Convegno del

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Convegno del 24.09.2010"

Transcript

1 Fondazione Forense Monza Convegno del IL GIUDIZIO DI ATTESTAZIONE Patrizia Riva Lucidi parzialmente tratti dal libro L attestazione dei piani delle aziende in crisi, 2009, Giuffrè. 1

2 Indipendenza del professionista Nomina del professionista 100% 95% 90% 80% 73% 70% 60% 50% 40% 30% 13% 13% 20% 10% 0% Professionisti 5% 0% Banche Sempre nomina di parte In un caso nomina del Tribunale con ricorso volontario In alcuni casi nomina del Tribunale con ricorso volontario 2

3 Indipendenza del professionista Indipendenza del professionista In quanti casi l'attestazione è stata fatta dal consulente che ha costruito il piano o da soggetti a questo legati? 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 34% 14% 12% 9% Professionisti 11% 20% 73% 13% 13% Banche 0% 0% 0% 0% tra il 0% e il 25% dei casi tra il 25% e il 50% dei casi tra il 50% e il 75% dei casi tra il 75% e il 100% dei casi 100% dei casi 3

4 Analisi dei decreti del Tribunale di Monza N. Data Tipologia di provvedimento Riferimenti CP Giudice estensore 1 08 maggio 2008 Decreto di ammissione CP 05/2008 Paluchowski 2 20 settembre 2008 Decreto di ammissione CP 10/2008 D Aquino 3 24 luglio 2008 Decreto di omologa CP 08/2008 Paluchowski 4 05 dicembre 2008 Decreto di ammissione CP 14/2008 Paluchowski 5 05 giugno 2009 Decreto di omologa CP 15/2008 Rolfi 6 22 luglio 2009 Richiesta di integrazioni n.d. Rolfi 7 02 ottobre 2009 Decreto di ammissione CP 26/2009 Buratti 8 23 dicembre 2009 Decreto di ammissione CP 30/2009 Paluchowski gennaio febbraio giugno 2010 Decreto di ammissione Decreto di revoca Richiesta di integrazioni CP 01/2010 CP 30/2009 CP 15/2010 Rolfi Fallo Buratti 4

5 Analisi dei decreti del Tribunale di Monza 5 dicembre 2008 Paluchowski: la relazione dell attestatore è finalizzata a convincere i creditori a prestare la loro adesione alla proposta formulata dal creditore 22 luglio 2009 Rolfi; 8 giugno Buratti: l attestatore deve porre in essere le procedure di revisione previste dal Protocollo del giugno 2010 Buratti: non si tratta di una mera attestazione di congruenza di carattere certificativo, ma si fonda su un processo argomentativo affrancato e che dia conto dei controlli effettuati del metodo impiegato e dei diversi scenari di realizzo che potrebbero prospettarsi. 5

6 Analisi dei decreti del Tribunale di Monza 8 giugno 2010 Buratti (segue) RIGUARDO AL PASSIVO DELLA PROCEDURA: 1. Determinazione dell ammontare degli accantonamenti per c.d. spese di procedura e relative imputazioni, con particolare riferimento alla attuale sussistenza dei fondi necessari, quantomeno per il deposito sancito dall art. 163, co. 2, n. 4 l. fall.; esplicita predeterminazione dei costi relativi alla presentazione della domanda di concordato, distinti da quelli successivi di assistenza sino all omologa, da parte dei professionisti dell imprenditore, con dichiarazioni di quali siano i mezzi per coprire tali costi o se essi vengano sostenuti ed accollati da soggetti esterni al concorso ed ininfluenti sul patrimonio ceduto ai creditori. 2. Indicazione analitica dei costi di sopravvivenza della società durante il periodo che intercorre fra la presentazione della domanda e l omologazione del concordato (a titolo puramente esemplificativo si rammentano gli emolumenti degli organi sociali, amministratori, liquidatori, sindaci, ecc., imposte da assolvere per la sussistenza della società, come l ICI, costi per la redazione ed il deposito dei bilanci, ivi compresi i costi professionali di redazione, compilazione, degli eventuali modelli necessari ai lavoratori ecc.). 3. Per il caso che si prevedano cessioni di immobili ante-omologa, si prega di calcolare approssimativamente gli oneri accessori ed i mezzi per farvi fronte. 4. Ove prima della presentazione della domanda o, successivamente, sia prevista la conclusione di un contratto di affitto d azienda, si prega di inserire la clausola secondo la quale, in caso di cessione dell immobile a soggetto diverso, l affittuario acconsente al rilascio dell immobile, senza alcuna richiesta di danni ed entro tempi ragionevoli. 5. Schema riassuntivo aggiornato dal fabbisogno concordatario alla luce anche degli elementi che precedono e di quelli che seguiranno con riferimento all attivo. 6. In ogni caso si prega di fornire elenco dei pagamenti di crediti scaduti ed esigibili compiuti nel semestre ultimo, nonché la concessione di garanzie reali rilasciate. 6

7 Analisi dei decreti del Tribunale di Monza 8 giugno 2010 Buratti (segue) RIGUARDO ALL ATTIVO DELLA PROCEDURA 1. In ordine alla valutazione dei cespiti attivi: Per il magazzino si invita ad esplicitarne i criteri di valutazione ed ove siano state fornite perizie, anche giurate di parte, si prega di chiarire se, ai prezzi indicati in esse, vi siano già concreti interessamenti del mercato ai fini di rilievo ed in che termini. Per gli immobili, si rammenta la necessità di esplicitare chiaramente, anche e soprattutto temporalmente, la sussistenza e natura delle iscrizioni pregiudizievoli che gravano l immobile. Per il caso di sussistenza di interessamenti ed offerte già formalizzate, si invita a far si che le stesse promanino, nella forma dell offerta irrevocabile di acquisto, da soggetti che comprovino la loro sicura attuale e futura solvibilità, auspicabilmente tramite garanzie fideiussorie, bancarie od assicurative, redatte nella forma c.d. a prima richiesta assoluta. I termini temporali di operatività, sia delle offerte che delle garanzie, devono essere compatibili con i tempi tecnici della procedura, quindi necessariamente non troppo ravvicinati. In ogni caso, anche in presenza di offerte, la vendita avverrà previa pubblicità ed in caso di reperimento di eventuali altri soggetti interessati, l impresa, se anteomologa, il liquidatore, se dopo, dovranno individuare l acquirente mediante gara che rispetti il parametro della trasparenza. Per i crediti: vanno indicati i criteri di valutazione degli stessi se posti in essere, o, in alternativa, le ragioni che inducono a non svalutarne il globale; va, poi, esplicitata la percentuale di insoluti dell ultimo anno della società ed, eventualmente, a livello comparativo la percentuale del settore in cui opera l imprenditore; l indicazione della loro frammentazione e della loro ubicazione geografica, al fine di poter valutare i costi di un futuro contenzioso ove non spontaneamente adempiuti, per la medesima ragione vanno suddivisi in pacifici e di regolare incasso, contenziosi ed, infine, vantati verso soggetti in difficoltà o procedura concorsuale. Va analogamente indicato se i pagamenti sono domiciliati presso istituti di credito che stanno compensando le esposizioni con gli incassi e se sono stati rilasciati mandati irrevocabili all incasso o i crediti sono stati in tutto o in parte oggetto di cessioni a società di factoring. 7

8 Analisi dei decreti del Tribunale di Monza 8 giugno 2010 Buratti (segue) RIGUARDO ALL ATTIVO DELLA PROCEDURA 2. Qualora la forma del concordato preveda l opzione dalla prassi comunemente definita mista, la garanzia integrativa offerta deve essere redatta a prima richiesta assoluta, la sua operatività deve essere ovviamente subordinata alla omologa del concordato preventivo, ma alla sola emissione del decreto e non al suo passaggio in giudicato. Essa, inoltre, non deve essere presentata come mera disponibilità a garantire ma deve comportare un impegno di garanzia che, seppur temporalmente condizionato, non si riduca ad un mera dichiarazione d intenti. 3. Qualora la proposta preveda la costituzione di una nuova società le cui quote di capitale sociale sono da attribuire ai creditori, è assolutamente necessario indicare le analitiche modalità di determinazione delle quote di capitale sociale da attribuire ai singoli creditori CONCAMBIO - nonché presentare una dettagliata relazione che rappresenti compiutamente la stima dei conferimenti della nuova società, le modalità tecnico giuridiche di costituzione della nuova società, l andamento medio prospettico del primo quinquennio di attività con business plan dettagliati per lo stesso periodo, organigramma della nuova società, e ogni altra notizia o informazione utile ai fini dell analisi. 8

9 Analisi dei decreti del Tribunale di Monza 8 giugno 2010 Buratti (segue) QUANTO ALL ATTESTAZIONE In generale si deve considerare che passaggi fondamentali della Relazione ex art. 161 L.F. affidata al professionista sono: a) l esame della tenuta delle scritture contabili; b) il controllo formale e sostanziale della rispondenza dei dati esposti nella domanda di concordato con le scritture contabili dell anno corrente e con l ipotesi predisposta dal liquidatore. Le guidelines della procedura di attestazione sono state anzi codificate dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti, con il Protocollo del 2006, nel quale, tra l altro, si asserisce che: È dunque opportuno prevedere: una parte introduttiva, nella quale vengono riportare le qualifiche soggettive del professionista e la dichiarazione di assenza di condizioni di incompatibilità di cui all art. 28 l. f.; una parte centrale illustrativa del piano e della documentazione di cui all art. 161 l. f., nella quale sono contenuti i necessari accertamenti già esplicati sulla contabilità e la struttura produttiva e gestionale del debitore; una parte conclusiva, che si caratterizza per riprodurre il giudizio di veridicità dei dati aziendali ed il pronostico di fattibilità del piano. Tra la prima e la seconda vanno inseriti i criteri utilizzati per pervenire al giudizio positivo e le ragioni della fiducia apposta al piano. 9

10 Analisi dei decreti del Tribunale di Monza 8 giugno 2010 Buratti (segue) Dopo aver certificato la veridicità dei dati aziendali il professionista deve esprimere il proprio giudizio tecnico in merito alla gestione prospettica dell azienda, vale a dire in ordine alla fattibilità del piano, evidenziando dapprima i «profili di discontinuità» che tale documento presenta rispetto al passato e, quindi, alla precedente modalità di gestione dell azienda, e solo in un secondo momento, procedere ad una specifica illustrazione delle «idee» che sono alla base del piano medesimo e che rappresentano in realtà le ragioni per le quali quest ultimo è fattibile. In particolar modo il professionista dovrà prendere in considerazione le cause all origine della crisi aziendale, le strategie di risanamento, le eventuali operazioni straordinarie da intraprendere ed infine i principi fondamentali che hanno guidato l estensore del piano nella formulazione del business plan ed in particolare dei budgets economici futuri e dei flussi prospettici di cassa. 10

11 Struttura della relazione di attestazione. UN TENTATIVO DI SINTESI. Titolo del report che includa la parola indipendente i) Introduzione a- qualifiche soggettive del professionista b- dichiarazione di assenza di condizioni di incompatibilità di cui all art. 28 l.f.; c- obiettivi della redazione del piano; d- identificazione dell informativa prospettica finanziaria oggetto di attestazione; e- sintesi della dichiarazione che attesti la responsabilità del management per l informativa prospettica finanziaria includendo le assunzioni su cui si basa e rinvio agli allegati; f- riferimento all ISAE e ai documenti del CNDCEC g- elenco dei documenti analizzati ii) Descrizione dell azienda e del suo contesto a- sintesi dei principali eventi che hanno caratterizzato la storia dell azienda b- descrizione dell attività aziendale con riferimento al prodotto e al mercato di riferimento c- descrizione del modello organizzativo con particolare riferimento all esistenza e al funzionamento del Sistema di Controllo Interno e all articolazione dei controlli statutari d- descrizione del settore in cui opera l azienda 11

12 Struttura della relazione di attestazione. UN TENTATIVO DI SINTESI (segue 1). iii) Revisione sui dati consuntivi iniziali a. Nel caso in cui gli organi di controllo della società abbiano consentito l accesso alle loro carte di lavoro: descrizione delle verifiche svolte dagli organi di controllo descrizione delle verifiche a campione e degli approfondimenti di indagine su alcune specifiche poste contabili svolte direttamente dall attestatore (segue) 12

13 Struttura della relazione di attestazione. UN TENTATIVO DI SINTESI (segue 2). iii) Revisione sui dati consuntivi iniziali b. Nel caso in cui gli organi di controllo della società non abbiano consentito l accesso alle loro carte di lavoro, resoconto sulle verifiche svolte direttamente in coerenza con quanto richiesto dal Documento Protocollo del CNDCEC: b.1- verifica a campione della corrispondenza fra i dati contenuti nella situazione patrimoniale, economica e finanziaria allegata al ricorso di concordato preventivo e le risultanze delle scritture contabili e accertamento dell effettiva sussistenza delle ragioni che giustificano l iscrizione dei dati medesimi. il riscontro fisico e contabile delle immobilizzazioni tecniche; la verifica dell esistenza fisica delle giacenze di magazzino; la verifica dell effettiva sussistenza e consistenza della cassa (in senso materiale), tramite la sua ricostruzione a ritroso, tenendo conto dei movimenti in entrata ed in uscita nel frattempo intervenuti; l analisi delle schede di mastro relative ai fornitori, ai clienti ed agli istituti di credito, anche mediante una conferma esterna di controparte del saldo dovuto, dei suoi accessori e dell esistenza di contestazioni; il controllo delle fatture emesse e di quelle ricevute anche sulla base di una verifica incrociata con gli interessati volta a confermare l effettiva sussistenza e consistenza della posizione creditoria/debitoria nei confronti del cliente/fornitore; l accertamento dell esistenza e della consistenza dei saldi contabili relativi ai rapporti intrattenuti con i vari istituti di credito, anche mediante il controllo degli estratti di conto corrente di corrispondenza o di altri aggiornati documenti riepilogativi forniti dalle banche a seguito di esplicita richiesta del professionista attentatore; la verifica presso l anagrafe tributaria e gli istituti previdenziali di eventuali carichi tributari pendenti per omessi versamenti; l esistenza e la verifica della corretta rappresentazione contabile dei principali contratti in essere e delle garanzie ricevute da terzi e rilasciate a favore di terzi; la verifica della corretta determinazione delle imposte di competenza dell esercizio; la verifica del contenzioso e dei metodi di valutazione delle poste influenzate dal suo andamento. 13

14 Struttura della relazione di attestazione. UN TENTATIVO DI SINTESI (segue 3). iii) Revisione sui dati consuntivi iniziali b.2- sulla base dello stato analitico ed estimativo delle attività e dell elenco nominativo dei creditori, con l indicazione dei rispettivi crediti e delle cause di prelazione. l individuazione delle immobilizzazioni materiali ed immateriali di proprietà del debitore verificandone l effettiva appartenenza all azienda ovvero all imprenditore; l accertamento di ogni singola posizione debitoria, verificando il reale ammontare di ciascun debito e della sussistenza dell eventuale legittima causa di prelazione che assiste quest ultimo, assumendo posizione sulla quantificazione espressa se oggetto di dissenso da parte dei creditori. b.3- partendo dall elenco dei titolari dei diritti reali o personali su beni di proprietà o in possesso del debitore il professionista dovrà procedere alla verifica della reale sussistenza di tali diritti e della loro corretta contabilizzazione e rappresentazione nella situazione patrimoniale economica e finanziaria di cui sopra; b.4- sulla base della dichiarazione contenente il valore dei beni e l indicazione dei creditori particolari degli eventuali soci illimitatamente responsabili, il professionista dovrà procedere alla verifica dell effettiva appartenenza al socio dei suddetti beni nonché della sussistenza e reale consistenza del credito vantato dal creditore particolare del socio medesimo. 14

15 Struttura della relazione di attestazione. UN TENTATIVO DI SINTESI (segue 4). iv) Verifica delle valutazioni delle poste patrimoniali a- verifica della congruità dei valori riconosciuti alle attività aziendali b- verifica della congruità dei valori attribuiti alle passività aziendali c- verifica della congruità delle appostazioni per passività potenziali v) Analisi delle ipotesi su cui si basa il piano a- descrizione delle ipotesi su cui è basato il piano b- classificazione delle ipotesi in una delle due categorie previste dall ISAE 3400: best estimate assumption ossia assunzioni normali relative a eventi futuri ragionevoli e desunti dall analisi di elementi oggettivi hypotetical assumption ossia assunzioni ipotetiche in genere connesse con l avvio di nuove attività o nuovi prodotti/servizi solitamente non supportati da dati storici dell azienda e which are not necessarily expected to take place c- classificazione del piano in funzione del tipo di ipotesi in una delle due categorie: forecast se basato su best estimate assumption projection se basato su hypotetical assumption 15

16 Struttura della relazione di attestazione. UN TENTATIVO DI SINTESI (segue 5). vi) Illustrazione del piano a- discussione e commento del piano (non deve ripetere i contenuti del piano, che può essere richiamato nelle sue linee essenziali e allegato alla relazione di attestazione) b- giudizio sulla ragionevolezza della durata del piano vii) Attestazione a- una positive assurance sull attendibilità e congruità dei dati storici b- una negative assurance ossia una attestazione sulle ipotesi (assumptions) formulate che chiarisca se le stesse costituiscano o meno una base adeguata e ragionevole per lo sviluppo delle informazioni prospettiche finanziarie; c- una opinion e quindi un giudizio sulla informativa prospettica finanziaria in base al quale si attesta che la stessa è stata costruita correttamente a partire dalle ipotesi (assumptions) formulate ed è presentata conformemente a quanto indicato dagli standards di riferimento per la presentazione dell informativa economico finanziaria (financial reporting framework) che deve contenere un adeguata motivazione della conclusione raggiunta. d- una dichiarazione del professionista in base alla quale egli non assume alcuna responsabilità per l aggiornamento del report per tenere conto di eventi e circostanze manifestatisi in momenti successivi rispetto alla data del report 16

17 Struttura della relazione di attestazione. UN TENTATIVO DI SINTESI (segue 6). viii) Dati finali a- la data dell attestazione che dovrebbe coincidere con la data di completamento delle procedure; b- l indirizzo dell attestatore; c- la firma dell attestatore Allegati Piano Dichiarazione che attesti la responsabilità del management per l informativa prospettica finanziaria includendo le assunzioni su cui si basa (delibera del consiglio di amministrazione che approva il piano, dichiarazione dell amministratore unico) Relazioni di esperti di settore per attività specifiche (per esempio per gli immobili) Contratti o documenti probanti la volontà e la capacità di intervento di eventuali soggetti terzi Altri documenti richiamati in relazione 17

18 Revisione sui dati dati storici storici In quanti casi nelle relazioni di attestazione da Lei esaminate l'attestatore ha dichiarato e documentato di avere svolto una attività di revisione sui dati storici dell'azienda? 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 20% 25% 20% 24% 16% 9% 11% 24% 18% 18% 12% 6% Professionisti Banche 0% tra il 0% e il 25% dei casi tra il 25% e il 50% dei casi tra il 50% e il 75% dei casi tra il 75% e il 100% dei casi 100% dei casi 18

19 Revisione sui dati storici A Suo giudizio l'attestatore del piano è tenuto a svolgere una attenta attività di revisione dei dati contabili consuntivi dai quali il piano stesso prende le mosse? 100% 81% 73% 80% 60% 19% 27% si no 40% 20% 0% Professionisti Banche 19

20 Revisione dei dati iniziali alla base dell informativa prospettica. PRINCIPI E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. 1. L ISAE 3400 par. 14 richiede esplicitamente che il revisore formuli un giudizio sulla fondatezza dei dati storici alla base dell informativa. 2. I documenti del CNDCEC si esprimono in questo senso: Protocollo del 2006 Linee Guida 2010 Raccomandazione 3 Verifica dei dati aziendali di partenza 20

21 Applicazione del principio ISAE 3400 In quante delle relazioni di attestazione da Lei valutate si fa esplicitamente riferimento al principio di revisione internazionale ISAE 3400 The examination of prospective financial information? 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 68% 56% 31% 23% 5% 3% 1% 0% 6% 0% 0% 6% Professionisti Banche 0% tra il 0% e il 25% dei casi tra il 25% e il 50% dei casi tra il 50% e il 75% dei casi tra il 75% e il 100% dei casi 100% dei casi 21

22 Applicazione del principio ISAE 3400 In quante delle relazioni di attestazione da Lei valutate sono effettivamente rispettate le raccomandazioni del principio di revisione internazionale ISAE 3400 The examination of prospective financial information? 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 62% 43% 26% 29% 14% 7% 1% 0% 4% 7% 7% 0% Professionisti Banche 0% tra il 0% e il 25% dei casi tra il 25% e il 50% dei casi tra il 50% e il 75% dei casi tra il 75% e il 100% dei casi 100% dei casi 22

23 Revisione dei dati iniziali alla base dell informativa prospettica. L OGGETTO DEL CONTROLLO PERIMETRO TEMPORALE: l attestatore deve verificare i DATI AZIENDALI DI PARTENZA del piano. Non è richiesto all attestatore di verificare i dati dei bilanci relativi agli anni precendenti. (Linea Guida n. 3) PERIMETRO SPAZIALE: l attestatore dovrà applicare gli standard di revisione per valutare su quali poste focalizzare la propria attenzione, declinandoli in base alle caratteristiche dell impresa e alle sue dimensioni (Linea Guida n. 3). 23

24 MATRICE: STRUTTURA DEI CONTROLLI/VERIFICHE DELL ATTESTATORE Verifiche dell attestatore sui dati storici a) Nessuna verifica L attestatore fa propri i dati contabili consuntivi senza svolgere alcuna attività di revisione contabile su di essi, infatti tale verifica non gli compete. b) Verifica delle carte di lavoro L attestatore chiede e ottiene l accesso alle carte di lavoro dei controllori statutari e fa propri i dati contabili consuntivi solo dopo essersi convinto della bontà delle verifiche svolte da questi o se del caso svolgendo eventuali verifiche integrative. c) Verifica sui dati storici per impossibilità di accesso alle carte di lavoro L attestatore chiede, ma non ottiene l accesso alle carte di lavoro e quindi deve procede alla revisione ex novo dei dati contabili consuntivi. d) Verifica sui dati contabili per volonta L attestatore deve sempre revisionare ex novo i dati contabili consuntivi. Struttura dei controlli statutari i. Controllo Contabile svolto da società di revisione ii. Controllo contabile svolto da un revisore unico iii. Controllo contabile svolto dal collegio sindacale iv. Assenza di collegio sindacale per ridotte dimensioni aziendali 24

25 VALUTAZIONE DELLE POSTE PATRIMONIALI Dopo avere verificato la correttezza dei dati contabili iniziali è necessario che l attestatore verifichi se i criteri di valutazione utilizzati per elaborare la situazione patrimoniale di riferimento e di partenza per la redazione del piano siano o meno coerenti con la finalità dell operazione di ristrutturazione 25

26 VALUTAZIONE DELLE POSTE PATRIMONIALI 1. può essere prevista la continuazione dell attività aziendale, 2. può essere prevista la liquidazione dell azienda con la cessione delle singole attività a stralcio, 3. può essere infine prevista la cessione a terzi di tutta o parte l attività aziendale L ATTESTATORE VERIFICA SE SONO APPLICATI CRITERI DI VALUTAZIONE COERENTI CON LE FINALITA DEL PIANO 26

27 Proporzionalità inversa tra durata e attendibilità Orizzonte temporale di riferimento del piano: 24/36 mesi? 36/52 mesi? 10 anni? Quando fermarsi? ISAE 3400: assumptiosn become more speculative as the lengh of the priod covered increases as the period lengthens the ability of management to make best estimate assumptions decreases. PR 570: nel differente contesto della valutazione del going concern in sede di controllo del bilancio annuale stabilisce che: il revisore debba valutare e discutere con la direzione i piani aziendali, la rilevanza dei piani diminuisce con l aumentare del periodo di tempo prima che i piani si siano realizzati di norma viene attribuita particolare importanza ai piani che possono avere un effetto significativo sulla solvibilità dell impresa nell immediato futuro. Letteralmente la l.f. si riferisce a un Piano non un Programma, quindi l orizzonte può eccedere i 12 mesi. 27

28 Analisi dell'orizzonte temporale A Suo avviso quando è ragionevole fermare la proiezione? 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 51% 40% 40% 26% 19% 20% 4% 0% Professionisti Banche nel periodo in cui è ripristinato l equilibrio finanziario nel periodo in cui sono previste le operazioni di cessione di attività e/o ristrutturazione delle passività nel periodo successivo a quello in cui sono previste le operazioni di cessione di attività e/o ristrutturazione delle passività Altro 28

29 Analisi dell'orizzonte temporale Nel caso in cui giudichi rilevante il ripristino dell equilibrio finanziario quali indicatori considera utili per esprimere un giudizio in merito al medesimo? 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 40% 34% 21% 5% Professionisti 44% 31% 25% 0% Banche la normalizzazione degli indici di struttura, primo fra i quali il grado di indebitamento; la generazione di flussi di liquidità mensili della gestione caratteristica positivi e sufficienti per fare fronte al fabbisogno generato da operazioni di investimento, da restituzioni di finanziamenti e da eventuali operazioni di distribuzione utili o re la generazione di flussi di liquidità annuali della gestione caratteristica positivi e sufficienti per fare fronte al fabbisogno generato da operazioni di investimento, da restituzioni di finanziamenti e da eventuali operazioni di distribuzione utili o re Altro 29

30 Piano come Action Plan Non deve essere un progetto di risanamento, ma un piano di risanamento Vanno individuate le azioni necessarie e i tempi previsti per implementarle. E importante per: 1. l azienda che è in grado di dimostrare di essere in grado di rispettare i tempi; 2. i creditori che sono così in grado di capire non solo gli importi messi a loro disposizione, ma anche i tempi di recupero; 3. il commissario nel CP - perché rende più controllabile il piano. Linee Guida 2010 Raccomandazione n. 8 Obiettivi intermedi Il piano deve contenere un dettagliato diagramma di flusso con indicazioni esplicite di specifiche milestones qualitative e quantitative 30

31 Classificazione delle ipotesi su cui si basa l informativa l prospettica. L obiettivo di tale principio è di stabilire standards sul processo di verifica delle informazioni prospettiche finanziarie. Quest ultime sono informazioni finanziarie che si basano: Sia su best estimate assumption (assunzioni normali su eventi futuri ragionevolmente oggettivi come potrebbero essere gli ordini in portafoglio o i dati consuntivi aziendali) Sia su hypotetical assumption (assunzioni ipotetiche in genere connesse all avvio di nuove attività, nuovi prodotti/servizi e non supportati da dati storici dell azienda). L informativa prospettica finanziaria può assumere la forma di: Un forecast (previsioni), preparato sulla base di assunzioni su eventi futuri, che il management prevede che prenderanno corpo (assunzioni best estimate). Una projection (proiezione), che consiste in un informativa prospettica finanziaria basata su hypotetical assumption Una combinazione di entrambi, per esempio un anno di forecast e cinque anni di proiezione 31

32 Acquisizione di elementi probativi la realizzabilità dei piani. Criticità nel caso di transazioni insolite e complesse. Il piano attestabile: 1. è quello che rappresenta il dispiegarsi degli effetti che dai citati elementi fondanti discendono, nella certezza che i medesimi avranno luogo nei tempi e nella misura previsti perché così risulta non da documenti prodotti dall azienda, ma in documenti provenienti e sottoscritti dai terzi il cui assenso è condizione di esistenza del piano stesso. 2. è essenziale valutare l attendibilità dei documenti ufficiali pervenuti all esperto, a tale fine quest ultimo deve valutarne: la provenienza, deve circolarizzare il terzo per ottenere una ulteriore conferma del contenuto del documento a sue mani il contenuto, la validità giuridica eventualmente anche con l ausilio di un legale 3. nel caso in cui le controparti non siano direttamente conosciute, ma forse anche in questo caso, si rende necessaria una valutazione della qualità non solo delle proposte, ma anche dei proponenti. E necessaria pertanto una approfondita analisi della situazione patrimoniale-economicofinanziaria sui bilanci che, controparti serie, saranno pronte a fornire. Non vi è piano basato sull intervento di terzi, infatti, che non presupponga lo stato di salute del terzo stesso e la capacità del medesimo di sostenere la nuova situazione con i propri flussi di cassa ordinari o straordinari. 32

33 Acquisizione di elementi probativi la realizzabilità dei piani. IL PROBLEMA DELLE IPOTESI IMPLICITE. Un comportamento diligente del redattore del piano contempla sia l individuazione di eventuali rischi latenti, sia la conseguente ragionevole stima dell entità delle passività potenziali da questi derivanti, sia l inclusione delle quantificazioni effettuate nell ambito del piano e quindi la ricerca della copertura finanziaria delle stesse. Per comprendere la situazione ossia per valutare se esistano passività potenziali non espresse, il revisore deve svolgere le procedure previste dal Principio di Revisione n. 501 Sezione B per valutare se vi siano rivendicazioni o cause in corso o potenziali che possano modificare le quantificazioni effettuate dall azienda con riferimento al monte complessivo delle passività. Particolare attenzione deve essere prestata alla verifica dei contratti in essere con i clienti, ad esempio controllando se siano state poste in essere vendite relativamente alle quali siano state già corrisposte dai clienti anticipi e/o caparre. 33

LA RELAZIONE DEL PROFESSIONISTA MODALITA E TECNICHE DI REDAZIONE (art. 161, secondo comma, L.F.) Dr. Aldo Campagnola

LA RELAZIONE DEL PROFESSIONISTA MODALITA E TECNICHE DI REDAZIONE (art. 161, secondo comma, L.F.) Dr. Aldo Campagnola ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI NAPOLI COMMISSIONE DI STUDIO DI DIRITTO FALLIMENTARE SEMINARIO DI STUDI DEL 21 APRILE 2010 Il concordato preventivo ed il ruolo del professionista

Dettagli

GESTIRE EFFICACEMENTE IL DEBITO: CONCORDATI STRAGIUDIZIALI, PIANI DI RISTRUTTURAZIONE E TRANSAZIONI FISCALI

GESTIRE EFFICACEMENTE IL DEBITO: CONCORDATI STRAGIUDIZIALI, PIANI DI RISTRUTTURAZIONE E TRANSAZIONI FISCALI GESTIRE EFFICACEMENTE IL DEBITO: CONCORDATI STRAGIUDIZIALI, PIANI DI RISTRUTTURAZIONE E TRANSAZIONI FISCALI Milano, 15 settembre 2009 Dott. Matteo Durola INDICE Introduzione Il piano di risanamento ex

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale La redazione del piano e la sua attestazione Masiani Consulting Consulenze di direzione 1. 2. 3. Perdite economiche costanti e/o rilevanti Insufficienza patrimoniale

Dettagli

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE TITOLO I DOCUMENTI CONTABILI E GESTIONE DEL BILANCIO Articolo 1 Contabilità economico-patrimoniale L Ente Parco adotta, quale sistema di rilevazione dei

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Napoli Associazione Italiana Manager e Professionisti d Azienda Associazione Nazionale Dottori Commercialisti SEMINARIO DI STUDI Il controllo

Dettagli

GRUPPO A.M.A.G. Relazione della Società di Revisione sulle procedure di verifica concordate relative alla predisposizione della Documentazione Economico/Finanziaria Aggiornamento Plan 2012-2015 Spettabile

Dettagli

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA STEP 1: presentazione della domanda Presentazione al Tribunale competente dell istanza per accedere alla procedura di concordato

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e vendite Novembre 2013 Indice 1. Crediti e vendite 2. Obiettivi di revisione 3. Pianificazione della revisione 4. La valutazione del sistema di controllo interno

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione del Tribunale di Locri Relazione del Tesoriere CONSUNTIVO ANNO 2009 ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Art. 67 comma 3, lettera d) Legge Fallimentare Il contenuto La riforma del diritto fallimentare ha introdotto

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA Valutazione Beni Immobili. Realizzato in collaborazione con

PROCEDURA OPERATIVA Valutazione Beni Immobili. Realizzato in collaborazione con PROCEDURA OPERATIVA Valutazione Beni Immobili Realizzato in collaborazione con Procedura Valutazione Beni Immobili Descrizione Generale: Il seguente flusso descrive le procedure operative, nonché gli attori

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA INDICE Art. 1 Oggetto e finalità Pag. 2 Art. 2 La disciplina contabile 2 Art. 3 Contabilità analitica 2 Art. 4 La programmazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA REGOLAMENTO DI CONTABILITA dell Azienda Speciale del Comune di Cavriago CavriagoServizi Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 30 luglio 2008 I N D I C E CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

Principi di attestazione dei piani di risanamento

Principi di attestazione dei piani di risanamento ALLEGATO 1: PROCEDURE DI VERIFICA SU ALCUNE POSTE PATRIMONIALI DELLA BASE DATI CONTABILE. 1.1. Le attività di indagine da porre in essere in merito alle più comuni poste dell attivo. Crediti verso soci

Dettagli

GAL DISTRETTO RURALE BMGS SORGONO RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE SUL BILANCIO AL 31.12.2013 PARTE PRIMA

GAL DISTRETTO RURALE BMGS SORGONO RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE SUL BILANCIO AL 31.12.2013 PARTE PRIMA GAL DISTRETTO RURALE BMGS SORGONO RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE SUL BILANCIO AL 31.12.2013 PARTE PRIMA Controllo Contabile Giudizio sul bilancio Signori Soci, Come previsto dall art. 14 del D.lgs 39/2010

Dettagli

Relazione del Collegio dei Sindaci Revisori all'assemblea dei soci sul Bilancio al 31/12/2012

Relazione del Collegio dei Sindaci Revisori all'assemblea dei soci sul Bilancio al 31/12/2012 VERBALE DEL COLLEGIO SINDACALE Centro Servizi per il Volontariato Palermo Il giorno 10 del mese di aprile dell'anno 2013 alle ore 15,30 presso la sede del Centro Servizi per il Volontariato Palermo si

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIII CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO Guida bibliografica... 3 1. Origini dell istituto.... 5 2. Il concordato preventivo

Dettagli

Le informazioni necessarie per l istruttoria Le informazioni e la documentazione che la banca chiede riguardano principalmente: Soggetto richiedente

Le informazioni necessarie per l istruttoria Le informazioni e la documentazione che la banca chiede riguardano principalmente: Soggetto richiedente La valutazione del merito creditizio dei soggetti richiedenti finanziamenti di Microcredito assistiti dal Fondo di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese. Questo documento rappresenta, in modo schematico

Dettagli

Cassa e banche: quadro di riferimento

Cassa e banche: quadro di riferimento Cassa e banche: quadro di riferimento Art. 2426 c.c. n. 8. : valutazione al valore presumibile di realizzazione dei crediti Principi contabili CNDCeR: 14 Disponibilità liquide 26 Operazioni in valuta estera

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO CONSUNTIVO 2014 RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO CONSUNTIVO 2014 Signori Soci, con riferimento all esercizio chiuso al 31 dicembre 2014 abbiamo svolto sia l'attività di vigilanza sia le funzioni di controllo

Dettagli

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 31/12/2011 31/12/2012 A ATTIVO Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B Immobilizzazioni 274.850,12 204.984,48 I Immobilizzazioni immateriali II Immobilizzazioni

Dettagli

ALLEGATO N. 3 C.T.U. CONTABILE ESTIMATIVA NEI GIUDIZI DI FAMIGLIA

ALLEGATO N. 3 C.T.U. CONTABILE ESTIMATIVA NEI GIUDIZI DI FAMIGLIA ALLEGATO N. 3 C.T.U. CONTABILE ESTIMATIVA NEI GIUDIZI DI FAMIGLIA 1. Per la redazione dell elaborato peritale dovrà essere rispettato quanto previsto all art. 195, 3 comma c.p.c. Pertanto all udienza di

Dettagli

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità di Fabrizio Bava e Alain Devalle (*) Le verifiche periodiche del revisore legale trovano una loro disciplina

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

L attestazione del professionista case history

L attestazione del professionista case history L attestazione del professionista case history Genova, 16 maggio 2013 Dott. Marcello Pollio Senior Partner Pollio & Associati 1 LA RISTRUTTURAZIONE DELLE IMPRESE i nuovi strumenti del nuovo diritto concorsuale

Dettagli

Fondo di Garanzia dei portatori di titoli obbligazionari emessi da banche appartenenti al Credito Cooperativo. Regolamento

Fondo di Garanzia dei portatori di titoli obbligazionari emessi da banche appartenenti al Credito Cooperativo. Regolamento Regolamento Approvato il 27 gennaio 2011 1 2 Fondo di Garanzia dei portatori di titoli obbligazionari emessi da banche appartenenti al Credito Cooperativo Regolamento Articolo 1: Ambito della garanzia

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO CON FINALITÀ DI RISANAMENTO. Prof. Avv. Lorenzo STANGHELLINI

IL CONCORDATO PREVENTIVO CON FINALITÀ DI RISANAMENTO. Prof. Avv. Lorenzo STANGHELLINI IL CONCORDATO PREVENTIVO CON FINALITÀ DI RISANAMENTO Prof. Avv. Lorenzo STANGHELLINI Diretta 16 novembre 2009 IL CONCORDATO PREVENTIVO Strumento duttile, normalmente usato in forma liquidatoria Le statistiche

Dettagli

La relazione del professionista nei piani di risanamento e negli accordi di ristrutturazione del debito

La relazione del professionista nei piani di risanamento e negli accordi di ristrutturazione del debito La relazione del professionista nei piani di risanamento e negli accordi di ristrutturazione del debito Riccardo Tiscini Professore Associato di Economia Aziendale presso l Universitas Mercatorum Roma

Dettagli

L impatto in bilancio delle operazioni di ristrutturazione

L impatto in bilancio delle operazioni di ristrutturazione L impatto in bilancio delle operazioni di ristrutturazione Alberto Tron Presidente Comitato Financial Reporting Standards ANDAF Crisi di impresa e informazione finanziaria: scenario di riferimento In questi

Dettagli

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione DOTT. ALBERTO GUIOTTO Bergamo, 5 febbraio 2013 STUDIO AGFM CONCORDATO PREVENTIVO E NUOVA

Dettagli

Indice. Premessa. 4. Metodo misto patrimoniale-reddituale 4.1 Il metodo misto nella pratica professionale 4.2 Il metodo UEC. Cesi Professionale V

Indice. Premessa. 4. Metodo misto patrimoniale-reddituale 4.1 Il metodo misto nella pratica professionale 4.2 Il metodo UEC. Cesi Professionale V Premessa XV Parte prima - La due diligence 1. L attività di due diligence e le rettifiche ai bilanci 1.1 La due diligence 1.1.1 La due diligence legale 1.1.2 La due diligence fiscale 1.1.3 La due diligence

Dettagli

al budget di cassa mensile

al budget di cassa mensile un esempio molto semplice : dal bilancio previsionale al budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO PASSIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche Scorte 100.000 Capitale

Dettagli

NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI

NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI 24 Giugno 2015 Crisi di impresa di Giuliano Buffelli - Professore e Dottore Commercialista Tema di grande interesse

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli

SCHEMA DI SVOLGIMENTO. Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone. La relazione di revisione.

SCHEMA DI SVOLGIMENTO. Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone. La relazione di revisione. TEMA N. 3 L istituto della revisione legale dei conti (TRACCIA ASSEGNATA ALL UNIVERISTÀ DI VERONA - I SESSIONE 2010) SCHEMA DI SVOLGIMENTO Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone.

Dettagli

I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio

I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio Relatore Daniele Marchesini Marchesini dott. Daniele 1 Introduzione IL RENDICONTO CONDOMINIALE DOPO LA RIFORMA ESEMPI DI RENDICONTO E DI

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

PARERE DEL REVISORE LEGALE DEI CONTI AL

PARERE DEL REVISORE LEGALE DEI CONTI AL I C.1. COOPERAZIONE INTERNAZIONALE SUD SUD PARERE DEL REVISORE LEGALE DEI CONTI AL BILANCIO CONSUNTIVO 2014 // Revisore dei conti Dino Fronzoni sottoscritto Dino Fronzoni, Ragioniere Commercialista e Revisore

Dettagli

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di carattere informatico, per poter rilevare i fatti aziendali e quindi

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 VERBALE DI RIUNIONE DEL 8 APRILE 2013 ---------- Il giorno 8 del mese di Aprile 2013 alle ore 9,00 i sottoscritti Santolini rag. Livio, Monti dott. Roberto, Ricci dott.sa Silva, sindaci revisori effettivi

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

Il ruolo del Dottore Commercialista nell attività di rating advisory ed il visto di conformità sul merito creditizio

Il ruolo del Dottore Commercialista nell attività di rating advisory ed il visto di conformità sul merito creditizio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Rating Advisory e reporting finanziario del rischio d impresa Il ruolo del Dottore Commercialista nell attività di rating advisory ed il visto di conformità

Dettagli

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario Il Business Plan Roma, 15 maggio 2014 1 Definizione, obiettivi e requisiti [1/2] OBIETTIVI DEL BUSINESS

Dettagli

Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D. Lgs. n. 58/1998

Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D. Lgs. n. 58/1998 Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D. Lgs. n. 58/1998 Milano, 31 agosto 2011 Investimenti e Sviluppo S.p.A. (la Società, Capogruppo ), con sede legale in Milano,, ai sensi e per gli effetti

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale Il Piano Industriale Università degli Studi di Palermo Palermo, 9 giugno 2011 Raffaele Mazzeo Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed esperti contabili Indice FASE n. 1 - Presentazione del progetto

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. SEDE LEGALE: MILANO Viale Monza 265 CAPITALE SOCIALE: Euro 120.000.= i.v. CODICE FISCALE: 04441590967 CCIAA di Milano nº 1747663 REA REGISTRO IMPRESE di Milano nº 04441590967 Società

Dettagli

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA'

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' Approvato con Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 17.12.2001 1 CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

Relazione di revisione

Relazione di revisione COLLEGIO SINDACALE CON REVISIONE LEGALE NELLE PMI Relazione di revisione 24 novembre 2014 Claudio Mariani Membro della Commissione Controllo Societario ODCEC Milano Socio KPMG - Professore a contratto,

Dettagli

Profili contrattuali della gestione in bonis delle crisi: dall accordo di standstill al piano di risanamento attestato

Profili contrattuali della gestione in bonis delle crisi: dall accordo di standstill al piano di risanamento attestato Profili contrattuali della gestione in bonis delle crisi: dall accordo di standstill al piano di risanamento attestato LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA Dott. Stefano Lunardi 31 gennaio 2014 Dallo standstill

Dettagli

Immobilizzazioni 5.132.406 Attivo circolante 14.650.184 Ratei e risconti attivi 47.338 19.829.929

Immobilizzazioni 5.132.406 Attivo circolante 14.650.184 Ratei e risconti attivi 47.338 19.829.929 RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI SUL BILANCIO CONSUNTIVO DELLA FONDAZIONE DELLA COMUNITÀ DI MONZA E BRIANZA RELATIVO ALL ESERCIZIO CHIUSO AL 31.12.2012 Il Bilancio al 31 dicembre 2012 è stato redatto

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 13 01.04.2015 Gli accordi di ristrutturazione del debito Concordato preventivo, accordo di ristrutturazione del debito e piano di risanamento attestato

Dettagli

Bbilancio. Relazione al Bilancio Consuntivo 2006

Bbilancio. Relazione al Bilancio Consuntivo 2006 Relazione al Bilancio Consuntivo 2006 Il Bilancio Consuntivo 2006 ha come risultato un disavanzo di gestione pari a complessivi. 17240,51 I criteri seguiti nella redazione del Bilancio sono quelli riportati

Dettagli

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente:

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente: SINTESI SOCIETA DI INVESTIMENTI E PARTECIPAZIONI S.p.A. Sede in Milano, Via Carlo Porta n. 1 Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 721.060,67 Registro delle Imprese di Milano n. 00849720156 Sito

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 4 L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE GENERALE DELLA COMPETENZA POTENZIATA (ottobre 2014) PRESENTAZIONE:

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

A tutti i Clienti Loro sedi. Ravenna, 13/12/2013. Circolare informativa n. 22/2013

A tutti i Clienti Loro sedi. Ravenna, 13/12/2013. Circolare informativa n. 22/2013 Dott. Danilo Cortesi A tutti i Clienti Loro sedi Ravenna, 13/12/2013 Circolare informativa n. 22/2013 Oggetto: 1. PAGAMENTO COMPENSI AMMINISTRATORI 2. INVENTARIO DI MAGAZZINO DI FINE ANNO 1. PAGAMENTO

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI TITOLO IV Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO - METODO STANDARDIZZATO Sezione I Disciplina applicabile TITOLO IV- Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO METODO STANDARDIZZATO SEZIONE I DISCIPLINA APPLICABILE Gli intermediari

Dettagli

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA REDAZIONE DEL BILANCIO CIVILISTICO 2014: LE PRINCIPALI NOVITA PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 Dr. Riccardo Bauer 2 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014

Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014 N.A.A.A. ONLUS Via San Maurizio, 6 10073 CIRIE -TO- C.F. 92023940015 Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014 PREMESSA Il bilancio consuntivo dell esercizio chiuso al 31/12/2014 si compone di

Dettagli

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2013

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2013 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2013 31/12/2012 31/12/2013 A ATTIVO Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B Immobilizzazioni 204.984,48 328.310,48 I Immobilizzazioni immateriali II Immobilizzazioni

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma 14 gennaio

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma 14 gennaio RISOLUZIONE N. 10/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso 2008 Roma 14 gennaio Oggetto: Istanza di interpello - Alfa - Rilevazione dei ricavi e dei costi relativi all attività di raccolta e accettazione

Dettagli

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA ALLEGATO RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA Premessa. Le risposte alle domande

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

REGOLAMENTO. DISCIPLINANTE IL PAGAMENTO DEI CORRISPETTIVI SUI LAVORI ED I RAPPORTI FINANZIARI tra Consorzio e Cooperative associate

REGOLAMENTO. DISCIPLINANTE IL PAGAMENTO DEI CORRISPETTIVI SUI LAVORI ED I RAPPORTI FINANZIARI tra Consorzio e Cooperative associate REGOLAMENTO DISCIPLINANTE IL PAGAMENTO DEI CORRISPETTIVI SUI LAVORI ED I RAPPORTI FINANZIARI tra Consorzio e Cooperative associate INDICE 1. PREMESSA 2. PAGAMENTI IN ACCONTO E A SALDO 3. CAUZIONI E FIDEJUSSIONI

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

2) il trasferimento della sede legale con relative modifiche statutarie;

2) il trasferimento della sede legale con relative modifiche statutarie; Relazione dei Liquidatori sul valore di liquidazione delle azioni per l esercizio del diritto di recesso predisposta ai sensi e per gli effetti dell art. 2437 e dell art. 2437-ter del c.c. Signori Azionisti,

Dettagli

IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO

IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO Alla procedura di concordato preventivo possono accedere quei soggetti - già imprenditori commerciali privati non piccoli - cui è riservata la procedura di fallimento. Presupposto

Dettagli

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 Le modifiche introdotte dal DL Sviluppo bis in materia concorsuale riguardano:

Dettagli

FOCUS. Esercitazioni pratiche sulle procedure concorsuali. Bologna, dal 21 al 28 novembre 2014

FOCUS. Esercitazioni pratiche sulle procedure concorsuali. Bologna, dal 21 al 28 novembre 2014 FOCUS Esercitazioni pratiche sulle procedure concorsuali Bologna, dal 21 al 28 novembre 2014 Programma I incontro 21 novembre CONCORDATO PREVENTIVO Ricorso per l ammissione al concordato preventivo Concordato

Dettagli

L applicazione dei principi di revisione internazionali (ISA Italia) alle imprese di dimensioni minori

L applicazione dei principi di revisione internazionali (ISA Italia) alle imprese di dimensioni minori REVISIONE LEGALE Documento di ricerca n. 194 Assirevi Le attestazioni della Direzione In sostituzione del documento di ricerca n. 167, Assirevi ha pubblicato il documento di ricerca n. 194 che, alla luce

Dettagli

Stazione di Erba - Anni 30

Stazione di Erba - Anni 30 1 Stazione di Erba - Anni 30 2 3 Eurocombi S.r.l. in liquidazione Liquidatore Massimo Stoppini BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE 6 BILANCIO DI ESERCIZIO 31.12.2013 _ Situazione Patrimoniale

Dettagli

abase Revisioni Fondazione dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Forlì-Cesena

abase Revisioni Fondazione dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Forlì-Cesena CRISI DI IMPRESA E CONTINUITA AZIENDALE: LA DIAGNOSI ATTRAVERSO L ANALISI FINANZARIA, I DOVERI E POTERI DEGLI AMMINISTRATORI E DEI SINDACI, LA FORMAZIONE DEL GIUDIZIO DEL REVISORE Fondazione dei Dottori

Dettagli

Parte I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI

Parte I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI INTRODUZIONE 1. IL BINOMIO CRISI E RISANAMENTO D IMPRESA 1.1. Il binomio crisi e risanamento pag. 5 1.2. Cause della crisi e ruolo del management pag. 7 1.3. Indicatori di performance e previsione della

Dettagli

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE Sede in TORRE EUROPA - VIA ANNOVAZZI, 00053 CIVITAVECCHIA (RM) Codice Fiscale 03908900586 - Numero Rea RM 911152 P.I.: 01259061008 Capitale Sociale Euro - i.v. Forma

Dettagli

XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO

XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO ANNO 2014 RELAZIONE DELL ORGANO ESECUTIVO AL RENDICONTO DI GESTIONE 2014 Articolo 231

Dettagli

Moores Rowland Bompani

Moores Rowland Bompani Tel. 02 4986350-357 Fax 02 4818143 milano@bompaniaudit.com www.bompaniaudit.com VIAREGGIO PATRIMONIO S.R.L. Viareggio (LU) Relazione della Società di Revisione sul Bilancio dell'esercizio chiuso al 31

Dettagli

Concetto di patrimonio

Concetto di patrimonio Concetto di patrimonio Il patrimonio o capitale si può definire, in prima approssimazione, come l insieme l dei beni a disposizione del soggetto aziendale in un determinato momento; in un accezione più

Dettagli

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO PARTE VI ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore per la presentazione delle proposte di delibera al

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO ALLEGATO 5 - Pag. 1 di 9 Per le imprese di nuova costituzione (ovvero quelle costituite o che hanno avviato la propria attività non oltre tre anni prima della richiesta di ammissione al Fondo di Garanzia

Dettagli

RELAZIONE ESPLICATIVA DELLE VOCI DEL PIANO DEGLI INVESTIMENTI 2014

RELAZIONE ESPLICATIVA DELLE VOCI DEL PIANO DEGLI INVESTIMENTI 2014 RELAZIONE ESPLICATIVA DELLE VOCI DEL PIANO DEGLI INVESTIMENTI 2014 117 118 Il preventivo o piano degli investimenti deriva da un bilancio di poste finanziarie ossia componenti che daranno luogo ad una

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009

Dettagli

OIC 19: Debiti. Novara, 27 gennaio 2015. Lorenzo Gelmini

OIC 19: Debiti. Novara, 27 gennaio 2015. Lorenzo Gelmini OIC 19: Debiti Novara, 27 gennaio 2015 Lorenzo Gelmini Introduzione: gli obiettivi e l ambito del nuovo principio contabile o Riordino generale della tematica o Miglior coordinamento con gli altri principi

Dettagli

COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino

COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino * * * * * * REGOLAMENTO DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI (Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 3 del 6/03/2013) pag 1 Regolamento sui controlli interni

Dettagli

Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche. Indice

Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche. Indice INSEGNAMENTO DI ECONOMIA DELLE AZIENDE E DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE LEZIONE VI I RISULTATI DELLA GESTIONE: IL RENDICONTO PROF. GAVINO NUZZO Indice 1 I risultati della gestione: il rendiconto -----------------------------------------------------------------

Dettagli

STUDIO MARNATI. Commercialisti Revisori legali www.studiomarnati.net STUDIO MARNATI

STUDIO MARNATI. Commercialisti Revisori legali www.studiomarnati.net STUDIO MARNATI Consulenza tributaria, societaria e crisi d impresa Commercialisti Revisori legali www.studiomarnati.net 1 Premesse A partire dal 2008 le mutate condizioni economico finanziarie, che hanno prodotto una

Dettagli