Cenni introduttivi alla due diligence contabile e finanziaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cenni introduttivi alla due diligence contabile e finanziaria"

Transcript

1 Cenni introduttivi alla due diligence contabile e finanziaria Guido Greco Senior Manager, PwC Transaction Services Alessandro Genovesi Assistant Manager, PwC Transactions Services Venezia, 20 maggio 2010 Venezia, maggio 2010

2 La nostra organizzazione: il network PwC in Italia e nel mondo 2

3 La nostra organizzazione PricewaterhouseCoopers è l organizzazione internazionale leader nei servizi professionali alle imprese. Operiamo in modo integrato e multidisciplinare combinando ampie capacità professionali a livello internazionale con la conoscenza dei mercati locali e le specifiche esperienze nei diversi settori collaboratori 757 uffici 151 paesi PricewaterhouseCoopers Pagina 3

4 PricewaterhouseCoopers in Italia 350 mln Fatturato Collaboratori circa (di cui 131 partner) 30 anni Età media 17 Uffici Pagina 4 PricewaterhouseCoopers

5 I servizi offerti e il personale PwC in Italia Audit Advisory Tax & Legal collaboratori 600 collaboratori 300 collaboratori PricewaterhouseCoopers S.p.A. PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A. TLS - Associazione Professionale di Avvocati e Commercialisti Pagina 5 PricewaterhouseCoopers

6 PwC Deals Assistenza nell ambito di operazioni di finanza straordinaria

7 PwC Deals in Italia Nell ambito di PwC Italia il Gruppo Deals fornisce assistenza a investitori strategici e finanziari (corporate e private equity) nell ambito di processi di fusione, acquisizione ed investimento: deal due diligence (buy side e vendor side), valuation, M&A negotiation and structuring, carve-outs and disposals, global capital markets and vendor services, post deal services). PricewaterhouseCoopers Pagina 7

8 I principali servizi di PwC Deals I nostri servizi sono offerti attraverso specializzazione di prodotto: 200 professionisti al servizio di clienti Corporate, Private Equities e Financial Services Transaction Services Financial due diligence (buy side and sell side), Bid support services, Price adjustment support, Post deal services Corporate Finance Mergers & Acquisition advisory (buy & sell), Valuation, Strategic Deal Services, Business Recovery Services Global Capital Market IPOs project management Domestic and international bond offerings, Accounting / technical advice, IFRS / US GAAP PricewaterhouseCoopers Forensic Dispute support services, Forensic accounting & analysis, Investigations Pagina 8

9 Cenni introduttivi alla due diligence contabile e finanziaria

10 Le fasi di una transazione e il processo di due diligence Lead advisor Offerta Offerta Firma del contratto (SPA) preliminare vincolante Trasferimento azioni Consulenti Legali Banche Pagina 10

11 La definizione di due diligence: origini e storia L'espressione due diligence viene in realtà dal francese. Venne infatti coniata all'interno della Banca Rothschild a Parigi per contrassegnare la "dovuta diligenza" (due diligence) che doveva contrassegnare ogni valutazione prima dell'apertura di linee di fido a imprese. Con l'espandersi delle attività della banca nelle varie capitali europee, a Londra, l'espressione importata all'interno della locale banca Rothschild venne tradotta dagli impiegati come "diligenza pagata" (due diligence), cioè come l'indicazione della presenza fisica dell'impiegato (oggi diremo analista) per controllare de visu i beni posti a garanzia del fido. Estratto da Pagina 11

12 La Due Diligence per ridurre le asimmetrie informative in un contesto M&A... La Due Diligence è un indagine conoscitiva su un determinato Target controparte di un operazione straordinaria, effettuata da uno o più soggetti che hanno interesse a valutare in maniera approfondita lo stato degli affari del Target. Fornire all investitore un quadro d insieme completo delle aree critiche (rischi e deal breakers) e dei punti di forza (opportunità competitive e di business) del Target, al fine di comprendere meglio le potenzialità dell operazione e di fornire gli elementi base per la valutazione La Due Diligence come strumento preventivo per massimizzare i risultati del deal Pagina 12

13 Le aree di influenza di un processo di Due Diligence PROVVISTA FINANZIARIA COMPRENSIONE DEL BUSINESS VALUTAZIONE DUE DILIGENCE STRUCTURING INTEGRAZIONE NEGOZIAZIONE CONTRATTO Pagina 13

14 Le tipologie di due diligence In base all oggetto dell indagine le attività di due diligence possono essere identificate come segue: Contabile-finanziaria Fiscale Legale / Risorse Umane Strategia commerciale e/o di business e mercato Tecnica / Ambientale Le aree di indagine vengono definite in base alle caratteristiche e/o complessità dell operazione e del Target. Pagina 14

15 Cosa è la due diligence finanziaria La due diligence finanziaria è un analisi di dati economico-finanziari, gestionali e statistici finalizzata alla valutazione complessiva dell azienda target. Non è una valutazione d azienda; non è una revisione di bilancio Essa è condotta principalmente su: conti economici storici stati patrimoniali storici cash flow storici budget e business plan La situazione finanziaria, economica e patrimoniale viene analizzata sia al passato/presente che al futuro, con l obiettivo di normalizzare gli indicatori finanziari e il loro impatto sulla valutazione Pagina 15

16 A chi è indirizzata la due diligence Portatori di capitale di rischio: Investitori strategici (corporate) Investitori finanziari (private equity) Portatori di capitale di debito: Banche finanziatrici Fondi pensione Analisti / valutatori di azienda: Advisors finanziari Pagina 16

17 Acquirenti a cui è indirizzata la Due Diligence Strategic Buyers (Corporate): Conoscono molto bene il mercato; Il business plan è sviluppato direttamente dall aquirente; Focus sull analisi economica - EBITDA ed EBIT. Financial Buyers (Private Equity): Investimento in mercati più maturi; Management Buy Out (MBO), Leveraged Buy Out (LBO); Identificazione del reale valore dell azienda Target normalizzazione; Focus sulla sostenibilità degli utili e dei flussi di cassa nel futuro; Integrazione e gestione post-acquisizione. Venture Capitalists: Investimenti in Start-up oppure in Early stage; Il passato non esiste; Focus sul business plan - validazione delle principali assunzioni; Innovazione di mercato - Internet (nuovi mercati). Pagina 17

18 La Due Diligence finanziaria si pone l obiettivo di individuare: La capacità storica dell azienda di generare reddito e cassa; La reale posizione finanziaria netta; La capacità della azienda di sostenere la crescita in futuro; La modalità di ricorso alla leva finanziaria; Eventuali rischi; Passività potenziali; Impegni rilevanti; Potenzialità nascoste ; Opportunità e difficoltà di integrazione; Sinergie. Pagina 18

19 Aree di analisi standard di una due diligence finanziaria L ampiezza del lavoro di due diligence generalmente include: Descrizione dell attività del gruppo e del modello di business Analisi dei risultati economici storici (generalmente ultimi 3 anni) Analisi della struttura patrimoniale storica (generalmente ultimi 3 anni) Analisi dei flussi di cassa storici Andamento gestione corrente e previsione su base annua Proiezioni economico finanziarie (business plan) Aspetti legati alla struttura dell operazione e alla separazione di una società dal gruppo di appartenenza Pagina 19

20 Descrizione dell attività del gruppo Eventi storici fondamentali Organizzazione del gruppo Prodotti e mercato Clienti e concentrazione clienti Fornitori e concentrazione fornitori Management e dipendenti Pagina 20

21 Risultati economici Riepilogo dei risultati d esercizio Analisi delle vendite e marginalità per linea di business / prodotto Analisi dei trends e della stagionalità Analisi della struttura dei costi Analisi del costo del venduto Analisi delle altri costi operativi Analisi del costo del personale Elementi straordinari e non ricorrenti. Pagina 21

22 Stato patrimoniale Riepilogo dei dati di stato patrimoniale Analisi dei principi contabili e criteri di valutazione Analisi dettagliata delle poste patrimoniali (immobilizzazioni e investimenti, fabbisogni di capitale circolante e relativa stagionalità, posizione finanziaria, altre attività e passività, patrimonio netto) Ricerca di eventuali passività potenziali non contabilizzate Off balance sheet items Pagina 22

23 Risultati a consuntivo e previsione su base annua Analisi del current trading Risultati previsionali sull intero esercizio (forecast alla data di chiusura dell esercizio) Pagina 23

24 Risultati futuri e flussi di cassa previsionali Budget e Business plan Risultati futuri (assunzioni di riferimento, trends, confronto con dati storici ) Flussi di cassa futuri (riconciliazione con risultati previsionali, fabbisogno di capitale circolante, confronto con il passato, stagionalità, investimenti per destinazione ) Pagina 24

25 Altri obiettivi Standalone issues Struttura dell operazione; come finanziare l operazione di investimento Informazioni sul sistema di controllo Informazioni sui sistemi informativi Altri aspetti Pagina 25

26 Gli elementi della due diligence finanziaria L analisi permette di identificare: deal breakers potenziali hidden values deal issues altri elementi rilevanti normalizzazione dei risultati normalizzazione del capitale circolante netto e della posizione finanziaria netta trend finanziari storici effettivi a condizioni operative costanti sensitività su budget e piani le criticità connesse alla futura integrazione La normalizzazione degli indicatori finanziari ed il loro impatto sulle valutazioni Pagina 26

27 Cosa sono i deal breakers Rischi, situazioni, eventi prospettici di entità tale da costituire un impedimento alla conclusione della transazione Sono legati al contesto della transazione La loro identificazione richiede, oltre a competenze analitiche ed esperienza, indipendenza di giudizio Esempi: Significativo contenzioso in essere; Perdita di clienti chiave o di quota di mercato; Indebitamento finanziario effettivo o normalizzato non sostenibile; Relazioni con parti correlate. Pagina 27

28 Cosa sono gli hidden values Tutto ciò che non è evidente/apparente nella quotidianità ma che può rappresentare un opportunità nel contesto della transazione Esempi: Una redditività ricorrente superiore a quanto riportato nei conti gestionali Sinergie inespresse che possono creano ulteriore valore Pagina 28

29 Cosa sono le deal issues Gli aspetti critici del business che possono influenzare significativamente l esito della transazione Esempi: Trend storici effettivi a condizioni operative costanti diverse dai risultati riportati Forte concentrazione nei clienti o nei fornitori marcata stagionalità Sensitivity su budget e piani Pagina 29

30 La valutazione è un fattore chiave del processo di M&A Metodo dei Multipli EBITDA / EBIT Metodo dei flussi attualizzati (DCF) Altri metodi tradizionali Per una valutazione corretta servono dati affidabili e certezze sui parametri economici fondamentali che devono essere analizzati e normalizzati Pagina 30

31 Struttura del rapporto di Due Diligence e analisi chiave 31

32 Contenuto di un Rapporto di Due Diligence Indice Scopo e approccio all incarico Executive Summary Analisi dei risultati economici - Analisi delle vendite Analisi della marginalità Normalizzazione dei risultati Analisi della situazione patrimoniale - Analisi dell attivo fisso e degli investimenti Analisi dei fabbisogni di capitale circolante Normalizzazione del capitale circolante Analisi dell indebitamento finanziario Normalizzazione dell indebitamento finanziario netto Analisi dei flussi di cassa Pagina 32

33 Analisi dei risultati economici Analisi delle vendite Conto Economico Gestionale in milioni Volumi Vendite nette Costo del venduto Valore aggiunto Costo del personale Costi commerciali Costi fissi di struttura EBITDA Ammortamenti EBIT Proventi / (oneri finanziari) Proventi / (oneri straordinari) Risultato ante-imposte Imposte Risultato netto KPI Crescita dei volumi Prezzo medio di vendita Crescita delle vendite Valore aggiunto % EBITDA % Fonte: informazioni del management FY07 Actual FY08 Actual FY09 Actual (1.805) (1.873) (2.046) (110) (27) (522) 79 (145) (29) (550) 118 (105) (31) (580) 339 (45) 34 (50) 68 (55) 284 (8) 2 28 (11) 6 63 (10) (15) (33) (140) Analisi della stagionalità Analisi della marginalità Analisi dei costi fissi di struttura Analisi per KPIs Analisi di normalizzazione dei risultati attraverso: na 2,06 na 29,0% 3,1% 9,0% 2,02 6,8% 31,0% 4,3% 7,8% 2,14 14,2% 34,0% 10,9% Identificazione di elementi di costo / ricavo non ricorrenti e/o non caratteristici; Identificazione di errori di natura contabile; Altri elementi di normalizzazione [ ] Pagina 33

34 Il Bridge dei ricavi Il bridge dei ricavi permette di analizzare la dinamica dei ricavi nel corso dei periodi oggetto di analisi: Effetto volume / effetto prezzo Andamento dei ricavi per famiglie di prodotto Andamento dei ricavi per società in caso di Gruppi che predispongono il bilancio consolidato Andamento dei ricavi per canale distributivo (vendite diretti, agenti, ecc.) Altro sulla base del modello di business della società target Pagina 34

35 Il Bridge dei ricavi: esempi Consente di identificare i driver dell incremento/decremento delle vendite Bridge delle Vendite (57) Effetto prezzo > indica l impatto della variazione dei prezzi sulla base dei volumi di vendita dell anno in corso Effetto volume > indica l impatto della variazione dei volumi sulla base dei prezzi di vendita dell anno precedente FY07 effetto volumi effetto prezzi FY08 effetto volumi effetto prezzi FY Prodotto B FY09 Bridge delle Vendite (178) Consente di comprendere quale tipologia di prodotto ha contribuito maggiormente all incremento dei ricavi FY07 Prodotto A Prodotto B FY08 Prodotto A Pagina 35

36 L andamento stagionale dei ricavi L analisi dell andamento stagionale dei ricavi permette di identificare eventuali fenomeni di stagionalità accentuata del business della Target e di considerare le relative conseguenze sui fabbisogni di circolante e quindi di finanziamento nel corso dell esercizio Andamento mensile dei ricavi 25,0 in Milioni di Euro 20,0 15,0 10,0 5,0 Gen Feb Mar Apr Mag Giu FY07 Lug Ago Set Ott Nov Dic FY08 Pagina 36

37 Le analisi di marginalità Le analisi di marginalità permettono di identificare i diversi livelli di marginalità per famiglie di prodotto, per canale distributivo, per area geografica, ecc. (nel grafico sottostante è riportato un esempio di analisi della marginalità per area geografica) Ricavi, Margine di contribuzione e Margine di contribuzione % per paese 0,6 Margine di contribuzione % sui ricavi 0,55 Country 8 0,5 Country 4 Country 7 Country 2 Country 6 0,45 Country 3 Country 5 Country 1 0,4 Country 9 0,35 0,3 0,25 Country 10 0, margine di contribuzione Pagina 37

38 Il Bridge dell EBITDA L EBITDA è determinato da: Prezzi e volumi di vendita dei prodotti; Costi e volumi di acquisto Overheads, ovvero costi fissi e variabili che la società sostiene nel corso del processo di produzione L EBITDA bridge individua le componenti delle variazioni intervenute nel corso dell esercizio Bridge EBITDA FY06-FY Altro EBITDA FY Effetto volume Effetto prezzo Altro EBITDA FY (900) EBITDA FY06 Effetto volume Ricavi Effetto prezzo Acquisti Oveheads Costi Ricavi Acquisti Oveheads Costi Pagina 38

39 La normalizzazione dei risultati (EBITDA) La normalizzazione dell EBITDA si effettua per determinare la redditività mantenibile e sostenibile in condizioni normali Redditi normalizzati come base per il modello di valutazione e quindi con forte orientamento ai risultati futuri Se il core-business è multidivisionale ci si focalizza spesso sulla normalizzazione dei margini divisionali Analisi che fornisce una redditività normale, ossia depurata da: costi/ricavi one-off costi/ricavi non inerenti il core business costi/ricavi che non si manifesteranno in futuro e che quindi distorcono la redditività Impatto dell utilizzo dei principi contabili e politiche di bilanci Pagina 39

40 Esempio di analisi di normalizzazione dei risultati Si effettua per determinare la redditività aziendale realizzabile in condizioni normali. Normalizzazione EBITDA in migliaia Note Ricavi riportati EBITDA riportato L obiettivo è neutralizzare: One off items Elementi non ricorrenti Rilasci o accantonamenti di fondi estranei alla gestione ordinaria Corporate acquisition & disposals Extraordinary & exceptional items Politiche di bilancio Impatto dell utilizzo di principi contabili Errori FY06 Actual FY07 Actual FY08 Actual EBITDA % sui ricavi ,0% 27,3% 29,2% (1) (2) Elementi di normalizzazione e componenti non ricorrenti [ ] (4) [ ] (5) Riclassifiche [ ] [ ] Totale aggiustamenti e normalizzazioni EBITDA Normalizzato [ ] [ ] [ ] Aggiustamenti di natura contabile [ ] [ ] EBITDA normalizzato % su ricavi (6) (7) [ ] [ ] Pagina 40 [ ]

41 Analisi della situazione patrimoniale Stato Patrimoniale Riclassificato in thousands Immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni finanziarie Attivo fisso 31Dec07 31Dec08 31Dec09 Actual Actual Actual Rimanenze Crediti commerciali Debiti commerciali Capitale circolante commerciale (4.022) (4.975) (6.215) Altre attività Altre passività Capitale circolante netto 536 (1.999) (1.614) (2.219) Trattamento di Fine Rapporto Fondi rischi Imposte differite nette Capitale investito netto (662) (31) (540) (650) (39) (551) (643) (46) (464) ,2% 29,3% 1, ,7% 22,6% 1, Indebitamento netto Patrimonio netto Fonti di Finanziamento Indici CCC % su vendite CCN % su vendite Debt/Equity ratio DOI DSO DPO 32,2% 28,3% 1, L analisi della struttura patrimoniale si concentra su: Immobilizzazioni materiali/immateriali/finanziarie Capitale circolante netto Fondi rischi Indebitamento netto Dall analisi della struttura patrimoniale devono emergere: Problematiche di sopravvalutazione / sottovalutazione delle attività patrimoniali Passività non registrate Off balance sheet items [ ] Pagina 41

42 Le immobilizzazioni immateriali OBIETTIVO: identificare hidden values (valori inespressi), e/o capitalizzazioni il cui valore non è recuperabile L analisi include: Criteri di contabilizzazione Impairment test Valutazione della recuperabilità del valore Verifica delle politiche di ammortamento adottate Pagina 42

43 Le immobilizzazioni materiali OBIETTIVO: comprendere la capacità produttiva esistente ed i livelli di Capex attesi L analisi include: Descrizione / localizzazione degli impianti Controllo sulle capitalizzazioni dei costi Verifica politiche di ammortamento / relativo fair value Analisi della capacità produttiva / individuazione dei cespiti inutilizzati Funzionalità delle linee produttive Non-operating assets (asset non strategici) Capex Pagina 43

44 L analisi degli investimenti (Capex) Le analisi sull andamento e sulla composizione storica degli investimenti permettono di valutare le necessità di investimento per il mantenimento e rinnovo dei cespiti aziendali ed il relativo impatto sui flussi di cassa futuri FY06-FY08 Capex In migliaia di Euro FY06 FY07 FY08 Espansione Manutenzione Aggiornamento normativo Ammortamento Pagina 44

45 Il Capitale circolante netto OBIETTIVO: determinare i livelli di capitale assorbiti / generati dal CCN ed identificarne il valore normale al fine di individuare le eccedenze / necessità periodiche L analisi include: Analisi CCN mensile (per evidenziare eventuali fenomeni di stagionalità) Valutazioni delle politiche gestionali del capitale circolante poste in essere dal management Identificazione delle componenti operative e di quelle non operative Pagina 45

46 Le analisi di stagionalità del capitale circolante L analisi dell andamento mensile / trimestrale del capitale circolante è di fondamentale importanza per identificare eventuali picchi che determinano elevate esigenze di cassa nel corso dell esercizio e di conseguenza per strutturare al meglio il finanziamento dell operazione Andamento del Capitale Circolante Netto per componenete 31Mar06-31Dec08 In milioni di Euro Mar06 30Giu06 30Set06 31Dic06 31Mar07 30Giu07 30Set07 31Dic07 31Mar08 30giu08 30Set Dic Magazzino Clienti Fornitori Altri crediti Altri Debiti CCC Pagina 46

47 Esempio di analisi di normalizzazione del Capitale circolante netto Qualora non già gestito in accordi contrattuali, il CCN riportato può necessitare di alcuni aggiustamenti in particolare per eliminare tutte le poste di natura finanziaria incluse nel CCN, per esempio: Normalizzazione CCN Scaduto fornitori (oltre 30gg) Debiti per Capex Factoring, cessioni di crediti Acconti in migliaia Note CCN riportato % sui ricavi Elementi di natura finanziaria inclusi nel CCN Scaduto fornitori oltre 30 giorni Debiti per acquisti di immobilizzazioni Crediti ceduti al società di Factoring Acconti (ricevuti o pagati) (1) (2) (3) (4) 31 dic dic dic ,3% ,3% ,6% Totale aggiustamenti e normalizzazioni [ ] [ ] [ ] CCN normalizzato % sui ricavi [ ] [ ] [ ] [ ] [ ] [ ] Pagina 47

48 La Posizione Finanziaria Netta Posizione Finanziaria Netta in migliaia Cassa Crediti vs banche a B/T (c/c bancari, titoli di stato a B/T, depositi bancari ) Debiti vs banche a B/T (c/c passivi, quote di mutui passivi a B/T, rimborsi di prestiti obbligazionari a B/T ) Totale a breve termine Crediti vs. banche M/L T (c/c bancari, titoli di stato a M/L T, depositi bancari...) Debiti vs. banche M/L T (c/c passivi, quote di mutui passivi a M/L T, rimborsi di prestiti obbligazionari a M/L T ) Posizione Finanziaria Netta 31 dic dic dic (2.346) (1.096) (3.457) (2.507) (5.678) (5.264) (25.000) (25.096) KPI: PFN/Patrimonio Netto Fonte: Bilancio civilistico al 31 dic n ed Informazioni del Management (2,0) (30.000) (28.000) (31.007) (32.264) (2,3) (2,2) La posizione finanziaria netta comprende: indebitamento a breve ed a lungo termine e fonti finanziarie proprie Finalizzata a: Valutare il mix mezzi propri / mezzi di terzi con cui l azienda finanzia l attività di gestione Valutare gli impegni in essere Normalizzazione per tenere conto di: Scaduto fornitori Leasing e factoring Altri impegni in essere Mensilizzazione della posizione finanziaria netta Pagina 48

49 L andamento infrannuale della Posizione Finanziaria Netta L andamento mensile / trimestrale della PFN dovrebbe rispecchiare l andamento del capitale circolante, fatta eccezione in caso di alcuni eventi straordinari (come ad esempio la distribuzione di dividendi) CCC riportato vs. PFN riportata - andamento trimestrale 40,0 35,0 in Milioni di Euro 30,0 25,0 20,0 15,0 10,0 31Mar06 30Giu06 30Set06 31Dic06 31Mar07 30Giu07 CCC riportato 30Set07 31Dic07 31Mar08 30Giu08 30Set08 31Dic08 PFN riportata Pagina 49

50 Esempio di analisi di normalizzazione della PFN Qualora non già gestita in accordi contrattuali, la PFN riportata può necessitare di alcuni aggiustamenti per riflettere correttamente tutte le poste di natura finanziaria. Le principali poste di natura finanziaria non riflesse in PFN: Debiti per beni in leasing (IAS17) Debiti per Capex Scaduto fornitori (oltre 30gg) Effetti SBF/RiBa presentati ma non scaduti Factoring, cessioni di crediti Acconti Normalizzazione PFN in migliaia Note PFN riportata Scaduto fornitori oltre 30 giorni Debito residuo contratti leasing (IAS17) Debiti per acquisti di immobilizzazioni RIBA accrededitate ma non scadute Crediti ceduti al società di Factoring Acconti (ricevuti o pagati) Mark to Market negativo del contratto di IRS (1) (2) (3) (4) (5) (6) (7) 31 dic dic dic 09 (25.096) (31.007) (32.264) Totale aggiustamenti e normalizzazioni [ ] [ ] [ ] PFN normalizzata [ ] [ ] [ ] Altri elementi da considerare TFR Da notare che post riforma il TFR - in contesti di M&A - viene sempre più spesso considerato una componente della PFN. Pagina 50

51 Analisi dei Flussi di Cassa Flussi di cassa operativi FY06 Actual FY07 Actual EBIT 27,0 30,0 Ammortamenti EBITDA 6,0 33,0 6,0 36,0 Non cash items in EBITDA Cash EBITDA (1,0) 32,0 36,0 (2,5) (10,1) (2,0) (0,8) (10,1) (1,0) Flussi di cassa operativi 17,4 24,1 KPI's Cash conversion ratio 52,8% 66,8% in milioni Variazioni di Capitale Circolante Netto (*) Capex Variazione dei fondi rischi L analisi dei flussi di cassa operativi aziendali risulta fondamentale in quanto: Sempre più di frequente i flussi di cassa vengono utilizzati come base per i modelli valutativi (DCF) I flussi sono l indicatore principale della capacità di generazione di cassa del business in analisi (in particolare valutare in particolare la capacità di indebitamento) Banche finanziatrici e investitori finanziari sono interessati a tale analisi per comprendere capacità di ripianamento dei debiti (banche) e capacità di generazione di dividendi (investitori finanziari) (*) Al netto dei saldi relativi alle imposte correnti Pagina 51

52 Bibliografia e Contatti 52

53 Bibliografia Alessandro Cortesi, Le acquisizioni di imprese, Egea Valter Conca, Le acquisizioni, Egea John D. Martin & J. William Petty, Value Based Management, Harvard Business School Press Joseph Krallinger, Mergers & acquisitions: managing the transaction, McGraw-Hill Marco Confalonieri, Trasformazione, fusione, conferimento scissione e liquidazione delle società, Il Sole 24 Ore Carlo Bassani, Cessione e conferimento d azienda, Il Sole 24 Ore Matteo Carlotti, Tecniche di private equity, Egea Michael E. Porter, La strategia competitiva. Analisi per le decisioni, Tipografia Compositori Bologna Philip J. Clements/PricewaterhouseCoopers/LLC, The art of M&A Due Diligence, McGraw-Hill Dino Martinazzoli/Guidalberto Gagliardi, Manuale di Due Diligence, Il Sole 24 Ore PricewaterhouseCoopers, Guida al business plan, redatta in collaborazione con A.I.F.I. ed IBAN PricewaterhouseCoopers, Finanza d impresa, Manuali Operativi IPSOA PricewaterhouseCoopers, Guida al capitale di rischio, redatta in collaborazione con A.I.F.I. Giuseppe Rana & Guidalberto Gagliardi (PricewaterhouseCoopers), Capitale di rischio: la ricerca del partner e la redazione del business plan, articolo pubblicato su Amministrazione & Finanza n Giovanni Tinuper (PricewaterhouseCoopers), Due diligence finanziaria: l investimento è garantito, articolo pubblicato su Amministrazione & Finanza n Guidalberto Gagliardi (PricewaterhouseCoopers), Analisi critica del piano di investimento: i flussi di cassa prospettici, articolo pubblicato su Amministrazione & Finanza n Francesco Giordano (PricewaterhouseCoopers), Sviluppare il business plan: un caso pratico, articolo pubblicato su Amministrazione & Finanza n Luca Grisolia/Mara Sartori/Aldo Stesuri, Due Diligence: analisi contabile, fiscale e legale, Manuali Operativi IPSOA Guidalberto Gagliardi (PricewaterhouseCoopers), Valutare il processo di M&A, articolo pubblicato su Amministrazione & Finanza n Guidalberto Gagliardi ed Emanuela Pettenò (PricewaterhouseCoopers), Disinvestire massimizzando i risultati, articolo pubblicato su Amministrazione & Finanza n

54 Contatti Guido Greco Senior Manager Transaction Services PricewaterhouseCoopers SpA Alessandro Genovesi Assistant Manager Transaction Services PricewaterhouseCoopers SpA Via Tevere 18 Zola Predosa, Bologna Tel Fax Viale Felissent 90 Treviso Tel Fax PricewaterhouseCoopers. All rights reserved. PricewaterhouseCoopers refers to the network of member firms of PricewaterhouseCoopers International Limited, each of which is a separate and independent legal entity. *connectedthinking is a trademark of PricewaterhouseCoopers LLP (US).

PricewaterhouseCoopers

PricewaterhouseCoopers Cenni introduttivi alla due diligence contabile e finanziaria Alessandro Genovesi, Federica Capuzzo Assistant Managers PwC Transactions Venezia, 20 maggio 2009 *connectedthinking La nostra organizzazione

Dettagli

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali A.A. 2013-2014 Prof. Attilio Bruni Corso di Laurea in Comunicazione d Impresa, Marketing e Nuovi Media Il modello finanziario e il bilancio previsionale

Dettagli

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali INDICE ELABORATO 1) Illustrazione delle ipotesi alla base del Business Plan 2) Analisi sintetica

Dettagli

Analisi critica del piano di investimento: i flussi di cassa prospettici

Analisi critica del piano di investimento: i flussi di cassa prospettici Analisi critica del piano di investimento: i flussi di cassa prospettici di Guidalberto Gagliardi PricewaterhouseCoopers Transaction Services esame critico di un piano di investimento presuppone una profonda

Dettagli

Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Business Plan 2 aprile 2012-18:00 Facoltà di Economia Catania Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Aurelio Alizzio E C O N O M I A E G

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

- Salumificio - Business plan

- Salumificio - Business plan - Salumificio - Business plan (tabelle) 1 INDICE 1. Pianificazione economico-finanziaria 2009-2012... 3 a. Conto economico... 3 Ricavi... 3 Costi... 4 b. Stato Patrimoniale... 6 c. Analisi finanziaria...

Dettagli

Denominazione Società. Business Plan

Denominazione Società. Business Plan Denominazione Società Business Plan 20 20 Analisi effettuata il XX.XX.XX A cura di: Schema di Business Plan Università degli Studi di Trento Sommario del Business Plan 0. NO DISCLOSURE E DISCLAIMER...3

Dettagli

www.pwc.com/it L impatto economico del Private Equity e del Venture Capital in Italia Risultati dello studio p.3 Metodologia e Glossario p.

www.pwc.com/it L impatto economico del Private Equity e del Venture Capital in Italia Risultati dello studio p.3 Metodologia e Glossario p. www.pwc.com/it L impatto economico del Private Equity e del Venture Capital in Italia Risultati dello studio p.3 Metodologia e Glossario p.8 Risultati dello studio PwC 3 Le aziende gestite da PE continuano

Dettagli

Riclassificazione di bilancio

Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio a. Cos è b. Finalità c. Criteri 2 1 a. Cos è Operazione di predisposizione dei dati di bilancio per l analisi economico-finanziaria e patrimoniale

Dettagli

Focus sulle principali recenti evoluzioni nel corpo dei principi contabili nazionali e internazionali

Focus sulle principali recenti evoluzioni nel corpo dei principi contabili nazionali e internazionali Focus sulle principali recenti evoluzioni nel corpo dei principi contabili nazionali e internazionali Giovanni Ferraioli Roma 2 dicembre 2009 PwC Agenda IFRS 8 Segment Reporting Cenni su IFRIC 13 e IFRIC

Dettagli

La redazione del Piano Industriale. Indice e contenuti

La redazione del Piano Industriale. Indice e contenuti La redazione del Piano Industriale Indice e contenuti Ai lavori hanno partecipato (Marzo 2013): Borsa Italiana S.p.A. - Nunzio Visciano (Head Equity Market Listing) - Andrea Scremin (Manager Equity Market

Dettagli

CONSOLIDATO. Le vostre esigenze. La nostra offerta di sevizi. I nostri punti di forza. Formazione. Assistenza nei processi complessi

CONSOLIDATO. Le vostre esigenze. La nostra offerta di sevizi. I nostri punti di forza. Formazione. Assistenza nei processi complessi Le vostre esigenze Beneficiare di un assistenza puntuale e regolare nella produzione della vostra informativa finanziaria consolidata permettendovi di rendere flessibile il vostro livello di risorse Rendere

Dettagli

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO Università di Pavia Facoltà di Economia a. a. 2012-2013 Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO SEMINARIO TENUTO DAL DOTTOR MARIO SPALTINI 10 dicembre

Dettagli

Capitale di rischio: la ricerca del partner e la redazione del Business Plan

Capitale di rischio: la ricerca del partner e la redazione del Business Plan Capitale di rischio: la ricerca del partner e la redazione del Business Plan di Giuseppe Rana e Guidalberto Gagliardi PricewaterhouseCoopers Transaction Services Nella prima fase del processo di investimento

Dettagli

Ma l innovazione porta risultati? (il dilemma trend / cash flow)

Ma l innovazione porta risultati? (il dilemma trend / cash flow) Ma l innovazione porta risultati? (il dilemma trend / cash flow) Assemblea Assogiocattoli 27 maggio 2010 Antonio Fossati Managing Partner RDS Consulting Università Pavia 1 2 REMAP YOUR SALES RESHAPE YOUR

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO.

IL RENDICONTO FINANZIARIO. IL RENDICONTO FINANZIARIO. Lezione 3 Castellanza, 3 Ottobre 2007 2 Il Rendiconto Finanziario Il Rendiconto Finanziario costituisce per l analisi della dinamica finanziaria ciò che il conto economico rappresenta

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

2. LE CARATTERISTICHE DELLA DUE DILIGENCE CONTABILE 2.1. Definizione pag. 11 2.2. Obiettivi pag. 11 2.3. Tipologie pag. 12

2. LE CARATTERISTICHE DELLA DUE DILIGENCE CONTABILE 2.1. Definizione pag. 11 2.2. Obiettivi pag. 11 2.3. Tipologie pag. 12 1. DUE DILIGENCE CONTABILE: ASPETTI GENERALI 1.1. Premessa pag. 3 1.2. L accordo di riservatezza pag. 4 1.3. La lettera di intenti pag. 5 1.4. Il contratto pag. 7 1.5. I consulenti pag. 7 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 Comunicato Stampa Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 Ricavi netti 3.875 migliaia ( 3.164 migliaia al 30 giugno 2014)

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari IL RENDICONTO FINANZIARIO Prof. Luca Fornaciari 1 SOMMARIO 1. Finalità e Normativa di riferimento 2. Ruolo del Rendiconto nel Bilancio d esercizio 3. Contenuto, Struttura e Metodi d analisi 4. Logiche

Dettagli

Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi

Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi Le attività da svolgere per la realizzazione del Business Plan da parte del sono le seguenti: 1. Inserimento del resoconto dell'anno 2.

Dettagli

Redazione del Business Plan. Andrea Gabola Dottore Commercialista in Torino

Redazione del Business Plan. Andrea Gabola Dottore Commercialista in Torino Redazione del Business Plan Andrea Gabola Dottore Commercialista in Torino 1 Agenda Definizione Chi lo redige e verso chi è diretto? Contesti di utilizzo Struttura e contenuti Suggerimenti per la redazione

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale Milano, 5 Agosto 2011 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: I dati consolidati del 1 semestre 2011 Le Previsioni 2011 Le Linee guida del prossimo Piano Industriale

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

La necessità di controllare l evoluzione

La necessità di controllare l evoluzione METODI LA COSTRUZIONE DEL BUDGET DI TESORERIA: L ESPERIENZA DI ALFA S.P.A. La necessità di controllare l evoluzione dell andamento finanziario in un ristretto arco di tempo viene soddisfatta dal budget

Dettagli

COMUNICARE L AZIENDA PER REPERIRE

COMUNICARE L AZIENDA PER REPERIRE COMUNICARE L AZIENDA PER REPERIRE CAPITALI UTILIZZANDO AL MEGLIO LE INFORMAZIONI. LE FONTI DI FINANZIAMENTO L attività d impresa, esaminata in un ottica puramente finanziaria, si sviluppa e si concretizza

Dettagli

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo L'importanza del Business Plan Elementi tecnici ed economici Maurizio Longo A cosa serve un Business Plan A richiedere un finanziamento in Banca E poi??? Il BP è uno strumento dinamico che serve per capire

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

Newsletter n.84 Febbraio 2011. Approfondimento_42

Newsletter n.84 Febbraio 2011. Approfondimento_42 Newsletter n.84 Febbraio 2011 Approfondimento_42 DUE DILIGENCE: Definizioni e procedure di valutazione nelle operazioni aziendali straordinarie La PROIND SRL : il vostro consulente esterno per le attività

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

RELAZIONE SULL ANDAMENTO DEL GRUPPO GEOX NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2006

RELAZIONE SULL ANDAMENTO DEL GRUPPO GEOX NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2006 RELAZIONE SULL ANDAMENTO DEL GRUPPO GEOX NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2006 Geox S.p.A. Sede in Biadene di Montebelluna (TV) - Via Feltrina Centro 16 Capitale Sociale euro 25.884.400 = int. versato Codice fiscale

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni IL BUSINESS PLAN Il Business Plan definizioni Il business plan, o piano di impresa, riassume i contenuti, le caratteristiche e le aspettative future di un iniziativa, di un progetto o di un attività Può

Dettagli

Valorizzare. in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile.

Valorizzare. in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile. 78 Valorizzare in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile. FINMECCANICA BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2011 performance

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 7 Rendiconto finanziario SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ANALISI DETTAGLIATA ESEMPIO DI PREDISPOSIZIONE DEL RENDICONTO IAS 7

Dettagli

B. MAPPA STRATEGICA. Progetti: Vantaggi/obiettivi: Clienti: Processi da implementare: Staff:

B. MAPPA STRATEGICA. Progetti: Vantaggi/obiettivi: Clienti: Processi da implementare: Staff: BUSINESS PLAN SOCIETA XYZ Maggio 2014 Aprile 2017 A. ASPIRAZIONI, SETTORE, STRATEGIE E OPPORTUNITA La società ha sede nella città di Scutari, in Albania ed opera nel settore calzaturiero, nello specifico

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

Business Planning Claudio Gigli

Business Planning Claudio Gigli Business Planning Claudio Gigli 23 SETTEMBRE 213 Obiettivi del seminario 1. Illustrare logica, contenuti, struttura di un business plan 2. Condividere 3 casi concreti 3. Affrontare con i partecipanti del

Dettagli

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2013

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2013 Comunicato Stampa Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2013 Ricavi netti 1.799 migliaia ( 1.641 migliaia al 30 giugno 2012)

Dettagli

Il ruolo del credito per favorire l integrazione

Il ruolo del credito per favorire l integrazione Il ruolo del credito per favorire l integrazione Corrado Piazzalunga Direttore Regione Commerciale Ovest Forte di Bard, 26 settembre 2008 AGENDA Le caratteristiche delle imprese italiane: struttura finanziaria

Dettagli

CAPITOLO 2 I LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE NEL BILANCIO 2007 di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle

CAPITOLO 2 I LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE NEL BILANCIO 2007 di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle ANALISI PARTE PRIMA Novità CAPITOLO 1 LA CONTABILIZZAZIONE DEGLI IMMOBILI SECONDO I PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. IL

Dettagli

La Due Diligence nell attività di revisione legale: l analisi del conto economico e dello stato patrimoniale

La Due Diligence nell attività di revisione legale: l analisi del conto economico e dello stato patrimoniale S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA DUE DILIGENCE ECONOMICO-FINANZIARIA A PRESIDIO DELLA CONTINUITA AZIENDALE La Due Diligence nell attività di revisione legale: l analisi del conto economico

Dettagli

23. Fondi del personale

23. Fondi del personale 23. Fondi del personale La voce comprende: 382 PIRELLI & C. S.p.A. MILANO Fondi pensione: - finanziati 157.368 118.234 - non finanziati 88.752 88.050 TFR (società italiane) 56.783 74.559 Piani di assistenza

Dettagli

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI 1 LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA DECISIONI RILEVANTI: DI UN AZIENDA COMPRENDE TRE DECISIONI DI DIVIDENDO

Dettagli

Territorio e Impresa

Territorio e Impresa Territorio e Impresa 23 marzo 2012-15:00 Catania - Le Ciminiere Il Business Plan e il nuovo ruolo dei consulenti Aurelio Alizzio T E R R I T O R I O E I M P R E S A LA STRUTTURA DI UN BUSINESS PLAN 2 1.

Dettagli

Le rettifiche di purchase price tra il signing e il closing

Le rettifiche di purchase price tra il signing e il closing Aggiustamento prezzo Le rettifiche di purchase price tra il signing e il closing di Renato Vigezzi e Pierluca Mezzetti Molti contratti di acquisto e/o di cessione prevedono delle modalità di aggiustamento

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale 1 trimestre 2007 Reno De Medici S.p.A. Sede Legale in Milano Via dei Bossi, 4 Direzione Generale e Amministrativa: Pontenuovo di Magenta (MI) Via G. De Medici, 17 Capitale sociale

Dettagli

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Pavimental S.p.A. Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade S.p.A. Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Elaborata sulla base degli adottati nel Gruppo

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

Relazione finanziaria semestrale del Gruppo Isaia al 30.06.2015. Napoli, 21 Settembre 2015 abstract

Relazione finanziaria semestrale del Gruppo Isaia al 30.06.2015. Napoli, 21 Settembre 2015 abstract Relazione finanziaria semestrale del Gruppo Isaia al 30.06.2015 Napoli, 21 Settembre 2015 abstract Situazione Economica e Patrimoniale al 30 Giugno 2015 a. Principali dati economico finanziari consolidati

Dettagli

IGD SIIQ SPA: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015.

IGD SIIQ SPA: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015. COMUNICATO STAMPA IGD SIIQ SPA: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015. Principali risultati dei primi novi mesi del 2015: Utile Netto del Gruppo:

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005

RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005 RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 29 luglio 2005 Poligrafica San Faustino S.p.A. 25030 CASTREZZATO (BS) ITALY - V. Valenca 15 Tel. (030) 70.49.1 - (10

Dettagli

Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE. La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo

Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE. La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo Business School Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo Dott. FRANCO VASELLI Siena, 22 Novembre 2012 CRISI

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

Agenda. Chi siamo. I nostri servizi. Contatti. Pag. 2. 1.1 Società, valori di fondo e approccio. 1.2 Partner. Pag. 3. 2.1 Aree di attività. Pag.

Agenda. Chi siamo. I nostri servizi. Contatti. Pag. 2. 1.1 Società, valori di fondo e approccio. 1.2 Partner. Pag. 3. 2.1 Aree di attività. Pag. Agenda Chi siamo 1.1 Società, valori di fondo e approccio 1.2 Partner Pag. 2 Pag. 3 I nostri servizi 2.1 Aree di attività 2.2 Servizi Pag. 4 Pag. 5 Contatti 3.1 Contatti Pag. 8 1 Chi siamo 1.1 Società,

Dettagli

Cash flow e capacità di rimborso

Cash flow e capacità di rimborso Cash flow e capacità di rimborso Descrizione 1. I fabbisogni finanziari I fabbisogni finanziari di una azienda sono determinati da: incremento delle attività; decremento delle passività. Appartiene alla

Dettagli

LOMBARDA BOLLITORI srl. Piano economico e finanziario

LOMBARDA BOLLITORI srl. Piano economico e finanziario LOMBARDA BOLLITORI srl Piano economico e finanziario 1 Sintesi del documento Lombarda Bollitori srl è un operatore di nicchia nel mercato delle apparecchiature per il riscaldamento dell acqua, segmento

Dettagli

pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39

pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39 pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39 Financial Instrument Gli IFRS sono principi di rappresentazione della realtà economica di un certa azienda o reporting entity Nell ambito della realtà economica

Dettagli

Arkios Italy Where Finance meets Corporate Strategy

Arkios Italy Where Finance meets Corporate Strategy Where Finance meets Corporate Strategy Milano, Londra, Pechino, Dubai Stoccolma, Berlino, Zurigo, Madrid, Mumbai, Houston, Tel Aviv, Singapore, Melbourne Dalla Parte dell Imprenditore è una Boutique di

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Crescita dei ricavi: 185,7 milioni di Euro nel trimestre (+16% su base annua) portano i ricavi nei nove mesi a 539,3

Dettagli

Le procedure di ristrutturazione che includono operazioni straordinarie Ruolo e attività dell advisor finanziario

Le procedure di ristrutturazione che includono operazioni straordinarie Ruolo e attività dell advisor finanziario Le procedure di ristrutturazione che includono operazioni straordinarie Ruolo e attività dell advisor finanziario Milano, 9 aprile 2013 Deloitte Financial Advisory Agenda Introduzione Analisi quantitativa

Dettagli

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12 SYLLABUS Amministrazione e Bilancio Docente di riferimento: Alessandro Cortesi Il primo macro-modulo ha l obiettivo di permettere ai partecipanti di utilizzare con efficacia i sistemi software per la corretta

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985 CORPORATE FINANCE Consulenza di Investimento dal 1985 ADB Analisi Dati Borsa SpA ADB - Analisi Dati Borsa SpA è una società di Consulenza in materia di Investimenti, fondata nel 1985 a Torino. Offre servizi

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA

IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA SUA GESTIONE FIRENZE, 6 FEBBRAIO 2014 DOTT. EMILIO PASQUETTI IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA SUA GESTIONE Sommario 1. Quadro macroeconomico

Dettagli

Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016

Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016 Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016 Valore della produzione di Primi sui Motori SpA 2013 pari a Euro 11,5 milioni, +9,4% rispetto al 2012 (Euro 10,5 milioni)

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

L analisi del bilancio di esercizio

L analisi del bilancio di esercizio L analisi del bilancio di esercizio 1 Le Fasi A. Raccolta dei dati di bilancio B. Riclassificazione del bilancio C. Determinazione ed utilizzo di uno schema di analisi D. Interpretazione dei risultati

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

Srl La predisposizione del piano finanziario

Srl La predisposizione del piano finanziario Srl La predisposizione del piano finanziario 1 Srl stato patrimoniale al 31/12/24 Attività Passività Software e licenze 55., 22., Impianti generici 15., 28., Mobili ed arredi 124., 12., Macchine elettroniche

Dettagli

RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014

RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 SOMMARIO Geox S.p.A. Sede in Biadene di Montebelluna (TV) - Via Feltrina Centro 16 Capitale Sociale euro 25.920.733,1 - Int. versato Codice fiscale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO SpA COMUNICA: COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB Gruppo Espresso: il consiglio di amministrazione approva i risultati

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

MODULO a LE IMPRESE INDUSTRIALI: ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI Le imprese industriali: concetti introduttivi Aspetti caratteristici della moderna produzione industriale Le principali classificazioni

Dettagli

Assemblea degli azionisti di Unipol Gruppo Finanziario

Assemblea degli azionisti di Unipol Gruppo Finanziario Assemblea degli azionisti di Unipol Gruppo Finanziario Carlo Cimbri Amministratore Delegato Bologna, 18 giugno 2015 Semplificazione, Solidità, Sostenibilità Il 2014 in sintesi 1 Semplificazione della struttura

Dettagli

Bilancio di Telecom Italia S.p.A.

Bilancio di Telecom Italia S.p.A. Bilancio di Telecom Italia S.p.A. Indice 262 Indice 263 Stato patrimoniale 265 Conto economico 267 Prospetto dei movimenti di patrimonio netto 268 Rendiconto finanziario 270 Nota 1 Forma, contenuto ed

Dettagli

Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo 9

Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo 9 UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria A.a. 2002/2003 Parma, 27 novembre 2002 Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo

Dettagli

Liberare risorse per sviluppare il proprio business

Liberare risorse per sviluppare il proprio business FAI EMERGERE DALL AZIENDA LA LIQUIDITA NECESSARIA AL TUO BUSINESS Liberare risorse per sviluppare il proprio business Per una visione olistica della gestione del capitale circolante Giuseppe Santoro Consulente

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Mittel S.p.A. ha approvato il Resoconto intermedio sulla gestione 1 ottobre 30 giugno 2015

Il Consiglio di Amministrazione di Mittel S.p.A. ha approvato il Resoconto intermedio sulla gestione 1 ottobre 30 giugno 2015 MITTEL S.p.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz n. 7 Capitale Sociale 87.907.017 i.v. Iscritta al Registro Imprese di Milano al n. 00742640154 www.mittel.it *** *** *** *** *** *** *** *** *** COMUNICATO

Dettagli

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Copyright 2008 Antonello Garzoni - Tutti i diritti riservati. Prof. Antonello Garzoni ARTI, 20-21-22 Maggio 2008 Agenda Gli

Dettagli

Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa

Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Business Plan nei rapporti con il mondo finanziario Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa Massimo Talone Milano, 26 maggio

Dettagli

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BANCA DI ROMAGNA SPA SEDE LEGALE IN FAENZA CORSO GARIBALDI 1. SOCIETÀ APPARTENENTE AL GRUPPO UNIBANCA SPA (ISCRITTO ALL'ALBO DEI

Dettagli

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014 IL BUSINESS PLAN PER TUTTI 25 giugno 2014 Elaborazione del Modello di Greitner Esempio di Mappa strategica Massimizzazione del profitto Remunerazione adeguata dei soci Economico Finanziaria Aumento della

Dettagli

Strategie e strumenti di pianificazione finanziaria

Strategie e strumenti di pianificazione finanziaria www.pwc.com/it Strategie e strumenti di pianificazione finanziaria Reggio Emilia, 28 maggio 2013 Agenda Introduzione il rischio di liquidità e gli strumenti per la sua gestione 1. Gestione della liquidità

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

L ANALISI PER FLUSSI E LA COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

L ANALISI PER FLUSSI E LA COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO L ANALISI PER FLUSSI E LA COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO L ANALISI PER FLUSSI Oggetto di studio: Analizza le VARIAZIONI intervenute in un FONDO da un esercizio all altro impieghi FLUSSI fonti Aggregato

Dettagli

Presentazione dell Azienda

Presentazione dell Azienda Presentazione dell Azienda Chi siamo PricewaterhouseCoopers Italia fa parte del network internazionale PricewaterhouseCoopers (PwC), leader nel settore dei servizi professionali alle imprese. Il nostro

Dettagli

UTILE NETTO A 132,4 MILIONI (+26%) ACCELERA LA RACCOLTA NETTA OLTRE GLI OBIETTIVI L INTEGRAZIONE DEL RAMO D AZIENDA DI CREDIT SUISSE

UTILE NETTO A 132,4 MILIONI (+26%) ACCELERA LA RACCOLTA NETTA OLTRE GLI OBIETTIVI L INTEGRAZIONE DEL RAMO D AZIENDA DI CREDIT SUISSE Risultati nove mesi UTILE NETTO A 132,4 MILIONI (+26%) - Utile del 3 trimestre a 43,9 milioni (+31%) - Commissioni di gestione a 262 milioni (+21%) - Cost/Income in calo al 35,4% ACCELERA LA RACCOLTA NETTA

Dettagli

CFO. Direzione Amministrazione, Finanza e Controllo

CFO. Direzione Amministrazione, Finanza e Controllo CFO. Direzione Amministrazione, Finanza e Controllo FORMAZIONE AVANZATA ECONOMIA AREA A Amministrazione e Bilancio MODULO 1 PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI I 27 febbraio 11.00-19.00 Presentazione master

Dettagli

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA RIUNITO IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CAMFIN SPA ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS APPROVATA LA RELAZIONE

Dettagli

GESTIRE I RISCHI IN AZIENDA TECNOLOGIE DI SUPPORTO

GESTIRE I RISCHI IN AZIENDA TECNOLOGIE DI SUPPORTO GESTIRE I RISCHI IN AZIENDA TECNOLOGIE DI SUPPORTO DEFINIZIONE DEI RISCHI L esigenza per le Corporate di ricorrere ad un adeguato processo di gestione dei rischi finanziari di mercato (Corporate Financial

Dettagli