PIANO AZIONE LOCALE CASTIGLIONE DELLA PESCAIA. SCARLINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO AZIONE LOCALE CASTIGLIONE DELLA PESCAIA. SCARLINO"

Transcript

1 PIANO di AZIONE LOCALE 2010 CASTIGLIONE DELLA PESCAIA. SCARLINO

2 Relazione sullo stato dell ambiente di Castiglione della Pescaia. di Scarlino a cura di Contesti e cambiamenti snc con il contributo di Ufficio Politiche Ambientali del di Castiglione della Pescaia. Ufficio Politiche Ambientali del di Scarlino in collaborazione con Amministrazione Comunale di Castiglione della Pescaia. Amministrazione Comunale di Scarlino Assessore allo Sviluppo Sostenibile di Castiglione della Pescaia: David Bulleri Assessore allo Sviluppo Sostenibile di Scarlino: Marcello Stella Responsabile Area Ambiente Patrimonio Espropri di Castiglione della Pescaia: Dott. Ing. Donatella Orlandi Responsabile settore LL. PP. e Politiche Ambientali di Scarlino: Dott. Ing. Roberto Micci Ringraziamenti Regione Toscana. Provincia di Grosseto Acquedotto del Fiora. ARRR (Agenzia Regionale Recupero Risorse) ARPAT. ISTAT. Ministero dell Ambiente. ISPRA Comitato Ecolabet Ecoaudit. APT Maremma. Acot - Bellocci Studio grafico Colordesoli. Follonica Stampa MYCK Press. Pontedera Stampato su carta ecologica Finito di stampare nel mese di Dicembre 2010 Progetto cofinanziato con il Bando per il cofinanziamento di programmi di attivazione e attuazione Agenda 21 locali

3 Agenda 21 Locale a Castiglione e Scarlino Il percorso 4 Azioni di coinvolgimento degli attori locali 4 Costituzione del forum di Agenda 21 Locale 4 Partecipanti 5 Castiglione della Pescaia 5 Scarlino 6 L'European Awareness Scenario Workshop (EASW) 7 Riunioni dei Forum Tematici 13 Redazione del Rapporto sullo Stato dell Ambiente 15 PIANO DI AZIONE LOCALE 17 Castiglione 18 Obiettivi e azioni in tema di TURISMO 18 Obiettivi e azioni in tema di AMBIENTE 24 Obiettivi e azioni in tema di SOCIALE 29 SCARLINO 34 Obiettivi e azioni in tema di TURISMO 37 Obiettivi e azioni in tema di AMBIENTE 39 Obiettivi e azioni in tema di SOCIALE 44

4 4 Agenda 21 Locale Agenda 21 Locale a Castiglione e Scarlino: Il percorso Il progetto di Agenda 21 Castiglione e Scarlino: Soluzioni in Agenda, elaborato dai due Comuni e cofinanziato da Regione Toscana, ha l obiettivo di: avviare un processo di gestione responsabile e sostenibile del proprio territorio attraverso l integrazione della dimensione ambientale in ogni politica di governo locale e una concreta e consapevole partecipazione dei cittadini ai processi decisionali che riguardano la propria terra. Il processo è iniziato nel mese di Gennaio 2009 e ha previsto le seguenti attività Azioni di coinvolgimento degli attori locali Per avviare un processo largamente partecipato, occorre mettere in campo una serie di azioni complementari e sinergiche per realizzare un coinvolgimento attivo della comunità locale. Castiglione e Scarlino hanno quindi programmato una fase di consultazione ai possibili portatori di interesse al fine di invitarli a partecipare ai Forum Tematici su Ambiente, Destagionalizzazione del Turismo e Sociale. Tali temi sono risultati prioritari dal questionario somministrato ad un campione di cittadini. A questo momento sono seguiti momenti di informazione a tutti i cittadini per far conoscere cosa è Agenda 21 e, nello specifico, il percorso intrapreso dai 2 Comuni. Costituzione del forum di Agenda 21 Locale La costituzione del Forum rappresenta il punto centrale dell intero processo. L attivazione del Forum ha lo scopo principale di coinvolgere gli attori locali nella fase di redazione della Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) e del Piano di Azione Locale al fine di: facilitarne la realizzazione creare occasioni per una crescita collettiva di consapevolezza e per una conseguente condivisione delle priorità e delle modalità di intervento su problemi e opportunità messi in evidenza dal RSA e circa gli obiettivi e le azioni da intraprendere per una maggiore sostenibilità. Il 20 aprile 2009 presso l Hotel Riva del Sole, a Castiglione della Pescaia ore si è tenuto il Forum Plenario. Nell incontro si sono susseguiti, oltre gli interventi istituzionali, gli interventi di Pietro Novelli della Regione Toscana che ha illustrato l Agenda 21 quale strumento strategico del territorio, di Tessa Ercoli, Contesti e Cambiamenti - consulente CS21, che ha parlato del percorso CS21 Castiglione e Scarlino: soluzioni in agenda. Di seguito la Lega di Improvvisazione Teatrale di Firenze, in chiave umoristica e leggera, ha indicato lo scenario e le azioni proposte nell EASW e ha riassunto il Regolamento del Forum, che è stato approvato dai presenti.gli ultimi interventi sono stati nell ordine: Linda Palombo, di Castiglione della Pescaia che ha illustrato il progetto Esperti di Ambiente, per un turismo sostenibile a Castiglione David Pifferi, di Scarlino, con GPP: gli acquisti verdi a Scarlino

5 Castiglione della Pescaia. Scarlino Partecipanti 5 Castiglione della Pescaia Nome e Cognome Daniele Bartoletti Alessandro Bellucci Enzo Bianchi Fabrizio Boschi David Bulleri Marco Corti Marco Cresti Roberto Desantis Massimo Emiliani Mario Fanteria Attilio Ganozzi Leonardo Ghiglia Lucia Giorni Rina Godoli Mauro Maggi Mario Magliozzi Sandra Mainetti Emanuela Manciati Laura Marsili Paolo Masetti Edoardo Mazzini Ente/Azienda/Associazione Consigliere Comunale Albergo La Scogliera Castiglione Pescaia Ufficio Stampa Castiglione Pescaia Assessore Ambiente Sport Caccia Marina di Punta Ala SpA Italia Nostra Confesercenti Italia Nostra Coop. Avvenire Italia Nostra Castiglione Pescaia Vice Sindaco e Assessore Turismo, Cultura, Bilancio, Partecipazioni Societarie, Politiche Giovanili e Personale Castiglione Pescaia Consigliere con delega al Sociale e alla Pubblica Istruzione Nome e Cognome Eugenio Mencacci PierRinaldo Morfini Sandra Mucciarini Francesco Muzzi Donatella Orlandi Linda Palombo Piera Panti Renato Pertusati Edoardo Poggiaroni Nadia Poltronieri Dario Pucci Antonella Romualdi Roberto Rossi Stefania Sabatini Luigi Seri Andrea Serrai Enrica Tortelli Angelo Tanganelli Claudio Valdrighi Umberto Vernini Ente/Azienda/Associazione Castiglione Pescaia Assessore Patrimonio Polizia Municipale Pesca e Palio Marinaro Segreteria ProLoco Presidente Commissione Pari Opportunità Castiglione della Pescaia Marina di PuntaAla SpA Castiglione Pescaia Ufficio Ambiente Castiglione Pescaia Ufficio Ambiente Ministero Interno Libero Professionista Castiglione Pescaia Ufficio Lavori Pubblici Italia Nostra Castiglione Pescaia Ufficio Lavori Pubblici Libero Professionista Libero Professionista Agenda 21 Locale a Castiglione e Scarlino: Il percorso

6 6 Agenda 21 Locale Partecipanti Agenda 21 Locale a Castiglione e Scarlino: Il percorso Scarlino Nome e Cognome Flavio Agresti Francesco Barbafieri Anna Barberini Edoardo Bertocci Francesca Biagiotti Paolo Bianchi Patrizia Duccini Diana Guidoni Pietro Lecchini Giorgio Martellucci Roberto Micci Lidia Mirolli Cristian Moda Mario Monciatti Erminio Mauro Ontani Antonio Pavani Renato Pertusati Flora Poli Simonetta Radi Francesco Ramazzotti Lina Ramazzotti Margherita Riccio David Pifferi Marcello Stella Antonino Vella Ente/Azienda/Associazione Imprenditore Verdi La Rinascita di Scarlino di Scarlino Pensionato Pensionato di Scarlino Di Mare s.r.l. Rinascita Scarlino Vigili del Fuoco ASL9 di Scarlino Imprenditore di Scarlino Assessore di Scarlino

7 Castiglione della Pescaia. Scarlino 7 L'European Awareness Scenario Workshop (EASW) Primo momento di partecipazione è stata una giornata di lavoro, svolta il 3 aprile 2009 presso l Ouverture Service srl di Scarlino, in cui 40 stakeholder si sono riuniti per ragionare insieme su visioni e azioni per uno sviluppo sostenibile delle proprie città. L incontro è stato gestito con la metodologia l'european Awareness Scenario Workshop (EASW). Si sono riuniti un gruppo di circa 40 soggetti rappresentativi di 4 categorie: Cittadini e Associazioni Imprese e Associazioni di Categoria Amministratori Pubblici Esperti per approfondire i bisogni della nostra comunità e immaginare come vorremmo Castiglione e Scarlino tra 10 anni. Amministratori Pubblici ENTE RAPPRESENTATO NOME E COGNOME RUOLO NELL ENTE 1 di Castiglione David Bulleri Consigliere con delega all Ambiente CdP 2 di Castiglione Edoardo Mazzini Consigliere con delega al Sociale e alla PI, CdP 4 di Scarlino Gabriele Bugelli Ass. Turismo Scarlino 5 di Scarlino Siliano Campinoti Ass. Att produttive, Scarlino 6 di Scarlino Roberto Micci Responsabile LL.PP. e Politiche Ambientali 7 di Scarlino Michele Valvani Sviluppo e Assetto del Territorio Uff. Patrimonio 8 di Castiglione Patrizia Guidi Biblioteca 9 di Castiglione Marco Serrai Urbanistica CdP 10 di Castiglione Nadia Poltronieri L'European Awareness Scenario Workshop (EASW)

8 8 Agenda 21 Locale Esperti L'European Awareness Scenario Workshop (EASW) ENTE RAPPRESENTATO NOME E COGNOME 1 ARPAT Alvaro Ferrucci 2 LaMMA - CRES Centro Ricerche Erosione Suolo Roberto Costantini 3 LaMMA - CRES Centro Ricerche Erosione Suolo Luca Angeli 4 Azienda USL 9 di Grosseto distaccamento Scarlino Poli 5 Azienda USL 9 di Grosseto, zona 1 Grosseto Pierangela Domenici 6 Esperto Risparmio Energetico ed Energie Alternative Andrea Serrai 8 UNISI (bonifiche) Donati Alessandro 10 IC G. Pascoli di Gavorrano Prof.ssa Maria Rosa Gemma 11 COeSO Cittadini ENTE RAPPRESENTATO NOME E COGNOME 1 Segretario Italia Nostra sez. Castiglione della Pescaia David Tammaro 2 Italia Nostra Rina Godoli, Ghiglia Leonardo 3 Italia Nostra Pier Rinaldo Morfini 5 Auser Puntone Giovanna Biagioni, Fabbri Sergio 6 Associazione culturale FIL.NUM e Associazione veterani sport Giorgio Rotoloni 7 Amici della Terra Antonio Camarri 8 IC G. Pascoli di Gavorrano e Scarlino Maria Rosa Gemma, Samuela Brunamonti 9 Scuola Orsino Orsini Castiglione della Pescaia Laura Dituri

9 Castiglione della Pescaia. Scarlino 9 Imprese ENTE RAPPRESENTATO NOME E COGNOME 2 Marina di Punta Ala s.p.a. Francesca Pernazza 3 Nuova Solmine Miriano Meloni 4 Huntsman Tioxide Massimo Micarelli, Cristiana Fattorini 5 Confesercenti e Pro Loco Attilio Ganozzi, Turrini Luigi 6 Pro Loco Scarlino Roberto Culatti 9 Scarlino Energia Amedeo Zappi 10 Cosertour Elena Pecchia, Egidi Fulvio 11 Rinaldo Favilli srl Rinaldo Favilli In sintesi la giornata dell EASW è stata articolata in due attività principali: 1 lo sviluppo di visioni: i partecipanti, divisi in gruppi di appartenenza, hanno cercato di immaginare uno scenario desiderabile per uno sviluppo sostenibile del territorio per poi elaborare una visione comune a tutti i gruppi La visione comune Ai 40 partecipanti è stato chiesto di immaginare Castiglione e Scarlino tra 10 anni e al termine dei lavori è stata formulata una visione comune. La visione comune (desiderabile) per il prossimo futuro dei due Comuni pone in primo piano un impegno delle Amministrazioni a governare in maniera trasparente e in piena collaborazione con i cittadini, messi nella condizione di partecipare alle decisioni locali.le 2 la proposta di idee: i partecipanti sono stati divisi per aree tematiche (es. rifiuti, turismo ) e hanno elaborato proposte, idee e progetti su come realizzare in concreto la visione comune. scelte saranno guidate da una visione strategica integrata di lungo periodo che però lascerà spazio ad interventi puntuali di buon senso per fronteggiare urgenze e situazioni contingenti, resi possibili da regole certe e snellimento burocratico. L Amministrazione avrà anche un importante ruolo culturale per divulgare una educazione alla sostenibilità e alla responsabilità condivisa. L'European Awareness Scenario Workshop (EASW)

10 10 Agenda 21 Locale le idee migliori per l'inquinamento atmosferico e la mobilità LE IDEE MIGLIORI le idee migliori per le risorse idriche e i rifiuti INTERCONNESSIONE e AREE di SCAMBIO attrezzate per il TRASPORTO PUBBLICO di persone e merci: ferrovia, autolinee, navette terrestri e marittime, piste ciclabili / noleggio bici. Parcheggi scambiatori con pensiline fotovoltaiche per produzione energia navette elettriche. Sostituzione degli attuali sistemi per la PUBBLICA IL- LUMINAZIONE con LED. Dotazione di sistemi di accensione dell illuminazione pubblica da remoto a domanda e a tempo. Miglioramento della COIBENTAZIONE degli EDIFICI per riduzione consumi energetici con INCENTIVI e introduzione dell OBBLIGATORIETA della CERTIFICAZIO- NE ENERGETICA. Possibile finanziamento attraverso la vendita delle CUBATURE PUBBLICHE. Obbligatorietà dell uso di fonti RINNOVABILI per le nuove costruzioni. Corsi di FORMAZIONE per il RISPARMIO ENERGETICO per tutti. Ampliamento della rete di TRASPORTO PUBBLICO UR- BANO: con il contributo anche degli operatori turistici che in cambio potrebbero offrire biglietti gratuiti per gli ospiti + Autobus gratuiti per la discoteca. Valorizzare e potenziare la FORMAZIONE in modo integrato (giovani, adulti e cittadini). Creare uno stabilimento per la PRODUZIONE di ENER- GIA tramite lo SFRUTTAMENTO dei TAGLI del VERDE e delle BIOMASSE Raccolta differenziata porta a porta. Incentivi e inserimento nel regolamento edilizio di norme specifiche per il riutilizzo delle acque domestiche e di pioggia. Realizzazione di dissalatori per uso irriguo, potabile e primo intervento antincendio.

11 Castiglione della Pescaia. Scarlino 11 le idee migliori per la destagionalizzazione del turismo Valorizzazione e potenziamento in sicurezza dei PER- CORSI STORICO NATURALISTICI: (piste ciclabili, percorsi salute, percorsi di trekking, ippovie, monumenti storici nella macchia e sul territorio; cartellonistica ben visibile, collegamenti pubblici ). CULTURA dell ACCOGLIENZA (e di impresa): fare SI- STEMA, PROMOZIONE del SISTEMA LOCALE TURISTI- CO, capace di VALORIZZARE il TERRITORIO nel suo insieme a livello nazionale ed internazionale, anche attraverso un INFORMAZIONE completa e accessibile sia di persona che in modalità informatica (rete di informazioni). le idee migliori per il sociale OFFERTA di servizi TUTTO l ANNO con apertura di almeno l 80% delle strutture ricettive, commerciali e di servizio e iniziative diversificate con eventi (anche musicali ed enogastronomici), fiere, congressi, manifestazioni, mostre d arte ittiturismo e pescaturismo per tramandare la storia della pesca e le tradizioni della cucina e promuovere al tempo stesso valori ambientali, anche con l uso di imbarcazioni con motore a biodiesel. Sviluppo della mobilità turistica via mare LE IDEE MIGLIORI Nuove STRUTTURE per ANZIANI non autosufficienti, con punti di sollievo e strutture/luoghi di aggregazione semi residenziali GEMELLAGGI tra Comuni e Associazioni nazionali nell ambito del turismo sostenibile. SERVIZI CULTURALI orientati agli ANZIANI presso strutture già esistenti come le biblioteche. Potenziamento dell ASSISTENZA DOMICILIARE ad ANZIANI e DISABILI. Creazione di associazioni per la promozione del territorio anche attraverso la trasmissione di CULTURA, SAPERI, TRADIZIONI, MESTIERI LOCALI, anche con la valorizzazione del ruolo sociale degli anziani.

12 12 Agenda 21 Locale le idee migliori per CS21 10 voti proposta del gruppo INQUINAMENTO ATMOSFORICO e MOBILITA INTERCONNESSIONE e AREE di SCAMBIO attrezzate per il TRASPORTO PUBBLICO di persone e merci: ferrovia, autolinee, navette terrestri e marittime, piste ciclabili / noleggio bici. Parcheggi scambiatori con pensiline fotovoltaiche per produzione energia navette elettriche. 9 voti proposta del gruppo DESTAGIONALIZZAZIONE del TURISMO CULTURA dell ACCOGLIENZA (e di impresa): fare SISTEMA, PROMOZIONE del SISTEMA LOCALE TURISTICO, capace di VALORIZZARE il TERRITORIO nel suo insieme a livello nazionale ed internazionale, anche attraverso un IN- FORMAZIONE completa e accessibile sia di persona che in modalità informatica (rete di informazioni). LE IDEE MIGLIORI 8 voti (a parimerito) proposta del gruppo RISORSE IDRICHE e RIFIUTI Valorizzare e potenziare la FORMAZIONE in modo integrato (giovani, adulti e cittadini). Incentivi e inserimento nel regolamento edilizio di norme specifiche per il riutilizzo delle acque domestiche e di pioggia. 7 voti (a parimerito) proposta del gruppo DESTAGIONALIZZAZIONE del TURISMO OFFERTA di servizi TUTTO l ANNO con apertura di almeno l 80% delle strutture ricettive, commerciali e di servizio e iniziative diversificate con eventi (anche musicali ed enogastronomici), fiere, congressi, manifestazioni, mostre d arte 7 voti (a parimerito) proposta del gruppo SOCIALE GEMELLAGGI tra Comuni e Associazioni nazionali nell ambito del turismo sostenibile. Potenziamento dell ASSISTENZA DOMICILIARE ad ANZIANI e DISABILI. Il report della giornata si può scaricare dal sito internet:

13 Castiglione della Pescaia. Scarlino 13 Riunioni dei Forum Tematici Durante questi mesi il Forum di Castiglione e di Scarlino si è riunito periodicamente per affrontare specifiche problematiche ricercando nel confronto le soluzioni percorribili in un ottica di sostenibilità.di seguito una sintesi delle riunioni: Castiglione Giovedì 22 ottobre 2009: è stato presentato il processo di Agenda 21, con particolare attenzione alla RSA di cui è stato illustrato l indice tipo, gli indicatori da studiare e quelli già reperiti sul Tema Turismo Giovedì 12 novembre 2009: sono stati illustrati gli indicatori individuati sul tema Ambiente e Sociale Martedì 15 dicembre 2009: sono stati definiti gli obiettivi e le azioni per i temi TURISMO e AMBIENTE utilizzando la metodologia dei post-it per la elaborazione del PAL Martedi 19 Gennaio 2010: sono stati definiti gli obiettivi e le azioni per il tema SOCIALE per la elaborazione del PAL Mercoledì 13 ottobre, martedì 26 ottobre e 17 novembre 2010: per i 3 temi si sono analizzate le azioni e le idee scaturite dalle precedenti discussioni, si sono inserite, per ogni attività e azione, la Responsabilità (ovvero individuare il soggetto o i soggetti competenti all attuazione delle varie azioni). Infine ogni partecipante ha votato le 5 azioni ritenute da lui prioritarie. RIUNIONI DEI FORUM TEMATICI

14 14 Agenda 21 Locale RIUNIONI DEI FORUM TEMATICI Scarlino Mercoledì 21 ottobre 2009: è stato presentato il processo di Agenda 21, con particolare attenzione alla RSA di cui è stato illustrato l indice tipo, gli indicatori da studiare e quelli già reperiti sul Tema Ambiente. Mercoledì 11 novembre 2009: sono stati illustrati gli indicatori individuati sul tema Sociale e Turismo Mercoledì 16 dicembre 2009: sono stati definiti gli obiettivi e le azioni per il tema AMBIENTE utilizzando la metodologia dei post-it per la elaborazione del PAL Mercoledi 20 gennaio 2010: sono stati definiti gli obiettivi e le azioni per il tema SOCIALE per la elaborazione del PAL Martedì 12 ottobre 2010: in questa occasione è stato presentato la Relazione sullo Stato dell Ambiente e successivamente il Forum si è riunito per trattare gli obiettivi e le azioni per il tema Turismo Lunedi 25 ottobre e Giovedi 18 novembre 2010: per i 3 temi si sono analizzate le azioni e le idee scaturite dalle precedenti discussioni, si sono inserite, per ogni attività e azione, la Responsabilità (ovvero individuare il soggetto o i soggetti competenti all attuazione delle varie azioni). Infine ogni partecipante ha votato le 5 azioni ritenute da lui prioritarie. Gli ultimi 3 incontri si sono tenuti presso i Bar o centri di aggregazione locali e la discussione è stata accompagnata da un aperitivo: la scelta è stata fatta per cercare un maggior coinvolgimento dei cittadini e creare un clima più informale permettendo ai partecipanti di esprimere in maniera libera le proprie idee.

15 Castiglione della Pescaia. Scarlino 15 Redazione del Rapporto sullo Stato dell Ambiente L elaborazione dell RSA è stato il primo obiettivo posto dal Forum ed ha visto il coinvolgimento del personale interno alle due Amministrazioni, gli Assessori dei settori maggiormente interessati (Ecologia, Sviluppo Economico, Lavori Pubblici, Politiche Sociali), coadiuvati da consulenti ed esperti nelle discipline ambientali e socio economiche. Attività portate avanti: ricognizione ed analisi critica di indagini e studi settoriali condotti a livello comunale o provinciale elaborazione di un primo documento di sintesi individuazione delle componenti ambientali sensibili o vulnerabili e dei fattori di pressione maggiormente critici definizione di una prima lista di indicatori illustrazione della documentazione prodotta al Forum e coinvolgimento dello stesso nella progettazione della Relazione stesura della Relazione sullo Stato dell Ambiente. La RSA si è sviluppata in un set di indicatori in grado di costituire anche per il futuro un utile strumento di monitoraggio delle evoluzioni dello stato ambientale, dell efficacia delle politiche pubbliche e private, del livello di integrazione della dimensione ambientale nelle politiche di settore. La RSA di Castiglione della Pescaia è stata completata e presentata alla cittadinanza giorno 1 giugno 2010.La RSA di Scarlino è stata completata e presentata alla cittadinanza giorno 12 ottobre 2010 REDAZIONE DEL RAPPORTO SULLO STATO DELL'AMBIENTE

16 REDAZIONE DEL RAPPORTO SULLO STATO DELL'AMBIENTE 16 Agenda 21 Locale

17 Castiglione della Pescaia. Scarlino PIANO DI AZIONE LOCALE Nei mesi di Gennaio, Ottobre e Novembre 2010 i partecipanti al Forum di Agenda 21 si sono riuniti per proporre obiettivi, azioni, progetti e proposte per realizzare nel tempo delle città più rispettose dell ambiente e dei cittadini che vi abitano. 17 Dopo aver individuato obiettivi e azioni si è lavorato per capire quali fossero i soggetti responsabili a portarli avanti, secondo il principio di corresponsabilità. Infine ogni partecipante ha votato le azioni che considerava prioritarie e importanti. Nelle tabelle seguenti i risultati dei lavori: per ogni obiettivo vengono indicate le azioni per raggiungerlo e, per ogni azione, il/i soggetto/i responsabile/i. In grassetto le azioni ritenute prioritarie. PIANO DI AZION E LOCALE

18 18 Agenda 21 Locale Castiglione DELLA PESCAIA Obiettivi e azioni in tema di TURISMO SCENARIO CONDIVISO (stralcio sul turismo): Turismo di Qualità sostenibile e diversificato (enograstronomico-sociale-sportivo...) Promozione turistica Coordinamento dei due Comuni per lo sviluppo portuale I RISULTATI. CASTIGLIONE DELLA PESCAIA OBIETTIVO: SVILUPPO DELLA CULTURA DELL'ACCOGLIENZA (e di impresa) Portare avanti azioni per incentivare la COLLABORAZIONE tra i soggetti del territorio (FARE RETE) (EASW) Definire una strategia di PROMOZIONE del sistema locale turistico, in grado di valorizzare il territorio a livello nazionale ed internazionale (EASW) Predisporre un CATALOGO INFORMATIVO completo disponibile anche in modalità informatica (EASW) Corsi di formazione per apprendere il valore Aggiunto dell'accoglienza rivolto agli operatori di tutti i settori Pro Loco con supervisione del Associazioni di categoria APT Associazioni varie Provincia e Regione Società incaricata ad hoc Proloco+APT Promossi dal e Gestiti da Associazioni Competenti OBIETTIVO: DESTAGIONALIZZARE IL TURISMO Programmare un CARTELLONE ANNUALE ricco di EVENTI e SPETTACOLI di interesse generale, differenziati per target, la cui organizzazione potrà essere affidata ad una associazione GIOVANILE apolitica. Associazione giovanile apolitica Associazioni di categoria

19 Castiglione della Pescaia. Scarlino 19 Curare una INFORMAZIONE SISTEMICA e CAPILLARE con la collaborazione di tutti gli operatori turistici, con diffusione su tutto il circuito locale così da dare evidenza degli appuntamenti e delle proposte anche delle frazioni e località vicine, in una logica di rete e di SISTEMA TURISTICO LOCALE Creazione di una CABINA di REGIA per il coordinamento di tutte le iniziative e la veicolazione delle relative informazioni. (EASW) Coinvolgimento degli operatori nelle scelte dell Amministrazione (EASW) PIANIFICARE in accordo con i commercianti periodi in cui garantire l APERTURA dei NEGOZI, con TURNI di chiusura per le ferie, anche a fronte di INCENTIVI da parte dell Amministrazione Comunale OFFERTA di servizi TUTTO l ANNO: apertura di almeno l 80% delle strutture ricettive, commerciali e di servizio. (EASW) Far Rispettare l apertura nel periodo invernale delle attività con licenza annuale Organizzare EVENTI ed INIZIATIVE per valorizzare la CULTURA del TERRITORIO per riscoprire le proprie ORIGINI, la cultura CONTADINA, FOLKLORE, le TRADIZIONI legate alla PESCA e alla CUCINA. A tal fine si propone un turismo legato alla GASTRONOMIA con corsi e gare a tema e SAGRE da organizzare anche durante l inverno. Lanciare anche iniziative del tipo ADOTTA un CINGHIALE o ADOTTA un CARCIOFO per promuovere la conoscenza del territorio, della sua fauna e della sua flora, delle sue caratteristiche da tutelare. Uffici provinciali Proloco + APT Provincia Associazioni di categoria (Comitato Festeggiamenti - comunione tra rappresentanti di varie categorie: alberghi, ecc) e ProLoco - Ufficio Commercio (SUAP) Associazioni di Categoria, Associazione del Territorio - Ufficio Commercio (SUAP) Associazione Commercianti, Associazioni di Categoria Associazione del Territorio Pro Loco Comitato Festeggiamenti I RISULTATI. CASTIGLIONE DELLA PESCAIA

20 20 Agenda 21 Locale I RISULTATI. CASTIGLIONE DELLA PESCAIA Ittiturismo e pescaturismo per tramandare la storia della pesca e le tradizioni della cucina e promuovere al tempo stesso valori ambientali, anche con l uso di imbarcazioni con motore a biodiesel. (EASW) Organizzazione di un calendario stabile di EVENTI (musicali, enogastronomici, naturalistici, storici...) a primavera/autunno. (EASW) Creazione di un portale alimentato e aggiornato continuamente con la possibilità di accesso attraverso la connettività web con link agli altri portali della Provincia. Distaccamento universitario (Settore Alberghiero/turistico) che porti studenti tutto l anno Visite guidate ai LUOGHI di INTERESSE STORICO e ARCHITETTONICO come il PARCO ARCHEOLOGICO, così da renderli appetibili e interessanti agli occhi dei giovani e da inserirli in proposte di turismo SCOLASTICO Apertura periodica dei Castelli con visita guidata (EASW) Fruizione delle tombe di Val Beretta (EASW) Valorizzazione dei monumenti storici che si trovano nella macchia (EASW) Associazioni pescatori, pescherecci, ormeggiatori Associazioni giovanili, Comitato Festeggiamenti ProLoco OBIETTIVO: SVILUPPARE UN TURISMO CULTURALE Cooperative, ProLoco,, Scuola Cooperative,, Soprintendenza, ProLoco Cooperative,, Soprintendenza, ProLoco Associazioni, Soprintendenza, Usi Civili

21 Castiglione della Pescaia. Scarlino 21 OBIETTIVO: SVILUPPARE UN TURISMO NATURALISTICO MUSEO DIDATTICO INTERATTIVO aperto tutto l'anno per favorire la conoscenza dell'ecosistema marino, della duna, della macchia mediterranea, ma anche delle energie rinnovabili. Migliorare i collegamenti pubblici organizzazione di sistema di navette frequenti con percorsi, orari ecc. Intervenire sui LUOGHI DEGRADATI e di valorizzare le risorse locali, con il potenziamento della SENTIERISTICA PROTETTA e ATTREZZATA e l'affidamento delle visite guidate a COOPERATIVE di GUIDE AMBIENTALI per:o potenziare la sicurezza o dare opportuna visibilità o definire una cartellonistica ben visibile Maggiore PULIZIA e accessibilità in PINETA PERCORSI SALUTE ARRAMPICATE in PINETA per i bambini. ESCURSIONI in OASI e RISERVE a cominciare dalla DIACCIA BOTRONA (la Provincia dovrebbe assicurarne il riequilibrio). Iniziative di sensibilizzazione sulla SPIAGGIA. Percorsi CICLABILI, TREKKING e IPPOVIE (Rocchette - Punta Ala, ciclabile le Golfo) PARCO tematico sulle ENERGIE RINNOVABILI, così da creare una sorta di laboratorio territoriale per lo sviluppo, la conoscenza e la promozione di queste fonti alternative (ad esempio negli stabilimenti balneari che potrebbero dotarsi di impianti solari termici e/o fotovoltaici). Settimana verde per promuovere il turismo scolastico con attività naturalistiche Biblioteca, Gruppo di Lavoro che prioritariamente crei una mappa di conoscenza,, Provincia, Provincia, Marina di Punta Ala Cooperative (attraverso Bandi Comunali) Coordinamento comunale per attivazione di finanziamenti comunitari con controlli e ordinanze a privati, Privati, Proposte di privati, Associazioni Sportive, ProLoco Cooperative (Bandi provinciali), Legambiente, Provincia Azienda affidataria del servizio di pulizia Associazione Cormorano (Stabilimenti balneari) Associazioni degli agriturismi, Enel su input del Scuole, Associazioni ambientaliste I RISULTATI. CASTIGLIONE DELLA PESCAIA

22 22 Agenda 21 Locale OBIETTIVO: SVILUPPARE UN TURISMO SPORTIVO I RISULTATI. CASTIGLIONE DELLA PESCAIA Attività per lo sviluppo del turismo legato al mondo: del CAVALLO del DIVING della NAUTICA da DIPORTO della (SCUOLA) VELA della PESCATURISMO così da riscoprire e sostenere anche la FILIERA CORTA del PESCATO. Associazioni tematiche dei vari settori con supervisione del, APT, ProLoco, Privati OBIETTIVO: SVILUPPARE UN TURISMO CONVEGNISTICO Curare attività culturali e di carattere seminariale che possano richiamare presenze sul territorio Ottimizzazione delle strutture esistenti (Hotel Riva del Sole, Palazzo Centurioni, Castello...) per fiere, congressi e mostre d ARTE di livello. (EASW) Sviluppo di un POLO FIERISTICO della NAUTICA (così da creare una filiera). (EASW) Raccolta e la trasformazione dei prodotti stagionali da parte degli ospiti. Agricoltura/Ruralità come elemento di intersettorialità e strumento di differenziazione turistica. (EASW) OBIETTIVO: AGRITURISMO SOCIALE (EASW) Associazioni Tematiche Associazioni di categoria Cantieri navali di zona, Privati, Coldiretti, Centri Sociali

23 Castiglione della Pescaia. Scarlino 23 OBIETTIVO: "RINNOVARE" IL TURISMO DEL MARE Potenziamento delle SPIAGGE LIBERE dotati di servizi di base, comprese le aree per CANI, presenti ma non allestite, favorendone l'accessibilità e la fruizione anche in autunno e inverno Sviluppare GEMELLAGGI con territori interessati da ALTRI PERIODI STAGIONALI, così da favorire uno scambio turistico Turismo SOCIALE rivolto agli ANZIANI con scambi con altre località turistiche Potenziamento della MOBILITà SOSTENIBILE con parcheggi scambiatori con biciclette potenziate, NAVETTE con percorsi ampi, economici e ben collegati tra loro, con servizio per i punti di accesso al mare, verso altre località in occasione di eventi, eventualmente anche a richiesta - con adeguata INFORMAZIONE e VISIBILITà. Ripascimento della costa. (EASW) Sviluppo della mobilità turistica via mare. (EASW) Corsi e regate di vela per giovani e disabili. (EASW) Ampliamento e sistemazione del porto canale Valorizzazione della periferia (manutenzione strada e nuova illuminazione), Associazioni stabilimenti balneari Associazioni di categoria,, ProLoco Associazioni sociali per gli anziani, Centro Sociale Provincia Marina di Punta Ala, Provincia Privati, Broker Nautici Club velico e associazioni I RISULTATI. CASTIGLIONE DELLA PESCAIA

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Servizio Attività del Tempo Libero 1 REALIZZATA A CURA DI: Servizio Attività del Tempo Libero Comune di Bolzano Michela Voltani Elena Bettini Anita Migl COORDINAMENTO PROGETTO Cristina

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà

Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Affrontare l anno che verrà (e quelli successivi) responsabilmente

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI Il presente documento contiene la classificazione dei servizi pubblici adottata per l iniziativa Mettiamoci la faccia. Si tratta di una classificazione e non di una

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli