Le palestre: requisiti igienici. Porte con apertura verso l esterno, che si fissino automaticamente in posizione di massima apertura

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le palestre: requisiti igienici. Porte con apertura verso l esterno, che si fissino automaticamente in posizione di massima apertura"

Transcript

1 Le palestre: requisiti igienici Porte con apertura verso l esterno, che si fissino automaticamente in posizione di massima apertura

2 I campi sportivi all aperto aperto Tipo di impianto Verde libero e attrezzato Percorsi attrezzati Campi da bocce Campi polivalenti Grandi campi Piste e pedane Attività sportive Corsa, ginnastica Corsa a piedi ed in bicicletta Gioco delle bocce Ginnastica, pallavolo, pallacanestro, pallamano Calcio, baseball, rugby, football americano Ciclismo, atletica leggera, pattinaggio

3 I campi sportivi: struttura area ginnica area del pubblico area dei servizi di supporto Superficie regolare e pianeggiante Riparata dal vento Buon soleggiamento Asse longitudinale disposto in direzione nord sud

4 Terreno di forma regolare Sistema di drenaggio per evitare il ristagno d acqua Sistema di illuminazione artificiale per attività notturne che garantisca distribuzione uniforme della luce L area ginnica

5 Area per il pubblico Ingresso Biglietteria Gradinate (il sole alle spalle degli spettatori) W.C. Assenza delle barriere architettoniche per disabili

6 Area dei servizi di supporto Docce attigue agli spogliatoi 90 x 90 cm + zona disimpegno 4 per spogliatoi con 15 posti e 5 per spogliatoi con 20 posti soffioni posti all altezza di 2,20 m WC accessibili ad atleti e portatori di handicap Areati naturalmente o artificialmente

7 Le piscine destinazione Piscine private Piscine semipubbliche Piscine pubbliche struttura Piscine scoperte Piscine coperte Piscine miste Piscine convertibili

8 Le piscine Uso Vasche per il nuoto e gli allenamenti Vasche per tuffi ed attività subacque Vasche ricreative Parco acquatico Piscine per lo sport e il tempo libero Vasche per la riabilitazione motoria Vasche per i bagni termali

9 Figure professionali in piscina Responsabile di piscina Assistente bagnante (1 per vasche di superficie fino a 100 mq, 2 per superfici da 100 a 500 mq) Addetto agli impianti tecnologici

10 Struttura del plesso piscina Zona pubblico Zona di prebalneazione Sala vasche Impianti tecnici

11 Zona di prebalneazione Ambienti destinati alla gestione tecnica e amministrativa: Reception Locale deposito abiti Locale di primo soccorso Deposito

12 Zona di prebalneazione Servizi igienici 1 doccia ogni 30 mq di superficie della vasca Almeno 2 docce per uomini e 2 per donne

13 Zona di prebalneazione Spogliatoi Hanno il ruolo di struttura filtro tra la zona dei piedi sporchi e la zona dei piedi puliti Superfici lavabili e non scivolose

14 Filtro di pulizia Zona di passaggio obbligatorio per giungere all ambiente di balneazione Canale o vasca di profondità di almeno 16 cm pieno di soluzione disinfettante Doccia a gettito continuo

15 Sala vasche Dimensioni piscina agonistica 12,5 x 25 m di lunghezza 1,20-1,40 m profondità minima 1,80-3,80 m profondità massima Pareti impermeabili e compatte, di colore chiaro Testata dal lato corto liscia per almeno 80 cm Spazio perimetrale largo almeno 1,50 m e antiscivolo

16 Zona tuffi Trampolini e piattaforme coperti di stuoia antiscivolo Piattaforma alta almeno 5-10 m, lunga almeno 5 m, larga almeno 2 m, recintata Profondità della vasca sottostante al trampolino almeno 3,50 m, alla piattaforma 5 m

17 Controllo della qualità Temperatura dell acqua in piscina vasche coperte vasche coperte per bambini vasche scoperte 18-30

18 Controllo della qualità dell acqua in piscina Controllo Torbidità ph Cloro attivo libero e combinato Parametri microbiologici limite <3mg di SiO 2 6,5-7,6 0,6-1,5 mg/l Per specie Frequenza 1 volta al giorno 3 volte al giorno 2 volte al giorno mensile

19 Reintegro Vasche fino a 500 mc Vasche >500 mc 5%/die 3%/die La disponibilità di acqua non deve scendere sotto i 70 litri/bagnante

20 Trattamento dell acqua di piscina Ricircolazione (4 cicli ogni 24 ore) Filtrazione Disinfezione Periodici svuotamenti per pulizia del fondo antialghe

21 Infezioni in piscina Micosi Congiuntivi e otiti Epatite A Infezioni da enterobatteri

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Rischi igienico-sanitari nelle piscine e in strutture simili: nuove prospettive e criticità

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Rischi igienico-sanitari nelle piscine e in strutture simili: nuove prospettive e criticità ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Rischi igienico-sanitari nelle piscine e in strutture simili: nuove prospettive e criticità Roma, 8-9 Ottobre 2015 FORO ITALICO GLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELL ACQUA IN PISCINA

Dettagli

REQUISITI QUALITATIVI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEI VILLAGGI TURISTICI

REQUISITI QUALITATIVI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEI VILLAGGI TURISTICI REQUISITI QUALITATIVI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEI ALLEGATO A VILLAGGI TURISTICI 1.00 DENSITA RICETTIVA 1.01 5 mq. per persona () 1.02 0 mq. per persona () 1.0 25 mq. per persona (2) 2 2.00 SISTEMAZIONE

Dettagli

ALCUNE CONSIDERAZIONE PRATICHE ED OPERATIVE PER LA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NELLE PALESTRE E NELLE PISCINE

ALCUNE CONSIDERAZIONE PRATICHE ED OPERATIVE PER LA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NELLE PALESTRE E NELLE PISCINE ALCUNE CONSIDERAZIONE PRATICHE ED OPERATIVE PER LA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NELLE PALESTRE E NELLE PISCINE Pag. 1 di 15 D.Lgs. 81/08 aggiornato con il D.Lgs. 106/09 TIT II LUOGHI DI LAVORO PALESTRE

Dettagli

Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici

Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici Inserire il codice Meccanografico della Scuola e salvare il "file con nome" riportando

Dettagli

NORME UNI 10637 (revisione 2006)

NORME UNI 10637 (revisione 2006) NORME UNI 10637 (revisione 2006) 3.20 tempo di ricircolo: Tempo nel quale la somma del volume dell acqua di vasca e del 60% del volume convenzionale dell eventuale vasca di compenso attraversa l impianto

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: IL D.LGS. 81/08 E S.M.I. NELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: IL D.LGS. 81/08 E S.M.I. NELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: IL D.LGS. 81/08 E S.M.I. NELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE Pag. 1 di 28 Argomenti - Sicurezza sul lavoro e normativa vigente - Il campo di applicazione del D.Lgs. 81/08 esteso

Dettagli

NOTE PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA (di cui all allegato D)

NOTE PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA (di cui all allegato D) NOTE PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA (di cui all allegato D) 1) SCHEDA N.: se si devono compilare più schede indicarne il numero progressivo; per le schede successive alla prima non è necessario riportare

Dettagli

- 34 GIRO CICLISTICO D ITALIA UNDER 26-18/19 GIUGNO 2004 - AMICHEVOLE DI BASKET NAZIONALI ITALIA-GRECIA 4 GIUGNO 2005

- 34 GIRO CICLISTICO D ITALIA UNDER 26-18/19 GIUGNO 2004 - AMICHEVOLE DI BASKET NAZIONALI ITALIA-GRECIA 4 GIUGNO 2005 IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI E PALESTRE SCOLASTICHE Gli Impianti Sportivi pubblici presenti nella nostra città sono 21 di cui n.6 palestre scolastiche e n. 15 impianti comunali. Gli impianti vanno da 9 medi

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI PISCINA STADIO MONUMENTALE

CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI PISCINA STADIO MONUMENTALE DIREZIONE SERVIZI AMMINISTRATIVI AREA SPORT E TEMPO LIBERO CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI PISCINA STADIO MONUMENTALE www.comune.torino.it/piscine Maggio 2014 www.comune.torino.it/cartaqualita FINALITÀ

Dettagli

TARIFFARIO. IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI In vigore dal 15.01.2013

TARIFFARIO. IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI In vigore dal 15.01.2013 TARIFFARIO IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI In vigore dal 15.01.2013 APPROVATO CON D.G.C. n. 8 del 15/01/2013 COMUNE DI PIACENZA SETTORE CULTURA E SPORT SERVIZIO SPORT TARIFFE D USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

Dettagli

b) piscina scoperta : complesso con uno o più bacini artificiali non confinati entro strutture chiuse permanenti;

b) piscina scoperta : complesso con uno o più bacini artificiali non confinati entro strutture chiuse permanenti; Allegato parte integrante Allegato A ALLEGATO A NORME IGIENICO SANITARIE, STRUTTURALI E ORGANIZZATIVE RELATIVE ALLA PISCINA E AGLI ELEMENTI FUNZIONALI CHE LA COMPONGONO PARTE I TIPOLOGIA DELLE PISCINE

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 16 gennaio 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 16 gennaio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 16 gennaio 2003 Repertorio Atti n. 1605 del 16 gennaio 2003 Oggetto: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano relativo

Dettagli

L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo

L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo 7 novembre 2012 1 L aspetto benefico connesso alla pratica di attività sportive che si svolgono in spazi

Dettagli

Deliberazione CONI del 15 luglio 1999 n. 851. Norme CONI per l'impiantistica sportiva

Deliberazione CONI del 15 luglio 1999 n. 851. Norme CONI per l'impiantistica sportiva Deliberazione CONI del 15 luglio 1999 n. 851. Norme CONI per l'impiantistica sportiva 1 - Scopo e campo di validità Le presenti norme hanno lo scopo di individuare livelli minimi qualitativi e quantitativi

Dettagli

Regolamento per la realizzazione e ristrutturazione di impianti sportivi per il gioco del baseball e softball

Regolamento per la realizzazione e ristrutturazione di impianti sportivi per il gioco del baseball e softball Regolamento per la realizzazione e ristrutturazione di impianti sportivi per il gioco del baseball e softball Art. 1 - Normativa di riferimento Il presente regolamento, disciplina le norme della Federazione

Dettagli

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità SERVIZIO DECENTRAMENTO U.O. Circoscrizione Est Centro Civico: via Alcide de Gasperi, 67 59100 Prato Tel 0574.52701 Fax 0574.183.7305 circoscrizione.est@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana.it

Dettagli

PALESTRE E CENTRI SPORTIVI LINEA GUIDA

PALESTRE E CENTRI SPORTIVI LINEA GUIDA PALESTRE E CENTRI SPORTIVI LINEA GUIDA TIPOLOGIE DI SPAZI DELLE PALESTRE All interno delle palestre si distinguono le seguenti tipologie minime di spazi: Locali principali (sempre presenti): 1.locale palestra

Dettagli

1. Dati generali dell intervento

1. Dati generali dell intervento ALLEGATO F 6 Ulteriori Locali - Notifica Igienico- Sanitaria per alimenti (Reg. CE n 852/2004) 1. Dati generali dell intervento 1.1 Ubicazione intervento (Indicare il Comune e l indirizzo inseriti nel

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA TARIFFARIO IMPIANTI SPORTIVI

COMUNE DI SENIGALLIA TARIFFARIO IMPIANTI SPORTIVI COMUNE DI SENIGALLIA TARIFFARIO IMPIANTI SPORTIVI in vigore dal 1 gennaio 2011 STADIO COMUNALE 1) - Allenamenti attività federale 2) - Allenamenti attività federale under 18 17,40/ora 10,80/ora 3) - Partite,

Dettagli

NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA

NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA Comune di Piacenza UNITÀ DI PROGETTO GRANDI PROGETTI NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA RELAZIONE DESCRITTIVA Piacenza, luglio 2010 IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO (arch. Taziano Giannessi) Unità di

Dettagli

NORME CONI PER L'IMPIANTISTICA SPORTIVA (approvate dalla G.E. del CONI con deliberazione n. 851 del 15 luglio 1999)

NORME CONI PER L'IMPIANTISTICA SPORTIVA (approvate dalla G.E. del CONI con deliberazione n. 851 del 15 luglio 1999) NORME CONI PER L'IMPIANTISTICA SPORTIVA (approvate dalla G.E. del CONI con deliberazione n. 851 del 15 luglio 1999) 1 - Scopo e campo di validità Le presenti norme hanno lo scopo di individuare livelli

Dettagli

Città di Eraclea Provincia di Venezia

Città di Eraclea Provincia di Venezia Città di Eraclea Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI ASPETTI IGIENICO SANITARI CONCERNENTI LA COSTRUZIONE, LA MANUTENZIONE E LA VIGILANZA DELLE PISCINE AD USO NATATORIO APPROVATO CON DELIBERA

Dettagli

Per l organizzazione delle zone comprese nei 9 mq/ab esistono diverse possibilità

Per l organizzazione delle zone comprese nei 9 mq/ab esistono diverse possibilità Scheda A VERDE PUBBLICO ATTREZZATO 1 DI 1444/68: 9 mq/ab per spazi pubblici attrezzati a gioco e sport 15 mq/ab per parchi pubblici urbani e territoriali Per l organizzazione delle zone comprese nei 9

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO Decreto 2 marzo 2006 n.50 REPUBBLICA DI SAN MARINO ASPETTI IGIENICO-SANITARI PER LA COSTRUZIONE, LA MANUTENZIONE E LA VIGILANZA DELLE PISCINE AD USO NATATORIO. Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica

Dettagli

Esami di Stato Prima Sessione Giugno 2010 PROVA PRATICA SCRITTA (Caratterizzante la classe) 16 Settembre 2010 Sez. A - Ingegneria CIVILE e AMBIENTALE

Esami di Stato Prima Sessione Giugno 2010 PROVA PRATICA SCRITTA (Caratterizzante la classe) 16 Settembre 2010 Sez. A - Ingegneria CIVILE e AMBIENTALE Esami di Stato Prima Sessione Giugno 2010 PROVA PRATICA SCRITTA (Caratterizzante la classe) 16 Settembre 2010 Sez. A - Ingegneria CIVILE e AMBIENTALE CLASSE 28/S Ing. CIVILE Tema n. 1 Redigere il progetto

Dettagli

2.7 RELAZIONE IMPIANTI TRATTAMENTO ACQUE DI PISCINA

2.7 RELAZIONE IMPIANTI TRATTAMENTO ACQUE DI PISCINA DEFINITIVO di cui al punto10.1.c) del disciplinare di gara 2. RELAZIONI TECNICHE SPECIALISTICHE 2.7 RELAZIONE IMPIANTI TRATTAMENTO ACQUE DI PISCINA Pagina 1 DEFINITIVO di cui al punto10.1.c) del disciplinare

Dettagli

Sicurezza e salute in piscina

Sicurezza e salute in piscina Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria Sicurezza e salute in piscina Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Medicina Preventiva, Occupazionale e di Comunità Sezione Igiene Normativa

Dettagli

Regolamento di attuazione della legge regionale 9 marzo 2006, n.8 (Norme in materia di requisiti igienico- sanitari delle piscine ad uso natatorio)

Regolamento di attuazione della legge regionale 9 marzo 2006, n.8 (Norme in materia di requisiti igienico- sanitari delle piscine ad uso natatorio) Allegato A Regolamento di attuazione della legge regionale 9 marzo 2006, n.8 (Norme in materia di requisiti igienico- sanitari delle piscine ad uso natatorio) PREAMBOLO SOMMARIO CAPO I. AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

INTRODUZIONE LA ZONA DI ATTIVITÀ SPORTIVA

INTRODUZIONE LA ZONA DI ATTIVITÀ SPORTIVA INTRODUZIONE Il numero sempre crescente di impianti per il gioco delle bocce che ogni anno vengono costruiti nel nostro Paese e la volontà di uniformare le condizioni di gioco su tutto il territorio Nazionale,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA SORVEGLIANZA DEGLI IMPIANTI NATATORI

LINEE GUIDA PER LA SORVEGLIANZA DEGLI IMPIANTI NATATORI Direzione Sanità Circolare prot. n. 14066/27.001 del 18 ottobre 2006 LINEE GUIDA PER LA SORVEGLIANZA DEGLI IMPIANTI NATATORI PREMESSA Il documento è stato preparato per offrire ai Servizi uno strumento

Dettagli

Art. 3 Determinazione della capienza delle palestre

Art. 3 Determinazione della capienza delle palestre g) limite di compensabilità: limitazione posta alla compensabilità di superfici, calcolata sulla base del rapporto tra l ambiente più grande e l ambiente più piccolo; h) frazionabilità degli spogliatoi:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO, LA MANUTENZIONE E LA GESTIONE DELLE PISCINE

REGOLAMENTO PER L USO, LA MANUTENZIONE E LA GESTIONE DELLE PISCINE REGOLAMENTO PER L USO, LA MANUTENZIONE E LA GESTIONE DELLE PISCINE Foglio notizie: APPROVATO Con deliberazione di Consiglio Comunale n. 25 del 19.05.2003. PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: -

Dettagli

AGORA' 6 Completamento e riqualificazione del comparto orientale del Centro Direzionale di Napoli Nell area orientale della città di Napoli è partita una grande iniziativa di sviluppo. Con la firma della

Dettagli

RISCHI DA AGENTI FISICI NELLE PISCINE

RISCHI DA AGENTI FISICI NELLE PISCINE RISCHI DA AGENTI FISICI NELLE PISCINE MASSIMO COPPOLA TECNICO DELLA PREVENZIONE ASL AL PAGELLA EUROSAFE 2009 prestazioni per la sicurezza contemplate dalla legislazione nazionale Include specifiche aree

Dettagli

Impianti: info/dettagli Piscina Coperta Centro Benessere Palestrina. Periodi di apertura Settembre Giugno Settembre - Giugno Settembre Giugno

Impianti: info/dettagli Piscina Coperta Centro Benessere Palestrina. Periodi di apertura Settembre Giugno Settembre - Giugno Settembre Giugno Rev. 3 Data 2 novembre 2012 Pagina 1 di 21 CARTA DELLA QUALITA DEI SERVIZI ALLEGATO B.1 Scheda PISCINA COPERTA impianto certificato QIS HEPA 10001-10002 e conforme alla norma ISO 9001:2008 Via Togliatti

Dettagli

Comune di Agerola Provincia di Napoli --------

Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- 1 Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA PER SCUOLE MATERNE REQUISITI CENTRO COTTURA ALLEGATO C LOCALI: I locali devono essere distinti l uno dall altro in funzione

Dettagli

INTERVENTI REALIZZATI ANNUALITA 2012. Descrizione degli interventi

INTERVENTI REALIZZATI ANNUALITA 2012. Descrizione degli interventi INTERVENTI REALIZZATI ANNUALITA 2012 Descrizione degli interventi Realizzazione campo di football americano e rugby nel Parco di san Bartolo a Cintoia. Il progetto prevede la realizzazione di un campo

Dettagli

Allegato parte integrante Direttive in materia di requisiti igienico sanitari di piscine ad uso natatorio

Allegato parte integrante Direttive in materia di requisiti igienico sanitari di piscine ad uso natatorio Allegato parte integrante Direttive in materia di requisiti igienico sanitari di piscine ad uso natatorio Allegato A) Direttive in materia di requisiti igienico sanitari per la realizzazione, la manutenzione

Dettagli

www.eliosannicandro.info Bari 22.07.2010

www.eliosannicandro.info Bari 22.07.2010 IMPIANTI SPORTIVI A BARI Utilizzo attuale ed interventi eseguiti negli ultimi anni a cura di Elio Sannicandro Assessore allo Sport del Comune di Bari www.eliosannicandro.info Bari 22.07.2010 GLI IMPIANTI

Dettagli

ALLEGATO E SCHEDA DI REGISTRAZIONE ICARO/PO-NET - ASSOCIAZIONI SPORTIVE

ALLEGATO E SCHEDA DI REGISTRAZIONE ICARO/PO-NET - ASSOCIAZIONI SPORTIVE I campi sottolineati sono obbligatori SEZIONE 1: INDIRIZZO E CONTATTI 1.1 - Denominazione Associazione/Cooperativa. 1.2 - Tipologia Associazione Sportiva Dilettantistica con personalità giuridica Associazione

Dettagli

+ 1) COS E LA GESTIONE?

+ 1) COS E LA GESTIONE? + + 1) COS E LA GESTIONE? La gestione di un impianto sportivo è quel complesso di attività e mezzi necessari per una corretta utilizzazione degli spazi attrezzati per lo sport, con lo scopo di consentire

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE ABITAZIONI PERMANENTI URBANE C RESIDENZE COLLETTIVE: residence,

Dettagli

Sommario. Informazioni aziendali Pag 01 Aeroporto di partenza Pag 01 Aeroporto di arrivo Pag 01 Trasferimento aeroporto/hotel/aeroporto Pag 01

Sommario. Informazioni aziendali Pag 01 Aeroporto di partenza Pag 01 Aeroporto di arrivo Pag 01 Trasferimento aeroporto/hotel/aeroporto Pag 01 Sommario Informazioni aziendali Pag 01 Aeroporto di partenza Pag 01 Aeroporto di arrivo Pag 01 Trasferimento aeroporto/hotel/aeroporto Pag 01 Ingresso principale Pag 02 Aree comuni ed altri servizi Pag

Dettagli

REGOLAMENTO LOCALE DI IGIENE DELL ASL PROVINCIA DI MILANO N. 1 IGIENE EDILIZIA PARTE RELATIVA ALLE PISCINE

REGOLAMENTO LOCALE DI IGIENE DELL ASL PROVINCIA DI MILANO N. 1 IGIENE EDILIZIA PARTE RELATIVA ALLE PISCINE REGOLAMENTO LOCALE DI IGIENE DELL ASL PROVINCIA DI MILANO N. 1 IGIENE EDILIZIA PARTE RELATIVA ALLE PISCINE Indice 1. Campo di applicazione 2. Definizioni 3. Requisiti Generali delle piscine pubbliche,

Dettagli

TARIFFE STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 Decorrenza 1.9.2014 PISCINE. Decorrenza 1.9.2014 Ingresso adulti 4,70 Ingresso bambini 0-3 anni

TARIFFE STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 Decorrenza 1.9.2014 PISCINE. Decorrenza 1.9.2014 Ingresso adulti 4,70 Ingresso bambini 0-3 anni ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 31.10.2013 N. 484/105970 P.G. TARIFFE STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 PISCINE Ingresso adulti 4,70 Ingresso bambini 0-3 anni Ingresso bambini-adolescenti

Dettagli

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado PROCEDURA DI GESTIONE DELLE PULIZIE Pag. 1/7 Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado INDICE 1. SCOPO... 2 2.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 12 Bollettino Ufficiale n. 30/I-II del 21.7.2009 - Amtsblatt Nr. 30/I-II vom 21.7.2009 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AUTONOME PROVINZ TRIENT [BO30090155182 S020 ] DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA

Dettagli

Lo strumento dell autocontrollo nelle piscine. ASL Bergamo 10 dicembre 2014

Lo strumento dell autocontrollo nelle piscine. ASL Bergamo 10 dicembre 2014 Lo strumento dell autocontrollo nelle piscine ASL Bergamo 10 dicembre 2014 1 Riferimenti Normativi e Gestione in Autocontrollo ASL Bergamo Servizio Igiene e Sanità Pubblica 10 dicembre 2014 2 QUALE NORMATIVA

Dettagli

Modulo C. Infrastruttura «Sport» - Sport su ghiaccio - Sci di fondo. - Palestra. - Nuoto - Biathlon. - Arrampicata (indoor)

Modulo C. Infrastruttura «Sport» - Sport su ghiaccio - Sci di fondo. - Palestra. - Nuoto - Biathlon. - Arrampicata (indoor) Necessità di infrastrutture e superfici Modulo A Modulo B Modulo C Modulo D Modulo E Impianti di sport della neve Infrastruttura «Alloggi» Infrastruttura «Sport» Possibilità di praticare sport di montagna

Dettagli

Regolamento per la realizzazione degli impianti destinati alla specialità del Volo

Regolamento per la realizzazione degli impianti destinati alla specialità del Volo 1. Oggetto Regolamento per la realizzazione degli impianti destinati alla specialità del Volo Approvato dal Consiglio Federale in data 4 luglio 2013 Il presente Regolamento ha la finalità di definire le

Dettagli

Il Presidente della Provincia

Il Presidente della Provincia Trentino-A.A./Trento: Provincia autonoma D.P.P. 8-6-2009 n. 9-11/Leg. Regolamento concernente i requisiti igienico-sanitari per la realizzazione, la manutenzione e la vigilanza delle piscine ad uso natatorio

Dettagli

Nuotare a Cinisello Balsamo

Nuotare a Cinisello Balsamo Nuotare a Cinisello Balsamo Piano sviluppo piscine comunali novembre 2012 Daniela Gasparini 1 Gli impianti esistenti PISCINA PAGANELLIvia F.Filzi-telefono 0266048166: n.1vasca a 5 corsie mt.25,5x10,5x1,40

Dettagli

Antonio Marrazzo. Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano IL SINDACO E LA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI

Antonio Marrazzo. Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano IL SINDACO E LA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI Antonio Marrazzo Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano Attività dei diversi settori PROGETTI - N 101 - EDILIZIA SCOLASTICA tot 21.000.402,38 24% STRADE tot 12.155.500 23% ALLOGGI COMUNALI

Dettagli

2010_ 2011 X sito web.xls

2010_ 2011 X sito web.xls 2010_ 2011 X sito web.xls PISCINA COMUNALE - 2010/2011 Tariffe valide dall'1.11.2010 al 7.9.2011 UTENZA LIBERA Ingresso singolo intero (oltre 14 anni) nelle giornate dal lunedì alla domenica senza limitazione

Dettagli

SEZIONE A CAMPEGGI N. REQUISITI DIMENSIONALI E STRUTTURALI STELLE NOTE. Allegato B Dgr 1000 n. del 17 GIU 2014 pag. 1 /11

SEZIONE A CAMPEGGI N. REQUISITI DIMENSIONALI E STRUTTURALI STELLE NOTE. Allegato B Dgr 1000 n. del 17 GIU 2014 pag. 1 /11 Allegato B Dgr 000 n. del 7 GIU 204 pag. / ALLEGATOB alla Dgr n. 000 del 7 giugno 204 ALLEGATOB alla Dgr n. 000 del 7 giugno 204 giunta regionale 9^ legislatura SEZIONE A CAMPEGGI N. REQUISITI DIMENSIONALI

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2108 del 10 novembre 2014 pag. 1/6

ALLEGATOA alla Dgr n. 2108 del 10 novembre 2014 pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2108 del 10 novembre 2014 pag. 1/6 OGGETTO: Trasformazione di spazi sanitari e socio-sanitari già autorizzati all esercizio in Ospedali di Comunità

Dettagli

Capitolo 9 stabilimenti balneari, alberghi diurni e piscine

Capitolo 9 stabilimenti balneari, alberghi diurni e piscine NORME COMUNI 3.9.1. Autorizzazione Capitolo 9 stabilimenti balneari, alberghi diurni e piscine Ferma l autorizzazione amministrativa di cui all art.86 del T.U. 18 giugno 1931, n.733, come modificato dall'art.

Dettagli

STIAMO COI PIEDI PER TERRA. GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1

STIAMO COI PIEDI PER TERRA. GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1 STIAMO COI PIEDI PER TERRA GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1 Le cadute che possono verificarsi in casa, per la strada, in ospedale o presso le strutture per anziani o disabili sono un grave problema

Dettagli

Dipartimento sportivo. A.S. 2014/2015. Programmazione didattica annuale

Dipartimento sportivo. A.S. 2014/2015. Programmazione didattica annuale Dipartimento sportivo. A.S. 2014/2015 Programmazione didattica annuale La programmazione didattica annuale prevista dai docenti di Educazione Fisica può considerarsi suddivisa in tre fasi. La prima, all

Dettagli

BOCCIODROMO GALILEI 2. Viale Galilei

BOCCIODROMO GALILEI 2. Viale Galilei BOCCIODROMO GALILEI 2 Viale Galilei RELAZIONE STATO DEI LUOGHI L impianto si trova lungo il Viale Galilei in prossimità dell incrocio con Via Gherardi; essa ha una forma trapezoidale; l ambito urbano che

Dettagli

La richiesta della Società della Canottieri

La richiesta della Società della Canottieri Progetti Igor Maglica Veduta del modello (foto Stefano Topuntoli). La richiesta della Società della Canottieri Mincio di Mantova di poter frequentare le strutture sportive esistenti in condizioni di maggiore

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI STRUTTURE RICETTIVE ALL'APERTO DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI PER LA CLASSIFICAZIONE

REGIONE DEL VENETO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI STRUTTURE RICETTIVE ALL'APERTO DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI PER LA CLASSIFICAZIONE REGIONE DEL VENETO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI STRUTTURE RICETTIVE ALL'APERTO DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI PER LA CLASSIFICAZIONE art. 32 legge regionale n. 33/2002 1 - Denominazione struttura

Dettagli

CHECK LIST PER VERIFICA DEL LIVELLO QUALITA' DEL SERVIZIO DI PULIZIA SULLE PALESTRE

CHECK LIST PER VERIFICA DEL LIVELLO QUALITA' DEL SERVIZIO DI PULIZIA SULLE PALESTRE DEL SERVIZIO DI PULIZIA SULLE PALESTRE impianto: PALESTRA data: ora: SERVIZIO DI PULIZIA: SPOGLIATOI, SERVIZI, BAGNI E ALTRE AREE oggetto di percorso esterno di accesso pavimenti / parapetti 1 rifiuti-residui

Dettagli

LOTTO 1 - CENTRO SPORTIVO ARCOVEGGIO

LOTTO 1 - CENTRO SPORTIVO ARCOVEGGIO LOTTO n. 1 - CENTRO SPORTIVO ARCOVEGGIO 1 campo da calcio a 11 in erba (cat A, mt. 115 X 65) con tribuna coperta con capienza di 1500 unità 1 campo da calcio per allenamenti in terreno (cat B, mt. 100

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI

CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI Dimensioni edificio - Volume: mc. 35.000 - Superficie: mq. 4.537 Autorimessa - Superficie: mq. 970 - Altezza: mt. 3,70 - Interrata con n 32 posti auto. Hall d ingresso

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI SEZIONE I 22.2.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 3 Autonomie locali espresso nella seduta del 17 novembre 2006; 3 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA

Dettagli

a manifest. Patrocinio Comunale ( ridotta della metà) Senza Patrocinio Comunale

a manifest. Patrocinio Comunale ( ridotta della metà) Senza Patrocinio Comunale ALLEGATO A TARIFFE IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI. ANNO 2015 Impianto Vecchia Nuova Nuova Fraz. di tempo 10% 20% Palasport Campo Centrale allenamenti 12 13,2 per ora a Palasport Campo Centrale allenamenti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILUSTRATIVA CENTRO SPORTIVO SAINI via Corelli 136, Milano RIQUALIFICAZIONE VASCA 50 MT RELAZIONE TECNICA ILUSTRATIVA INDICE 1 PREMESSA 3 2 STATO DI FATTO 3 2.1 Il Centro Nuoto 3 2.2 La vasca 50 metri 4 2.2.1 Criticità

Dettagli

PISCINE RISCHI DA AGENTI CHIMICI - MICROBIOLOGICI FISICI OBLIGHI DEL GESTORE. Alessandria 25 giugno 2013 RISCHI DA AGENTI CHIMICI - MICROBIOLOGICI

PISCINE RISCHI DA AGENTI CHIMICI - MICROBIOLOGICI FISICI OBLIGHI DEL GESTORE. Alessandria 25 giugno 2013 RISCHI DA AGENTI CHIMICI - MICROBIOLOGICI PISCINE RISCHI DA AGENTI CHIMICI - MICROBIOLOGICI FISICI OBLIGHI DEL GESTORE Alessandria 25 giugno 2013 RISCHI DA AGENTI CHIMICI - MICROBIOLOGICI relatore: Paolo Ambrogetti L impianto natatorio è un area

Dettagli

COMUNE DI SIAMAGGIORE

COMUNE DI SIAMAGGIORE COMUNE DI SIAMAGGIORE OGGETTO: AFFIDAMENTO IN GESTIONE DELLA PALESTRA COMUNALE E IMPIANTI SPORTIVI CIRCOSTANTI UBICATI IN LOCALITA IS ARGIOLAS (C.I.G. Z170ABCE2F) RELAZIONE DESCRITTIVA Premesse Il Comune

Dettagli

LISTA AUTOCONTROLLO APERTURA EDIFICIO

LISTA AUTOCONTROLLO APERTURA EDIFICIO LISTA AUTOCONTROLLO APERTURA EDIFICIO APERTURA CANCELLO APERTURA EDIFICIO ISPEZIONE EDIFICIO FINE ATTIVITA SCOLASTICA ACCENSIONE LUCI REGISTRAZIONE ENTRATA DIPENDENTE DIVISA CARTELLINO CHIUSURA PORTE/FINESTRE

Dettagli

San Lazzaro. Termine Lavori: Ottobre 2009. Importo: 5 milioni di Euro. Progetto: Settore Infrastrutture e Impianti sportivi del Comune di Padova

San Lazzaro. Termine Lavori: Ottobre 2009. Importo: 5 milioni di Euro. Progetto: Settore Infrastrutture e Impianti sportivi del Comune di Padova San Lazzaro Nuovo Palasport Interventi di ristrutturazione del Palasport esistente in zona S. Lazzaro, consistenti nella demolizione e sostituzione delle vecchie e provvisorie gradinate in acciaio con

Dettagli

STESURA E GESTIONE DEL PIANO DI AUTOCONTROLLO

STESURA E GESTIONE DEL PIANO DI AUTOCONTROLLO STESURA E GESTIONE DEL PIANO DI AUTOCONTROLLO Seminari regionali per gestori di piscine 2007 Garda 13/04, Jesolo 03/05, Caorle 10/05, Chioggia 22/06 t.d.p. Agnese Dalla Riva Azienda ULSS 4 Alto Vicentino

Dettagli

Gli elementi principali che hanno guidato la progettazione sono i seguenti:

Gli elementi principali che hanno guidato la progettazione sono i seguenti: L INTERVENTO Le prime analisi di fattibilità hanno consigliato un radicale rifacimento dell impianto sportivo, considerando che l eventuale modesta incidenza della demolizione (in quanto riguarda per la

Dettagli

TARIFFARIO (aggiornato alla data del 01/01/2014)

TARIFFARIO (aggiornato alla data del 01/01/2014) AREA SERVIZI AL CITTADINO DC SPORT, BENESSERE E QUALITA DELLA VITA Settore Sport e Benessere TARIFFARIO (aggiornato alla data del 01/01/2014) PER L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI A GESTIONE COMUNALE,

Dettagli

4a Tutela della salute l.r. 8/2006 1

4a Tutela della salute l.r. 8/2006 1 4a Tutela della salute l.r. 8/2006 1 Legge regionale 09 marzo 2006, n. 8 Norme in materia di requisiti igienico-sanitari delle piscine ad uso natatorio. (Bollettino Ufficiale n. 8, parte prima, del 15.03.2006)

Dettagli

Cave - Chiesanuova. Piastra Skateboard Via Pelosa Parco Brentella

Cave - Chiesanuova. Piastra Skateboard Via Pelosa Parco Brentella Cave - Chiesanuova Piastra Skateboard Via Pelosa Parco Brentella Il Centro Sportivo Brentella, nel quartiere n. 6 Ovest, è stato recentemente ampliato con l acquisizione di circa 20.000 metri quadrati

Dettagli

Analisi chimiche e microbiologiche Controllo qualità ambiente ed alimenti

Analisi chimiche e microbiologiche Controllo qualità ambiente ed alimenti Analisi chimiche e microbiologiche Controllo qualità ambiente ed alimenti AL FINE DI MIGLIORARE IL SERVIZIO DEI STRI CLIENTI, ALLEGA DI SEGUITO UNA NTE DI QUANTO PREVISTO DALLA RECENTE RMATIVA. DECRETO

Dettagli

COMPLEMENTI AREE VERDI ALLESTIMENTO E MANUTENZIONE. allestimento e manutenzione aree verdi. macchine e impianti per aree verdi

COMPLEMENTI AREE VERDI ALLESTIMENTO E MANUTENZIONE. allestimento e manutenzione aree verdi. macchine e impianti per aree verdi COMPLEMENTI AREE VERDI ALLESTIMENTO E MANUTENZIONE allestimento e manutenzione aree verdi macchine e impianti per aree verdi ATTREZZATURE PARCHI GIOCO E ARREDO DA ESTERNI arredo urbano e da esterni attrezzature

Dettagli

Criteri di valutazione completi utilizzati per la valutazione delle strutture presenti sul sito di "Alto Adige per tutti" - www.altoadigepertutti.

Criteri di valutazione completi utilizzati per la valutazione delle strutture presenti sul sito di Alto Adige per tutti - www.altoadigepertutti. Criteri di valutazione completi utilizzati per la valutazione delle strutture presenti sul sito di "Alto Adige per tutti" - www.altoadigepertutti.it eccellente asfalto, cemento distanza dall'ingresso

Dettagli

Piano di sviluppo degli impianti sportivi

Piano di sviluppo degli impianti sportivi AUTONOME PROVINZ BOZEN SÜDTIROL Abteilung 7 Örtliche Körperschaften Amt 7.2 Amt für Sport Sportbeobachtung PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 7 Enti locali Ufficio 7.2 Ufficio sport

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DELL IMPIANTO SPORTIVO COMUNITARIO PISCINA -PALESTRA

REGOLAMENTO D USO DELL IMPIANTO SPORTIVO COMUNITARIO PISCINA -PALESTRA Sede Carpegna - Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO D USO DELL IMPIANTO SPORTIVO COMUNITARIO PISCINA -PALESTRA Approvato con atto di CC n. 74 del 27/9/1996 Pubblicato all Albo Pretorio dell Ente dal

Dettagli

CAPACITA LOGISTICO STRUTTURALE E INFRASTRUTTURALE

CAPACITA LOGISTICO STRUTTURALE E INFRASTRUTTURALE INTRODUZIONE CAPACITA LOGISTICO STRUTTURALE E INFRASTRUTTURALE Il Villaggio del Ragazzo offre ai giovani che partecipano alle attività del centro di San Salvatore, servizi educativi ed accessori finalizzati

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE PROVE PRATICHE DI VALUTAZIONE TECNICO SPORTIVA

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE PROVE PRATICHE DI VALUTAZIONE TECNICO SPORTIVA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE PROVE PRATICHE DI VALUTAZIONE TECNICO SPORTIVA Si ricorda ai candidati che, per l espletamento delle seguenti prove pratiche, sono tenuti a presentarsi con abbigliamento

Dettagli

Offerta di sport G+S. Definizione dell offerta G+S

Offerta di sport G+S. Definizione dell offerta G+S Guida per lo svolgimento delle offerte con bambini e giovani (gruppo di utenti 4) offerte G+S di cantoni, comuni e delle federazioni sportive nazionali Questa guida intende dare a monitori e coach G+S

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ AREA DIDATTICA E PERCORSO PER DISABILI MOTORI DI RONSINAGGIO

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ AREA DIDATTICA E PERCORSO PER DISABILI MOTORI DI RONSINAGGIO Parco Rocchetta Tanaro INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ AREA DIDATTICA E PERCORSO PER DISABILI MOTORI DI RONSINAGGIO L area didattica, spesso utilizzata per l attività di educazione ambientale con le scuole,

Dettagli

la vigilanza e l autocontrollo negli impianti natatori

la vigilanza e l autocontrollo negli impianti natatori la vigilanza e l autocontrollo negli impianti natatori Dott.ssa Agnese Dalla Riva Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Componente Comitato Tecnico Piscine Regione Veneto Istituto Superiore

Dettagli

DISCIPLINARE DEL SERVIZIO

DISCIPLINARE DEL SERVIZIO Pag. 1 di 6 ACCOGLIENZA Il personale è sempre disponibile ad accogliere cortesemente le richieste dei Clienti. Il personale della struttura del Campeggio deve essere dotato di abbigliamento riconoscibile,

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

Attività di commercio e di allevamento di animali da compagnia convenzionali (cani, gatti, furetti ) e di animali esotici

Attività di commercio e di allevamento di animali da compagnia convenzionali (cani, gatti, furetti ) e di animali esotici Servizio per le attività veterinarie Attività di commercio e di allevamento di animali da compagnia convenzionali (cani, gatti, furetti ) e di animali esotici Presentazione e riferimenti normativi: Per

Dettagli

Elementi da valutare in relazione ai bisogni dell utente Presentazione scheda ausili Ausili e soluzioni per ciascun ambiente

Elementi da valutare in relazione ai bisogni dell utente Presentazione scheda ausili Ausili e soluzioni per ciascun ambiente Scheda CORSO TEORICO ausili PRATICO SULLA VALUTAZIONE DEGLI AUSILI PER IL MIGLIORAMENTO DELL APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA Elementi da valutare in relazione ai bisogni dell utente Presentazione scheda ausili

Dettagli

MANUALE DI AUTOCONTROLLO

MANUALE DI AUTOCONTROLLO PAG.1/ MANUALE DI AUTOCONTROLLO PIANO DI AUTOCONTROLLO E SISTEMA DI GESTIONE IGIENICO SANITARIO PISCINE AD USO PUBBLICO ED IMPIANTI FINALIZZATI AL GIOCO ACQUATICO Piscina di IL MANUALE E SOGGETTO AD AGGIORNAMENTO.

Dettagli

PARCHEGGIO RISERVATO: 2 posti riservati esterni + 2 posti interni (dopo il cancello)

PARCHEGGIO RISERVATO: 2 posti riservati esterni + 2 posti interni (dopo il cancello) N 1 NOME IMPIANTO: Cavina SOCIETÀ: Sogese INDIRIZZO: Via Biancolelli, 36 PARCHEGGIO RISERVATO: 2 posti riservati esterni + 2 posti interni (dopo il cancello) ACCESSO PRINCIPALE: accessibile ACCESSI SECONDARI:

Dettagli

INDICE NORMATIVA DI RIFERIMENTO

INDICE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Premessa: Le indicazioni di seguito riportate non vogliono essere una aggiunta al complesso sistema di norme vigenti, ma uno strumento utile a chi vuole intraprendere e/o modificare significativamente

Dettagli

antonio.palma@unipa.it

antonio.palma@unipa.it Ordinario di Metodi e Didattiche delle Attività Sportive Delegato del Rettore alla presidenza del Comitato per lo Sport universitario e a curare i rapporti con il CUS antonio.palma@unipa.it Università

Dettagli

Oggetto: Relazione illustrativa Lavori di ristrutturazione centro sportivo di via Verdi. Relazione

Oggetto: Relazione illustrativa Lavori di ristrutturazione centro sportivo di via Verdi. Relazione Oggetto: Relazione illustrativa Lavori di ristrutturazione centro sportivo di via Verdi. 1. PREMESSA: Relazione Il Centro sportivo di via Verdi occupa un'area compresa tra via Verdi, via Dante, via Pucci

Dettagli

ELENCO E CARATTERISTICHE GENERALI DELLE AREE OGGETTO DELLA SPONSORIZZAZIONE.

ELENCO E CARATTERISTICHE GENERALI DELLE AREE OGGETTO DELLA SPONSORIZZAZIONE. All B. ELENCO E CARATTERISTICHE GENERALI DELLE AREE OGGETTO DELLA SPONSORIZZAZIONE. Le sotto elencate strutture sono a disposizione per la stipula di contratti di sponsorizzazione relativi a: - titolazione

Dettagli

Relazione di aacessibilità. Sommario

Relazione di aacessibilità. Sommario Relazione di aacessibilità Sommario Informazioni aziendali Pag 02 Aeroporto di partenza Pag 02 Aeroporto di arrivo Pag 02 Trasferimento aeroporto/hotel/aeroporto Pag 03 Ingresso principale Pag 03 Aree

Dettagli

IL PERCORSO NORMATIVO. Dott. Rossana Prola

IL PERCORSO NORMATIVO. Dott. Rossana Prola IL PERCORSO NORMATIVO Dott. Rossana Prola NUOVO ASSETTO COMPETENZE modifica Titolo V Costituzione leggi costituzionali n. 1 del 1999 e n. 3 del 2001 e il successivo referendum confermativo del 7 ottobre

Dettagli

FINANZIAMENTI PER MANIFESTAZIONI, EVENTI, ATTIVITA' SPORTIVE. ANNO 2007 Risorse per la realizzazione di attività motorie e sportive: Euro 98.

FINANZIAMENTI PER MANIFESTAZIONI, EVENTI, ATTIVITA' SPORTIVE. ANNO 2007 Risorse per la realizzazione di attività motorie e sportive: Euro 98. 12-02-03-01 FINANZIAMENTI PER MANIFESTAZIONI, EVENTI, ATTIVITA' SPORTIVE ANNO 2007 Risorse per la realizzazione di attività motorie e sportive: Euro 98.500,00 FINANZIAMENTI PER L IMPIANTISTICA SPORTIVA

Dettagli