Economia e gestione delle imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Economia e gestione delle imprese"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Corso di Laurea in Economia e gestione aziendale A.A Economia e gestione delle imprese Dispensa ad uso degli studenti PARTE VI Cagliari, Maggio

2 INDICE PARTE VI La gestione per l impresa di successo VI.1. Il marketing 1.1. Cenni introduttivi Complessità di significato del vocabolo marketing Campi di applicazione Marketing come funzione di confine Evoluzione del ruolo del marketing Marketing passivo e l orientamento alla produzione Marketing orientato alla vendita Marketing orientato al cliente Market-driven management e orientamento al cliente Open marketing e orientamento alla società Contenuti del processo di marketing Processo di marketing strategico Connotati del marketing operativo Verso una nuova fase evolutiva: il marketing esperienziale 22 VI.2. L approvvigionamento 2.1. Natura e importanza Forme di approvvigionamento Oggetto della funzione Politiche di approvvigionamento generali Scelta della migliore forma di approvvigionamento Politiche relative ai fornitori Politiche per la quantità da acquistare Criteri di scelta dei canali di approvvigionamento 34 VI.3. La produzione 3.1. Funzione di produzione nell impresa: il sistema operativo Tipologia dei sistemi produttivi Progettazione dell impianto Programmazione e controllo delle operazioni di produzione Controllo di efficienza della produzione e total quality control 46 2

3 PARTE VI La gestione per l impresa di successo VI.1. Il marketing 1.1. Cenni introduttivi Che cosa è il marketing? Qual è il suo ruolo all interno dell impresa? E cambiato nel tempo il ruolo del marketing nell impresa? Quali sono i principali processi che caratterizzano il marketing? A queste domande si cerca di dare una risposta nei punti seguenti precisando tuttavia che il marketing costituisce un campo di approfondimento specifico che merita ben altra attenzione di quella che si può riservare in un corso di Economia e gestione delle imprese. La principale implicazione della considerazione appena svolta è che in questo testo si sofferma l attenzione solo su alcuni aspetti ritenuti di primo approccio al marketing e, più esattamente, sui seguenti: - il significato del vocabolo marketing; - i campi di applicazione del marketing; - la funzione di cerniera svolta dal marketing per instaurare proficue relazioni tra l impresa e i contesti di riferimento; - l evoluzione del ruolo del marketing; - i contenuti del processo di marketing; - verso una nuova fase evolutiva del marketing Complessità del significato del vocabolo marketing In inglese le parole che finiscono con la desinenza ing indicano un azione, tanto che il tempo del verbo che le caratterizza si denomina presente progressivo. Marketing, pertanto, è una parola che implica azione, qualcosa in divenire. Ecco perché una traduzione precisa della parola marketing risulta alquanto problematica, tanto che le definizioni che negli anni sono state proposte dai diversi autori sono assai numerose (Fiocca, Sebastiani, 2010, p. 2). In ogni caso, il senso generale del termine è quello relativo alle modalità attraverso le quali un impresa cerca di legittimare la propria esistenza presso i potenziali clienti, facendosi preferire nella loro scelta d acquisto per farli diventare propri clienti. Fare marketing, pertanto, significa realizzate un sistema di attività che si deve tradurre in analisi, decisioni e azioni la cui efficacia è misurata direttamente dalle vendite che l impresa riesce a realizzare nel tempo con la propria offerta per dare risposte risolutive ai numerosi, crescenti e mutevoli bisogni espressi dai soggetti umani e dalle organizzazioni di qualsiasi tipo. Tradizionalmente il termine marketing è utilizzato rispettivamente per: denominare una specifica funzione aziendale; individuare una disciplina di studio; identificare una filosofia gestionale caratterizzata cioè da valori, modelli decisionali e comportamenti cui l impresa e, specificamente, il suo management dovrebbero ispirarsi per lo svolgimento delle attività direzionali e gestionali della stessa. Il problema di capire il significato del termine marketing, pertanto, non è tanto di tipo sintattico quanto di tipo semantico: la comprensione profonda del concetto di marketing consiste nel fare propria una modalità con la quale l impresa decide di interagire col mercato, rappresentato dalla pluralità di potenziali clienti e con le azioni poste in essere per ottenere questo risultato. Ecco perché nelle imprese che ambiscono a detenere posizioni competitive eccellenti, l orientamento al mercato ed al cliente assurge da elemento strumentale ad indirizzo metodologico, tendendo a pervadere ogni funzione aziendale e comportando l elezione del marketing ad un ruolo di coordinamento e di integrazione interfunzionale (Barile, Pastore in Golinelli, 2002, p. 188). La scelta delle modalità relazionali più appropriate per rapportarsi 3

4 con il mercato non è né facile, né scontata: al contrario essa presuppone la considerazione congiunta di molteplici elementi, vari, variabili e indeterminati tali che l esito delle decisioni assunte e delle conseguenti azioni non è prevedibile a priori. A dimostrazione della difficoltà e della complessità del processo di marketing si consideri che non sempre le azioni di marketing poste in essere dalle imprese soddisfano pienamente i clienti e i consumatori e, conseguentemente, non sempre si traducono per l impresa nella conquista del potenziale cliente in cliente effettivo. Secondo un indagine ACNielsen e Ernest&Young, per esempio, negli USA si è riscontrata una difficoltà importante nel lancio di prodotti innovativi tanto che il tasso di fallimento di nuovi beni di consumo è stato del 95%. La consapevolezza della difficoltà di predisporre azioni di marketing efficaci non sembra essere diffusa: un altra indagine condotta da Bain & Company ha mostrato che mentre l 80% degli amministratori delegati delle imprese americane sia convinta che la propria marca sia capace di creare una customer experience 1 migliore delle altre, la verifica fatta con i clienti ha confermato questa ipotesi solo per una percentuale pari all 8% (Boaretto A., Noci G., Pini F.M., 2009) Campi di applicazione Il marketing è nato nell impresa per favorirne l accesso al mercato ma oggi, come è stato opportunamente evidenziato, è dappertutto (Kotler e Keller, 2009). Formalmente o informalmente, le persone e le organizzazioni sono impegnate in un vasto numero di attività nell ambito delle quali il marketing svolge un ruolo spesso determinante ai fini del successo di quelle attività. Il campo di applicazione del marketing è molto ampio, dal momento che esso trova applicazione sia nell ambito dei rapporti tra imprese e clienti (business to consumer o B2C) che comprende il marketing dei beni e dei servizi di consumo, ma pure nell ambito dei rapporti tra imprese o, più in generale, tra organizzazioni, definito marketing industriale (business to business o B2B) sia, ancora, nell ambito più generale delle relazioni che coinvolgono le organizzazioni senza fini di lucro come i musei, le università, i partiti politici, le associazioni di volontariato, le stesse organizzazioni religiose, ecc. (si parla in questo caso di marketing sociale) (Lambin, 2008). È anche facile osservare come alcuni degli strumenti propri del marketing siano utili anche a livello individuale dal momento che le persone, di norma, cercano di creare valore per se stessi e per i propri interlocutori, ricercando la legittimazione e la preferenza da parte di altri per ottenere un lavoro, per gestire un amicizia, ecc. e questo lo fanno sviluppando le proprie capacità distintive, migliorando la propria capacità di comunicare se stessi, i propri obiettivi così da rendersi utili agli altri e creando, nel contempo, utilità per se stessi. Il marketing pertanto tende a configurarsi come qualcosa che pervade la società intera e che si avvale di concetti, tecniche, procedure e strumenti volti a migliorare i rapporti sociali tra individui e organizzazioni. Forse potrebbero essere sufficienti queste brevi considerazioni per evidenziare come il campo di applicazione del marketing, più in generale, riguardi il rapporto tra persone, singole o associate, che cercano il modo più adatto per legittimarsi nel contesto sociale di riferimento del quale il mercato non è che una delle manifestazioni attraverso cui queste relazioni si manifestano. Secondo Winer il marketing è utile e necessario ogni qualvolta un individuo o 1 Con l espressione customer experience ci si riferisce all esperienza che il consumatore vive quando entra in relazione con una qualsiasi organizzazione e, nel caso specifico con le imprese. In particolare da tale esperienza il cliente/consumatore trae delle percezioni che attengono ai vari aspetti della relazione che (con il personale che lavora nell organizzazione, con il contesto della struttura, con gli eventuali altri clienti/consumatori) non riguarda solo l oggetto della relazione (per esempio il prodotto cui eventualmente si è interessati). 4

5 un organizzazione si trovino dinanzi ad una scelta. Non a caso, per esempio, Giampaolo Fabris nell ultimo lavoro intitolato Societing, pone in evidenza come il marketing se resta una disciplina aziendalistica non può che prendere consapevolezza, ed adeguarsi di conseguenza, dei crescenti risvolti sociali del suo operato. Perché di fatto dei prodotti/servizi che deve promuovere la dimensione segnica, di attribuzione di senso, di significato e significante è sempre più importante. Secondo tale interpretazione i consumatori non esistono mentre esistono le persone con le quali le imprese devono dialogare. L impresa, infatti non può più disinteressarsi delle conseguenze sociali dei prodotti che mette in circolo, delle nuove responsabilità sociali ed etiche della marca/impresa. I mercati si trasformano in questo modo in uno spazio di relazioni tra pari (Fabris G.P., 2009) Approfondimento La rilevanza della dimensione segnica si manifesta col fatto che il possesso di un bene o il consumo di un servizio è legato al significato che si attribuisce al marchio con il quale tale prodotto o servizio viene commercializzato. È per questa ragione che marchi come Dolce & Gabbana, piuttosto che Armani Jeans, Ferrari, Costa corciere, ecc. hanno la funzione di consentire a chi ne fruisce di identificarsi in qualche modo con il mondo di significati che ciascuno di questi marchi vuole esprimere. Ecco perché il brand (il marchio) rappresenta uno dei fattori distintivi più importanti sia dal lato del produttore che da quello del consumatore. In un corso di economia e gestione delle imprese, tuttavia, l interesse per il marketing riguarda in principal modo i rapporti tra imprese e tra queste e i clienti. In tale accezione il marketing, secondo l American Marketing Association (AMA) has been defined as an organizational function and a set of process for creating, communicating, and delivering value to customers and for managing customer relationship in ways that benefit the organization and its stakeholders (AMA, 2004). Secondo Pride e Ferrel il marketing è il processo svolto per creare, distribuire, promuovere e prezzare beni, servizi e idee al fine di facilitare relazioni di scambio soddisfacenti con i clienti in un ambiente dinamico (Pride e Ferrel, 2004, ed. it: 2005). Un altra definizione evidenzia che il marketing è l insieme delle conoscenze, delle competenze, delle attività e degli strumenti utilizzati dall impresa, finalizzato alla comprensione, alle gestione e al controllo delle relazioni con il mercato (Fiocca, Sebastiani, 2010, p. 2). Da ciò si evince che il marketing concorre in modo distintivo al governo dell impresa ma non è il governo dell impresa (Burresi A., Aiello G., Guercini S., 2006). Tale contributo si estrinseca proprio nell orientare le scelte strategiche (e le conseguenti politiche operative) alla soddisfazione del cliente ed all ottenimento di posizioni di vantaggio competitivo sostenibili nel tempo rispetto alla concorrenza (Burresi A., Aiello G., Guercini S., 2006, p. XIII) Marketing come funzione di confine La funzione di marketing è stata definita come quella che orienta e regola i rapporti di scambio con i mercati di sbocco, al fine di contribuire al conseguimento degli obiettivi di sviluppo e redditività dell impresa a medio termine (Di Bernardo, Gandolfi, Tunisini, 2009). Si tratta pertanto di una vera e propria funzione di confine, per il tramite della quale l impresa non solo si distingue da altre imprese ma in base a tale identità cerca di costruire proficue relazioni con il contesto nel quale è inserita e, in particolare, con gli stakeholder rilevanti (clienti, fornitori, sistema creditizio e finanziario, ecc.). L esercizio di tale funzione si sostanzia nell individuazione di unità organizzative alle quali viene attribuito il compito di gestire determinati rapporti con le diverse componenti ambientali con le quali l impresa ha interesse o è costretta ad interagire. 5

6 Per il tramite del marketing l impresa concepisce, attiva, orienta e coordina l interscambio di beni, servizi e informazioni tra l impresa e i suoi mercati di riferimento. La funzione di confine, esercitata dai soggetti che a vario titolo ricoprono un ruolo nell impresa, si sostanzia sia nella selezione di ciò che è funzionale alla stessa per la predisposizione della propria offerta da mettere a disposizione del proprio mercato di riferimento (energia, materie e materiali, persone, denaro, informazioni), sia nell attivazione di relazioni con i diversi attori presenti nel mercato volte a legittimare la presenza dell impresa nello stesso (si pensi in quest ultimo caso che qualunque dipendente di un impresa in contatto effettivo o potenziale con il pubblico svolge attività di marketing e questo indipendentemente dal fatto che ciò rientri o meno nelle sue competenze) (Winer, 2002). L esercizio della funzione di selezione opera sia in ingresso che in uscita: nel primo caso, per esempio, la rete di vendita che è a contatto diretto con il cliente finale acquisisce una moltitudine di informazioni, alcune utili e altre meno rispetto all attività degli organismi di vertice dell impresa; questo implica che essi non debbano semplicemente svolgere un lavoro routinario ma, al contrario essere capaci di operare con intelligenza in modo da scegliere tra le informazioni da trasferire affinché si eviti un sovraccarico di lavoro al management aziendale. D altro canto la selezione opera anche in uscita dal momento che il management decide, stabilendo delle regole, le informazioni che ogni unità organizzativa può rilasciare all esterno, così da assicurare una unitarietà di comportamento che se non ci fosse danneggerebbe la percezione dell impresa presso il pubblico di riferimento. Complementare all attività di selezione è quella di collegamento per il tramite della quale l impresa attiva e favorisce flussi informativi e di risorse verso l esterno così da sviluppare e orientare l integrazione dell impresa nel contesto ambientale. Rientrano in tale ambito le attività di ricerca di mercato attraverso le quali l impresa cerca di conoscere i bisogni, i desideri e le aspettative del mercato ma anche le azioni di marketing con le quali l impresa cerca di attivare proficue relazioni con i segmenti obiettivo di cui intende acquisire la preferenza Evoluzione del ruolo del marketing Il marketing non ha una precisa data di nascita, tuttavia le sue origini possono farsi risalire all inizio del secolo scorso nel passaggio tra il XIX e il XX secolo allorché la rivoluzione industriale della fine dell 800 e l inizio del 900 hanno posto le imprese di fronte alla necessità di cercare nuovi sbocchi alle proprie produzioni. Più precisamente, sia sul piano applicativo che teorico c è sufficiente convergenza nel ritenere che le prime forme codificate di marketing siano apparse agli inizi del Novecento soprattutto negli USA, mentre trovarono un più puntuale compimento nel periodo , a cavallo tra le due guerre mondiali (Cozzi G., Ferrero G., 2004; Fiocca, Sebastiani, 2010) A prescindere dalla data precisa cui far risalire le origini del marketing certo è che nel tempo esso è stato oggetto di profonde trasformazioni determinate da varie circostanze quali, ad esempio, lo sviluppo scientifico e tecnologico che ha consentito nuove e più diversificate modalità di interazione tra imprese e clienti, la progressiva apertura dei mercati derivanti da accordi economici, monetari e politici in campo mondiale, dai cambiamenti sociali che hanno modificato valori, atteggiamenti e comportamenti di persone e organizzazioni. Si tratta di una trasformazione ben lungi dal potersi considerare conclusa, proprio perché va di pari passo con l evoluzione del mondo e della società. A posteriori e solo col senno di poi è possibile tracciare un percorso per fasi che metta in evidenza i tratti più significativi delle diverse caratteristiche assunte dal marketing dalle sue origini fino ad oggi. La conoscenza di tali fasi, tuttavia, non è semplicemente di tipo storico ma al contrario essa consente di evidenziare le diverse modalità/atteggiamenti con le quali le imprese possono interagire col mercato posto che certi atteggiamenti, comportamenti e azioni 6

7 che pure storicamente è possibile collocare in un certo periodo possono presentarsi nei comportamenti di imprese esistenti oggi. Da qui la necessità didattica di evidenziarle per far capire come taluni di questi approcci al mercato possano risultare inefficaci dal punti di vista dell ottenimento della preferenza da parte dei clienti potenziali cui l impresa vorrebbe rivolgere la propria attenzione e la propria proposta di vendita. Tale evoluzione, secondo Lambin, può essere misurata sulla base dell intensità della concorrenza e del grado di maturità del mercato e può essere schematicamente riassunta (Riquadro VI.1.) nelle seguenti fasi: Il marketing passivo e l orientamento alla produzione (o al prodotto) Il marketing operativo e l orientamento alle vendite Il marketing strategico e l orientamento al cliente Il market driven management e l orientamento al mercato L open marketing e l orientamento alla società Riquadro VI.1. L evoluzione del concetto di marketing Fonte: Elaborazione su schema tratto da Lambin e da Burresi, Aiello e Guercini Marketing passivo e orientamento alla produzione (o al prodotto) Storicamente questo periodo è riconducibile ad un momento in cui la domanda era di gran lunga superiore all offerta e il problema fondamentale delle imprese era quello di risolvere i problemi tecnici generati dalla necessità di riuscire ad aumentare le capacità produttive degli impianti per far fronte alle richieste del mercato. In tale situazione l unico problema riguardante le relazioni con il mercato aveva per oggetto la gestione dei processi logistici volti a favorire il capillare raggiungimento dei mercati di sbocco delle produzioni realizzate. Non è un caso che le competenze principali richieste dalle imprese in tale periodo fossero di tipo tecnico ingegneristico e che gli obiettivi principali fossero quelli della ricerca dell efficienza produttiva, del contenimento dei costi, delle innovazioni di processo quale risultante della capacità creativa di esperti tecnici impegnati nella produzione di beni di largo e generale consumo a prezzi decrescenti. In questo periodo i principali contributi in tema di management sono proprio quelli di Frederick Taylor (negli USA) e di Henry Fayol (in Europa) che affrontarono il problema della gestione manageriale dei problemi delle imprese industriali. In tale tipo di impresa non esiste neppure il problema di avere una organizzazione aziendale nella quale fosse prevista la gestione di problemi legati alle relazioni con il mercato: sotto la direzione generale infatti di norma venivano costituite la direzione della Produzione, 7

8 quella dell Amministrazione e quella del Personale. Il servizio commerciale era posizionato all interno della funzione amministrativa e finanziaria ed era dedicato principalmente a sovrintendere l amministrazione delle vendite e delle attività distributive. In questa situazione le imprese non hanno stimoli né sul versante dell innovazione né su quello della differenziazione dell offerta dal momento che i prodotti realizzati si propongono di soddisfare solo bisogni di base. Alcuni autori (Burresi, Aiello, Guercini, 2006) evidenziano una ulteriore fase di sviluppo del ruolo del marketing denominata orientamento al prodotto differenziandola da quella orientata alla produzione perché dinamicamente la progressiva soluzione dei problemi legati al miglioramento dei processi di produzione fa si che la crescita delle quantità prodotte consenta all offerta di avvicinarsi in termini quantitativi al livello della domanda e ponendo pertanto a ciascuna impresa il problema di affermazione della propria offerta su quella delle imprese concorrenti Marketing orientato alla vendita Il miglioramento delle capacità produttive delle imprese, da un lato, e l aumento del reddito disponibile delle famiglie, dall altro, ha dato luogo ad una nuova fase del ruolo del marketing: nuovi operatori si affacciano sul mercato e crescono in questo modo le quantità prodotte al punto che l offerta cresce fino ad eguagliare le capacità di assorbimento del mercato. Ciò comporta la nascita della concorrenza tra le imprese che per acquisire la capacità di spendita dei consumatori devono adoperarsi per cercare di spingere la vendita delle proprie produzioni. A tal fine, si pone in essere un maggiore impegno teso a sviluppare la comunicazione pubblicitaria e altre forme di comunicazione personale e promozionali. In tale approccio le imprese sono maggiormente impegnate nella promozione delle vendite e nell organizzazione della distribuzione. Si tratta di una attività di vendita che in molti casi cerca di mettere sotto pressione il potenziale cliente attraverso strategie appropriate di comunicazione che oggi è possibile verificare soprattutto con riferimento a campi quali la vendita di enciclopedie, di prodotti assicurativi, di aspirapolvere o macchine a vapore per la pulizia della casa, e simili. Storicamente si tende a collocare questo approccio nel periodo che va dal 1950 al 1965 (Cozzi Ferrero, 2004, p. 48) e gli obiettivi perseguiti dalle imprese sono rappresentati dallo sviluppo delle vendite, dal ricordo della marca, dalla differenziazione psicologica dei prodotti mentre è del tutto marginale l attenzione verso l analisi dei bisogni da soddisfare, i mercati da servire, le tecnologie da adottare e i prodotti da realizzare in funzione di tali analisi Marketing orientato al cliente Con questo approccio l impresa sposta la sua prevalente attenzione dall ambito interno a quello esterno: nasce in tal modo il marketing strategico attraverso il quale il cliente per la prima volta assume centralità nelle strategie delle imprese e diventa il soggetto intorno al quale si costruisce l offerta. Questo cambiamento di prospettiva deriva sia dal processo di progressiva saturazione della domanda nei paesi in cui le famiglie dispongono di un reddito da destinare a consumi, sia dall articolazione della domanda stessa che da conto dell evoluzione della struttura sociale e della proliferazione e convivenza di stili di vita differenti. Il ruolo del marketing si evolve nel senso che si pone, per la prima volta, il problema di capire le possibili motivazioni dei potenziali clienti in ordine all acquisto di beni e servizi e, conseguentemente, quali sono gli elementi per acquisirne la preferenza. Nascono e si diffondono a questo punto le ricerche di mercato e dall altro, le imprese adottano strategie di marketing mix nelle quali l offerta è definita non soltanto dal prodotto in senso stretto ma da una molteplicità di elementi variamente combinati tra loro che consentono di differenziare 8

9 l offerta e di trovare posizionamenti differenti in relazione ai diversi segmenti di domanda individuati. Attraverso l analisi del mercato e, in particolare, dei bisogni (o, secondo Levitt, dei problemi Riquadro VI.2.) dei clienti si comprende come questi ultimi non siano solo quelli di base e più frequenti nella popolazione considerata. Si scopre invece che oltre al nucleo centrale vi sono altri segmenti con bisogni diversi e altrettanto importanti da soddisfare: una volta saturato il nucleo centrale di mercato, le imprese più attente si accorgono di un potenziale non sfruttato rappresentato da quei consumatori le cui preferenze di consumo non hanno riscontro nel prodotto medio utilizzato per soddisfare il nucleo centrale. È così che ha origine la segmentazione che l impresa può realizzare nei limiti in cui conosca il mercato in termini di bisogni espressi dai consumatori, di vantaggi ricercati dagli stessi nei prodotti e, conseguentemente, delle funzioni svolte dai prodotti esistenti nel mercato, così da poterne individuare di nuovi capaci Riquadro di intercettare VI.2. Theodore i bisogni non Levitt soddisfatti e la soluzione o non di problemi ancora emersi Market-driven management e orientamento al mercato L approccio market-driven parte dall analisi di ciò che l impresa può fare e deve fare per decidere la strategia che meglio valorizza le capacità distintive in un quadro coerente con i valori della cultura aziendale e con le attese degli stakeholder. Questa prospettiva di analisi parte da un attenta considerazione dei cambiamenti più significativi intervenuti nel contesto mondiale negli ultimi decenni (Lambin, 2008). In particolare meritano particolare attenzione i seguenti: la progressiva globalizzazione dell economia; la rivoluzione determinata dallo sviluppo delle nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione e dalla conseguente affermazione dell e-commerce, fenomeno quest ultimo che Drucker ha paragonato, per le implicazioni che sta determinando, a ciò che la ferrovia ha rappresentato per la rivoluzione industriale dell 800 (Drucker, 2003, p. 7-8); l emergere di nuovi valori che tendono a fare della sostenibilità (economica, sociale ed ambientale) uno dei cardini della nuova società (Fiocca, Sebastiani, 2010, p ) La differenza tra l orientamento al mercato e quello al cliente del punto precedente è so- 9

10 stanziale benché alcuni autori e manager tendano a non fare distinzioni. In particolare mentre l orientamento al cliente considera quest ultimo come elemento centrale di riferimento dell azione dell impresa, l orientamento al mercato considera quest ultimo come un ecosistema complesso del quale fanno parte non soltanto i clienti ma anche altri importanti attori quali i fornitori, i distributori, i prescrittori ovvero tutti coloro che caratterizzano i due principali sovra sistemi con i quali l impresa dovrebbe rapportarsi: quello della distribuzione e quello del consumo. Un altra caratteristica dell orientamento al mercato è che la ricerca delle soluzioni da proporre ai clienti non è basata esclusivamente sulla domanda esistente (market-pull o marketing strategico di risposta), ma considera altresì i modelli innovativi legati allo sviluppo della tecnologia (market-push o marketing strategico proattivo). L affermazione dei valori ispirati alla sostenibilità trova spazio nella prospettiva dell orientamento al mercato attraverso la considerazione congiunta di elementi valoriali, strategici e operativi, circostanza questa totalmente diversa dal paradigma dell orientamento alle vendite (modello delle 4P, teorizzato da Kotler negli anni 70) o dello stesso orientamento al cliente (che considera la dimensione strategica e quella operativa ma trascura quella culturale riguardante i valori). L ultima caratteristica dell orientamento al mercato è che proprio perché presuppone un attenzione a tutti gli stakeholder, il marketing non può essere relegato a mera funzione poiché essendo prima di tutto una filosofia di interpretazione delle relazioni tra attori essa pervade ogni livello e ogni funzione aziendale. In proposito è stato osservato che pur essendo la disciplina del marketing, nata da esigenze di natura commerciale, da un sistema di tecniche e strumenti finalizzati a promuovere le vendite, si è progressivamente evoluta includendo nel proprio ambito l insieme delle modalità relazionali che l impresa esprime sia al proprio interno che all esterno Open marketing e orientamento alla società La crescita quantitativa di clienti consumatori più preparati e istruiti attribuisce loro una maggiore capacità di governo della relazione con le imprese, non più subita ma assai spesso da essi costruita e controllata. Se questo aspetto si ribalta sul comportamento richiesto alle imprese allora per esse il problema diventa quello di costruire e mantenere nel tempo relazioni affidabili e attrattive con i clienti/consumatori facendo in modo che siano essi stessi ad autosegmentarsi preferendo l impresa che si pone, nel confronto competitivo, nella condizione di meglio soddisfare le loro aspettative. Se il cliente/consumatore è una persona le cui scelte sono determinate da un insieme composito di circostanze interne al soggetto ed esterne ad esso è evidente che il suo comportamento si estrinseca in una condizione di razionalità contingente, nel senso che la coerenza di comportamento è all interno della specifica situazione nella quale egli si trova ad operare. Questo comporta che se si analizzano le sequenze di comportamento esse danno conto di un modo di operare libero, nel senso che egli non segue più una sequenza univoca nell utilizzo dei canali ma li utilizza e li aggrega in relazione a specifici momenti e condizioni A partire da queste modificazioni scaturisce il paradigma dell open marketing i cui contenuti principali sono riconducibili all innovazione e alla progettazione partecipata, che non possono essere gestiti secondo una prospettiva monocanale. Lo sviluppo di piattaforme collaborative presenti nel world wide web favoriscono progressivi processi di partecipazione di una folla di persone (crowd) rappresentata da clienti, fornitori, utilizzatori, progettisti, ecc. nonché di esternalizzazione di funzioni e processi (outsourcing): nasce da qui per esempio la nuova prospettiva del crowdsourcing, parola composta proprio dall unione dei termini crowd e sourcing. 10

11 La multicanalità consiste pertanto nella possibilità di combinazione tra canali tradizionali e nuovi canali digitali. Da tale combinazione scaturisce un coacervo di opportunità di contatto per il cliente/consumatore il quale dal canto suo non si trova più nella condizione di subire passivamente i contenuti dei messaggi provenienti dai vari media ma, al contrario, egli è in grado di creare e condividere contenuti utilizzando dispositivi e piattaforme diverse sulla base dei suoi interessi, del suo sistema di valori e delle esigenze del momento. Ecco pertanto che il cliente consumatore diventa attore del processo di creazione del valore concorrendo in tale dinamica insieme a imprese ed altre entità organizzative. È evidente che in tale contesto nel quale il cliente consumatore è profondamente cambiato rispetto a quello di qualche anno fa, le imprese hanno il problema di gestire questa nuova fase di complessità che, come si può ben immaginare, non è né scontata né prevedibile Contenuti del processo di marketing Il vocabolo marketing è talmente entrato nel linguaggio comune che gli esperti si moltiplicano a vista d occhio, eppure è facile rilevare che non di rado questo è un termine spesso male utilizzato e ancor di più mal compreso. Ciò porta taluni ad attribuire a tale termine contenuti che spesso sono riduttivi e non danno conto della sua complessità, soffermandosi magari solo su alcuni degli aspetti caratterizzanti tale campo di studio e di azione. In particolare, l errore più frequente è quello di attribuire al marketing un contenuto limitato, per esempio, alla sola pubblicità e/o alle azioni promozionali, ovvero a quelle iniziative volte ad esercitare sul mercato una pressione finalizzata alla sola crescita delle vendite. L impresa che pensasse al marketing esclusivamente in questi termini adotterebbe quello che viene definito un approccio mercantile, non rispettoso della complessità sociale e di mercato che negli anni è venuta a configurarsi. Altra accezione riduttiva del contenuto attribuito al marketing si manifesta allorchè venga considerato solo come un insieme, spesso complesso e oneroso, di strumenti di analisi: si tratta, per esempio, dei metodi per la previsione delle vendite, per la individuazione dei mercati obiettivo, di modelli di simulazione e di ricerche di mercato volti a costruire un adeguato quadro conoscitivo dei bisogni espressi dal mercato, delle tecniche di segmentazione e posizionamento dei prodotti, ecc. Una terza accezione del marketing di cui si da conto in letteratura è quella che considera lo stesso come l architetto della società dei consumi, cioè, per dirla con le parole di Jean Jacques Lambin il grande seduttore in un sistema mercantile nel quale gli individui sono oggetto di uno sfruttamento commerciale da parte del venditore (Lambin, 2008, p. 4). In questa visione di tipo socio-politico si trova l idea in base alla quale il marketing si caratterizzerebbe in termini di onnipotenza rispetto alla capacità di indurre gli individui consumatori ad avere continuamente nuovi bisogni i quali, per effetto della pubblicità e dell azione persuasiva dei venditori, si troverebbero nella condizione di sudditanza di accettare qualsiasi cosa. La comunicazione, concepita indipendentemente da qualsiasi preoccupazione in ordine alla soddisfazione dei reali e concreti bisogni del cliente, sarebbe la leva sulla quale specializzarsi per ottenere tale risultato. I dati citati in precedenza sul tasso di fallimento di nuovi beni di consumo e altri esempi proposti dalla letteratura ma pure riscontrabili nelle cronache di tipo economico e finanziario dimostrano che i consumatori non sono così sprovveduti e incapaci di resistere alle tentazioni provenienti dalle imprese. Ciascuna delle indicate accezioni esprime una caratteristica del concetto di orientamento al mercato o di impresa market-driven e, più specificamente, una caratteristica di tipo culturale, una di tipo strategico e un altra di tipo operativo. Queste tre caratteristiche, schematizzate nella figura seguente, esprimono se considerate congiuntamente, la complessità del proces- 11

12 so di marketing (Riquadro VI.3). La dimensione culturale (o filosofica) evidenzia come il marketing non sia una semplice funzione organizzativa o un insieme di tecniche e strumenti, quanto invece un approccio alle problematiche del rapporto tra impresa e ambiente. La dimensione culturale evoca l ampiezza del territorio disciplinare tanto da affondare le proprie radici teoriche e operative in più discipline: economia, economia aziendale, economia e gestione delle imprese, ma anche sociologia, psicologia, statistica, informatica, storia economica, politica, diritto, ecc. Riquadro VI.3. Le caratteristiche del marketing nella prospettiva market-driven Cultura (filosofia di ges0one) Azione (braccio commerciale) Analisi (riflessione strategica) Fonte: Adattamento da Lambin (2008) In ogni caso il marketing si configura come un processo complesso che per consuetudine si distingue in marketing strategico e marketing operativo Processo di marketing strategico Nell ambito del processo di marketing strategico si sviluppano tutte le attività finalizzate ad assumere decisioni che generano un impatto di lungo periodo e dalla cui correttezza dipendono le possibilità di successo o di insuccesso dell impresa. Con l espressione marketing strategico, convenzionalmente, ci si riferisce a quell insieme di conoscenze, competenze, attività e strumenti volti ad individuare e comprendere le caratteristiche dell ambiente e del mercato nel quale l impresa opera. Tale processo si articola in diverse fasi logicamente interrelate in modo non lineare nel senso che lo svolgersi di ciascuna di esse può richiedere di retroagire su quelle già svolte, evidenziando in tal modo la complessità del processo stesso. Le fasi in cui si articola il processo di marketing strategico possono essere schematizzate nel modo seguente: a) Analisi dei bisogni e del comportamento d acquisto del cliente; b) Definizione del mercato e delle aree strategiche d affari nelle quali l impresa intende operare (macro segmentazione); c) Individuazione, all interno di ogni area strategica d affari, dei gruppi di clienti cui indirizzare l offerta dell impresa (micro segmentazione); d) Scelta delle strategie di copertura dei mercati obiettivo; 12

13 e) Scelta del posizionamento ricercato nei mercati obiettivo. L analisi dei bisogni e del comportamento d acquisto del cliente Come precedentemente osservato, l impresa per avere successo ha necessità che i potenziali clienti si trasformino in clienti effettivi attraverso atti di acquisto ripetuti nel tempo. Affinché ciò avvenga l offerta dell impresa deve essere considerata da tali clienti superiore rispetto a quella di altre imprese: ciò avviene attraverso un confronto tra benefici percepiti e sacrifici percepiti che ciascuna offerta presente nel mercato origina nei confronti di chi deve scegliere. Quando il beneficio differenziale percepito dell offerta di un impresa risulta superiore a quello di altre imprese significa che essa è stata capace, più di altre, di soddisfare i bisogni di tali clienti. Il Beneficio Differenziale Percepito È determinato dal rapporto tra Valore Differenziale Percepito BDP = Sacrificio Differenziale Percepito Tale rapporto avviene ogni volta che il potenziale cliente/consumatore opera una scelta tra alternative. Il valore differenziale deriva dalla percezione del cliente e non necessariamente coincide con il valore creato dall impresa nella predisposizione dell offerta. Nello stesso modo opera il sacrificio differenziale che dipende dalla percezione del costo monetario e dagli altri costi di natura psicologica (legati, per esempio, al tempo, ecc.) che il potenziale cliente/consumatore dovrà sostenere per l acquisizione di quel bene o servizio. Il problema fondamentale dell impresa diventa allora conoscere e comprendere i bisogni/problemi, consapevoli e non consapevoli, dei potenziali clienti così da poter allestire offerte che possano conquistarne la preferenza. Per poter conoscere tali bisogni/problemi l impresa deve poter disporre di conoscenze e competenze utili a capire la natura dei processi cognitivi e comportamentali delle persone, sia considerate come singoli consumatori, sia nel caso in cui operino con responsabilità all interno di organizzazioni di qualsiasi tipo. Nel primo caso le conoscenze proprie della sociologia, della psicologia e della psicologia sociale aiutano a conoscere e capire le motivazioni che stanno alla base delle scelte individuali delle persone, mentre nel secondo caso, occorre avere consapevolezza dei processi decisionali che caratterizzano entità organizzative complesse nelle quali il processo d acquisto è la risultante del concorso di una pluralità di attori. Funzionale al processo di conoscenza continua dell evoluzione dei bisogni/problemi è l esistenza di un idoneo Sistema Informativo di Marketing (SIM) attraverso il quale l impresa si organizza per acquisire elementi volti a conoscere piuttosto che interpretare i bisogni/problemi del cliente. Per il tramite di un adeguato Sistema informativo l impresa riesce a far fruttare sia l enorme base di dati aziendali che quotidianamente si producono per effetto della normale gestione e che vengono codificati nella contabilità aziendale, sia le informazioni acquisite per il tramite di una sistematica e continua attività di intelligence (investigazione), sia, ancora, quelle rilevate attraverso apposite ricerche di mercato realizzate utilizzando sia dati secondari che dati primari. L evoluzione tecnologica oggi consente di acquisire dati e informazioni in modo più sistematico e continuo favorendo in tal modo analisi sempre più aggiornate rispetto alla dinamicità dei comportamenti dei diversi attori del mercato. 13

14 La definizione del mercato e dei segmenti obiettivo nei quali l impresa intende operare L analisi dei bisogni/problemi consente all impresa di assumere la prima decisione importante: quella relativa all individuazione del mercato di riferimento nel quale intende operare e dei segmenti obiettivo cui indirizzare la propria offerta. Questa prima fase prende il nome di macrosegmentazione ed ha origine dalla consapevolezza che non è possibile soddisfare tutti i bisogni dei clienti con un unico prodotto o servizio. L analisi dei bisogni, infatti, consente di acquisire consapevolezza del fatto che clienti diversi hanno interessi diversi, sono motivati da valori diversi, manifestano desideri e comportamenti d acquisto e di consumo diversi, ricercano nei prodotti utilità diverse e benefici diversi. A tale diversità le imprese cercano di rispondere non più con prodotti standardizzati ma tendono a definire strategie di marketing indirizzate ad uno o più gruppi di clienti. Identificare questi gruppi significa realizzare il processo di segmentazione del mercato. Questa operazione, soggettiva, è tra le più complesse del processo di marketing poiché i criteri utilizzati per individuare i gruppi di clienti, di fatto, definiscono la scelta degli stessi segmenti in cui operare. La segmentazione, pertanto, definisce il campo d azione dell impresa, orienta la scelta e l implementazione della strategia e determina le conoscenze e le competenze necessarie affinché le componenti organizzative della stessa operino in funzione del raggiungimento degli obiettivi prestabiliti. La definizione del mercato di riferimento passa attraverso la ricerca di una risposta alle seguenti domande: quale è o quali sono i nostri settori di attività? In quale (o quali) di questi dovremmo operare? Per trovare un adeguata risposta a tali domande l impresa non può che adottare un orientamento al mercato, proprio di chi fa dei bisogni/problemi dei clienti il punto di partenza imprescindibile per orientare anche le altre scelte di tipo organizzativo, tecnologico e operativo. Partire dai bisogni/problemi dei clienti significa adottare un approccio volto a fornire, per il tramite del prodotto, una soluzione al bisogno/problema del cliente: quest ultimo non compra un prodotto in sé, quanto una soluzione ad un proprio problema di cui il prodotto ne rappresenta il mezzo. La definizione del mercato, pertanto, deve poter tenere conto sia del bisogno/problema che della soluzione. L individuazione dei gruppi di clienti-obiettivo Una volta che l impresa ha scelto il segmento o i segmenti nei quali operare deve individuare al suo interno i singoli gruppi di clienti che richiedono prodotti con lo stesso paniere di attributi. Tale processo, definito di micro segmentazione, si basa sulla considerazione che all interno della stessa combinazione prodotto-mercato, i clienti richiedano attributi di prodotto differenti. In particolare l appartenenza di gruppi di clienti allo stesso segmento significa che essi esprimono lo stesso bisogno in ordine alla funzione base del prodotto (per esempio il bisogno base di avere un mezzo per potersi spostare autonomamente), mentre la necessità di riferirsi all interno di tale segmento a gruppi di clienti diversi sta a significare che tra tali clienti vi sono dei gruppi che non si accontentano di un prodotto che soddisfa solo la funzione di base, ma ad esso richiedono la soddisfazione di altre necessità. Da qui scaturisce il processo di micro segmentazione che si fonda sul concetto di prodotto come paniere di attributi. Per poter individuare tali gruppi di clienti possono utilizzarsi classi diverse di variabili di micro-segmentazione: socio-demografiche (età, sesso, reddito, ubicazione geografica, ecc.), comportamentali (si fa riferimento in questo caso a domande quali quando acquista, dove acquista, con quale frequenza, come utilizza il prodotto, ecc.), basate sui benefici ricercati (il risparmio, il rispetto per l ambiente, il modesto contenuto calorico, ecc.), socioculturale o per stili di vita (con la quale si associano ai dati socio-demografici anche informa- 14

15 zioni riguardanti l insieme delle attività, degli interessi e delle opinioni caratterizzanti i consumatori, così da poter ricostruire ritratti più umani dei clienti). Il prodotto come paniere di attributi Il marketing considera il prodotto come un insieme di attributi, tangibili e intangibili dalla cui combinazione discendono vantaggi differenti per le diverse tipologie di clienti. Tale definizione comprende: - il prodotto fisico (l oggetto offerto dal produttore); - i servizi aggiuntivi che l impresa utilizza per accompagnare il prodotto fisico; - l insieme dei vantaggi e/o benefici che il prodotto determina per i clienti o che questi ultimi si aspettano. La considerazione del prodotto come paniere di attributi consente all impresa di individuare la funzione base del prodotto, ma anche un insieme di altri elementi, secondari rispetto alla funzione base che in taluni casi possono essere necessari per la commercializzazione del prodotto e, in altri, invece aggiunti. Sono proprio gli elementi secondari che consentono all impresa di differenziare l offerta da quella degli altri concorrenti in modo tale da influenzare, spesso significativamente, le preferenze dei clienti. Schematicamente Levitt (1980) propone i seguenti livelli di differenziazione: prodotto generico: è il prodotto in senso stretto, l oggetto o il servizio base; prodotto atteso: si riferisce a quei servizi o elementi necessari per la commercializzazione del prodotto (si pensi al contenitore, senza il quale per esempio un prodotto liquido o in polvere non può essere venduto, o si pensi al servizio di reception per un albergo, senza il quale le camere non potrebbero essere agevolmente vendute o, ancora, alla qualità delle materie impiegate per la realizzazione del prodotto); prodotto aumentato (o aggiuntivo): che considera caratteristiche del prodotto non considerate indispensabili per la funzione base ma che concorrono a differenziare lo stesso rispetto ad altri beni e servizi (si pensi per esempio alla possibilità di fornire un automobile dotata di seggiolini per bambini già compresi nel prezzo base, ovvero al servizio di garanzia sul prodotto acquistato, o ancora alle modalità di pagamento o consegna personalizzate in ragione di specifiche esigenze del clienti, ecc.). prodotto potenziale: fa riferimento a ulteriori caratteristiche che potenzialmente saranno in grado di attrarre i consumatori e che possono essere legate ad associazioni mentali riferibili ad uno status symbol, alla capacità di suscitare emozioni, all identificazione con luoghi, culture, stili di vita ecc. che vengono considerati come espressione di valori ritenuti importanti. Ciascuna di queste classi di variabili presenta vantaggi e limiti e la scelta della classe da utilizzare per distinguere i gruppi di clienti target è soggettiva ed ha natura contingente e dipende dal tipo di settore di attività e dal tipo di prodotto. Le aree di differenziazione del prodotto Prodotto potenziale Prodotto aumentato Prodotto atteso Prodotto generico o di base 15

16 Fonte: Adattamento da Levitt, 1980 La scelta delle strategie di copertura dei mercati obiettivo Una volta definiti i segmenti e i gruppi di clienti target l impresa sceglie se operare su tutto il mercato o su parti di esso. La scelta di operare su tutto il mercato può essere una decisione da realizzare considerando lo stesso in modo indistinto (strategia di marketing indifferenziata o di massa), oppure distinguendo in esso due o più segmenti e decidere di operare su tutti con apposite strategie, diverse per ciascuno dei segmenti considerati. Nel caso in cui l impresa scelga di operare solo su parti del mercato totale, essa potrebbe scegliere un solo segmento (strategia di focalizzazione o di concentrazione). La scelta tra le diverse forme di copertura del mercato dipende da diversi elementi: le risorse interne all impresa, il grado di omogeneità del prodotto, lo stadio del ciclo di vita del prodotto, il livello di omogeneità del mercato, le strategie dei concorrenti. La scelta del posizionamento ricercato nei mercati obiettivo A Ries e Trout (1981) risale la diffusione della parola posizionamento, da essi definito come la concezione di un prodotto e dell immagine allo scopo di dargli, nel giudizio del consumatore, un posto favorevole e diverso da quello occupato dai prodotti concorrenti. Più recentemente, esso è stato definito come la decisione dell impresa relativa alla scelta del beneficio (o dei benefici) della marca che possono farle guadagnare un posto distintivo nel mercato (Lambin, 2008). In questa definizione emerge un aspetto importante del prodotto, la marca, l elemento cioè volto a favorire il processo di identificazione da parte dei clienti: la marca diventa il principale elemento di identificazione e quindi di posizionamento poiché essa riassume gli attributi propri dell offerta. La decisione inerente il posizionamento, pertanto, implica la ricerca di adeguate risposte alle seguenti domande: quali sono i benefici che derivano ai nostri clienti attraverso il ricorso alla nostra marca? Chi sono i gruppi di clienti interessati a questi benefici (e conseguentemente alla nostra marca)? In quali circostanze la nostra marca appare la più idonea a soddisfare i bisogni della clientela (occasioni d uso e di consumo)? Nei confronti di quali altre marche la nostra si contrappone con le caratteristiche di cui è portatrice? L insieme di queste decisioni definisce la strategia di posizionamento le quali si basano sulla considerazione congiunta dei seguenti elementi: - i punti di forza e di debolezza dell impresa; - le caratteristiche del contesto competitivo (concorrenti diretti e indiretti, potenziali nuovi entranti, fornitori, acquirenti, prodotti sostitutivi); - la tipologia di vantaggio (o beneficio) distintivo che la marca è capace di offrire rispetto alla concorrenza. Le decisioni sopra indicate saranno alla base del processo di comunicazione con il quale l impresa tenderà a far conoscere ai potenziali clienti le caratteristiche della propria offerta così da determinare in essi una chiara e definita percezione della stessa. Per il tramite di tale processo di comunicazione l impresa fa conoscere la propria identità così da costruire nella mente dei propri potenziali clienti una immagine di marca coerente con le proprie aspettative e obiettivi. La scelta del posizionamento deve ispirarsi ad alcuni requisiti che Ries e Trout hanno ben evidenziato già nel loro articolo pubblicato nel Tali requisiti sono i seguenti: - la chiarezza, che implica una percezione comprensibile da parte del mercato obiettivo; - la coerenza, che si fonda sulla compatibilità (o sulla mancanza di conflitti) tra le decisioni riguardanti gli elementi costitutivi dell offerta (prodotto, prezzo, distribuzione, comunica- 16

17 zione) e l insieme dei valori su cui si fonda il modo d essere dell impresa; - la credibilità, che implica la percezione da parte dei clienti che le promesse contenute nell offerta dell impresa possano essere rispettate; - la competitività, che implica la necessità di evidenziare la superiorità distintiva della propria offerta così da renderla percepibile da parte del mercato obiettivo. La scelta del posizionamento, pertanto, è la base del programma di marketing operativo di cui al punto successivo. In particolare, le principali basi di posizionamento che la dottrina ha permesso di identificare sono evidenziate nel seguente Riquadro VI.4. Riquadro VI.4. Le basi di posizionamento identificate dalla dottrina - gli attributi fisici del prodotto (es.: contenuto di sodio per un acqua minerale Lete; produzione biologica di un alimento; ecc.); - gli attributi simbolici del prodotto, derivanti dall immagine, dalla reputazione dell impresa, dalla specifica reputazione tecnologica, ecc.; - i benefici offerti alla clientela, quali quelli derivanti, per esempio, dalla silenziosità, dal basso consumo energetico, dal valore estetico del bene, ecc.; - le occasioni d uso e/o le funzioni assolte dal prodotto; - il prezzo relativo, che può essere alto o basso in relazione alle caratteristiche di come ci si vuole distinguere (es: Gucci, Cartier, Antonio Marras, Audi, Porsche, Ferrari per quanto riguarda prezzi alti, Lidl, Ikea, Ryanair per quanto concerne scelte di prezzi bassi); - l immagine percepita, spesso riconducibile alle caratteristiche degli utilizzatori (es.: complementi di arredo per la casa firmati gente di Guzzini ; profumi firmati quali Light Blue di Dolce e Gabbana, Hugo Boss, ecc.); - l immagine derivante dal luogo di origine, valido con riferimento a diversi livelli territoriali, dal made in che identifica il Paese di origine (birra tedesca, tecnologia giapponese, design italiano, ecc.), fino a specifici contesti territoriali (es.: arance di Sicilia, pasta di Sardegna, ecc.) Connotati del marketing operativo Al marketing operativo compete l insieme delle decisioni volte ad operativizzare nel breve termine le scelte strategiche sotto forma di combinazione delle diverse leve (o fattori) che stanno alla base del marketing mix. Per ciascuna delle leve si pongono problemi decisionali complessi inerenti gli obiettivi che ci si propone di raggiungere, gli strumenti da attivare per raggiungerli, le linee di azione alternative che si rende necessario adottare per far si che gli obiettivi si traducano in risultati. Saranno proprio i risultati a determinare l efficacia delle strategie e la bontà degli strumenti e delle linee di azione adottate. L impresa deve predisporre un sistema di leve (o marketing mix), per ciascuna delle quali adottare appropriate e coerenti decisioni. Il marketing mix si configura pertanto come un abito su misura da verificare nel tempo in ragione delle dinamiche interne ed esterne all impresa. Philip Kotler fu il primo studioso a proporre un insieme di leve operative di marketing, note con l espressione 4P che indicano product, price, place e promotion. Pur riconoscendo il fondamentale contributo di Kotler, attualmente risulta più adeguato rispetto agli specifici connotati che caratterizzano i mercati e gli ambienti nel periodo attuale fare riferimento ad un sistema dei fattori di marketing nell ambito del quale possono essere ricondotti, in modo flessibile e specifico per ciascuna impresa, tutti o alcuni dei molteplici elementi che concorrono alla fisionomia che possono assumere le 4P di Kotler. Di seguito si richiamano in sintesi le principali problematiche inerenti alcune delle leve di 17

18 marketing e, più esattamente, quelle che più frequentemente si riscontrano nella generalità delle imprese. Le scelte concernenti il prodotto Il concetto di prodotto, come è stato messo in evidenza in precedenza può essere inteso in senso stretto (l oggetto o il servizio base) o in senso ampio (il prodotto totale o il concetto di prodotto come paniere di attributi). Si è anche precisato che è quest ultimo quello al quale fare riferimento per la definizione delle strategie di marketing mix. Il prodotto come paniere di attributi rappresenta pertanto l interfaccia che consente all impresa di entrare in relazione con i clienti e attraverso il quale quest ultima cerca di attrarre prima l attenzione e poi la preferenza in ordine alla possibilità che esso possa risolvere i propri problemi. Il prodotto si configura come la soluzione specifica e contingente al problema che il cliente manifesta in un particolare momento e in una particolare situazione (il bisogno derivato). La capacità del prodotto di essere soluzione ha valore pro-tempore, il che pone all impresa il problema di verificare nel tempo la capacità dello stesso di rispondere a tali bisogni. Si ricava che il prodotto ha un suo ciclo di vita (Riquadro VI.5) per cui dopo la sua introduzione nel mercato attraversa delle fasi che esprimono il suo andamento nel tempo (introduzione e lancio, sviluppo, turbolenza, maturità, declino). In relazione alla fase nella quale si trova il prodotto l impresa può definire attributi diversi e politiche di prezzo, di distribuzione e di comunicazione specifiche. Riquadro VI.5. Il modello standard del Ciclo di vita del prodotto Fonte: Lambin, 2008 Affinché l impresa possa interagire col mercato in modo positivo deve necessariamente prevedere politiche di prodotto nell ambito delle quali non soltanto adoperarsi per migliorare quelli esistenti, ma anche per sviluppare nuovi prodotti, capaci di sostituire quelli diventati obsoleti o, anche di intercettare nuovi bisogni prima non soddisfatti, o nuovi problemi precedentemente non esistenti o non percepiti. Le scelte relative alla marca e alla sua gestione La marca svolge un ruolo strategico all interno dell impresa: per il suo tramite l impresa 18

19 definisce la propria identità e quella dei propri prodotti o famiglie di prodotti. Nel definire la propria identità, l impresa favorisce anche il processo di identificazione da parte del mercato. La marca, pertanto, è un presupposto imprescindibile per essere riconoscibili e per potersi posizionare nel mercato. La marca tende quindi ad evocare in modo sintetico nella mente dei consumatori una storia, un vissuto, un mondo (es: Nutella, Nike, Ferrari, Barilla); e sono proprio questi ricordi evocati che determinano il posizionamento della marca. La marca, dal punto di vista tecnico, secondo l American Marketing Association, può essere definita come: un nome, una parola, un simbolo, un disegno, una combinazione di questi elementi, finalizzata ad identificare un prodotto o un servizio offerto da un venditore o da un gruppo di venditori e a renderlo differente da quello dei concorrenti (AMA, 1960) La marca svolge diverse funzioni sia verso il cliente che verso l impresa. Tali funzioni, almeno con riferimento al mercato B2C sono riconducibili a quelle dello schema seguente. Le funzioni della marca nei mercati B2C Funzioni per il cliente: Identificazione (orienta le scelte) Rassicurazione e garanzia implicita Memorizzazione (praticità) Personalizzazione (Status symbol o espressione personalità) Ludica (scoperta, sorpresa, cambiamento) Funzioni per l impresa: Posizionamento Comunicazione Protezione legale Capitalizzazione (brand equity) Fedeltà Barriera all entrata (potere di mercato) La marca si configura pertanto come uno dei fattori di marketing da gestire sia con riferimento alla definizione dell identità, sia con riferimento alla sua immagine. La marca può riguardare l impresa nel suo complesso (Barilla), oppure linee di prodotti (Il Mulino Bianco), o ancora singole referenze (Le Macine, i Rigoli, ecc.). Le scelte relative al prezzo Il prezzo è definito come: La quantità di moneta o di credito monetario ceduta dall acquirente al venditore in cambio di un prodotto o di un servizio 19

20 Il prezzo rappresenta tanto il sacrificio sostenuto dall acquirente per avere la disponibilità del prodotto, quanto il valore attribuito allo stesso dall impresa. Questo duplice punto di osservazione (quello dell impresa e quello del cliente) impone un attenta valutazione delle decisioni sul prezzo: esso, in altre parole, deve essere determinato all interno di una forbice i cui estremi sono rappresentati rispettivamente, dal costo sostenuto dall impresa per la produzione e immissione del mercato del prodotto (soglia minima di prezzo) e dal valore percepito come appropriato dal cliente, al di sopra del quale viene meno la disponibilità a pagare (soglia massima di prezzo). All intero di tale forbice l impresa fissa il prezzo in funzione degli obiettivi generali posti nel piano di marketing (definiti dai volumi di vendita, dalle quote di mercato, dalla redditività, ecc.), della fase del ciclo di vita in cui si colloca il prodotto, del segmento di mercato cui si rivolge l offerta, e delle caratteristiche degli altri fattori di marketing. Tali scelte configurano le politiche di prezzo che di volta in volta possono prevedere prezzi bassi, prezzi alti, prezzi lastminute, prezzi di penetrazione, prezzi di scrematura, ecc. Ciò implica che i metodi attraverso cui l impresa decide il prezzo sono diversi e molteplici. Le scelte relative alla distribuzione La distribuzione si configura come il processo mediante il quale il prodotto viene reso disponibile al cliente finale. In tale processo possono intervenire solo due attori (il produttore e il cliente) oppure possono inserirsi anche altri soggetti (definiti intermediari) il cui numero può variare in relazione a varie circostanze quali la natura del prodotto e la distanza geografica intercorrente tra produttore e consumatore. Lo svolgimento del processo distributivo avviene pertanto all interno di un canale definibile come: Una struttura formata da partner interdipendenti che mettono beni e servizi a disposizione dei consumatori o delle imprese industriali utenti (Lambin, 2008, p. 355) Nel corso del tempo il processo distributivo si è evoluto, soprattutto per effetto delle innovazioni tecnologiche che hanno riguardato lo svolgimento di tutte le funzioni in passato svolte essenzialmente dagli intermediari. Ciò ha dato luogo sia a processi di disintermediazione, sia a processi di nascita di nuovi intermediari (cybermediari, per esemio), sia alla trasformazione del modo con cui le imprese intermediatrici si pongono sia nei confronti del mercato di consumo sia nei confronti degli stessi produttori. Le scelte relative alle modalità di comunicazione Per comunicazione di marketing si intende il processo mediante il quale l impresa entra in relazione con il mercato con l obiettivo precipuo di far conoscere se stessa e la propria offerta, in armonia con le altre politiche di comunicazione dell impresa. Gli strumenti adottati a tale fine di norma sono riconducibili ai seguenti: la pubblicità la promozione delle vendite, sia al consumatore finale che alla distribuzione; l azione persuasiva del personale di vendita (personal selling); le pubbliche relazioni; 20

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

LA POLITICA DI PRODOTTO

LA POLITICA DI PRODOTTO LA POLITICA DI PRODOTTO COS E UN PRODOTTO? LE FASI PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI PRODOTTO CLASSIFICAZIONE EVENTUALE LANCIO DI NUOVI PRODOTTI DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI MARCA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson Le Tecnologie della Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Angelo Caruso, 2001 Relationship Management Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli