Interfacce, scritture, mondi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Interfacce, scritture, mondi"

Transcript

1 Gualtiero e Roberto Carraro Accademia di Brera Interfacce, scritture, mondi Corso di Art Direction, seconda lezione 28 novembre 2011

2 Interattività e interfaccia digitale I concetti di interattività e di interfaccia, che assumeranno sempre maggiore rilevanza nel XXI secolo, hanno molteplici accezioni. Partiremo dalla definizione di Wikipedia, l enciclopedia generata dagli utenti che sta ormai assumendo il ruolo di sapere condiviso nella società dell informazione: Nel senso generale del termine, un'interfaccia è il punto, l'area o la superficie sulla quale due entità qualitativamente differenti si incontrano; la parola è anche utilizzata in senso metaforico per rappresentare la giuntura tra oggetti (Wikipedia). La definizione è molto generica, e in effetti il concetto di interfaccia può essere applicato a molti ambiti, come ad esempio ad un cruscotto di un auto. Nel nostro caso, restringeremo la definizione al contesto informatico, e in particolare all interfaccia software, o interfaccia utente grafica, detta in inglese Graphic User Interface (GUI). Nell accezione più attuale, quella dell era Post PC, la principale funzione dell interfaccia è permettere l interazione dell uomo con l universo dei contenuti in Internet, disponibili su più device e quindi residenti in una cloud, in una nuvola informativa accessibile sempre e dovunque. In sostanza, oggi l interfaccia digitale è il diaframma di accesso al mondo digitale. Nel contesto digitale attuale, l interfaccia si presenta come una finestra tra l uomo e i mondi dell informazione, con i

3 quali può interagire in differenti modalità, sempre più multisensoriali e immersive. Anche per il concetto di interattività, ancora più ampio di quello di interfaccia, citiamo Wikipedia: L'Interattività è la caratteristica di un sistema il cui comportamento non è fisso, ma varia al variare dell'input dell'utente. La maggior parte dei sistemi con cui si ha a che fare è generalmente interattiva: una lavatrice è interattiva, in quanto modifica il suo comportamento a seconda di come regoliamo le sue manopole e pulsanti. Un computer è interattivo perché ci mostra questo o quell'altro dato a seconda delle informazioni che gli forniamo tramite il mouse o la tastiera. (Wikipedia). L interattività è l elemento chiave del linguaggio digitale, la nuova esperienza attiva che distingue i media digitali dai mass media classici, fruiti passivamente. I media interattivi adottano innanzitutto una interfaccia hardware, tramite la quale avviene l interazione tra uomo e media. La forma principale di interattività è quella tra uomo e media. L interattività digitale tra uomo e uomo, tipica dei social network, è in forte espansione con l affermazione del web 2.0. L avvento del digitale nell era dei giornali, della radio e della TV, è soprattutto il passaggio all interattività. L esperienza interattiva è praticata nei vari media digitali a diversi livelli ed in molteplici modalità. Le declinazioni tecnologiche, linguistiche e sociali dell interattività sono in continua espansione ed evoluzione. Le forme di interattività sono in fortissima evoluzione in questi anni, e sono caratterizzati dal passaggio dalla multimedialità alla multisensorialità, e dallo schermo piatto al 3d e alla immersività. L interattività digitale è sempre più coinvolgente e corporea. Gli ambienti immersivi sono dotati di sensori che interagiscono con i movimenti del corpo, e quindi aprono lo scenario alla cinestesia, l intelligenza motoria nel suo complesso. All inizio fu una scrivania L interfaccia è uno dei cardini del mondo digitale. L informatica diventa di massa quando la cosiddetta metafora della scrivana, ideata nei laboratori di Xerox park, viene implementata nei primi computer Apple negli anni 80. La desktop metaphor, ancora in uso su tutti i computer del modo, si basa su alcune icone che simulano gli oggetti quotidiani su una scrivania, come il cestino, la lettera, la gomma e la matita. Da questa interfaccia grafica, e dal principio chiave delle interfacce grafiche What You See Is What You Get (prendi ciò che vedi), sono nate innumerevoli interfacce digitali. In seguito si è passati dalla metafora della scrivania alle infinite metafore del mondo reale.

4 Dal mouse in poi Mouse, tastiera, interfaccia grafica sono i capisaldi dell interattività nell era del personal computer. Douglas Engelbart è una figura chiave nella storia del digitale: è l'inventore del mouse ma anche un pioniere dell'interazione uomo-macchina. Engelbart ha sviluppato con i suoi collaboratori l'ipertesto, le reti di computer ed è stato precursore dell'interfaccia grafica. Siamo di fronte ad uno dei padri fondatori del digitale. Steve Jobs è l imprenditore che, grazie al suo genio creativo, alla sua attenzione al Design, e alla sua determinazione nello sviluppo tecnologico e industriale, ha portato al grande pubblico le grandi innovazioni nell interfaccia grafica e nell interattività.

5 Partendo dall invenzione del mouse, da parte di Douglas Engelbart, tuttora in uso, le principali soluzioni hardware per l interattività sono il joystick dei videogame, il riconoscimento vocale, le rivoluzionarie periferiche gestuali di Wii, lo schermo multitouch di iphone, gli ambienti immersivi in grado di riconoscere ed eseguire comandi mediante gesti, espressioni e movimenti umani.

6 I Generi dell interfaccia grafica E possibile definire una serie di categorie di interfacce, riconducibili a metafore estremamente diverse da quella della scrivania, e a diverse figure retoriche multimediali. Come esistono vari generi nella pittura, come il ritratto, il paesaggio, la natura morta, così esistono vari generi di interfacce utente. Si può parlare di una interattività funzionale, come ad esempio la navigazione in un indice di pagine web. Esiste una interattività ludica, elemento chiave del successo dei videogame. Nei videogame l interattività diventa potente forma di intrattenimento, che può essere sfruttata anche per finalità didattiche. Negli anni 90 si sviluppano un gran numero di forme di interattività uomo-media, guidate da varie metafore di interfaccia e tecnologie multimediali, quali quicktime VR, macromedia shockwave, flash, soluzioni di 3d real time. Con l avvento di Internet il focus si sposta dall interattività multimediale all interattività tra persone in rete. I più recenti media portatili dotati di GPS e bussola digitale interagiscono con l ambiente, rendendo possibili nuove interazioni tra uomo e realtà, tra cui le sorprendenti applicazioni di Augmented Reality. Nel campo degli smartphone si stanno sviluppando forti evoluzioni rispetto all interazione tra uomo e realtà, incentrate sull idea di virtualità e realtà aumentata su dispositivi multimediali mobili dotati di GPS. Nelle opere multimediali progettate in Italia sono state sviluppate metafore pertinenti alle varie discipline del sapere, come le tavole sinottiche interattive per la storia, Il corpo umano tridimensionale per la medicina, Gli habitat interattivi per la biologia, il plastico 3d per l architettura, la figura di Cristo per la storia del Cristianesimo, etc

7 L interfaccia è arte? Ci si può chiedere se l interfaccia e l esperienza interattiva digitale daranno mai forma ad un arte. La risposta è certamente già positiva, in quanto nelle gallerie d arte, nelle mostre d arte contemporanea e nei musei sono già innumerevoli le esperienze digitali definite arte in vario modo, dalla computer art alla net art. Ma forse la questione va posta in altri termini. L arte contemporanea ha già integrato innumerevoli forme espressive, come la scenografia, il video, il teatro, e allo stesso modo ha integrato le creazioni digitali. Imponendo però il suo paradigma: linguaggio criptico, target limitato, riproducibilità limitata, investitura negli ambienti chiusi dell arte stessa: gallerie, mostre, musei. Data l importanza sociale e culturale del digitale, ci si potrebbe aspettare un arte con caratteristiche diverse, ad esempio simile al cinema, cioè un arte digitale di massa. Alcuni critici si aspettano che questo ruolo sarà occupato dai videogame, fenomeno industriale di massa, che ha già superato per dimensioni il cinema. Le interfacce dei videogiochi sono particolarmente evolute, e sono il fronte più avanzata della sperimentazione digitale, il laboratorio dove si sperimentano e si diffondono la multisensorialità e l immersività. Ma forse è ancora presto per definire arte le interfacce e le forme interattive dei videogame. Certamente la

8 ricchezza espressiva e la sofisticata creatività dei videogiochi condurrà nel XXI secolo ad una nuova arte, le cui forme sono già intuibili. Ma occorrerà probabilmente uscire dai limiti culturali e dalle funzionalità del semplice gioco di intrattenimento, e raggiungere altri contesti d uso. Si può certamente parlare di una interattività estetica, in cui l esperienza multimediale interattiva assume un valore artistico autonomo. E il caso dell opera su Cd Rom I Vangeli, vincitrice del premio Emma a Francoforte nel 1995 proprio per la connotazione artistica dell esperienza interattiva, una navigazione coinvolgente tra scrittura sacra, musica sacra, arte sacra fuse in una interfaccia profondamente simbolica. Certamente si può affermare che l interfaccia esprime un proprio linguaggio, che spesso è inscindibile dai contenuti. In molte opere multimediali, l interfaccia è contenuto a tutti gli effetti.

9 I due poli dell interfaccia: scrittura e mondo Intraprendendo un tentativo di descrivere le interface digitali, cercheremo di polarizzare due punti di riferimento antitetici: la scrittura e il mondo. Tra la scrittura, e quindi il libro, e il mondo, e quindi la rappresentazione della realtà,cartografica o prospettica, si articolano le infinite forme di interfacce che conosciamo. Dalla parte del libro troviamo gli ipertesti, come wikipedia o come gli ebook, che permettono una navigazione attraverso link ipertestuali, e i motori di ricerca come Google, che permettono di accedere alle pagine tramite la ricerca di parole chiave. Dalla parte del mondo troviamo le rappresentazioni tridimensionali della realtà, come i videogiochi 3d, Google street view, Google Earth, o le rappresentazioni bidimensionali dei territori, come Google Maps, i navigatori satellitari, ma anche i videogiochi 2d. La piattaforma italiana Visual Italy rappresenta una interfaccia mondo evoluta. Va considerato che dalla parte delle interfacce scrittura dominano le modalità di fruizione tipiche del libro, come la lettura, la pagina, l illustrazione, l impaginazione. Dalla parte delle interfacce mondo dominano invece le modalità di fruizione tipiche delle arti, come la pittura, il teatro, l architettura, e quindi la visualità, la multisensorialità e, sempre di più, l immersività.

10 Tra scrittura e mondo: Touch ebook Certamente l argomento del corso, in quanto effettuato all Accademia di Brera, sarà innanzitutto l interfacciamondo, tipica delle arti visive, rispetto all interfaccia scrittura, dominata dall ipertesto e quindi più interessante per le discipline letterarie. Ma va subito detto che esistono infinite forme intermedie tra la scrittura e il mondo, e difficilmente l interfacciamondo non ha in sé degli elementi di scrittura. Nel centro delle due polarità, scrittura e mondo, possiamo collocare i libri tattili immersivi, o Touch Ebook La diffusione dei nuovi dispositivi Touch sta rivoluzionando l approccio alla lettura e richiede un re-design del libro elettronico. Lo sviluppo di nuovi formati ebook per i dispositivi Touch multimediali - a cominciare da iphone e ipad deve tenere conto di un aspetto cruciale della manipolazione: la tridimensionalità. La lettura digitale è in grado d ora in poi di scoprire la terza dimensione, sviluppandosi anche nello spazio virtuale. L azione di toccare lo schermo di un ebook con le dita non si ferma allo sfogliare pagine bidimensionali: ben presto l experience della lettura tende ad ampliarsi nella fruizione di oggetti manipolabili e ambienti 3d esplorabili. I classici della letteratura universale sono il genere più letto e scaricato tra gli ebook per iphone e ipad.la Bibbia, l Iliade l Odissea, la Divina Commedia e gli altri classici delle diverse letterature nazionali figurano tra le prime scelte degli utenti degli ebook. Di qui la scelta di produrre una collana di Touch Ebook che vede tra i primi titoli i capolavori di Dante, di Omero e la Bibbia.

11 IDante. Il primo ebook letterario Touch: consultazione tattile, multimediale e virtuale idante è stata la prima opera touch pubblicata in Italia su ipad, nel marzo idante introduce nello scenario degli ebook un format editoriale innovativo, progettato appositamente per la consultazione Touch. Interattività tattile, multimedialità audio e video, fruizione dei contenuti mediante schermate sfogliabili, zoomabili e scrollabili: sono queste le principali caratteristiche dei lettori Touch emergenti, soprattutto il nuovo ipad Apple ma anche iphone e ipod Touch. Il design multimediale di idante va decisamente oltre il tradizionale formato ebook, tendenzialmente bianco e nero, testuale e impaginato in forma lineare.il testo integrale della Divina Commedia, gli indici e i 100 canti dell Inferno, Purgatorio e Paradiso sono solo la base di partenza dello sviluppo dell opera, che offre un ricco corredo iconografico e virtuale.diventa possibile leggere la Divina Commedia anche come una miniatura interattiva, oppure esplorare in 3d gli ambienti dell oltretomba dantesco.

12 idante, la Divina Commedia per Touch e-book, anticipa una tendenza che prevedibilmente si diffonderà negli ebook del futuro, permettendo di scoprire il cosmo dantesco attraverso un modello 3d dell Inferno, del Purgatorio e del Paradiso, e consentendo di visitare virtualmente a 360 gradi i principali ambienti del poema di Dante, in una originale illustrazione tridimensionale. Il tutto viene reso possibile dall adozione per lo sviluppo dell ebook, di Unity, un linguaggio di programmazione 3d. D altra parte la Divina Commedia è stata l oggetto di un significativo videogame di Electronic Arts uscito nel febbraio 2010, Dante s inferno, che ha fatto discutere per i richiami spesso approssimativi ai versi di Dante ma al tempo stesso ha reso il poema popolare presso un nuovo pubblico internazionale e un target sicuramente insolito. Stiamo comunque assistendo ad una evoluzione verso il 3d di tutti i media: non solo i videogame ma anche il web, il cinema, la televisione. Il codice miniato digitale Fin dal 300 la Divina Commedia ha dato vita ad una miriade di edizioni illustrate, miniature, rappresentazioni artistiche che l hanno divulgata e resa popolare presso il grande pubblico in tutto il mondo. Il racconto di Dante si ispira al fantastico immaginario medievale e la Divina Commedia è un soggetto privilegiato per gli artisti.

13 L edizione Touch della Divina Commedia propone una inedita esperienza di lettura visiva: i versi di Dante vengono accostati alle scene della celebre illustrazione di Gustave Doré, appositamente colorata e trattata in computer grafica. Dai primi passi nella selva oscura, fino al fondo del basso inferno e alla visione divina de L'amor che move il sole e l'altre stelle, il lettore del Touch ebook può rileggere i più famosi passi del poema nella forma di una miniatura digitale.i 70 episodi principali del viaggio nell Inferno, nel Purgatorio e nel Paradiso vengono accuratamente rappresentati con 500 immagini abbinati a versi e terzine originali. Colonna musicale ed effetti sonori accompagnano la lettura multimediale.questa soluzione recupera una consuetudine dell arte sacra medievale, che inseriva spesso negli affreschi e nelle immagini miniate i versetti originali della Bibbia e della Divina Commedia. L universo dantesco in 3d Dante immaginava la terra e il cosmo in modo molto diverso dalla geografia e dall astronomia odierna. Nella Divina Commedia Touch ebook un modello 3d aiuta a comprendere ed esplorare i 3 regni dell oltretomba, che si estendevano all interno del globo terrestre, agli antipodi e nelle sfere celesti che avevano al centro il nostro pianeta.

14 Scene infernali a 360 Oltre al modello 3d dell universo dantesco, il Touch ebook contiene anche una serie di ambienti virtuali ricostruiti a 360 gradi. La tecnologia tridimensionale consente di rappresentare in modo efficace la cavità degli inferi, la montagna del Purgatorio e i cieli del Paradiso, strutture piuttosto difficili da raffigurare con i classici schemi bidimensionali dei libri cartacei. Scopriamo così che l ingresso all Inferno veniva immaginato presso Gerusalemme, nell emisfero australe che era prevalentemente occupato dalle terre emerse. I cerchi infernali assumono la forma di un vasto cono che si restringe fino al burrone di Malebolge. Il basso inferno è un disco occupato dai cerchi concentrici delle bolge. Al centro si trova il pozzo presidiato dai giganti, che porta alla superficie ghiacciata dove è si è conficcato Lucifero, precipitato al centro della terra dopo al sua ribellione contro Dio. Respinta dal terribile Satana, la crosta terrestre si rialza sulla superficie opposta, dando forma alla montagna del Purgatorio, unica terra emersa dell emisfero australe. Dante dopo essere disceso nell Inferno risale dal centro della terra attraverso una caverna, e riemerge sulla spiaggia del Purgatorio. Salendo sul monte visita il Paradiso Terrestre. Attorno al globo, sferico e immobile secondo le indicazioni del geografo antico Tolomeo, ruotano nove cieli, che prendono il nome dalla luna, dai pianeti e dalle stelle. Ancora oltre, nell immateriale Empireo, Dio viene adorato dai beati della candida rosa e circondato da nove cori angelici. L esplorazione di un inedito impaginato tridimensionale è una experience culturale innovativa, resa possibile dal format touch ebook.

15 I precedenti di idante. Cosmografia iconica dantesca Prima di idante, la Divina Commedia era già stata oggetto di vari studi, e di una singolare traduzione iconica. Il Codex Divina Commedia è una trascrizione in pittogrammi del capolavoro di Dante. L universo dantesco è reinterpretato mediante il linguaggio iconico. La Divina Commedia è un patrimonio universale della civiltà umana; in essa convergono i miti classici e le rappresentazioni primordiali del cosmo. I tre regni danteschi, l'inferno, il purgatorio ed il paradiso, rimandano ai "tre logos" delle cosmografie primitive, al "trigramma cosmico" cinese, alla trinità egizia Nut-Shu-Geb. Ogni personaggio, o gruppo, è stato rappresentato da un ideogramma: sulla figura umana si sovrappongono elementi mimici, grafemi astratti, disegni simbolici volti ad identificare in modo preciso e suggestivo il paesaggio: la porta, la selva, il ghiaccio, i corsi d'acqua, gli ambienti celesti. Le prime rappresentazioni pittografiche della Divina Commedia vengono trasmesse nei circuiti dell arte telematica nel 1986 e 1987.

16 Questa cosmografia iconica si è poi evoluta dando forma ad una interfaccia grafica digitale, presentata a Gorbaciov nel 1998, durante la manifestazione internazionale Italia 2000 a Mosca. Il Codex ha costituito l interfaccia della prima opera multimediale italiana per il grande pubblico, nel Nel 2004 viene realizzata la prima versione in video digitale della Divina Commedia. Nel 2010 viene pubblicata la App idante.

17 La Divina Commedia su CD ROM Nella Divina Commedia del 1993 l interfaccia è una rappresentazione iconica dei tre regni danteschi dell oltretomba, una interpretazione culturale tipicamente italiana del fenomeno delle interfacce iconiche informatiche. Si è trattata della prima opera multimediali italiana pubblicata per il grande pubblico. L opera era arricchita dal commento di Bosco e Reggio, dalla recitazione di tutti i versi, e da un apparato iconografico realizzato ad hoc, che permetteva un viaggio visivo continuo dall inizio alla fine del poema

18 idante interactive Design Cercheremo di descrivere in dettaglio il progetto di interactive Design di idante. -Una ricca illustrazione del testo è il primo ovvio valore che distingue dagli ebook attuali, valore chiaramente percepibile da tutti. -Il secondo, importante valore, dovrebbe essere quello di "bignami visivo", che presenta in modo sintetico l'opera e ne dirige gli assaggi. Non si punta ad una lettura completa, ma ad efficaci assaggi che non banalizzano, anzi valorizzano il testo originale -il testo, sempre originale e integrale, deve essere salvaguardato e valorizzato, proponendone però una nuova modalità di lettura che sfrutti iphone. Questa nuova esperienza del testo originale è un valore chiave dei visual ebook letterari ma deve funzionare davvero. La chiave di questa nuova esperienza del testo originale è soprattutto visiva (e non auditiva, come era successo con gli audiolibri). La visualità dei visual ebook non è esplicitamente cinematografica nè esplicitamente fumettistica (nessun film e nessun fumetto sono mai riusciti a offrire una esperienza di un testo originale). Va trovata una nuova cifra, che però faccia uso di aspetti ergonomici di successo del video e del fumetto. Il testo originale. L accesso principale dell ebook sarebbe comunque quello che porta al testo (non illustrato) attraverso l indice dei canti. l'accesso classico ai canti potrebbe essere illustrato con una icona tratta da vari autori., il numero del canto e i riassunti di Wadsworth.

19 IPOTESI DI IMPAGINATO TESTO-IMMAGINE Il testo potreva essere fruito in orizzontale, come tutta l opera. Le terzine sono ben leggibili, e ne sono visualizzabili 4 per schermata. Il testo potrebbe essere fruito senza illustrazioni. Magari alcune miniature potrebbero segnalare la presenza di illustrazioni, ma fruibili fuori dal testo. Sulla lettura orizzontale dei testi esistono dei problemi quando si vuole visualizzare una immagine, in quanto se l'impaginato è uno sopra l'altro, il formato disponibile all'immagine resta molto schiacciato. Se invece si appaia immagine in parte al testo, le terzine non ci stanno.

20 La difficoltà di impaginare immagini nel testo potrebbe condurre a privilegiare una soluzione con il testo libero, senza immagine. Oppure si potrebbe sviluppare una miniatura con una piccola immagine usata come capoverso. La fruizione orizzontale oltre a lasciare spazio per le terzine potrebbe anche lasciare il posto a margine per una piccola palette verticale usata per richiamare immagini, tornare al menù, indicare in che canto siamo, ecc... Questa soluzione necessitava una iconizzazione delle illustrazioni. Iconizzazione significa semplificazione del immagine di partenza, nel caso di Dorè una sua colorazione e l isolamento della figura su fondo nero. Le incisioni in bianco e nero colorate ed evidenziate, assumono una forte leggibilità L'iconizzazione delle grandi illustrazioni di Dorè può servire sia per produrre icone negli indici e nella miniatura del testo.

21 Ma la stessa procedura di colorazione e isolamento su nero potrebbe essere utile anche per produrre immagini schematiche per il fumetto.i singoli personaggi possono essere anche isolati su fondo nero, potenziando ulteriormente la loro evidenziazione e la loro espressività, e rendendoli protagonisti dell inquadratura eliminando le altre figure. L iconizzazione passa per la colorazione, l eliminazione di parti dell incisione, fino all assoluto isolamento della figura su nero. L'unica soluzione praticabile nell impaginato illustrato da una immagine grande potrebbe essere sviluppato dalla soluzione a fumetto, in cui una terzina è inserita nell'immagine su un fondino semitrasparente. Il meccanismo immagine-tap-fumetto visto con Diabolik molto efficace, valorizza l'immagine e permete di fruire il testo ad un ritmo più che accettabile La trasparenza è la soluzione ideale; del resto anche iphone usa molto finestre semitrasparenti in sovrapposizione. Un indicatore dovrebbe far capire un che punto siamo del canto, ed eventualmente consentire di muoversi rapidamente l'indice iconico

22 un indice iconico è certamente fondamentale per facilitare l'accesso al testo e renderlo mnemotecnico. L'indice visivo può avere varie forme: alle scene, ai personaggi, ai luoghi, etc... Il linguaggio è necessariamente quello delle icone, per questioni quantitative, date le ridotte dimensioni del device. L indice iconico è quindi la sfida principale degli ebook. I nomi dei luoghi si possono ovviamente aggiungere si tratta di numeri per cui l'ordine verrebbe subito all'occhio, rafforzato anche delle freccette che indicano l'itinerario. In questo indice iconico sono utilizzate le illustrazioni di Dorè. Sarebbe infatti l indice del fumetto. Le icone saranno realizzate con dettagli delle illustrazioni di Dorè, con titolo. In realtà l indice iconico essenziale potrebbe non essere utilizzato come accesso ai testi, ma per la vestizione simbolica del modello 3d dell oltretomba. Ne va però verificata la praticabilità ergonomica e la funzione, che in idante è incompiuta.

23 IL VIDEO: la sintesi visiva tramite la motion graphics La componente emotiva del opera potrebbe essere svolta in sostanza da un video in after effects In 3/4/5 minuti. Si potrebbe pensare di utilizzare anche qualche innesto in 3d,renderizzando con uno stile diverso i modelli usati per DeAgostini. Il 3d legherebbe certamente di più l opera al video game Dante s Inferno. Il viaggio di dante è presentato esaltando le scene più spettacolari.

24 LA GRAPHIC NOVEL: la sinossi visiva tramite il fumetto La sfida più difficile è capire se si può tradurre la Divina Commedia in una sorta di fumetto che usi accompagni testo originale di Dante. In italiano tale sezione potrà chiamarsi sceneggiatura visiva, in inglese comic (che ha relazioni con Comedy) o animatic. Tale fumetto è sviluppato in brevi citazioni e immagini che mettendo in sequenza le scene principali associate a testi permetta una veloce assimilazione della struttura dell'opera. Il linguaggio è simile a quello del fumetto, utilizzerebbe versi di Dante associati a immagini, montate usando la logica dei dettagli.

25 La scelta dell illustrazione cade infine su Dorè, l illustratore più celebre e il più adatto allo sviluppo di inquadrature espressive. La fruizione sequenziale del fumetto passa da scena in scena, sviluppando in ogni scena alcuni versi mediante dettagli. Muoversi nell intero testo del poema, come nella Divina Commedia su CD ROM, è superato. Va ribaltata la fruizione, saltando da scena a scena, quindi evitando gran parte del testo, e sviluppando solo alcuni nuclei celebri e significativi, messi comunque in sequenza. L'unità di testo minima è il singolo verso, quella massima la terzina (o forse si può arrivare anche a 4 /5 versi in caso di necessità). Ogni scena linkerebbe poi sempre al testo integrale, nel caso si voglia ampliare la lettura. L'immagine è sempre in proporzione iphone, 480x320, in formato orizzontale. In realtà l originale potrebeb anche essere più grande e quindi dinamizzato nella vignetta.

26 Alcuni esempi di sviluppo fumettistico della Divina Commedia. La sequenza, come i fumetti, sfrutta molto il linguaggio delle inquadrature: la descrizione di Caronte dei versi di Dante, che prima lo vede nelle barca, poi cita i capelli bianchi, e infine gli occhi di brace, corrispondono a tre inquadrature diverse della stessa figura. La complessità delle immagini di Dorè si presta molto a questo sviluppo per inquadratura, anche perché le incisioni di Dorè integrali sarebbero troppo complesse per essere leggibili nelle dimensioni di iphone. Oltre che con lo zoom, vanno ridisegnate col colore con lo scontornamento. Il colore aiuta a leggere l'immagine, e a renderla più accattivante e moderna. Il colore può inoltre evidenziare progressivamente vari dettagli dell'immagine, moltiplicando i dettagli visivi e quindi

27 le opportunità figurative. L'estrapolazione di figure di Dante e Virgilio su Alpha channel, posizionati su vari sfondi, può ulteriormente arricchire il repertorio iconografico, e sviluppare effetti dinamici come avvicinamenti, apparizioni, sfocature alternate tra figura e sfondo. Per l interfaccia allo fine è stato scelta una contrapposizione tra scrittura e mondo, fin dalla homepage. Una interfaccia che recupera la cosmografia iconica realizzata oltre 20 anni prima.

28 Interface Metaphors. Jubilaeum La figura di Cristo è la metafora dominante l opera Jubilaeum, dedicata ai due millenni di Cristianesimo celebrati nel Giubileo del Si tratta di un opera di editoria elettronica di tipo classico, dominata dalla interfaccia libro, che però spinge le interfacce grafiche verso metafore di tipo visivo. Prima fra tutte, nella homepage, campeggia la figura di Cristo di Lorenzo Lotto con i tralci della vite che rappresentano l evoluzione del Cristianesimo, che appunto trae vita dal suo stesso corpo. L'albero del Cristianesimo A partire dalle radici della rivelazione e del nuovo testamento, radicate nel terreno biblico preesistente, si traccia un diagramma storico della chiesa primitiva, che evolve poi nei primi scismi, affronta grandi difficoltà e assume nuove responsabilità nella civiltà occidentale. L'albero del Cristianesimo segue l'evoluzione della Chiesa Cattolica in parallelo a quello degli altri rami Ortodossi, Protestanti, Copti, offrendo una lettura sinottica finora piuttosto rara. Oltre ad informazioni storiche, l'albero cronologico presenta documenti iconografici, musicali, testuali, legati a tutti gli aspetti della civiltà cristiana compreso quello liturgico o architettonico.

29 Il mondo cristiano La diffusione del Cristianesimo nel mondo verrà descritta attraverso un atlante geo-storico, che rileva la posizione delle prime chiese, la rapida espansione nell'impero romano, le crisi degli scismi e delle comunità investite dagli Islamici e le successive crociate, la cristianizzazione dell'europa orientale e settentrionale, le missioni in tutti i continenti, le difficoltà nei rapporti con altre religioni o regimi atei, rendendo ragione delle diverse comunià cristiane presenti nel mondo con un atteggiamento ecumenico.

30 Il tempio e il rito I cristiani, anche i meno praticanti, hanno un rapporto significativo con il tempio ed il culto: si pensi ai riti che segnano le fasi più importanti della vita, come il battesimo, il matrimonio, il rito funebre. La chiesa è un edificio multimediale dove si celebrano le messe ed i sacramenti, il Natale e la Pasqua, con un profondo intreccio di scrittura, parola, canto, gesto, simbolo, immagine. Il CD ROM porta alla riscoperta del patrimonio spirituale ed espressivo del tempio e del culto cristiani, con una attenzione non solo alla tradizione cattolica, ma anche a quella orientale e delle altre chiese. Il tempio cristiano verrà ricostruito da un software tridimensionale sofisticato, e reso visitabile nella modalità della realtà virtuale, con numerosi punti interattivi multimediali (l'altare, il fonte battesimale, la croce, gli oggetti ed i simboli liturgici), messi in relazione ipermediale con documenti che presentano il loro significato originario e la loro storia).anche la musica e l'arte sacra verranno messe in relazione al tempio ed al rito.

31 Le figure della cristianità I grandi santi, papi, predicatori, teologi: la storia del Cristianesimo è anche fatta dalle straordinarie figure che dedicarono la loro vita alla "imitazione di Cristo", e che il CD ROM presenterà nella forma di ritratti interattivi multimediali. Si pensi alle figure originarie, descritte dai vangeli, dagli atti degli apostoli e dalle letture: Maria, il Battista, Pietro e Paolo, ma anche i grandi santi come Francesco, Benedetto, Cirillo e Metodio, e alle figure che in varie vesti hanno contribuito alla costruzione della civiltà fino ai nostri tempi. Verranno create alcune schede multimediali (testo, immagine, simbolo) dedicate ad una sezione delle principali figure della Cristianità. L'arte sacra multimediale L'espressione artistica, musicale, architettonica è parte integrante della civiltà cristiana e viene quindi ampiamente documentata nel CD ROM. Ogni elemento dell'arte sacra viene presentato con una particolare attenzione al suo siginficato religioso e storico, mettendola in relazione ai documenti testuali, al contesto storico, ai fattori liturgici o culturali ad esso correlati.

32 L interfaccia-palazzo. Omnia Explorer In Omnia Explorer, il gioco del sapere di Omnia 97, la metafora dell interfaccia è il palazzo della memoria, un idea antica che prende forma virtuale e diventa un ambiente ludico cognitivo. L accesso avviene selezionando le varie zone del palazzo, e poi è possibile muoversi dinamicamente in esso, interagendo con i vari elementi visivi, che introducono ai giochi del sapere.

33 "EXPLORER", una cittadella della conoscenza La sezione "Explorer" dell'enciclopedia multimediale Omnia trasforma l'apprendimento in intrattenimento; attraverso la visita interattiva ad una cittadella del sapere, è possibile affrontare oltre 1500 prove ed enigmi, inseriti in 22 palazzi dedicati alle discipline dell'enciclopedia. EXPLORER è stato realizzato interamente in 3d. L'architettura virtuale di Explorer si ispira all'antica tradizione dell'"arte della memoria", praticata a partire dai greci fino al medioevo e al rinascimento, che facilitava l'apprendimento e la memorizzazione delle informazioni. La cittadella del sapere di Explorer è stata progettata adottando i suggerimenti di Simonide, Cicerone, Giordano Bruno, che invitavano chi studia a costruirsi delle architetture mentali, veri e propri palazzi del sapere dotati di stanze tematiche (Loci), dove inserire ordinatamente le informazioni apprese di volta in volta, memorizzandole grazie all'uso di immagini (Imagines). Nell'era della realtà virtuale, Explorer riscopre la metafora dell'enciclopedia mentale, che ha preceduto di millenni l'invenzione della stampa e l'enciclopedia moderna, ideata dagli illuministi Diderot e D'Alembert. Un palazzo della memoria interattivo Il visitatore naviga orientandosi all'interno di un ambiente artificiale ispirato ai "palazzi della Memoria" classici e rinascimentali. Gli umanisti suggerivano di organizzare la memoria umana in un palazzo immaginario, nel quale l'individuo inseriva i propri ricordi ordinandoli in "stanze e "corridoi" mentali. L'ipermedia richiama con evidenza l'idea sintetizzata nei Palazzi della Memoria di di utilizzo cognitivo dello spazio. Tali palazzi erano luoghi immaginari utilizzati come artifici mnemotecnici per ricordare grandi quantità di conoscenze. Si memorizzavano le informazioni in uno schema architettonico mentale costituito da vere e proprie stanze, corridoi, saloni, in cui erano immaginate delle figure facilmente distinguibili.

34 L edutainment, il gioco del sapere Nell'informatica multimediale è stato coniato il neologismo "edutainment" per definire una nuova generazione di opere multimediali che uniscono l'"education" con l'"entertainment". Sembra la riproposta del motto di Orazio "utile miscere dulci", vale a dire la sfida di rendere "dolce" la conoscenza attraverso l'arte, la poesia. La multimedialità stessa si propone come una forma di "apprendimento piacevole". Ebbene, la strada dei giochi del sapere può essere un percorso pi tipicamente europeo verso il videogame, un progetto che mira ad associare all'entertainment il valore aggiunto della cultura. In realtà i giochi del sapere sono stati presenti in ogni epoca e in ogni cultura: in India c'è una lunga tradizione di indovinelli sacri, nell'antica Grecia EXPLORER è solo un primo passo, una apertura verso nuovi giochi del sapere si praticavano gare di enigmi, e proprio in queste gare nasce il lume della filosofia, nel medioevo la poesia giullaresca diventa un gioco di corte

35 Interfacce-mappa. La cartografia è da sempre la più importante rappresentazione del mondo. Oltre alle rappresentazioni geografiche moderne esistono altre cartografie, che offrono diversi punti di vista attraverso i quali il mondo è rappresentabile. Oltre alla classica rappresentazione fisica e politica, sono innanzitutto disponibili rappresentazioni tematiche del mondo, che offrono interessanti interfacce a diversi ambiti del sapere. Le mappe tematiche sono un ottimo strumento cognitivo. Possono essere anche dinamiche, e rappresentare la storia di un territorio, come l espansione dell impero romano nella App Roma Virtual History.

36 Mediante lo scorrimento del dito, in Roma Virtual History è possibile passare velocemente secoli di storia, e vedere modificare i confini dell impero. L aggiunta di icone sulle mappe aiuta a trasformare le cartine in vere e proprie interfacce semantiche. Esistono innumerevoli esempi di mappe iconiche, applicate al mondo reale ma anche a mondi immaginari, come il purgatorio dantesco La letteratura, l antropologia, le religioni, ci hanno abituato a pensare a mondi diversi dal nostro. Cosmografie

37 primitive, mondi letterari, rappresentazioni dell aldilà, hanno dato vita a mappe cosmologiche che possono trasformarsi in interessanti interfacce. Pensiamo ad esempio ai dipinti di Salvador Dalì, o di Hieronimus Bosh: siamo di fronte a immagini surreali del mondo, che se diventassero interattive aprirebbero ad affascinanti visioni del mondo. Spesso la pittura ci presenta complesse mappe simboliche, e le interfacce digitali, proponendosi come forma d arte, potrebbero in effetti trasformarsi in paesaggi simbolici simili ai dipinti.

38 Cartografie 3d. Città tridimensionali interattive Nella collana Città in CD ROM l interfaccia è il modello virtuale della città, con i suoi punti di interesse ricostruiti in 3d, a organizzare la navigazione nell opera. Il modello è navigabile interattivamente, e consente l atterraggio sui principali monumenti della città, ricostruiti in 3d su un modello semplificato del tessuto urbano. Dal punto di vista cognitivo, questa soluzione permette una efficace assimilazione dell aspetto urbanistico della città, in quanto nel plastico 3d vengono inseriti i modelli tridimensionali degli edifici più importanti, che fungono quindi una importante funzione segnaletica e mnemotecnica. L interfaccia della collana dedicata alle principali città del mondo abbina un accesso tematico, un sorvolo virtuale del plastico, e atterraggi diretti agli edifici principali, mediante un sorvolo 3d. Questo approccio editoriale permette un controllo concettuale e visivo della città stessa, e anticipa i modelli tridimensionali di città rappresentati dai navigatori. La rappresentazione fotografica delle città, ancor più se applicata su modelli tridimensionali, non è sempre il modo migliore per descrivere una metropoli. La cartografia classica, magari punteggiata da edifici di interesse, sia in 2d che in 3d, è probabilmente la migliore interfaccia ad una città.

BIBLE WORLD La Bibbia come non l avete mai letta

BIBLE WORLD La Bibbia come non l avete mai letta BIBLE WORLD La Bibbia come non l avete mai letta Come in una storia, che permette letture sempre nuove e personali, la Bibbia si offre al lettore secondo lo stile del tempo in cui viene vissuta. Ogni lettura

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA Plesso CESARE BATTISTI ARNATE Plesso ALESSANDRO MANZONI MADONNA IN CAMPAGNA CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA CLASSE 4^ ITALIANO l allievo prende la parola negli scambi comunicativi dimostrando di aver colto l

Dettagli

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche.

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche. SEZIONE A: Traguardi formativi CLASSE TERZA COMPETENZE ABILITÁ CONOSCENZE A- Esprimersi,comunicare e sperimentare le tecniche e i codici propri del linguaggio visuale e audiovisivo. 1. Esplorare immagini,

Dettagli

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE (DALLE INDICAZIONI NAZIONALI) TERMINE SCUOLA INFANZIA Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Cosa è la Iper-Realtà?

Cosa è la Iper-Realtà? Cosa è la Iper-Realtà? E' andare oltre i confini del mondo reale; Sovrapporre informazioni utili all'essenza naturale delle cose; Permette agli elementi di diventare trampolini verso un mondo di informazioni

Dettagli

a partire dal lessico già in suo possesso comprende nuovi significati e usa nuove parole ed espressioni.

a partire dal lessico già in suo possesso comprende nuovi significati e usa nuove parole ed espressioni. CLASSE I ITALIANO partecipa a scambi linguistici con compagni e docenti attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti; si esprime verbalmente su vissuti ed esperienze personali con ordine logico/cronologico,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE DI AMBITO ABILITA CONOSCENZE ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO 1 ESPRIMERSI E COMUNICARE

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA Consapevolezza dell importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi

Dettagli

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno elabora creativamente produzioni personali per esprimere sensazioni ed emozioni. Sperimenta strumenti e tecniche

Dettagli

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE COMPETENZE SPECIFICHE Padroneggiare gli strumenti necessari ad un utilizzo dei linguaggi espressivi, artistici e visivi SCUOLA INFANZIA TRAGUARDI

Dettagli

Lezione 15: Animazione

Lezione 15: Animazione Lezione 15: Animazione Informatica Multimediale Docente: Umberto Castellani Sommario Introduzione Origini Produrre animazioni Animazione tradizionale (2D) Animazione digitale 2D Animazione digitale 3D

Dettagli

Creare Mondi digitali

Creare Mondi digitali Gualtiero e Roberto Carraro Accademia di Brera Creare Mondi digitali Corso di Art Direction, lezione introduttiva martedì novembre 2011 La nascita di un universo parallelo: il mondo digitale Le varie metamorfosi

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

Arte e Immagine COMPETENZE CHIAVE EUROPEE

Arte e Immagine COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Arte e Immagine COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Consapevolezza ed espressione culturale riguarda l importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA "DANTE ALIGHIERI" PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSI QUINTE OBIETTIVO FORMATIVO

SCUOLA PRIMARIA DANTE ALIGHIERI PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSI QUINTE OBIETTIVO FORMATIVO SCUOLA PRIMARIA "DANTE ALIGHIERI" PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSI QUINTE OBIETTIVO FORMATIVO Favorire la formazione del pensiero critico e creativo attraverso lo sviluppo di una

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE La disciplina arte e immagine ha la finalità di sviluppare e potenziare nell alunno

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE

SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE PROGETTAZIONE PERIODO: Settembre - Ottobre COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: competenze sociali e civiche comunicazione nella madrelingua imparare ad imparare

Dettagli

San Marco: una scuola on-line

San Marco: una scuola on-line San Marco: una scuola on-line Anno scolastico 2002/2003 Ins. Elisabetta LANDI Progetto curricolare di inserimento delle nuove tecnologie nell insegnamento delle varie discipline e di realizzazione del

Dettagli

COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine

COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine AL TERMINE DEL PRIMO BIENNIO COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE L alunno è in grado di L alunno conosce Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE FINALITA' Sviluppare e potenziare la capacità di leggere e comprendere immagini e creazioni artistiche. Sapersi esprimere e comunicare in modo personale e creativo.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

INFORMATICA APPLICATA AI BENI CULTURALI

INFORMATICA APPLICATA AI BENI CULTURALI INFORMATICA APPLICATA AI BENI CULTURALI Facoltà di Lettere e Fisolofia Corso di Laurea in Archeologia A.A. 2012/2013 Dott.ssa Annamaria Bria www.mat.unical.it/bria Informazioni Generali Docente: Bria Annamaria

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: Storia, Arte e immagine, Musica, Educazione fisica, Religione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte

Dettagli

DELLE CORRELAZIONI CON LE VECCHIE CLASSI DI CONCORSO ACCADEMIE DI BELLE ARTI

DELLE CORRELAZIONI CON LE VECCHIE CLASSI DI CONCORSO ACCADEMIE DI BELLE ARTI ELENCO DEI NUOVI CODICI, DEI SETTORI DISCIPLINARI DEI CAMPI PARADIGMATICI - Tab.B E DELLE CORRELAZIONI CON LE VECCHIE CLASSI DI CONCORSO ACCADEMIE DI BELLE ARTI La presenza dell'asterisco indica la possibilità

Dettagli

ffllffl EO! ITr Guida alle attività didattiche MUSEO REGIONE TOSCANA Comune di Grosseto MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA

ffllffl EO! ITr Guida alle attività didattiche MUSEO REGIONE TOSCANA Comune di Grosseto MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA Comune di Grosseto AL EO! Guida alle attività didattiche REGIONE TOSCANA ITr,M :,; I i[ 1,1.A MAREMMA MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA ffllffl MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA Coordinamento:

Dettagli

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Comunicare oralmente in modo adeguato. Leggere e comprendere parole, frasi e semplici brani. Produrre semplici testi scritti. Svolgere attività esplicite

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Fonti di legittimazione: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006 - Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA. Campi di esperienza IL SE E L ALTRO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA Traguardi per lo sviluppo delle Obiettivi

Dettagli

MATERA CITTA NARRATA Matera Città Narrata

MATERA CITTA NARRATA Matera Città Narrata MATERA CITTA NARRATA Il progetto Matera Città Narrata fa parte di un intervento denominato Cultura Basilicata attuativo dell Accordo di Programma Quadro III Integrativo Beni Culturali, con Delibera CIPE

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA:

SCUOLA DELL INFANZIA: CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI TAGGIA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE QUARTA Ogni équipe pedagogica organizzerà, per gli alunni della rispettiva

Dettagli

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente L' amico del cuore Nuova edizione I testi base Studente Studente 1 a -2 a -3 a Cultura ed educazione insieme Nell elaborazione del testo si è voluto coniugare l aspetto culturale con l aspetto educativo,

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI. Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI. Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S. 2013/2014 ARTE E IMMAGINE CURRICOLO Ambito disciplinare ARTE E IMMAGINE

Dettagli

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO NAZIONALE ATESTINO DI ESTE Premessa Il Museo Nazionale Atestino si trova dal 1902 nel

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ARTE E IMMAGINE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE SECONDA

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE SECONDA PROGRAMMAZIONE DI CLASSE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE SECONDA ITALIANO ASCOLTO E PARLATO partecipa a scambi comunicativi rispettando il turno e formulando messaggi chiari e pertinenti

Dettagli

SISTEMI LEGGERI DI VALORIZZAZIONE E MUSEALIZZAZIONE (L ESPERIENZA LIAAM) Mirko Peripimeno Mail peripimeno@unisi.it

SISTEMI LEGGERI DI VALORIZZAZIONE E MUSEALIZZAZIONE (L ESPERIENZA LIAAM) Mirko Peripimeno Mail peripimeno@unisi.it SISTEMI LEGGERI DI VALORIZZAZIONE E MUSEALIZZAZIONE (L ESPERIENZA LIAAM) Mirko Peripimeno Mail peripimeno@unisi.it Con il termine leggeri si vogliono richiamare tutti quei sistemi, di recente sperimentazione

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

istruzioni per l uso 1. Che cos è Google Earth

istruzioni per l uso 1. Che cos è Google Earth istruzioni per l uso 1. Che cos è Google Earth Google Earth è un software che permette una navigazione virtuale della Terra. Il programma deve essere installato sul proprio computer e, per poterlo utilizzare

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco Cod. Mec.RMIC82200R - C.F. 97198300580 - Municipio V Via Casal

Dettagli

Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca

Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca M. Bloch Tipologie di fonti Ogni epoca si dà le fonti che rispondono ai propri bisogni (M.Vovelle)

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA A.S

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA A.S ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ITALIANO partecipa a scambi linguistici con compagni ed insegnanti, attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Si esprime

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenze 1, 2, 3, 4, 5 al termine del primo biennio Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI

LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI Ministero dell Istruzione, dell Università, della Ricerca LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI di PISA e CASCINA Via San Frediano, 13 56126 PISA - Tel. 050 580501 - Fax 050 580601 Via Tosco Romagnola, 242 56021

Dettagli

COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELL ARTE. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELL ARTE. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELL ARTE Accademia di Belle Arti di Brera - Milano La Scuola di Didattica dell arte dell Accademia di Brera risponde ad un vuoto formativo sulle culture del contemporaneo e dei

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

(ANNO SCOLASTICO 2015/18)

(ANNO SCOLASTICO 2015/18) (ANNO SCOLASTICO 2015/18) dal Rapporto La Buona Scuola. Facciamo crescere il Paese, frutto del lavoro portato avanti congiuntamente dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi e dal Ministro Stefania Giannini

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO Anno Scolastico 2015/2016 2013/2014 POF 2015-16 ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO 65016 MONTESILVANO (PE) Via Olona n. 9 - Distretto Scolastico N. 12 Il futuro del mondo è nelle nostre mani! PIANO

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE - SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della

Dettagli

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E PRIMO BIENNIO

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E PRIMO BIENNIO ARTE E IMMAGINE Competenze finali AMBITO ARTISTICO [Dal Profilo educativo, Culturale e Professionale dello studente alla fine del primo ciclo di istruzione (6-11 anni)] per l'espressione di sé e per la

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI FORMATIVI SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI FORMATIVI SCUOLA PRIMARIA Sulla base delle Indicazionii Nazionali (L.53/2003) si individuano i seguenti obiettivi formativi per le diverse classi e discipline attraverso i quali gli insegnanti

Dettagli

Daniele Marini. Rimediazione

Daniele Marini. Rimediazione Daniele Marini Rimediazione Rimediazione La rimediazione è la trasposizione di un contenuto particolare da un mezzo di comunicazione ad un altro Dalla tradizione orale alla scrittura, al graffito Dal graffito

Dettagli

Genus Bononiae per le Scuole. - Servizi educativi - Genus Bononiae. Musei nella Città

Genus Bononiae per le Scuole. - Servizi educativi - Genus Bononiae. Musei nella Città Genus Bononiae per le Scuole - Servizi educativi - Genus Bononiae. Musei nella Città I Sevizi educativi di Genus Bononiae. Musei nella Città hanno elaborato per l anno scolastico 2015-2016 una nuova offerta

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO dalla prima alla quinta classe Scuole Primarie del Circolo Didattico di Corciano Anno scolastico 2010-2011 ARTE E IMMAGINE: CINQUE PISTE DI LETTURA * ARTE E IMMAGINE Walter

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE ABILITA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE ABILITA DISCIPLINA ARTE E IMMAGINE CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Esprimere sensazioni, emozioni, pensieri in modo spontaneo tecniche personali sia grafiche che manipolative. OSSERVARE E LEGGERE

Dettagli

Finalità comunicative. Struttura degli SVV e funzionalità interattive e comunicative dei componenti

Finalità comunicative. Struttura degli SVV e funzionalità interattive e comunicative dei componenti Visite virtuali Alba Pratalia realizza sistemi di visita virtuale (SVV) per la promozione turistica - attraverso internet - delle attrattive storiche, artistiche e culturali delle città. L integrazione

Dettagli

domotica, tutto comincia con un tocco... e continua con la tua fantasia

domotica, tutto comincia con un tocco... e continua con la tua fantasia domotica, tutto comincia con un tocco... e continua con la tua fantasia FACCIAMO SOLO CIO IN CUI SIAMO BRAVI: LA DOMOTICA MISSION Fin dal suo esordio, il marchio Easydom ha fatto della domotica il suo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA IMMAGINE

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA IMMAGINE Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

RE) CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA E MUSICALE

RE) CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA E MUSICALE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA con riferimento alle Competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 declinato nelle microabilità di ogni annualità (a cura di Franca DA RE) CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE

Dettagli

Dante e l Umbria Nella Divina Commedia Percorsi di lettura, interpretazione, animazione, decodificazione linguistica. Leggere Dante a scuola

Dante e l Umbria Nella Divina Commedia Percorsi di lettura, interpretazione, animazione, decodificazione linguistica. Leggere Dante a scuola Classe 4^ Scuola Primaria Don Bosco Classe 5^ Scuola Primaria Madonna di Campagna Dante e l Umbria Nella Divina Commedia Percorsi di lettura, interpretazione, animazione, decodificazione linguistica Leggere

Dettagli

(F. Brevini, Un cerino nel buio, Bollati Boringhieri, Torino 2008) Peculiarità della LIM come strumento di mediazione didattica

(F. Brevini, Un cerino nel buio, Bollati Boringhieri, Torino 2008) Peculiarità della LIM come strumento di mediazione didattica I corrispettivi odierni dello zappator e dell artigiano, che nell idillio leopardiano si affrettavano a terminare il loro lavoro settimanale, hanno a disposizione televisione, cinema, videocassette, CD

Dettagli

Multimedialità. Parte V Editoria Multimediale. Corso di Laurea Cultura e Stilismo della Moda Esperti di linguaggi multimediali e tendenze moda

Multimedialità. Parte V Editoria Multimediale. Corso di Laurea Cultura e Stilismo della Moda Esperti di linguaggi multimediali e tendenze moda Corso di Laurea Cultura e Stilismo della Moda Esperti di linguaggi multimediali e tendenze moda Parte V Editoria Multimediale Corso: Sistemi di Elaborazione Dati Docente: Ing. Ivan Bruno E-mail: ivanb@dsi.unifi.it

Dettagli

Alessandro Risuleo. Art Director Visual Creative Studio comunicazione cross mediale visiva

Alessandro Risuleo. Art Director Visual Creative Studio comunicazione cross mediale visiva Alessandro Risuleo Art Director Visual Creative Studio comunicazione cross mediale visiva Fondatore Enhanced Press editoria digitale per Mobile Device Cross mediale Grafica editoriale CD-Rom WEB Grafica

Dettagli

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti A. IL SE E L ALTRO: Scopre nel Vangelo la

Dettagli

LE STORIE DELLA CAMERA BLU

LE STORIE DELLA CAMERA BLU LE STORIE DELLA CAMERA BLU Il nome del progetto nasce dalla modalità video utilizzata per le riprese, svolte a conclusione del laboratorio. La Camera Blu è infatti una struttura smontabile, costituita

Dettagli

ARTE E IMMAGINE CLASSE 1

ARTE E IMMAGINE CLASSE 1 ARTE E IMMAGINE OB. FORMATIVI COMPETENZE CLASSE 1 1. UTILIZZARE IL DISEGNO IN MODO SIGNIFICATIVO. 1.1 Individuare i colori primari e secondari. 1.2 Riconoscere i colori nella realtà. 1.3 Rappresentare

Dettagli

Scuola in Conservazione e Produzione dei Beni Culturali Anno accademico 2015/2016

Scuola in Conservazione e Produzione dei Beni Culturali Anno accademico 2015/2016 Scuola in Conservazione e Produzione dei Beni Culturali Anno accademico 2015/2016 Voto minimo richiesto: 95/110 Studente: Diplomato in: Presso L Accademia di Belle Arti di: Voto di laurea: Dichiara di

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICAZIONE SINTETICA DI TEMI (CONTENUTI) O ARGOMENTI TRATTATI 1. PERCEPIRE E DESCRIVERE

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA Consapevolezza dell importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi

Dettagli

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Osservare e descrivere immagini statiche ed in movimento, cogliendo emozioni e stati d animo prodotti dalla combinazione degli elementi strutturali. Produrre e rielaborare

Dettagli

Arte e immagine classe 1^ NUCLEO TEMATICO 1 Esprimere e comunicare. NUCLEO TEMATICO 2 Osservare e leggere le immagini

Arte e immagine classe 1^ NUCLEO TEMATICO 1 Esprimere e comunicare. NUCLEO TEMATICO 2 Osservare e leggere le immagini Arte e immagine classe 1^ NUCLEO TEMATICO 1 Esprimere e comunicare 1 L alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative al linguaggio visivo per produrre varie tipologie di testi visivi (espressivi,

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

TERZO CIRCOLO DIDATTICO GIOVANNI CENA Perugia. Progettazione curricolare Classi prime

TERZO CIRCOLO DIDATTICO GIOVANNI CENA Perugia. Progettazione curricolare Classi prime TERZO CIRCOLO DIDATTICO GIOVANNI CENA Perugia Progettazione curricolare Classi prime A.S. 2014-2015 FINALITÀ DELL ESPERIENZA EDUCATIVA Favorire lo sviluppo delle capacità necessarie per imparare a leggere,

Dettagli

NOVITÀ per l IRC. I progetti, i volumi integrativi, le guide Numerose proposte didattiche per una differente offerta formativa!

NOVITÀ per l IRC. I progetti, i volumi integrativi, le guide Numerose proposte didattiche per una differente offerta formativa! NOVITÀ per l IRC I progetti, i volumi integrativi, le guide Numerose proposte didattiche per una differente offerta formativa! LIBRO ACCESSIBILE CONTENUTI DIGITALI INTEGRATIVI AUDIOLIBRO SCARICABILE GRATUITAMENTE

Dettagli

Soggetti promotori: Comune di Teramo. Regione Abruzzo. Arcus s.p.a.

Soggetti promotori: Comune di Teramo. Regione Abruzzo. Arcus s.p.a. Soggetti promotori: Comune di Teramo Regione Abruzzo Arcus s.p.a. Partners scientifici: Virtual Heritage Lab, Istituto per le Tecnologie Applicate ai Beni Culturali School of Social Sciences, Humanities

Dettagli

CLASSE PRIMA E SECONDA ARTE E IMMAGINE

CLASSE PRIMA E SECONDA ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E SECONDA ARTE E IMMAGINE CONTENUTI (Conoscenze) ABILITA (Competenze specifiche) VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE 1. IL MESSAGGIO VISIVO Guardare immagini, forme e oggetti dell ambiente utilizzando

Dettagli

Book 1. Conoscere i computer. Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni.

Book 1. Conoscere i computer. Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni. Book 1 Conoscere i computer Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni. Centro Servizi Regionale Pane e Internet Redazione a cura di Roger Ottani, Grazia Guermandi, Sara

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE L insegnamento della Religione Cattolica non si può ridurre ad una semplice

Dettagli