UTILIZZATORE A VALLE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UTILIZZATORE A VALLE"

Transcript

1 Il Regolamento REACH LE IMPLICAZIONI PER GLI UTILIZZATORI A VALLE NELLA PROCEDURA DI PRE-REGISTRAZIONE E REGISTRAZIONE DELLE SOSTANZE CHIMICHE Lamezia Terme - Lunedì, 7 luglio 2008 Relatore: Gianluca Stocco PREMESSA UTILIZZATORE A VALLE Il REACH è diventato a tutti gli effetti il nuovo Regolamento sulla chimica europea. È senza dubbio il più grande intervento legislativo sulla CHIMICA europea portato mai a termine. Il Regolamento REACH coinvolge produttori e importatori di sostanze chimiche, di formulati chimici e di articoli, nonché ogni utilizzatore industriale di sostanze chimiche. Sarà un Regolamento in continuo sviluppo... già entro il 1 giugno 2014 ci sarà la prima revisione. 1

2 UTILIZZATORE A VALLE Formulatore: chi miscela sostanze o preparati senza causare alcuna reazione chimica Utilizzatore finale: chi utilizza sostanze o preparati all interno di un processo o di una attività industriale o professionale Utilizzatore professionale: chi utilizza sostanze o preparati che non rimangono nel prodotto finito (è utilizzatore finale) UTILIZZATORE A VALLE Produttore di articoli: chi incorpora sostanze o preparati all interno di articoli Artigiano o professionista: utilizzatore finale di sostanze o articoli nell ambito di un attività professionale, che non è considerata processo industriale 2

3 UTILIZZATORE A VALLE Riconfezionatore (Re-brander): chi trasferisce sostanze o preparati da un imballaggio ad un altro; Importatore: dove il fornitore ha nominato un rappresentante unico ai fini del Reach; Re-importatore: chi importa sostanze o preparati, di produzione europea, se può dimostrare che le sostanze sono state registrate da un attore della stessa catena di approvvigionamento. NON SONO UTILIZZATORI A VALLE Distributore: chi immette sul mercato sostanze, preparati, articoli acquistati da fornitori europei senza effettuare alcuna operazione. Anche chi fornisce a terzi il servizio di magazzinaggio (logistica); Dettagliante: chi immette sul mercato sostanze, preparati, articoli acquistati da fornitori europei e destinati al consumatore. 3

4 UN UTILIZZATORE A VALLE DEVE REGISTRARE? Se fabbricante: quando l utilizzatore a valle produce sostanze chimiche / nuove molecole. Può essere il caso del formulatore che a seguito della miscelazione di più sostanze chimiche può produrre (spesso senza saperlo) altre sostanze. UN UTILIZZATORE A VALLE DEVE REGISTRARE? Se importatore: quando acquista sostanze, preparati, polimeri, articoli da fornitori extraeuropei e vengono immessi sul mercato. È molto probabile soprattutto in un epoca e in una situazione economica in cui le aziende hanno individuato nei mercati asiatici (ad esempio) vantaggiosi fornitori. 4

5 UN UTILIZZATORE A VALLE DEVE REGISTRARE? Ad esempio l importazione di vernici, pigmenti, prodotti collanti e impregnanti. Quindi si può avere l importazione di sostanze pure (solventi/decapanti), di preparati (vernici) e di polimeri (sigillanti). UTILIZZATORE A VALLE CHE REGISTRA 1 FABBRICANTE e/o IMPORTATORE di SOSTANZE CHIMICHE Pre-registrazione delle sostanze dal 1 giugno al 1 dicembre Registrazione a seconda della propria fascia di tonnellaggio. 5

6 IDENTIFICARE LE SOSTANZE PRIMA DI PRE-REGISTRARE E BENE CONOSCERE: Preparato: una miscela o una soluzione composta di due o più sostanze; Sostanza: un elemento chimico e i suoi composti, allo stato naturale od ottenuti per mezzo di un procedimento di fabbricazione, compresi gli additivi necessari a mantenerne la stabilità e le impurità derivanti dal procedimento utilizzato, ma esclusi i solventi che possono essere separati senza compromettere la stabilità della sostanza o modificarne la composizione; RIP 3.10: Guidance for Identification and Naming of Substances in REACH. IDENTIFICARE LE SOSTANZE Gli elementi che identificano in maniera completa una sostanza sono: a) la composizione chimica b) l identitl identità chimica (N. CAS, N. CE, Nome IUPAC a/o altri nomi) e c) il contenuto di ogni costituente 6

7 IDENTIFICARE LE SOSTANZE La maggior parte delle sostanze seguono questo iter identificativo. Per alcune questo iter non è fattibile o non adeguato nell ambito di applicazione del REACH. In questi casi saranno necessario altre informazioni per la loro identificazione. Pertanto, le sostanze possono essere suddivise in due gruppi principali: 1. Well defined substances 2. UVCB susbstances IDENTIFICARE LE SOSTANZE 7

8 IDENTIFICARE LE SOSTANZE ALTRA IMPORTANTE DEFINIZIONE: Sostanze intermedie: sostanze fabbricate, consumate o utilizzate per essere trasformate, mediante un processo chimico, in altre sostanze. Sostanze intermedie non isolate; Sostanze intermedie isolate in sito; Sostanze intermedie isolate trasportate. Guidance for intermediates (http://echa.eu) UTILIZZATORE A VALLE CHE REGISTRA 2 FABBRICANTE e/o IMPORTATORE di ARTICOLI Contenenti sostanze chimiche che possono essere rilasciate volontariamente oppure no Ad esempio batterie auto, componenti di apparecchiature elettroniche, ecc. ecc. 8

9 SOSTANZE NEGLI ARTICOLI ARTICOLO: un oggetto a cui sono dati durante la produzione una forma, una superficie o un disegno particolari che ne determinano la funzione in misura maggiore della sua composizione chimica OBBLIGO DI REGISTRAZIONE se: 1. Sostanza destinata al rilascio in condizioni d uso normali o prevedibili; 2. Quantità totale della sostanza negli articoli > 1 ton./anno; 3. La sostanza non è ancora stata registrata per tale uso. SOSTANZE NEGLI ARTICOLI OBBLIGO DI NOTIFICA se: 1. Il rilascio della sostanza non è intenzionale ma può avvenire in condizioni d uso normale o ragionevolmente prevedibili (compreso lo smaltimento), 2. La sostanza è problematica ed è in regime di AUTORIZZAZIONE, quindi in allegato XIV; 3. Quantità totale della sostanza negli articoli > 1 ton./anno; 4. Sostanza negli articoli in concentrazione > 0,1% (w/w); 5. La sostanza non è ancora stata registrata per tale uso. 9

10 SOSTANZE NEGLI ARTICOLI Alcuni esempi (critici) tratti dalla linea guida a proposito di articoli che possono rilasciare o meno volontariamente le sostanze chimiche. 10

11 SOSTANZE NEGLI ARTICOLI L obbligo di NOTIFICA non si applica se il produttore / importatore può escludere l'esposizione di persone o dell'ambiente in condizioni d'uso normali o ragionevolmente prevedibili, anche in fase di smaltimento. L AGENZIA può richiedere la Registrazione di una sostanza Notificata, in particolare se c è il sospetto che la sostanza sia rilasciata dagli articoli e il rilascio presenti pericolo per l uomo o l ambiente UTILIZZATORE A VALLE CHE REGISTRA 3 FABBRICANTE e/o IMPORTATORE di POLIMERI Tutti i monomeri usati per la produzione di polimeri che contengano una % di monomero > 2% e una quantità totale annua > 1 ton. (entrambe le condizioni verificate). Se la sostanza NON è ancora stata registrata da un attore a monte della catena di approvvigionamento. ATTENZIONE A CHI IMPORTA POLIMERI!!! 11

12 UTILIZZATORE A VALLE CHE REGISTRA 3 I POLIMERI S-(M) n -S dove: M= monomero S= sostanza n= numero di unità monomeriche nella catena S: sostanze che entrano nel processo di polimerizzazione e che vengono incorporate nel polimero stesso UTILIZZATORE A VALLE CHE REGISTRA 3 I POLIMERI Sebbene i monomeri siano per definizione delle sostanze intermedie, Reach esclude esplicitamente che possano usufruire del regime di favore di cui godono gli intermedi. In conclusione, i monomeri devono essere registrati come da art. 6 del Reach. 12

13 LA REGISTRAZIONE Attenzione alle ESENZIONI!!! Alcuni esempi sostanze in allegato IV acido ascorbico glucosio saccarosio puro acido oleico puro CO 2 calcare Ar C N 2 acqua distillata grafite olio girasole, soia, lino, ricino, colza ecc. amido vitamina A pasta di cellulosa acidi grassi (C ; C ; C 8-18 ; C ; C ; ecc.) acidi grassi di soia LA REGISTRAZIONE Alcuni esempi sostanze in allegato V - Sostanze risultanti da una reazione chimica che si produca in conseguenza dell uso finale di altre sostanze e che non sono fabbricate o importate o immesse sul mercato. - Sostanze che non sono esse stesse fabbricate, importate o immesse sul mercato, risultanti da una reazione chimica che ha luogo quando una sostanza : agente stabilizzante, colorante, antiossidante, plastificante, antischiuma, legante, agglomerante, disidratante, neutralizzatore ph, coagulante, ignifugo, chelante, ecc agisce nel modo previsto 13

14 LA REGISTRAZIONE Alcuni esempi sostanze in allegato V - Idrati di una sostanza o ioni idrati, formati da associazione di una sostanza con H 2 O. - Le seguenti sostanze naturali: minerali, minerali metallici, clinker/cemento, gas naturale, gas di petrolio liquefatto, petrolio greggio, carbone, coke. - Sostanze presenti in natura diverse da quelle sopra, tranne se corrispondono ai criteri di sostanza pericolosa ai sensi della direttiva 67/548/CEE. - Sostanze elementari di base (rischi ben noti): idrogeno, ossigeno, gas nobili (argon, elio, neon, xenon), azoto. LA REGISTRAZIONE Esenzione per ricerca e sviluppo (R&D): L obbligo di registrazione non si applica per 5 anni alle sostanze prodotte/importate nel UE in quantità > 1 t/anno a fini di attività di ricerca e sviluppo orientate ai prodotti e ai processi. Devono essere notificati all Agenzia: - L identità del produttore/importatore; - L identità della sostanza; - La classificazione della sostanza; - La quantità stimata di produzione/importazione; - Una lista dei clienti che partecipano all attività di R&D. L esenzione può essere prorogata per ulteriori 5 anni (10 anni per sostanze usate in ricerca medica o sostanze non immesse sul mercato) 14

15 LA REGISTRAZIONE La richiesta di REGISTRAZIONE all Agenzia deve includere: FASCICOLO TECNICO,, commisurato alla fascia di quantità di sostanza prodotta/importata; - Fra 1 e 10 t/a: All.VII (solo info chimico-fisiche se sostanza è phase-in e non è PBT, vpvb, CMR); - Fra 10 e 100 t/a: All.VII e VIII; - Fra 100 e 1000 t/a: All.VII, VIII e proposte di test all. IX; - Oltre 1000 t/a: All.VII, VIII e proposte di test all. IX e X; RELAZIONE SULLA SICUREZZA CHIMICA CSR,, solo per quantità >10 tonn./anno, secondo art. 14 e all. I. La CSR documenta la Valutazione V della sicurezza Chimica e deve essere effettuata da consulenti tecnici t competenti; PAGAMENTO TARIFFA a norma del titolo IX. LA REGISTRAZIONE Relazione sulla sicurezza chimica (CSR): La CSR documenta la valutazione della sicurezza chimica che deve essere condotta per le sostanze prodotte/importate in quantità > 10 ton/anno. La valutazione della sicurezza chimica deve contenere: Valutazione dei pericoli per la salute umana; Valutazione dei pericoli per la salute umana per le prop. fisico-chim.; Valutazione dei pericoli per l ambiente; Valutazione PBT e vpvb. Se la sostanza è classificabile come pericolosa ai sensi della dir.67/548/cee o se risulta un PBT o un vpvb, va effettuata anche: Valutazione dell esposizione, inclusa la creazione di scenari di esposizione; Caratterizzazione del rischio. 15

16 I TEMPI 1 DIC GIU GIU 2018 Sostanze non CMR no R50/ tonn./anno 100 tonn./anno 1 tonn./anno CMR 1 tonn./anno # # R 50/ tonn./anno # 1 tonn./anno A condizione che si applichi la Registrazione Preliminare (Art. 28) LA REGISTRAZIONE Al fine di godere del REGIME TRANSITORIO per le sostanze PHASE- IN, il produttore/importatore deve effettuare una PRE-REGISTRAZIONE Trasmettendo all Agenzia, tra il 1 giugno 2008 e il 1 dicembre 2008, le seguenti informazioni: - Il nome della sostanza, n. EINECS, n. CAS, altro identificativo; - Il proprio nome e indirizzo, nome della persona da contattare e nome del rappresentante (art. 4); - Il termine previsto per la registrazione e la fascia di tonnellaggio; - Nomi (n. EINECS, n. CAS) delle sostanze simili a livello strutturale e quindi utili per ricavare informazioni pertinenti per l'applicazione di modelli (Q)SAR e Read Across. 16

17 Il fascicolo di Registrazione LA REGISTRAZIONE Tutte le informazioni pertinenti e disponibili devono essere documentate sia nel fascicolo tecnico e, per le sostanze fabbricate o importate in quantitativi pari o superiori a 10 tonnellate all'anno per il dichiarante, nella relazione sulla sicurezza chimica (CSR). Almeno tutte le informazioni richieste nell Articolo 10(a) per il fascicolo tecnico e nell Articolo 10(b) per la relazione sulla sicurezza chimica (CSR) devono essere documentate nei formati raccomandati che, per il fascicolo tecnico, deve essere, IUCLID. LA REGISTRAZIONE Fasi da seguire per fascicolo tecnico - Documentare il fascicolo tecnico con tutte le informazioni pertinenti e disponibili secondo l Articolo 10 e gli Allegati da VI a XI in IUCLID. - Eseguire la Valutazione della Sicurezza Chimica (CSA) per le sostanze fabbricate o importate in quantitativi pari o superiori a 10 tonnellate all'anno per dichiarante. - Registrare i risultati del CSA nel formato della Relazione sulla Sicurezza Chimica (CSR). - La Relazione sulla Sicurezza Chimica è un documento indipendente che sarà allegato al fascicolo di registrazione IUCLID e che conterrà in parte informazioni che avrebbero già dovuto essere riportate nel fascicolo tecnico. 17

18 LA REGISTRAZIONE Il formato e la struttura del fascicolo tecnico con Iuclid IUCLID - 5 LA REGISTRAZIONE - Il software messo a disposizione dall Agenzia (ECHA) per la registrazione è IUCLID-5. - Il software IUCLID 5 può essere scaricato dal sito web IUCLID [http://iuclid.eu] da tutte le parti gratuitamente, se usato per fini non commerciali. - IUCLID 5 è stato sviluppato per immettere, salvare e distribuire informazioni sulle proprietà e gli usi delle sostanze. - La struttura di IUCLID 5 consente di estrarre informazioni già incluse nel fascicolo tecnico, p.e. all'interno dei sommari end-point, per creare automaticamente alcune parti della relazione sulla sicurezza chimica. 18

19 La pre - REGISTRAZIONE Può essere fatta in QUATTRO modi diversi. 1 attraverso il plugin di IUCLID-5 inserendo i dati direttamente su plugin. 2 attraverso il plugin di IUCLID-5 esportando i dati già inseriti in IUCLID. 3 con un qualsiasi sistema in grado di produrre un file in formato XML. 4 REACH-IT che sarà operativo da giugno 2008 (consigliato per poche sostanze). 19

20 La pre - REGISTRAZIONE Per poter fare la PRE_ Registrazione bisogna scaricare un plugin specifico che va installato su IUCLID. eu.echa.iuclid.plugin.preregistration.zip Questo file deve essere posizionato in: 1 cartella programmi 2 cartella IUCLID 3 workstation 4 plugins 20

21 LA REGISTRAZIONE La Procedura di APPELLO Nel caso in cui il dichiarante o il potenziale dichiarante o dichiaranti non concordino con le decisioni dell'agenzia, possono appellarsi contro tali decisioni presso la Commissione di Appello dell'agenzia. In relazione al processo di registrazione, è possibile appellarsi contro le decisioni dell'agenzia in 5 casi: 1) nel controllo della completezza - decisione dell'agenzia di richiedere il completamento di una registrazione... 2) nel processo di richiesta - decisione dell'agenzia di permettere al potenziale dichiarante di fare riferimento alle informazioni presentate dal dichiarante precedente... LA REGISTRAZIONE La Procedura di APPELLO 3) nella condivisione dei dati sulle sostanze phase-in - decisione dell'agenzia di nominare un dichiarante o utilizzatore a valle affinché esegua la sperimentazione per conto degli altri... 4) nella condivisione dei dati sulle sostanze phase-in - decisione dell'agenzia di permettere a tutti i dichiaranti pertinenti di fare riferimento alle informazioni presentate dal dichiarante... 5) nelle procedure di aggiornamento - decisione dell'agenzia o della Commissione di richiedere la presentazione di informazioni aggiuntive... 21

22 LA REGISTRAZIONE La Procedura di APPELLO L'appello può essere inviato per iscritto dal dichiarante stesso all'agenzia al più tardi 3 mesi dopo la notifica della decisione. L'appello può anche essere inviato per iscritto da una persona diversa dal dichiarante alla quale la decisione era stata inviata o che è direttamente e individualmente interessato alla decisione. L'appello è esaminato dall'agenzia. Se, dopo la consultazione con il Presidente della Commissione di Appello, il Direttore Esecutivo dell'agenzia ritiene che l'appello sia ammissibile e fondato, e gli può correggere la decisione entro 30 giorni dalla presentazione dell'appello. ALTRI OBBLIGHI PER GLI UTILIZZATORI A VALLE PASSAGGIO DI INFORMAZIONI A MONTE E A VALLE Divieto di immissione sul mercato (no data no market) Obbligo di rispettare le condizioni di utilizzo indicate nello scenario espositivo del fornitore Obblighi per l uso di sostanze per usi non coperti dallo scenario espositivo del fornitore Obblighi per l uso di sostanze soggette ad autorizzazione Obblighi per l uso di sostanze soggette a restrizione Obblighi specifici per i formulatori 22

23 REACH OPERATIVO Punti fondamentali per tutti gli attori: 1 - analisi dell Inventario sostanze 2 - verifica degli obblighi da REACH 3 - definire la posizione legale dell azienda dal punto di vista di REACH 4 - fissare le scadenze per i singoli obblighi Re-brander: REACH OPERATIVO Il Formulatore ed il Re-brander sono responsabili dell immissione sul mercato dei preparati i cui imballaggi riportano la loro ragione sociale, indirizzo e numero telefonico. Nel caso in cui i preparati contengano una o più SOSTANZE NON PHASE-IN il FORMULATORE ed il RE-BRANDER sono pure responsabili dell immissione sul mercato di sostanze non esistenti in UE. 23

24 Azioni preliminari: REACH OPERATIVO Realizzare un inventario delle sostanze (pure o contenute in preparati o in articoli) acquistate da produttori, importatori e distributori o importate da Paesi extra UE. Identificare i propri fornitori per sostanza, preparato o articolo. 1 2 REACH OPERATIVO Azioni preliminari: 3 Definire per ogni sostanza, preparato o articolo la posizione (legale) dell azienda dal punto di vista di REACH: Fabbricante Importatore Distributore Utilizzatore Re-brander 24

25 Azioni preliminari: REACH OPERATIVO Stabilire se le singole sostanze, tal quali o in preparati o in articoli, ricadono nelle seguenti categorie: - sostanze acquistate da un fornitore all interno dell UE (produttore, importatore o distributore); - sostanze importate all interno dell UE UE. 4 REACH OPERATIVO Azioni preliminari: 5 Per ogni sostanza prodotta o importata, identificare il numero CAS e, se possibile, il numero EINECS o ELINCS. CAS = Chemical Abstracts Service EINECS = European Inventory of Existing Commercial Chemical Substances ELINCS = European List of Notified Chemical Substances 25

26 REACH OPERATIVO Azioni preliminari: 6 Stabilire,, per le sostanze in quanto tali o contenute in preparati o in articoli,, le quantità fabbricate o importate annualmente. 7 Identificare la lista dei clienti (per sostanze e preparati) ) ed il settore di impiego. REACH OPERATIVO Azioni preliminari: 8 Sostanze fabbricate o importate Raccogliere le informazioni disponibili riguardanti le proprietà chimico-fisiche fisiche, tossicologiche ed eco-tossicologiche delle sostanze e i dati che potrebbero essere utilizzati secondo le richieste degli Allegati da VII a X (allegati( su informazioni sostanze). Indicare se i dati di proprietà dell Impresa sono basati o meno su test effettuati su animali vertebrati. Verificare l esistenza di una scheda Dati di Sicurezza conforme alla legislazione esistente. 26

27 REACH OPERATIVO Azioni preliminari: 9 Assicurarsi che i dati in possesso rimangano di proprietà dell azienda azienda. Se coinvolti in accordi volontari associativi, definire chiarezza riguardo al diritto di proprietà e dell uso delle informazioni condivise. Azioni preliminari: REACH OPERATIVO Verificare l esistenza di informazioni sugli usi e le condizioni d uso delle sostanze o dei preparati (es. informazioni relative al rilascio nell ambiente ambiente, all esposizione nel luogo di lavoro, ecc.). Categorie definite: uso industriale; uso professionale; uso consumatori

28 Azioni preliminari: REACH OPERATIVO 11 Verificare la disponibilità delle Schede Dati di Sicurezza e la conformità di queste all allegato II. IMPATTO ECONOMICO Regolamento n. 340/2008 del Tasse di Registrazione t/a Grande Media Piccola Micro Individuale Condivisa Individuale Condivisa Individuale Condivisa Individuale Condivisa >

29 IMPATTO ECONOMICO Costi stimati per i test: Costi base: > 1 t/a Allegato VII sezione 7 > 1 t/a Allegato VII Costi aggiuntivi: > 10 t/a Allegato VII + VIII > 100 t/a Allegato VII + VIII + proposte test Allegato IX > 1000 t/a Allegato VII + VIII + proposte test Allegati IX e X IMPATTO ECONOMICO Altri costi per i fabbricanti e importatori: - Test da eseguire/acquistare - Tasse di Registrazione - CSA/CSR - Fascicolo tecnico - SDS - Autorizzazione - Partecipazione ai SIEF e ai Consorzi - Gestione del flusso di informazioni nella catena di approvvigionamento - Rappresentante terzo?? / Fiduciario?. 29

30 IMPATTO ECONOMICO Altri costi per gli utilizzatori a valle - formulatori: - Riformulazione prodotti - Aumento costi materie prime - CSR per usi particolari? - SDS - Gestione del flusso di informazioni nella catena di approvvigionamento - Registrazione materie prime acquistate direttamente da fabbricante extra UE (diventa( importatore)? Di conseguenza... Sostituzione delle sostanze? Sostituzione del fornitore? IMPATTO ECONOMICO Esempio clausola in contratto: Per le sostanze, tal quali o contenute in preparati, oggetto della presente fornitura si considerano assolti da parte del fornitore tutti gli obblighi concernenti l applicazione delle disposizioni contenute nella direttiva 67/548/CEE, in particolare la notifica delle sostanze, nonché delle disposizioni contenute nel Regolamento (CE) n. 1907/2006 (REACH). 30

Master Universitario di II livello. in REACH (Registration, Evaluation, Authorisation and restriction of Chemicals) Pietro Pistolese

Master Universitario di II livello. in REACH (Registration, Evaluation, Authorisation and restriction of Chemicals) Pietro Pistolese Master Universitario di II livello in REACH (Registration, Evaluation, Authorisation and restriction of Chemicals) Pietro Pistolese Ministero della Salute Camerino 2/03/2012 La REGISTRAZIONE Sostanze da

Dettagli

La sicurezza dei prodotti chimici secondo le nuove norme europee REACH CLP SPISAL ROVIGO

La sicurezza dei prodotti chimici secondo le nuove norme europee REACH CLP SPISAL ROVIGO La sicurezza dei prodotti chimici secondo le nuove norme europee REACH CLP SPISAL ROVIGO 25 novembre 2013 Gianluca Stocco - Normachem Srl Introduzione alla normativa europea in materia di sicurezza prodotti

Dettagli

e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Seminario Formativo di approfondimento: REACH e i settori della carta e della stampa L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Udine, 9-10 Luglio 2008 FEDERICA CECCARELLI

Dettagli

Gli obblighi degli Utilizzatori a Valle sotto il Regolamento REACH. Asso Service Bari 21.03.2011

Gli obblighi degli Utilizzatori a Valle sotto il Regolamento REACH. Asso Service Bari 21.03.2011 Gli obblighi degli Utilizzatori a Valle sotto il Regolamento REACH Asso Service Bari 21.03.2011 ELEMENTI ESSENZIALI del REACH L onere della prova relativo alla sicurezza delle sostanze chimiche è trasferito

Dettagli

Settembre 2014. Sustaining the future

Settembre 2014. Sustaining the future Settembre 2014 Sustaining the future Il REACH dei coloranti IL REGOLAMENTO REACH Il Regolamento REACH EU 1907/2006 Registration, Evaluation, Authorisation of Chemicals Il REACH è un Regolamento Europeo

Dettagli

Seminario formativo di approfondimento "REACH: le PMI e la filiera elettronica" e la denominazione delle sostanze in ambito REACH

Seminario formativo di approfondimento REACH: le PMI e la filiera elettronica e la denominazione delle sostanze in ambito REACH Seminario formativo di approfondimento "REACH: le PMI e la filiera elettronica" L identificazione e la denominazione delle sostanze in ambito REACH Torino, 24 settembre 2008 Relatore: FEDERICA CECCARELLI

Dettagli

IL REGOLAMENTO REACH: la nuova gestione delle sostanze chimiche in Europa e gli strumenti operativi. Napoli, maggio 2014 Gianluca Stocco

IL REGOLAMENTO REACH: la nuova gestione delle sostanze chimiche in Europa e gli strumenti operativi. Napoli, maggio 2014 Gianluca Stocco IL REGOLAMENTO REACH: la nuova gestione delle sostanze chimiche in Europa e gli strumenti operativi Napoli, maggio 2014 Gianluca Stocco info@normachem.it La chimica in Europa Produzione di sostanze chimiche

Dettagli

Adempimenti per gli utilizzatori di sostanze (Downstream users) Schede di sicurezza (SDS) Recupero sostanze UTILIZZATORE (DU)

Adempimenti per gli utilizzatori di sostanze (Downstream users) Schede di sicurezza (SDS) Recupero sostanze UTILIZZATORE (DU) REACH Adempimenti per gli utilizzatori di sostanze (Downstream users) Schede di sicurezza (SDS) Recupero sostanze Frosinone- 8 Maggio 2008 Dr Roberto Monguzzi 1 UTILIZZATORE (DU) Chi sono i DOWNSTREAM

Dettagli

Il Regolamento REACH: elementi principali e criticità

Il Regolamento REACH: elementi principali e criticità Direzione Centrale Tecnico Scientifica Il Regolamento REACH: elementi principali e criticità Ilaria Malerba Cagliari, 14 maggio 2007 Direttiva 67/548. Sostanze Pericolose + Adeguamenti Obiettivo del nuovo

Dettagli

I regolamenti REACH e CLP: attori coinvolti e adempimenti. Antonio Mazzone Università degli Studi di Bari antonio.mazzone@uniba.it

I regolamenti REACH e CLP: attori coinvolti e adempimenti. Antonio Mazzone Università degli Studi di Bari antonio.mazzone@uniba.it I regolamenti REACH e CLP: attori coinvolti e adempimenti Antonio Mazzone Università degli Studi di Bari antonio.mazzone@uniba.it il Regolamento REACH Regolamento (CE) 1907/2006 Registration, Evaluation,

Dettagli

Global Chemical Regulations Federchimica, 23 Novembre 2011. Il processo di registrazione in Serbia, Svizzera, Turchia.

Global Chemical Regulations Federchimica, 23 Novembre 2011. Il processo di registrazione in Serbia, Svizzera, Turchia. Global Chemical Regulations Federchimica, 23 Novembre 2011 Il processo di registrazione in Serbia, Svizzera, Turchia Sonia Khandjian Argomenti Processo di registrazione in: Serbia Turchia Svizzera Cenni

Dettagli

Normative trasversali: SGP e REACh. Dr. Guido Bottini Area Tecnico-normativa Unipro 3 novembre 2004

Normative trasversali: SGP e REACh. Dr. Guido Bottini Area Tecnico-normativa Unipro 3 novembre 2004 Normative trasversali: SGP e REACh Dr. Guido Bottini Area Tecnico-normativa Unipro 3 novembre 2004 Sicurezza Generale dei Prodotti Nuova direttiva: 2001/95/CE del 3 dicembre 2001 (G.U.C.E. il 15 gennaio

Dettagli

I LEGAMI TRA CLP E REACH: LE SDS E GLI SCENARI DI ESPOSIZIONE. Ilaria Malerba

I LEGAMI TRA CLP E REACH: LE SDS E GLI SCENARI DI ESPOSIZIONE. Ilaria Malerba I LEGAMI TRA CLP E : LE SDS E GLI SCENARI DI ESPOSIZIONE Ilaria Malerba Bologna, 11 Giugno 2009 GHS Identificazione del pericolo Pericoli chimico-fisici Pericoli per la salute Pericoli per l ambiente Strumenti

Dettagli

Guida alla registrazione

Guida alla registrazione GUIDA Maggio 2012 Versione 2.0 Guida per l attuazione del regolamento REACH 2 Versione 2.0 Maggio 2012 Versione Modifiche Data Versione 0 Prima edizione giugno 2007 Versione 1 Prima revisione 18/02/2008

Dettagli

Il Regolamento CE/1272/2008. Barbara Maresta Eigenmann & Veronelli S.p.A. Milano, 22 settembre 2010

Il Regolamento CE/1272/2008. Barbara Maresta Eigenmann & Veronelli S.p.A. Milano, 22 settembre 2010 Il Regolamento CE/1272/2008 Barbara Maresta Eigenmann & Veronelli S.p.A. Milano, 22 settembre 2010 1 Contenuto Classificazione ed etichettatura - scadenze Tempistiche delle SDS Conseguenze dell entrata

Dettagli

IL RUOLO DEGLI IMPORTATORI E/O FABBRICANTI E DEI FORMULATORI

IL RUOLO DEGLI IMPORTATORI E/O FABBRICANTI E DEI FORMULATORI IL RUOLO DEGLI IMPORTATORI E/O FABBRICANTI E DEI FORMULATORI DEI CHEMICALS IN UE E EEA Quali problematiche da affrontare Come fare per essere conformi Dott.ssa Simona Crementieri - Resp. Area Vendite Flashpoint

Dettagli

Come dovrà operare nel REACH una Impresa di formulazione: simulazione delle azioni da compiere

Come dovrà operare nel REACH una Impresa di formulazione: simulazione delle azioni da compiere Direzione Centrale Tecnico Scientifica Come dovrà operare nel REACH una Impresa di formulazione: simulazione delle azioni da compiere Stefano Arpisella Cagliari, 14 maggio 2007 Vernice V1 Attività Preliminari

Dettagli

IL RUOLO DELL AUTORITÀ COMPETENTE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO REACH IN ITALIA

IL RUOLO DELL AUTORITÀ COMPETENTE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO REACH IN ITALIA IL RUOLO DELL AUTORITÀ COMPETENTE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO REACH IN ITALIA Bologna, 8 giugno 2007 DOTT. SALVATORE SQUARCIONE 1 1 LEGGE 6 APRILE 2007, N. 46 ART.5 BIS CHI PROVVEDE ALL ATTUAZIONE

Dettagli

GHS-CLP-REACH: confronti, definizioni, cenni su scenari espositivi, tempistiche. Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica

GHS-CLP-REACH: confronti, definizioni, cenni su scenari espositivi, tempistiche. Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica GHS-CLP-REACH: confronti, definizioni, cenni su scenari espositivi, tempistiche Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica LUBE DAY 2010 - Milano, 14 ottobre 2010 GHS, REACH e CLP GHS Identificazione

Dettagli

28.1.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 28/1. (Informazioni)

28.1.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 28/1. (Informazioni) 28.1.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 28/1 IV (Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA COMMISSIONE EUROPEA Guida alla stesura

Dettagli

Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica Federchimca Roma, 26 Ottobre 2012

Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica Federchimca Roma, 26 Ottobre 2012 Regolamento CLP e redazione delle schede di sicurezza Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica Federchimca Roma, 26 Ottobre 2012 Regolamento 1272/2008 (CLP) REACH e CLP GHS Identificazione del pericolo

Dettagli

GUIDA al regolamento REACH

GUIDA al regolamento REACH GUIDA al regolamento REACH Con i suoi regolamenti e direttive, l Unione Europea entra nella vita dei cittadini di tanti Stati diversi. Questi strumenti, però, proprio perché affrontano temi specialistici

Dettagli

3 a Conferenza sul regolamento REACH

3 a Conferenza sul regolamento REACH 3 a Conferenza sul regolamento REACH Roma, 14 Novembre 2011 Quadro generale: registrazione delle sostanze, notifica delle sostanze contenute negli articoli e condivisione dei dati Dott. Carlo Zaghi Direttore

Dettagli

Guida per gli utilizzatori a valle

Guida per gli utilizzatori a valle Guida per gli utilizzatori a valle Gennaio 2008 Guida all attuazione del regolamento REACH AVVISO LEGALE Il presente documento contiene una guida a REACH, che illustra gli obblighi imposti dal regolamento

Dettagli

REACH e CLP: i problemi emersi e le soluzioni suggerite

REACH e CLP: i problemi emersi e le soluzioni suggerite REACH e CLP: i problemi emersi e le soluzioni suggerite Chiara Pozzi Ufficio Sicurezza Prodotti Direzione Tecnico Scientifica Milano, 15 aprile 2010 REACH e CLP GHS Identificazione del pericolo Pericoli

Dettagli

Il Regolamento REACH n. 1907/2006: gli adempimenti per le Vetrerie. Marchio UNI per vetrate isolanti. Immagine: Fonte ECHA

Il Regolamento REACH n. 1907/2006: gli adempimenti per le Vetrerie. Marchio UNI per vetrate isolanti. Immagine: Fonte ECHA Il Regolamento REACH n. 1907/2006: gli adempimenti per le Vetrerie Marchio UNI per vetrate isolanti Immagine: Fonte ECHA Aprile 2012 2 INDICE Introduzione Pag. 5 PREMESSA 7 1) IL REGOLAMENTO REACH 9 1.1.

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte L impatto del REACh e del CLP nel modello di valutazione Torino, 16 Novembre 2013 Claudia Sudano Registration, Evaluation,

Dettagli

L implementazione del Regolamento REACH nel Gruppo ERG

L implementazione del Regolamento REACH nel Gruppo ERG L implementazione del Regolamento REACH nel Gruppo ERG Angelo Riccio Responsabile Sostenibilità e Governance HSEQ ERG SpA REACH: gli adempimenti del settore petrolifero. Siracusa, 29-30 settembre 2008.

Dettagli

Guida alle prescrizioni in materia di sostanze contenute in articoli

Guida alle prescrizioni in materia di sostanze contenute in articoli Guida alle prescrizioni in materia di sostanze contenute in articoli Maggio 2008 Guida per l attuazione del regolamento REACH AVVISO LEGALE Il presente documento contiene una serie di orientamenti sul

Dettagli

Guida alla condivisione dei dati

Guida alla condivisione dei dati 4 Versione 2.0 Aprile 2012 GUIDA Versione 2.0 Aprile 2012 3 Versione 2.0 Aprile 2012 AVVISO LEGALE Il presente documento contiene una serie di orientamenti sul regolamento REACH, che spiegano gli obblighi

Dettagli

REACH Scambio di informazioni all interno della catena di approvvigionamento Comunicazione degli usi identificati Nuove schede di sicurezza (SDS)

REACH Scambio di informazioni all interno della catena di approvvigionamento Comunicazione degli usi identificati Nuove schede di sicurezza (SDS) REACH Scambio di informazioni all interno della catena di approvvigionamento Comunicazione degli usi identificati Nuove schede di sicurezza (SDS) Regolamento CE n 1907/2006 GUUE L396 30-12-2006 FEDERACCIAI

Dettagli

Panoramica sugli obblighi REACH. Stefano Arpisella

Panoramica sugli obblighi REACH. Stefano Arpisella Panoramica sugli obblighi REACH Stefano Arpisella 25 marzo 2015 CENTRO REACH v Il Centro Reach è una Società a responsabilità limitata costituita il 20 febbraio 2007, su iniziativa di Federchimica e di

Dettagli

Giugno 2007 Guida all attuazione di REACH

Giugno 2007 Guida all attuazione di REACH Guida all identificazione e alla denominazione delle sostanze in ambito REACH Giugno 2007 Guida all attuazione di REACH NOTA LEGALE Il presente documento contiene una guida a REACH che spiega gli obblighi

Dettagli

Guida alla registrazione

Guida alla registrazione Guida alla registrazione AVVISO LEGALE Il presente documento contiene una guida al REACH che illustra gli obblighi imposti dal regolamento REACH e le modalità per adempierli. Si ricorda tuttavia agli utenti

Dettagli

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH I DETERGENTI: COME CONIUGARE PRESTAZIONI ELEVATE E RISPETTO PER L AMBIENTE L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Resana, 5 ottobre 2007 FEDERICA CECCARELLI Ist. Sup.

Dettagli

REGOLAMENTI REACH E CLP Istruzioni operative per gli Utilizzatori a valle

REGOLAMENTI REACH E CLP Istruzioni operative per gli Utilizzatori a valle REGOLAMENTI REACH E CLP Istruzioni operative per gli Utilizzatori a valle Rev. 01 - Novembre 2012 Documento elaborato dall ASL di MONZA e BRIANZA in collaborazione con Confindustria Monza, APA Confartigianato,

Dettagli

Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH

Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH B. Maresta Milano, 05 giugno 2013 1 Uno degli obiettivi di REACH e CLP è di uniformare e armonizzare il modo

Dettagli

Preparazione del dossier di registrazione nella trasmissione congiunta. Roma 7 Giugno 2010. Isabella Moscato Helpdesk REACH

Preparazione del dossier di registrazione nella trasmissione congiunta. Roma 7 Giugno 2010. Isabella Moscato Helpdesk REACH Preparazione del dossier di registrazione nella trasmissione congiunta Roma 7 Giugno 2010 Isabella Moscato Helpdesk REACH PANORAMICA Una trasmissione comune ECHA Una sostanza Un dichiarante capofila Un

Dettagli

Attività di vigilanza su sostanze chimiche

Attività di vigilanza su sostanze chimiche Attività di vigilanza su sostanze chimiche Dr. Pietro Pistolese, Dr. Mariano Alessi DG Prevenzione sanitaria- Ministero della salute Autorità competente REACH e CLP Accordo Stato-Regioni Programmazione

Dettagli

Master di II livello in: "Gestione delle sostanze chimiche - REACH e CLP" edizione A.A. 2013-2014

Master di II livello in: Gestione delle sostanze chimiche - REACH e CLP edizione A.A. 2013-2014 Master di II livello in: "Gestione delle sostanze chimiche - REACH e CLP" edizione A.A. 2013-2014 Direttore: prof. Luisa Schenetti Organizzato da: Dipartimento di Scienze della Vita e dall Ordine Provinciale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 254/2013 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 254/2013 DELLA COMMISSIONE 21.3.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 79/7 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 254/2013 DELLA COMMISSIONE del 20 marzo 2013 che modifica il regolamento (CE) n. 340/2008 della Commissione relativo

Dettagli

Regolamenti (CE) n.1907/2006 (REACH) e n.1272/2008 (CLP): stato dell arte, azioni e attuazioni

Regolamenti (CE) n.1907/2006 (REACH) e n.1272/2008 (CLP): stato dell arte, azioni e attuazioni Safety Day Symposium Milano, 9 Novembre 2011 Regolamenti (CE) n.1907/2006 (REACH) e n.1272/2008 (CLP): stato dell arte, azioni e attuazioni Dr. Pietro Pistolese Ministero della salute Autorità competente

Dettagli

http://echa.europa.eu/web/guest/support/guidance-on-reach-and-clpimplementation/consultation-procedure/

http://echa.europa.eu/web/guest/support/guidance-on-reach-and-clpimplementation/consultation-procedure/ 1) Nella sua presentazione sono state nominate diverse linee guida. Posso avere i riferimenti? Come si possono trovare? Le linee guida per gli utilizzatori a valle possono essere reperite dal sito web

Dettagli

Guida alla registrazione

Guida alla registrazione Guida alla registrazione AVVISO LEGALE Il presente documento contiene una guida al REACH che illustra gli obblighi imposti dal regolamento REACH e le modalità per adempierli. Si ricorda tuttavia agli utenti

Dettagli

Supporto alle imprese per gli obblighi del REACH

Supporto alle imprese per gli obblighi del REACH Supporto alle imprese per gli obblighi del REACH Bologna, 17 giugno 2015 Francesca Giannotti Helpdesk REACH Ministero dello Sviluppo Economico I livelli di supporto alle imprese per il REACH A chi ci si

Dettagli

Le attività dell Helpdesk nazionale

Le attività dell Helpdesk nazionale Le attività dell Helpdesk nazionale IL REGOLAMENTO REACH Istituto Superiore di Sanità Roma 10 Giugno 2008 Ing. Franco De Giglio Ministero dello Sviluppo Economico Dip. Competitività Dir. Gen. Politica

Dettagli

Linee guida per l effettuazione dei controlli previsti dai Regolamenti REACH e CLP in Regione Lombardia

Linee guida per l effettuazione dei controlli previsti dai Regolamenti REACH e CLP in Regione Lombardia Linee guida per l effettuazione dei controlli previsti dai Regolamenti REACH e CLP in Regione Lombardia INDICE 1. Premessa... pag. 2 2. Finalità... pag. 2 3. Campo di applicazione... pag. 2 4. Aggiornamento...

Dettagli

FREQUENTLY ASKED QUESTIONS (FAQ) SUI CONTROLLI PREVISTI DAI REGOLAMENTI REACH E CLP IN LOMBARDIA (versione 1.0)

FREQUENTLY ASKED QUESTIONS (FAQ) SUI CONTROLLI PREVISTI DAI REGOLAMENTI REACH E CLP IN LOMBARDIA (versione 1.0) FREQUENTLY ASKED QUESTIONS (FAQ) SUI CONTROLLI PREVISTI DAI REGOLAMENTI REACH E CLP IN LOMBARDIA (versione 1.0) 1 PREMESSA A seguito dei primi controlli programmati coerentemente agli indirizzi del Piano

Dettagli

ATTIVITA DURANTE LE QUALI IL RISCHIO DI ESPOSIZIONE AUMENTA:

ATTIVITA DURANTE LE QUALI IL RISCHIO DI ESPOSIZIONE AUMENTA: ATTIVITA DURANTE LE QUALI IL RISCHIO DI ESPOSIZIONE AUMENTA: LA MISCELAZIONE; L'APERTURA DEI CONTENITORI; PERDITE O SVERSAMENTI ACCIDENTALI; UN INCENDIO; IMPERIZIA E/O NEGLIGENZA NELLA MANIPOLAZIONE (NON

Dettagli

Evoluzione dei Regolamenti REACH e CLP dopo la scadenza del giugno 2013. Dott. Pietro Pistolese Ministero della salute. Milano, 29 ottobre 2013 1

Evoluzione dei Regolamenti REACH e CLP dopo la scadenza del giugno 2013. Dott. Pietro Pistolese Ministero della salute. Milano, 29 ottobre 2013 1 Evoluzione dei Regolamenti REACH e CLP dopo la scadenza del giugno 2013 Dott. Pietro Pistolese Ministero della salute Milano, 29 ottobre 2013 1 REACH&CLP: primi passaggi Dal 2008, fabbricanti e importatori

Dettagli

Strumenti di comunicazione: la scheda di sicurezza

Strumenti di comunicazione: la scheda di sicurezza DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA REGGIO EMILIA SERVIZI PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO SERVIZI DI IGIENE PUBBLICA SEMINARIO REACH, CLP, SDS: lo stato dell arte sul controllo di sostanze, miscele

Dettagli

nazionale Unioncamere Calabria Avv.. Mario Beccia

nazionale Unioncamere Calabria Avv.. Mario Beccia Le attività dell Helpdesk nazionale IL REGOLAMENTO REACH: una nuova disciplina per le sostanze chimiche adempimenti e implicazioni per le imprese Unioncamere Calabria Lamezia Terme,, 7 Luglio 2008 Avv..

Dettagli

Il ruolo del consulente per gli utilizzatori a valle: come prepararsi al meglio per una ispezione REACH

Il ruolo del consulente per gli utilizzatori a valle: come prepararsi al meglio per una ispezione REACH Il ruolo del consulente per gli utilizzatori a valle: come prepararsi al meglio per una ispezione REACH Dott. Angelo FIORDI Responsabile e coordinatore dell area Gestione Chemicals e Regolamento REACH

Dettagli

Le schede di sicurezza estese: valutazione delle 16 sezioni e degli scenari di esposizione. www.progettoscenari.it

Le schede di sicurezza estese: valutazione delle 16 sezioni e degli scenari di esposizione. www.progettoscenari.it Le schede di sicurezza estese: valutazione delle 16 sezioni e degli scenari di esposizione www.progettoscenari.it Indice La Scheda Dati di Sicurezza (SDS) introduzione regolatoria che cos è quando deve

Dettagli

Reach: cosa fare dopo la pre-registrazione? Dr. Pier Giorgio Dalzero

Reach: cosa fare dopo la pre-registrazione? Dr. Pier Giorgio Dalzero Reach: cosa fare dopo la pre-registrazione? Dr. Pier Giorgio Dalzero Il programma dell intervento Le pre-registrazioni: stato dell arte I compiti di Importatori e produttori I compiti degli utilizzatori

Dettagli

Guida alla preparazione di un fascicolo secondo l Allegato XV per l identificazione di sostanze altamente pericolose

Guida alla preparazione di un fascicolo secondo l Allegato XV per l identificazione di sostanze altamente pericolose Guida alla preparazione di un fascicolo secondo l Allegato XV per l identificazione di sostanze altamente pericolose Giugno 2007 Guida all implementazione di REACH NOTA LEGALE Il presente documento contiene

Dettagli

IL REGOLAMENTO REACH e il REGOLAMENTO CLP. Luigia Scimonelli ISS - Ministero della salute Roma, Università la Sapienza 22 marzo 2012

IL REGOLAMENTO REACH e il REGOLAMENTO CLP. Luigia Scimonelli ISS - Ministero della salute Roma, Università la Sapienza 22 marzo 2012 IL REGOLAMENTO REACH e il REGOLAMENTO CLP Luigia Scimonelli ISS - Ministero della salute Roma, Università la Sapienza 22 marzo 2012 Giornate di studio 22 marzo 2012 regolamento REACH 3 aprile 2012 regolamento

Dettagli

Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza

Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza ORIENTAMENTI Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza Versione 2.0 Dicembre 2013 2 Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza Versione 2.0 Dicembre 2013

Dettagli

SCHEDE DATI DI SICUREZZA ACETONE

SCHEDE DATI DI SICUREZZA ACETONE Roma, 10 Giugno 2010 SCHEDE DATI DI SICUREZZA ACETONE MERI SCARINGI PAOLO LAURIOLA CENTRO TEMATICO REGIONALE AMBIENTE E SALUTE ARPA EMILIA ROMAGNA Scheda Dati di Sicurezza (SDS): Art. 31 CE N 1907/2006

Dettagli

Guida introduttiva al regolamento CLP

Guida introduttiva al regolamento CLP Guida introduttiva al regolamento CLP Il regolamento CLP è il regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle AVVISO LEGALE Il presente documento

Dettagli

Guida introduttiva al regolamento CLP

Guida introduttiva al regolamento CLP Guida introduttiva al regolamento CLP Il regolamento CLP è il regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle AVVISO LEGALE Il presente documento

Dettagli

CONFERENZA CLP. Roma 19 maggio 2015 Auditorium Biagio D Alba Ministero Salute

CONFERENZA CLP. Roma 19 maggio 2015 Auditorium Biagio D Alba Ministero Salute CONFERENZA CLP L applicazione del titolo IX del D.lgs. 81/08: cosa cambia per le PMI Roma 19 maggio 2015 Auditorium Biagio D Alba Ministero Salute Alessandra Pera Ministero del Lavoro e delle Politiche

Dettagli

Scenari di esposizione: la gestione delle criticità

Scenari di esposizione: la gestione delle criticità Lo scenario di esposizione: sua comprensione e gestione AssICC - Milano, 28 febbraio 2012 Scenari di esposizione: la gestione delle criticità Anna Caldiroli, Raffaella Butera IRCCS Fondazione Maugeri e

Dettagli

Orientamenti introduttivi al regolamento CLP

Orientamenti introduttivi al regolamento CLP 1 Versione 2.0 - giugno 2015 ORIENTAMENTI Versione 2.1 Agosto 2015 2 Versione 2.1 - agosto 2015 AVVISO LEGALE Il presente documento ha lo scopo di aiutare gli utenti a conformarsi agli obblighi previsti

Dettagli

Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier

Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier II CONFERENZA NAZIONALE SUL REGOLAMENTO REACH 11 Dicembre 2009 Claudio Carlon ECHA Evaluation http://echa.europa.eu 1 Comitati dell ECHA Attivitá

Dettagli

La classificazione CLP nelle miscele

La classificazione CLP nelle miscele La classificazione CLP nelle miscele Maria Alessandrelli Centro Nazionale Sostanze Chimiche Istituto Superiore di Sanità Workshop L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO REACH: SVILUPPI SUGLI SCENARI DI ESPOSIZIONE

Dettagli

I NUOVI REGOLAMENTI EUROPEI: GLI IMPATTI SULLA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO CHIMICO

I NUOVI REGOLAMENTI EUROPEI: GLI IMPATTI SULLA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO CHIMICO I NUOVI REGOLAMENTI EUROPEI: GLI IMPATTI SULLA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO CHIMICO Bruno Marchesini Gruppo di lavoro Rischio chimico in ambiente di lavoro dell Ordine dei Chimici di Bologna e Ravenna

Dettagli

La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole. Associazione nazionale imprese agrofarmaci

La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole. Associazione nazionale imprese agrofarmaci Associazione nazionale imprese agrofarmaci La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole Finito di stampare nel mese di Marzo 2014 dalla Compagnia della Stampa - Massetti Rodella

Dettagli

Il piano nazionale dei controlli sul regolamento Reach.

Il piano nazionale dei controlli sul regolamento Reach. Il piano nazionale dei controlli sul regolamento Reach. Prime esperienze di vigilanza da parte delle Regioni. Tecnico della Prevenzione dott. Peruzzo Massimo 23 Maggio 2012 Controlli: evoluzione normativa

Dettagli

La revisione della direttiva 98/8/CE

La revisione della direttiva 98/8/CE I prodotti biocidi: peculiarità dell applicazione della direttiva 98/8/CE nel sistema normativo italiano Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali 25 giugno 2009 La revisione della direttiva

Dettagli

REACH e Titolo IX del D.Lgs. 81/08

REACH e Titolo IX del D.Lgs. 81/08 REACH e Titolo IX del D.Lgs. 81/08 Ruoli e responsabilità aziendali nella gestione della relazione tra normativa di prodotto e normativa su salute e sicurezza TdP Dott. Massimo Peruzzo Padova 25 novembre

Dettagli

IL RUOLO DELLE REGIONI NELL ATTIVITA DI VIGILANZA DEL REGOLAMENTO REACH

IL RUOLO DELLE REGIONI NELL ATTIVITA DI VIGILANZA DEL REGOLAMENTO REACH COORDINAMENTO DELLE REGIONI E PROVINCE AUTONOME COMMISSIONE SALUTE - C.I.P. GRUPPO TECNICO INTERREGIONALE REACH IL RUOLO DELLE REGIONI NELL ATTIVITA DI VIGILANZA DEL REGOLAMENTO REACH 3 Conferenza Nazionale

Dettagli

I principali cambiamenti introdotti nelle SDS dai Regolamenti REACH e CLP 2 parte

I principali cambiamenti introdotti nelle SDS dai Regolamenti REACH e CLP 2 parte Corso di Formazione Schede di sicurezza e prodotti per utilizzatori I principali cambiamenti introdotti nelle SDS dai Regolamenti REACH e CLP 2 parte Cesena, 17-04-2012 Paolo Pagliai SCOPO DEL REACH Quale

Dettagli

Guida pratica 8: Come comunicare le modifiche dell identità delle persone giuridiche

Guida pratica 8: Come comunicare le modifiche dell identità delle persone giuridiche Guida pratica 8: Come comunicare le modifiche dell identità delle persone giuridiche AVVISO LEGALE Il presente documento contiene una guida a REACH che illustra gli obblighi imposti dal regolamento REACH

Dettagli

Direttive Europee. Direttive Europee

Direttive Europee. Direttive Europee Direttive Europee Direttive Europee CAMPO DI APPLICAZIONE IN ACCORDO CON LE DIRETTIVE EUROPEE APPLICAZIONE DIRETTIVA 2011/65/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO SULLA RESTRIZIONE D USO DI DETERMINATE SOSTANZE PERICOLOSE

Dettagli

REACH: l esperienza di una PMI della distribuzione chimica

REACH: l esperienza di una PMI della distribuzione chimica 6 conferenza Sicurezza Prodotti REACH REACH: l esperienza di una PMI della distribuzione chimica Milano, 3 febbraio 2011 Luca Costantini - Garzanti Specialties Spa Profilo dell azienda - Fondata nel 1921

Dettagli

I SIEF nel Regolamento Reach. Milano 18 maggio 2010 - Lovells. Isabella Moscato Helpdesk REACH

I SIEF nel Regolamento Reach. Milano 18 maggio 2010 - Lovells. Isabella Moscato Helpdesk REACH I SIEF nel Regolamento Reach Milano 18 maggio 2010 - Lovells Isabella Moscato Helpdesk REACH NOZIONI BASE Obiettivo principale: migliorare la protezione della salute umana e dell'ambiente attraverso una

Dettagli

Schede Dati di Sicurezza: criticità e possibili soluzioni

Schede Dati di Sicurezza: criticità e possibili soluzioni Schede Dati di Sicurezza: criticità e possibili soluzioni Daniela Tolentino Milano, 3 febbraio 2011 Schede Dati di Sicurezza: integrazione GHS-CLP-REACH GHS: Sistema mondiale armonizzato di classificazione

Dettagli

Manuale per la presentazione dei dati

Manuale per la presentazione dei dati Manuale per la presentazione dei dati Parte 15 - Divulgazione: come stabilire quali informazioni del fascicolo di registrazione saranno pubblicate sul sito web dell'echa Allegato tecnico per le sezioni

Dettagli

Come notificare le sostanze nell inventario delle classificazioni e delle etichettature Guida pratica 7

Come notificare le sostanze nell inventario delle classificazioni e delle etichettature Guida pratica 7 Annankatu 18, P.O. Box 400, FI-00121 Helsinki, Finland Tel. +358 9 686180 Fax +358 9 68618210 echa.europa.eu Come notificare le sostanze nell inventario delle classificazioni e delle etichettature Guida

Dettagli

Communication by the author

Communication by the author Communication by the author Design and graphics used in this presentation were partly drawn from the E-learning webpage http://ereach.dhigroup.com/, with implementation into Italian Design of graphics

Dettagli

Le attività a supporto delle aziende da parte di Federchimica

Le attività a supporto delle aziende da parte di Federchimica Le attività a supporto delle aziende da parte di Federchimica Ilaria Malerba LOGO SETTIMA... 4 ottobre 2011 Organizzazione e attività di FEDERCHIMICA Comitato Sicurezza Prodotti GdL REACH e CLP TF CLP,

Dettagli

Rendicontazione del Piano Nazionale dei controlli sui prodotti chimici

Rendicontazione del Piano Nazionale dei controlli sui prodotti chimici Rendicontazione del Piano Nazionale dei controlli sui prodotti chimici Anno 2013 Ministero della Salute Direzione Generale della Prevenzione sanitaria Il documento intende fornire un quadro generale dei

Dettagli

Regolamenti (CE) n.1907/2006 (REACH) e n.1272/2008 (CLP): stato dell arte, azioni e attuazioni

Regolamenti (CE) n.1907/2006 (REACH) e n.1272/2008 (CLP): stato dell arte, azioni e attuazioni 3 Conferenza Nazionale sul Regolamento REACH Roma, 14 Novembre 2011 Regolamenti (CE) n.1907/2006 (REACH) e n.1272/2008 (CLP): stato dell arte, azioni e attuazioni Dr. Pietro Pistolese Ministero della salute

Dettagli

BANCA DATI PREPARATI PERICOLOSI. Manuale operativo ISS FORMULA v.1.25. Configurazione minima richiesta:

BANCA DATI PREPARATI PERICOLOSI. Manuale operativo ISS FORMULA v.1.25. Configurazione minima richiesta: BANCA DATI PREPARATI PERICOLOSI Manuale operativo ISS FORMULA v.1.25. Configurazione minima richiesta Installazione del programma Definizioni Finestra iniziale del programma Come compilare Configurazione

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

Regolamento CLP e la Scheda di Dati di Sicurezza

Regolamento CLP e la Scheda di Dati di Sicurezza Dipinto inizio 900 artista sconosciuto Regolamento CLP e la Scheda di Dati di Sicurezza Seminario regionale Firenze venerdì 9 novembre 2012 1 NORMATIVA SPECIFICA D.Lgs.194/95 che recepiva la direttiva

Dettagli

La sorveglianza del mercato alla luce del nuovo regolamento 528/2012 (UE)

La sorveglianza del mercato alla luce del nuovo regolamento 528/2012 (UE) 1 La sorveglianza del mercato alla luce del nuovo regolamento 528/2012 (UE) M A R I S T E L L A R U B B I A N I C S C - ISS ROMA Monitoraggio delle Conformità e Sorveglianza del Mercato Attività di controllo

Dettagli

SDS SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SDS SCHEDA DATI DI SICUREZZA SDS SCHEDA DATI DI SICUREZZA La SDS rappresenta all interno del regolamento REACH Uno strumento di INFORMAZIONE destinato al titolare di una azienda per determinare se sostanze chimiche pericolose sono

Dettagli

GRUPPO DI CONTATTO DEI DIRETTORI

GRUPPO DI CONTATTO DEI DIRETTORI GRUPPO DI CONTATTO DEI DIRETTORI PRIMA EDIZIONE (4 giugno 2014) LISTA DI CONTROLLO PER L ASSUNZIONE DI UN BUON CONSULENTE I. Lavoro interno di preparazione II. Criteri personali per la scelta di un consulente

Dettagli

Attuazione e applicazione del regolamento REACH: sfide e prospettive Milano, 21 maggio 2010

Attuazione e applicazione del regolamento REACH: sfide e prospettive Milano, 21 maggio 2010 Attuazione e applicazione del regolamento REACH: sfide e prospettive Milano, 21 maggio 2010 Ruolo della Commissione Europea, degli Stati membri e delle Regioni Dott. Carlo Zaghi Dirigente Divisione VII

Dettagli

A. Barra Caracciolo, A. B. Petrangeli, P. Grenni, G. De Donato, F. Falconi, S. Santoro

A. Barra Caracciolo, A. B. Petrangeli, P. Grenni, G. De Donato, F. Falconi, S. Santoro 2 DESC Versione 2010 Guida alla consultazione del sito web Realizzato da IRSA-CNR A. Barra Caracciolo, A. B. Petrangeli, P. Grenni, G. De Donato, F. Falconi, S. Santoro Indice GUIDA ALLA CONSULTAZIONE

Dettagli

Regolamento cosmetici: ripercussioni sugli ingredienti

Regolamento cosmetici: ripercussioni sugli ingredienti Regolamento cosmetici: ripercussioni sugli ingredienti Giornata Mapic Milano, 3 maggio 2013 Paola Granata Federchimica Contenuti Background (tempistica, pilastri, novità) Impatti del nuovo Regolamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEL PRODOTTO COSMETICO FINITO Andrea Tarozzi Dipartimento di Farmacologia - Facoltà di Farmacia Seminario PER FARE DELLA BELLEZZA

Dettagli

Donatella Giacopetti Unione Petrolifera. Prove Interlaboratorio Prodotti Petroliferi Milano, 9 novembre 2011

Donatella Giacopetti Unione Petrolifera. Prove Interlaboratorio Prodotti Petroliferi Milano, 9 novembre 2011 Il regolamento CLP Donatella Giacopetti Unione Petrolifera Prove Interlaboratorio Prodotti Petroliferi Milano, 9 novembre 2011 1 Indice 1. Il processo di valutazione del rischio chimico e il REACH 2. IL

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome del prodotto: Codice di stock: IT 1.2. Usi pertinenti identificati della

Dettagli

Manuale REACH-IT dell'utente dell'industria

Manuale REACH-IT dell'utente dell'industria Manuale REACH-IT dell'utente dell'industria Parte 16 - Creazione e presentazione di una notifica C&L utilizzando lo strumento on-line di REACH-IT Versione (1.0) Pagina 1 di 70 Cronologia dei documenti

Dettagli

Nome della sostanza, del gruppo di sostanze o della miscela: Bromotrifluorometano Halon-1301. Numero CAS: 75-63-8

Nome della sostanza, del gruppo di sostanze o della miscela: Bromotrifluorometano Halon-1301. Numero CAS: 75-63-8 Nome della sostanza, del gruppo di sostanze o della miscela: Bromotrifluorometano Halon-1301 Numero CAS: 75-63-8 Sostanza controllat a - Potenziale di riduzione -Lesiva per lo dell'ozono strato di ozono

Dettagli

GUIDA. al regolamento REACH

GUIDA. al regolamento REACH GUIDA al regolamento REACH IV EDIZIONE 2013 aggiornata al 30 agosto 2013 8 Premessa SOMMARIO 11 Regolamento REACH 18 Campo di applicazione 19 Fasi del Regolamento 19 pre-registrazione 20 registrazione

Dettagli

Manuale per la presentazione dei dati

Manuale per la presentazione dei dati Parte 05 - Come compilare un fascicolo tecnico per le registrazioni e le noti Data di pubblicazione: aprile 2014 1 Manuale per la presentazione dei dati Parte 05 - Come compilare un fascicolo tecnico per

Dettagli