Università di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria. Lezione 6

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria. Lezione 6"

Transcript

1 Università di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Corso di Progettazione di Reti e Sistemi Informatici, a.a. 2010/2011 Dott. Emiliano Casalicchio Lezione 6 19 Maggio 2011 Argomenti di questa lezione In questa lezione lo studente imparerà a configurare un server DNS (RFC 1035), un server SSH ed un server FTP. *** Si suggerisce quindi di ripassare i concetti base relativi dei relativi protocolli studiati nel corso di Reti di Calcolatori. Letture aggiuntive consigliate per il DNS sono: Manuale Bind9 Parte introduttiva del tutorial Debian Ulteriori risorse: servers.org/

2 Richiami sul DNS < 9 /00,$%&'(&' /00,$%&'(&' /00,$%&'(&'$ )*+,-*.& ,20* 6 3 /&+01(&' /&+01(&' 2 : 7 6? < > = 63 6!"#$%&'(&'!"#$%&'(&'!"#$%&'(&' )*+,-*.& *"#$%&'(&' pag. 2 di 11

3 Mappa dei 13 root servers (a m) e delle loro istanze. Zone vs Domain... a zone is a point of delegation in the DNS tree. A zone consists of those contiguous parts of the domain tree for which a name server has complete information and over which it has authority.... A zone can map exactly to a single domain, but could also include only part of a domain, the rest of which could be delegated to other name servers.... Most of the time a zone just equates to a domain. The only times this wouldn't be true is if you set up subdomains and set up separate DNS servers to handle just those subdomains. For example, a company would set up the subdomains us.theirdomain.com and europe.their domain.com and would "delegate" a separate DNS server to each one of them. In the case of these two DNS servers their zone would be just the subdomains. The zone of the DNS server for the parent theirdomain.com (which would contain the servers domain.com and mail.their domain.com) would only contain records for those few machines in the parent domain.... pag. 3 di 11

4 Passi base per le esperienze ed esercizi contenuti in questa lezione 1) Creare 3 macchine virtuali con sistema operativo guest linux (gia' create nelle precedenti esercitazioni). 2) disattivare interfaccia grafica linux ad es.: mv /etc/init/gdm.conf /etc/init/gdm.conf.disabled In queto modo al boot il sistema opeartivo non legge la configurazione del gestore di interfaccia grafica e parte in modalità testuale. In alternativa partire in modalità grafica e poi passare a tty1 6 Esperienza 1 Configurazione di un Name server per risoluzione e caching, detto anche caching name server). Possiamo utilizzare queste 2 topologie di rete per il test: oppure Internet NameServer Internet NameServer Net1 Client 1. Installazione di Bind9 ad esempio apt-get install bind9 2. Analizziamo i file di configurazione in alternativa potremmo avere un solo file named.conf named.conf.options contiente l'opzione option named.conf.default-zone contiene la dichiarazione delle zone Ci sono poi i file che descrivono le zone mediante vari Resource Records (RRs) SOA, NS, MX, TXT, etc... (per un elenco completo si veda parameters) L'amministratore di sistema può nominare questi file come ritiene più opportuno. 3. configuriamo la zona "." e la zona " " inserendo quanto segue nel file named.conf.default zone pag. 4 di 11

5 vediamo cosa contiene db.root (o root.hints) 4. definiamo ora ora il record SOA da mettere nel file db.local $TTL IN SOA ns.emiliano.casalicchio. root.emiliano.casalicchio. ( 1 Serial 8H Refresh 2H Retry 4W Expire 1D) Minimum TTL NS ns.emiliano.casalicchio. 1 PTR localhost. 5) configuriamo ora il resolv.conf per far si che localhost sia il NS di default per il nostro nodo. search emiliano.casalicchio nameserver la direttiva search indica domini che devo essere applicati a nomi di servers. la direttiva nameserver indica i NS che devono essere interrogati) 6) Facciamo partire il server named (ad esempio /etc/init.d/bind9 start stop restart). Possiamo controllare se ci sono stati particolari errori dal file /var/log/daemon.log vediamo cosa succede se facciamo un reverse lookup dig -x pag. 5 di 11

6 Se ora fossimo connessi alla rete potrei provare il funzionamento della cache mediante il commando dig. Ad esempio la prima volta che si richiede la risoluzione di un nome di dominio, ad es. dig si otterranno tempi di risoluzione dell ordine delle centinaia si millisecondi (prendete un dominio particolare che difficilmente viene richiesto (per esempio NON usate repubblica.it o uniroma1.it che molto probabilmente saranno già nella cache del vostro ISP) Ripetete poi la stessa query dig otterrete dei tempi di risposta dell ordine dei millisecondi (3 4 msec.). Significa che la query al DNS è stata risolta utilizzando le informazioni nella cache del vostro DNS server. Esercizio1. Fare un po' di prove interrogando vari servers e confrontare risultati utilizzando: un root name server un open DNS come o o Esercizio2. Ripetere l'esperienza con la topologia di rete Internet NameServer Net1 Client Esperienza 2 Vediamo come funziona una query ricorsiva e non. Dobbiamo utilizzare l opzione +norec del comando dig. Considerate che anche se ho gia' il record nella cache anche se uso +noreq non prendo il dato dalla cache. Invocare il comando dig +noreq viene ritornata la lista dei root servers e dei relative indirizzi IP. NOME-ROOT-SERVER +noreq viene ritornata la lista dei name servers autoritativi per il top level domain. Prendetene uno e procedete come al passo precedente fino a trovare il name server autoritativo per il dominio di terzo livello (cs.gmu.edu) e per il server web (www.cs.gmu.edu) pag. 6 di 11

7 Esercizio 4. Provare varie risoluzioni di nomi in modo ricorsivo e non ricorsivo utilizzando il comando dig e le varie opzioni. Richiedere non solo il record A di default ma anche altri record come ad esempio TXT. Esperienza 3 Configuriamo un nostro dominio (e.g emiliano.casalicchio) per risolvere i nomi della nostra intranet. Node0 (NS) Net1 Node1 \ Node2 Node ns.emiliano.casalicchio Node n1.emiliano.casalicchio Node mail.emiliano.casalicchio Set up zone e zone file zone " in-addr.arpa" { type master file "pz/ " } $TTL IN SOA ns.emiliano.casalicchio. admin.emiliano.casalicchio. ( 1 Serial 8H Refresh 2H Retry 4W Expire 1D) Minimum TTL NS ns.emiliano.casalicchio. 1 PTR localhost. prima faccio ripartire named $ dig -x tutto OK inseriamo nuova zona in named.conf.default zones zone "emiliano.casalicchio" { type master notify no file "/etc/bind/db.emiliano.casalicchio" } Inseriamo il SOA ed id RR NS e MX in /etc/bind/db.emiliano.casalicchio Step 1: Record SOA ridotto. pag. 7 di 11

8 Step2: Record SOA compelto. Zone file for emiliano.casalicchio The full zone file $TTL IN SOA ns.emiliano.casalicchio. admin ( serial, todays date + todays serial # 8H refresh, seconds 2H retry, seconds 4W expire, seconds 1D ) minimum, seconds NS ns Inet Address of name server MX 10 mail.emiliano.casalicchio. Primary Mail Exchanger MX 20 mail.othername.otherdomain. Secondary Mail Exchanger localhost A ns A TXT "The authoritative name server" MX 10 mail MX 20 mail.othername.otherdomain www CNAME ns n1 A TXT "Node1 alias Ninfa" MX 10 mail MX 20 mail.othername.otherdomain ninfa CNAME n1 mail A TXT "The mail server (imap)" MX 10 mail MX 20 mail.othername.otherdomain imap CNAME mail ricaricare il file di zona con il comando /etc/init.d/bind9 reload vediamo se la zona è stata ricaricata mediante il comando dig emiliano.casalicchio axfr (TRANSFER ZONE) ci mettiamo su nodo1/2 e facciamo un po' di query (IL RESOLV.CONF LO VEDIAMO DOPO) pag. 8 di 11

9 Configuriamo la revers zone zone " in-addr.arpa" { type master file "/etc/bind/db " } $TTL IN SOA ns.emiliano.casalicchio. admin.emiliano.casalicchio. ( 1 Serial 8H Refresh 2H Retry 4W Expire 1D) Minimum TTL NS ns.emiliano.casalicchio. 8 PTR ns.emiliano.casalicchio. 10 PTR n1.emiliano.casalicchio. 20 PTR mail.emiliano.casalicchio. Concludiamo configurando ad hoc il resolv.conf sui nodi della rete. Esercizio 5. Setup NS master e slave e verificare zone transfer. Esperienza 4. Configurazione server SSH sudo apt-get install openssh-server analizzare file di configurazione con l ausilio del manuale per capire il significato delle varie opzioni. lanciare il demone e stopparlo. Verificare le porte su cui si trova in ascolto mediante il comando netstat -lt Esempio di esportazione del display grafico: lancire nodo2 in modalita' grafica fare connessione con nodo server tentare esportazione display KO pag. 9 di 11

10 cambiare setting esportazione sul server, nel file /etc/sshd_config settare X11Forwarding yes sul client, nel file /etc/ssh_config settare ForwardAgent yes, ForwardX11 yes, ForwardX11Trusted yes riprovare ad esportare il display ora dovrebbe funzionare!! Configurare l accesso ad un nodo server senza inserimento della password. Va distribuita la chiave pubblica al nodo client Generazione RSA key ssh-keygen -t rsa la chiave pubblica viene scritta nel file ~/.ssh/id_rsa.pub. la chiave privata viene scritta nel file ~/.ssh/id_rsa. Non distribuite mai la vostra chiave privata!!!. chmod 755 ~/.ssh copiate il file ~/.ssh/id_rsa.pub in ~/.ssh/authorized_keys sulla macchina remota. chmod 644 ~/.ssh/authorized_keys ora, tranne al primo accesso, non vi verrà più richiesta la chiave di accesso al nodo remoto. Esperienza 6 Server ftpd oppure apt-get install ftpd apt-get install vsftp mi connetto e tutto funziona!!! Per la configurazione avanzata basta utilizzare la guida (man) Spunti per progetti d'esame Setup server FTP con controlli sul tipo di file, utenti che possono accedere, etc... Setup server SAMBA (TESI DI LAUREA), configurazione diritti, testing in ambiente intranet e internet pag. 10 di 11

11 Riferimenti bibliografici 1. DNS HOWTO, Nicolai Langfeldt, Jamie Norrish and others HOWTO.html 2. Linux Networking Cookbook, O'Reilly 3. Man pages dei vari comandi pag. 11 di 11

(Domain Name System) DNS (Domain Name System) Architettura del DNS DNS. A.Lioy - Politecnico di Torino (2013) B-1. Antonio Lioy < lioy@polito.

(Domain Name System) DNS (Domain Name System) Architettura del DNS DNS. A.Lioy - Politecnico di Torino (2013) B-1. Antonio Lioy < lioy@polito. (Domain Name System) (Domain Name System) Antonio Lioy < lioy@polito.it > Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica (Domain Name System) è il sistema scelto da Internet per mantenere la corrispondenza

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Laboratorio di Reti Esercitazione N 2-DNS Gruppo 9. Laboratorio di Reti Relazione N 2. Mattia Vettorato Alberto Mesin

Laboratorio di Reti Esercitazione N 2-DNS Gruppo 9. Laboratorio di Reti Relazione N 2. Mattia Vettorato Alberto Mesin Laboratorio di Reti Relazione N 2 Gruppo N 9 Mattia Vettorato Alberto Mesin Scopo dell'esercitazione Configurare un Name Server per un dominio, in particolare il nostro dominio sarà gruppo9.labreti.it.

Dettagli

Lezione 11 Livello Applicativo bind (DNS)

Lezione 11 Livello Applicativo bind (DNS) Lezione 11 Livello Applicativo bind (DNS) Università degli Studi di Milano Insegnamento di Terminologia - 1 ISO/OSI (Open System Interconnection) Standard de iure che organizza l'architettura di una rete

Dettagli

Indirizzi e nomi: il DNS

Indirizzi e nomi: il DNS Indirizzi e nomi: il DNS Alla base del sistema esiste il nome di dominio, che è la forma con cui si rappresenta un indirizzo attraverso una denominazione strutturata esempio 4/29/10 1 I nomi di dominio

Dettagli

DNS Domain Name System Dott. Ing. Ivan Ferrazzi V1.2 del 28/02/2013

DNS Domain Name System Dott. Ing. Ivan Ferrazzi V1.2 del 28/02/2013 DNS Domain Name System Dott. Ing. Ivan Ferrazzi V1.2 del 28/02/2013 1/17 Copyright 2013 Dott.Ing. Ivan Ferrazzi Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of

Dettagli

Realizzazione di un servizio DNS su piattaforma Linux e Solaris con ISC BIND. 192.168.2.12 master12 192.168.2.0/24 192.168.1.0/24

Realizzazione di un servizio DNS su piattaforma Linux e Solaris con ISC BIND. 192.168.2.12 master12 192.168.2.0/24 192.168.1.0/24 Servizi DNS Esercitazione Realizzazione di un servizio DNS su piattaforma Linux e Solaris con ISC BIND. Informazioni preliminari File di configurazione: {chroot}/etc/named.conf File eseguibili: named Utente

Dettagli

Corso di recupero di sistemi Lezione 8

Corso di recupero di sistemi Lezione 8 Corso di recupero di sistemi Lezione 8 a.s. 2011/2012 - Prof. Fabio Ciao 24 aprile 2012 Reti TCP/IP Una rete TCP/IP è una rete locale o geografica che utilizza protocolli TCP/IP con i primi 2 livelli una

Dettagli

Corso per Tutor C2 CEFRIEL Politecnico di Milano Relazione sull attività del 5 maggio 2003

Corso per Tutor C2 CEFRIEL Politecnico di Milano Relazione sull attività del 5 maggio 2003 Argomenti sviluppati: - Il protocollo DHCP e le sue applicazioni: - Configurazione e gestione del pool di indirizzi in Linux - Configurazione indirizzi statici in Linux - Il protocollo DNS e le sue implementazioni

Dettagli

&&' & + $, $ $ ( $" $ + ! " # $ " % Numeric addr. tough for humans to remember Numeric addr. impossible to guess

&&' & + $, $ $ ( $ $ + !  # $  % Numeric addr. tough for humans to remember Numeric addr. impossible to guess Numeric addr. tough for humans to remember Numeric addr. impossible to guess Variable length (machines prefer fixed length) Potentially long! " # $ " % && & ( ( &( ) * & ( &( + $, $ $ ( $" $ + - - $. -.

Dettagli

DHCP-DNS Di Giuseppe Latini

DHCP-DNS Di Giuseppe Latini DHCP-DNS Di Giuseppe Latini Prima di entrare nel vivo della configurazione dei demoni, spendiamo due parole per spiegare l utilità di questi due servizi di rete. DHCP vuol dire: Dynamic Host Configuration

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Protocolli applicativi: DNS I lucidi presentati

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Daniele Vannozzi Istituto Applicazioni Telematiche Via S. Maria, 36 56126 Pisa Daniele.Vannozzi@iat.cnr.it

Daniele Vannozzi Istituto Applicazioni Telematiche Via S. Maria, 36 56126 Pisa Daniele.Vannozzi@iat.cnr.it Daniele Vannozzi Istituto Applicazioni Telematiche Via S. Maria, 36 56126 Pisa Daniele.Vannozzi@iat.cnr.it Argomenti trattati le funzioni del lo spazio dei nomi interazioni tra nameserver e resolver configurazione

Dettagli

20. DNS: Il Domain Name System

20. DNS: Il Domain Name System 20. DNS: Il Domain Name System 20.1 Introduzione È un database distribuito usato dalle applicazioni TCP/IP che: Mappa hostname su IP address Mappa IP address su hostname Fornisce informazione di routing

Dettagli

DNS. (con speciale attenzione all implementazione DNS di Microsoft)

DNS. (con speciale attenzione all implementazione DNS di Microsoft) DNS (con speciale attenzione all implementazione DNS di Microsoft) 1 Concetti Generali (1) Risoluzione dei Nomi in Indirizzi e viceversa Gestione gerarchica del sistema di denominazione dei computer Database

Dettagli

Domain Name System: DNS

Domain Name System: DNS Domain Name System: DNS Nomi simbolici Gerarchia dei nomi Gerarchia dei DNS Risoluzione dei nomi Caching e abbreviazioni Descrittori di risorsa Nomi simbolici Tutte le applicazioni Internet usano indirizzi

Dettagli

Installazione di NoCat

Installazione di NoCat Servizio Calcolo e Reti Pavia, 15 Agosto 2006 Installazione di NoCat Andrea Rappoldi 1 Introduzione 2 Migliorie apportate Quando un client stabilsce per la prima volta la connessione http o https con il

Dettagli

DynDNS tra Client e server Linux Ubuntu (Client 12.10 e server 8.04 LTS)

DynDNS tra Client e server Linux Ubuntu (Client 12.10 e server 8.04 LTS) DynDNS tra Client e server Linux Ubuntu (Client 12.10 e server 8.04 LTS) Di base tutti i pacchetti che servono per mettere in marcia questo servizio sono già installati sia sul server che nel client, nelle

Dettagli

Gruppo Utenti Linux Cagliari h...

Gruppo Utenti Linux Cagliari h... Realizzare una piccola rete privata Marco Marongiu Gruppo Utenti Linux Cagliari Sommario Materiale occorrente Configurazione NAT Configurazione server DNS interno Configurazione server DHCP interno Configurazione

Dettagli

EasyDNS2. Manuale d uso L EVOLUZIONE DEI SERVIZI DOMAIN NAME SYSTEM

EasyDNS2. Manuale d uso L EVOLUZIONE DEI SERVIZI DOMAIN NAME SYSTEM EasyDNS2 L EVOLUZIONE DEI SERVIZI DOMAIN NAME SYSTEM Manuale d uso TERMINOLOGIA IL PANNELLO DI CONTROLLO ELEMENTI DELL INTERFACCIA COMUNI IL TAB CNAME IL TAB MX IL TAB SOA IL TAB TXT IL TAB CUSTOM RECORDS

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

Domain Name System. Gerarchia nomi simbolici

Domain Name System. Gerarchia nomi simbolici Domain Name System ad application L., ma usato da protocolli di L7 più che da utenti accessibile via comando di shell nslookup indirizzamento a L7: nome simbolico es: www.dico.unimi.it struttura gerarchica

Dettagli

Domini Virtual Server

Domini Virtual Server Domini Virtual Server Pannello di controllo Manuale Utente Pannello di controllo domini e virtual server - Manuale utente ver. 2.0 Pag. 1 di 18 Sommario INFORMAZIONI GENERALI... 3 Virtual Server... 3 ACCESSO

Dettagli

Petra Firewall 2.8. Guida Utente

Petra Firewall 2.8. Guida Utente Petra Firewall 2.8 Guida Utente Petra Firewall 2.8: Guida Utente Copyright 1996, 2002 Link SRL (http://www.link.it) Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright.

Dettagli

Domain Name System: DNS

Domain Name System: DNS Domain Name System: DNS Nomi simbolici Gerarchia dei nomi Gerarchia dei DNS Risoluzione dei nomi Caching e abbreviazioni Descrittori risorsa Nomi simbolici Tutte le applicazioni Internet usano inrizzi

Dettagli

Application layer. Protocolli a livello applicativo. Identificatori in Internet. Protocolli a livello applicativo, esempi. Francesco Dalla Libera

Application layer. Protocolli a livello applicativo. Identificatori in Internet. Protocolli a livello applicativo, esempi. Francesco Dalla Libera Protocolli a livello applicativo Application layer Francesco Dalla Libera! In questo livello si trovano diverse tipologie di oggetti: " protocolli di supporto a tutte le applicazioni: # DNS (Domain Name

Dettagli

Sulla risoluzione degli indirizzi IP Parte II Domain Name System

Sulla risoluzione degli indirizzi IP Parte II Domain Name System Sulla risoluzione degli indirizzi IP Parte II Domain Name System Stefano Bonacina (*), Francesca Giuratrabocchetti (**), Davide Stefanoni (***) (*) Dottorato di Ricerca in Bioingegneria XVI ciclo Politecnico

Dettagli

MANUALE UTENTE Configurazione dei servizi web di III livello

MANUALE UTENTE Configurazione dei servizi web di III livello MANUALE UTENTE Configurazione dei servizi web di III livello Indice 1 REGISTRAZIONE ALLA PIATTAFORMA SHARED HOSTING...3 2 PANNELLO DI CONTROLLO...4 3 GESTIONE DNS...13 3.1 Il file di zona...13 3.2 Pannello

Dettagli

Domain Name System (DNS)

Domain Name System (DNS) Prof. Roberto De Prisco Domain Name System (DNS) Riferimento: Comer, Cap. 24 Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Indirizzi IP e nomi 2 Indirizzo IP identifica un host su Internet

Dettagli

Sistemi e Servizi di TLC. Lezione N. 6. Il servizio DNS (Domain Name System)

Sistemi e Servizi di TLC. Lezione N. 6. Il servizio DNS (Domain Name System) Sistemi e Servizi di TLC Lezione N. 6 Il servizio DNS (Domain Name System) 1 Nomi logici e indirizzi IP Gli indirizzi IP utilizzati per identificare univocamente i dispositivi connessi alla rete (router

Dettagli

Introduzione ad Active Directory. Orazio Battaglia

Introduzione ad Active Directory. Orazio Battaglia Introduzione ad Active Directory Orazio Battaglia Introduzione al DNS Il DNS (Domain Name System) è un sistema utilizzato per la risoluzione dei nomi dei nodi della rete (host) in indirizzi IP e viceversa.

Dettagli

Mini-guida per l installazione di una rete locale

Mini-guida per l installazione di una rete locale Mini-guida per l installazione di una rete locale Anno Accademico 2001/2002 Versione 1.13 20020509 Dott. Gianni Verduci verduci@disi.unige.it Maggio, 2002 Indice 1 Situazione di partenza 2 2 Un pó di teoria

Dettagli

Networking. Notare che le modifiche apportate attraverso ifconfig riguardano lo stato attuale del sistema e non sono persistenti.

Networking. Notare che le modifiche apportate attraverso ifconfig riguardano lo stato attuale del sistema e non sono persistenti. Networking A ogni scheda di rete e' assegnata una o piu' interfacce di rete. Su linux le interfacce di tipo ethernet sono enumerate a partire da eth0. Possiamo alterare la configurazione dell'interfaccia

Dettagli

Area Clienti Tiscali Hosting e Domini

Area Clienti Tiscali Hosting e Domini Area Clienti Tiscali Hosting e Domini Manuale Utente Area Clienti Tiscali Hosting e Domini - Manuale utente Pag. 1 di 20 Sommario INFORMAZIONI GENERALI... 3 ACCESSO ALL AREA CLIENTI TISCALI HOSTING E DOMINI...

Dettagli

DOMAIN NAME SYSTEM (DNS)

DOMAIN NAME SYSTEM (DNS) PARTE 4 DOMAIN NAME SYSTEM (DNS) Domain Name System (Un esempio di sistema distribuito geograficamente che funziona molto bene) Indice Identificatori degli host e alternative nel naming Organizzazione

Dettagli

CONFIGURAZIONE DNS INDICE

CONFIGURAZIONE DNS INDICE Progetto Configurazione DNS Versione 1.0 beta 2 Data 28/09/2002 16.34 Autore Julien Buratto Cliente Linkas Srl CONFIGURAZIONE DNS INDICE TEORIA...2 COSA CONVERTE...2 DOMINIO E ZONA...2 In blu sono segnalati

Dettagli

RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System. Prof. Andrea Borghesan

RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System. Prof. Andrea Borghesan RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System Prof. Andrea Borghesan http://venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì, 10.00-11.00. Studio 34, primo piano. Dip. Statistica 1 Modalità esame:

Dettagli

Laboratorio di Networking Operating Systems. Lezione 2 Principali strumenti di diagnostica

Laboratorio di Networking Operating Systems. Lezione 2 Principali strumenti di diagnostica Dipartimento di Informatica - Università di Verona Laboratorio di Networking Operating Systems Lezione 2 Principali strumenti di diagnostica Master in progettazione e gestione di sistemi di rete edizione

Dettagli

Mini-guida per l installazione di una rete locale

Mini-guida per l installazione di una rete locale Mini-guida per l installazione di una rete locale Anno Accademico 2001/2002 Dott. Gianni Verduci verduci@disi.unige.it Maggio, 2002 Prerequisiti 1. Hardware: PC, schede, cavi e apparati di rete 2. Software:

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Giovedì 9-04-2015 1 Database distribuiti e gerarchici

Dettagli

Domain Name Service. Mario BALDI. Silvano GAI. Fulvio RISSO. http://staff.polito.it/mario.baldi. sgai[at]cisco.com. fulvio.risso[at]polito.

Domain Name Service. Mario BALDI. Silvano GAI. Fulvio RISSO. http://staff.polito.it/mario.baldi. sgai[at]cisco.com. fulvio.risso[at]polito. Domain Name Service Mario BALDI http://staff.polito.it/mario.baldi Silvano GAI sgai[at]cisco.com Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it DNS - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nomi e Indirizzi Nomi mnemonici:

Dettagli

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 8 DNS (cont)

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 8 DNS (cont) INFORMATICA DISTRIBUITA prof. lez 8 DNS (cont) Università degli Studi di Milano Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale a.a. 2009-2010 DNS: Domain Name System Indirizzamento di una macchina (host)

Dettagli

Introduzione al Dns. Loredana Pillitteri. Semplificazione della gestione e delega amministrativa Pisa - CNR - ISTI dicembre 2003

Introduzione al Dns. Loredana Pillitteri. Semplificazione della gestione e delega amministrativa Pisa - CNR - ISTI dicembre 2003 Introduzione al Dns Semplificazione della gestione e delega amministrativa Pisa - CNR - ISTI dicembre 2003 Cos è il DNS Lo spazio dei nomi ed indirizzi IP Tipi record migrazione nuovo dominio ISTI migrazione

Dettagli

Telematica II 14. DNS Domain Name Service

Telematica II 14. DNS Domain Name Service Domain Name System () - finalità è un servizio per ottenere un altro servizio (HTTP, FTP, SMTP, ecc) Telematica II 14. Domain Name Service è un servizio che realizza una corrispondenza fra gli indirizzi

Dettagli

Manuale Configurazione dei Servizi Web di III livello

Manuale Configurazione dei Servizi Web di III livello Manuale Configurazione dei Servizi Web di III livello Configurazione dei servizi web di III livello Pag. 1 di 18 INDICE 1 Registrazione alla piattaforma Shared Hosting...3 2 Pannello di Controllo...4 3

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 8

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 8 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 8 Giovedì 27-03-2014 1 Protocolli di accesso

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

Risoluzione dei nomi. 33.1 Indirizzi e nomi...3603

Risoluzione dei nomi. 33.1 Indirizzi e nomi...3603 3601 Risoluzione dei nomi Capitolo 33 33.1 Indirizzi e nomi...................................3603 33.1.1 Configurazione del tipo di conversione: file /etc/host.conf»................................3603

Dettagli

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione Livello Applicazione Davide Quaglia 1 Motivazione Nell'architettura ibrida TCP/IP sopra il livello trasporto esiste un unico livello che si occupa di: Gestire il concetto di sessione di lavoro Autenticazione

Dettagli

Application layer. Protocolli a livello applicativo. Identificatori in Internet. Protocolli a livello applicativo, esempi. Francesco Dalla Libera

Application layer. Protocolli a livello applicativo. Identificatori in Internet. Protocolli a livello applicativo, esempi. Francesco Dalla Libera Protocolli a livello applicativo Application layer Francesco Dalla Libera! In questo livello si trovano diverse tipologie di oggetti: " protocolli di supporto a tutte le applicazioni: # DNS (Domain Name

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (prima parte) DNS DHCP FTP SMTP

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (prima parte) DNS DHCP FTP SMTP Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 9 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (prima parte) DNS DHCP FTP SMTP I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati sotto una licenza Creative Commons License.

Dettagli

Risoluzione dei nomi. 33.1 Indirizzi e nomi

Risoluzione dei nomi. 33.1 Indirizzi e nomi a2» 2013.11.11 --- Copyright Daniele Giacomini -- appunti2@gmail.com http://informaticalibera.net 1499 Risoluzione dei nomi Capitolo 33 33.1 Indirizzi e nomi...................................1499 33.1.1

Dettagli

SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) Funzionamento del DNS. Soluzione centralizzata

SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) Funzionamento del DNS. Soluzione centralizzata SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) Ad ogni calcolatore collegato a Internet (host) è associato un indirizzo IP Utilizzo di nomi simbolici da parte degli utenti Necessità di una traduzione dei nomi simbolici

Dettagli

SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS)

SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) Ad ogni calcolatore collegato a Internet (host) è associato un indirizzo IP Utilizzo di nomi simbolici da parte degli utenti Necessità di una traduzione dei nomi simbolici

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Il load balancing DNS-based coinvolge gli indirizzi IP dei server del cluster. 450710 2 6 10 450966 2 * 6 10

Il load balancing DNS-based coinvolge gli indirizzi IP dei server del cluster. 450710 2 6 10 450966 2 * 6 10 Prova intermedia del 31/10/2014 ID gruppo Rapp.te Matricola PC Valutazione Note 426748 1 * 42 9 433041 1 42 9 427803 1 42 9 450710 2 6 10 450966 2 * 6 10 415191 3 * 47 5 Sui web server della farm 1 (quella

Dettagli

INDICE. - 1 - dns & bind

INDICE. - 1 - dns & bind INDICE INTRODUZIONE... - 3 - ARCHITETTURA E PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO DEL DNS... - 4 - DOMINI...- 5 - IL DNS DI INTERNET...- 6 - IL CONCETTO DI DELEGA...- 7 - NAME SERVER E ZONE...- 7 - DELEGA DEI SOTTODOMINI...-

Dettagli

Perché DNSSEC? Vulnerabilità pubblicamente conosciute DNS è un servizio di grande importanza

Perché DNSSEC? Vulnerabilità pubblicamente conosciute DNS è un servizio di grande importanza DNSSEC 1 Perché DNSSEC? DNS NON è sicuro Vulnerabilità pubblicamente conosciute DNS è un servizio di grande importanza DNSSEC protegge dallo spoofing e dalla alterazione dei dati del traffico DNS 2 Risoluzione

Dettagli

AdRem Free itools 2006. - L importanza degli strumenti di diagnostica -

AdRem Free itools 2006. - L importanza degli strumenti di diagnostica - AdRem Free itools 2006 - L importanza degli strumenti di diagnostica - Introduzione La capacità di configurare, gestire e risolvere i problemi relativi alle reti TCP/IP è parte fondamentale dell attività

Dettagli

CLOUD AWS. #cloudaws. Community - Cloud AWS su Google+ Amazon Web Services. Amazon Route 53

CLOUD AWS. #cloudaws. Community - Cloud AWS su Google+ Amazon Web Services. Amazon Route 53 Community - Cloud AWS su Google+ Web Services Route 53 Oggi vediamo le caratteristiche del servizio DNS rilasciato da e chiamato Route 53. Hangout 23 del 11.08.2014 Davide Riboldi Massimo Della Rovere

Dettagli

Il Domain Name System

Il Domain Name System Il Domain Name System Università di Parma - Appunti di Telematica A - per esclusivo uso interno A. Lazzari 2004 GENERALITÀ...1 LA GERARCHIA DEI NOMI DI DOMINIO...2 I RESOURCE RECORD (RR)...3 I PROTOCOLLI

Dettagli

T.A.R.I. Applicazioni (ICT, AL)

T.A.R.I. Applicazioni (ICT, AL) Applicazioni Internet Domain Name System Posta Elettronica Remote login File transfer World Wide Web Tutti usano il modello Client-Server DNS Le comunicazioni Internet usano gli indirizzi IP, mentre per

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Computazione su Rete Applicazioni Applicazioni Internet Domain Name System Posta Elettronica Remote login File transfer World Wide Web

Computazione su Rete Applicazioni Applicazioni Internet Domain Name System Posta Elettronica Remote login File transfer World Wide Web Tutti usano il modello Client-Server Computazione su Rete Applicazioni Applicazioni Internet Domain Name System Posta Elettronica Remote login File transfer World Wide Web Giulio Concas 1 DNS Le comunicazioni

Dettagli

Morret Mobile Robot Remote Tunneling

Morret Mobile Robot Remote Tunneling UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Elettronica per l Automazione Laboratorio di Robotica Avanzata Advanced Robotics Laboratory Corso di Robotica (Prof. Riccardo Cassinis) Morret

Dettagli

OCCHIO AL DOWNLOAD E UPLOAD!!!

OCCHIO AL DOWNLOAD E UPLOAD!!! OCCHIO AL DOWNLOAD E UPLOAD!!! DIRITTI DI PROPRIETA INDUSTRIALE TUTELANO ANCHE TE!!! Lezione n 8 RETE INTERNET DOMAIN NAME -Nativi digitali e Internet- Prof.ssa Cristina Daperno Prof. Aldo Ribero Prof.

Dettagli

Sommario. Configurazione della rete con DHCP. Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client

Sommario. Configurazione della rete con DHCP. Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client Seconda esercitazione Sommario Configurazione della rete con DHCP Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client 2 Sommario Test di connettività ping traceroute Test del DNS nslookup

Dettagli

Sicurezza delle reti 1. Lezione XVIII: La protezione del DNS. Separazione di servizi DNS. La protezione del DNS. Mattia Monga. a.a.

Sicurezza delle reti 1. Lezione XVIII: La protezione del DNS. Separazione di servizi DNS. La protezione del DNS. Mattia Monga. a.a. 1 cache cache Mattia Lezione XVIII: La protezione del Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it a.a. 2010/11 1 c 2011 M.. Creative Commons Attribuzione-Condividi

Dettagli

DNS cache poisoning e Bind

DNS cache poisoning e Bind ICT Security n. 19, Gennaio 2004 p. 1 di 5 DNS cache poisoning e Bind Il Domain Name System è fondamentale per l'accesso a internet in quanto risolve i nomi degli host nei corrispondenti numeri IP. Se

Dettagli

SAMBA COS È? Samba è un software che fornisce servizi di condivisione utilizzando il protocollo SMB (Server Message Block). A differenza di altri programmi, Samba è gratuito e Open Source, e permette l

Dettagli

SHAREPOINT INCOMING E-MAIL. Configurazione base

SHAREPOINT INCOMING E-MAIL. Configurazione base SHAREPOINT INCOMING E-MAIL Configurazione base Versione 1.0 14/11/2011 Green Team Società Cooperativa Via della Liberazione 6/c 40128 Bologna tel 051 199 351 50 fax 051 05 440 38 Documento redatto da:

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Configurazione Rete in LINUX

Configurazione Rete in LINUX Configurazione Rete in LINUX Laboratorio di Reti Ing. Telematica - Università Kore Enna A.A. 2008/2009 Ing. A. Leonardi TCP/IP Il trasferimento dati con il protocollo TCP/IP si basa fondamentalmente su

Dettagli

CONFIGURATION MANUAL

CONFIGURATION MANUAL RELAY PROTOCOL CONFIGURATION TYPE CONFIGURATION MANUAL Copyright 2010 Data 18.06.2013 Rev. 1 Pag. 1 of 15 1. ENG General connection information for the IEC 61850 board 3 2. ENG Steps to retrieve and connect

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci IL DOMAIN NAME SYSTEM (DNS) Indirizzi IP poco adatti per essere memorizzati da utenti umani è prevista la possibiltà di associare nomi simbolici

Dettagli

Corso GNU/Linux - Lezione 5. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it

Corso GNU/Linux - Lezione 5. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Corso GNU/Linux - Lezione 5 Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Reti - Protocollo TCP/IP I pacchetti di dati vengono trasmessi e ricevuti in base a delle regole definite da un protocollo di comunicazione.

Dettagli

dns giuseppe di battista, maurizio patrignani copyright 2012 g. di battista, m. patrignani nota di copyright

dns giuseppe di battista, maurizio patrignani copyright 2012 g. di battista, m. patrignani nota di copyright dns giuseppe di battista, maurizio patrignani nota di copyright questo insieme di slides è protetto dalle leggi sul copyright il titolo ed il copyright relativi alle slides (inclusi, ma non limitatamente,

Dettagli

LINKSYS SPA922 GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP

LINKSYS SPA922 GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP LINKSYS SPA922 GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP Linksys SPA922 - Guida alla Configurazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SCOPO...3 COLLEGAMENTO FISICO APPARATO...3 ACCESSO ALL ADMINISTRATOR WEB

Dettagli

voice call web browser email client streaming video application address? port LAN IP layer 193.205.7.124 LAN card driver Application Layer

voice call web browser email client streaming video application address? port LAN IP layer 193.205.7.124 LAN card driver Application Layer web browser email client voice call streaming video SO application address? port IP layer 193.205.7.124 LAN card driver LAN Programmi applicativi che utilizzano i servizi di rete Sono spesso basati sul

Dettagli

Domain Name Service. Mario BALDI. Silvano GAI. Fulvio RISSO. staff.polito.it/mario.baldi. sgai[at]cisco.com. fulvio.risso[at]polito.

Domain Name Service. Mario BALDI. Silvano GAI. Fulvio RISSO. staff.polito.it/mario.baldi. sgai[at]cisco.com. fulvio.risso[at]polito. Domain Name Service Mario BALDI staff.polito.it/mario.baldi Silvano GAI sgai[at]cisco.com Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it DNS - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme

Dettagli

Introduzione al DHCP

Introduzione al DHCP Modulo 8: Applicativi Parte 1: DHCP, Bootp 1 Introduzione al DHCP Per comunicare via TCP/IP un host deve conoscere il proprio indirizzo IP conoscere la propria rete (netmask) conoscere l indirizzo l di

Dettagli

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Sicurezza del DNS DNSSEC & Anycast Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Perché il DNS Fino a metà degli anni '80, la traduzione da nomi a indirizzi IP era fatta con un grande file hosts Fino ad allora non

Dettagli

Sicurezza dei sistemi e delle reti 1. Lezione XIV: Single sign-on sul web. Il SSO sul web. OpenID. Mattia Monga. a.a. 2015/16

Sicurezza dei sistemi e delle reti 1. Lezione XIV: Single sign-on sul web. Il SSO sul web. OpenID. Mattia Monga. a.a. 2015/16 Sicurezza dei sistemi e delle 1 Mattia cache Lezione XIV: Single sign-on sul web cache Dip. di Informatica Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it a.a. 2015/16 1 cba 2011 15 M..

Dettagli

SIP-Phone 302 GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP

SIP-Phone 302 GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP SIP-Phone 302 GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP SIP-Phone 302 Guida alla Configurazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SCOPO...3 COME ACCEDERE ALLA CONFIGURAZIONE...3 Accesso all IP Phone quando il

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 24 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 24 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 24 giugno 2004 Il livello applicativo Nel livello 5 (ultimo livello in TCP/IP) ci sono le applicazioni utente protocolli di supporto a tutte le applicazioni, come per esempio

Dettagli

Corso GNU/Linux - Lezione 6. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it

Corso GNU/Linux - Lezione 6. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Corso GNU/Linux - Lezione 6 Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Riepilogo TCP/IP Ogni host nella rete deve avere un proprio indirizzo ip Due o piu computer nella stessa rete, per poter comunicare

Dettagli

parte di un elaboratore client. Tale tempo e' espresso in secondi. da parte di un elaboratore. da rilasciare ai client agli elaboratori client

parte di un elaboratore client. Tale tempo e' espresso in secondi. da parte di un elaboratore. da rilasciare ai client agli elaboratori client Piccola guida su come offrire i servizi dhcp e named coordinandoli tra loro. In sostanza, dhcp oltre a rilasciare un indirizzo ip valido ai client che ne fanno richiesta, provvedera' ad aggiornare i files

Dettagli

DNSMASQ HOWTO. http://en.wikipedia.org/wiki/dnsmasq

DNSMASQ HOWTO. http://en.wikipedia.org/wiki/dnsmasq DNSMASQ HOWTO Dnsmasq e' un software che eroga i servizi dhcp e dns. La presente guida non vuole essere completa, e' soltanto la somma degli appunti cui mi sono rifatto per rendere operativo il servizio.

Dettagli

P2-09: Domain Name System (Cap. 24)

P2-09: Domain Name System (Cap. 24) Autunno 2002 Prof. Roberto De Prisco -09: Domain Name System (Cap. 24) Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Inidirizzi IP: nomi e numeri 09.2 Indirizzo IP: stringa di 32 bit

Dettagli

Guida rapida - rete casalinga (con router)

Guida rapida - rete casalinga (con router) Guida rapida - rete casalinga (con router) Questa breve guida, si pone come obiettivo la creazione di una piccola rete ad uso domestico per la navigazione in internet e la condivisione di files e cartelle.

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori (a.a. 2009/10)

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori (a.a. 2009/10) Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori (a.a. 2009/10) Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Antonio Pescapè (pescape@unina.it) SMTP-POP3-DNS Il protocollo SMTP Una

Dettagli

Name Server Operations Guide per BIND Release 4.9.3

Name Server Operations Guide per BIND Release 4.9.3 Name Server Operations Guide per BIND Release 4.9.3 Release dalla 4.9 Paul Vixie 1 Internet Software Consortium La Honda, CA Release fino alla 4.8.3 inclusa Kevin J. Dunlap 2 Michael J.

Dettagli

TELNET [RFC 854,855 1983]

TELNET [RFC 854,855 1983] TELNET [RFC 854,855 1983] NOTA: un RFC (Request For Comment) è un documento pubblico sottoposto alla comunità Internet al fine di essere valutato. Il contenuto di un RFC rappresenta uno standard de facto

Dettagli

Corsi di Formazione Open Source & Scuola Provincia di Pescara gennaio 2005 aprile 2005

Corsi di Formazione Open Source & Scuola Provincia di Pescara gennaio 2005 aprile 2005 Corsi di Formazione Open Source & Scuola Provincia di Pescara gennaio 2005 aprile 2005 CON LINU X R ETI I I http://happytux.altervista.org ~ anna.1704@email.it 1 CONDIVISIONE STAMPANTE DI RETE CON CUPS

Dettagli

Fileserver con SAMBA e Windows

Fileserver con SAMBA e Windows Fileserver con SAMBA e Windows Integrazione con Microsoft Active Directory Emiliano Vavassori BGlug Bergamo Linux User Group Circoscrizione n 2, Largo Röntgen n 3 24128 Bergamo 23 ottobre 2010 LinuxDay

Dettagli

Petra Hosting 2.7. Guida Utente

Petra Hosting 2.7. Guida Utente Petra Hosting 2.7 Guida Utente Petra Hosting 2.7 : Guida Utente Copyright 1996, 2001 Link s.r.l. (http://www.link.it) Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright.

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Giovedì 2-04-2015 1 Come per una pagina Web, anche

Dettagli