TAGLIO SCALE PER INSERIMENTO ASCENSORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TAGLIO SCALE PER INSERIMENTO ASCENSORE"

Transcript

1 I Quaderni del RUE Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano TAGLIO SCALE PER INSERIMENTO ASCENSORE Disposizione tecnico-organizzativa (DTO 24/2014) ai sensi dell articolo 7/III del RUE Negli edifici, soprattutto condominiali, di vecchia costruzione non muniti di ascensore (per quelli di nuova costruzione l'ascensore è obbligatorio, se l'immobile ha più di tre livelli fuori terra 1 ) i condomini potrebbero essere chiamati prima o dopo, ma con sempre maggior frequenza, ad affrontare il problema della sua installazione. Si tratta di una problematica che si pone spesso, ed ovviamente, nella maggioranza dei casi, l'installazione di ascensori in fabbricati esistenti che ne sono sprovvisti, provoca conseguentemente la riduzione della larghezza delle rampe delle scale, allo scopo di alloggiare l ascensore all interno del vuoto scale. In tal caso occorre stabilire una larghezza minima delle rampe che risulteranno ridotte dopo il taglio scale necessario per l alloggiamento dell ascensore. Il taglio delle scale, per ricavare il vano ascensore è in teoria ammesso, ma solo entro certi limiti: la residua larghezza delle scale condominiali non può essere inferiore a determinati limiti, altrimenti le stesse diverrebbero disagevoli per le persone o addirittura inservibili per il trasporto di mobili od oggetti ingombranti ed il passaggio di barelle in caso di necessità 2. 1 P.to 3.2, D.M , n. 236 Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l accessibilità, l adattabilità e la visibilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata ed agevolata, ai fini del superamento e dell eliminazione delle barriere architettoniche. 2 Anche la giurisprudenza in molte occasioni si è espressa per la illegittimità della installazione dell ascensore che porti ad una larghezza delle rampe di scale troppo limitata. Per tutte: Cassazione Civile, 1 giugno 2007, numero , per la quale deve Disposizione Tecnico Organizzativa n. 24/2014 1

2 Si tratta di una questione di carattere regolamentare comunale, ovvero di competenza del Regolamento Urbanistico Edilizio, dal momento che la misura delle rampe scale deve essere indicata nel regolamento. Il tema è già stato affrontato in molte realtà comunali. Il caso più recente è quello del Nuovo Regolamento Edilizio del Comune di Milano, adottato il Il nuovo testo milanese, sul punto, all articolo 90, precisa: «Nel caso di installazione di ascensori nei vani scala comuni degli edifici esistenti privi di impianti di sollevamento, è consentita la riduzione della larghezza della rampa a un minimo di 90 centimetri». È apprezzabile il tentativo di dare un'indicazione sulla misura minima da rispettare, visto che nel regolamento milanese attuale all'articolo 30 si dice che «le scale di uso comune sono disciplinate, quanto a larghezza, dimensioni e chiusura alla relativa normativa vigente in materia». Tuttavia, la precisazione rischia di creare altri problemi, dal momento che la misura di 90 cm non risulta in linea con la tendenza nazionale ed europea sul problema e va considerata una autentica marcia indietro sul problema del superamento delle barriere architettoniche. Negli spazi stretti dei vecchi edifici, anche 10 centimetri possono fare la differenza, pregiudicando o rendendo costosa o difficoltosa un'installazione. Di contro, si possono citare anche tra i tanti il caso del Comune di Genova (ma anche Roma, Napoli, Bari e Ancona), che ad esempio all'articolo articolo 98-bis del Regolamento Edilizio afferma: «La larghezza minima delle scale potrà essere di 80 cm al netto del corrimano a condizione che sia dimostrata graficamente la condizione di cui al punto del D.M. 236/89 (accessibilità della barella)» 3. Il vero problema, in realtà, consiste nel fatto che non esiste alcun riferimento nazionale univoco e certo sulla larghezza delle scale. Per questo motivo, sin dai tempi della pubblicazione delle legge 13/1989 la giurisprudenza ha valutato caso per caso, anche contraddicendosi spesso, e sovrapponendosi alle diverse prassi comunali, spesso difformi tra loro e nel tempo. Viene talora invocato il D.M. 236/1989 (larghezza di 120 centimetri 4 ) e il D.M. 246/1987 (larghezza 105 cm 5 ) 6, ma si tratta a ben vedere di riferimenti impropri o quantomeno riferiti a norme di carattere specifico. Per questo la soluzione migliore sarebbe introdurre, come in Francia, un riferimento univoco su base nazionale. Il Code de construction et de l'habitation (sostanzialmente l'equivalente del nostro Testo Unico dell Edilizia, D.P.R. n. 380/2011) stabilisce «la larghezza minima del camminamento, che deve ritenersi nulla la delibera assembleare condominiale che - pur in presenza di due condomini disabili autorizzi l installazione di un ascensore, con sensibile riduzione delle dimensioni delle scale condominiali. La Corte ha rilevato che la riduzione della rampa a metri 0,85 comportava una grave menomazione, rendendo disagevole il contemporaneo passaggio di due persone e problematico il trasporto di oggetti di grosse dimensioni. 3 Decreto Ministeriale - Ministero dei Lavori Pubblici 14 giugno 1989, n. 236 "Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata e agevolata, ai fini del superamento e dell'eliminazione delle barriere architettoniche." : la larghezza delle rampe e dei pianerottoli deve permettere il passaggio contemporaneo di due persone ed il passaggio orizzontale di una barella con una inclinazione massima del 15% lungo l'asse longitudinale. 4 Decreto Ministeriale - Ministero dei Lavori Pubblici 14 giugno 1989, n : Le rampe di scale che costituiscono parte comune o siano di uso pubblico devono avere una larghezza minima di 1,20 m, avere una pendenza limitata e costante per l'intero sviluppo della scala. 5 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 2.4: Negli edifici di tipo a, di tipo b, di tipo c, la larghezza minima delle scale deve essere di 1.05 m, negli edifici di tipo d e di tipo e la larghezza minima delle scale deve essere di 1.20 m. La disposizione vale per edifici con altezza antincendio fino a 54 m, che, nel nuovo Regolamento, di cui al D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151, sono appartenenti alle categorie A e B. 6 Tale norma non è applicabile alla stragrande maggioranza dei casi in esame in quanto il campo di applicazione di dette norme (art.1.1) riguarda gli edifici di nuova costruzione o edifici esistenti in caso di ristrutturazione che comportino modifiche sostanziali. Si intendono per modifiche sostanziali lavori che comportino il rifacimento di oltre il 50% dei solai o il rifacimento strutturale della scala o l aumento di altezza. Per gli edifici esistenti si applicano le disposizioni contenute nell art. 8 dove non si prevede nessuna limitazione dell ampiezza della rampe. Disposizione Tecnico Organizzativa n. 24/2014 2

3 essere superiore o uguale a 0,90 metri per una circolazione orizzontale e a 0,80 metri, misurata tra i corrimani, per una scala». Vi è da far osservare, relativamente allo specifico problema del taglio scala, è opportuno segnalare i seguenti due chiarimenti al D.M. 246/1987: 1) Il taglio della scala per l'installazione di impianti ascensore in edifici per civile abitazione preesistenti, motivati dall esigenza di adeguare gli stabili alle norme per il superamento delle barriere architettoniche, non è da considerarsi come intervento di rifacimento strutturale (Nota Ministero dell Interno-Dipartimento dei Vigili del Fuoco e della Difesa Civile-Direzione centrale per la prevenzione e la difesa tecnica-area prevenzione incendi, prot. n P118/4135 sott. 5 del 17 febbraio 2003). 2) A fronte di situazioni che richiedono la necessità dell installazione di un impianto ascensore e quest ultimo non sia altrimenti realizzabile se non esclusivamente all interno del vano scala, si chiarisce che tale installazione non deve comportare un eccessiva diminuzione degli spazi di transito. Al riguardo, un utile riferimento per il dimensionamento al minimo delle scale, può senz altro essere costituito dal D.Lgs n. 626/94 7, così come modificato dal D.L.gs. n. 242/96, che stabilisce in m 0,80 la larghezza minima di porte e portoni degli ambienti di lavoro. (Nota Ministero dell Interno-Dipartimento dei Vigili del Fuoco e della Difesa Civile-Direzione centrale per la prevenzione e la difesa tecnica-area prevenzione incendi, prot. n. P1424/4122 sott. 67 del ), che riconsidera e rivede la posizione sino ad allora mantenuta dallo stesso Ministero, come ad esempio nella appena precedente Nota prot. n. P1052/4135 sott. 5 del 28 agosto 2002, laddove si stabiliva che Relativamente alla possibilità di installare un ascensore in un edificio di civile abitazione attraverso la riduzione della larghezza della rampa di scala, si chiarisce che la larghezza minima della rampa non può comunque essere inferiore ai valori previsti dal punto 2.4 del D.M n. 246 (1,05 m per edifici di altezza antincendi fino a 54 m e 1,20 per edifici di altezza superiore). Per edifici esistenti alla data di entrata in vigore del suddetto decreto la larghezza della rampa, se inferiore ai valori sopra riportati, non potrà ulteriormente essere ridotta. L inserimento di un impianto ascensore comune in un condominio 8 pone anche problematiche di carattere civilistico, che esulano dalle competenze dell Amministrazione Comunale ma che comunque debbono essere tenute in debito conto, soprattutto in relazione all obbligo, per il Comune, di accertare la titolarità di un intervento edilizio. L installazione di un ascensore in un edificio in condominio che ne sia sprovvisto può essere attuata, riflettendo un servizio suscettibile di utilizzazione separata, anche a cura e spese di alcuni condomini soltanto, purché sia fatto salvo il diritto degli altri di partecipare in qualunque tempo ai vantaggi della innovazione, contribuendo nelle spese di esecuzione dell impianto ed in quelle di manutenzione dell opera (Cass. Sez. II 11/2/2000 n. 1529) 9. Detta installazione costituisce ai sensi dell art. 1120, comma 1, del C.C. una innovazione in quanto opera volta alla eliminazione delle barriere architettoniche e quindi come tale indicata quale innovazione dal punto 2, del c. 2, dell art ). 7 Oggi DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. 8 L art bis del Codice Civile, inserito dalla legge n. 220 del 2012 (Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici), estende l applicazione delle disposizioni del codice civile sul condominio degli edifici, in quanto compatibili, a tutti i casi in cui più unità immobiliari o più edifici ovvero più condominii di unità immobiliari o di edifici abbiano parti comuni ai sensi dell articolo La disciplina quindi viene estesa anche al c.d. condominio minimo. Il condominio mimino è costituito tale dalla semplice esistenza di due proprietari distinti (nel senso che le loro proprietà incidono differenti parti) in merito ad un medesimo edificio. 9 Corte di Cassazione , n. 2696: se si immette l impianto nella tromba delle scale e dell andito corrispondente al piano terreno, la diminuzione della facoltà di godimento di quelle parti è compensata dalla possibilità di avvantaggiarsi della nuova opera. Ma è possibile che per volontà di alcuni condomini si debba tutti contribuire per l installazione di un ascensore nel vano scale? La risposta non è del tutto pacifica. Le sentenze più recenti hanno ribadito che un condomino può installare a proprie spese, nella tromba delle scale, un ascensore, ponendolo a disposizione degli altri condomini (Cassazione, 5 aprile 1977, n. 1300; 12 febbraio 1993, n. 1781; 18 agosto 1993, n. 8746; Tribunale di Milano 12 ottobre 1989, n in Arch. Loc. e cond. 1990, 543). 10 I condomini, con la maggioranza indicata dal secondo comma dell'articolo 1136, possono disporre le innovazioni che, nel rispetto della normativa di settore, hanno ad oggetto:.. 2) le opere e gli interventi previsti per eliminare le barriere architettoniche, per il contenimento del consumo energetico degli edifici e per realizzare parcheggi destinati a servizio delle unità immobiliari o dell'edificio, nonché per la produzione di energia Disposizione Tecnico Organizzativa n. 24/2014 3

4 Rispetto a questo, con le modifiche introdotte dal Nuovo Codice del Condominio (L , n. 220 Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici ), la situazione relativamente alle maggioranze millesimali richieste è decisamente mutata: SITUAZIONE PREVIGENTE: Legge n. 13/ Art. 2: Le deliberazioni che hanno per oggetto le innovazioni da attuare negli edifici privati dirette ad eliminare le barriere architettoniche di cui all'articolo 27, primo comma, della legge 30 marzo 1971, n. 118, ed all'articolo 1, primo comma, del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1978, n. 384, nonché la realizzazione di percorsi attrezzati e la installazione di dispositivi di segnalazione atti a favorire la mobilità dei ciechi all'interno degli edifici privati, sono approvate dall'assemblea del condominio, in prima o in seconda convocazione, con le maggioranze previste dall'articolo 1136, secondo e terzo comma, del Codice Civile. 2. Nel caso in cui il condominio rifiuti di assumere, o non assuma entro tre mesi dalla richiesta fatta per iscritto, le deliberazioni di cui al comma 1, i portatori di handicap, ovvero chi ne esercita la tutela o la potestà di cui al titolo IX del libro primo del Codice Civile, possono installare, a proprie spese, servoscala nonché strutture mobili e facilmente rimovibili e possono anche modificare l'ampiezza delle porte d'accesso, al fine di rendere più agevole l'accesso agli edifici, agli ascensori e alle rampe dei garages. Art Codice Civile: 2. Sono valide le deliberazioni approvate con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell'edificio. 3. Se l'assemblea non può deliberare per mancanza di numero, l'assemblea di seconda convocazione delibera in un giorno successivo a quello della prima e in ogni caso, non oltre dieci giorni dalla medesima; la deliberazione è valida se riporta un numero di voti che rappresenti il terzo dei partecipanti al condominio e almeno un terzo del valore dell'edificio. Ma il comma 5 di tale articolo, specificatamente dedicato alle innovazioni, stabiliva: 5. Le deliberazioni che hanno per oggetto le innovazioni previste dal primo comma dell' articolo 1120 devono essere sempre approvate con un numero di voti che rappresenti la maggioranza dei partecipanti al condominio e i due terzi del valore dell'edificio. SITUAZIONE ATTUALE (con decorrenza ): Legge n. 13/ Art. 2 (come modificato da art. 27, L , n. 220): 1. Le deliberazioni che hanno per oggetto le innovazioni da attuare negli edifici privati dirette ad eliminare le barriere architettoniche di cui all'articolo 27, primo comma, della legge 30 marzo 1971, n. 118, ed all'articolo 1, primo comma, del d.p.r. 27 aprile 1978, n. 384 (ora d.p.r. 24 luglio 1996, n n.d.r.), nonché la realizzazione di percorsi attrezzati e la installazione di dispositivi di segnalazione atti a favorire la mobilità dei ciechi all'interno degli edifici privati, sono approvate dall'assemblea del condominio, in prima o in seconda convocazione, con le maggioranze previste dal secondo comma dell'articolo 1120 del Codice Civile. 2. Nel caso in cui il condominio rifiuti di assumere, o non assuma entro tre mesi dalla richiesta fatta per iscritto, le deliberazioni di cui al comma 1, i portatori di handicap, ovvero chi ne esercita la tutela o la potestà, possono installare, a proprie spese, servoscala nonché strutture mobili e facilmente rimovibili e possono anche modificare l'ampiezza delle porte d'accesso, al fine di rendere più agevole l'accesso agli edifici, agli ascensori e alle rampe dei garages. Art Codice Civile (come modificato da art. 5, L , n. 220: 2. I condomini, con la maggioranza indicata dal secondo comma dell'articolo 1136, possono disporre le innovazioni che, nel rispetto della normativa di settore, hanno ad oggetto: 2) le opere e gli interventi previsti per eliminare le barriere architettoniche, per il contenimento del consumo energetico degli edifici e per realizzare parcheggi destinati a servizio delle unità immobiliari o dell'edificio, nonché per la produzione di energia mediante l'utilizzo di impianti di cogenerazione, fonti eoliche, solari o comunque rinnovabili da parte del condominio o di terzi che conseguano a titolo oneroso un diritto reale o personale di godimento del lastrico solare o di altra idonea superficie comune; Art Codice Civile (come modificato da art. 14, L , n. 220: mediante l'utilizzo di impianti di cogenerazione, fonti eoliche, solari o comunque rinnovabili da parte del condominio o di terzi che conseguano a titolo oneroso un diritto reale o personale di godimento del lastrico solare o di altra idonea superficie comune; Disposizione Tecnico Organizzativa n. 24/2014 4

5 2. Sono valide le deliberazioni approvate con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell'edificio. 3. Se l'assemblea in prima convocazione non può deliberare per mancanza di numero legale, l'assemblea in seconda convocazione delibera in un giorno successivo a quello della prima e, in ogni caso, non oltre dieci giorni dalla medesima. L'assemblea in seconda convocazione è regolarmente costituita con l'intervento di tanti condomini che rappresentino almeno un terzo del valore dell'intero edificio e un terzo dei partecipanti al condominio. La deliberazione è valida se approvata dalla maggioranza degli intervenuti con un numero di voti che rappresenti almeno un terzo del valore dell'edificio. Conseguentemente nella situazione attuale sarà più facile l inserimento di un impianto di ascensore in un condominio. Resta ferma comunque la disposizione dell ultimo comma dell articolo 1120 C.C. Sono vietate le innovazioni che possano recare pregiudizio alla stabilita o alla sicurezza del fabbricato, che ne alterino il decoro architettonico o che rendano talune parti comuni dell'edificio inservibili all'uso o al godimento anche di un solo condomino. Tale norma però tende a disciplinare l approvazione di quelle innovazioni che comportano oneri di spesa per tutti i condomini, ma laddove la spesa relativa fosse assunta interamente a carico solo di parte dei condomini, allora sia il lavoro sia la spesa rientrano nella previsione dell art C.C. che consente a ciascun condomino di servirsi della cosa comune a condizione che non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri condomini di fare uguale uso secondo il loro diritto. Le disposizioni di cui sopra valgono pur in assenza nel condominio di persone con disabilità o patologie invalidanti 11. Si deve far notare come il legislatore, che ha provveduto a riscrivere l articolo 2, comma 1, della Legge n. 13/89, che era stato ripreso testualmente dall articolo 78 del Testo Unico dell Edilizia, D.P.R. n. 380/2001, non abbia anche provveduto a riformulare quest ultimo, che, a tutt oggi, riprende ancora la vecchia dizione dell originario articolo 2 della L.R. n. 13/1989 (tale disposizione deve comunque intendersi implicitamente abrogata). Ciò premesso, si deve far rilevare, sotto il profilo tecnico, come, nella maggior parte delle costruzioni esistenti, l installazione di un ascensore nel vano scala è quasi sempre possibile, ma ovviamente occorre una progettazione accurata, effettuata da professionisti capaci e che l'esecuzione dei lavori sia affidata a ditte specializzate. Esemplificatamente, per un ascensore per 3 persone, basta infatti un vano scala largo solamente 2,30 m, per installare un mini ascensore con la cabina larga 53 cm, che scorre in una torre autoportante, riducendo la larghezza di ogni rampa a 80 cm (dimensione comunque che si ritiene insufficiente, come si dirà in seguito nelle conclusioni). Il taglio della scala in lunghezza deve essere di circa 180 cm in modo di avere un castello che abbia un lato interno lungo circa 174 cm. La lunghezza della cabina potrà essere di 114 cm, in modo di avere una superficie minima utile di 0,60 mq per poter avere una omologazione al trasporto di 3 persone. Ovviamente le dimensioni del mini ascensore, sopra descritto, sono ben lontane da quelle di un ascensore per disabili ma è bene precisare che oggi esistono in commercio sedie a rotelle (o carrozzine da trasporto leggere) che pesano solo 15 Kg, sono larghe 50 cm ed alte 96 cm e che la larghezza del sedile è di 40 cm. Quindi realizzando una porta di piano di 55 cm ed adottando opportuni accorgimenti per le porte di cabina è possibile, con un po' di pazienza, imbarcare un disabile seduto. Ma si tratta, in tutta evidenza, di una soluzione limite. Una riduzione della larghezza delle rampe di scale, migliora generalmente la loro statica ed una torre autoportante, racchiusa in un vano scala può fornire anche un minimo incremento positivo alla statica del fabbricato, ovviamente proporzionato alla struttura ed alla massa della torre rispetto a quella, in genere, enormemente più grande del fabbricato. Quando si effettua il taglio della scala, per realizzare una incastellatura metallica autoportante, molti condomini temono che le strutture murarie del fabbricato non siano in grado di sopportare i carichi statici della torre ed i carichi dinamici dovuti al movimento della cabina. Questa eventualità, accoppiata alla riduzione della larghezza della scala, fa nascere molte perplessità circa l installazione degli ascensori nei vani scala esistenti. 11 Aspetto molto importante riguardante l'applicazione dell'articolo 2 della legge 13 del 1989 sull'abbattimento delle barriere architettoniche in uno stabile: non è necessario che il portatore dì handicap abiti nel condominio perché si attuino i dispositivi previsti dalle legge. Infatti, il Tribunale di Milano (con le sentenze del e ) ha ritenuto sufficiente che il disabile si debba recare nell'edificio (ad esempio, per ragioni di famiglia, lavoro, cura o altro) perché venga applicata la normativa. La normativa ha infatti lo scopo di garantire la libera frequentazione di tutte le specie di edifici, anche da parte portatori di handicap, che possano recarvisi e non solo da parte di quelli che vi abitano. Disposizione Tecnico Organizzativa n. 24/2014 5

6 E bene in tal senso precisare che, con le attuali tecnologie, è possibile, nella quasi totalità dei casi, installare un ascensore; ed anzi se lo stesso è sorretto da una incastellatura metallica autoportante particolarmente ben dimensionata, quest'ultima non solo può sopportare i carichi statici e dinamici dell'impianto ma, come già evidenziato in premessa, può fornire anche un piccolo incremento positivo della statica del fabbricato. In ogni caso particolare attenzione va riservata al tipo di vincolo, fra la torre metallica e la struttura muraria, che deve consentire, fra l'altro, le eventuali dilatazioni termiche. Il problema sostanziale dunque, non è tanto la fattibilità tecnica, quanto la dimensione della larghezza delle rampe di scale, che viene ridotta a seguito dell intervento. Il taglio delle scale deve comunque essere sempre effettuato sotto la guida di un tecnico esperto ed unicamente da una ditta specializzata ed idoneamente attrezzata. Qualsiasi improvvisazione può creare danni rilevanti. In genere tali interventi devono essere effettuati con mezzi a rotazione evitando, per quanto possibile, i sistemi a percussione. Particolare cura deve essere posta per ridurre le vibrazioni, la polvere e l'uso di macchine o attrezzature quali il martello perforatore, grandi scalpelli, mazze ecc. I metodi più utilizzati sono, in genere: 1. con carotatrici perforatrici rotative; 2. con troncatrici manuali a disco ed idonei scalpelli; 3. con seghe rotative a dischi diamantati di grande diametro posizionate su guide metalliche fissate alle scale; Le più comuni tecniche costruttive delle rampe delle scale: 1. scala con voltine alla romana: questa è una tecnica molto diffusa negli edifici di fine ottocento-inizi novecento. Il taglio deve essere effettuato con mezzi a rotazione. Non ci sono particolari controindicazioni. Tale intervento, riducendo lo sbalzo dell aggetto delle rampe, di fatto le consolida; 2. scala con putrella di ferro posta longitudinalmente all estremità delle rampe sotto la ringhiera: questa tecnica è presente in alcuni edifici di fine ottocento. L intervento non presenta generalmente controindicazioni statiche, ma deve essere fatto previo puntellamento di tutta la rampa che si intende tagliare. Si asporta la trave perimetrale della rampa e la si riposiziona nella nuova posizione, più vicina alla parete portante. Se la rampa è costituita da tavelloni, non ci sono problemi per il taglio. Più delicato è l intervento in presenza di voltine, che hanno una funzione spingente, assorbita da uno o due tiranti per rampa; 3. scala con putrelle di ferro parallele ai gradini: è una tecnica costruttiva presente in alcuni palazzi di fine ottocento. Si posizionavano le putrelle incastrate nella muratura, per farle lavorare a sbalzo. Generalmente si posizionava una putrella ogni due o tre scalini. Il taglio parziale di tali scale è un ovvia opera di consolidamento; 4. scala in C.A. con travi a ginocchio: è la tecnica più diffusa delle scale in cemento armato. La struttura portante è assicurata da travi piegate, dette a ginocchio. I gradini sono realizzati a sbalzo. Queste scale possono essere riconosciute, perché lo spessore minimo tra i marmi dei gradini e la parte inferiore della rampa non supera i 15 cm. Il taglio parziale di dette rampe è una evidente opera di consolidamento. 5. scale in C.A. con soletta portante: si riconoscono perché lo spessore tra marmi dei gradini e parte inferiore della rampa supera i 20 cm. In questo caso è consigliabile tagliare tutta la rampa, da pianerottolo a pianerottolo. Nei casi sopra esposti, il taglio deve essere fatto con sistemi a rotazione. Per le scale in cemento armato, il taglio può essere fatto anche con scalpello, purché a mano e non meccanico (sebbene si tratti di metodo ormai sorpassato tecnologicamente). In ogni caso, il taglio della pietra di rivestimento dei gradini può essere fatta solo con strumenti di taglio a rotazione e ciò per evitare di spaccare o incrinare i marmi di rivestimento. Le opere di taglio delle scale e l installazione di un ascensore devono intendersi pienamente e legittimamente qualificabili come opere di manutenzione straordinaria. In tal senso, sotto il profilo del titolo edilizio legittimante le opere, sulla base delle prescrizioni in materia della L.R. n. 15/2013 Semplificazione della disciplina edilizia, si posso avere tre differenti casistiche: 1. la prima ricade nell ambito della cosiddetta edilizia libera, che è appunto liberalizzata e per la quale non occorre alcun titolo abilitativo; è disciplinata dall art. 7, c. 1, lett. b) e riguarda gli interventi volti all'eliminazione delle barriere architettoniche, sensoriali e psicologico-cognitive, intesi come ogni trasformazione degli spazi, delle superfici e degli usi dei locali delle unità immobiliari e delle parti comuni degli Disposizione Tecnico Organizzativa n. 24/2014 6

7 edifici, ivi compreso l'inserimento di elementi tecnici e tecnologici, necessari per favorire l'autonomia e la vita indipendente di persone con disabilità certificata, qualora non interessino gli immobili compresi negli elenchi di cui alla Parte Seconda del decreto legislativo n. 42 del 2004, nonché gli immobili aventi valore storicoarchitettonico, individuati dagli strumenti urbanistici comunali ai sensi dell'articolo A-9, comma 1, dell'allegato della legge regionale n. 20 del e qualora non riguardino le parti strutturali dell'edificio o siano privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici e non rechino comunque pregiudizio alla statica dell'edificio e non comportino deroghe alle previsioni degli strumenti urbanistici comunali e al decreto del Ministro dei lavori pubblici 2 aprile 1968, n ; pertanto, tale ipotesi potrà essere praticata solo se: a. non si tratti di immobile con vincolo culturale; b. non si tratti di immobile con valore storico-architettonico comunale stabilito dallo strumento urbanistico; c. le opere non riguardino le parti strutturali dell'edificio; d. le opere siano prive di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici e non rechino comunque pregiudizio alla statica dell'edificio; e. le opere non comportino deroghe alle previsioni degli strumenti urbanistici comunali e al decreto del Ministro dei lavori pubblici 2 aprile 1968, n (ipotesi che sostanzialmente non ricorre mai per opere di tal genere); 2. la seconda ricade nell ambito della cosiddetta comunicazione di inizio dei lavori, di cui ai commi 4 e 5 dell articolo 7, e riguarda in generale (ovvero senza specifico richiamo ad opere finalizzate alla eliminazione di barriere architettoniche) le opere di manutenzione straordinaria e le opere interne alle costruzioni, qualora non comportino modifiche della sagoma, non aumentino le superfici utili e il numero delle unità immobiliari, non modifichino le destinazioni d'uso delle costruzioni e delle singole unità immobiliari, non riguardino le parti strutturali dell'edificio o siano privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici e non rechino comunque pregiudizio alla statica dell'edificio; tale seconda ipotesi potrà essere praticata solo se: a. le opere non comportino modifiche della sagoma del fabbricato (al proposito si veda la DTO n. 5/2014); b. le opere non aumentino le superfici utili (al proposito si veda la DTO n. 5/2014); c. le opere non aumentino il numero delle unità immobiliari; d. le opere non modifichino le destinazioni d'uso delle costruzioni e delle singole unità immobiliari; e. le opere non riguardino le parti strutturali dell'edificio o siano privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici e non rechino comunque pregiudizio alla statica dell'edificio; 3. la terza ricade nell ambito della cosiddetta segnalazione certificata di inizio attività, di cui all articolo 13, comma 1, lettera b), e riguarda gli interventi volti all'eliminazione delle barriere architettoniche, sensoriali e psicologico-cognitive, qualora interessino gli immobili compresi negli elenchi di cui alla Parte Seconda del decreto legislativo n. 42 del 2004 o gli immobili aventi valore storico-architettonico, individuati dagli strumenti urbanistici comunali ai sensi dell'articolo A-9, comma 1, dell'allegato della legge regionale n. 20 del 2000, qualora riguardino le parti strutturali dell'edificio e comportino modifica della sagoma e degli altri parametri dell'edificio oggetto dell'intervento. Venendo ora alle disposizioni normative regolamentari sul tema, il Regolamento Urbanistico Edilizio vigente ne tratta ai seguenti articoli: 1. art. 72/V - Scale, ascensori, scale e marciapiedi mobili: il quale, in sintesi, stabilisce che la larghezza minima delle rampe e dei pianerottoli delle scale al servizio di piani abitabili non deve essere inferiore a metri 1,10. Tale larghezza, se il fabbricato non è servito da ascensore, deve essere aumentata di cm 10 ogni due piani serviti a partire dal terzo. Se la scala si sviluppa intorno al corpo ascensore o montacarichi, la sua larghezza minima non deve essere inferiore a m 1,20 e che 12 Tali edifici sono disciplinati all articolo 27/II del RUE ed individuati alle seguenti tavole: - QCST07-Elenco patrimonio immobiliare pubblico a vincolo culturale ex-lege; - QCST08-Carta degli edifici insediamenti e nuclei di interesse storico architettonico; - QCST09-Schede Edifici Liberty Deco; - QCST17-Beni architettonici Centro Storico; - QCSP06-Decreti di vincolo relativi ai beni culturali. Disposizione Tecnico Organizzativa n. 24/2014 7

8 in ogni caso nella realizzazione delle scale dovranno osservarsi le disposizioni dettate dalle vigenti normative in materia di eliminazione delle barriere architettoniche ed in particolare il D.M. 14 giugno 1989, n Stabilisce inoltre che Nei casi d scale interne che collegano vani abitativi con cantine, tra piani e sottotetti e negli alloggi di tipo duplex, è ammessa una larghezza di rampa non inferiore a m 0,90. Stabilisce anche che la porta della cabina dell ascensore deve avere luce libera minima pari a m 0,90; sul ripiano di fermata e che anteriormente alla porta della cabina, deve esservi uno spazio libero di non meno di m 2,00 di profondità. 2. art. 30/II - Prescrizioni e modalità di intervento per l edilizia tradizionale prevalentemente integra: 17. Scale esterne e interne. Sono da conservare tutte le scale situate sia all'interno degli edifici che lungo i prospetti esteriori o nelle corti interne, le quali presentino caratteristiche architettoniche e decorative di particolare pregio o siano comunque realizzate mediante volte o parti di archi e volte in muratura comunque disposte, mediante gradini monolitici in pietra concia reciprocamente connessi e incastrati ad una o ad entrambe le estremità nei muri laterali, ovvero abbiano infine, quale che sia la tecnica costruttiva tradizionale, forme e dimensioni di tipo monumentale, come ad esempio le gradinate sviluppate su più lati convergenti, le scale a tenaglia a rampa doppia o plurima, quelle di forma circolare, semicircolare o ellittica. Allo stesso modo dovranno essere conservati, restaurati ed eventualmente reintegrati o interamente ripristinati, i relativi elementi accessori, decorativi e di finitura, come i parapetti, le balaustre, i corrimano, le zoccolature, i gradini e i sottogradini in pietra o in laterizi, nonché gli atri, gli androni, i pianerottoli e in genere gli ambienti di disimpegno architettonicamente qualificati come le scale cui sono collegati. Le strutture in muratura intonacata, ovvero in pietra concia o in mattoni a faccia vista, potranno essere consolidate e parzialmente reintegrate con le specifiche tecniche indicate ai precedenti articoli in relazione alle caratteristiche delle singole parti e dei vari materiali. In presenza di strutture a volta gravemente dissestate si applicano le norme di cui all'ultimo comma del precedente articolo. Delle scale interne di tipo tradizionale, con gradini in muratura sostenuti all'intradosso da travetti di legno, è consentito il rifacimento con tecniche e materiali anche differenti ed eventuali modeste correzioni del rapporto tra alzate e pedate e della pendenza complessiva delle rampe, fermi restando i limiti derivanti dalla ubicazione del manufatto originale rispetto alle murature portanti. Potranno essere demolite e sostituite le scale interne a gabbia aperta in legno o miste in legno e muratura e quelle di fattura recente; dovranno in particolare essere demolite quelle inserite in modo da nascondere, alterare o recare comunque pregiudizio alla fruizione ed alla conservazione di elementi architettonici e decorativi di particolare pregio. Potranno invece essere reintegrati o rifatti i gradini e le rampe cordonate d'accesso alle porte esterne, in conci di pietra e pietrame sbozzato. E' consentita all'interno degli edifici la realizzazione di nuove rampe o interi corpi scala e ascensori, nel caso in cui le scale esistenti siano inadeguate o insufficienti rispetto alle norme vigenti; ogni eventuale integrazione dovrà essere tuttavia concepita e realizzata in modo da non recare pregiudizio ad altre strutture o elementi decorativi e finiture di particolare pregio. 3. art. 31/II - Prescrizioni e modalità di intervento per l edilizia tradizionale prevalentemente alterata: 7. Strutture interne. Per gli interventi di ristrutturazione che interessano direttamente strutture voltate, solai, controsoffitti e pareti decorate, corpi scala ed altri elementi qualificanti o di particolare pregio situati all'interno dell'edificio, le modifiche dovranno essere concepite e realizzate in modo non soltanto da garantire la conservazione di tali elementi, ma anche la eventuale reintegrazione degli ambienti e dei contesti fisici e spaziali nei quali erano in origine inseriti. Nel corso dei lavori dovranno inoltre essere prese tutte le precauzioni ed approntate tutte le opere provvisionali necessarie ad evitare danni agli elementi suddetti. 4. art. 19/IV (Centri storici) Caratteristiche degli interventi: 6. Edifici e manufatti storici riconoscibili per notevole rilevanza tipologica, strutturale e morfologica. Sono le unità edilizie che costituiscono parte integrante del patrimonio edilizio dell insediamento storico, sia in quanto elementi partecipanti alla formazione dell ambiente storico antico, sia perché significativi dal punto di vista tipologico per la distribuzione interna ricorrente degli ambienti, la disposizione degli elementi di collegamento verticale o per altre caratteristiche morfologiche ed il cui stato di conservazione consente di riconoscere la rilevanza tipologica, strutturale e morfologica dell edificio e permette il suo completo recupero. Tali edifici e manufatti sono assoggettati ad intervento di restauro e risanamento conservativo. Disposizione Tecnico Organizzativa n. 24/2014 8

9 E prescritta la valorizzazione degli aspetti architettonici originari mediante:.. e. il consolidamento con sostituzione delle parti non recuperabili, senza modificare la posizione dei seguenti elementi strutturali quando siano originari: - murature portanti sia interne che esterne; - solai e volte; - scale; - balconi, pensiline e strutture aggettanti; - tetto con ripristino del manto di copertura originale. 5. art. 20/IV (Centri storici) Criteri generali di intervento: 4. Collegamenti verticali, ascensori e montacarichi: Gli interventi di consolidamento, ripristino e sostituzione dei corpi scala esistenti devono essere realizzati nel rispetto dell impianto tipologico e strutturale originali. Negli interventi di consolidamento è prescritta la conservazione o il ripristino dei materiali di pavimentazione delle scale e pianerottoli originali o comunque in uso nella tradizione locale. Le volte e gli altri elementi strutturali o sovrastrutturali storici (ringhiere di pregio, corrimani, ecc.) dovranno essere conservati. L eventuale inserimento di ascensori e montacarichi è ammesso nel caso in cui questo non interferisca significativamente con le caratteristiche dell impianto tipologico originario ovvero non interessi vani caratterizzati dalla presenza di elementi architettonico-decorativi di pregio. In tutti i casi il vano dell impianto dovrà essere realizzato in modo da non fuoriuscire rispetto alla linea di falda se questa è prospiciente la strada e comunque alla quota di colmo del tetto. Quando l inserimento del vano ascensore non risulti compatibile con le caratteristiche dell impianto tipologico dell edificio, potrà esserne previsto l impianto in corrispondenza di cavedi o cortili interni, a condizione che esso non interferisca con le caratteristiche architettoniche delle facciate e che siano impiegati materiali idonei ad un efficace inserimento sul paramento storico. Venendo infine al tema specifico del cercare di stabilire una larghezza minima delle rampe di scale a seguito del taglio per inserimento dell ascensore, si propongono le seguenti considerazioni. In relazione alle norme di Polizia Mortuaria, si deve rilevare come a livello nazionale, il Regolamento di Polizia Mortuaria, di cui al D.P.R. 10 settembre 1990 n. 285, nulla disciplini in proposito; mentre, in genere, i Regolamenti locali consentono una scala larga 80 cm, in quanto questa permette agevolmente il passaggio di una bara. In relazione al passaggio invece delle barelle, l'installazione dell'ascensore non ne pregiudica il passaggio, essendo queste larghe generalmente 55/60 cm. In relazione ai traslochi la riduzione della larghezza delle scale non crea pregiudizio perché molte porte delle abitazioni sono larghe solamente cm. In sintesi conclusiva, la questione che si pone è la seguente: se si consente la riduzione della larghezza delle rampe di scale esistenti, allo scopo di alloggiare un ascensore nel vuoto scale, ed al fine di abbattere le barriere architettoniche, certamente il risultato finale delle opere non deve portare ad una situazione tale da rendere ancora più pesanti e peggiorative le barriere architettoniche esistenti. Pertanto, dal momento che l esigenza prestazionale è rappresentata dalla eliminazione delle barriere architettoniche, il requisito potrà essere soddisfatto in una delle due seguenti possibili soluzioni: 1. tramite le scale: larghezza della rampa di scale non inferiore a 120 cm (al netto dei corrimano), ai sensi di quanto disposto dal punto del Decreto Ministeriale - Ministero dei Lavori Pubblici 14 giugno 1989, n. 236; fatte salve ovviamente le situazioni preesistenti; 2. tramite l ascensore: l ascensore dovrà essere accessibile, ovvero avere le caratteristiche fissate dal punto del Decreto Ministeriale - Ministero dei Lavori Pubblici 14 giugno 1989, n. 236, ovvero le seguenti: L'ascensore in caso di adeguamento di edifici preesistenti, ove non sia possibile l'installazione di cabine di dimensioni superiori, può avere le seguenti caratteristiche: cabina di dimensioni minime di 1,20 m di profondità e 0,80 m di larghezza; porta con luce netta minima di 0,75 m posta sul lato corto; piattaforma minima di distribuzione anteriormente alla porta della cabina di 1,40 x 1,40 m. Disposizione Tecnico Organizzativa n. 24/2014 9

10 Le porte di cabina e di piano devono essere del tipo a scorrimento automatico. Nel caso di adeguamento la porta di piano può essere del tipo ad anta incernierata purché dotata di sistema per l'apertura automatica. In tutti i casi le porte devono rimanere aperte per almeno 8 secondi e il tempo di chiusura non deve essere inferiore a 4 sec. L'arresto ai piani deve avvenire con autolivellamento con tolleranza massima ± 2 cm. Lo stazionamento della cabina ai piani di fermata deve avvenire con porte chiuse. La bottoniera di comando interna ed esterna deve avere i bottoni ad una altezza massima compresa tra 1,10 e 1,40 m; per ascensori del tipo a), b) e c) la bottoniera interna deve essere posta su una parete laterale ad almeno cm 35 dalla porta della cabina. Nell'interno della cabina, oltre il campanello di allarme, deve essere posto un citofono ad altezza compresa tra 1,10 m e 1,30 m e una luce d'emergenza con autonomia minima di h 3. I pulsanti di comando devono prevedere la numerazione in rilievo e le scritte con traduzione in Braille: in adiacenza alla bottoniera esterna deve essere posta una placca di riconoscimento di piano in caratteri Braille. Si deve prevedere la segnalazione sonora dell'arrivo al piano e, ove possibile, l'installazione di un sedile ribaltabile con ritorno automatico. E comunque, in ogni caso, la larghezza delle rampe delle scale, al netto dei corrimano, non potrà mai essere inferiore, si ritiene di stabilire, a 80 cm. In sintesi: in tutte le situazioni dovrà essere garantito il requisito dell accessibilità o tramite le scale o tramite l ascensore. Allo scopo di evitare il paradosso che, con l intenzione di abbattere le barriere architettoniche, si ottenga una situazione in cui non sono più accessibili né le scale né il nuovo ascensore. E quindi, in altri termini, si consente di restringere la larghezza della rampa di scale esistente (già accessibile o meno), entro un determinato limite minimo e comunque solo nell ipotesi che venga installato un ascensore accessibile. In sintesi, fermo restando il rispetto delle vigenti disposizioni in tema di edifici a vincolo culturale o storicoarchitettonico ed in tema di sicurezza statica, potranno verificarsi le seguenti casistiche: 1. edificio esistente con rampa di scale di larghezza pari a 120 cm o più: edificio accessibile prima dell intervento che deve restare accessibile anche dopo l intervento; sarà possibile restringere le rampe fino a 80 cm ma con l inserimento di un ascensore che abbia le caratteristiche dell accessibilità; sarà parimenti possibile restringere le rampe fino a 120 cm con l inserimento di un ascensore che non abbia le caratteristiche dell accessibilità; 2. edificio esistente con rampa di scale di larghezza inferiore a 120 cm: edificio non accessibile prima dell intervento e che, a seguito dell intervento, dovrà essere reso accessibile; sarà possibile restringere le rampe sino a 80 cm ma con l inserimento di un ascensore che abbia le caratteristiche dell accessibilità. Pertanto le vigenti disposizioni dettate dal Regolamento Urbanistico Edilizio debbono intendersi integrate con la presente Disposizione Tecnico Organizzativa. Castel San Giovanni, venerdì 2 maggio BIBLIOGRAFIA: Antonio Palombaro e Fauto Ligutti Il taglio delle scale per installare un ascensore in edificio preesistente Edizioni Nuova Bios 13 Questo documento è sottoscritto sul file originale (in formato.p7m) con firma digitale. Il documento originale, in formato elettronico, è conservato presso l archivio informatico del Settore IV Sviluppo Urbano Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Castel San Giovanni. Ogni duplicazione del documento originale, anch essa sottoscritta con firma digitale, costituisce originale. Ogni rappresentazione cartacea del presente documento non costituisce originale. Disposizione Tecnico Organizzativa n. 24/

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

D.P.R. 384/78 D.P.R. 236/89 D.P.R. 503/96

D.P.R. 384/78 D.P.R. 236/89 D.P.R. 503/96 D.P.R. 384/78 D.P.R. 236/89 D.P.R. 503/96 Obiettivo dei decreti (D.P.R.) n. 384/78 e 236/89 il cui campo di azione nonché le indicazioni tecniche di riferimento sono contenute nella circolare ministeriale

Dettagli

Barriere Architettoniche

Barriere Architettoniche Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio ottobre 2009 Barriere Architettoniche (da I QUADERNI Consulente IMMOBILIARE, Suppl. al n. 845 del 30 settembre 2009)

Dettagli

BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO)

BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO) BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO) Per le parti non verificabili in progetto la costruzione si adeguerà: D.P.R. 27 aprile 1978, n.

Dettagli

Il superamento delle barriere architettoniche

Il superamento delle barriere architettoniche Il superamento delle barriere architettoniche Penalizzato il quorum dalla riforma del condominio - Se l assemblea temporeggia - Servoscala, rampa e ascensore - Contributi e informazioni Maggioranza più

Dettagli

Legge 9 gennaio 1989, n. 13

Legge 9 gennaio 1989, n. 13 Legge 9 gennaio 1989, n. 13 "Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati." (Pubblicata nella G. U. 26 gennaio 1989, n. 21) 1. 1. I progetti

Dettagli

[STANDARD RESIDENZIALI] Circolare n. 425 del Ministero dei Lavori Pubblici del 20 01 1967 art. 6. Aspetti qualitativi. Barriere architettoniche.

[STANDARD RESIDENZIALI] Circolare n. 425 del Ministero dei Lavori Pubblici del 20 01 1967 art. 6. Aspetti qualitativi. Barriere architettoniche. Barrier free design [STANDARD RESIDENZIALI] Circolare n. 425 del Ministero dei Lavori Pubblici del 20 01 1967 art. 6. Aspetti qualitativi. Barriere architettoniche. [EDIFICI SOCIALI] Circolare del Ministero

Dettagli

1. PREMESSA 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO

1. PREMESSA 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 1. PREMESSA L edificio in esame è soggetto alle prescrizioni tecniche di cui alla Legge 9 gennaio 1989, n 13 e relativo regolamento d attuazione D.M. LL.PP., 14 giugno 1989, n 236. Nel caso specifico è

Dettagli

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche - Barriere Culturali PROGETTARE, COSTRUIRE, ABITARE CON QUALITÀ COLLEGAMENTI ORIZZONTALI COLLEGAMENTI VERTICALI Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma 30 Gennaio 2008 Parma Seminario

Dettagli

LEGGE 9-1-1989 N. 13 (1)

LEGGE 9-1-1989 N. 13 (1) LEGGE 9-1-1989 N. 13 (1) Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati Art. 1 1. I progetti relativi alla costruzione di nuovi edifici,

Dettagli

[Domanda per il rilascio dell'autorizzazione ad intervenire sugli immobili vincolati]

[Domanda per il rilascio dell'autorizzazione ad intervenire sugli immobili vincolati] Lista di 13 documenti (Legge) L 09/01/1989 n. 13 Preambolo [Preambolo] L 09/01/1989 n. 13 Articolo 1 [Teciniche per garantire l'accessibilità, visibilità, adattabilità degli edifici privati e dell'edilizia

Dettagli

TABELLA SINOTTICA DELLA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI EDILIZI

TABELLA SINOTTICA DELLA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI EDILIZI TABELLA SINOTTICA DELLA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI EDILIZI PREMESSA: Entrata in vigore della nuova disciplina degli interventi edilizi prevista dalla L.R. n. 15 del 2013 La disciplina degli interventi

Dettagli

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Allargamento porte Allargamento porte e finestre esterne Allarme finestre esterne Ampliamento con formazione di volumi tecnici Apertura interna Ascensore

Dettagli

ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE

ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE Gli elementi di comunicazione verticale hanno il compito di consentire a persone e cose di superare un dislivello, internamente o

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale Allegati alle NTA C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale AGGIORNAMENTI: Decreto del Direttore del Settore Pianificazione Territoriale n. 23 del 31.03.2011 Variante n. 232 approvata

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

ESEMPIO PER LA RESIDENZA

ESEMPIO PER LA RESIDENZA COMUNE DI BOLZANO GEMEINDE BOZEN ESEMPIO PER LA RESIDENZA PRESENTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI E PUBBLICI A COMPLETAMENTO

Dettagli

Delibera n. 13845 del 11-12-1998 proposta da GIOVANAZZI. Legge provinciale 11 settembre 1998, n. 10, art. 44, 4. comma.

Delibera n. 13845 del 11-12-1998 proposta da GIOVANAZZI. Legge provinciale 11 settembre 1998, n. 10, art. 44, 4. comma. Delibera n. 13845 del 11-12-1998 proposta da GIOVANAZZI Legge provinciale 11 settembre 1998, n. 10, art. 44, 4 comma. Individuazione dei criteri in base ai quali il Servizio Lavori Pubblici degli Enti

Dettagli

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 PdC PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 art. 3 comma 1 lett. e) DPR 380/01 [art.27 lett. e) LR 12/05] a) gli interventi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune Utilizzando la tabella sotto riportata è possibile verificare per ogni singolo intervento quale procedura adottare per procedere all esecuzione dei lavori. Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile

Dettagli

L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN CONDOMINIO

L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN CONDOMINIO Mercoledì 16 ottobre 1996 L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN CONDOMINIO PREMESSA Tutti i provvedimenti che oggi fanno parte dell intero quadro di normative che regolamentano i comportamenti

Dettagli

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA -

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ai sensi del comma 4 dell art. 77 del D.P.R. 380/01 come modificato dal D.lgs 301/02, L. 13/1989 e D.M.

Dettagli

COSA SI PUO' DETRARRE

COSA SI PUO' DETRARRE COSA SI PUO' DETRARRE Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità alle normative edilizie locali. INTERVENTI

Dettagli

DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato

DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato Sezione n 1- Informazioni amministrative: In tale sezione devono essere

Dettagli

S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I

S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I AL COMUNE DI T O R T O N A S P O R T E L L O U N I C O P E R L E D I L I Z I A C O M U N I C A Z I O N E D I A T T I V I T A D I E D I

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza. Settore IV: Sviluppo Urbano

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza. Settore IV: Sviluppo Urbano Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano N. 12/2015 DISCIPLINA EDILIZIA SPECIALE PER LA REALIZZAZIONE E TRASFORMAZIONE DELLE SALE DA GIOCO E RACCOLTA SCOMMESSE Disposizione

Dettagli

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato Studio Tecnico Ing. MASSIMO CECCARINI Cod. Fisc. CCC MSM 56H14 G999V Part. I.V.A. 00036530970 Viale V. Veneto, 13 59100 PRATO Tel. e Fax 0574 29062 / 607600 Prato, li 27/12/10. e-mail: studiomcmp@conmet.it

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

Innovazioni vietate con rifermento alla eliminazione della barriere architettoniche

Innovazioni vietate con rifermento alla eliminazione della barriere architettoniche Innovazioni vietate con rifermento alla eliminazione della barriere architettoniche Avv. Riccardo Prete, Direttivo Foro Immobiliare Lions Club Genova Host Abbiamo verificato come le nuove disposizioni

Dettagli

Ambienti in elevazione Normativa, certificazioni e soluzioni progettuali

Ambienti in elevazione Normativa, certificazioni e soluzioni progettuali Ordine degli Architetti P.P.C di Milano Contenuti Piattaforme elevatrici Riferimenti normativi e sgravi fiscali Caratteristiche peculiari e certificazioni Soluzioni progettuali 2 Piattaforme elevatrici

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

RELAZIONE Tecnico- Illustrativa e PROGETTO BARRIERE ARCHITETTONICHE. Ass.ne Cultori della Storia delle Forze Armate

RELAZIONE Tecnico- Illustrativa e PROGETTO BARRIERE ARCHITETTONICHE. Ass.ne Cultori della Storia delle Forze Armate BARRIERE ARCHITETTONICHE LEGGE del 9/1/89 n. 13, D.M. del 14/6/89 n. 236, D.P.R. del 24/7/96 n.503 Dgrv n.509 del 2/3/2010 Allegato A Dgrv n.1428 del 6/9/2011 Allegato A e B RELAZIONE Tecnico- Illustrativa

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8 Allegato E COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico (art. 55 LRT n. 1/05) Norme Tecniiche dii Attuaziione Variante parziale Allegato 8 Elenco dei materiali da impiegare

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA

COMUNE DI SENIGALLIA COMUNE DI SENIGALLIA PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI EDIFICI RESIDENZIALI NEL COMPARTO 17R DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE SITO IN CESANO DI SENIGALLIA DITTA: EDRA IMMOBILIARE S.r.l. Via Cimabue, n 7 - SENIGALLIA

Dettagli

Modalità operative /di installazione Ulteriori condizioni Potenza

Modalità operative /di installazione Ulteriori condizioni Potenza Fonte Rif. Condizioni da rispettare Regime urbanistico/ edilizio Modalità operative /di installazione Ulteriori condizioni Potenza Fotovoltaica 12.1 i. impianti aderenti o integrati nei tetti di edifici

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune.

Dettagli

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA Complesso di proprietà di Pentagramma Romagna Spa in via XX Settembre n.38 e Corso Mazzini n.41, sito nel Comune di Cervia (RA). OPERE DI RESTAURO

Dettagli

4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI

4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI 4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI INTERVENTI MODALITÀ CONDIZIONI DI DETRAIBILITÀ Accorpamenti di locali spostamento di alcuni locali da

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

A) Chiarimenti sull applicazione delle disposizioni del Nuovo Regolamento Edilizio:

A) Chiarimenti sull applicazione delle disposizioni del Nuovo Regolamento Edilizio: ESTRATTO DELLE DECISIONI DELLA CONSULTA ISTRUTTORIA ISTITUITA DALL ART. 3 DEL NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO ED AVENTE LA FUNZIONE DI CONDURRE APPROFONDIMENTI IN RELAZIONE A PROBLEMATICHE EMERSE DURANTE L

Dettagli

INSTALLAZIONE CONDIZIONATORE

INSTALLAZIONE CONDIZIONATORE ON-LINE - 1 - ON-LINE - 2 - QUESITO DELLA COMMITTENZA Buongiorno, La presente a chiedere cortesemente un 'informazione. Risiedo in una casa costituita da tre appartamenti disposti verticalmente e appartenenti

Dettagli

NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI

NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI Normativa di riferimento Attività libera e Comunicazione Inizio Attività Legge n. 73 del 22 maggio 2010 che riscrive l art. 6 del DPR 380/2001 Comunicazione

Dettagli

ALLEGATO A DEFINIZIONE DEI TIPI DI INTERVENTO. Premessa

ALLEGATO A DEFINIZIONE DEI TIPI DI INTERVENTO. Premessa ALLEGATO A DEFINIZIONE DEI TIPI DI INTERVENTO Premessa 1 Per tutti gli edifici della zona urbana centrale storica indicati all'art.10 delle presenti norme e per gli edifici caratterizzanti il tessuto storico

Dettagli

PROGETTARE PER TUTTI

PROGETTARE PER TUTTI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Genova CONSULTA COMUNALE E PROVINCIALE PER I PROBLEMI DEGLI HANDICAPPATI DI GENOVA In collaborazione con: ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI L'eventuale presenza di vincoli normativi può comportare modifiche al titolo edilizio di base specificato nel seguente Abaco. Nel caso si rimanda alla specifica normativa

Dettagli

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO 4: Centro storico 1 L allegato 4 è costituito dalle presenti norme e dagli elaborati grafici di seguito

Dettagli

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici Modificato ed approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 18.03.2014 In vigore dal 15.04.2014 Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici In tutti

Dettagli

COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto)

COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto) COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto) RELAZIONE TECNICA E ATTESTAZIONE DI CONFORMITA' relative alle prescrizioni della L. 9/1/1989 n.13 e D.M. 14.06.1989 n.236. " Prescrizioni tecniche necessarie a

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA

QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA ATTENZIONE: la risposta ai quesiti è stata formulata attenendosi alle leggi vigenti all' epoca della richiesta. Pertanto si consiglia di verificare se

Dettagli

COMUNE DI SESTRI LEVANTE

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Elaborato E2 COMUNE DI SESTRI LEVANTE Località San Bartolomeo della Ginestra Zona di P.U.C.: AC(B3) E1 (TPA) territorio di presidio ambientale agricolo Istanza Permesso di Costruire in variante al P.U.C.

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA COMUNE DI PORDENONE TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1) altri titolari oltre al presente dichiarante NO SI n (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica per ogni

Dettagli

Art. 9 Manutenzione ordinaria

Art. 9 Manutenzione ordinaria Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI -

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - Intervento Manutenzione ordinaria (articolo 6, comma 1, lettera a: articolo 3, comma 1, lettera a) Libero Titolo Eliminazione di barriere architettoniche che

Dettagli

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 -

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 - INDICE 1. PREMESSA - 3-2. CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96, RICHIESTA DALLA A.S.L./NA 1, DIPARTIMENTO PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA, IN SEDE DI CONFERENZA DEI SERVIZI

Dettagli

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE I tecnici: Ing. Marco Galperti Geom. Fabio Drufovka PREMESSE Obiettivo dei decreti (D.P.R.) n. 384/78 e 236/89 il cui campo di azione nonché le indicazioni

Dettagli

Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies

Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0012 - RESTAURO..............................................

Dettagli

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano N. 20/2015 NUOVA DISCIPLINA DEL MUTAMENTO D USO E DELL'INSTALLAZIONE DEI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI Disposizione tecnico

Dettagli

N. 01/2014 29 Marzo 2014

N. 01/2014 29 Marzo 2014 N. 01/2014 29 Marzo 2014 Avv. Simone Fadalti LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE CONDOMINIALI PRINCIPIO GENERALE Art. 1123 c.c. Criterio di tripartizione: Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento

Dettagli

CITTA DI RAGUSA www.comune.ragusa.gov.it

CITTA DI RAGUSA www.comune.ragusa.gov.it CITTA DI RAGUSA www.comune.ragusa.gov.it SETTORE XI Edilizia Privata e Produttiva ---------------------------------------------------------------------------------------------------------Dirigente: Arch.

Dettagli

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione REGIMI PROCEDURALI A CUI È SOGGETTA L ATTIVITÀ EDILIZIA IN SICILIA APPENDICE NORMATIVA Attività edilizia libera (Art. 6 L.R. 37/85) Per la realizzazione degli interventi edilizi rientranti nel "regime

Dettagli

L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI. di Sergio Meo avvocato in Napoli, studio legale Meo-Varvarigos

L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI. di Sergio Meo avvocato in Napoli, studio legale Meo-Varvarigos L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI di Sergio Meo avvocato in Napoli, studio legale Meo-Varvarigos Sommario:1) La disciplina legale sull abbattimento delle barriere architetto

Dettagli

VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE DEL TIPO DI INTERVENTO PREVISTO

VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE DEL TIPO DI INTERVENTO PREVISTO COMUNE DI PIADENA Provincia di Cremona Sede Municipale: Piazza Garibaldi n. 3 - Tel. 0375.98125 - Fax n. 0375.98733 VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER RISTRUTTURAZIONI (50%)

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER RISTRUTTURAZIONI (50%) LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER RISTRUTTURAZIONI (50%) pag. 1/8 DESCRIZIONE L agevolazione è applicabile alle abitazioni facenti parte di edifici interamente ristrutturati dal 1 Gennaio 2008 al 31 Dicembre

Dettagli

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 AL G. NDACO DEL COMUNE DI SABBIO CHIESE (BS) D.P.R. 380/01 art. 77 e succ. VERIFICA DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 Allegata al progetto di Sportello Unico Attività Produttive da realizzarsi nel Comune

Dettagli

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI RICHIAMI DI TECNICA URBANISTICA SUPERFICIE URBANA Insieme delle superfici occupate da costruzioni ed attrezzature,

Dettagli

Approvato con delibere Consiglio Comunale n. 162 del 17/11/2008 efficace con pubblicazione sul B.U.R.T. n. 55 del 31/12/2008

Approvato con delibere Consiglio Comunale n. 162 del 17/11/2008 efficace con pubblicazione sul B.U.R.T. n. 55 del 31/12/2008 PROVINCIA DI LIVORNO Elenco dei materiali da impiegare e delle modalità per gli interventi sugli edifici inseriti nei centri storici e nelle schede del patrimonio edilizio esistente di particolare valore

Dettagli

CITTA DI TORINO ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN LOCALI PUBBLICI E PRIVATI APERTI AL PUBBLICO.

CITTA DI TORINO ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN LOCALI PUBBLICI E PRIVATI APERTI AL PUBBLICO. All. n. 1 Deliberazione n. 2008 06681/38 CITTA DI TORINO ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN LOCALI PUBBLICI E PRIVATI APERTI AL PUBBLICO. ARTICOLO 31, comma 5, DEL REGOLAMENTO EDILIZIO DELLA

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni Al fine di rendere più agevole la procedura si elencano gli interventi previsti dall art. 5 del Regolamento

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO CHE FA CRESCERE... LA CUBATURA. A cura del Dott. Fulvio Di Dio

IL RISPARMIO ENERGETICO CHE FA CRESCERE... LA CUBATURA. A cura del Dott. Fulvio Di Dio IL RISPARMIO ENERGETICO CHE FA CRESCERE... LA CUBATURA A cura del Dott. Fulvio Di Dio È da poco entrato in vigore il decreto legislativo 30 maggio 2008, n. 115, Attuazione della direttiva 2006/32/CE relativa

Dettagli

Manutenzione ordinaria

Manutenzione ordinaria Manutenzione ordinaria Allarme (impianto) Androne Antenna Balconi Caldaia Caloriferi condizionatori Cancelli esterni Canna fumaria Cantine e Riparazione senza innovazioni o con sostituzione di alcuni elementi

Dettagli

Norme tecniche di attuazione. Edifici elencati ai sensi della ex L.R. 59/80

Norme tecniche di attuazione. Edifici elencati ai sensi della ex L.R. 59/80 Norme tecniche di attuazione Edifici elencati ai sensi della ex L.R. 59/80 TESTO MODIFICATO CON DELIBERA DEL C.C. N. \ RELATIVA ALL APPROVAZIONE DEL SECONDO REGOLAMENTO URBANISTICO NOVEMBRE 2013 Comune

Dettagli

Regime edilizio degli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche

Regime edilizio degli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche Regime edilizio degli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche avv. Michele Parodi, Direttore ANCE Liguria Per una più compiuta comprensione dell attualità del tema è utile premettere

Dettagli

SCALE E PARAPETTI. I parapetti sono elementi edilizi o strutturali realizzati per proteggere da rischi di cadute.

SCALE E PARAPETTI. I parapetti sono elementi edilizi o strutturali realizzati per proteggere da rischi di cadute. SCALE E PARAPETTI I parapetti sono elementi edilizi o strutturali realizzati per proteggere da rischi di cadute. Le scale sono elementi strutturali che servono per superare un dislivello ossia collegano

Dettagli

INSTALLAZIONE EX NOVO DELL'ASCENSORE E LIMITI AL GODIMENTO DI BENI COMUNI Avv. Pietro Maria Di Giovanni

INSTALLAZIONE EX NOVO DELL'ASCENSORE E LIMITI AL GODIMENTO DI BENI COMUNI Avv. Pietro Maria Di Giovanni INSTALLAZIONE EX NOVO DELL'ASCENSORE E LIMITI AL GODIMENTO DI BENI COMUNI Avv. Pietro Maria Di Giovanni Sempre più spesso, specie nelle vecchie costruzioni, si pone la necessità, anche per la presenza

Dettagli

Ristrutturazione: immobili interessati

Ristrutturazione: immobili interessati Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 348 17.12.2013 Ristrutturazione: immobili interessati Categoria: Irpef Sottocategoria: Detrazione 36% Gli interventi, oggetto dell agevolazione

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili. COMMITTENTE: Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.it PROGETTO: ELABORAZIONE DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. 338 OGGETTO TITOLO

Dettagli

COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA

COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA Per facilitare l'individuazione del procedimento più appropriato si forniscono di seguito alcune indicazioni di carattere generale, sottolineando che con l'entrata

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale Provincia di Milano 3

Azienda Sanitaria Locale Provincia di Milano 3 Azienda Sanitaria Locale Provincia di Milano 3 Deliberazione n 642 Seduta del 19/10/2005 Regolamento Locale d Igiene - Aggiornamento del Titolo III - Inserimento dell art. 3.2.11: Disposizioni concernenti

Dettagli

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica.

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica. RELAZIONE TECNICA Nel corso dei diversi sopralluoghi tecnici effettuati si sono riscontrate innumerevoli problematiche legate allo stato di conservazione degli edifici nel loro complesso e in particolar

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE PUBBLICI ESERCIZI E RISTORANTI LIVELLO ARGENTO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA BAR E RISTORANTE CRITERIO DA RISPETTARE

Dettagli

PREMESSE. Tali interventi dovranno peraltro ricadere nella fattispecie della adattabilità, ove tale termine:

PREMESSE. Tali interventi dovranno peraltro ricadere nella fattispecie della adattabilità, ove tale termine: Circolare esplicativa finalizzata a garantire l'adattabilità degli edifici residenziali ai fini del superamento e dell'eliminazione delle barriere architettoniche (20 ottobre 2008) PREMESSE Questa circolare

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento.

In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento. In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento. In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento. Distinguendo a seconda che

Dettagli

1. PREMESSA ACCORGIMENTI DA ADOTTARE PER L'ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

1. PREMESSA ACCORGIMENTI DA ADOTTARE PER L'ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE 1. PREMESSA ACCORGIMENTI DA ADOTTARE PER L'ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (legge 9.1.89, n. 13; DM. 14.6.89, n. 236 e L.P. 9.1.91, n. 1 e DPR24.07.1996, N. 503) Trattasi d'intervento di realizzazione

Dettagli

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 ALLEGATO A Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 Approvato con deliberazione di CC n.47 in data 29/10/2009

Dettagli

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni COMUNE DI MALGESSO PROVINCIA DI VARESE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DELLE REGOLE art. 10 LR 12/2005 SCHEDE EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli