Legale SC Servizio Prevenzione Protezione dei Percorsi cardio respiratori dei

Dettagli

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio 1 Il territorio 2 Il territorio: tendenze evolutive Aumentata l aspettativa di vita: U = 76 anni D = 82,4 anni Patologie croniche prevalgono su quelle acute Possibilità di eseguire piccoli interventi chirurgici

Dettagli

OGGETTO: I 10 obiettivi raggiunti dalla Asl Bat nell ultimo quinquennio

OGGETTO: I 10 obiettivi raggiunti dalla Asl Bat nell ultimo quinquennio Prot.n. 64929 Andria, 10.11.2009 OGGETTO: I 10 obiettivi raggiunti dalla Asl Bat nell ultimo quinquennio Andria Barletta Bisceglie Canosa di Puglia Margherita di Savoia Minervino Murge S. Ferdinando di

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI I Sessione: Il problema del lavoro rispetto alla psicopatologia e alla psicologia Malattie psichiatriche e lavoro Milano Ospedale San Raffaele 19 Novembre 2010 ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O.

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE Massimo Fabi (Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma) Innanzitutto grazie agli organizzatori di questo convegno: è davvero molto utile confrontare

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

L ASP assicura l erogazione di prestazioni incluse nei seguenti Livelli Essenziali di Assistenza:

L ASP assicura l erogazione di prestazioni incluse nei seguenti Livelli Essenziali di Assistenza: Informazioni sulle strutture e i servizi forniti Questa parte della Carta dei Servizi contiene informazioni sintetiche sulle strutture e i servizi dell Azienda Sanitaria Provinciale. Per le informazioni

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2

ASL TO2 Torino Nord Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2 ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE Direzione Sanitaria Macro livello Distretti Circ. 4,5,6,7 Direzione distretto 4 Circoscr. 4 Direzione distretto 5 Circoscr. 5 Direzione

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO Gruppo di Lavoro Coordinamento: Salvi. F (Neurologia Osp. Bellaria) Descovich C. (Governo Clinico) Alvisi S. (DH Neurologia OB) Amadori L. (Medicina

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO V Linee guida per progetti di sperimentazione inerenti Modalità organizzative per

Dettagli

1 Diagnostica vascolare Doppler, vasi del collo e arti inferiori. Appuntamento tramite CUP con richiesta del medico di base

1 Diagnostica vascolare Doppler, vasi del collo e arti inferiori. Appuntamento tramite CUP con richiesta del medico di base Questa guida vuol rendere più facile l accesso ai Servizi che vengono erogati nel Quartiere 3 di Firenze dall Azienda sanitaria a cui fanno capo in convenzione i medici di famiglia, i pediatri con i loro

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive ACCORDO DI COLLABORAZIONE fra.. in materia di Assistenza integrata alle persone Hiv positive 1. PREMESSA L integrazione, la stretta collaborazione, la sinergie di risorse sono elementi essenziali per affrontare

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

Gentile Signore / Signora,

Gentile Signore / Signora, Gentile Signore / Signora, il documento che Lei sta leggendo è la nostra Carta dei Servizi. Si tratta di un documento importante che Le permette di conoscere la nostra struttura, i servizi che forniamo,

Dettagli

Continuità delle cure:

Continuità delle cure: Continuità delle cure: Assistenza integrata Ospedale-Territorio Roma, 13 dicembre 2013 Riccardo Poli Direttore Zona-Distretto Asl 4 Prato AZIENDA USL 4 PRATO Dalle Dimissioni Difficili al SCAHT Servizio

Dettagli

La sanità nella Legge Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida

La sanità nella Legge Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida La sanità nella Legge Finanziaria 2008 La sanità nella Legge Finanziaria 2008/1 Per la sanità prosegue la politica di potenziamento dei servizi e dei livelli di assistenza Cresce ancora il fondo sanitario

Dettagli

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 PROGETTO POSTI SOLLIEVO ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 Responsabile del progetto: dott.ssa Pia Poppini -ULSS 20 Responsabile gestione operativa Istituto Assistenza Anziani: Dott.Roberto De Mori Referente

Dettagli

ATTO AZIENDALE A.S.L. NAPOLI 1 CENTRO 2013 ALLEGATO A

ATTO AZIENDALE A.S.L. NAPOLI 1 CENTRO 2013 ALLEGATO A ATTO AZIENDALE A.S.L. NAPOLI 1 CENTRO 2013 ALLEGATO A DIREZIONE GENERALE Dipartimento dei Servizi Strategici Prevenzione e Protezione Prevenzione e Infortuni DIREZIONE SANITARIA DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

VILLA ROSA. NUOVA SEDE DISTRETTO di COLLEGNO

VILLA ROSA. NUOVA SEDE DISTRETTO di COLLEGNO VILLA ROSA NUOVA SEDE DISTRETTO di COLLEGNO Ambulatori Senologia Radiologia Personale Spogliatoi Locali Tecnici Archivio Futura Area di Riabilitazione Specialistica Ambulatoriale Punti Gialli BAR Sportello

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA Aggiornamento delle Linee guida per la metodologia

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Direzione Sanitaria II Distretto. Dott. Fabio De Angelis

Direzione Sanitaria II Distretto. Dott. Fabio De Angelis Direzione Sanitaria II Distretto Dott. Fabio De Angelis COMPLESSITA ORGANIZZATIVA Necessità di modelli organizzativi più coerenti ed efficaci per la gestione dei pazienti domiciliari COMPLESSITA ORGANIZZATIVA

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE Organigramma DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE AREA DI SUPPORTO DIREZIONALE PER L ORGANIZZAZIONE E LO SVILUPPO (ASDOS) INGEGNERIA CLINICA DIREZIONE

Dettagli

1 Sanità. 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN)

1 Sanità. 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) 1 Sanità 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) Il Servizio Sanitario Nazionale è l insieme di strutture e servizi che assicurano la tutela della salute e l assistenza sanitaria a tutti i

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONA AUTONOMA SARDEGNA AZIENDA U.S.L. N. 5 ORISTANO PROGETTO SPERIMENTALE PER L'ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.

REGIONANDO 2000 REGIONA AUTONOMA SARDEGNA AZIENDA U.S.L. N. 5 ORISTANO PROGETTO SPERIMENTALE PER L'ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I. REGIONANDO 2000 REGIONA AUTONOMA SARDEGNA AZIENDA U.S.L. N. 5 ORISTANO PROGETTO SPERIMENTALE PER L'ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) L ADI consiste in una metodologia di lavoro, orientata ad erogare

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO 2015

PROGRAMMA FORMATIVO 2015 PROGRAMMA FORMATIVO 2015 SEGRETERIA ORGANIZZATIVA U.O. POLITICHE PER IL PERSONALE E FORMAZIONE COMUNICAZIONE - URP e-mail: ecm@ospedaliriunitipalermo.it urp@ospedaliriunitipalermo.it P.O. VILLA SOFIA Tel.

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Immigrazione, come dove e quando

Immigrazione, come dove e quando Immigrazione, come dove e quando Manuale d uso per l integrazione Edizione 2008 a cura del Ministero del lavoro, della Salute e Politiche Sociali Settore Politiche Sociali www.solidarietasociale.gov.it

Dettagli

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario Sommario 1. Storia e futuro....1 2. La nostra mission e i nostri impegni La nostra tradizione è al servizio della persona 2 3. Riferimenti Normativi 3 4. L offerta dei servizi a domicilio..3 5. Voucher

Dettagli

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera Spesa complessiva del Servizio Sanitario Nazionale 2011

Dettagli

Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza)

Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) Susanna Conti Direttora dell Ufficio di Statistica dell Istituto Superiore della Sanità ALCUNE CONSIDERAZIONI

Dettagli

Ospedale di Comunità

Ospedale di Comunità Casa della Salute di San Secondo Parmense Ospedale di Comunità Liguria DALL OSPEDALE AL TERRITORIO Genova 18 marzo 2014 Remo Piroli Il contesto normativo Delibera 14/03/2013 N.159 Oggetto : CASA DELLA

Dettagli

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI Area Funzionale Chirurgica del Presidio Ospedaliero S.S. Cosma e Damiano di Pescia ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, l Area Funzionale Chirurgica dell

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Day Hospital Psichiatrico

Day Hospital Psichiatrico Day Hospital Psichiatrico Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci CRONOPROGRAMMA GENERALE ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI, TERZO SETTORE, COOP. SVILUPPO, POLITICHE GIOVANILI, PARI OPPORTUNITA PARTE 1: AZIONI DI SISTEMA 1. Assetti organizzativi e istituzionali a. Ruolo

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

proposta di legge n. 455

proposta di legge n. 455 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 455 a iniziativa dei Consiglieri Busilacchi, D Anna, Badiali, Bugaro, Camela, Comi, Eusebi, Natali, Perazzoli, Pieroni, Zinni presentata in data

Dettagli

Linee guida per la gestione della contabilità analitica e per la costruzione del modello LA

Linee guida per la gestione della contabilità analitica e per la costruzione del modello LA REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA Linee guida per la gestione della contabilità analitica e per la costruzione del modello LA

Dettagli

Il distretto e la presa in cura

Il distretto e la presa in cura Il distretto e la presa in cura Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 Il malato nel Sistema sanitario regionale Arezzo

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

PIANO DIRETTORE PRESIDIO OSPEDALIERO VAL TIDONE

PIANO DIRETTORE PRESIDIO OSPEDALIERO VAL TIDONE PIANO DIRETTORE PRESIDIO OSPEDALIERO VAL TIDONE L ospedale è costituito da quattro ali parallele collegate tra di loro da un corridoio centrale di raccordo e da una piccola palazzina, unita dal corridoio

Dettagli

Relazione del Direttore Generale. al bilancio economico preventivo 2015

Relazione del Direttore Generale. al bilancio economico preventivo 2015 A.O. CARDARELLI NAPOLI Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Via Antonio Cardarelli, 9-80131 Napoli Relazione del Direttore Generale al bilancio economico preventivo 2015

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

Elenco Unità Operative

Elenco Unità Operative Sistemi Direzionali Inc Prof Coordinamento tecnico di supporto OIV Inc Prof Risk Management Inc Prof Controllo di Gestione e CO.AN. Sistema Qualità e Sistema Informativo Sanitario Monitoraggio Spesa Farmaceutica

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

Art. 1 Rivisitazione tariffario per le prestazioni ospedaliere e specialistiche ambulatoriali

Art. 1 Rivisitazione tariffario per le prestazioni ospedaliere e specialistiche ambulatoriali LEGGE REGIONALE 7 agosto 2002, n. 29 Approvazione disposizioni normative collegate alla legge finanziaria regionale relative al Settore Sanità. (BUR n. 14 dell 1 agosto 2002, supplemento straordinario

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

proposta di atto amministrativo n. 148/10

proposta di atto amministrativo n. 148/10 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA VIII LEGISLATURA DOCUMENTI PROPOSTE DI LEGGE E DI ATTO AMMINISTRATIVO RELAZIONI proposta di atto amministrativo n. 148/10 a iniziativa della Giunta regionale presentata

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

LA RIABILITAZIONE IN ADI

LA RIABILITAZIONE IN ADI Azienda USL3 di Pistoia LA RIABILITAZIONE IN ADI LA RIABILITAZIONE DOPO ICTUS E FRATTURA FEMORE IN TOSCANA Firenze 17 Aprile 2012 Franco Giuntoli UORRF Aziendale Simone Bonacchi UORF Zona Distretto Pistoiese

Dettagli

LE REGOLE PRESCRITTIVE DELLA ASL 7

LE REGOLE PRESCRITTIVE DELLA ASL 7 SANITARIO REGIONE SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N.7 09013 CARBONIA (Carbonia Iglesias) LE REGOLE PRESCRITTIVE DELLA ASL 7 Centralità del cittadino nei percorsi sanitari 1 CORRETTO USO DEL RICETTARIO

Dettagli

per i cittadini non comunitari

per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione dei Cittadini dei Paesi Terzi GUIDA AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE per i cittadini non comunitari INDICE Glossario 4 Informazioni

Dettagli

(La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori)

(La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del programma: Consolidamento e qualificazione dei programmi di screening organizzati Identificativo

Dettagli

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014 Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014 Lezione del 30 novembre 2013 I Servizi Sociali nelle ASL Docente: Alessandra

Dettagli

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LA SITUAZIONE ITALIANA ASL con gestione diretta degli Ospedali ASL senza alcun ospedale

Dettagli

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C.

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Data inizio: Novembre 2006 Durata: 2 anni Dove: Comune di Roma Soggetto proponente:

Dettagli

RELAZIONE AZIENDALE SOCIOSANITARIA

RELAZIONE AZIENDALE SOCIOSANITARIA RELAZIONE AZIENDALE SOCIOSANITARIA EX ART. 17 L.R. N. 18 DEL 6 AGOSTO 2007 Anno 2013 (dati 2012) Direttore Generale Avv. Federico Gallo La Relazione Sociosanitaria È lo strumento di accertamento e documentazione

Dettagli

L ospedale del futuro: siamo preparati? Massimo Laus Bologna

L ospedale del futuro: siamo preparati? Massimo Laus Bologna L ospedale del futuro: siamo preparati? Massimo Laus Bologna L ospedale del futuro Edilizia/tecnologia Logistica ( intensità di cura) Percorsi dei Pazienti Le nuove professioni sanitarie Responsabilità

Dettagli

AZIENDA U.L.S.S. N. 16 - PADOVA Incarico di direzione strutt.semplice DISTRETTO SOCIO SANITARIO N.2 DIREZIONE DEL DISTRETTO

AZIENDA U.L.S.S. N. 16 - PADOVA Incarico di direzione strutt.semplice DISTRETTO SOCIO SANITARIO N.2 DIREZIONE DEL DISTRETTO INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome BASTA GIUSEPPINA Data di nascita (gg/mm/aaaa) 25/08/1957 Qualifica Dirigente medico a rapp.esclusivo ( +15) Amministrazione Incarico attuale In servizio presso l Unità

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

Istituto Tumori Toscano ITT

Istituto Tumori Toscano ITT Istituto Tumori Toscano ITT Il percorso normativo Azione Progr. per l oncologia 1998 P.S.R. Istituzione Coordinamento Rete Oncologica 2001 P.S.R. 2002 Istituto Toscano Tumori Istituzione delle UU.OO. di

Dettagli

PROGETTI REGIONALI DI SCREENING ONCOLOGICI DI POPOLAZIONE ATTIVATI E IN CORSO. A) Prima parte: livello regionale

PROGETTI REGIONALI DI SCREENING ONCOLOGICI DI POPOLAZIONE ATTIVATI E IN CORSO. A) Prima parte: livello regionale PROGETTI REGIONALI DI SCREENING ONCOLOGICI DI POPOLAZIONE ATTIVATI E IN CORSO A) Prima parte: livello regionale 1) Attivazione dei programmi di screening La Regione Emilia-Romagna, con circolare n. 38

Dettagli

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Il patrimonio informativo delle strutture della rete sanitaria Dott.ssa Cristina Tamburini Direzione Generale

Dettagli

ANNO 2010. Bandi. Delibera D.G. n. 3580 del 02/08/2010 : Indizione avviso pubblico per la formulazione di graduatorie

ANNO 2010. Bandi. Delibera D.G. n. 3580 del 02/08/2010 : Indizione avviso pubblico per la formulazione di graduatorie ANNO 2010 Bandi Delibera D.G. n. 1534 del 13/04/2010 : Indizione avviso pubblico per la formulazione di graduatorie triennali per assunzioni a tempo determinato di Dirigente Medico di : 1. Anatomia Patologica

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 53/60 DEL 20.12.2013

DELIBERAZIONE N. 53/60 DEL 20.12.2013 Oggetto: Finanziamento a favore delle Aziende Sanitarie Locali per gli interventi finalizzati allo sviluppo del sistema dell Assistenza Domiciliare Integrata. Ripartizione fondo regionale 2013. L Assessore

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: IRCCS Fondazione Stella Maris - Pisa 2) Codice di accreditamento: NZ03552 3) Albo e classe di

Dettagli

DECRETO 24 luglio 1995. Contenuti e modalità di utilizzo degli indicatori di efficienza e di qualità nel Servizio sanitario nazionale.

DECRETO 24 luglio 1995. Contenuti e modalità di utilizzo degli indicatori di efficienza e di qualità nel Servizio sanitario nazionale. DECRETO 24 luglio 1995 Contenuti e modalità di utilizzo degli indicatori di efficienza e di qualità nel Servizio sanitario nazionale. IL MINISTRO DELLA SANITÀ Visto l'art. 10, comma 3, del decreto legislativo

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA NELLA REGIONE ABRUZZO

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA NELLA REGIONE ABRUZZO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA NELLA REGIONE ABRUZZO Confronti L assistenza domiciliare integrata vera interprete del cambiamento in sanità Progetto ADI SUD l integrazione tra ambiti di cura (per esempio,

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE PROGETTO TRIENNALE DI POTENZIAMENTO DELL ASSISTENZA DOMICILIARE NEL LAZIO, ANNI 1998/2000. Premessa Il programma di assistenza

Dettagli

PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE

PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE Direzione centrale salute e protezione sociale PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE 2006-2008 (ex articolo 7 L.R. 23 del 29 luglio 2004) Documento N.2 di 2 Schede di ospedale Dicembre 2005 INDICE

Dettagli

"Emergenza Migranti"

Emergenza Migranti Via Giacomo Cusmano 24 90142 Palermo www.asppalermo.org Unità di Crisi Aziendale Piano Interno di Intervento "Emergenza Migranti" 1 Premessa Unità di Crisi Aziendale Piano Interno di Intervento "Emergenza

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. 148 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa dei Consiglieri Sandri, Bond, Caner, Lazzarini, Toscani, Cappon, Bozza, Corazzari, Tosato, Cenci,

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Maria Bona Venturi CENTRO C.A.S.A. AIDS Dipartimento delle Cure Primarie Azienda USL di Bologna 1 Il Centro C.A.S.A. (Centro

Dettagli

DIREZIONE DEI SERVIZI SOCIALI COORDINAMENTO DISTRETTI

DIREZIONE DEI SERVIZI SOCIALI COORDINAMENTO DISTRETTI DIREZIONE DEI SERVIZI SOCIALI COORDINAMENTO DISTRETTI Responsabile Procedimento: Dott. Danilo Corrà - mail: danilo.corra@ulss12.ve.it; numero di telefono: 041.2608735 DESCRIZIONE PROCEDIMENTO 1 Gestione

Dettagli

Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale

Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale Roma 2010 Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni Nostre

Dettagli

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Resp. Inf.ca: U.O. Assistenza Infermieristica Ospedaliera e Territoriale Lucca L.Natucci Ospedale per intensità di cura da dove nasce? In

Dettagli

tirocinio pre-laurea presso la Clinica Nefrologica del Policlinico di Bari;

tirocinio pre-laurea presso la Clinica Nefrologica del Policlinico di Bari; Curriculum Vitae Informazioni Personali Nome e Cognome ANNA MARIA CARRERA Data di nascita 22/06/53 Qualifica DIRIGENTE MEDICO Amministrazione ASL LE - LECCE Incarico attuale DIRIGENTE MEDICO Telefono Ufficio

Dettagli

Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale.

Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale. ALLEGATO B Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale. A. Principi ispiratori La sanità costituisce uno dei settori strategici su cui si concentrano le azioni d el Decreto Legge 95/2012.

Dettagli

Direzione Piazza dei Mirti 54 Tel. 06-41435854 - Fax 06-2306619 e-mail: 2.distretto@aslromab.it

Direzione Piazza dei Mirti 54 Tel. 06-41435854 - Fax 06-2306619 e-mail: 2.distretto@aslromab.it SISTEMA SANITARIO REGIONALE Direttore Generale Dott. Vitaliano De Salazar 2 DISTRETTO SANITARIO TERRITORIALE EX VII MUNICIPIO Direzione Piazza dei Mirti 54 Tel. 06-41435854 - Fax 06-2306619 e-mail: 2.distretto@aslromab.it

Dettagli

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci AREA MATERNO INFANTILE ED ETÀ EVOLUTIVA (1) Assistenza di tipo consultoriale

Dettagli

ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE

ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE E LA ASL DELLA PROVINCIA DI MILANO 2 per il miglioramento delle cure primarie ed il governo clinico ANNO 2013 Premessa Il Comitato Aziendale,

Dettagli