Indice. Introduzione di Marco Mezzadri PARTE PRIMA - IL QUADRO COME STRUMENTO. 5 CAPITOLO 1 - Dal Progetto Lingue Moderne al Quadro Comune Europeo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Introduzione di Marco Mezzadri PARTE PRIMA - IL QUADRO COME STRUMENTO. 5 CAPITOLO 1 - Dal Progetto Lingue Moderne al Quadro Comune Europeo"

Transcript

1 01 Impaginato :57 Pagina v XI Introduzione di Marco Mezzadri PARTE PRIMA - IL QUADRO COME STRUMENTO DI POLITICA LINGUISTICA 5 CAPITOLO 1 - Dal Progetto Lingue Moderne al Quadro Comune Europeo di Patrizia Mazzotta (Università di Bari) Le linee essenziali del Progetto Lingue Moderne Gli assi portanti del Quadro Comune Europeo Elementi di continuità e di evoluzione 18 Riferimenti bibliografici 21 CAPITOLO 2 - Dal Quadro di Riferimento al Piano d Azione e al Quadro Strategico per il Multilinguismo: linee di politica linguistica europea del prossimo decennio di Paolo E. Balboni (Università Ca Foscari di Venezia) 21 Premessa Il Piano d Azione del Le linee strategiche, p Migliorare l insegnamento delle lingue, p Azioni proposte per il , p Una valutazione critica, p I nuovi programmi europei

2 01 Impaginato :57 Pagina vi VI Il documento per il prossimo decennio: Quadro strategico per il Multilinguismo Dal Quadro di Riferimento al Piano d Azione al Quadro Strategico 41 Riferimenti bibliografici 41 Livelli Soglia finora pubblicati 43 CAPITOLO 3 - Il Quadro e la gestione della qualità di Marco Mezzadri (Università di Parma) 43 Introduzione Inquadrare il Quadro Valori di civiltà e valori di qualità Il modello educativo proposto dal Quadro Verso una definizione di qualità Il Quadro per una didattica di qualità Conclusione 57 Riferimenti bibliografici 60 CAPITOLO 4 - Gli Standards for Foreign Language Learning negli USA e il Quadro Comune Europeo di Roberto Dolci (Università Ca Foscari di Venezia) 60 Introduzione Gli Standards e la politica educativa USA Gli SFLL e la politica linguistica degli USA La politica linguistica interna, p L insegnamento delle lingue straniere negli USA. Le lingue verso l esterno, p Gli Standards for Language Learning La valutazione attraverso gli SFLL, p I National Standards e il Quadro Comune Europeo di Riferimento Conclusioni 80 Riferimenti bibliografici PARTE SECONDA: IL QUADRO COME STRUMENTO GLOTTODIDATTICO 85 CAPITOLO 5 - Che cosa offre il Quadro all insegnante? di J.L.M. Trim 108 Riferimenti bibliografici

3 01 Impaginato :57 Pagina vii VII 109 CAPITOLO 6 - Il Quadro e la riforma dei curricoli di Gé Stoks (Alta Scuola Pedagogica di Locarno) 109 Premessa Il Quadro e l apprendimento linguistico a scuola Le decisioni sono prese a livelli diversi Per iniziare: un approccio orientato all azione L analisi delle categorie del Quadro I livelli La valutazione I descrittori del Quadro e il Portfolio Il coordinamento dell apprendimento linguistico a scuola: lo sviluppo della competenza plurilingue Conclusione 118 Riferimenti bibliografici 120 CAPITOLO 7 - Il testo nel Quadro Comune Europeo per le Lingue di Massimo Vedovelli (Università per Stranieri di Siena) Obiettivi La centralità del testo nel Quadro Il ruolo del testo nel Quadro, p La gestione della testualità nel rinnovamento metodologico degli anni Settanta: il testo «autentico», p Dal testo autentico al testo nel Quadro Tipi e generi testuali, p Criteri di selezione dei testi a fini didattici, p Conclusioni: la proposta del Quadro sul testo e l italiano L2 141 Riferimenti bibliografici 143 CAPITOLO 8 - Il Quadro e gli scenari curricolari: la proposta CLIL di Carmel M. Coonan (Università Ca Foscari di Venezia) Il curriculum della scuola e CLIL Il curriculum di educazione linguistica e CLIL Il curriculum di lingua (straniera) e CLIL Il curriculum CLIL Sintesi 164 Riferimenti bibliografici

4 01 Impaginato :57 Pagina viii VIII 166 CAPITOLO 9 - Il Quadro e lo sviluppo di una prospettiva interculturale di Barbara Spinelli (Columbia University - New York) 166 Introduzione Multicultura, pluricultura e intercultura in contesto europeo La dimensione culturale e il Quadro Personalità pluriculturale: un percorso formativo, p Intercultura e modelli di riferimento Modello Byram, p Modello Beacco, p Modello Balboni, p Proposta Starkey, p Una didattica interculturale Conclusione 189 Riferimenti bibliografici 193 CAPITOLO 10 - Il compito nel Quadro Comune Europeo di Daniela Zorzi (Università di Bologna) Problemi di definizione Compiti comunicativi Complessità e difficoltà del compito La gestione del compito 203 Riferimenti bibliografici 206 CAPITOLO 11 - Le competenze generali nel Quadro di Mario Cardona (Università di Bari) 206 Introduzione Il sapere («declarative knowledge») La conoscenza del mondo, p Le conoscenze socioculturali, p La competenza interculturale, p Il saper fare («skills and know-how») Il saper essere («existential competence») Conclusioni 219 Riferimenti bibliografici 220 CAPITOLO 12 - Il Quadro e la valutazione di Giuliana Grego Bolli (CVCL dell Università per Stranieri di Perugia) 220 Premessa 221 Introduzione Il Consiglio d Europa

5 01 Impaginato :57 Pagina ix IX Ruolo e funzione, p Il Consiglio d Europa e lo sviluppo di approcci all insegnamento linguistico, p Il Quadro Comune Europeo di riferimento per le Lingue: apprendimento, insegnamento valutazione, p Il Quadro e la valutazione Premessa, p Il Capitolo 9. «Valutazione»: i limiti, p Il Capitolo 9: la funzionalità ed applicabilità, p Il Quadro e l elaborazione di test ed esami Una prima ricognizione, p Le «test specifications», p Le lacune dei descrittori linguistici del Quadro, p Conclusioni 245 Riferimenti bibliografici

194 9.7 Output comprensibile 9.7.1 L attenzione alla forma, p. 195 9.7.2 Strategie nel parlare,

194 9.7 Output comprensibile 9.7.1 L attenzione alla forma, p. 195 9.7.2 Strategie nel parlare, XI Introduzione 3 Parte I Il contesto 5 Capitolo 1 Nuove esigenze per le lingue straniere 6 1.1 Il cittadino europeo plurilingue 8 1.2 L educazione bilingue 10 1.3 Gli sviluppi nel nuovo millennio 11 1.4

Dettagli

Indice. Introduzione Lingue e tecnologie multimediali e di e-learning nella politica linguistica e nelle realizzazioni operative dell Unione Europea

Indice. Introduzione Lingue e tecnologie multimediali e di e-learning nella politica linguistica e nelle realizzazioni operative dell Unione Europea Borello_i-xviii_1-270 22-02-2007 14:13 Pagina V XI Introduzione Lingue e tecnologie multimediali e di e-learning nella politica linguistica e nelle realizzazioni operative dell Unione Europea 3 PARTE PRIMA

Dettagli

Il termine CLIL è stato lanciato da David Marsh (Finland) e Anne Maljers (Olanda) nel 1994. Il Content and Language Integrated Learning (CLIL) o

Il termine CLIL è stato lanciato da David Marsh (Finland) e Anne Maljers (Olanda) nel 1994. Il Content and Language Integrated Learning (CLIL) o VERSO UN CURRICOLO PLURILINGUE: CLIL - Content and Language Integrated Learning, a cura di Stefania Cinzia Scozzonava Piano Pluriennale Poseidon febbraio 2009 CLIL: contesto generale Il termine CLIL è

Dettagli

Atti del 1 Convegno della DILLE

Atti del 1 Convegno della DILLE Atti del 1 Convegno della DILLE Società Italiana di Didattica delle Lingue e Linguistica Educativa Le lingue dell educazione in un mondo senza frontiere Urbino, February 2009 Atti del 1 Convegno della

Dettagli

PON Lingua letteratura e cultura in una dimensione europea: Lingue straniere corsi brevi Guida all attuazione

PON Lingua letteratura e cultura in una dimensione europea: Lingue straniere corsi brevi Guida all attuazione PON Lingua letteratura e cultura in una dimensione europea: Lingue straniere corsi brevi Guida all attuazione Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione

Dettagli

LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO

LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO I N D I C E LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO Capitolo 1: La dimensione sociale nell infanzia 1. Quadro teorico

Dettagli

Quadro comune europeo di riferimento per le lingue. Apprendimento, insegnamento, valutazione

Quadro comune europeo di riferimento per le lingue. Apprendimento, insegnamento, valutazione Quadro comune europeo di riferimento per le lingue Apprendimento, insegnamento, valutazione I concetti chiave Storia del Quadro di riferimento europeo Le competenze di chi usa e apprende la lingua I livelli

Dettagli

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue Centro Territoriale Intercultura, CTI 3 Chiari CIS - Centro di Italiano per Stranieri - Università degli Studi di Bergamo Insegnare nella classe plurilingue: stesura di un sillabo delle competenze in Italiano

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI LANCIOTTI MARTA

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI LANCIOTTI MARTA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono E-mail Nazionalità Data di nascita LANCIOTTI MARTA ESPERIENZE LAVORATIVE Date (da a) DA

Dettagli

Migliorare l Efficienza nell Apprendimento Linguistico. VIDEOLEZIONE 8. Studiare in una lingua non nativa: inglese lingua franca, intercomprensione

Migliorare l Efficienza nell Apprendimento Linguistico. VIDEOLEZIONE 8. Studiare in una lingua non nativa: inglese lingua franca, intercomprensione VIDEOLEZIONE 8. Studiare in una lingua non nativa: inglese lingua franca, intercomprensione Paolo E. Balboni, Carmel M. Coonan, Barbara D Annunzio, Marie-Christine Jamet INDICE 1. Schema della lezione

Dettagli

INDICE. Introduzione di Elisabetta Jafrancesco p. 7. 1. Il Quadro comune europeo di riferimento per le lingue p. 13 di Massimo Maggini

INDICE. Introduzione di Elisabetta Jafrancesco p. 7. 1. Il Quadro comune europeo di riferimento per le lingue p. 13 di Massimo Maggini INDICE Introduzione di Elisabetta Jafrancesco p. 7 1. Il Quadro comune europeo di riferimento per le lingue p. 13 di Massimo Maggini 2. Oltre il Quadro comune europeo di riferimento per le lingue p. 23

Dettagli

Testi consigliati per la preparazione dell'esame DITALS di I livello ANNO 2007 1

Testi consigliati per la preparazione dell'esame DITALS di I livello ANNO 2007 1 Testi consigliati per la preparazione dell'esame DITALS di I livello ANNO 2007 1 Per la preparazione all esame DITALS di I livello (e in particolare alla sezione C), è stata selezionata per l anno 2007

Dettagli

Le competenze del docente CLIL e la progettazione di moduli CLIL a cura di Graziano Serragiotto. serragiotto@unive.it Sassari, 12 novembre 2011

Le competenze del docente CLIL e la progettazione di moduli CLIL a cura di Graziano Serragiotto. serragiotto@unive.it Sassari, 12 novembre 2011 Le competenze del docente CLIL e la progettazione di moduli CLIL a cura di Graziano Serragiotto serragiotto@unive.it Sassari, 12 novembre 2011 CLIL Content and Language Integrated Learning Uso veicolare

Dettagli

ATTIVITA E TECNICHE PER L INSEGNAMENTO DELL ITALIANO L2 BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE. 17.05.2014 Piacenza IV Circolo didattico Marta Pioggiosi

ATTIVITA E TECNICHE PER L INSEGNAMENTO DELL ITALIANO L2 BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE. 17.05.2014 Piacenza IV Circolo didattico Marta Pioggiosi ATTIVITA E TECNICHE PER L INSEGNAMENTO DELL ITALIANO L2 BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE 17.05.2014 Piacenza IV Circolo didattico Marta Pioggiosi Ministero dell Istruzione, dell Università e della ricerca, Linee

Dettagli

Scuola di Specializzazione Didattica dell italiano come lingua straniera Programmi dei moduli SECONDO ANNO a.a. 2015 2016

Scuola di Specializzazione Didattica dell italiano come lingua straniera Programmi dei moduli SECONDO ANNO a.a. 2015 2016 Scuola di Specializzazione Didattica dell italiano come lingua straniera Programmi dei moduli SECONDO ANNO a.a. 2015 2016 SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE: L-LIN/01 NUMERO DI CREDITI: 6 AREA: LINGUISTICA

Dettagli

Master universitario di 2 livello in. Anno Accademico 2015/2016

Master universitario di 2 livello in. Anno Accademico 2015/2016 Master universitario di 2 livello in Progettazione avanzata dell'insegnamento della lingua e cultura italiane a stranieri (ITALS 2 livello) Anno Accademico 2015/2016 10 CICLO NOTE E CALENDARIO DIDATTICO

Dettagli

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE Il Centro per la formazione continua e l aggiornamento del personale insegnante cura iniziative

Dettagli

PROGETTAZIONE AVANZATA DELL'INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CULTURA ITALIANE A STRANIERI ITALS 2 LIVELLO II - EDIZIONE X A.A.

PROGETTAZIONE AVANZATA DELL'INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CULTURA ITALIANE A STRANIERI ITALS 2 LIVELLO II - EDIZIONE X A.A. PROGETTAZIONE AVANZATA DELL'INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CULTURA ITALIANE A STRANIERI ITALS 2 LIVELLO II - EDIZIONE X A.A. 2015-2016 Presentazione Il Master ha lo scopo di qualificare sul piano glottodidattico:

Dettagli

Integrazione scolastica degli alunni stranieri: dalle norme al progetto di scuola. I temi. Alunni stranieri a scuola:

Integrazione scolastica degli alunni stranieri: dalle norme al progetto di scuola. I temi. Alunni stranieri a scuola: Integrazione scolastica degli alunni stranieri: dalle norme al progetto di scuola Treviso, 23 maggio2008 Elio Gilberto Bettinelli I temi L integrazione scolastica degli alunni stranieri: dati, tendenze

Dettagli

-Cummins J., L educazione bilingue: ricerca ed ela

-Cummins J., L educazione bilingue: ricerca ed ela Prof. L. TOFFANIN Linguistica -Bencini A., Insegnare l'italiano come lingua seconda, Alienea ed., Firenze, 2001. -Biral M., Indicazioni per l'analisi di testi per l'insegnamento dell'italiano come lingua

Dettagli

Programmare percorsi CLIL a cura di Graziano Serragiotto serragiotto@unive.it CLIL Content and Language Integrated Learning Uso veicolare della lingua straniera Motivazioni glottodidattiche incremento

Dettagli

Le eccellenze degli studenti nelle lingue Roma, 29 novembre 2012

Le eccellenze degli studenti nelle lingue Roma, 29 novembre 2012 Le eccellenze degli studenti nelle lingue Roma, 29 novembre 2012 - Attestato di eccellenza per competenze plurilingui e competenze europee/internazionali La globalizzazione e la continua apertura dell

Dettagli

DITALS: Certificazione in Didattica dell Italiano a Stranieri

DITALS: Certificazione in Didattica dell Italiano a Stranieri DITALS: Certificazione in Didattica dell Italiano a Stranieri 4 35 3 25 2 15 1 5 29 192 121 142 69 64 Candidati esami DITALS 1994-214 5 492 629 336 87 144178293 939 1356 183 1893 21 2475 3838 Dott.ssa

Dettagli

Materiali didattici: Italiano L2

Materiali didattici: Italiano L2 Materiali didattici: Italiano L2 AAVV, 2000, Benvenuti a scuola. 52 schede illustrate e bilingue, Ed. Andrea (3 ed.) (schede francese-italiano, spagnolo-italiano, arabo-italiano, albanese-italiano, serbocroato-italiano).

Dettagli

Corso di Perfezionamento in Didattica delle Lingue Moderne Indirizzo: apprendimento in LS (CLIL) A.A. 2009-2010

Corso di Perfezionamento in Didattica delle Lingue Moderne Indirizzo: apprendimento in LS (CLIL) A.A. 2009-2010 Corso di Perfezionamento in Didattica delle Lingue Moderne Indirizzo: apprendimento in LS (CLIL) A.A. 2009-2010 Dipartimento di Scienze del Linguaggio Università Ca Foscari di Venezia L indirizzo CLIL

Dettagli

I Gruppi di Lavoro. Coordinatore: Angela Benintende (per Rossana Rummo D. G. Biblioteche MiBACT)

I Gruppi di Lavoro. Coordinatore: Angela Benintende (per Rossana Rummo D. G. Biblioteche MiBACT) I Gruppi di Lavoro GRUPPO 1 NUOVE SFIDE E NUOVI STRUMENTI DELLA COMUNICAZIONE LINGUISTICA (apprendimento digitale, cinema, teatro, audiovisivo, ruolo del libro) Angela Benintende (per Rossana Rummo D.

Dettagli

18. Bandini A., Barni M., Sprugnoli L., Vedovelli M. (1998), Quaderni CILS. Livello UNO, livello DUE, livello TRE, livello QUATTRO, Giunti Gruppo

18. Bandini A., Barni M., Sprugnoli L., Vedovelli M. (1998), Quaderni CILS. Livello UNO, livello DUE, livello TRE, livello QUATTRO, Giunti Gruppo BIBLIOGRAFIA CILS 1. AA.VV. (1993), CILS - Certificazione di Italiano come Lingua Straniera, Università per 2. AA.VV. (1994), Certificazioni a confronto. Educazione Permanente, VI, 4-5, luglio - ottobre

Dettagli

INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 2 Grado (Programmi sintetici)

INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 2 Grado (Programmi sintetici) INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 2 Grado (Programmi sintetici) B) Area: METODOLOGIE DIDATTICHE INNOVATIVE PER L INSEGNAMENTO DISCIPLINARE (learning by doing) B1) METODOLOGIA DIDATTICA

Dettagli

Il progetto Cambridge per la Scuola Secondaria di Secondo grado. La Certificazione Internazionale

Il progetto Cambridge per la Scuola Secondaria di Secondo grado. La Certificazione Internazionale Il progetto Cambridge per la Scuola Secondaria di Secondo grado La Certificazione Internazionale Dall anno scolastico 2012 2013, la nostra scuola secondaria di primo e secondo grado è stata riconosciuta

Dettagli

PROFILI DI APPRENDENTI DI ITALIANO L2 E APPROCCI GLOTTODIDATTICI

PROFILI DI APPRENDENTI DI ITALIANO L2 E APPROCCI GLOTTODIDATTICI Università degli Studi di Brescia Centro Linguistico Interfacoltà PROFILI DI APPRENDENTI DI ITALIANO L2 E APPROCCI GLOTTODIDATTICI Silvia Gilardoni Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano 14 febbraio

Dettagli

balboni 1_XIV_101 10-09-2008 15:56 Pagina V Indice Introduzione

balboni 1_XIV_101 10-09-2008 15:56 Pagina V Indice Introduzione balboni 1_XIV_101 10-09-2008 15:56 Pagina V XI Introduzione 3 CAPITOLO 1 Scopo e natura di questo volume 4 1.1 Conoscenze dichiarative e procedurali: approccio, metodo, tecnica 7 1.2 Modelli e schemi per

Dettagli

CATALOGO 2014-2015. Indice dei corsi di formazione individuali. Modalità online

CATALOGO 2014-2015. Indice dei corsi di formazione individuali. Modalità online CATALOGO 2014-2015 Indice dei corsi di formazione individuali Modalità online 1. Progettare il curricolo per competenze 2. Valutare gli apprendimenti. Dalla valutazione alla certificazione delle competenze:

Dettagli

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTRUZIONE TECNICA ECONOMICA: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING, RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

ISIS GIOVANNI PAOLO II MARATEA (PZ) Anno Scolastico 2011 2012. Progetto CLIL

ISIS GIOVANNI PAOLO II MARATEA (PZ) Anno Scolastico 2011 2012. Progetto CLIL ISIS GIOVANNI PAOLO II MARATEA (PZ) Anno Scolastico 2011 2012 Progetto CLIL Tipologia dei destinatari: -Studenti delle classi II III IV - V ISIS Giovanni Paolo II - Maratea -Docenti non linguisti delle

Dettagli

ERICA FRANCHI CURRICULUM VITAE. ERICA FRANCHI, nata ad Arezzo il 26 giugno 1956. Vive fra Arezzo (Misciano) e Firenze, Scandicci.

ERICA FRANCHI CURRICULUM VITAE. ERICA FRANCHI, nata ad Arezzo il 26 giugno 1956. Vive fra Arezzo (Misciano) e Firenze, Scandicci. ERICA FRANCHI CURRICULUM VITAE DATI ANAGRAFICI ERICA FRANCHI, nata ad Arezzo il 26 giugno 1956. Vive fra Arezzo (Misciano) e Firenze, Scandicci. ATTIVITÀ PROFESSIONALE 1976-1982 Varie aziende tessile-abbigliamento

Dettagli

dirigente scolastico Istituto Comprensivo G.Lombardo. Radice Siracusa,dall a.s. 2007-2008

dirigente scolastico Istituto Comprensivo G.Lombardo. Radice Siracusa,dall a.s. 2007-2008 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome FRONTE CARMELA Indirizzo VIA AUGUSTA 52 96100 SIRACUSA Telefono 0931 750646/093168072 cell 368 3123297 Fax

Dettagli

Date Dal 01/09/2006 al 2012

Date Dal 01/09/2006 al 2012 Tipo di attività o settore Educazione formazione, Docente di scuola elementare Lavoro o posizione ricoperti Date Dal 01/09/2006 al 2012 Supervisore di tirocinio Dal settembre 2006 utilizzo di supervisore

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome E-mail MAZZOCATO GRETA magreta27@gmail.com Nazionalità Italiana ESPERIENZA LAVORATIVA IN AMBITO ACCADEMICO

Dettagli

ATTIVITÁ CARATTERIZZANTI IL NOSTRO ISTITUTO

ATTIVITÁ CARATTERIZZANTI IL NOSTRO ISTITUTO ATTIVITÁ CARATTERIZZANTI IL NOSTRO ISTITUTO PROGETTO CONTINUITÀ: Prevede l attivazione di rapporti di collaborazione con le scuole primarie del territorio in cui è situata la scuola, finalizzati alla progettazione

Dettagli

Classe 19 delle lauree in Scienze dell'educazione e della Formazione CORSO DI LAUREA A DISTANZA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE

Classe 19 delle lauree in Scienze dell'educazione e della Formazione CORSO DI LAUREA A DISTANZA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE Università degli Studi di Padova Facoltà di Scienze della Formazione Classe 19 delle lauree in Scienze dell'educazione e della Formazione CORSO DI LAUREA A DISTANZA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

M. Mezzadri, 2015, I nuovi ferri del mestiere, Manuale di glottodidattica, Loescher- Bonacci

M. Mezzadri, 2015, I nuovi ferri del mestiere, Manuale di glottodidattica, Loescher- Bonacci M. Mezzadri, 2015, I nuovi ferri del mestiere, Manuale di glottodidattica, Loescher- Bonacci Capitolo 1 Apprendere e insegnare la lingua straniera nella storia 1.1 Introduzione 1.2 Apprendere e insegnare

Dettagli

PROGETTO LINGUA ITALIANA DANTE ALIGHIERI www.plida.it

PROGETTO LINGUA ITALIANA DANTE ALIGHIERI www.plida.it PROGETTO LINGUA ITALIANA DANTE ALIGHIERI www.plida.it Certifica il tuo italiano con il PLIDA Il certificato PLIDA della Società Dante Alighieri attesta la competenza in italiano come lingua straniera.

Dettagli

Università di Sassari:

Università di Sassari: Università di Sassari: Curriculum Vitae Europass ATTUALMENTE 1 IN GRADUATORIA PER INCARICHI ESTERNI (UNISS CLA DI SS), SELEZIONE TITOLI/COLLOQUIO BANDO N. xxx luglio 2012, 2 CEL. N.B. SI EVIDENZIANO I

Dettagli

Bisogni e azioni Progetto StarT 23/03/2010

Bisogni e azioni Progetto StarT 23/03/2010 1 accoglienza 2 accoglienza L2 Uniformazione delle procedure di accoglienza Formazione docenti per la gestione delle classi multiculturali Coinvolgimento genitori italiani per evitare la fuga degli italiani

Dettagli

Una strategia europea per l apprendimento delle lingue e delle discipline

Una strategia europea per l apprendimento delle lingue e delle discipline Una strategia europea per l apprendimento delle lingue e delle discipline Verona 9 Febbraio 2015 Paola Capaccioli Definizione di CLIL Una breve biografia Qualche criticità Il CLIL in EUROPA Il CLIL in

Dettagli

Allegato 1 (circolare MIUR AOODRLO R.U. prot.n.3424 del 05 /03/2010)

Allegato 1 (circolare MIUR AOODRLO R.U. prot.n.3424 del 05 /03/2010) Ufficio Scolastico per la Lombardia Area Multilinguismo e Internazionalizzazione Allegato 1 (circolare MIUR AOODRLO R.U. prot.n.3424 del 05 /03/2010) MIUR USR per la Lombardia Area Multilinguismo e Internazionalizzazione

Dettagli

Firenze, 21 settembre 2012 Delibera n. 5/2012

Firenze, 21 settembre 2012 Delibera n. 5/2012 Firenze, 21 settembre 212 Delibera n. 5/212 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO VISTI i DD.PP.RR. attuativi della Riforma della Scuola Secondaria di secondo grado nn. 88/21 e 89/21 che prevedono l insegnamento

Dettagli

Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale A.A. 2012/2013 (Legge 19/11/1990 n. 341 art. 6, co. 2, lett. C)

Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale A.A. 2012/2013 (Legge 19/11/1990 n. 341 art. 6, co. 2, lett. C) CorsoannualediPerfezionamentoediAggiornamentoProfessionaleA.A.2012/2013 (Legge19/11/1990n.341 art.6,co.2,lett.c) inconvenzioneconl IPSEFSrlEnteaccreditatoalMIURperla FormazionealPersonaledellaScuola in

Dettagli

MASTER DI DURATA ANNUALE (1500 ore 60 CFU) (D.M. n. 509 del 3 novembre 1999 e D.M.n. 270 del 22 ottobre 2004)

MASTER DI DURATA ANNUALE (1500 ore 60 CFU) (D.M. n. 509 del 3 novembre 1999 e D.M.n. 270 del 22 ottobre 2004) MASTER DI DURATA ANNUALE (1500 ore 60 CFU) (D.M. n. 509 del 3 novembre 1999 e D.M.n. 270 del 22 ottobre 2004) in: La progettazione didattica di sistema e d aula: sintesi ologrammatica di saperi per la

Dettagli

Indicazioni nazionali per il curricolo

Indicazioni nazionali per il curricolo Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione a cura di Valentina Urgu per l I.C. Monastir L ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO Indicazioni quadro di riferimento

Dettagli

Antonio Benetti Dirigente Scolastico

Antonio Benetti Dirigente Scolastico EDUCATION DEPARTMENT CONSULATE GENERAL OF ITALY NEW YORK Professional Development Workshop Antonio Benetti Dirigente Scolastico "L'Italia di oggi e la sua cultura: uso di materiali autentici e nuove tecnologie

Dettagli

Introduzione e modello EAS

Introduzione e modello EAS Nr. modulo Titolo modulo formativo Descrizione argomenti trattati Competenze professionali in uscita 1 CORSO BASE PER 20 PERSONE DI 10 Lavorare con gli Episodi di Apprendimento Situato in classe. Progettazione,

Dettagli

Piano Trentino Trilingue a.s. 2015-16 Incontri di presentazione ai genitori 3 4 giugno 2015. Istituto comprensivo Tione

Piano Trentino Trilingue a.s. 2015-16 Incontri di presentazione ai genitori 3 4 giugno 2015. Istituto comprensivo Tione Piano Trentino Trilingue a.s. 2015-16 Incontri di presentazione ai genitori 3 4 giugno 2015 Istituto comprensivo Tione DGP 2055 del 29 novembre 2014 Piano Trentino Trilingue V. Allegato 1 DGP 2055 V. Allegato

Dettagli

MASTER CLIL 2011 Università degli studi di Genova Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

MASTER CLIL 2011 Università degli studi di Genova Facoltà di Lingue e Letterature Straniere MASTER CLIL 2011 Università degli studi di Genova Facoltà di Lingue e Letterature Straniere FINALITA E DESTINATARI DEL CORSO. Il master in metodologia CLIL ha lo scopo di creare specifiche competenze nell

Dettagli

in rapporto con le competenze chiave di cittadinanza

in rapporto con le competenze chiave di cittadinanza in rapporto con le competenze chiave di cittadinanza 1 Componenti dell Asse dei linguaggi Padronanza della lingua italiana come ricezione e produzione, orale e scritta Conoscenza di almeno una lingua straniera

Dettagli

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo classico Il percorso del liceo classico è indirizzato allo studio della civiltà classica e della

Dettagli

BONUS 500 EURO: LE PROPOSTE DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA

BONUS 500 EURO: LE PROPOSTE DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA BONUS 500 EURO: LE PROPOSTE DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA PROPOSTE PER I DOCENTI CENTRO DITALS (Centro per la Certificazione per la Didattica dell Italiano a Stranieri) a. Corso in presenza +

Dettagli

Benvenuti studenti! Istituto di Istruzione Superiore Telesi@ di Telese Terme Indirizzo Liceo Linguistico

Benvenuti studenti! Istituto di Istruzione Superiore Telesi@ di Telese Terme Indirizzo Liceo Linguistico Benvenuti studenti! Istituto di Istruzione Superiore Telesi@ di Telese Terme Indirizzo Liceo Linguistico Il Liceo Linguistico Telesi@ è caratterizzato dalla presenza delle tre lingue straniere, spagnolo,

Dettagli

DOTAZIONE DI PERSONALE IN FORZA AL PRECEDENTE GESTORE (dati forniti dall attuale appaltatore) CCNL Cooperative Sociali livello C3 part time 20 ore

DOTAZIONE DI PERSONALE IN FORZA AL PRECEDENTE GESTORE (dati forniti dall attuale appaltatore) CCNL Cooperative Sociali livello C3 part time 20 ore Comune di Prato Appalto, mediante procedura aperta per l affidamento di attività di facilitazione linguistica, didattica inclusiva e mediazione -culturale da realizzarsi nelle scuole del primo ciclo dell

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola

CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola Prof. ssa Maria Vittoria Isidori Titolare dell insegnamento di didattica generale e pedagogia

Dettagli

LICEO CLASSICO INTERNAziONALe. Enrico Medi Villafranca (Verona)

LICEO CLASSICO INTERNAziONALe. Enrico Medi Villafranca (Verona) LICEO CLASSICO INTERNAziONALe Enrico Medi Villafranca (Verona) LA NOSTRA IDEA DI STUDENTE Il Liceo Classico, in quanto indirizzato allo studio della civiltà classica e della cultura umanistica, porta ad

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca. - Istituzione scolastica : I I.C. "PIRANDELLO" CARLENTINI (SRIC823006)

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca. - Istituzione scolastica : I I.C. PIRANDELLO CARLENTINI (SRIC823006) CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di Nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale FRANCESCA AMORE 11/05/1962 Dirigente Scolastico Ministero dell'istruzione, dell'università e della

Dettagli

IL POLO DI BOLOGNA EMILIA ROMAGNA Progetto I lincei per una nuova didattica nella scuola: una rete nazionale

IL POLO DI BOLOGNA EMILIA ROMAGNA Progetto I lincei per una nuova didattica nella scuola: una rete nazionale IL POLO DI BOLOGNA EMILIA ROMAGNA Progetto I lincei per una nuova didattica nella scuola: una rete nazionale RISULTATI E PROSPETTIVE Antonio Danieli Direttore Generale Fondazione Golinelli GLI ATTORI Promotori

Dettagli

CORSO IN METODOLOGIA CLIL INGLESE - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

CORSO IN METODOLOGIA CLIL INGLESE - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO FORMAZIONE TRILINGUISMO CORSO IN METODOLOGIA CLIL INGLESE - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Iniziativa riservata a insegnanti di disciplina non linguistica (DNL) individuati dai Dirigenti Scolastici Riferimento

Dettagli

Membro comitato di valutazione del proprio Istituto scolastico.

Membro comitato di valutazione del proprio Istituto scolastico. 1998/1999 Membro comitato di valutazione del proprio Istituto scolastico. Valutazione di docenti al termine del loro anno di prova Settore servizi per l Istruzione e la formazione 2014 Conduzione di uno

Dettagli

PATERNA EMANUELA emanuela.paterna@unito.it

PATERNA EMANUELA emanuela.paterna@unito.it CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PATERNA EMANUELA emanuela.paterna@unito.it ESPERIENZA LAVORATIVA DOCENZA DI ITALIANO L2 Settembre 2015 in corso Insegnamento dell italiano come lingua straniera

Dettagli

Istituto d Istruzione Secondaria Superiore. Valceresio. Istituto Istruzione Secondaria Superiore "Valceresio" - Bisuschio (VA)

Istituto d Istruzione Secondaria Superiore. Valceresio. Istituto Istruzione Secondaria Superiore Valceresio - Bisuschio (VA) Istituto d Istruzione Secondaria Superiore Valceresio I nostri percorsi di studio: Liceo: - Liceo Scientifico - Liceo delle Scienze Umane Istituto Tecnico Settore Economico: 1. Amministrazione, Finanza

Dettagli

Competenze trasversali a scuola

Competenze trasversali a scuola Competenze trasversali a scuola Trasferibilità della sperimentazione di Scuola-Città Pestalozzi a cura di Paolo Orefice, Stefano Dogliani, Giovanna Del Gobbo Edizioni ETS www.edizioniets.com Copyright

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca. - Istituzione scolastica : D.D. F.MORDANI (RAEE002009)

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca. - Istituzione scolastica : D.D. F.MORDANI (RAEE002009) CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di Nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale RITA LUGARESI 15/08/1958 Dirigente Scolastico Ministero dell'istruzione, dell'università e della

Dettagli

Il Liceo delle Scienze Umane si rivolge ai giovani interessati ad un percorso di studio prevalentemente umanistico e, nel contempo, moderno.

Il Liceo delle Scienze Umane si rivolge ai giovani interessati ad un percorso di studio prevalentemente umanistico e, nel contempo, moderno. Il Liceo delle Scienze Umane si rivolge ai giovani interessati ad un percorso di studio prevalentemente umanistico e, nel contempo, moderno. Approfondisce la cultura dal punto di vista della conoscenza

Dettagli

Il progetto. Di che cosa si tratta? Contesto culturale Obiettivi Destinatari. Come si svolge la formazione? Come è articolata l offerta formativa?

Il progetto. Di che cosa si tratta? Contesto culturale Obiettivi Destinatari. Come si svolge la formazione? Come è articolata l offerta formativa? Il progetto Il progetto Di che cosa si tratta? Contesto culturale Obiettivi Destinatari 1 2 Come si svolge la formazione? Come è articolata l offerta formativa? 5 4 Chi ha progettato il corso? 3 Perché

Dettagli

Tipo incarico : Effettivo dal 01/09/2011 al 31/08/2014 L249: LAUREA IN LETTERE. conseguito il 01/01/1978 con la votazione di 110/110 con LODE/110

Tipo incarico : Effettivo dal 01/09/2011 al 31/08/2014 L249: LAUREA IN LETTERE. conseguito il 01/01/1978 con la votazione di 110/110 con LODE/110 CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome DANIELA GIOVANNINI Data di Nascita 03/07/1955 Qualifica Dirigente Scolastico Amministrazione Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Incarico

Dettagli

Testi consigliati per la preparazione dell'esame DITALS di II livello ANNO 2007

Testi consigliati per la preparazione dell'esame DITALS di II livello ANNO 2007 Testi consigliati per la preparazione dell'esame DITALS di II livello ANNO 2007 Per la preparazione all esame DITALS di II livello (e in particolare alla sezione C), è stata selezionata anche per l anno

Dettagli

MODULI DI FORMAZIONE A DISTANZA DEAL

MODULI DI FORMAZIONE A DISTANZA DEAL Progetto DEAL Università Ca Foscari Venezia MODULI DI FORMAZIONE A DISTANZA DEAL (Dislessia Evolutiva e Apprendimento delle Lingue) Sessione ottobre - dicembre 2014 Ottobre dicembre 2014 - Modulo A: Creazione

Dettagli

Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (1500 ore 60 CFU) (Legge 19/11/1990 n. 341- art. 6, co. 2, lett.

Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (1500 ore 60 CFU) (Legge 19/11/1990 n. 341- art. 6, co. 2, lett. Libera Università degli Studi San Pio V di Roma Anno Accademico 2009/2010 Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (1500 ore 60 CFU) (Legge 19/11/1990 n. 341- art. 6, co. 2, lett.

Dettagli

SEMINARIO PEDAGOGICO ITC DELL OLIO BISCEGLIE 12-04-2011

SEMINARIO PEDAGOGICO ITC DELL OLIO BISCEGLIE 12-04-2011 SEMINARIO PEDAGOGICO ITC DELL OLIO BISCEGLIE 12-04-2011 IN COLLABORAZIONE CON ACRONIMI CLIL Content and Language Integrated Learning ALI Apprendimento Linguistico Integrato EMILE: Enseignement de Matières

Dettagli

IL PORTFOLIO EUROPEO DELLE LINGUE. Mónica Sandra Lista Rodríguez

IL PORTFOLIO EUROPEO DELLE LINGUE. Mónica Sandra Lista Rodríguez IL PORTFOLIO EUROPEO DELLE LINGUE Mónica Sandra Lista Rodríguez COME NASCE E SI SVILUPPA IL PEL Nel contesto europeo, l insegnamento/apprendimento delle lingue straniere ha lo scopo di far acquisire agli

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE POLO TECNICO DI ADRIA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE POLO TECNICO DI ADRIA Comma 1 (finalità della legge): affermare il ruolo centrale della scuola nella societa della conoscenza innalzare i livelli di istruzione e le competenze delle studentesse e degli studenti, rispettandone

Dettagli

Prospettive e modelli per la qualità nell insegnamento della lingua italiana come L2 e LS. Intervista a P.E. Balboni.

Prospettive e modelli per la qualità nell insegnamento della lingua italiana come L2 e LS. Intervista a P.E. Balboni. Prospettive e modelli per la qualità nell insegnamento della lingua italiana come L2 e LS. Intervista a P.E. Balboni. di Giuseppe Maugeri ABSTRACT Nell intervista che qui di seguito vi proponiamo, Paolo

Dettagli

Prot. n. 6408/C23 Viareggio 13 novembre 2015

Prot. n. 6408/C23 Viareggio 13 novembre 2015 Prot. n. 6408/C23 Viareggio 13 novembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

CONVENZIONE tra UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL MOLISE. Centro Linguistico di Ateneo (Centro di servizi per la didattica e la ricerca)

CONVENZIONE tra UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL MOLISE. Centro Linguistico di Ateneo (Centro di servizi per la didattica e la ricerca) CONVENZIONE tra UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL MOLISE Centro Linguistico di Ateneo (Centro di servizi per la didattica e la ricerca) e SOCIETA DANTE ALIGHIERI Comitato di Campobasso VISTA la legge 9 maggio

Dettagli

(accordo/convenzione) (breve sintesi del contenuto) (eventuale spesa prevista) (scadenza accordo) (riportare il titolo )

(accordo/convenzione) (breve sintesi del contenuto) (eventuale spesa prevista) (scadenza accordo) (riportare il titolo ) Nro protocollo e data (accordo/convenzione) (breve sintesi del contenuto) (eventuale spesa prevista) (scadenza accordo) (riportare il titolo ) rep atti 2988 del 07/12/2012 convenzione tra INDIRE e Università

Dettagli

LINGUE COMUNITARIE IMPARARE LE LINGUE A SCUOLA ORA SI PUÒ. Paola Traverso

LINGUE COMUNITARIE IMPARARE LE LINGUE A SCUOLA ORA SI PUÒ. Paola Traverso LINGUE COMUNITARIE Paola Traverso IMPARARE LE LINGUE A SCUOLA ORA SI PUÒ Competenza plurilingue e pluriculturale Nelle Indicazioni 2012 molti sono gli aspetti innovativi che riguardano le lingue comunitarie.

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER TUTOR DELL ALTERNANZA SCUOLA LAVORO (e IFS)

CORSO DI FORMAZIONE PER TUTOR DELL ALTERNANZA SCUOLA LAVORO (e IFS) UST VARESE Scuola Polo Alternanza ITE E. Tosi CORSO DI FORMAZIONE PER TUTOR DELL ALTERNANZA SCUOLA LAVORO (e IFS) Il curricolo in alternanza (e IFS) per formare giovani competenti (degni di scoprire il

Dettagli

- luglio 2004: diploma Master Itals (Master universitario in didattica della lingua e cultura italiane a stranieri - durata: 2 anni).

- luglio 2004: diploma Master Itals (Master universitario in didattica della lingua e cultura italiane a stranieri - durata: 2 anni). Cv Novello Alberta ESPERIENZE SCOLASTICHE: - 28/06/2002: laurea quadriennale in Inglese presso la facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell Università Ca Foscari di Venezia con indirizzo linguistico

Dettagli

AREA RICERCA. Scheda Docente. SSD: L- LIN/02 Didattica delle Lingue Moderne

AREA RICERCA. Scheda Docente. SSD: L- LIN/02 Didattica delle Lingue Moderne DIPARTIMENTO DI LETTERE LINGUE ARTI. Italianistica e Culture Comparate AREA RICERCA Scheda Docente CARDONA Mario Professore Associato SSD: L- LIN/02 Didattica delle Lingue Moderne Ambiti di ricerca - Metodologia

Dettagli

Un nostro studente va a studiare all estero Che fare? Il progetto educativo di Intercultura e del Liceo Democrito

Un nostro studente va a studiare all estero Che fare? Il progetto educativo di Intercultura e del Liceo Democrito Web event 25 ottobre 2011 «Intercultura un anno di studio all estero» Programmi di programmi di mobilità studentesca internazionale. Un nostro studente va a studiare all estero Che fare? Il progetto educativo

Dettagli

Modulo integrativo per la sezione D dell esame Certificazione DITALS II Livello

Modulo integrativo per la sezione D dell esame Certificazione DITALS II Livello Modulo integrativo per la sezione D dell esame Certificazione DITALS II Livello Il Modulo si rivolge ai Candidati della Certificazione DITALS di II Livello che: siano già in possesso della Certificazione

Dettagli

RELAZIONE RIASSUNTIVA. La Commissione giudicatrice della suddetta procedura di chiamata, nominata con D.R. n. 124 del 21.05.2015, composta dai:

RELAZIONE RIASSUNTIVA. La Commissione giudicatrice della suddetta procedura di chiamata, nominata con D.R. n. 124 del 21.05.2015, composta dai: PROCEDURA DI CHIAMATA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI PROFESSORE UNIVERSITARIO DI RUOLO DI PRIMA FASCIA, RISERVATA AI SENSI DELL ART. 18, COMMI 1 E 4 DELLA LEGGE 240/2010, AL PERSONALE ESTERNO CHE NELL

Dettagli

ERICA FRANCHI CURRICULUM VITAE

ERICA FRANCHI CURRICULUM VITAE ERICA FRANCHI CURRICULUM VITAE DA T I A N A G R A F IC I E DI RIFERIMENTO ERICA FRANCHI, nata ad Arezzo il 26 giugno 1956 e.franchi@comune.scandicci.fi.it AT T I V I T À P R O F E S S I O N AL E 1976-1982

Dettagli

Convegno nazionale. Sanremo: 5 7 maggio 2005. Grand Hotel de Londres Corso Matuzia, 2 18038 Sanremo (IM)

Convegno nazionale. Sanremo: 5 7 maggio 2005. Grand Hotel de Londres Corso Matuzia, 2 18038 Sanremo (IM) T A N I L S Associazione Nazionale Insegnanti Lingue Straniere Fondata a Roma nel 1949 Convegno nazionale Sanremo: 5 7 maggio 2005 Grand Hotel de Londres Corso Matuzia, 2 18038 Sanremo (IM) Saremo pronti

Dettagli

Tavola rotonda Le competenze e la didattica laboratoriale dalla Scuola di base all Università: esempi di orientamento formativo.

Tavola rotonda Le competenze e la didattica laboratoriale dalla Scuola di base all Università: esempi di orientamento formativo. SCUOLA ESTIVA DI RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA CHIMICA ULDERICO SEGRE Ferrara 15 luglio 2010 Riflettere sulle conoscenze per favorire un apprendimento significativo Tavola rotonda Le competenze e la didattica

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) MATERIA: TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Relazione Internazionale per il Marketing Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Dettagli

DIRIGENZA E MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

DIRIGENZA E MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE ANNO ACCADEMICO 2008/2009 MASTER ANNUALE II LIVELLO per il concorso di Dirigente Scolastico DIRIGENZA E MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE TITOLO Dirigenza e Management delle Istituzioni Scolastiche

Dettagli

Lecce, 1 ottobre 2015 Prot.n. 4279/C24

Lecce, 1 ottobre 2015 Prot.n. 4279/C24 Lecce, 1 ottobre 2015 Prot.n. 4279/C24 Al Collegio dei Docenti e p.c. al Consiglio d Istituto ai Genitori agli Studenti al Personale ATA all ALBO DI ISTITUTO SEDI LECCE E SQUINZANO Oggetto: Atto di Indirizzo

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione di Marco Mancini... Parte Prima IL QUADRO ISTITUZIONALE. Capitolo I PREFAZIONE

INDICE SOMMARIO. Presentazione di Marco Mancini... Parte Prima IL QUADRO ISTITUZIONALE. Capitolo I PREFAZIONE INDICE SOMMARIO Presentazione di Marco Mancini... VII Parte Prima IL QUADRO ISTITUZIONALE Capitolo I PREFAZIONE Forme e contenuto dell Università fra storia e filologia... Pag. 10 Capitolo II IL PROCESSO

Dettagli

Il supporto metodologico dell Università Ca Foscari di Venezia. Marcella Menegale Università Ca Foscari - Venezia

Il supporto metodologico dell Università Ca Foscari di Venezia. Marcella Menegale Università Ca Foscari - Venezia Il supporto metodologico dell Università Ca Foscari di Venezia Marcella Menegale Università Ca Foscari - Venezia Il Progetto Interregionale CLIL promosso dagli Uffici Scolastici Regionali di Emilia Romagna

Dettagli

MASTER di I Livello. Metodologie e tecniche didattiche per le lingue e civiltà straniere. 2ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA435

MASTER di I Livello. Metodologie e tecniche didattiche per le lingue e civiltà straniere. 2ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA435 MASTER di I Livello 2ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA435 Pagina 1/5 Titolo Edizione 2ª EDIZIONE Area SCUOLA Categoria MASTER Livello I Livello Anno accademico 2015/2016 Durata Durata

Dettagli

Ciclo di studio con diploma per docenti di scuola specializzata superiore a titolo principale (DSS)

Ciclo di studio con diploma per docenti di scuola specializzata superiore a titolo principale (DSS) Ciclo di studio con diploma per docenti di scuola specializzata superiore a titolo principale (DSS) Descrizione dei moduli Moduli Modulo 1 Progettare, realizzare e valutare un unità di formazione Modulo

Dettagli

LICEO CLASSICO CAMBRIDGE INTERNATIONAL IGCSE

LICEO CLASSICO CAMBRIDGE INTERNATIONAL IGCSE LICEO CLASSICO CAMBRIDGE INTERNATIONAL IGCSE Il liceo classico Enrico Medi di Villafranca, dall anno scolastico 2015-2016, è una Cambridge International School, in cui è possibile conseguire le certificazioni

Dettagli