Elementi di Sintesi Sottrattiva e Sintesi per Modulazioni LFO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elementi di Sintesi Sottrattiva e Sintesi per Modulazioni LFO"

Transcript

1 LFO Control Source LFO - LFO B Oscillatore a bassa frequenza L oscillatore a bassa frequenza (Low Frequency Oscillator LFO) è, come il nome lascia presupporre, un oscillatore che non viene fatto lavorare sulle bande più acute dello spettro di frequenza; questo non significa che, in determinate circostanze, un modulo LFO non possa comunque accedere alla banda audio semplicemente, un LFO non raggiungerà (quasi) mai le frequenze acute emesse da un oscillatore normale. Nel dominio analogico, la differenza tra VCO ed LFO ha una serie significativa di conseguenze per ciò che riguarda le opzioni rese disponibili, i parametri operativi, la stabilitò di esercizio e quindi il costo del modulo; nel dominio digitale, tutte queste differenze sono, di fatto, più sfumate e vengono lasciate esclusivamente alle decisioni prese da chi scrive il software. Le funzioni cicliche di modulazione ottenibili con il modulo LFO trovano immediata applicazione per la produzione di vibrato (modulazione sulla frequenza delle sorgenti sonore) e tremolo (modulazione sull ampiezza dei signal modifier). Parametri e funzioni Un LFO è di fatto un generatore di funzioni cicliche, cioè un sistema in grado di produrre lo stesso comportamento ripetendolo x volte al secondo. I suoi parametri sono, ovviamente, imparentati con quelli già riscontrati a proposito dell oscillatore tradizionale, anche se non mancano delle peculiarità esclusive. Enrico Cosimi 24-1

2 I parametri più diffusi per un LFO comprendono: Frequency Wave Shape Modulation Output Type (Unipolar / Bipolar) Offset Mono Mode / Poly Mode Reset/Key Sync Phase 1. FREQUENCY La frequenza di un LFO ha come effetto pratico la specifica di quanto velocemente debba essere eseguita la funzione di controllo emessa dal circuito stesso; quanto spesso, cioè quanto velocemente, pur rimanendo all interno della banda sub audio o in alcuni casi allontanandosene non troppo esageratamente. La frequenza degli LFO instanziabili in una macchina di media complessità,ad esempio il Nord Modular G2, può essere circoscritta in tre range differenti: Sub Range: da un minimo di 699 secondi per ciclo ad un massimo di 5,46 secondi per ciclo; Low Rate: da un minimo di 62,9 secondi per ciclo ad un massimo di 24,4 Hz; Hi Range: da un minimo di 0,26 Hz ad un massimo di 392 Hz; BPM Range: da 24 a 214 beat per minute. Ovviamente, come in ogni oscillatore, è possibile modulare la frequenza con un controllo esterno. 2. WAVE La dotazione di forme d onda di un LFO è molto simile a quella di un oscillatore audio. Una dotazione minima prevederà almeno triangolare e quadra, una dotazione più significativa allargherà il patrimonio di forme d onda ad altri esemplari. Non è raro riscontrare per oggettiva scarsa utilità la mancanza della Pulse Width Modulation, ovviata magari fornendo all utente versioni dell onda impulsiva differenziate per simmetria. Un LFO che si rispetti fornirà comunque la dotazione standard di sinusoide, triangolare, rampa (nelle due varietà positiva e negativa o, in alternativa, con un controllo bipolare), quadra. Per ascoltare la forma di una LFO wave, la cosa più banale da fare è collegarne l uscita all ingresso di modulazione di un qualsiasi oscillatore audio, magari avendo cura di regolare l indice di modulazione in maniera da non supera l ampiezza di un ottava picco picco. Vedremo successivamente come questa regolazione coinvolga i parametri di offset e polarity. 3. SHAPE MODULATION Già osservata a proposito degli oscillatori audio, la possibilità di intervenire sulla sagoma della forma d onda alterandone il profilo (ed ovviamente il contenuto armonico, anche se per un LFO la cosa è meno importante ) è di basilare importanza per ottenere determinati percorsi di funzione. Enrico Cosimi 24-2

3 Lo schema precedente, adattato da Clavia Nord Modular G2 Owner s Manual, riporta le possibili variazioni di Shape ottenibili: Sine to Sawtooth: distorcendo la velocità di lettura angolare, permette di passare con continuità dalla sinusoide pura alle due denti di sega (relativamente smussate) con pendenza positiva o negativa; Cosine Bell: è una cosinusoide che può essere distorta riducendola ad un semplice impulso arrotondato; Triangle Bell: è una triangolare che può essere progressivamente ristretta fino a farla diventare impulso; Sawtooth to Triangle: è una triangolare che, variando di simmetria, può raggiungere ai due estremi le sagome della dente di sega con pendenza positiva o negativa; Triangle to Square: è la forma d onda definita trapezoide nelle vecchie documentazioni tecniche E.M.S.; la triangolare di partenza può essere progressivamente clippata e resa via via più ripida, fino a raggiungere il regime di onda quadra; Pulse: è un onda impulsiva con simmetria variabile tra 1 e 99%. Enrico Cosimi 24-3

4 Patch CS006 One Octave Pitch Mod La patch fornisce una struttura di sintesi minima, composta da una sorgente di modulazione LFO SHAPE A ed una destinazione di modulazione OSC C 1. Dopo aver abilitato l audio con lo Switch AUDIO ON e senza alterare l indice di modulazione (cioè senza agire sul controllo Pitch dell Oscillatore), l utente può verificare il comportamento modulante delle diverse forme d onda presenti nel LFO. Successivamente, è possibile sperimentare con le variazioni di Shape, confrontando i risultatio audio con le differenziazioni grafiche riportate nel display del modulo. Enrico Cosimi 24-4

5 4. OUTPUT TYPE & OFFSET La variazione combinata di polarità e offset permette di ottenere da una singola forma d onda sei diverse funzioni di comportamento. Lo schema seguente riporta le variazioni applicabili passando da regime bipolare (a sinistra) ad unipolare positivo (al centro) e ad unipolare negativo (a destra). La sezione inferiore dello schema riporta le variazioni ottenibili con l inversione applicata alle tre soluzioni. Si noti che quando un onda bipolare che abbia ampiezza picco picco pari a 10 volt viene portata nel solo regime unipolare, l ampiezza risulta dimezzata. La correzione di polarità e di offset hanno applicazione immediata nella creazione di vibrati che rispettino il centro tonale originario, ovvero che non facciano perdere la frequenza di riferimento all oscillatore cui vengono impartiti. In pratica, quando viene selezionato il comportamento: la forma d onda assume un andamento bipolare non invertito, la sua ampiezza coprirà i quadranti positivo e negativo; se un onda quadra a bassa frequenza con queste qualità viene applicata ad un oscillatore audio, il trillo che si ottiene risulterà impossibile da mantenere in tonalità perché, aumentando l indice di modulazione, varieranno tutti e due i limiti alto e basso dell escursione di frequenza, allargando l intervallo eseguito in maniera simmetrica attorno alla frequenza originale. Se la forma d onda, la stessa quadra di prima, viene sottoposta a trattamento di rettifica, cioè viene trasportata nel regime unipolare positivo: il trillo risultante manterrà il limite inferiore costantemente a zero offset, cioè rispetterà l intonazione originale dell oscillatore audio; il limite superiore salirà progressivamente con l incremento dell indice di modulazione. Enrico Cosimi 24-5

6 Se la stessa onda quadra viene sottoposta a trattamento di rettifica con un offset negativo, cioè viene trasportata nel regime unipolare negativo: il trillo risultante manterà il limite superiore esattamente a zero offset, cioè rispetterà l intonazione originale dell oscillatore audio; il limite inferiore scenderà progressivamente con l incremento dell indice di modulazione. Enrico Cosimi 24-6

7 Patch CS007 LFO Offs Pol La patch fornisce una struttura composta da sorgente di destinazione LFO OSC MOD e destinazione di modulazione OSC C1. Il segnale audio emesso da quest ultimo è articolato nel tempo mediante modulo integrato di Envelope + VCA ENV D1. L oscillatore a bassa frequenza modula l oscillatore audio impartendogli una variazione di intonazione che produce un trillo (ovviamente sagomato sui segmenti dell onda quadra utilizzata). Per sincronizzare l emissione della nota con gli step del trillo, è stato implementato un secondo LFO ENV FIRE che, sottoposto a sincronizzazione con il primo, viene gestito mediante generatore di Constant Valure LFO RATE. Questo è il controllo che l utente deve alterare per velocizzare o rallentare il trillo. L utente verifichi il comportamento del trillo in base alle opzioni di Offset e Polarity specificabili sul modulo LFO OSC MOD, facendo particolare attenzione all escursione -2 ottave- bipolare che viene dimezzata quando si passa in regime di unipolarità. Enrico Cosimi 24-7

8 5. MONO MODE / POLY MODE La possibilità di instanziare LFO fisicamente indipendenti per ciascuna voce della struttura di sintesi permette di sfruttare il peculiare andamento fuori sincrono tra i diversi generatori di funzione. L andamento non sincronizzato fornisce una significativa vitalità al timbro, ma può risultare indesiderato in tutte quelle condizioni di impiego in cui sia preferibile invece avere il perfetto allienamento tra i diversi canali di voce. L allineamento desiderato tra gli LFO instanziati viene ottenuto semplicemente lasciando operare solo un LFO che si applica a tutti i canali di voce disponibili; in questo modo viene garantita l assoluta certezza che la funzione ciclica generata sarà seguita in passo da tutti gli oscillatori (o altra destinazioni di modulazione) collegati al modulatore. Nella pratica, questa caratteristica viene indicata con la selezione LFO Mono/Poly: nel primo caso, c è un solo LFO che influenza costantemente in passo- tutte le voci; nel secondo, ciascuna voce sfrutta il proprio LFO, non garantendo più una simmetria di trattamento a tutti i costi. 6. RESET Se necessario, si può subordinare l esecuzione del ciclo da parte del LFO al Gate di tastiera, o ad altro impulso esterno, in modalità simile al Hard Sync precedentemente illustrato a proposito degli oscillatori audio. Ogni volta che il circuito LFO viene raggiunto da un impulso al suo ingresso di Reset, si trova costretto a far ripartire il ciclo che sta compiendo; se l impulso di Reset è fornito dal Gate On di tastiera, il ciclo di modulazione risulterà costantemente sincronizzato con l inizio della nota eseguita. Enrico Cosimi 24-8

9 Patch CS008 LFO Poly_Mono La patch permette di verificare le differenze di comportamento ottenibili mediante multiple instanze degli LFO (cioè nel modo LFO Poly) e la singola instanza applicata a tutte le voci disponibili (cioè il modo LFO Mono). E inoltre possibile verificare il comportamento del Key Sync, ovvero del restart forzato sul Gate On di tastiera. ATTENZIONE! Il Clavia Nord Modular G2 Demo è, di default, monofonico. Questo significa che, per sperimentare la condizione in cui più voci hanno ciascuna un LFO indipendente, si è reso necessario costruire una struttura di sintesi che utilizza in maniera assolutamente antieconomica tre LFO, tre Oscillatori accordati su tonica quinta e decima, tre Filtri. Questo è l unico valido motivo per autorizzare un simile spreco di risorse. L utente verifichi il comportamento assolutamente insincronizzabile de tre LFO instanziati nella modalità Poly: anche mettendo le loro frequenze in passo, ad esempio a 0.64 Hz, nonostante la natura digitale, è facile subire qualche glitch e qualche disallineamento. Enrico Cosimi 24-9

10 L unico modo per evitare perdite di sincronizzazione consiste nel passare al modo Mono, in cui il primo dei tre LFO viene collegato forzatamente a tutti e tre gli oscillatori mediante un sistema di Switch 2:1 più Multiplexer. Chiaramente, la deriva di frequenza è caratteristica del dominio analogico di realizzazione; all interno di una struttura digitale, è legittimo aspettarsi prestazioni più costanti a lungo termine. L utente verifichi inoltre, tornando alla modalità LFO Poly, le peculiarità della sincronizzazione del ciclo LFO con il Gate On di tastiera. Per rendere operativa questa modalità, basta intervenire sullo Switch KEY SYNC (in giallo) selezionando On. Enrico Cosimi 24-10

11 7. PHASE La fase, come la frequenza e l ampiezza, ha una profonda importanza nella gestione del suono; ciononostante, è più facile all interno di una struttura in sintesi sottrattiva trovarne traccia relativamente agli LFO che non negli oscillatori audio veri e propri. Come è noto, la fase esprime in gradi sessagesimali un punto preciso all interno del singolo ciclo; in un LFO diventa così possibile variare il punto di partenza della funzione generata, ottenendo risultati significativamente differenziabili. Enrico Cosimi 24-11

12 Patch CS009 LFO Phase La patch sfrutta una struttura di sintesi banalmente raddoppiata: due oscillatori audio, due filtri collegati alle uscite audio left e right; un sistema di Switch AUDIO ON + Multiplexer permette di disabilitare il l uscita di segnale. I due filtri sono indipendentemente modulati a bassa frequenza da una coppia di LFO che generano due rampe discendenti. I valori di Phase dei due LFO sono coincidenti, cioè tutti e due emettono la forma d onda con 0 di rotazione di fase. L utente, dopo aver abilitato il circuito audio, sperimenti le variazioni di fase sul LFO 2, aumentando progressivamente i gradi di ritardo; si ricordi che un ciclo è pari a 360. Enrico Cosimi 24-12

Sound Source Oscillator Osc B Modulazione di frequenza E necessario distinguere tra diversi tipi di modulazione di frequenza:

Sound Source Oscillator Osc B Modulazione di frequenza E necessario distinguere tra diversi tipi di modulazione di frequenza: Sound Source Oscillator Osc B Modulazione di frequenza E necessario distinguere tra diversi tipi di modulazione di frequenza: Modulazione di Frequenza Esponenziale in banda Sub-Audio Modulazione di Frequenza

Dettagli

Chorus, Phaser e Flanger

Chorus, Phaser e Flanger Chorus, Phaser e Flanger Sound Modifier FX - St Chorus Phaser Flanger Raddoppi di segnale, sovrapposizioni e sfasamenti Senza ripetere quanto già specificato a proposito dei filtri All Pass e dei comportamenti

Dettagli

ENRICO COSIMI SINTESI DEL SUONO

ENRICO COSIMI SINTESI DEL SUONO IITM CORSO SOUND DESIGNER 2006 ENRICO COSIMI SINTESI DEL SUONO LEZIONE 2 ENRICO COSIMI - 1 - 1 SOUND SOURCES 1.1 OSCILLATORI (Parte II) 1.1.1 MODULAZIONE DI FREQUENZA E necessario distinguere tra diversi

Dettagli

Corso di Reaktor. - sintesi del suono applicata a Reaktor per la creazione di sound tools personalizzati -

Corso di Reaktor. - sintesi del suono applicata a Reaktor per la creazione di sound tools personalizzati - Corso di Reaktor - sintesi del suono applicata a Reaktor per la creazione di sound tools personalizzati - Lezione 1 (propedeutica) Il suono e le sue caratteristiche fondamentali - frequenza - lunghezza

Dettagli

Capitolo 4 - Costruire un Tutorial a supporto della didattica sulla scienza del suono: realizzare un timbro armonico costituito da 4 sinusoidi

Capitolo 4 - Costruire un Tutorial a supporto della didattica sulla scienza del suono: realizzare un timbro armonico costituito da 4 sinusoidi Il Suono Acustico Capitolo 4 - Costruire un Tutorial a supporto della didattica sulla scienza del suono: realizzare un timbro armonico costituito da 4 sinusoidi Introduzione pag 1 Prima parte (a cura del

Dettagli

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier S.C. 0 luglio 004 1 Propositi di un amplificatore Lock-in Il Lock-in Amplifier é uno strumento che permette di misurare l ampiezza V 0 di una tensione

Dettagli

Sintetizzatori. Strumenti elettrofoni: generano suono tramite elettricita' Vari tipi di sintesi: Sottrattiva: la piu' diffusa e piu' semplice

Sintetizzatori. Strumenti elettrofoni: generano suono tramite elettricita' Vari tipi di sintesi: Sottrattiva: la piu' diffusa e piu' semplice Sintetizzatori Strumenti elettrofoni: generano suono tramite elettricita' Vari tipi di sintesi: Sottrattiva Additiva Modulazione di frequenza (FM) Granulare Sottrattiva: la piu' diffusa e piu' semplice

Dettagli

BLOCCHI PRINCIPALI IN UN SYNTH

BLOCCHI PRINCIPALI IN UN SYNTH BLOCCHI PRINCIPALI IN UN SYNTH (Appunti per le lezioni di HD Recording estratto da Sintesi del Suono Appunti e approfondimenti per i corsi di Music Technology ) Francesca Ortolani 3.1 Introduzione all

Dettagli

Deep Time. Manuale Utente v.1.3

Deep Time. Manuale Utente v.1.3 Deep Time Manuale Utente v.1.3 Il Deep Time è uno Step Sequencer 8x2 che può operare in modalità "seriale" (una sequenza da 16 step), in modalità "parallela" (due sequenze da 8 step contemporaneamente)

Dettagli

Novation Bass Station II

Novation Bass Station II PARTENZA Bass Station II può essere utilizzato come sintetizzatore autonomo, o con le connessioni MIDI da/per altri moduli timbrici o tastiere. Può anche essere collegato con la sua porta USB ad un computer

Dettagli

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Davide Giglio Introduzione alle eti Elettriche e reti elettriche costituite da resistori, condensatori e induttori (bipoli),

Dettagli

ENRICO COSIMI SINTESI DEL SUONO

ENRICO COSIMI SINTESI DEL SUONO IITM CORSO SOUND DESIGNER 2006 ENRICO COSIMI SINTESI DEL SUONO LEZIONE 1 ENRICO COSIMI - 1 - 1 INTRODUZIONE 1.1 PREMESSE Per sua natura, la Sintesi del Suono è fortemente interdisciplinare: la padronanza

Dettagli

TubeOhm ALPHA-RAY sintetizzatore analogico virtuale. Manuale Italiano V 1.0

TubeOhm ALPHA-RAY sintetizzatore analogico virtuale. Manuale Italiano V 1.0 TubeOhm ALPHA-RAY sintetizzatore analogico virtuale Manuale Italiano V 1.0 TubeOhm 2012 Come nasce Alpha-Ray: L'idea di Alpha-Ray nasce dalla necessita' di alcuni nostri utenti di trovare informazioni

Dettagli

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E MODULO 1: MANIPOLAZI ONE DEL SEGNALE AUDI O G.PRESTI - 12/03/2015 - LE ZI ON E 2 1. CONVERSIONE DA ANALOGICO A DIGITALE Convertire un segnale

Dettagli

Esperienza n. 8 Uso dell oscilloscopio analogico

Esperienza n. 8 Uso dell oscilloscopio analogico 1 L oscilloscopio consente di visualizzare forme d onda e più in generale è un dispositivo che visualizza una qualunque funzione di 2 variabili. Per fare ciò esse devono essere o essere trasformate in

Dettagli

Introduzione al Campionamento e

Introduzione al Campionamento e Introduzione al Campionamento e all analisi analisi in frequenza Presentazione basata sul Cap.V di Introduction of Engineering Experimentation, A.J.Wheeler, A.R.Ganj, Prentice Hall Campionamento L'utilizzo

Dettagli

TECNICHE DI SINTESI DEL SUONO

TECNICHE DI SINTESI DEL SUONO RICCARDO SANTOBONI TECNICHE DI SINTESI DEL SUONO (Manuale di orchestrazione elettronica) ad uso degli allievi di Musica Elettronica, del Corso Superiore di Composizione, di Sound Engineer e di Computer

Dettagli

GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1. Note sul dimensionamento dei VCO Per sintetizzatore Germinimal

GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1. Note sul dimensionamento dei VCO Per sintetizzatore Germinimal GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1 Note sul dimensionamento dei VCO Per sintetizzatore Germinimal GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1 Indice INDICE INDICE... 1 1. DESCRIZIONE...

Dettagli

Azionamenti elettronici PWM

Azionamenti elettronici PWM Capitolo 5 Azionamenti elettronici PWM 5.1 Azionamenti elettronici di potenza I motori in corrente continua vengono tipicamente utilizzati per imporre al carico dei cicli di lavoro, nei quali può essere

Dettagli

Crossing 1.0.0. 1.0 Introduzione

Crossing 1.0.0. 1.0 Introduzione Crossing 1.0.0 1.0 Introduzione Crossing è un software per la creazione semiautomatica di oggetti sonori, basato sulla sintesi additiva. L aspetto generale del software alla sua apertura è quello riportato

Dettagli

ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino

ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino ELETTRONICA II Circuiti misti analogici e digitali 2 Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino Parte E: Circuiti misti analogici e digitali Lezione n. 20 - E - 2: Oscillatori e generatori di segnale

Dettagli

Manuale d uso PowerCore 01

Manuale d uso PowerCore 01 Manuale d uso PowerCore 01 Italiano Manuale d uso PowerCore 01 SUPPORTO / CONTATTI SOMMARIO TC SUPPORT INTERACTIVE Il sito TC Support Interactive (www.tcsupport.tc) è un vero e proprio centro di informazioni

Dettagli

ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità

ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità INDICE 1. Caricare un file audio. p. 2 2. Riprodurre una traccia. p. 2 3. Tagliare una traccia... p. 3 4. Spostare una traccia. p. 3

Dettagli

SN76477N. Per la descrizione dei singoli stadi, scegliere nell'elenco:

SN76477N. Per la descrizione dei singoli stadi, scegliere nell'elenco: SN76477N A cura di Federico Battaglin www.febat.com - info@febat.com Il circuito integrato SN76477N (costruito dalla Texas Instruments) è un completo "Complex Sound Generator", ovvero un generatore di

Dettagli

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche INTRODUZIONE Heinrich Hertz (1857-1894) nel 1886 riuscì per la prima volta a produrre e a rivelare le onde elettromagnetiche di cui Maxwell aveva previsto

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

Mon Ami 3000 Provvigioni agenti Calcolo delle provvigioni per agente / sub-agente

Mon Ami 3000 Provvigioni agenti Calcolo delle provvigioni per agente / sub-agente Prerequisiti Mon Ami 3000 Provvigioni agenti Calcolo delle provvigioni per agente / sub-agente L opzione Provvigioni agenti è disponibile per le versioni Vendite, Azienda Light e Azienda Pro. Introduzione

Dettagli

lunghezza d'onda = velocità del suono (m/s) frequenza (Hz)

lunghezza d'onda = velocità del suono (m/s) frequenza (Hz) 5. IL SUONO Le onde che si propagano in mezzi deformabili o elastici sono chiamate onde meccaniche. Esse hanno origine dallo spostamento di una porzione di un mezzo elastico dalla sua posizione normale,

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi armonica e metodi grafici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. Analisi

Dettagli

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slide) è protetto dalle leggi sul copyright e dalle disposizioni dei trattati internazionali. Il titolo e i copyright relativi alle slides

Dettagli

Misure di frequenza e di tempo

Misure di frequenza e di tempo Misure di frequenza e di tempo - 1 Misure di frequenza e di tempo 1 - Contatori universali Schemi e circuiti di riferimento Per la misura di frequenza e di intervalli di tempo vengono diffusamente impiegati

Dettagli

Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio

Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio I motori elettrici si possono suddividere in varie categorie (vedi figura 1), che si differenziano a seconda della tensione di alimentazione

Dettagli

Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori

Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori Esercizio T T V V on riferimento al circuito di figura, si assumano i seguenti valori: = = kω, =. µf, = 5 V. Determinare

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

Qualche semplice considerazione sulle onde di Daniele Gasparri

Qualche semplice considerazione sulle onde di Daniele Gasparri Qualche semplice considerazione sulle onde di Daniele Gasparri Le onde sono delle perturbazioni periodiche che si propagano nello spazio; quasi sempre (tranne nel caso della luce) si ha un mezzo che permette

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard Questa nota consiste perlopiù nella traduzione da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000, University of Plymouth Consideriamo come esempio il data set contenuto nel foglio excel esercizio2_dati.xls.

Dettagli

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE Condizionamento ed acquisizione del segnale Prof. Salvatore Nuccio salvatore.nuccio@unipa.it, tel.: 0916615270 1 Circuito di condizionamento Un sensore/trasduttore (S/T)

Dettagli

NM-1 NOVA Modulator MANUALE D USO

NM-1 NOVA Modulator MANUALE D USO NM-1 NOVA Modulator MANUALE D USO SOMMARIO INTRODUZIONE Sommario..................................3 Introduzione................................4 ESEMPI DI SETUP Mono.....................................5

Dettagli

Principi per la memorizzazione digitale della musica

Principi per la memorizzazione digitale della musica Principi per la memorizzazione digitale della musica Agostino Dovier Univ. di Udine, DIMI 1 Preliminari Ogni suono/rumore udibile è generato da una vibrazione. Il corpo vibrante, per essere udito deve

Dettagli

Laboratorio di onde II anno CdL in Fisica

Laboratorio di onde II anno CdL in Fisica Laboratorio di onde II anno CdL in Fisica Introduzione Le onde stazionarie presenti su una corda vibrante, quando la stessa è messa in moto da una forza impulsiva, dopo un iniziale transiente, possono

Dettagli

Ver. 1.1. Manuale d uso e configurazione

Ver. 1.1. Manuale d uso e configurazione Ver. 1.1 Manuale d uso e configurazione Introduzione Questa applicazione consente di gestire le principali funzioni delle centrali Xpanel, Imx e Solo da un dispositivo mobile dotato di sistema operativo

Dettagli

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici.

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. GLI ATTUATORI Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. La casistica è assai vasta ; sono comuni i semplici azionamenti magnetici (elettromagneti

Dettagli

metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari

metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari Elettronica per l informatica 1 Contenuto dell unità D Conversione dell energia metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari componentistica e tecnologie riferimenti di tensione,

Dettagli

progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO

progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO GENERATORE di funzionilow-cost Vi proponiamo il progetto di un generatore di funzioni semplice ed economico, ideale per coloro che, essendo agli inizi, vogliono

Dettagli

PLL (anello ad aggancio di fase)

PLL (anello ad aggancio di fase) PLL (anello ad aggancio di fase) Il PLL ( Phase Locked Loop, anello ad aggancio di fase) è un circuito integrato a reazione negativa. E un componente molto versatile e può essere usato come: demodulatore

Dettagli

Lettura musicale e sviluppo della musicalità

Lettura musicale e sviluppo della musicalità Lettura musicale e sviluppo della musicalità Corso di alfabetizzazione musicale SECONDO LIVELLO Lettura musicale e sviluppo della musicalità Corso di alfabetizzazione musicale SECONDO LIVELLO Copyright

Dettagli

M049 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE. Indirizzo: TECNICO DELLE INDUSTRIE ELETTRONICHE CORSO DI ORDINAMENTO

M049 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE. Indirizzo: TECNICO DELLE INDUSTRIE ELETTRONICHE CORSO DI ORDINAMENTO M049 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE Indirizzo: TECNICO DELLE INDUSTRIE ELETTRONICHE CORSO DI ORDINAMENTO Tema di: ELETTRONICA, TELECOMUNICAZIONI E APPLICAZIONI Il candidato, formulando eventuali

Dettagli

L AUDIO ED IL SUO TRATTAMENTO. Mauro Mancini

L AUDIO ED IL SUO TRATTAMENTO. Mauro Mancini L AUDIO ED IL SUO TRATTAMENTO DI Mauro Mancini La scheda audio Le qualità sonore del computer dipendono dalla qualità della scheda audio Ingressi ed uscite audio Dipendono dalla scheda; questi i più diffusi:

Dettagli

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83 I convertitori c.c.-c.c. monodirezionali sono impiegati per produrre in uscita un livello di tensione diverso da quello previsto per la sorgente. Verranno presi in considerazione due tipi di convertitori

Dettagli

Risposta RLC serie Analisi nel dominio del tempo. Laboratorio di Sistemi. Classe IV - Risposta dei circuiti: RLC serie con gradino di tensione

Risposta RLC serie Analisi nel dominio del tempo. Laboratorio di Sistemi. Classe IV - Risposta dei circuiti: RLC serie con gradino di tensione 12/02/09 IPSIA Antonio Pacinotti - Pistoia Risposta RLC serie Analisi nel dominio del tempo Laboratorio di Sistemi Classe IV - Risposta dei circuiti: RLC serie con gradino di tensione Gualtiero Lapini

Dettagli

LABORATORIO DI FISICA. Elettromagnetismo

LABORATORIO DI FISICA. Elettromagnetismo MINISTERO DELL ISTRUZIONE,UNIVERSITA E RICERCA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE L. DA Vinci Via G. Rosato, 5-66034 L a n c i a n o (Ch) Tel. 087242556 Fax 0872702934 E-mail: chtf0200l@istruzione.it

Dettagli

Matematica e teoria musicale 1

Matematica e teoria musicale 1 Matematica e teoria musicale 1 Stefano Isola Università di Camerino stefano.isola@unicam.it Il suono Il fine della musica è dilettare e muovere in noi diversi sentimenti, il mezzo per raggiungere tale

Dettagli

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione --------------- RX-AUDIO-2.4 Caratteristiche Nessuna compressione per alta qualità del suono, latenza di 0.5 ms. Audio digitale con frequenza di campionamento a 44.1 KHz e 16-bit di risoluzione. Demodulazione

Dettagli

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E MODULO 1: MANIPOLAZI ONE DEL SEGNALE AUDI O G.PRESTI - 17/03/2015 - LE ZI ON E 3 1. RISPOSTA IMPULSIVA E CONVOLUZIONE Una descrizione informale

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: stabilità, errore a regime e luogo delle radici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail:

Dettagli

Produzione di borse in pelle. 1. Modeling Simulacian; 2. Selezionare un task, inserire durata e costo necessari per completarlo una volta.

Produzione di borse in pelle. 1. Modeling Simulacian; 2. Selezionare un task, inserire durata e costo necessari per completarlo una volta. Produzione di borse in pelle 1. Modeling Simulacian; 2. Selezionare un task, inserire durata e costo necessari per completarlo una volta. Cimino Informatica per la Logistica Laboratorio 4 slide 2 di 15

Dettagli

Capitolo 2. Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi

Capitolo 2. Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi Capitolo 2 Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi Obiettivo: presentare una modellistica di applicazione generale per l analisi delle caratteristiche dinamiche di sistemi, nota come system dynamics,

Dettagli

Progetto SINTESI - Dominio Provinciale

Progetto SINTESI - Dominio Provinciale - Dominio Provinciale Tecnologia dei Processi R.T.I. per Pag. 2 di 19 Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 LETTURA DEL FILE... 4 3 IMPORT DEI FILE... 9 4 VERIFICA DELLE BOZZE E LORO INVIO... 12 5 COMUNICAZIONI

Dettagli

BICI 2000 - Versione 1.9

BICI 2000 - Versione 1.9 Pagina 1/8 BICI 2000 - Versione 1.9 Il controllo BICI 2000 nasce per il pilotaggio di piccoli motori a magnete permanente in alta frequenza per veicoli unidirezionali alimentati da batteria. La sua applicazione

Dettagli

Ischemia, lesione e infarto

Ischemia, lesione e infarto 12 Ischemia, lesione e infarto 192 Rapida e accurata interpretazione dell ECG Il muscolo cardiaco deve ricevere un apporto ematico sufficiente tramite la propria rete di vasi arteriosi, denominati arterie

Dettagli

Suono: aspetti fisici. Tutorial a cura di Aldo Torrebruno

Suono: aspetti fisici. Tutorial a cura di Aldo Torrebruno Suono: aspetti fisici Tutorial a cura di Aldo Torrebruno 1. Cos è il suono Il suono è generalmente prodotto dalla vibrazione di corpi elastici sottoposti ad urti o sollecitazioni (corde vocali, corde di

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL.

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL. P5 CONVERSIONE DI REQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. P. P5. Un segnale modulato in ampiezza con portante e banda di modulazione B=9 khz centrata su, deve essere convertito in frequenza su una portante

Dettagli

MODULAZIONI ANGOLARI

MODULAZIONI ANGOLARI MODULAZIONI ANGOLARI Una sinusoide: v(t) = V M * cos (ω * t + φ o ) = V M * cos φ(t) : t è il tempo e φ(t) = fase istantanea è identificata da: 1. Ampiezza V M o V P oppure anche dal suo valore efficace

Dettagli

Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995).

Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995). ANALISI DI UNA SERIE TEMPORALE Analisi statistica elementare Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995). Si puo' osservare una media di circa 26 C e una deviazione

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

SINTESI DEI SISTEMI DI CONTROLLO A TEMPO CONTINUO

SINTESI DEI SISTEMI DI CONTROLLO A TEMPO CONTINUO SINTESI DEI SISTEMI DI CONTROLLO A TEMPO CONTINUO Requisiti e specifiche Approcci alla sintesi Esempi di progetto Principali reti stabilizzatrici Illustrazioni dal Testo di Riferimento per gentile concessione

Dettagli

QUANTIZZAZIONE diverse fasi del processo di conversione da analogico a digitale quantizzazione

QUANTIZZAZIONE diverse fasi del processo di conversione da analogico a digitale quantizzazione QUANTIZZAZIONE Di seguito lo schema che illustra le diverse fasi del processo di conversione da analogico a digitale. Dopo aver trattato la fase di campionamento, occupiamoci ora della quantizzazione.

Dettagli

Owner's Manual WWW.SCOLOPENDRA.IT tel. 051 249374

Owner's Manual WWW.SCOLOPENDRA.IT tel. 051 249374 Owner's Manual WWW.SCOLOPENDRA.IT tel. 051 249374 Indice Pagina 1. Introduzione 2 2. Istruzioni per la sicurezza 2 3. Garanzia 2 4. Descrizione del funzionamento 3 4.1 Il flusso del segnale nel Neptune

Dettagli

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ Appunti di Elettronica Capitolo 3 Parte II Circuiti limitatori di tensione a diodi Introduzione... 1 Caratteristica di trasferimento di un circuito limitatore di tensione... 2 Osservazione... 5 Impiego

Dettagli

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. I suoni parametri fisici (cenni)

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. I suoni parametri fisici (cenni) Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Anno Accademico 2008/2009 Docente: ing. Salvatore

Dettagli

Nome: Nr. Mat. Firma:

Nome: Nr. Mat. Firma: Controlli Automatici - A.A. 1/11 Ingegneria Gestionale 13 Settembre 11 - Esercizi Nome: Nr. Mat. Firma: Rispondere alle seguenti domande. a) Calcolare la trasformata di Laplace X(s) dei seguenti segnali

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza Modulazioni Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 06 Modulazioni 1/29 Comunicazione a lunga distanza I segnali elettrici si indeboliscono quando viaggiano su un

Dettagli

Elaborazione digitale dell audio

Elaborazione digitale dell audio Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica Lezioni di Informatica di Base per la Facoltà di Lettere e Filosofia Anno Accademico 2012/2013 Docente:

Dettagli

MOTORE PASSO PASSO NOTIZIE STORICHE. E un motore alimentato con forme d onda impulsive: ad ogni impulso corrisponde una rotazione del motore di un

MOTORE PASSO PASSO NOTIZIE STORICHE. E un motore alimentato con forme d onda impulsive: ad ogni impulso corrisponde una rotazione del motore di un Motore Passo Passo - Introduzione MOTORE PAO PAO OTIZIE TORICHE I primi tentativi di costruzione dei motori step risalgono all inizio del 900, ma solo nel 1930 apparve la prima realizzazione industriale

Dettagli

(E4-U18) Gli homework da preparare prima di iniziare la parte sperimentale sono calcoli e simulazioni dei circuiti su cui vengono eseguite le misure.

(E4-U18) Gli homework da preparare prima di iniziare la parte sperimentale sono calcoli e simulazioni dei circuiti su cui vengono eseguite le misure. Esercitazione 5 (E4-U18) Caratterizzazione e misure su circuiti digitali Scopo dell esercitazione Gli obiettivi di questa esercitazione sono: - Misurare i parametri elettrici di porte logiche, - Verificare

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

"Convertitore CC/CA per sistemi fotovoltaici connessi alla rete: progetto e realizzazione" Ing. Pierangelo Sandri settembre 2007 siepan@libero.

Convertitore CC/CA per sistemi fotovoltaici connessi alla rete: progetto e realizzazione Ing. Pierangelo Sandri settembre 2007 siepan@libero. Capitolo 6 Collaudo 6.1 Apparecchiature per il collaudo Per poter effettuare tutte le prove necessarie a verificare il corretto funzionamento dell inverter sperimentale si è utilizzata la strumentazione

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: robustezza e prestazioni Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it

Dettagli

Full-hardware implementation of Karplus-Strong algorithm on electronic PS/2 keyboard

Full-hardware implementation of Karplus-Strong algorithm on electronic PS/2 keyboard Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Ingegneria e Architettura Full-hardware implementation of Karplus-Strong algorithm on electronic PS/2 keyboard Prof. Stefano Marsi Raffaele Bernardi r.bernardi.ts@gmail.com

Dettagli

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica D.Gamba,P.P.Trapani April 9, 2004 1 1 Circuiti Digitali Integrati: Timer, ADC e DAC In questo Lab. si imparera ad usare alcuni circuiti integrati

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio della frequenza

Analisi dei segnali nel dominio della frequenza Laboratorio di Telecomunicazioni - a.a. 2010/2011 Lezione n. 7 Analisi dei segnali nel dominio della frequenza docente L.Verdoliva In questa lezione affrontiamo il problema dell analisi dei segnali tempo

Dettagli

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari Capitolo 6 Funzioni 6. Concetto di funzione e definizioni preliminari Definizione 6. Dati due insiemi non vuoti D e C, si dice applicazione o funzione una qualsiasi legge (relazione) che associa ad ogni

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione completa del magazzino, estratti, inventari, scorte. Rev. 2014.3.2 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione completa del magazzino, estratti, inventari, scorte. Rev. 2014.3.2 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione completa del magazzino, estratti, inventari, scorte Rev. 2014.3.2 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 3 I movimenti di magazzino... 5 Registrare un movimento di magazzino

Dettagli

SPECIFICHE DI PROGETTO DI SISTEMI DI CONTROLLO

SPECIFICHE DI PROGETTO DI SISTEMI DI CONTROLLO INGEGNERIA E TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO Laurea Specialistica in Ingegneria Meccatronica SPECIFICHE DI PROGETTO DI SISTEMI DI CONTROLLO Ing. Cristian Secchi Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it

Dettagli

Elementi di teoria dei segnali /b

Elementi di teoria dei segnali /b Elementi di teoria dei segnali /b VERSIONE 29.4.01 Filtri e larghezza di banda dei canali Digitalizzazione e teorema del campionamento Capacità di canale e larghezza di banda Multiplexing e modulazioni

Dettagli

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308) CNC 8065 Linguaggio ProGTL3 (Ref. 1308) SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone

Dettagli

Sistema acquisizione dati

Sistema acquisizione dati 12 Sistema acquisizione dati 3.1 Introduzione: Per convertire i segnali analogici trasmessi dai sensori in segnali digitali dobbiamo usare i convertitori analogici digitali o più comunemente chiamati ADC(Analog-to-Digital

Dettagli

MISURE CON L OSCILLOSCOPIO

MISURE CON L OSCILLOSCOPIO MISURE CON L OSCILLOSCOPIO Misure di ampiezza (1/4) Per effettuare misure di ampiezza con l oscilloscopio l di norma si eseguono in sequenza i seguenti passi: 1. Si procede innanzitutto alla predisposizione

Dettagli

Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano

Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano Francesco Biccari 18 marzo 2013 Una trasformazione geometrica del piano è una legge (corrispondenza biunivoca) che consente di associare a un determinato

Dettagli

Manuale d uso Filtroid per PowerCore

Manuale d uso Filtroid per PowerCore Manuale d uso Filtroid per PowerCore Italiano Manuale d uso Filtroid per PowerCore SUPPORTO / CONTATTI SOMMARIO TC SUPPORT INTERACTIVE Il sito TC Support Interactive (www.tcsupport.tc) è un vero e proprio

Dettagli

HVDP. High Voltage Dynamic Power supply/source. Potenza: in uscita 1, 2.5 e 5kW in DC + sinusoidale.

HVDP. High Voltage Dynamic Power supply/source. Potenza: in uscita 1, 2.5 e 5kW in DC + sinusoidale. Milano, 12 Marzo 2015 HVDP High Voltage Dynamic Power supply/source Potenza: in uscita 1, 2.5 e 5kW in DC + sinusoidale. HVDP (High Voltage Dynamic Power) è una famiglia di alimentatori con uscita in DC

Dettagli

Università degli studi di Salerno. Project Work svolto da Federico Fabbricatore matr. 0612200629. Traccia

Università degli studi di Salerno. Project Work svolto da Federico Fabbricatore matr. 0612200629. Traccia Università degli studi di Salerno Project Work svolto da Federico Fabbricatore matr. 0612200629 Traccia SINGLE LOOP CUSTOM PROCESS con Process Model = Disturbance Model 1. adotta un controllore PID ideale

Dettagli

Controllo di velocità angolare di un motore in CC

Controllo di velocità angolare di un motore in CC Controllo di velocità angolare di un motore in CC Descrizione generale Il processo è composto da un motore in corrente continua, un sistema di riduzione, una dinamo tachimetrica ed un sistema di visualizzazione.

Dettagli

Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione

Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione Versione 11/03/2004 Contenuto e scopo esercitazione Contenuto esempi di problema di programmazione

Dettagli

DOCUMENTO TRATTO DA WWW.AEREIMILITARI.ORG

DOCUMENTO TRATTO DA WWW.AEREIMILITARI.ORG DOCUMENTO TRATTO DA WWW.AEREIMILITARI.ORG I Radar ad Onda Continua (CW) Principi di funzionamento dei radar CW. Al contrario dei radar ad impulsi, quelli ad onda continua (CW) emettono radiazioni elettromagnetiche

Dettagli