Prot del 10/05/2012. Alle Ditte interessate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prot. 2229 del 10/05/2012. Alle Ditte interessate"

Transcript

1 Prot del 10/05/2012 Alle Ditte interessate Oggetto: Lettera invito, avente valore di avviso Cottimo fiduciario per la progettazione, fornitura e posa in opera degli arredi della Sala Conferenze e della Sala Giunta dell Edificio Camerale in Siracusa. CIG: Codesta Ditta, qualora lo ritenga di sua convenienza e senza impegno alcuno da parte di questo Ente, è invitata a partecipare alla gara a cottimo fiduciario per l affidamento di quanto in oggetto, secondo modalità e termini in appresso dettagliati. 1) Ente appaltante. Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Siracusa, con sede in Via Duca degli Abruzzi n Siracusa, c.f tel. 0931/ , FAX 0931/ ) Procedura di Gara: Cottimo fiduciario (art. 125 del D.lgs. 163/2006) previa pubblicazione di avviso per progettazione, fornitura e posa in opera degli arredi della Sala Conferenza e della Sala giunta dell edificio camerale in Siracusa. 3) Descrizione. L appalto ha per oggetto la progettazione, la fornitura e la posa in opera degli arredi mobili e fissi da allocare nella Sala conferenza e nella Sala Giunta della Camera di Commercio di Siracusa, come meglio individuati nel Capitolato Speciale Descrittivo e Prestazionale. 4) Importo stimato massimo della fornitura comprensivo della progettazione: ,00 oltre Iva (centomila/00) omnicomprensivi degli oneri di progettazione e di eventuali adeguamenti dettati dal posizionamento degli arredi. Ai sensi dell art. 14 del D.lgs. 163/2006, si precisa che la fornitura ha carattere prevalente e non accessorio rispetto alla prestazione del servizio di progettazione. L importo è da intendersi come mero massimale di spesa stimato presuntivamente sulla scorta delle esigenze tecniche della Camera di Commercio. Detto importo è da intendersi come massimale di spesa e non come importo a base d asta. 5) Fonte di finanziamento: La fornitura trova copertura con fondi camerali propri. 6) Luogo di collocazione della fornitura: Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Siracusa, con sede in Via Duca degli Abruzzi n. 4 Siracusa. 7) Durata dell appalto e termine di esecuzione: Termine massimo per la esecuzione della fornitura è fissato in 60 giorni naturali, successivi e continui decorrenti dalla data di verbale di consegna. 8) Documentazione a corredo del bando: 1) Disciplinare di gara 2) Capitolato Speciale Descrittivo e Prestazionale. I superiori documenti sono visionabili on line presso il sito della Camera di Commercio di Siracusa 9) Termine di presentazione delle offerte: entro e non oltre le ore del 10/07/ ) Indirizzo: Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Siracusa, Via Duca degli 1

2 Abruzzi n Siracusa. 11) Modalità di presentazione delle offerte: secondo quanto previsto al punto I del Capitolato di Gara. 12) Apertura delle offerte: prima seduta pubblica in data 11/07/2012, ore presso i locali della Camera di Commercio di Siracusa. In caso di cambio data, verrà data comunicazione pubblicata sul sito web della Camera di Commercio. 13) Soggetti ammessi a concorrere alla gara: Sono ammessi a partecipare i soggetti di cui all art. 34, comma 1, lett. a) b) c) d) e) f) ed f bis) del D.lgs. 163/2006. In caso di ATI si applicano le disposizioni dell art. 37 del D.lgs. 163/2006. Possono presenziare la gara i legali rappresentanti dei concorrenti, ovvero soggetti, uno per ogni concorrente, muniti di specifica procura notarile conferita dai suddetti legali rappresentanti. Per essere ammessi a presentare offerta i soggetti interessati dovranno essere in possesso dei seguenti requisiti e produrre la relativa documentazione: > Capacità giuridica: Le imprese non devono trovarsi in una delle cause di esclusione previste dall art. 38 del D.lgs. 163/2006. Si richiede inoltre il seguente requisito di idoneità professionale: Iscrizione nel registro delle CCIAA per l attività in appalto, ovvero nel caso di professionisti singoli ed associati, iscrizione ai relativi albi professionali. > Capacità economiche e finanziarie: Le imprese dovranno produrre dichiarazione resa e sottoscritta ai sensi del DPR 445/2008, del fatturato globale di impresa e delle forniture prestate, nel settore oggetto della gara, negli ultimi tre esercizi; > Capacità tecnico-professionale: Elenco delle principali forniture prestate negli ultimi tre esercizi con l indicazione degli importi, delle date e dei destinatari, pubblici o privati, delle forniture medesime. L elenco deve essere reso in forma di dichiarazione resa e sottoscritta ai sensi del DPR 445/2008. In caso di committente pubblico, pena l esclusione, l esecuzione della fornitura deve essere provata da certificati rilasciati dalle amministrazioni medesime. 14) Cauzione provvisoria. L offerta dei concorrenti deve essere corredata, ai sensi dell art. 75 del D.lgs. 163/2006, da una cauzione provvisoria pari al 2% dell importo a base d asta della fornitura. La cauzione deve essere costituita da fideiussione bancaria o polizza assicurativa o polizza rilasciato da intermediario finanziario, iscritto nell elenco speciale di cui all rt. 107 del D.lgs. 385/1993, avente validità per almeno 180 giorni dalla data ultima prevista in bando per la presentazione dell offerta. La cauzione deve essere corredata da dichiarazione di istituto bancario o di una compagnia di assicurazioni o di intermediario finanziario contenente l impegno a rilasciare, in caso di aggiudicazione dell appalto, a richiesta del concorrente, una fideiussione o polizza relativa alla cauzione fideiussione o polizza relativa alla cauzione definitiva in favore della Stazione appaltante, ai sensi dell art. 113 del D.Lgs. 163/2006, e valida per il periodo ivi previsto. L importo della garanzia è ridotto del 50% per gli operatori economici in possesso della certificazione di qualità conforme alle norme europee UNI CEI ISO 9000, rilasciata da organismi accreditati ex art. 75 comma 7 del D.Lgs 163/ ) Cauzione definitiva: l impresa aggiudicataria è tenuta a costituire, ai sensi dell art. 113 del d.lgs 163/2006, una garanzia fidejussoria del 10% dell importo contrattuale, aumentata di tanti punti percentuali quanti sono quelli eccedenti il 10% del ribasso d asta, ovvero di due punti percentuali per ogni punto di ribasso superiore al 20%. L importo della garanzia è ridotto del 50% se sussistono le condizioni di cui all art. 75 comma 7 del d.lgs. 163/ ) Termine di validità dell offerta: 180 (centottanta) giorni dalla data ultima di presentazione stabilita in bando. 17) Criterio di aggiudicazione: La scelta dell aggiudicatario avrà luogo utilizzando il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa secondo quanto stabilito dall art. 83 del D. Lgs.n. 163/2006; l attribuzione dei punteggi - sia per quanto riguarda l offerta tecnica così come l offerta economica - sarà operata da commissione all uopo nominata sulla base dei seguenti elementi di valutazione: Offerta tecnica 2

3 Relazione tecnica: Punti 70/100 Il punteggio relativo alla valutazione della qualità verrà attribuito tenendo in particolar conto i seguenti sotto criteri: - Valore tecnico funzionale della proposta MAX 20 Punti - Design MAX 20 Punti - Gamma colori e finiture MAX 10 Punti - Materiali e prodotti impiegati MAX 10 Punti - Assistenza tecnica e disponibilità ricambi MAX 10 Punti Ai fini della corretta valutazione delle offerte, si raccomanda che la relazione sia chiara ed esaustiva. La relazione dovrà essere accompagnata da disegni, foto, video o quant altro ritenuto utile a descrivere la proposta, secondo quanto specificato nell allegato Capitolato Speciale Descrittivo e Prestazionale. Non saranno ritenute valide quelle offerte tecniche il cui punteggio complessivo non sia superiore a 50 punti. Prezzo: Punti 30/100 Ferma restando l eventuale applicazione dell'istituto dell'offerta anomala, per stabilire il punteggio da assegnare alle concorrenti in relazione al ribasso effettuato sull'importo a base d'asta si adotterà il criterio di proporzionalità in base alla seguente formula: O:Omin =Pmax:X --> X=Omin*Pmax/O Dove: Omin è l'offerta col massimo ribasso ovvero quella a cui verrà assegnato il punteggio di 30 punti, O è l'offerta in esame a cui assegnare in proporzione il punteggio, Pmax è il punteggio massimo assegnato all''offerta col massimo ribasso, X è il punteggio da assegnare all'offerta O. 18) Altre condizioni di partecipazione: E fatto obbligo alle ditte interessate di prendere visione degli ambienti camerali ove allocare le forniture, seguendo le indicazioni, precisazioni, chiarimenti forniti dall Ente, nel pieno rispetto del principio di parità di trattamento per tutti gli offerenti. Non sono ammessi a partecipare alle gare soggetti privi dei requisiti generali di cui all art. 38 del D. Lgs. 163/2006 e dei requisiti di cui alla Legge n. 68/99 (Legge collocamento obbligatorio disabili). I concorrenti devono dichiarare (o certificare) la propria condizione di assoggettabilità o meno agli obblighi di assunzione obbligatoria di cui alla legge 68/99 che disciplina il diritto al lavoro dei disabili. Si potrà procederà all aggiudicazione anche in presenza di una sola offerta valida sempre che sia ritenuta congrua e conveniente. L amministrazione si riserva la facoltà di non procedere ad aggiudicazione alcuna e di interrompere la procedura in qualsiasi momento senza che le imprese abbiano nulla a pretendere. Gli eventuali subappalti saranno disciplinati ai sensi delle vigenti leggi. I pagamenti relativi alle forniture svolte dal subappaltatore o cottimista saranno effettuati dall aggiudicatario, che è obbligato a trasmettere, entro venti (20) giorni dalla data di ciascun pagamento effettuato, copia delle fatture quietanzate con l indicazione delle eventuali ritenute di garanzia operate. La partecipazione alla gara comporta la piena ed incondizionata accettazione di tutte le disposizioni contenute nella presente lettera di invito e negli altri documenti posti a base di gara. Qualora l aggiudicatario non dovesse trasmettere le fatture quietanziate del subappaltatore o del cottimista entro il predetto termine, la stazione appaltante sospende il successivo pagamento a favore dell aggiudicatario medesimo. Nel caso di pagamento diretto, l aggiudicatario dovrà altresì comunicare alla stazione appaltante la parte delle prestazioni eseguite dal subappaltatore o dal cottimista, con la specificazione del relativo importo e con proposta motivata di pagamento. 3

4 I dati raccolti saranno trattati, ai sensi dell art. 10 della Legge n. 675/96, esclusivamente nell ambito della presente gara. Responsabile del Procedimento è il Segretario Generale della Camera di Commercio dott. Roberto Cappellani. La stazione appaltante, ove lo ritenga necessario, ai sensi dell art. 71 del D.P.R. 445/00, può altresì effettuare ulteriori verifiche della veridicità delle dichiarazioni contenute nella busta A, attestanti il possesso dei requisiti generali previsti dall art. 38 del D.lgvo n. 163/2006 e successive modificazioni. Per quanto non previsto, valgono le disposizioni contenute nelle leggi nazionali. Il presente avviso completo di allegati è pubblicato sul sito web della Camera di Commercio di Siracusa F.to IL SEGRETARIO GENERALE (Dott. Roberto Cappellani) 4

5 Cottimo fiduciario per la progettazione, fornitura e posa in opera degli arredi della Sala Conferenze e della Sala Giunta dell Edificio Camerale in Siracusa ALL. 1 - CAPITOLATO DI GARA CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE: Offerta economicamente più vantaggiosa (art. 83 D.Lgs.163/2006 e ss.mm.ii.). I. Modalità di presentazione e criteri di ammissibilità delle offerte I plichi contenenti l'offerta e le documentazioni devono pervenire, pena l'esclusione dalla gara, a mezzo raccomandata del servizio postale statale, ovvero mediante agenzia di recapito autorizzata, all'indirizzo: Camera di Commercio I.A.A. di Siracusa, Via Duca degli Abruzzi, Siracusa, entro e non oltre le ore 12,30 del giorno 10/07/2012. La gara si svolgerà il giorno 11/07/2012 alle ore presso uno dei locali della Camera di Commercio. In caso di cambio data, verrà data comunicazione pubblicata sul sito web della Camera di Commercio I plichi devono essere, a pena di esclusione, idoneamente sigillati, timbrati e controfirmati sui lembi di chiusura e devono recare all'esterno, oltre all'intestazione del mittente e all'indirizzo dello stesso, la seguente dicitura NON APRIRE - Cottimo fiduciario per arredi Sala Giunta e Sala Conferenze. Il recapito tempestivo del plico rimane ad esclusivo rischio dei mittenti I plichi devono contenere, a pena di esclusione, al loro interno tre buste, a loro volta sigillate, timbrate e controfirmate sui lembi di chiusura, recanti l'intestazione del mittente e la dicitura, rispettivamente "A - Documentazione", "B - Offerta Tecnica e C - Offerta economica" in uno con la dicitura della gara cui l'offerta si riferisce. Nella busta "A" devono essere contenuti, a pena di esclusione, i seguenti documenti: 1) Domanda di partecipazione alla gara, sottoscritta dal legale rappresentante del concorrente; nel caso di concorrente aggregato nelle forme della associazione temporanea di imprese non ancora costituita, la domanda con l impegno a costituirsi in ATI - deve essere sottoscritta da tutti i soggetti che costituiranno la predetta associazione; alla domanda, in alternativa all'autenticazione della sottoscrizione, deve essere allegata, a pena di esclusione, copia fotostatica fronte retro, ben visibile ai fini della identificazione del titolare e lettura dei dati ivi contenuti, di un documento di identità del/dei sottoscrittore/i; ove dalla copia del documento di identificazione non siano chiaramente evincibili la identità o i dati anagrafici del concorrente, si procederà all'esclusione da gara. La domanda può essere sottoscritta anche da un procuratore del legale rappresentante ed in tal caso va trasmessa la relativa procura. 1

6 2) Dichiarazione sostitutiva ai sensi del DPR 28 dicembre 2000, n. 445, con la quale il concorrente, assumendosene la piena responsabilità dichiara che l impresa è in possesso della necessaria capacità economico-finanziaria ai sensi dell art. 41 lett. c) del decr. leg.vo n. 163/06 comprovata dai seguenti allegati: a) dichiarazione resa e sottoscritta ai sensi del DPR 445/2008, del fatturato globale di impresa e delle forniture prestate, nel settore oggetto della gara, negli ultimi tre esercizi; 3) Dichiarazione sostitutiva ai sensi del DPR 28 dicembre 2000, n. 445, con la quale il concorrente, assumendosene la piena responsabilità dichiara che l impresa è in possesso della necessaria capacità tecnico professionale ai sensi dell art. 42 lett. a) del decr. Leg.vo n.163/06 e s.m.i., allegando: a) Elenco delle principali forniture prestate negli ultimi tre esercizi con l indicazione degli importi, delle date e dei destinatari, pubblici o privati, delle forniture medesime. L elenco deve essere reso in forma di dichiarazione resa e sottoscritta ai sensi del DPR 445/2008. b) In caso di committente pubblico, pena l esclusione, l esecuzione della fornitura deve essere provata da certificati rilasciati dalle amministrazioni medesime. 4) Dichiarazione sostitutiva ai sensi del DPR 28 dicembre 2000, n. 445 con la quale il concorrente, assumendosene la piena responsabilità dichiara indicandole e precisandole specificatamente, di non trovarsi nelle condizioni di esclusione dalla partecipazione alle gare di Forniture Pubbliche e di stipula di relativi contratti previste nell'articolo 38, comma 1, lettere a), b), c) d), e), f), g), h), i), l), m),mbis), m-ter ed m-quater del D.Leg.vo n. 163/2006 e successive modificazioni e da qualsiasi altra disposizione legislativa e regolamentare. Il concorrente dovrà dichiarare, per ciascuna delle ipotesi di cui alle lettere del richiamato art. 38, comma 1, D.Leg.vo n. 163/2006, di non trovarsi nelle condizioni di esclusione ivi previste. Ed in particolare: a) Dichiara di non trovarsi in stato di fallimento, liquidazione coatta, concordato preventivo, o che nei propri riguardi non sia in corso un procedimento per la dichiarazione di una di tali situazioni; b) Dichiara che nei propri confronti non e' pendente un procedimento per l'applicazione di una delle misure di prevenzione di cui all'art. 3 della legge 27/12/1956, n o di una delle cause ostative previste dall art. 10 della legge n. 575; l esclusione ed il divieto operano se la pendenza del procedimento riguarda il titolare o il direttore tecnico di impresa individuale, il socio o il direttore tecnico di società in nome collettivo, i soci accomandatari o il direttore tecnico di società in accomandita semplice, gli amministratori muniti di poteri di rappresentanza o il direttore tecnico se si tratta di altro tipo di società; c) Dichiara che nei propri confronti non è stata pronunciata sentenza di condanna passata in giudicato, ovvero emesso decreto penale di condanna divenuto irrevocabile, oppure sentenza di applicazione della pena su richiesta, ai sensi dell art. 444 del c.p.p., per reati gravi in danno dello Stato o della Comunità che incidono sulla moralità professionale; è comunque causa di esclusione la condanna, con sentenza passata in giudicato, per uno o più reati di partecipazione 2

7 a un organizzazione criminale, corruzione, frode, riciclaggio, quali definiti dagli atti comunitari citati all art. 45, paragrafo 1, direttiva CE 2004/18. Il divieto opera se la sentenza o il decreto sono stati emessi nei confronti del titolare o il direttore tecnico di impresa individuale, socio o direttore tecnico di società in nome collettivo, i soci accomandatari o il direttore tecnico di società in accomandita semplice, gli amministratori muniti di poteri di rappresentanza o il direttore tecnico se si tratta di altro tipo di società o consorzio. Il concorrente deve indicare anche le eventuali condanne per le quali abbia beneficiato della non menzione ex art. 38, comma 2, del D.Leg.vo n. 163/2006 e s.m.i.: la superiore dichiarazione deve essere resa anche in caso di assenza di condanne per le quali il concorrente abbia beneficiato della non menzione e nei riguardi, oltre che dei soggetti precedentemente indicati, anche di quelli cessati dalla carica nel triennio. d) Dichiara di non aver violato il divieto di intestazione fiduciaria posto dall art. 17 della legge 19/03/1990 n. 55; e) Attesta di non aver commesso gravi infrazioni debitamente accertate alle norme in materia di sicurezza e ad ogni altro obbligo derivante dai rapporti di lavoro, risultanti dai dati in possesso dell Osservatorio; f) Dichiara di non aver commesso grave negligenza o malafede nell esecuzione delle prestazioni affidate dalla stazione appaltante che bandisce la gara e di non aver commesso un errore grave nell esercizio della propria attività professionale, accertato con qualsiasi mezzo di prova da parte della stazione appaltante; g) Dichiara di non aver commesso violazioni, definitivamente accertate, rispetto agli obblighi relativi al pagamento di imposte e tasse, secondo la legislazione italiana o quella dello Stato in cui è stabilito; h) Dichiara che nell anno antecedente la data di pubblicazione del bando di gara non ha reso false dichiarazioni in merito ai requisiti e alle condizioni rilevanti per la partecipazione alle procedure di gara e per l affidamento dei subappalti, risultanti dai dati in possesso dell Osservatorio; i) Dichiara di non aver commesso violazioni gravi, definitivamente accertate, alle norme in materia di contributi previdenziali e assistenziali, secondo la legislazione italiana o quella dello Stato in cui sono stabiliti; l) Dichiara di essere in regola con le norme che disciplinano il diritto al lavoro dei disabili di cui all art. 17 della legge 12 marzo 1999 n. 68; m)dichiara che nei propri confronti non è stata applicata la sanzione interdittiva di cui all art. 9, comma 2, lettera c) del D. Leg.vo n. 231/2001 o altra sanzione che comporta il divieto di contrarre con la Pubblica Amministrazione compresi i provvedimenti interdittivi di cui all art. 36 bis, comma 1, del D.L. 223/06 convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n. 248; m bis) Dichiara di non aver mai prodotto falsa documentazione o dichiarazioni mendaci per partecipazione a gare pubbliche risultanti dal casellario informatico; m ter) Dichiara che non risultano iscritte nell Osservatorio dei contratti pubblici, istituito presso l Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici, segnalazioni a proprio carico di omessa denuncia dei reati previsti dagli artt. 317 e 629 del codice penale, aggravati ai sensi dell art. 7 del D.L n. 152, convertito nella l n. 203, emergenti da indizi a base di richieste di rinvio a giudizio formulate nei tre anni antecedenti alla pubblicazione del bando di gara; m quater) Dichiara alternativamente: 3

8 a. di non essere in una situazione di controllo di cui all art del codice civile con nessun partecipante alla medesima procedura; OVVERO b. di essere in situazione di controllo di cui all art del codice civile e di aver formulato autonomamente l offerta, con indicazione del concorrente con cui sussiste tale situazione; tale dichiarazione deve essere corredata da documenti utili a dimostrare che la situazione di controllo non ha influito sulla formulazione dell offerta, documenti inseriti in separata busta chiusa. n) Indica i nominativi, le date di nascita e di residenza degli eventuali titolari, soci, direttori tecnici, amministratori muniti di poteri di rappresentanza e soci accomandatari, nonché i soggetti cessati dalla carica nel triennio antecedente la data di pubblicazione del bando nei cui confronti non e' pendente un procedimento per l'applicazione di una delle misure di prevenzione di cui all'art. 3 della legge 27/12/1956, n o di una delle cause ostative previste dall art.10 della legge n. 575 ovvero sia stata pronunciata sentenza di condanna passata in giudicato o applicazione di pena su richiesta ai sensi dell art.444 del c.p. per reati gravi in danno dello Stato o della Comunità che incidono sull affidabilità morale e professionale o nei cui confronti sia stata pronunciata sentenza di condanna, passato in giudicato, per uno o più reati di partecipazione a un organizzazione criminale, corruzione, frode, riciclaggio, quali definiti dagli atti comunitari citati all art. 45, paragrafo 1, direttiva CE 2004/18 e altresì non sussistono le condizioni di cui all art. 38 comma 1, lett. m-ter. In tali ipotesi l esclusione da gara opera laddove l impresa non dimostri di aver adottato atti o misure di completa dissociazione dalla condotta penalmente sanzionata; resta in ogni caso salva l applicazione dell art. 178 del c.p. e dell art. 445, comma 2, del c.p.p.. I soggetti cessati potranno autonomamente rendere le dichiarazioni richieste al presente punto o) Attesta ex art. 5, comma 1, del Decreto legislativo n. 113/07 di non essere destinatario di provvedimenti di sospensione da un attività imprenditoriale in quanto ha impiegato personale non risultante dalle scritture o da altra documentazione obbligatoria in misura pari o superiore al 20% del totale dei lavoratori regolarmente occupati, ovvero, in caso di reiterate violazioni in materia di superamento dei tempi di lavoro, di riposo giornaliero e settimanale, di cui agli artt. 4, 7 e 9 del D.Leg.vo n. 66 e s.m.i. ovvero di gravi e reiterate violazioni della disciplina in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro. p) Attesta, sotto la propria personale responsabilità in caso di dichiarazioni mendaci, di non partecipare alla gara con altre imprese riconducibili ad un unico centro decisionale. L Amministrazione si riserva di sottoporre a verifica la presenza o meno di univoci elementi indicativi di collegamento sostanziale tra le imprese concorrenti a gara. q) Attesta di aver preso esatta cognizione della natura dell'appalto e di tutte le circostanze generali e particolari che possono influire sulla prestazione richiesta; r) Dichiara di accettare, senza condizione o riserva alcuna, tutte le norme e disposizioni contenute nel bando di gara, nel capitolato di gara e nel capitolato speciale descrittivo e prestazionale; Il concorrente dichiara altresì: 1) di essersi recato sul posto ove effettuare la fornitura oggetto dell appalto e di non averi dubbi di sorta sulla natura e sulle modalità di esecuzione della stessa, di avere preso conoscenza di tutte le condizioni tecniche e locali nonché di tutte le circostanze generali e particolari che 4

9 possono avere influito sulla configurazione dell offerta, ivi compresa la determinazione del prezzo in relazione alle condizioni contrattuali, e di avere giudicato il prezzo medesimo remunerativo e tale da consentire l offerta che starà per fare; 2) di avere valutato nell offerta tutte le circostanze ed elementi che influiscono sui costi, e di giudicare, quindi, l offerta remunerativa e tale da consentire che la stessa rimanga fissa ed invariabile per qualsiasi causa e circostanza, anche di forza maggiore, per tutta la durata del contratto, anche in deroga all art del cod. civ., salvo disposizioni dell amministrazione concordate tra le parti le circa la variazione di determinate forniture; 3) di avere tenuto conto, nel formulare la propria offerta, di eventuali maggiorazioni per lievitazione dei prezzi che dovessero intervenire durante la prestazione, rinunciando fin d'ora a qualsiasi azione o eccezione in merito; 4) di ritenersi responsabile dei danni di qualsiasi natura che dovessero derivare all Amministrazione o a terzi durante l esecuzione della fornitura o per effetto di questa; 5) indica quali parti della fornitura intende, ai sensi dell art. 118 del D. Lgs. 163/2006, eventualmente subappaltare o concedere a cottimo; 6) indica, a pena l esclusione, il numero di fax e l eventuale tramite i quali vanno inviate le comunicazioni, ex art. 79,comma 5 quinquies del D.leg.vo n. 163/2006 e s.m.i. e le richieste documentali ai fini della verifica delle dichiarazioni rese. 5) Fidejussione bancaria oppure polizza assicurativa oppure polizza rilasciata da un intermediario finanziario iscritto nell'elenco speciale di cui all'art. 107 del D. Leg.vo 01/09/93, n.385 relativa alla cauzione provvisoria ai sensi dell art. 75 del D.lgs. 163/2006, pari al 2% dell importo a base d asta della fornitura, valida per almeno 180 (centottanta) giorni dalla data di presentazione dell'offerta; essa è restituita ai concorrenti non aggiudicatari, entro 30 giorni dall'aggiudicazione provvisoria, ed al concorrente aggiudicatario all'atto della stipula del contratto; La predetta cauzione deve essere corredata da espressa dichiarazione di istituto bancario, oppure di compagnia di assicurazione oppure di intermediario finanziario iscritto nell'elenco speciale di cui all'articolo 107 del D. Leg.vo 1/09/1993, n. 385 contenente l'impegno a rilasciare, in caso di aggiudicazione dell'appalto, a richiesta del concorrente, una fideiussione bancaria, ovvero una polizza assicurativa fidejussoria relativa alla cauzione definitiva in favore della stazione appaltante, valida sino al collaudo provvisorio e/o definitivo. In caso di associazione temporanea di imprese già costituita o da costituire la fideiussione bancaria a titolo di cauzione provvisoria, ovvero la polizza assicurativa o la polizza rilasciata da intermediario finanziario a titolo di cauzione definitiva devono recare espressamente menzione delle imprese nei cui confronti la garanzia è resa. La cauzione provvisoria deve essere prestata secondo lo schema tipo approvato con Decreto del Ministero delle Attività Produttive n.123 del 12/03/2004 contenere le clausole previste dagli artt. 75 e 113 del decr. Leg.vo n. 163/06 e s.m.i. Le dichiarazioni possono essere sottoscritte anche da procuratori dei legali rappresentanti ed in tal caso va trasmessa la relativa procura. Le documentazioni rese devono essere uniche, indipendentemente dalla forma giuridica del concorrente. La domanda, le dichiarazioni e le documentazioni di cui ai punti precedenti devono contenere a pena di esclusione quanto richiesto. 5

10 Nella busta "B Offerta tecnica" devono essere contenuti, a pena di esclusione, i seguenti documenti: 1) Relazione tecnica con disegni ed elaborati progettuali come previsti all art. 4 del capitolato prestazionale e descrittivo. La relazione dovrà essere presentata in originale, in lingua italiana, firmata o siglata in ogni sua pagina e sottoscritta per esteso dal legale rappresentante (o da persona munita di comprovati poteri di firma la cui procura sia stata prodotta nel plico 1) e dal tecnico abilitato che ha curato la progettazione. Si rappresenta che la relazione tecnica può riportare più soluzioni progettuali. In caso di A.T.I. non ancora costituita i documenti tecnici dovranno essere tutti sottoscritti dal mandatario e dal mandante. Nelle relazioni dell offerta tecnica non dovranno essere fornite od individuate, a pena di esclusione, indicazioni di tipo economico o di prezzo che dovranno invece essere inserite esclusivamente nell offerta economica. 2) Attestazione rilasciata dall incaricato dell Ente Camerale di presa visione dei locali camerali ove dovrà essere allocata la fornitura. Nella busta "C Offerta economica" devono essere contenuti, a pena di esclusione, i seguenti documenti: 1) Offerta Economica, chiaramente leggibile, redatta in lingua italiana, sottoscritta in ogni foglio, per esteso, dal titolare o dal legale rappresentante della ditta partecipante, nella quale dovrà essere indicato, in cifre e in lettere, il ribasso unico percentuale proposto sull importo complessivo a base d asta. Nell offerta, con allegato a parte, dovranno anche essere indicati i prezzi unitari proposti per i singoli articoli proposti per la fornitura. In caso di più soluzioni progettuali, fermo restando il ribasso unico percentuale proposto sull importo complessivo a base d asta, dovranno essere indicati i prezzi unitari per i singoli articoli proposti per tutte le soluzioni progettuali. Nel caso di raggruppamento temporaneo di imprese, consorzi o GEIE costituiti o da costituirsi, l offerta deve essere sottoscritta, pena l esclusione, da tutti i rappresentanti delle imprese. E nulla l offerta priva di una o più delle sottoscrizioni richieste. Le offerte condizionate e con riserve sono considerate nulle ed escluse dalla gara. In caso di discordanza tra l offerta indicata in cifre e quella indicata in lettere, sarà ritenuta valida l offerta più conveniente per l Amministrazione. Non sono ammesse offerte in aumento rispetto all importo posto a base di gara. La documentazione di cui sopra dovrà essere sottoscritta dal titolare, legale rappresentante institore o procuratore della Ditta Concorrente. Nella busta contenente l'offerta economica non devono essere contenuti altri documenti. Oltre l'indicato termine di ammissione non resta valida alcuna offerta anche se sostitutiva, integrativa o aggiuntiva di offerta precedente e non si farà luogo a gara di miglioria nè sarà consentito, in sede di gara, la presentazione di altra offerta; non saranno ammesse offerte incomplete, condizionate od espresse in modo generico od indeterminato. II PROCEDURA DI AGGIUDICAZIONE 6

11 La commissione di gara, il giorno fissato dal bando per l'apertura delle offerte, in seduta pubblica, sulla base della documentazione contenuta nei plichi contrassegnati con la lettera "A Documentazione" procederà a: - Verificare la correttezza formale, in adesione alle prescrizioni di bando, delle istanze e della documentazione contenuta nella busta A ed in caso negativo ad escluderle dalla gara; - Verificare il possesso dei requisiti generali dei concorrenti al fine della loro ammissione alla gara, sulla base delle dichiarazioni da essi presentate e delle certificazioni dagli stessi prodotte La stazione appaltante, ove lo ritenga necessario, ai sensi dell'articolo 71 del DPR 445/2000, può altresì effettuare ulteriori verifiche della veridicità delle dichiarazioni, contenute nella busta A), attestanti il possesso dei requisiti generali previsti dall'articolo 38 del D.Leg.vo n. 163/2006 e successive modificazioni; - Verificare la capacità economico - finanziaria e tecnico dei concorrenti sulla base delle dichiarazioni da essi presentate e delle documentazione a corredo prodotta. A seguito dell ammissione dei concorrenti, si procederà in seduta riservata all apertura delle buste contenenti le relazioni tecniche (busta B Offerta Tecnica) con attribuzione del relativo punteggio; subito dopo si procederà nuovamente in seduta pubblica all apertura delle offerte economiche (busta C - Offerta Economica) ed all attribuzione dei relativi punteggi. Si informa che, durante l operazione di apertura dei plichi in seduta pubblica, saranno ammessi a formulare eventuali osservazioni solamente coloro i quali esibiranno al Presidente della commissione un documento idoneo a comprovare la loro legittimazione ad agire per nome e per conto delle ditte partecipanti alla gara. Criteri di valutazione: Offerta tecnica Relazione tecnica: Punti 70/100 Il punteggio relativo alla valutazione della qualità verrà attribuito tenendo in particolar conto i seguenti sotto criteri: - Valore tecnico funzionale della proposta MAX 20 Punti - Design MAX 20 Punti - Gamma colori e finiture MAX 10 Punti - Materiali e prodotti impiegati MAX 10 Punti - Assistenza tecnica e disponibilità ricambi MAX 10 Punti - Ai fini della corretta valutazione delle offerte, si raccomanda che la relazione sia chiara ed esaustiva. La relazione dovrà essere accompagnata da disegni, foto, video o quant altro ritenuto utile a descrivere la proposta, secondi quanto riportato nell allegato Capitolato Speciale Descrittivo e Prestazionale, art. 4. Non saranno ritenute valide quelle offerte tecniche il cui punteggio complessivo non sia superiore a 50 punti. Prezzo: Punti 30/100 Ferma restando l eventuale applicazione dell'istituto dell'offerta anomala, per stabilire il punteggio da assegnare alle concorrenti in relazione al ribasso effettuato sull'importo a base d'asta si adotterà il criterio di proporzionalità in base alla seguente formula: 7

12 O:Omin =Pmax:X --> X=Omin*Pmax/O Dove: Omin è l'offerta col massimo ribasso ovvero quella a cui verrà assegnato il punteggio di 30 punti, O è l'offerta in esame a cui assegnare in proporzione il punteggio, Pmax è il punteggio massimo assegnato all''offerta col massimo ribasso, X è il punteggio da assegnare all'offerta O. Dalla sommatoria dei punteggi tecnici e di quello economico sarà definita, conseguentemente, la graduatoria ai fini dell individuazione dell offerta economicamente più vantaggiosa. L appalto sarà aggiudicato in via provvisoria al concorrente che avrà ottenuto il punteggio complessivamente più elevato dato dalla somma dei punteggi scaturenti dalla valutazione dell offerta tecnica e dell offerta economica. Nel caso di offerte con uguale punteggio totale si procederà all aggiudicazione nei confronti dell offerta che, a parità di prezzo, prospetti la migliore qualità tecnica della prestazione offerta. E facoltà della Stazione Appaltante non procedere all aggiudicazione se nessuna offerta risulti conveniente o idonea in relazione all oggetto del contratto (art. 81 comma 3 del Codice dei contratti). In tal caso nulla potrà vantare la ditta concorrente, indipendentemente dall offerta inviata. Nessun compenso spetterà a nessun titolo ai concorrenti non aggiudicatari per lo studio, la compilazione e la presentazione delle offerte. Sulle dichiarazioni presentate verranno effettuati i controlli di legge per verificare la veridicità di quanto dichiarato ed autocertificato. A seguito dell esito positivo della verifica si procederà all aggiudicazione definitiva. III Stipulazione del contratto Entro quindici giorni dalla ricezione della comunicazione di aggiudicazione definitiva, l'impresa aggiudicataria dovrà presentare la cauzione definitiva, con le modalità e nelle misure stabilite dall'art. 113 del D. Lgs. n. 163/2006; qualora l'offerta della ditta aggiudicataria superi il 10% di ribasso, la cauzione definitiva è aumentata di tanti punti percentuali quanti sono quelli eccedenti il 10%; ove il ribasso sia superiore al 20%, l'aumento è di due punti percentuali per ogni punto di ribasso superiore al 20 %. La mancata consegna della prevista documentazione entro i termini stabiliti, può comportare la revoca dell aggiudicazione definitiva mediante invio di lettera raccomandata, senza necessità di ulteriori adempimenti. L importo della garanzia è ridotto del 50% se sussistono le condizioni di cui all art. 75 comma 7 del d.lgs. 163/2006. L impresa dovrà inoltre produrre Documento Unico di Regolarità Contributiva. Comporterà la decadenza dall'aggiudicazione definitiva e l'incameramento della cauzione provvisoria, con salvezza degli ulteriori provvedimenti che potranno essere adottati in virtù delle vigenti norme in materia, ed impregiudicato ogni altro diritto e conseguente azione spettante all'amministrazione, in uno alla comminatoria delle sanzioni penali in caso di eventuali dichiarazioni mendaci: - La mancata presentazione della cauzione definitiva nella misura e nel termine sopra indicati; - L'esistenza delle condizioni ostative di cui all'art. 38 del D.Leg.vo n.163/2006; - La mancata presentazione per la stipulazione del contratto nel termine che sarà comunque indicato in apposita comunicazione; - La mancata presentazione delle certificazione di regolarità contributiva attestata tramite DURC (documento unico regolarità contributiva) e di ogni altra documentazione richiesta. L'Amministrazione, ai sensi dell art. 140 del D. Leg.vo n. 163/2006 potrà procedere al conferimento dell'appalto al concorrente che segue in graduatoria, il quale è vincolato alla propria offerta sino a 180 gg. dalla data di presentazione stabilita in bando ed in ragione della comunicazione della 8

13 aggiudicazione provvisoria. A carico dell'impresa aggiudicataria sono tutte le spese, comprese quelle di copia, imposte e tasse relative alla gara, alla stipulazione del contratto di appalto ed alla sua esecuzione, e tutti gli oneri previsti nei documenti di appalto. IV Disposizioni finali Si invitano le imprese interessate a tenere presente che la partecipazione alla gara comporta la piena ed incondizionata accettazione di tutte le disposizioni contenute nel presente documento, nel bando di gara e negli altri documenti posti a base di gara. Laddove sussista eventuale contrasto tra le norme della lettera di invito e quelle del presente capitolato di gara, le prime prevarranno sulle seconde. F.to Il Segretario Generale Dott. Roberto Cappellani 9

14 Cottimo fiduciario per la progettazione, fornitura e posa in opera degli arredi della Sala Conferenze e della Sala Giunta dell Edificio Camerale in Siracusa. ALL. 2 CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE Art. 1 - Oggetto dell'appalto L'appalto ha per oggetto la progettazione, la fornitura e la messa in opera degli arredi fissi e mobili della Sala Conferenze e della Sala Giunta della Camera di Commercio I.A.A. di Siracusa secondo le condizioni di seguito indicate. Art. 2 Importo presunto delle fornitura di arredi L'importo presunto massimo della fornitura degli arredi ammonta a complessivi ,00 (euro centomila/00), oltre I.V.A. 21%, omnicomprensivi degli oneri di progettazione e di eventuali adeguamenti dettati dall allocazione degli arredi. L' Amministrazione avrà la facoltà di variare, di concerto con il fornitore aggiudicatario, le forniture elementari elencate in appresso, rinunciando ad alcune od aggiungendone altre in quanto ritenute più particolarmente adatte alle proprie esigenze e l'impresa dovrà pertanto uniformarsi a tali prescrizioni senza potere perciò sollevare eccezioni di sorta. Il prezzo complessivo della fornitura potrà subire in conseguenza semplici variazioni in meno od in più sulla base della tariffa dei prezzi, in relazione alle varianti introdotte ed alle indicazioni fornite, senza che per ciò stesso l'impresa possa avanzare pretese o diritti di sorta volti alla variazione del corrispettivo contrattuale. In ragione di quanto sopra la proposta progettuale elaborata dal concorrente dovrà essere improntata a criteri di massima flessibilità, al fine di consentire modifiche alla disposizione e organizzazione degli spazi in base a eventuali nuove esigenze dell Amministrazione committente. Art. 3 Caratteristiche degli arredi e dei materiali e relazione tecnica I quantitativi e la tipologia degli arredi richiesti in appresso sono da intendersi quali indicazioni di massima finalizzate all individuazione della tipologia degli arredi occorrenti e come indicazione di base rispetto alle quali l offerta dovrà presentare elementi di innovazione e di miglioria, anche quantitativa, e per tipologia di arredo. Gli arredi offerti dovranno avere dimensioni e caratteristiche tali da essere compatibili con l ambiente ed i luoghi in cui andranno inseriti. Gli arredi dovranno essere di ottima fattura e consoni agli ambienti istituzionali di rappresentanza ove verranno allocati. Le forniture minime richieste, a partire della quali i concorrenti dovranno elaborare proposte progettuali complete ed esaustive, proponendone tipologia, materiali, quantità, cromatismi, sono così definite: 1

15 Per Sala Conferenze: Min. n. 99 poltrone fisse imbottite, senza tavolette scrittoio, allocate in modo da garantire spazi centrali e laterali di passaggio, nel rispetto delle norme in materia di sicurezza e nel rispetto dei piani di evacuazione; N. 1 tavolo per relatori, adatto alla dimensione dell ambiente della Sala, da allocare nella sopra pedana già esistente e che abbia le dovute predisposizioni che consentano di allocarci le attrezzature audio-video. In tal senso la ditta dovrà prendere visione del progetto tecnico delle attrezzature e degli impianti già posti in opera; Min. n. 8 poltroncine mobili per relatori in abbinamento estetico-funzionale al tavolo relatori di cui sopra; Tende oscuranti che, attraverso idonei sistemi automatici di salita e di discesa, collegati al già esistente sistema, consentano il parziale oscuramento dell ambiente nell ipotesi di videoproiezione; N. 1 podio leggio per oratoria, anch esso in abbinamento estetico-funzionale al tavolo dei relatori ed al relativo sistema audio-video; Corpi illuminanti a parete e/o a soffitto idonei a garantire una corretta illuminazione degli ambienti, e che al tempo stesso diano la garanzia di esaltare il contesto architettonico della sala conferenze. Numero e tipologia dei corpi illuminanti deve essere in accordo con le soluzioni progettuali proposte ed in accordo con il numero di punti luce già esistenti, rispetto ai quali è ammessa variazione in difetto. Per Sala Giunta: N. 1 tavolo riunione, con sistema atto a garantire la scomparsa anche parziale di monitor LCD e/o postazioni informatiche, dimensionato nella misura massima consentita per l ambiente Sala Giunta. In tal senso la ditta dovrà prendere visione del progetto tecnico delle attrezzature e degli impianti già posti in opera; Min. n. 12 poltroncine mobili per Sala Giunta in abbinamento estetico-funzionale al tavolo di cui sopra. Detto numero è indicativo, e può variare in relazione alle dimensioni ed alla tipologia più o meno ellittica del tavolo che la ditta intende proporre; Corpi illuminanti a parete e/o a soffitto idonei a garantire una corretta illuminazione dell ambiente della Sala Giunta, e che al tempo stesso diano la garanzia di esaltare il contesto architettonico della sala conferenze. Numero e tipologia dei corpi illuminanti deve essere in accordo con le soluzioni progettuali proposte ed in accordo con il numero di punti luce già esistenti, rispetto ai quali è ammessa variazione in difetto. Tende da apporre alle aperture esterne esistenti e che consentano il parziale oscuramento dell ambiente nell ipotesi di video-proiezione e che al tempo stesso, attese le ridotte dimensioni della sala giunta, abbiano una rilevante valenza estetica; La Ditta ha la facoltà di integrare gli arredi della Sala Giunta prevedendo l allocazione di arredi complementari e/o complementi di arredo che diano un valore aggiunto sotto il profilo estetico e funzionale e che siano in ogni caso relazionati e coerenti con gli spazi dell ambiente. 2

16 Relativamente alla fornitura ed installazione dei corpi illuminanti, si specifica che la stessa deve essere coerente con il già esistente impianto elettrico. Gli arredi dovranno essere di primaria marca nazionale o internazionale, con particolare attenzione al design ed essere omologati ove previsto, alla classe di reazione al fuoco, indicata in ogni articolo, con certificazione di omologazione rilasciata dal Ministero dell'interno. Tutti gli arredi proposti dovranno garantire i più alti standard di robustezza rispetto a quanto presente sul mercato. Essi dovranno in particolare garantire un elevato livello estetico di finitura, consono all ambiente istituzionale ove sono allocate, in modo da creare un ambiente confortevole e di altro design; dovranno altresì possedere caratteristiche di accessibilità, praticità d uso, facilità di pulizia e manutenzione. Gli arredi proposti dovranno pertanto: - essere di elevato design; - essere resistenti alle abrasioni ed agli urti; - essere privi di spigoli o appendici particolarmente esposte che possano provocare traumi all utenza e agli operatori. Il materiale fornito ed il sistema di arredo dovranno rispondere, oltre al progetto della struttura, anche a tutte le norme italiane ed europee sulla sicurezza dei luoghi di lavoro. Il concorrente dovrà verificare e dichiarare tramite professionista abilitato (ingegnere, architetto o altro professionista che eserciti una professione correlata all oggetto del bando di che trattasi) che sottoscriverà, unitamente al legale rappresentante dell impresa concorrente, tutti gli elaborati tecnici di gara, che la proposta progettuale presentata è rispondente e compatibile, dal punto di vista tecnico, con l immobile e le sue caratteristiche. Art. 4 Compilazione della relazione tecnica e presa visione dei luoghi La proposta progettuale relazione tecnica deve essere compilata dal concorrente in modo da tenere presente tutte le prescrizioni contenute nel presente Capitolato e deve essere così costituita: 1. una relazione illustrativa degli arredi fissi e mobili proposti e dei corpi illuminanti, redatta e sottoscritta da tecnico abilitato, contenente la descrizione dei criteri adottati nello studio del progetto e l'indicazione precisa dei particolari di dettaglio di maggiore importanza La relazione tecnica può presentare più soluzioni progettuali, fermo restando il ribasso unico percentuale proposto sull importo complessivo a base d asta. Nella relazione di dovrà tenere conto anche dell impatto cromatico degli arredi e si dovranno proporre i colori di rifinitura delle pareti delle sale interessate per la tinteggiatura delle stesse a cura della stazione appaltante. Alla relazione devono essere allegati i seguenti documenti: 2. Elenco degli arredi proposti indicante marca, modello, materiali impiegati; 3. Rendering a colori chiaro e completo degli ambienti Sala Conferenze e Sala Giunta ove si possa aver visione della allocazione di tutti gli arredi e complementi proposti (corpi illuminanti, tende, etc.) 3

17 4. Planimetrie degli ambienti Sala Conferenze e Sala Giunta con allocazione di tutti gli arredi e complementi proposti (corpi illuminanti, tende, etc.)proposti gli arredi collocati negli ambienti della Sala Conferenza e della Sala Giunta. 5. Eventuali video animazioni 3D degli arredi posti in opera nel contesto degli ambienti e quant altro la ditta intenda proporre per consentire alla commissione una valutazione completa ed organica della proposta. 6. Per ogni tipologia di arredo dovrà essere presentato il disegno esecutivo e/o fotografie e depliant e quant' altro necessario alla completa rappresentazione di ogni singolo pezzo della fornitura; 7. Una dichiarazione del concorrente dalla quale risulti inequivocabilmente che nei prezzi offerti sono comunque compresi e compensati tutti quegli oneri, spese generali di qualsivoglia genere e natura, oltre agli utili dell'impresa, che saranno necessari per dare la prestazione perfettamente finita e funzionante anche se non esplicitamente previsti nel presente Capitolato; 8. Una dichiarazione del concorrente dalla quale risulti che gli arredi sono conformi alle normative in materia antinfortunistica e di prevenzione incendi, in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, e che gli arredi sono comprensivi di garanzia e servizio assistenza postvendita; 9. attestazione rilasciata dall incaricato dell ente di presa visione dei locali camerali ove dovrà essere allocata la fornitura. Nella relazione, al fine di consentire alla commissione una adeguata valutazione della proposta e quindi facilitarne l attribuzione dei punteggi, la dittà può indicare nella relazione tecnica di cui sopra in maniera distinta, ovvero punto per punto, i seguenti elementi: - il valore tecnico funzionale della proposta; - il design; - la gamma dei colori e delle forniture; - la tipologia dei materiali e prodotti impiegati; - la tipologia di assistenza tecnica e di garanzie oltre che la disponibilità di ricambi. La relazione dovrà essere presentata in originale, in lingua italiana, firmata o siglata in ogni sua pagina e sottoscritta per esteso dal legale rappresentante (o da persona munita di comprovati poteri di firma la cui procura sia stata prodotta nel plico A) e dal tecnico che ha curato la progettazione. In caso di A.T.I. non ancora costituita i documenti tecnici dovranno essere tutti sottoscritti dal mandatario e dal mandante. Nelle relazioni dell offerta tecnica non dovranno essere fornite od 4

18 individuate, a pena di esclusione, indicazioni di tipo economico o di prezzo che dovranno invece essere inserite esclusivamente nell offerta economica. Relativamente alla presa visione dei luoghi la stessa è obbligatoria per le ditte interessate a partecipare. Le ditte dovranno rilevare lo stato dei luoghi al fine della redazione della proposta progettuale, effettuando un sopralluogo previo appuntamento la cui richiesta deve essere inoltrata ai seguenti indirizzi mail: Possono partecipare al sopralluogo i legali rappresentanti delle ditte interessate o in alternativa soggetti muniti di apposita delega. Durante le operazioni di sopralluogo, le ditte riceveranno chiarimenti, informazioni ed istruzioni da parte dell Ente circa dimensionamenti e tipologia di arredi, secondo le esigenze dell ente medesimo. L Ente assicura che verrà rispettato il principio della parità di trattamento tra tutti i soggetti interessati. Al termine delle operazioni di sopralluogo, verrà rilasciata dall ente apposita certificazione obbligatoria ai fini della partecipazione alla gara. La Commissione di gara si riserva la facoltà, in sede di valutazione della qualità dei prodotti offerti, di richiedere ai concorrenti campioni di singoli elementi di arredo, i quali devono essere forniti nei tempi e con le modalità indicate nella richiesta, pena la esclusione dalla gara. La Commissione di gara, tramite membro delegato, si riserva la facoltà di prendere visione direttamente degli arredi proposti presso le ditte fornitrici indicate dalla ditta offerente. Art. 5 Criteri e modalità di aggiudicazione I criteri e le modalità di aggiudicazione dono quelli stabili all art. 17 del Bando di Gara. La gara sarà esperita tramite cottimo fiduciario con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi dell art. 83 D.Leg.vo n. 163/2006 e s.m.i. La commissione giudicatrice sarà nominata secondo le disposizioni dell art. 84 del D.lgs. 163/2006. Art. 6 Documenti facenti parte del contratto Si intendono parte integrante del contratto di appalto: - il presente Capitolato Speciale descrittivo e prestazionale; - la proposta progettuale della Ditta assuntrice, corredata di tutti documenti precedentemente specificati e con le modifiche richieste dall'amministrazione appaltante e regolarmente concordate. Art. 7 Osservanza di leggi e regolamenti L'Appaltatore dovrà osservare sia le leggi ed i regolamenti vigenti (nazionali, regionali e provinciali) in materia di appalti di opere e forniture alla P.A., L'Appaltatore, con la sottoscrizione del presente capitolato, dichiarerà di accettare incondizionatamente e di conoscere perfettamente tutte le leggi, i regolamenti, le norme e le disposizioni richiamate nel presente capitolato. Art. 8 Cauzione definitiva L'impresa aggiudicataria dovrà presentare la cauzione definitiva, con le modalità e nelle misure stabilite dall'art. 113 del D. Lgs. n. 163/2006; qualora l'offerta della ditta aggiudicataria superi il 10% di ribasso, la cauzione definitiva è aumentata di tanti punti percentuali quanti sono quelli eccedenti il 10%; ove il ribasso sia superiore al 20%, l'aumento è di due punti percentuali per ogni punto di ribasso superiore al 20 %. La mancata consegna della prevista documentazione entro i termini stabiliti, può comportare la revoca dell aggiudicazione definitiva mediante invio di lettera 5

19 raccomandata, senza necessità di ulteriori adempimenti. L importo della garanzia è ridotto del 50% se sussistono le condizioni di cui all art. 75 comma 7 del d.lgs. 163/2006. Art. 9 Anticipazioni dell Amministrazione Non è prevista alcuna anticipazione sul prezzo di appalto. Eventuali richieste di anticipazione dovranno essere preventivamente approvate dall Amministrazione. Art. 10 Subappalti, cottimi, cessioni In materia di subappalto trovano applicazione le disposizioni di cui all art. 118 del Codice dei Contratti di cui al D.Leg.vo n. 163/2006 e s.m.i.; in materia di cessione dei crediti derivanti dal contratto si applicano le disposizioni di cui all art. 117 del medesimo Codice. E fatto divieto assoluto di cessione in tutto o in parte del contratto di fornitura. Il concorrente, in caso di sub appalto, dovrà indicare in sede di partecipazione la parte della fornitura o servizio che intende subappaltare, la stessa in ogni caso non potrà essere superiore al 30% dell importo del contratto. Il sub-appalto deve comunque essere autorizzato, resta impregiudicata la responsabilità dell appaltatore aggiudicatario. I pagamenti al subappaltatore saranno effettuati direttamente dall aggiudicatario. I pagamenti relativi alle forniture svolte dal subappaltatore o cottimista saranno effettuati dall aggiudicatario, che è obbligato a trasmettere, entro venti (20) giorni dalla data di ciascun pagamento effettuato, copia delle fatture quietanzate con l indicazione delle eventuali ritenute di garanzia operate. Art. 11 Consegna La consegna della fornitura all'appaltatore verrà effettuata entro 15 giorni dalla data di stipula del contratto. Art. 12 Tempo per l ultimazione delle forniture- Penale Il tempo utile per dare ultimate tutte le forniture sarà di 60 giorni naturali successivi e continui decorrenti dalla data del verbale di consegna. La penale pecuniaria resta stabilita nella misura dell'uno per mille dell'importo netto di appalto per ogni giorno di ritardo. La fornitura che risultasse difettosa o non rispondente a quando proposto in sede di offerta tecnica sarà non accettata e la impresa fornitrice avrà l obbligo di ritirarla e sostituirla con altra a propria cura e spese. In caso contrario l amministrazione potrà acquistare il bene presso terzi ed addebitare all impresa l eventuale maggiore prezzo. Rimane in ogni tempo facoltà dell Amministrazione risolvere il rapporto d appalto ove sussistano elementi di rilevante inadempimento da parte dell impresa fornitrice. Il protrarsi del ritardo per fatti dell impresa per più di trenta giorni dal termine stabilito è considerato grave negligenza e può comportare la risoluzione contrattuale, fatta salva l esecuzione della procedura in danno. Art. 13 Proroghe Le eventuali proroghe per l'ultimazione delle forniture dovranno essere richieste dall'appaltatore prima della data di ultimazione prevista e se fondate potranno essere concesse dall'amministrazione. Art. 14 Liquidazione e pagamento dei corrispettivi 6

20 Le fatture potranno essere presentate solo per i prodotti positivamente collaudati. Le stesse dovranno riportare il codice CIG della presente gara. Il corrispettivo dovuto sulla base dell ordinazione sarà liquidato entro 30 giorni dalla data della collaudo se positivo, ovvero se successiva, dalla data di ricezione della fattura, redatta secondo le norme in vigore. L'Amministrazione non potrà essere considerata in mora prima che siano decorsi i suddetti termini. I pagamenti sono subordinati all acquisizione del certificato di regolarità contributiva D.U.R.C., le cui risultanze devono essere dichiarate regolari. L'Amministrazione, al fine di garantirsi in modo efficace sulla puntuale osservanza delle clausole contrattuali, può sospendere, ferma l'applicazione delle eventuali penalità, i pagamenti all'impresa cui sono state contestate inadempienze nella esecuzione delle forniture, fino a che non si sia posta in regola con gli obblighi contrattuali. La ditta esecutrice dovrà produrre dichiarazione di tracciabilità dei pagamenti ai fini dell'applicazione degli obblighi di cui all art. 3 della Legge 13/08/2010, n. 136 e succ. mod. ed integr. Art. 15 Collaudo Il collaudo deve accertare che i beni presentano i requisiti richiesti dal contratto, o dai capitolati dallo stesso richiamati, anche i requisiti espressi con la presentazione dell'offerta e accettati dall'amministrazione. Il collaudo verrà eseguito nei luoghi dove è avvenuta la consegna, entro 30 giorni dalla data di consegna, da dipendenti dell'amministrazione o, eventualmente, da soggetti esterni all'uopo incaricati. Alle operazioni di collaudo l'impresa può farsi rappresentare da propri incaricati. L'assenza di rappresentanti dell'impresa è considerata come acquiescenza alle constatazioni ed ai risultati cui giungono i collaudatori, e gli eventuali rilievi e determinazioni sono comunicati all'impresa, tempestivamente, a mezzo di lettera raccomandata. Delle operazioni di collaudo sarà redatto specifico verbale, firmato dagli esecutori e, se presenti, dagli incaricati dell'impresa. Art. 16 Risultati di collaudo I collaudatori, sulla base delle prove ed accertamenti effettuati, possono: 1) accettare i prodotti; 2) rifiutare, in tutto o in parte, i prodotti; 3) dichiarare rivedibili, in tutto o in parte i prodotti. Il regolare collaudo dei prodotti non esonera comunque l'impresa per eventuali difetti ed imperfezioni che non siano emersi al momento della collaudazione ma vengano in seguito accertati. Sono rifiutate le forniture che risultano difettose o in qualsiasi modo non rispondenti ai requisiti richiesti dal contratto, o dai capitolati dallo stesso richiamati, ovvero i requisiti espressi con la presentazione dell'offerta e accettati dall'amministrazione. Salvo diversa indicazione contrattuale, l'impresa ha l'obbligo di ritirare e di sostituire a sua cura e spesa i prodotti non accettati al collaudo entro 7 giorni dalla data del verbale, dei collaudatori da cui risulti l'avvenuto rifiuto; o dalla data della lettera raccomandata dell'amministrazione di notifica del rifiuto, ove l'impresa non abbia presenziato al collaudo. Possono essere dichiarati rivedibili quei prodotti che presentano difetti di lieve entità, cioè non risultano perfettamente conformi alle prescrizioni tecniche o all'offerta presentata, e per essi si ritiene che possano essere posti nelle condizioni prescritte, salvo l'applicazione di eventuali penali per ritardata consegna. In via di 7

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale).

DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale). Allegato al MOD. PRES. Mod. DICH/14. DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale). DELLA IMPRESA (denominazione e ragione sociale). SEDE LEGALE

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA AL COMUNE DI OLGIATE MOLGORA VIA STAZIONE 20 - OLGIATE MOLGORA (LC) GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA. All Università degli Studi di Bari ALDO MORO Piazza Umberto I n. 1 70121 Bari

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA. All Università degli Studi di Bari ALDO MORO Piazza Umberto I n. 1 70121 Bari ISTANZA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA All Università degli Studi di Bari ALDO MORO Piazza Umberto I n. 1 70121 Bari CIG: 55637729E4 Procedura aperta per l affidamento del servizio di raccolta,

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

Procedura aperta per l affidamento della fornitura di disinfestanti e derattizzanti. ALLEGATO C

Procedura aperta per l affidamento della fornitura di disinfestanti e derattizzanti. ALLEGATO C Procedura aperta per l affidamento della fornitura di disinfestanti e derattizzanti. ALLEGATO C ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE La dichiarazione che segue deve essere resa dall Impresa concorrente completa

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Largo Luigi Daga, 2 00164 ROMA Tel.06/665911 fax 06/66165233 C.F.

ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Largo Luigi Daga, 2 00164 ROMA Tel.06/665911 fax 06/66165233 C.F. ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Largo Luigi Daga, 2 00164 ROMA Tel.06/665911 fax 06/66165233 C.F. 96154220584 BANDO PER ISTITUZIONE ELENCO IMPRESE DA INVITARE ALLE

Dettagli

AL COMUNE DI CARPENEDOLO SERVIZI ALLA PERSONA PRESENTAZIONE DELL OFFERTA

AL COMUNE DI CARPENEDOLO SERVIZI ALLA PERSONA PRESENTAZIONE DELL OFFERTA AL COMUNE DI CARPENEDOLO SERVIZI ALLA PERSONA Mod. PRES 1. PRESENTAZIONE DELL OFFERTA Per la pubblica gara avente ad oggetto Procedura aperta per l affidamento del servizio di assistenza ad personam Periodo

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Spett.le * * * Si invita a far pervenire, esclusivamente a mezzo raccomandata o posta celere oppure consegnato a mano, presso

Spett.le * * * Si invita a far pervenire, esclusivamente a mezzo raccomandata o posta celere oppure consegnato a mano, presso LETTERA INVITO A TRATTATIVA PRIVATA APERTA per Fornitura di Servizi di TRASLOCO di mobili e documenti da ufficio da Roma, Via Cristoforo Colombo 283/A (8 piano) a Roma, Quintino Sella, 42, CIG: Z9C0C2C891

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA D ATTO NOTORIO Autodichiarazioni a comprova requisiti soggettivi 1

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA D ATTO NOTORIO Autodichiarazioni a comprova requisiti soggettivi 1 Spett.le VERITAS SPA APPROVVIGIONAMENTI BENI E SERVIZI Via Porto di Cavergnago 99 30173 MESTRE VE acquisti@cert.gruppoveritas.it DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA D ATTO NOTORIO Autodichiarazioni a comprova requisiti

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA ARTT. 46 E 47 D.P.R. 445/2000 (possesso requisiti d ordine generale e speciale)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA ARTT. 46 E 47 D.P.R. 445/2000 (possesso requisiti d ordine generale e speciale) mod. dichiarazione sostitutiva possesso requisiti d ordine generale e speciale DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA ARTT. 46 E 47 D.P.R. 445/2000 (possesso requisiti d ordine generale e speciale) OGGETTO PROCEDURA

Dettagli

C O M U N E D I M O D I C A

C O M U N E D I M O D I C A C O M U N E D I M O D I C A XI SETTORE Sezione 1 a - Manutenzione Strade e Illuminazione BANDO DI GARA Ai fini del presente bando-disciplinare si intende per: - CODICE : il D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA Viale Tiziano n. 70-00196 Roma C.F. 97015300581 - P. IVA 06454831006

FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA Viale Tiziano n. 70-00196 Roma C.F. 97015300581 - P. IVA 06454831006 FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA Viale Tiziano n. 70-00196 Roma C.F. 97015300581 - P. IVA 06454831006 Disciplinare di gara pubblica per l affidamento dei servizi di trasporto funzionali all espletamento

Dettagli

Disciplinare di gara per l affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e servizi annessi presso la sede di SACE S.p.A. in Roma, Piazza Poli 37/42

Disciplinare di gara per l affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e servizi annessi presso la sede di SACE S.p.A. in Roma, Piazza Poli 37/42 Disciplinare di gara per l affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e servizi annessi presso la sede di SACE S.p.A. in Roma, Piazza Poli 37/42 1 DISCIPLINARE DI GARA GARA EUROPEA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA (Norme Integrative al bando di gara mediante procedura aperta)

DISCIPLINARE DI GARA (Norme Integrative al bando di gara mediante procedura aperta) AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Ospedale S. Carlo di Potenza Ospedale S. Francesco di Paola di Pescopagano Via Potito Petrone 85100 Potenza Codice Fiscale e Partita IVA 01186830764 DISCIPLINARE

Dettagli

COMUNE DI GONARS COMUNE DI LINGUA E CULTURA FRIULANE COMUN DI GONÂRS COMUN DI LENGHE E CULTURE FURLANIS

COMUNE DI GONARS COMUNE DI LINGUA E CULTURA FRIULANE COMUN DI GONÂRS COMUN DI LENGHE E CULTURE FURLANIS COMUNE DI GONARS COMUNE DI LINGUA E CULTURA FRIULANE COMUN DI GONÂRS COMUN DI LENGHE E CULTURE FURLANIS UFFICIO LAVORI PUBBLICI LAVÔRS PUBLICS Tel. 0432 99 20 21 - Fax 0432 99 20 51 lavori.pubblici@com-gonars.regione.fvg.it

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE Allegato A) DOMANDA DI PARTECIPAZIONE (REDATTA AI SENSI DEL D.P.R. 28.12.2000, N. 445) ------ OGGETTO: CONTRATTO AI SENSI DELL ART. 153, COMMI 1-14, DEL D.LGS. N. 163/2006 (FINANZA DI PROGETTO) DI COSTRUZIONE

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

CITTA DELLA DISFIDA Medaglia d oro al merito civile e militare

CITTA DELLA DISFIDA Medaglia d oro al merito civile e militare COMUNE DI BARLETTA CITTA DELLA DISFIDA Medaglia d oro al merito civile e militare BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA N. 1/2009 Il Comune di Barletta, in esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.

Dettagli

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO Appalto di sola esecuzione - offerta economicamente più vantaggiosa Importo superiore a

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO Appalto di sola esecuzione - offerta economicamente più vantaggiosa Importo superiore a LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO Appalto di sola esecuzione - offerta economicamente più vantaggiosa Importo superiore a 150.000 euro ed inferiore a 1.000.000 euro 1 Sommario 1. Oggetto,

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO La Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio, da compilarsi in caso di Offerta Segreta o Offerta

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA. PREORDINATA ALL AFFIDAMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 163/06 DEI SERVIZI DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DELLE ATTREZZATURE PRESSO IL CENTRO SPORTIVO DELLA

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

MODALITÀ DI DIMOSTRAZIONE DEI REQUISITI DI CUI AGLI ARTICOLI 78 E 79 DEL D.P.R. 5 OTTOBRE 2010, N. 207

MODALITÀ DI DIMOSTRAZIONE DEI REQUISITI DI CUI AGLI ARTICOLI 78 E 79 DEL D.P.R. 5 OTTOBRE 2010, N. 207 MODALITÀ DI DIMOSTRAZIONE DEI REQUISITI DI CUI AGLI ARTICOLI 78 E 79 DEL D.P.R. 5 OTTOBRE 2010, N. 207 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 182 del 6 agosto 2011) In occasione dell entrata in vigore

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE (BI) PER L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI RIF. CIG 03506093B2

BUSINESS INTELLIGENCE (BI) PER L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI RIF. CIG 03506093B2 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA SPECIALISTICA E DEI SERVIZI DI SVILUPPO, MANUTENZIONE ED EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI BUSINESS PROCESS MANAGEMENT (BPM) E DI BUSINESS

Dettagli

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 MOD. 2 - Busta A AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Provincia di Belluno DIREZIONE GENERALE SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI, ESPROPRI.

Provincia di Belluno DIREZIONE GENERALE SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI, ESPROPRI. Provincia di Belluno DIREZIONE GENERALE SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI, ESPROPRI. Prot. n. 41227/app del 21/06/2007 PUBBLICO INCANTO (PROCEDURA APERTA) PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DELLE OPERE

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO R E G I O N E V E N E T O R E J O N V E N E T O P R O V I N C I A D I B E L L U N O P R O V I N Z I A D E B E L U N COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO CAP 32043 Corso Italia, 33 Tel. 0436 4291

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA UNICA MISTA E DI CASSA

DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA UNICA MISTA E DI CASSA DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA UNICA MISTA E DI CASSA Art. 1 - Oggetto Il presente disciplinare di gara ha per oggetto le norme di partecipazione alla successiva gara,

Dettagli

PALAZZO BROLETTO PIAZZA PAOLO VI, 29 BANDO DI GARA

PALAZZO BROLETTO PIAZZA PAOLO VI, 29 BANDO DI GARA Settore Contratti e Appalti Tel. 030-3749968 3749907 per info. tecniche Tel. 030-3749341 Fax. 030-3749211 per inf. amministrat. www.provincia.brescia.it (bandi di gara) PALAZZO BROLETTO PIAZZA PAOLO VI,

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA AVVISO PUBBLICO E DISCIPLINARE DI GARA D APPALTO Affidamento di servizio di cui all allegato II B Art. 20 D. Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. Affidamento di n. 1 azione progettuale denominata Sportello sociale

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

COMUNE DI FORCE. (Provincia Ascoli Piceno)

COMUNE DI FORCE. (Provincia Ascoli Piceno) COMUNE DI FORCE PROT. N. 5794 del 15 dicembre 2014 (Provincia Ascoli Piceno) BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE - AI SENSI DELL ART. 30 DEL D.LGS. 163/2006 - DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE

Dettagli

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE Importo superiore a 150.000 euro ed inferiore a 1.000.000 euro 1 Sommario 1. Oggetto, durata ed importo dell appalto...

Dettagli

SERVIZIO PATRIMONIO E AFFARI GENERALI Ufficio Gestione Patrimonio e Acquisti

SERVIZIO PATRIMONIO E AFFARI GENERALI Ufficio Gestione Patrimonio e Acquisti SERVIZIO PATRIMONIO E AFFARI GENERALI Ufficio Gestione Patrimonio e Acquisti PROCEDURA APERTA n. 121/2009 Disciplinare di gara per l appalto, in quattro lotti, del servizio di pulizia, disinfezione ed

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale Da riportare su carta intestata Mod. 1 sez A Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ENTI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 14 PER

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

Disciplinare di gara PREMESSO:

Disciplinare di gara PREMESSO: DISCIPLINARE DI GARA TELEMATICA PER L AFFIDAMENTO IN VIA NON ESCLUSIVA DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER L ANALISI, LA COPERTURA E LA GESTIONE DEI RISCHI RIGUARDANTI POLIZZE DI INTERESSE DELLA

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE N. 23/2011 CIG. N. 2963254A8C

COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE N. 23/2011 CIG. N. 2963254A8C COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE N. 23/2011 CIG. N. 2963254A8C Il presente concorso è disciplinato dalla Direttiva 2004/18/CE. I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI

Dettagli

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, FORNITURE E SERVIZI D. Lgs. 163/06 e s.m.i. SINTESI. (Aggiornato al 1 gennaio 2008)

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, FORNITURE E SERVIZI D. Lgs. 163/06 e s.m.i. SINTESI. (Aggiornato al 1 gennaio 2008) Amministrazione Centrale Direzione Affari Contrattuali e Patrimoniali CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, FORNITURE E SERVIZI D. Lgs. 163/06 e s.m.i. SINTESI (Aggiornato al 1 gennaio 2008)

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI

Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI BANDO PER LA VENDITA DI TERRENI CON PATTO DI RISERVATO DOMINIO A FAVORE DI GIOVANI LAUREATI (Determinazione del Direttore Generale n. 642 del 06/12/2012) Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI 1. L Istituto

Dettagli

STA ST Z A IO Z N IO E U

STA ST Z A IO Z N IO E U MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OPERE PUBBLICHE CAMPANIA MOLISE UFFICIO DIRIGENZIALE V UFFICIO TECNICO III UNITA OPERATIVA DI CASERTA Via Cesare Battisti

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA AI SENSI DEGLI ARTT. 46, 47 E 76 DEL DPR 445/2000 E S.M.I.

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA AI SENSI DEGLI ARTT. 46, 47 E 76 DEL DPR 445/2000 E S.M.I. MODELLO 2 Parte A DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA AI SENSI DEGLI ARTT. 46, 47 E 76 DEL DPR 445/2000 E S.M.I. DEL CONCORRENTE Stazione appaltante: Azienda Ospedaliera

Dettagli

Il Presidente. Pavia, 15 aprile 2015. EB/dc Prot. Spett.le. Alla cortese attenzione Sig. via fax. anticipata via mail a

Il Presidente. Pavia, 15 aprile 2015. EB/dc Prot. Spett.le. Alla cortese attenzione Sig. via fax. anticipata via mail a Il Presidente Pavia, 15 aprile 2015 EB/dc Prot. Spett.le Alla cortese attenzione Sig. via fax anticipata via mail a OGGETTO: Procedura negoziata per l affidamento del servizio di copertura assicurativa

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia di edifici 2015/S 124-228385. Avviso di gara Settori speciali. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia di edifici 2015/S 124-228385. Avviso di gara Settori speciali. Servizi 1/10 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:228385-2015:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia di edifici 2015/S 124-228385 Avviso di gara Settori speciali Servizi Direttiva

Dettagli

Gara pubblica europea SERVIZI DI FACCHINAGGIO E TRASPORTO

Gara pubblica europea SERVIZI DI FACCHINAGGIO E TRASPORTO QUESITO n. 1 con riferimento all'elenco dei servizi analoghi prestati nell'ultimo triennio (2004/2005/2006) volevo cortesemente sapere se i certificati di buona esecuzione rilasciati dai committenti devono

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

LINEE GUIDA PER GLI APPALTI DEI SERVIZI DI PULIZIE

LINEE GUIDA PER GLI APPALTI DEI SERVIZI DI PULIZIE LINEE GUIDA PER GLI APPALTI DEI SERVIZI DI PULIZIE IN PROVINCIA DI COMO ED. 2009 Coordinamento del progetto: Osservatorio Territoriale per la provincia di Como per le Imprese di pulizia In collaborazione

Dettagli