FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES. REPORT 13 Aprile 2012 Atelier Urban Center

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES. REPORT 13 Aprile 2012 Atelier Urban Center"

Transcript

1 FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES REPORT 13 Aprile 2012 Atelier Urban Center

2 2 Incontro Tavolo 3: Interventi nel settore terziario, industriale e dell economia verde Report sintetico dell'incontro del 13 aprile redatto come documento di lavoro a cura di Indica srl. Riprende i principali punti della discussione e non vuole essere esaustivo rispetto a tutti gli interventi e le posizioni espresse.

3 Il percorso del tavolo Sottoscrizione accordo 1 incontro 29 marzo 2012 Elaborazione degli spunti emersi Proposte affinamento PAES 2 Incontro 13 aprile 2012 Incontri individuali Elaborazione Accordo

4 Il PAES sarà sottoposto dalla UE a monitoraggio continuo ogni 2 anni fino al Il Comune di Bologna dovrà rendicontare le azioni realizzate e le emissioni ridotte. Nota Metodologica Nell ottica di dare al PAES fattibilità e concretezza, l integrazione delle azioni previste dal piano trova attuazione attraverso la fase di concertazione con gli attori del territorio e gli stakeholder, il cosiddetto «Forum per la concertazione del PAES». In particolare le proposte emerse durante il Forum e ritenute più rilevanti potranno seguire 3 differenti percorsi. 1.Le proposte che non necessitano della collaborazione di molti soggetti o la formalizzazione di specifici accordi attuativi saranno ricondotte a specifiche schede del Piano e realizzate dai responsabili li individuati. 2.Le proposte che implicano una collaborazione allargata su scala sovracomunale saranno approfondite e sviluppate nell ambito del Piano Strategico Metropolitano. 3.Le proposte che richiedono la collaborazione di più attori (pubblici e privati) a livello comunale saranno oggetto di specifici accordi attuativi, le cui basi sono state discusse e condivise nell ambito dei tavoli di lavoro del Forum PAES.

5 Spunti e risposte Di seguito è riportata una sintesi delle risposte date dal Comune ad alcune delle sollecitazioni emerse durante il primo tavolo di lavoro, tenutosi il 29 marzo 2012.

6 Impronta energetica molto forte dei grandi Poli funzionali e quindi necessità di concentrarsi su di essi (Ospedali, Università, Aeroporto, Aree Industriali Roveri e Bargellino,...) Si aggiungeranno schede sui risultati ottenuti e sui progetti previsti per i poli funzionali (aeroporto, Aziende Sanitarie, università), per Coop e per gli associati di Unindustria. GREEN ICT (Virtualizzazione dei server, data center, coordinamento) Si aggiungerà una scheda sul Green ICT, sul coordinamento di interventi di ottimizzazione nell uso delle Tecnologie dell informazione e comunicazione e virtualizzazione

7 Mancanza di sinergie con trasporti pubblici e politiche di Mobility management e quindi necessità di mettere a sistema ciò che già esiste in Mobility management, Car pooling, Car sharing Sul Mobility Management, va ricordato che il Comune di Bologna svolge da alcuni anni un attività di coordinamento dei Mobility Management aziendali (vedasi scheda TRA-PUB 1 e 3). In ogni caso si coglie la sollecitazione giunta dal tavolo ad operare con maggiore incisività, soprattutto per quello che riguarda la modifica dei comportamenti degli utenti.

8 Barriera Culturale/informativa/comportamentale e quindi necessità di informare e incentivare comportamenti virtuosi di dipendenti e clienti Si intende aggiungere una scheda relativa all attività di comunicazione sull uso razionale dell energia, svolta all interno delle aziende sanitarie. Si intende aggiungere una scheda sul coinvolgimento della cittadinanza che consideri gli accordi emersi da questo tavolo sulla sensibilizzazione e coinvolgimento di utenti e cittadini.

9 Mancanza di un coordinamento tra Energy manager e quindi necessità di una rete di Energy Manager Nella scheda EDI-TERZ1 si includerà il tema della creazione di coordinamento tra energy-manager. Necessità di sperimentazioni e linee guida condivise per l efficienza energetica (gestione/utilizzo e monitoraggio). Nella scheda EDI-TERZ1 si includerà il tema del monitoraggio delle utenze e dell ISO

10 Proposte di Accordi attuativi Le proposte emerse durante gli incontri, ritenute più rilevanti e per le quali necessita la collaborazione di più attori e la formalizzazione di accordi saranno oggetto di elaborazione e discussione con i singoli soggetti che hanno manifestato interesse a partecipare, nell ottica di definire accordi/protocolli attuativi. Di seguito le prime sollecitazioni emerse durante l incontro per ognuna delle proposte.

11 1. Rete di coordinamento degli Energy manager Si propone di istituire una rete/coordinamento degli Energy manager Manifestazioni di Interesse Università degli Studi di Bologna RER-Gruppo Regionale Energia in Sanità Istituto Ortopedico Rizzoli Impronta Etica Aeroporto G.Marconi Bologna Crif spa Collegio dei Periti Industriali Bologna Altri soggetti da coinvolgere Intercenter

12 Sollecitazioni Emerse Creare sinergie con le reti già esistenti (es. quella settoriale della sanità) Aggregare la domanda per le forniture elettriche Diffondere la figura dell Energy Manager Promuovere Energy manager «di distretto» Sistematizzare le metodologie di raccolta, misurazione, e calcolo dei dati Creare meccanismi rotativi che consentano di finanziare interventi di riqualificazione energetica attraverso i risparmi derivanti da altri interventi di riqualificazione energetica Aggregare le Grandi imprese per proporre progetti per la richiesta di finanziamenti Coordinare i Piani energetici di diversi soggetti per facilitare l accesso a finanziamenti

13 2. Campagne di informazione, sensibilizzazione e aggregazione Si propone di strutturare campagne informative congiunte che possano sensibilizzare diverse tipologie di destinatari. Manifestazioni di Interesse Coop Adriatica Aeroporto G.Marconi Bologna Impronta Etica ENEA Altri soggetti da coinvolgere Comitati Cittadini

14 Sollecitazioni Emerse Valorizzare le campagne di sensibilizzazione dei cittadini/consumatori già realizzate o in atto Tecnologie e Innovazioni devono essere parte dell oggetto delle campagne informative Oggetto della campagna deve essere anche la formazione

15 3. Green ICT Si propone un coordinamento degli interventi nell ambito della Green ICT. Le Tecnologie dell informazione e della comunicazione (ICT) possono ridurre il loro impatto da sé, virtualizzando e ottimizzandone l utilizzo. Manifestazioni di Interesse Istituto Ortopedico Rizzoli Aeroporto G.Marconi Coop Adriatica Impronta Etica Crif spa Università degli Studi di Bologna Altri soggetti da coinvolgere Tecnopoli (Ricerca)

16 Sollecitazioni Emerse Sviluppare una metodologia condivisa, linee guida e best practices ed uno strumento software, al fine di dare supporto al «Facility/Energy/IT Manager» nella gestione ottimale delle infrastrutture e degli impianti asserviti a 360 all area Data Center. Realizzare dei «pilota» sul territorio comunale coinvolgendo un elevato numero di organizzazioni Aggregare Imprese, Pubblica Amministrazione e Ricerca per la realizzazione degli interventi e per facilitare l accesso a finanziamenti e al credito

17 I Tweet #paesbo Fraticelli: la Regione ER ha già predisposto un gruppo di lavoro sull'energia in cui collaborano esperti ed Energy manager #paesbo Geminiani - Periti Industriali: istituiamo Energy manager di distretto #paesbo Impronta Etica: lavoreremo per la sensibilizzazione delle imprese socie #paesbo Bracci - Crif: il coordinamento tra Energy manager è fondamentale per arrivare a risultati concreti. Discutiamo sulle metodologie #paesbo ing. Fini - Comune: il Comune ha già messo in atto molte iniziative sul tema del mobility management. E importante continuare in questa direzione #paesbo Gli elementi chiave del processo di efficientamento energetico: #conoscenza e #informazione

18 Rimaniamo in contatto Facilitatore MAURO BIGI SKY-PE: mauro bigi unifeed Tutte le presentazioni e i documenti della giornata sono allegati e scaricabili al link:

19 Partecipanti AEROPORTO G.MARCONI BOLOGNA Barilli Tommaso Prampolini Alfredo AGENTECH srl Fuochi Demos UNIVERSITA' di BOLOGNA Battistini Roberto BI.CO.TEC srl Abbati Nicolatte Cifelli Carmelo CAAB Oppioli Federico CNA Fiammenghi Marco COFELY ITALIA Di Cosma Nicola COLLEGIO PERITI INDUSTRIALI Dall'Olio Roberto CONSULENTE STRATEGICO Bandiera Stefano COOP ADRIATICA Benassi Giorgio Psaila Giuliana CRIF spa Bracci Elisabetta IMPRONTA ETICA Calda Fabrizia INGEGNERI Di marco Massimo Gavioli Gabriele ISTITUTO ORTOPEDICO RIZZOLI Battistini Roberto NETWORK CASACLIMA E.R Peghetti Morena NIER INGEGNERIA Ricci Cristina ORDINE DEGLI ARCHITETTI Bologna Roversi Lisa REGIONE EMILIA ROMAGNA Fraticelli Alessandro RICERCATORI Buonamici Roberto CITTADINI Bernardi Giampaolo COMUNE DI BOLOGNA Fini Giovanni Tutino Francesco Zappi Daniele INDICA SRL Bigi Mauro Mascellani Francesca Pini Antonia

20 Contributi scritti ICIE LARCOICOS COLLEGIO PERITI INDUSTRIALI CRIF SPA Realizzato in collaborazione con

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES. REPORT 28 marzo 2012 Atelier Urban Center

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES. REPORT 28 marzo 2012 Atelier Urban Center FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES REPORT 28 marzo 2012 Atelier Urban Center Incontro 1 Tavolo: Produzione di energia da fonti rinnovabili Report sintetico dell'incontro del 28 marzo redatto come documento

Dettagli

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES. REPORT 14 marzo 2012 Atelier Urban Center

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES. REPORT 14 marzo 2012 Atelier Urban Center FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES REPORT 14 marzo 2012 Atelier Urban Center Incontro 1 Tavolo: Risparmio ed efficienza energetica negli edifici residenziali Report sintetico dell'incontro del 14 marzo

Dettagli

L importanza dell intervento sul patrimonio storico nell ambito degli obiettivi del PAES del Comune di Bologna. Giovanni Fini Comune di Bologna

L importanza dell intervento sul patrimonio storico nell ambito degli obiettivi del PAES del Comune di Bologna. Giovanni Fini Comune di Bologna L importanza dell intervento sul patrimonio storico nell ambito degli obiettivi del PAES del Comune di Bologna Giovanni Fini Comune di Bologna CNA Bologna Energy Art Care 21/5/2015 Le azioni del PAES -

Dettagli

Il PAES del Comune di Bologna e l importanza di intervenire sugli edifici esistenti

Il PAES del Comune di Bologna e l importanza di intervenire sugli edifici esistenti Il PAES del Comune di Bologna e l importanza di intervenire sugli edifici esistenti Giovanni Fini Comune di Bologna CNA Bologna Il total look degli edifici 15/4/2015 Le azioni del PAES Concertazione e

Dettagli

Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati. Le iniziative del PAES

Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati. Le iniziative del PAES Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati Le iniziative del PAES Francesco Tutino - Comune di Bologna Settore Ambiente ed Energia -Ufficio Energia

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra La Regione Emilia-Romagna, con sede in Bologna, Viale Aldo Moro, 52, codice fiscale n. 80062590379, rappresentata dall Assessore Alfredo Peri, in esecuzione della deliberazione

Dettagli

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo GREEN ENERGY PLUS S.R.L. Via della Ricerca Scientifica snc c/o Parco Scientifico Romano

Dettagli

Maintenance & Energy Efficiency

Maintenance & Energy Efficiency Industrial Management School Maintenance & Conoscenze, metodi e strumenti per operare nel campo della gestione dell energia - Integrare le politiche di manutenzione con quelle legate all energia - Ottimizzare

Dettagli

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE Agenda Locale 21 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE INDICE PREMESSA 3 ENERGIA 4 IL PIANO D AZIONE: L ENERGIA 5 1. COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE...

Dettagli

Caterina Alvisi. Microkyoto: quando Kyoto diventa locale.

Caterina Alvisi. Microkyoto: quando Kyoto diventa locale. Caterina Alvisi Microkyoto: quando Kyoto diventa locale. Il progetto Microkyoto 2002 viene ideato dal Forum di Agenda21 Locale 2004 ottiene un finanziamento del Ministero dell Ambiente 2006 la Provincia

Dettagli

CONTENUTI. Contesto di riferimento. L inventario delle emissioni. Definizione degli obiettivi. Ambiti d azione per il nuovo piano

CONTENUTI. Contesto di riferimento. L inventario delle emissioni. Definizione degli obiettivi. Ambiti d azione per il nuovo piano 2 CONTENUTI Contesto di riferimento L inventario delle emissioni Definizione degli obiettivi Ambiti d azione per il nuovo piano Concertazione e partecipazione Aggiungere: Normativa e piano triennale regionale

Dettagli

Il PAES del Comune di Bologna. Open Group Meeting 3 May 2012, Bologna, Italy Francesco Tutino

Il PAES del Comune di Bologna. Open Group Meeting 3 May 2012, Bologna, Italy Francesco Tutino Il PAES del Comune di Bologna Open Group Meeting 3 May 2012, Bologna, Italy Francesco Tutino CONTENUTI Contesto di riferimento L inventario delle emissioni Definizione degli obiettivi Ambiti d azione per

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

COMPRAVERDE-BUYGREEN 30-31 OTTOBRE 2013 PALAZZO DELLE STELLINE - MILANO

COMPRAVERDE-BUYGREEN 30-31 OTTOBRE 2013 PALAZZO DELLE STELLINE - MILANO COMPRAVERDE-BUYGREEN PALAZZO DELLE STELLINE - MILANO Il Progetto CEC5 rientra nel Programma CENTRAL EUROPE cofinanziato dal fondo FERS COMUNE DI UDINE Dipartimento Gestione del Territorio, Infrastrutture

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

1.12 SEMPLIFICAZIONE DELLA NORMATIVA EDILIZIA

1.12 SEMPLIFICAZIONE DELLA NORMATIVA EDILIZIA 1.12 SEMPLIFICAZIONE DELLA NORMATIVA EDILIZIA 19.06.2013 INTRODUZIONE AL PROGETTO L estrema frammentazione delle normative edilizie costituisce un ostacolo al corretto svolgimento dell attività di trasformazione

Dettagli

Non è vero che con l efficienza. politica industriale. Laura Bruni Direttore Affari Istituzionali Schneider Electric Italia Camerino, 25 Giugno 2014

Non è vero che con l efficienza. politica industriale. Laura Bruni Direttore Affari Istituzionali Schneider Electric Italia Camerino, 25 Giugno 2014 Non è vero che con l efficienza energetica non si fa politica industriale Laura Bruni Direttore Affari Istituzionali Schneider Electric Italia Camerino, 25 Giugno 2014 L efficienza energetica porta crescita

Dettagli

Ordine degli Architetti P. P. e C. della Provincia di Bergamo

Ordine degli Architetti P. P. e C. della Provincia di Bergamo Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER ENERGY MANAGERS ( ai sensi della Legge 10/91, art. 19) SETTORE:

Dettagli

Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia

Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia GUIDARE LE AMMINISTRAZIONI LOCALI OLTRE GLI OBIETTIVI DELL UE AL 2020 Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia

Dettagli

Crescita. Sostenibilità Ottimizzazione. Investimenti

Crescita. Sostenibilità Ottimizzazione. Investimenti Crescita Sostenibilità Ecologia Efficienza Ottimizzazione Sviluppo Competitività Investimenti Il futuro viaggia sulle strade dell efficienza energetica Efficienza: un obiettivo da raggiungere Parlare di

Dettagli

Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti. 24 Settembre 2015

Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti. 24 Settembre 2015 Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti 24 Settembre 2015 Steer Davies Gleave Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti 24 Settembre 2015 2 Aree di attività

Dettagli

Aggiornamento: maggio 2015

Aggiornamento: maggio 2015 BOLOGNA CONSUMI RESPONSABILI Aggiornamento: maggio 2015 Descrizione del progetto Diffusione di orientamenti e pratiche di consumerismo socialmente responsabile per promuovere il capitale sociale del territorio,

Dettagli

Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile

Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile Workshop ManagEnergy Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile La promozione della Mobilità Sostenibile Simone Antinucci Roma, 8 luglio 2011 Roma, 7-8 Luglio Workshop:

Dettagli

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: programma ambientale di cluster Comune di Collagna Responsabile dell azione Istituto

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

OSSERVATORIO Corporate Social Responsibility

OSSERVATORIO Corporate Social Responsibility OSSERVATORIO Corporate Social Responsibility Milano, 26 maggio 2008 MOBILITY MANAGEMENT E CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY Federico Isenburg LA CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY Il Libro Verde dell Unione

Dettagli

Verbale Tavolo di Lavoro CLIMARCHITETTURA 30 ottobre 2007, ore 16.00 Sala Arengo - Municipio

Verbale Tavolo di Lavoro CLIMARCHITETTURA 30 ottobre 2007, ore 16.00 Sala Arengo - Municipio Verbale Tavolo di Lavoro CLIMARCHITETTURA 30 ottobre 2007, ore 16.00 Sala Arengo - Municipio PROGRAMMA Ore 16:00 - Registrazione dei partecipanti Interventi di: Paola Poggipollini Dirigente Servizio Sviluppo

Dettagli

Incontro seminario progetto @quem

Incontro seminario progetto @quem Incontro seminario progetto @quem ENEA, 29 ottobre 2007 Luciano Blasi Energy Manager - Gruppo Poste Italiane RE Energy Management Pag. 1 Poste Italiane: la gestione energetica Nell aprile 2004 Poste Italiane

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici: opportunità e prospettive

La certificazione energetica degli edifici: opportunità e prospettive Il risparmio energetico negli edifici: opportunità di lavoro ed esperienze a confronto 29 marzo 2008 Ente Fiera di Lanciano La certificazione energetica degli edifici: opportunità e prospettive arch. Carmela

Dettagli

Il decreto legislativo 102/2014 sull efficienza energetica: scenari ed opportunità

Il decreto legislativo 102/2014 sull efficienza energetica: scenari ed opportunità Il decreto legislativo 102/2014 sull efficienza energetica: scenari ed opportunità Fare impresa con l efficienza energetica: il decreto legislativo 102/2014. Smart Energy Expo Verona -8 ottobre 2014 Mauro

Dettagli

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Ravenna, 26 Settembre 2012 Tiziano Terlizzese NIER Ingegneria S.p.A. IL RAGGRUPPAMENTO La rete di imprese è composta da 3 PMI con un alta propensione

Dettagli

Report: Roma 1 ottobre 2014 Evento di Networking Nazionale GPP2020, Sfide e soluzioni per il GPP

Report: Roma 1 ottobre 2014 Evento di Networking Nazionale GPP2020, Sfide e soluzioni per il GPP Report: Roma 1 ottobre 2014 Evento di Networking Nazionale GPP2020, Sfide e soluzioni per il GPP L 1 ottobre 2014 presso l Acquario Romano-Casa dell Architettura, nell ambito del Forum Internazionale degli

Dettagli

Incontro pubblico di presentazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Latina, 24 ottobre 2013

Incontro pubblico di presentazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Latina, 24 ottobre 2013 Facoltà di Ingegneria civile e industriale Polo di Latina Incontro pubblico di presentazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Latina, 24 ottobre 2013 Progetto Scuola IL LABORATORIO DELLA

Dettagli

Bologna città resiliente, il PAES e il progetto BlueAp per l'adattamento

Bologna città resiliente, il PAES e il progetto BlueAp per l'adattamento Bologna città resiliente, il PAES e il progetto BlueAp per l'adattamento Patrizia Gabellini Assessore Urbanistica, Città Storica e Ambiente Comune di Bologna CONTENUTI - Fattori di vulnerabilità e fattori

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

Progetti di efficienza energetica nella PA: azioni e strategie per superare gli ostacoli

Progetti di efficienza energetica nella PA: azioni e strategie per superare gli ostacoli ORGANISMO DI ACCREDITAMENTO REGIONALE Progetti di efficienza energetica nella PA: azioni e strategie per superare gli ostacoli La riqualificazione e l efficientamento energetico del patrimonio edilizio

Dettagli

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ;

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ; Accordo tra Regione Emilia-Romagna, ATERSIR e Centro di Coordinamento RAEE, per favorire il recupero e l incremento dei tassi di raccolta differenziata dei RAEE di origine domestica attraverso la sperimentazione

Dettagli

Centri di costo: 1. Ufficio Politiche Energetiche

Centri di costo: 1. Ufficio Politiche Energetiche RESPONSABILE: Ing. Responsabile delle risorse: Ing. Centri di costo: 1. Ufficio Politiche Energetiche Anno 2015 OBIETTIVI PERMANENTI: Uffico Politiche Energetiche a) Coordinamento dell Energy Management

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

La Governance dell Energia e dell Ambiente in Banca 2013

La Governance dell Energia e dell Ambiente in Banca 2013 III Forum Green Energy Energia, Ambiente, Credito Lo Sviluppo del Green nel Terziario La Governance dell Energia e dell Ambiente in Banca 2013 Romano Stasi, Segretario Generale, ABI Lab Roma, 25 giugno

Dettagli

Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale

Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale Ing Alessandro Fatini del Grande 20 febbraio 2007 Il risparmio energetico è diventata un esigenza importante sia a livello ambientale (riduzione

Dettagli

La nuova legge provinciale sull energia (l.p. 4 ottobre 2012, n. 20)

La nuova legge provinciale sull energia (l.p. 4 ottobre 2012, n. 20) Provincia Autonoma di Trento La nuova legge provinciale sull energia (l.p. 4 ottobre 2012, n. 20) CONVEGNO AEIT 26 ottobre 2012 29 maggio 1980 Approvazione della legge provinciale n. 14 Legge provinciale

Dettagli

ABI Energia Competence Center ABI Lab su energia e ambiente. Gli ambiti di ricerca in ABI Energia

ABI Energia Competence Center ABI Lab su energia e ambiente. Gli ambiti di ricerca in ABI Energia ABI Energia Competence Center ABI Lab su energia e ambiente Gli ambiti di ricerca in ABI Energia Gli ambiti di ricerca su energia e ambiente in ABI Lab ABI Energia, Competence Center sull energia e l ambiente

Dettagli

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: sistema gestione ambientale Comune di Collagna Responsabile dell azione Istituto

Dettagli

EnergyPie E.S.Co. certificata UNI EN 11352. EnergyPie

EnergyPie E.S.Co. certificata UNI EN 11352. EnergyPie Il quadro strategico sull energia Entro il 2020 l Unione Europea si prefigge di raggiungere tre risultati: - 20% di incremento dell efficienza energetica - 20% di riduzione delle emissioni di gas serra

Dettagli

Premio di eccellenza per i Piani di Azione per l Energia Sostenibile. Laudatio Sardara

Premio di eccellenza per i Piani di Azione per l Energia Sostenibile. Laudatio Sardara Laudatio Sardara Comune primo classificato categoria Comuni fino a 5.000 abitanti Antonio Lumicisi Il nostro riconoscimento va al lavoro svolto dal Comune di Sardara. Il piccolo comune sardo della Provincia

Dettagli

Progetto per la realizzazione di un. Centro Servizi per la promozione e animazione del settore della Home e Building automation

Progetto per la realizzazione di un. Centro Servizi per la promozione e animazione del settore della Home e Building automation Progetto per la realizzazione di un Centro Servizi per la promozione e animazione del settore della Home e Building automation 1 1. Introduzione Il sistema socio-economico Empolese Valdelsa si caratterizza

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Smart & Green Technologies. Antonio Iossa R&D, Scouting

Smart & Green Technologies. Antonio Iossa R&D, Scouting Smart & Green Technologies Antonio Iossa R&D, Scouting SMART? GREEN? Le dimensioni della Smart City Fonte: http://www.smart-cities.eu Le dimensioni della Smart City Fonte: ForumPA C. Forghieri SCCI Smart

Dettagli

Una vera ESCo italiana

Una vera ESCo italiana Una vera ESCo italiana IL GIUSTO PARTNER PER REALIZZARE OGNI OBIETTIVO DI RISPARMIO ENERGETICO www.geet.it LA NOSTRA MISSION GEETIT supporta i propri clienti nell individuazione di obiettivi di risparmio

Dettagli

Progetto PercoRSI. Rete responsabile. Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare

Progetto PercoRSI. Rete responsabile. Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare Progetto PercoRSI Rete responsabile Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare Con il contributo di: Partner operativo Finalità generali di PercoRSI Dal 2004

Dettagli

Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE

Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE Fabio Travagliati Regione Marche Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE Fondi Strutturali

Dettagli

Mercoledì 4 Marzo, Pianoro. Primo incontro di lavoro del Tavolo di Negoziazione. Presenti:

Mercoledì 4 Marzo, Pianoro. Primo incontro di lavoro del Tavolo di Negoziazione. Presenti: Percorso di partecipazione sull uso delle fonti rinnovabili Insieme per Regole Comuni! Promosso da Unione dei Comuni Savena-Idice, con i Comuni di Loiano, Monghidoro, Monterenzio e Pianoro, con il sostegno

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

SMART CITIES L ESPERIENZA ENEA - SCENARI ATTUALI E FUTURI NELLO SVILUPPO DELLE SMART CITIES UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA

SMART CITIES L ESPERIENZA ENEA - SCENARI ATTUALI E FUTURI NELLO SVILUPPO DELLE SMART CITIES UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA SMART CITIES L ESPERIENZA ENEA - SCENARI ATTUALI E FUTURI NELLO SVILUPPO DELLE SMART CITIES ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA Ufficio Territoriale Regione Marche Dott. Nicola Cantagallo CONVEGNO

Dettagli

QUANDO KYOTO DIVENTA LOCALE. Il progetto della Provincia di Bologna per ridurre i gas serra

QUANDO KYOTO DIVENTA LOCALE. Il progetto della Provincia di Bologna per ridurre i gas serra QUANDO KYOTO DIVENTA LOCALE Il progetto della Provincia di Bologna per ridurre i gas serra Testi: Provincia di Bologna Grafica: Servizi di comunicazione Provincia di Bologna Stampa: tipografia metropolitana

Dettagli

Progetti Ecomark e MEID: un esempio di cross fertilization e sviluppo di relazioni transnazionali in tema di aree industriali e green marketing

Progetti Ecomark e MEID: un esempio di cross fertilization e sviluppo di relazioni transnazionali in tema di aree industriali e green marketing Progetti Ecomark e MEID: un esempio di cross fertilization e sviluppo di relazioni transnazionali in tema di aree industriali e green marketing Arianna Dominici Loprieno Mario Tarantini Rovena Preka Maria

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

D.Lgs. 102/2014: i vantaggi per le imprese e le opportunità per le ESCo.

D.Lgs. 102/2014: i vantaggi per le imprese e le opportunità per le ESCo. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO EFFICIENZA ENERGETICA. OPPURTUNITÀ PER IMPRESE E PROFESSIONISTI. D.Lgs. 102/2014: i vantaggi per le imprese e le opportunità per le ESCo. Nicola Graniglia

Dettagli

ROMA SERVIZI PER LA MOBILITA LE ATTIVITA INTERNAZIONALI E DI MOBILITA SOSTENIBILE

ROMA SERVIZI PER LA MOBILITA LE ATTIVITA INTERNAZIONALI E DI MOBILITA SOSTENIBILE ROMA SERVIZI PER LA MOBILITA LE ATTIVITA INTERNAZIONALI E DI MOBILITA SOSTENIBILE Le attività internazionali di Roma Servizi per la Mobilità si svolgono su diversi fronti: la ricerca co-finanziata dalla

Dettagli

Sistema Integrato Sicurezza Stradale On Line Progetto O@SIS 2

Sistema Integrato Sicurezza Stradale On Line Progetto O@SIS 2 Settore Mobilità e Sicurezza della Circolazione Stradale Servizio Sistema Integrato Sicurezza Stradale (SISS) Progetti Strategici del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti Sistema Integrato Sicurezza

Dettagli

ESPERIENZE E COMPETENZE NEI PROGETTI EUROPEI BUSINESS UNIT TRASPORTI E LOGISTICA

ESPERIENZE E COMPETENZE NEI PROGETTI EUROPEI BUSINESS UNIT TRASPORTI E LOGISTICA ESPERIENZE E COMPETENZE NEI PROGETTI EUROPEI BUSINESS UNIT TRASPORTI E LOGISTICA Genova, gennaio 2015 T BRIDGE NEI PROGETTI EUROPEI Dal 2009 T Bridge è attiva nell ambito dei Progetti Europei, sia in modo

Dettagli

IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE

IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE Dott. Ing. Andrea Papageorgiou, Direttore Generale Bryo S.p.A Giovedì 2 Ottobre 2014 AEPI Industrie Srl Imola In collaborazione

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT

IL MOBILITY MANAGEMENT IL MOBILITY MANAGEMENT L. BERTUCCIO, E. CAFARELLI Euromobility Associazione Mobility Manager Dei 24 capoluoghi di provincia con un numero di abitanti superiore a 150.000 unità non tutti hanno fornito l

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

PROGETTO TECNOPOLO ENEA BOLOGNA

PROGETTO TECNOPOLO ENEA BOLOGNA PROGETTO TECNOPOLO ENEA BOLOGNA Laboratorio LECOP Laboratori ENEA per l Ambiente Laboratorio LAERTE Efficienza Energetica Laboratorio CROSS TEC Interoperabilità e virtualizzazione dei processi per reti

Dettagli

REDAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) Aprile 2011

REDAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) Aprile 2011 REDAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) ATTIVITÀ PREVISTE Aprile 2011 MILANO, VIA CARLO POERIO 39, 20129 MILANO -TEL. (+39) 02 27744 1 - FAX (+39) 02 27744 222 ROMA, VIA VICENZA 5/A,

Dettagli

PERCORSO PARTECIPATIVO di SUPPORTO ALLA REALIZZAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MEDICINA

PERCORSO PARTECIPATIVO di SUPPORTO ALLA REALIZZAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MEDICINA PERCORSO PARTECIPATIVO di SUPPORTO ALLA REALIZZAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MEDICINA -- RELAZIONE FINALE -- A cura di Leonardo Dovigo Marzo 2014 0 PERCORSO PARTECIPATIVO

Dettagli

CITTA DI SACILE AGGIORNAMENTO. ACCORDI CON I GESTORI PROTOCOLLO D INTESA (Regolamento di attuazione, art. 9)

CITTA DI SACILE AGGIORNAMENTO. ACCORDI CON I GESTORI PROTOCOLLO D INTESA (Regolamento di attuazione, art. 9) REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE CITTA DI SACILE Piano comunale di settore per la localizzazione degli Impianti fissi di telefonia mobile (L.R. n. 028 del 06 dicembre 2004,

Dettagli

Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative

Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative Fabrizio Tollari, ERVET Workshop progetto IPA Alterenergy Bologna, 22 novembre 2012 COMUNITÀ SOSTENIBILI NEL SISTEMA URBANO L Europa ha sviluppato

Dettagli

2.13 POLITICHE DI WELFARE AZIENDALE IN UN SISTEMA DI WELFARE CONDIVISO

2.13 POLITICHE DI WELFARE AZIENDALE IN UN SISTEMA DI WELFARE CONDIVISO 2.13 POLITICHE DI WELFARE AZIENDALE IN UN SISTEMA DI WELFARE CONDIVISO 19.06.2013 INTRODUZIONE AL PROGETTO Molte delle buone pratiche messe in atto dalle imprese per migliorare il benessere dei propri

Dettagli

Agenda Digitale Bolognese Strumenti Attività Conclusioni Domande

Agenda Digitale Bolognese Strumenti Attività Conclusioni Domande Agenda Digitale Bolognese Strumenti Attività Conclusioni Domande Agenda Digitale Bolognese quali sono gli strumenti per co-progettare i propri servizi? quali sono i punti di forza e debolezza del percorso

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera

Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera Fabio Formentin Mobility Manager Regione Emilia-Romagna Settimana

Dettagli

Le reti urbane intelligenti e cooperative: il progetto Res Novae. Mauro Annunziato ENEA Sub-coordinatore European Joint Programme Smart Cities

Le reti urbane intelligenti e cooperative: il progetto Res Novae. Mauro Annunziato ENEA Sub-coordinatore European Joint Programme Smart Cities Le reti urbane intelligenti e cooperative: il progetto Res Novae Mauro Annunziato ENEA Sub-coordinatore European Joint Programme Smart Cities RES NOVAE Obiettivo Sviluppare e dimostrare una soluzione integrata

Dettagli

Alessandro Pollio Assessore al progetto «La Spezia 20.20: la città diventa smart»

Alessandro Pollio Assessore al progetto «La Spezia 20.20: la città diventa smart» Alessandro Pollio Assessore al progetto «La Spezia 20.20: la città diventa smart» La Spezia 20.20 Il Comune della Spezia ha avviato un importante processo finalizzato alla ridefinizione di una nuova visione

Dettagli

Livio Gallo - Direttore Infrastrutture e Reti di Enel 13 Settembre 2012

Livio Gallo - Direttore Infrastrutture e Reti di Enel 13 Settembre 2012 Il ruolo delle infrastrutture nelle Smart Cities Livio Gallo - Direttore Infrastrutture e Reti di Enel 13 Settembre 2012 L evoluzione delle Infrastrutture Smart Electricity it Transportation Gas Communication

Dettagli

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme Obiettivi dell incontro Il percorso Cosa è stato fatto Opportunità di visibilità

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

ENERGY MANAGER QUALIFICATO ODC CHE OPERA AI SENSI UNI CEI EN ISO/IEC 17024

ENERGY MANAGER QUALIFICATO ODC CHE OPERA AI SENSI UNI CEI EN ISO/IEC 17024 ENERGY MANAGER QUALIFICATO ODC CHE OPERA AI SENSI UNI CEI EN ISO/IEC 17024 DURATA CORSO: 30 Ore CREDITI FORMATIVI PROFESSIONALI RILASCIATI DAL CORSO: PERITI AGRARI 15 CFP ARCHITETTI 15 CFP PERITI INDUSTRIALI

Dettagli

Green Schools Competition

Green Schools Competition + Green Schools Competition Global Service Integrato Rev.2 + Green Schools Competition 2 La Green Schools Competition è un iniziativa promossa da Sinergie e Cofely attraverso la quale coinvolgere tutti

Dettagli

Il Piano Strategico Metropolitano di Bologna Daniela Oliva. Bologna, 1 marzo 2013

Il Piano Strategico Metropolitano di Bologna Daniela Oliva. Bologna, 1 marzo 2013 Il Piano Strategico Metropolitano di Bologna Daniela Oliva Bologna, 1 marzo 2013 Cos è un Piano strategico La costruzione di un futuro di lungo termine (10/20 anni) sulla base di: Una vision ( molte vision

Dettagli

L integrazione degli strumenti per la sostenibilità. Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini

L integrazione degli strumenti per la sostenibilità. Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini L integrazione degli strumenti per la sostenibilità Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini Sviluppo Sostenibile sviluppo che offre servizi ambientali, sociali ed economici di

Dettagli

Linee guida per la gestione dell energia e dell ambiente in banca

Linee guida per la gestione dell energia e dell ambiente in banca 1_GEA_imp_Layout 1 20/11/12 17.43 Pagina 1 ABI L b Linee guida per la gestione dell energia e dell ambiente in banca Osservatorio Green Banking novembre 2012 1_GEA_imp_Layout 1 20/11/12 17.43 Pagina 2

Dettagli

Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica

Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 Il provvedimento stabilisce un quadro di misure per la promozione

Dettagli

Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi. Incontro plenario 14 giugno 2005

Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi. Incontro plenario 14 giugno 2005 Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi Incontro plenario 14 giugno 2005 Il percorso partecipativo di questo secondo ciclo del Forum di Agenda 21 locale è stato articolato in tre differenti

Dettagli

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF):

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF): CONVENZIONE PER L ADESIONE AL SISTEMA DI E-LEARNING FEDERATO DELL EMILIA-ROMAGNA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L UTILIZZO DEI SERVIZI PER LA FORMAZIONE Premesso che il Sistema di e-learning federato

Dettagli

COMUNE DI PARMA SEGRETERIA GENERALE

COMUNE DI PARMA SEGRETERIA GENERALE COMUNE DI PARMA SEGRETERIA GENERALE DELIBERAZIONE CC-2016-27 DELLA SEDUTA DI CONSIGLIO COMUNALE DEL 08/03/2016 Oggetto: Costituzione di un Associazione senza scopo di lucro denominata Agenzia Territoriale

Dettagli

V i a L u d o v i s i, 3 6 0 0 1 8 7 R O M A. w w w, c e s s m e. o r g

V i a L u d o v i s i, 3 6 0 0 1 8 7 R O M A. w w w, c e s s m e. o r g V i a L u d o v i s i, 3 6 0 0 1 8 7 R O M A P. I. 1 3 0 7 3 9 3 1 0 0 1 T + 3 9.0 6 9 2 9 5 6 3 3 8 w w w, c e s s m e. o r g SMART CITY /SMART COMMUNITY V i a L u d o v i s i, 3 6 0 0 1 8 7 R O M A P.

Dettagli

LA GESTIONE DELLE AGEVOLAZIONI PER LE AZIONI DI. Convenzione tra il Comune di Bologna (CF n 0123227 10374)

LA GESTIONE DELLE AGEVOLAZIONI PER LE AZIONI DI. Convenzione tra il Comune di Bologna (CF n 0123227 10374) CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BOLOGNA E ATC SPA, PER LA GESTIONE DELLE AGEVOLAZIONI PER LE AZIONI DI MOBILITY MANAGEMENT Convenzione tra il Comune di Bologna (CF n 0123227 10374) rappresentato dall Ing.

Dettagli

L energy manager in rete

L energy manager in rete L energy manager in rete Francesco Belcastro, FIRE La gestione dei contratti nei servizi energetici 02 marzo 2009, Torino Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione

Dettagli

Qualità ambientale nei sistemi produttivi e successo competitivo per le imprese: dalla logica APEA alle Eco-aree produttive.

Qualità ambientale nei sistemi produttivi e successo competitivo per le imprese: dalla logica APEA alle Eco-aree produttive. Qualità ambientale nei sistemi produttivi e successo competitivo per le imprese: dalla logica APEA alle Eco-aree produttive Virginia Lopez Monfalcone, sabato 18 aprile 2015 APEA (Aree produttive ecologicamente

Dettagli

4.10 CAAB, CITY LOGISTIC: DISTRIBUZIONE DELLE MERCI NEL CENTRO STORICO

4.10 CAAB, CITY LOGISTIC: DISTRIBUZIONE DELLE MERCI NEL CENTRO STORICO 4.10 CAAB, CITY LOGISTIC: DISTRIBUZIONE DELLE MERCI NEL CENTRO STORICO 19.06.2013 INTRODUZIONE AL PROGETTO Caratteristiche di strategicità del progetto Il progetto City Logistic si propone di rivisitare

Dettagli

UNA COOPERATIVA CHE INVESTE NEL PROPRIO FUTURO

UNA COOPERATIVA CHE INVESTE NEL PROPRIO FUTURO IL PIANO STRATEGICO/INDUSTRIALE 2012-2014 UNA COOPERATIVA CHE INVESTE NEL PROPRIO FUTURO L elaborazione del primo Piano Strategico/Industriale di Tecnicoop si inserisce in un progetto complessivo di rinnovamento

Dettagli

La distribuzione territoriale delle tecnologie sanitarie in Lombardia: best practice a confronto

La distribuzione territoriale delle tecnologie sanitarie in Lombardia: best practice a confronto La distribuzione territoriale delle tecnologie sanitarie in Lombardia: best practice a confronto. Venerdì 28 Novembre 2014 Ore 8.45 13.15 - Auditorium La LIUC Università Cattaneo è nata dalle imprese per

Dettagli

Il Progetto Efficienza Energetica

Il Progetto Efficienza Energetica Alleanze tra imprese: creare reti e aggregazioni per creare valore aggiunto Il Progetto Efficienza Energetica Ing. Stefano Nicolodi Amministratore unico e partner Enertech Solution S.r.l. Milano, 5 luglio

Dettagli

Eventi Sportivi Sostenibili

Eventi Sportivi Sostenibili Eventi Sportivi Sostenibili Un calendario di eventi sportivi UISP Emilia Romagna certificati Eventi Sostenibili ICEA & La prima linea guida per organizzare eventi sostenibili suddivisa per disciplina sportiva

Dettagli

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE. Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE. Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010 Sviluppo di capacità di gestione integrata per un azione locale efficace nella lotta ai cambiamenti climatici SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010 Il piano di azione

Dettagli