Easy Trading, istruzioni per l uso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Easy Trading, istruzioni per l uso"

Transcript

1 Easy Trading, istruzioni per l uso INIZIATIVE SU INDICI AZIONARI, MATERIE PRIME E BOND La prima pagina di Easy Trading scatta una fotografia della situazione in cui versano i mercati azionari, ponendo l accento sugli elementi che ne stanno guidando l andamento: oltre agli indici europei, le aspettative di piazza Affari sono infatti influenzate dalla dinamica di Wall Street e dei mercati asiatici, e più in generale dall evoluzione del prezzo del petrolio, dalle prospettive sui tassi a breve e a lunga scadenza, nonché dall evoluzione dei tassi di cambio, euro/dollaro in testa. In funzione dello scenario globale vengono quindi ricercati i migliori investimenti su indici azionari, materie prime e bond, che possono essere oggetto d impiego tramite l acquisto di Etf (Exchange traded fund) e Certificate quotati rispettivamente sul segmento ETF Plus della Borsa italiana e sul mercato SeDeX. L obiettivo dell investimento è di breve-medio periodo (da una a 10 settimane) e al massimo possono essere selezionate tre indicazioni per non disperdere l attenzione degli Utenti, obbligando gli analisti di Easy Trading ad effettuare la scelta delle soluzioni realmente più interessanti. Tabella indici. Le iniziative d investimento vengono dettagliate nella tabella posta nella stessa pagina e nel testo sottostante. Nella tabella possono essere presenti tre tipi di iniziative: A) iniziative in corso, per le quali è già scattata la condizione di acquisto, riconoscibili dalla presenza del colore sul Prezzo di carico e sulla Var.% (verde quando l iniziativa è in guadagno e rosso quando è in perdita in base al prezzo corrente dell Etf o del Certificate). B) Iniziative in attesa, per le quali non è ancora scattata la condizione di acquisto, riconoscibili dall assenza del Prezzo di carico e della Var.%.

2 C) Iniziative già concluse, per le quali è già scattata la condizione di vendita, riconoscibili dalla valorizzazione della data nella colonna Data uscita. La presenza in tabella delle ultime iniziative già concluse lascia intendere che la situazione dei mercati non consente di giungere alla selezione di tre forme d investimento aventi un congruo rapporto tra rendimento (atteso) e rischio, limitando quindi la scelta alle alternative che offrono le opportune chance di guadagno. In casi estremi è anche possibile trovare in tabella tre iniziative già concluse, segnalando implicitamente la momentanea assenza di operazioni di interesse rilevante. Le informazioni contenute nella tabella riguardano il prezzo di carico (acquisto), il prezzo corrente del titolo (Etf o Certificate), la Var.% del prezzo (performance corrente dell investimento), la quotazione dell attività sottostante l Etf o il Certificate, il primo e il secondo obiettivo di prezzo dell investimento, il prezzo di stop-loss (al di sotto del quale è opportuno chiudere cautelativamente la posizione riducendo la perdita al minimo) e la data di uscita (vendita) per le iniziative già concluse. Gli obiettivi di prezzo e lo stop-loss compaiono in colore blu quando sono riferiti alla quotazione dell attività sottostante (es. quotazione dell indice S&P/Mib anziché la quotazione dell Etf Lyxor S&P/Mib), mentre figurano in nero se sono riferiti alla quotazione dello stesso Etf o Certificate. IN OGNI CASO IL RAGGIUNGIMENTO DI UN TARGET DI PREZZO O DI UNO STOP-LOSS, COSÌ COME L INGRESSO DI NUOVE INIZIATIVE, PRODUCE UN AVVISO CHE VIENE PRONTAMENTE INOLTRATO VIA E- MAIL E VIA SMS AD OGNI UTENTE DEL SERVIZIO, IN CUI VIENE SINTETICAMENTE DESCRITTA LA CONSEGUENZA OPERATIVA CHE NE DERIVA. (Continua)

3 INIZIATIVE SU AZIONI ITALIANE In questa pagina l attenzione è rivolta azioni quotate a piazza Affari dotate di un sufficiente volume di scambi: vengono quindi ricercati i migliori investimenti azionari in un ottica di breve-medio periodo (da una a 10 settimane); al massimo possono essere selezionate tre indicazioni per non disperdere l attenzione degli Utenti, obbligando gli analisti di Easy Trading ad effettuare la scelta delle soluzioni più interessanti. Ognuna è accompagnata da un grafico e da un commento che ne dettaglia la situazione e le prospettive. Tabella azioni. Anche in questa caso le iniziative d investimento vengono dettagliate nella tabella posta nella stessa pagina e nel testo sottostante. Nella tabella possono essere presenti tre tipi di iniziative: A) iniziative in corso, per le quali è già scattata la condizione di acquisto, riconoscibili dalla presenza del colore sul Prezzo di carico e sulla Var.% (verde quando l iniziativa è in guadagno e rosso quando è in perdita in base al prezzo corrente). B) Iniziative in attesa, per le quali non è ancora scattata la condizione di acquisto, riconoscibili dall assenza del Prezzo di carico e della Var.%. C) Iniziative già concluse, per le quali è già scattata la condizione di vendita, riconoscibili dalla valorizzazione della data nella colonna Data uscita. La presenza in tabella delle ultime iniziative già concluse lascia intendere che la situazione del mercato non consente di giungere alla selezione di tre investimenti azionari aventi un congruo rapporto tra rendimento (atteso) e rischio, limitando quindi la scelta alle alternative che offrono le opportune chance di guadagno. In casi estremi è anche possibile trovare in tabella tre iniziative già concluse, segnalando implicitamente la momentanea assenza di operazioni di interesse rilevante. Le informazioni contenute nella tabella riguardano il prezzo di carico (acquisto), il prezzo corrente, la Var.% del prezzo (performance corrente dell investimento), il primo e il secondo obiettivo di prezzo dell investimento, il prezzo di stop-loss (al di sotto del quale è opportuno chiudere cautelativamente la posizione riducendo la perdita al minimo) e la data di uscita (vendita) per le iniziative già concluse. IN OGNI CASO IL RAGGIUNGIMENTO DI UN TARGET DI PREZZO O DI UNO STOP-LOSS, COSÌ COME L INGRESSO DI NUOVE INIZIATIVE, PRODUCE UN AVVISO CHE VIENE PRONTAMENTE INOLTRATO VIA E- MAIL E VIA SMS AD OGNI UTENTE DEL SERVIZIO, IN CUI VIENE SINTETICAMENTE DESCRITTA LA CONSEGUENZA OPERATIVA CHE NE DERIVA.

4 PORTAFOGLI Le tre pagine che costituiscono la sezione Portafogli offrono la possibilità di scelta tra nove differenti composizioni (tre a rischiosità variabile riportate a pagina 3, tre a capitale protetto nella misura del 95% riportate a pagina 4 e tre a capitale protetto nella misura del 90% riportate a pagina 5), suddivise in tre linee di gestione: la componente azionaria del portafoglio di sinistra di ciascuna pagina ha una connotazione Prudente, ovvero tende ad assumere nel complesso una rischiosità inferiore a quella dell indice Mibtel. La componente azionaria del portafoglio centrale di ciascuna pagina ha una connotazione Dinamica, ovvero tende ad assumere nel complesso una rischiosità superiore a quella dell indice Mibtel. La componente azionaria del portafoglio di destra di ciascuna pagina è costituita da Etf (Exchange traded fund) quotati a piazza Affari, che consentono di diversificare agevolmente l investimento su indici azionari internazionali (compresi i paesi emergenti), indici settoriali, indici specifici ( style ) e altri indici. Ciascun portafoglio può essere acquistato in ogni momento impiegando un ammontare pari al controvalore complessivo indicato nella prima riga di ogni tabella, posto pari a 20 mila euro alla data di reset che cade annualmente il primo venerdì dopo l Epifania e che poi si evolve in funzione dell andamento degli investimenti. Le commissioni di negoziazione vanno dunque detratte dal controvalore non investito (liquidità). Possono essere facilmente impiegati importi superiori al controvalore complessivo di ciascun portafoglio nel caso in cui tali importi corrispondano a un multiplo dello stesso controvalore: per esempio, in caso di controvalore complessivo di portafoglio uguale a euro è possibile impiegare agevolmente euro ( euro x 2) moltiplicando per due tutte le quantità di titoli relative allo stesso portafoglio. Come effettuare la scelta. Il primo passo da compiere consiste nel decidere se si desidera disporre di una protezione del capitale (e dei guadagni generati nel frattempo dalla gestione), oppure se non si intende sottoporre il portafoglio ad alcun vincolo di perdita massima: nel primo caso la scelta della protezione del capitale comporta che alla componente azionaria (costituita da Etf per i portafogli impaginati a destra) venga

5 affiancata una quota in titoli di stato italiani (Cct e Btp) opportunamente calibrata per soddisfare la rischiosità massima prescelta; tale rischio di perdita (o meglio di ritracciamento rispetto al massimo controvalore raggiunto dal portafoglio, perché la protezione è attiva sia sul capitale sia sui guadagni prodotti dalla gestione) è pari al 10% per i portafogli a capitale protetto nella misura del 90%, mentre è pari al 5% per i portafogli a capitale protetto nella misura del 95%. Nel secondo caso, che non prevede alcuna protezione del capitale, i portafogli a rischiosità variabile sono costituiti dalla sola componente azionaria (o da Etf per i portafogli impaginati a destra). La scelta tra queste diverse soluzioni deve anche considerare i possibili guadagni, che costituiscono di fatto il classico rovescio della medaglia : sono potenzialmente più elevati per i portafogli a rischiosità variabile (senza protezione), mentre si attestano su livelli inferiori per quelli protetti al 90% e su livelli ancora più contenuti per i portafogli protetti al 95%. E possibile rendersi concretamente conto del rapporto rendimento/rischio osservando il guadagno prodotto da inizio gestione ( Variaz. inizio gestione ), per esempio della linea Dinamica i cui portafogli sono impaginati a centro pagina, posto a confronto con la relativa correzione massima ( Correzione più elevata ). Una volta stabilito se è desiderata la protezione, e in quale misura, occorre effettuare la scelta della linea di gestione: Etf Flessibile se si intende avere un approccio internazionale alla portata di tutti (negoziare Etf è semplice come negoziare azioni) della componente azionaria e si intende operare su un numero inferiore di titoli (gli Etf in portafoglio sono al massimo 6-7, mentre le azioni sono 10-11). Azionario Prudente se si intende puntare sulle azioni più promettenti di piazza Affari selezionate in modo conservativo. Azionario Dinamico se si desidera puntare sulle azioni più promettenti quotate in Italia in modo un po più aggressivo, cercando di raggiungere rendimenti più elevati. Tabella portafogli. La tabella relativa a ciascun portafoglio è suddivisa in due aree: l area superiore riporta le principali informazioni che concernono l intero portafoglio, come il controvalore corrente, la liquidità che residua, le tre performance più importanti (quella settimanale, quella misurata dall ultimo reset di inizio anno e quella da inizio gestione), nonché la correzione più elevata registrata dall inizio della gestione (2 gennaio 2004). Il reset di inizio anno, effettuato solitamente il venerdì successivo all Epifania, serve per

6 ripristinare a 20 mila euro il capitale investito in ciascun portafoglio, liberando i guadagni prodotti in un anno di gestione e riportando a cifra tonda il capitale investito: in quel momento verrà quindi azzerata la performance dall ultimo reset, mentre proseguirà invariata la performance che misura l andamento di ciascun portafoglio da inizio gestione. L area inferiore della tabella ospita invece il dettaglio degli investimenti di portafoglio, mostrando il peso percentuale di ciascuno sul totale, la quantità di titoli in carico ( Q.tà ) e la variazione della quantità ( Var. q.tà ) che interviene in occasione degli aggiustamento del portafoglio; solitamente trascorre almeno un mese tra un aggiustamento e il successivo, salvo condizioni particolari di mercato. Aggiustamenti di portafoglio. In caso di aggiustamento la colonna Var. q.tà conterrà quindi la variazione da apportare al quantitativo in carico che appare nella colonna immediatamente a sinistra (es. 234 Fiat indica che è necessario vendere 234 azioni di Fiat, così come +2 Cct indica che è necessario acquistare due lotti minimi di Cct in più). Gli aggiustamenti si rendono opportuni per cogliere le migliori occasioni di rendimento individuabili sui mercati (è il caso di un aggiustamento che coinvolge solo i titoli azionari o gli Etf), mentre si rendono necessari nel caso in cui anche i titoli di stato subiscano variazioni delle quantità: questo significa che l aggiustamento è finalizzato a salvaguardare il relativo livello di protezione del capitale, oppure a sfruttare più opportunamente la dose di rischio disponibile. Per risultare in linea con l operatività degli Utenti, gli acquisti e le vendite derivanti da ogni aggiustamento vengono contabilizzate da Easy Trading in base ai prezzi della chiusura successiva rispetto al Report inoltrato via che ne dettaglia le operazioni: vengono quindi contabilizzate ai prezzi di chiusura di giovedì quando l aggiustamento è riportato nel Report del mercoledì, mentre vengono contabilizzate ai prezzi di chiusura di lunedì quando l aggiustamento è riportato nel Report del venerdì. La contabilizzazione tiene conto di un livello di commissioni pari allo 0,2% del controvalore complessivo negoziato. IN OGNI CASO QUALSIASI AGGIUSTAMENTO DI PORTAFOGLIO PRODUCE UN AVVISO CHE VIENE PRONTAMENTE INOLTRATO VIA E VIA SMS AD OGNI UTENTE DEL SERVIZIO, RIMANDANDO ALLA LETTURA DEL REPORT IN ARRIVO PER CONOSCERNE I DETTAGLI.

7 I grafici dei portafogli. Ogni portafoglio è corredato da due grafici: il grafico in alto visualizza la distribuzione degli investimenti nelle tre classi di investimento (Alto rischio per le azioni ed Etf, Medio rischio per i titoli di stato a tasso fisso con vita superiore a un anno come i Btp, Basso rischio per i titoli di stato a tasso variabile come i Cct o a tasso fisso con scadenza entro l anno). Il grafico in basso mostra invece l andamento del controvalore del portafoglio nell ultimo anno posto a confronto con l indice Mibtel (nel caso di portafogli a rischiosità variabile dove non è presente la protezione del capitale) o con la soglia di protezione che ne delimita la discesa massima nel caso di portafogli a capitale protetto. Portafogli: note e commenti. Il primo paragrafo di questa pagina riporta il dettaglio di ciascun Etf (codice Isin per una corretta identificazione e principali caratteristiche di ogni Exchange Traded Fund) che figura nelle linee Etf Flessibili. Il secondo paragrafo, presente all occorrenza, fornisce un commento in occasione: a) di un qualsiasi aggiustamento di portafoglio; b) di momenti di turbolenza dei mercati e più in generale in occasione di circostanze dove un commento può risultare gradito agli Utenti del Servizio; c) dello stacco cedole relative a dividendi o interessi maturati su titoli presenti in un qualsiasi portafoglio, dove viene indicato sia l importo unitario sia l importo complessivamente spettante a ciascun portafoglio in cui è in carico; questi proventi vengono contabilizzati da Easy Trading al netto dell imposizione fiscale del 12,5%. Forum online. Nella pagina del Sito Web dedicata al Forum (www.mfiu/forum) è presente una sezione dedicata a Easy Trading, dove si possono vedere gli stessi Avvisi (Alert) inoltrati in tempo reale via e via sms e dove si possono porre domande o avviare discussioni con gli analisti di Easy Trading oppure con gli altri Utenti del Servizio presenti sul Forum. Easy Trading è un marchio registrato di Class Editori Spa e qualsiasi riproduzione parziale o totale dei contenuti deve essere approvata esplicitamente dalla Società. Class Editori Spa non deve per altro essere ritenuta responsabile per fatti e/o danni che possano derivare all'utente e/o a terzi dall'uso dei dati e delle informazioni. Nonostante i continui sforzi tesi a migliorare il prodotto offerto, Class Editori Spa non può garantire né la precisione né l'attualità dei dati e delle informazioni. I servizi offerti non costituiscono e non intendono costituire attività di sollecitazione del pubblico risparmio.

Portafogli e opportunità dall analisi tecnica Volatilità non preoccupante

Portafogli e opportunità dall analisi tecnica Volatilità non preoccupante AGGIORNAMENTO Mercoledì 16 maggio 2007 Stoxx Utilities Portafogli e opportunità dall analisi tecnica Volatilità non preoccupante I mercati azionari stanno consolidando sulle precedenti posizioni, incrementando

Dettagli

Cup&Handle, istruzioni per l uso

Cup&Handle, istruzioni per l uso Cup&Handle, istruzioni per l uso STRATEGIE SULL FTSE-MIB FUTURE (VERS. OPENING E INTRADAY) Il grafico e il commento operativo aprono sia la versione Opening sia quella Intraday della newsletter, visto

Dettagli

Aletti Benchmark Certificate. Scelto il mercato, segue il suo andamento.

Aletti Benchmark Certificate. Scelto il mercato, segue il suo andamento. Aletti Benchmark Certificate. Scelto il mercato, segue il suo andamento. Aletti Certificate. Ti porteremo dove da solo non riusciresti ad arrivare. Lo strumento finanziario che consente di realizzare una

Dettagli

Obiettivo Investimento Certificates UniCredit

Obiettivo Investimento Certificates UniCredit BENCHMARK SUPER STOCK DISCOUNT CERTIFICATES BONUS CERTIFICATES EQUITY PROTECTION I.P. 03.2006 Obiettivo Investimento Certificates UniCredit vitamina torino TRADINGLAB Numero Verde: 800.01.11.22 Fax: +39.02.700.508.389

Dettagli

Indice Banca IMI IMINext Reflex

Indice Banca IMI IMINext Reflex Indice Banca IMI Specialisti per la finanza... pag. 4 IMINext Una linea di prodotti di finanza personale... pag. 5 Reflex Un paniere ufficiale... pag. 6 I mercati a portata di mano... pag. 7 Una replica

Dettagli

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal Lettura delle schede Giunta alla sua decima edizione, la Guida permette agli investitori di accedere ad analisi indipendenti e nuovi strumenti per la selezione dei fondi, compresi i Morningstar Analyst

Dettagli

Nuova operatività Trading con Soldi On Line

Nuova operatività Trading con Soldi On Line Nuova operatività Trading con Soldi On Line 18/05/2005-1 - Sommario 1 L operatività nella sezione Titoli dell Home Banking...3 1.1 Informazioni...3 1.2 Raccolta ordini...3 2 Piattaforma di Visualizzazione

Dettagli

GUIDA OPERATIVA AL SERVIZIO IW SUPERSCALPER

GUIDA OPERATIVA AL SERVIZIO IW SUPERSCALPER GUIDA OPERATIVA AL SERVIZIO IW SUPERSCALPER INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 1.1 Attivazione... 2 2 ADEGUAMENTO AUTOMATICO DEI MARGINI OVERNIGHT... 4 3 MARGIN CALL PER EROSIONE MARGINI... 5 4 MARGIN CALL PER

Dettagli

Indicatori per il trading: dati e indici di Borsa

Indicatori per il trading: dati e indici di Borsa Indicatori per il trading: dati e indici di Borsa Borsa Italiana Spa 7 maggio 2004 Milano 2 Sommario L effetto degli stacchi di dividendo e delle operazioni sul capitale sugli indici azionari 2 Dai numeri

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

INDICE GENERALE 1. SEGNALI TITOLI ITALIA INTRADAY 2 2. SEGNALI TITOLI ITALIA MULTIDAY 5 3. SEGNALI PORTAFOGLIO ITALIA 11

INDICE GENERALE 1. SEGNALI TITOLI ITALIA INTRADAY 2 2. SEGNALI TITOLI ITALIA MULTIDAY 5 3. SEGNALI PORTAFOGLIO ITALIA 11 INDICE GENERALE 1. SEGNALI TITOLI ITALIA INTRADAY 2 2. SEGNALI TITOLI ITALIA MULTIDAY 5 3. SEGNALI PORTAFOGLIO ITALIA 11 4. SEGNALI PORTAFOGLIO EUROPA 17 5. SEGNALI S&PMIB FUTURE INTRADAY 22 6. SEGNALI

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

FAUSTO SALDI GUIDA AGLI ETF

FAUSTO SALDI GUIDA AGLI ETF FAUSTO SALDI GUIDA AGLI ETF Come Acquistare, Vendere e Guadagnare con gli Strumenti Finanziari Efficaci 2 Titolo GUIDA AGLI ETF Autore Fausto Saldi Editore Bruno Editore Sito internet http://www.brunoeditore.it

Dettagli

Manuale Short Selling. Manuale Short Selling 1

Manuale Short Selling. Manuale Short Selling 1 Manuale Short Selling Manuale Short Selling 1 Indice 1. Attivazione servizio... 3 2. Short Selling Intraday... 3 3. Operatività di short selling: margini... 3 Manuale Short Selling 2 4. Titoli ammessi

Dettagli

La nuova articolazione dei mercati azionari di Borsa Italiana

La nuova articolazione dei mercati azionari di Borsa Italiana La nuova articolazione dei mercati azionari di Borsa Italiana Francesco Castagna Iscritto al Corso di Laurea in Economia Bancaria, indirizzo Economia e tecnica dei mercati c/o l Università degli Studi

Dettagli

Scheda prodotto. 100% dell importo nominale sottoscritto. 1 obbligazione per un valore nominale di Euro 1.000

Scheda prodotto. 100% dell importo nominale sottoscritto. 1 obbligazione per un valore nominale di Euro 1.000 Caratteristiche principali del Prestito Obbligazionario Scheda prodotto Denominazione Strumento Finanziario Tipo investimento Emittente Rating Emittente Durata Periodo di offerta Data di Godimento e Data

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI OPPORTUNITA' REDDITO E OPPORTUNITA' REDDITO PLUS

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI OPPORTUNITA' REDDITO E OPPORTUNITA' REDDITO PLUS REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI OPPORTUNITA' REDDITO E OPPORTUNITA' REDDITO PLUS 1. ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEI FONDI INTERNI Eurovita Assicurazioni S.p.A. ha istituito, secondo le modalità previste

Dettagli

Certificati a Leva Fissa

Certificati a Leva Fissa Certificati a Leva Fissa Costanza Mannocchi Trading Online Expo 2014 Milano - Palazzo Mezzanotte - 24 ottobre 2014 Il successo dei certificati a leva fissa su Borsa Italiana I Certificati a Leva Fissa

Dettagli

MINI FUTURE CERTIFICATE

MINI FUTURE CERTIFICATE MINI FUTURE CERTIFICATE MINI FUTURE CERTIFICATE SG Leva, trasparenza e liquidità I Long e Short Mini Future consentono, in modo agevole, di prendere posizioni sia rialziste che ribassiste su indici, azioni,

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. La segmentazione dei Mercati Borsistici

Gestione Finanziaria delle Imprese. La segmentazione dei Mercati Borsistici GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE La segmentazione dei Mercati Borsistici Borsa Italiana SpA Si occupa dell organizzazione, della gestione e del funzionamento dei mercati finanziari, con l obiettivo di:

Dettagli

Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti

Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti Fausto Tenini - Analista Quantitativo presso Ufficio Studi MF-MilanoFinanza - Prof. presso Univ. Statale di Milano, facoltà

Dettagli

SELLAELLA ADVICEDVICE TRADING

SELLAELLA ADVICEDVICE TRADING SELLAELLA ADVICEDVICE TRADING Rho, 4 febbraio 2006 Una piattaforma che cresce A cura di: Romano De Bortoli Cosa abbiamo costruito Un offerta che si è progressivamente ampliata S&P-MIB Future (ex Fib30)

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

Giampaolo Ferradini Autore Il Sole 24 ORE L uso dei derivati nella gestione del Portafoglio. Milano, 12 aprile 2008

Giampaolo Ferradini Autore Il Sole 24 ORE L uso dei derivati nella gestione del Portafoglio. Milano, 12 aprile 2008 Giampaolo Ferradini Autore Il Sole 24 ORE L uso dei derivati nella gestione del Portafoglio Milano, 12 aprile 2008 Sono contratti finanziari in cui si definisce un accordo di remunerazione. La remunerazione

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

Direzione Tecnica Vita Sistema di Offerta Vita e Previdenza Documento Commerciale ad uso interno. Report Gestionale IV Trimestre 2014 Pagina 0

Direzione Tecnica Vita Sistema di Offerta Vita e Previdenza Documento Commerciale ad uso interno. Report Gestionale IV Trimestre 2014 Pagina 0 Report Gestionale IV Trimestre 2014 Pagina 0 Report Gestionale IV Trimestre 2014 Pagina 1 La Gestione Separata è un Fondo, costituito da un insieme di Attività Finanziarie, gestito dalla Compagnia di Assicurazioni

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI KEY INVESTOR INFORMATION (KIID)

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI KEY INVESTOR INFORMATION (KIID) INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI KEY INVESTOR INFORMATION (KIID) Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo fondo. Non

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Equity Coupon 02/2014 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Equity Coupon 02/2014 A chi si rivolge info Prodotto è il nuovo Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un

Dettagli

L OUTLOOK DEL SETTORE ETF/ETP SECONDO BLACKROCK:

L OUTLOOK DEL SETTORE ETF/ETP SECONDO BLACKROCK: L OUTLOOK DEL SETTORE ETF/ETP SECONDO BLACKROCK: IL PATRIMONIO GESTITO IN ETF/ETP A LIVELLO INTERNAZIONALE POTREBBE SUPERARE LA SOGLIA DEI 2.000 MILIARDI DI DOLLARI ENTRO L INIZIO DEL 2012 Gli ETF si impongono

Dettagli

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati L Andamento dei mercati Azionari La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati che aveva interessato gli ultimi mesi del 2 è proseguita per tutto il 21.

Dettagli

Appendice Richiesta dall Organo di Controllo-ISVAP

Appendice Richiesta dall Organo di Controllo-ISVAP Appendice Richiesta dall Organo di Controllo-ISVAP IMPERUM Nota informativa B AVVERTENZE PER IL CONTRAENTE Questa polizza rientra nella categoria di polizze collegate a fondi di investimento denominate

Dettagli

Base Target 04/2022 Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 8

Base Target 04/2022 Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 8 Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 8 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Base Target High Dividend Scheda Sintetica - Informazioni specifiche

Base Target High Dividend Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 8 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali caratteristiche del fondo interno. INFORMAZIONI

Dettagli

Come investire il patrimonio nell era. dell incertezza

Come investire il patrimonio nell era. dell incertezza 18 febbraio 2011 Come investire il patrimonio nell era 2 dell incertezza Roberta Rossi (www.moneyexpert.it) consulente finanziaria indipendente B O R S A R O M A N Z O UNA SINGOLARE EREDITA O tempora o

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Alternative Fund 1 Alternative Fund 2 Alternative Fund 3 ART. 1) ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO MEDIOLANUM INTERNATIONAL LIFE LTD., Compagnia di Assicurazioni sulla

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A.

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di Emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o quotazione dei certificates BORSA PROTETTA e BORSA PROTETTA con CAP e BORSA PROTETTA

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Trio Fund 1 Trio Fund 2 Trio Fund 3 ART. 1) ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO MEDIOLANUM INTERNATIONAL LIFE LTD., Compagnia di Assicurazioni sulla vita appartenente al

Dettagli

Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio

Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio BORSA ITALIANA S.p.A. Derivatives Markets Private Investors Business Development Relatore: Gabriele Villa Disclaimer La pubblicazione del presente

Dettagli

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 10 luglio)

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 10 luglio) (12-lug-2015) Facciamo prima un breve quadro Intermarket: Valute: L Eur/Usd (1,1157) resta in fase di indecisione- l Usd/Yen (122,75) è in correzione dal 5 giugno. Commodities: il Crb Index (218,25) è

Dettagli

- il grafico di payout alla scadenza e alla data odierna per acquisto/vendita di opzioni call e put;

- il grafico di payout alla scadenza e alla data odierna per acquisto/vendita di opzioni call e put; GUIDA OPTION PRICER SOMMARIO Che cos è 3 Dati e orari di disponibilità 3 Modalità di accesso al tool 4 Sezione Pricer 5 Cronologia utilizzo sezione Pricer 8 Sezione Strategia 9 Cronologia utilizzo sezione

Dettagli

FULL OPTION ED. 2009

FULL OPTION ED. 2009 Offerta al pubblico di FULL OPTION ED. 2009 Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Euroquota Aggressiva a premio periodico limitato (Mod. VM2SSISEA138-0414

Dettagli

Iniziamo dal Ciclo Trimestrale sull Eurostoxx future partito il 26 febbraio (dati a 1 ora):

Iniziamo dal Ciclo Trimestrale sull Eurostoxx future partito il 26 febbraio (dati a 1 ora): Iniziamo dal Ciclo Trimestrale sull Eurostoxx future partito il 26 febbraio (dati a 1 ora): Questa settimana l Eurostoxx ha avuto un ulteriore rialzo con nuovi massimi annuali a 2787 e chiusura in forza

Dettagli

Faktor Certificates ed ETF: Innovazione e gestione del rischio

Faktor Certificates ed ETF: Innovazione e gestione del rischio Faktor Certificates ed ETF: Innovazione e gestione del rischio R e l a t o r e : Isabella liso Qualifica: Head of Passive Investments Manufacturing Italia Faktor Certificates ed ETF: Innovazione e gestione

Dettagli

Milano, 12 aprile 2008

Milano, 12 aprile 2008 Donato Finardi (*) Head of Listed Products Banca IMI Investire in borsa: come farlo con gli strumenti a disposizione dei risparmiatori (*) Le opinioni dell autore sono espresse a titolo personale e non

Dettagli

elios gestione trend

elios gestione trend Compagnia di assicurazione vita soggetta all'attività congiunta di direzione e coordinamento di Banca Antonveneta S.p.A. (Gruppo ABN AMRO) e Allianz S.p.A. (Gruppo Allianz SE) Offerta pubblica di sottoscrizione

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA ALPI MARITTIME CREDITO COOPERATIVO CARRU S.C.P.A. in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Banca Alpi Marittime Credito Cooperativo Carrù S.c.p.a.

Dettagli

Gli indici di Borsa di Giovanni Bottazzi, dal 1974 al 1994 responsabile del Servizio statistica della Borsa di Milano, poi Borsa Italiana

Gli indici di Borsa di Giovanni Bottazzi, dal 1974 al 1994 responsabile del Servizio statistica della Borsa di Milano, poi Borsa Italiana Il lato oscuro dei benchmarks Gli indici di Borsa di Giovanni Bottazzi, dal 1974 al 1994 responsabile del Servizio statistica della Borsa di Milano, poi Borsa Italiana SOMMARIO I numeri indici e la loro

Dettagli

TURBO Certificate Long & Short

TURBO Certificate Long & Short TURBO Certificate Long & Short Fai scattare la leva dei tuoi investimenti x NEGOZIABILI SUL MERCATO SEDEX DI BORSA ITALIANA Investi a Leva su indici e azioni! Scopri i vantaggi dei TURBO Long e Short Certificate

Dettagli

INVESTIRE SU TELECOM ITALIA

INVESTIRE SU TELECOM ITALIA SPECIALE NOVEMBRE 2007 INVESTIRE SU TELECOM ITALIA UN 2007 AVARO PER TELECOM ITALIA Tempi duri per gli azionisti di Telecom Italia. Il tempo sembra essersi fermato per chi aveva deciso di scommettere sulla

Dettagli

Redditi di capitale. Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE

Redditi di capitale. Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE Redditi di capitale Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE 7.4 IL POSSESSO DI PARTECIPAZIONI DI SOCIETÀ 7.5 LA TASSAZIONE DEI DIVIDENDI

Dettagli

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QF

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QF Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

REX CERTIFICATE SG. Investire in azioni con un airbag di protezione

REX CERTIFICATE SG. Investire in azioni con un airbag di protezione REX CERTIFICATE REX CERTIFICATE SG Investire in azioni con un airbag di protezione I Rex consentono di acquistare un azione con uno sconto. A fronte di tale vantaggio, l investitore rinuncia a partecipare

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Sella Advice Trading

Sella Advice Trading Le pagine che si aprono cliccando su manuale e track record dovrebbero comparire in una nuova pagina del browser; Sella Advice Trading MANUALE Segnali Titoli Italia All interno: 1 Destinatari del servizio...pag

Dettagli

i-xray versione domestico L informazione finanziaria via internet

i-xray versione domestico L informazione finanziaria via internet i-xray versione domestico L informazione finanziaria via internet Scheda di riepilogo dei contenuti e delle funzionalità 1 CONTENUTI DESCRIZIONE News Notiziario Radiocor L'Agenzia di informazione Radiocor

Dettagli

Manuale Utente Carige Mobile 1. Manuale Utente Carige Mobile

Manuale Utente Carige Mobile 1. Manuale Utente Carige Mobile Manuale Utente Carige Mobile 1 Manuale Utente Carige Mobile Manuale Utente Carige Mobile 2 Accesso al servizio Se avete un iphone (versione Ios 5.1 o successive) o uno smartphone con sistema operativo

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale - l Euro/Dollaro si è indebolito ed ha chiuso sotto l importante soglia psicologica di 1,35 - l Oro ha arrestato il recupero dopo i minimi del 31 dicembre

Dettagli

db x-trackers Strategie ad alto dividendo A Passion to Perform.

db x-trackers Strategie ad alto dividendo A Passion to Perform. db x-trackers Strategie ad alto dividendo Exchange Traded Funds su DJ EURO STOXX Select Dividend 30 Index DJ STOXX Global Select Dividend 100 Index A Passion to Perform. Strategia ad alto dividendo Nel

Dettagli

LA CRISI 2008 EFFETTI SUI PORTAFOGLI UN ANNO DOPO

LA CRISI 2008 EFFETTI SUI PORTAFOGLI UN ANNO DOPO SPECIALE NOVEMBRE 2008 LA CRISI 2008 EFFETTI SUI PORTAFOGLI UN ANNO DOPO Esattamente un anno fa, in occasione della Trading On Line Expo 2007, decidemmo di presentare una serie di speciali approfondimenti

Dettagli

RETURN TOTAL SISTEMA. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return. Eurizon Capital SGR S.p.A.

RETURN TOTAL SISTEMA. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return. Eurizon Capital SGR S.p.A. Eurizon Capital SGR S.p.A. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return SISTEMA TOTAL RETURN COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI DELLE MODIFICHE REGOLAMENTARI ai sensi del Provvedimento della Banca

Dettagli

Caratteristiche e vantaggi della distribuzione diretta su SeDeX di certificati di investimento

Caratteristiche e vantaggi della distribuzione diretta su SeDeX di certificati di investimento Caratteristiche e vantaggi della distribuzione diretta su SeDeX di certificati di investimento Al via la prima «OPV» per tre certificati di investimento di BNP Paribas Indice Introduzione Modello di mercato

Dettagli

Alessandro Aldrovandi. Il trading sul Forex con l indicatore TICK DISTRIBUTION

Alessandro Aldrovandi. Il trading sul Forex con l indicatore TICK DISTRIBUTION Alessandro Aldrovandi Il trading sul Forex con l indicatore TICK DISTRIBUTION Una teoria dei volumi anche per le valute Grazie all osservazione dei contratti futures sulle valute è possibile ampliare la

Dettagli

i-xray versione basic L informazione finanziaria via internet Scheda di riepilogo dei contenuti e delle funzionalità

i-xray versione basic L informazione finanziaria via internet Scheda di riepilogo dei contenuti e delle funzionalità i-xray versione basic L informazione finanziaria via internet Scheda di riepilogo dei contenuti e delle funzionalità Versione 7.0 1 CONTENUTI DESCRIZIONE News Notiziario Radiocor L'Agenzia di informazione

Dettagli

Investi con Me - Obbligazionario Flessibile Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7

Investi con Me - Obbligazionario Flessibile Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QS. Data di istituzione e inizio operatività del fondo interno: 15/03/2014

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QS. Data di istituzione e inizio operatività del fondo interno: 15/03/2014 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352 ALLEGATO 2 - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede Sociale: Via Garibaldi 25, Leno Brescia Iscritta all Albo delle Banche al n. 8340.2 Iscritta

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DEI MERCATI E RELATIVE ISTRUZIONI TRADELECT

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DEI MERCATI E RELATIVE ISTRUZIONI TRADELECT MODIFICHE AL REGOLAMENTO DEI MERCATI E RELATIVE ISTRUZIONI MIGRAZIONE DEI MERCATI MOT, SEDEX ED ETFPLUS SULLA NUOVA PIATTAFORMA TRADELECT PREMESSA Il processo di integrazione tra il London Stock Exchange

Dettagli

CIVIB@NK QUOTAZIONI MANUALE SERVIZIO

CIVIB@NK QUOTAZIONI MANUALE SERVIZIO CIVIB@NK QUOTAZIONI MANUALE SERVIZIO Gruppo Banca Popolare di Cividale SOMMARIO CIVIB@NK QUOTAZIONI...1 SOMMARIO...2 1. ACCESSO ALLA FUNZIONE...3 2. PAGINA DI SINTESI...3 2.1 Navigazione del servizio...4

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori in relazione a questo Fondo. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni

Dettagli

Il Prospetto d offerta è volto ad illustrare all Investitore-Contraente le principali caratteristiche dell investimento proposto.

Il Prospetto d offerta è volto ad illustrare all Investitore-Contraente le principali caratteristiche dell investimento proposto. Offerta al pubblico di CREDEMVITA GLOBAL VIEW prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Assicurazione a vita intera ed a premi liberi - Codice Tariffa 60064) Si raccomanda la lettura della

Dettagli

REGOLAMENTO FONDI INTERNI ASSICURATIVI

REGOLAMENTO FONDI INTERNI ASSICURATIVI REGOLAMENTO FONDI INTERNI ASSICURATIVI 1. Aspetti generali Antonveneta Vita ha istituito e controlla, secondo le modalità previste dal presente Regolamento, la gestione delle risorse destinate ai fondi

Dettagli

I fondi a cedola di Pictet. Cedole predeterminate, sostenibili e a costo zero

I fondi a cedola di Pictet. Cedole predeterminate, sostenibili e a costo zero I fondi a cedola di Pictet Cedole predeterminate, sostenibili e a costo zero Aggiornamento al 28 Aprile 2014 Come Banca Pictet intende la distribuzione dei proventi Cedola predefinita Le percentuali di

Dettagli

GAP: ISTRUZIONI PER L USO

GAP: ISTRUZIONI PER L USO GAP Newsletter per la Gestione Attiva di Patrimoni con Fondi Comuni a cura di Pierluigi Gerbino GAP: ISTRUZIONI PER L USO Quelle che seguono sono le istruzioni ufficiali per il corretto utilizzo operativo

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura 9 maggio)

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura 9 maggio) Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura 9 maggio) VALUTE: - L Euro/Dollaro dopo i massimi annuali (1,3995) ha corretto con decisione- ha chiuso a 1,3762 - Il cambio Usd/Yen è in

Dettagli

Secondo l impostazione della figura precedente a partire dall alto e da sinistra a destra, sono presenti:

Secondo l impostazione della figura precedente a partire dall alto e da sinistra a destra, sono presenti: La Metatrader4 Molti broker hanno scelto di utilizzare la piattaforma Trading Platform Meta Trader 4 che è stata realizzata dalla MetaQuotes Software Corporation, sicuramente una tra le piattaforme più

Dettagli

SISTEMA EUROMOBILIARE

SISTEMA EUROMOBILIARE GRUPPO CREDEM SISTEMA EUROMOBILIARE Regolamento Unico dei Fondi gestiti da Euromobiliare Asset Management SGR SpA Il presente documento è valido a decorrere dal 20.04.2016 INDICE A) SCHEDA IDENTIFICATIVA

Dettagli

AVVISO n.19378. 13 Novembre 2014 ETFplus. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.19378. 13 Novembre 2014 ETFplus. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.19378 13 Novembre 2014 ETFplus Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifiche al Regolamento dei Mercati e relative Istruzioni: OICR aperti/ Amendments

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o di quotazione di investment certificates denominati BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES

Dettagli

Condizioni di contratto relative a Core Unit, prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked

Condizioni di contratto relative a Core Unit, prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked Skandia Vita S.p.A. Impresa di assicurazione italiana appartenente al Gruppo Old Mutual Condizioni di contratto relative a Core Unit, prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked Art. 1 - Oggetto

Dettagli

LYXOR ETF XBEAR FTSE MIB

LYXOR ETF XBEAR FTSE MIB DOCUMENTO PER LA QUOTAZIONE Offerente LYXOR INTERNATIONAL ASSET MANAGEMENT S.A. Ammissione alle negoziazioni di LYXOR ETF XBEAR FTSE MIB OICR aperto estero strutturato di diritto francese costituito ed

Dettagli

Cassa Padana 22/12/2008-22/12/2011 Tasso Variabile ISIN IT0004440902

Cassa Padana 22/12/2008-22/12/2011 Tasso Variabile ISIN IT0004440902 ALLEGATO 2 - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede Sociale: Via Garibaldi 25, Leno Brescia Iscritta all Albo delle Banche al n. 8340.2 Iscritta

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI MOBILIARI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI MOBILIARI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI MOBILIARI INTERNI Art. 1 Costituzione e denominazione dei Fondi Interni. La Compagnia istituisce 2 Fondi Mobiliari Interni denominati: Cattolica Previdenza Bilanciato; Cattolica Previdenza

Dettagli

GLI STRUMENTI di GESTIONE del RISPARMIO

GLI STRUMENTI di GESTIONE del RISPARMIO GLI STRUMENTI di GESTIONE del RISPARMIO Relatore: Roberto Albano Private Investor Products UniCredit Bank AG - Milan Branch Corso istituzionale - Neo Private Banker: una prima formazione tecnico relazionale

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

SeDeX. Covered Warrant e Leverage Certificate

SeDeX. Covered Warrant e Leverage Certificate SeDeX Covered Warrant e Leverage Certificate Prodotti con effetto leva per accrescere il potenziale del proprio portafoglio. SeDeX Introduzione Questi prodotti amplificano al rialzo e al ribasso le performance

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO STRUTTURA DELLA BORSA VALORI ITALIANA Sommario: 1. I comparti della Borsa valori italiana. - 2. Il sistema telematico. - 3. MTA. - 4. Il mercato Expandi. - 5. Idem. - 6. IL sedex. - 7. Il

Dettagli

POLITICHE DI INVESTIMENTO DEI PRODOTTI

POLITICHE DI INVESTIMENTO DEI PRODOTTI Milano, 28 febbraio 2005 Prot. n. 001407/2005/DG/LB Gentile Sottoscrittore, anche quest anno Zenit SGR S.p.A. invia alla Sua attenzione, quale partecipante ai fondi comuni di investimento gestiti dalla

Dettagli

I certificati e le strategie di recupero delle perdite

I certificati e le strategie di recupero delle perdite I certificati e le strategie di recupero delle perdite Nevia Gregorini Trading Online Expo 2014 Milano - Palazzo Mezzanotte - 24 ottobre 2014 Indice 1. Gli Easy e le strategie di recupero delle perdite

Dettagli

Aletti Per Due Certificate. Raddoppia le tue possibilità.

Aletti Per Due Certificate. Raddoppia le tue possibilità. Aletti Per Due Certificate. Raddoppia le tue possibilità. Aletti Certificate. Ti porteremo dove da solo non riusciresti ad arrivare. Lo strumento finanziario che consente di realizzare una strategia d

Dettagli

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012 Come usare gli ETF Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team Rimini, 17 maggio 2012 Cosa sono gli Etf? Gli Etf sono una particolare categoria di fondi d investimento mobiliare quotati

Dettagli

6. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEL RISPARMIO *

6. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEL RISPARMIO * 79 6. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEL RISPARMIO * L'evoluzione del mercato degli strumenti finanziari nei primi 5 mesi del 2002 ha confermato la tendenza emersa nel 2001 e connessa con il perdurante

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

20160414v01. Manuale Derivati 1

20160414v01. Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 2 Indice 1. Introduzione... 3 2. Attivazione servizio... 3 3. Borse... 3 4. Rischi dell operatività in opzioni e futures... 3 4.1 Conoscere è importante...3 4.2 Rischi

Dettagli

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QD. Il fondo interno è un fondo obbligazionario flessibile.

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QD. Il fondo interno è un fondo obbligazionario flessibile. Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Numeri verdi. Te l : 800 920 960. F a x : 800 784 377. I n t e r n e t. w w w. a b n a m r o m a r k e t s. i t. E - m a i l

Numeri verdi. Te l : 800 920 960. F a x : 800 784 377. I n t e r n e t. w w w. a b n a m r o m a r k e t s. i t. E - m a i l Numeri verdi Te l : 8 92 96 F a x : 8 784 377 I n t e r n e t w w w. a b n a m r o m a r k e t s. i t E - m a i l i n f o @ a b n a m r o m a r k e t s. i t Televideo RAI Pagina 343 R e u t e r s A A H

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Equazione di Fisher Siano r il tasso reale, n il tasso nominale ed

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno

Regolamento del Fondo Interno Regolamento del Fondo Interno Art. 1 Istituzione e denominazione del Fondo Interno Helvetia Vita S.p.A. (di seguito la "Compagnia"), al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli investitori

Dettagli

TITOLI DI STATO (BTP, CCT, CTZ, BOC)

TITOLI DI STATO (BTP, CCT, CTZ, BOC) TITOLI DI STATO (BTP, CCT, CTZ, BOC) Analisi fondamentale dei Titoli di Stato Prontuario Intervista per l Investitore 2 Titolo Analisi fondamentale dei Titoli di Stato Autore www.proiezionidiborsa.com

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI. Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DEL CONTRAENTE

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI. Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DEL CONTRAENTE REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DEL CONTRAENTE AIG Foundation Investments (di seguito Contratto ) è una polizza assicurativa di tipo Unit Linked

Dettagli