Progetto di Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico del bacino del fiume Saccione INDICE 2 ASSETTO DI VERSANTE ASSETTO IDRAULICO...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto di Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico del bacino del fiume Saccione INDICE 2 ASSETTO DI VERSANTE...4 3 ASSETTO IDRAULICO..."

Transcript

1 REGIONE ABRUZZO REGIONE CAMPANIA AUTORITA' DI BACINO DEI FIUMI Trigno, Biferno e Minori, Saccione e Fortore PROGETTO DI PIANO STRALCIO PER L'ASSETTO IDROGEOLOGICO DEL BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME SACCIONE Legge 18 maggio 1989 n art. 17, comma 6 ter Legge 3 agosto 1998 n. 267 modificata con Legge 13 luglio 1999 n. 226 Legge 11 dicembre 2000 n. 365 REGIONE PUGLIA LEGENDA ABRUZZO Bacino interregionale del Fiume Trigno MOLISE CAMPANIA PUGLIA Bacino regionale del Fiume Biferno e minori Bacino interregionale del Fiume Saccione Bacino interregionale del Fiume Fortore Limite provinciale Limite regionale Reticolo Idrografico RELAZIONE PROGRAMMA PRIORITARIO DEGLI INTERVENTI STRUTTURALI assetto di versante - assetto idraulico R 02 Il Presidente del Comitato Istituzionale On.le Dott. Angelo Michele Iorio Il Segretario Generale Dott. Ing. Raffaele Moffa Approvato dal Comitato Tecnico nella seduta N. del Il Segretario Generale Dott. Ing. Raffaele Moffa Adottato con Deliberazione del Comitato Istituzionale N. del Il Segretario Generale Dott. Ing. Raffaele Moffa DIC SET 2006

2 INDICE 1 PREMESSA ASSETTO DI VERSANTE PRIORITA D INTERVENTO ANALISI ECONOMICA DEGLI INTERVENTI Concetti introduttivi Individuazione degli scenari di rischio Definizione della curva danno-probabilità L analisi economica TIPOLOGIE D INTERVENTO Opere strutturali di sostegno Opere di bonifica idraulica Opere di stabilizzazione superficiale Quadro del fabbisogno economico ASSETTO IDRAULICO L AMBITO DI STUDIO LA DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI Criteri e obiettivi per la definizione degli interventi CLASSIFICAZIONE E DIMENSIONAMENTO DEGLI INTERVENTI Fiume Saccione Affluenti del fiume Saccione La verifica idraulica degli interventi Criteri per la valutazione di massima dei costi degli interventi Costo degli interventi Interventi sul reticolo minore ANALISI ECONOMICA DEGLI INTERVENTI Concetti introduttivi Definizione della curva portata probabilità Definizione della curva danno-probabilità L analisi economica

3 1 PREMESSA Il quadro conoscitivo e le analisi sviluppate nella fase di individuazione delle condizioni di criticità idrogeologica nel bacino del F. Saccione hanno permesso l individuazione di interventi per la messa in sicurezza delle aree soggette a rischio. Questi sono stati definiti per le aree caratterizzate da rischio molto elevato (R4) e elevato (R3). Nel presente documento si espongono i criteri e gli obiettivi degli interventi, la loro classificazione e le metodologie di dimensionamento. Tali interventi contribuiscono alla definizione delle priorità di intervento e del fabbisogno economica per la messa in sicurezza del bacino. La verifica della fattibilità tecnica e l analisi economica degli interventi proposti forniscono un quadro generale in base al quale definire gli indirizzi e le proposte operative per la programmazione degli interventi. 3

4 2 ASSETTO DI VERSANTE 2.1 PRIORITA D INTERVENTO La configurazione di un modello analitico per la valutazione e la produzione della carta del rischio da frana, secondo i criteri ed i presupposti descritti nella specifica relazione illustrativa (cfr. elaborato di studio II.A.2.3), rappresenta il primo passo essenziale per la definizione di uno strumento di lavoro flessibile e dinamico. Il carattere di transitorietà posseduto dalla mappa del rischio è intrinseco alla logica stessa del documento, in quanto la cartografia rappresenta una simulazione dell azione che un probabile evento franoso produrrebbe sul sistema antropico-naturale. Gli scenari di rischio così configurati, pertanto, si basano sui dati disponibili in termini di elementi esposti al rischio (siano essi attuali o potenziali in funzione delle previsioni di sviluppo urbanistico) e non tengono conto dell effettiva funzione che specifici interventi produrrebbero in termini di mitigazione del rischio. La carta del rischio, pertanto, non possiede alcuna funzione pianificatoria ma contiene soltanto gli elementi di analisi per una stima quantitativa del danno atteso e per un approfondimento tecnico-economico delle possibili azioni volte alla riduzione del livello di rischio. In tale ottica la carta del rischio prospetta lo stato attuale dell emergenza, evidenziando le priorità che essa determina, e sottolinea il carattere di indifferibilità degli interventi urgenti monetizzandoli e rendendo, pertanto, possibili le successive analisi costi-benefici. Il vero limite della cartografia del rischio risiede nella mancanza assoluta di informazione laddove, ad oggi, l elemento è assente; in tal caso il rischio specifico è nullo. Ciononostante l importanza del modello di rischio è legata alla possibilità di simulare il probabile impatto che le fenomenologie naturali produrrebbero su opere antropiche in corso di realizzazione o in fase di progettazione. D altro canto lo spirito che mosse il legislatore nella predisposizione del testo del D.L. 180/98 (e successive modifiche ed integrazioni) era nella direzione della prevenzione dalla catastrofe naturale e della gestione dell emergenza. La carta del rischio da frana rappresenta l unico elaborato di riferimento per la predisposizione di piani di intervento e/o di emergenza in quanto contiene intrinsecamente l entità del danno atteso a seguito del manifestarsi del fenomeno naturale. Sono questi i motivi per i quali l esame degli scenari di rischio classificati come R4, e secondariamente R3, fornisce direttamente una sintesi degli interventi di mitigazione prioritari. Nell analisi sono state privilegiate, con priorità in termini di urgenza e di impegno economico, gli scenari di rischio che comportano problemi diretti per la pubblica incolumità (vita umana). La presenza di tale bene scaturisce dalla classificazione del territorio di studio attraverso classi con valore intrinseco decrescente (cfr. elaborato di studio II.A.2.2). 4

5 Le TABELLA 1 propone una lista delle priorità d intervento, qualificate da un indicatore: A=alta; M=media; B=bassa. Scenario di rischio Località Comune Rischio Priorità 1 Versante Ovest di Chieuti - via Fani Chieuti 2 Costa di Roncio Serracapriola R4 M 3 Greppa Petronio Serracapriola R4 A Tabella 1 Elenco degli scenari di rischio e priorità Dall analisi condotta risulta che gli elementi esposti ad un rischio di classe R4 (in cui sono presenti vite umane in forma continua o con alta probabilità di presenza) sono rappresentati essenzialmente da porzioni di centro abitato e/o da infrastrutture viarie d importanza strategica. R4 A 2.2 ANALISI ECONOMICA DEGLI INTERVENTI La definizione delle priorità di intervento condotta nel paragrafo precedente può ritenersi di tipo qualitativo in quanto vengono presi in esame il grado di rischio presente nello scenario e vengono valutati i problemi di pubblica incolumità senza l attribuzione di uno specifico valore economico. In questo paragrafo sarà invece proposta una metodologia per la definizione delle priorità di intervento di tipo economico-statistico con un approccio analogo a quello utilizzato per l assetto idraulico Concetti introduttivi Seguendo un impostazione analoga a quella adottata per l assetto idraulico si procederà alla valutazione del danno su base annuale, DAM, viene ottenuta tramite la relazione: DAM = 1 0 D( p) dp Ove D(p) indica il danno associato all evento di probabilità p ( = 1/T r, con T r tempo di ritorno in anni) La valutazione di DAM richiede pertanto la conoscenza della relazione D= D(p) vale a dire del danno generato da un evento di probabilità p. A tale proposito la procedura prevede il calcolo dell integrale a partire in funzione della distribuzione di probabilità degli eventi franosi. 5

6 Risulta evidente l estrema difficoltà di attribuire una data probabilità di accadimento a un evento franoso. In questo senso la procedura proposta, sempre in analogia con le analisi condotte per l assetto idraulico, prevede di attribuire un tempo di ritorno di accadimento in funzione della pericolosità attribuita alla singola frana. In prima approssimazione sono stati attribuiti i tempi di ritorno di 30, 200 e 500 anni alle pericolosità PF3, PF2 e PF1. Nella presente analisi, date le informazioni disponibili, è stata assunta la completa distruzione del bene a seguito dell evento franoso prescindendo dalla intensità del fenomeno e dalla vulnerabilità del bene. La stima economica del danno è stata condotta sulla base della carta degli elementi a rischio attribuendo a ciascuna classe un valore economico derivato dalle analisi condotte nello Studio del Rischio Idrogeologico nella Regione Sostenibilità Economico- Finanziaria [1]. Si è inoltre assunto che gli interventi previsti eliminino la pericolosità in un dato scenario di rischio a meno di un danno residuo valutato come una percentuale del danno per eventi con tempo di ritorno superiore a 200 anni (che in analogia con l assetto idraulico è il tempo di ritorno teorico su cui sono progettati gli interventi). In particolare l analisi si è articolata nelle seguenti fasi: 1. individuazione degli scenari di rischio; 2. definizione della curva danno-probabilità; 3. analisi economica Individuazione degli scenari di rischio L analisi costi-benefici è stata condotta con riferimento a macro-aree coincidenti con gli scenari di rischio definiti nella TABELLA 1 precedente per le quali è possibile ricavare una tabella a due ingressi che riporta l estensione delle aree caratterizzate da una data pericolosità e da una data classe di utilizzo. Per gli stessi scenari di rischio è stata inoltre valutato un costo per la realizzazione degli interventi Definizione della curva danno-probabilità Come detto in precedenza sulla base dei dati disponibili la curva danno probabilità è stata calcolata assumendo la perdita totale del bene al verificarsi dell evento e prescindendo dalla vulnerabilità. Si assume inoltre di avere danno nullo, o comunque trascurabile, per eventi con tempi di ritorno inferiori a 15 anni. Tale soglia, fissata in modo convenzionale, sta a indicare che una frana con eventi molto frequenti provoca probabilmente un danno che si può ritenere trascurabile sia per l evolversi del fenomeno stesso che per la scarsa presenza di beni esposti. In altre parole è ragionevole ritenere che su una frana evidente e in frequente movimento non si vadano a realizzare beni a rischio. 6

7 Si osserva inoltre che la diminuzione della soglia su tempi di ritorno inferiori provocherebbe un rapido aumento del danno senza peraltro modificare la scelta delle priorità di intervento di seguito definite L analisi economica L analisi economica si basa essenzialmente sul confronto tra i costi da sostenere per la realizzazione degli interventi e i benefici che si ottengono in termini di mancato danno. I primi sono ottenuti con riferimento agli interventi previsti nello scenario di messa in sicurezza al quale, in analogia con l assetto idraulico, si attribuisce una efficacia per un tempo di ritorno pari a 200 anni. I benefici in termini di mancato danno sono valutati a partire dalle stime del valore dei beni classificati in funzione dell uso del suolo e rapportati all unità di superficie, secondo quanto ricavato nel precedente studio [1]. Si riporta nella TABELLA 2 (analoga a quella utilizzata nelle analisi per l assetto idraulico) la classificazione dell uso del suolo e i corrispettivi valori unitari di riferimento degli elementi a rischio considerati nel presente studio. I criteri generali per l analisi economica sono i seguenti: Gli interventi previsti sono realizzati nell arco di circa 10 anni; L orizzonte temporale di riferimento per l analisi economica è pari a 50 anni Lo scenario si basa sulle condizioni del territorio, di uso del suolo e degli indicatori economici stimabili ad oggi (2002) I benefici sono espressi in termini di mancato danno Gli interventi considerati sono quelli relativi alla messa in sicurezza per un tempo di ritorno pari a 200 anni L anno di inizio per l analisi economica coincide con l anno in cui risultano completati tutti gli interventi previsti. L analisi pertanto non considera il transitorio di tempo all interno del quale vengono attuati gli interventi. Il danno residuo, relativo a portate associate a tempi di ritorno superiori a 200 anni, si ritiene quantificabile nella misura del 10% del danno stimato in assenza di interventi Classe Descrizione elementi della classe 1 Infrastrutture primarie con presenza continua di vite umane(ospedali, carceri, caserme, stazioni ferroviarie); centri abitati (tessuto urbano continuo); insediamenti industriali, tecnologici e commerciali; aree portuali; vie di comunicazione di rilevanza strategica (ferrovie, autostrade e statali). 2 Zone di espansione urbanistica (tessuto urbano discontinuo) e case sparse; aree sportive e ricreative; aree estrattive; edifici industriali e commerciali sparsi; cimiteri; strade provinciali Valore unitario /m Dighe, depuratori, serbatoi di acquedotto, centrali; beni architettonici o storici di importanza rilevante; strade di secondaria importanza (comunali, interpoderali, etc.); aziende zootecniche. 4 Oliveti, vigneti e frutteti

8 5 Corpi idrici Seminativi, risaie, orti, arboricoltura da legno, prati stabili, aree a colture perenni e/o annuali Boschi di latifoglie, boschi di conifere e boschi misti Aree incolte (pascoli, brughiere, etc.) 0.26 Tabella 2 - Classificazione dell uso del suolo e valore degli elementi a rischio La stima del danno La valutazione del danno medio annuo è stata condotta, per ciascun scenario di rischio, sulla base della estensione delle aree a diversa pericolosità. Nella TABELLA 3 si riportano i valori delle superfici per le diverse pericolosità e per ciascuna classe di uso del suolo. Intervento Classi Pericolosità specifica PF1 PF2 PF3 Totale [mq] Totale Intervento Classi Pericolosità specifica PF1 PF2 PF3 Totale [mq] Totale Intervento Classi Pericolosità specifica PF1 PF2 PF3 Totale [mq] Totale Tabella 3 Aree per classi di pericolosità e uso del suolo 8

9 Combinando i valori delle superfici riportate nella TABELLA 3 con il valore unitario medio del bene si ottengono per ciascuna classe e in corrispondenza di ciascun evento, la stima del danno come riportato nella TABELLA 4. Intervento Classi Costi Unitari Danno ,494, ,494, ,494, , , , Totale 4,599, ,599, ,599, Intervento Classi Costi Unitari Danno , , , , , , Totale 258, , , Intervento Classi Costi Unitari Danno , , , Totale 754, , , Tabella 4 Danno per tempi di ritorno e uso del suolo Il valore dell integrale è stato ottenuto per integrazione numerica della curva individuata dalle coppie di valori Danno Totale probabilità, ottenuta dai risultati sintetizzati nella TABELLA 4, ricordando che per Tr= 15 anni si è assunto danno nullo, e per tempi di ritorno superiori a 500 anni è stato assunto costante. 9

10 Il mancato danno determinato dalla realizzazione degli interventi di messa in sicurezza sarà una quota parte del danno complessivo. Il danno residuo, dato dalla differenza tra il danno complessivo e il mancato danno, è stato calcolato come una percentuale del 10% del danno per tempi di ritorno superiori a 200 (orizzonte temporale degli interventi) Analisi costi-benefici e priorità di intervento L analisi costi-benefici e la definizione delle priorità di intervento è stata condotta confrontando il mancato danno medio annuo con il costo annuo degli interventi. Il costo anno delle opere previste è stato calcolato applicando al costo stimato per l intervento (a cui è stato aggiunto un 35% per spese tecniche, espropri e IVA) l inverso del coefficiente di rateo di sconto (funzione del tasso di interesse e del numero di anni di vita dell opera). Il tasso di interesse è stato fissato al 4% annuo e il numero di anni a 50. E stato quindi definito un indice di priorità definito come il rapporto tra il mancato danno e il costo annuo dell intervento. Pertanto per la definizione delle priorità di intervento sono stati adottati due criteri. Il primo che tiene conto del grado di rischio presente nello scenario privilegiando gli scenari di rischio che comportano problemi diretti per la pubblica incolumità. Il secondo che si basa su una analisi economica. In APPENDICE A si riportano gli interventi ordinati per priorità principale e per indice di priorità. 2.3 TIPOLOGIE D INTERVENTO Nella logica della mitigazione del rischio le tipologie di intervento possono essere riassunte nei seguenti punti: interventi volti alla riduzione della probabilità di accadimento e/o alla stabilizzazione dell area; interventi volti alla riduzione di vulnerabilità dell elemento a rischio (interventi di protezione alle strutture e/o di miglioramento statico-funzionale); interventi volti al controllo del fenomeno attraverso opportuni sistemi di monitoraggio e definizione di soglie di attenzione, allerta e allarme; azioni normative volte alla salvaguardia e/o al vincolo delle aree esposte al verificarsi del fenomeno. Tali tipologie di intervento non si escludono a vicenda anzi, compatibilmente con la capacità politico-gestionale delle amministrazioni competenti, possono fornire ottimi risultati attraverso una loro razionale combinazione. Le scelte tipologiche di intervento tengono conto, essenzialmente, del carattere cinematico di evento e del coinvolgimento diretto od indiretto dell elemento a rischio. Nei casi in cui il coinvolgimento dell elemento a rischio è diretto, cioè si è nelle condizioni più critiche in termini di probabilità di perdita di vite umane e attività, solitamente si procede con criteri del 10

11 primo o del secondo tipo ovvero con interventi di stabilizzazione strutturali definitive (tirantature o ancoraggi su fronti rocciosi potenzialmente attivi, paratie di pali e opere di sostegno) e/o con sistemi di protezione delle aree a valle (reti paramassi, barriere paramassi, gallerie artificiali, disgaggio di massi pericolanti, etc.). In relazione alla frequenza degli eventi responsabili del rischio sul territorio in esame, una soluzione definitiva del problema richiederebbe l impiego di risorse e di azioni incompatibili con l attuale quadro sociale ed economico nel quale esso si cala. In senso programmatico, e sulla scorta delle esperienze pregresse, è necessaria una riflessione riguardante le tipologie di intervento (attive o passive) realizzabili caso per caso e sulla risolutività degli interventi stessi. La realizzazione di interventi strutturali rigidi o semirigidi nel passato (paratie di pali, muri di contenimento, gabbionate, etc.) hanno semplicemente ritardato l evoluzione dei fenomeni ma, di fatto, non ne hanno annullato la pericolosità (probabilità di accadimento). Ciò in quanto la bonifica di un area in frana necessita di interventi integrati, il più delle volte estesi ad aree nelle quali non sono presenti danni oppure nelle quali i danni sono di entità irrilevante. Gli interventi che sortiscono, nel tempo, i migliori risultati sono quelli che prevedono una preventiva bonifica idraulica dell intero bacino di alimentazione del fenomeno attraverso interventi di sistemazione superficiale spesso realizzati con le tecniche della ingegneria naturalistica (notoriamente meno costosi e di basso impatto ambientale). Sulla scorta di tale riflessione agli interventi strutturali, laddove previsti, sono stati puntualmente affiancati interventi di bonifica idraulica e di stabilizzazione superficiale mediante tecniche con basso impatto ambientale e costi unitari contenuti che possano consentire l estensione a fasce di versante piuttosto ampie. Al fine di agevolare l interpretazione delle indicazioni fornite anche all interno delle schede di dettaglio fornite per gli scenari di rischio ritenuti di maggiore interesse (cfr. ALLEGATO A.02, elaborato di studio II.A.2.3.b) di seguito vengono forniti degli schemi illustrativi delle principali tipologie d intervento proposte suddivise per classi 1. 1 Atlante delle opere di sistemazione dei versanti. ANPA,

12 2.3.1 Opere strutturali di sostegno Muro cellulare costituito da elementi prefabbricati in c.a. Muro di gabbioni con duplice funzione: sostegno e drenaggio 12

13 2.3.2 Opere di bonifica idraulica Canalette di raccolta superficiale con rivestimenti in pietrame e calcestruzzo Trincea drenante realizzata con rivestimento in geotessile Sperone in gabbioni con rivestimento di geotessile e tubo drenante di fondo 13

14 2.3.3 Opere di stabilizzazione superficiale Piantumazione con essenze arboree per il ripristino della copertura arbustiva Fascinata viva con creazione di piccole gradinate (scarpata con pendenza < 35 ) 14

15 Fascinata viva interrata e fissata nel terreno con paletto di legno Viminata (a sinistra) e palizzata semplice con talee 15

16 Schema tipo di palizzata con talee o piantine Gradinata con talee su rilevato artificiale 16

17 Gradinata mista con impianto di talee e di piantine radicate Materassi in rete metallica rinverdita mediante geostuoia e talee di salice 17

18 2.3.4 Quadro del fabbisogno economico Nella TABELLA 5 viene fornita una stima economica degli interventi relativamente agli scenari di rischio proposti. L approccio analitico ai costi è di larga massima in quanto non esistono parametri univoci per la definizione delle quantità di opere necessarie per ciascuna tipologia di dissesto. I criteri di computo adottati nelle analisi (superficie dell area oggetto di interventi, valore e caratteristiche intrinseche dei beni esposti al danno sia in termini economici sia in termini sociali) sono analoghi per tutti gli scenari di rischio esaminati. Ciò consente di ridurre l errore di valutazione legato ai numerosi parametri che concorrono alla definizione del quadro economico e di comparare tra di loro le entità di risorse necessarie alla mitigazione del rischio. L analisi è stata condotta per analogia con interventi realizzati a parità di tipologia e di estensione senza pervenire a una specifica parametrizzazione. In particolare sono state valutati i costi relativi a: 1. Studi e indagini geognostiche 2. Interventi strutturali (rigidi / semirigidi) 3. Interventi di sistemazione idraulica 4. Interventi di ingegneria naturalistica 5. Manutenzione e monitoraggio Per gli aspetti specifici delle fenomenologie naturali e dell impatto con gli elementi esposti si rimanda agli studi di approfondimento per gli scenari di rischio (cfr. ALLEGATO A.02, elaborato di studio II.A.2.3.b). L analisi dei costi prevede, per ciascun intervento, un aliquota (mediamente circa il 10%) dedicata alla manutenzione delle opere ed alle successive attività di monitoraggio strumentale. Tali azioni consentono, a costi contenuti, di valutare la qualità dell intervento e la sua efficacia in termini di benefici indotti. La specificità delle diverse situazioni di rischio, in relazione agli scenari geologici, idrogeologici, geotecnici ed idraulici nei quali si calano, richiederà approfondimenti diretti delle conoscenze attraverso studi, campagne di indagini e di monitoraggio che verranno volta per volta predisposti. Soltanto a seguito di specifici studi di dettaglio, propedeutici alle fasi di progettazione e realizzazione degli interventi, sarà possibile definire con esattezza entità e caratteristiche delle opere. Sulla base di tali presupposti le stime di seguito proposte possono essere, in alcuni casi, soltanto indicative delle effettive risorse da impiegare. Le scelte progettuali, i criteri e la progressione nel tempo degli interventi deriveranno da azioni politiche ed amministrative che non possono essere collocate nell ambito di uno studio a carattere areale quale questo è. Le azioni volte alla realizzazione degli interventi dovranno essere opportunamente monitorate dal punto di vista amministrativo e tecnico-economico. In tal modo sarà possibile affinare nel tempo i modelli previsionali di gestione delle emergenze riducendo progressivamente la variabilità delle stime economiche proposte. 18

19 Scenario Priorità Rischio Comune Località Studi e indagini geognostiche Interventi strutturali (rigidi / semirigidi) Interventi di sistemazione idraulica Interventi di ingegneria naturalistica Manutenzione e monitoraggio Totale 1 A R4 Chieuti Versante Ovest di Chieuti - via Fani - Frana 16_ ,000 2 B R4 Serracapriola Costa di Roncio - Frana 16_ ,000 3 A R4 Serracapriola Greppa Petronio - Frana 16_ ,000 TOTALE TOTALE A 45, , , , ,000 1,420,000 B 15, , , ,000 45, ,000 TOTALE ,930,000 Tabella 5 Stima dei costi di intervento 19

20 _ 3 ASSETTO IDRAULICO 3.1 L AMBITO DI STUDIO La definizione degli interventi strutturali per la riduzione del rischio idraulico nei tratti fluviali oggetto di studio è stata condotta sulla base dei risultati ottenuti dalle diverse analisi svolte e in relazione alle specificità dei tratti in esame e delle aree da difendere. In particolare, i livelli di indagine adottati, vale a dire lo studio analitico su base idrologicoidraulica e l analisi geomorfologica, consentono l individuazione degli interventi che, seppur definibili in forma differenziata a seconda della scala di indagine adottata, forniscono un quadro generale di riferimento per la messa a punto di strategie di riduzione del rischio idraulico nell ambito del bacino considerato. A tale proposito, conviene premettere i tratti fluviali oggetto di studio ai diversi livelli di indagine: Fiume Saccione Studio su base idrologico-idraulica Su base geomorfologica e/o speditiva Affluenti del fiume Saccione Torrente Bivento (affluente di destra ) Su base geomorfologica e/o speditiva Torrente Mannara (affluente di destra) Su base geomorfologica e/o speditiva Canale Orientale delle Acque Alte (affluente di sinistra ) Su base geomorfologica e/o speditiva Canale di Madonna Grande (affluente di destra del Canale Orientale delle Acque Alte) Su base geomorfologica e/o speditiva Fosso Tre Valloni (affluente di sinistra ) Su base geomorfologica e/o speditiva Canale Sassi (affluente di sinistra ) Su base geomorfologica e/o speditiva Canale della Pila (affluente di sinistra ) Su base geomorfologica e/o speditiva Torrente Sapestra (affluente di sinistra ) Su base geomorfologica e/o speditiva 20

21 3.2 LA DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI La definizione degli interventi strutturali, sia sotto il profilo tipologico che economico, risulta ovviamente più approfondita per le aree oggetto di specifico studio idraulico rispetto a quella dedotta per le aree oggetto di indagine su base geomorfologica. A partire dal quadro conoscitivo sul rischio idraulico possono essere identificate le strategie di intervento sia di tipo strutturale che non strutturale (vincoli sulla destinazione d uso delle aree stesse e/o norme di edificabilità) in modo da conseguire un omogenea riduzione del rischio sull intero territorio regionale. Nella presente analisi si farà riferimento nello specifico agli interventi di tipo strutturale finalizzati alla riduzione del tempo di ritorno delle inondazioni. Saranno presi in esame sia le possibilità di laminazione delle piene e quindi di riduzione della portata che i possibili interventi per aumentare la capacità di smaltimento del corso d acqua. La valutazione della tipologia degli interventi strutturali è definita in funzione di una preliminare valutazione della fattibilità tecnica svolta utilizzando i risultati delle verifiche idrauliche. L efficacia degli interventi nella riduzione del rischio idraulico è verificata attraverso la simulazione idraulica dei corsi d acqua considerati nello scenario di progetto. I risultati delle analisi descritte forniscono un quadro in base al quale definire gli indirizzi e le proposte operative per la programmazione degli interventi. In particolare, a ciascun intervento viene attribuito un livello di priorità generale facendo riferimento al tempo di ritorno dell evento per il quale si manifestano criticità, classificandolo in intervento a breve termine o ad alta priorità se il tempo di ritorno è di 30 anni, oppure di lungo termine o a bassa priorità se il tempo di ritorno è di 200 anni. La valutazione dei costi e di conseguenza l analisi economica è definita su base essenzialmente parametrica. Sulla base dell analisi economica è inoltre stato definito un indice di priorità tra gli interventi appartenenti alla stessa classe di priorità. Sia per gli interventi a breve che a lungo termine la finalità ultima è comunque la messa in sicurezza per un tempo di ritorno di 200 anni. Quelli a breve termine dovrebbero essere realizzati una prima fase, quelli a lungo termine sono interventi di seconda fase e sono finalizzati all integrazione e/o completamento delle opere necessarie alla messa in sicurezza delle aree a rischio. La parametrizzazione dei costi di ciascun intervento è stata condotta sulla base delle principali dimensioni dell intervento stesso; ad esempio per le opere di laminazione di è fatto riferimento al volume invasato mentre le arginature sono state parametrizzate in funzione della loro altezza e della loro lunghezza, sulla base di criteri già adottati nello studio Studio del rischio idrogeologico nella Regione Molise. 21

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL TAVOLO TECNICO STATO REGIONI INDIRIZZI OPERATIVI

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 Page 1 of 10 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PARTE PRIMA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI' DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE:

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 1.1 Il QUADRO NORMATIVO...5 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...8 2.0 LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

Università degli Studi di Firenze DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA

Università degli Studi di Firenze DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA Università degli Studi di Firenze DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA Autorità di Bacino del Fiume Arno PROGRAMMA COMUNE PER L INTEGRAZIONE E L AGGIORNAMENTO DELLA CARTOGRAFIA DEL RISCHIO DA FRANA DEL

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Ingegneri & Geologi Associati

Ingegneri & Geologi Associati MODELLI IDRAULICI MONODIMENSIONALI Si riportano gli output forniti dal codice di calcolo Hec-Ras relativi al modello dello stato attuale e allo stato di progetto: per il primo si allegano La tabella con

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Capitolato prestazionale di progetto OPERE STRADALI

Capitolato prestazionale di progetto OPERE STRADALI Capitolato prestazionale di progetto OPERE STRADALI Layout Giulio Andreolli Studio Massimo Zuani Grafica digitale Pierluigi Moschini Stampa Tipoffset Moschini Ordine degli Ingegneri della Provincia di

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE COMUNE DI: SAN GIACOMO FILIPPO Provincia di Sondrio ATTUAZIONE DELLA D.G.R n.- 7/7868 del 25 gennaio 2002 e successive integrazioni Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO. Piano Strutturale Comunale

VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO. Piano Strutturale Comunale PSCComune di C a s a l g r a n d e Piano Strutturale Comunale VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO estratto dall analisi sull Ecologia del Paesaggio redatta nell ambito del PSC C

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli