Attività di sensibilizzazione e informazione su ECORICE e Rete Natura 2000

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Attività di sensibilizzazione e informazione su ECORICE e Rete Natura 2000"

Transcript

1 Progetto LIFE NAT/IT/ «ECORICE» Le risaie del Vercellese: i risultati del progetto ECORICE e le prospettive future Attività di sensibilizzazione e informazione su ECORICE e Rete Natura 2000 C. Lenti, Foto Archivio P.F.Po vc-al Con il patrocinio di: MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Palazzo Paleologo, Trino

2 Obiettivi di Ecorice Implementare e consolidare una rete sociale di soggetti che collaborino in modo coordinato e sinergico Coinvolgimento attivo degli attori territoriali in particolare delle aziende agricole Sensibilizzazione rispetto all importanza della biodiversità in ambiente risicolo

3 Azioni Preparatory actions Land purchase and long term lease B.1 B.2 B.3 Conservation actions restoration of ecological corridors and forests C.1.1 C.1.2 C.1.3 C.1.4 restoration of core areas and stepping stones Dissemination D.1 D.2 C.2.1 C.2.2 C.2.3 C.2.4 D.3 Forestal management Ardeidae conservation D.4 C.3.1 C.3.2 D.5 D.6 Monitoring Act E.1 E.2. E1 Act. E.3 E1 Act. E.4E1 D.7 D.8 D.9 Vercelli rice fields: integrated plan for environmental requalification and sustainable management of rice agroecosystem

4 Azioni indirette 2 pubblicazioni (brochure e Layman) 1 depliant 23 pannelli informativi sui siti di intervento 1 sito web 1 GIS open source 12 news letter 1 gioco didattico digitale

5 Azioni dirette 7 Workshop e visite ai siti 1 sportello Ecorice

6 Azioni indirette e risultati BENEFICIARIO INCARICATO DELL'ATTUAZIONE CODICE AZIONE Tipologia di intervento N. PUBBLICAZIONI N. COPIE LINGUE IMPORTO BUDGET IMPORTO SPESE EFFETTUATE AL 31/12/2013 TIPOLOGIA DI SPESE e OPERATORI ECONOMICI COINVOLTI Azioni indirette VERCELLI AZIONE D.2 LAYMAN'S REPORT IT,EN 4.000, ,00 PERSONALE: n.2 a T.D. - ALTRI COSTI: tipografia per stampa 1000 copie pubblicazione VERCELLI AZIONE D.3 PUBBLICAZIONI 2 (DEPLIANT - BROCHURES) DEPLIANT BROCHURES IT,EN 9.150, ,00 PERSONALE: n.1 a T.I. (EURO 705,00) + n.2 a T.D. - ASSISTENZA ESTERNA : n. 1 esperto agronomo per redazione testi - ALTRI COSTI: tipografia per stampa 1500 copie brochure in italiano e inglese e 2000 copie depliant bilingue VERCELLI VERCELLI VERCELLI VERCELLI VERCELLI AZIONE D.4 AZIONE D.5 AZIONE D.6 AZIONE D.7.3 AZIONE D.9 PANNELLI INFORMATIVI SU SITI INTERVENTO SITO WEB OPEN SOURCE QUANTUM GIS NEWSLETTER ECO- RICE GIOCO DIDATTICO EDUCATIVO GRANDI 135X90-8 PICCOLI 40X IT,EN 1 CONSULTABILE DAL SITO 12 CONSULTABILI DAL SITO IT 1 CONSULTABILE DAL SITO IT IT IT , , , , , , , , , ,00 PERSONALE: n.1 a T.I. (EURO 170,00) + n.1 a T.D. - INFRASTRUTTURE: ditta specializzata fornitura e stampa 20 pannelli forex 135x90 PERSONALE: n.1 a T.I. (EURO 300,00) + n.1 a T.D.- ASSISTENZA ESTERNA : incarico ditta specializzata realizzaione siti web PERSONALE: n.2 a T.I. (EURO 4.100,00).- ASSISTENZA ESTERNA : assistenza tecnicoscientifica,corso formazione Q GIS,implementazione Web GIS Reti Ecologiche PERSONALE: n.1 a T.I. (EURO 1.200,00) + n.3 a T.D - ALTRI COSTI:ditta specializzata fornitura USB card personalizzate ECO-RICE PERSONALE: n.1 a T.I. (EURO 1.675,00) + n.1 a T.D -ASSISTENZA ESTERNA:scuola media per progettazione didattica THE GAME - BENI DI CONSUMO: realizzazione digitale THE GAME

7 Azione D.9 Gioco didattico Chi lo ha fatto? Tiziana Bongianino Istituto Comprensivo Lanino Carmela Caiazzo Parco Fluviale del Po e dell Orba Annarosa Rongoni Istituto Comprensivo Livorno Ferraris Anna Pepe Parco delle Lame del Sesia Antonella Dassano Istituto Comprensivo di Crescentino Marcello Torchio NGI Fabrizio Bottelli WWF Biellese -Oasi Giardino Botanico di Oropa Martina Bedino Athena Design Giovanna Petrini Istituto Comprensivo di Trino Alessandra Melucci Raffaella Pagano

8 Azione D.9 Gioco didattico I pregressi: un a rete di soggetti che da oltre 10 anni progetta e dal 2000 al 2012 realizza azioni educative sulla biodiversità

9 Azione D.9 Gioco didattico Obiettivi Divulgazione dei contenuti del Progetto ECORICE, con particolare riguardo all importanza della biodiversità e della rete ecologica in ambiente risicolo Contestualizzazione di contenuti generali nel territorio in oggetto (es. conoscenza della Rete Natura 2000 e dei relativi SIC e ZPS esistenti) Diffusione del concetto di servizi ecosistemici e della loro importanza Far acquisire consapevolezza, ai giovani e alla cittadinanza, sulle risorse naturali del proprio territorio al fine di stimolarne il rispetto e la tutela Divulgazione in nuove realtà delle tematiche affrontate

10 Azione D.9 Gioco didattico Come si gioca Da così Tipi di ambienti da migliorare: Risaie Canali Pioppeto Ex Laghetto per la pesca Aree umide naturali (San Genuario e Fontana gigante) Fiumi (Fiume Po e Fiume Sesia) Bosco (Bosco delle Sorti della Partecipanza) Fontanili a così! Domande a risposta multipla Schede di approfondimento

11 Azione D.9 Gioco didattico Come si gioca Un max di 5 giocatori seleziona un habitat da migliorare, rispondendo esattamente vince un miglioramento ambientale. Punteggio dei giocatori Punteggio collettivo: misuratore di biodiversita CUSTODE DELLA BIODIVERSITA NEXT A SCUOLA DI LIFE Offerte didattiche sui temi affrontati dal gioco ECORICE The Game

12 Azioni dirette e risultati BENEFICIARIO INCARICATO DELL'ATTUAZIONE CODICE AZIONE DATE WS IMPORTO BUDGET IMPORTO SPESE EFFETTUATE AL 31/12/2013 TIPOLOGIA DI SPESE e OPERATORI ECONOMICI COINVOLTI Azioni dirette VERCELLI VERCELLI VERCELLI AZIONE D.7.1 AZIONE D.7.2 AZIONE D.7.4 VERCELLI AZIONE D.8 VERCELLI AZIONE D.1 VERCELLI AZIONE E.2.2 Le risaie del vercellese programma integrato per la riqualificazione ambientale e la gestione sostenibile dell agroecosistema risicolo - 29/11/ , ,00 Le risaie del Vercellese: i risultati del progetto ECORICE e le prospettive future - 22/01/2014 Workshop organizzato in collaborazione con la Rete Rurale Nazionale Imprese agricole e soggetti pubblici e privati a confronto per la tutela della biodiversità - 01/03/ , ,00 Workshop Internazionale realizzato in collaborazione con l Università di Pavia PERSONALE: n.1 a T.I.(EURO 3.900,00) + n.3 a T.D - ASSISTENZA ESTERNA : addetto stampa e coordinatore tavoli tecnici Workshop - ALTRI COSTI:spese organizzative 2 Workshop e 1 visita guidata siti intervento ( stampa programma,inviti,servizio audiovideo,catering,trasporti a siti) PERSONALE: n.1 a T.I.(EURO 1.100,00) + n.3 a T.D - SPESE VIAGGIO: spese viaggio e pernottamento relatore Min.Pol.Agr.For.- ALTRI COSTI:spese organizzative Workshop nazionale e 1 visita guidata siti intervento ( affitto sale convegno,stampa programma,inviti,servizio audio-video,coffe break e catering,trasporti a siti) The Action Programm - 21/06/ , ,00 PERSONALE: n.1 a T.I.(EURO 5.150,00) + n.3 a T.D - ALTRI COSTI:spese organizzative Workshop internazionale ( catering e spese segreteria workshop) Rice farming & biodiversity - 23/02/2012 Sinerigie tra ambiente, agricoltura all'avanguardia e politiche comunitarie -24/07/ , ,00 Workshop realizzato in collaborazione con Arpa Piemonte Strumenti per la realizzazione delle Reti Ecologiche: dalla pianificazione all attuazione - 15/05/2013 OBIETTIVI: Aggiornamento Rassegna Stampa,aggiornamento del sito ECORICE, aggiornamento inventario Stakeholders, redazione e pubblicazione di news su ECORICE e LIFE, assistenza tecnica aziende, elaborazione materiale informativo e promozionale (video, poster, etc), organizzazione eventi, facilitarori di processi partecipati, contatto continuo con gli stakeholders , ,00 PERSONALE: n.1 a T.I.(EURO 4.300,00) + n.2 a T.D - SPESE VIAGGIO: spese viaggio e pernottamento relatore ISPRA a Workshop di sensibilizzazione- ALTRI COSTI:spese organizzative Workshop di sensibilizzazione ( stampa programma,fornitura 800 cartelline personalizzate ECO-RICE,catering) PERSONALE: n.1 a T.I. (EURO 650,00)+ n.1 a T.D. - ASSISTENZA ESTERNA : n. 1 agronomo + n. 1 Società di formazione - SPESE INVESTIMENTO: ditta specializzata fornitura attrezzature informatiche , ,00 PERSONALE: n.1 a T.D - SPESE INVESTIMENTO: ditta specializzata fornitura attrezzature informatiche , ,00

13 Azioni e dirette risultati e risultati Numero di presenze ai workshop per categoria

14 Azioni e risultati Percentuale totale di presenze ai workshop per categoria Consorzio irriguo Organi di Stampa Istruzione e Ricerca Giornalisti Consorzio (altro) Privato Area Protetta Altro Associazione ambientalista Associazione di Categoria

15 La qualità della partecipazione Durante la giornata ha potuto facilmente avere uno scambio di informazioni/ esperienze/competenze con gli altri partecipanti?

16 La qualità della partecipazione Durante i lavori le è stato possibile esprimere il suo punto di vista?

17 La qualità della partecipazione La partecipazione all'evento le ha permesso soprattutto di

18 La qualità della partecipazione IL MONITORAGGIO SOCIO-CULTURALE

19 Azione E Il monitoraggio socio-culturale Il monitoraggio socio-culturale è uno strumento di osservazione dell efficacia delle azioni di divulgazione e partecipazione messe in atto dal Life-Ecorice per l attivazione della rete sociale. Foto di Lucio Graziano Con il monitoraggio socioculturale si equipara l importanza della rete ecologica e della rete sociale e si mettono in relazione queste due dimensioni Da wikipedia.org Si riconosce la componente culturale come ambito di azione del progetto ( )L origine dell insostenibilità dell attuale sviluppo risiede in una dimensione culturale legata ad un modo di pensare non ecologico. (Gregory Bateson)

20 Obiettivi del monitoraggio Monitorare il grado di partecipazione al progetto, in particolare delle aziende agricole e la loro sensibilità rispetto al tema della tutela della biodiversità in ambiente risicolo Monitorare se le azioni del progetto hanno attivato e/o consolidato una rete locale di soggetti che lavora in modo coordinato rispetto agli obiettivi del progetto Monitorare l efficacia delle azioni culturali e di partecipazione nel migliorare la consapevolezza dell importanza della biodiversità Valutare la strategicità dei soggetti per la realizzazione della rete ecologica

21 Azione E 2.2 Metodologia CONCETTO DIMENSIONE INDICATORE VARIABILE/DESCRITTORE Sistema di Indicatori di Qualità per la valutazione delle progettualità nell ambito dell Educazio ne Ambientale e alla Sostenibilità nel Sistema In.F.E.A. piemontese (S.I.Qua ). Rete sociale per fare rete ecologica Relazione dei soggetti rispetto a tutela di biodiversità Fare rete tra i soggetti Proprietà autopoietiche del sistema Grado di coinvolgimento del soggetto Livello di interazione con il territorio I soggetti condividono il senso e gli obiettivi del progetto a partire dalla costruzione di rappresentazioni condivise dei "problemi" affrontati Esiste un reale ed efficace lavoro insieme dei partecipanti al progetto Le azioni di divulgazione e partecipazione cercano il coinvolgimento e la partecipazione dei destinatari Il Prj produce valore aggiunto territoriale in termini di coesione, fiducia, costruzione diffusione e radicamento di saperi e risorse Grado di conoscenza del progetto ed eventuale appartenenza a gruppi formalmente istituiti Superficie di competenza+azioni dedicate a biodiversità Competenze utili alla TB Esiste condivisione delle problematiche e degli obiettivi affrontati I soggetti hanno la percezione di aver condiviso il senso e gli obiettivi Esiste convergenza delle rappresentazioni delle problematiche affrontate e degli obiettivi Scambio di informazioni/ conoscenza/competenze/esperienze anche tra soggetti che abitualmente non interagiscono Sono accolti i contributi dei soggetti e influenzano le scelte di progetto Si sono avviate nuove collaborazioni anche tra soggetti che prima non lavoravano insieme Vengono attivate risorse finanziarie aggiuntive e risorse organizzative Il territorio ha l'intenzione di dare seguito al progetto ed è disponibile ad un investimento diretto

22 Azione E2.2 Metodologia CONCETTO DIMENSIONE INDICATORE VARIABILE/DESCRITTORE Educazione e partecipazione per fare la rete sociale Partecipazione alle iniziative di pubbliche e comprensione dei contenuti 7 I soggetti coinvolti nel progetto partecipano alle iniziative pubbliche (WS e convegni) Numero dei partecipanti ai WS e convegni 8 Le azioni di divulgazione e partecipazione tengono conto delle caratteristiche dei destinatari Comprensione dei contenuti (del progetto e teorici) da parte dei partecipanti

23 Azione E 2.2 Strumenti 1 questionario via a 107 soggetti 1 questionario distribuito nei workshop Alcune interviste HAI COMPILATO IL QUESTIONARIO? STOP! Aziende AmPub Pa AsCat Tec Sc Questionari inviati % di questionari inviati per 51% 20% 4% 7% 15% 3% categoria Questionari restituiti % di questionari restituiti 15% 14% 0% 50% 50% 100% DATA WORKSHOP 29/11/11 23/02/12 24/07/12 1/03/13 15/05/13 21/06/13 Numero totale questionari raccolti

24 Azione E 2.2 I risultati Esiste una condivisione del «senso» dell azione? PERCHE E IMPORTANTE TUTELARE LA BIODIVERSIT A? (domanda aperta a cui sono state date queste categorie di risposte) Perché il benessere dell'ambien te e delle persone sono collegati Per conservare habitat e specie Per diminuire l'impatto della risicoltura Per tutelare l'unicità dell'ambien te risicolo e la sua qualità ambientale Per lasciare un ambiente migliore per le future generazioni Per migliorare la qualità ambientale e paesaggistic a E la base della vita sul Pianeta Perché maggiore biodiversità significa più equilibrio e resistenza agli impatti Totale di risposte simili % 24% 8% 12% 32% 24% 8% 8% 8%

25 Azione E 2.2 I risultati Ecorice è stato occasione per attivare ed accrescere una rete locale di soggetti che lavori in modo coordinato rispetto agli obiettivi del progetto? Il Progetto Ecorice secondo lei è stato occasione per sviluppare collaborazioni tra soggetti/ progetti/iniziative che prima non dialogavano tra loro?

26 Azione E 2.2 I risultati In quale ambito di lavoro si è preso contatto con persone che hanno intrapreso azioni in campo ambientale per la biodiversità?

27 Azione E 2.2 I risultati Strategicità dei soggetti per lo sviluppo del progetto Aziende agricole Amministrazioni pubbliche Associazioni di categoria Tecnici Scuole

28 I costi in sintesi Tipologia di intervento Inserire titolo convegno) BENEFICIARIO INCARICATO DELL'ATTUAZI ONE CODICE AZIONE IMPORTO BUDGET IMPORTO SPESE EFFETTUATE AL 31/12/2013 TIPOLOGIA DI SPESE e OPERATORI ECONOMICI COINVOLTI NOTE SPORTELLO LIFE- RETE ECOLOGICA LAYMAN'S REPORT VERCELLI AZIONE D , ,00 VERCELLI AZIONE D , ,00 PERSONALE: n.1 a T.I. (EURO 650,00)+ n.1 a T.D. - ASSISTENZA ESTERNA : n. 1 agronomo + n. 1 Ente di ricerca per assistenza e supporto progettazione partecipata - SPESE INVESTIMENTO: ditta specializzata fornitura attrezzature informatiche PERSONALE: n.2 a T.D. - ALTRI COSTI: tipografia per impostazione grafica e stampa pubblicazione sui restituzione risultati di progetto AGRONOMO: supporto in materia agrononomica -SPESE INVESTIMENTO :PC portatile per ufficio reti Ecologiche PUBBLICAZIONE: 1000 copie bilingue PUBBLICAZIONI PANNELLI INFORMATIVI SU SITI INTERVENTO SITO WEB OPEN SOURCE VERCELLI AZIONE D , ,00 VERCELLI AZIONE D , ,00 VERCELLI AZIONE D , ,00 VERCELLI AZIONE D , ,00 PERSONALE: n.1 a T.I.(EURO 705,00) + n.2 a T.D. - ASSISTENZA ESTERNA : n. 1 esperto agronomo per redazione testi brochure e depliant - ALTRI COSTI: tipografia per stampa 1500 copie brochure in italiano e inglese e 2000 copie depliant bilingue PERSONALE: n.1 a T.I.(EURO 170,00) + n.1 a T.D. - INFRASTRUTTURE: ditta specializzata per fornitura, impostazione grafica, stampa e posa 23 pannelli da esterno PERSONALE: n.1 a T.I.(EURO 300,00) + n.1 a T.D.- ASSISTENZA ESTERNA : incarico ditta specializzata realizzazione sitio web ECO-RICE PERSONALE: n.2 a T.I.(EURO 4.100,00).- ASSISTENZA ESTERNA : assistenza tecnicoscientifica,corso formazione Q GIS,implementazione Web GIS Reti Ecologiche BROCHURE E DEPLIANT : redatti in versione italiano e inglese pannelli in alluminio zincato -n x90 + n x60 da posizionare nei siti d'intervento presso ciascun beneficiario WORKSHOP LOCALI ( N. 2) WORKSHOP NAZIONALE ECO-RICE NEWSLETTER ECO-RICE WORKSHOP INTERNAZIONALE ECO-RICE ATTIVITA' DI SENSIBILIZZAZIONE GIOCO DIDATTICO EDUCATIVO MONITORAGGIO SOCIO- CULTURALE VERCELLI AZIONE D , ,00 VERCELLI AZIONE D , ,00 VERCELLI AZIONE D , ,00 VERCELLI AZIONE D , ,00 VERCELLI AZIONE D , ,00 VERCELLI AZIONE D , ,00 VERCELLI AZIONE E , ,00 TOTALE , ,00 PERSONALE: n.1 a T.I.(EURO 3.900,00) + n.3 a T.D - ASSISTENZA ESTERNA : addetto stampa e coordinatore tavoli tecnici Workshop - ALTRI COSTI:spese organizzative 2 Workshop e 1 visita guidata siti intervento ( stampa programma,inviti,servizio audiovideo,catering,trasporti a siti) PERSONALE: n.1 a T.I.(EURO 1.100,00) + n.3 a T.D - SPESE VIAGGIO: spese viaggio e pernottamento relatore Min.Pol.Agr.For.- ALTRI COSTI:spese organizzative Workshop nazionale e 1 visita guidata siti intervento ( affitto sale convegno,stampa programma,inviti,servizio audio-video,coffe break e catering,trasporti a siti) PERSONALE: n.1 a T.I.(EURO 1.200,00) + n.3 a T.D - ALTRI COSTI:ditta specializzata fornitura USB card personalizzate ECO-RICE PERSONALE: n.1 a T.I.(EURO 5.150,00) + n.3 a T.D - ALTRI COSTI:spese organizzative Workshop internazionale ( catering e spese segreteria workshop) PERSONALE: n.1 a T.I.(EURO 4.300,00) + n.2 a T.D - SPESE VIAGGIO: spese viaggio e pernottamento relatore ISPRA a Workshop di sensibilizzazione- ALTRI COSTI:spese organizzative Workshop di sensibilizzazione ( stampa programma,fornitura 800 cartelline personalizzate ECO-RICE,catering) PERSONALE: n.1 a T.I.(EURO 1.675,00) + n.1 a T.D -ASSISTENZA ESTERNA:scuola media per progettazione didattica THE GAME - BENI DI CONSUMO: realizzazione digitale THE GAME PERSONALE: n.1 a T.D - SPESE INVESTIMENTO: ditta specializzata fornitura attrezzature informatiche PERSONALE : N. 1 UNITA' A T.I. + 4 A T.D - 24 operatori economici nei settori: grafica editoriale, web design,agenzie viaggi e turistiche,ristorazione e alberghi, autonoleggi e trasporti, attrezzature tecnico-informatiche, progettazione educativa,studi e ricerche sulla conservazione della natura,assistenza scientifica,

29 Grazie dell attenzione

Con il patrocinio di: C. Lenti, Foto Archivio P.F.Po vc al MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

Con il patrocinio di: C. Lenti, Foto Archivio P.F.Po vc al MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI Le risaie del vercellese: programma integrato per la riqualificazione ambientale e la gestione sostenibile dell agroecosistema risicolo Martedì 29 Novembre 2011 C. Lenti, Foto Archivio P.F.Po vc al Con

Dettagli

Under the patronage of: Raffaella Pagano, Ufficio Tutela e Valorizzazione Biodiversità e InFEA Project manager ECORICE

Under the patronage of: Raffaella Pagano, Ufficio Tutela e Valorizzazione Biodiversità e InFEA Project manager ECORICE Project LIFE NAT/IT/000093 «ECORICE» Techical Working Group on Vercelli plain Biodiversity and InFEA (Information, training and environmental educational activity) working group C. Lenti, Foto Archivio

Dettagli

MANAGEMENT PLAN. SITO DI PROGETTO: SIC IT1343502 Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia

MANAGEMENT PLAN. SITO DI PROGETTO: SIC IT1343502 Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia MANAGEMENT PLAN TITOLO PROGETTO: Petromyzon And River Continuity ACRONIMO: P.A.R.C. SITO DI PROGETTO: SIC IT1343502 Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia BENEFICIARIO COORDINATORE: Ente Parco

Dettagli

L attività di monitoraggio è iniziata il 18 marzo 2013 e sta procedendo secondo le seguenti fasi:

L attività di monitoraggio è iniziata il 18 marzo 2013 e sta procedendo secondo le seguenti fasi: Piano di monitoraggio socio economico del progetto LIFE Ripristino degli habitat dunali nel paesaggio serricolo del golfo di Gela per la salvaguardia di Leopoldia gussonei L azione D.3 Monitoraggio socio

Dettagli

AZIONE : D9 Realizzazione di un gioco educativo per le scuole sulle reti ecologiche e sulla tutela della biodiversità nella Provincia di Vercelli

AZIONE : D9 Realizzazione di un gioco educativo per le scuole sulle reti ecologiche e sulla tutela della biodiversità nella Provincia di Vercelli Progetto LIFE NAT/IT/000093 «ECORICE» Le risaie del vercellese: programma integrato per la riqualificazione ambientale e la gestione sostenibile dell agroecosistema risicolo AZIONE : D9 Realizzazione di

Dettagli

AZIONE C.1.1. Ricostruzione bosco ripario dei grandi fiumi

AZIONE C.1.1. Ricostruzione bosco ripario dei grandi fiumi Progetto LIFE NAT/IT/000093 «ECORICE» Le risaie del vercellese: programma integrato per la riqualificazione ambientale e la gestione sostenibile dell agroecosistema risicolo AZIONE C.1.1. Ricostruzione

Dettagli

Conosci il tuo ambiente

Conosci il tuo ambiente Conosci il tuo ambiente Progetto di sensibilizzazione alla tutela dell'ambiente Attuazione del protocollo d intesa tra il Corpo forestale e di Vigilanza Ambientale e l'ufficio Regionale Scolastico per

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

Formazione Ambientale: le esperienze del progetto LIFE MAESTRALE

Formazione Ambientale: le esperienze del progetto LIFE MAESTRALE XXIII Congresso della S.It.E. Ancona, 16-18 settembre 2013 Formazione Ambientale: le esperienze del progetto LIFE MAESTRALE Fusco S. 1, Iannotta F. 1, Izzi F. 2, Stanisci A. 1 1 Dipartimento di Bioscienze

Dettagli

Il Programma LIFE+ per la protezione della natura e la biodiversità

Il Programma LIFE+ per la protezione della natura e la biodiversità Information Workshop Il Programma LIFE+ per la protezione della natura e la biodiversità Dal LIFE Natura a LIFE+ Informazioni utili per il bando 2009 - 1. Da LIFE Natura a LIFE+ 2. Natura e biodiversità

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

MISSIONE IMPRENDITORIALE IN COSTA RICA PER IMPRESE ITALIANE

MISSIONE IMPRENDITORIALE IN COSTA RICA PER IMPRESE ITALIANE MISSIONE IMPRENDITORIALE IN COSTA RICA PER IMPRESE ITALIANE Greenaccord, onlus dedicata al giornalismo ambientale, organizzerà un Forum internazionale in Costa Rica per giornalisti di tutto il mondo e

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

Deliverable 5.10 Comunication & Exploitation Plan Piano di comunicazione dei cluster

Deliverable 5.10 Comunication & Exploitation Plan Piano di comunicazione dei cluster Deliverable 5.10 Comunication & Exploitation Plan Piano di comunicazione dei cluster Introduzione La comunicazione nei progetti finanziati dalla Commissione europea svolge sempre un ruolo rilevante in

Dettagli

Progetto Corso di Formazione Linguistica per Immigrati

Progetto Corso di Formazione Linguistica per Immigrati Progetto Corso di Formazione Linguistica per Immigrati Indice 1. Premessa 2. Sintesi degli obiettivi di Progetto 3. Durata del ciclo di vita del Progetto 4. Partner di Progetto 5. Obiettivi di comunicazione

Dettagli

Anagrafica del progetto

Anagrafica del progetto RA 14029 RO 22 Anagrafica del progetto Assistenza Tecnica all'attuazione del Progetto Europeo Adri.Gov Piano strategico PIANO TRIENNALE 2011-2013 Priorità strategica 4 - Competitività Territoriale Convenzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 CF: 92082410512 - cod. MIUR: ARIC841007 - email: aric841007@istruzione.it pec:aric841007@pec.istruzione.it

Dettagli

1. Servizio / Ufficio! Politiche Ambientali. 2. Dirigente! Viviana De Podestà. 4. Referente per la comunicazione!

1. Servizio / Ufficio! Politiche Ambientali. 2. Dirigente! Viviana De Podestà. 4. Referente per la comunicazione! [13] 1. Servizio / Ufficio! Politiche Ambientali 2. Dirigente! Viviana De Podestà 3. Account! Vincenzo Terlizzi 4. Referente per la comunicazione! Maria Carla Cuccu 5. Referente sito web! Davide Lombardelli

Dettagli

ARPACAL EDUCAZIONE ORIENTATA ALLA SOSTENIBILITA

ARPACAL EDUCAZIONE ORIENTATA ALLA SOSTENIBILITA LINEE GUIDA EDUCAZIONE ORIENTATA ALLA SOSTENIBILITA GdL 10: Educazione Ambientale Direzione Generale: Fortunata Giordano Claudia Morabito Antonella Federico 1 INDICE PREMESSA 1. FINALITA 2. STRUMENTI OPERATIVI

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO 1 PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO SICOMAR Indice 1. Obiettivi del Piano di comunicazione... 4 2. Il Target della comunicazione... 6 3. La strategia di comunicazione...

Dettagli

LIFE+ Caratteristiche. LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente. Obiettivi generali di LIFE+

LIFE+ Caratteristiche. LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente. Obiettivi generali di LIFE+ LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente Sportello LIFE+ I testi di questa presentazione sono integrati dai commenti a voce dei relatori aggiornati alla data indicata. Letti

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

La Strategia della Regione Sicilia Sergio Marino Direttore Generale di ARPA Sicilia

La Strategia della Regione Sicilia Sergio Marino Direttore Generale di ARPA Sicilia Tavola rotonda: L ISPRA e il Sistema Paese sui temi della Biodiversità La Strategia della Regione Sicilia Sergio Marino Direttore Generale di ARPA Sicilia Obiettivo strategico: tutelare la Biodiversità

Dettagli

CASTIGLIONE E SCARLINO: SOLUZIONI IN AGENDA

CASTIGLIONE E SCARLINO: SOLUZIONI IN AGENDA Progetto CASTIGLIONE E SCARLINO: SOLUZIONI IN AGENDA Contesti e Cambiamenti snc di Tessa Ercoli, Carlotta Iarrapino, Concetta Musumeci Via Cironi 2, 50134 Firenze P.I. 05856210488 www.contestiecambiamenti.it

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA

LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA AZIONI PREVISTE DAL PROGETTO LIFE+ EC-SQUARE LIFE09 NAT/IT/000095 Progetto finanziato dalla Commissione Europea tramite lo strumento finanziario LIFE+

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

INTERVENTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLE ACQUE E DEGLI HABITAT NELLA VALLE DEL LAMBRO LIFE11 ENV/IT/004 «Lambrovivo»

INTERVENTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLE ACQUE E DEGLI HABITAT NELLA VALLE DEL LAMBRO LIFE11 ENV/IT/004 «Lambrovivo» INTERVENTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLE ACQUE E DEGLI HABITAT NELLA VALLE DEL LAMBRO LIFE11 ENV/IT/004 «Lambrovivo» Ing. Stefano Minà Dipartimento di Riqualificazione Fluviale 00 IL PROGETTO LIFE - Nasce

Dettagli

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Corso di Studio in Servizio sociale e Sociologia Laurea in Servizio Sociale L39 GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Profilo professionale di riferimento L assistente sociale è un professionista chiamato ad

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca

Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca Allegato al PTOF dell I.C. Giuseppe Scelsa Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca Premessa L Animatore Digitale individuato in ogni scuola sarà (rif. Prot. n 17791 del 19/11/2015) destinatario di un

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

Coadiuvare il responsabile nelle attività connesse alla programmazione e organizzazione delle mostre.

Coadiuvare il responsabile nelle attività connesse alla programmazione e organizzazione delle mostre. Servizio Mostre Coadiuvare il responsabile nelle attività connesse alla programmazione e organizzazione delle mostre. Coadiuva il Responsabile nel rendere attuativi e operativi i progetti messi a punto

Dettagli

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI LA STRATEGIA La comunicazione di CONCORD ITALIA è finalizzata a sensibilizzare la cittadinanza sulle attività, l impatto e la sostenibilità delle nostre azioni nell ambito degli interventi realizzati dai

Dettagli

o Responsabile Sistema Gestione Ambientale o Alta Direzione o Consulente esterno

o Responsabile Sistema Gestione Ambientale o Alta Direzione o Consulente esterno QUESTIONARIO SULL ATTUAZIONE DI EMAS IN TRENTINO Nota: il presente questionario non è finalizzato a raccogliere dati per dare una valutazione dell operato dell organizzazione, ma semplicemente a conoscere

Dettagli

T.E.R.R.A. TRADIZIONI ECCELLENZE RACCHIUSE E RADICATE NELL ALIMENTAZIONE

T.E.R.R.A. TRADIZIONI ECCELLENZE RACCHIUSE E RADICATE NELL ALIMENTAZIONE COMUNE DI BRUINO Provincia di Torino CAP 10090 Piazza Municipio, n. 3 - Tel. 011 9094411 - Fax 011 9084541 www.comune.bruino.to.it - e-mail ambiente.ecologia@comune.bruino.to.it Settore Urbanistica, Lavori

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE10 ENV/IT/000307 Beneficiario coordinatore: Comune di Reggio Emilia Via Emilia San Pietro, 12 42121 Reggio Emilia Referente progetto: Laura Montanari Tel. 0522-456251 Email

Dettagli

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE 22 aprile 2015 ore 14:30 / 18:30 Sala della Fondazione Forense Bolognese Via del Cane, 10/a Presiede e modera Avv. Federico Canova Consigliere dell Ordine degli Avvocati di Bologna ANALISI,REVISIONEEIMPLEMENTAZIONEDIUNMODELLO

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ La Strategia

Dettagli

Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida

Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 27 marzo 2008 Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida SITI NATURA 2000 LAZIO DGR

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

Piccolo Atlante della corruzione

Piccolo Atlante della corruzione Piccolo Atlante della corruzione Laboratorio d indagine sulla corruzione Progetto didattico per le Scuole Statali Secondarie di 2 grado Anno Accademico 2014/2015 Proposta di ampliamento su scala nazionale

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza è lieta di

Dettagli

ATTIVITA SVOLTE DAL WWF TRIESTE ONLUS NEL PROGETTO COASTNET ADOTTA UN TRATTO DI COSTA E SCOPRILO INSIEME A NOI

ATTIVITA SVOLTE DAL WWF TRIESTE ONLUS NEL PROGETTO COASTNET ADOTTA UN TRATTO DI COSTA E SCOPRILO INSIEME A NOI ATTIVITA SVOLTE DAL WWF TRIESTE ONLUS NEL PROGETTO COASTNET ADOTTA UN TRATTO DI COSTA E SCOPRILO INSIEME A NOI Bando progetti speciali a.s. 2014-2015 INDICE I. ELENCO DEI PARTNER DI PROGETTO... 2 II. PERIODO

Dettagli

Ingegnere Giuseppe Baldo

Ingegnere Giuseppe Baldo AATO Venezia Ambiente Viale Ancona, 24 30170 Venezia - Mestre Tel. +39 041 5322078 - Fax +39 041 2597151 mail: info@veneziaambiente.it Programma dettagliato della comunicazione per la redazione del rapporto

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Il progetto vuole essere una risposta concreta delle Istituzioni Scolastiche e del territorio alle richieste legislative degli ultimi anni.

Il progetto vuole essere una risposta concreta delle Istituzioni Scolastiche e del territorio alle richieste legislative degli ultimi anni. DSA 2 il progetto distrettuale Istituti Comprensivi di Castellarano, Casalgrande, Rubiera, Baiso Viano, Scandiano Boiardo,Scandiano Spallanzani ( R.E) Istituto Superiore Gobetti di Scandiano Progetto Crescere

Dettagli

Programma Gioventù in Azione 2007-2013

Programma Gioventù in Azione 2007-2013 Programma Gioventù in Azione 2007-2013 Questionario rivolto agli Enti pubblici, Gruppi informali, Organizzazioni e Giovani partecipanti coinvolti nel Programma GiA in FVG Udine, 30 gennaio 2012 L indagine

Dettagli

Allegato A) OSSERVATORIO REGIONALE PERMANENTE PER LA BIODIVERSITA, IL PAESAGGIO RURALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE

Allegato A) OSSERVATORIO REGIONALE PERMANENTE PER LA BIODIVERSITA, IL PAESAGGIO RURALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE Allegato A) OSSERVATORIO REGIONALE PERMANENTE PER LA BIODIVERSITA, IL PAESAGGIO RURALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE OSSERVATORIO REGIONALE PERMANENTE PER LA BIODIVERSITA, IL PAESAGGIO RURALE E LO SVILUPPO

Dettagli

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Supporto alla definizione e attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy Regionali) Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Indice La Smart Specialisation

Dettagli

Co.Mo. Casentino - Piano di sviluppo economico e sociale 2006-2009. Scheda sintetica di Progetto/Programma

Co.Mo. Casentino - Piano di sviluppo economico e sociale 2006-2009. Scheda sintetica di Progetto/Programma Co.Mo. Casentino - Piano di sviluppo economico e sociale 2006-2009 Scheda sintetica di Progetto/Programma Tema programmatico [ ] A: competitività del territorio e dei sistemi produttivi [ ] B: ambiente

Dettagli

(AZIONE D.4) PIANO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE

(AZIONE D.4) PIANO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE (AZIONE D.4) PIANO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO LIFE11 ENV/IT/000243 LIFE RII RIQUALIFICAZIONE INTEGRATA IDRAULICO-AMBIENTALE DEI RII APPARTENENTI ALLA FASCIA PEDEMONTANA

Dettagli

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014 COMUNICARE LA SOSTENIBILITÀ STRUMENTI, STANDARD E MODELLI PER RENDICONTARE E VALORIZZARE L IMPEGNO DI UN ORGANIZZAZIONE IN MATERIA DI RESPONSABILITÀ AMBIENTALE, SOCIALE ED ECONOMICA. GENOVA, 16 SETTEMBRE

Dettagli

Presentazione della Rete Rurale Nazionale Task Force Leader. Lamezia Terme 5 marzo 2010

Presentazione della Rete Rurale Nazionale Task Force Leader. Lamezia Terme 5 marzo 2010 Presentazione della Rete Rurale Nazionale Task Force Leader mezia Terme 5 marzo 2010 1 Rete Rurale Nazionale -Organizzazione TF Rete Leader Segretariato tecnico Comitato Scientifico 2 Il contesto Gli attori

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO VIA UGO BASSI Via U. Bassi n 30-62012 CIVITANOVA MARCHE Tel. 0733 772163- Fax 0733 778446 mcic83600n@istruzione.it, MCIC83600N@PEC.ISTRUZIONE.IT www.iscviaugobassi.gov.it

Dettagli

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIONE GAC Gruppo di Azione Costiera GAC Nord Sardegna PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna CUP H86D13000190007 Numero Azione (riferimento PSL) 3.2.1 Titolo Azione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PICCOLE GUIDE, SULLE PISTE DELL APPENNINO

SCHEDA PROGETTO PICCOLE GUIDE, SULLE PISTE DELL APPENNINO SCHEDA PROGETTO PICCOLE GUIDE, SULLE PISTE DELL APPENNINO Percorsi educativi e di ricerca, alla scoperta della Biodiversità e degli Equilibri Naturali nei Parchi Nazionali. I Proponenti del Progetto Promosso

Dettagli

Comenius Regio perché? Le opportunità di un partenariato europeo legato al territorio per il miglioramento delle politiche educative

Comenius Regio perché? Le opportunità di un partenariato europeo legato al territorio per il miglioramento delle politiche educative Comenius Regio perché? Le opportunità di un partenariato europeo legato al territorio per il miglioramento delle politiche educative Elena Bettini Seminario di informazione sulla gestione dei partenariati

Dettagli

Direttore DIREZIONE. Direttore

Direttore DIREZIONE. Direttore DIREZIONE Rapporti istituzionali relativi ai Comuni del Parco e dei SIC di competenza, all Area Marina Protetta, alla rete dei Parchi, Conferenza tecnica, rete CEA e INFEA Segreteria Presidente e Rapporti

Dettagli

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010 P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza Grazia Manca U.O.Informazione Comunitaria Dipartimento della Multifunzionalità dell Azienda Agricola e delle Filiere Agroalimentari per lo

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA. Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte

LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA. Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte Il Decreto legislativo 81/2008 Il TU sulla sicurezza prevede l inserimento in ogni attività scolastica di

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI L UNEBA vuole sottolineare che l ambiente è sempre più al centro delle strategie di sviluppo della comunità

Dettagli

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Politiche, programmi, bandi Dovrebbe essere innanzitutto chiaro che le risorse finanziarie messe a disposizione dal bilancio europeo attraverso i bandi servono

Dettagli

Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013

Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013 Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013 ACRONIMO PROGETTO TITOLO PROGETTO OBIETTIVO GENERALE DESCRIZIONE DEL PROGETTO Co.R.E.M. COOPERAZIONE DELLE RETI ECOLOGICHE

Dettagli

CONVENZIONE 2006-2007. 1 Relazione

CONVENZIONE 2006-2007. 1 Relazione PROGRAMMA INTEGRATO DI EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE CONVENZIONE 2006-2007 1 Relazione Nel corso dei primi mesi di attività sono stati sviluppati i seguenti punti: A. Sperimentazione del laboratorio

Dettagli

Italiana. ID Skype: enrica_11. Qualifiche

Italiana. ID Skype: enrica_11. Qualifiche ENRICA COPPO CURRICULUM VITAE Cognome Nome Indirizzo Paese Telefono E-mail Skype ID Data e luogo di nascita Nationalità Sesso Coppo Enrica Via Cigliano, 14-13040 Moncrivello (VC) Italia Cellulare: +39

Dettagli

Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance

Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance CONVEGNO INTERNAZIONALE DARE VALORE ALLA NATURA I Servizi ecosistemici per nutrire il pianeta venerdì 12 giugno 2015 EXPO 2015 - MILANO Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance Prof. GIUSEPPE

Dettagli

Tavola rotonda. 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca. Dr. Francesco Bongiovanni. Roma 10 luglio 2014

Tavola rotonda. 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca. Dr. Francesco Bongiovanni. Roma 10 luglio 2014 Tavola rotonda 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca Roma 10 luglio 2014 Dr. Francesco Bongiovanni Cosa intendiamo con il termine governance? L insieme di azioni che consentono la realizzazione

Dettagli

Con il patrocinio di. Proposte didattiche di EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILTA per le Scuole dell Infanzia, A.S. 2015 2016

Con il patrocinio di. Proposte didattiche di EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILTA per le Scuole dell Infanzia, A.S. 2015 2016 Con il patrocinio di Proposte didattiche di EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILTA per le Scuole dell Infanzia, A.S. 2015 2016 Gentile insegnante, anche per il presente anno scolastico il Centro di Educazione alla

Dettagli

Il partenariato per la realizzazione del progetto pilota è così composto:

Il partenariato per la realizzazione del progetto pilota è così composto: Progetto esecutivo per azioni pilota di sensibilizzazione sui prodotti tipici della Provincia di Bari rivolto alle scuole primarie e alle scuole secondarie di 1 e 2 Premesse - Il partenariato e descrizione

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

Linea di finanziamento per attività di formazione e promozione del volontariato Scadenze: 30 aprile 2016 COME PRESENTARE LE PROPOSTE FORMATIVE

Linea di finanziamento per attività di formazione e promozione del volontariato Scadenze: 30 aprile 2016 COME PRESENTARE LE PROPOSTE FORMATIVE APRILE 2016 Linea di finanziamento per attività di formazione e promozione del volontariato Scadenze: 30 aprile 2016 SOMMARIO COME PRESENTARE LE PROPOSTE FORMATIVE 1. Ruolo della Non Profit Network - CSV

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 ASSE IV LEADER. Programma di Sviluppo Locale del GAL Giarolo Leader CRESCERE IN RETE

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 ASSE IV LEADER. Programma di Sviluppo Locale del GAL Giarolo Leader CRESCERE IN RETE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 ASSE IV LEADER Programma di Sviluppo Locale del GAL Giarolo Leader CRESCERE IN RETE MISURA 431 Azione 2.b Informazione sull attività del GAL Attività di animazione

Dettagli

1. Premessa 2. Obiettivi Generali

1. Premessa 2. Obiettivi Generali 1. Premessa Il Progetto riguarda la creazione di un Laboratorio ambientale da realizzare sul territorio della Comunità Montana Versante Tirrenico Meridionale diffuso sul territorio montano, a partire dalle

Dettagli

100% del totale della spesa ammessa. Max. 150.000,00 per singolo progetto. Il contributo può essere liquidato secondo le seguenti modalità:

100% del totale della spesa ammessa. Max. 150.000,00 per singolo progetto. Il contributo può essere liquidato secondo le seguenti modalità: REGIONE SICILIA ASSESSORATO DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI ****************************************************** Programma operativo FEP 2007/2013 DECRETO 01 del 27 gennaio 2010. Bando relativo ai

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico

La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico CONTESTO L importanza crescente della programmazione comunitaria nelle politiche di sviluppo locale, sia in termini di

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Struttura e fasi di selezione... 5 Modalità di presentazione delle domande... 5 Contributo

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli

Regolamento della Sezione Informatica 28 aprile 2003. Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO

Regolamento della Sezione Informatica 28 aprile 2003. Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO N.B. La presente stesura aggiorna la precedente edizione del 15 aprile 1996 rendendola omogenea al nuovo statuto Animp

Dettagli

Mappatura Eco-sportelli Scheda di rilevazione

Mappatura Eco-sportelli Scheda di rilevazione Provincia di Ferrara Mappatura Eco-sportelli Scheda di rilevazione Eco-sportello Sportello InfoSmog Ente Titolare Comune di Cremona gestione Diretta ( diretta, indiretta, convenzione ) Indirizzo Vicolo

Dettagli

Ri-cibiAmo al ristorante-studio di fattibilità

Ri-cibiAmo al ristorante-studio di fattibilità Al Presidente comitato territoriale IREN di Piacenza Progetto: RI-CIBIAMO chi ama il cibo non lo spreca! Il progetto Ri-cibiamo Il progetto Ri-cibiamo al ristorante si propone come un modello utile per

Dettagli

le ragioni del progetto

le ragioni del progetto 1 2 le ragioni del progetto Il progetto mira a mettere in luce la complessità del mondo della cooperazione allo sviluppo, spesso confusa dall opinione pubblica con più superficiali atteggiamenti solidaristici

Dettagli

Piano Operativo di Animazione

Piano Operativo di Animazione ALLEGATO A Direzione Regionale Risorsa Umbria. Federalismo, Risorse Finanziarie Umane e Strumentali Piano Operativo di Animazione POR FESR 2007-2013 - ASSE III Efficienza Energetica e Sviluppo delle Fonti

Dettagli

Oasi naturalistica del Parco del Roccolo

Oasi naturalistica del Parco del Roccolo AMICI DEL PARCO DEL ROCCOLO Organizzazione di volontariato - C.F. : 93034320163 Sede Legale: via San Martino 11, 24047 Treviglio (BG). Sede operativa: Parco del Roccolo, Via del Bosco, Treviglio (BG).

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Istituto Comprensivo Calcedonia

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Istituto Comprensivo Calcedonia Centro Territoriale di Supporto Calcedonia Istituto Comprensivo Calcedonia Via A. Guglielmini, 23 - Salerno Tel: 089792310-089792000/Fax: 089799631 htpp//www.icscuolacalcedoniasalerno.gov.it REGOLAMENTO

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico. Sintesi del processo e prodotti realizzati: la Piattaforma e_demps e le applicazioni istallate

Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico. Sintesi del processo e prodotti realizzati: la Piattaforma e_demps e le applicazioni istallate Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico Sintesi del processo e prodotti realizzati: la Piattaforma e_demps e le applicazioni istallate Il progetto Obiettivi: progettare, realizzare e utilizzare

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007

POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 ASSE I Ricerca Scientifica,

Dettagli

DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011

DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011 DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011 1 INDICE 1. PREMESSA 2. OBIETTIVI 3. INCONTRO FORMATIVO PER GLI INSEGNANTI 4. ATTIVITA SUDDIVISE per CLASSI 5. EVENTI ORGANIZZATI: GIORNATE ECOLOGICHE 6.

Dettagli

Sentinelle della Sicurezza

Sentinelle della Sicurezza Concorso di Idee #LAMIASCUOLASICURA PROGETTO Sentinelle della Sicurezza Introduzione Una delle principali problematiche della gestione della sicurezza di un sistema, in questo caso di una scuola, è considerare

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA PARITARIA ISTITUTO SACRO CUORE BITONTO (BA) Contributi in materia di Diritto allo Studio. della Regione Puglia

SCUOLA PRIMARIA PARITARIA ISTITUTO SACRO CUORE BITONTO (BA) Contributi in materia di Diritto allo Studio. della Regione Puglia SCUOLA PRIMARIA PARITARIA ISTITUTO SACRO CUORE BITONTO (BA) della Regione Puglia (L.R. 42/80 art. 10 Legge n. 241 del 7/8/1990 art.12) Fiabe per educare Anno scolastico 2010/2011 DESCRIZIONE DETTAGLIATA

Dettagli

La valutazione del contributo dei progetti MED alla programmazione regionale: l esperienza della Regione Puglia

La valutazione del contributo dei progetti MED alla programmazione regionale: l esperienza della Regione Puglia La valutazione del contributo dei progetti MED alla programmazione regionale: l esperienza della Regione Puglia La valutazione delle politiche internazionali delle regioni Caserta, 13 febbraio 2014 Brigida

Dettagli

Progetto F.I.S.I.Agri Formazione Integrata per la Sostenibilità e

Progetto F.I.S.I.Agri Formazione Integrata per la Sostenibilità e Progetto F.I.S.I.Agri Formazione Integrata per la Sostenibilità e l Innovazione in Agricoltura Progetto finanziato dal FSE e dalla Provincia di Pistoia 1 Bando MM 2006-2007 FSE POR OB 3 mis. D1, C3 PROGETTI

Dettagli

Progetto Q4ECEC. 'Awareness-raising on Quality and Institutional Commitment in Early Childhood Education and Teaching

Progetto Q4ECEC. 'Awareness-raising on Quality and Institutional Commitment in Early Childhood Education and Teaching Progetto Q4ECEC 'Awareness-raising on Quality and Institutional Commitment in Early Childhood Education and Teaching Reference: 550472-LLP-1-2013-1-IT-KA1-KA1ECETA Progetto Q4ECEC 'Awareness-raising on

Dettagli

PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008

PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008 PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008 1) DENOMINAZIONE DEL PROGETTO Mediazione interculturale nelle strutture ospedaliere dell Azienda USL 2) SOGGETTO PROPONENTE Azienda USL Valle d Aosta 2.1)

Dettagli