CULTURA e SIMULAZIONE d IMPRESA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CULTURA e SIMULAZIONE d IMPRESA"

Transcript

1

2 CULTURA e SIMULAZIONE d IMPRESA 2 PROPOSTE GUIDA SPERIMENTARE, FARE, OPERARE, COINVOLGERE OPERATIVAMENTE Dimmi e dimenticherò; fammi vedere e forse ricorderò; fammi fare e allora capirò, imparerò e ricorderò LEARNING BY DOING, IMPARARE FACENDO, è il motto di SIMULIMPRESA. IL CONFETTO e L ATTIVITA CONFETTIERA Questi due elementi legano organicamente e in maniera identitaria l Istituto Comprensivo Serafini Di Stefano e il Progetto al territorio e alla città di Sulmona, alla loro vita, alla loro storia, alla loro economia e a alla loro cultura. CHI La classe di attuale titolarità del progetto è la CLASSE II B della Sede Scuola Media Statale Panfilo Serafini di SULMONA ( AQ). La classe è composta da 25 alunni: 17 femmine, 8 maschi. Gli insegnanti responsabili del progetto sono:la Prof.ssa Mileda Luciana Serafini, insegnante di Lettere, direttrice responsabile dell Impresa Simulata e formatrice; il Prof. Golfredo Giuliani, insegnante di Lingua Inglese, formatore. Entrambi gli insegnanti sono certificati quali formatori per le attività di SIMULAZIONE D IMPRESA, in quanto hanno seguito, nell a.s /2002, un corso di formazione specifico consistente in 50 ore di teoria e in ulteriore 16 ore di rinforzo teorico-pratico presso la Centrale Nazionale EUROPEN delle Imprese Simulate di FERRARA. 2

3 CULTURA e SIMULAZIONE d IMPRESA COSA Simulare un impresa significa imitarne e riprodurne tutti gli aspetti : da quelli fisici, cioè strutture, reparti, dipartimenti, uffici, attrezzature, mezzi e strumenti, a quelli umani, i dipendenti, i loro ruoli e le loro funzioni, alle mansioni e alle procedure, all organizzazione aziendale, agli orari, alla documentazione, alle attività specifiche. Le attività di simulazione d impresa si svolgono all interno di un ambiente scolastico dedicato e opportunamente attrezzato: il LABORATORIO di SIMULIMPRESA che è la sede dell IMPRESA SIMULATA. Il Progetto di Cultura e Simulazione d Impresa Confetti Panfilo Serafini srl Sulmona, nato sulla basedi una progettazione specifica presso la Scuola Media Statale Panfilo Serafini nell a.s / 2003, è stato riproposto con continuità negli anni scolastici successivi ed è arrivato al suo ottavo anno. L Impresa Simulata si occupa della commercializzazione virtuale di prodotti tradizionali tipici di Sulmona: confetti, bomboniere, fori, frutta, animaletti e fantasie fatti con confetti, composizioni e cesti realizzati con fantasie di confetti. L Impresa Simulata opera all interno di una rete internazionale di aziende virtuali, oltre 5000, presenti in 50 nazioni diverse. La rete internazionale si chiama EUROPEN / PENINTERNATIONAL ed è coordinata e monitorata da una sede generale che si trova ad ESSEN, in Germania. Ogni nazione aderente ha una propria centrale nazionale che ha la funzione di supporto, coordinamento e controllo. La Centrale EUROPEN italiana ha sede a FERRARA, presso l Istituto Don Calabria. QUANDO Il presente progetto è stato realizzato negli a.a.ss / /

4 IL CONTESTO TERRITORIALE E SCOLATICO: caratteristiche, esigenze e problemi In generale ( Istituto) La scuola ha un bacino di utenza molto vasto che abbraccia Sulmona e vari piccoli comuni limitrofi, da Pacentro a Cansano e Campo di Giove, da Pettorano sul Gizio a Introdacqua, Anversa degli Abruzzi e Villalago, da Bugnara a Campo di Fano, da Prezza a Cocullo. La scuola accoglie un numero abbastanza elevato di studenti stranieri, soprattutto extracomunitari, appartenenti anche a culture e religioni diverse. La scuola accoglie un alto numero di portatori di handicap; in tutte le classi sono presenti alunni diversamente abili. In particolare ( Classe I B) Sono presenti alunni provenienti da centri minori del circondario. Sono presenti 3 alunni provenienti da paesi extracomunitari. E presente un alunna portatrice di handicap, certificato di livello grave, seguita da insegnante specifico per 18 ore e da assistente per altre 12 ore settimanali; sono presenti inoltre altri alunni in difficoltà di apprendimento. 4

5 FINALITA e OBIETTIVI del PROGETTO Finalità La sede P. Serafini dell Istituto Comprensivo Serafini- Di Stefano, in quanto scuola dell obbligo, si pone tra i suoi obiettivi primari quello di prevenire, affrontare e risolvere mediante proposte e progettazioni specifiche, quale quella di Simulazione d Impresa, possibili situazioni di disagio, siano esse relazionali, comportamentali, motivazionali, strumentali, di apprendimento o di altro tipo, che incidano negativamente sulla qualità della presenza a scuola degli alunni. In tal modo l istituzione scolastica, prestando notevole attenzione alla prevenzione di qualsiasi forma di esclusione e di dispersione dovuta a disagi, carenza di integrazione e difficoltà di vario genere, risponde alle finalità istituzionali che le sono richieste. Obiettivi DISCIPLINARI- STRUMENTALI - SPECIFICI Favorire il recupero, il consolidamento e il potenziamento di conoscenze, abilità e competenze nelle varie discipline considerate come insieme unitario; Utilizzare in maniera funzionale ed efficace strumenti potenti e flessibili quali il computer, Internet, telefono, fax, scanner, stampanti, calcolatrici, fotocopiatrice..; Sviluppare la capacità di utilizzare la lingua inglese per comunicare in contesti reali, a contatto con stranieri e per scopi specifici; non a caso gli alunni hanno dovuto redigere documenti pubblicitari e di marketing in italiano e in inglese e, nel contatto con imprese simulate straniere,sia via telefono, fax o , sia direttamente in occasione della partecipazione alla IX FIERA INTERNAZIONALE delle IMPRESE SIMULATE in SPAGNA, BARCELLONA, MARZO 2010, hanno dovuto comunicare in inglese. 5

6 FINALITA e OBIETTIVI del PROGETTO Obiettivi RELAZIONALI- COMPORTAMENTALI Sviluppare la capacità di stare e confrontarsi con gli altri in maniera positiva,contribuendo in maniera fattiva e operativa alla strutturazione e realizzazione di mini progetti, quali, ad esempio, campagne pubblicitarie e di marketing. Stimolare e sviluppare capacità organizzative, operative, decisionali e di autonomia di scelta. Stimolare la flessibilità ideativa e comportamentale,intesa come capacità di adattamento a cambiamento e a situazioni nuove e impreviste. Stimolare la capacità di rispondere in maniera efficace e rapida a situazioni nuove e di trovare soluzioni immediate a problemi reali. ORIENTATIVI Contribuire all orientamento, anche ma non solo scolastico, mediante una migliore conoscenza di se stessi e delle proprie caratteristiche in termini di punti di forza e di debolezza capacità, abilità, competenze, conoscenze, interessi e motivazioni. Acquisire e potenziare la fiducia in se stessi, la consapevolezza delle proprie capacità e la sicurezza nei propri mezzi. 6

7 DESCRIZIONE del PROGETTO. SIMULARE UN IMPRESA Simulare un'impresa, come detto prima, significa riprodurne e imitarne tutti gli aspetti, dalle strutture fisiche, ai mezzi-strumenti utilizzati, all'organizzazione aziendale, ai documenti, alle procedure e alle attività specifiche. LABORATORIO di SIMULIMPRESA In un'area dedicata della nostra scuola sono stati riprodotti i dipartimenti e gli uffici di un'impresa commerciale: segreteria, reparto contabile-amministrativo, reparto commerciale, reparto personale. Questo è il LABORATORIO DI SIMULIMPRESA ed è la SEDE UFFICIALE dell impresa Simulata CONFETTI PANFILO SERAFINI srl SULMONA. 7

8 DESCRIZIONE del PROGETTO. ATTIVITA di SIMULAZIONE All'interno dell area-laboratorio si svolgono le attività imprenditoriali simulate: si acquistano e si vendono beni, prodotti e servizi, si preparano, si compilano, si registrano e si catalogano documenti, si spediscono merci, prodotti e documenti commerciali, si fanno ricerche di mercato, si studiano, si strutturano e si realizzano campagne pubblicitarie, si utilizzano strumenti quali il computer, il telefono, il fax, lo scanner... Ci sono orari di lavoro da rispettare, si devono affrontare e risolvere situazioni e problemi di lavoro, si devono sviluppare e portare a compimento compiti e mansioni. Si curano relazioni commerciali con altre imprese simulate, italiane e straniere, che fanno parte di EUROPEN / PEN INTERNATIONAL, la rete mondiale della simulimpresa. Naturalmente tutto questo avviene in maniera simulata. Avendo le attività motivazioni e scopi unicamente didattici, non c è alcuno scambio reale di beni, prodotti e servizi. 8

9 DESCRIZIONE del PROGETTO. STRUTTURA e ORGANIZZAZIONE dell IMPRESA La struttura e l organizzazione sono quelle tipiche di un azienda reale. La Confetti Panfilo Serafini srl ha il suo organigramma, il suo logo, la sua ragione sociale, dati generali e fiscali, ha un proprio cc bancario, ha una propria contabilità, un proprio bilancio. ORGANIGRAMMA dell IMPRESA DIPARTIMENTO COMMERCIALE Ufficio Acquisti Italia Estero UFFICIO PERSONALE Ufficio Vendite Italia Estero Ufficio Marketing DIPARTIMENTO CONTABILE AMMINISTRATIVO SEGRETERIA Ufficio Magazzino Ufficio Tesoreria Ufficio Contabilità 9

10 DESCRIZIONE del PROGETTO. MEZZI e STRUMENTI L area laboratorio comprende 8 postazioni, una per ogni dipartimento e/o ufficio. Ogni postazione è dotata di mezzi e strumenti che permettono la normale attività operativa: computer con collegamento internet, e programmi OFFICE, stampante, scanner, telefono interno, calcolatrice e materiale di cancelleria, schedari, faldoni e armadietto per la classificazione e conservazione dei documenti. L ufficio di segreteria è dotato di linea telefonica esterna dedicata, di apparecchiatura fax e di fotocopiatrice. DOCUMENTAZIONE Per l operatività aziendale vengono utilizzati documenti reali e autentici, anche se in fac-simile. L impresa ha il Catalogo prodotti, il Prezziario, le Condizioni di vendita, i libri contabili, la modulistica per Ordini di acquisto, Conferma d ordine, Documento di trasporto, Fatture, Gestione magazzino, Pratica Clienti e tutti i documenti necessari per la normale attività commerciale. I documenti sono redatti in italiano e in inglese. Tutta la documentazione viene conservata in un apposito armadio generale per permettere la tracciabilità dei documenti e delle attività. 10

11 DESCRIZIONE del PROGETTO. MANSIONARIO Ogni ufficio e ogni posiziona lavorativa sono dotati di un mansionario che descrive l iter procedurale da seguire per portare a buon fine i percorsi lavorativi assegnati. Il mansionario descrive le informazioni e la documentazione in entrata e in uscita di ciascun ufficio e di ciascuna posizione lavorativa. ATTIVITA e PROCEDURE Attività e procedure sono quelle tipiche di una azienda reale. Si va dalle attività di relazioni commerciali con altre aziende simulate italiane e straniere, alle assemblee periodiche dei dipendenti per discutere ordini del giorno prestabiliti, alle ricerche di mercato alla individuazione di strategie di marketing e di commercializzazione dei prodotti, allo studio di campagne promozionali e pubblicitarie e di offerte promozionali. 11

12 DESCRIZIONE del PROGETTO. L IMPRESA e INTERNET L Impresa ha il suo sito internet, il suo catalogo on line e il suo webshop. Il sito internet è consultabile all indirizzo: Il catalogo on line è consultabile all indirizzo: Il webshop della Confetti Panfilo Serafini srl è consultabile all indirizzo: I siti sono stati costruiti dagli alunni dipendenti dell Impresa Simulata. L Impresa Simulata ha nuovi dipendenti e ha una nuove Impresa Madrina, il Confettificio PAREGGI. Inoltre si è deciso di partecipare alla VI FIERA INTERNAZIONALE delle IMPRESE SIMULATE di MONFALCONE (GO) MARZO Per questi motivi gli alunni dipendenti sono impegnati con l aggiornamento del sito, con la preparazione di un nuovo catalogo e di tutta la documentazione necessaria per l evento-fiera. L AZIENDA MADRINA Accanto ad ogni Impresa Simulata c è una azienda produttiva reale che, facendo da impresa madrina, fa da punto di riferimento e supporto e alla quale ci si può rivolgere per avere consulenza, aiuto, materiali, e suggerimenti. L impresa madrina fornisce prodotti reali da esporre nello stand durante le Fiere Internazionali delle Imprese Simulate. L azienda reale offre supporto per lo svolgimento di stage formativi agli alunni-dipendenti dell Impresa Simulata. La Azienda Madrina dell I. S. Confetti Panfilo Serafini srl è, dall ottobre 2011, il «Confettificio Pareggi di Sulmona. 12

13 DESCRIZIONE del PROGETTO. LA FIERA INTERNAZIONALE delle IMPRESE SIMULATE Ogni anno si svolgono Fiere Internazionali delle Imprese Simulate che vengono organizzate negli stessi padiglioni fieristici nei quali si svolgono le fiere di aziende reali. In alcune occasioni, come a Barcellona, in Spagna, la Fiera Internazionale delle Imprese Simulate si svolge in coincidenza e in concomitanza di Fiere di Imprese Reali. In occasione della fiera, ogni Impresa Simulata ha a sua disposizione uno stand nel quale presenta la propria attività e i propri prodotti reali. Durante i giorni di attività fieristica, gli alunni-dipendenti hanno modo di entrare in contatto diretto con tutte le altre imprese italiane e straniere presenti, confrontandosi con loro e mettendo alla prova, sul campo, la propria preparazione e le competenze acquisite. Alla fine dell evento, le Imprese che si sono distinte per la loro attività commerciale, di marketing, di budget, arredamento stand,- ricevono un riconoscimento sotto forma di targa o di certificazione. Si tratta di una tappa molto importante e significativa in quanto l attività, che nel laboratorio è del tutto simulata, diventa reale con il contatto con altri imprenditori che non sempre parlano italiano e con i prodotti reali di altre imprese. 13

14 DESCRIZIONE del PROGETTO. STRUTTURA INTERNAZIONALE della SIMULIMPRESA: EUROPEN / PENINTERNATIONAL In tutto il mondo sono operanti circa 5000 imprese simulate in oltre 50 nazioni dislocate in 5 continenti. Sono collegate tra di loro in una rete internazionale chiamata EUROPEN/ PEN INTERNATIONAL. L attività di tale rete viene coordinata e monitorata, a livello internazionale, dalla Centrale Mondiale delle Imprese Simulate che si trova ad ESSEN GERMANIA. In ognuno degli oltre 50 paesi esiste una Centrale Nazionale che, oltre ad avere funzione di monitoraggio sulle imprese interne, ha la doppia funzione di collegamento tra tutte le imprese nazionali e tutte quelle internazionali. La Centrale Nazionale Italiana ha sede a Ferrara, nell Istituto Don Calabria. La Centrale Nazionale fa da punto di riferimento per tutte le imprese nazionali, offrendo supporto e servizi simulati alle imprese quali servizi bancari e di posta, servizio , fornitura di energia elettrica, acqua, gas. Ogni singola Impresa Simulata è parte integrante di tale rete che è nazionale e internazionale e, tramite essa, è in contatto con tutte le altre imprese simulate a livello mondiale. 14

15 DESCRIZIONE del PROGETTO. LA CERTIFICAZIONE INTERNAZIONALE EUROPEN della QUALITA Tutte le attività e i documenti di ogni singola Simulimpresa vengono monitorati sia dalla Centrale Italiana di Ferrara sia dalla Centrale Internazionale di Essen in Germania. Se l impresa riesce a raggiungere elevati standard qualitativi, stabiliti da un rigoroso protocollo descrittivo, può ottenere, dopo attenta valutazione da parte dei responsabili della Centrale, il Certificato Internazionale EUROPEN di Qualità. Una volta raggiunto questo obiettivo, anche i dipendenti dell Impresa Simulata Certificata possono ottenere il Certificato Internazionale Individuale di Qualità a condizione che la loro preparazione risponda a precise norme qualitative. Il Certificato Individuale di Qualità attesta che il dipendente è preparato nelle seguenti aree: tecnica, in quanto conosce e sa utilizzare i mezzi tecnologici; professionale, in quanto conosce e utilizza in maniera corretta sia la lingua italiana sia quella inglese, è in grado di utilizzare in maniera corretta procedure e documenti aziendali; sociale, in quanto è in grado di gestire correttamente i rapporti interpersonali e le situazioni, anche problematiche, che le mansioni aziendali comportano. Il Certificato di Qualità garantisce benefici e crediti. Per quanto riguarda il curricolo scolastico la validità del Certificato è riconosciuta anche a livello universitario. Le Università di Torino, Bologna, Parma e Forlì, nell ambito delle loro facoltà ad indirizzo economico-finanziario, hanno istituito dei corsi di simulazione d impresa e delle imprese simulate che aderiscono alla rete EUROPEN; tali università riconoscono validità al Certificato Internazionale di Qualità EUROPEN. 15

16 ASPETTI TEORICI SPECIFICI del PROGETTO. LA SIMULAZIONE nella DIDATTICA La Simulazione è una procedura tipica della didattica. E una procedura naturale della didattica. La simulazione, cioè il riportare e il riprodurre un pezzo di vita reale all interno di una situazione artificiale quale quella di un aula scolastica, è insita in tutte le procedure didattiche e di apprendimento. Un problema di matematica è simulazione, un attività di rôle play in Lingua Straniera è simulazione, un tema di italiano può essere / è simulazione: questi sono alcuni esempi. 16

17 ASPETTI TEORICI SPECIFICI del PROGETTO. RICOSTRUZIONE UNITARIA del SAPERE /1 La Simulazione d Impresa consente la ricostruzione unitaria delle discipline-materie. La Simulazione d Impresa permette il superamento della distinzione artificiosa delle discipline di studio Non essendo incentrata su una disciplina specifica, ma su una attività progettuale, permette un interscambio continuo tra discipline e attività. Permette, quindi, la ricostruzione unitaria dell attività, così come accade nella vita di tutti i giorni nella quale non si vive una realtà che in un momento è matematica, in quello successivo diventa realtà geografica e poi ancora artistica e cosi via. Nella realtà quotidiana si affrontano le situazioni e i problemi ricorrendo, contemporaneamente, a strumenti e conoscenze offerte dalle varie discipline e si selezionano quelle utili nell occasione specifica. 17

18 ASPETTI TEORICI SPECIFICI del PROGETTO. RICOSTRUZIONE UNITARIA del SAPERE e delle ATTIVITA / 2 ITALIANO GEOGRAFIA MATEMATICA SCIENZE STORIA PROGETTO SIMULAZIONE D IMPRESA ARTE INFORMATICA MUSICA TECNOLOGIA LINGUE STRANIERE 18

19 ASPETTI TEORICI SPECIFICI del PROGETTO. La Simulazione d Impresa consente lo sviluppo di abilità e competenze trasversali. ABILITA e COMPETENZE TRASVERSALI/ 1 Poiché è necessario lavorare in maniera collegiale sullo sviluppo di un attività progettuale unitaria, suddivisa, a sua volta, in una pluralità di azioni microprogettuali, quali ad esempio la realizzazione del catalogo, la creazione di un volantino pubblicitario o il lancio di un offerta-sconto su determinati prodotti del catalogo, le variabili che entrano in gioco sono di tipo sociale, progettuale, di scelta/selezione, decisionale, di confronto, dialettico-assertive, collaborative, organizzative, gestionali, di iniziativa. La rotazione periodica integrale dei ruoli e delle mansioni all interno di dipartimenti, uffici e postazioni favorisce tale aspetto. 19

20 ASPETTI TEORICI SPECIFICI del PROGETTO. ABILITA e COMPETENZE TRASVERSALI/ 2 SOCIALI COLLABORATIVE DECISIONALI PROPOSITIVE PROGETTUALI PROGETTO SIMULAZIONE D IMPRESA SELETTIVE ORGANIZZATIVE ASSERTIVE DIALETTICHE DI CONFRONTO 20

21 ASPETTI TEORICI SPECIFICI del PROGETTO. RINFORZO MOTIVAZIONALE/1 Vari sono gli aspetti contribuiscono a rendere il progetto di simulazione d impresa fortemente stimolante e (ri)motivante. I seguenti punti sono una sintesi del pensiero e delle opinioni degli alunni-dipendenti. ASPETTO CULTURALE- IDENTITARIO: IL CONFETTO E LE ATTIVITA CONNESSE UTILIZZO CONTINUO DI TECNOLOGIE E STRUMENTI NUOVI : computer e programmi informatici, internet, telefono, fax, scanner.. UTILIZZO DI DOCUMENTI E MODULI TIPICI, NON SCOLASTICI : ordine d acquisto, conferma d ordine, modulo fax, documento di trasporto, fattura UTILIZZO DI UNO SPAZIO FISICO DEDICATO, IL LABORATORIO: all interno di esso ci si può muovere liberamente non essendo più legati al banco ma all attività derivante dalla postazione-ufficio di lavoro POSSIBILITA / NECESSITA DI CONFRONTARSI CONTINUAMENTE CON I COMPAGNI-COLLEGHI SVOLGIMENTO DI UN ATTIVITA DA GRANDI, che proietta verso il mondo del lavoro CONTATTI CONTINUI, tramite telefono, fax, , posta cartacea, CON ALTRE IMPRESE ITALIANE E STRANIERE AFFRONTARE PERCORSI CHE SONO LEGATI AD UN ATTIVITA PROGETTUALE, non ad una singola materia-disciplina SVOLGERE ATTIVITA FORMATIVE CHE SUPERANO L AMBITO STRETTAMENTE SCOLASTICO 21

22 ASPETTI TEORICI SPECIFICI del PROGETTO. RINFORZO MOTIVAZIONALE/2 Il progetto e le attività di Simulazione d Impresa permettono di fare delle esperienze formative molto significative. Esse vedono come protagonisti gli alunni-dipendenti, le loro famiglie, il territorio con le sue strutture e le sue agenzie, la Centrale nazionale EUROPEN di FERRARA e imprese della rete EUROPEN. PARTECIPAZIONE ALLA IX FIERA INTERNAZIONALE delle IMPRESE SIMULATE in SPAGNA BARCELLONA, MARZO 2010 e in REP: CECA PRAGA, MARZO 2011 CONFERENZA-STAMPA, in INGLESE e in ITALIANO, per LA PRESENTAZIONE DELLA CONFETTI PANFILO SERAFINI AL PUBBLICO CONSEGUIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE INDIVIDUALE INTERNAZIONALE DI QUALITA EUROPEN 23 MARZO 2010 STAGE FORMATIVI PRESSO AZIENDE REALI: LA CONFETTI PANFILO SERAFINI HA EFFETTUATO STAGE FORMATIVI PRESSO LA CONFETTI PELINO SRL e PRESSO LA BANCA CARISPAQ, AGENZIA DI SULMONA. INTERVENTI DI ESPERTI ESTERNI E INCONTRI CON ESPERTI: IL FISCO IN CLASSE ( AGENZIA DELLE ENTRATE di SULMONA), INCONTRI CON IL COMMERCIALISTA, INCONTRI CON GIORNALISTI TV E CARTA STAMPATA GEMELLAGGIO CON ALTRE IMPRESE SIMULATE della RETE EUROPEN LA CONFETTI PANFILO SERAFINI è GEMELLATA con ZETACELL srl di RIVA DEL GARDA (TN) CONTATTI, con VISITE, CON IL COMUNE DI SULMONA, IL SINDACO, GLI UFFICI dell ASSESSORATO alle POLITICHE CULTURALI, TURISTICHE E SPORTIVE COSTRUZIONE e PUBBLICAZIONE DEL SITO INTERNET, DEL WEBSHOP E DEL CATALOGO ON LINE DELL IMPRESA VISITA ALLA CENTRALE NAZIONALE EUROPEN di FERRARA, presso l ISTITUTO DON CALABRIA 22

23 ESPERIENZE SIGNIFICATIVE 23

24 PRODOTTI E DOCUMENTI SIGNIFICATIVI 24

25 CONCLUSIONI. POTENZIALITA DELL ESPERIENZA DI SIMULAZIONE PER GLI ALUNNI DIPENDENTI IL PROGETTO CONSENTE DI: VIVERE ESPERIENZE SIGNIFICATIVE DI APPRENDIMENTO ALTERNATIVE RISPETTO ALLA DIDATTICA TRADIZIONALE FAR EMERGERE NELL ALUNNO ATTITUDINI E INTERESSI PARTICOLARI E INESPRESSI OPERARE NELL OTTICA DELL IMPARARE FACENDO VIVERE L APPRENDIMENTO ATTIVO / COOPERATIVO ANALIZZARE / PRENDERE COSCIENZA DEL CONTESTO TERRITORIALE, ECONOMICO, SOCIALE DI RIFERIMENTO GESTIRE DIFFICOLTA E PROBLEMI SPERIMENTARE CONCRETAMENTE IN PRIMA PERSONA L ESPERIENZA DEL FARE / VIVERE IMPRESA CONFRONTARSI CON I PROPRI LIMITI E FAR LEVA SULLE PROPRIE POTENZIALITA SPERIMENTARE CONCRETAMENTE L INTERDIPENDENZA E LA RICOSTRUZIONE UNITARIA DEI SAPERI SVILUPPARE / POTENZIARE L AUTONOMIA E LA CAPACITA DI SCELTA IMPLEMENTARE LE CAPACITA RELAZIONALI E L AUTOSTIMA ACQUISIRE / POTENZIARE IL SENSO DI RESPONSABILITA / CORRESPONSABILITA SPERIMENTARE L AUTOAPPRENDIMENTO e IMPARARE A GESTIRE UN RUOLO SPERIMENTARE LE POTENZIALITA DEL LAVORO DI GRUPPO E DELL AIUTO RECIPROCO, nell ottica del COOPERATIVE LEARNING / PEER TEACHING UTILIZZARE LA METODOLOGIA DEL PROBLEM SOLVING ESSERE PROTAGONISTI CONSAPEVOLI DEI PROPRI PROCESSI DI APPENDIMENTO 25

CULTURA e SIMULAZIONE d IMPRESA

CULTURA e SIMULAZIONE d IMPRESA CULTURA e SIMULAZIONE d IMPRESA 2 PROPOSTE GUIDA SPERIMENTARE, FARE, OPERARE, COINVOLGERE OPERATIVAMENTE Dimmi e dimenticherò; fammi vedere e forse ricorderò; fammi fare e allora capirò, imparerò e ricorderò

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. - Docenti coordinatori del progetto - Docenti di Italiano, Inglese, Disegno e Storia dell Arte, Matematica -Informatica

UNITA DI APPRENDIMENTO. - Docenti coordinatori del progetto - Docenti di Italiano, Inglese, Disegno e Storia dell Arte, Matematica -Informatica UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione IFS in Fiera Compito prodotto - Organizzazione evento (compiti, ruoli, mezzi) - Materiali pubblicitari (sito web, logo dell azienda, video, pieghevole, biglietti da

Dettagli

- Ferrara 19 Novembre 2015 -

- Ferrara 19 Novembre 2015 - Simulimpresa - La sfida del cambiamento tra consolidato ed innovazione - Ferrara 19 Novembre 2015 - Programma Simulimpresa 21 anni di INNOVAZIONE METODOLOGICA nelle scuole e istituzioni educative italiane

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

VADEMECUM DEL FORMATORE PER CREAZIONE IMPRESA SIMULATA

VADEMECUM DEL FORMATORE PER CREAZIONE IMPRESA SIMULATA VADEMECUM DEL FORMATORE PER CREAZIONE IMPRESA SIMULATA Le comunicazioni riportate in questo Vademecum del Formatore dell Impresa Simulata sono elaborate in funzione di un miglioramento continuo della rete,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

Alternanza scuola lavoro: che cosa significa

Alternanza scuola lavoro: che cosa significa Alternanza scuola lavoro: che cosa significa È una modalità didattica realizzata in collaborazione fra scuole e imprese per offrire ai giovani competenze spendibili nel mercato del lavoro e favorire l

Dettagli

Il modo migliore per predire il futuro è crearlo

Il modo migliore per predire il futuro è crearlo Ventennale del Programma Simulimpresa Il modo migliore per predire il futuro è crearlo -Peter Drucker- Simulimpresa come innovazione metodologica 16 Dicembre 2014 Istituto Don Calabria Viale Don Calabria,

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA.

SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA. SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA. UN MODELLO UN MODELLO MARGHERITA LAI SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA. Cosa è l Alternanza MODELLI: L alternanza scuola lavoro: UN NUOVO MODO DI FARE SCUOLA SEMINARIO PROVINCIALE

Dettagli

BIENNIO INTEGRATO. INTEGRAZIONE tra SCUOLA Statale e FORMAZIONE Professionale Regionale. I.T.C.S. Russell-Moro

BIENNIO INTEGRATO. INTEGRAZIONE tra SCUOLA Statale e FORMAZIONE Professionale Regionale. I.T.C.S. Russell-Moro BIENNIO INTEGRATO INTEGRAZIONE tra SCUOLA Statale e FORMAZIONE Professionale Regionale I.T.C.S. Russell-Moro Organismi promotori Ufficio Scolastico Regionale Assessorato Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale GUGLIELMO OBERDAN. 2. Competenze - Abilità - Conoscenze da acquisire in classe 3^

Istituto Tecnico Commerciale GUGLIELMO OBERDAN. 2. Competenze - Abilità - Conoscenze da acquisire in classe 3^ Format progetto Alternanza Scuola Lavoro Anno Scolastico 2011-12 Attività previste per il percorso da realizzare nella fase di sensibilizzazione per le classi 2^ L attività di alternanza è prevista su

Dettagli

LABORIAMO INSIEME 2013-14

LABORIAMO INSIEME 2013-14 ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI A. OLIVETTI Progetto di laboratori per la continuità e l orientamento formativo Scheda descrittiva LABORIAMO INSIEME 203-4 Presentazione Il progetto si propone di realizzare

Dettagli

1. TITOLO DEL PROGETTO TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO (STAGE/ALTERNANZA SCUOLA LAVORO)

1. TITOLO DEL PROGETTO TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO (STAGE/ALTERNANZA SCUOLA LAVORO) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. SACCO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE AD INDIRIZZO IGEA E PROGRAMMATORI I S T I T U T O P R O F E S S I O N A L E PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE S A N T

Dettagli

RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING SEREGNO

RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING SEREGNO RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING I.T.S.C.G. PRIMO LEVI SEREGNO ??????? L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Il termine INTERNAZIONALIZZAZIONE delle imprese fa riferimento alla necessità che

Dettagli

Che cos è l impresa simulata?

Che cos è l impresa simulata? Che cos è l impresa simulata? E una metodologia didattica che intende riprodurre all interno di un corso di studi il concreto modo di operare di un azienda negli aspetti che riguardano: l organizzazione

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

VADEMECUM DEL FORMATORE PER LA RIATTIVAZIONE IMPRESA SIMULATA

VADEMECUM DEL FORMATORE PER LA RIATTIVAZIONE IMPRESA SIMULATA VADEMECUM DEL FORMATORE PER LA RIATTIVAZIONE IMPRESA SIMULATA Le comunicazioni riportate in questo Vademecum del Formatore dell Impresa Simulata sono elaborate in funzione di un miglioramento continuo

Dettagli

IIS BRESSANONE-BRIXEN I.T.E. "Falcone e Borsellino" Classe IV I.T.E. anno scolastico 2015-2016. Piano di lavoro individuale.

IIS BRESSANONE-BRIXEN I.T.E. Falcone e Borsellino Classe IV I.T.E. anno scolastico 2015-2016. Piano di lavoro individuale. Anno scolastico 2015 2016 Piano di lavoro individuale IIS Bressanone I.T.E. "Falcone e Borsellino" Classe: IV I.T.E. Insegnante: CAVICCHIOLI MARZIA Materia: ECONOMIA AZIENDALE Prof.ssa Marzia Cavicchioli

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015

Anno scolastico 2014-2015 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 17 CIRCOLO VIA CASTIGLIONE CAGLIARI POF Anno scolastico 2014-2015 VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE ATTIVITA Nella cornice educativa delineata si è inserita la MACROPROGETTUALITÀ

Dettagli

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net Scheda n. 2 Alternanza Scuola Lavoro Il Progetto Rete telematica delle Imprese Formative Simulate-IFSper la diffusione dell innovazione metodologica ed organizzativa IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web:

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Regina Mundi ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

Istituto Tecnico Economico Regina Mundi ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Istituto Tecnico Economico Regina Mundi ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING LA NOSTRA IDENTITÀ Siamo una scuola cattolica e questa appartenenza ci definisce come uomini e professionisti

Dettagli

Oberdan: la strada per il mio futuro. Liceo. Tecnico economico. Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio

Oberdan: la strada per il mio futuro. Liceo. Tecnico economico. Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio Oberdan: la strada per il mio futuro Liceo Liceo delle Scienze Umane Liceo Economico Sociale (LES) Tecnico economico Amministrazione, finanza

Dettagli

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ TRASVERSALI Sviluppa autostima Sviluppa competenze disciplinari e trasversali Impara a cooperare e vivere in gruppo Impara a superare ansie e difficoltà Impara a conoscere

Dettagli

Istituto Statale Polispecialistico San Paolo www.isusanpaolo.it SEDE ASSOCIATA: Piazza Tasso, 1 - Sorrento (NA) - tel. e fax 081 807 31 42

Istituto Statale Polispecialistico San Paolo www.isusanpaolo.it SEDE ASSOCIATA: Piazza Tasso, 1 - Sorrento (NA) - tel. e fax 081 807 31 42 Istituto Statale Polispecialistico San Paolo www.isusanpaolo.it SEDE ASSOCIATA: Piazza Tasso, 1 - Sorrento (NA) - tel. e fa 081 807 31 42 SCHEDA DI PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO FISCO SCUOLA CLASSE

Dettagli

Istruzione professionale:

Istruzione professionale: Istruzione professionale: DUE BIENNI + QUINTO ANNO - ESAME DI STATO - ACCESSO AI CORSI UNIVERSITARI Indirizzi attivi: Servizi Commerciali dal terzo anno è possibile anche scegliere Servizi Socio-Sanitari

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

Liceo Scientifico Filippo Buonarroti Pisa

Liceo Scientifico Filippo Buonarroti Pisa Liceo Scientifico Filippo Buonarroti Pisa 1974/2014 Quaranta anni di impegno per l'innovazione nell'apprendimento Liceo Scientifico F.Buonarroti Largo C.Marchesi Pisa 050570339- Fax 050570180 email: pips04000g@istruzione.it

Dettagli

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007 PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE 200 Programma di lavoro PRIMA PARTE: FONDAMENTI TEORICI la scuola dell autonomia come contesto di promozione della salute e dello sviluppo personale e sociale

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI A. OLIVETTI - RIPOSTO. Progetto per la continuità e l orientamento formativo Scheda descrittiva

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI A. OLIVETTI - RIPOSTO. Progetto per la continuità e l orientamento formativo Scheda descrittiva ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI A. OLIVETTI - RIPOSTO Progetto per la continuità e l orientamento formativo Scheda descrittiva LA REGIONE JONICO-ETNEA IN UN CLICK Presentazione Il progetto si propone

Dettagli

PROFESSIONALE CHIMICO BIOLOGICO

PROFESSIONALE CHIMICO BIOLOGICO PROFESSIONALE CHIMICO BIOLOGICO Al termine dei cinque anni ottengo la maturità superando l'esame di stato e divento TECNICO PER LE PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste La terra ci insegna Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Singoli cittadini e famiglie residenti nei

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA A.S. 2013/2014 QUESTO FASCICOLO APPARTIENE A CLASSE PRIMA

PROGETTO ACCOGLIENZA A.S. 2013/2014 QUESTO FASCICOLO APPARTIENE A CLASSE PRIMA ZENALE e BUTIINONE EENNTTEE CCEERRTTIIFFII CCAATTOO SSIISS TTEEMMAA QQUUAALLII TTAA IISSOO 99000011: :22000088 ACCREDITATO REGIONE LOMBARDIA TEST CENTER AICA Ministero della Pubblica Istruzione Istituto

Dettagli

MIUR.AOODGPS.REGISTRO UFFICIALE(U).0000187.14-02-2014

MIUR.AOODGPS.REGISTRO UFFICIALE(U).0000187.14-02-2014 MIUR.AOODGPS.REGISTRO UFFICIALE(U).0000187.14-02-2014 ALLEGATO A RELAZIONE TECNICA CONFAO, in relazione alle richieste provenienti dagli istituti scolastici associati e al fine di promuovere un apprendimento

Dettagli

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze.... Sempre devi avere in mente Itaca raggiungerla

Dettagli

Ampliamento dell offerta formativa. a.s.2013-2014

Ampliamento dell offerta formativa. a.s.2013-2014 Ampliamento dell offerta formativa a.s.2013-2014 Premessa: Ampliamento dell offerta formativa. In un sistema scolastico come quello italiano, in cui il momento della formazione al lavoro è costantemente

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

ELABORATO DAI DOCENTI. ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer

ELABORATO DAI DOCENTI. ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI TECNOLOGIA hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ELABORATO DAI DOCENTI

Dettagli

Come Raggiungerci. Tel. 0331/841260. Tel. 0331/519000. Tel. 0331/841260. Tel. 0331/841379 Tel. 0332/236127

Come Raggiungerci. Tel. 0331/841260. Tel. 0331/519000. Tel. 0331/841260. Tel. 0331/841379 Tel. 0332/236127 Come Raggiungerci Tel. 0331/841260 Tel. 0331/519000 Tel. 0331/841260 Tel. 0331/841379 Tel. 0332/236127 ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE Eugenio Montale Via Gramsci, 1 21049 TRADATE C.F.80101550129 Tel.

Dettagli

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN)

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) COSTO TOTALE PROGETTO 17.850 PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) Definizione aree di intervento, obiettivi, azioni e priorità (tabella 2a) Area di intervento

Dettagli

PROGETTAZIONE PIANO DI PROGETTO. Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI

PROGETTAZIONE PIANO DI PROGETTO. Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI PIANO DI PROGETTO PROGETTO RESPONSABILE PROGETTO OUT Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI Studentesse e studenti del IV e V anno dell Istituto DESTINATARI Docenti di scienze sociali

Dettagli

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 Per conseguire le finalità di cui all art. 4, secondo comma, della legge 19 novembre

Dettagli

Alunni classi quarte Servizi Commerciali

Alunni classi quarte Servizi Commerciali UNITA DI APPRENDIMENTO 1bis Istruzione professionale: Indirizzo Servizi Commerciali Denominazione Gestione informatica dell Azienda, marketing on line e web marketing Utenti destinatari Alunni classi quarte

Dettagli

INDIRIZZI AUTORIZZATI: ISTITUTO PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI

INDIRIZZI AUTORIZZATI: ISTITUTO PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI Via M. Gorky 100-20092 CINISELLO BALSAMO - (Milano) tel: 02 6122340 fax: 02 6122350 e-mail: iis.montale@libero.it sito web: iismontale.cinisellobalsamo.scuolaeservizi.it INDIRIZZI AUTORIZZATI: ISTITUTO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico

LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico Non si impara mai pienamente una scienza difficile, per esempio la matematica,

Dettagli

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità Circolare n. 31 del 24/09/2014 Inoltro telematico a fiis00300c@istruzione.it in data 24/09/2014 Pubblicazione sul sito web (sezione Circolari / Comunicazioni DS) in data 24/09/2014 OGGETTO: Presentazione

Dettagli

Istituto di istruzione secondaria di secondo Grado per le scienze umane e per i servizi. Claudia de Medici Bolzano

Istituto di istruzione secondaria di secondo Grado per le scienze umane e per i servizi. Claudia de Medici Bolzano Istituto di istruzione secondaria di secondo Grado per le scienze umane e per i servizi Claudia de Medici Bolzano Il 14 dicembre 2010 con delibera della Giunta Provinciale l Istituto De Medici è diventato

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

SCHEDA DI PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Istituto Statale Polispecialistico San Paolo www.isusanpaolo.it SEDE ASSOCIATA: Piazza Tasso, 1 - Sorrento (NA) - tel. e fa 081 807 31 42 SCHEDA DI PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO ADDETTO AL BOOKING

Dettagli

Turismo. I quattro indirizzi di studio INDIRIZZI DI STUDIO TURISMO. 2 biennio e 5 anno AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

Turismo. I quattro indirizzi di studio INDIRIZZI DI STUDIO TURISMO. 2 biennio e 5 anno AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING I quattro indirizzi di studio INDIRIZZI DI STUDIO 1 biennio (unico) AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING TURISMO 2 biennio e 5 anno Amministrazione finanza e marketing Sistemi informativi aziendali Relazioni

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE ISTITUTO COMPRENSIVO PIETRO VANNUCCI SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 06062 Città della Pieve (PG) Via Marconi, 18 Tel. 0578/298018 Fax 0578/2987 E-mail: pgic82100x@istruzione.it

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE

ISTRUZIONE PROFESSIONALE ISTRUZIONE PROFESSIONALE FORMAZIONE DI BASE + CONCRETE ESPERIENZE NEL MONDO DEL LAVORO DURANTE IL CORSO DEGLI STUDI ATTESTATO DI QUALIFICA DOPO IL 3 ANNO DIPLOMA DI MATURITA DOPO IL 5 ANNO AZIENDALE SOCIALE

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Corso Serale I.G.E.A. LA FORMAZIONE TRA SCUOLA ED AZIENDA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 DIRIGENTE SCOLASTICO : Dott.ssa ADDOLORATA BRAMATO RESPONSABILE DEL PROGETTO :Prof.ssa LOREDANA CAROPPO REFERENTE SCUOLA

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO 3 Istruzione Professionale Indirizzo Servizi Commerciali. Restituzione dell esperienza di stage

UNITA DI APPRENDIMENTO 3 Istruzione Professionale Indirizzo Servizi Commerciali. Restituzione dell esperienza di stage UNITA DI APPRENDIMENTO 3 Istruzione Professionale Indirizzo Servizi Commerciali Denominazione Utenti destinatari Restituzione dell esperienza di stage Studenti classi quinte Servizi Commerciali Discipline

Dettagli

Relazione del Dirigente Scolastico al Consiglio di Istituto ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Relazione del Dirigente Scolastico al Consiglio di Istituto ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Relazione del Dirigente Scolastico al Consiglio di Istituto ANNO SCOLASTICO 2014/2015 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto l art. 25 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; visto l art. 10 del decreto

Dettagli

(Impresa Formativa Simulata)

(Impresa Formativa Simulata) Progetto I.F.S. (Impresa Formativa Simulata) Anno Scolastico 2010/2011 Referenti Sellitto Gianpaolo De Crescenzo Nicola Informazioni sull Impresa Formativa Simulata L'impresa formativa simulata è un modello

Dettagli

CAPITOLO 2. L Istituto Tecnico ad indirizzo Economico Giovanni Calò

CAPITOLO 2. L Istituto Tecnico ad indirizzo Economico Giovanni Calò CAPITOLO 2 L Istituto Tecnico ad indirizzo Economico Giovanni Calò Indirizzo : Amministrazione, Finanza e Marketing Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali Indirizzo: Relazioni Internazionali Indirizzo:

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali.

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali. ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014 Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali Classe 5^ E / TO3 Il Progetto Alternanza Scuola-Lavoro costituisce un attività di interazione

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE (LES)

LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE (LES) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE FABIO BESTA LICEO DELLE SCIENZE UMANE (Economico-Sociale) ISTITUTO TECNICO ECONOMICO (Amministrazione, Finanza e Marketing - Turismo) Via Don G. Calabria, 16-20132

Dettagli

FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Classi IV e V Istituti Professionali

FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Classi IV e V Istituti Professionali FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Classi IV e V Istituti Professionali Codice e denominazione scuola ISISS BETTY AMBIVERI di PRESEZZO Dati statistici Studenti (indicare il numero

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti Allegato n. 7 Offerta formativa secondo gli ordinamenti preesistenti L'Istituto C. Rosatelli fornisce per gli studenti iscritti nelle classi 5 e i seguenti diplomi: Diploma di Perito industriale L ITIS

Dettagli

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI A.S. 2014/2015 AREA 1. REVISIONE E GESTIONE DEL POF REVISIONE E GESTIONE DEL POF ATTIVITA INTERNE PER IL POTENZIAMENTO E AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AREA 2. SERVIZI AL PERSONALE DOCENTE GESTIONE

Dettagli

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. 9^ edizione. a.s. 2012-2013

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. 9^ edizione. a.s. 2012-2013 Promozione percorsi sperimentali di Alternanza scuola-lavoro (art.4, Legge 28 marzo 2003, n.53) D.D.G. n. 640 del 30/01/2012 PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO 9^ edizione a.s. 2012-2013 Istituto: I.I.S.S.

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BONATE SOTTO SCUOLA PRIMARIA DI BONATE SOTTO STORIE DALLA BIBBIA REFERENTE: ins. Carmela Maria Magni, specialista

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

Tecnico per l amministrazione Economico- finanziaria

Tecnico per l amministrazione Economico- finanziaria in collaborazione con: UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SACRO CUORE di MILANO CFP. IAL. LOMBARDIA IMPRESE DEL TERRITORIO VIADANESE - CASALASCO ORDINI PROFESSIONALI Istruzione Formazione Tecnica Superiore Tecnico

Dettagli

Nome. Cognome. Nato/a. In data. Nome. Sede. Istituto d Istruzione Superiore. Dichiarazione della. Certificazione finale delle Competenze.

Nome. Cognome. Nato/a. In data. Nome. Sede. Istituto d Istruzione Superiore. Dichiarazione della. Certificazione finale delle Competenze. Istituto d Istruzione Superiore Dichiarazione della Certificazione finale delle Competenze rilasciata a Nome Cognome Nato/a In data Istituto Nome Sede Padova, Firma del Dirigente Scolastico Elementi identificativi

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE U Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

Formazione manageriale in Trentino

Formazione manageriale in Trentino Formazione manageriale in Trentino Linee strategiche Dal 2002 il sistema istituzionale trentino ha avviato una serie di esperienze di alta formazione nel settore turistico che, seppure in mutati assetti

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

PROPOSTA PERCORSO DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE IL COMUNE

PROPOSTA PERCORSO DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE IL COMUNE PROPOSTA PERCORSO DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE IL COMUNE FINALITA' Educare alla democrazia, alla legalità, alla cittadinanza attiva, producendo una graduale ma solida presa di coscienza dei beni, dei

Dettagli

SECONDARIA "L. VERGA"

SECONDARIA L. VERGA SECONDARIA "L. VERGA" SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LUIGI VERGA Via Trino 32, Tel. 0161-215814, E-mail vergadocenti@tiscali.it CLASSI ALUNNI INSEGNANTI 16 334 38 10 DI SOSTEGNO 1 DI RELIGIONE COLLABORATRICI

Dettagli

LABORATORI DI CREAZIONE D IMPRESA E ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA DI NUOVE IMPRESE

LABORATORI DI CREAZIONE D IMPRESA E ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA DI NUOVE IMPRESE Servizio / Progetto Finalità / Obiettivi Destinatari LABORATORI DI CREAZIONE D IMPRESA E ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA DI NUOVE IMPRESE Il presente progetto ha due obiettivi generali: 1) Radicare nei giovani

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

Scelta dell indirizzo di studio

Scelta dell indirizzo di studio Scelta dell indirizzo di studio I quattro indirizzi di studio INDIRIZZI DI STUDIO 1 biennio (unico) AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING TURISMO 2 biennio e 5 anno Amministrazione finanza e marketing Sistemi

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI EDUCAZIONE ECNICA Centro Territoriale Permanente per l Istruzione e la Formazione

Dettagli

NSM Nexus Scuola di Management

NSM Nexus Scuola di Management NSM Nexus Scuola di Management NSM è la Scuola di Management della Nexus Srl, agenzia di formazione accreditata presso la Regione Abruzzo per la Formazione continua e superiore, che opera dal 1991 fornendo

Dettagli

INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 2 Grado (Programmi sintetici)

INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 2 Grado (Programmi sintetici) INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 2 Grado (Programmi sintetici) B) Area: METODOLOGIE DIDATTICHE INNOVATIVE PER L INSEGNAMENTO DISCIPLINARE (learning by doing) B1) METODOLOGIA DIDATTICA

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO

ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO BOZZA DI PROGETTO PREMESSA L ITCG DELL ACQUA di Legnano e l ITC ENRICO TOSI di Busto Arsizio, chehanno avuto in passato ed hanno tuttora in corso esperienze di integrazione con

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA [GCV]

GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA [GCV] corso triennale GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA [GCV] Progetto: Flavia Pellegrini Comunicazione e informazione sono oggi presenze generalizzate e pervasive che caratterizzano ogni aspetto della quotidianità.

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE SALVATORE SATTA NUORO ATTIVITA DI SIMULIMPRESA

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE SALVATORE SATTA NUORO ATTIVITA DI SIMULIMPRESA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE SALVATORE SATTA NUORO ATTIVITA DI SIMULIMPRESA Il progetto aderisce al programma Simulimpresa, nato nel 1994 e sviluppatosi per primo in Emilia Romagna con sede presso

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - ADDETTO ALLA SEGRETERIA - DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

ORIZZONTI SCUOLA PERCHE DOCUMENTARE?

ORIZZONTI SCUOLA PERCHE DOCUMENTARE? P.A.I.S. La scuola elementare Manzoni Bolzano Mirella Tronca, assistente agli alunni in situazione di handicap PERCHE DOCUMENTARE? La documentazione è una scienza per conoscere e una tecnica per far conoscere.

Dettagli

LE COMPETENZE-CHIAVE POF 2012

LE COMPETENZE-CHIAVE POF 2012 1 LE COMPETENZE-CHIAVE In ragione delle scelte etiche e pedagogiche operate dal collegio e dai consigli di classe, il Buonarroti ha individuato le competenze chiave necessarie allo sviluppo globale della

Dettagli

Istituto Professionale Statale Teresa Confalonieri. Offerta Formativa del Corso Serale Anno scolastico 2012-2013

Istituto Professionale Statale Teresa Confalonieri. Offerta Formativa del Corso Serale Anno scolastico 2012-2013 Istituto Professionale Statale Teresa Confalonieri Offerta Formativa del Corso Serale Anno scolastico 2012-2013 L offerta formativa del Corso Serale dell Istituto Confalonieri si ispira alle seguenti finalità:

Dettagli

L ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. FERMI

L ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. FERMI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. FERMI FRANCAVILLA FONTANA (BR) MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA COMMISSIONE EUROPEA Autorità di Gestione del Programma Operativo Nazionale La Scuola

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DON MILANI Scuola Statale dell Infanzia Bruno Munari 2015-2016

ISTITUTO COMPRENSIVO DON MILANI Scuola Statale dell Infanzia Bruno Munari 2015-2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DON MILANI Scuola Statale dell Infanzia Bruno Munari 2015-2016 Via di Pontaldo, 2 PRATO tel. 0574 635112 E mail info@donmilani.prato.it Sito web:www.donmilani.prato.gov.it Dirigente

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

Controlli Automatici e Videosorveglianza: una collaborazione scuola-azienda

Controlli Automatici e Videosorveglianza: una collaborazione scuola-azienda Controlli Automatici e Videosorveglianza: una collaborazione scuola-azienda Percorso integrato 2 biennio scuola secondaria di secondo grado ITIS Giovanni XXIII Roma A cura di Esperti: 1 Introduzione alla

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali Articolazione ARTIGIANATO ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

Dettagli