Annuario R&S Principali operatori delle telecomunicazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Annuario R&S 2014. Principali operatori delle telecomunicazioni 2009-2013"

Transcript

1 Annuario R&S 2014 Principali operatori delle telecomunicazioni Confronto fra le monografie pubblicate da R&S sui sei maggiori operatori delle telecomunicazioni italiani nel quinquennio ed i principali peer europei. Summary Nel 2013 il settore delle telecomunicazioni ha rappresentato il 2,2% del Pil italiano, il 2,05% della spesa delle famiglie e il 5,8% degli investimenti complessivi. Nel 2013 i ricavi del settore telefonico italiano sono stati pari a 34,5 miliardi di euro (-10,8% sul e - 21,3% sul ), ugualmente suddivisi tra rete fissa e mobile (17 mld ciascuno). In contrazione sia i ricavi della rete mobile (-13,9% sul e -23,6% sul ) che quelli della rete fissa (-7,4% sul e -18,9% sul ) pur con dinamiche diverse dei volumi di traffico: in diminuzione del 14,1% sul e del 35,3% sul i minuti sul fisso, in crescita dell 8,5% quelli del mobile (+36% sul ). Nel periodo -13 il numero dei clienti della rete mobile è aumentato del 7,2% a discapito degli accessi alla rete fissa (voce più dati) in contrazione del 7,1%; gli accessi in banda larga su rete fissa sono invece aumentati del 15%. Tuttavia rispetto al si registrano flessioni tanto negli accessi alla rete fissa (-2,6%) che a quella mobile (-0,3%); solo gli accessi alla banda larga segnano un progresso (+1,6%). Quanto alle quote di mercato in Italia a fine 2013: Nel mobile (inclusi MVNO): Telecom Italia 32,2% (-1,9 p.p. sul ), Vodafone Italia 28,7% (-4,3 p.p. sul ), Wind 23% (+2,7 p.p.), 3 Italia 10% (+0,2 p.p.), PosteMobile 2,9% (+1,7 p.p.), Fastweb 0,8% (+0,5 p.p.); le quote degli operatori MVNO sono passate dal 2,7% del al 5,4% del 2013 delle SIM complessive Nel fisso (voce + dati): Telecom Italia 63,1% (-10,4 p.p sul ), Wind 13,5% (+3,6 p.p.), Vodafone Italia (9,5%, +3 p.p.), Fastweb 9,3% (+2,1 p.p), Tiscali 2% Broadband: Telecom Italia 49,8% (-6,4 p.p. sul ), Wind 15,9% (+2 p.p.), Fastweb 14% (+1,9 p.p), Vodafone 12% (+1,8 p.p.), Tiscali 3,7% Relativamente al settore mobile nei principali paesi europei, si evidenziano per il 2013 le seguenti quote: Francia: Orange (35,8%), SFR (28,2%), Boygues Telecom (14,7%), Iliad (10,6%) e altri (10,7%); Germania: Deutsche Telekom (33,5%), Vodafone (28%), E-Plus (21,7%), O2 (16,8%); Spagna: Telefònica (34%), Vodafone (23,5%), Orange (22,8%), Yoigo (6,7%), altri (13%); UK: Everything Everywhere (30%), Vodafone (25%), O2 (24%), 3 UK (11%), altri (10%) Quanto ai margini industriali dei principali gruppi europei: a Telecom Italia spetta la migliore redditività industriale, con il Mon che si è attestato nel 2013 al 21,8% del fatturato, in linea con quello di BT (21,6%) e davanti a Telefónica (16,3%), Orange (15,6%) e alla russa Vimpelcom (15,2%). Telecom Italia segna anche il migliore valore aggiunto netto per addetto pari a 136 mila euro, cui si abbina il minor costo del lavoro unitario (51 mila euro). Ciò porta al migliore Clup (costo del lavoro su valore aggiunto), con un incidenza pari al 37,5%, seguìto da Telefónica al 43,3%. I livelli relativamente meno 1

2 soddisfacenti sono segnati da Deutsche Telekom (71,1%, anche per l elevato costo del lavoro unitario: 64mila euro) e Vodafone (60,5%) che ha il minore valore aggiunto per addetto (86mila euro). Dal punto di vista patrimoniale, nel 2013 Vodafone riporta la struttura finanziaria più solida, con la minore incidenza dei debiti finanziari sul patrimonio netto (40,7%), seguita da Orange (142%), Deutsche Telekom (156%), Telecom Italia (173%), Telefónica (210%) e Vimpelcom (322%); BT Group ha patrimonio netto negativo. In tema di investimenti Telecom Italia si colloca in posizione arretrata: essi si attestano al 3,4% dello stock delle immobilizzazioni materiali di inizio periodo, in linea con BT (3,6%), ma ben al di sotto dei maggiori investitori, la russa Vimpelcom (12,7%) e Vodafone (9,2%). I ricavi aggregati dei principali sei gruppi italiani delle telecomunicazioni si sono contratti (su base omogenea) del 9,6% nel 2013 a 38,3 mld di euro, con il fatturato dei servizi di telefonia mobile pari a 20,1 mld (-14,1%, risentendo anche delle revisioni tariffarie dell Agcom sui servizi di terminazione mobile) e quelli dei servizi di telefonia fissa del -6,8% a 15,3 mld,;in aumento quelli da vendita di apparecchi e accessori telefonici (+3,8% a 3,5 mld). Nel periodo le dinamiche si aggravano: il fatturato del fisso -17,9%, quello del mobile -20,6%, mentre le vendite di apparecchi telefonici sono quasi raddoppiate (+80%). L incidenza dei principali margini sul fatturato è in peggioramento dal per tutti i gruppi. Quattro di essi riportano nel 2013 un risultato corrente negativo (Wind -6,6%; 3 Italia -5,1%; Fastweb: -2%; Tiscali: -1,2. Nel 2013 Telecom Italia riporta i valori più elevati sia di mon (21,8%) che di risultato corrente (14,2%). Segue Vodafone Italia con risultato corrente pari all 11,6% dei ricavi, circa un terzo rispetto ai valori del ; il trend è confermato da Roi e Roe, entrambi in peggioramento per tutti i gruppi. Circa la produttività del lavoro, nel 2013 Vodafone Italia è al primo posto (194mila euro), seguita da Wind con 145mila euro e da Telecom Italia con 136mila euro. A Tiscali e 3 Italia spettano i valori più bassi (attorno ai 50mila euro). A Vodafone Italia spetta anche il miglior Clup, pari al 32,5%, seguita dal 37,5% di Telecom Italia e dal 38,6% di Wind. 3 Italia e Fastweb presentano valori attorno al 100% (rispettivamente, 112% e 97,3%). Nella telefonia mobile Telecom Italia e Vodafone Italia subiscono le diminuzioni più accentuate nel quinquennio dei ricavi medi mensili (-34,5% Telecom, -34% Vodafone), seguite da Wind (-29,3%). Vodafone ha ottenuto nel 2013 l Arpu più elevato (14,5 euro/mese), seguita da Telecom (13,1 euro), Wind (12,3 euro) e 3 Italia (11,8 euro), mentre PosteMobile segna livelli molto inferiori (7 euro). In salita gli Arpu nel broadband fisso: il valore più elevato è quello di Wind, con 20,5 euro/mese, in rialzo del 12% sul, seguita da Telecom con 19,1 euro/ mese (+4,4% sul ). 2

3 Dati di contesto delle Tlc in Italia Nel 2013 il settore delle telecomunicazioni ha rappresentato il 2,2% del Pil italiano (2,5% nel e 2,9% nel ), il 2,05% della spesa delle famiglie (2,2% nel e 2,5% nel ) e il 5,8% degli investimenti complessivi (6% circa nel ) 1. L Italia è tra i Paesi con il più ampio tasso di penetrazione di fonia mobile rispetto alla popolazione (numero di carte Sim in % della popolazione), con una percentuale pari al 159% a fine 2013, inferiore al 177% della Finlandia e al 169% della Russia, ma superiore al 148% della Svezia, al 140% della Germania, al 130% della Gran Bretagna, al 117% della Francia e al 107% della Spagna 2. Nel 2013 i ricavi del mercato italiano sono stati pari a 34,5 miliardi di euro, in diminuzione del 10,8% sul (circa 4 mld in meno) e del 21,3% sul (9 mld in meno). Essi sono ugualmente suddivisi tra rete fissa e mobile (17 mld ciascuno) 3. Risultano in contrazione sia ricavi della rete mobile (-13,9% sul ) che quelli della rete fissa (-7,4%) pur con dinamiche diverse dei volumi di traffico: in diminuzione del 14,1% sul i minuti sul fisso (a 67,1 mld di minuti), in crescita dell 8,5% quelli del mobile (156,5 mld di minuti), grazie alla diffusione delle tariffe flat e all aumento del traffico incluso nelle opzioni tariffarie. Tali tendenze sono confermate anche rispetto al : calo dei ricavi sia per fisso (-18,9%) che per mobile (- 23,6%), volumi di traffico in caduta sulla rete fissa (-35,3%) ed in forte crescita sul mobile (+36%). Sebbene il settore sia stato liberalizzato dal 1998, le tariffe dei servizi di telefonia sono regolati dall Agcom con effetti sulla struttura dei costi e dei ricavi delle aziende. La finalità della regolazione è di garantire pari opportunità di accesso a tutti gli operatori. L Agcom ha progressivamente ridotto le tariffe di terminazione delle chiamate vocali sul mobile, cadute da un range di 6,6/9 centesimi al minuto (a seconda dell operatore) nel 2010/2011 a 0,98 centesimi nel secondo semestre 2013 (medesimo valore per tutti gli operatori). Analoghi interventi del regolatore hanno riguardato la telefonia fissa, con l abbassamento del canone d accesso alla rete in rame di Telecom Italia che ha subìto nel 2013 minori introiti per tale motivo pari a circa 111 milioni di euro. Il numero dei clienti della rete mobile è aumentato del 7,2% da 90,4 milioni nel a 96,9 milioni a fine 2013, a discapito degli accessi alla rete fissa (voce più dati) che si sono contratti del 7,1%, passando da 22,7 milioni di linee del agli attuali 21,1 milioni. Gli accessi in banda larga su rete fissa sono invece aumentati del 15%, da 12,1 a 13,9 milioni di linee. Tuttavia rispetto al si registrano flessioni tanto negli accessi alla rete fissa (-2,6%) che a quella mobile (-0,3%) e solo gli accessi alla banda larga segnano un progresso (+1,6%). Da notare infine che nella telefonia mobile diminuisce il ruolo delle Sim prepagate che rappresentano nel 2013 il 79,6% delle linee rispetto all 87,3% del I maggiori operatori nazionali: numero di accessi e quote di mercato In Italia i più importanti operatori del settore delle telecomunicazioni sono sei. Telecom Italia e Tiscali sono gruppi indipendenti: il primo ad azionariato diffuso, il secondo riconducibile a Renato Soru cui fa capo il 17,8% del capitale 4. Le altre quattro società rappresentano il presidio italiano di gruppi esteri ad ampia proiezione internazionale: Vodafone Omnitel B.V. (Vodafone Italia), controllata dall inglese Vodafone Group, Wind Telecomunicazioni controllata dal Gruppo russo (con sede in Olanda) Vimpelcom, 3 Italia (della cinese Hutchison Whampoa) e Fastweb (Gruppo Swisscom). 1 Fonte: Agcom, Relazione annuale Fonte: The Office of Communications-Ofcom. 3 Si tratta della somma tra la spesa finale per servizi retail (clientela residenziale e business) e i ricavi da servizi intermedi forniti ad altri operatori (servizi wholesale). 4 Il 22,4% di Telecom Italia è detenuto dalla holding Telco (46,18% di Telefónica, 30,58% di Gruppo Assicurazioni Generali, 11,62% di Intesa Sanpaolo e Mediobanca ciascuna). Nel luglio 2014 è stata deliberata la scissione della Telco con l assegnazione a 4 società di nuova costituzione (interamente controllate da ciascun azionista), della propria quota in Telecom Italia. E previsto che una parte del 14,77% che verrà assegnato a Telefónica sia girato al gruppo francese Vivendi nell ambito dell acquisizione, da parte del gruppo spagnolo, della brasiliana GVT, rendendo Telecom Italia una public company. 3

4 L ex monopolista Telecom Italia resta il principale operatore, con quote di mercato ancora importanti: il 63,1% nella telefonia fissa (voce+dati), il 49,8% degli accessi broadband ed il 32,2% della telefonia mobile. Si tratta di posizioni in riduzione rispetto al, specialmente nella telefonia fissa (meno 10,4 punti percentuali), ma anche nella telefonia mobile la contrazione è di 1,9 punti, nonostante il numero di clienti sia aumentato dell 1,2% dal. Si tratta della conseguenza della diffusione delle seconde e terze SIM pro-capite intercettate dagli altri operatori (c.d. OLO-Other Licensed Operator). Nel 2013 Telecom Italia ha limitato la perdita di quote di mercato in tutti i settori (-1,5 punti negli accessi alla rete fisica e -1,6 punti nella banda larga), ma ha subìto un importante riduzione del numero degli accessi retail alla propria rete fissa, calati da 14 milioni del a 13,2 milioni del 2013 (-5,5%), per effetto della crescita degli altri operatori (+2,6% sul ). Tuttavia i loro accessi nel 2013 sono avvenuti per il 91% tramite l infrastruttura di Telecom Italia, quota che si è contratta di oltre 4 punti rispetto al per lo sviluppo della rete di proprietà degli altri operatori, soprattutto quella in fibra ottica di Fastweb. Nel mercato mobile è aumentata l importanza degli operatori c.d. MVNO-Mobile Virtual Network Operator (quelli che, essendo privi di rete propria, stipulano accordi commerciali con i proprietari di rete), la cui incidenza è raddoppiata passando dal 2,7% del al 5,4% del 2013 delle SIM complessive in circolazione. Il loro ruolo è tuttavia ancora limitato rispetto agli altri Paesi europei: 13% in Spagna e il 10% circa in Francia e UK. In Italia PosteMobile (gruppo Poste Italiane) è il primo MVNO con 2,8 milioni di SIM pari al 2,9% del mercato e al 54,2% delle linee MVNO. Vodafone Italia è il secondo operatore nella telefonia mobile con una quota del 28,7%, in diminuzione di 4,3 punti sul. Nel 2013 la società è diventata il primo operatore nella clientela residenziale mobile (31,7%), a discapito di Telecom Italia (29,6%) che mantiene la leadership nella clientela business con il 60,9% del mercato, e occupa la prima posizione anche nel settore delle carte prepagate (con il 31,7% del mercato contro il 31,5% di Telecom Italia). Vodafone Italia ha progressivamente guadagnato importanti quote di mercato nel fisso, grazie anche all acquisizione di Teletu nel 2008, e rappresenta a fine 2013 il terzo operatore con una quota del 9,5% (+3 punti sul ), alle spalle di Telecom (63,1%) e Wind Telecomunicazioni (13,5%). Attraverso il marchio Infostrada, Wind Telecomunicazioni è il secondo operatore di telefonia fissa (+3,6 punti sul ) e nel comparto degli accessi a larga banda, con una quota del 15,9%. Con 22,3 milioni di utenti nel 2013 (18,4 milioni nel ), Wind rappresenta il terzo operatore nella telefonia mobile: detiene una quota di mercato del 23%, in crescita di 2,7 punti sul. Fastweb è il terzo operatore negli accessi a banda larga con il 14% del mercato (dietro Telecom e Wind) ed è prossima a Vodafone Italia nella telefonia fissa (voce+dati) con il 9,3% del mercato. Fastweb è in crescita anche nel mobile come operatore MVNO, con oltre 800mila Sim (0,8% del mercato). Con investimenti in immobilizzazioni materiali superiori ai 6 mld di euro dalla sua fondazione nel 1999, Fastweb gestiva a fine dicembre 2013 oltre 34 mila km di rete in fibra ottica di nuova generazione. 4

5 Tabella 1 Numero di clienti e quote di mercato in Italia (-2013) Numero di clienti Telefonia mobile (1) (migliaia di unità) Var. (migliaia di unità) Var. (migliaia di unità) Totale Italia di cui MVNO Telecom Italia (*) Vodafone Wind Telecomunicazioni Italia PosteMobile Fastweb Tiscali o Totale 7 operatori (*) Oltre a: - Telefonia mobile in Brasile Telefonia mobile in Argentina (1) n.c. n.c. (1) Riclassificate nel 2013 tra le discontinued operations. Quote di mercato Telefonia mobile (1) (in %) Var. (punti) Var. (punti) Telecom Italia 34,1 32,9 33,6 33,1 32,2-1,9-0,9 Vodafone 33,0 32,4 31,2 30,0 28,7-4,3-1,3 Wind Telecomunicazioni 20,3 21,1 21,9 22,2 23,0 2,7 0,8 3 Italia 9,8 9,6 9,6 9,8 10,0 0,2 0,2 PosteMobile 1,2 1,8 2,1 2,6 2,9 1,7 0,3 Fastweb 0,3 0,5 0,6 0,7 0,8 0,5 0,1 Tiscali o 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0,0 Totale 98,8 98,5 99,0 98,6 97,8 (1) SIM con almeno una ricarica negli ultimi 12 mesi 5

6 Quote di mercato Telefonia fissa (voce+dati) Var. (In %) (punti) Var. Telecom Italia 73,5 71,6 66,4 64,6 63,1-10,4-1,5 Vodafone 6,5 7,4 9,7 9,7 9,5 3,0-0,2 Wind Telecomunicazioni 9,9 10,6 13,2 13,5 13,5 3,6 0,0 Fastweb 7,2 7,4 7,3 8,3 9,3 2,1 1,0 Tiscali 1,6 1,9 1,8 1,8 2,0 0,4 0,2 Totale 98,7 98,9 98,4 97,9 97,4-1,3-0,5 Quote di mercato Telefonia fissa (broadband) Var. (punti) Var. (in %) Telecom Italia 56,2 54,9 52,9 51,4 49,8-6,4-1,6 Vodafone 10,2 11,9 12,5 11,9 12,0 1,8 0,1 Wind Telecomunicazioni 13,9 14,8 15,9 16,3 15,9 2,0-0,4 Fastweb 12,1 11,7 11,8 12,9 14,0 1,9 1,1 Tiscali 4,7 4,2 3,7 3,6 3,7-1,0 0,1 Totale 97,1 97,5 96,8 96,1 95,4-1,7-0,7 Fonte:elaborazioni R&S-Mediobanca su dati Agcom Dati di contesto delle Tlc in Europa Quasi tutte le principali compagnie telefoniche europee hanno intrapreso una strategia di integrazione tra telefonia fissa e mobile sfruttando la convergenza tra le piattaforme tecnologiche al fine offrire una gamma di servizi sempre più completa 5.. Fanno eccezione i c.d. pure-play operators: Vodafone, operante quasi esclusivamente nel mobile dal quale sviluppa l 81% dei ricavi consolidati, e BT Group, prevalentemente attiva nella telefonia fissa ove copriva una quota del 38% del mercato UK a fine Essa, dopo lo scorporo nel 2001 della MMO2, offre servizi di telefonia mobile solo a clienti corporate mediante una partnership con Vodafone, da cui ottiene ricavi annui stimati in 850 milioni di euro (su un fatturato totale di 19 mld). 6. Il mercato della telefonia fissa vede in ogni Paese la leadership degli ex monopolisti proprietari della rete fissa.. Nel Regno Unito il processo di liberalizzazione ha condotto nel gennaio 2006 alla creazione di una divisione del Gruppo BT denominata Openreach alla quale è stata affidata la gestione delle infrastrutture. Openreach gode di autonoma governance e di separazione contabile e amministrativa, al fine garantire pari opportunità d accesso alla rete a tutti i concorrenti. Il Gruppo Orange (già France Télécom) è l ex monopolista che ha visto flettere maggiormente la propria quota di mercato nel traffico voce su rete fissa tra il 2008 ed il 2013 (-22%), seguita da Telefónica (-20%), Telecom Italia (-16%), BT Group (-7%) e Deutsche Telekom (-2%). 5 Tra i fattori che stimolano la convergenza fisso-mobile, si può citare la diffusione dell IP (Internet Protocol) per il trasporto di voce, dati e video, la disponibilità di nuove tecnologie a banda larga per l accesso senza fili alla rete fissa e la crescente diffusione di terminali evoluti. 6 Nel febbraio 2013 la BT ha acquisito una licenza 4G e nel marzo 2014 ha annunciato un nuovo accordo con Everything Everywhere, in sostituzione della partnership con Vodafone. 6

7 Nel mercato europeo del mobile i principali operatori sono Vodafone (434 milioni di clienti con attività in 60 Paesi, principalmente in Gran Bretagna, Germania, Italia, Spagna e Turchia e con controllate anche in Africa e India), Telefónica (attiva in Spagna, in numerosi Paesi dell America Latina tramite il marchio Movistar, in Gran Bretagna e Germania tramite O 2 e in Brasile con Vivo), Orange (presente in 30 nazioni, tra cui Francia, Spagna, Polonia, diversi Paesi dell Africa e in Gran Bretagna, con Everything Everywhere, joint-venture paritetica con Deutsche Telekom) e Deutsche Telekom (in 50 Paesi, principalmente Germania e USA). Fra i maggiori operatori europei di Tlc, il Gruppo Telecom Italia non ha una significativa presenza in altri Paesi europei, ma rappresenta il secondo operatore del mobile in Brasile con una quota di mercato del 27% e 73,4 milioni di abbonati (41,1 milioni del ) 7. L unica importante presenza europea di un operatore extraeuropeo è costituita dal Gruppo Hutchison Whampoa, conglomerata cinese che nel settore delle telecomunicazioni è attiva ad Hong Kong (anche nel fisso), in Australia e in Europa (26,6 milioni di Sim registrate), dove opera con il marchio 3 principalmente in Gran Bretagna (9,8 milioni di clienti) e Italia (9,7 milioni). Tabella 2 Quote di mercato 2013 in alcuni Paesi europei Quote di mercato Telefonia mobile in alcuni Paesi europei (2013, in %) Francia Orange 35,8 SFR (Numericable Group) 28,2 Bouygues Telecom 14,7 Iliad (Free) 10,6 Altri 10,7 Germania (1) Italia Deutsche Telekom 33,5 Telecom Italia 32,2 Vodafone 28,0 Vodafone 28,7 E-Plus (Telefónica) 21,7 Wind Telecom. 23,0 O2 (Telefónica) 16,8 3 Italia (H. Wampoa) 10,0 Altri 0,0 Altri (2) 6,1 Spagna Telefónica 34,0 Vodafone 23,5 Orange 22,8 Yoigo 6,7 Altri 13,0 UK Everything Everywhere (jv Orange DT) 30,0 Vodafone 25,0 O2 (Telefónica) 24,0 3 UK (H. Wampoa) 11,0 Altri 10,0 (1) Esclusi gli MVNO. (2) Di cui: 2,9% poste Mobile e 0,8% Fastweb. In Gran Bretagna la joint venture Everything Everywhere rappresenta il primo operatore nella telefonia mobile con il 30% del mercato, seguita da Vodafone con il 25%, Telefónica (marchio O 2 )con il 24%, il Gruppo 3 con l 11% e altri operatori con il 10%. In Germania in prima posizione si colloca Deutsche Telekom con il 33,5%, seguita da Vodafone con il 28%, dalla E-plus (fino al settembre 2014 controllata dall olandese KPN, poi passata a Telefónica Deutschland - Gruppo Telefónica) con il 21,7% e Telefónica Deutschland (marchio O 2 ) con il 16,8%. 8 In Francia la maggiore quota di mercato è detenuta dal Gruppo Orange (con il 35,8%), seguita da altri tre operatori francesi: SFR (secondo operatore transalpino acquisito 7 Telecom è invece in disimpegno dall Argentina dove nel contava circa 19 milioni di clienti. 8 Dati al netto dei MVNO. 7

8 nel novembre 2014 da Numericable Group 9 ) con il 28,2%, Bouygues Telecom (Gruppo Bouygues operante principalmente nelle costruzioni) con il 14,7% e Iliad 10 (marchio Free) al 10,6%; gli altri operatori sommano il 10,7%. In Spagna il mercato è ripartito tra Telefónica (34%), Vodafone (23,5%), Orange (22,8%), Yoigo (6,7%) 11 e altri operatori (13%). Dati contabili di sintesi dei principali operatori telefonici in Europa La tabella che segue contiene alcuni dati dei principali operatori telefonici europei con ricavi superiori ai 15 mld di euro nel Tabella 3 Dati economico-finanziari 2013 dei sei maggiori operatori europei Dati consolidati Deut. Tel. Tele fónica Voda fone Orange Telecom Italia BT Group Vimpel com Fatturato netto ( mil.) Conto economico (% sul fatturato) Valore aggiunto 48,2 45,8 36,3 52,4 55,2 68,3 n.d. Costo del lavoro 25,2 12,6 10,1 22,0 13,5 29,7 n.d. Margine operativo lordo 23,0 33,1 26,2 30,4 41,7 38,6 36,6 Margine operativo netto 10,6 16,3 6,5 15,6 21,8 21,6 15,2 Risultato corrente 6,0 10,7 12,1 10,7 14,2 16,3 4,7 Risultato netto 1,5 8,0 154,5 4,6-2,9 12,8-11,6 Dati per dipendente ( 000 di euro) Fatturato Valore aggiunto netto (a) n.d. Costo del lavoro (b) n.d. CLUP (b/a in %) 71,1 43,3 60,5 59,1 37,5 57,7 n.d. N. di dipendenti (n. medio) Ratio economico-patrimoniali ROI (%) 8,1 12,0 2,7 10,1 11,9 37,1 9,2 ROE (%) (1) 4,1 27,7 513,1 8,3-3,8 n.c. -21,2 DF/capitale netto (%) (1) 156,0 210,1 40,7 142,0 173,2 n.c. 322,0 Fondi di ammortamento/itl (%) 71,8 72,3 54,5 73,3 81,9 71,7 43,0 Tasso di investimento (in % degli ITL) 5,4 5,6 9,2 4,9 3,4 3,6 12,7 Età media contabile dei cespiti (anni) 12,8 8,4 3,6 10,5 13,1 13,0 2,4 (1) BT Group ha un patrimonio netto negativo. Il dato di Vodafone è influenzato dalla plusvalenza per la cessione di Verizon Wireless. Fonte: R&S-Mediobanca su dati di bilancio 9 Il Gruppo Numericable-SFR, quotato all Euronext, è controllato al 60% da Altice e partecipato al 20% da Vivendi. Altice S.A., multinazionale dei cavi e delle Tlc a sua volta quotata all Euronext, è controllata dal fondatore Patrick Drahi. Il Gruppo è presente in Francia, Israele, Belgio e Lussemburgo, Portogallo e Svizzera. 10 Società quotata all Euronext e controllata da Xavier Niel (54,99%). 11 Yoigo è controllata al 76,6% dal gruppo svedese TeliaSonera che fa capo allo Stato Svedese (37,3%) e a quello Finlandese (10,1%). 8

9 La maggiore compagnia Telefónica è Deutsche Telekom con oltre 60,1 mld di ricavi, di cui 18,5 mld originati dalla controllata USA e ulteriori 6,7 mld. rivenienti dalle vendite di apparecchi (l 11% del fatturato). Seguono il Gruppo Telefónica con 57 mld., di cui 29 mld relativi alle attività in America Latina (20 mld dalla sola telefonia mobile), e Vodafone con 46 mld. A Telecom Italia spetta la migliore redditività industriale: il margine operativo netto si è attestato nel 2013 al 21,8% del fatturato, in linea con quello di BT (21,6%) e davanti a Telefónica (16,3%), Orange (15,6%) e alla russa Vimpelcom (15,2%). Telecom Italia è l unico operatore, unitamente a Vimpelcom, a chiudere in rosso l esercizio 2013, a causa delle svalutazioni di avviamenti per 2,2 mld. Vodafone, pur segnando margini industriali relativamente bassi (mon al 6,5% del fatturato), realizza nel 2013 utili record pari a 59,3 mld di Gbp, grazie alla plusvalenza da 45 mld di Gbp per la cessione del 45% di Verizon Wireless al gruppo statunitense Verizon (incasso di 79 mld di Gbp, in parte in denaro in parte in azioni Verizon) 12. Telecom Italia segna anche la migliore produttività, con un valore aggiunto netto per addetto pari a 136 mila euro, cui si abbina ed il minor costo del lavoro unitario (51 mila euro). Ciò porta al migliore Clup (costo del lavoro su valore aggiunto), con un incidenza pari al 37,5%, seguìto da Telefónica al 43,3%. I livelli relativamente meno soddisfacenti sono segnati da Deutsche Telekom (71,1%, anche per l elevato costo del lavoro unitario: 64mila euro) e Vodafone (60,5%) che ha il minore valore aggiunto per addetto (86mila euro). Dal punto di vista patrimoniale, Vodafone riporta la struttura finanziaria più solida, con la minore incidenza dei debiti finanziari sul patrimonio netto (40,7%), avendo ridotto di oltre 15 mld di euro la propria esposizione finanziaria grazie anche alla liquidità incassata dalla cessione di Verizon Wireless. Il profilo finanziario di Telecom Italia appare relativamente più appesantito, con debiti finanziari pari al 173% dei mezzi propri, ma comunque più solido rispetto a quelli di Vimpelcom (322%) e Telefónica (210%) e non troppo lontano da Deutsche Telekom (156%) e Orange (142%). BT Group ha patrimonio netto negativo. Anche in tema di investimenti Telecom Italia si colloca in posizione arretrata: essi si attestano al 3,4% dello stock delle immobilizzazioni materiali di inizio periodo, il valore più basso tra i peer, in linea con BT (3,6%), ma ben al di sotto dei maggiori investitori, la russa Vimpelcom (12,7%) e Vodafone (9,2%). I cespiti di Telecom appaiono quelli maggiormente ammortizzati (81,9%), anche se la loro età media contabile, pur elevata (13,1 anni), non è differente da quella di BT (13 anni) e Deutsche Telekom (12,8 anni). Tutti i gestori di rete scontano un anzianità dei cespiti superiore agli operatori del mobile: Vodafone con 3,6 anni e Vimpelcom con 2,4 anni. I maggiori operatori italiani: fatturato e ricavo medio mensile per cliente (c.d. Arpu) I ricavi aggregati dei principali sei gruppi delle telecomunicazioni in Italia si sono complessivamente contratti (su base omogenea) del 9,6% nel 2013 a 38,3 mld di euro 13. Ciò a causa dei servizi di telefonia mobile il cui fatturato si è contratto del 14,1% attestandosi a 20,1 mld, di cui 5,4 mld relativi alle attività brasiliane di Telecom Italia. Su tali dinamiche hanno inciso anche le revisioni tariffarie dell Agcom sui servizi di terminazione mobile che hanno prodotto un impatto negativo sui conti del 2013 pari a 429 milioni di euro per Telecom Italia, 400 per Wind e 310 milioni per Vodafone Italia. I ricavi aggregati dei servizi di telefonia fissa sono diminuiti nel 2013 del 6,8% a 15,3 mld, mentre quelli da vendita di apparecchi e accessori telefonici sono aumentati del 3,8% a 3,5 mld (di cui 1,1 mld relativo alla controllata brasiliana di Telecom Italia). Con riferimento al periodo le dinamiche si confermano ed aggravano: il fatturato del fisso si è ridimensionato del 17,9%, quello del mobile del 20,6%, mentre le vendite di apparecchi telefonici sono quasi raddoppiate (+80%). Il 50,7% del fatturato aggregato dei sei gruppi origina nel 2013 dalla telefonia mobile, ma con incidenza in continua contrazione (54% nel 12 Nell ambito di questa operazione, Vodafone Group ha acquisito da Verizon il 23% di Vodafone Omnitel B.V. (Vodafone Italia), giungendo al controllo totalitario della società. 13 Variazione calcolata escludendo gli effetti della cessione delle attività argentine di Telecom Italia che nel avevano fatturato 3,4 mld di euro. 9

10 ), il 38,5% deriva dai servizi di telefonia fissa (39,7% nel ), mentre la vendita di apparecchi ha generato l 8,8% dei ricavi (4,1% nel ). Tabella 4 Fatturato aggregato dei sei maggiori operatori italiani (-2013) Sei maggiori gruppi italiani 2013 mil. in % del totale mil. in % del totale mil. in % del totale Var % 2013 Var % 2013 Telefonia fissa , , ,5-17,9-6,8 (1) Telefonia mobile , , ,7-20,6-14,1 (1) Vendita telefoni e accessori , , ,8 80,2 3,8 (1) Altri ricavi , , ,0-23,5-10,1 Fatturato lordo , , ,0-15,5-9,7 (1) Fatturato al netto elisioni Telecom ,0-9,6 (1) (1) Variazioni su base omogenea (al netto principalmente dell effetto Argentina). La 3 Italia è pressoché interamente operativa nel comparto della telefonia mobile e, pur chiudendo il 2013 con ricavi in diminuzione del 10,2%, è la sola società a crescere nel quadriennio (+24,5%). Il rialzo dal è tuttavia dovuto al forte aumento della vendita di apparecchi (633 milioni nel 2013 contro i 21 milioni del ) che ha bilanciato la diminuzione dei servizi voce (-14,6%). Grafico 1 Variazione % dei ricavi 64,3 20,7 16,3 18,2 9,6 9,8 0,0 0,0 6,2 16,5 4,9 0,0 3,8-7,6-3,0-5,9-2,7-3,4-7,5-6,3-4,7-6,8-8,8-13,7-10,7-8,2-10,2-9,6-14,0-14,1-10,1-18,6-18,3-22,5-25,0 Telecom Italia Vodafone Wind 3 Italia Fastweb Tiscali Totale Italia Omnitel Mobile Fisso Apparecchi Altri Totale La maggioranza dei ricavi di Vodafone Italia (75%) e di Wind (68%) deriva da servizi di telefonia mobile. Per Wind il peso della telefonia fissa (26,8% dei ricavi) è doppio rispetto a Vodafone (12,8%), ma la tendenza dal vede in crescita Vodafone (+6,7%) e in calo Wind (-27,6%). La vendita di apparecchi ed accessori pesa per il 7,9% dei ricavi in Telecom, per il 9,5% in Vodafone, per il 4,9% in Wind. Per 3 Italia, che 10

11 non ha proventi da telefonia fissa, questa voce raggiunge il 30,4% dei ricavi totali, anche se in calo dal 33,4% del. Il fatturato di Fastweb e Tiscali, entrambi operatori virtuali di telefonia mobile, deriva principalmente da ricavi per l accesso alla rete fissa (voce + dati) 14. Grafico 2 Composizione % dei ricavi nel ,0 68,0 67,4 89,0 79,4 47,3 43,2 26,8 12,8 7,9 1,6 9,5 4,9 2,7 0,3 0,0 30,4 2,2 19,3 0,0 4,2 6,8 1,3 0,0 Telecom Italia Vodafone Omnitel Wind 3 Italia Fastweb Tiscali Mobile Fisso Apparecchi Altri Le riduzioni tariffarie di terminazione e l aspra concorrenza sui prezzi spiegano la generale diminuzione dei ricavi medi mensili per cliente nella telefonia mobile. Telecom Italia e Vodafone Italia subiscono le diminuzioni più accentuate nel quinquennio (-34,5% Telecom, -34% Vodafone), seguite da Wind (-29,3%). Vodafone ha ottenuto nel 2013 l Arpu più elevato (14,5 euro al mese), seguita da Telecom (13,1 euro); poco differenti i valori di Wind (12,3 euro) e 3 Italia (11,8 euro), mentre PosteMobile segna livelli molto inferiori (7 euro). L accesso in banda larga alla rete fissa fa registrare Arpu generalmente in salita, grazie anche alla crescente velocità di navigazione offerta. Il valore più elevato è quello di Wind, con 20,5 euro al mese, in rialzo del 12% sul, seguita da Telecom con 19,1 euro al mese (+4,4% sul ). Grafico 3 Ricavo medio mensile per cliente nel 2013 ( ) 14 Dal 2011 Fastweb non fornisce l ammontare dei ricavi da telefonia mobile (pari a 21 milioni nel ed a 44 milioni nel 2010). 11

12 I maggiori operatori italiani: margini e risultato netto L incidenza dei principali margini sul fatturato è in peggioramento dal per tutti i gruppi. Quattro di essi riportano nel 2013 un risultato corrente negativo (Wind -6,6%; 3 Italia -5,1%; Fastweb: -2%; Tiscali: -1,2%). I valori negativi si estendono all intero quinquennio per 3 Italia e Tiscali, seppure in miglioramento rispetto al. Nel 2013 Telecom Italia riporta i valori più elevati sia di margine operativo netto (21,8%) che di risultato corrente (14,2%), con incidenze sostanzialmente stabili nel periodo Segue Vodafone Italia con risultato corrente pari all 11,6% dei ricavi, circa un terzo rispetto ai valori del. Il trend è confermato da Roi e Roe, entrambi in peggioramento per tutti i gruppi. Il Roi più alto nel 2013 è di Vodafone Italia (17,5%), anche se in forte contrazione rispetto al (57,9%). Segue Telecom Italia con l 11,9%. Nel quinquennio -13 i sei operatori delle Tlc hanno complessivamente cumulato perdite nette per 1,4 mld di euro. Le maggiori sono in capo a Telecom Italia (-2,4 mld), gravata da svalutazioni di intangibles e avviamenti nel quinquennio superiori a 14 mld. Seguono 3 Italia (-946 milioni) e Wind (-703 milioni). Minori le perdite sommate da Tiscali (-468 milioni) e Fastweb (-317 milioni), ma le due società hanno sempre chiuso in negativo nel quinquennio. Vodafone Italia ha invece realizzato nel quinquennio utili cumulati per 3,4 mld di euro, ma con intensità decrescente: l ultimo esercizio (a marzo 2014) ha portato un risultato netto positivo per 160 milioni, ma nel esso era stato pari a 1,36 mld. Vodafone Italia ha realizzato nel 2013 il maggiore fatturato per dipendente: 994mila euro (-9,1% sul e -17,1% sul ), una volta e mezzo superiore rispetto al valore di Telecom Italia (385mila euro) e superiore del 43% anche al fatturato pro-capite di Wind Telecomunicazioni (695mila euro), con cui condivide la dimensione della forza lavoro (6.650 unità per Vodafone Italia, per Wind). Per 3 Italia e per Fastweb il rialzo del fatturato per addetto nel periodo è tra il 17% e il 20%. Per 3 Italia è l effetto della forte crescita nelle vendite di apparecchi che compensa il lieve incremento degli addetti (+6%); per Fastweb il risultato delle maggiori vendite e della concomitante riduzione dell organico (-26,4%) 15. Circa la produttività del lavoro (valore aggiunto netto per dipendente), Vodafone Italia è al primo posto (194mila euro), ma in forte diminuzione rispetto al (-36,4%) ed al (-57,4%). Cali hanno riguardato anche Wind (-20,3% sul e -33,5% sul ) con 145mila euro nel 2013, valore di poco superiore ai 136mila euro di Telecom Italia. A Tiscali e 3 Italia spettano i valori più bassi (attorno ai 50mila euro). Tiscali può contare sul costo del lavoro pro-capite più basso (39mila euro), ben inferiore ai 71mila euro di Fastweb e ai 63mila di Vodafone Italia. A Vodafone Italia spetta anche il miglior Clup: l incidenza del costo del lavoro sul valore aggiunto netto è pari al 32,5%, seguita dal 37,5% di Telecom Italia e dal 38,6% di Wind. 3 Italia e Fastweb presentano valori attorno al 100% (rispettivamente, 112% e 97,3%). Nel periodo -13 gli organici medi di Vodafone Italia si sono ridotti del 12,3% e quelli di Telecom Italia del 14,9% (-19,5% in Italia e +14% all estero, in massima parte in Brasile). I Maggiori operatori: profili patrimoniali e investimenti Le perdite cumulate nel quinquennio hanno causato la contrazione dei patrimoni netti. Quella più acuta è relativa a Wind (-52,9% sul, pur considerando il versamento in c/capitale da 35 milioni del ), ma riduzioni rilevanti hanno interessato anche Fastweb (-33,2%) Telecom Italia (-25%) che pure ha ridotto l indebitamento finanziario del 13%. Tiscali presenta un patrimonio netto negativo in tutto il periodo, nonostante la ricapitalizzazione da 187 milioni conclusa nel, sottoscritta per 31,4 milioni da Renato Soru mediante conversione di crediti verso la società. Il patrimonio netto di 3 Italia si è incrementato passando da 400 milioni nel a milioni nel 2013, grazie all effetto 15 Nel gennaio 2013 Fastweb ha ceduto al Gruppo Visiant Next il ramo d azienda customer operations (631 dipendenti). 12

13 dell attualizzazione di debiti finanziari infruttiferi cinquantennali erogati dalla controllante nel e 2010 (del valore nominale, rispettivamente, di 3 mld e milioni) 16. La struttura finanziaria è in generale indebolimento, fatta eccezione per Vodafone Italia con debiti finanziari irrilevanti (verso una consociata straniera) e pari all 8% dei mezzi propri del Vi è poi da segnalare che Vodafone Italia e Fastweb sono gli unici gruppi con valore positivo del capitale netto tangibile: Vodafone iscrive a fine 2013 mezzi propri per 4,2 mld a fronte di intangibles per 3,2 mld (di cui 2,3 mld rappresentati da licenze), mentre Fastweb presenta un netto patrimoniale di 568 milioni ed immobilizzi immateriali per 533 milioni. Il quadro dei restanti gruppi è così articolato: Wind ha lo sbilancio più evidente con mezzi propri per 787 milioni ed intangibles pari a 8,6 mld. (di cui avviamenti per 3,6 mld e licenze per 2,9 mld), 3 Italia ha un netto patrimoniale da 1,4 mld con 3,7 mld. di immateriali (di cui 3,1 mld in licenze), Telecom Italia ha 20,2 mld. di mezzi propri ma 36,2 mld. di intangibles, per la maggior parte (29,9 mld) relativi ad avviamenti (2,9 mld sono le licenze). Tiscali ha patrimonio netto negativo per 152 milioni ed intangibles per 68 milioni. 17 I maggiori investitori nel quinquennio sono stati Fastweb (9,4% medio) e 3 Italia (9%); intermedie le posizioni di Vodafone (6,9%) e Wind (6,6%). I valori più bassi sono relativi a Telecom Italia (3,9%) e Tiscali (1,6%). 16 L ammontare della ricapitalizzazione è il risultato della differenza tra il valore attuale degli importi ricevuti, infruttiferi e cinquantennali, determinato sulla base dei tassi di mercato, e il corrispettivo ricevuto. Successivamente all iscrizione iniziale del valore attuale di tali debiti, viene rilevato a conto economico l onere finanziario correlato al decorrere del tempo, determinato sulla base del costo ammortizzato. L operazione ha quindi portato nell immediato ad un abbattimento dei debiti finanziari (rimborsati per il nominale ricevuto ed aumentati del valore attuale del nuovo debito contratto) ed un contestuale rafforzamento dei mezzi propri. 17 Nel dicembre 2014 Tiscali ha raggiunto un accordo per la ristrutturazione del proprio indebitamento finanziario. 13

14 Tabella 1 Fatturato, traffico e tariffe delle Tlc in Italia Fatturato Italia (mil. di euro) Ricavi lordi rete fissa ,4-18,9 Ricavi lordi rete mobile ,9-23,6 TOTALE ,8-21,3 Dati di traffico (mld di minuti) Traffico su rete fissa 103,7 95,2 84,0 78,0 67,1-14,1-35,3 Traffico voce telefonia mobile 115,1 124,0 136,0 144,3 156,5 8,5 36,0 Tariffe dei servizi di terminazione sul mobile 2 sem sem sem sem 2 sem 1 sem sem 2013 (euro cent al minuto) 3 Italia 9,0 6,3 3,5 1,7 0,98 Telecom Italia, Vodafone Italia 6,6 5,3 2,5 1,5 0,98 Wind Telecomunicazioni 7,2 5,3 2,5 1,5 0,98 Canoni di accesso alla rete in rame di Telecom Italia (euro al mese) Accesso disaggregato alla rete locale (ULL) 8,49 8,70 9,02 9,28 8,68 Canone Bitstream (1) 17,71 18,98 19,24 19,50 15,14 (1) Bitstream: servizio di interconnessione all ingrosso nel mercato a banda larga Fonte: elaborazioni R&S-Mediobanca su dati Agcom.

15 Tabella 2 Accessi e clienti Numero di accessi diretti alla rete fissa (voce + dati) (1) (migliaia di linee) Telecom Italia ,5-17,9 OLO (a) ,6 19,4 di cui: OLO su infrastrutture T.I. (b) ,1 13,8 (b/a) in % 95,5 96,7 95,9 93,4 91,0 TOTALE ,6-7,1 N. indice (=100) 100,0 99,0 97,4 95,4 92,9 (1) Accessi OLO al 31/03/2010, esclusi accessi Wimax (accesso wireless a reti di telecomunicazioni in banda larga) Accessi a larga banda retail (migliaia di linee) Numero accessi ,6 15,0 Nr. indice (in %) 100,0 108,4 111,8 113,2 115,0 Numero clienti telefonia mobile (migliaia di unità) Operatori MNO ,1 4,1 Operatori MVNO ,5 118,3 di cui PosteMobile TOTALE ,3 7,2 Nr. indice MNO (=100) 100,0 102,9 105,0 105,3 104,1 Nr. indice MVNO (=100) 100,0 147,5 152,1 185,8 218,3 OLO = Other Licensed Operator MNO = Mobile Network Operator MVNO= Mobile Virtual Network Operator Fonte: elaborazioni R&S-Mediobanca su dati Agcom. 15

16 Tabella 3 Clienti e quote di mercato per operatore (1) Var. (2) Var. (2) Telecom Italia Telefonia fissa (voce+dati) (%) 73,5 71,6 66,4 64,6 63,1-1,5-10,4 Telefonia fissa (broadband) (%) 56,2 54,9 52,9 51,4 49,8-1,6-6,4 Telefonia mobile Italia (%) 34,1 32,9 33,6 33,1 32,2-0,9-1,9 N. accessi retail alla rete fissa in Italia a fine esercizio (migliaia) ,5-17,9 di cui: N. accessi Broadband retail alla rete fissa (migliaia) ,5-1,2 N. clienti a fine esercizio (telefonia mobile Italia) (migliaia) (3) ,9 1,2 N. clienti a fine esercizio (telefonia mobile Brasile) (migliaia) ,3 78,6 Vodafone Omnitel B.V. Telefonia fissa (voce+dati) (%) 6,5 7,4 9,7 9,7 9,5-0,2 3,0 Telefonia fissa (broadband) (%) 10,2 11,9 12,5 11,9 12,0 0,1 1,8 Telefonia mobile (%) 33,0 32,4 31,2 30,0 28,7-1,4-4,3 N. accessi retail alla rete fissa a fine esercizio (migliaia) ,3-6,2 di cui: N. accessi Broadband retail alla rete fissa (migliaia) ,6 37,3 N. clienti a fine esercizio (telefonia mobile) (migliaia) (3) ,9-6,8 Wind Telecomunicazioni Telefonia fissa (voce+dati) (%) 9,9 10,6 13,2 13,5 13,5 0,0 3,6 Telefonia fissa (broadband) (%) 13,9 14,8 15,9 16,3 15,9-0,4 2,0 Telefonia mobile (%) 20,3 21,1 21,9 22,2 23,0 0,8 2,7 N. accessi retail alla rete fissa a fine esercizio (migliaia) ,7 4,2 di cui: N. accessi Broadband retail alla rete fissa (migliaia) ,9 33,4 N. clienti a fine esercizio (telefonia mobile) (migliaia) (3) ,2 21,2 3 Italia Telefonia mobile (%) 9,8 9,6 9,6 9,8 10,0 0,2 0,2 N. clienti a fine esercizio (telefonia mobile) (migliaia) (3) ,7 9,1 16 (segue)

17 (continua) PosteMobile (Gruppo Poste Italiane) (*) Telefonia mobile (%) 1,2 1,8 2,1 2,6 2,9 0,4 1,7 N. clienti a fine esercizio (telefonia mobile) (migliaia) (3) ,1 163, 3 Fastweb (*) Telefonia fissa (voce+dati) (%) 7,2 7,4 7,3 8,3 9,3 1,0 2,1 Telefonia fissa (broadband) (%) 12,1 11,7 11,8 12,9 14,0 1,1 1,9 N. accessi retail alla rete fissa a fine esercizio (migliaia) ,9 18,1 N. clienti a fine esercizio (telefonia mobile) (migliaia) (3) ,9 Tiscali (*) Telefonia fissa (voce+dati) (%) 1,6 1,9 1,8 1,8 2,0 0,2 0,4 Telefonia fissa (broadband) (%) 4,7 4,2 3,7 3,6 3,7 0,1-1,0 N. accessi retail alla rete fissa a fine esercizio (migliaia) ,5-11,2 di cui: N. accessi Broadband retail alla rete fissa (migliaia) ,0-12,6 N. clienti a fine esercizio (telefonia mobile) (migliaia) (3) ,9 n.c. 200, 0 (*) Operatore MVNO. (1) Le quote relative agli accessi complessivi alla rete fissa sono al 30 marzo (2) In punti percentuali per le quote di mercato e in % per il numero di accessi e clienti. (3) Si tratta del numero totale di SIM, cioè quelle che hanno effettuato almeno una ricarica negli ultimi 12 mesi. Fonte: R&S-Mediobanca 17

18 Tabella 4 Suddivisione dei ricavi per operatore Dati in milioni di euro 2013 Telecom Italia (1) in % in % in % Telefonia fissa Italia , , ,3-7,6-18,8 Telefonia mobile Italia , , ,9-16,5-37,0 Telefonia Tim Brasile , , ,2-10,9 30,1 Telefonia Argentina - 0, ,0-0,0 0,0 0,0 Vendita telefoni e accessori , , ,9 9,6 37,3 Altri ricavi 670 2, , ,6-22,5-41,9 TOTALE (2) , , ,0-9,2-14,6 Rettifiche TOTALE RICAVI NETTI (2) ,8-13,7 Vodafone Omnitel B.V. (3) Telefonia mobile , , ,0-18,6-36,7 Telefonia fissa 793 8, , ,8-3,0 6,7 Vendita telefoni e accessori 328 3, , ,5 9,8 90,5 Altri ricavi 131 1, , ,7 16,3 35,9 TOTALE , , ,0-14,0-27,3 Wind Telecomunicazioni Telefonia mobile , , ,0-10,7-10,4 Telefonia fissa , , ,8-5,9-27,6 Vendita telefoni e accessori 124 2, , ,9 20,7 92,7 Altri ricavi 0 0,0 11 0,2 13 0,3 18,2 TOTALE , , ,0-8,2-13,4 3 Italia Telefonia mobile , , ,4-7,5-14,6 Telefoni e accessori 21 1, , ,4-18, ,3 Altri ricavi 9 0,5 28 1,2 46 2,2 64,3 411,1 TOTALE , , ,0-10,2 24,5 Fastweb Telefonia fissa e mobile (4) , , ,0-2,7-11,0 Vendita telefoni e accessori 62 3,3 65 3,8 69 4,2 6,2 11,3 Altri ricavi 149 8, , ,8-16,5-25,5 TOTALE , , ,0-3,4-11,4 Tiscali Telefonia fissa , , ,4-6,3-23,0 Telefonia mobile 0 0,0 4 1,7 3 1,3-25,0 n.c. Altri ricavi 60 20, , ,3 4,9-28,3 TOTALE , , ,0-4,7-23,1 (segue) 18

19 (continua) Totale Telefonia fissa , , ,5-6,8-17,9 Telefonia mobile , , ,7-14,1-20,6 Vendita telefoni e accessori , , ,8 3,8 80,2 Altri ricavi , , ,0-10,1-23,5 TOTALE , , ,0-9,7-15,5 Rettifiche Telecom Italia TOTALE RICAVI NETTI ,6-15,0 (1) Variazioni calcolate su base omogenea. Nell'ottobre 2010 il Gruppo Telecom Italia ha acquisito il controllo del Gruppo Telecom Argentina, attivo prevalentemente nel settore mobile (dal quale ha sviluppato il 68% del fatturato nel 2010, il 71% nel 2011 e il 73% nel ); quest'ultimo è stato classificato tra le discontinued operations nel (2) Al netto dei contributi e canoni per l'esercizio di attività di telecomunicazioni (318 milioni nel, 484 milioni nel 2010, 675 milioni nel 2011, 621 milioni nel e 482 milioni nel (3) Esercizi chiusi nel marzo 2010,2011,, 2013 e (4) Dal 2011 non è disponibile il dettaglio dei ricavi da telefonia mobile (pari a 21 milioni nel e a 44 milioni nel 2010) Fonte: R&S-Mediobanca 19

20 Tabella 5 Ricavo medio mensile per cliente Euro per cliente al mese Telecom Italia Accesso fisso broadband 18,3 18,6 18,4 18,5 19,1 3,3 4,4 Telefonia mobile Italia 20,0 19,7 17,4 15,5 13,1-15,5-34,5 Vodafone Omnitel B.V. (1) Telefonia mobile 22,0 20,4 19,5 17,2 14,5-15,5-34,0 Wind Telecomunicazioni Accesso fisso broadband 18,3 18,3 19,3 19,1 20,5 7,3 12,0 Telefonia mobile 17,4 16,6 15,6 14,4 12,3-14,6-29,3 3 Italia Telefonia mobile 15,6 15,9 13,8 13,0 11,8-9,2-24,4 PosteMobile Telefonia mobile 8,4 9,8 8,9 8,6 7,0-18,6-16,7 Tiscali (1) Accesso fisso broadband 17,3 18,4 18,5 17,3 15,9-8,5-8,5 (1) Nostre stime su dati di bilancio. Fonte: R&S-Mediobanca 20

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

DELIBERA N. 747/13/CONS

DELIBERA N. 747/13/CONS DELIBERA N. 747/13/CONS MODIFICHE ALLA DELIBERA N. 476/12/CONS E APPROVAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE E TECNICHE DELL OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA PER L ANNO 2013 RELATIVA AI SERVIZI DI

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete.

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete. Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 212: : Ricavi consolidati a 43,6 mln (+ 8% vs 1 semestre 211 1 ) MOL 2 a 6,1

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia 30 settembre 203 4 ottobre 203 Telecom Italia e il mercato italiano Prezzo Chiusura Volumi medi giornalieri Capitalizzazione** da

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Francesco Vatalaro Dipartimento di Ingegneria dell Impresa Mario Lucertini Università di Roma Tor Vergata Padova, Orto Botanico - Aula Emiciclo, 27 Marzo 2015 Contenuti

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTREE 212: Ricavi consolidati a 22, mln (+ 5% vs v Q1 211 1 ) MOL 2 a 3,11 mln

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1 Il Gruppo e le sue attività Pag. 2 La filosofia della holding Pag. 4 Contact: Barabino & Partners Claudio Cosetti c.cosetti@barabino.it

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%)

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) 14/03/2013 COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 dicembre 2012 1 Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) Si rafforza il capitale con crescita patrimonio

Dettagli

Carta del Cliente dei Servizi mobili e fissi di Vodafone Omnitel B.V. Gennaio, 2014

Carta del Cliente dei Servizi mobili e fissi di Vodafone Omnitel B.V. Gennaio, 2014 Carta del Cliente dei Servizi mobili e fissi di Vodafone Omnitel B.V. Gennaio, 2014 INTRODUZIONE Vodafone Omnitel B.V. adotta la presente Carta dei Servizi in attuazione delle direttive e delle delibere

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT CITTÀ DI TORINO ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT Rapporto 2007 ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Telecom Italia Dicembre 2013

Telecom Italia Dicembre 2013 RICARICABILE BUSINESS TIM : PROPOSIZIONE ESCLUSIVA PER MEPA Telecom Italia Dicembre 2013 Ricaricabile Business TIM La piattaforma ricaricabile business di Telecom Italia prevede un basket per singola linea.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA

DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA NELLA sua riunione di Consiglio del 1 luglio 2010; VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Profilo Commerciale OFFERTA SPECIAL EDITION TIM Senza Problemi Super (ricaricabile)

Profilo Commerciale OFFERTA SPECIAL EDITION TIM Senza Problemi Super (ricaricabile) SPECIAL EDITION TIM Senza Problemi Super (di seguito l Offerta) è un offerta rivolta alle Aziende e/o persone fisiche intestatarie di Partita IVA, già titolari o contestualmente sottoscrittori di un Contratto

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli