SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE"

Transcript

1 SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE ANDREA CARTA DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA INDUSTRIALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI XX CICLO

2

3 SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE ANDREA CARTA TUTOR: PROF. NICOLA LOCCI DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA INDUSTRIALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI XX CICLO

4

5 Alla memoria di Nadia

6 RINGRAZIAMENTI Questa tesi è il completamento di tre anni di lavoro durante i quali ho avuto il piacere e l onore di collaborare con diverse persone che hanno contribuito alla mia crescita professionale e umana. Un sentito ringraziamento al mio tutor, Prof. Nicola Locci, per il supporto, la guida e gli impagabili insegnamenti nell attività di ricerca. Desidero ringraziare con grande stima personale il Prof. Carlo Muscas per il costante supporto scientifico e umano e per la sua grande disponibilità. Un ringraziamento speciale alla Dr.ssa Sara Sulis per i preziosi insegnamenti e consigli forniti durante tutto il periodo del dottorato. Esprimo inoltre la mia gratitudine a tutti i colleghi del Dipartimento con i quali ho condiviso tre anni indimenticabili. Infine voglio ringraziare la mia famiglia, per l affetto e il sostegno che mi ha sempre offerto, e tutti i miei amici che mi sono stati vicini durante questo periodo.

7

8 INDICE INDICE Introduzione Sistemi di misura sincronizzati nelle reti elettriche Introduzione Problematiche di gestione e controllo nei moderni sistemi di distribuzione Gestione energetica Sistemi di protezione Misure di power quality Sistemi di misura distribuiti nelle reti elettriche di distribuzione Sistemi PMU Applicazioni delle unità PMU nei sistemi elettrici Monitoraggio e controllo in real-time Stima dello stato dei sistemi elettrici Analisi post-disturbo Rienergizzazione dei sistemi elettrici Protezioni adattative Separazione pianificata Gestione della congestione in real-time Individuazione dei parametri critici e ricostruzione dei modelli di sistema Sistemi di sincronizzazione temporale Introduzione Sistemi di sincronizzazione satellitare GLOBAL POSITIONING SYSTEM Il segmento satellitare SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE i

9 INDICE Il segmento di controllo terrestre Il segmento utente GLONASS GALILEO Sistemi di sincronizzazione su reti informatiche Network Time Protocol Precise Time Protocol Sorgenti di sincronizzazione terrestre Sincronizzazione DCF Sincronizzazione SRC Segnali radio WWV e WWVH Segnali radio WWVB LORAN-C Fasori sincronizzati Introduzione Standard C Definizione di sincrofasore Sincronizzazione temporale Limiti di accuratezza e verifiche di conformità Valutazione dei sincrofasori Considerazioni sulla fase assoluta dei sincrofasori Fasori armonici sincronizzati Misura dei fasori sincronizzati per applicazioni in reti elettriche di distribuzione Introduzione Procedure per la misura dei fasori sincronizzati Riallocazione dei campioni Valutazione dei fasori sincronizzati Finestra di osservazione di durata fissa SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE ii

10 INDICE Finestra di osservazione di durata adattabile Procedure di misura dei fasori sincronizzati per applicazioni su sistemi trifase Decimazione dei campioni Valutazione dei fasori armonici sincronizzati e routine di compensazione Architettura del sistema di misura dei fasori sincronizzati Introduzione Sistema di misura distribuito per la misura dei fasori sincronizzati Sistemi di acquisizione Schede di acquisizione plug-in Schede di acquisizione esterne Sistemi modulari di acquisizione Sistema di sincronizzazione Strumenti virtuali per l implementazione delle procedure di misura Lo strumento virtuale Synchrophasor Measurement System Lo strumento virtuale PMU prototype for three-phase distribution systems 81 6 Prove sperimentali e analisi dei risultati Validazione delle procedure per la misura dei fasori sincronizzati Prove sperimentali con segnale fornito da generatore di funzioni Prove sperimentali con segnale acquisito su rete di distribuzione Caratterizzazione di un prototipo PMU per applicazioni su sistemi trifase Considerazioni Conclusioni Bibliografia SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE iii

11

12 INTRODUZIONE INTRODUZIONE Nel corso degli ultimi anni si stanno sviluppando dei significativi cambiamenti nella configurazione dei sistemi di distribuzione dell energia elettrica. Motivazioni di carattere economico e sociale impongono una maggiore attenzione verso le problematiche di sviluppo sostenibile rivolte principalmente ad una maggiore sensibilità verso le tematiche ambientali e all impiego di fonti di energia di tipo rinnovabile, in luogo delle fonti in via di esaurimento. Queste ragioni hanno di fatto portato ad una progressiva evoluzione e diffusione degli impianti di generazione distribuita, cioè impianti di produzione di piccola taglia, spesso alimentati da fonti rinnovabili (microturbine, impianti fotovoltaici, turbine eoliche, celle a combustibile, ecc.), collocati in diversi punti della rete. Oltre alle motivazioni legate all ecosostenibilità è necessario contemplare la nuova regolamentazione in materia di privatizzazione, liberalizzazione e deregolamentazione del mercato dell energia elettrica, che mira in sostanza a sostituire al regime di monopolio, sinora in atto, dei regimi di tipo concorrenziale. Gli orientamenti in questo senso hanno portato alla separazione degli esercizi di proprietà, gestione delle reti e di vendita di energia all utente finale con un conseguente incremento del numero degli attori presenti nel sistema elettrico. L insieme di questi fattori, unitamente all accresciuta sensibilità da parte degli utenti finali verso le problematiche di qualità del servizio, sta determinando una forte spinta al cambiamento e all innovazione dei sistemi di distribuzione dell energia elettrica. Nasce l'esigenza di studiare problematiche di gestione, monitoraggio e controllo diverse da quelle affrontate tradizionalmente. Da un punto di vista della gestione energetica, appare opportuno poter controllare a distanza sistemi dispersi sul territorio, basati su tecnologie diverse, in modo da ottenere dal loro utilizzo il massimo vantaggio funzionale ed economico. I sistemi di protezione per le reti di distribuzione, ideati per strutture radiali nelle quali il flusso di energia è unidirezionale, devono essere riconsiderati per tener conto della presenza di sorgenti di alimentazione distribuite che modificano le strutture locali della rete rendendole non più radiali. In generale le problematiche di dispacciamento energetico e coordinamento delle protezioni devono essere gestite in modo dinamico, in quanto il sistema elettrico può cambiare configurazione rapidamente. L impatto della generazione distribuita sulla qualità dell energia elettrica ha prodotto una notevole attenzione verso le misure di power quality, cioè verso tutte le azioni volte a SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE 1

13 INTRODUZIONE monitorare, qualificare e quantificare i disturbi presenti nelle reti elettriche di potenza. In aggiunta il libero mercato richiede di individuare, tra i diversi soggetti che interagiscono nel sistema elettrico, le responsabilità per i disturbi prodotti. In virtù degli aspetti precedentemente esposti, di non immediata soluzione, diventa necessario impiegare sistemi di misura affidabili e flessibili, in grado di fornire delle informazioni significative sullo stato delle reti. Le indicazioni fornite da tali sistemi di misura possono essere utilizzate sia per aspetti di gestione e controllo del sistema che per fini tariffari dal momento che, nel mercato libero, diventa fondamentale penalizzare i soggetti del sistema elettrico responsabili dei disturbi prodotti in rete. Emerge pertanto la necessità di avere a disposizione con continuità delle informazioni aggiornate sulle grandezze elettriche: ciò rende indispensabile la realizzazione di sistemi di misura distribuiti su larga scala in grado di operare misure sui diversi nodi di una rete di distribuzione. In una strategia basata sull impiego di unità dislocate su lunga distanza è necessario definire delle opportune procedure per garantire la riferibilità dei risultati di misura. I rischi, economici e gestionali, derivanti da eventuali decisioni non corrette rendono essenziale valutare la qualità delle informazioni fornite dal sistema di misura. Per soddisfare questa esigenza è necessario disporre di dati di misura che siano continuamente sincronizzati tra loro, in modo estremamente accurato. L aspetto della sincronizzazione delle misure non è un problema di semplice soluzione data la complessità e l estensione dei sistemi a cui si applica. In funzione delle esigenze di misura, variabili da sistema a sistema, i requisiti di accuratezza richiesti nella sincronizzazione possono variare notevolmente. Esistono delle metodologie di misura che sono basate sulla conoscenza in real-time di opportune grandezze, caratteristiche del sistema; in questo caso sono richieste soluzioni in grado di assicurare la riferibilità temporale dei dati (timestamping) con requisiti di sincronizzazione abbastanza stringenti. Non sempre però l'accuratezza dei riferimenti temporali è considerata una specifica critica. Diverse applicazioni, tra cui ad esempio il monitoraggio ambientale, sono basate sulla disponibilità di grandezze mediate nell unità di tempo e pertanto le misure non richiedono necessariamente un elevato grado di sincronizzazione. Tra i diversi apparati impiegati per le pratiche applicazioni di misura distribuite nell ambito delle reti elettriche, i sistemi per la misura dei fasori sincronizzati (Phasor Measurement Unit, PMU) sono quelli che trovano attualmente maggiore diffusione. Questi dispositivi vengono diffusamente impiegati nei sistemi elettrici ed hanno reso possibile notevoli avanzamenti in molte applicazioni di gestione, controllo e monitoraggio. L esperienza mostra che le tecniche di misura adottate per la valutazione dei fasori sincronizzati possono differire, anche significativamente, in riferimento ai diversi sistemi PMU presenti in commercio. Inoltre bisogna osservare che ciascuna specifica applicazione SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE 2

14 INTRODUZIONE (individuazione dei guasti, indagini statistiche, applicazioni contrattuali, ecc.) influisce sulla strumentazione e sulle procedure di misura da adottare. La diversa natura dei disturbi che possono verificarsi in una rete di distribuzione rende problematica la definizione di metodologie di misura e di monitoraggio che assumano validità generale. Sulla base dello scenario descritto emerge chiaramente la necessità di disporre di strumenti versatili, in grado di cambiare la propria configurazione in modo rapido. A questo scopo, è auspicabile il ricorso a procedure di misura caratterizzate da una notevole flessibilità, in modo tale che il loro impiego possa essere adattato alle diverse esigenze che si possono manifestare in un sistema di distribuzione. In questo contesto si inserisce l attività di ricerca affrontata. Da un punto di vista operativo il lavoro si pone come obiettivo quello di definire e sviluppare delle metodologie di misura, basate sull impiego di accurate sorgenti di sincronizzazione, per il monitoraggio continuativo delle grandezze elettriche provenienti da diversi punti di un sistema di distribuzione, in termini di fasori sincronizzati. E inoltre possibile caratterizzare il contenuto armonico delle grandezze mediante la definizione e l impiego dei fasori armonici sincronizzati, ottenuti estendendo il concetto di fasore sincronizzato per condizioni di funzionamento in regime non sinusoidale. Le metodologie di misura sviluppate possono essere impiegate per l implementazione di prototipi PMU da impiegare nell ambito di campagne di monitoraggio di lunga durata su reti trifase. Il presente lavoro è strutturato nel seguente modo. Nel primo capitolo vengono esposte le principali ragioni che hanno portato allo sviluppo e alla diffusione dei sistemi di misura distribuiti su larga scala per le applicazioni di gestione, controllo e monitoraggio nelle reti elettriche. Nel secondo capitolo viene effettuata una analisi comparativa tra i principali sistemi di sincronizzazione attualmente impiegati, per ciascuno dei quali vengono illustrate schematicamente le principali caratteristiche funzionali ed i livelli di accuratezza nella sincronizzazione conseguibili. Nel terzo capitolo sono illustrati i requisiti di sincronizzazione e le specifiche di misura previste dallo standard IEEE C per la valutazione dei fasori sincronizzati nei sistemi elettrici di potenza. Nel quarto capitolo vengono descritte delle metodologie di misura dei fasori sincronizzati appositamente sviluppate per applicazioni di monitoraggio sulle reti di distribuzione. Mediante l impiego di sorgenti di sincronizzazione ad alte prestazioni e l utilizzo di hardware di acquisizione general-purpose, risulta possibile realizzare dei sistemi di misura facilmente riconfigurabili e riprogrammabili. Tali sistemi, descritti nel quinto capitolo della tesi, sono gestiti mediante strumentazione virtuale. Infine nel sesto capitolo vengono analizzati i risultati delle prove di caratterizzazione delle procedure di misura realizzate mediante l implementazione di un setup sperimentale ad hoc. SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE 3

15 1.SISTEMI DI MISURA SINCRONIZZATI NELLE RETI ELETTRICHE 1 SISTEMI DI MISURA SINCRONIZZATI NELLE RETI ELETTRICHE 1.1 Introduzione I moderni sistemi elettrici possono essere considerati come il risultato di una continua e progressiva evoluzione tecnologica, protrattasi nel corso degli anni, che tiene contestualmente conto delle attuali esigenze di natura economica, politica e sociale. Per molti anni l intero sistema elettrico è stato organizzato secondo un modello statico nel quale l energia elettrica viene generata in grandi centrali di produzione, trasferita in prossimità dei centri di consumo, mediante linee di trasmissione ad alta ed altissima tensione e, infine, distribuita ai consumatori finali mediante i sistemi di distribuzione. Sino a pochi anni fa gli sforzi dedicati allo sviluppo tecnologico dei sistemi elettrici erano rivolti quasi esclusivamente alle reti di trasmissione, soprattutto in conseguenza della progressiva concentrazione delle centrali in punti economicamente vantaggiosi. Questo ha portato a notevoli investimenti per la realizzazione di reti di trasmissione dell energia, sempre più estese ed interconnesse, per il trasferimento di notevoli quantità di energia elettrica a grande distanza con perdite minime. Nel contempo le reti di distribuzione sono state per anni considerate come l ultimo elemento dell intero processo di conversione, trasporto e distribuzione dell energia elettrica, con un ruolo completamente passivo, unicamente rivolto all alimentazione delle utenze elettriche. Le modalità con cui le reti di distribuzione venivano pianificate, progettate ed esercite non hanno subito, per un lungo lasso di tempo, alcun sostanziale mutamento. Solamente a partire dagli ultimi decenni si va assistendo ai primi segnali di un profondo mutamento che andrà gradualmente a modificare e rivoluzionare l intero assetto dei sistemi elettrici. Diverse motivazioni di carattere economico e sociale impongono una sempre maggiore attenzione verso le problematiche di sviluppo sostenibile, basate sulla necessità di una maggiore attenzione verso l ambiente e rivolte ad una progressiva deindustrializzazione e all impiego di fonti di energia di tipo rinnovabile, a discapito delle fonti in via di esaurimento. Queste ragioni hanno di fatto portato ad una progressiva evoluzione e diffusione degli SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE 4

16 1.SISTEMI DI MISURA SINCRONIZZATI NELLE RETI ELETTRICHE impianti di generazione distribuita, ovvero impianti di produzione di piccola taglia, spesso alimentati da fonti di energia rinnovabile (microturbine, impianti fotovoltaici, turbine eoliche, celle a combustibile, ecc.). Oltre alle motivazioni legate all ecosostenibilità è necessario contemplare la nuova regolamentazione concernente la privatizzazione, liberalizzazione e deregolamentazione del mercato dell energia elettrica, che mira in sostanza a sostituire al regime di monopolio, sinora in atto, dei regimi di tipo concorrenziale. Specificatamente gli orientamenti in questo senso hanno portato alla separazione degli esercizi di proprietà, gestione delle reti e di vendita di energia all utente finale; spesso le prime due pratiche possono essere associate, la terza invece deve essere svolta da soggetti indipendenti. L insieme di questi fattori, unitamente all accresciuta sensibilità da parte degli utenti finali verso le problematiche di qualità del servizio, sta determinando una forte spinta al cambiamento e all innovazione dei sistemi di distribuzione dell energia elettrica. 1.2 Problematiche di gestione e controllo nei moderni sistemi di distribuzione Nei moderni sistemi di distribuzione dell energia elettrica, soggetti ai citati cambiamenti di natura economica e tecnologica, nasce l esigenza di affrontare nuove problematiche di gestione, controllo e monitoraggio [1-3]. A questo proposito viene di seguito illustrata l evoluzione di alcuni tra i principali aspetti di maggior interesse da considerare nelle moderne reti elettriche di distribuzione Gestione energetica Molti recenti studi e progetti di ricerca nazionale ed internazionale [4] illustrano possibili scenari di gestione dei sistemi di distribuzione dell energia elettrica, tutti basati sull integrazione di impianti di generazione distribuita e sull impiego di moderne tecnologie informatiche e di telecomunicazione. Affinché i sistemi di distribuzione possano accogliere notevoli quantità di generazione distribuita non risulta più opportuno il ricorso a strutture di rete di tipo radiale, nelle quali il flusso di energia è unidirezionale, dalla sorgente verso il carico [5-6]. I nuovi sistemi di SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE 5

17 1.SISTEMI DI MISURA SINCRONIZZATI NELLE RETI ELETTRICHE distribuzione prevedono infatti un elevato numero di nodi di generazione, dislocati su tutto il territorio. In quest ottica risulta più appropriato l impiego di strutture di tipo magliato, progettate per gestire flussi di potenza bidirezionali mediante l impiego di dispositivi innovativi per il controllo dei flussi di potenza attiva e reattiva. Le reti magliate sono generalmente caratterizzate da buoni livelli di affidabilità e da una maggiore robustezza alle variazioni dinamiche sui nodi di generazione e di carico; quando necessario prevedono inoltre la possibilità di effettuare una suddivisione in microreti, ciascuna delle quali in grado di determinare in modo autonomo l acquisto di energia dalla rete di trasmissione o direttamente da altre microreti sulla base di diversi parametri (prezzo dell energia, stato dei generatori e dei carichi). I sistemi descritti prendono il nome di reti attive e prevedono la presenza contemporanea di carichi passivi, carichi controllabili e impianti di produzione (generazione distribuita). L obiettivo delle ricerche di settore è finalizzato alla realizzazione di sistemi di distribuzione di tipo autoconfigurante, in grado sia di gestire elevate concentrazioni di risorse energetiche, che di aumentare, allo stesso tempo, il livello di qualità dei servizi offerti. Un sistema di gestione così delineato non può prescindere da un efficiente azione di controllo, anche a distanza, dei sistemi dispersi sul territorio, in modo da ottenere dal loro utilizzo il massimo vantaggio funzionale ed economico. Tra i vari aspetti di gestione, uno di particolare interesse, oggetto di numerose applicazioni e ricerche scientifiche [6], è costituto dai sistemi integrati per il dispacciamento ottimo dell energia elettrica da fonti rinnovabili o assimilate e per il controllo dei carichi. L obiettivo di questi studi è rivolto alla realizzazione di sistemi automatici finalizzati ad ottimizzare la produzione e la distribuzione di energia sulla base di parametri acquisibili dall esterno (costo dell energia, previsioni meteo, modelli fisico-matematici dei processi di conversione energetica impiegati, ecc.) e di dati di ingresso ricavabili in tempo reale mediante telemisure (flussi di potenza attiva e reattiva, condizioni ambientali, stato dei processi industriali interessati e di eventuali sistemi di accumulo, ecc.). Dal momento che il sistema elettrico può cambiare la propria configurazione in modo rapido, si richiede di gestire le differenti problematiche di dispacciamento energetico in modo dinamico Sistemi di protezione I sistemi di protezione costituiscono uno dei principali punti critici nei moderni sistemi di SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE 6

18 1.SISTEMI DI MISURA SINCRONIZZATI NELLE RETI ELETTRICHE distribuzione dell energia elettrica, basati come illustrato in precedenza sull utilizzo diffuso di strutture di rete di tipo magliato. L interesse dei ricercatori del settore è rivolto allo sviluppo di adeguati schemi di protezione con un impiego intensivo di automatismi e di sistemi di telecontrollo; l adozione di questi dispositivi comporta la necessità di effettuare una completa revisione strutturale all interno dei sistemi di distribuzione, in particolare per le applicazioni caratterizzate da elevati livelli di penetrazione di generazione distribuita [7]. I sistemi di protezione utilizzati nelle reti di distribuzione sono realizzati con l intento di isolare in modo selettivo, nel più breve tempo possibile, la sola porzione di rete interessata da guasti, in modo da non causare una perdita di servizio che potrebbe comportare delle gravi ripercussioni sul servizio e sulla produttività degli utenti. Gli schemi di protezione per le reti di distribuzione di tipo magliato presentano una filosofia innovativa rispetto agli schemi tradizionali, ideati per strutture radiali, con flussi di energia che transitano univocamente dalla sorgente verso i carichi. Nelle reti di tipo radiale la selettività delle protezioni è ottenuta regolando i tempi di intervento delle protezioni in funzione della massima corrente: all occorrere di un guasto su un ramo della rete, viene isolato solamente il ramo in questione, mentre il resto del sistema è in grado di operare normalmente. Invece, nel caso di sistemi di distribuzione con elevata integrazione di generazione distribuita non risulta più valido il tradizionale coordinamento delle protezioni e pertanto non risulta più possibile determinare in modo univoco il ramo della rete affetto dal guasto [5]; inoltre un errato intervento delle protezioni può comportare un fuori servizio indesiderato su una sezione di linea sana. Per affrontare il problema del coordinamento delle protezioni sono state recentemente proposte soluzioni basate su schemi di protezione adattativa, nei quali interruttori e sezionatori, dotati di capacità di comunicazione remota e di funzioni di sincronizzazione, possono essere azionati per riconfigurare automaticamente la rete in caso di guasto, minimizzando la porzione che resta priva di alimentazione [6]. Schemi di protezione di questo tipo diventano quindi a tutti gli effetti degli algoritmi, il cui corretto funzionamento (intervento rapido in presenza di guasto e assenza di interventi intempestivi) è determinato in primo luogo dalla qualità dei dati di ingresso, e quindi dalla misura di alcuni parametri, prevalentemente vettori di corrente, acquisiti simultaneamente in punti strategici del sistema. SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE 7

19 1.SISTEMI DI MISURA SINCRONIZZATI NELLE RETI ELETTRICHE Misure di power quality Il processo di liberalizzazione e deregolamentazione del mercato dell energia, unitamente alla progressiva diffusione degli impianti di generazione distribuita, ha prodotto una maggiore attenzione verso le problematiche di power quality [2-3]. Con il termine power quality si è soliti intendere l'insieme delle problematiche e dei fenomeni legati alla qualità nella rete elettrica di alimentazione degli impianti civili e industriali. Più specificatamente con questo termine si indica l insieme dei disturbi sulla tensione di alimentazione fornita da una rete elettrica o sulla corrente assorbita da un impianto elettrico quando non vengono verificate le condizioni ideali di: frequenza costante e pari al valore nominale; ampiezza costante e pari al valore nominale; forma d onda sinusoidale; terna simmetrica diretta nel caso di sistemi trifase; continuità del servizio. La qualità dell energia implica sia la qualità del prelievo che la qualità della fornitura. Al fine di assicurare il corretto esercizio dei sistemi elettrici tutte le parti in causa devono rispettare determinate condizioni: il fornitore deve garantire delle tensioni di alimentazione che non alterino il sicuro e corretto funzionamento dei carichi; gli utenti d altra parte devono rispondere a particolari requisiti, in modo da non iniettare in rete disturbi nocivi agli altri carichi e quindi alla qualità della fornitura. La liberalizzazione del mercato dell energia rende oggigiorno sempre più importante individuare le responsabilità per questi disturbi tra i diversi soggetti che interagiscono nel sistema elettrico e suggerisce l utilizzo di opportuni parametri come possibile metrica per caratterizzare la qualità del servizio offerto da una società distributrice [8]. Ciò ha determinato nell'ambito internazionale un proliferare di iniziative di tipo scientifico e normativo per la definizione di opportuni criteri di valutazione dello stato del sistema elettrico di distribuzione e per la realizzazione di sistemi di misura atti a implementare, in modo efficiente, le metodologie proposte [8-17]. Spesso scarsa attenzione è stata dedicata alla qualificazione metrologica di tali misure, per le quali è opportuno implementare e attuare procedure non tradizionali [18-20]. In generale, infatti, le misure di power quality sulle reti di distribuzione dell energia elettrica possono SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE 8

20 1.SISTEMI DI MISURA SINCRONIZZATI NELLE RETI ELETTRICHE essere utilizzate per diversi scopi (applicazioni contrattuali, individuazione dei guasti, indagini statistiche, ecc.) e ciascuna specifica applicazione influisce sulla strumentazione e sulla procedura di misura da adottare. La diversa natura dei disturbi che possono verificarsi in una rete di distribuzione rende problematica la definizione di metodologie di misura e di monitoraggio che assumano validità generale. La particolare tipologia di fenomeno considerato, infatti, influenza in modo significativo le caratteristiche del sistema di misura. Alla luce di queste considerazioni è ormai da tempo aperto un dibattito sia sulla scelta delle procedure più adatte per individuare le sorgenti dei disturbi introdotti in rete sia sulla pratica applicabilità di tali metodologie, con riferimento alla sensibilità verso le incertezze [13-15,21-24]. Gli studi condotti a tal proposito consentono di affermare che i metodi basati su misure simultanee in diversi nodi della rete appaiono come i più promettenti [13, 25-26]. 1.3 Sistemi di misura distribuiti nelle reti elettriche di distribuzione Le problematiche di varia natura che vanno ad investire le moderne reti elettriche hanno determinato nella comunità scientifica, e soprattutto tra gli operatori, un proliferare di iniziative finalizzate alla definizione di opportuni criteri di valutazione dello stato del sistema elettrico di distribuzione, valutazione della qualità del servizio offerto agli utenti e individuazione delle sorgenti disturbanti. In virtù degli aspetti precedentemente esposti, di non immediata soluzione, in uno scenario che vede crescere continuamente i livelli di penetrazione della generazione distribuita, diventa sempre più importante sviluppare dei sistemi di misura affidabili e flessibili, in grado di fornire con continuità dei dati aggiornati sulle caratteristiche della rete elettrica. Le indicazioni fornite da tali sistemi di misura devono essere utilizzate sia per aspetti di gestione e protezione del sistema che per fini tariffari dal momento che, nel mercato libero, diventa fondamentale identificare i soggetti del sistema elettrico responsabili dei disturbi prodotti in rete. Occorre considerare che tutte le problematiche di gestione, monitoraggio e controllo devono essere gestite dinamicamente, in quanto il sistema elettrico può cambiare configurazione in modo rapido. Emerge pertanto la necessità di avere a disposizione con continuità dei dati aggiornati ed attendibili sulle caratteristiche del sistema stesso: ciò rende indispensabile la realizzazione di sistemi di misura distribuiti su larga scala in grado di operare misure sui diversi nodi di una rete di distribuzione [13, 15]. SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE 9

21 1.SISTEMI DI MISURA SINCRONIZZATI NELLE RETI ELETTRICHE Nel corso degli ultimi anni, il crescente progresso tecnologico ha permesso di progettare e realizzare, con costi relativamente contenuti, opportuni sistemi di misura ad architettura distribuita. Essi sono generalmente composti da unità di misura installate in prossimità dei nodi della rete elettrica e collegate, tramite reti LAN o WAN, ad una unità di controllo che riceve i dati, li elabora e fornisce informazioni utili, che possono essere impiegate nell ambito delle diverse applicazioni citate. In una strategia di misura basata sull impiego di unità dislocate su lunga distanza è necessario definire delle opportune procedure per garantire la riferibilità dei risultati. I rischi, economici o legati alla sicurezza, derivanti da eventuali decisioni non corrette rendono essenziale valutare la qualità delle informazioni fornite dal sistema di misura. Per soddisfare questa esigenza è necessario disporre di dati di misura affidabili e aggiornati, che siano continuamente sincronizzati tra loro, in modo estremamente accurato. La sincronizzazione può essere ottenuta mediante l impiego di diverse sorgenti: per le esigenze più avanzate, nelle quali ad esempio si richiedono valori di sincronizzazione tra i dispositivi dell'ordine di poche centinaia di nanosecondi, il sistema più opportuno appare quello basato su ricevitori satellitari GPS; nel caso invece di specifiche meno stringenti si possono convenientemente impiegare soluzioni alternative, quali quelle basate sui protocolli di sincronizzazione (per esempio NTP, Network Time Protocol). Questi aspetti verranno approfonditi più nel dettaglio nel capitolo seguente. 1.4 Sistemi PMU Tra i diversi dispositivi impiegati per le pratiche applicazioni di misura distribuite nell ambito dei sistemi elettrici, i sistemi PMU sono quelli che attualmente trovano maggiore diffusione. I dispositivi PMU (Phasor Measurement Unit) sono utilizzati per la misura dei fasori sincronizzati rappresentativi delle grandezze elettriche di interesse [27]. Ciascuna unità PMU è in grado di acquisire istantaneamente segnali di tensione e di corrente in modo sincronizzato mediante l utilizzo di una opportuna sorgente di sincronizzazione, tipicamente di tipo GPS. Nei dispositivi PMU presenti in commercio i segnali di rete vengono solitamente acquisiti con una frequenza di campionamento relativamente bassa, che varia tra le 12 e le 48 volte rispetto alla frequenza di rete. Questo significa che nel caso di sistemi con frequenza nominale pari a f n = 50 Hz vengono acquisiti tra i 600 e i 2400 campioni al secondo; nel caso invece di sistemi con f n = 60 Hz in ogni secondo viene acquisito un numero SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE 10

22 1.SISTEMI DI MISURA SINCRONIZZATI NELLE RETI ELETTRICHE di campioni compreso tra 720 e Le grandezze campionate vengono successivamente sottoposte ai circuiti dedicati alla conversione analogico-digitale (AD) [28]. Nelle grande maggioranza delle unità di misura fasoriale il processo di acquisizione dei dati risulta direttamente sincronizzato, mediante l impiego di circuiti interni ad aggancio di fase di tipo PLL (Phase Locked Loop), a sorgenti di riferimento satellitari che garantiscono livelli di accuratezza nella sincronizzazione inferiori al microsecondo. La valutazione delle ampiezze e delle fasi dei segnali di tensione e corrente è ottenuta con l impiego di tecniche di signal processing, basate su algoritmi di tipo DFT (Discrete Fourier Trasform). I sincrofasori così ottenuti vengono correlati al riferimento temporale mediante l impiego di etichette (timestamp) associate ai dati e contenenti tutte le indicazioni temporali necessarie, dall'anno passando ai secondi, sino ad arrivare alle frazioni di secondo. Figura 1.1 Diagramma a blocchi di un tipico sistema PMU commerciale Le PMU sono installate in tutti quei punti della rete elettrica su cui si vogliono misurare i valori di tensione, corrente e frequenza; i dati raccolti sono inviati ad un concentratore, detto Phasor Data Concentrator (PDC), con una frequenza di campioni per secondo, e successivamente ad un centro di controllo. Il concentratore esegue una correlazione temporale di tutte le misure provenienti dalle PMU, dislocate su larga scala. L intera sequenza o il particolare sottoinsieme di dati di interesse vengono quindi resi disponibili al centro di controllo, che provvede quindi ad apportare le eventuali modifiche sul sistema elettrico. SINCRONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI NELLE RETI ELETTRICHE 11

I sistemi elettrici: lezione introduttiva. Prof.ssa Maria Dicorato

I sistemi elettrici: lezione introduttiva. Prof.ssa Maria Dicorato I sistemi elettrici: lezione introduttiva Prof.ssa Maria Dicorato La produzione di energia elettrica L insieme dei mezzi di produzione, denominato centrali elettriche, nei quali avviene la trasformazione

Dettagli

trasmissione/distribuzione?

trasmissione/distribuzione? Come rendere smart una rete di trasmissione/distribuzione? Il contributo degli specialisti software nell implementazione di smart grid. Giuseppe Menin - COPA-DATA GmbH giuseppe.menin@copadata.it 11.2010

Dettagli

La Generazione Distribuita: evoluzione e prospettive. Torna al programma

La Generazione Distribuita: evoluzione e prospettive. Torna al programma La Generazione Distribuita: evoluzione e prospettive Torna al programma 1 La presentazione al Convegno ATI/AEI di questa memoria si inquadra nell attività che il Gruppo Distribuzione Pubblica dell A.E.I.

Dettagli

Controllo del sistema in tempo reale

Controllo del sistema in tempo reale Controllo del sistema in tempo reale L obiettivo principale del controllo in tempo reale del sistema elettrico è quello di assicurare, istante per istante, la copertura del fabbisogno, ottemperando ai

Dettagli

Il Monitoraggio della Rete Elettrica Sistema MRE. Stefano Zanin Sales Account Manager SELTA S.p.A.

Il Monitoraggio della Rete Elettrica Sistema MRE. Stefano Zanin Sales Account Manager SELTA S.p.A. Il Monitoraggio della Rete Elettrica Sistema MRE Stefano Zanin Sales Account Manager SELTA S.p.A. Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre 2009 La Stazione Elettrica nella rete

Dettagli

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate Stabilizzazione della frequenza e della tensione nelle reti elettriche isolate SOMMARIO 1 Introduzione... 3 2 I requisiti fondamentali di una rete stabile isolata... 3 3 I requisiti dei sistemi di stabilizzazione

Dettagli

FORUM TELECONTROLLO 2013

FORUM TELECONTROLLO 2013 FORUM TELECONTROLLO 2013 Relazione Titolo: Sulla strada per la Smart City Tecnologie e soluzioni innovative per aumentare l efficienza delle Reti Idriche. Relazione: Le città si stanno trasformando in

Dettagli

Stabilizzazione delle micro reti e dei sistemi di cogenerazione

Stabilizzazione delle micro reti e dei sistemi di cogenerazione Stabilizzazione delle micro reti e dei sistemi di cogenerazione Nothing protects quite like Piller piller.com Sommario 1 Introduzione 3 2 Requisiti di base di una rete isolata stabile 3 3 Requisiti per

Dettagli

l evoluzione del sistema elettrico verso le reti attive Massimo Gallanti RSE

l evoluzione del sistema elettrico verso le reti attive Massimo Gallanti RSE Smart Grids: definizione, applicazione e modelli: l evoluzione del sistema elettrico verso le reti attive Massimo Gallanti RSE Perché le Smart Grids Gli obiettivi i della politica energetica europea come

Dettagli

Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03

Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03 Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03 Intervento del Direttore Energy Management di Tirreno Power Ugo Mattoni Roma, 17 luglio

Dettagli

Alimentazione elettrica Tensione di rete

Alimentazione elettrica Tensione di rete Alimentazione elettrica Tensione di rete In conseguenza dei principi fisici con i quali funzionano le macchine per la produzione, il trasferimento e l impiego dell energia elettrica, nelle nostre case

Dettagli

Centrali ibride, tecniche di controllo per la gestione di micro reti intelligenti

Centrali ibride, tecniche di controllo per la gestione di micro reti intelligenti 84 Centrali ibride, tecniche di controllo per la gestione di micro reti intelligenti Le centrali ibride, elemento chiave per poter realizzare e controllare le microreti ad alta penetrazione di Fonti Energetiche

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! L interfaccia tra i sistemi di controllo ed i sistemi elettrici: nuove architetture basate su reti e/o bus di comunicazione Andrea Bazzani Michele Monaco Sergio Guardiano SISTEMI

Dettagli

SISTEMI DI AUTOMAZIONE PER LA GESTIONE DELLE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE

SISTEMI DI AUTOMAZIONE PER LA GESTIONE DELLE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE SISTEMI DI AUTOMAZIONE PER LA GESTIONE DELLE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE S. Grillo (1), L. Cicognani (2), S. Massucco (1), S. Scalari (3), P. Scalera (2), F. Silvestro (1) stefano.massucco@unige.it

Dettagli

il progetto Milano Wi-Power

il progetto Milano Wi-Power 22 Aprile 2010 - Roma Verso infrastrutture intelligenti per le utility Telecomunicazioni innovative nel controllo e protezione della GD: D. Falabretti,, G. Monfredini, V. Olivieri, M. Pozzi Dipartimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA INGEGNERIA ENERGETICA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA INGEGNERIA ENERGETICA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Tesi di Laurea Specialistica in INGEGNERIA ENERGETICA STRATEGIE DI OTTIMIZZAZIONE PER L INCREMENTO DELLA PENETRAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI IN UN SISTEMA ENERGETICO

Dettagli

SISTEMI SCADA DMS PER LA SUPERVISIONE E TELCONTROLLO DELLA RETE MT/BT DELLE CITTA DI BRESCIA E VERONA

SISTEMI SCADA DMS PER LA SUPERVISIONE E TELCONTROLLO DELLA RETE MT/BT DELLE CITTA DI BRESCIA E VERONA SISTEMI SCADA DMS PER LA SUPERVISIONE E TELCONTROLLO DELLA RETE MT/BT DELLE CITTA DI BRESCIA E VERONA s.d.i. automazione industriale ha realizzato i sistemi di telecontrollo e automazione della rete di

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD

LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD M. Delfanti, G. Monfredini, V. Olivieri Politecnico di Milano Introduzione Le smart grid, basate su strutture e modalità operative fortemente

Dettagli

Le micro reti intelligenti per la gestione efficiente dell'energia in impianti industriali.

Le micro reti intelligenti per la gestione efficiente dell'energia in impianti industriali. Le micro reti intelligenti per la gestione efficiente dell'energia in impianti industriali. Giordano Torri Nidec-ASI Fondazione Megalia, 6 Giornata sull efficienza energetica Milano, 14 Maggio 2013 www.nidec-asi.com

Dettagli

Studio, sviluppo e validazione di metodi e strumenti innovativi per la gestione di reti di distribuzione attive con generazione da fonte rinnovabile

Studio, sviluppo e validazione di metodi e strumenti innovativi per la gestione di reti di distribuzione attive con generazione da fonte rinnovabile Studio, sviluppo e validazione di metodi e strumenti innovativi per la gestione di reti di distribuzione attive con generazione da fonte rinnovabile Presentazione del progetto www.smartgen.it Scopo: Contesto:

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale ALGORITMI PER IL PROGETTO DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA IN RETI ELETTRICHE A BASSA TENSIONE

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale ALGORITMI PER IL PROGETTO DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA IN RETI ELETTRICHE A BASSA TENSIONE DI DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE E SCIENZE MATEMATICHE Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale ALGORITMI PER IL PROGETTO DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA IN RETI ELETTRICHE

Dettagli

REGOLAZIONE TECNICA DEI REQUISITI DI SISTEMA DELLA GENERAZIONE DISTRIBUITA

REGOLAZIONE TECNICA DEI REQUISITI DI SISTEMA DELLA GENERAZIONE DISTRIBUITA N 02 1 di 13 REGOLAZIONE TECNICA DEI REQUISITI DI SISTEMA DELLA GENERAZIONE DISTRIBUITA Storia delle revisioni 01 13/03/2012 Prima emissione 02 03/08/2012 Chiarimenti interpretativi N 02 2 di 13 INDICE

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO Allegato A TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN MATERIA DI QUALITA DEI SERVIZI DI DISTRIBUZIONE, MISURA E VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione

Dettagli

CALBATT. Sito web: www.calbatt.com Email: info@calbatt.com Telefono: +39 0984 494273 LinkedIn: CalBatt

CALBATT. Sito web: www.calbatt.com Email: info@calbatt.com Telefono: +39 0984 494273 LinkedIn: CalBatt CALBATT CalBatt è una società spin-off dell'università della Calabria. La Società è stata fondata nel 2011 per valorizzare il know-how e la proprietà intellettuale nel campo dei sistemi elettronici, sviluppati

Dettagli

Energy Storage - state of the art and evolution scenarios: looking for a killer application

Energy Storage - state of the art and evolution scenarios: looking for a killer application Energy Storage - state of the art and evolution scenarios: looking for a killer application Maurizio Delfanti, Davide Falabretti, Marco Merlo Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Introduzione:

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

s.d.i. automazione industriale s.r.l. o www.sdiautomazione.it

s.d.i. automazione industriale s.r.l. o www.sdiautomazione.it ID 33 PROGETTO R&S UTILTEC Tecnologie innovative per i servizi di pubblica utilità Contatto: Email: m.dechirico@sdiautomazione.it s.d.i. automazione industriale s.r.l. o www.sdiautomazione.it MICRO SYSTEM

Dettagli

Rinnovabili: oltre gli incentivi

Rinnovabili: oltre gli incentivi Rinnovabili: oltre gli incentivi Presente e futuro della manutenzione e della gestione degli impianti ABB Power Sytems Division Luca Cicognani, Piergiorgio Guidi, Gabriele Nani Forum Telecontrollo Reti

Dettagli

SISTEMI DI CONTROLLO E PROTEZIONE DELLE CENTRALI EOLICHE [PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE]

SISTEMI DI CONTROLLO E PROTEZIONE DELLE CENTRALI EOLICHE [PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE] 1 di 17 SISTEMI DI CONTROLLO E PROTEZIONE DELLE CENTRALI EOLICHE [PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE] Redatto Collaborazioni Verificato Approvato R. Gnudi - L. Caciolli C. Cassaro N. Garau A. Costanzo

Dettagli

IMPEL SYSTEMS Srl. Introduzione

IMPEL SYSTEMS Srl. Introduzione REGOLAZIONE DELLA QUALITA DEI SERVIZI DI DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA: SISTEMA SCADA PER LA GESTIONE AUTOMATICA SECONDO I DETTAMI DELL AUTORITA PER L ENERGIA IMPEL SYSTEMS Srl I piccoli gestori

Dettagli

Correnti di corto circuito

Correnti di corto circuito Correnti di corto circuito Definizioni Cortocircuito: - Contatto accidentale o intenzionale, di resistenza o impedenza relativamente basse, tra due o più punti a diversa tensione di un circuito. (VEI 151-03-41).

Dettagli

Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero

Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero di soluzioni circuitali, in dipendenza sia dal livello

Dettagli

Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo

Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo Torna al programma Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo Tecnologie e sistemi di comunicazione per il controllo di generatori distribuiti e reti L. Capetta Definizione

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

SCADA: struttura modulare

SCADA: struttura modulare Sistemi per il controllo di supervisione e l acquisizione dati o (Supervisory Control And Data Acquisition) Sistema informatico di misura e controllo distribuito per il monitoraggio di processi fisici

Dettagli

UPS Rotanti e gruppi elettrogeni. Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza

UPS Rotanti e gruppi elettrogeni. Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza UPS Rotanti e gruppi elettrogeni Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza Content 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche dei moderni UPS rotanti... 3 3 Tempo di autonomia... 6 4 Combinazioni

Dettagli

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Roma, 27 giugno 2013 Contenuti Nozioni sulla filiera elettrica Il servizio di dispacciamento e l integrazione con la borsa elettrica Il modello

Dettagli

Sistema di controllo dello scambio di potenza tra accumulo e rete

Sistema di controllo dello scambio di potenza tra accumulo e rete Sezione Toscana e Umbria Nord Pisa 22 maggio 2013 dell'energia da fonti rinnovabili e per i servizi di potenza Sistema di controllo dello scambio di potenza tra accumulo e rete Stefano Barsali Dipartimento

Dettagli

GUIDA TECNICA. A.8 CORRENTI DI CORTO CIRCUITO E TEMPO DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI IMPIANTI DELLE RETI A TENSIONE UGUALE O SUPERIORE A 120 kv

GUIDA TECNICA. A.8 CORRENTI DI CORTO CIRCUITO E TEMPO DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI IMPIANTI DELLE RETI A TENSIONE UGUALE O SUPERIORE A 120 kv GUIDA TECNICA Allegato A.8 1 di 23 A.8 DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI Storia delle revisioni Rev.00 25/05/2001 Prima emissione Rev.01 26/04/2005 Rev.02 01/09/2010 Modifiche al paragrafo 5.2.2 (Correnti

Dettagli

INNOVATIVE SOLUTIONS FOR DVB-T/T2 SINGLE FREQUENCY NETWORK SYNCHRONIZATION GPS-MXS IL PROGETTO SOS

INNOVATIVE SOLUTIONS FOR DVB-T/T2 SINGLE FREQUENCY NETWORK SYNCHRONIZATION GPS-MXS IL PROGETTO SOS INNOVATIVE SOLUTIONS FOR DVB-T/T2 SINGLE FREQUENCY NETWORK SYNCHRONIZATION GPS-MXS IL PROGETTO SOS GPS-MXS Generatore di segnali di riferimento Tempo-Frequenza a sorgenti multiple Digital, a seguito della

Dettagli

REGIONE BASILICATA. Contratto di prestazione di servizi

REGIONE BASILICATA. Contratto di prestazione di servizi REGIONE BASILICATA Contratto di prestazione di servizi PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO QUINQUENNALE DEL SERVIZIO DI GESTIONE E MANUTENZIONE DEL SISTEMA INFORMATICO DELL AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE

Dettagli

Oggetto: commenti al documento di consultazione 255/2015/eel dell AEEGSI.

Oggetto: commenti al documento di consultazione 255/2015/eel dell AEEGSI. Bologna 20 luglio 2015 Spettabile Autorità per l energia elettrica il gas ed il sistema idrico Piazza Cavour, 5 20121 Milano Oggetto: commenti al documento di consultazione 255/2015/eel dell AEEGSI. Gentili

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE b. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di

Dettagli

RAM ABB - IL PROCESSO RAM. I processi di analisi RAM, già istituzionalizzati

RAM ABB - IL PROCESSO RAM. I processi di analisi RAM, già istituzionalizzati ABB - IL PROCESSO RAM un modello di valore Le analisi di affidabilità, disponibilità e manutenibilità (RAM: Reliability, Availability, Maintainability) si apprestano a diventare lo standard in tutti i

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 642/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

ALLEGATO GMR - Gestione e Manutenzione Reti

ALLEGATO GMR - Gestione e Manutenzione Reti AZIENDA OSPEDALIERA SAN CARLO Via Potito Petrone 85100 Potenza - Tel. 0971-61 11 11 Codice Fiscale e Partita IVA 01186830764 ALLEGATO GMR - PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE E MANUTENZIONE DEL SISTEMA INFORMATICO

Dettagli

A Palazzo Madama la sicurezza è di casa

A Palazzo Madama la sicurezza è di casa A Palazzo Madama la sicurezza è di casa di Giovanni Contardi, Responsabile Security & Safety del Senato della Repubblica e Fabio Garzia, Docente di Sistemi di Sicurezza Anticrimine nel corso di laurea

Dettagli

C. Arrigoni D. Manocchia. S. Liotta S. Alessandroni. C. Michelangeli C. Carlini

C. Arrigoni D. Manocchia. S. Liotta S. Alessandroni. C. Michelangeli C. Carlini Il progetto pilota Smart Grid di ACEA Distribuzione: criteri innovativi nel controllo delle reti elettriche di Media Tensione in presenza di generazione distribuita S. Liotta S. Alessandroni C. Arrigoni

Dettagli

Allegato III CONDIZIONI DI SERVIZIO

Allegato III CONDIZIONI DI SERVIZIO CONSORZIO COMUNI B.I.M. DI VALLE CAMONICA Procedura per l individuazione di un socio privato che partecipi alla costituzione di una società di capitali nella forma di società a responsabilità limitata

Dettagli

Power conversion system per fotovoltaico ed energy storage residenziale

Power conversion system per fotovoltaico ed energy storage residenziale Power conversion system per fotovoltaico ed energy storage residenziale Giordano Torri Nidec-ASI Fondazione Megalia. Convegno su L uso razionale dell energia negli edifici civili e nel terziario. Milano,

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

Via F. Bulgherini 1 25020 FLERO (BS) Tel. 030/2563480 Fax. 030/2563470 Via Verdi, 70-20038 SEREGNO (MI) Tel. 0362/237874 P.IVA 03248470175 Cap. Soc.

Via F. Bulgherini 1 25020 FLERO (BS) Tel. 030/2563480 Fax. 030/2563470 Via Verdi, 70-20038 SEREGNO (MI) Tel. 0362/237874 P.IVA 03248470175 Cap. Soc. AS/400 STAMPANTI SERVER WINDOWS WORKSTATIONS MATERIALI DI CONSUMO SERVER LINUX CORSI DI FORMAZIONE CHI SIAMO Solution Line è una società di consulenza composta da professionisti di pluriennale esperienza,

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Tecnologie e soluzioni innovative per aumentare l efficienza delle Reti Idriche. Ing. Emilio Benati Presidente di FAST SpA

Tecnologie e soluzioni innovative per aumentare l efficienza delle Reti Idriche. Ing. Emilio Benati Presidente di FAST SpA Tecnologie e soluzioni innovative per aumentare l efficienza delle Reti Idriche Ing. Emilio Benati Presidente di FAST SpA «Competitività e Sostenibilità. Progetti e tecnologie al servizio delle reti di

Dettagli

Università degli Studi di Teramo Facoltà di Agraria - Mosciano Sant Angelo. 10 Marzo 2009. Energia elettrica

Università degli Studi di Teramo Facoltà di Agraria - Mosciano Sant Angelo. 10 Marzo 2009. Energia elettrica Università degli Studi di Teramo Facoltà di Agraria - Mosciano Sant Angelo 10 Marzo 2009 Energia elettrica Ripianificare la rete elettrica di trasporto per lo sviluppo regionale Pietro Pastorelli Confindustria

Dettagli

LO STORAGE DI ELETTRICITÀ E L'INTEGRAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI NEL SISTEMA ELETTRICO

LO STORAGE DI ELETTRICITÀ E L'INTEGRAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI NEL SISTEMA ELETTRICO MILANO, 8 maggio 2013 RSE - Ricerca sul Sistema Energetico LO STORAGE DI ELETTRICITÀ E L'INTEGRAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI NEL SISTEMA ELETTRICO L accumulo elettrochimico: il punto di vista dell industria

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLA DELIBERAZIONE 8 NOVEMBRE 2006, N. 246/06

RELAZIONE TECNICA ALLA DELIBERAZIONE 8 NOVEMBRE 2006, N. 246/06 RELAZIONE TECNICA ALLA DELIBERAZIONE 8 NOVEMBRE 2006, N. 246/06 MODIFICHE AL TESTO INTEGRATO DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI ELETTRICI DI CUI ALL ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE 30 GENNAIO 2004, N. 4/04, E SUCCESSIVE

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 256/2012/R/EEL

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 256/2012/R/EEL DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 256/2012/R/EEL MONITORAGGIO DELLA INDISPONIBILITA DEGLI ELEMENTI COSTITUENTI LA RETE DI TRASMISSIONE NAZIONALE E CONTROLLI SUI DATI DI QUALITA DEL SERVIZIO DI TRASMISSIONE

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso RETELIT Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.9 Innovare la comunicazione aziendale

Dettagli

5 Gestione dei progetti software. 5.1 Attività gestionale. Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software

5 Gestione dei progetti software. 5.1 Attività gestionale. Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software 5 Gestione dei progetti software. Dopo aver completato lo studio del ciclo di vita del software, in questa parte vengono discussi gli aspetti gestionali della produzione del software. Vengono esaminate

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO FACOLTA DI INGEGNERIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO FACOLTA DI INGEGNERIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA ELETTRICA E DELL INFORMAZIONE TESI DI DOTTORATO MERCATO ELETTRICO LIBERALIZZATO:

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

Aspetti energetici. Capitolo 2

Aspetti energetici. Capitolo 2 Capitolo 2 Aspetti energetici 2.1 2.1 Introduzione Un impianto è costituito da componenti uniti fra di loro tramite collegamenti nei quali avviene un trasferimento di potenza esprimibile attraverso il

Dettagli

Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente

Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente Presented by Paolo Bellofiore Telespazio Roma, 24 marzo 2011 CNR Piazzale A. Moro 7 Tecnologie satellitari Soluzione

Dettagli

CRITERI DI CONNESSIONE AL SISTEMA DI CONTROLLO DI TERNA

CRITERI DI CONNESSIONE AL SISTEMA DI CONTROLLO DI TERNA Pag. 1 di 11 CRITERI DI CONNESSIONE AL SISTEMA DI CONTROLLO DI TERNA Pag. 2 di 11 INDICE 1 Scopo... 3 2 Campo di applicazione... 3 3 Documenti di riferimento... 3 4 Premessa... 3 5 Descrizione del Sistema

Dettagli

Il progetto Navicelli SmartGrids. Giovandomenico Caridi Navicelli di Pisa Sandra Scalari Enel Ingegneria e Innovazione

Il progetto Navicelli SmartGrids. Giovandomenico Caridi Navicelli di Pisa Sandra Scalari Enel Ingegneria e Innovazione Il progetto Navicelli SmartGrids Giovandomenico Caridi Navicelli di Pisa Sandra Scalari Enel Ingegneria e Innovazione L obiettivo del progetto Il progetto nasce per dimostrare la fattibilità tecnica della

Dettagli

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo GREEN ENERGY PLUS S.R.L. Via della Ricerca Scientifica snc c/o Parco Scientifico Romano

Dettagli

Misura profila Trasmette Attiva

Misura profila Trasmette Attiva WATER MOBILITY ENERGY INDUSTRIAL LIGHTING Misura profila Trasmette Attiva CONOSCENZA DEI CARICHI OTTIMIZZAZIONE DEI CONSUMI RISPARMIO ENERGETICO AUMENTO EFFICIENZA CONTROLLO DEI PROCESSI L APPARATO PER

Dettagli

Ing. Fabio Nussio STA

Ing. Fabio Nussio STA Il progetto HEAVEN, suoi risultati e sviluppi della catena Traffico-Ambiente a Roma Ing. Fabio Nussio STA La S.T.A. S.p.A. ha partecipato in qualità di co-ordinatore e in collaborazione con il Dip. X del

Dettagli

Corso di Amministrazione di Reti A.A.2002/2003

Corso di Amministrazione di Reti A.A.2002/2003 La gestione della Rete Corso di Amministrazione di Reti A.A.2002/2003 Materiale preparato utilizzando dove possibile materiale AIPA http://www.aipa.it/attivita[2/formazione[6/corsi[2/materiali/reti%20di%20calcolatori/welcome.htm

Dettagli

Da quest anno: Sistema Elettrico e Mercato dell Energia è un corso del tutto indipendente

Da quest anno: Sistema Elettrico e Mercato dell Energia è un corso del tutto indipendente Sistema elettrico e mercato dell energia (Introduzione al Corso) Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale, 6cfu Anni scorsi: Analisi Tecnico Economica del Sistema Elettrico (12 cfu) si componeva di due

Dettagli

Misure di frequenza e di tempo

Misure di frequenza e di tempo Misure di frequenza e di tempo - 1 Misure di frequenza e di tempo 1 - Contatori universali Schemi e circuiti di riferimento Per la misura di frequenza e di intervalli di tempo vengono diffusamente impiegati

Dettagli

crisalli@ing.uniroma2.it

crisalli@ing.uniroma2.it corso di Teoria e Tecnica della Circolazione + Trasporti e Territorio a.a. 2012-2013 ITS Intelligent t Transport Systems TRAFFIC ENFORCEMENT SYSTEMS ( il TUTOR ) Prof. Ing. Umberto Crisalli Dipartimento

Dettagli

TELECONTROLLO DELLA PRODUZIONE D IMPIANTI EOLICI E FOTOVOLTAICI DI ENEL GREEN POWER

TELECONTROLLO DELLA PRODUZIONE D IMPIANTI EOLICI E FOTOVOLTAICI DI ENEL GREEN POWER TELECONTROLLO DELLA PRODUZIONE D IMPIANTI EOLICI E FOTOVOLTAICI DI ENEL GREEN POWER s.d.i. ha realizzato, per ENEL Green Power, una serie di sistemi per il telecontrollo e la supervisione di impianti di

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SISTEMA

DESCRIZIONE DEL SISTEMA DESCRIZIONE DEL SISTEMA 1) DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA DI TRASPORTO DEL TRASPORTATORE 5 1.1) I METANODOTTI 5 1.1.1) I METANODOTTI DI IMPORTAZIONE 5 1.1.2) I METANODOTTI DI TRASPORTO PRIMARIO 5 1.1.3)

Dettagli

Cesare Pallucca Application Engineer Manager Omron Electronics Spa

Cesare Pallucca Application Engineer Manager Omron Electronics Spa Reti di telecontrollo per le acque: i vantaggi nella modernizzazione degli impianti Cesare Pallucca Application Engineer Manager Omron Electronics Spa Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica L indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica propone una formazione polivalente che unisce i principi, le tecnologie e le pratiche

Dettagli

Impatti trascurabili Profili di tensione. direzionali) Assenza di fenomeni di isola indesiderata Integrazione informativa GD non necessaria

Impatti trascurabili Profili di tensione. direzionali) Assenza di fenomeni di isola indesiderata Integrazione informativa GD non necessaria Confronto Generazione - Carico Scenari attuali e futuri Carico Equilibrio Generazione technology focus DAGLI INVERTER INTELLIGENTI ALLA SMART GRID Progetti ed esigenze dei per la gestione della rete in

Dettagli

EUROPEAN COMMISSION DIRECTORATE-GENERAL ENERGY AND TRANSPORT ILPROGRAMMA EUROPEO MOTOR CHALLENGE. Modulo: Azionamenti Elettrici

EUROPEAN COMMISSION DIRECTORATE-GENERAL ENERGY AND TRANSPORT ILPROGRAMMA EUROPEO MOTOR CHALLENGE. Modulo: Azionamenti Elettrici EUROPEAN COMMISSION DIRECTORATE-GENERAL ENERGY AND TRANSPORT New Energies & Demand Management Promotion of Renewable Energy Sources & Demand Management Brussels, 1 Gennaio 2003 ILPROGRAMMA EUROPEO MOTOR

Dettagli

SVILUPPO DELLE SMART GRID: OPPORTUNITÀ PER LE AZIENDE ITALIANE DEL SETTORE

SVILUPPO DELLE SMART GRID: OPPORTUNITÀ PER LE AZIENDE ITALIANE DEL SETTORE SVILUPPO DELLE SART GRID: OPPORTUNITÀ PER LE AZIENDE ITALIANE DEL SETTORE prof. aurizio Delfanti ing. Valeria Olivieri SVILUPPO DELLE SART GRID: OPPORTUNITÀ PER LE AZIENDE ITALIANE DEL SETTORE L innovazione

Dettagli

PRESCRIZIONI PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI DELLE UNITÀ DI PRODUZIONE PER LA RIACCENSIONE DEL SISTEMA ELETTRICO

PRESCRIZIONI PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI DELLE UNITÀ DI PRODUZIONE PER LA RIACCENSIONE DEL SISTEMA ELETTRICO GUIDA TECNICA Rev. 00 1 di 12 PRESTAZIONI DELLE UNITÀ DI PRODUZIONE PER LA RIACCENSIONE DEL SISTEMA ELETTRICO Storia delle revisioni Rev. Descrizione della revisione Autore Data Rev. 00 A.CARRANO 19-07-2004

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli

RAMS: la gestione completa delle attività degli Istituti di Vigilanza e Sorveglianza

RAMS: la gestione completa delle attività degli Istituti di Vigilanza e Sorveglianza RAMS: la gestione completa delle attività degli Istituti di Vigilanza e Sorveglianza White Paper 1 Gennaio 2005 White Paper Pag. 1 1/1/2005 La gestione degli Istituti di Vigilanza e Sorveglianza L efficienza

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Il sistema idrico Agri-Basento

Il sistema idrico Agri-Basento Il sistema idrico Agri-Basento Ammodernamento per ottimizzazione energetica e miglior utilizzo del personale di Roberto Petrullo, Francesco Mancusi, Vincenzo Lanave GLa gestione operativa del sistema idrico

Dettagli

Ing. Giovandomenico Caridi

Ing. Giovandomenico Caridi PRODUZIONE COGENERATIVA DI ENERGIA ELETTRICA E CALORE DA FONTI RINNOVABILI: OTTIMIZZAZIONE DI RETI ELETTRICHE E DI CALORE SULLA BASE DELLO SVILUPPO DELLE RINNOVABILI Ing. Giovandomenico Caridi CONFERENZA

Dettagli

Le opportunità dell accumulo nel Quinto Conto Energia

Le opportunità dell accumulo nel Quinto Conto Energia Le opportunità dell accumulo nel Quinto Conto Energia Sottotitolo: Il contributo degli accumuli per aumentare la quota di autoconsumo dei consumatori con impianto di generazione FV Autori: Renato Urban,

Dettagli

Misura profila Trasmette Attiva

Misura profila Trasmette Attiva WATER MOBILITY ENERGY INDUSTRIAL LIGHTING Misura profila Trasmette Attiva CONOSCENZA DEI CARICHI OTTIMIZZAZIONE DEI CONSUMI RISPARMIO ENERGETICO AUMENTO EFFICIENZA CONTROLLO DEI PROCESSI L APPARATO PER

Dettagli

I SISTEMI COMPUTERIZZATI PER LA RILEVAZIONE, L ANALISI E L OTTIMIZZAZIONE DEI CONSUMI

I SISTEMI COMPUTERIZZATI PER LA RILEVAZIONE, L ANALISI E L OTTIMIZZAZIONE DEI CONSUMI I SISTEMI COMPUTERIZZATI PER LA RILEVAZIONE, L ANALISI E L OTTIMIZZAZIONE DEI CONSUMI Giovanni Barozzi, Agostino Colombi AUTECO SISTEMI SRL Via Nazionale, 7 27049 Stradella (PV) auteco@auteco.net Sommario

Dettagli

Serie MT di SolarMax. Progettazione e design di impianti distribuiti, in considerazione dell'impedenza di rete. Informazioni tecniche

Serie MT di SolarMax. Progettazione e design di impianti distribuiti, in considerazione dell'impedenza di rete. Informazioni tecniche Serie MT di SolarMax Progettazione e design di impianti distribuiti, in considerazione dell'impedenza di rete Informazioni tecniche Contenuti 1 Introduzione 3 2 Punto di connessione alla rete 4 3 Configurazione

Dettagli

Laurea Magistrale in Electronics and Communications Engineering, 6cfu

Laurea Magistrale in Electronics and Communications Engineering, 6cfu Sistema elettrico e mercato dell energia (Introduzione al Corso) Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale, 6cfu Electric system and energy market Laurea Magistrale in Electronics and Communications Engineering,

Dettagli

Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale

Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale AGOMENTI TRATTATI Concetti generali che stanno alla base dell Energy Audit Differenze tra

Dettagli

Energia: indici e misurazione

Energia: indici e misurazione nergia: indici e misurazione Introduzione La richiesta energetica di un processo produttivo incide in maniera sostanziale sul suo impatto ambientale; le ragioni alla base di questa affermazione vanno ricercate

Dettagli

Nel secondo capitolo sono stati esaminati

Nel secondo capitolo sono stati esaminati Gli scenari operativi 5.1 IL PIANO DIGITALE: MODELLI DI RETE E NUMERO DI PROGRAMMI DIGITA L I Nel secondo capitolo sono stati esaminati i diversi tipi di reti e di servizi ipotizzabili nei sistemi di diffusione

Dettagli

INFORMATICA LIVELLO BASE

INFORMATICA LIVELLO BASE INFORMATICA LIVELLO BASE INTRODUZIONE 3 Fase Che cos'è una rete? Quali sono i vantaggi di avere una Rete? I componenti di una Rete Cosa sono gi Gli Hub e gli Switch I Modem e i Router Che cos è un Firewall

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO MIS. A RICERCHE SULLE ENERGIE

RELAZIONE PROGETTO MIS. A RICERCHE SULLE ENERGIE RELAZIONE PROGETTO MIS. A RICERCHE SULLE ENERGIE Il progetto realizzato dall Ati Energy4 Life ha sviluppato un sistema di utilizzo di energie alternative per usi civili e industriali tramite l assistenza

Dettagli

AREE DI COMPETENZA ESPERIENZE MATURATE. ENGENIO s.r.l. via Messina, 15 20154 Milano amm.cv.società.rev1 P.IVA/CF 06590090962

AREE DI COMPETENZA ESPERIENZE MATURATE. ENGENIO s.r.l. via Messina, 15 20154 Milano amm.cv.società.rev1 P.IVA/CF 06590090962 AREE DI COMPETENZA ESPERIENZE MATURATE ENGENIO s.r.l. Premessa ENGENIO s.r.l. è una società di ingegneria che nasce nel secondo trimestre del 2009 con lo scopo di offrire un supporto ingegneristico alle

Dettagli

I vuoti di tensione: definizioni, origini e grandezze caratteristiche. G. Carpinelli

I vuoti di tensione: definizioni, origini e grandezze caratteristiche. G. Carpinelli Bari, 2003 I vuoti di tensione: definizioni, origini e grandezze caratteristiche G. Carpinelli Dipartimento di Ingegneria Elettrica Università degli Studi di Napoli Definizione di Power Quality introdotta

Dettagli