SERVIZIO RESOCONTI. MISSIONE IN CASERTA 12 maggio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA. La seduta inizia alle

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SERVIZIO RESOCONTI. MISSIONE IN CASERTA 12 maggio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA. La seduta inizia alle 18.45."

Transcript

1 1/6 MISSIONE IN CASERTA 12 maggio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA La seduta inizia alle PRESIDENTE. Vi ringrazio di essere qui. Noi siamo a Caserta già da un po di tempo, in rapporto con tutto il territorio, relativamente a questa vicenda complessa e anche drammatica del rapporto tra rifiuti e criminalità organizzata, e alle questioni del Consorzio unico, del personale, dell emergenza, che in qualche modo è ancora presente. Nel ringraziarvi, vorremmo conoscere una valutazione e una riflessione rispetto al rapporto tra l emergenza e la vicenda dei rifiuti, da quelli urbani a quelli speciali e radioattivi; vorremmo sapere, inoltre, se al di là di quanto abbiamo sentito dai procuratori, sono in corso operazioni anche da parte del vostro Corpo. FRANCESCO SAVERIO MANOZZI, Comandante provinciale Guardia di finanza di Caserta. Sono il colonnello Francesco Saverio Manozzi, comandante provinciale della Guardia di finanza di Caserta. Con riferimento alla questione ambientale, il territorio di Caserta si connota per la presenza di sodalizi criminosi di matrice camorristica che hanno condizionato, come l evidenza investigativa e le attività giudiziarie che sono intervenute dimostrano, anche la gestione del ciclo dei rifiuti. La Guardia di finanza, che ha una funzione sicuramente marginale rispetto all Arma dei carabinieri o al Corpo forestale dello Stato per quanto riguarda il contesto agroambientale, comunque sia in questa realtà ha sviluppato forte anche delle competenze di carattere economicofinanziario che sono sue proprie una serie di attività mirate a disarticolare il sistema che si era venuto a determinare. Mi piace ricordare le attività condotte dalla tenenza di Mondragone per quanto riguarda l individuazione e l infiltrazione camorristica nella gestione del ciclo dei rifiuti con riferimento al Consorzio CE4/ECO4, una società pubblico-privata. Ancora, la compagnia di Marcianise ha condotto una serie di operazioni che hanno portato alla luce vent anni di infossamenti di rifiuti nel territorio, con arresti e soprattutto sequestri ingenti di beni. Parliamo delle operazioni «Terra promessa 1 e 2», con riferimento al clan riconducibile a

2 2/6 Bidognetti; parliamo di un operazione molto più recente, che risale al 28 maggio 2009, denominata «Giudizio finale», condotta insieme al Comando tutela ambiente dei Carabinieri (cioè il NOE) di Caserta, che portò all arresto di cinque persone e soprattutto al sequestro di circa 50 milioni di beni, tra cui 14 aziende coinvolte a vario titolo nella gestione del ciclo dei rifiuti. Quest ultima, per stessa ammissione della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, che coordinava le indagini, è stata l operazione che ha svelato in maniera assolutamente chiara quale fosse il livello di implicazione della camorra nella gestione dei rifiuti. Ciò soprattutto perché la camorra presentava un sistema organizzativo che andava dall imporre le società di intermediazione a cui tutti dovevano fare riferimento per lo smaltimento dei rifiuti alla creazione di società cartiere, quelle che ordinariamente nascono e muoiono per emettere fatture per operazioni inesistenti. Parlo di un sistema tale da coprire il discorso delle tangenti, ma soprattutto c era occupazione militare del territorio, con una serie di attività di intimidazione nei confronti di altri operatori del settore, che venivano piegati alle estorsioni. Parallelamente a questa attività principale, si sono inserite altre attività mi riferisco alle operazioni «Scacco al re» e «Pizzo sul pizzo» che hanno colpito fenomeni collaterali di estorsioni legate sempre a questo mondo dell imprenditoria. Questa indagine, soprattutto, ha evidenziato la funzione di spiazzamento che l ingerenza della camorra nella gestione dei rifiuti comporta rispetto all economia legale, perché, potendo contare su illeciti proventi che derivano dal traffico della droga se non da quello delle sigarette, un azienda camorristica può stare sul mercato a prezzi troppo concorrenziali o non tenere conto di perdite, perché in quell ambito la gestione dei bilanci è tutto sommato l ultimo dei pensieri. Questa vicenda si è svolta in due fasi: la prima è quella culminata il 28 maggio 2009; la seconda è il sequel di quella operazione, del luglio 2009, che ha visto la compagnia di Marcianise eseguire un sequestro per circa 400 mila euro. Da sottolineare è il fatto che tra i soggetti coinvolti c era anche Scialdone Antonio, già direttore del Consorzio, che all epoca era direttore della RECAM, una società finanziata con fondi della regione che era tenuta alla bonifica dei Regi Lagni. Tra l altro, Scialdone risultava anche amministratore delegato di una serie di società, a loro volta compartecipate da Di Giovanni Pasquale, uno dei soggetti fedelissimi del clan Belforte. Lo stesso Scialdone, come risulta, è stato un direttore del Consorzio unico di bacino. ALESSANDRO BRATTI. Lo è tuttora? FRANCESCO SAVERIO MANOZZI, Comandante provinciale Guardia di finanza di Caserta. No, adesso no.

3 3/6 Con riferimento ai Regi Lagni, credo che la procura di Santa Maria Capua Vetere abbia ampiamente illustrato l attività che è stata svolta. Sono stati svelati gli esiti di un attività di indagine durata circa quattro anni, condotta dalla Guardia di finanza unitamente all ARPAC e all ENEA. Si tratta di un attività che ha valorizzato anche degli studi scientifici dell ENEA, proprio sul progetto Regi Lagni del 2001, e ha condotto, com è noto, ad aprile scorso all esecuzione di 22 ordinanze domiciliari nei confronti di una serie di titolari di aziende bufaline, alla notifica di quattro misure interdittive nei confronti dei funzionari che erano preposti alla gestione delle concessionarie Hidrogest e Dondi, società che gestivano i quattro depuratori a loro volta sequestrati, nonché al sequestro di 25 aziende bufaline. Le indagini hanno evidenziato un sistema di inefficienza degli impianti di depurazione. Addirittura, taluni rilievi effettuati insieme a funzionari dell ARPAC hanno evidenziato che, a volte, le acque a monte dei depuratori erano più pulite di quelle che ne uscivano. L indagine evidenziò, inoltre, che alcuni comuni erano convinti di essere collettati ai depuratori, ma nella realtà non lo erano, anche se pagavano il servizio di depurazione. C erano insediamenti industriali che sversavano i reflui senza le autorizzazioni e, soprattutto, aziende bufaline che o sversavano le deiezioni animali direttamente nei Regi Lagni, un corpo idrico artificiale che percorre parte della provincia di Benevento, attraversa Napoli, arriva nella provincia di Caserta per poi sfociare nel mar Tirreno, oppure addirittura le spandevano sui terreni dove gli stessi animali andavano a mangiare. Per quanto riguarda la situazione in corso, sui Regi Lagni proseguono le attività, ma il grosso è stato fatto ad aprile scorso. Per quanto riguarda le attività svolte nei confronti del Consorzio unico, lavoriamo nell ambito di una delega della procura di Santa Maria Capua Vetere. Sono state effettuate attività di polizia giudiziaria e una serie di perquisizioni ordinate dalla procura, che hanno interessato la sede del Consorzio unico di bacino e delle articolazioni territoriali (gli ex CE1, CE2, CE3 e CE4); hanno interessato, in quel caso soprattutto per l acquisizione delle determinazioni dirigenziali che avevano deciso l elevazione di tutti i livelli retributivi. Ci sono state perquisizioni presso le sedi delle quattro società di vigilanza privata la 2D, la International security guard, la Global security service e Vigilanza e sorveglianza e dei loro amministratori; altre perquisizioni hanno riguardato l abitazione di Scialdone, nonché le sedi dei comitati elettorali di Pontillo Michela, compagna di Scialdone. PRESIDENTE. Prima di passare la parola ai colleghi, volevo chiederle se, nel frattempo, relativamente ai rapporti tra la criminalità organizzata e la vicenda dei rifiuti, il flusso dei rifiuti

4 4/6 speciali o di sostanze radioattive che venivano dal nord è in qualche modo ancora presente o si è interrotto, anche rispetto alla vicenda complessiva del ciclo integrato dei rifiuti. FRANCESCO SAVERIO MANOZZI, Comandante provinciale Guardia di Finanza di Caserta. Quanto alle provenienze dal nord, dopo l operazione «Terra promessa» del giugno 2008, al momento non sono a conoscenza di altri arrivi dal nord Italia. Questo, almeno, è il nostro quadro investigativo. Sicuramente, poiché le operazioni sono piuttosto recenti e ci sono attività sempre in corso, la tematica relativa alla gestione del ciclo dei rifiuti nel territorio di Caserta mantiene sempre e comunque una sua rilevanza, non fosse altro che per gli interessi economici sottesi al fenomeno. Il coinvolgimento delle organizzazioni camorristiche è legato a un interesse economico. Del resto, oltre che per l occupazione del territorio, loro si muovono per realizzare dei guadagni e, come hanno evidenziato le indagini, sicuramente i guadagni sono piuttosto consistenti. ALESSANDRO BRATTI. Lei ci ha ricordato che state svolgendo indagini o accertamenti sugli istituti di vigilanza privata. Alcuni di questi istituti sono anche quelli che oggi stanno presidiando alcune discariche al posto dell Esercito? FRANCESCO SAVERIO MANOZZI, Comandante provinciale Guardia di Finanza di Caserta. Sì, a San Tammaro, ex Casone. SANDRO BALDASSARRI, Guardia di finanza di Napoli. Sono il colonnello Sandro Baldassarri, comandante del nucleo polizia tributaria di Napoli, e sono qui in sostituzione del generale Mainolfi, comandante provinciale, impegnato fuori sede. Vorrei solo dare un aggiornamento flash su una questione che è già nota a questa Commissione, perché è stata più volte trattata, ed è quella relativa alle società che si occupavano della gestione del ciclo integrato dei rifiuti in Campania: Impregilo, Fibe, Fibe Campania e Fisia Italimpianti. Con l ordinanza dell agosto del 2008 il tribunale del riesame aveva annullato il provvedimento emesso nel giugno del 2007 dal gip, dottoressa Saraceno. Nell ottobre del 2009, dopo l interessamento della Corte di cassazione, c è stata una nuova pronuncia e la validità di questo provvedimento è stata rinnovata fino alla concorrenza non più di 750 milioni di euro, come nel provvedimento originario, ma di 266 milioni di euro.

5 5/6 Nei primi mesi del 2010, quindi, in esecuzione di direttive specifiche della procura, abbiamo iniziato a sequestrare le liquidità che erano sui conti correnti di queste società. Sostanzialmente, le attività investigative pure di polizia giudiziaria sono terminate; c è già stato l udienza presso il gup e, se non ricordo male, è stata fissata la prima udienza presso il tribunale per il 20 luglio. Credo che ci siano posizioni già definite con riti alternativi. Per quanto riguarda le attività investigative prettamente indirizzate alla criminalità organizzata, il reparto che ha la competenza su tutto il distretto della Corte di appello di Napoli, il GICO (Gruppo Investigativo sulla criminalità organizzata), non ne ha né delegate, né di iniziativa, anche perché quelle di maggiore spessore sono state avviate a suo tempo sulle dichiarazioni di Gaetano Vassallo e furono affidate ai reparti del comando provinciale di Caserta. Un altra attività sempre diretta dalla procura della Repubblica di Napoli riguarda i depuratori di Cuma, Acerra e Napoli est. Come Guardia di finanza, come spesso accade con la procura della Repubblica di Napoli, siamo andati in ausilio all Arma dei carabinieri, acquisendo la documentazione tecnica relativa anche alla realizzazione e alla manutenzione di questi depuratori. L ipotesi investigativa è che sostanzialmente i liquami non fossero pretrattati, ma sversati nel depuratore, quindi direttamente in mare tal quali. È stata acquisita copiosa documentazione tecnica, che è attualmente al vaglio di alcuni consulenti nominati dalla procura della Repubblica. I reati ambientali in se stessi sono sostanzialmente investigati dal NOE, noi ce ne stiamo occupando per gli aspetti prettamente economico-finanziari. Un altra attività quella che sarà conclusa dalla compagnia della Guardia di finanza di Nola, sotto la direzione della procura di Nola ha riguardato la società pubblica Campania Felix spa, che gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti nei comuni del nolano, Saviano, Tufino, Nola e Mariglianella. In realtà, è stato accertato che nel periodo emergenziale più forte (ma l emergenza ancora è presente) sversavano in aree non autorizzate. È stata disposta anche una perizia geofisica, ma al momento non abbiamo ancora una risposta, in quanto c è il fondato motivo di ritenere che in quell area siano interrati anche rifiuti radioattivi. Al momento, tuttavia, la procura di Nola non ha ricevuto risposta in questo senso. Un altra attività è quella della compagnia della Guardia di finanza di Afragola, da poco avviata. L ipotesi è quella di uno sversamento in fognatura di liquami prelevati da privati e da ditte industriali con la copertura degli autospurghi.

6 6/6 CANDIDO DE ANGELIS. A voi risulta che il comune di Afragola sia collettato? SANDRO BALDASSARRI, Guardia di finanza di Napoli. Non ho questo dato. Quella di cui parlavo è chiaramente una copertura, soprattutto in relazione ad alcuni privati, ma è ovvio che si raccolgono anche oli esausti e quant altro. CANDIDO DE ANGELIS. Non sapete se è collegato al depuratore SANDRO BALDASSARRI, Guardia di finanza di Napoli. No. ALESSANDRO BRATTI. Questa società Campania Felix è un consorzio pubblico al 100 per cento o è una società mista a maggioranza pubblica? SANDRO BALDASSARRI, Guardia di finanza di Napoli. A noi risulta pubblico al 100 per cento. Fino a poco tempo fa la maggioranza era del comune di Nola, ora è di Tufino. PRESIDENTE. Vi ringrazio e dichiaro conclusa l audizione. La seduta termina alle

GUARDIA DI FINANZA. Nucleo Polizia Tributaria Roma G.I.C.O. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA

GUARDIA DI FINANZA. Nucleo Polizia Tributaria Roma G.I.C.O. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA MODUS OPERANDI LE CONDOTTE ILLECITE Imprenditori diretta espressione del clan dei casalesi; Costituzione di società

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO

RESOCONTO STENOGRAFICO CAMERA DEI DEPUTATI 1/6 SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio.

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. Gen. B. Stefano Screpanti Nel porgere un sentito saluto agli illustri Deputati

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO

PROVINCIA DI LIVORNO PROVINCIA DI LIVORNO SEGNALAZIONE A SEGUITO DI CONTROLLO PRESSO UNA SOCIETA CHE EFFETTUAVA BONIFICA DI UN SITO INQUINATO OGGETTO DELLA VERIFICA CONTROLLO F.I.R. RELATIVI AL TRASPORTO DI EMULSIONI CONTENENTI

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7 1/7 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECIRE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDÌ 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli

Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP.

Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Procedimento penale: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Imputati:

Dettagli

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all Indagine Fort Knox Roma, 08 aprile 2014 Indagine Fort Knox Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario) Napoli, Chiaia, 2001-05 PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. - Numeri di registro: 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib.

Dettagli

ELEMENTI DI PRECISAZIONE

ELEMENTI DI PRECISAZIONE ELEMENTI DI PRECISAZIONE LA NATURA DELLA PROBLEMATICA INERENTE IL COLLETTORE NERO DI ACERRA Particolare rilevanza rivestono gli interventi sul Collettore Emissario dell Area Industriale di Acerra (cd.

Dettagli

CONTROLLO AMBIENTALE - PISA L'ATTIVITÀ ARPAT PRESSO IL SITO EX- DECOINDUSTRIA A S.STEFANO A MACERATA (PISA)

CONTROLLO AMBIENTALE - PISA L'ATTIVITÀ ARPAT PRESSO IL SITO EX- DECOINDUSTRIA A S.STEFANO A MACERATA (PISA) n. 072 - ven 15 aprile 2011 CONTROLLO AMBIENTALE - PISA L'ATTIVITÀ ARPAT PRESSO IL SITO EX- DECOINDUSTRIA A S.STEFANO A MACERATA (PISA) Il caso di un'area industriale dismessa. Le attività di controllo

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Direzione Generale delle Risorse Forestali, Montane e Idriche Corpo Forestale dello Stato

Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Direzione Generale delle Risorse Forestali, Montane e Idriche Corpo Forestale dello Stato Roma, 22 luglio 2002 Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Direzione Generale delle Risorse Forestali, Montane e Idriche Corpo Forestale dello Stato DIRAMAZIONE GENERALE Divisione XIII Protocollo

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

MASTER IN GESTIONE E RIUTILIZZO DI BENI E AZIENDE CONFISCATI ALLE MAFIE. PIO LA TORRE A.A. 2014-2015

MASTER IN GESTIONE E RIUTILIZZO DI BENI E AZIENDE CONFISCATI ALLE MAFIE. PIO LA TORRE A.A. 2014-2015 MASTER IN GESTIONE E RIUTILIZZO DI BENI E AZIENDE CONFISCATI ALLE MAFIE. PIO LA TORRE A.A. 2014-2015 Elenco insegnamenti e Curricula Docenti PRIMA PARTE Mafie Imprenditrici e mafie al Nord I UNITÀ FORMATIVA

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER I LIVELLO in Prevenzione e contrasto dei fenomeni di criminalità organizzata di tipo mafioso e della corruzione politico-amministrativa N. Modulo. DEFINIZIONE, Obiettivi formativi

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli ORDINANZA N. ^% del 29 -U,iL Oggetto: Ordinanza per la rimozione e lo smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi depositati in modo incontrollato -

Dettagli

RISULTATI DELLE INDAGINI TECNICHE PER LA MAPPATURA DEI TERRENI DESTINATI ALL AGRICOLTURA DELLA REGIONE CAMPANIA. Martedì 11 Marzo 2014

RISULTATI DELLE INDAGINI TECNICHE PER LA MAPPATURA DEI TERRENI DESTINATI ALL AGRICOLTURA DELLA REGIONE CAMPANIA. Martedì 11 Marzo 2014 RISULTATI DELLE INDAGINI TECNICHE PER LA MAPPATURA DEI TERRENI DESTINATI ALL AGRICOLTURA DELLA REGIONE CAMPANIA Martedì 11 Marzo 2014 1 OBIETTIVI DELL INDAGINE Individuazione dei siti interessati da sversamenti

Dettagli

Mafie in Veneto Dati statistici

Mafie in Veneto Dati statistici Mafie in Veneto Dati statistici Raccolta di dati a cura di Avviso Pubblico Le mafie Scheda informativa sintetica 1 Diverse sono le ipotesi etimologiche del termine mafia. La più accreditata ritiene che

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 16.45.

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 16.45. 1/6 MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 16.45. PRESIDENTE. Vi ringrazio della vostra presenza, voi sapete naturalmente, anche per l impegno

Dettagli

NDRANGHETA HOLDING DOSSIER 2008

NDRANGHETA HOLDING DOSSIER 2008 NDRANGHETA HOLDING DOSSIER 2008 Il fatturato della Ndrangheta Holding: 2,9% del Pil nel 2007 Ammonta a quasi 44 miliardi di euro il giro d affari della Ndrangheta stimato dall Eurispes per il 200 7. Un

Dettagli

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE AREZZO

GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE AREZZO GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE AREZZO SENATO DELLA REPUBBLICA X COMMISSIONE (INDUSTRIA, COMMERCIO E TURISMO) INDAGINE FORT KNOX AUDIZIONE DEL Colonnello t.issmi Dario Solombrino Comandante Provinciale

Dettagli

Un corso con finalità pratiche procedurali

Un corso con finalità pratiche procedurali Un corso con finalità pratiche procedurali LE AREE DI RISCHIO DI RESPONSABILITÀ PENALE NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI E SCARICHI IDRICI: ANALISI DELLA NORMATIVA DI SETTORE ANCHE ALLA LUCE DELLA NUOVA RESPONSABILITÀ

Dettagli

Comune di Castel Volturno Provincia di Caserta

Comune di Castel Volturno Provincia di Caserta SETTORE ECOLOGIA E AMBIENTE Ordinanza n 211 del 05/11/2014 Oggetto: ORDINANZA DARSENA PINETAMARE PREMESSO CHE : - l ARPA Campania con propria relazione del luglio 2013 segnalava la presenza di un inconveniente

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/12

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/12 1/12 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDI 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli

MOTIVAZIONI RICOMPENSE FESTA ARMA 2015

MOTIVAZIONI RICOMPENSE FESTA ARMA 2015 MOTIVAZIONI RICOMPENSE FESTA ARMA 2015 RICOMPENSA MILITARE MOTIVAZIONE Encomio Solenne come prima attestazione di merito del Sig. Comandante Generale dell Arma dei Carabinieri App. Sc. (ora V. Brig.) PUZZO

Dettagli

LIBRO III. Titolo I ATTIVITA' INFORMATIVE ED INVESTIGATIVE NELLA LOTTA CONTRO LA CRIMINALITA' ORGANIZZATA. Capo I

LIBRO III. Titolo I ATTIVITA' INFORMATIVE ED INVESTIGATIVE NELLA LOTTA CONTRO LA CRIMINALITA' ORGANIZZATA. Capo I LIBRO III Attivita' informative ed investigative nella lotta contro la criminalita' organizzata. Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalita'

Dettagli

Le principali operazioni dell anno 2007

Le principali operazioni dell anno 2007 ALLEGATO 2 Le principali operazioni dell anno 2007 Marzo 2007 OPERAZIONE RE MIDA ULTIMO ATTO 2 I carabinieri del Comando Tutela Ambiente hanno sequestrato due cave di cui una ubicata in Quarto (NA) e una

Dettagli

FORMAZIONE, IMPRESA E SENSO CIVICO Mercoledì 23 novembre 2005 Ore 16.30

FORMAZIONE, IMPRESA E SENSO CIVICO Mercoledì 23 novembre 2005 Ore 16.30 Unione degli Industriali Mercoledì 23 novembre 2005 Sala Convegni Unione Industriali Via Roma, 17 - Caserta CARLO CICALA - Presidente Unione Industriali LUIGI FALCO - Sindaco di Caserta La tesi dei : GIANLUIGI

Dettagli

Capitolo Terzo Il pubblico ministero

Capitolo Terzo Il pubblico ministero Capitolo Terzo Il pubblico ministero Sommario: 1. Generalità. - 2. Organizzazione degli uffici. - 3. I contrasti fra P.M. - 4. Funzioni del Pubblico Ministero. - 5. La Direzione Distrettuale Antimafia.

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Prot. nr. 39150 del 17 aprile 2015

Prot. nr. 39150 del 17 aprile 2015 Prot. nr. 39150 del 17 aprile 2015 PREMESSO CHE: il Decreto Legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito dalla legge 11 agosto 2014, n. 114, ha previsto misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza

Dettagli

DISTRETTI TURISTICI. Allegati alla Lettera ai rappresentanti istituzionali e politici della provincia di Salerno

DISTRETTI TURISTICI. Allegati alla Lettera ai rappresentanti istituzionali e politici della provincia di Salerno DISTRETTI TURISTICI La Giunta Regionale, su proposta dell Assessore competente, sentita la Commissione competente per materia, pone in essere iniziative di supporto agli attori dello sviluppo locale, sostenendo

Dettagli

Guardia di Finanza Comando Provinciale Avellino LA GUARDIA DI FINANZA DI AVELLINO HA RICORDATO IL 241 ANNIVERSARIO DI FONDAZIONE DEL CORPO

Guardia di Finanza Comando Provinciale Avellino LA GUARDIA DI FINANZA DI AVELLINO HA RICORDATO IL 241 ANNIVERSARIO DI FONDAZIONE DEL CORPO Guardia di Finanza Comando Provinciale Avellino COMUNICATO STAMPA Avellino, 23 giugno 2015 LA GUARDIA DI FINANZA DI AVELLINO HA RICORDATO IL 241 ANNIVERSARIO DI FONDAZIONE DEL CORPO Il Comando Provinciale

Dettagli

IL CASO DIOSSINE IN CAMPANIA

IL CASO DIOSSINE IN CAMPANIA IL CASO DIOSSINE IN CAMPANIA L allarme Diossina ha rappresentato in Campania uno dei più diffusi motivi di preoccupazione tra i cittadini, in gran parte a causa delle implicazioni sulla salute e sulla

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA. La seduta inizia alle 18.29.

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA. La seduta inizia alle 18.29. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA 1/6 La seduta inizia alle 18.29. PRESIDENTE. Siamo in audizione durante la seconda missione in Puglia come Commissione parlamentare

Dettagli

L audizione si è tenuta presso i terreni gestiti dalla coop. Le terre di don Diana a Teano,località Pugliano.

L audizione si è tenuta presso i terreni gestiti dalla coop. Le terre di don Diana a Teano,località Pugliano. Commissione Consiliare Speciale per il controllo delle bonifiche ambientali e i siti di smaltimento rifiuti ed ecomafie, riutilizzo dei beni confiscati RESOCONTO INTEGRALE N.68/A AUDIZIONE del 30 luglio

Dettagli

Guardia di Finanza Nucleo di Polizia Tributaria Milano GICO. Procura della Repubblica di Milano

Guardia di Finanza Nucleo di Polizia Tributaria Milano GICO. Procura della Repubblica di Milano Guardia di Finanza Nucleo di Polizia Tributaria Milano GICO Procura della Repubblica di Milano REATI TRIBUTARI: concorso di reati e concorso di persone strumenti di tutela Dal punto di vista investigativo

Dettagli

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti e tanto altro. SIMULAZIONE DEL

Dettagli

INTORNO AL TAVOLO CON IL DOCENTE

INTORNO AL TAVOLO CON IL DOCENTE Incontri seminariali faccia a faccia su specifici temi ambientali INTORNO AL TAVOLO CON IL DOCENTE Dalle ore 9 alle ore 14: una (mezza) giornata con 8 persone sedute al tavolo di lavoro insieme al docente

Dettagli

IL TRASPORTO DI RIFIUTI LIQUIDI: il controllo delle cisterne e degli autospurgo a cura del dott. Tiziano Granata*

IL TRASPORTO DI RIFIUTI LIQUIDI: il controllo delle cisterne e degli autospurgo a cura del dott. Tiziano Granata* IL TRASPORTO DI RIFIUTI LIQUIDI: il controllo delle cisterne e degli autospurgo a cura del dott. Tiziano Granata* INTRODUZIONE Basta collegare un tubo all autobotte e il contenuto viene scaricato e fatto

Dettagli

REG 4.4.7.a REGISTRO DELLE EMERGENZE AMBIENTALI

REG 4.4.7.a REGISTRO DELLE EMERGENZE AMBIENTALI REGISTRO DELLE EMERGENZE AMBIENTALI riferimenti normativi : UNIENISO14001:2004 REG 4.4.7 a / rev 08 data 30.04.2013 COMUNE DI BERGEGGI (Provincia di Savona) Via De Mari 28 D 17028 Bergeggi (SV) tel. 019

Dettagli

Un corso con finalità pratiche procedurali. Relatori:

Un corso con finalità pratiche procedurali. Relatori: Un corso con finalità pratiche procedurali LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI TERRE E ROCCE DA SCAVO DELINEATA DAL D.M. 10 AGOSTO 2012 N. 161. LA DISTINTA DISCIPLINA PER I RIFIUTI DA DEMOLIZIONE E GLI ASPETTI

Dettagli

Report a cura del Presidio di Libera Francesca Morvillo MAFIE IN LIGURIA. Dall infiltrazione ai processi dei nostri giorni

Report a cura del Presidio di Libera Francesca Morvillo MAFIE IN LIGURIA. Dall infiltrazione ai processi dei nostri giorni Report a cura del Presidio di Libera Francesca Morvillo MAFIE IN LIGURIA Dall infiltrazione ai processi dei nostri giorni Il radicamento Liguria terra di confine: meta dei soggiorni obbligati (anni 70),

Dettagli

INDICE. Capitolo I GLI OPERATORI ECONOMICI AMMESSI ALLA STIPULAZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI

INDICE. Capitolo I GLI OPERATORI ECONOMICI AMMESSI ALLA STIPULAZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI INDICE Capitolo I GLI OPERATORI ECONOMICI AMMESSI ALLA STIPULAZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI 1. L art. 34 del Codice dei contratti pubblici... 2 2. La nozione di operatore economico... 4 3. Gli enti senza

Dettagli

OFFERTA IN PROMOZIONE CON SCONTO del 50% PER LE AZIENDE ISCRITTE POLIECO

OFFERTA IN PROMOZIONE CON SCONTO del 50% PER LE AZIENDE ISCRITTE POLIECO Un corso con finalità pratiche procedurali LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI TERRE E ROCCE DA SCAVO DELINEATA DAL D.M. 10 AGOSTO 2012 N. 161. LA DISTINTA DISCIPLINA PER I RIFIUTI DA DEMOLIZIONE E GLI ASPETTI

Dettagli

Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA

Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA 6 aprile 2013 Indice rassegna - Gazzetta di Modena pag. / - Il Resto del Carlino pag. 2, 23 - Prima Pagina pag. / - Modena Qui pag. 15 Sezione: Pianura Data:

Dettagli

Carta dei Servizi. Tribunale di Salerno. Sezione GIP-GUP. Ed. marzo

Carta dei Servizi. Tribunale di Salerno. Sezione GIP-GUP. Ed. marzo Carta dei Servizi Tribunale di Salerno Ed. marzo 2012 Sezione GIP-GUP INDICE 0. La Carta dei Servizi 3 1. Il processo penale e il ruolo del GIP 4 1.1 La Sezione GIP-GUP del Tribunale di Salerno e i servizi

Dettagli

Q COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA III Reparto Operazioni

Q COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA III Reparto Operazioni Q COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA III Reparto Operazioni Intervento del Comandante Generale nel corso dell'incontro di fine anno con la stampa (Roma, 18 dicembre 2009) Progettualità della Guardia

Dettagli

Esecuzione di 11 misure cautelari in carcere emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Perugia dott. Alberto Avenoso per i reati di:

Esecuzione di 11 misure cautelari in carcere emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Perugia dott. Alberto Avenoso per i reati di: Esecuzione di 11 misure cautelari in carcere emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Perugia dott. Alberto Avenoso per i reati di: Art. 416 co. I,II,III c.p.: Associazione per delinquere. Artt. 624, 625

Dettagli

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CITTÀ DI GIUGLIANO IN CAMPANIA Provincia di Napoli Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N. 81. OGGETTO: TARIFFE PER IL SERVIZIO IDRICO, FOGNATURA E DEPURAZIONE ANNO 2013 Data 08/11/2013

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 NON SOLO CONTRASTO ALL EVASIONE FISCALE E AGLI SPRECHI DI DENARO PUBBLICO. LA GUARDIA DI FINANZA È ANCHE LOTTA ALLE MAFIE, AL RICICLAGGIO DI DENARO SPORCO, ALL USURA,

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA C A S E R T A Comunicato stampa Job & Orienta lunedì e martedì apre le porte agli studenti per supportarli nella delicata scelta del proprio futuro

Dettagli

PROGETTO SICUREZZA GRUPPO ATLANTE 2000. Progetto di legge di iniziativa popolare in materia di

PROGETTO SICUREZZA GRUPPO ATLANTE 2000. Progetto di legge di iniziativa popolare in materia di PROGETTO SICUREZZA GRUPPO ATLANTE 2000 & COMITATO DEI SINDACI DEL VENETO Progetto di legge di iniziativa popolare in materia di SICUREZZA DEI CITTADINI E RIORGANIZZAZIONE DELLE FORZE DI POLIZIA Pubblicato

Dettagli

Rifiuti agricoli (solidi e liquidi) e forestali tra regole di base, disciplina di esclusione e prassi applicative di fatto

Rifiuti agricoli (solidi e liquidi) e forestali tra regole di base, disciplina di esclusione e prassi applicative di fatto Un corso con finalità pratiche procedurali Rifiuti agricoli (solidi e liquidi) e forestali tra regole di base, disciplina di esclusione e prassi applicative di fatto Relatori: Dott. Maurizio Santoloci

Dettagli

Intervento del Capo del III Reparto - Operazioni del Comando Generale della Guardia di Finanza Generale di Brigata Stefano Screpanti

Intervento del Capo del III Reparto - Operazioni del Comando Generale della Guardia di Finanza Generale di Brigata Stefano Screpanti Intervento del Capo del III Reparto - Operazioni del Comando Generale della Guardia di Finanza Generale di Brigata Stefano Screpanti 15 aprile 2015 LE FRODI ALL IVA LA LOTTA ALLE FRODI ALL IVA ESIGENZE

Dettagli

Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO Prot. n. 9/4-150 AD SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA Premessa Il disegno di legge è diretto a disciplinare

Dettagli

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA.

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA. CENTRO ALTI STUDI PER LA DIFESA Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze 31 Corso di Cooperazione Civile Militare (COCIM) DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA

Dettagli

Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria Ufficio III Coordinamento USMAF. LA POLIZIA SANITARIA Dott. Virgilio COSTANZO

Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria Ufficio III Coordinamento USMAF. LA POLIZIA SANITARIA Dott. Virgilio COSTANZO Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria Ufficio III Coordinamento USMAF LA POLIZIA SANITARIA Dott. Virgilio COSTANZO UFFICIALI DI POLIZIA GIUDIZIARIA I Medici e il personale Tecnico addetto ai servizi

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER GIUDICI, PUBBLICI MINISTERI E OPERATORI DI POLIZIA GIUDIZIARIA

CORSO DI FORMAZIONE PER GIUDICI, PUBBLICI MINISTERI E OPERATORI DI POLIZIA GIUDIZIARIA CORSO DI FORMAZIONE PER GIUDICI, PUBBLICI MINISTERI E OPERATORI DI POLIZIA GIUDIZIARIA Tirana 5-16 Marzo 2007 Ministria e Drejtësisë Cooperazione Italiana Shkolla e Magjistraturës 1 2 PRIMA SETTIMANA 5-9

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A Doc. IV-bis n. 15-A Relazione della Giunta delle Elezioni e delle Immunità Parlamentari (RELATORE CALLEGARO) SULLA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

OPERAZIONE DOPPIO COLPO

OPERAZIONE DOPPIO COLPO REGIONE CARABINIERI SICILIA Comando Provinciale di Caltanissetta GUARDIA DI FINANZA Comando Provinciale di Caltanissetta OPERAZIONE DOPPIO COLPO 1. Nella nottata del 27.04.2010, in Sicilia, Lombardia,

Dettagli

PROCURA GENERALE DELLA REPUBBLICA

PROCURA GENERALE DELLA REPUBBLICA Alcuni dati relativi ai momenti più significativi della fase delle indagini: l incidenza dei riti alternativi, quale utile riscontro della sostanziale completezza delle indagini, le richieste di archiviazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 GUARDIA DI FINANZA: TUTELA DEI MERCATI FINANZIARI, CONTRASTO AL RICICLAGGIO, AGGRESSIONE AI PATRIMONI DELLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LOTTA AL CONTRABBANDO ED AL

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 02290/2014REG.PROV.COLL. N. 01377/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

Guardia di Finanza SCUOLA ISPETTORI E SOVRINTENDENTI. 80 Corso M.O.V.M. S.Brig. Amedeo De Ianni

Guardia di Finanza SCUOLA ISPETTORI E SOVRINTENDENTI. 80 Corso M.O.V.M. S.Brig. Amedeo De Ianni Guardia di Finanza SCUOLA ISPETTORI E SOVRINTENDENTI 80 Corso M.O.V.M. S.Brig. Amedeo De Ianni Servizi di Polizia Economico Finanziaria e altri servizi del Corpo 6^ Compagnia Docente: Ten. Alessandra Rotondo

Dettagli

Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento

Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento Claudio Clemente Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF) Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento Convegno «Economia illegale

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2013 CONSUNTIVO DELL ATTIVITÀ SVOLTA NEL 2012

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2013 CONSUNTIVO DELL ATTIVITÀ SVOLTA NEL 2012 Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE RAVENNA - Ufficio Comando - Sezione Operazioni e Programmazione - - Via Alberoni n. 33-48121 Ravenna tel. e Fax (0544) 37122 - COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2013

Dettagli

CATANIA - 199 ANNUALE DELLA FONDAZIONE DELL ARMA DEI CARABINIERI

CATANIA - 199 ANNUALE DELLA FONDAZIONE DELL ARMA DEI CARABINIERI CATANIA - 199 ANNUALE DELLA FONDAZIONE DELL ARMA DEI CARABINIERI Nella suggestiva cornice della caserma Vincenzo Giustino di Piazza Giovanni Verga, storica sede del Comando Provinciale Carabinieri di Catania,

Dettagli

COMMISSIONE SUL CICLO RIFIUTI BOZZA NON CORRETTA 1/9

COMMISSIONE SUL CICLO RIFIUTI BOZZA NON CORRETTA 1/9 1/9 MISSIONE IN BOLOGNA 28 APRILE 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA La seduta inizia alle 13.15. PRESIDENTE. Buongiorno. Saluto i parlamentari presenti e ringrazio il dottor Belladonna

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net DOCUMENTI INformazione 2009 E vietato il plagio e la copiatura integrale o parziale di testi e disegni a firma degli autori - Dal volume Tutela Giuridica degli Animali di Maurizio Santoloci e Carla Campanaro

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 999 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI POLIDORI, VIGNALI Disposizioni per la razionalizzazione della gestione delle acque e istituzione

Dettagli

Organizzazione operativa regionale della Guardia di Finanza

Organizzazione operativa regionale della Guardia di Finanza Organizzazione operativa regionale della Guardia di Finanza COMPITI DELLA GUARDIA DI FINANZA Legge 23 aprile 1959 nr. 189 Ufficiali ed Agenti di Polizia Giudiziaria Ufficiali ed Agenti di Polizia Tributaria

Dettagli

Procedimento penale n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP. (Rito ordinario) Numeri di registro: n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.

Procedimento penale n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP. (Rito ordinario) Numeri di registro: n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G. Procedimento penale n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP (Rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP Imputati: Z.S., nato

Dettagli

Piano straordinario contro le mafie. Reggio Calabria, 28 gennaio 2010

Piano straordinario contro le mafie. Reggio Calabria, 28 gennaio 2010 Piano straordinario contro le mafie Reggio Calabria, 28 gennaio 2010 Piano straordinario contro le mafie 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Agenzia per la gestione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA Comunicato stampa In data 22.5.2014 il NPT- Guardia di Finanza di Genova ha dato esecuzione ad un ordinanza di applicazione di misure cautelari emessa

Dettagli

Comune di Marzano Appio (Prov. Caserta) e-mail ragioneria.marzano@libero.it - Tel. 0823/929216 Fax 0823/929220

Comune di Marzano Appio (Prov. Caserta) e-mail ragioneria.marzano@libero.it - Tel. 0823/929216 Fax 0823/929220 Comune di Marzano Appio (Prov. Caserta) e-mail ragioneria.marzano@libero.it - Tel. 0823/929216 Fax 0823/929220 SETTORE ECONOMICO-FINANZIARIO Servizio Tributi DETERMINAZIONE N 7 DEL 19/02/2013 OGGETTO:

Dettagli

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva di Avv. Rosa Bertuzzi Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva Il testo unico ambientale impone il divieto di abbandono di rifiuti, obbligando, in primis, il trasgressore alla rimozione.

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA di Palermo

PROCURA DELLA REPUBBLICA DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA di Palermo PROCURA DELLA REPUBBLICA DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA di Palermo Relazione Tribunale di Sciacca Va, intanto, premesso che le indagini condotte finora dimostrano la presenza attiva e pienamente operativa

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 45 26.06.2014 Commercialisti. Concorso nella frode fiscale Categoria: Professionisti Sottocategoria: Commercialisti Rischia una condanna per

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN LOMBARDIA. 8 febbraio 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 15.35.

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN LOMBARDIA. 8 febbraio 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 15.35. MISSIONE IN LOMBARDIA 1/8 8 febbraio 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 15.35. PRESIDENTE. Buonasera, comandante, e grazie per essere con noi. Le faccio presente che

Dettagli

L ALTRA NDRANGHETA IN EMILIA-ROMAGNA

L ALTRA NDRANGHETA IN EMILIA-ROMAGNA L ALTRA NDRANGHETA IN EMILIA-ROMAGNA FONDAZIONE LIBERA INFORMAZIONE OSSERVATORIO SULL INFORMAZIONE PER LA LEGALITÀ E CONTRO LE MAFIE MOSAICO DI MAFIE E ANTIMAFIA L ALTRA NDRANGHETA IN EMILIA-ROMAGNA La

Dettagli

Formazione. Corsi di. Anno Accademico 2014/2015. Criminologia Sicurezza Pubblica Security Privata Intelligence. e-learning. www.unised.it.

Formazione. Corsi di. Anno Accademico 2014/2015. Criminologia Sicurezza Pubblica Security Privata Intelligence. e-learning. www.unised.it. Dipartimento di Scienze Criminologiche Dipartimento di Scienze della Security e Intelligence Corsi di Formazione e Master Anno Accademico 2014/2015 Criminologia Sicurezza Pubblica Security Privata Intelligence

Dettagli

Diploma di Maturità commerciale

Diploma di Maturità commerciale CURRICULUM VITAE Informazioni Personali Cognome e Nome BURDO Rocco Antonio Data di nascita 27/02/1965 Qualifica Funzionario Area III F 3 Amministrazione Incarico attuale AGENZIA DELLE DOGANE Direttore

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 10/11/12 Ottobre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 10/11/12 Ottobre 2015 Pagina 1 di 5 rassegna stampa 10/11/12 Ottobre 2015 IL CITTADINO Lodi Indagini sul concorsone, i carabinieri anche al Ced (10/10/2015) Ospedali, Rossi venga in audizione in consiglio (10/10/2015) Lettere

Dettagli

INTERVENTO DEL DIRETTORE DELLA D.I.A. DIR. GEN. PS ARTURO DE FELICE ULTIMI SVILUPPI NELLA LOTTA CONTRO LA MAFIA E CORRELATE ATTIVITA DELLA D.I.A.

INTERVENTO DEL DIRETTORE DELLA D.I.A. DIR. GEN. PS ARTURO DE FELICE ULTIMI SVILUPPI NELLA LOTTA CONTRO LA MAFIA E CORRELATE ATTIVITA DELLA D.I.A. INTERVENTO DEL DIRETTORE DELLA D.I.A. DIR. GEN. PS ARTURO DE FELICE PRESSO LA COMMISSIONE SPECIALE SULLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LA CORRUZIONE E IL RICICLAGGIO DI DENARO - (CRIM) DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Quinta) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Quinta) SENTENZA N. 04045/2014 REG.PROV.COLL. N. 03024/2006 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quinta) ha pronunciato

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Ordinanza n. 08 /2014

PROVINCIA DI LECCE. Ordinanza n. 08 /2014 C I T T A D I U G E N T O PROVINCIA DI LECCE Ordinanza n. 08 /2014 Oggetto. Ordinanza per la rimozione e lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi e rifiuti urbani in modo incontrollato-

Dettagli

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013 Classe II D Prof.ssa Daniela Simone PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Radio Kreattiva, web radio scolastica per la diffusione della cultura della legalità,

Dettagli

Milano Roma Cagliari Duisburg

Milano Roma Cagliari Duisburg Milano Roma Cagliari Duisburg DOC.2 DOCUMENTO DI SINTESI 13.12.2010 L obiettivo principale l avvio di un processo di riqualificazione, valorizzazione e promozione territoriale da attuarsi in modo processuale

Dettagli

SISTRI. SIStema di controllo Tracciabilità RIfiuti. Università degli Studi di Sassari. Servizio di Prevenzione, Protezione, Igiene e Sicurezza

SISTRI. SIStema di controllo Tracciabilità RIfiuti. Università degli Studi di Sassari. Servizio di Prevenzione, Protezione, Igiene e Sicurezza SIStema di controllo Tracciabilità RIfiuti Università degli Studi di Sassari Servizio di Prevenzione, Protezione, Igiene e Sicurezza Decreto 17 dicembre 2009 del Ministero dell'ambiente del Territorio

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 2595 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori PEDRIZZI, BATTAGLIA, VALENTINO, BUCCIERO e CARUSO Antonino COMUNICATO ALLA

Dettagli

Ruvo di Puglia, 2005-07. 1. Dati identificativi del procedimento penale:

Ruvo di Puglia, 2005-07. 1. Dati identificativi del procedimento penale: Procedimento penale : n. 709/09 R.G.N.R.; n. 10268/11 R.G.N.R., n. 1350/10 R.G..GIP. Rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 709/09 R.G.N.R.; n. 10268/11 R.G.N.R.,

Dettagli

Prefettura di Agrigento Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Agrigento Ufficio Territoriale del Governo PROTOCOLLO DI INTESA tra la Prefettura-U.T.G. di Agrigento, la Unione Provinciale degli Industriali di Agrigento ed il Consorzio A.S.I. di Agrigento per la realizzazione di un sistema di videosorveglianza

Dettagli

Corte d Appello NAPOLI BILANCIO DI RESPONSABILITÀ SOCIALE

Corte d Appello NAPOLI BILANCIO DI RESPONSABILITÀ SOCIALE Corte d Appello NAPOLI BILANCIO DI RESPONSABILITÀ SOCIALE 2014 Corte d Appello NAPOLI BILANCIO DI RESPONSABILITÀ SOCIALE 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE 3 1.1 IL BILANCIO DI RESPONSABILITÀ SOCIALE 3 1.2 IL

Dettagli

Rifiuti Spa. Dentro l emergenza in Campania: i numeri e le storie di un economia criminale

Rifiuti Spa. Dentro l emergenza in Campania: i numeri e le storie di un economia criminale Rifiuti Spa Dentro l emergenza in Campania: i numeri e le storie di un economia criminale Roma, 15 gennaio 2008 2 Il dossier Rifiuti Spa. Dentro l emergenza Campania: i numeri e le storie di un economia

Dettagli

Consigliere Amministrazione società partecipate

Consigliere Amministrazione società partecipate Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Raffaele Imondi Via B. Croce, 68, 00142 Roma (Italia) +39 368699777 +39 0637517341 raffaeleimondi@gmail.com Sesso Maschile Data di nascita 22 ottobre 1949 Nazionalità

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X V I I L E G I S L A T U R A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X V I I L E G I S L A T U R A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X V I I L E G I S L A T U R A n. 85 RISPOSTE SCRITTE AD INTERROGAZIONI (Pervenute dal 14 al 20 maggio 2015) I N D I C E MUNERATO: sul blocco delle esportazioni

Dettagli

4ª COMMISSIONE PERMANENTE

4ª COMMISSIONE PERMANENTE SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA 4ª COMMISSIONE PERMANENTE (Difesa) Seduta n. 158 INTERROGAZIONI DISEGNI DI LEGGE IN SEDE DELIBERANTE 86º Resoconto stenografico SEDUTA DI MERCOLEDÌ 23 FEBBRAIO 2005

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN LIGURIA MERCOLEDÌ 21 GENNAIO 2015 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE ALESSANDRO BRATTI

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN LIGURIA MERCOLEDÌ 21 GENNAIO 2015 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE ALESSANDRO BRATTI 1/19 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli