Data science and social network analysis for An3- Money Laundering

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Data science and social network analysis for An3- Money Laundering"

Transcript

1 Data science and social network analysis for An3- Money Laundering Silvia Figini Collaboratori: Ma<a Andreosso, Umberto Gilardi, Nicolò Quilico Università degli Studi di Pavia

2 Proge6 di ricerca europei MUISING ( ): Multy Industry semandc based next generadon business intelligence (in collaborazione con Università di Pisa, Università di Insbruck, Università di Sheffield, DFKI, MPS, Consorzio Nazionale Ricerche di Pisa, Credit Reform, KPI). SYRTO ( ): SYstemic Risk TOmography (in collaborazione con Università di Brescia, Centre NaDonal De La Recherche ScienDfique (CNRS) Centre d'economie de la Sorbonne Axe Finance (CES- Finance), MIT Massachuse_s InsDtute of Technology, Department of OperaDon Research Boston College, Athens University of Economics and Business Research Center (AUEB- RC), VU University Amsterdam, Banca Centrale Europea, Università Ca Foscari di Venezia).

3 Obie6vi del seminario Presentazione della metodologia da noi proposta per il monitoraggio e previsione di fenomeni di riciclaggio. UDlizzo di modelli di classificazione per la profilazione (sulla base di criteri derivand dal Provvedimento recante gli indicatori di anomalia per gli intermediari di Banca d Italia) dei sogge6 cliend dell intermediario. Proposta delle social network analysis per evidenziare i legami tra i sogge6. Evidenze empiriche su basi dad reali.

4 Tecniche proposte in le_eratura Modelli non supervisionad Modelli supervisionad Tecniche locali Tecniche per la riduzione della dimensionalità e per l idendficazione muldvariata di valori anomali. Si veda ad esempio: Mohhiuddin Ahmed, Abdun Naser Mahmood e Md. Rafiqul Islam (2015) A survey of anomaly detecdon techiniques in financial domain in Future GeneraDon Computer Systems. Ngai, Hu, Wong, Chen e Sun (2010) The applicadon of data mining techniques in financial fraud detecdon: A classificadon framework and an accademic review of literature in Decision Support Systems

5 RiferimenD in le_eratura su data analydcs per l andriciclaggio Supporto stru_urale e analidco per gesdre un grande insieme di dad stru_urad, semi- stru_urad, non stru_urad e transazionali. Approcci presend in le_eratura: Rules- based Clustering- based ClassificaDon- based Model- based Rohit, Patel (2015), Review on detec,on of sospicious transac,on in an,- money laudering using data mining framework, InternaDonal Journal for innovadve research in Science & Technology, vol. 1, issue 8.

6 Rules based approach Harmeet Kaur Khanuja et al. (2014): proposta di metodologie forensi per idendficazione e monitoraggio delle operazioni sospe_e (Reserve Bank of India). Rajput et al. (2014): udlizzo di strumend di opinion mining e SemanDc Web Rule Language per l individuazione di operazioni sospe_e. Khan et al. (2013): Bayesian Network al fine di profilare ogni sogge_o in base ai dad sulle operazioni e variabili reladve al sogge_o. Suvasini Panigrahi et al. (2009) sistema di interrogazioni su database a_raverso l uso di regole di estrazione determinisdche per segmentare le transazioni.

7 ClassificaDon based approach Stefan Axelsson et al. (2012) propongono algoritmi di machine learning per l andriciclaggio. Applicazione in ambito di mobile money financial transacdon per la classificazione di transazioni sospe_e. Suspicious. Xingqi Wang et al. (2009), studiano un nuovo algoritmo per analizzare il problema del riciclaggio usando misure di distanza e similarità e algoritmi di minimum spanning tree clustering.

8 Model based approach Mahesh Kharote et al (2014), analisi di flussi di transazioni e delle cara_erisdche dei sogge6 per determinare un grado di rischio associato al singolo sogge_o. Manuel Meja Lavalle et al (2011), propongono un metodo per idendficare le osservazioni anomale in un insieme di transazioni e a_raverso misure di distanza idendficano transazioni inusuali. S. Larik et al. (2010), studiano algordtmi di clustering per idendficare comportamend anomali dei sogge6 e tecniche stadsdche per determinare rispe_o al comportamento medio del cluster eventuali osservazioni anomale. World Bank sugerisce due approcci: il First GeneraDon Tool basato su metodi descri6vi (in collaborazione con Asia Pacific Group) e il Second GeneraDon Tool che sfru_a le Bayesian Network per idendficare le fond di rischio.

9

10 ll lavoro analizza i bonifici dall'italia verso l'estero nel periodo Lo studio consente di individuare le osservazioni anomale. Correlazioni posidve e significadve emergono tra l'indice di anomalia dei flussi proposto dal lavoro e alcuni indicatori di criminalità nelle province di origine dei bonifici, nonché con misure di rischio e "opacità" dei paesi di desdnazione.

11 Il nostro contributo Studio di strumend di data science per l azione di prevenzione e contrasto del riciclaggio di denaro. Individuazione ed implementazione di una serie di algoritmi capaci di fare emergere il sistema di legami che interconne_ono la clientela di intermediari bancari consentendo di facilitare l idendficazione di eventuali sogge6 che si prestano a operadvità illogiche o rischiose.

12 Metodologia Social Network Analysis Clustering Sequence rules analysis

13 Social Network Analysis Una rete sociale (social network) è formata da un insieme, o da più insiemi di a_ori e dalle relazioni che li legano. La rete sociale risulta essere allora la stru_ura di relazioni le cui cara_erisdche possono essere usate per spiegare il comportamento delle persone che cosdtuiscono la rete. ElemenD della rete sono i nodi (es. Individui) e i legami. I legami sono rappresentad graficamente mediante linee, frecce o archi e possono essere di diverso Dpo.

14 Social Network Analysis ContribuD della scuola di Harvard (White) a_raverso lo studio della teoria dei grafi e dell algebra delle matrici. Sviluppo delle interpretazioni algebriche dei network e ideazione di tecniche di MulDdimensional Scaling che sfru_ano i conce6 di spazio e distanza per raffigurare i dad relazionali e per mostrare graficamente le somiglianze e le differenze tra elemend di un insieme. Le social network vengono rappresentate graficamente e sono corredate dalle stadsdche di rete (ad esempio, densità della rete, misure di centralità come degree, closeness e betweennes)

15 Sequence Rules Analysis Analisi dinamica delle sequenze di allarme rispe_o a comportamend anomali (indicatori anomalia Banca d Italia). Misure stadsdche elementari di support, confidence e liv. Misure avanzate per lo studio delle sequenze (hyperconfidence, hyperliv) Modelli grafici basad sulla link analysis

16 Alcune definizioni Il riciclaggio di denaro è l attività che ha l obiettivo di ripulire i proventi illeciti al fine di separarli dalle attività criminose che li hanno generati rendendo complesso l accertamento della loro origine. Operazione con la quale un flusso di potere d acquisto potenziale viene trasformato in potere d acquisto effettivo. Fonti normative che contengono una definizione di riciclaggio: Art.648-bis Codice Penale D.Lgs. 231/2007 art.2 16

17 Art. 648 bis codice penale Fuori dei casi di concorso nel reato, chiunque sostituisce o trasferisce denaro, beni o altre utilità provenienti da delitto non colposo, ovvero compie in relazione ad essi altre operazioni, in modo da ostacolare l'identificazione della loro provenienza delittuosa, è punito con la reclusione da quattro a dodici anni e con la multa da euro a euro La pena è aumentata quando il fatto è commesso nell'esercizio di un'attività professionale. La pena è diminuita se il denaro, i beni o le altre utilità provengono da delitto per il quale è stabilita la pena della reclusione inferiore nel massimo a cinque anni.

18 Art. 2 D.LGS. 231/2007 Ai soli fini del presente decreto le seguenti azioni, se commesse intenzionalmente, costituiscono riciclaggio: la conversione o il trasferimento di beni, effettuati essendo a conoscenza che essi provengono da un'attivita' criminosa o da una partecipazione a tale attivita', allo scopo di occultare o dissimulare l'origine illecita dei beni medesimi o di aiutare chiunque sia coinvolto in tale attivita' a sottrarsi alle conseguenze giuridiche delle proprie azioni l'occultamento o la dissimulazione della reale natura, provenienza, ubicazione, disposizione, movimento, proprieta' dei beni o dei diritti sugli stessi, effettuati essendo a conoscenza che tali beni provengono da un'attivita' criminosa o da una partecipazione a tale attivita

19 l'acquisto, la detenzione o l'utilizzazione di beni essendo a conoscenza, al momento della loro ricezione, che tali beni provengono da un'attivita' criminosa o da una partecipazione a tale attivita'; la partecipazione ad uno degli atti di cui alle lettere precedenti, l'associazione per commettere tale atto, il tentativo di perpetrarlo, il fatto di aiutare, istigare o consigliare qualcuno a commetterlo o il fatto di agevolarne l'esecuzione.

20 Il reato di riciclaggio si compone di due fasi: Commissione del reato presupposto Intervento di un soggetto diverso dall autore del reato presupposto che si preoccupa di gestire i proventi illeciti I comportamenti che possono dare origine ad atti di tipo riciclatorio sono: Conversione/Sostituzione Trasferimento Occultamento/Dissimulazione Acquisto/Detenzione/Utilizzazione 20

21 Il fenomeno nel tempo Analogia relativamente alle tecniche, evoluzione del fenomeno rispetto a meccanismi e schemi. Riciclaggio monetario: anni 70 - movimentazione e uso massiccio di denaro contante Riciclaggio bancario: anni 80 - strumenti e prodotti finanziari Riciclaggio finanziario: anni 90 - società finanziarie Riciclaggio extra-finanziario: anni professionisti e circuiti alternativi al sistema bancario 21

22 Il processo del riciclaggio Fase del collocamento (placement): dissimulazione dell origine illecita del denaro al fine di distogliere l attenzione degli organismi di controllo. Fase della stratificazione (layering): rimozione del collegamento tra i fondi e l attività che li ha generati. Fase dell integrazione ( integration): il denaro e le altre utilità vengono immesse nel mercato legale. 22

23 Antiriciclaggio Rappresenta l azione di prevenzione e contrasto del riciclaggio di denaro, beni o altre utilità, rivolgendo la sua attenzione alla ricostruzione delle vicende costitutive del flusso finanziario o della provenienza dei beni, alla identificazione dei soggetti operanti e alla effettuazione di controlli approfonditi al fine di verificare eventuali operazioni anomale. 23

24 Il D.Lgs. 231/2007 elenca i c.d. presidi antiriciclaggio come quegli strumenti utili a contrastare efficacemente il riciclaggio e il finanziamento del terrorismo. Sono rappresentati da: ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA ARCHIVIO UNICO INFORMATICO (AUI) SEGNALAZIONE OPERAZIONI SOSPETTE (SOS) SEGNALAZIONI AGGREGATE (S.AR.A.) ANTIRICICLAGGIO 24

25 Archivio Unico Informatico Archivio nel quale sono conservati tutti i dati e le informazioni acquisite nell adempimento degli obblighi di identificazione e registrazione Le informazioni contenute riguardano: OPERAZIONI RAPPORTI LEGAMI TRA SOGGETTI Sono registrate operazioni, anche frazionate, di movimentazione di denaro pari o superiori a e le informazioni riguardanti rapporti continuativi 25

26 StrumenD DaD: dataset ricavato da un flusso di dad desdnato a popolare l A.U.I. fornito, per i fini della ricerca, da un intermediario finanziario. Numerosità campionaria: dbo.aui_soggetto n = dbo.aui_operazione n = Sovware udlizzad: Microsov SQL server express RevoluDon R enterprise - revoludon analydcs UCINET 6 for windows

27 I passi dell analisi Valorizzare la mole di dad e di informazioni contenute nell Archivio Unico InformaDco. Profilare i sogge6, cliend dell intermediario, e a_ribuire ad ogni cluster un diverso grado di rischio. Evidenziare i legami implicid tra i sogge6 sulla base di operazioni bancarie.

28 ContenuD di A.U.I. TpInf 1 I dad reladvi all operazione TpInf 5 I dad reladvi al sogge_o controparte dell operazione TpInf 7 I dad reladvi al sogge_o cliente dell intermediario TpInf 8 I dad reladvi al sogge_o esecutore

29 ContenuD di A.U.I. e data quality IdenDficaDvo Registrazione Rappresenta il codice idendficadvo dell operazione inserita nel registro; è composto da una data corredata da un progressivo. IdTipoReg A_ributo di due cifre che idendfica l operazione specifica. Numero di Rapporto Codice idendficadvo del rapporto tra cliente ed intermediario.

30 Tipo Informazione 5 su Totale Operazione Tipo Informazione 5 senza Numero Rapporto su Totale operazioni con Tipo Informazione 5 Operazioni con TpInf 5 Operazioni senza TpInf 5 TpInf5 senza Rapp TpInf5 Nell ambito delle Operazioni la principale problema3ca è legata al Tipo Informazione 5: Nel primo grafico si evidenzia il peso del TpInf 5 sul totale delle Operazioni, pari al 40,79%. La totalità dei dad reladvi al TpInf 5 è sprovvista dell indicazione del Codice Fiscale. Nel secondo grafico si evidenzia come un ulteriore problema sia dato dalla mancata indicazione del Numero di Rapporto nel 4,92% dei casi sul totale delle registrazioni facend riferimento al TpInf 5.

31 RapporD con cointestazione su totale rappord Tipo Informazione 8 su Totale Operazione Rapp cointestad Rapp non cointestad TpInf 8 Operazione senza TpInf 8 Un ulteriore problema3ca è legata al Tipo Informazione 8 ed alla presenza di Rappor3 Cointesta3: Nel primo grafico si evidenzia il peso dei RapporD Co- IntestaD sul totale dei RapporD, pari al 18,79%. Nel secondo grafico il peso del TpInf 8 sul totale delle Operazioni.

32 Risoluzione ai problemi In relazione al TpInf 5 abbiamo assegnato un codice progressivo che idendfichi i differend sogge6 controparte dell operazione. Applicazione di metodi stadsdci di matching per risolvere eventuali problemi di omonimia nell a_ribuzione del codice progressivo. Necessità di indicazioni procedurali volte ad una migliore indicazione del Sogge_o Esecutore nel caso di rappord di co- intestazione.

33 Cluster Analysis Tipologia dad input variabili dummy che a_ribuiscono valori 0 o 1 sulla base degli indicatori proposd da Banca d Italia. Il campione udlizzato nella prima fase (metodo gerarchico) è pari al 10% del dataset. Il campione è stato selezionato usando procedure capaci di mantenere la rappresentadvità della popolazione. Il metodo aggregadvo usato nella prima fase (metodo gerarchico) per o_enere g (numero di gruppi), è il metodo di Ward, il quale è dire_o alla minimizzazione della varianza interna ai gruppi. Al fine di o_enere la clusterizzazione dell intera base dad è stato udlizzato un algoritmo non gerarchico basato sul metodo delle k medie.

34 Cluster Analysis: RisultaD Linea guida: Provvedimento recante gli indicatori di anomalia per gli intermediari

35 Social Network Analysis 1. Rilevazione dei legami esplicid traducendo le informazioni contenute nel database in matrici di adiacenza. 2. Rappresentazione grafica e analisi della rete o_enuta. 3. Applicazione proprietà algebriche ricavate dall analisi del network e dal processo intuidvo. 4. IdenDficazione e interpretazione dei legami nascosd in o6ca di andriciclaggio. 5. Creazione delle matrici di adiacenza per la rappresentazione dei legami implicid. 6. Analisi del network ricavato.

36 Social Network Analysis: risultato

37

38 Misure di centralità

39 Bonifici: RisultaD

40 Analisi deleghe: RisultaD

41 Link Analysis: risultad per cluster I CLUSTER II CLUSTER III CLUSTER IV CLUSTER

42 Integrazione tra social network analysis e cluster: risultad

43 Sviluppi in corso Evoluzione grafica della rete sociale sulla base dell evoluzione dal tempo t al tempo t+1 dei rappord e delle operadvità tra i sogge6 Rete Dinamica. Introduzione di modelli di classificazione supervisionata alternadvi alla cluster e di tecniche di ensemble per il miglioramento della capacità discriminatoria, predi6va e della stabilità dei risultad.

44 Conclusioni A_raverso la nostra proposta metodologica è possibile fare emergere importand informazioni e sopra_u_o relazioni non note a priori tra sogge6 e operazioni in o6ca di andriciclaggio. Tali legami sono il fru_o di movimentazioni sospe_e di denaro tra più sogge6, che una semplice le_ura dell AUI e modelli stadsdci tradizionali (ancora meno gli approcci basad su criteri determinisdci) non avrebbero mai potuto mostrare. Appare necessario migliorare la qualità del dato alla fonte, integrandolo con informazioni aggiundve che potrebbero perme_ere di fare emergere in modo più agevole dei legami muldpli tra i sogge6 e ulteriori informazioni. Riteniamo che la nostra proposta metodologica possa essere di interesse per le IsDtuzioni per il contrasto al riciclaggio e a tale proposito auspichiamo chele potenzialità del nostro contributo vengano sperimentate per la lo_a al riciclaggio.

45 Data science and social network analysis for An3- Money Laundering Silvia Figini Collaboratori: Ma<a Andreosso, Umberto Gilardi, Nicolò Quilico Università degli Studi di Pavia

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE FAMIGLIA DI REATI REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 10 della Legge 16 marzo 2006, n. 146 - "ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO - Premessa: i delitti di riciclaggio e impiego di denaro ed utilità di provenienza illecita art 648-bis c.p. (Riciclaggio) Fuori dei casi di

Dettagli

Il Sistema Primo Network per la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio sul piano finanziario

Il Sistema Primo Network per la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio sul piano finanziario Il Sistema Primo Network per la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio sul piano finanziario 1 Definizione di riciclaggio di denaro Il riciclaggio di denaro è l'azione di re-immissione di profitti,

Dettagli

Adeguata verifica e segnalazione di operazioni sospette

Adeguata verifica e segnalazione di operazioni sospette CONVEGNO Il Notariato parte attiva del sistema antiriciclaggio Incontro con le altre Istituzioni impegnate nella difesa della legalità: esperienze, problematiche, contributi, istruzioni operative Roma,

Dettagli

A.L.I. - SEDE NAZIONALE Via XX Settembre, n. 27-06121 Perugia Tel. +39.075.5736035 Fax +39.075.7827074 - Mobile +39.3402878053

A.L.I. - SEDE NAZIONALE Via XX Settembre, n. 27-06121 Perugia Tel. +39.075.5736035 Fax +39.075.7827074 - Mobile +39.3402878053 A.L.I. - SEDE NAZIONALE Via XX Settembre, n. 27-06121 Perugia Tel. +39.075.5736035 Fax +39.075.7827074 - Mobile +39.3402878053 www.associazionelegaliitaliani.it C.F. 94108090542 L antiriciclaggio è prima

Dettagli

Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda

Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda Premesse La normativa mira a prevenire l'utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI (parte prima) 1 LE FONTI NORMATIVE 2 LE FONTI NORMATIVE 1. Dir. 91/308/CE (c.d. prima direttiva antiriciclaggio) Prevenzione dell uso del sistema

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE dei DOTTORI COMMERCIALISTI Consigliere Delegato all Antiriciclaggio Giovanni Stella

CONSIGLIO NAZIONALE dei DOTTORI COMMERCIALISTI Consigliere Delegato all Antiriciclaggio Giovanni Stella CONSIGLIO NAZIONALE dei DOTTORI COMMERCIALISTI Consigliere Delegato all Antiriciclaggio Giovanni Stella GLI OBBLIGHI ANTIRICICLAGGIO: GUIDA PRATICA PER IL DOTTORE COMMERCIALISTA Elaborato predisposto dall

Dettagli

Ordine avvocati Gorizia

Ordine avvocati Gorizia Ordine avvocati Gorizia La responsabilità penale del promotore finanziario Gorizia 21 novembre 2014 Art. 31 TUF dlgvo 24 febbraio 1998 n. 58 E' promotore finanziario la persona fisica che, in qualita di

Dettagli

procedura di segnalazioni di operazioni sospette. Il ruolo dei vertici delle banche è cruciale: il contrasto al riciclaggio

procedura di segnalazioni di operazioni sospette. Il ruolo dei vertici delle banche è cruciale: il contrasto al riciclaggio Newsletter sull Antiriciclaggio PERIODICO DI INFORMAZIONE, AGGIORNAMENTO, COMMENTO In questo numero: editoriale a cura del Dipartimento Nazionale Contrattuale Legale Uilca cosa dice il Contratto Nazionale

Dettagli

Normativa Antiriciclaggio

Normativa Antiriciclaggio Tecno Press Srl Normativa Antiriciclaggio Sintesi dei principali adempimenti per gli Agenti Immobiliari D. Lgs. 231/07 Ver. 1.2.1 INDICE Art. 2. Definizioni di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo

Dettagli

RICI C CL C A L G A GIO:

RICI C CL C A L G A GIO: ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI Annalisa DE VIVO IL SISTEMA DI PREVENZIONE DEL RICICLAGGIO Antiriciclaggio: normativa e adempimenti per i professionisti 2 IL SISTEMA DI PREVENZIONE

Dettagli

Brokeraggio assicurativo e. d.lgs. 231/2007 e reg. ISVAP 41/2012. Avv. Francesco Santi Studio legale Santi e partners

Brokeraggio assicurativo e. d.lgs. 231/2007 e reg. ISVAP 41/2012. Avv. Francesco Santi Studio legale Santi e partners Brokeraggio assicurativo e normativa antiriciclaggio d.lgs. 231/2007 e reg. ISVAP 41/2012 1 Sezione prima Il fenomeno criminale 2 Il fenomeno criminale Il fenomeno del riciclaggio «Il riciclaggio è la

Dettagli

REGOLAMENTO ANTIRICICLAGGIO

REGOLAMENTO ANTIRICICLAGGIO REGOLAMENTO ANTIRICICLAGGIO 1-PREMESSA 1.1 - In conformità con le disposizioni normative di prevenzione e contrasto del fenomeno del riciclaggio e del finanziamento internazionale del terrorismo di cui

Dettagli

Progetto formativo in Esperto in Politiche per la Legalità e lo Sviluppo nell Area del Mediterraneo

Progetto formativo in Esperto in Politiche per la Legalità e lo Sviluppo nell Area del Mediterraneo Università degli Studi di Palermo Centro interdipartimentale di Studi Europei e Comparatistici G. Martino G.Criscuoli C.I.S.E.COM Progetto formativo in Esperto in Politiche per la Legalità e lo Sviluppo

Dettagli

IL RICICLAGGIO NEL D.LGS. 231/2007. NOZIONE, AMBITO OPERATIVO E SOGGETTI DESTINATARI

IL RICICLAGGIO NEL D.LGS. 231/2007. NOZIONE, AMBITO OPERATIVO E SOGGETTI DESTINATARI IL NEL D.LGS. 231/2007. NOZIONE, AMBITO OPERATIVO E SOGGETTI DESTINATARI L Autore prende in esame la disciplina del riciclaggio prevista nel D.Lgs. n. 231/2007, soffermandosi altresì sulla normativa internazionale

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO IL RICICLAGGIO CONSISTE NEL RIMETTERE IN CIRCOLAZIONE NELL ECONOMIA LEGALE DENARO DERIVANTE DA ATTIVITA ILLECITA

ANTIRICICLAGGIO IL RICICLAGGIO CONSISTE NEL RIMETTERE IN CIRCOLAZIONE NELL ECONOMIA LEGALE DENARO DERIVANTE DA ATTIVITA ILLECITA Antiriciclaggio ANTIRICICLAGGIO IL RICICLAGGIO CONSISTE NEL RIMETTERE IN CIRCOLAZIONE NELL ECONOMIA LEGALE DENARO DERIVANTE DA ATTIVITA ILLECITA L AUTORE DEL REATO NON DEVE AVER CONCORSO NEL REATO PRESUPPOSTO,

Dettagli

Tendenze evolutive in materia di antiriciclaggio L esperienza del N.A.G. di Milano

Tendenze evolutive in materia di antiriciclaggio L esperienza del N.A.G. di Milano NAS - Rischi operativi e di compliance Tendenze evolutive in materia di antiriciclaggio L esperienza del N.A.G. di Milano Nicola Mainieri - Coordinatore Nucleo a supporto Autorità Giudiziaria Ispettorato

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI A cura di Davide Giampietri a cura di Davide Giampietri 2 Le fonti normative: un cantiere senza fine Norme Comunitarie Norme Nazionali I - Direttiva n. 91/308/CEE

Dettagli

GLI OBBLIGHI DI SEGNALAZIONE DELLE OPERAZIONI SOSPETTE

GLI OBBLIGHI DI SEGNALAZIONE DELLE OPERAZIONI SOSPETTE LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO PER I PROFESSIONISTI GLI OBBLIGHI DI SEGNALAZIONE DELLE OPERAZIONI SOSPETTE Dott.sa LUCIA STAROLA Presidente Commissione Antiriciclaggio CNDCEC Torino, 11 Ottobre 2012 1 PIANO

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 5/2013

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 5/2013 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 5/2013 SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN TEMA DI ADEMPIMENTO DEGLI OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA E DI REGISTRAZIONE DA PARTE DELLE

Dettagli

Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio

Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio 1 La normativa Il D. lgs. 231/07 ha dato attuazione

Dettagli

Dott.ssa Annalisa DE VIVO

Dott.ssa Annalisa DE VIVO ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER GLI STUDI PROFESSIONALI Dott.ssa Annalisa DE VIVO IL SISTEMA DI PREVENZIONE DEL RICICLAGGIO 2 Antiriciclaggio: normativa e adempimenti per gli studi professionali

Dettagli

Sanzioni ed effetti penali della Voluntary disclosure. di Antonio Iorio

Sanzioni ed effetti penali della Voluntary disclosure. di Antonio Iorio Sanzioni ed effetti penali della Voluntary disclosure di Antonio Iorio Benefici: Riduzione delle sanzioni amministrative relative all omessa compilazione del quadro RW (art. 5-quinquies, comma 2 del D.L.

Dettagli

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO PER I PROFESSIONISTI

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO PER I PROFESSIONISTI NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO PER I PROFESSIONISTI INDICE: - Concetto di riciclaggio Pag. 2 - Disciplina nazionale in materia di riciclaggio Pag. 4 - Le autorità competenti in materia di antiriciclaggio Pag.

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO BASE Mercoledì 29 ottobre 2014 c/o Palazzo delle Opere Sociali Piazza Duomo, 2 Vicenza

ANTIRICICLAGGIO BASE Mercoledì 29 ottobre 2014 c/o Palazzo delle Opere Sociali Piazza Duomo, 2 Vicenza ANTIRICICLAGGIO BASE Mercoledì 29 ottobre 2014 c/o Palazzo delle Opere Sociali Piazza Duomo, 2 Vicenza Relatore: Andrea Onori Dottore Commercialista - Revisore Legale in Vicenza L Antiriciclaggio Le fonti:

Dettagli

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3).

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3). IITALIAN PENAL CODE Art. 416 Codice Penale. Associazione per delinquere. 416. Associazione per delinquere (1). Quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti [c.p. 576, n. 4],

Dettagli

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento:

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: MOG 231 - PSG COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE

Dettagli

Antiriciclaggio: istruzioni per l uso

Antiriciclaggio: istruzioni per l uso Antiriciclaggio: istruzioni per l uso Vademecum operativo sul Decreto Legislativo n. 231/2007 Antiriciclaggio: istruzioni per l uso Vademecum operativo sul Decreto Legislativo n. 231/2007 ODCEC di Roma

Dettagli

Comitato scientifico. Presidente del comitato: Raffaele Marcello. Membri del comitato:

Comitato scientifico. Presidente del comitato: Raffaele Marcello. Membri del comitato: 1 1 Comitato scientifico Presidente del comitato: Raffaele Marcello Membri del comitato: Nicola Lucido, Marcello Pollio, Fabrizio Poggiani, Alessandro Pescari, Anna Maria Loia. Presentazione Unagraco L

Dettagli

Glossario Antiriciclaggio

Glossario Antiriciclaggio Pagina 1 di 7 Glossario Antiriciclaggio Adeguata Verifica Amministrazioni interessate Archivio Unico Informatico Autorità di Vigilanza di Settore Banca di Comodo CAP Cliente Conti di passaggio Dati identificativi

Dettagli

Genova, 3 novembre 2014 Sala Quadrivium. Le ultime novità in tema di antiriciclaggio. Dott. Marco Abbondanza

Genova, 3 novembre 2014 Sala Quadrivium. Le ultime novità in tema di antiriciclaggio. Dott. Marco Abbondanza Genova, 3 novembre 2014 Sala Quadrivium Le ultime novità in tema di antiriciclaggio Dott. Marco Abbondanza 1 La gestione dell antiriciclaggio NORMATIVA IN VIGORE D.Lgs. 231/07 ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI

Dettagli

GLI OBBLIGHI ANTIRICICLAGGIO (D.LGS. 231/2007)

GLI OBBLIGHI ANTIRICICLAGGIO (D.LGS. 231/2007) GLI OBBLIGHI ANTIRICICLAGGIO (D.LGS. 231/2007) avv. Francesco Giancola 1 Normativa antiriciclaggio importante presidio per: - contrastare le frodi internazionali e nelle fatturazioni (Comunicazione UIF

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUI POSSIBILI FENOMENI DI RICICLAGGIO CONNESSI

INDAGINE CONOSCITIVA SUI POSSIBILI FENOMENI DI RICICLAGGIO CONNESSI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONI RIUNITE FINANZE E TESORO INDAGINE CONOSCITIVA SUI POSSIBILI FENOMENI DI RICICLAGGIO CONNESSI ALL IMMINENTE CIRCOLAZIONE DELL EURO NEL NOSTRO PAESE Audizione dell Associazione

Dettagli

CONVEGNO ANTIRICICLAGGIO & VOLUNTARY DISCLOSURE

CONVEGNO ANTIRICICLAGGIO & VOLUNTARY DISCLOSURE COPYRIGHT ALAVIE SRL RIPRODUZIONE VIETATA CONVEGNO ANTIRICICLAGGIO & VOLUNTARY DISCLOSURE Consulenza Formazione Dott. Stefano Germagnoli 15/06/2015 1 1 Supporto Bologna, 16/06/2015 CHI SIAMO CHI E ALAVIE?

Dettagli

PARTE SPECIALE F REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA

PARTE SPECIALE F REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 PARTE SPECIALE F REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA

Dettagli

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012 REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, PROCEDURE E CONTROLLI INTERNI VOLTI A PREVENIRE L UTILIZZO DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO 17 febbraio 2011. Determinazione degli indicatori di anomalia al fine di agevolare l individuazione delle operazioni sospette di riciclaggio da parte di talune categorie

Dettagli

Policy di MPS Capital Services Banca per le Imprese S.p.A. in materia di Antiriciclaggio e Contrasto al Finanziamento del.

Policy di MPS Capital Services Banca per le Imprese S.p.A. in materia di Antiriciclaggio e Contrasto al Finanziamento del. Policy di MPS Capital Services Banca per le Imprese S.p.A. in materia di Antiriciclaggio e Contrasto al Finanziamento del Terrorismo (Direttiva 2005/60/CE, Direttiva 2006/70/CE, D.Lgs. 231/2007, D.Lgs.

Dettagli

CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE IN COMPLIANCE ANTIRICICLAGGIO

CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE IN COMPLIANCE ANTIRICICLAGGIO CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE IN COMPLIANCE ANTIRICICLAGGIO Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Modulo 2 Paolo Ciarrocchi 1 INDICE Quadro normativo Normativa antiriciclaggio europea Direttive

Dettagli

Documento per la consultazione

Documento per la consultazione Documento per la consultazione Provvedimento recante disposizioni attuative in materia di adeguata verifica della clientela, ai sensi dell art. 7, comma 2, del Decreto Legislativo 21 novembre 2007, n.

Dettagli

COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi. Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola

COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi. Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola 1 AGENDA: 1. Premessa 2. La funzione compliance 3. La funzione antiriciclaggio 4. Integrazione

Dettagli

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 1. Le norme antiriciclaggio previste dal decreto legislativo n. 231 del 21 novembre 2007: applicabilità al nuovo reato di autoriciclaggio pag.

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 03301 Roma, 14 dicembre 2007 Com. n. 22 OGGETTO: Disposizioni di attuazione della III Direttiva comunitaria in materia di prevenzione dell utilizzo del

Dettagli

Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento

Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento Claudio Clemente Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF) Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento Convegno «Economia illegale

Dettagli

POLICY ANTIRICICLAGGIO. (Ediz. luglio 2011)

POLICY ANTIRICICLAGGIO. (Ediz. luglio 2011) POLICY ANTIRICICLAGGIO (Ediz. luglio 2011) INDICE 1 OBBIETTIVI 4 1.1 Obbiettivi 4 1.2 Generalità 4 1.3 Aspetti giuridici 5 1.4 Intermediari finanziari 6 1.5 Responsabilità amministrativa Ex D.Lgs. 231/2001

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO DOMANDE E RISPOSTE A SUPPORTO DEGLI AGENTI IN ATTIVITA FINANZIARIA * * * PREMESSA: le presenti F.A.Q. costituiscono un ulteriore supporto all operatività, avendo l obiettivo di

Dettagli

Il Regolamento IVASS sull adeguata verifica della clientela. Marcello Luberti IVASS

Il Regolamento IVASS sull adeguata verifica della clientela. Marcello Luberti IVASS Il Regolamento IVASS sull adeguata verifica della clientela Marcello Luberti IVASS ANIA - Roma 22 ottobre 2014 1 1) I nuovi elementi portati dal regolamento IVASS n.5/2014 Con l emanazione, il 21 luglio

Dettagli

Dispensa Antiriciclaggio (Aggiornata ai provvedimenti di maggio 2012) Di Filippo Gazzola

Dispensa Antiriciclaggio (Aggiornata ai provvedimenti di maggio 2012) Di Filippo Gazzola Dispensa Antiriciclaggio (Aggiornata ai provvedimenti di maggio 2012) Di Filippo Gazzola Introduzione Benvenuti alla lettura sulla normativa in materia di antiriciclaggio ; questa dispensa si pone l obiettivo

Dettagli

12. TIPOLOGIE, METODI E TREND

12. TIPOLOGIE, METODI E TREND AGENZIA DI INFORMAZIONE FINANZIARIA RELAZIONE SULLE ATTIVITA SVOLTE NELL ANNO 2010 1 12. TIPOLOGIE, METODI E TREND Tra le funzioni incluse nel mandato del GAFI e del MONEYVAL rientrano anche l individuazione

Dettagli

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 Studio Legale avv. Paolo Savoldi Bergamo, Via G. Verdi 14 Oggetto del Decreto 231/01 Il Decreto 231/01

Dettagli

L utilizzo indebito on line delle carte di credito: problematiche procedurali ed investigative. Dr. Cesare Parodi Procura della Repubblica di Torino

L utilizzo indebito on line delle carte di credito: problematiche procedurali ed investigative. Dr. Cesare Parodi Procura della Repubblica di Torino L utilizzo indebito on line delle carte di credito: problematiche procedurali ed investigative Dr. Cesare Parodi Procura della Repubblica di Torino Il fenomeno carte Italia 36 ml bancomat 34 ml carte 9

Dettagli

AML CERTIFICATE. Progetto Certificazione AIRA AML Certificate AIRA - ASSOCIAZIONE ITALIANA RESPONSABILI ANTIRICICLAGGIO. www.amlcertificate.

AML CERTIFICATE. Progetto Certificazione AIRA AML Certificate AIRA - ASSOCIAZIONE ITALIANA RESPONSABILI ANTIRICICLAGGIO. www.amlcertificate. AIRA - ASSOCIAZIONE ITALIANA RESPONSABILI ANTIRICICLAGGIO AML CERTIFICATE INDICE 1. PREMESSA.2 2. AIRA E UNIVERSITÀ DI PISA.2 3. CHE COSA E AML CERTIFICATE.3 I. AML Certificate1 Responsabili Funzione Antiriciclaggio

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA PARTE SPECIALE F REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA INDICE F.1 DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENARALI DI COMPORTAMENTO... 3 F.2

Dettagli

Marketing relazionale

Marketing relazionale Marketing relazionale Introduzione Nel marketing intelligence assume particolare rilievo l applicazione di modelli predittivi rivolte a personalizzare e rafforzare il legame tra azienda e clienti. Un azienda

Dettagli

CONVEGNO 8 marzo 2012. La segnalazione di operazioni sospette e i nuovi limiti alla circolazione del contante.

CONVEGNO 8 marzo 2012. La segnalazione di operazioni sospette e i nuovi limiti alla circolazione del contante. CONVEGNO 8 marzo 2012 La segnalazione di operazioni sospette e i nuovi limiti alla circolazione del contante. D. Lgs. 231/2007 Sulla base del principio «CONOSCI IL TUO CLIENTE», la legge antiriciclaggio

Dettagli

checkonly4you - Progetto D.Lgs. 231/2007 per SIM di Consulenza

checkonly4you - Progetto D.Lgs. 231/2007 per SIM di Consulenza L imminente applicazione del provvedimento definitivo recante disposizioni attuative per la tenuta dell Archivio Unico Informatico, conseguente all adozione del Decreto Legislativo n. 231 del 21 novembre

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO. Analisi Dati per la Business Intelligence e Data Science. IV edizione 2015/2016

MASTER UNIVERSITARIO. Analisi Dati per la Business Intelligence e Data Science. IV edizione 2015/2016 MASTER UNIVERSITARIO Analisi Dati per la Business Intelligence e Data Science In collaborazione con IV edizione 2015/2016 Dipartimento di Culture, Politica e Società Dipartimento di Informatica Dipartimento

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI (parte seconda) 1 MISURE ULTERIORI: LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE FORMAZIONE 2 Il divieto (art. 49, co. 1, d.lgs. 231/2007) È vietato il

Dettagli

FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO

FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO FAMIGLIA DI REATI FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 25 bis disciplina le ipotesi in cui

Dettagli

Data mining e rischi aziendali

Data mining e rischi aziendali Data mining e rischi aziendali Antonella Ferrari La piramide delle componenti di un ambiente di Bi Decision maker La decisione migliore Decisioni Ottimizzazione Scelta tra alternative Modelli di apprendimento

Dettagli

Versione 1.0 del 21 dicembre 2012 POLITICA ANTIRICICLAGGIO

Versione 1.0 del 21 dicembre 2012 POLITICA ANTIRICICLAGGIO del 21 dicembre 2012 POLITICA ANTIRICICLAGGIO 2 di 12 Indice generale 1. PREMESSA... 3 2. FONTI NORMATIVE... 4 3. LA CONOSCENZA DEL CLIENTE... 5 3.1 Obbligo di adeguata verifica della Clientela... 5 3.2

Dettagli

CONTRATTO DI STOCCAGGIO ANNO TERMICO 2015/2016. tra

CONTRATTO DI STOCCAGGIO ANNO TERMICO 2015/2016. tra CONTRATTO DI STOCCAGGIO ANNO TERMICO 2015/2016 Stipulato a Crema in data tra STOGIT S.p.A. Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Snam S.p.A. Società con socio unico, con sede legale

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com. Il processo di KDD

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com. Il processo di KDD Il processo di KDD Introduzione Crescita notevole degli strumenti e delle tecniche per generare e raccogliere dati (introduzione codici a barre, transazioni economiche tramite carta di credito, dati da

Dettagli

TRACCE, IMPRONTE & ARCHIVI FINANZIARI Paure per la privacy, speranze per la trasparenza. Dentro e oltre le banche dati: le isole dei tesori

TRACCE, IMPRONTE & ARCHIVI FINANZIARI Paure per la privacy, speranze per la trasparenza. Dentro e oltre le banche dati: le isole dei tesori TRACCE, IMPRONTE & ARCHIVI FINANZIARI Paure per la privacy, speranze per la trasparenza. Dentro e oltre le banche dati: le isole dei tesori Claudio Clemente Direttore dell Unità di Informazione Finanziaria

Dettagli

Materiale didattico. Antiriciclaggio. a cura di Antonio Gigliotti

Materiale didattico. Antiriciclaggio. a cura di Antonio Gigliotti Materiale didattico Antiriciclaggio a cura di Antonio Gigliotti Parma, 16 marzo 2011 Indice 1. REATI DI RICICLAGGIO DI IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA Antiriciclaggio pag. 4 1.

Dettagli

La norma: art. 648-bis c.p.:

La norma: art. 648-bis c.p.: Il trasferimento e la detenzione di capitali all estero Dal reato di riciclaggio al reato di autoriciclaggio Prof. Avv. Roberto Cordeiro Guerra 13 marzo 2015 Riciclaggio e reati tributari La norma: art.

Dettagli

MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA

MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (INSTAURAZIONE/AGGIORNAMENTO RAPPORTO CONTINUATIVO) (per società, enti giuridici, ditte individuali etc.) (Artt. 15 e ss. D. lgs. 231/2007)

Dettagli

POLICY. Prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo. (Estratto) Consiglio di Amministrazione

POLICY. Prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo. (Estratto) Consiglio di Amministrazione POLICY Prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo (Estratto) Numero / Anno POL 01 / 2013 Versione 1.0 Stato Proponente Approvazione Emittente Approvato Antiriciclaggio Consiglio

Dettagli

ISTRUZIONE N.2 PER LA VALUTAZIONE DEL FATTORE DI RISCHIO E DEGLI OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA

ISTRUZIONE N.2 PER LA VALUTAZIONE DEL FATTORE DI RISCHIO E DEGLI OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA ISTRUZIONE N.2 PER LA VALUTAZIONE DEL FATTORE DI RISCHIO E DEGLI OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA Il Presidente dell Autorità di Informazione Finanziaria Vista la Legge vaticana 30 dicembre 2010 n. CXXVII

Dettagli

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 PROTOCOLLO DI COMPLIANCE 5 PREVENZIONE DAI REATI DI FALSITA IN MONETE E VALORI APPROVATO ED ADOTTATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 17 MAGGIO 2011

Dettagli

SQL Server. Applicazioni principali

SQL Server. Applicazioni principali SQL Server Introduzione all uso di SQL Server e utilizzo delle opzioni OLAP Applicazioni principali SQL Server Enterprise Manager Gestione generale di SQL Server Gestione utenti Creazione e gestione dei

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007, N. 231 (PUBBLICATO NELLA G.U. N. 290 DEL 14 DICEMBRE 2007, S.O. N. 268) ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA

Dettagli

TRACCIABILITÀ dei MOVIMENTI FINANZIARI NOVITÀ della MANOVRA di FERRAGOSTO

TRACCIABILITÀ dei MOVIMENTI FINANZIARI NOVITÀ della MANOVRA di FERRAGOSTO Circolare n. 15/2011 TRACCIABILITÀ dei MOVIMENTI FINANZIARI NOVITÀ della MANOVRA di FERRAGOSTO In questa Circolare 1. Limitazioni all'uso del contante 2. Assegni e libretti al portatore 3. Segnalazione

Dettagli

Allegato B. Mappatura delle Aree a rischio reato

Allegato B. Mappatura delle Aree a rischio reato Allegato B Mappatura delle Aree a rischio reato Reati nei rapporti con la Pubblica Amministrazione L art. 6, comma 2, lett. a) del d.lgs. 231/2001 indica, come uno degli elementi essenziali dei modelli

Dettagli

Corso Rete Unifin. Torino, 31 Agosto 2011

Corso Rete Unifin. Torino, 31 Agosto 2011 Corso Rete Unifin Torino, 31 Agosto 2011 Indice 1. Il concetto di riciclaggio e l autoriciclaggio. 2. Soggetti internazionali e nazionali di lotta antiriciclaggio 3. Principali destinatari degli obblighi.

Dettagli

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE OPERAZIONI SOSPETTE

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE OPERAZIONI SOSPETTE PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE OPERAZIONI SOSPETTE 1 La presente procedura definisce l iter operativo che deve essere seguito per la segnalazione delle operazioni finanziarie individuate come sospette secondo

Dettagli

La legge antiriciclaggio per collaboratori ed i dipendenti dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili CASI PRATICI E SOLUZIONI PROBLEMATICHE

La legge antiriciclaggio per collaboratori ed i dipendenti dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili CASI PRATICI E SOLUZIONI PROBLEMATICHE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La legge antiriciclaggio per collaboratori ed i dipendenti dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili CASI PRATICI E SOLUZIONI PROBLEMATICHE Relatore: Antonio Fortarezza

Dettagli

Legge federale concernente l attuazione delle Raccomandazioni rivedute del Gruppo d azione finanziaria

Legge federale concernente l attuazione delle Raccomandazioni rivedute del Gruppo d azione finanziaria Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Legge federale concernente l attuazione delle Raccomandazioni rivedute del Gruppo d azione finanziaria del 3 ottobre 2008 L Assemblea federale

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO E LE SUE IMPLICAZIONI SULL ATTIVITA LAVORATIVA

LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO E LE SUE IMPLICAZIONI SULL ATTIVITA LAVORATIVA AZIENDA CON SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ CERTIFICATO DA DNV = UNI EN ISO 9001:2008 = = UNI 10948:2001 = LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO E LE SUE IMPLICAZIONI SULL ATTIVITA LAVORATIVA Cosa si intende

Dettagli

Corporate Law Alert AGGIORNAMENTO NORMATIVO: I NUOVI REATI PRESUPPOSTO EX D.LGS. 231/2001

Corporate Law Alert AGGIORNAMENTO NORMATIVO: I NUOVI REATI PRESUPPOSTO EX D.LGS. 231/2001 Corporate Law Alert SETTEMBRE 2013 AGGIORNAMENTO NORMATIVO: I NUOVI REATI PRESUPPOSTO EX D.LGS. 231/2001 Con l articolo 9 comma 2 del D.L. 14 agosto 2013, n. 93 recante Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 Parte Speciale E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers.

Dettagli

L evoluzione della normativa antiriciclaggio

L evoluzione della normativa antiriciclaggio L evoluzione della normativa antiriciclaggio 1991: Direttiva n.91/308/cee (c.d. prima direttiva antiriciclaggio: obblighi di prevenzione solo in capo ad enti creditizi e finanziari); 1991: D.L. 143/91,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO

MASTER UNIVERSITARIO MASTER UNIVERSITARIO Analisi Dati per la Business Intelligence In collaborazione con II edizione 2013/2014 Dipartimento di Culture, Politica e Società Dipartimento di Informatica gestito da aggiornato

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: OBBLIGHI E RESPONSABILITÀ LA NORMATIVA E LE RECENTI NOVITÀ LEGISLATIVE. Diritto delle Banche e dei Mercati Finanziari

ANTIRICICLAGGIO: OBBLIGHI E RESPONSABILITÀ LA NORMATIVA E LE RECENTI NOVITÀ LEGISLATIVE. Diritto delle Banche e dei Mercati Finanziari Scuola di Diritto Scuola di Economia e Management Diritto delle Banche e dei Mercati Finanziari Anno Accademico 2014/2015 ANTIRICICLAGGIO: OBBLIGHI E RESPONSABILITÀ LA NORMATIVA E LE RECENTI NOVITÀ LEGISLATIVE

Dettagli

Dottore, posso pagarla in contanti? Si, ma

Dottore, posso pagarla in contanti? Si, ma Sul forum Odontoiatria fiscale nel portale dedicato agli Odontoiatri italiani Odontoline.it, del quale sono moderatore, è stato a più riprese discusso il tema della limitazione all uso dei contanti, in

Dettagli

COMUNICATO BANCA D ITALIA DEL 21/03/07 (Disposizioni Allegate)

COMUNICATO BANCA D ITALIA DEL 21/03/07 (Disposizioni Allegate) RACCOLTA DEL RISPARMIO DEI SOGGETTI DIVERSI DALLE BANCHE COMUNICATO BANCA D ITALIA DEL 21/03/07 (Disposizioni Allegate) (G.U. N. 96 DEL 26/04/2007) Disposizioni di carattere generale Raccolta del risparmio

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 PARTE SPECIALE F REATI DI FALSITA' IN MONETE IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E SEGNI

Dettagli

EDIZIONE 1.0-2 marzo 2015

EDIZIONE 1.0-2 marzo 2015 Ruolo dell Organismo di Vigilanza nell ambito della normativa antiriciclaggio (d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231) EDIZIONE 1.0-2 marzo 2015 Il documento è stato elaborato da un Gruppo di studio composto

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA

MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA POLIZZA DI ASSICURAZIONE N. Instaurazione nuovo rapporto continuativo da: Riscatto Totale Riscatto Parziale Scadenza* Sinistro* (*) Nei

Dettagli

EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO

EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO (Artt. 11-21 Decreto legge 25 settembre 2001, n. 350, convertito,

Dettagli

MEMENTO. Enterprise Fraud Management systems

MEMENTO. Enterprise Fraud Management systems MEMENTO Enterprise Fraud Management systems Chi è MEMENTO Fondata nel 2003 Sede a Burlington, MA Riconosciuta come leader nel settore in forte espansione di soluzioni di Enterprise Fraud Management Tra

Dettagli

LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE ED ASSEGNI

LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE ED ASSEGNI LUCIA STAROLA LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE ED ASSEGNI D.lgs. 231/07, art. 49, comma 1, È vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli

Dettagli

Disegno di legge recante. disposizioni in materia di auto-riciclaggio (AS 1642)

Disegno di legge recante. disposizioni in materia di auto-riciclaggio (AS 1642) SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONI RIUNITE 2^ GIUSTIZIA E 6^ FINANZE E TESORO Disegno di legge recante disposizioni in materia di auto-riciclaggio (AS 1642) Audizione del Direttore dell Unità di Informazione

Dettagli

Direttiva 2001/97/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 4 dicembre 2001

Direttiva 2001/97/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 4 dicembre 2001 Direttiva 2001/97/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 4 dicembre 2001 recante modifica della direttiva 91/308/CEE del Consiglio relativa alla prevenzione dell'uso del sistema finanziario a scopo

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO, DEL 26 OTTOBRE 2005, CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA FINANZIARIO

Dettagli

L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale del 13 dicembre 2013 1, decreta:

L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale del 13 dicembre 2013 1, decreta: Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 18.02.2014 Legge federale concernente l attuazione delle Raccomandazioni del Gruppo d azione finanziaria rivedute nel 2012 del L Assemblea federale

Dettagli