Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE"

Transcript

1 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior Manager, KPMG S.p.A. Milano, 29 novembre Corso Europa 11 - Sala Convegni

2 Programma 1) Ambito di applicazione 2) Gli effetti contabili della ristrutturazione: - La modifica dei termini originari del debito - Trasferimento di attività al creditore - Conversione dei debiti in capitale 3) I costi di ristrutturazione 4) L informativa in nota integrativa 2

3 Ambito di applicazione 3

4 Ambito di applicazione Considerazioni preliminari sugli obiettivi del principio contabile OIC 6 - chiarire agli utilizzatori del bilancio la situazione di difficoltà finanziaria dell impresa, con riferimento specifico alla situazione debitoria - descrivere le caratteristiche principali dell operazione di ristrutturazione e gli effetti che essa ragionevolmente produrrà sulla posizione finanziaria, sul capitale e sul reddito negli esercizi interessati dalla ristrutturazione stessa 4

5 Ambito di applicazione Considerazioni preliminari sulla struttura del principio contabile OIC 6 - approccio empirico basato su esemplificazioni non esaustive - non introduce nuove regole valutative ma richiama regole esistenti in altri principi contabili OIC (i.e. mantenimento della iscrizione e valutazione dei debiti al valore nominale) - riconosce la fondamentale funzione informativa della nota integrativa per la rappresentazione dei fenomeni che non trovano rilevazione nel bilancio ed introduce nuovi obblighi di informativa (i.e. informativa sul valore corrente dei debiti ristrutturati) 5

6 Ambito di applicazione Ambito di applicazione - quali imprese? - Applicabile all impresa debitrice - Applicabile alle imprese che redigono il bilancio nel rispetto del presupposto della continuità aziendale 6

7 Ambito di applicazione Ambito di applicazione - quali bilanci? - E applicabile al bilancio d esercizio e, per quanto compatibile, al bilancio consolidato ed ai bilanci intermedi - Non sono oggetto del principio la modalità di redazione della proposta di concordato preventivo, dell accordo di ristrutturazione o del piano di risanamento dell esposizione debitoria - Sono esclusi i bilanci redatti in conformità ai Principi Contabili Internazionali ed i bilanci d esercizio redatti secondo le disposizioni del Codice delle Assicurazioni 7

8 Ambito di applicazione Ambito di applicazione - quali esercizi? - Esercizio in cui sono in corso le trattative per la ristrutturazione del debito, sebbene non si sia ancora pervenuti ad un accordo al termine dell esercizio - Esercizio in cui la ristrutturazione del debito diviene efficace tra le parti - Esercizi successivi a quello in cui la ristrutturazione del debito diviene efficace tra le parti che vedono il compimento di atti di gestione conseguenti alla stessa 8

9 Ambito di applicazione Definizioni Ristrutturazione del debito Il debitore versa in situazioni di difficoltà finanziaria, non ha né riesce a procurarsi i mezzi necessari a soddisfare le esigenze di gestione né le connesse obbligazioni di pagamento Il finanziatore effettua una concessione rispetto alle condizioni originarie del contratto, rinunciando ad alcuni diritti acquisiti 9

10 Ambito di applicazione Definizioni Rinegoziazione del debito Operazioni concluse con un debitore che si trova in difficoltà finanziarie che comportano un beneficio nullo ovvero una maggiore onerosità per il debitore Operazioni concluse con un debitore che non si trova in difficoltà finanziarie: -volte ad adeguare l onerosità del debito alle condizioni di mercato - operazioni con modifiche agevolative (in termini di scadenza dei pagamenti) con una variazione limitata dell onerosità del debito 10

11 Ambito di applicazione Definizioni Momento a partire dal quale l accordo di ristrutturazione diviene efficace tra le parti Data di ristrutturazione Può essere stabilita dalla legge fallimentare: - omologa del concordato preventivo da parte del tribunale - pubblicazione del registro delle imprese dell accordo di ristrutturazione ex art. 182 L.f. - adesione dei creditori al piano di risanamento attesta ex art. 67 L.f. Può essere soggetta a condizione: - emissione e assegnazione di nuovo capitale - trasferimento di attività 11

12 Gli effetti contabili della ristrutturazione: La modifica dei termini originari del debito 12

13 La modifica dei termini originari del debito Modifiche con impatto sul valore nominale Riduzione dell ammontare del capitale da rimborsare (valore a scadenza del debito) Riduzione dell ammontare degli interessi maturati (anche moratori) Modifiche senza impatto sul valore nominale Riduzione dell ammontare degli interessi che matureranno a partire dal momento della concessione e fino al momento di estinzione dell obbligazione (interessi maturandi ) Modifica della tempistica originaria dei pagamenti che il debitore avrebbe dovuto effettuare, con uno spostamento in avanti delle scadenze previste per l adempimento dell obbligazione sia in termini di capitale che interessi (rimodulazione o riscadenziamento dei debiti) 13

14 La modifica dei termini originari del debito Modifiche con impatto sul valore nominale Alla data di ristrutturazione Riduzione del valore contabile del debito iscritto tra le passività Rilevazione di un provento straordinario nel conto economico pari alla riduzione del capitale da rimborsare e/o degli interessi maturati e non ancora pagati Classificazione in E.20 Proventi Straordinari - se di importo rilevante, evidenziazione separata in apposita sottovoce o di cui 14

15 La modifica dei termini originari del debito Modifiche con impatto sul valore nominale - esempio L impresa Pagherò S.p.A. versa in una situazione di difficoltà finanziaria e non ha adempiuto al pagamento delle ultime rate (quota interessi di 50) di un finanziamento del valore nominale di 500. L impresa sottoscrive un accordo di ristrutturazione del debito che prevede la riduzione dell ammontare di capitale da rimborsare (da 500 a 300). Debiti verso banche insoluti 550 Debiti verso banche 350 Proventi straordinari

16 La modifica dei termini originari del debito Modifiche senza impatto sul valore nominale Alla data di ristrutturazione il debitore non rileva alcun utile nel conto economico Conseguentemente il valore contabile del debito iscritto tra le passività non viene modificato I benefici della rinegoziazione sono pertanto riconosciuti per competenza durante la durata residua del debito In caso di sospensione, per un determinato periodo, nel pagamento degli interessi, il debitore rileva comunque tali oneri nel conto economico per competenza 16

17 La modifica dei termini originari del debito Modifiche senza impatto sul valore nominale (continua) Il valore contabile del debito è riclassificato per riflettere eventuali modifiche intervenute nella tempistica dei pagamenti Ad esempio, se il pagamento di un debito era previsto entro dodici mesi dalla data di bilancio, e dopo la ristrutturazione il suo adempimento è previsto oltre dodici mesi dalla data di bilancio, il valore contabile del debito è riclassificato tra i debiti non correnti 17

18 Gli effetti contabili della ristrutturazione: Trasferimento di attività al creditore 18

19 Trasferimento di attività al creditore Trasferimento di attività al creditore Il debitore può concordare con il creditore di trasferire un attività ad estinzione totale o parziale del debito. Tra le attività che possono costituire oggetto di cessione: - Partecipazioni o titoli - Crediti - Immobilizzazioni materiali ed immateriali - Rami d azienda Le disposizioni non si applicano alle cessioni di attività a soggetti diversi dal creditore, anche se finalizzate al rimborso del debito 19

20 Trasferimento di attività al creditore Trasferimento di attività perfezionato alla data di bilancio Alla data di ristrutturazione, la differenza tra il valore contabile del debito estinto e il valore contabile dell attività ceduta è rilevata nel conto economico tra i proventi o gli oneri straordinari quale utile/perdita da ristrutturazione Il valore contabile dell attività è considerato al netto di ammortamenti e rettifiche di valore Classificazione in E.20 Proventi Straordinari o E.21 Oneri straordinari - se di importo rilevante, evidenziazione separata in apposita sottovoce o di cui 20

21 Trasferimento di attività al creditore Trasferimento di attività perfezionato alla data di ristrutturazione - esempio L impresa Pagherò S.p.A. versa in una situazione di difficoltà finanziaria e sottoscrive un accordi di ristrutturazione per estinguere un debito, iscritto al valore nominale di 500, attraverso la cessione di un immobile iscritto al valore contabile netto di 400 Debiti verso banche 500 Immobili 400 Proventi straordinari

22 Trasferimento di attività al creditore Trasferimento di attività non perfezionato alla data di ristrutturazione La data della ristrutturazione può ricadere in un esercizio differente rispetto al perfezionamento giuridico dell operazione, ad esempio per l esistenza di una condizione sospensiva non ancora verificatasi Se le attività da cedere sono iscritte tra le immobilizzazioni: - riclassifica nell attivo circolante; - a partire dalla data di riclassifica non vengono rilevati ammortamenti; - valutazione al minore tra costo e valore presumibile di realizzo, con rilevazione della eventuale minusvalenza alla voce E 21 Oneri Straordinari 22

23 Trasferimento di attività al creditore Trasferimento di attività non perfezionato alla data di ristrutturazione - esempio L impresa Pagherò S.p.A. versa in una situazione di difficoltà finanziaria e sottoscrive in data 15 dicembre 2011 un accordi di ristrutturazione per estinguere un debito di 500 mediante cessione di un immobile, dopo aver cessato il contratto di affitto con i locatari. L immobile è iscritto in bilancio al valore contabile netto di 550. L operazione si perfeziona in data 25 gennaio Attivo circolante (rimanenze) 550 Immobili 550 F.do svalutazione 50 Oneri straordinari 50 23

24 Gli effetti contabili della ristrutturazione: Conversione dei debiti in capitale 24

25 Conversione dei debiti in capitale Conversione dei debiti in capitale L impresa debitrice emette (o assegna in altro modo) quote o azioni a favore del creditore, per un importo di capitale sociale e sovraprezzo reso convenzionalmente pari al valore contabile del debito oggetto di ristrutturazione. 25

26 Conversione dei debiti in capitale Conversione dei debiti in capitale Alla data di ristrutturazione, il debitore rileva in contropartita all aumento di capitale l estinzione della passività relativa al debito oggetto di ristrutturazione Con tale modalità di ristrutturazione, l operazione ha rilevanza solo patrimoniale. Il debitore non rileva alcun utile o perdita dalla ristrutturazione L eventuale differenza tra il valore nominale del capitale sociale emesso e il valore contabile del debito è rilevata nella riserva sovraprezzo azioni 26

27 Conversione dei debiti in capitale Conversione dei debiti in capitale - emissione di un prestito obbligazionario convertibile Una particolare forma di conversione dei debiti in capitale può essere rappresentata dalla assegnazione al creditore di obbligazioni convertibili Eventuali differenze tra il valore contabile del debito ristrutturato e il valore contabile del prestito obbligazionario sottoscritto dal creditore sono rilevate nel conto economico tra i proventi e gli oneri straordinari 27

28 I costi di ristrutturazione 28

29 I costi di ristrutturazione Costi di consulenza professionale: i.e. redazione e attestazione del piano di risanamento I costi connessi all operazione di ristrutturazione Commissioni ed oneri per servizi finanziari: i.e. commissioni legate alla modifica del piano di ammortamento Altri cosi direttamente collegati all operazione: i.e. attività di due diligence, spese legali e notarili 29

30 I costi di ristrutturazione I costi direttamente riconducibili ad una operazione di ristrutturazione del debito Sono rilevati nel conto economico Nell esercizio del loro sostenimento Classificazione in E.21 Oneri straordinari - se di importo rilevante, evidenziazione separata in apposita sottovoce o di cui Si tratta infatti di oneri di cui è assai difficile dimostrare la futura capacità di produrre benefici economici futuri e avere quindi la ragionevole certezza di realizzare tali benefici economici futuri 30

31 I costi di ristrutturazione Casi particolari I costi di ristrutturazione possono includere una componente di remunerazione eventuale (fissa o variabile) riconosciuta al verificarsi di alcune condizioni (success fee) Si rilevano tra gli oneri straordinari nel momento in cui sono da ritenersi maturati (i.e. al realizzarsi delle condizioni previste) Se ritenuti probabili e determinabili, sono rilevati mediante un accantonamento ad un fondi rischi anche negli esercizi anteriori alla loro maturazione La contropartita del fondo rischi rappresenta un onere straordinario 31

32 L informativa in nota integrativa 32

33 L informativa in nota integrativa Per chiarezza espositiva, le informazioni sono presentate in una apposita sezione Riguardano: - l esercizio in cui sono in corso le trattative - l esercizio in cui ricade la data della ristrutturazione - gli esercizi successivi se gli effetti economicofinanziari della ristrutturazione rimangono rilevanti Le ristrutturazioni che avvengono con parti correlate o imprese dello stesso gruppo sono separatamente evidenziate 33

34 L informativa in nota integrativa Informativa sul valore economico del debito Informativa sulla continuità aziendale Informativa sulla situazione di difficoltà finanziaria Indebitamento complessivo Caratteristiche principali dell operazione Posizione finanziaria netta Altre informazioni Stato di avanzamento del piano di ristrutturazione 34

35 L informativa in nota integrativa Informativa sul valore economico del debito 35

36 L informativa in nota integrativa Informativa sul valore economico del debito Informativa richiesta in più parti del principio Par : in tutte le ipotesi assume particolare importanza l informativa nella nota integrativa relativa al valore economico assunto dal debito a seguito della ristrutturazione Par : nella nota integrativa occorre fornire adeguata informativa del beneficio derivante dalla ristrutturazione del debito Par. 7.5: nella nota integrativa sono fornite le seguente informazioni: [ ] il valore economico del debito alla data della ristrutturazione ed alla data del bilancio 36

37 L informativa in nota integrativa Definizione Valore attuale dei futuri pagamenti che il debitore dovrà corrispondere al creditore, a titolo di capitale e/o interessi, scontati al tasso di interesse effettivo (ante ristrutturazione) Valore economico del debito Definizione mutuata dal concetto di costo ammortizzato previsto dallo IAS 39 Il tasso di interesse effettivo è il tasso che attualizza esattamente i pagamenti futuri stimati lungo la vita residua del debito al valore contabile del debito Non corrisponde al fair value del debito in quanto è basato sul tasso contrattuale e non sul tasso di mercato (i.e. rischio controparte) 37

38 L informativa in nota integrativa Informativa sul valore economico del debito - esempio L impresa Pagherò S.p.A. ha iscritto un debito con durata residua 5 anni e valore nominale di 500, interamente rimborsabile alla fine del 5 anno. Il tasso di interesse è del 10% con liquidazione annuale degli interessi. A seguito di difficoltà finanziaria, l impresa sottoscrive una accordo di ristrutturazione in base al quale il pagamento degli interessi per complessivi 250 avverrà alla fine del 5 anno congiuntamente al rimborso del capitale Il valore nominale del debito non subisce alcuna variazione e pertanto non verrà rilevato alcun utile da ristrutturazione Si rende necessario determinare il valore economico del debito ai fini dell informativa di nota integrativa 38

39 L informativa in nota integrativa Informativa sul valore economico del debito - esempio (continua) Per determinare il valore economico del debito occorre scontare i flussi di cassa al tasso di interesse effettivo ante ristrutturazione (10%) Anno Flussi di cassa Coefficiente attuariale (1/(1+t) n ) Valore attuale 1 0 0, , , , , ,69 Totale ,69 39

40 L informativa in nota integrativa Informativa sul valore economico del debito - esempio (continua) La nota integrativa relativa al bilancio in cui ricade la data di ristrutturazione presenta la seguente informativa Valore contabile Valore economico Beneficio della ristrutturazione Alla data della ristrutturazione Alla data del bilancio Alla data della ristrutturazione Alla data del bilancio Alla data della ristrutturazione ,69 465,69 34,31 34,31 Alla data del bilancio 40

41 L informativa in nota integrativa Informativa sulla continuità aziendale 41

42 L informativa in nota integrativa Informativa sulla continuità aziendale Se la ristrutturazione del debito risulta strumentale per garantire la continuità aziendale, tal circostanza deve essere chiaramente indicata nella nota integrativa (e/o nella relazione sulla gestione) al bilancio Se inoltre la ristrutturazione non si è ancora perfezionata alla data del bilancio, ove il mancato realizzo dell operazione dovesse far venire meno la sussistenza dei requisiti per il rispetto della continuità aziendale, la nota integrativa deve illustrare i motivi per cui il bilancio è stato redatto in un ottica di going concern 42

43 L informativa in nota integrativa Informativa sulla situazione di difficoltà finanziaria 43

44 L informativa in nota integrativa Informativa sulla situazione di difficoltà finanziaria - bilancio relativo all esercizio in cui sono in corso le trattative - bilancio relativo all esercizio in cui ricade la data della ristrutturazione La nota integrativa deve fornire sintetiche indicazioni circa lo stato di difficoltà finanziaria e/o economica, nonché le cause alla base di tali difficoltà 44

45 L informativa in nota integrativa Indebitamento complessivo 45

46 L informativa in nota integrativa Indebitamento complessivo - bilancio relativo all esercizio in cui ricade la data della ristrutturazione - bilanci relativi agli esercizi successivi, in caso di rilevanti cambiamenti La nota integrativa deve indicare in forma tabellare l esposizione debitoria alla data della ristrutturazione, nonché l ammontare dei debiti inclusi ed esclusi dalla ristrutturazione Se rilevanti, devono inoltre essere fornite informazioni sull ammontare dei debiti garantiti, sulla percentuale dei debiti in sofferenza, sul perdurare dello scaduto (se superiore a giorni) e sulle eventuali azioni esecutive avanzate dai creditori 46

47 L informativa in nota integrativa Indebitamento complessivo - schema suggerito Tipologia di debito Debiti ristrutturati Altri Debiti Totale debiti % ristrutturati % altri Scaduti Non scaduti Debiti verso fornitori Debiti verso banche Debiti per leasing finanziari Debiti verso altri finanziatori Totale 47

48 L informativa in nota integrativa Caratteristiche principali dell operazione 48

49 L informativa in nota integrativa Caratteristiche principali dell operazione - bilancio relativo all esercizio in cui ricade la data della ristrutturazione - bilanci relativi agli esercizi successivi, in caso di rilevanti cambiamenti Nel bilancio dell esercizio in cui sono in corso le trattative devono essere fornite informazioni generali sulle stesse 49

50 L informativa in nota integrativa Caratteristiche principali dell operazione - Tipologia di ristrutturazione - Data della ristrutturazione - descrizione sintetica delle fasi in cui si è svolta - le modalità mediante le quali è stata svolta - I debiti oggetto della ristrutturazione - la presenza di condizioni sospensive/risolutive - la presenza di pagamenti potenziali nei confronti del creditore - la presenza di covenant - informazioni sulla erogazione di nuova finanza - le caratteristiche principali dei derivati e le eventuali modalità di ristrutturazione 50

51 L informativa in nota integrativa Posizione finanziaria netta 51

52 L informativa in nota integrativa Posizione finanziaria netta - bilancio relativo all esercizio in cui ricade la data della ristrutturazione - bilanci relativi agli esercizi successivi, in caso di rilevanti cambiamenti Il principio richiede di fornire informazioni sufficienti a far comprendere gli effetti della ristrutturazione sulla posizione finanziaria netta Nella posizione finanziaria netta sono inclusi i debiti per leasing finanziario (determinati sulla base del metodo finanziario) 52

53 L informativa in nota integrativa Posizione finanziaria netta - schema suggerito Valori di bilancio al 200X+1 Valori di bilancio al 200X+1 Ante ristrutturazione/ Post ristrutturazione/ Valori di bilancio al 200X Variazioni Disponibilità liquide Altre attività finanziarie correnti Crediti finanziari correnti Debiti bancari correnti Parte corrente dell indebitamento non corrente Altre passività finanziarie correnti Debiti per leasing finanziario correnti Indebitamento finanziario corrente netto (a) Debiti bancari non correnti Obbligazioni emesse Altre passività finanziarie non correnti Debiti per leasing finanziario non correnti Indebitamento finanziario non corrente (b) Indebitamento finanziario netto o Posizione finanziaria netta (c = a +b) 53

54 L informativa in nota integrativa Altre informazioni 54

55 L informativa in nota integrativa Altre informazioni - bilancio relativo all esercizio in cui ricade la data della ristrutturazione - bilanci relativi agli esercizi successivi, in caso di rilevanti cambiamenti Nonostante la descrizione residuale, presenta informazioni rilevanti da ritenersi obbligatorie 55

56 L informativa in nota integrativa Altre informazioni - Indicazione analitica e completa dei proventi e degli oneri straordinari derivanti dalla ristrutturazione - Se di importo significativo, la natura e l ammontare dei costi connessi alla ristrutturazione - L esistenza di eventuali garanzie e/o impegni, o di altre operazioni fuori bilancio, che possono condizionare l esito dell accordo o gli effetti da questo prodotti - L analisi delle scadenze (12 mesi, un anno, cinque anni e oltre) dei debiti, inclusi i debiti per leasing finanziari - L impatto della ristrutturazione dei debiti relativi ad operazioni di leasing finanziario sull informativa relativa agli effetti dell applicazione del metodo finanziario 56

57 L informativa in nota integrativa Altre informazioni Per ciascun gruppo omogeneo di debiti ristrutturati (inclusi i debiti per leasing finanziari: - Le modalità di ristrutturazione seguite, con particolare riferimento alle principali modifiche dei termini originari del debito - Il valore contabile del debito alla data della ristrutturazione e alla data di riferimento del bilancio - Il valore economico del debito alla data della ristrutturazione e alla data di riferimento del bilancio (rinvio) - Il beneficio derivante dalla ristrutturazione - La durata residua del debito ante e post ristrutturazione - Il tasso contrattuale ante e post ristrutturazione - Il tasso di interesse effettivo ante e post ristrutturazione 57

58 L informativa in nota integrativa Altre informazioni (esempio) La nota integrativa relativa al bilancio in cui ricade la data di ristrutturazione presenta la seguente informativa Valore contabile Valore economico Beneficio della ristrutturazione Alla data della ristrutturazione Durata residua Tasso contrattuale Tasso effettivo Ante ristrutturazione Alla data del bilancio Post ristrutturazione Alla data della ristrutturazione Ante ristrutturazione Alla data del bilancio Post ristrutturazione Alla data della ristrutturazione ,69 465,69 34,31 34,31 Ante ristrutturazione Alla data del bilancio 5 anni 5 anni 10% 10% 10% 8,44% Post ristrutturazione 58

59 L informativa in nota integrativa Stato di avanzamento del piano di ristrutturazione 59

60 L informativa in nota integrativa Stato di avanzamento del piano di ristrutturazione - bilancio relativo all esercizio in cui ricade la data della ristrutturazione - bilanci relativi agli esercizi successivi, in caso di rilevanti cambiamenti In particolare, negli esercizi successivi alla data della ristrutturazione occorre indicare come si evolve l operazione, ad esempio indicando se: - Le condizione previste dal piano sono state rispettate nel corso del periodo di riferimento del bilancio, anche con riferimento alla tempistica - sulla base dell analisi dell andamento consuntivo del piano, vi sono elementi tali da far ritenere che le condizioni previste non si potranno realizzare, con conseguente possibilità di mancato ripristino delle condizioni di equilibrio e/o superamento delle difficoltà finanziarie 60

61 L informativa in nota integrativa Stato di avanzamento del piano di ristrutturazione (continua) - Il fatto che le condizioni previste dal piano sono state rispettate nel corso del periodo di riferimento del bilancio, anche in relazione alla tempistica di realizzazione - il fatto che il piano verrà comunque rispettato nella sostanza, anche se nel corso del periodo di riferimento del bilancio alcune condizioni non si sono realizzate - nel caso in cui esistano elementi tali da far ritenere che il piano potrà realizzarsi, ma con modalità diverse da quelle previste, occorre indicare una sintesi di tali nuove modalità - Se dall andamento consuntivo del piano emergono elementi tali da far ritenere che le condizioni previste dal piano non si potranno realizzare, una stima delle conseguenze e degli effetti 61

62 L informativa in nota integrativa Riepilogo delle informazioni da fornire in nota integrativa Tipologia di informazioni Esercizio in cui sono in corso le trattative Esercizio in cui la ristrutturazione diviene efficace Esercizi successivi Informazioni sulla Si Si No continuità aziendale Situazione di difficoltà Si Si Si, se rimangono rilevanti finanziaria Indebitamento complessivo Facoltativa Si Si, solo qualora vi siano sostanziali cambiamenti Caratteristiche principali dell operazione Facoltativa Si Si, solo qualora vi siano sostanziali cambiamenti Posizione finanziaria netta Facoltativa Si Si Altre informazioni No Si Si, solo qualora vi siano sostanziali cambiamenti Stato di avanzamento del piano di ristrutturazione No Si Si 62

Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito

Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito IL BILANCIO DELLE PMI NELLA FASE DI CRISI - I PARTE - Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito Palermo, 5 novembre 2013 Simona Natoli Agenda Introduzione: la definizione di «situazione

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 13 01.04.2015 Gli accordi di ristrutturazione del debito Concordato preventivo, accordo di ristrutturazione del debito e piano di risanamento attestato

Dettagli

L impatto in bilancio delle operazioni di ristrutturazione

L impatto in bilancio delle operazioni di ristrutturazione L impatto in bilancio delle operazioni di ristrutturazione Alberto Tron Presidente Comitato Financial Reporting Standards ANDAF Crisi di impresa e informazione finanziaria: scenario di riferimento In questi

Dettagli

PROGETTO OIC: NUOVO PRINCIPIO CONTABILE NAZIONALE SU RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO ED INFORMATIVA DI BILANCIO PROF. ALBERTO TRON

PROGETTO OIC: NUOVO PRINCIPIO CONTABILE NAZIONALE SU RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO ED INFORMATIVA DI BILANCIO PROF. ALBERTO TRON PROGETTO OIC: NUOVO PRINCIPIO CONTABILE NAZIONALE SU RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO ED INFORMATIVA DI BILANCIO PROF. ALBERTO TRON Presidente del Comitato Tecnico ANDAF Finance Reporting Standard Amministratore

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE dei DEBITI

RISTRUTTURAZIONE dei DEBITI Società RISTRUTTURAZIONE dei DEBITI RIFLESSI FISCALI sul SOGGETTO EMITTENTE di Emanuele Rossi QUADRO NORMATIVO Nel corso di aprile 2010 è stata diffusa da parte dell Organismo italiano di contabilità (Oic),

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

Gli effetti contabili e gli aspetti fiscali connessi alle operazioni di ristrutturazione del debito

Gli effetti contabili e gli aspetti fiscali connessi alle operazioni di ristrutturazione del debito S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE Convegno Il nuovo principio contabile : la ristrutturazione del debito e l informativa di bilancio Gli effetti contabili e gli aspetti fiscali connessi alle operazioni

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Il nuovo OIC 6: rappresentazione in bilancio della ristrutturazione del debito

Il nuovo OIC 6: rappresentazione in bilancio della ristrutturazione del debito Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Massimo Buongiorno e Marco Capra* Il nuovo OIC 6: rappresentazione in bilancio della ristrutturazione del debito Il quadro normativo La riforma

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 La contabilità esterna Il conto economico La redazione del documento finale di bilancio

Dettagli

Gli strumenti finanziari [2]

Gli strumenti finanziari [2] www.contabilitainternazionale.eu Corso di: Contabilità Internazionale Corso di Laurea Magistrale in: Amministrazione e Controllo Gli strumenti finanziari [2] Oggetto della lezione framework Fair value

Dettagli

Novità Bilancio 2012 Novità Revisione Legale dei conti

Novità Bilancio 2012 Novità Revisione Legale dei conti Novità Bilancio 2012 Novità Revisione Legale dei conti dott.ssa Roberta Provasi dottore commercialista in Milano Università degli Studi di Milano-Bicocca 1 Agenda Ristrutturazione del debito (OIC n. 6);

Dettagli

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE TITOLO I DOCUMENTI CONTABILI E GESTIONE DEL BILANCIO Articolo 1 Contabilità economico-patrimoniale L Ente Parco adotta, quale sistema di rilevazione dei

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) Pag. 1 1 INDICE Premessa... 3 PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS1)... 4 RICONCILIAZIONI RICHIESTE DALL IFRS 1...

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

Le perdite su crediti

Le perdite su crediti Il bilancio 2013 : novità e criticità Le perdite su crediti dott. Paolo Farinella Commissione Principi Contabili ODCEC Milano Milano 28 febbraio 2014 sede corso Europa 11 0. Introduzione Sintesi argomenti

Dettagli

MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA

MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA CREDITO VS CLIENTE INGLESE @ MERCI C/TO VENDITA 161,29 161,29 MATERIE PRIME C/ACQUISTO @ DEBITI VS FORNITORE USA 212,77 212,77 Università

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. SEDE LEGALE: MILANO Viale Monza 265 CAPITALE SOCIALE: Euro 120.000.= i.v. CODICE FISCALE: 04441590967 CCIAA di Milano nº 1747663 REA REGISTRO IMPRESE di Milano nº 04441590967 Società

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs)

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) 1 Contenuto Stato Patrimoniale Ias/Ifrs Contenuto minimo obbligatorio (Ias 1, 68 e

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Il leasing in Nota integrativa

Il leasing in Nota integrativa Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 18 19.05.2014 Il leasing in Nota integrativa Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Nota integrativa Le operazioni di leasing

Dettagli

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE ----------------------- NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO D'ESERCIZIO 2013 PREMESSA Il Bilancio che viene sottoposto alla vostra approvazione è costituito dallo

Dettagli

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7 59 Hotel di Roma (via Pio IV) in considerazione della sua particolare natura e destinazione. Nel caso in cui si sia stimato che il valore recuperabile dell immobile sia superiore al valore contabile, l

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

Il trattamento civilistico e contabile del leasing

Il trattamento civilistico e contabile del leasing ? INQUADRAMEN TEMA 9 - IL TRATTAMENTO CIVILISTICO E CONTABILE DEL LEASING TEMA 9 Il trattamento civilistico e contabile del leasing Dopo aver illustrato le diverse finalità del leasing finanziario rispetto

Dettagli

**** Tel.: +39.02.29046441 Tel.: +39.02.7606741 Fax: +39.02.29046454 Fax: +39.02.76017251

**** Tel.: +39.02.29046441 Tel.: +39.02.7606741 Fax: +39.02.29046454 Fax: +39.02.76017251 Comunicato Stampa Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2013 Ricavi a 61,3 milioni (67,5 milioni nel 2012) EBITDA 1 a -2,1 milioni (-2,6 milioni nel 2012) EBIT 2 a -7,2 milioni (-8,0

Dettagli

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi L introduzione degli International Financial Reporting Standards

Dettagli

IAS 37 - OIC 31: Accantonamenti, attività e passività potenziali

IAS 37 - OIC 31: Accantonamenti, attività e passività potenziali IAS 37 - OIC 31: Accantonamenti, attività e passività potenziali Roma, marzo/maggio 2015 Finalità dei due principi IAS 37 OIC 31 Assicurare che agli accantonamenti e alle passività e attività potenziali:

Dettagli

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices COMUNE DI ALESSANDRIA DIREZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA SERVIZIO ECONOMICO-FINANZIARIO Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 Premessa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA A SOSTEGNO E PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE BENEFICIARIE DELLE AGEVOLAZIONI GESTITE DA SVILUPPO ITALIA SPA PAG. PARTE I DEFINIZIONI 2 PARTE

Dettagli

OIC 6 RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO E INFORMATIVA DI BILANCIO

OIC 6 RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO E INFORMATIVA DI BILANCIO OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC 6 RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO E INFORMATIVA DI BILANCIO Luglio 2011 PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013 E.S.CO. BERICA SRL Sede legale: VIA CASTELGIUNCOLI, 5 LONIGO (VI) Iscritta al Registro Imprese di VICENZA C.F. e numero iscrizione 03510890241 Iscritta al R.E.A. di Vicenza n. 221382 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri. Università degli Studi di Parma

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri. Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri Università degli Studi di Parma I crediti 1 I crediti Definizione e riferimenti Definizione:

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti)

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Assestamento di una partecipazione di controllo Primo anno di consolidamento...2 Assestamento di una partecipazione di controllo secondo anno

Dettagli

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari Tavole sinottiche a cura di Giulio Andreani Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell Economia

Dettagli

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL PRINCIPIO OIC 10 SUL RENDICONTO FINANZIARIO LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC IDA D ALESSIO 24 APRILE 2015 Rispetto al precedente OIC 12: Cambiamenti

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17

IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17 IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17 Il leasing è un contratto per mezzo del quale il locatore (lessor) trasferisce al locatario (lessee), in cambio di un pagamento o di una serie

Dettagli

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente:

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente: SINTESI SOCIETA DI INVESTIMENTI E PARTECIPAZIONI S.p.A. Sede in Milano, Via Carlo Porta n. 1 Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 721.060,67 Registro delle Imprese di Milano n. 00849720156 Sito

Dettagli

OIC 19: Debiti. Novara, 27 gennaio 2015. Lorenzo Gelmini

OIC 19: Debiti. Novara, 27 gennaio 2015. Lorenzo Gelmini OIC 19: Debiti Novara, 27 gennaio 2015 Lorenzo Gelmini Introduzione: gli obiettivi e l ambito del nuovo principio contabile o Riordino generale della tematica o Miglior coordinamento con gli altri principi

Dettagli

Banca, UniCredit Banca di Roma, Bipop Carire, Banco di Sicilia e UniCredit Corporate Banking.

Banca, UniCredit Banca di Roma, Bipop Carire, Banco di Sicilia e UniCredit Corporate Banking. CONVENZIONE ABI MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE PER LA RINEGOZIAZIONE DEI MUTUI A TASSO E A RATA VARIABILE, IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DL N.93/2008 (CONVERTITO IN LEGGE 126/2008) INTRODUZIONE

Dettagli

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Pavimental S.p.A. Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade S.p.A. Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Elaborata sulla base degli adottati nel Gruppo

Dettagli

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 Bilancio 2014 Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 AITR ASSOCIAZIONE ITALIANA TURISMO RESPONSABILE Codice fiscale 97219890155 Partita iva 08693820964 VIA TOMMASO DA CAZZANIGA SNC - 20144

Dettagli

IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING

IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING 1. Introduzione L imprenditore intenzionato ad acquisire un nuovo bene per

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011 Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011 Dott. PAOLO VITALI Università degli Studi di Bergamo Anno accademico 2010/2011 Bergamo, 21 febbraio 2011 Indice degli

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA Milano, 15 aprile 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 Bilancio Capogruppo:

Dettagli

Riccardo Galardi. Empoli, 1 aprile 2014

Riccardo Galardi. Empoli, 1 aprile 2014 Riccardo Galardi Empoli, 1 aprile 2014 Il progetto OIC OIC 15 Ambito di applicazione Esposizione in bilancio Rilevazione iniziale e valutazione Cancellazione 2 Il progetto OIC Oggetto del progetto La nascita

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario OIC 10 Parma, 1 Ottobre 2014 1 Indice 1. Finalità del principio 3 2. Ambito di applicazione 4 3. Definizioni 5 4. Contenuto e struttura 6 5. Classificazione

Dettagli

(Valori in milioni di Euro) 1 SEM. 2015 1 SEM. 2014 BILANCIO 31/12/2014

(Valori in milioni di Euro) 1 SEM. 2015 1 SEM. 2014 BILANCIO 31/12/2014 Semestrale Gruppo Pininfarina Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura del semestre Valutazione sulla continuità aziendale, evoluzione prevedibile della gestione Cambiano, 30 luglio 2015 Il Consiglio

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO

BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO QUATTROTRETRE SpA Sede legale: Foro Buonaparte, 44 20121 MILANO Capitale sociale: Euro 5.000.000 i.v. Registro Imprese Milano n. 07642730969 Cod. Fisc. e P. IVA 07642730969 BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO

Dettagli

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Informativa qualitativa La definizione a fini contabili delle esposizioni in default (sofferenza, incaglio, credito ristrutturato

Dettagli

Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2014

Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2014 Comunicato Stampa Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2014 RISULTATI CONSOLIDATI Ricavi a 69,3 milioni (61,3 milioni nel 2013) EBITDA 1 a 0,4 milioni (-2,1 milioni nel 2013) EBIT

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE

II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE CONTABILITA GENERALE 20 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE 1 dicembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale

Dettagli

IFRIC 12 Accordi per servizi in concessione. Incontro con l AEEG Milano, 5 aprile 2011

IFRIC 12 Accordi per servizi in concessione. Incontro con l AEEG Milano, 5 aprile 2011 IFRIC 12 Accordi per servizi in concessione Incontro con l AEEG Milano, 5 aprile 2011 IFRIC 12 Aspetti principali L IFRIC 12 disciplina la contabilizzazione (da parte dell operatore/concessionario) degli

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 0,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: FONDAZIONE OAGE PIAZZA SAN MATTEO 18 GENOVA GE sì Partita

Dettagli

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI Consiglio Regionale del Lazio Roma, 31 marzo 2009 NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2008

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI Consiglio Regionale del Lazio Roma, 31 marzo 2009 NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2008 Roma, 31 marzo 2009 NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2008 PREMESSA Il Rendiconto Generale che viene presentato al dell Ordine degli Assistenti Sociali per l esercizio finanziario

Dettagli

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari Roma, marzo/maggio 2015 Finalità e ambito di applicazione Un investimento immobiliare è una proprietà immobiliare posseduta per: Percepire canoni d affitto Ottenere

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Prima adozione degli Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali in sede di prima applicazione Transizione

Dettagli

Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D. Lgs. n. 58/1998

Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D. Lgs. n. 58/1998 Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D. Lgs. n. 58/1998 Milano, 31 agosto 2011 Investimenti e Sviluppo S.p.A. (la Società, Capogruppo ), con sede legale in Milano,, ai sensi e per gli effetti

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi dott. Giovanni Mercanti Milano, 17 giugno 2014 Contenuto della relazione Rinuncia parziale al credito Emissione SFP Distinzione

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA REDAZIONE DEL BILANCIO CIVILISTICO 2014: LE PRINCIPALI NOVITA PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 Dr. Riccardo Bauer 2 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

OIC 15: novità sulla valutazione dei crediti

OIC 15: novità sulla valutazione dei crediti S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I nuovi principi contabili nazionali OIC 15: novità sulla valutazione dei crediti CLAUDIA MEZZABOTTA 1 dicembre 2014 Sala Conferenze Biblioteca Comunale Cernusco

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0260-44-2015

Informazione Regolamentata n. 0260-44-2015 Informazione Regolamentata n. 0260-44-2015 Data/Ora Ricezione 31 Luglio 2015 18:28:54 MTA Societa' : TISCALI Identificativo Informazione Regolamentata : 61616 Nome utilizzatore : TISCALIN01 - Nonnis Tipologia

Dettagli

I DEBITI NORMATIVA CIVILISTICA. 2426 (Criteri di valutazione) Nelle valutazioni devono essere osservati i seguenti criteri: Nessuna disposizione.

I DEBITI NORMATIVA CIVILISTICA. 2426 (Criteri di valutazione) Nelle valutazioni devono essere osservati i seguenti criteri: Nessuna disposizione. I DEBITI I DEBITI NORMATIVA CIVILISTICA 2426 (Criteri di valutazione) Nelle valutazioni devono essere osservati i seguenti criteri: Nessuna disposizione. Principio contabile nazionale Doc. n. 19 Definizione

Dettagli

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI CLASSIFICAZIONE DELLE OPERAZIO- NI TRATTAMENTO DEL LEASING FI- NANZIARIO SECONDO I PRINCIPI INTERNAZIONALI TRATTAMENTO

Dettagli

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali 1 1 Le immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni materiali sono disciplinate da due IAS di riferimento

Dettagli

Rimborso anticipato prestito subordinato convertibile

Rimborso anticipato prestito subordinato convertibile COMUNICATO STAMPA Risultati al terzo trimestre 21 1 - Utile netto: 16,7 milioni di euro (+85,6%) - Patrimonio netto di Gruppo: 365,1 milioni di euro (+3,4% rispetto al 31/12/29) - Raccolta complessiva

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale 2006

Commento al tema di Economia aziendale 2006 Commento al tema di Economia aziendale 2006 Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici Commerciali è incentrato sulla gestione finanziaria dell impresa ed è articolato in

Dettagli

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Approvati dal Consiglio i risultati 2014: il bilancio consolidato 2014 conferma sostanzialmente i risultati già riportati nel resoconto intermedio

Dettagli

dell abitazione principale e sia a tasso variabile, a rata variabile per tutta

dell abitazione principale e sia a tasso variabile, a rata variabile per tutta INFORMATIVA SULLA RINEGOZIAZIONE DEI MUTUI A TASSO VARIABILE SECONDO QUANTO PREVISTO DALLA CONVENZIONE ABI MEF IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DL 93/2008 (CONVERTITO IN LEGGE 126/2008) DOMANDE E RISPOSTE

Dettagli

Disponibilità liquide

Disponibilità liquide OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Disponibilità liquide Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA BILANCIO CONSUNTIVO 2010 AUSER VOLONTARIATO PIEMONTE

NOTA INTEGRATIVA BILANCIO CONSUNTIVO 2010 AUSER VOLONTARIATO PIEMONTE NOTA INTEGRATIVA BILANCIO CONSUNTIVO 2010 AUSER VOLONTARIATO PIEMONTE AUSER PIEMONTE ONLUS NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2010 PREMESSA L'Associazione è: 1. ONLUS di diritto ai sensi

Dettagli

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale analisi bilancio 1 Schema di stato patrimoniale ATTIVO PASSIVO A) Crediti verso soci A) Patrimonio netto B) Immobilizzazioni B) Fondi per rischi e oneri C)

Dettagli

LA NOTA INTEGRATIVA GLI ALLEGATI AL BILANCIO

LA NOTA INTEGRATIVA GLI ALLEGATI AL BILANCIO LA NOTA INTEGRATIVA E GLI ALLEGATI AL BILANCIO NOTA INTEGRATIVA ART. 2423 comma 1 del Codice Civile: GLI AMMINISTRATORI DEVONO REDIGERE IL BILANCIO DI ESERCIZIO, COSTITUITO DALLO STATO PATRIMONIALE, DAL

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1

Dettagli

PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE..

PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE.. INDICE PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE.. 4. VALUTAZIONE. 5. ALTRI ASPETTI. 6. OPERAZIONI CON AZIONI PROPRIE ALL INTERNO

Dettagli

Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli

Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli Corso di bilancio e principi contabili Sedicesima lezione: I debiti Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli D) Debiti I DEBITI 1. obbligazioni; 2. obbligazioni convertibili; 3. debiti

Dettagli

IAS 17 : LEASING. Schemi di analisi. Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani

IAS 17 : LEASING. Schemi di analisi. Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani IAS 17 : LEASING Schemi di analisi Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani INDICE SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE CLASSIFICAZIONE CONTABILIZZAZIONE VENDITA E RETROLOCAZIONE PRINCIPI CONTABILI

Dettagli

IL BILANCIO DI ESERCIZIO

IL BILANCIO DI ESERCIZIO IL BILANCIO DI ESERCIZIO CHE COS E UN BILANCIO Il bilancio è un insieme di documenti che illustrano la situazione economica, finanziaria e patrimoniale dell impresa a tutti i soggetti interessati. CHI

Dettagli

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Indice pag. Premessa 3 Valore e costi della produzione consolidati 4 Posizione finanziaria netta consolidata 5 Note di commento 6 Stato

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DELLE VOCI DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE

NOTA INTEGRATIVA CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DELLE VOCI DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE NOTA INTEGRATIVA Si illustrano di seguito tutte le informazioni utili per una migliore lettura del Conto Consuntivo 2010 costituito dallo Stato Patrimoniale e dal Conto Economico. La struttura dello Stato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 30/09/2011 30/06/2011 Diff.%le in Euro/ml Patrimonio Netto 11,07 10,50 5,38 Posizione (indebitamento) finanziaria

COMUNICATO STAMPA. 30/09/2011 30/06/2011 Diff.%le in Euro/ml Patrimonio Netto 11,07 10,50 5,38 Posizione (indebitamento) finanziaria Sommario COMUNICATO STAMPA Dati Economici Consolidati 01/07/2011 01/07/2010 Diff.%le Trimestrali 30/09/2011 30/09/2010 in Euro/ml Valore della Produzione 17,95 18,01 (0,36) Costi Operativi (20,99) (16,26)

Dettagli

(importi in euro) 31.12.2012 31.12.2011

(importi in euro) 31.12.2012 31.12.2011 Tirreno Acque S.c.r.l. - Bilancio finale di liquidazione Codice Fiscale 01500410509 Tirreno Acque - Società consortile a responsabilità limitata in liquidazione Capitale sociale 70.232,00 i.v. Sede in

Dettagli

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Bilancio di Previsione 2009 e Pluriennale Triennio 2009 2011 (B. U. Regione Basilicata N. 60 del 29 dicembre 2008) Articolo 1 Stato di Previsione dell Entrata 1.

Dettagli

Nota integrativa nel bilancio abbreviato

Nota integrativa nel bilancio abbreviato Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 120 23.04.2014 Nota integrativa nel bilancio abbreviato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie La redazione del bilancio in forma

Dettagli

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO L Alba Spa è società svolgente attività industriale e al 31/12/n prima di procedere alle scritture di assestamento di bilancio presenta le seguenti situazioni contabili:

Dettagli

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano Adelante Dolmen società cooperativa sociale Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21 Registro delle Imprese di Milano Codice fiscale e numero di iscrizione 12237260158 Numero di iscrizione all Albo delle

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli