SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE"

Transcript

1 SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE ANDREA CARTA DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA INDUSTRIALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI XX CICLO

2

3 SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE ANDREA CARTA TUTOR: PROF. NICOLA LOCCI DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA INDUSTRIALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI XX CICLO

4

5 Alla memoria di Nadia

6 RINGRAZIAMENTI Questa tesi è il completamento di tre anni di lavoro durante i quali ho avuto il piacere e l onore di collaborare con diverse persone che hanno contribuito alla mia crescita professionale e umana. Un sentito ringraziamento al mio tutor, Prof. Nicola Locci, per il supporto, la guida e gli impagabili insegnamenti nell attività di ricerca. Desidero ringraziare con grande stima personale il Prof. Carlo Muscas per il costante supporto scientifico e umano e per la sua grande disponibilità. Un ringraziamento speciale alla Dr.ssa Sara Sulis per i preziosi insegnamenti e consigli forniti durante tutto il periodo del dottorato. Esprimo inoltre la mia gratitudine a tutti i colleghi del Dipartimento con i quali ho condiviso tre anni indimenticabili. Infine voglio ringraziare la mia famiglia, per l affetto e il sostegno che mi ha sempre offerto, e tutti i miei amici che mi sono stati vicini durante questo periodo.

7

8 INDICE INDICE Introduzione Sistemi di misura sincronizzati nelle reti elettriche Introduzione Problematiche di gestione e controllo nei moderni sistemi di distribuzione Gestione energetica Sistemi di protezione Misure di power quality Sistemi di misura distribuiti nelle reti elettriche di distribuzione Sistemi PMU Applicazioni delle unità PMU nei sistemi elettrici Monitoraggio e controllo in real-time Stima dello stato dei sistemi elettrici Analisi post-disturbo Rienergizzazione dei sistemi elettrici Protezioni adattative Separazione pianificata Gestione della congestione in real-time Individuazione dei parametri critici e ricostruzione dei modelli di sistema Sistemi di sincronizzazione temporale Introduzione Sistemi di sincronizzazione satellitare GLOBAL POSITIONING SYSTEM Il segmento satellitare SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE i

9 INDICE Il segmento di controllo terrestre Il segmento utente GLONASS GALILEO Sistemi di sincronizzazione su reti informatiche Network Time Protocol Precise Time Protocol Sorgenti di sincronizzazione terrestre Sincronizzazione DCF Sincronizzazione SRC Segnali radio WWV e WWVH Segnali radio WWVB LORAN-C Fasori sincronizzati Introduzione Standard C Definizione di sincrofasore Sincronizzazione temporale Limiti di accuratezza e verifiche di conformità Valutazione dei sincrofasori Considerazioni sulla fase assoluta dei sincrofasori Fasori armonici sincronizzati Misura dei fasori sincronizzati per applicazioni in reti elettriche di distribuzione Introduzione Procedure per la misura dei fasori sincronizzati Riallocazione dei campioni Valutazione dei fasori sincronizzati Finestra di osservazione di durata fissa SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE ii

10 INDICE Finestra di osservazione di durata adattabile Procedure di misura dei fasori sincronizzati per applicazioni su sistemi trifase Decimazione dei campioni Valutazione dei fasori armonici sincronizzati e routine di compensazione Architettura del sistema di misura dei fasori sincronizzati Introduzione Sistema di misura distribuito per la misura dei fasori sincronizzati Sistemi di acquisizione Schede di acquisizione plug-in Schede di acquisizione esterne Sistemi modulari di acquisizione Sistema di sincronizzazione Strumenti virtuali per l implementazione delle procedure di misura Lo strumento virtuale Synchrophasor Measurement System Lo strumento virtuale PMU prototype for three-phase distribution systems 81 6 Prove sperimentali e analisi dei risultati Validazione delle procedure per la misura dei fasori sincronizzati Prove sperimentali con segnale fornito da generatore di funzioni Prove sperimentali con segnale acquisito su rete di distribuzione Caratterizzazione di un prototipo PMU per applicazioni su sistemi trifase Considerazioni Conclusioni Bibliografia SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE iii

11

12 INTRODUZIONE INTRODUZIONE Nel corso degli ultimi anni si stanno sviluppando dei significativi cambiamenti nella configurazione dei sistemi di distribuzione dell energia elettrica. Motivazioni di carattere economico e sociale impongono una maggiore attenzione verso le problematiche di sviluppo sostenibile rivolte principalmente ad una maggiore sensibilità verso le tematiche ambientali e all impiego di fonti di energia di tipo rinnovabile, in luogo delle fonti in via di esaurimento. Queste ragioni hanno di fatto portato ad una progressiva evoluzione e diffusione degli impianti di generazione distribuita, cioè impianti di produzione di piccola taglia, spesso alimentati da fonti rinnovabili (microturbine, impianti fotovoltaici, turbine eoliche, celle a combustibile, ecc.), collocati in diversi punti della rete. Oltre alle motivazioni legate all ecosostenibilità è necessario contemplare la nuova regolamentazione in materia di privatizzazione, liberalizzazione e deregolamentazione del mercato dell energia elettrica, che mira in sostanza a sostituire al regime di monopolio, sinora in atto, dei regimi di tipo concorrenziale. Gli orientamenti in questo senso hanno portato alla separazione degli esercizi di proprietà, gestione delle reti e di vendita di energia all utente finale con un conseguente incremento del numero degli attori presenti nel sistema elettrico. L insieme di questi fattori, unitamente all accresciuta sensibilità da parte degli utenti finali verso le problematiche di qualità del servizio, sta determinando una forte spinta al cambiamento e all innovazione dei sistemi di distribuzione dell energia elettrica. Nasce l'esigenza di studiare problematiche di gestione, monitoraggio e controllo diverse da quelle affrontate tradizionalmente. Da un punto di vista della gestione energetica, appare opportuno poter controllare a distanza sistemi dispersi sul territorio, basati su tecnologie diverse, in modo da ottenere dal loro utilizzo il massimo vantaggio funzionale ed economico. I sistemi di protezione per le reti di distribuzione, ideati per strutture radiali nelle quali il flusso di energia è unidirezionale, devono essere riconsiderati per tener conto della presenza di sorgenti di alimentazione distribuite che modificano le strutture locali della rete rendendole non più radiali. In generale le problematiche di dispacciamento energetico e coordinamento delle protezioni devono essere gestite in modo dinamico, in quanto il sistema elettrico può cambiare configurazione rapidamente. L impatto della generazione distribuita sulla qualità dell energia elettrica ha prodotto una notevole attenzione verso le misure di power quality, cioè verso tutte le azioni volte a SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE 1

13 INTRODUZIONE monitorare, qualificare e quantificare i disturbi presenti nelle reti elettriche di potenza. In aggiunta il libero mercato richiede di individuare, tra i diversi soggetti che interagiscono nel sistema elettrico, le responsabilità per i disturbi prodotti. In virtù degli aspetti precedentemente esposti, di non immediata soluzione, diventa necessario impiegare sistemi di misura affidabili e flessibili, in grado di fornire delle informazioni significative sullo stato delle reti. Le indicazioni fornite da tali sistemi di misura possono essere utilizzate sia per aspetti di gestione e controllo del sistema che per fini tariffari dal momento che, nel mercato libero, diventa fondamentale penalizzare i soggetti del sistema elettrico responsabili dei disturbi prodotti in rete. Emerge pertanto la necessità di avere a disposizione con continuità delle informazioni aggiornate sulle grandezze elettriche: ciò rende indispensabile la realizzazione di sistemi di misura distribuiti su larga scala in grado di operare misure sui diversi nodi di una rete di distribuzione. In una strategia basata sull impiego di unità dislocate su lunga distanza è necessario definire delle opportune procedure per garantire la riferibilità dei risultati di misura. I rischi, economici e gestionali, derivanti da eventuali decisioni non corrette rendono essenziale valutare la qualità delle informazioni fornite dal sistema di misura. Per soddisfare questa esigenza è necessario disporre di dati di misura che siano continuamente sincronizzati tra loro, in modo estremamente accurato. L aspetto della sincronizzazione delle misure non è un problema di semplice soluzione data la complessità e l estensione dei sistemi a cui si applica. In funzione delle esigenze di misura, variabili da sistema a sistema, i requisiti di accuratezza richiesti nella sincronizzazione possono variare notevolmente. Esistono delle metodologie di misura che sono basate sulla conoscenza in real-time di opportune grandezze, caratteristiche del sistema; in questo caso sono richieste soluzioni in grado di assicurare la riferibilità temporale dei dati (timestamping) con requisiti di sincronizzazione abbastanza stringenti. Non sempre però l'accuratezza dei riferimenti temporali è considerata una specifica critica. Diverse applicazioni, tra cui ad esempio il monitoraggio ambientale, sono basate sulla disponibilità di grandezze mediate nell unità di tempo e pertanto le misure non richiedono necessariamente un elevato grado di sincronizzazione. Tra i diversi apparati impiegati per le pratiche applicazioni di misura distribuite nell ambito delle reti elettriche, i sistemi per la misura dei fasori sincronizzati (Phasor Measurement Unit, PMU) sono quelli che trovano attualmente maggiore diffusione. Questi dispositivi vengono diffusamente impiegati nei sistemi elettrici ed hanno reso possibile notevoli avanzamenti in molte applicazioni di gestione, controllo e monitoraggio. L esperienza mostra che le tecniche di misura adottate per la valutazione dei fasori sincronizzati possono differire, anche significativamente, in riferimento ai diversi sistemi PMU presenti in commercio. Inoltre bisogna osservare che ciascuna specifica applicazione SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE 2

14 INTRODUZIONE (individuazione dei guasti, indagini statistiche, applicazioni contrattuali, ecc.) influisce sulla strumentazione e sulle procedure di misura da adottare. La diversa natura dei disturbi che possono verificarsi in una rete di distribuzione rende problematica la definizione di metodologie di misura e di monitoraggio che assumano validità generale. Sulla base dello scenario descritto emerge chiaramente la necessità di disporre di strumenti versatili, in grado di cambiare la propria configurazione in modo rapido. A questo scopo, è auspicabile il ricorso a procedure di misura caratterizzate da una notevole flessibilità, in modo tale che il loro impiego possa essere adattato alle diverse esigenze che si possono manifestare in un sistema di distribuzione. In questo contesto si inserisce l attività di ricerca affrontata. Da un punto di vista operativo il lavoro si pone come obiettivo quello di definire e sviluppare delle metodologie di misura, basate sull impiego di accurate sorgenti di sincronizzazione, per il monitoraggio continuativo delle grandezze elettriche provenienti da diversi punti di un sistema di distribuzione, in termini di fasori sincronizzati. E inoltre possibile caratterizzare il contenuto armonico delle grandezze mediante la definizione e l impiego dei fasori armonici sincronizzati, ottenuti estendendo il concetto di fasore sincronizzato per condizioni di funzionamento in regime non sinusoidale. Le metodologie di misura sviluppate possono essere impiegate per l implementazione di prototipi PMU da impiegare nell ambito di campagne di monitoraggio di lunga durata su reti trifase. Il presente lavoro è strutturato nel seguente modo. Nel primo capitolo vengono esposte le principali ragioni che hanno portato allo sviluppo e alla diffusione dei sistemi di misura distribuiti su larga scala per le applicazioni di gestione, controllo e monitoraggio nelle reti elettriche. Nel secondo capitolo viene effettuata una analisi comparativa tra i principali sistemi di sincronizzazione attualmente impiegati, per ciascuno dei quali vengono illustrate schematicamente le principali caratteristiche funzionali ed i livelli di accuratezza nella sincronizzazione conseguibili. Nel terzo capitolo sono illustrati i requisiti di sincronizzazione e le specifiche di misura previste dallo standard IEEE C per la valutazione dei fasori sincronizzati nei sistemi elettrici di potenza. Nel quarto capitolo vengono descritte delle metodologie di misura dei fasori sincronizzati appositamente sviluppate per applicazioni di monitoraggio sulle reti di distribuzione. Mediante l impiego di sorgenti di sincronizzazione ad alte prestazioni e l utilizzo di hardware di acquisizione general-purpose, risulta possibile realizzare dei sistemi di misura facilmente riconfigurabili e riprogrammabili. Tali sistemi, descritti nel quinto capitolo della tesi, sono gestiti mediante strumentazione virtuale. Infine nel sesto capitolo vengono analizzati i risultati delle prove di caratterizzazione delle procedure di misura realizzate mediante l implementazione di un setup sperimentale ad hoc. SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE 3

15 1.SISTEMI DI MISURA SINCRONIZZATI NELLE RETI ELETTRICHE 1 SISTEMI DI MISURA SINCRONIZZATI NELLE RETI ELETTRICHE 1.1 Introduzione I moderni sistemi elettrici possono essere considerati come il risultato di una continua e progressiva evoluzione tecnologica, protrattasi nel corso degli anni, che tiene contestualmente conto delle attuali esigenze di natura economica, politica e sociale. Per molti anni l intero sistema elettrico è stato organizzato secondo un modello statico nel quale l energia elettrica viene generata in grandi centrali di produzione, trasferita in prossimità dei centri di consumo, mediante linee di trasmissione ad alta ed altissima tensione e, infine, distribuita ai consumatori finali mediante i sistemi di distribuzione. Sino a pochi anni fa gli sforzi dedicati allo sviluppo tecnologico dei sistemi elettrici erano rivolti quasi esclusivamente alle reti di trasmissione, soprattutto in conseguenza della progressiva concentrazione delle centrali in punti economicamente vantaggiosi. Questo ha portato a notevoli investimenti per la realizzazione di reti di trasmissione dell energia, sempre più estese ed interconnesse, per il trasferimento di notevoli quantità di energia elettrica a grande distanza con perdite minime. Nel contempo le reti di distribuzione sono state per anni considerate come l ultimo elemento dell intero processo di conversione, trasporto e distribuzione dell energia elettrica, con un ruolo completamente passivo, unicamente rivolto all alimentazione delle utenze elettriche. Le modalità con cui le reti di distribuzione venivano pianificate, progettate ed esercite non hanno subito, per un lungo lasso di tempo, alcun sostanziale mutamento. Solamente a partire dagli ultimi decenni si va assistendo ai primi segnali di un profondo mutamento che andrà gradualmente a modificare e rivoluzionare l intero assetto dei sistemi elettrici. Diverse motivazioni di carattere economico e sociale impongono una sempre maggiore attenzione verso le problematiche di sviluppo sostenibile, basate sulla necessità di una maggiore attenzione verso l ambiente e rivolte ad una progressiva deindustrializzazione e all impiego di fonti di energia di tipo rinnovabile, a discapito delle fonti in via di esaurimento. Queste ragioni hanno di fatto portato ad una progressiva evoluzione e diffusione degli SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE 4

16 1.SISTEMI DI MISURA SINCRONIZZATI NELLE RETI ELETTRICHE impianti di generazione distribuita, ovvero impianti di produzione di piccola taglia, spesso alimentati da fonti di energia rinnovabile (microturbine, impianti fotovoltaici, turbine eoliche, celle a combustibile, ecc.). Oltre alle motivazioni legate all ecosostenibilità è necessario contemplare la nuova regolamentazione concernente la privatizzazione, liberalizzazione e deregolamentazione del mercato dell energia elettrica, che mira in sostanza a sostituire al regime di monopolio, sinora in atto, dei regimi di tipo concorrenziale. Specificatamente gli orientamenti in questo senso hanno portato alla separazione degli esercizi di proprietà, gestione delle reti e di vendita di energia all utente finale; spesso le prime due pratiche possono essere associate, la terza invece deve essere svolta da soggetti indipendenti. L insieme di questi fattori, unitamente all accresciuta sensibilità da parte degli utenti finali verso le problematiche di qualità del servizio, sta determinando una forte spinta al cambiamento e all innovazione dei sistemi di distribuzione dell energia elettrica. 1.2 Problematiche di gestione e controllo nei moderni sistemi di distribuzione Nei moderni sistemi di distribuzione dell energia elettrica, soggetti ai citati cambiamenti di natura economica e tecnologica, nasce l esigenza di affrontare nuove problematiche di gestione, controllo e monitoraggio [1-3]. A questo proposito viene di seguito illustrata l evoluzione di alcuni tra i principali aspetti di maggior interesse da considerare nelle moderne reti elettriche di distribuzione Gestione energetica Molti recenti studi e progetti di ricerca nazionale ed internazionale [4] illustrano possibili scenari di gestione dei sistemi di distribuzione dell energia elettrica, tutti basati sull integrazione di impianti di generazione distribuita e sull impiego di moderne tecnologie informatiche e di telecomunicazione. Affinché i sistemi di distribuzione possano accogliere notevoli quantità di generazione distribuita non risulta più opportuno il ricorso a strutture di rete di tipo radiale, nelle quali il flusso di energia è unidirezionale, dalla sorgente verso il carico [5-6]. I nuovi sistemi di SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE 5

17 1.SISTEMI DI MISURA SINCRONIZZATI NELLE RETI ELETTRICHE distribuzione prevedono infatti un elevato numero di nodi di generazione, dislocati su tutto il territorio. In quest ottica risulta più appropriato l impiego di strutture di tipo magliato, progettate per gestire flussi di potenza bidirezionali mediante l impiego di dispositivi innovativi per il controllo dei flussi di potenza attiva e reattiva. Le reti magliate sono generalmente caratterizzate da buoni livelli di affidabilità e da una maggiore robustezza alle variazioni dinamiche sui nodi di generazione e di carico; quando necessario prevedono inoltre la possibilità di effettuare una suddivisione in microreti, ciascuna delle quali in grado di determinare in modo autonomo l acquisto di energia dalla rete di trasmissione o direttamente da altre microreti sulla base di diversi parametri (prezzo dell energia, stato dei generatori e dei carichi). I sistemi descritti prendono il nome di reti attive e prevedono la presenza contemporanea di carichi passivi, carichi controllabili e impianti di produzione (generazione distribuita). L obiettivo delle ricerche di settore è finalizzato alla realizzazione di sistemi di distribuzione di tipo autoconfigurante, in grado sia di gestire elevate concentrazioni di risorse energetiche, che di aumentare, allo stesso tempo, il livello di qualità dei servizi offerti. Un sistema di gestione così delineato non può prescindere da un efficiente azione di controllo, anche a distanza, dei sistemi dispersi sul territorio, in modo da ottenere dal loro utilizzo il massimo vantaggio funzionale ed economico. Tra i vari aspetti di gestione, uno di particolare interesse, oggetto di numerose applicazioni e ricerche scientifiche [6], è costituto dai sistemi integrati per il dispacciamento ottimo dell energia elettrica da fonti rinnovabili o assimilate e per il controllo dei carichi. L obiettivo di questi studi è rivolto alla realizzazione di sistemi automatici finalizzati ad ottimizzare la produzione e la distribuzione di energia sulla base di parametri acquisibili dall esterno (costo dell energia, previsioni meteo, modelli fisico-matematici dei processi di conversione energetica impiegati, ecc.) e di dati di ingresso ricavabili in tempo reale mediante telemisure (flussi di potenza attiva e reattiva, condizioni ambientali, stato dei processi industriali interessati e di eventuali sistemi di accumulo, ecc.). Dal momento che il sistema elettrico può cambiare la propria configurazione in modo rapido, si richiede di gestire le differenti problematiche di dispacciamento energetico in modo dinamico Sistemi di protezione I sistemi di protezione costituiscono uno dei principali punti critici nei moderni sistemi di SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE 6

18 1.SISTEMI DI MISURA SINCRONIZZATI NELLE RETI ELETTRICHE distribuzione dell energia elettrica, basati come illustrato in precedenza sull utilizzo diffuso di strutture di rete di tipo magliato. L interesse dei ricercatori del settore è rivolto allo sviluppo di adeguati schemi di protezione con un impiego intensivo di automatismi e di sistemi di telecontrollo; l adozione di questi dispositivi comporta la necessità di effettuare una completa revisione strutturale all interno dei sistemi di distribuzione, in particolare per le applicazioni caratterizzate da elevati livelli di penetrazione di generazione distribuita [7]. I sistemi di protezione utilizzati nelle reti di distribuzione sono realizzati con l intento di isolare in modo selettivo, nel più breve tempo possibile, la sola porzione di rete interessata da guasti, in modo da non causare una perdita di servizio che potrebbe comportare delle gravi ripercussioni sul servizio e sulla produttività degli utenti. Gli schemi di protezione per le reti di distribuzione di tipo magliato presentano una filosofia innovativa rispetto agli schemi tradizionali, ideati per strutture radiali, con flussi di energia che transitano univocamente dalla sorgente verso i carichi. Nelle reti di tipo radiale la selettività delle protezioni è ottenuta regolando i tempi di intervento delle protezioni in funzione della massima corrente: all occorrere di un guasto su un ramo della rete, viene isolato solamente il ramo in questione, mentre il resto del sistema è in grado di operare normalmente. Invece, nel caso di sistemi di distribuzione con elevata integrazione di generazione distribuita non risulta più valido il tradizionale coordinamento delle protezioni e pertanto non risulta più possibile determinare in modo univoco il ramo della rete affetto dal guasto [5]; inoltre un errato intervento delle protezioni può comportare un fuori servizio indesiderato su una sezione di linea sana. Per affrontare il problema del coordinamento delle protezioni sono state recentemente proposte soluzioni basate su schemi di protezione adattativa, nei quali interruttori e sezionatori, dotati di capacità di comunicazione remota e di funzioni di sincronizzazione, possono essere azionati per riconfigurare automaticamente la rete in caso di guasto, minimizzando la porzione che resta priva di alimentazione [6]. Schemi di protezione di questo tipo diventano quindi a tutti gli effetti degli algoritmi, il cui corretto funzionamento (intervento rapido in presenza di guasto e assenza di interventi intempestivi) è determinato in primo luogo dalla qualità dei dati di ingresso, e quindi dalla misura di alcuni parametri, prevalentemente vettori di corrente, acquisiti simultaneamente in punti strategici del sistema. SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE 7

19 1.SISTEMI DI MISURA SINCRONIZZATI NELLE RETI ELETTRICHE Misure di power quality Il processo di liberalizzazione e deregolamentazione del mercato dell energia, unitamente alla progressiva diffusione degli impianti di generazione distribuita, ha prodotto una maggiore attenzione verso le problematiche di power quality [2-3]. Con il termine power quality si è soliti intendere l'insieme delle problematiche e dei fenomeni legati alla qualità nella rete elettrica di alimentazione degli impianti civili e industriali. Più specificatamente con questo termine si indica l insieme dei disturbi sulla tensione di alimentazione fornita da una rete elettrica o sulla corrente assorbita da un impianto elettrico quando non vengono verificate le condizioni ideali di: frequenza costante e pari al valore nominale; ampiezza costante e pari al valore nominale; forma d onda sinusoidale; terna simmetrica diretta nel caso di sistemi trifase; continuità del servizio. La qualità dell energia implica sia la qualità del prelievo che la qualità della fornitura. Al fine di assicurare il corretto esercizio dei sistemi elettrici tutte le parti in causa devono rispettare determinate condizioni: il fornitore deve garantire delle tensioni di alimentazione che non alterino il sicuro e corretto funzionamento dei carichi; gli utenti d altra parte devono rispondere a particolari requisiti, in modo da non iniettare in rete disturbi nocivi agli altri carichi e quindi alla qualità della fornitura. La liberalizzazione del mercato dell energia rende oggigiorno sempre più importante individuare le responsabilità per questi disturbi tra i diversi soggetti che interagiscono nel sistema elettrico e suggerisce l utilizzo di opportuni parametri come possibile metrica per caratterizzare la qualità del servizio offerto da una società distributrice [8]. Ciò ha determinato nell'ambito internazionale un proliferare di iniziative di tipo scientifico e normativo per la definizione di opportuni criteri di valutazione dello stato del sistema elettrico di distribuzione e per la realizzazione di sistemi di misura atti a implementare, in modo efficiente, le metodologie proposte [8-17]. Spesso scarsa attenzione è stata dedicata alla qualificazione metrologica di tali misure, per le quali è opportuno implementare e attuare procedure non tradizionali [18-20]. In generale, infatti, le misure di power quality sulle reti di distribuzione dell energia elettrica possono SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE 8

20 1.SISTEMI DI MISURA SINCRONIZZATI NELLE RETI ELETTRICHE essere utilizzate per diversi scopi (applicazioni contrattuali, individuazione dei guasti, indagini statistiche, ecc.) e ciascuna specifica applicazione influisce sulla strumentazione e sulla procedura di misura da adottare. La diversa natura dei disturbi che possono verificarsi in una rete di distribuzione rende problematica la definizione di metodologie di misura e di monitoraggio che assumano validità generale. La particolare tipologia di fenomeno considerato, infatti, influenza in modo significativo le caratteristiche del sistema di misura. Alla luce di queste considerazioni è ormai da tempo aperto un dibattito sia sulla scelta delle procedure più adatte per individuare le sorgenti dei disturbi introdotti in rete sia sulla pratica applicabilità di tali metodologie, con riferimento alla sensibilità verso le incertezze [13-15,21-24]. Gli studi condotti a tal proposito consentono di affermare che i metodi basati su misure simultanee in diversi nodi della rete appaiono come i più promettenti [13, 25-26]. 1.3 Sistemi di misura distribuiti nelle reti elettriche di distribuzione Le problematiche di varia natura che vanno ad investire le moderne reti elettriche hanno determinato nella comunità scientifica, e soprattutto tra gli operatori, un proliferare di iniziative finalizzate alla definizione di opportuni criteri di valutazione dello stato del sistema elettrico di distribuzione, valutazione della qualità del servizio offerto agli utenti e individuazione delle sorgenti disturbanti. In virtù degli aspetti precedentemente esposti, di non immediata soluzione, in uno scenario che vede crescere continuamente i livelli di penetrazione della generazione distribuita, diventa sempre più importante sviluppare dei sistemi di misura affidabili e flessibili, in grado di fornire con continuità dei dati aggiornati sulle caratteristiche della rete elettrica. Le indicazioni fornite da tali sistemi di misura devono essere utilizzate sia per aspetti di gestione e protezione del sistema che per fini tariffari dal momento che, nel mercato libero, diventa fondamentale identificare i soggetti del sistema elettrico responsabili dei disturbi prodotti in rete. Occorre considerare che tutte le problematiche di gestione, monitoraggio e controllo devono essere gestite dinamicamente, in quanto il sistema elettrico può cambiare configurazione in modo rapido. Emerge pertanto la necessità di avere a disposizione con continuità dei dati aggiornati ed attendibili sulle caratteristiche del sistema stesso: ciò rende indispensabile la realizzazione di sistemi di misura distribuiti su larga scala in grado di operare misure sui diversi nodi di una rete di distribuzione [13, 15]. SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE 9

21 1.SISTEMI DI MISURA SINCRONIZZATI NELLE RETI ELETTRICHE Nel corso degli ultimi anni, il crescente progresso tecnologico ha permesso di progettare e realizzare, con costi relativamente contenuti, opportuni sistemi di misura ad architettura distribuita. Essi sono generalmente composti da unità di misura installate in prossimità dei nodi della rete elettrica e collegate, tramite reti LAN o WAN, ad una unità di controllo che riceve i dati, li elabora e fornisce informazioni utili, che possono essere impiegate nell ambito delle diverse applicazioni citate. In una strategia di misura basata sull impiego di unità dislocate su lunga distanza è necessario definire delle opportune procedure per garantire la riferibilità dei risultati. I rischi, economici o legati alla sicurezza, derivanti da eventuali decisioni non corrette rendono essenziale valutare la qualità delle informazioni fornite dal sistema di misura. Per soddisfare questa esigenza è necessario disporre di dati di misura affidabili e aggiornati, che siano continuamente sincronizzati tra loro, in modo estremamente accurato. La sincronizzazione può essere ottenuta mediante l impiego di diverse sorgenti: per le esigenze più avanzate, nelle quali ad esempio si richiedono valori di sincronizzazione tra i dispositivi dell'ordine di poche centinaia di nanosecondi, il sistema più opportuno appare quello basato su ricevitori satellitari GPS; nel caso invece di specifiche meno stringenti si possono convenientemente impiegare soluzioni alternative, quali quelle basate sui protocolli di sincronizzazione (per esempio NTP, Network Time Protocol). Questi aspetti verranno approfonditi più nel dettaglio nel capitolo seguente. 1.4 Sistemi PMU Tra i diversi dispositivi impiegati per le pratiche applicazioni di misura distribuite nell ambito dei sistemi elettrici, i sistemi PMU sono quelli che attualmente trovano maggiore diffusione. I dispositivi PMU (Phasor Measurement Unit) sono utilizzati per la misura dei fasori sincronizzati rappresentativi delle grandezze elettriche di interesse [27]. Ciascuna unità PMU è in grado di acquisire istantaneamente segnali di tensione e di corrente in modo sincronizzato mediante l utilizzo di una opportuna sorgente di sincronizzazione, tipicamente di tipo GPS. Nei dispositivi PMU presenti in commercio i segnali di rete vengono solitamente acquisiti con una frequenza di campionamento relativamente bassa, che varia tra le 12 e le 48 volte rispetto alla frequenza di rete. Questo significa che nel caso di sistemi con frequenza nominale pari a f n = 50 Hz vengono acquisiti tra i 600 e i 2400 campioni al secondo; nel caso invece di sistemi con f n = 60 Hz in ogni secondo viene acquisito un numero SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE 10

22 1.SISTEMI DI MISURA SINCRONIZZATI NELLE RETI ELETTRICHE di campioni compreso tra 720 e Le grandezze campionate vengono successivamente sottoposte ai circuiti dedicati alla conversione analogico-digitale (AD) [28]. Nelle grande maggioranza delle unità di misura fasoriale il processo di acquisizione dei dati risulta direttamente sincronizzato, mediante l impiego di circuiti interni ad aggancio di fase di tipo PLL (Phase Locked Loop), a sorgenti di riferimento satellitari che garantiscono livelli di accuratezza nella sincronizzazione inferiori al microsecondo. La valutazione delle ampiezze e delle fasi dei segnali di tensione e corrente è ottenuta con l impiego di tecniche di signal processing, basate su algoritmi di tipo DFT (Discrete Fourier Trasform). I sincrofasori così ottenuti vengono correlati al riferimento temporale mediante l impiego di etichette (timestamp) associate ai dati e contenenti tutte le indicazioni temporali necessarie, dall'anno passando ai secondi, sino ad arrivare alle frazioni di secondo. Figura 1.1 Diagramma a blocchi di un tipico sistema PMU commerciale Le PMU sono installate in tutti quei punti della rete elettrica su cui si vogliono misurare i valori di tensione, corrente e frequenza; i dati raccolti sono inviati ad un concentratore, detto Phasor Data Concentrator (PDC), con una frequenza di campioni per secondo, e successivamente ad un centro di controllo. Il concentratore esegue una correlazione temporale di tutte le misure provenienti dalle PMU, dislocate su larga scala. L intera sequenza o il particolare sottoinsieme di dati di interesse vengono quindi resi disponibili al centro di controllo, che provvede quindi ad apportare le eventuali modifiche sul sistema elettrico. SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE 11

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Valutazione dell'impatto dell'utilizzo delle batterie al litio nelle applicazioni stazionarie

Valutazione dell'impatto dell'utilizzo delle batterie al litio nelle applicazioni stazionarie Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente RICERCA SISTEMA ELETTRICO Valutazione dell'impatto dell'utilizzo delle batterie al litio nelle applicazioni stazionarie Romano Giglioli, Davide Poli

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO VIDEO SMA : I SISTEMI OFF GRID LE SOLUZIONI PER LA GESTIONE DELL ENERGIA Sistema per impianti off grid: La soluzione per impianti non connessi alla rete Sistema

Dettagli

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo Generatori di segnale Generatore sinusoidale BF Generatori di funzione Generatori sinusoidali a RF Generatori a battimenti Oscillatori a quarzo Generatori per sintesi indiretta 2 2006 Politecnico di Torino

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura La (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura Come funzionano i criteri di valutazione sulla temperatura Vi sono 5 parametri usati per la valutazione del

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

CAPACITÀ DI PROCESSO (PROCESS CAPABILITY)

CAPACITÀ DI PROCESSO (PROCESS CAPABILITY) CICLO DI LEZIONI per Progetto e Gestione della Qualità Facoltà di Ingegneria CAPACITÀ DI PROCESSO (PROCESS CAPABILITY) Carlo Noè Università Carlo Cattaneo e-mail: cnoe@liuc.it 1 CAPACITÀ DI PROCESSO Il

Dettagli

Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico

Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico CITTÀ, RETI, EFFICIENZA ENERGETICA CAGLIARI, 10 APRILE 2015 a cura di Fabrizio Fasani Direttore Generale Energ.it Indice 1. Scenari del mercato

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 valido per le richieste di connessione presentate a partire dall 1 gennaio 2011 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 79/08, ARG/elt

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche. ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche. ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico prof. Gianluca Venturi Indice generale Richiami delle leggi principali...2 La prima

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS Integrazione Ecad Mcad Ecad - MENTOR GRAPHICS MENTOR GRAPHICS - PADS La crescente complessità del mercato della progettazione elettronica impone l esigenza di realizzare prodotti di dimensioni sempre più

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile Totally Integrated Power SIESTORAGE Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile www.siemens.com/siestorage Totally Integrated Power (TIP) Portiamo la corrente

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 12 DICEMBRE 2013 578/2013/R/EEL REGOLAZIONE DEI SERVIZI DI CONNESSIONE, MISURA, TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE, DISPACCIAMENTO E VENDITA NEL CASO DI SISTEMI SEMPLICI DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

La sicurezza delle centrali nuclear

La sicurezza delle centrali nuclear La sicurezza delle centrali nuclear Milano, 5 maggio 2011 Giuseppe Bolla, Senior Advisor Fondazione EnergyLab EnergyLab - Laboratorio dell Energia Il sistema integrato di gestione in campo nu La sicurezza

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

8. Le scelte che determinano impatti sui costi

8. Le scelte che determinano impatti sui costi 8. Le scelte che determinano impatti sui costi 8.1 INTRODUZIONE Per valutare e controllare i costi di una soluzione e-learning è necessario conoscere in maniera approfondita i fattori da cui dipendono

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI

QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI La Guida sulla Qualità dell'alimentazione Elettrica negli Impianti Industriali

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli