Bioetica di inizio vita: una prospettiva liberale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bioetica di inizio vita: una prospettiva liberale"

Transcript

1 RAFFAELE PRODOMO Bioetica di inizio vita: una prospettiva liberale Definizioni Per bioetica di inizio vita si devono intendere le questioni del giusto comportamento privato e pubblico nei confronti della vita umana individuale nelle fasi iniziali di sviluppo biologico. Non si tratta, infatti, dell inizio della vita in senso assoluto, domanda alla quale né la biologia né la filosofia sanno dare una risposta certa, bensì delle fasi di sviluppo iniziale di un nuovo organismo umano. Tradizionalmente il parto è stato considerato il momento in cui si veniva al mondo, ma fin dall antichità ci si è posto il problema della vita intrauterina e del rispetto che si deve eventualmente attribuirle. Nell antichissimo codice etico che va sotto il nome di giuramento di Ippocrate si trova, ad esempio, un divieto per i medici di somministrare farmaci abortivi. In Tommaso d Aquino, in epoca medioevale, troviamo sottili disquisizioni sul problema di quando l anima immortale si unisca al corpo del feto nel ventre materno. Si tratta della cosiddetta questione dell animazione, che secondo i filosofi medievali poteva essere o immediata, ossia al momento del concepimento, o, come voleva lo stesso Aquinate, ritardata e collocata in una fase di sviluppo del feto più avanzata rispetto al concepimento iniziale (si deve intendere per concepimento il momento in cui il singolo spermatozoo maschile feconda e si fonde con la cellula uovo femminile, dando luogo allo zigote). Come esempi di problemi direttamente generati dall innovazione tecnologica, sono da considerare questioni bioetiche di inizio vita, soprattutto, la fecondazione medicalmente assistita, nelle sue diverse varianti tecniche, e la recentissima sperimentazione su cellule embrionali. A queste due nuove applicazioni della biomedicina e ai problemi etici ad esse correlati saranno dedicati i prossimi paragrafi, poi si accennerà al problema più tradizionale dell aborto. 46

2 La fecondazione medicalmente assistita Ottenere la fecondazione attraverso mezzi artificiali, ossia indipendentemente dal rapporto sessuale, è stata una tecnica originariamente e tuttora in uso in ambito veterinario. In questo modo nel campo dell allevamento animale si potevano meglio selezionare le razze o le caratteristiche dei singoli animali, ottenendo, ad esempio, discendenti numerosi da un singolo esemplare particolarmente dotato (si pensi, ad esempio, ai cavalli da corsa!). In ambito umano la tecnica più semplice, ossia l inseminazione artificiale, fu adottata dai soldati americani schierati durante la seconda guerra mondiale sul fronte europeo, alcuni dei quali spedirono campioni del proprio liquido seminale alle mogli rimaste negli Stati Uniti. In questo modo furono ottenute, senza ovviamente alcun tipo di rapporto sessuale, molte gravidanze transoceaniche. Si parla in questo caso di inseminazione artificiale omologa. Questa tecnica è utilizzata ancora oggi per consentire una gravidanza a coppie in cui l impossibilità di avere figli è collegata a una patologia del partner maschile (impotenza o infertilità di varia origine). In questi casi, oltre all inseminazione omologa classica, si può ricorrere sia a una tecnica di iniezione microscopica diretta del singolo spermatozoo funzionante del partner sia all aiuto di un donatore di seme esterno alla coppia stessa. Si parla, in questo secondo caso, di inseminazione eterologa, in quanto, diversamente dal caso precedente, il liquido seminale proviene da un donatore anonimo attraverso la mediazione di banche del seme, che prima esaminano da un punto di vista medico il liquido (per prevenire la trasmissione di malattie) e poi lo congelano in apposite confezioni in attesa dell impiego futuro. Come è comprensibile, il procedimento è complesso e richiede interventi sulla donna molto più invasivi rispetto alla inseminazione semplice. Queste tecniche sono indicate in diverse forme di sterilità e prevedono inoltre numerose varianti che non è possibile esaminare in questa sede, dove l interesse principale va ai risvolti di carattere etico-politico della questione. La procreazione tra natura e cultura L insieme di possibilità tecniche che sono oggi disponibili per intervenire nell ambito procreativo riapre la questione etica generale sulla interpretazione della procreazione responsabile. Su questo fronte si sono contrapposte visioni molto diverse tra loro. Schematicamente, si può dire che ci sono, da un lato, i sostenitori di una concezione ispirata al diritto di natura di ascendenza grecocristiana, i quali ritengono intangibili gli equilibri naturali, dall altro abbiamo concezioni della paternità e della maternità che, al contrario, accentuano il ruolo della interpretazione culturale del fenomeno, non caricando il dato naturale di significati morali particolari. Indubbiamente alla prima concezione 47

3 hanno aderito più spesso alcuni tipi di pensiero religioso, segnatamente quello cattolico, per i quali l ordine naturale ha un valore moralmente obbligante per l uomo in quanto segno di una legge e di una volontà divina speciale. Mentre è più facile aderire al secondo tipo di concezione per chi assume un punto di vista laico e secolarizzato che esclude la presenza nella natura di un ordine trascendente. Ma questa semplificazione vale solo in prima approssimazione e non va presa alla lettera, in quanto le argomentazioni contro la fecondazione assistita non vengono solo da parte di etiche ispirate a religioni rivelate, né il mondo culturale cattolico è sempre compatto dietro le limitazioni e le proibizioni espresse dal suo magistero ecclesiastico (si pensi alla divaricazione presente tra la dottrina ufficiale e il comportamento di molti cattolici per quello che riguarda il tema della contraccezione). In ogni caso, dalla posizione di principio cattolica, per la quale la famiglia (composta da padre, madre e prole) è un associazione naturale nei cui confronti la cultura umana non può apportare modifiche ma solo agire nel senso di salvaguardala e di conservarla così com è, si spiegano altre obiezioni più specifiche mosse nei confronti della inseminazione eterologa e delle forme di maternità surrogata o in affitto (ossia quelle situazioni in cui gli ovuli fecondati di provenienza da una coppia sterile sono impiantati nell utero di un altra donna che assume il compito di portare avanti la gestazione del feto per poi consegnare il bambino, alla nascita, alla coppia generatrice). L embrione tra etica e biologia Il valore della vita umana nei primissimi stadi di sviluppo è da vari anni al centro di polemiche periodicamente riaccese da eventi di cronaca. Il classico caso dell aborto, con le sue contrapposizioni politico-religiose, è stato per anni il problema centrale intorno al quale ruotava la discussione relativa alla moralità degli interventi sulla vita umana ai suoi esordi da un punto di vista biologico. L aborto, però, come già accennato, non è più l unica forma di intromissione tecnico-scientifica nella vita nascente; sono state sviluppate tecniche di fecondazione in provetta e di manipolazione germinale e embrionale che cambiano gli scenari tradizionali. Gli argomenti adoperati nelle discussioni classiche, quindi, conservano la loro plausibilità anche se non esauriscono le questioni etiche. La controversia morale sembrerebbe essenzialmente riconducibile a due concezioni alternative: il considerare la vita agli stadi iniziali per il suo significato biologico o vederla anche nel suo contesto relazionale: in altri termini, competono tra loro teorie del valore che privilegiano la vita biologica o la vita intesa in senso biografico. La scelta della morale cattolica è stata tradizionalmente per la prima alternativa, mentre molte etiche di ispirazione laica sono più o meno orientate verso la seconda opzione. 48

4 Queste posizioni non sono coerenti tra loro e con il valore sacrale attribuito alla vita embrionale. Se, infatti, una volta generati, gli embrioni hanno tutti la stessa qualifica ontologica e morale e, quindi, gli stessi diritti, non si capisce perché non si incoraggi nel primo caso quello che si consiglia nell altro caso. In altri termini, si può portare avanti la gravidanza e salvare gli embrioni adottando quelli congelati e abbandonati e non solo salvaguardando quelli frutto di una violenza! Questi ultimi sono invece stranamente privilegiati pur essendo frutto di un atto violento, in quanto pur essendo brutale esso è comunque più naturale rispetto alla fecondazione in vitro che ha dato esito agli embrioni congelati. Per meglio valutare situazioni come questa, forse, sarebbe meglio considerare la vita umana nelle sue fasi di sviluppo intrauterino o extrauterino come un processo continuo al quale conferire un valore morale progrediente. In questo modo non sarebbe necessario sottostare al diktat di una scelta tutto o niente, tipica del dibattito prevalente sulla questione, nel quale ci si interroga a proposito del fatto se l embrione sia o no persona alla ricerca di una risposta (affermativa o negativa) certa e definitiva. E, inoltre, nel decidere tale questione dovrebbero contare anche, a parere di molti, il contesto e le circostanze particolari in cui si colloca la scelta. Oltre alla situazione dello stupro, già considerata, si pensi alla situazione di una gravidanza in giovanissima età o in condizioni psicologiche o economiche negative o, ancora, alla possibilità di sperimentazioni di notevole interesse scientifico. Per rispondere a queste domande e decidere un comportamento eticamente giustificabile occorre, quindi, elaborare una teoria che tenga conto sia dei dati della biologia che delle riflessioni filosofiche. Prima, infatti, la biologia ci dice cosa avviene alla fecondazione, ossia che si realizza la fusione del materiale genetico materno e paterno e che da questo momento in poi si comincia a sviluppare un essere vivente, poi, con la riflessione filosofica, si va oltre il dato meramente biologico e si cerca l interpretazione eticamente più convincente. Infatti, che valore, quanti e quali diritti attribuire all embrione appena concepito è compito non più della biologia ma di una teoria filosofica che tenga conto anche del contesto e delle circostanze in cui è avvenuto il concepimento. Clonazione e sperimentazione su cellule embrionali totipotenti: alcuni equivoci riduzionistici Il problema del più corretto trattamento degli embrioni umani precoci è attuale non solo per le polemiche collegate alla fecondazione assistita e a tutte le situazioni in cui l embrione è collegato con il corpo femminile o è manipolato, comunque, per fini procreativi. Ci sono situazioni completamente nuove 49

5 in cui lo scienziato ha a che fare con embrioni o con cellule da essi derivate in modo del tutto svincolato dal corpo femminile e in contesti dove non si pensa affatto di perseguire fini procreativi. Si tratta degli studi sulla clonazione e sulle linee cellulari di derivazione embrionale. A proposito di clonazione, in particolare, sono avvenuti alcuni fatti che gettano nuova luce sulla questione. Dopo l annuncio della nascita di Dolly, la pecora primo esempio di clonazione di un mammifero superiore, la preoccupazione di molti è stata quella di immaginare come passo ulteriore e imminente la clonazione umana, con la possibilità di riprodurre in serie individui geneticamente identici. Chiarito il possibile uso delle tecniche di clonazione al fine di sviluppare in laboratorio linee cellulari, tessuti o organi tridimensionali, torniamo per un momento anche alla temuta riproduzione di un organismo individuale completo. Una discussione sulle ragioni morali pro o contro questa possibile applicazione tecnica è troppo complessa e richiederebbe un analisi ampia e approfondita. Tuttavia è possibile, in questa sede, chiarire almeno un punto preliminare: l identità genetica tra due individui non è un sinonimo di identità totale; le persone, in altri termini, sono qualcosa di più complesso dei loro geni. In definitiva, va tenuto presente che, anche se è possibile duplicare un genoma e clonare una cellula o un tessuto, è impossibile clonare una vita nella sua complessità storico-biografica. Clonazione e embrioni: il comune limite dei 14 giorni Vediamo quali sono le ragioni pro e contro l adozione di questo limite cronologico come spartiacque tra una fase in cui è permessa e un altra in cui è proibita la ricerca con embrioni umani. La proposta del limite di 14 giorni dalla fecondazione è nata nel contesto delle prime fecondazioni in vitro. Fu presentata dalla commissione etica voluta dal governo inglese per stabilire le regole etico-giuridiche dopo la nascita di Louise Brown, la prima bambina nata in provetta nel Oggi, gli scienziati che si interessano di clonazione si muovono per analogia all interno dello stesso limite cronologico, allo scopo di avviare studi sulle prime fasi dell embriogenesi e cercare di ottenere non la nascita di un individuo (clonazione a fini riproduttivi), come nel caso delle fecondazioni in vitro, bensì la produzione di tessuti e organi umani per trapianti. Le 400 cellule dell embrione clonato in America sono tutte raccolte in un sacchetto (la membrana pellucida). Se si trattasse di una normale gravidanza, alcune diventerebbero cellule e tessuti di un futuro individuo umano, altre andrebbero a formare i tessuti degli annessi fetali (placenta e cordone ombelicale) che, come si sa, sono prodotti dallo stesso embrione per collegarsi all utero materno e riceverne ossigeno e nutrimento durante la gravidanza. Fino a 14 giorni dalla fecondazione questo è l assetto biologico-orga- 50

6 nizzativo dell embrione. Ora, alcuni ritengono che questa totipotenza delle cellule sia interpretabile nel senso di considerarle come semplice materiale biologico senza dignità individuale umana, ossia senza personalità morale o un anima immortale (a seconda se si è laici o religiosi). Altri ritengono che la totipotenza deve indurci a considerazioni opposte, e affermano che già al momento della fecondazione lo zigote (l ovulo fecondato) è persona umana. Abbiamo già ricordato come tale ragionamento dicotomico non sia del tutto convincente, proviamo a specificare meglio perché. Una prima obiezione a questo modo di argomentare è la seguente: perché da un agglomerato indistinto di parti dovremmo assegnare il valore morale del tutto sulla base del valore di solo una delle parti? Ciò avviene sia nel caso in cui trattiamo le 400 cellule come materiale biologico (placenta e cordone), ossia come la cosa che conta meno sul piano morale, sia nel caso in cui lo consideriamo, invece, persona, ossia la cosa che moralmente conta di più. Questa stessa distinzione senza alternative, tra materiale biologico o persona, sembra fuorviante. Non potremmo attribuire, invece, all embrione precoce un valore morale intermedio tra lo status di cosa e quello di persona? Quest ultima tesi, forse, spiega meglio le nostre intuizioni morali, ossia il sentimento più diffuso nei confronti dell embrione: rispetto sì verso una forma di vita umana, ma un rispetto diverso rispetto a quello che si nutre normalmente per le persone. Guardare all embrione come fase di passaggio dalla materia biologica alla vita personale, ossia nella sua dimensione dinamica e nel suo organizzarsi e svilupparsi nel tempo piuttosto che nello spazio, è un modo per cogliere il carattere progrediente della sua natura sia in senso biologico che etico. Questo ci porta a riconsiderare in maniera pragmatica il limite dei 14 giorni di cui si è discusso prima, valutandolo come un limite in qualche modo convenzionale, anche se non arbitrario, fissato per consentire interventi tecnici ritenuti importanti per il progresso e il benessere dell umanità. Da questa prospettiva, in conclusione, sperimentare e fare ricerche con embrioni precoci non dovrebbe essere proibito in modo assoluto ma andrebbe consentito con molta cautela, in primo luogo, evitando di incentivare impropriamente le scelte abortive, poi, per ragioni analoghe di rispetto della vita umana nascente, evitando di produrre embrioni esclusivamente a scopo di ricerca. A questo proposito, si dovrebbero utilizzare in laboratorio solo gli embrioni sovrannumerari e se questi nel futuro, grazie al perfezionamento delle tecniche di congelamento degli ovociti, dovessero ridursi di numero, sarebbe meglio rinunciare a tali ricerche. L aborto tra morale e diritto Per aborto si intende l interruzione della gravidanza entro i primo sei mesi dal suo inizio. Dopo tale periodo non si parla più di aborto ma di parto prematu- 51

7 ro. L ovulo fecondato, lo zigote, si segmenta e si sviluppa in embrione fino al terzo mese, periodo in cui si formano gli organi e gli apparati anatomico-funzionali. Dal terzo mese in poi l embriogenesi si conclude e si parla di feto, in quanto l organismo qualitativamente è già formato e l ulteriore permanenza in utero è funzionale al suo mero accrescimento dimensionale fino al parto. L aborto può essere spontaneo, in tal caso si verifica come conseguenza di eventi patologici a partenza dall embrione-feto o dalla madre, e volontario, quando, invece, è frutto della decisione della donna e viene effettuato in ambito medico. Sulla pratica dell aborto volontario si sono avute da sempre molte polemiche sia in ambito deontologico-professionale (basti pensare al classico divieto di aborto presente nell antichissimo codice ippocratico), sia in ambito etico-filosofico e giuridico. Le polemiche politiche contemporanee Negli anni settanta si è accesa e sviluppata una lunga polemica scatenata dalle politiche avviate in molti paesi di legalizzazione delle procedure mediche di interruzione della gravidanza. Con una famosa sentenza del 1973, la Corte Suprema degli Stati Uniti d America dichiarò, ad esempio, l incostituzionalità di qualsiasi legge che limitasse la scelta della donna di abortire nei primi mesi di gravidanza. Più o meno nello stesso periodo, nel nostro paese, fu prima votata una legge che consentiva l interruzione della gravidanza nelle strutture sanitarie pubbliche e su decisione della donna (L.194/1978) e poi indetto e celebrato un referendum abrogativo della stessa nel quale, tuttavia, prevalsero i voti contrari all abrogazione. La questione politico-giuridica è stata, comunque, al centro di un dibattito particolarmente vivace e complesso e paesi vicini tra loro geograficamente e culturalmente hanno adottato soluzioni legislative molto diverse. Basti pensare alla stridente contraddizione tra un Inghilterra dove è consentita l interruzione anche dopo il terzo mese di gravidanza e l Irlanda dove l aborto è ancora un reato; oppure alla situazione tedesca dove, dopo la caduta del muro di Berlino e la riunificazione nel 1989, si sono trovate a coesistere due legislazioni, con quella della Germania orientale notevolmente più permissiva dell altra vigente nella Germania federale. La controversia politico-giuridica ha generato due movimenti che, sebbene nati negli Stati Uniti, si sono poi diffusi a livello internazionale: il movimento cosiddetto pro-life, anti-abortista, e il movimento cosiddetto pro-choice, favorevole alla libertà decisionale della donna. In questi ampi schieramenti si sono collocate posizioni religiose e culturali molto diverse (associazioni di ispirazione cattolica, gruppi impegnati nel movimento di emancipazione femminile etc. etc.) che a volte hanno assunto posizioni di principio fortemente ideologizzate che non favoriscono certo una discussione pubblica serena. 52

8 I problemi etici dell aborto Un primo problema è quello relativo al valore da attribuire alla vita umana nelle fasi iniziali. Il dibattito sul cosiddetto statuto etico-ontologico dell embrione non è, infatti, privo di conseguenze sulla questione dell interruzione di gravidanza (anche se ormai questa non è più l unica questione morale da discutere). L atto di interrompere la gravidanza, con la conseguente morte del feto, ha valenze e significati etici diversi se si parte dal presupposto che il feto sia persona morale a tutti gli effetti oppure no. Purtroppo, il termine persona in queste discussioni filosofiche è usato con significati diversi. Per alcuni pensatori ispirati dalla metafisica tomistica è persona, o almeno va trattato come se lo fosse, anche l ovulo appena fecondato, mentre per altri pensatori di matrice utilitaristica si è persona solo in quanto in grado di provare sensazioni e in possesso di un minimo di capacità razionali (sulla base di quest ultimo parametro non solo la maggior parte degli animali, gli embrioni e i feti non sarebbero persone ma anche i bambini appena nati). A tali concezioni che tentano di definire la personalità individuale sulla base di caratteristiche sostanziali rigidamente determinate sfuggono, fondamentalmente, due cose essenziali. La prima è data dal carattere storico-contingente del processo di crescita biologica, un processo che va dall ovulo fecondato fino al bambino appena nato dove, tuttavia, il codice genetico non è il padrone assoluto. Il patrimonio genetico detta sì delle informazioni fondamentali ma è solo dopo il concreto impatto con l ambiente esterno che esse realizzano in maniera non deterministica il fenotipo biologico, ossia il concreto organismo vivente. In questo processo dinamico privo di soluzioni di continuo l evoluzione avviene lungo percorsi ricchi di deviazioni e biforcazioni che portano a esiti diversi e imprevedibili. La seconda cosa che sfugge al dibattito tradizionale sull embrione è l ineliminabile pluralismo delle concezioni metafisico-ontologiche sulla vita umana. In altri termini, da parte di alcuni protagonisti di tale dibattito si pretende, a volte ingenuamente a volte con arroganza illiberale, di definire una volta per tutte che cosa sia la vita individuale e quali caratteristiche le conferiscano un valore intrinseco e quasi sacrale. Un altro problema morale importante è quello di un equo bilanciamento tra interessi della donna e doveri di tutela verso il feto. Una pensatrice americana, Judith Jarvis Thomson, ha sostenuto che la vera questione da discutere è la seguente: non importa se il feto sia o no persona, anzi, anche se lo fosse a pieno titolo sia moralmente che giuridicamente ci sarebbero comunque circostanze in cui la donna potrebbe avere ottime ragioni per decidere di interrompere la gravidanza. A favore di questa scelta ci sarebbero ragioni relative ai danni che la donna potrebbe subire in seguito alla prosecuzione della gravidanza. In altri termini, se la gravidanza non è stata voluta ma imposta con 53

9 la violenza, oppure, se essa può avere ripercussioni più o meno gravi sulla salute della donna, allora è nel suo pieno diritto non portarla avanti. Questo ragionamento mostra l inammissibilità almeno delle forme più estreme di opposizione all aborto, quali quelle espresse, ad esempio, da Pio XI, il quale sosteneva che l aborto, in quanto uccisione deliberata di un innocente, non poteva essere mai giustificabile, nemmeno se si trattava di salvare la vita della donna. In definitiva, si può tentare di riassumere in due punti essenziali quanto finora è stato esposto a favore dell opzione liberale favorevole alla legalizzazione dell interruzione della gravidanza. In primo luogo, nelle nostre società occidentali è presente una pluralità di concezioni più o meno plausibili sul valore della vita umana nelle fasi iniziali dello sviluppo biologico. A partire da questo pluralismo di fatto non sembra perciò realistico pensare a una teoria filosofico-metafisica, per quanto autorevole, in grado di risolvere in unità questa pluralità di idee e sarebbe illiberale l imposizione legale di una teoria morale controversa. In secondo luogo, il legame donna-feto va interpretato e letto caso per caso alla luce degli interessi, a volte inconciliabili, in gioco. Per questi motivi una legge non può prevedere l infinita varietà di situazioni conflittuali in cui una donna decide di interrompere una gravidanza non desiderata né può affidare ad autorità esterne una scelta le cui conseguenze immediate ricadono in primo luogo sulla donna. La conclusione sul piano filosofico è che alcune scelte abortive sono senz altro moralmente giustificabili, almeno nelle circostanze prima ricordate o in altre analoghe. A questo punto la discussione filosofica generale si ferma perché, così come il diritto, la filosofia morale non può prevedere e fornire prescrizioni adeguate per tutte le possibili situazioni. Il vincolo giuridico che, in quasi tutte le legislazioni, consegna alla donna il potere di decidere senza interferenze esterne è, in fondo, frutto di questa considerazione filosofica e rappresenta la presa d atto di una situazione priva di alternative praticabili. Certo così sono possibili abusi, nessuno potrà impedire che in qualche caso ci siano donne che decidano di interrompere la gravidanza per motivi futili. Pur non sottovalutando o disconoscendo queste evenienze, si tratta di capire che la legge dello Stato consegna alla donna una libertà non arbitraria e capricciosa ma carica di responsabilità. Si tratta di discernere le reali circostanze in cui è vissuta la gravidanza, e di emettere un giudizio ponderato sui fatti, assumendo una decisione coerente con i propri valori e della quale si può dare pubblicamente conto. Una legge che incrementi questo tipo di libertà-responsabilità della donna è possibile e auspicabile da un punto di vista liberale. Un mero ritorno al passato è francamente inaccettabile. 54

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO PRIMA SEZIONE CASO S. H. E ALTRI c. AUSTRIA (Ricorso n 57813/00) SENTENZA STRASBURGO 1 aprile 2010 Pendente alla Grande Camera domanda di deferimento

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Prof. Giovanni Battista La Sala - Direttore PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Ramón Lucas Lucas BIOETICA PER TUTTI

Ramón Lucas Lucas BIOETICA PER TUTTI Ramón Lucas Lucas BIOETICA PER TUTTI INTRODUZIONE Referenze iconografiche: Archivio San Paolo: Carmine 163; Giovannini 124c; Rolandi Fassio 130 Emilio Giannelli: copertina, 3, 9, 31, 32, 79, 113, 159 Alessandro

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Stato, Chiese e pluralismo confessionale

Stato, Chiese e pluralismo confessionale Maria Fausta Maternini (ordinario di Diritto ecclesiastico nella Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Trieste) Matrimonio civile e matrimonio religioso SOMMARIO: 1. Il matrimonio rapporto

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Test per portatori sani

Test per portatori sani 16 Test per portatori sani Tutti i nomi originali in questo opuscolo sono stati cambiati per proteggere l'identità degli intervistati. Queste informazioni sono state elaborate dal Genetic Interest Group.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO NO SI REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO Per cominciare Che cosa è un dibattito argomentativo 1. Un dibattito argomentativo è un dialogo

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

POSIZIONE MATRIMONIALE

POSIZIONE MATRIMONIALE Mod. I Prot. n. DIOCESI DI PARROCCHIA Via Comune Cap Provincia POSIZIONE MATRIMONIALE GENERALITÀ Fidanzato Fidanzata Cognome e nome 1 Luogo e data di nascita Luogo e data di battesimo Religione Stato civile

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

DIRITTO A CONOSCERE LE ORIGINI

DIRITTO A CONOSCERE LE ORIGINI DIRITTO A CONOSCERE LE ORIGINI Sommario: 1. Premessa.- 2. Promozione dei diritti del minore: statuto costituzionale e legislazione ordinaria a confronto. Principio di responsabilità per il fatto della

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Riscoprire la dignità della persona umana

Riscoprire la dignità della persona umana Riscoprire la dignità della persona umana GIANCARLO DAL SASSO Premessa Stiamo assistendo in questi tempi a un curioso e contraddittorio fenomeno: da una parte, si registra, purtroppo, una quasi quotidiana

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

Bambini ai gay? Margherita Bottino e Daniela Danna. Indice: Introduzione (Daniela Danna) pag. 5

Bambini ai gay? Margherita Bottino e Daniela Danna. Indice: Introduzione (Daniela Danna) pag. 5 Margherita Bottino e Daniela Danna Bambini ai gay? Indice: Introduzione (Daniela Danna) pag. 5 Cap. 1) Madri lesbiche (e qualche padre gay) (Daniela Danna) 8 Maschio e femmina: dalla biologia alla società

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA?

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? Che cos'è il matrimonio? È quella speciale comunione di vita e d'amore tra un uomo e una donna, in cui si attuano particolari

Dettagli

Lo statuto teologico dell embrione

Lo statuto teologico dell embrione Lo statuto teologico dell embrione ----- + Jean LAFFITTE ----- 22 marzo 2014 ----- Mi sia permesso, nel momento di introdurre questa riflessione, di evocare un ricordo personale. Si tratta di quando iniziò,

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si Università degli studi di Roma La Sapienza, Dipartimento di Economia e Diritto, 17 dicembre 2013. Seminario organizzato nell ambito del Dottorato di Diritto pubblico dell economia dell Università degli

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Capitolo primo La governance: che cos è?

Capitolo primo La governance: che cos è? Capitolo primo La governance: che cos è? 1. Definire la governance Governance è un termine mutuato dall inglese e se volessimo darne una definizione in italiano facendoci aiutare da un dizionario scopriremmo

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli