Annuario R&S Principali operatori delle telecomunicazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Annuario R&S 2014. Principali operatori delle telecomunicazioni 2009-2013"

Transcript

1 Annuario R&S 2014 Principali operatori delle telecomunicazioni Confronto fra le monografie pubblicate da R&S sui sei maggiori operatori delle telecomunicazioni italiani nel quinquennio ed i principali peer europei. Summary Nel 2013 il settore delle telecomunicazioni ha rappresentato il 2,2% del Pil italiano, il 2,05% della spesa delle famiglie e il 5,8% degli investimenti complessivi. Nel 2013 i ricavi del settore telefonico italiano sono stati pari a 34,5 miliardi di euro (-10,8% sul e - 21,3% sul ), ugualmente suddivisi tra rete fissa e mobile (17 mld ciascuno). In contrazione sia i ricavi della rete mobile (-13,9% sul e -23,6% sul ) che quelli della rete fissa (-7,4% sul e -18,9% sul ) pur con dinamiche diverse dei volumi di traffico: in diminuzione del 14,1% sul e del 35,3% sul i minuti sul fisso, in crescita dell 8,5% quelli del mobile (+36% sul ). Nel periodo -13 il numero dei clienti della rete mobile è aumentato del 7,2% a discapito degli accessi alla rete fissa (voce più dati) in contrazione del 7,1%; gli accessi in banda larga su rete fissa sono invece aumentati del 15%. Tuttavia rispetto al si registrano flessioni tanto negli accessi alla rete fissa (-2,6%) che a quella mobile (-0,3%); solo gli accessi alla banda larga segnano un progresso (+1,6%). Quanto alle quote di mercato in Italia a fine 2013: Nel mobile (inclusi MVNO): Telecom Italia 32,2% (-1,9 p.p. sul ), Vodafone Italia 28,7% (-4,3 p.p. sul ), Wind 23% (+2,7 p.p.), 3 Italia 10% (+0,2 p.p.), PosteMobile 2,9% (+1,7 p.p.), Fastweb 0,8% (+0,5 p.p.); le quote degli operatori MVNO sono passate dal 2,7% del al 5,4% del 2013 delle SIM complessive Nel fisso (voce + dati): Telecom Italia 63,1% (-10,4 p.p sul ), Wind 13,5% (+3,6 p.p.), Vodafone Italia (9,5%, +3 p.p.), Fastweb 9,3% (+2,1 p.p), Tiscali 2% Broadband: Telecom Italia 49,8% (-6,4 p.p. sul ), Wind 15,9% (+2 p.p.), Fastweb 14% (+1,9 p.p), Vodafone 12% (+1,8 p.p.), Tiscali 3,7% Relativamente al settore mobile nei principali paesi europei, si evidenziano per il 2013 le seguenti quote: Francia: Orange (35,8%), SFR (28,2%), Boygues Telecom (14,7%), Iliad (10,6%) e altri (10,7%); Germania: Deutsche Telekom (33,5%), Vodafone (28%), E-Plus (21,7%), O2 (16,8%); Spagna: Telefònica (34%), Vodafone (23,5%), Orange (22,8%), Yoigo (6,7%), altri (13%); UK: Everything Everywhere (30%), Vodafone (25%), O2 (24%), 3 UK (11%), altri (10%) Quanto ai margini industriali dei principali gruppi europei: a Telecom Italia spetta la migliore redditività industriale, con il Mon che si è attestato nel 2013 al 21,8% del fatturato, in linea con quello di BT (21,6%) e davanti a Telefónica (16,3%), Orange (15,6%) e alla russa Vimpelcom (15,2%). Telecom Italia segna anche il migliore valore aggiunto netto per addetto pari a 136 mila euro, cui si abbina il minor costo del lavoro unitario (51 mila euro). Ciò porta al migliore Clup (costo del lavoro su valore aggiunto), con un incidenza pari al 37,5%, seguìto da Telefónica al 43,3%. I livelli relativamente meno 1

2 soddisfacenti sono segnati da Deutsche Telekom (71,1%, anche per l elevato costo del lavoro unitario: 64mila euro) e Vodafone (60,5%) che ha il minore valore aggiunto per addetto (86mila euro). Dal punto di vista patrimoniale, nel 2013 Vodafone riporta la struttura finanziaria più solida, con la minore incidenza dei debiti finanziari sul patrimonio netto (40,7%), seguita da Orange (142%), Deutsche Telekom (156%), Telecom Italia (173%), Telefónica (210%) e Vimpelcom (322%); BT Group ha patrimonio netto negativo. In tema di investimenti Telecom Italia si colloca in posizione arretrata: essi si attestano al 3,4% dello stock delle immobilizzazioni materiali di inizio periodo, in linea con BT (3,6%), ma ben al di sotto dei maggiori investitori, la russa Vimpelcom (12,7%) e Vodafone (9,2%). I ricavi aggregati dei principali sei gruppi italiani delle telecomunicazioni si sono contratti (su base omogenea) del 9,6% nel 2013 a 38,3 mld di euro, con il fatturato dei servizi di telefonia mobile pari a 20,1 mld (-14,1%, risentendo anche delle revisioni tariffarie dell Agcom sui servizi di terminazione mobile) e quelli dei servizi di telefonia fissa del -6,8% a 15,3 mld,;in aumento quelli da vendita di apparecchi e accessori telefonici (+3,8% a 3,5 mld). Nel periodo le dinamiche si aggravano: il fatturato del fisso -17,9%, quello del mobile -20,6%, mentre le vendite di apparecchi telefonici sono quasi raddoppiate (+80%). L incidenza dei principali margini sul fatturato è in peggioramento dal per tutti i gruppi. Quattro di essi riportano nel 2013 un risultato corrente negativo (Wind -6,6%; 3 Italia -5,1%; Fastweb: -2%; Tiscali: -1,2. Nel 2013 Telecom Italia riporta i valori più elevati sia di mon (21,8%) che di risultato corrente (14,2%). Segue Vodafone Italia con risultato corrente pari all 11,6% dei ricavi, circa un terzo rispetto ai valori del ; il trend è confermato da Roi e Roe, entrambi in peggioramento per tutti i gruppi. Circa la produttività del lavoro, nel 2013 Vodafone Italia è al primo posto (194mila euro), seguita da Wind con 145mila euro e da Telecom Italia con 136mila euro. A Tiscali e 3 Italia spettano i valori più bassi (attorno ai 50mila euro). A Vodafone Italia spetta anche il miglior Clup, pari al 32,5%, seguita dal 37,5% di Telecom Italia e dal 38,6% di Wind. 3 Italia e Fastweb presentano valori attorno al 100% (rispettivamente, 112% e 97,3%). Nella telefonia mobile Telecom Italia e Vodafone Italia subiscono le diminuzioni più accentuate nel quinquennio dei ricavi medi mensili (-34,5% Telecom, -34% Vodafone), seguite da Wind (-29,3%). Vodafone ha ottenuto nel 2013 l Arpu più elevato (14,5 euro/mese), seguita da Telecom (13,1 euro), Wind (12,3 euro) e 3 Italia (11,8 euro), mentre PosteMobile segna livelli molto inferiori (7 euro). In salita gli Arpu nel broadband fisso: il valore più elevato è quello di Wind, con 20,5 euro/mese, in rialzo del 12% sul, seguita da Telecom con 19,1 euro/ mese (+4,4% sul ). 2

3 Dati di contesto delle Tlc in Italia Nel 2013 il settore delle telecomunicazioni ha rappresentato il 2,2% del Pil italiano (2,5% nel e 2,9% nel ), il 2,05% della spesa delle famiglie (2,2% nel e 2,5% nel ) e il 5,8% degli investimenti complessivi (6% circa nel ) 1. L Italia è tra i Paesi con il più ampio tasso di penetrazione di fonia mobile rispetto alla popolazione (numero di carte Sim in % della popolazione), con una percentuale pari al 159% a fine 2013, inferiore al 177% della Finlandia e al 169% della Russia, ma superiore al 148% della Svezia, al 140% della Germania, al 130% della Gran Bretagna, al 117% della Francia e al 107% della Spagna 2. Nel 2013 i ricavi del mercato italiano sono stati pari a 34,5 miliardi di euro, in diminuzione del 10,8% sul (circa 4 mld in meno) e del 21,3% sul (9 mld in meno). Essi sono ugualmente suddivisi tra rete fissa e mobile (17 mld ciascuno) 3. Risultano in contrazione sia ricavi della rete mobile (-13,9% sul ) che quelli della rete fissa (-7,4%) pur con dinamiche diverse dei volumi di traffico: in diminuzione del 14,1% sul i minuti sul fisso (a 67,1 mld di minuti), in crescita dell 8,5% quelli del mobile (156,5 mld di minuti), grazie alla diffusione delle tariffe flat e all aumento del traffico incluso nelle opzioni tariffarie. Tali tendenze sono confermate anche rispetto al : calo dei ricavi sia per fisso (-18,9%) che per mobile (- 23,6%), volumi di traffico in caduta sulla rete fissa (-35,3%) ed in forte crescita sul mobile (+36%). Sebbene il settore sia stato liberalizzato dal 1998, le tariffe dei servizi di telefonia sono regolati dall Agcom con effetti sulla struttura dei costi e dei ricavi delle aziende. La finalità della regolazione è di garantire pari opportunità di accesso a tutti gli operatori. L Agcom ha progressivamente ridotto le tariffe di terminazione delle chiamate vocali sul mobile, cadute da un range di 6,6/9 centesimi al minuto (a seconda dell operatore) nel 2010/2011 a 0,98 centesimi nel secondo semestre 2013 (medesimo valore per tutti gli operatori). Analoghi interventi del regolatore hanno riguardato la telefonia fissa, con l abbassamento del canone d accesso alla rete in rame di Telecom Italia che ha subìto nel 2013 minori introiti per tale motivo pari a circa 111 milioni di euro. Il numero dei clienti della rete mobile è aumentato del 7,2% da 90,4 milioni nel a 96,9 milioni a fine 2013, a discapito degli accessi alla rete fissa (voce più dati) che si sono contratti del 7,1%, passando da 22,7 milioni di linee del agli attuali 21,1 milioni. Gli accessi in banda larga su rete fissa sono invece aumentati del 15%, da 12,1 a 13,9 milioni di linee. Tuttavia rispetto al si registrano flessioni tanto negli accessi alla rete fissa (-2,6%) che a quella mobile (-0,3%) e solo gli accessi alla banda larga segnano un progresso (+1,6%). Da notare infine che nella telefonia mobile diminuisce il ruolo delle Sim prepagate che rappresentano nel 2013 il 79,6% delle linee rispetto all 87,3% del I maggiori operatori nazionali: numero di accessi e quote di mercato In Italia i più importanti operatori del settore delle telecomunicazioni sono sei. Telecom Italia e Tiscali sono gruppi indipendenti: il primo ad azionariato diffuso, il secondo riconducibile a Renato Soru cui fa capo il 17,8% del capitale 4. Le altre quattro società rappresentano il presidio italiano di gruppi esteri ad ampia proiezione internazionale: Vodafone Omnitel B.V. (Vodafone Italia), controllata dall inglese Vodafone Group, Wind Telecomunicazioni controllata dal Gruppo russo (con sede in Olanda) Vimpelcom, 3 Italia (della cinese Hutchison Whampoa) e Fastweb (Gruppo Swisscom). 1 Fonte: Agcom, Relazione annuale Fonte: The Office of Communications-Ofcom. 3 Si tratta della somma tra la spesa finale per servizi retail (clientela residenziale e business) e i ricavi da servizi intermedi forniti ad altri operatori (servizi wholesale). 4 Il 22,4% di Telecom Italia è detenuto dalla holding Telco (46,18% di Telefónica, 30,58% di Gruppo Assicurazioni Generali, 11,62% di Intesa Sanpaolo e Mediobanca ciascuna). Nel luglio 2014 è stata deliberata la scissione della Telco con l assegnazione a 4 società di nuova costituzione (interamente controllate da ciascun azionista), della propria quota in Telecom Italia. E previsto che una parte del 14,77% che verrà assegnato a Telefónica sia girato al gruppo francese Vivendi nell ambito dell acquisizione, da parte del gruppo spagnolo, della brasiliana GVT, rendendo Telecom Italia una public company. 3

4 L ex monopolista Telecom Italia resta il principale operatore, con quote di mercato ancora importanti: il 63,1% nella telefonia fissa (voce+dati), il 49,8% degli accessi broadband ed il 32,2% della telefonia mobile. Si tratta di posizioni in riduzione rispetto al, specialmente nella telefonia fissa (meno 10,4 punti percentuali), ma anche nella telefonia mobile la contrazione è di 1,9 punti, nonostante il numero di clienti sia aumentato dell 1,2% dal. Si tratta della conseguenza della diffusione delle seconde e terze SIM pro-capite intercettate dagli altri operatori (c.d. OLO-Other Licensed Operator). Nel 2013 Telecom Italia ha limitato la perdita di quote di mercato in tutti i settori (-1,5 punti negli accessi alla rete fisica e -1,6 punti nella banda larga), ma ha subìto un importante riduzione del numero degli accessi retail alla propria rete fissa, calati da 14 milioni del a 13,2 milioni del 2013 (-5,5%), per effetto della crescita degli altri operatori (+2,6% sul ). Tuttavia i loro accessi nel 2013 sono avvenuti per il 91% tramite l infrastruttura di Telecom Italia, quota che si è contratta di oltre 4 punti rispetto al per lo sviluppo della rete di proprietà degli altri operatori, soprattutto quella in fibra ottica di Fastweb. Nel mercato mobile è aumentata l importanza degli operatori c.d. MVNO-Mobile Virtual Network Operator (quelli che, essendo privi di rete propria, stipulano accordi commerciali con i proprietari di rete), la cui incidenza è raddoppiata passando dal 2,7% del al 5,4% del 2013 delle SIM complessive in circolazione. Il loro ruolo è tuttavia ancora limitato rispetto agli altri Paesi europei: 13% in Spagna e il 10% circa in Francia e UK. In Italia PosteMobile (gruppo Poste Italiane) è il primo MVNO con 2,8 milioni di SIM pari al 2,9% del mercato e al 54,2% delle linee MVNO. Vodafone Italia è il secondo operatore nella telefonia mobile con una quota del 28,7%, in diminuzione di 4,3 punti sul. Nel 2013 la società è diventata il primo operatore nella clientela residenziale mobile (31,7%), a discapito di Telecom Italia (29,6%) che mantiene la leadership nella clientela business con il 60,9% del mercato, e occupa la prima posizione anche nel settore delle carte prepagate (con il 31,7% del mercato contro il 31,5% di Telecom Italia). Vodafone Italia ha progressivamente guadagnato importanti quote di mercato nel fisso, grazie anche all acquisizione di Teletu nel 2008, e rappresenta a fine 2013 il terzo operatore con una quota del 9,5% (+3 punti sul ), alle spalle di Telecom (63,1%) e Wind Telecomunicazioni (13,5%). Attraverso il marchio Infostrada, Wind Telecomunicazioni è il secondo operatore di telefonia fissa (+3,6 punti sul ) e nel comparto degli accessi a larga banda, con una quota del 15,9%. Con 22,3 milioni di utenti nel 2013 (18,4 milioni nel ), Wind rappresenta il terzo operatore nella telefonia mobile: detiene una quota di mercato del 23%, in crescita di 2,7 punti sul. Fastweb è il terzo operatore negli accessi a banda larga con il 14% del mercato (dietro Telecom e Wind) ed è prossima a Vodafone Italia nella telefonia fissa (voce+dati) con il 9,3% del mercato. Fastweb è in crescita anche nel mobile come operatore MVNO, con oltre 800mila Sim (0,8% del mercato). Con investimenti in immobilizzazioni materiali superiori ai 6 mld di euro dalla sua fondazione nel 1999, Fastweb gestiva a fine dicembre 2013 oltre 34 mila km di rete in fibra ottica di nuova generazione. 4

5 Tabella 1 Numero di clienti e quote di mercato in Italia (-2013) Numero di clienti Telefonia mobile (1) (migliaia di unità) Var. (migliaia di unità) Var. (migliaia di unità) Totale Italia di cui MVNO Telecom Italia (*) Vodafone Wind Telecomunicazioni Italia PosteMobile Fastweb Tiscali o Totale 7 operatori (*) Oltre a: - Telefonia mobile in Brasile Telefonia mobile in Argentina (1) n.c. n.c. (1) Riclassificate nel 2013 tra le discontinued operations. Quote di mercato Telefonia mobile (1) (in %) Var. (punti) Var. (punti) Telecom Italia 34,1 32,9 33,6 33,1 32,2-1,9-0,9 Vodafone 33,0 32,4 31,2 30,0 28,7-4,3-1,3 Wind Telecomunicazioni 20,3 21,1 21,9 22,2 23,0 2,7 0,8 3 Italia 9,8 9,6 9,6 9,8 10,0 0,2 0,2 PosteMobile 1,2 1,8 2,1 2,6 2,9 1,7 0,3 Fastweb 0,3 0,5 0,6 0,7 0,8 0,5 0,1 Tiscali o 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0,0 Totale 98,8 98,5 99,0 98,6 97,8 (1) SIM con almeno una ricarica negli ultimi 12 mesi 5

6 Quote di mercato Telefonia fissa (voce+dati) Var. (In %) (punti) Var. Telecom Italia 73,5 71,6 66,4 64,6 63,1-10,4-1,5 Vodafone 6,5 7,4 9,7 9,7 9,5 3,0-0,2 Wind Telecomunicazioni 9,9 10,6 13,2 13,5 13,5 3,6 0,0 Fastweb 7,2 7,4 7,3 8,3 9,3 2,1 1,0 Tiscali 1,6 1,9 1,8 1,8 2,0 0,4 0,2 Totale 98,7 98,9 98,4 97,9 97,4-1,3-0,5 Quote di mercato Telefonia fissa (broadband) Var. (punti) Var. (in %) Telecom Italia 56,2 54,9 52,9 51,4 49,8-6,4-1,6 Vodafone 10,2 11,9 12,5 11,9 12,0 1,8 0,1 Wind Telecomunicazioni 13,9 14,8 15,9 16,3 15,9 2,0-0,4 Fastweb 12,1 11,7 11,8 12,9 14,0 1,9 1,1 Tiscali 4,7 4,2 3,7 3,6 3,7-1,0 0,1 Totale 97,1 97,5 96,8 96,1 95,4-1,7-0,7 Fonte:elaborazioni R&S-Mediobanca su dati Agcom Dati di contesto delle Tlc in Europa Quasi tutte le principali compagnie telefoniche europee hanno intrapreso una strategia di integrazione tra telefonia fissa e mobile sfruttando la convergenza tra le piattaforme tecnologiche al fine offrire una gamma di servizi sempre più completa 5.. Fanno eccezione i c.d. pure-play operators: Vodafone, operante quasi esclusivamente nel mobile dal quale sviluppa l 81% dei ricavi consolidati, e BT Group, prevalentemente attiva nella telefonia fissa ove copriva una quota del 38% del mercato UK a fine Essa, dopo lo scorporo nel 2001 della MMO2, offre servizi di telefonia mobile solo a clienti corporate mediante una partnership con Vodafone, da cui ottiene ricavi annui stimati in 850 milioni di euro (su un fatturato totale di 19 mld). 6. Il mercato della telefonia fissa vede in ogni Paese la leadership degli ex monopolisti proprietari della rete fissa.. Nel Regno Unito il processo di liberalizzazione ha condotto nel gennaio 2006 alla creazione di una divisione del Gruppo BT denominata Openreach alla quale è stata affidata la gestione delle infrastrutture. Openreach gode di autonoma governance e di separazione contabile e amministrativa, al fine garantire pari opportunità d accesso alla rete a tutti i concorrenti. Il Gruppo Orange (già France Télécom) è l ex monopolista che ha visto flettere maggiormente la propria quota di mercato nel traffico voce su rete fissa tra il 2008 ed il 2013 (-22%), seguita da Telefónica (-20%), Telecom Italia (-16%), BT Group (-7%) e Deutsche Telekom (-2%). 5 Tra i fattori che stimolano la convergenza fisso-mobile, si può citare la diffusione dell IP (Internet Protocol) per il trasporto di voce, dati e video, la disponibilità di nuove tecnologie a banda larga per l accesso senza fili alla rete fissa e la crescente diffusione di terminali evoluti. 6 Nel febbraio 2013 la BT ha acquisito una licenza 4G e nel marzo 2014 ha annunciato un nuovo accordo con Everything Everywhere, in sostituzione della partnership con Vodafone. 6

7 Nel mercato europeo del mobile i principali operatori sono Vodafone (434 milioni di clienti con attività in 60 Paesi, principalmente in Gran Bretagna, Germania, Italia, Spagna e Turchia e con controllate anche in Africa e India), Telefónica (attiva in Spagna, in numerosi Paesi dell America Latina tramite il marchio Movistar, in Gran Bretagna e Germania tramite O 2 e in Brasile con Vivo), Orange (presente in 30 nazioni, tra cui Francia, Spagna, Polonia, diversi Paesi dell Africa e in Gran Bretagna, con Everything Everywhere, joint-venture paritetica con Deutsche Telekom) e Deutsche Telekom (in 50 Paesi, principalmente Germania e USA). Fra i maggiori operatori europei di Tlc, il Gruppo Telecom Italia non ha una significativa presenza in altri Paesi europei, ma rappresenta il secondo operatore del mobile in Brasile con una quota di mercato del 27% e 73,4 milioni di abbonati (41,1 milioni del ) 7. L unica importante presenza europea di un operatore extraeuropeo è costituita dal Gruppo Hutchison Whampoa, conglomerata cinese che nel settore delle telecomunicazioni è attiva ad Hong Kong (anche nel fisso), in Australia e in Europa (26,6 milioni di Sim registrate), dove opera con il marchio 3 principalmente in Gran Bretagna (9,8 milioni di clienti) e Italia (9,7 milioni). Tabella 2 Quote di mercato 2013 in alcuni Paesi europei Quote di mercato Telefonia mobile in alcuni Paesi europei (2013, in %) Francia Orange 35,8 SFR (Numericable Group) 28,2 Bouygues Telecom 14,7 Iliad (Free) 10,6 Altri 10,7 Germania (1) Italia Deutsche Telekom 33,5 Telecom Italia 32,2 Vodafone 28,0 Vodafone 28,7 E-Plus (Telefónica) 21,7 Wind Telecom. 23,0 O2 (Telefónica) 16,8 3 Italia (H. Wampoa) 10,0 Altri 0,0 Altri (2) 6,1 Spagna Telefónica 34,0 Vodafone 23,5 Orange 22,8 Yoigo 6,7 Altri 13,0 UK Everything Everywhere (jv Orange DT) 30,0 Vodafone 25,0 O2 (Telefónica) 24,0 3 UK (H. Wampoa) 11,0 Altri 10,0 (1) Esclusi gli MVNO. (2) Di cui: 2,9% poste Mobile e 0,8% Fastweb. In Gran Bretagna la joint venture Everything Everywhere rappresenta il primo operatore nella telefonia mobile con il 30% del mercato, seguita da Vodafone con il 25%, Telefónica (marchio O 2 )con il 24%, il Gruppo 3 con l 11% e altri operatori con il 10%. In Germania in prima posizione si colloca Deutsche Telekom con il 33,5%, seguita da Vodafone con il 28%, dalla E-plus (fino al settembre 2014 controllata dall olandese KPN, poi passata a Telefónica Deutschland - Gruppo Telefónica) con il 21,7% e Telefónica Deutschland (marchio O 2 ) con il 16,8%. 8 In Francia la maggiore quota di mercato è detenuta dal Gruppo Orange (con il 35,8%), seguita da altri tre operatori francesi: SFR (secondo operatore transalpino acquisito 7 Telecom è invece in disimpegno dall Argentina dove nel contava circa 19 milioni di clienti. 8 Dati al netto dei MVNO. 7

8 nel novembre 2014 da Numericable Group 9 ) con il 28,2%, Bouygues Telecom (Gruppo Bouygues operante principalmente nelle costruzioni) con il 14,7% e Iliad 10 (marchio Free) al 10,6%; gli altri operatori sommano il 10,7%. In Spagna il mercato è ripartito tra Telefónica (34%), Vodafone (23,5%), Orange (22,8%), Yoigo (6,7%) 11 e altri operatori (13%). Dati contabili di sintesi dei principali operatori telefonici in Europa La tabella che segue contiene alcuni dati dei principali operatori telefonici europei con ricavi superiori ai 15 mld di euro nel Tabella 3 Dati economico-finanziari 2013 dei sei maggiori operatori europei Dati consolidati Deut. Tel. Tele fónica Voda fone Orange Telecom Italia BT Group Vimpel com Fatturato netto ( mil.) Conto economico (% sul fatturato) Valore aggiunto 48,2 45,8 36,3 52,4 55,2 68,3 n.d. Costo del lavoro 25,2 12,6 10,1 22,0 13,5 29,7 n.d. Margine operativo lordo 23,0 33,1 26,2 30,4 41,7 38,6 36,6 Margine operativo netto 10,6 16,3 6,5 15,6 21,8 21,6 15,2 Risultato corrente 6,0 10,7 12,1 10,7 14,2 16,3 4,7 Risultato netto 1,5 8,0 154,5 4,6-2,9 12,8-11,6 Dati per dipendente ( 000 di euro) Fatturato Valore aggiunto netto (a) n.d. Costo del lavoro (b) n.d. CLUP (b/a in %) 71,1 43,3 60,5 59,1 37,5 57,7 n.d. N. di dipendenti (n. medio) Ratio economico-patrimoniali ROI (%) 8,1 12,0 2,7 10,1 11,9 37,1 9,2 ROE (%) (1) 4,1 27,7 513,1 8,3-3,8 n.c. -21,2 DF/capitale netto (%) (1) 156,0 210,1 40,7 142,0 173,2 n.c. 322,0 Fondi di ammortamento/itl (%) 71,8 72,3 54,5 73,3 81,9 71,7 43,0 Tasso di investimento (in % degli ITL) 5,4 5,6 9,2 4,9 3,4 3,6 12,7 Età media contabile dei cespiti (anni) 12,8 8,4 3,6 10,5 13,1 13,0 2,4 (1) BT Group ha un patrimonio netto negativo. Il dato di Vodafone è influenzato dalla plusvalenza per la cessione di Verizon Wireless. Fonte: R&S-Mediobanca su dati di bilancio 9 Il Gruppo Numericable-SFR, quotato all Euronext, è controllato al 60% da Altice e partecipato al 20% da Vivendi. Altice S.A., multinazionale dei cavi e delle Tlc a sua volta quotata all Euronext, è controllata dal fondatore Patrick Drahi. Il Gruppo è presente in Francia, Israele, Belgio e Lussemburgo, Portogallo e Svizzera. 10 Società quotata all Euronext e controllata da Xavier Niel (54,99%). 11 Yoigo è controllata al 76,6% dal gruppo svedese TeliaSonera che fa capo allo Stato Svedese (37,3%) e a quello Finlandese (10,1%). 8

9 La maggiore compagnia Telefónica è Deutsche Telekom con oltre 60,1 mld di ricavi, di cui 18,5 mld originati dalla controllata USA e ulteriori 6,7 mld. rivenienti dalle vendite di apparecchi (l 11% del fatturato). Seguono il Gruppo Telefónica con 57 mld., di cui 29 mld relativi alle attività in America Latina (20 mld dalla sola telefonia mobile), e Vodafone con 46 mld. A Telecom Italia spetta la migliore redditività industriale: il margine operativo netto si è attestato nel 2013 al 21,8% del fatturato, in linea con quello di BT (21,6%) e davanti a Telefónica (16,3%), Orange (15,6%) e alla russa Vimpelcom (15,2%). Telecom Italia è l unico operatore, unitamente a Vimpelcom, a chiudere in rosso l esercizio 2013, a causa delle svalutazioni di avviamenti per 2,2 mld. Vodafone, pur segnando margini industriali relativamente bassi (mon al 6,5% del fatturato), realizza nel 2013 utili record pari a 59,3 mld di Gbp, grazie alla plusvalenza da 45 mld di Gbp per la cessione del 45% di Verizon Wireless al gruppo statunitense Verizon (incasso di 79 mld di Gbp, in parte in denaro in parte in azioni Verizon) 12. Telecom Italia segna anche la migliore produttività, con un valore aggiunto netto per addetto pari a 136 mila euro, cui si abbina ed il minor costo del lavoro unitario (51 mila euro). Ciò porta al migliore Clup (costo del lavoro su valore aggiunto), con un incidenza pari al 37,5%, seguìto da Telefónica al 43,3%. I livelli relativamente meno soddisfacenti sono segnati da Deutsche Telekom (71,1%, anche per l elevato costo del lavoro unitario: 64mila euro) e Vodafone (60,5%) che ha il minore valore aggiunto per addetto (86mila euro). Dal punto di vista patrimoniale, Vodafone riporta la struttura finanziaria più solida, con la minore incidenza dei debiti finanziari sul patrimonio netto (40,7%), avendo ridotto di oltre 15 mld di euro la propria esposizione finanziaria grazie anche alla liquidità incassata dalla cessione di Verizon Wireless. Il profilo finanziario di Telecom Italia appare relativamente più appesantito, con debiti finanziari pari al 173% dei mezzi propri, ma comunque più solido rispetto a quelli di Vimpelcom (322%) e Telefónica (210%) e non troppo lontano da Deutsche Telekom (156%) e Orange (142%). BT Group ha patrimonio netto negativo. Anche in tema di investimenti Telecom Italia si colloca in posizione arretrata: essi si attestano al 3,4% dello stock delle immobilizzazioni materiali di inizio periodo, il valore più basso tra i peer, in linea con BT (3,6%), ma ben al di sotto dei maggiori investitori, la russa Vimpelcom (12,7%) e Vodafone (9,2%). I cespiti di Telecom appaiono quelli maggiormente ammortizzati (81,9%), anche se la loro età media contabile, pur elevata (13,1 anni), non è differente da quella di BT (13 anni) e Deutsche Telekom (12,8 anni). Tutti i gestori di rete scontano un anzianità dei cespiti superiore agli operatori del mobile: Vodafone con 3,6 anni e Vimpelcom con 2,4 anni. I maggiori operatori italiani: fatturato e ricavo medio mensile per cliente (c.d. Arpu) I ricavi aggregati dei principali sei gruppi delle telecomunicazioni in Italia si sono complessivamente contratti (su base omogenea) del 9,6% nel 2013 a 38,3 mld di euro 13. Ciò a causa dei servizi di telefonia mobile il cui fatturato si è contratto del 14,1% attestandosi a 20,1 mld, di cui 5,4 mld relativi alle attività brasiliane di Telecom Italia. Su tali dinamiche hanno inciso anche le revisioni tariffarie dell Agcom sui servizi di terminazione mobile che hanno prodotto un impatto negativo sui conti del 2013 pari a 429 milioni di euro per Telecom Italia, 400 per Wind e 310 milioni per Vodafone Italia. I ricavi aggregati dei servizi di telefonia fissa sono diminuiti nel 2013 del 6,8% a 15,3 mld, mentre quelli da vendita di apparecchi e accessori telefonici sono aumentati del 3,8% a 3,5 mld (di cui 1,1 mld relativo alla controllata brasiliana di Telecom Italia). Con riferimento al periodo le dinamiche si confermano ed aggravano: il fatturato del fisso si è ridimensionato del 17,9%, quello del mobile del 20,6%, mentre le vendite di apparecchi telefonici sono quasi raddoppiate (+80%). Il 50,7% del fatturato aggregato dei sei gruppi origina nel 2013 dalla telefonia mobile, ma con incidenza in continua contrazione (54% nel 12 Nell ambito di questa operazione, Vodafone Group ha acquisito da Verizon il 23% di Vodafone Omnitel B.V. (Vodafone Italia), giungendo al controllo totalitario della società. 13 Variazione calcolata escludendo gli effetti della cessione delle attività argentine di Telecom Italia che nel avevano fatturato 3,4 mld di euro. 9

10 ), il 38,5% deriva dai servizi di telefonia fissa (39,7% nel ), mentre la vendita di apparecchi ha generato l 8,8% dei ricavi (4,1% nel ). Tabella 4 Fatturato aggregato dei sei maggiori operatori italiani (-2013) Sei maggiori gruppi italiani 2013 mil. in % del totale mil. in % del totale mil. in % del totale Var % 2013 Var % 2013 Telefonia fissa , , ,5-17,9-6,8 (1) Telefonia mobile , , ,7-20,6-14,1 (1) Vendita telefoni e accessori , , ,8 80,2 3,8 (1) Altri ricavi , , ,0-23,5-10,1 Fatturato lordo , , ,0-15,5-9,7 (1) Fatturato al netto elisioni Telecom ,0-9,6 (1) (1) Variazioni su base omogenea (al netto principalmente dell effetto Argentina). La 3 Italia è pressoché interamente operativa nel comparto della telefonia mobile e, pur chiudendo il 2013 con ricavi in diminuzione del 10,2%, è la sola società a crescere nel quadriennio (+24,5%). Il rialzo dal è tuttavia dovuto al forte aumento della vendita di apparecchi (633 milioni nel 2013 contro i 21 milioni del ) che ha bilanciato la diminuzione dei servizi voce (-14,6%). Grafico 1 Variazione % dei ricavi 64,3 20,7 16,3 18,2 9,6 9,8 0,0 0,0 6,2 16,5 4,9 0,0 3,8-7,6-3,0-5,9-2,7-3,4-7,5-6,3-4,7-6,8-8,8-13,7-10,7-8,2-10,2-9,6-14,0-14,1-10,1-18,6-18,3-22,5-25,0 Telecom Italia Vodafone Wind 3 Italia Fastweb Tiscali Totale Italia Omnitel Mobile Fisso Apparecchi Altri Totale La maggioranza dei ricavi di Vodafone Italia (75%) e di Wind (68%) deriva da servizi di telefonia mobile. Per Wind il peso della telefonia fissa (26,8% dei ricavi) è doppio rispetto a Vodafone (12,8%), ma la tendenza dal vede in crescita Vodafone (+6,7%) e in calo Wind (-27,6%). La vendita di apparecchi ed accessori pesa per il 7,9% dei ricavi in Telecom, per il 9,5% in Vodafone, per il 4,9% in Wind. Per 3 Italia, che 10

11 non ha proventi da telefonia fissa, questa voce raggiunge il 30,4% dei ricavi totali, anche se in calo dal 33,4% del. Il fatturato di Fastweb e Tiscali, entrambi operatori virtuali di telefonia mobile, deriva principalmente da ricavi per l accesso alla rete fissa (voce + dati) 14. Grafico 2 Composizione % dei ricavi nel ,0 68,0 67,4 89,0 79,4 47,3 43,2 26,8 12,8 7,9 1,6 9,5 4,9 2,7 0,3 0,0 30,4 2,2 19,3 0,0 4,2 6,8 1,3 0,0 Telecom Italia Vodafone Omnitel Wind 3 Italia Fastweb Tiscali Mobile Fisso Apparecchi Altri Le riduzioni tariffarie di terminazione e l aspra concorrenza sui prezzi spiegano la generale diminuzione dei ricavi medi mensili per cliente nella telefonia mobile. Telecom Italia e Vodafone Italia subiscono le diminuzioni più accentuate nel quinquennio (-34,5% Telecom, -34% Vodafone), seguite da Wind (-29,3%). Vodafone ha ottenuto nel 2013 l Arpu più elevato (14,5 euro al mese), seguita da Telecom (13,1 euro); poco differenti i valori di Wind (12,3 euro) e 3 Italia (11,8 euro), mentre PosteMobile segna livelli molto inferiori (7 euro). L accesso in banda larga alla rete fissa fa registrare Arpu generalmente in salita, grazie anche alla crescente velocità di navigazione offerta. Il valore più elevato è quello di Wind, con 20,5 euro al mese, in rialzo del 12% sul, seguita da Telecom con 19,1 euro al mese (+4,4% sul ). Grafico 3 Ricavo medio mensile per cliente nel 2013 ( ) 14 Dal 2011 Fastweb non fornisce l ammontare dei ricavi da telefonia mobile (pari a 21 milioni nel ed a 44 milioni nel 2010). 11

12 I maggiori operatori italiani: margini e risultato netto L incidenza dei principali margini sul fatturato è in peggioramento dal per tutti i gruppi. Quattro di essi riportano nel 2013 un risultato corrente negativo (Wind -6,6%; 3 Italia -5,1%; Fastweb: -2%; Tiscali: -1,2%). I valori negativi si estendono all intero quinquennio per 3 Italia e Tiscali, seppure in miglioramento rispetto al. Nel 2013 Telecom Italia riporta i valori più elevati sia di margine operativo netto (21,8%) che di risultato corrente (14,2%), con incidenze sostanzialmente stabili nel periodo Segue Vodafone Italia con risultato corrente pari all 11,6% dei ricavi, circa un terzo rispetto ai valori del. Il trend è confermato da Roi e Roe, entrambi in peggioramento per tutti i gruppi. Il Roi più alto nel 2013 è di Vodafone Italia (17,5%), anche se in forte contrazione rispetto al (57,9%). Segue Telecom Italia con l 11,9%. Nel quinquennio -13 i sei operatori delle Tlc hanno complessivamente cumulato perdite nette per 1,4 mld di euro. Le maggiori sono in capo a Telecom Italia (-2,4 mld), gravata da svalutazioni di intangibles e avviamenti nel quinquennio superiori a 14 mld. Seguono 3 Italia (-946 milioni) e Wind (-703 milioni). Minori le perdite sommate da Tiscali (-468 milioni) e Fastweb (-317 milioni), ma le due società hanno sempre chiuso in negativo nel quinquennio. Vodafone Italia ha invece realizzato nel quinquennio utili cumulati per 3,4 mld di euro, ma con intensità decrescente: l ultimo esercizio (a marzo 2014) ha portato un risultato netto positivo per 160 milioni, ma nel esso era stato pari a 1,36 mld. Vodafone Italia ha realizzato nel 2013 il maggiore fatturato per dipendente: 994mila euro (-9,1% sul e -17,1% sul ), una volta e mezzo superiore rispetto al valore di Telecom Italia (385mila euro) e superiore del 43% anche al fatturato pro-capite di Wind Telecomunicazioni (695mila euro), con cui condivide la dimensione della forza lavoro (6.650 unità per Vodafone Italia, per Wind). Per 3 Italia e per Fastweb il rialzo del fatturato per addetto nel periodo è tra il 17% e il 20%. Per 3 Italia è l effetto della forte crescita nelle vendite di apparecchi che compensa il lieve incremento degli addetti (+6%); per Fastweb il risultato delle maggiori vendite e della concomitante riduzione dell organico (-26,4%) 15. Circa la produttività del lavoro (valore aggiunto netto per dipendente), Vodafone Italia è al primo posto (194mila euro), ma in forte diminuzione rispetto al (-36,4%) ed al (-57,4%). Cali hanno riguardato anche Wind (-20,3% sul e -33,5% sul ) con 145mila euro nel 2013, valore di poco superiore ai 136mila euro di Telecom Italia. A Tiscali e 3 Italia spettano i valori più bassi (attorno ai 50mila euro). Tiscali può contare sul costo del lavoro pro-capite più basso (39mila euro), ben inferiore ai 71mila euro di Fastweb e ai 63mila di Vodafone Italia. A Vodafone Italia spetta anche il miglior Clup: l incidenza del costo del lavoro sul valore aggiunto netto è pari al 32,5%, seguita dal 37,5% di Telecom Italia e dal 38,6% di Wind. 3 Italia e Fastweb presentano valori attorno al 100% (rispettivamente, 112% e 97,3%). Nel periodo -13 gli organici medi di Vodafone Italia si sono ridotti del 12,3% e quelli di Telecom Italia del 14,9% (-19,5% in Italia e +14% all estero, in massima parte in Brasile). I Maggiori operatori: profili patrimoniali e investimenti Le perdite cumulate nel quinquennio hanno causato la contrazione dei patrimoni netti. Quella più acuta è relativa a Wind (-52,9% sul, pur considerando il versamento in c/capitale da 35 milioni del ), ma riduzioni rilevanti hanno interessato anche Fastweb (-33,2%) Telecom Italia (-25%) che pure ha ridotto l indebitamento finanziario del 13%. Tiscali presenta un patrimonio netto negativo in tutto il periodo, nonostante la ricapitalizzazione da 187 milioni conclusa nel, sottoscritta per 31,4 milioni da Renato Soru mediante conversione di crediti verso la società. Il patrimonio netto di 3 Italia si è incrementato passando da 400 milioni nel a milioni nel 2013, grazie all effetto 15 Nel gennaio 2013 Fastweb ha ceduto al Gruppo Visiant Next il ramo d azienda customer operations (631 dipendenti). 12

13 dell attualizzazione di debiti finanziari infruttiferi cinquantennali erogati dalla controllante nel e 2010 (del valore nominale, rispettivamente, di 3 mld e milioni) 16. La struttura finanziaria è in generale indebolimento, fatta eccezione per Vodafone Italia con debiti finanziari irrilevanti (verso una consociata straniera) e pari all 8% dei mezzi propri del Vi è poi da segnalare che Vodafone Italia e Fastweb sono gli unici gruppi con valore positivo del capitale netto tangibile: Vodafone iscrive a fine 2013 mezzi propri per 4,2 mld a fronte di intangibles per 3,2 mld (di cui 2,3 mld rappresentati da licenze), mentre Fastweb presenta un netto patrimoniale di 568 milioni ed immobilizzi immateriali per 533 milioni. Il quadro dei restanti gruppi è così articolato: Wind ha lo sbilancio più evidente con mezzi propri per 787 milioni ed intangibles pari a 8,6 mld. (di cui avviamenti per 3,6 mld e licenze per 2,9 mld), 3 Italia ha un netto patrimoniale da 1,4 mld con 3,7 mld. di immateriali (di cui 3,1 mld in licenze), Telecom Italia ha 20,2 mld. di mezzi propri ma 36,2 mld. di intangibles, per la maggior parte (29,9 mld) relativi ad avviamenti (2,9 mld sono le licenze). Tiscali ha patrimonio netto negativo per 152 milioni ed intangibles per 68 milioni. 17 I maggiori investitori nel quinquennio sono stati Fastweb (9,4% medio) e 3 Italia (9%); intermedie le posizioni di Vodafone (6,9%) e Wind (6,6%). I valori più bassi sono relativi a Telecom Italia (3,9%) e Tiscali (1,6%). 16 L ammontare della ricapitalizzazione è il risultato della differenza tra il valore attuale degli importi ricevuti, infruttiferi e cinquantennali, determinato sulla base dei tassi di mercato, e il corrispettivo ricevuto. Successivamente all iscrizione iniziale del valore attuale di tali debiti, viene rilevato a conto economico l onere finanziario correlato al decorrere del tempo, determinato sulla base del costo ammortizzato. L operazione ha quindi portato nell immediato ad un abbattimento dei debiti finanziari (rimborsati per il nominale ricevuto ed aumentati del valore attuale del nuovo debito contratto) ed un contestuale rafforzamento dei mezzi propri. 17 Nel dicembre 2014 Tiscali ha raggiunto un accordo per la ristrutturazione del proprio indebitamento finanziario. 13

14 Tabella 1 Fatturato, traffico e tariffe delle Tlc in Italia Fatturato Italia (mil. di euro) Ricavi lordi rete fissa ,4-18,9 Ricavi lordi rete mobile ,9-23,6 TOTALE ,8-21,3 Dati di traffico (mld di minuti) Traffico su rete fissa 103,7 95,2 84,0 78,0 67,1-14,1-35,3 Traffico voce telefonia mobile 115,1 124,0 136,0 144,3 156,5 8,5 36,0 Tariffe dei servizi di terminazione sul mobile 2 sem sem sem sem 2 sem 1 sem sem 2013 (euro cent al minuto) 3 Italia 9,0 6,3 3,5 1,7 0,98 Telecom Italia, Vodafone Italia 6,6 5,3 2,5 1,5 0,98 Wind Telecomunicazioni 7,2 5,3 2,5 1,5 0,98 Canoni di accesso alla rete in rame di Telecom Italia (euro al mese) Accesso disaggregato alla rete locale (ULL) 8,49 8,70 9,02 9,28 8,68 Canone Bitstream (1) 17,71 18,98 19,24 19,50 15,14 (1) Bitstream: servizio di interconnessione all ingrosso nel mercato a banda larga Fonte: elaborazioni R&S-Mediobanca su dati Agcom.

15 Tabella 2 Accessi e clienti Numero di accessi diretti alla rete fissa (voce + dati) (1) (migliaia di linee) Telecom Italia ,5-17,9 OLO (a) ,6 19,4 di cui: OLO su infrastrutture T.I. (b) ,1 13,8 (b/a) in % 95,5 96,7 95,9 93,4 91,0 TOTALE ,6-7,1 N. indice (=100) 100,0 99,0 97,4 95,4 92,9 (1) Accessi OLO al 31/03/2010, esclusi accessi Wimax (accesso wireless a reti di telecomunicazioni in banda larga) Accessi a larga banda retail (migliaia di linee) Numero accessi ,6 15,0 Nr. indice (in %) 100,0 108,4 111,8 113,2 115,0 Numero clienti telefonia mobile (migliaia di unità) Operatori MNO ,1 4,1 Operatori MVNO ,5 118,3 di cui PosteMobile TOTALE ,3 7,2 Nr. indice MNO (=100) 100,0 102,9 105,0 105,3 104,1 Nr. indice MVNO (=100) 100,0 147,5 152,1 185,8 218,3 OLO = Other Licensed Operator MNO = Mobile Network Operator MVNO= Mobile Virtual Network Operator Fonte: elaborazioni R&S-Mediobanca su dati Agcom. 15

16 Tabella 3 Clienti e quote di mercato per operatore (1) Var. (2) Var. (2) Telecom Italia Telefonia fissa (voce+dati) (%) 73,5 71,6 66,4 64,6 63,1-1,5-10,4 Telefonia fissa (broadband) (%) 56,2 54,9 52,9 51,4 49,8-1,6-6,4 Telefonia mobile Italia (%) 34,1 32,9 33,6 33,1 32,2-0,9-1,9 N. accessi retail alla rete fissa in Italia a fine esercizio (migliaia) ,5-17,9 di cui: N. accessi Broadband retail alla rete fissa (migliaia) ,5-1,2 N. clienti a fine esercizio (telefonia mobile Italia) (migliaia) (3) ,9 1,2 N. clienti a fine esercizio (telefonia mobile Brasile) (migliaia) ,3 78,6 Vodafone Omnitel B.V. Telefonia fissa (voce+dati) (%) 6,5 7,4 9,7 9,7 9,5-0,2 3,0 Telefonia fissa (broadband) (%) 10,2 11,9 12,5 11,9 12,0 0,1 1,8 Telefonia mobile (%) 33,0 32,4 31,2 30,0 28,7-1,4-4,3 N. accessi retail alla rete fissa a fine esercizio (migliaia) ,3-6,2 di cui: N. accessi Broadband retail alla rete fissa (migliaia) ,6 37,3 N. clienti a fine esercizio (telefonia mobile) (migliaia) (3) ,9-6,8 Wind Telecomunicazioni Telefonia fissa (voce+dati) (%) 9,9 10,6 13,2 13,5 13,5 0,0 3,6 Telefonia fissa (broadband) (%) 13,9 14,8 15,9 16,3 15,9-0,4 2,0 Telefonia mobile (%) 20,3 21,1 21,9 22,2 23,0 0,8 2,7 N. accessi retail alla rete fissa a fine esercizio (migliaia) ,7 4,2 di cui: N. accessi Broadband retail alla rete fissa (migliaia) ,9 33,4 N. clienti a fine esercizio (telefonia mobile) (migliaia) (3) ,2 21,2 3 Italia Telefonia mobile (%) 9,8 9,6 9,6 9,8 10,0 0,2 0,2 N. clienti a fine esercizio (telefonia mobile) (migliaia) (3) ,7 9,1 16 (segue)

17 (continua) PosteMobile (Gruppo Poste Italiane) (*) Telefonia mobile (%) 1,2 1,8 2,1 2,6 2,9 0,4 1,7 N. clienti a fine esercizio (telefonia mobile) (migliaia) (3) ,1 163, 3 Fastweb (*) Telefonia fissa (voce+dati) (%) 7,2 7,4 7,3 8,3 9,3 1,0 2,1 Telefonia fissa (broadband) (%) 12,1 11,7 11,8 12,9 14,0 1,1 1,9 N. accessi retail alla rete fissa a fine esercizio (migliaia) ,9 18,1 N. clienti a fine esercizio (telefonia mobile) (migliaia) (3) ,9 Tiscali (*) Telefonia fissa (voce+dati) (%) 1,6 1,9 1,8 1,8 2,0 0,2 0,4 Telefonia fissa (broadband) (%) 4,7 4,2 3,7 3,6 3,7 0,1-1,0 N. accessi retail alla rete fissa a fine esercizio (migliaia) ,5-11,2 di cui: N. accessi Broadband retail alla rete fissa (migliaia) ,0-12,6 N. clienti a fine esercizio (telefonia mobile) (migliaia) (3) ,9 n.c. 200, 0 (*) Operatore MVNO. (1) Le quote relative agli accessi complessivi alla rete fissa sono al 30 marzo (2) In punti percentuali per le quote di mercato e in % per il numero di accessi e clienti. (3) Si tratta del numero totale di SIM, cioè quelle che hanno effettuato almeno una ricarica negli ultimi 12 mesi. Fonte: R&S-Mediobanca 17

18 Tabella 4 Suddivisione dei ricavi per operatore Dati in milioni di euro 2013 Telecom Italia (1) in % in % in % Telefonia fissa Italia , , ,3-7,6-18,8 Telefonia mobile Italia , , ,9-16,5-37,0 Telefonia Tim Brasile , , ,2-10,9 30,1 Telefonia Argentina - 0, ,0-0,0 0,0 0,0 Vendita telefoni e accessori , , ,9 9,6 37,3 Altri ricavi 670 2, , ,6-22,5-41,9 TOTALE (2) , , ,0-9,2-14,6 Rettifiche TOTALE RICAVI NETTI (2) ,8-13,7 Vodafone Omnitel B.V. (3) Telefonia mobile , , ,0-18,6-36,7 Telefonia fissa 793 8, , ,8-3,0 6,7 Vendita telefoni e accessori 328 3, , ,5 9,8 90,5 Altri ricavi 131 1, , ,7 16,3 35,9 TOTALE , , ,0-14,0-27,3 Wind Telecomunicazioni Telefonia mobile , , ,0-10,7-10,4 Telefonia fissa , , ,8-5,9-27,6 Vendita telefoni e accessori 124 2, , ,9 20,7 92,7 Altri ricavi 0 0,0 11 0,2 13 0,3 18,2 TOTALE , , ,0-8,2-13,4 3 Italia Telefonia mobile , , ,4-7,5-14,6 Telefoni e accessori 21 1, , ,4-18, ,3 Altri ricavi 9 0,5 28 1,2 46 2,2 64,3 411,1 TOTALE , , ,0-10,2 24,5 Fastweb Telefonia fissa e mobile (4) , , ,0-2,7-11,0 Vendita telefoni e accessori 62 3,3 65 3,8 69 4,2 6,2 11,3 Altri ricavi 149 8, , ,8-16,5-25,5 TOTALE , , ,0-3,4-11,4 Tiscali Telefonia fissa , , ,4-6,3-23,0 Telefonia mobile 0 0,0 4 1,7 3 1,3-25,0 n.c. Altri ricavi 60 20, , ,3 4,9-28,3 TOTALE , , ,0-4,7-23,1 (segue) 18

19 (continua) Totale Telefonia fissa , , ,5-6,8-17,9 Telefonia mobile , , ,7-14,1-20,6 Vendita telefoni e accessori , , ,8 3,8 80,2 Altri ricavi , , ,0-10,1-23,5 TOTALE , , ,0-9,7-15,5 Rettifiche Telecom Italia TOTALE RICAVI NETTI ,6-15,0 (1) Variazioni calcolate su base omogenea. Nell'ottobre 2010 il Gruppo Telecom Italia ha acquisito il controllo del Gruppo Telecom Argentina, attivo prevalentemente nel settore mobile (dal quale ha sviluppato il 68% del fatturato nel 2010, il 71% nel 2011 e il 73% nel ); quest'ultimo è stato classificato tra le discontinued operations nel (2) Al netto dei contributi e canoni per l'esercizio di attività di telecomunicazioni (318 milioni nel, 484 milioni nel 2010, 675 milioni nel 2011, 621 milioni nel e 482 milioni nel (3) Esercizi chiusi nel marzo 2010,2011,, 2013 e (4) Dal 2011 non è disponibile il dettaglio dei ricavi da telefonia mobile (pari a 21 milioni nel e a 44 milioni nel 2010) Fonte: R&S-Mediobanca 19

20 Tabella 5 Ricavo medio mensile per cliente Euro per cliente al mese Telecom Italia Accesso fisso broadband 18,3 18,6 18,4 18,5 19,1 3,3 4,4 Telefonia mobile Italia 20,0 19,7 17,4 15,5 13,1-15,5-34,5 Vodafone Omnitel B.V. (1) Telefonia mobile 22,0 20,4 19,5 17,2 14,5-15,5-34,0 Wind Telecomunicazioni Accesso fisso broadband 18,3 18,3 19,3 19,1 20,5 7,3 12,0 Telefonia mobile 17,4 16,6 15,6 14,4 12,3-14,6-29,3 3 Italia Telefonia mobile 15,6 15,9 13,8 13,0 11,8-9,2-24,4 PosteMobile Telefonia mobile 8,4 9,8 8,9 8,6 7,0-18,6-16,7 Tiscali (1) Accesso fisso broadband 17,3 18,4 18,5 17,3 15,9-8,5-8,5 (1) Nostre stime su dati di bilancio. Fonte: R&S-Mediobanca 20

Annuario R&S 2015. Principali operatori delle telecomunicazioni 2010-2014

Annuario R&S 2015. Principali operatori delle telecomunicazioni 2010-2014 Annuario R&S 2015 Principali operatori delle telecomunicazioni -2014 Summary Settore Clienti Nel 2014 il settore delle telecomunicazioni ha rappresentato in Italia il 2% del Pil, il 2,7% della spesa delle

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle Telecomunicazioni (*) -Aggiornamento al 31 marzo 2013 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle unicazioni (*) - Aggiornamento al 30 giugno 2014 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Annuario R&S 2014. Principali Gruppi italiani della Gdo 2009 2013

Annuario R&S 2014. Principali Gruppi italiani della Gdo 2009 2013 Annuario R&S 2014 Principali Gruppi italiani della Gdo 2009 2013 Confronto fra le monografie pubblicate da R&S sui maggiori Gruppi italiani della Grande distribuzione organizzata nel quinquennio 2009 2013

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle Telecomunicazioni (*) - Aggiornamento al 30 settembre 2013 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle unicazioni (*) - Aggiornamento al 30 settembre 2014 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4%

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4% COMUNICATO STAMPA ILLUSTRATE ALLA COMUNITA FINANZIARIA LE STRATEGIE E GLI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2006-2008 DEL GRUPPO TELECOM ITALIA E DELLA BUSINESS UNIT OPERATIONS Attesa una crescita organica dei

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle Telecomunicazioni (*) - Settembre 211 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni e stime dell

Dettagli

COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA: APPROVATI I RISULTATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA: APPROVATI I RISULTATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA: APPROVATI I RISULTATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2014 GRUPPO TELECOM ITALIA RISULTATI PRELIMINARI RICAVI CONSOLIDATI: 21,573 MILIARDI DI EURO (-5,4% IN TERMINI ORGANICI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ESAMINATA ED APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA ESAMINATA ED APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA ESAMINATA ED APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014 TELECOM ITALIA TORNA ALL UTILE DOPO 3 ANNI UTILE NETTO CONSOLIDATO: PARI A

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo 267,1 milioni di Euro di ricavi, in crescita del 26% rispetto al primo trimestre 2003 Crescita

Dettagli

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università

Dettagli

Comunicato Stampa. Nel trimestre EBITDA positivo a 10,4 mln di euro e posizione finanziaria migliorata di 12,6 mln di euro

Comunicato Stampa. Nel trimestre EBITDA positivo a 10,4 mln di euro e posizione finanziaria migliorata di 12,6 mln di euro Comunicato Stampa Il CdA di approva i dati relativi al terzo trimestre dell esercizio 2004-05 e propone l autorizzazione al buy-back di azioni proprie Nel trimestre EBITDA positivo a 10,4 mln di euro e

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle Telecomunicazioni (*) - Aggiornamento al 31 Dicembre 2011 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle unicazioni (*) - Aggiornamento al 31 dicembre 2013 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 30 2014 18,3 (+0,1%) EBITDA:

COMUNICATO STAMPA 30 2014 18,3 (+0,1%) EBITDA: COMUNICATO STAMPA MC-link: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 30 giugno 2014 Valore della produzione: 18,3 milioni di euro (+0,1%) EBITDA: 3,7 milioni di euro (+3,6%) Risultato Ante

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle unicazioni (*) - Aggiornamento al 31 marzo 2014 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle unicazioni (*) -Aggiornamento al 30 giugno 2013 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005 COMUNICATO STAMPA Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005 Wireline: continua la crescita dei ricavi, +2,1% rispetto al primo semestre 2004 (+2,3% crescita

Dettagli

Progetto di Bilancio 2004

Progetto di Bilancio 2004 Progetto di Bilancio 2004 Magenta, 30 marzo 2005 Esercizio 2004 Dati consolidati Ricavi netti: 471 milioni di euro, rispetto ai 542 milioni di euro a fine 2003 (-13%). Margine operativo lordo: 45,2 milioni

Dettagli

Area Studi Mediobanca I maggiori gruppi italiani della Gdo alimentare, 2010-2014

Area Studi Mediobanca I maggiori gruppi italiani della Gdo alimentare, 2010-2014 Area Studi Mediobanca I maggiori gruppi italiani della Gdo alimentare, 2010-2014 In sintesi Il fatturato dei maggiori operatori della Gdo italiana è cresciuto tra 2010 e 2014 dell 1,5%, ma ha ceduto l

Dettagli

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO L ASSICURAZIONE ITALIANA Continua a crescere ad un tasso elevato la raccolta premi complessiva, in particolare nelle assicurazioni vita. L esercizio si chiude in utile soprattutto grazie alla gestione

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Comunicato stampa di Camfin SpA

Comunicato stampa di Camfin SpA Pagina 1 di 5 CAMFIN s.p.a. Comunicato stampa di Camfin SpA Approvata dal CdA la Relazione Semestrale del Gruppo CAMFIN SpA VENDITE: 137 MILIONI DI EURO, CONTRO 144,8 MILIONI DI EURO NEL PRIMO SEMESTRE

Dettagli

Ricavi consolidati a 911 milioni di Euro, in crescita del 34% su base annua. EBITDA a 161,4 milioni di Euro, in crescita del 61% su base annua

Ricavi consolidati a 911 milioni di Euro, in crescita del 34% su base annua. EBITDA a 161,4 milioni di Euro, in crescita del 61% su base annua Tiscali: approvati dal CdA i risultati dell esercizio 2007 Centrati gli obiettivi del piano strategico Advisor finanziario per valutare opzioni strategiche Cagliari, 19 marzo 2008 Ricavi consolidati a

Dettagli

C O M U N I C A T O S T A M P A

C O M U N I C A T O S T A M P A Centro Uffici San Siro - Fabbricato D - ala 3 - Via Caldera, 21-20153 Milano Tel. 02 40901.1 - Fax 02 40901.287 - e-mail: isagro@isagro.it - www.isagro.com COMUNICATO STAMPA ISAGRO DATI PRELIMINARI 2006

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Crescita dei ricavi: 185,7 milioni di Euro nel trimestre (+16% su base annua) portano i ricavi nei nove mesi a 539,3

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DEL PRIMO TRIMESTRE 2003 Scenario economico La crescita dell economia

Dettagli

Un confronto tra i risultati di gruppo per variabili strategiche

Un confronto tra i risultati di gruppo per variabili strategiche Un confronto tra i risultati di gruppo per variabili strategiche metriche di borsa (al 15/12/2014) fonte Bloomberg Ranking per market cap (miliardi di euro) rendimento annuale (%)* P/E** market capmiliardi

Dettagli

Risultati Alstom 2014/15

Risultati Alstom 2014/15 Comunicato stampa 6 maggio 2015 Risultati Alstom 2014/15 Nuovo record di ordini (10 miliardi di euro) e del portafoglio ordini (28 miliardi di euro) Utile operativo in aumento di circa il 20% Free cash

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 20056-30-2015

Informazione Regolamentata n. 20056-30-2015 Informazione Regolamentata n. 20056-30-2015 Data/Ora Ricezione 23 Settembre 2015 17:54:31 AIM -Italia/Mercato Alternativo del Capitale Societa' : GO internet S.p.A. Identificativo Informazione Regolamentata

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010 Cagliari, 27 agosto 2010 Il Consiglio di Amministrazione di ha approvato i risultati al 30 giugno 2010. Risultato

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2006 e un nuovo finanziamento

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2006 e un nuovo finanziamento Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2006 e un nuovo finanziamento Ricavi nel trimestre a 202,7 milioni di Euro, in crescita del 17% su base annua EBITDA nel

Dettagli

Andamento economico finanziario del Gruppo Telecom Italia - Risultati al 30 settembre 2010

Andamento economico finanziario del Gruppo Telecom Italia - Risultati al 30 settembre 2010 Andamento economico finanziario del Gruppo Telecom Italia - Risultati al 30 settembre 2010 I risultati raggiunti nei primi nove mesi del 2010 permettono di porre l accento su alcuni importanti traguardi

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2006 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2006 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE Montefibre SpA Via Marco d Aviano, 2 20131 Milano Tel. +39 02 28008.1 Contatti societari: Ufficio titoli Tel. +39 02 28008.1 E-mail titoli@mef.it Sito Internet www.montefibre.it IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

Area Studi Mediobanca Top Moda Italia e Aziende Moda Italia 2009-2013

Area Studi Mediobanca Top Moda Italia e Aziende Moda Italia 2009-2013 Area Studi Mediobanca Top Moda e Aziende Moda 2009-2013 Quadro del settore Il giro d affari mondiale della moda (beni di lusso per la persona) è stimato nel 2013 in circa 218 mld. di euro. 1 Il 2013 ha

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I DATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2008

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I DATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2008 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I DATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2008 Parmalat consegue un EBITDA di 330,5 milioni di euro al lordo delle differenze cambio e 316,3 milioni di

Dettagli

Annuario R&S 2014 Principali Gruppi editoriali italiani 2009-2013 e I semestre 2014

Annuario R&S 2014 Principali Gruppi editoriali italiani 2009-2013 e I semestre 2014 Annuario R&S 2014 Principali Gruppi editoriali italiani 2009-2013 e I semestre 2014 Confronto fra le monografie pubblicate da R&S sui maggiori Gruppi editoriali italiani (cui fanno capo i principali quotidiani

Dettagli

Italia: continua la migrazione sulla rete proprietaria e accelera la crescita dei clienti double play

Italia: continua la migrazione sulla rete proprietaria e accelera la crescita dei clienti double play Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2007 Ricavi nel semestre a 393,1 milioni di Euro, in crescita del 24% su base annua. I ricavi dei servizi a banda larga

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

Enel: il CdA approva i risultati al 30 settembre 2006

Enel: il CdA approva i risultati al 30 settembre 2006 Enel: il CdA approva i risultati al 30 settembre 2006 Ricavi a 28.621 milioni di euro, +17,0% Ebitda a 6.264 milioni di euro, +4,3% Ebit a 4.885 milioni di euro, +12,4% Risultato netto del Gruppo a 2.640

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività 2012 Gruppo Unipol perimetro ante acquisizione Premafin Durante il 2012 le politiche di investimento hanno perseguito, in un

Dettagli

Risultati in linea con gli obiettivi di piano: ricavi sui nove mesi 2007 pari a 614,3 milioni di Euro, in crescita del 26% su base annua*

Risultati in linea con gli obiettivi di piano: ricavi sui nove mesi 2007 pari a 614,3 milioni di Euro, in crescita del 26% su base annua* Tiscali: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 30 settembre 2007. Risultati di periodo in crescita ed in linea con gli obiettivi di piano Risultati in linea con gli obiettivi di piano:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013.

COMUNICATO STAMPA. NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013. COMUNICATO STAMPA NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013. Ricavi Operativi Consolidati pari a 15,1 milioni di Euro, +10% rispetto al primo trimestre 2012. EBITDA*

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE GRUPPO ITALMOBILIARE RICAVI: 4.908,1 MILIONI DI EURO (+5,4) UTILE NETTO TOTALE:

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 Corso Matteotti, 9 Milano Tel. 02.780611 Partita Iva 03650800158 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 15 MAGGIO 2003 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A....

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili Cembre SpA Sede in Brescia - via Serenissima, 9 Capitale sociale euro 8.840.000 interamente versato Iscritta al Registro delle Imprese di Brescia al n.00541390175 Relazione trimestrale consolidata al 30

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nel trimestre ricavi a 598 milioni di euro, in calo del 3,8% EBIT a 13,9 milioni di euro, rispetto ai 20,9 milioni del periodo 2012

COMUNICATO STAMPA. Nel trimestre ricavi a 598 milioni di euro, in calo del 3,8% EBIT a 13,9 milioni di euro, rispetto ai 20,9 milioni del periodo 2012 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Indesit Company ha esaminato i dati del primo trimestre 2013 e approvato il Resoconto Intermedio di Gestione In un contesto di arretramento del mercato

Dettagli

Risultato operativo oltre 1,3 mld (+8%) con forte crescita del segmento danni (+26,6%) Utile netto sale a 603 mln (+6,3%)

Risultato operativo oltre 1,3 mld (+8%) con forte crescita del segmento danni (+26,6%) Utile netto sale a 603 mln (+6,3%) 10/05/2013 COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 marzo 2013 1 Risultato operativo oltre 1,3 mld (+8%) con forte crescita del segmento danni (+26,6%) Utile netto sale a 603 mln (+6,3%) Vita: solida

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004. Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004. Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004 Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca I primi tre mesi confermano la crescita registrata nel passato

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro 15 luglio 2014 1 INDICE Il settore delle comunicazioni in Italia I servizi tlc I servizi

Dettagli

ll Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2005

ll Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2005 ll Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2005 Crescita dei ricavi: 736,2 milioni di Euro, +12% su base annua: accelerazione in Regno Unito, Olanda e Italia

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Relazione annuale 2013 sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Relazione annuale 2013 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2013 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Roma, 9 luglio 2013 AGENDA 2 Introduzione L ecosistema digitale: la dieta degli italiani

Dettagli

Allegato "14" Piero Luigi Montani Consigliere Delegato Contesto economico 2011 Scenario macroeconomico Economia mondiale 2011: crescita debole del PIL ed elevata instabilità finanziaria a causa delle tensioni

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO RICAVI IN PROGRESSO, IN PARTICOLARE IN INDIA E MAROCCO SOSTANZIALE STABILITA DEI VOLUMI DI VENDITA DI CEMENTO: LA DEBOLEZZA

Dettagli

Poligrafici Editoriale

Poligrafici Editoriale COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria semestrale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CDA DI PIRELLI & C. SPA HA ESAMINATO I DATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2014 RISULTATI IN LINEA CON I TARGET

COMUNICATO STAMPA IL CDA DI PIRELLI & C. SPA HA ESAMINATO I DATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2014 RISULTATI IN LINEA CON I TARGET COMUNICATO STAMPA Per effetto della sottoscrizione dell accordo di cessione del 100% delle attività steelcord, tale business è stato classificato come discontinued operation e il risultato riclassificato

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO redatto ai sensi dell art. 71 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 11971 del 14 maggio 1999, e successive modifiche, relativo all acquisizione della divisione broadband

Dettagli

Comunicato Stampa. Meridie S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2015 ***

Comunicato Stampa. Meridie S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2015 *** Comunicato Stampa Meridie S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2015 *** Principali risultati consolidati relativi al primo semestre dell esercizio

Dettagli

ENEL ANNUNCIA L ACQUISTO DELLA QUOTA DI FRANCE TELECOM IN WIND PER 1,3 MILIARDI DI EURO RISULTATI 2002 POSITIVI PER WIND

ENEL ANNUNCIA L ACQUISTO DELLA QUOTA DI FRANCE TELECOM IN WIND PER 1,3 MILIARDI DI EURO RISULTATI 2002 POSITIVI PER WIND ENEL ANNUNCIA L ACQUISTO DELLA QUOTA DI FRANCE TELECOM IN WIND PER 1,3 MILIARDI DI EURO RISULTATI 2002 POSITIVI PER WIND Roma, 21 marzo 2003 Enel ha presentato oggi i risultati finanziari consolidati 2002

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO ARRIVI STRANIERI 1999 PER PROVENIENZA U.S.A. 1% S DK 1% 2% CZ 2% CH 2% ALTRI 10% GB 8% E 1% B 3% NL 6% F 2% A 7% D 55% STATI 1999 arrivi e presenze in provincia

Dettagli

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009 ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009 1. PREMESSA: ANALISI DEGLI SCHEMI Il gruppo CDC redige il proprio bilancio consolidato, in migliaia di euro, in conformità agli IAS/IFRS

Dettagli

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA Ricavi totali: 23,9 miliardi, +6,0% ( 22,6 miliardi al 30.09.2014) Risultato

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

PIRELLI Società per azioni. Sede in Milano, Viale Sarca n. 222. Capitale Sociale Euro 1.042.408.785,08

PIRELLI Società per azioni. Sede in Milano, Viale Sarca n. 222. Capitale Sociale Euro 1.042.408.785,08 Relazione Trimestrale al 31 Marzo 2001 PIRELLI Società per azioni Sede in Milano, Viale Sarca n. 222 Capitale Sociale Euro 1.042.408.785,08 Registro delle Imprese di Milano n. 00886890151 2 PIRELLI S.p.A.

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Consiglio di Gestione di Mediobanca

Consiglio di Gestione di Mediobanca Consiglio di Gestione di Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvata la relazione semestrale al 31 dicembre 2007 * * * Redditività in aumento malgrado il deterioramento dei mercati Aperte le filiali di Francoforte

Dettagli

COMUNICATO STAMPA AI SENSI DELL ART.36 DEL REGOLAMENTO ADOTTATO CON DELIBERA CONSOB N. 11971 DEL 14 MAGGIO 1999

COMUNICATO STAMPA AI SENSI DELL ART.36 DEL REGOLAMENTO ADOTTATO CON DELIBERA CONSOB N. 11971 DEL 14 MAGGIO 1999 COMUNICATO STAMPA AI SENSI DELL ART.36 DEL REGOLAMENTO ADOTTATO CON DELIBERA CONSOB N. 11971 DEL 14 MAGGIO 1999 UniCredito Immobiliare Uno: approvato il rendiconto annuale 2014 Valore complessivo netto

Dettagli

Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A.

Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A. Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A. RAGIONE SOCIALE - SEDE LEGALE Giorgio Fedon & Figli S.p.A. Via dell Occhiale, 11 - Vallesella 32040 Domegge di Cadore (BL) Codice fiscale e Partita

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2013

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2013 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2013 Cagliari, 14 maggio 2013 Il Consiglio di Amministrazione di ha approvato i risultati al 31 marzo 2013. Ricavi consolidati

Dettagli

Resoconto intermedio di gestione. al 31 marzo 2011

Resoconto intermedio di gestione. al 31 marzo 2011 Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2011 RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL PRIMO TRIMESTRE 2011 Indice Elementi principali del primo trimestre 2011...3 Premessa...4 Andamento del mercato e

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA Sede in VIALE TRIESTE 11-30020 ANNONE VENETO (VE) Capitale sociale Euro 7.993.843,00 i.v. Codice fiscale: 04046770279 Iscritta al Registro delle Imprese di Venezia

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

TERNA: 10 ANNI DI VALORE PER GLI AZIONISTI E PER LA CRESCITA DEL PAESE

TERNA: 10 ANNI DI VALORE PER GLI AZIONISTI E PER LA CRESCITA DEL PAESE TERNA: APPROVATI I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2014 Ricavi a 950,4 milioni di euro (918,8 milioni nel 1H 2013, +3,4%) Ebitda a 753 milioni di euro (732,2 milioni nel 1H 2013, +2,8%) Utile netto a 274,5 milioni

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2013. Performance in netto miglioramento nel 3Q2013

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2013. Performance in netto miglioramento nel 3Q2013 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2013. Performance in netto miglioramento nel 3Q2013 Cagliari, 14 novembre 2013 Il Consiglio di Amministrazione di ha approvato

Dettagli

Newsletter Retail LA LETTERA DEL PRESIDENTE INDICE. NEWSLETTER RETAIL 07 Aprile 2006 http://company.fastweb.it

Newsletter Retail LA LETTERA DEL PRESIDENTE INDICE. NEWSLETTER RETAIL 07 Aprile 2006 http://company.fastweb.it Newsletter Retail La lettera del Presidente L evoluzione del mercato Il posizionamento di FASTWEB nel mercato tlc italiano L espansione geografica Risultati economico-finanziari 2005 FASTWEB in borsa L

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA

TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA Ricavi pari a Euro 36,3 milioni: +76% rispetto al I semestre 2009 EBITDA pari a Euro 5,9 milioni: +109% rispetto

Dettagli

AMPLIFON: RICAVI E REDDITIVITÀ IN FORTE

AMPLIFON: RICAVI E REDDITIVITÀ IN FORTE AMPLIFON: RICAVI E REDDITIVITÀ IN FORTE CRESCITA IN TUTTE LE AREE GEOGRAFICHE IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE HA APPROVATO OGGI LA RELAZIONE FINANZIARIA TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2015, CHE VEDE IL PRIMO

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 Montefibre SpA Via Marco d Aviano, 2 20131 Milano Tel. +39 02 28008.1 Contatti societari: Ufficio titoli Tel. +39 02 28008.1 E-mail titoli@mef.it Sito Internet www.montefibre.it IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli