Aprile Department of Internal Medicine, Nephrology and Health Sciences, University of Parma, Italy.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aprile 2009. Department of Internal Medicine, Nephrology and Health Sciences, University of Parma, Italy."

Transcript

1 Aprile 009 In questo numero di Emothal viene riportata la seconda parte dei posters presentati al V Congresso Nazionale SO. S. T. E. - S. I. T. E., che si è tenuto a Cagliari dal 6 al 8 Ottobre 008 Cardiac and liver involvement assessed by T* magnetic resonance (MRI T*) i n patients with thalassemia major Pattoneri P., Cassinerio E., Marcon A., Pedre t t i S., Zanaboni L., Dellegrottaglie S., Cappellini M. D., Roghi A. Department of Internal Medicine, Nephrology and Health Sciences, University of Parma, Italy. H e re d i t a ry Anemia Center, Department of Internal Medicine, Policlinico Foundation IRCCS, University of Milan, Italy; Department of Card i o l o g y, Niguarda Hospital, Milan, Italy I n t ro d u c t i o n. C a rdiac and hepatic dysfunctions derived from iron overload are common in patients with Thalassemia Major (TM), re p resenting the leading causes of mortality in adult patients. In TM patients cardiac and liver Magnetic Resonance Imaging (MRI) T*, a new, re p roducible and non invasive technique, has been recently used to evaluate iron content and to adapt an adequate iro n chelation therapy. More o v e r, the cardiac and liver depletion has been considered a major cause of i m p roved survival in TM patients. Aim of the study. To evaluate cardiac and liver involvement in TM patients assessed by MRI T*. Methods. 0 TM patients (54 males and 7 women, mean age ± 6 yrs) treated with various iron chelators underwent MRI T* to assess myocardial and liver iron overload. All patients underwent MRI T* at Cardiology and MRI Department A. De Gasperis at Niguarda Ca Granda Hospital in Milan. Patients were scanned with.5 T Magnetom Avanto Siemens; images were analyzed using a post-processing software (CMR Tools, Imperial College, London). Liver iron concentration (LIC) was calculated according the formula [(/(T*/000)] x We divided patients on the basis of normal cardiac and liver MRI T* (N group), cardiac or liver involvement (C or L group, respectively), and liver and cardiac involvement (LC). Normal cardiac T* was defined for value above 0 ms and normal LIC under 4. mg/g dry weight. R e s u l t s. Overall the median ferritin value was 0.5 ng/ml (range ng/ml) and pretransfusional mean hemoglobin (Hb) 9.4 ± 0. 7 g/dl. More o v e r, the mean iron intake was 0. 4 ± 0.08 mg/kg/day. Normal cardiac and liver MRI T* was found in 40 patients (%), patients (6%) had only cardiac iron overload (C g roup), 4 patients (%) only liver iron overload (L group) and 8 patients (%) had both card i a c and liver iron overload (LC group). At evaluation point, in N group the 50% of patients was in therapy with deferasirox, 7,5% with defero x a m i n e (DFO), 7,5% with DFO + deferiprone (DFP), 5% with DFP; in L group the 9% of patients was in therapy with deferasirox, 7% with DFO, 7% with DFO + DFP and 7% with DFP; in C gro u p Direttore Scientifico Vincenzo De Sanctis ( Fe r r a r a ) Comitato di Redazione Vincenzo Caruso ( C a t a n i a ), Paolo Cianciulli (Roma), Maria Concetta Galati ( C a t a n z a r o ), Maria Rita Gamberini ( Fe r r a r a ), Aurelio Maggio ( Pa l e r m o ) Comitato Editoriale Maria Domenica Cappellini ( M i l a n o ), Marcello Capra ( Pa l e r m o ), Gemino Fiorelli ( M i l a n o ), Eliana Lai ( C a g l i a r i ), Alfio La Ferla ( C a t a n i a ), Turi Lombardo ( C a t a n i a ), Carmelo Magnano ( C a t a n i a ), Roberto Malizia ( Pa l e r m o ), Giuseppe Masera ( M o n z a ), Lorella Pitrolo ( Pa l e r m o ), Luciano Prossomariti ( N a p o l i ), Michele Rizzo ( C a l t a n i s e t t a ), Calogero Vullo ( Fe r r a r a ) Segretaria di Redazione Gianna Vaccari ( Fe r r a r a ) International Editorial Board A. Aisopos (Athens, Greece), M. Angastiniotis (Nicosia, Cyprus), Y. Aydinok ( I z m i r, Tu r k e y ), D. Canatan (Antalya, Tu r k e y ), S. Fattoum ( Tunis, Tu n i s i a ), C. Kattamis (Athens, Greece), D. Malyali (Istanbul, Tu r k e y ), P. Sobti (Ludhiana, India), T. Spanos (Athens, Greece)

2 Rivista Italiana di Medicina dell Adolescenza - Volume 7, n., 009 the 4% of patients was in therapy with deferas i rox, 4% with DFO and 4% with DFO + D F P ; in LC group the 4% of patients was in therapy with deferasirox, 4% with DFO, % with D F O + DFP and % with DFP. Data are summarize in table below (Tabella ). P u r p o s e. O s t e o p e n i a / o s t e o- p o rosis is a significant cause of morbidity in beta-thalassemia M a j o r, producing re d u c e d bone strength and incre a s e d risk of fractures. As scanty data a re available for TI, we evaluated bone mineralization and related factors in a cohort of TI patients. Methods. 50 TI patients (9 M, F; mean age 9.6 ± 6.6 years) were scanned by dual energy X- ray absorptiometry at vertebral and femoral sites. The relationships between bone mineralization Tabella. PARAMETERS GROUP N GROUP C GROUP L GROUP CL N. of total pts (%) 40 (%) (6%) 4 (%) 8 (%) % of pts with DFO 5 (7.5 %) 9 (4%) (7%) (4%) % of pts with DFO + DFP (7.5%) (4%) 7 (7%) (%) % of pts with DFP (5%) 0 (0%) 7 (7%) (%) % of pts with deferasirox 0 (50%) 9 (4%) 6 (9%) (4%) Mean ferritin levels ± DS 87 ± ± 49 4 ± ± 78 (ng/ml) Significant diff e rences in ferritin levels were pre s e n t between groups (N vs LC p < 0.00, N vs L p < 0.00, L vs C and N vs C p = ns). C o n c l u s i o n s. The best iron chelation therapy in TM is still to be determined. Often the TM patients benefit by a combined therapy. In conclusion cardiac and liver MRI T can help for a better stratification of complications and might help to revise protocols for an adequate chelation therapy in!-thalassemia major. Bone mineralization in patients with beta-thalassemia intermedia (TI) Baldini I.M., Tampieri B., Forti S., Ulivieri F.M., Fasulo M.R. 4, Cesaretti C. 4, Marcon A. 4, Cassinerio E. 4, Zanaboni L. 4, Cappellini M.D. 4 UO of Internal Medicine A, Policlinico Foundation IRCCS, Milan, Italy; UO of Audiology, Policlinico Foundation IRCCS, University of Milan, Italy; Department of Nuclear Medicine, Policlinico Foundation IRCCS, University of Milan, Italy; 4 Hereditary Anemia Center, Department of Internal Medicine, Policlinico Foundation IRCCS, University of Milan, Italy Tabella. and demographic, haematological, endocrinometabolic parameters were evaluated with univariate and multivariate statistical analysis. R e s u l t s. A high prevalence of bone demineralization was found. The Table shows the re s u l t s as distributed on the basis of sex and site ( Tabella ). Mean vertebral T-score (-.58 ±.) was significantly lower than femoral (-.85 ±.6). Osteopenia/osteoporosis was found in 46 out of 50 patients (9%), with selective vertebral localization in 8 (6%) and femoral localization in (%); both sites were affected in 7 patients (74%). Univariate statistical analysis revealed significant correlations of BMI, extramedullary hematopoiesis masses, hypogonadism, serum ferritin and alkaline phosphatase with T-score in both sites. Age, haemoglobin and PTH serum Bone mineralization Vertebral Femoral Normal Total 5 (0%) (4%) T-score > - Males (4%) 6 (%) 4 Females (6%) 6 (%) Osteopenia Total 4 (48%) 4 (48%) - T-score -,5 Males 9 (8%) 0 (0%) Females 5 (0%) 4 (8%) Osteoporosis Total (4%) 4 (8%) T-score < -.5 Males 8 (6%) (6%) Females (6%) (%)

3 Atti Congresso So.STE concentrations were not correlated. Multivariate analysis confirmed the same correlations. C o n c l u s i o n s. Our study showed a high pre v a- lence of osteopenia/osteoporosis in TI patients, with prominent involvement of axial bone, and c o r relation between iron overload, gonadal dysfunction and excessive ineffective ery t h ro p o i e s i s and this complication. Close surveillance, preventive intervention and early management are m a n d a t o ry to secure normal bone health and i m p rove quality of life in this thalassemia synd ro m e. Valutazione non invasiva della fibrosi epatica in pazienti talasemici trasfusione dipendenti mediante transient elastography (TE) Borsellino Z., Di Marco V., Gagliardotto F., Cuccia L., Marocco M.R., Ruffo G.B., Saieva L., Cabibbi D., Alaimo G., Spataro F. 4 e Capra M. UOC Ematologia-Emoglobinopatie Osp. G. Di Cristina, ARNAS Civico, Palermo; UOC Gastroenterologia ed Epatologia, Dip. Biomedico di Medicina Interna e Specialistica. Università di Palermo; Servizio di Istologia Patologica Università di Palermo; 4 Servizio di Virologia, ARNAS Civico Palermo O b i e t t i v o. La Transient elastography (TE) è un metodo non invasivo per la valutazione della fibrosi epatica. L influenza del sovraccarico di ferro su questa metodica è ancora sconosciuta. Noi abbiamo valutato se tale metodica diagnostica può sostituire la biopsia epatica come strumento per la valutazione della fibro s i epatica in soggetti con accumulo di ferro posttrasfusionale e infezione da HCV post- trasfus i o n a l e. Pazienti. 56 pazienti con! talassemia omozigote, trasfusione dipendente, (età media 7.4), con HCV-RNA positivo, sottoposti anche a biopsia epatica. M e t o d i. La flogosi epatica è stata valutata utilizzando lo score METAVIR, la concentrazione del ferro nel fegato (LIC) è stata misurata mediante spettrometria ad assorbimento atomico e la misurazione della stiffness del fegato (LSM) è stata misurata in kpa mediante la TE con Fibro s c a n. Risultati. La stiffness del fegato aumenta proporzionalmente con lo stadio di fibrosi del fegato (r = 0.70; p > 0.00) indipendentemente dalla concentrazione di ferro nel fegato (r = 0.0; p = 0.9). La capacità di predizione della cirrosi dell AUROC era (95% CI: 0.95 to.000) con cut-off di 0 kpa con il 00% di sensibilità (95% CI: ) e il 95% di specificità (95% CI: ). La LSM era significativamente associata con i valori di transaminasi e lo stadio di fibrosi ma non con la ferritina, la LIC e la steatosi. Conclusioni. La LSM con la TE è uno strumento adeguato, attendibile e non-invasivo per la diagnosi di fibrosi epatica avanzata in pazienti con talassemia, indipendentemente dal grado di sovraccarico di ferro. Cardiac iron overload extimated by T* magnetic resonance (MRI T*) in a cohort of thalassemia major patients Cassinerio E., Roghi A.(), Zanaboni L., Pedrotti P., Dellegrottaglie S., Marcon A., Proto P., Cappellini MD. Hereditary Anemia Center, Department of Internal Medicine, Policlinico Foundation IRCCS, University of Milan, Italy; Department of Cardiology, Niguarda Hospital, Milan, Italy P o r p o u s e. C a rdiac iron overload can cause important morbidity and mortality in Thalassemia Major (TM) patients. Myocardial iron concentration can be assessed by MRI T*, a new, re p roducible and non invasive technique. Heart T* values under 0 ms are associated with a pro g ressive iron load and cardiac dysfunction; T* values under 0 ms a re predictive of increasing risk of heart failure. In this study we evaluate heart MRI T* values in a l a rge cohort of TM patients cared at Here d i t a ry Anemia Center in Milan (Italy). M e t h o d s. O n e - h u n d red twenty seven TM patients (54 males and 7 women, ± 6 yrs) u n d e rwent MRI T* to assess myocardial iro n overload from November 006 to October 007. MRI T* was performed at Cardiology and MRI Department A. De Gasperis at Niguarda Ca Granda Hospital in Milan. Patients were scanned with.5 T Magnetom Avanto Siemens; images w e re analysed using a post-processing software (CMR Tools, Imperial College, London). Card i a c function was also assessed by MRI. Normal values heart T* were defined above 0 ms. At time of evaluation 46 (6.%) patients were treated with d e f e roxamine (DFO), 9 (7.%) with deferipro n e (DFP), 6 (.6%) with combined therapy (DFO + DFP) and 56 (44%) with deferasirox for at least six months before MRI T*. R e s u l t s. Overall, the median ferritin value was 0 ng/ml (range ng/ml) and pretransfusional mean hemoglobin (Hb) 9.4 ±

4 Rivista Italiana di Medicina dell Adolescenza - Volume 7, n., 009 g/dl. More o v e r, the mean iron intake was 0. 4 ± 0.08 mg/kg/day. The mean cardiac T* value was 6. ±.4 (range ). Te n patients (7.9%) showed a T* < 0 ms, 5 patients (7.6%) had a T* between 0 and 0 ms and 8 patients (64.6%) had normal T* ( T * > 0 ms). Patients were divided accord i n g to cardiac T* values and chelation therapy at the time of evaluation (Tabella ). Le varianti emoglobiniche derivano da sostituzioni aminoacidiche a carico delle catene globiniche che costituiscono l emoglobina. Ad oggi sono state caratterizzate circa 000 varianti emoglobiniche che possono essere stabili e clinicamente asintomatiche, oppure determinare specifiche manifestazioni cliniche a seconda del difetto funzionale. Tra queste l emoglobina S (Hb S), C ed E rappresentano un importate problema sanitario e raggiungono frequenze elevate in Africa (Hb S e Hb C) e Sud Est Asiatico (Hb E). Tabella. MRI T* VALUES n. pt DFO n. pt DFP n. pt DFO+DFP n. pt EXJADE (%) (%) (%) (%) Under 0 ms 4 (40) 0 (0) (0) 4 (40) Between 0 and 0 ms 5 (4.8) (.9) (8.6) 6 (45.7) Above 0 ms 7 (.9) 8 (9.8) (.4) 6 (4.9) n. pt = number of patients No significant diff e rences of ferritin, Hb levels and iron intake were present between each gro u p. No significant correlation were found between heart T* and ferritin, Hb or iron intake. In patients with T* values under 0 ms, a re d u c- tion of LVEF were shown in the group with combined therapy or deferasirox (4 ± 9 and 5 0 ± %, respectively). All the other gro u p s showed a normal LV E F. Discussion and conclusions. Our data showed that there s no correlation between cardiac iro n overload measured by MRI T* and ferritin levels. We cannot demonstrate a diff e rent effect on cardiac T* by diff e rent iron chelators having a single MRI evaluation. Most of the patients tre a t e d with combined therapy or DFP started intensive chelation therapy because of reduction of LVEF or heart failure. Pro g ressive follow up and re p e a t e d MRI along time are warranted to design personalized chelation therapy. Caratterizzazione molecolare di varianti emoglobiniche in Lombarbia C e s a retti C., Refaldi C., Fasulo M.R., Cassinerio E., M a rcon A., Cappellini M.D. Centro Anemie Congenite, Dipartimento di Medicina Interna, Università degli Studi di Milano Fondazione IRCCS Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena In questo studio riportiamo i dati molecolari re l a- tivi alle varianti emoglobiniche osservate nel nos t ro centro di riferimento per la Lombardia nel corso di consulenza genetica preconcezionale o per definizione del fenotipo ematologico. Tutti i campioni sono stati sottoposti ad analisi degli indici eritrocitari e delle frazioni emoglobiniche; l analisi dei difetti molecolari delle catene globiniche è stata effettuata mediante sequenziamento dire t t o del DNA e GAP-PCR. Dal 00 ad oggi sono stati individuati 6 soggetti affetti da varianti emoglobiniche di cui l 88% con anomalie sulla catena beta, il 7% sulla delta e il 5% sulle alfa; il 47% di tali soggetti è risultato avere un genotipo omozigote, o composto con un altra variante, o associato a un tratto alfa e/o beta talassemico. In tabella è riportato l elenco delle varianti emoglobiniche caratterizzate (Tabella 4). Sono state caratterizzate 6 diverse varianti beta con una prevalenza del 69% di Hb S, 0% di Hb C, 6% di Hb Lepore e % di Hb E. Sono state individuate 4 varianti con fenotipo talassemico (Hb Lepore, Hb E, Hb Monroe e Hb Knossos) e varianti con aumentata affinità per l ossigeno (Hb Andrew-Mineapolis, Hb San Diego e Hb Abruzzo). Le varianti coinvolgenti le catene alfa sono 6 di cui 4 sul gene alfa e due sul gene ibrido alfa-alfa derivante dalla delezione di.7kb. Tra le 4 varianti delta la Hb A Yialousa si conferma essere la più frequente (6%), mentre la Hb A Shepherds Bush è risultata una nuova variante mai descritta. 6

5 Atti Congresso So.STE Tabella 4. Varianti Beta n. origine Hb S beta 6(A) Glu>Val 99 Italia, Senegal, Nigeria, Ghana, Marocco Hb C beta 6(A) Glu>Lys 4 Burkina Faso, Costa d Avorio, Ghana, Italia Hb Lepore WB (delta fino a 87; beta da 6) 8 Italia Hb E beta 6(B8) Glu>Lys 5 Tailandia, Bangladesh, Filippine HbCamperdown beta 04(G6) Arg>Ser Italia Hb O-Arab beta (GH4) Glu>Lys Italia Hb Monroe beta 0(B) Arg>Thr Italia Hb Knossos beta 7(B9) Ala>Ser Egitto Hb Andrew-Minneapolis beta 44(HC) Ly s > A s n Italia Hb San Diego beta 09(G) Val>Met Italia Hb Abruzzo beta 4(H) His>Arg Italia Hb G-San José beta 7(A4) Glu->Gly Italia Hb Austin beta 40(C6) Arg>Ser Italia Hb City of Hope beta 69(E) Gly>Ser Italia Hb D-Ibadan beta 87(F) Thr>Lys Italia HbD-Los Angeles beta (GH4) Glu>Gln Italia Varianti Alfa n. origine Hb O-Padova alpha 0(B) Glu>Lys Italia Hb Rampa alpha 95(G) Pro>Ser Italia Hb Constant Spring alpha 4, Stop>Gln Asia Hb Icaria alpha 4, Stop>Lys Italia Hb G-Philadelphia alpha- 68(E7) Asn>Lys Nigeria Hb Hasharon alpha- 47(CE5) Asp>His Italia Varianie Delta n. origine Hb A-Yialousa delta 7(B9) Ala>Ser 7 Italia, Albania Hb A delta 6(A) Gly>Arg Ghana Hb A-Troodos delta 6(G8) Arg>Cys Italia Hb A Shepherds Bush delta 74(E8) Gly>Asp Italia 7

Thalassaemias. Thalassaemia Hb Variants. A group of blood deseases caused by a genetically determined. alteration in globin synthesis

Thalassaemias. Thalassaemia Hb Variants. A group of blood deseases caused by a genetically determined. alteration in globin synthesis Approccio diagnostico delle Varianti Hb Giovanni Ivaldi Laboratorio di Genetica Umana - Settore Microcitemia Ospedali Galliera - Genova A group of blood deseases caused by a genetically determined reduction

Dettagli

Milano, 28-30 Ottobre 2015. Carlotta Buzzoni 1, Donella Puliti 1, Alessandro Barchielli 1, Marco Zappa 1 e Jonas Hugosson 2 per ERSPC Working2 Group

Milano, 28-30 Ottobre 2015. Carlotta Buzzoni 1, Donella Puliti 1, Alessandro Barchielli 1, Marco Zappa 1 e Jonas Hugosson 2 per ERSPC Working2 Group Approccio Incidence based mortality per la valutazione della riduzione di mortalità per carcinoma prostatico nello studio randomizzato europeo sullo screening per tumore della prostata (ERSPC) Milano,

Dettagli

TALASSEMIA INTERMEDIA: casi clinici. Melania Serra Centro Microcitemie-Pediatria Ospedale San Luigi Gonzaga Orbassano (TO)

TALASSEMIA INTERMEDIA: casi clinici. Melania Serra Centro Microcitemie-Pediatria Ospedale San Luigi Gonzaga Orbassano (TO) TALASSEMIA INTERMEDIA: casi clinici Melania Serra Centro Microcitemie-Pediatria Ospedale San Luigi Gonzaga Orbassano (TO) Talassemia intermedia: definizione Anemia a esordio tardivo (sopra i 2 anni di

Dettagli

PROGRAMMA CCM 2010 DATI GENERALI DEL PROGETTO (MAX 1 PAGINA)

PROGRAMMA CCM 2010 DATI GENERALI DEL PROGETTO (MAX 1 PAGINA) PROGRAMMA CCM 2010 DATI GENERALI DEL PROGETTO (MA 1 PAGINA) PROPONENTE Maria Domenica Cappellini TITOLO: LA PRESA IN CARICO DEI SOGGETTI AFFETTI DA TALASSEMIA ED EMOGLOBINOPATIE:PERCORSI E STRUTTURE N

Dettagli

UTILIZZO OTTIMALE DEI TEST DI II LIVELLO PER TALASSEMIA

UTILIZZO OTTIMALE DEI TEST DI II LIVELLO PER TALASSEMIA UTILIZZO OTTIMALE DEI TEST DI II LIVELLO PER TALASSEMIA Dr.ssa Anna Ravani Laboratorio di Genetica Molecolare Servizio di Genetica Medica Azienda Ospedaliera-Universitaria S.Anna FERRARA EMOGLOBINOPATIE:

Dettagli

Direttore del dipartimento di Medicina Trasfusionale e Ematologia

Direttore del dipartimento di Medicina Trasfusionale e Ematologia Prati Daniele Data di nascita 20/02/1964 Direttore del dipartimento di Medicina Trasfusionale e Ematologia Direttore di dipartimento Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1991 e diploma di specializzazione

Dettagli

Coma research Centre Besta- Italy Coma Science Group Ferb- Belgium

Coma research Centre Besta- Italy Coma Science Group Ferb- Belgium Coma research Centre Besta- Italy Coma Science Group Ferb- Belgium Proposals for scientific collaborations 8th March 2012- Liegi Matilde Leonardi, Scientific Director Coma Research Centre M. Leonardi -

Dettagli

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano I lipidi nella alimentazione del bambino Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano ! I lipidi del latte materno: composizione e significato - acidi grassi -

Dettagli

Le demenze nella persona molto anziana

Le demenze nella persona molto anziana PROGRESSI IN GERIATRIA Brescia Settembre - Dicembre 2012 Le demenze nella persona molto anziana Angelo Bianchetti, 14/09/2012 Angelo Bianchetti Gruppo di Ricerca Geriatrica - Brescia Istituto Clinico S.Anna

Dettagli

Epatite C e transaminasi normali

Epatite C e transaminasi normali Giornata di aggiornamento in tema di Epatologia Situazioni cliniche controverse in epatologia Savona 29 ottobre 2005 Epatite C e transaminasi normali U.O.C. di Medicina Interna (Dir. G. Menardo) U.O.S.

Dettagli

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea Il Gruppo Donna di AMD:

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA IN ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA UMANA E VETERINARIA (XIX CICLO)

DOTTORATO DI RICERCA IN ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA UMANA E VETERINARIA (XIX CICLO) ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA DOTTORATO DI RICERCA IN ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA UMANA E VETERINARIA (XIX CICLO) RUOLO DELL ELASTOMETRIA PULSATA MONODIMENSIONALE AD ULTRASUONI (FIBROSCAN )

Dettagli

DR. MARCELLO PERSICO (PRSMCL57M18F839K)

DR. MARCELLO PERSICO (PRSMCL57M18F839K) DR. MARCELLO PERSICO (PRSMCL57M18F839K) CURRICULUM VITAE Nato il 18-8-57 a Napoli, laureato in Medicina e Chirurgia presso l'universita' degli Studi di Napoli nel Luglio 1982. Specializzato in Gastroenterologia

Dettagli

Artrosi primaria Cuff Arthropaty Necrosi Avascolare Fratture a più frammenti Pseudoartrosi Artrite reumatoide Spondilite anchilosante Delitala 1945 Neer fu il primo a comprendere che le protesi vincolate

Dettagli

Test of palatability

Test of palatability Test of palatability Materials and methods The palatability of several dry-food (growth, struvite, renal, gastro-intestinal, oxalate and obesity) were compared in palatability trials versus at list 1 equivalent

Dettagli

Differenze di sopravvivenza e percorsi di diagnosi e trattamento in Europa

Differenze di sopravvivenza e percorsi di diagnosi e trattamento in Europa L impatto dei tumori sui sistemi sanitari: approcci ed esperienze a confronto Aula Marconi, CNR, P.le Aldo Moro, 7 - Roma 4 febbraio 2014 Differenze di sopravvivenza e percorsi di diagnosi e trattamento

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA Andrea MAGNANO Dirigente Nefrologo UOC Medicina Interna Ospedale Santa Maria di Borgo Val di Taro Azienda USL di Parma DEFINIZIONE THE

Dettagli

Dato atto che con delibera 1235 del 22.09.1999 il Consiglio regionale ha adottato il Piano Sanitario Regionale per il triennio 1999 2002;

Dato atto che con delibera 1235 del 22.09.1999 il Consiglio regionale ha adottato il Piano Sanitario Regionale per il triennio 1999 2002; Page 1 of 8 Prot. N. (OSP/05/33015) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Dato atto che con delibera 1235 del 22.09.1999 il Consiglio regionale ha adottato il Piano Sanitario Regionale per il triennio

Dettagli

Samuele De Minicis: CURRUCULUM VITAE

Samuele De Minicis: CURRUCULUM VITAE Samuele De Minicis: CURRUCULUM VITAE Informazioni personali Nome: Samuele De Minicis, MD, PhD. Data di nascita: 3 Agosto, 1977 Macerata (MC), Italia Indirizzo: via Indipendenza, n7 63812 Montegranaro,

Dettagli

Le esigenze cliniche del paziente oncologico in terapia

Le esigenze cliniche del paziente oncologico in terapia Cisef Centro Internazionale di Studi e Formazione Germana Gaslini - Genova Le esigenze cliniche del paziente oncologico in terapia Andrea De Censi, MD S.C. Oncologia Medica Ospedali Galliera, Genova Honorary

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Principi dello screening raccomandati dalla World Health Organization

Principi dello screening raccomandati dalla World Health Organization EMOGLOBINE: DIAGNOSTICA, STANDARDIZZAZIONE, PROSPETTIVE Approcci diagnostici e problematiche in relazione ad uno screening neonatale Giovanni Ivaldi Laboratorio di Genetica - Settore Microcitemia Ospedali

Dettagli

Cross-cultural adaptation and validation of the Italian version of the HOOS (Hip disability and Osteoarthritis Outcome Score) questionnaire.

Cross-cultural adaptation and validation of the Italian version of the HOOS (Hip disability and Osteoarthritis Outcome Score) questionnaire. Cross-cultural adaptation and validation of the Italian version of the HOOS (Hip disability and Osteoarthritis Outcome Score) questionnaire. Abstract Objective: The aim of this multicenter study was to

Dettagli

Dai dati disponibili

Dai dati disponibili Gruppi a rischio aumentato: familiarità, genetica, densità, abitudini di vita Dai dati disponibili Daniela Turchetti UO e Cattedra di Genetica Medica Università di Bologna-Policlinico S.Orsola-Malpighi

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Data e luogo di nascita Qualifica CRACOLICI ELIANA 27.02.1977 - PALERMO DIRIGENTE MEDICO RADIODIAGNOSTICA Amministrazione Azienda Sanitaria Provinciale

Dettagli

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia La crescita tumorale Classification Evoluzione dei trattamenti RR OS Sites of therapy STAGE II In colon cancer patients

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

www.gimsi.it Registro GIMSI

www.gimsi.it Registro GIMSI www.gimsi.it Registro GIMSI Registro GIMSI Board: Ammirati if Badami A Brignole M (responsabile progetto) Casagranda I De Seta F Furlan R Registro multicentrico prospettico costituito dai pazienti valutati

Dettagli

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara.

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara. U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale Azienda USL Ferrara Istituita con delibera N. 2079 del 21/12/2000 in considerazione del fatto che una UNICA UO assicura più ampie garanzie di uniformità nella

Dettagli

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica?

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? Lucia Del Mastro SS Sviluppo Terapie Innovative Bergamo 6 luglio 2014 IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST

Dettagli

Molle per stampi DIE SPRINGS ISO 10243

Molle per stampi DIE SPRINGS ISO 10243 Molle per stampi DIE SPRIGS ISO 10243 2 Die springs Molle per stampi Located in Colnago, Milano TIPCOCIMA S.r.l. is a joint-venture between TIPCO Inc., a global supplier of pierce punches and die buttons

Dettagli

Epidemiologia delle sindromi talassemiche ed emoglobinopatiche. Nel mondo e in casa nostra.

Epidemiologia delle sindromi talassemiche ed emoglobinopatiche. Nel mondo e in casa nostra. Epidemiologia delle sindromi talassemiche ed emoglobinopatiche. Nel mondo e in casa nostra. Dott.ssa Maria Lerone 28/09/2013 Coop. Medici del Territorio Ara Nova Fiumicino . annually there are over 332000

Dettagli

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I D O T T. S S A I R E N E C U T U L I INFORMAZIONI PERSONALI Data di nascita: 20.01.1958 Luogo di nascita: Laureana di Borrello Residenza: Via Orto Carmine, 7 Laureana di Borrello Domicilio: Via Trento,

Dettagli

STILI DI VITA ALIMENTAZIONE OBESITA E SALUTE

STILI DI VITA ALIMENTAZIONE OBESITA E SALUTE CONVEGNO: Alimentazione e Salute: un approccio multidisciplinare 09 maggio 2008 STILI DI VITA ALIMENTAZIONE OBESITA E SALUTE Principali patologie croniche non comunicabili legate a cattiva alimentazione

Dettagli

Quale prospettiva adottare? Sviluppo della presentazione. Il nostro SS è Sostenibile?

Quale prospettiva adottare? Sviluppo della presentazione. Il nostro SS è Sostenibile? La sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale e le diseguaglianze Bologna, 20 novembre 2015 Mario Braga AGENAS Sviluppo della presentazione Sostenibilità Disuguaglianze Conclusioni Il nostro SS è Sostenibile?

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Rosario Scaglione Indirizzo Via Lombardia 9, Palermo Telefono 0916552155 Fax 0916552153 E-mail rosario.scaglione@unipa.it

Dettagli

UN IMMAGINE MIGLIORE PER CRESCERE MEGLIO BRAND DESIGN PACKAGING CORPORATE IDENTITY ADV STILL LIFE

UN IMMAGINE MIGLIORE PER CRESCERE MEGLIO BRAND DESIGN PACKAGING CORPORATE IDENTITY ADV STILL LIFE UN IMMAGINE MIGLIORE PER CRESCERE MEGLIO BRAND DESIGN PACKAGING CORPORATE IDENTITY ADV STILL LIFE Caminiti Graphic è un team di professionisti specializzati in progetti di Brand Design, Packaging, ADV,

Dettagli

Michele Bombelli Clinica Medica. Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza

Michele Bombelli Clinica Medica. Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza 21 marzo IV Sessione: Rischio Cardiovascolare e infezione da HIV Michele Bombelli Clinica Medica Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza Le nuove linee guida ACC/AHA sul trattamento

Dettagli

19-20 Novembre 2014, Pisa Scuola Medica della Facoltà di Medicina. Co.Me.Lab 2014

19-20 Novembre 2014, Pisa Scuola Medica della Facoltà di Medicina. Co.Me.Lab 2014 19-20 Novembre 2014, Pisa Scuola Medica della Facoltà di Medicina Co.Me.Lab 2014 Aldo Clerico Scuola Superiore Sant Anna Fondazione Regione Toscana G. Monasterio clerico@ftgm.it INTRODUZIONE Il BNP è un

Dettagli

EMOCROMATOSI EREDITARIA WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

EMOCROMATOSI EREDITARIA WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ EMOCROMATOSI EREDITARIA WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ Iron Metabolism Essential Nutrient Heme + cofactor for many enzymes Iron Intake dietary iron absorbed by duodenum transported by transferrin stored as

Dettagli

NUOVI ASPETTI NELLA GENETICA E NELLA CLINICA IN DIAGNOSI PRENATALE. 4 giugno 2009 - ORE 9.00 Sala Conferenze Via F. Ferrer 25/27- Busto Arsizio (VA)

NUOVI ASPETTI NELLA GENETICA E NELLA CLINICA IN DIAGNOSI PRENATALE. 4 giugno 2009 - ORE 9.00 Sala Conferenze Via F. Ferrer 25/27- Busto Arsizio (VA) NUOVI ASPETTI NELLA GENETICA E NELLA CLINICA IN DIAGNOSI PRENATALE 8.30 registrazione 9.00 introduzione presentazione 9.15 10.00 10.45 11.00 11.45 12.30 13.30 14.15 15.00 15.15 16.00 Dr. DI GIANANTONIO-Nuove

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

La vaccinazione HPV: dalla prevenzione primaria alla riduzione delle recidive G. Baitelli G. Tisi (AO Spedali Civili BS)

La vaccinazione HPV: dalla prevenzione primaria alla riduzione delle recidive G. Baitelli G. Tisi (AO Spedali Civili BS) La vaccinazione HPV: dalla prevenzione primaria alla riduzione delle recidive G. Baitelli G. Tisi (AO Spedali Civili BS) In Italia, ogni anno, si stimano 14.700 casi di CIN 2/3 e 47.000 CIN1 È INDICATO:

Dettagli

Quality Certificates

Quality Certificates Quality Certificates Le più importanti certificazioni aziendali, di processo e di prodotto, a testimonianza del nostro costante impegno ed elevato livello di competenze. Qualità * certificata * Certified

Dettagli

IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS

IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS I tumori in Italia Rapporto AIRTUM 1 TUMORI INFANTILI -1 ANNI IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI

Dettagli

CURRICULUM VITAE STEFANIA ZATELLI

CURRICULUM VITAE STEFANIA ZATELLI CURRICULUM VITAE STEFANIA ZATELLI Nata a Milano il 25 Novembre 1972. STUDI ED ESPERIENZE PROFESSIONALI 1991 Diploma di Maturità Classica conseguito nell anno scolastico 1990-1991 presso il Liceo Classico

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

PROGETTO OBIETTIVO LA CARDIORISONANZA COME STRUMENTO DIAGNOSTICO E PROGNOSTICO IN PAZIENTI TALASSEMICI E CARDIOPATICI. Analisi di contesto

PROGETTO OBIETTIVO LA CARDIORISONANZA COME STRUMENTO DIAGNOSTICO E PROGNOSTICO IN PAZIENTI TALASSEMICI E CARDIOPATICI. Analisi di contesto 1 PROGETTO OBIETTIVO LA CARDIORISONANZA COME STRUMENTO DIAGNOSTICO E PROGNOSTICO IN PAZIENTI TALASSEMICI E CARDIOPATICI Analisi di contesto La talassemia major (o anemia mediterranea) costituisce ancora

Dettagli

Screening per il tumore della prostata

Screening per il tumore della prostata Screening per il tumore della prostata Screening Un programma di screening oncologico ha per obiettivo diminuire la mortalità e/o l incidenza di una neoplasia attraverso l identificazione di tumori non

Dettagli

Italian Journal Of Legal Medicine

Italian Journal Of Legal Medicine Versione On Line: ISSN 2281-8987 Italian Journal Of Legal Medicine Volume 1, Number 1. December 2012 Editore: Centro Medico Legale SRL - Sede Legale: Viale Brigata Bisagno 14/21 sc D 16121 GENOVA C.F./P.IVA/n.

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA e&p GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA Linfomi: linfomi di Hodgkin e linfomi non Hodgkin Lymphomas: Hodgkin and non-hodgkin Lymphomas Massimo Federico, 1 Ettore M. S. Conti (

Dettagli

Radiazioni Ionizzanti: nuovi modelli per la stima del rischio

Radiazioni Ionizzanti: nuovi modelli per la stima del rischio Dipartimento di Diagnostica per Immagini, Imaging Molecolare, Radiologia Interventistica e Radioterapia Università di Roma Tor Vergata Direttore: : Prof. Giovanni Simonetti Radiazioni Ionizzanti: nuovi

Dettagli

L impatto dei biosimilari nella pratica clinica in Oncologia ed Ematologia

L impatto dei biosimilari nella pratica clinica in Oncologia ed Ematologia L impatto dei biosimilari nella pratica clinica in Oncologia ed Ematologia Giuseppe Longo Dipartimento di Oncologia ed Ematologia Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico di Modena Milano 13 settembre

Dettagli

La diagnosi genetica della talassemia. Dott.ssa L.Pagano. Unità Operativa Microcitemia Dipartimento di Onco-Ematologia A.O.R.N. A.

La diagnosi genetica della talassemia. Dott.ssa L.Pagano. Unità Operativa Microcitemia Dipartimento di Onco-Ematologia A.O.R.N. A. Diapositiva 1 La diagnosi genetica della talassemia Dott.ssa L.Pagano Unità Operativa Microcitemia Dipartimento di Onco-Ematologia A.O.R.N. A. Cardarelli Napoli 2 Dicembre 2005 Castel dell Ovo Sala Virgilio

Dettagli

LA SORVEGLIANZA ATTIVA: TIMING, TECNICA E NUMERO DI PRELIEVI DELLA REBIOPSIA

LA SORVEGLIANZA ATTIVA: TIMING, TECNICA E NUMERO DI PRELIEVI DELLA REBIOPSIA LA SORVEGLIANZA ATTIVA: TIMING, TECNICA E NUMERO DI PRELIEVI DELLA REBIOPSIA -Salvatore Privitera- UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA U.O.C. Urologia Direttore Prof. Giuseppe Morgia Cure might not be possible

Dettagli

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly?

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Rodolfo Ferrari, Fabrizio Giostra, Giorgio Monti, Mario Cavazza Unità Operativa di Medicina d'urgenza

Dettagli

NOVITA IN EPATOLOGIA Caso clinico Dott.ssa E. Bongini Arezzo, 17 Marzo 2012 Caso clinico Ragazzo di 25 anni Familiarità per ipertrigliceridemia, malattie cardiovascolari, DM di tipo 2 Non fumatore Alcol

Dettagli

Il dossier di registrazione, il CSR e la notifica della classificazione

Il dossier di registrazione, il CSR e la notifica della classificazione Il dossier di registrazione, il CSR e la notifica della classificazione Raffaella Butera Servizio di Tossicologia IRCCS Fondazione Maugeri e Università degli Studi di Pavia raffaella.butera@unipv.it Esperienza

Dettagli

Il paziente con fattori di rischio per rapida progressione. Gianluca Abbati Divisione Medicina 2-CEMEF Policlinico di Modena

Il paziente con fattori di rischio per rapida progressione. Gianluca Abbati Divisione Medicina 2-CEMEF Policlinico di Modena Il paziente con fattori di rischio per rapida progressione Gianluca Abbati Divisione Medicina 2-CEMEF Policlinico di Modena R.T., maschio, di anni 51, giunto alla nostra osservazione per epatite cronica

Dettagli

La storia della dieta ipoantigenica nella crioglobulinemia

La storia della dieta ipoantigenica nella crioglobulinemia Mangiarsi la malattia Pisa 11 Ottobre 2014 La storia della dieta ipoantigenica nella crioglobulinemia Prof. Stefano Bombardieri Unità Operativa di Reumatologia Universitaria Azienda Ospedaliero Universitaria

Dettagli

XIII RIUNIONE ANNUALE ASSOCIAZIONE ITALIANA REGISTRI TUMORI - AIRTUM Siracusa, 6/8 Maggio 2009. R. Sunseri 2,N. Romano 2.

XIII RIUNIONE ANNUALE ASSOCIAZIONE ITALIANA REGISTRI TUMORI - AIRTUM Siracusa, 6/8 Maggio 2009. R. Sunseri 2,N. Romano 2. XIII RIUNIONE ANNUALE ASSOCIAZIONE ITALIANA REGISTRI TUMORI - AIRTUM Siracusa, 6/8 Maggio 2009 Sottotipi di carcinoma della mammella identificati con markers immunoistochimici: dati del Registro Tumori

Dettagli

Sistema modulare per visualizzazione prezzi carburanti.

Sistema modulare per visualizzazione prezzi carburanti. Sistema modulare per visualizzazione prezzi carburanti. La gamma NAUTILUS, nata dall esperienza maturata dalla nostra azienda in oltre 36 anni di attività nella progettazione e produzione di sistemi di

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Tesi di Laurea Analisi statistica di propagazione di campo elettromagnetico in ambiente urbano. Relatori:

Dettagli

CURRICULUM VITAE di CLAUDIA CESARETTI

CURRICULUM VITAE di CLAUDIA CESARETTI CURRICULUM VITAE di CLAUDIA CESARETTI INFORMAZIONI PERSONALI Nome CLAUDIA CESARETTI Indirizzo VIA DORA RIPARIA 12, 20161 MILANO Telefono +39 3494208058 E-mail claudia.cesaretti@gmail.com Luogo di nascita

Dettagli

Splenectomia laparoscopica versus splenectomia open nella talassemia major ed intermedia: revisione della casistica degli ultimi 12 anni

Splenectomia laparoscopica versus splenectomia open nella talassemia major ed intermedia: revisione della casistica degli ultimi 12 anni Dicembre 2006 Splenectomia laparoscopica versus splenectomia open nella talassemia major ed intermedia: U.O. Chirurgia Pediatrica, Arcispedale S. Anna Ferrara Riassunto Le tecniche laparoscopiche sono

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

Gene MERTK come marker di progressione di fibrosi nelle mala8e croniche di fegato

Gene MERTK come marker di progressione di fibrosi nelle mala8e croniche di fegato Università degli Studi di Palermo FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA DoKorato di Ricerca in Biopatologia Gene MERTK come marker di progressione di fibrosi nelle mala8e croniche di fegato Do$.ssa Rosaria Maria

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

-riesce a identificare riarrangiamenti cromosomici sbilanciati, ovvero delezioni o duplicazioni

-riesce a identificare riarrangiamenti cromosomici sbilanciati, ovvero delezioni o duplicazioni L array-cgh: -riesce a identificare riarrangiamenti cromosomici sbilanciati, ovvero delezioni o duplicazioni -ha un potere si risoluzione 100 volte superiore al cariotipo (100 Kb versus 10 Mb) Microarray-based

Dettagli

Convenzione ROL/NMS per Ricerca Pre-clinica

Convenzione ROL/NMS per Ricerca Pre-clinica Convenzione ROL/NMS per Ricerca Pre-clinica Milano 28 gennaio 2011 A MODEL UNDER ATTACK Pharma Know-how in drug development, limited access to new therapeutic concepts Output: Drug Discovery & Development

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Web 2.0 per guadagnare salute

Web 2.0 per guadagnare salute Web 2.0 per guadagnare salute Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Il web 2.0 - La definizione forse più corretta

Dettagli

CORSO Gestione della comunicazione con il paziente talassemico

CORSO Gestione della comunicazione con il paziente talassemico CORSO Gestione della comunicazione con il paziente talassemico MODULO 1 Corso La relazione e la comunicazione con il paziente talassemico, modulo 1. Il primo modulo del corso è dedicato agli aspetti clinici

Dettagli

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement ITALIAN Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement Female 1: Ormai manca poco al parto e devo pensare alla mia situazione economica. Ho sentito dire che il governo non sovvenziona più il Baby Bonus.

Dettagli

Guida utente User Manual made in Italy Rev0

Guida utente User Manual made in Italy Rev0 Guida utente User Manual Rev0 made in Italy Indice/Index Informazioni generali General Info... 3 Guida Rapida per messa in funzione Start Up procedure... 3 Login Login... 3 Significato dei tasti Botton

Dettagli

Dagli studi clinici al real life

Dagli studi clinici al real life UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE A. AVOGADRO OSPEDALE MAGGIORE DELLA CARITA NOVARA Dagli studi clinici al real life Dott.G.Francalacci Divisione Clinicizzata di Cardiologia Novara, 15/01/2015

Dettagli

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA?

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? M.M. Lirici SESSIONE SIC-SICE Sistema ABC ACTIVITY BASED COSTING Gli elementi che generano il costo sono quelli che richiedono una prestazione

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli

Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli VALUTAZIONE DEL PESO E CONTROLLO DELLA GLICEMIA NEI DIVERSI SOTTOTIPI MOLECOLARI DEL CANCRO DELLA MAMMELLA. Background Negli

Dettagli

Il punto di vista del clinico

Il punto di vista del clinico Il punto di vista del clinico Giulio Metro S.C. Oncologia Medica Ospedale Santa Maria della Misericordia, Azienda Ospedaliera di Perugia Registri di monitoraggio AIFA: stato dell arte ed esperienze a confronto

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

1 Alla cortese attenzione della commissione scientifica della. Il sottoscritto, Alfonso Fasano, beneficiario della borsa di studio NEURECA per l anno

1 Alla cortese attenzione della commissione scientifica della. Il sottoscritto, Alfonso Fasano, beneficiario della borsa di studio NEURECA per l anno 1 Alla cortese attenzione della commissione scientifica della Fondazione NEURECA Onlus Milano Rendiconto sull attività di ricerca finora svolta (scadenza 19 febbraio 2009) Il sottoscritto, Alfonso Fasano,

Dettagli

Il servizio di consulenza finanziaria avanzata nelle banche

Il servizio di consulenza finanziaria avanzata nelle banche SDA Bocconi Il servizio di consulenza finanziaria avanzata nelle banche Milano, 27 giugno 2013 Luigi Spada Avanzata, in che senso? Conforme alla disciplina di riferimento Che avanza nel dare contenuto

Dettagli

Clinica Pediatrica- Università Milano-Bicocca 2 Servizio Immunotrasfusionale Ospedale San Gerardo Monza

Clinica Pediatrica- Università Milano-Bicocca 2 Servizio Immunotrasfusionale Ospedale San Gerardo Monza Dicembre 2008 In questo numero di Emothal viene riportata la prima parte dei posters presentati al V Congresso Nazionale SO.S.T.E., che si è tenuto a Cagliari dal 6 al 8 Ottobre 2008 Comitato Editoriale

Dettagli

La rete dei centri di genetica e il futuro della medicina

La rete dei centri di genetica e il futuro della medicina La rete dei centri di genetica e il futuro della medicina Rosario Casalone,, MD, PhD SSD Genetica Dipartimento Materno Infantile Azienda Ospedaliera-Polo Universitario Ospedale di Circolo e Fondazione

Dettagli

Rettore Università degli Studi di Milano-Bicocca. Professore Ordinario di Medicina Nucleare Università degli Studi di Milano - Bicocca

Rettore Università degli Studi di Milano-Bicocca. Professore Ordinario di Medicina Nucleare Università degli Studi di Milano - Bicocca F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MESSA, MARIA CRISTINA Lavoro: Università degli Studi di Milano-Bicocca Piazza dell'ateneo Nuovo

Dettagli

Sindrome Metabolica e NAFLD: è solo alimentazione?

Sindrome Metabolica e NAFLD: è solo alimentazione? Sindrome Metabolica e NAFLD: è solo alimentazione? Sabato 27 febbraio 2016 Fabrizio Comisi Obesità Introduzione Introduzione Valori di cut off 0-24 mesi (Rapporto peso/lunghezza) Sovrappeso: 85 centile

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

ESPERIMENTO SULLA PROPORZIONALITA DIRETTA

ESPERIMENTO SULLA PROPORZIONALITA DIRETTA ESPERIMENTO SULLA PROPORZIONALITA DIRETTA Allungamento degli elastici in base alla forza esercitata Abstract (riassunto in inglese) Our group was composed by Angelica Bruscagin, Martina Scantamburlo, Francesca

Dettagli

Utilità della metodica ROSE (Rapid On Site Cytology Evaluation) nella citologia polmonare in differenti contesti clinici Giarnieri E*, Arduini R,

Utilità della metodica ROSE (Rapid On Site Cytology Evaluation) nella citologia polmonare in differenti contesti clinici Giarnieri E*, Arduini R, Utilità della metodica ROSE (Rapid On Site Cytology Evaluation) nella citologia polmonare in differenti contesti clinici Giarnieri E*, Arduini R, Falasca C, Bruno P*, De Rosa N, Giovagnoli MR*, Micheli

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. chincoli caterina Data di nascita 09/02/1976. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0858707366

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. chincoli caterina Data di nascita 09/02/1976. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0858707366 INFORMAZIONI PERSONALI Nome chincoli caterina Data di nascita 09/02/1976 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio medico internista ASL DI TERAMO Responsabile - pronto

Dettagli

Il referto istologico dei tumori T1 nella gestione clinica dei pazienti. Paola Cassoni

Il referto istologico dei tumori T1 nella gestione clinica dei pazienti. Paola Cassoni Il referto istologico dei tumori T1 nella gestione clinica dei pazienti Paola Cassoni La diagnosi standardizzata dei T1 Best practicenel report istologico: la refertazione utile alla gestione del paziente

Dettagli

QUALITAL. Purpose of the document. Scopo del documento. Scheda Tecnica

QUALITAL. Purpose of the document. Scopo del documento. Scheda Tecnica Via privata Ragni 13/15 28062 Cameri (NO) Tel.: 0321-51.05.78 fax: 0321-51.79.37 e-mail: qualital@qualital.org - web-site: www.qualital.org ISTITUTO DI CERTIFICAZIONE INDUSTRIALE DELL ALLUMINIO N 1 M a

Dettagli

Corrado Tinterri BREAST UNIT BOLOGNA 2014

Corrado Tinterri BREAST UNIT BOLOGNA 2014 Corrado Tinterri BREAST UNIT BOLOGNA 2014 Le BREAST UNITS : Quale integrazione con lo screening? We found that the introduction of teams providing multidisciplinary care for the treatment of breast cancer

Dettagli

Registro Italiano Mastocitosi:

Registro Italiano Mastocitosi: Divisione di Ematologia Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo Pavia Serena Merante Registro Italiano Mastocitosi: malattia rara e "orfana" di farmaci Outline Perchè la mastocitosi? Perché un registro

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

Manutenzione del software

Manutenzione del software del software Generalità Leggi dell evoluzione del software Classi di manutenzione Legacy systems Modelli di processo per la manutenzione 1 Generalità La manutenzione del software è il processo di modifica

Dettagli