Test diagnostici di funzionalità renale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Test diagnostici di funzionalità renale"

Transcript

1 Test diagnostici di funzionalità renale Diagnostica biochimico-clinica clinica Lezione 5

2 Il rene Il rene presiede importanti funzioni che comprendono il mantenimento e la regolazione del bilancio idrico, dell equilibrio acido/base ed elettrolitico (sodio, potassio, cloro, bicarbonato, calcio, fosfato e magnesio) e l escrezione di cataboliti.

3 Il rene Le funzioni principali del rene sono: Escrezione di sostanze di scarto mediante la produzione delle urine, con eliminazione di prodotti idrosolubili del catabolismo e detossificazione (soprattutto prodotti azotati e creatinina) Trasformazione della vitamina D nel suo metabolita biologicamente attivo, la vitamina D3 (1,25-diidrossicolecalciferolo o calcitriolo) Regolazione dell acqua, degli elettroliti e del bilancio osmolare Regolazione del volume, della pressione e del ph del sangue Riassorbimento di glucosio, aminoacidi e proteine Produzione di ormoni (e.g. renina ed eritropoietina) Funzione metabolica (gluconeogenesi, fino al 10%)

4 Localizzazione dei reni I reni sono localizzati nella cavità addominale ai lati delle ultime vertebre toraciche e delle prime lombari.

5 Il rene: anatomia Nel rene si distinguono una faccia anteriore convessa, una faccia posteriore pianeggiante, un polo superiore arrotondato, un polo inferiore piùappuntito, un margine laterale convesso e un margine mediale. Nel margine mediale è presente una profonda fessura verticale, detta ILO renale, da cui entrano ed escono i vasi renali (arteria e vena) e da cui parte l uretere, che porta l urina in vescica. estremità superiore margine mediale margine laterale ilo arteria renale vena renale estremità inferiore uretere

6 Il rene: anatomia Il parenchima del rene è costituito da una sostanza midollare profonda disposta vicino al seno renale e una sostanza corticalepiùsuperficiale. Nella corticale vi è una porzione radiata, a contatto con la base delle piramidi ed una convoluta, più superficiale, sede dei corpuscoli renali di Malpighie dei tubuli contorti. La midollare, posta in profondità nell'organo e presso il suo ilo, ècostituita dalle piramidi renali.

7 L unità funzionale del rene: il nefrone L unità funzionale del rene è il nefrone, dove avviene la trasformazione del filtrato glomerulare in urina. I nefroni occupano la parte corticale e la parte midollare del rene, e ogni coppia di reni ne contiene circa un milione. Il nefrone è composto dal glomerulo che produce il filtrato glomerulare e dal tubulo renale che converte il filtrato in urina.

8

9 Il glomerulo di Malpighi Il glomerulo è un gomitolo di capillari (rete mirabile arteriosa) che costituisce la porzione vascolare del corpuscolo renale di Malpighi, localizzato nella regione corticale del rene e racchiuso nella capsula di Bowman; i podociti sono cellule della capsula che entrano in contatto diretto con i capillari glomerulari, offrendo un ampia superficie per la filtrazione. I capillari sono interposti tra due arteriole, l'afferente e l'efferente.

10 Il tubulo renale Il tubulo renale, dove avvengono le fasi di riassorbimento e secrezione, è suddiviso in: tubulo contorto prossimale ansa di Henle tubulo contorto distale

11 Tubulo contorto prossimale Le cellule del tubulo contorto prossimale sono hanno forma cuboidale e sono chiamate cellule con bordo a spazzola Lume Spazio interstiziale Membrana luminale Funzione: alta permeabilità all acqua e ai soluti

12 Tratto sottile discendente dell ansa di Henle Le cellule del tratto sottile dell ansa di Henle sono piuttosto schiacciate, non possiedono i microvilli. Lume Membrana basolaterale Spazio interstiziale Membrana luminale Funzione: alta permeabilità all acqua ma non ai soluti

13 Tratto sottile ascendente dell ansa di Henle Le cellule del tratto ascendente possiedono un epitelio cuboidale simile al tubulo contorto prossimale Lume Spazio interstiziale Membrana basolaterale Funzione: alta permeabilità ai soluti (specie sodio) ma non all acqua

14 Dotto collettore corticale Il primo tratto del dotto collettore è formato da due tipi di cellule differenti per morfologia e funzione: le cellule principali e le cellule intercalari Cellule intercalari Lume Cellule principali Spazio interstiziale Funzione: Lume Cellule principali: alta permeabilità all'acqua e ai soluti regolata da ormoni Cellule intercalari: secrezione di H+ per equilibrio acido base

15 Dotto collettore midollare Il tratto terminale del dotto collettore èformato da cellule principali. Lume Cellule principali Funzione: Permeabilità regolata da ormoni all acqua e all urea

16 L unità funzionale del rene: il nefrone I vasi renali apportano sangue ai glomeruli ed ai tubuli permettendo la formazione di urina. I glomeruli filtrano il sangue e, trattenendo le cellule e le proteine plasmatiche, producono un ultrafiltrato che i tubuli trasformano in urina concentrandovi i cataboliti quali urea, creatinina, cataboliti azotati e ioni idrogeno.

17 Produzione delle urine Attraverso i reni transitano circa 700 mldi plasma in un minuto, di cui 125 vengono filtrati per un totale quotidiano di 180 litri di preurina. Di questo impressionante volume meno dell 1% viene escreto (circa 1,5 litri al giorno), mentre il rimanente viene rapidamente riassorbito. Il nostro organismo compie tutto questo lavoro, apparentemente inutile, per poter eliminare in fretta eventuali eccessi o sostanze nocive.

18 Produzione delle urine Il rene produce urina mediante tre processi: 1. Ultrafiltrazione glomerulare 2. Riassorbimento tubulare 3. Secrezione tubulare In tal modo, il rene è determinante nel mantenimento del volume e della composizione chimico-fisica dei liquidi corporei, eliminando prodotti di rifiuto e regolando l omeostasi di acqua ed importanti elettroliti e metaboliti. Poiché acqua e soluti sono in continuo scambio intra- e extracellulare i processi regolano anche i volumi dei due compartimenti.

19 Filtrazione Il processo di filtrazione inizia con la filtrazione, in cui il fluido e alcuni soluti passano dal sangue allo spazio glomerulare

20 Riassorbimento L ultrafiltrato passa all interno del tubulo in cui specifiche sostanze vengono riassorbite nel sangue dei capillari peritubulari

21 Secrezione Alcune sostanze passano dal sangue dei capillari peritubulari all interno del tubulo per essere eliminate

22 Il funzionamento del nefrone FILTRAZIONE RIASSORBIMENTO E SECREZIONE ESCREZIONE

23 Il funzionamento del nefrone H 2 O H 2 O Come può il rene riassorbire l acqua? L acqua può essere riassorbita aumentando l osmolarità (ovvero la concentrazione dei sali) nell interstizio. L osmolarità può essere aumentata, aumentando la concentrazione di sali nel liquido (soprattutto di sodio) nell interstizio.

24 Il funzionamento del nefrone Gli ioni H + e K + vengono scambiati con il Na +, in relazione all equilibrio acido-base Regolazione: aldosterone

25 La concentrazione dell urina

26 Riassumendo I valori crescenti di pressione osmotica lungo l ansa di Henle hanno lo scopo di rendere sempre più concentrati i liquidi interstiziali della zona midollare del rene per poi favorire il riassorbimento di acqua dal dotto collettore e la conseguente concentrazione delle urine.

27 La regolazione delle funzioni dei reni

28 Collegamenti endocrini del rene Eritropoietina Midollo osseo Argininavasopressina (AVP o ADH) 1,25-diidrossicolecalciferolo Postipofisi P1H Renina Intestino Paratiroidi Aldosterone Corteccia surrenale Angiotensina II Angiotensina I Angiotensinogeno

29 Filtrazione glomerulare Avviene tra capillari glomerulari e capsula di Bowman. La membrana filtrante è permeabile all acqua, ai sali inorganici, e alle piccole molecole organiche, mentre trattiene cellule quali globuli rossi, piastrine e grosse molecole proteiche (albumina, globulina, fibrinogeno). L acqua e le scorie di basso peso molecolare passano attraverso i piccoli pori del glomerulo nella capsula di Bowman, formando il liquido detto filtrato glomerulare. L ultrafiltratoassume così la stessa composizione del plasma privato delle proteine. Circa 180 L/die ovvero 125 ml/min (filtrato glomerulare)

30 Filtrazione glomerulare L ultrafiltrazione a livello del glomeruli è generata dalla forte differenza di pressione tra il sangue (60-70 mm Hg) e l interno della capsula di Bowman. Il parametro cruciale è la pressione arteriosa.

31 Filtrazione glomerulare L efficienza dell ultrafiltrazione glomerulare dipende da vari fattori: Pressione arteriosa Es. shock anafilattico rilascio di istamina vasodilatazione diminuzione di pressione svenimento e problemi ai reni. Flusso plasmatico renale Es. ostruzione arteria renale. Superficie filtrante glomerulare È il numero effettivo di nefroni funzionanti. Es. glomeruli ostruiti. Pressione idrostatica tubulare Es. ostruzione a valle delle vie urinarie, o prostata ingrossata l urina risale pressione opposta a quella arteriosa.

32 Riassorbimento tubulare Man mano che l ultrafiltrato glomerulare scorre attraverso i tubuli, oltre il 99% della sua acqua e quantità variabili dei suoi soluti vengono normalmente riassorbiti nel sistema vascolare. Il riassorbimento delle sostanze avviene in diverse sezioni del tubulo: Nel tubulo prossimale si ha il riassorbimento dell 80-90% dell acqua, del sodio, del cloro, di tutto il glucosio, della maggior parte del calcio del magnesio, della vitamina C e di parte dei fosfati. Nell ansa di Henle viene riassorbita parte dell acqua e del sodio. Nel tubulo distaleviene riassorbita parte di acqua e di fosfati e quella parte di sodio non ancora riassorbita dai segmenti precedenti. L acqua tubulare residua con le sostanze in essa disciolte diventa urina.

33 Riassorbimento tubulare Il riassorbimento dell acqua fa sì che i prodotti di scarto siano concentrati nell urina. I primi 150 L sono riassorbiti automaticamente mentre il riassorbimento degli ultimi 30 L è regolato dall adiuretinaadiuretina ADH (o vasopressina o ormone antidiuretico) aumento delle acquaporine. Assente in caso di diabete insipido. SOSTANZE COMPLETAMENTE RIASSORBITE Non si rilevano nell urina normale se non sono presenti nel sangue in alte concentrazioni (e.g. glucosio, vitamina c, aminoacidi) SOSTANZE PARZIALMENTE RIASSORBITE Si rilevano comunemente nell urina: sodio, potassio, acido urico, fosfati, bicarbonati SOSTANZE NON RIASSORBITE Compaiono costantemente nell urina e in elevata quantità(e.g. creatinina e urea)

34 Secrezione tubulare ed escrezione Mentre alcuni materiali sono riassorbiti nel sangue, altri vengono escreti dai capillari peritubulari nel filtrato. Tra le sostanze secrete rientrano tutte quelle che necessitano di una rapida eliminazione, come i farmaci, gli ioni H + e prodotti del catabolismo delle proteine come l urea e la creatinina(10%). ESCREZIONE: eliminazione dell'urina nella pelvi renale. Il volume escreto (carico escreto) equivale al volume filtrato meno quello riassorbito più quello secreto.

35 Secrezione tubulare ed escrezione Per il glucosio, non essendo secreto e riassorbito al 100%, l'escreto è pari a zero. L'acqua e i sali minerali sono in parte riassorbiti ed in parte escreti. Gran parte della creatinina filtrata viene escreta senza riassorbimento.

36 Creatinina La creatinina è un prodotto di degradazione della creatina e della fosfocreatina. La creatina, prodotta nel muscolo scheletrico, nel rene e nel pancreas, viene trasportata ai tessuti (principalmente muscolo scheletrico e cervello) e fosforilata a fosfocreatina dalla CPK fornendo una pronta e rapida fonte di energia. Fosfocreatina Creatina Creatinina La quantità di creatinina prodotta da un individuo è proporzionale alla sua massa muscolare scheletrica.

37 Dosaggio della creatinina- creatininemia PRINCIPIO DEL METODO Si tratta di una metodica end-point non enzimatica. I metodi più ampiamente usati prevedono l uso del reattivo di Jaffé(1886). La creatinina reagisce, in ambiente basico, con acido picrico, formando un complesso colorato rosso. La reazione si può seguire spettrofotometricamente a 510 nm. Alternativamente è possibile utilizzare una metodica enzimatica che utilizza la creatininasi.

38 Creatinina La concentrazione plasmatica di creatinina è generalmente stabile e dipende da: velocitàdi produzione (costante, in rapporto alla massa muscolare); eliminazione renale La sua eliminazione renale dipende da: ultrafiltrazione totale nessun riassorbimento secrezione trascurabile (< 10%) Valori di riferimento: 0,7 e 1,9 mg/dl (uomo); 0,6 e 1,2 mg/dl (donna) Così come viene ultrafiltrata, la creatinina la si ritrova nelle urine. È perciò un buon indice dell efficienza efficienza di filtrazione glomerulare. Conoscendo la concentrazione di creatinina plasmatica e delle urine posso calcolare quanto sangue è stato filtrato.

39 Velocità di filtrazione glomerulare(gfr) La funzionalità renale è riferita alla funzionalità glomerulare e tubulare La funzione glomerulare può essere indagata mediante valutazione del GFR ovvero il numero di ml di sangue depurato dai reni nell unità di tempo (ml/min). Il filtrato glomerulare ha la stessa composizione del plasma, senza la maggior parte delle proteine; Velocitàdi filtrazione: circa ml/min; Velocità di filtrazione normale dipende da pressione arteriosa e flusso sanguigno normale; Etàe dimensioni corporee influenzano la GFR; La diminuzione di velocità di filtrazione glomerulare porta a un aumento di ritenzione di prodotti di rifiuto del metabolismo nel sangue; Sostanze che aumentano nel siero in una malattia cronica renale sono creatinina e urea.

40 Velocità di filtrazione glomerulare(gfr) Idealmente, il GFR si misura utilizzando una sostanza che viene prodotta dal corpo ad un ritmo costante, che èliberamente filtrata dal glomerulo e che non è né secreta né riassorbita dai tubuli. Parallelamente alla caduta del GFR si ha una ritenzione dei cataboliti. I cataboliti escreti dai reni e misurabili comprendono creatinina, ureae acido urico.

41 Clearance renale Volume di plasma da cui una sostanza è completamente rimossa (cleared( cleared) ) durante il transito renale nell unit unità di tempo, per dare la quantità trovata nelle urine. Si consideri un qualunque costituente del plasma presente nelle urine. La quantità escreta (UxV) è pari alla concentrazione urinaria (U, in mmol/l) per il volume di urina raccolto in un dato tempo (V, volume totale di urine nelle 24 h in L). Il volume di plasma che dovrebbe contenere quella sostanza è dato dalla quantità escreta (UxV) sulla concentrazione plasmatica della sostanza in esame (P, in mmol/l). VOLUME DI PLASMA=(UxV UxV)/P

42 Clearance renale In una pentola ci sono 100 rigatoni in 5 litri di acqua Scoliamo i rigatoni impiegando 1 minuto Quanta acqua depuriamo dai rigatoni in 1 minuto? La risposta è semplice: 5 L/min

43 Clearance renale La clearance costituisce un vero e proprio coefficiente di DEPURAZIONE plasmatica atica La sostanza ideale da dosare per effettuare una clearance: deve essere liberamente filtrata dal glomerulo deve essere eliminata senza riassorbimento o secrezione deve poter essere dosata con semplicità su plasma e urine

44 Clearance della creatinina GFR (ml( ml/min)= Creatinina urinaria x Creatinina plasmatica Volume urinario (V, ml) Tempo di raccolta (T, min) Quindi, una stima della GFR può essere ottenuta calcolando il contenuto di creatinina nelle urine delle 24 h e la sua concentrazione plasmatica nello stesso periodo.

45 Clearance della creatinina VALORI DI RIFERIMENTO UOMO I valori normali sono compresi tra ml/min VALORI DI RIFERIMENTO DONNA I valori normali sono compresi tra ml/min EFFETTO DELL ETA ETA (in condizioni normali): Da 50 a 75 anni, sottrarre 5 ml/min per ogni 5 anni Oltre i 75 anni, sottrarre 8 ml/min per ogni 5 anni

46 Clearance della creatinina e egfr La clearance può essere corretta per l area della superficie corporea del paziente per normalizzarla alla superficie corporea standard di 1.73 m 2 GFR (ml( ml/min)= Cr urinaria x V (ml( ml) x 1.73 Cr plasmatica T (min) Superficie corporea dell individuo (m 2 )

47 Clearance della creatinina e egfr Il GFR può anche essere stimato (egfr) in soggetti con più di 18 anni a partire unicamente dalla creatinina sierica del paziente, l età, il sesso e l etnia mediante l uso della formula MDRD (Modification of diet in renal diseases): egfr(ml ml/min)= 186 (Cr sierica sierica ) F=0.742 per le femmine e per gli Afroamericani x (età) x F L egfr è paragonabile a quello misurato con la tradizionale clearance della creatinina nel range 15 < GFR < 60 ml/min/1.73m2 In caso di insufficienza renale, la VFG misurata con la clearance della creatinina può diminuire in misura considerevole prima che la creatininemia aumenti significativamente, per cui è utilizzato come indice precoce.

48 Diagnostica della funzionalità renale La velocità di filtrazione glomerulare (GFR) rappresenta un parametro importante dal punto di vista clinico al fine di valutare la funzionalità renale. La misura della clearancedella creatinina è lo strumento pratico per la determinazione della funzionalità renale.

49 Urea L urea èprodotta nel fegato come prodotto del catabolismo degli amminoacidi amminoacidi transaminazione deaminazione ciclo dell urea fegato ammoniaca urea eliminazione renale In passato per la misura dell urea si sfruttava la liberazione dell azoto dall urea presente nel sangue (BUN, BUN, Blood urea nitrogen). Anche se oggi si misura direttamente l urea nel siero/plasma (da cui si calcola poi l azoto) il termine BUN è tuttora utilizzato. Si definisce azoto ureico il solo azoto contenuto nell urea. Il termine azotemia,, invece di uremia, èpertanto improprio ma di uso comune.

50 Dosaggio dell urea- azotemia PRINCIPIO DEL METODO Si tratta di una metodica end-point enzimatica. L urea nel campione viene idrolizzata enzimaticamente ad ammoniaca (NH 3 ) e anidride carbonica (CO 2 ). L ammoniaca formatasi reagisce con l α-chetoglutarato in una reazione catalizzata dalla glutammato deidrogenasi (GLDH) con simultanea ossidazione dell NADH a NAD + : Ureasi Urea + H 2 O + 2 H + 2 NH 3 + CO 2 GLDH 2 NH 3 + α-chetoglut.+ NADH H 2 O + NAD + + L-glutammato La diminuzione della concentrazione di NADH è proporzionale alla concentrazione dell urea nel campione. Il NADH si segue mediante lettura spettrofotometrica a 340 nm

51 Spettro di assorbimento del NAD ridotto e ossidato

52 La Clearance dell urea? L urea prodotta dal fegato entra in circolazione ed è in gran parte escreta dal rene: nelle 24 h, normalmente, un individuo adulto elimina con le urine g di azoto sotto forma di urea (1-2 g con le feci). La concentrazione plasmatica dell urea dipende dalla sintesi epatica e dall eliminazione renale. E filtrata a livello glomerulare (56 g/die): una quota è riassorbita, insieme all acqua, nel prossimale, un altra lascia il lume a livello del dotto collettore e si accumula nell interstizio della midollare; la quota escreta è di circa 28 g/die, ovvero il 50% di quella filtrata. La produzione di urea non è costante, potendo aumentare, se la dieta è iperproteica o c è ipercatabolismo delle proteine endogene, o diminuire, in caso di denutrizione o per ridotta attività del ciclo enzimatico. Per questi motivi la molecola dell urea non ha i requisiti ideali per la determinazione del filtrato glomerulare.

53 Azotemia L azotemiaaumenta in casi di insufficienza renale quando i reni sono ormai lesi oltre il 50%. L aumento dell azotemia determina uno stato tossico, che prende il nome di tossicità uremica. Aumenta anche in seguito a chemioterapia. Valori normali: mg/dl Il rapporto BUN/Creatinina è utile per determinare la causa di insufficienza renale

54 Cistatina C La Cistatina C è un polipeptide cationico di circa 13 kda appartenente alla famiglia delle cisteine proteasi coinvolta nel catabolismo proteico. Viene prodotta a velocità costante. Poiché viene eliminata esclusivamente dal rene i suoi livelli sono inversamente proporzionali alla velocità di filtrazione glomerulare. Metodo di dosaggio: immunonefelometrico. Sembrerebbe più sensibile della creatininemia nel segnalare una riduzione della filtrazione glomerulare, ma il suo utilizzo è ancora molto limitato in diagnostica.

55 Valutazione della velocità di filtrazione glomerulare In conclusione, possiamo dire che gli indici per la valutazione della velocità di filtrazione glomerulare hanno una diversa sensibilità diagnostica. In ordine decrescente, la loro sensibilità è: Clearance della creatinina Quando la VFG < 100 ml/min/1,73 m 2 Cistatina C Quando la VFG < 80 ml/min/1,73 m 2 Creatininemia Quando la VFG < 50 ml/min/1,73 m 2 Uremia Quando la VFG < 30 ml/min/1,73 m 2

56 Insufficienza renale L insufficienza renale rappresenta la cessazione della funzione renale con perdita di nefroni ed incapacità ad eliminare scorie, concentrare le urine e regolare il bilancio elettrolitico. Nell insufficienza renale acuta i reni funzionano male per ore o giorni (reversibile) L insufficienza renale cronica insufficienza renale cronicasi sviluppa nell arco di mesi o anni e porta, alla fine, all insufficienza renale in toto (irreversibile)

57 Insufficienza renale acuta Pre-renale renale (1): : Il rene non riceve in maniera sufficiente sangue (e.g. insufficienza cardiaca, shock, emorragia acuta) Renale (2): : danno intrinseco al tessuto renale (e.g. glomerulonefrite, ostruzione arteria renale) Post-renale (3): : Il drenaggio urinario è reso difettoso da un ostruzione (e.g. ostruzione delle vie urinarie) (1) (2) (3)

58 Insufficienza renale cronica La perdita progressiva di nefroni funzionanti può essere causata da: Glomerulonefrite(infiammazione dei glomeruli) Calcolosi renale(pielonefrite: infezione vie urinarie) Nefropatia diabetica o ipertensione (ostruzione delle arteriole renali) I sintomi possono essere lievi o assenti fino a quando il GFR non scende al di sotto dei 15 ml/min /min(10% della normale funzione) e la patologia è in fase avanzata.

59 Diagnosi insufficienze renali Indici precoci Clearance della creatinina bassa Creatininemiae BUN elevati(fg<50%) Indici tardivi Iperpotassemia(ritenzione di H + e K +, FG<15%) Aumento del paratormone (fasi avanzate) Iperfosfatemia(danno renale, FG<30%) Ridotta sintesi di 1,25-diidrossicolecalciferolo ed eritropoietina (FG<5%)

60 Insufficienza renale e metabolismo calcio-fosforo Calcio e Fosforo costituiscono i cristalli di idrossiapatite, componente minerale dell osso. I cristalli si formano quando il prodotto Ca x P supera 40, considerando che Ca 10 mg/dl e P 4 mg/dl. Se i reni non eliminano sufficientemente il P, si ha iperfosfatemia (acido fosforico, fosfati inorganici). Con l aumentare dei fosfati si hanno calcificazioni metastatiche(nelle insufficienze renali gravi). Si consuma piùcalcio, con squilibrio dell omeostasi del Calcio stesso e diminuzione della calcemia (ipocalcemia), supportata anche dalla mancata o diminuita produzione di EPO (anemia) e D3 (ipocalcemia). nel tentativo di ripristinare la normale concentrazione di Ca nel plasma, l organismo reagisce con l iperparatiroidismo secondario, producendo paratormone, che libera il Calcio dalle ossa (osteoporosi).

61 Insufficienza renale e metabolismo calcio-fosforo ridotta escrezione urinaria di fosfati iperfosfatemia danno renale calcificazioni metastatiche alterata sintesi di 1-25 OH D3 ipocalcemia Iperparatiroidismo II osteoporosi Paratormone liberazione di Ca dalle ossa

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO CORSO CORSO OSS DISCIPLINA: OSS DISCIPLINA: ANATOMIA PRIMO E FISIO-PATOLOGIA SOCCORSO MASSIMO MASSIMO FRANZIN FRANZIN COSTITUITO DA: DUE RENI DUE URETERI

Dettagli

Acqua: nutriente essenziale

Acqua: nutriente essenziale Acqua: nutriente essenziale Funzioni dell acqua 1. Solvente delle reazioni metaboliche; 2. Regola il volume cellulare; 3. Regola la temperatura corporea; 4. Permette il trasporto dei nutrienti; 5. Permette

Dettagli

Apparato urinario: il maggior depuratore del sangue. prof. Filippo Quitadamo

Apparato urinario: il maggior depuratore del sangue. prof. Filippo Quitadamo Apparato urinario: il maggior depuratore del sangue. 1 2 3 4 Rene : 150 grammi, lungo 12 cm, largo 7 cm 5 INDICATORI Conoscenze: 1. Descrivere l apparato escretore. 2. Illustrare l organizzazione anatomica

Dettagli

How the kidneys function is way more interesting than you may have thought. Summarizing, they throw the baby out with the bath water, then recover

How the kidneys function is way more interesting than you may have thought. Summarizing, they throw the baby out with the bath water, then recover RENE 1 How the kidneys function is way more interesting than you may have thought. Summarizing, they throw the baby out with the bath water, then recover most of it. Consider the work of the kidneys Artificial

Dettagli

CLEARANCE. Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli.

CLEARANCE. Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli. CLEARANCE Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli. Clearance of a bridge CLEARANCE La funzione glomerulare

Dettagli

Argomenti di Patologia Clinica Esami della funzione renale Rene e laboratorio Perché esaminare la funzionalità renale? Per identificare le disfunzioni renali Per diagnosticare le patologie renali Per monitorare

Dettagli

Bilancio Sodio e Potassio

Bilancio Sodio e Potassio Bilancio Sodio e Potassio Sodio E l elemento fondamentale per: Controllo osmolalità Mantenimento volume del LEC Mantenimento Pressione arteriosa L introduzione giornaliera di sodio con la dieta (200 meq/l)

Dettagli

Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un

Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un 1 Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un rischio di sviluppare una malattia renale cronica di

Dettagli

Fisiologia Renale 7. Bilancio idro-elettrolitico II. Carlo Capelli, Fisiologia Corso di Laurea in Scienze Motorie Università Verona

Fisiologia Renale 7. Bilancio idro-elettrolitico II. Carlo Capelli, Fisiologia Corso di Laurea in Scienze Motorie Università Verona Fisiologia Renale 7. Bilancio idro-elettrolitico II Carlo Capelli, Fisiologia Corso di Laurea in Scienze Motorie Università Verona Obiettivi Bilancio dell acqua Variazione del ACT e osmolalità Osmocettori

Dettagli

Eliminare dall organismo prodotti di rifiuto e sostanze tossiche idrosolubili(soprattutto prodotti azotati e creatinina);

Eliminare dall organismo prodotti di rifiuto e sostanze tossiche idrosolubili(soprattutto prodotti azotati e creatinina); Funzioni del rene Eliminare dall organismo prodotti di rifiuto e sostanze tossiche idrosolubili(soprattutto prodotti azotati e creatinina); Regolare il volume e la composizione del liquido extracellulare;

Dettagli

La pressione osmotica del plasma è 28mmHg

La pressione osmotica del plasma è 28mmHg PRESSIONE OSMOTICA capacità di una soluzione più concentrata di richiamare acqua attraverso una membrana semipermeabile (cioè permeabile solo all H 2 O). La pressione osmotica del plasma è 28mmHg 1 SPAZI

Dettagli

www.fondazionedamico.org

www.fondazionedamico.org www.fondazionedamico.org COSA SONO Sono due organi situati nell addome, a forma di fagiolo, grandi poco più di un pugno, collegati alla vescica da un condotto chiamato uretere. L urina prodotta dai due

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE Struttura La porzione più esterna della corticale, la zona glomerulare, è costituita da piccole cellule mentre la porzione centrale,

Dettagli

FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE

FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE ACIDO = molecola contenente atomi di idrogeno capaci di rilasciare in soluzione ioni idrogeno (H( + ) BASE = ione o molecola che può accettare uno ione idrogeno

Dettagli

RIASSORBIMENTO PROF. ALESSANDRO MALFATTI. Corso di Fisiologia Speciale Veterinaria

RIASSORBIMENTO PROF. ALESSANDRO MALFATTI. Corso di Fisiologia Speciale Veterinaria RIASSORBIMENTO RIASSORBIMENTO TUBULO CONTORTO PROSSIMALE RIASSORBIMENTO OBBLIGATO (indipendente dai sistemi di regolazione) Quantitativamente la gran parte della funzione di riassorbimento avviene a questo

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

EVOLUZIONE dell APPARATO ESCRETORE ed ELIMINAZIONE delle SCORIE AZOTATE

EVOLUZIONE dell APPARATO ESCRETORE ed ELIMINAZIONE delle SCORIE AZOTATE EVOLUZIONE dell APPARATO ESCRETORE ed ELIMINAZIONE delle SCORIE AZOTATE Gli organismi unicellulari diversamente dai pluricellulari non necessitano di un vero e proprio apparato escretore, ad esempio il

Dettagli

Insufficienza Renale Cronica

Insufficienza Renale Cronica Insufficienza Renale Cronica Le nefropatie croniche si classificano in: - Nefropatia con filtrazione glomerulare (FG) normale [ > 90 ml/min/1,73 m²]; - Nefropatia con diminuzione lieve del FG [89-60 ML

Dettagli

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA Ruolo fisiologico del calcio Omeostasi del calcio ASSORBIMENTO INTESTINALE DEL CALCIO OMEOSTASI GLICEMICA Il livello normale di glicemia? 90 mg/100 ml Pancreas

Dettagli

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di

Dettagli

Rene e bilancio idrico-salino

Rene e bilancio idrico-salino Rene e bilancio idrico-salino Alterazioni del bilancio idrico sono in genere conseguenza di squilibri nell introduzione ed escrezione di acqua ed elettroliti. Disfunzione Causa Alterazione Disidratazione

Dettagli

Dialisi e Analisi correlate

Dialisi e Analisi correlate Dialisi e Analisi correlate Nicole Marforio Progetto di Stage 2 semestre Laboratorio Synlab Savosa 01.2012-03.2012 1 Introduzione Ho deciso di fare il mio lavoro di stage sulla dialisi, perché nel laboratorio

Dettagli

Rene: le funzioni tubulari

Rene: le funzioni tubulari Rene: le funzioni tubulari Riassorbimento del Na+ Riassorbimento dell HCO3-, secrezione dell H+ Riassorbimento del glucoso, a-a ecc Riassorbimento e secrezione del K+ Riassorbimento e secrezione dell urea

Dettagli

Fisiologia dell apparato urinario

Fisiologia dell apparato urinario Fisiologia dell apparato urinario Il rene mantiene l ambiente interno (omeostasi): regola la composizione e il volume dei liquidi e allontana le scorie (urea, creatina, pigmenti biliari, creatinina, ecc.).

Dettagli

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Pazienti in trattamento sostitutivo della funzione renale (USL 7 Zona Valdichiana) N Dialisi extracorporea 40 Dialisi peritoneale 10 Trapianto attivo

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA

SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA A cura di: Dott.ssa R. Fiorentini Dott.ssa E. Palma QUANTITA E COMPOSIZIONE DEI LIQUIDI CORPOREI IL 60% del peso corporeo di un adulto è costituito da liquidi. I

Dettagli

Anatomia funzionale del rene

Anatomia funzionale del rene Anatomia funzionale del rene Funzione dei reni: Regolazione del volume del liquido extracellulare Regolazione dell osmolarità Mantenimento del bilancio idrico Regolazione omeostatica del ph Escrezione

Dettagli

Cosa accade quando si verifica un danno a

Cosa accade quando si verifica un danno a FISIOPATOLOGIA RENALE Cosa accade quando si verifica un danno a livello renale? FUNZIONI RENALI 1. Regolazione bilancio idro-salino 2. Regolazione equilibrio acido-base 3. Escrezione prodotti metabolici

Dettagli

CdL in INFERMIERISTICA LE MALATTIE RENALI

CdL in INFERMIERISTICA LE MALATTIE RENALI CdL in INFERMIERISTICA Medicina Generale e Specialistica Dr Claudio Pagano Dip di Scienze Mediche e Chirurgiche Università di Padova LE MALATTIE RENALI IL RENE: ANATOMIA 1 IL RENE: ANATOMIA IL RENE NORMALE

Dettagli

INSUFFICIENZA RENALE ACUTA

INSUFFICIENZA RENALE ACUTA - alterazione funzione renale con quadro clinico molto vario da muto a gravissimo - patogenesi varia, distinta in tre forme: 1. pre-renale (funzionale) 2. renale (organica) 3. post-renale (ostruttiva)

Dettagli

IL POTASSIO IN DIALISI AZIENDA OSPEDALIERA SAN PAOLO POLO UNIVERSITARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI

IL POTASSIO IN DIALISI AZIENDA OSPEDALIERA SAN PAOLO POLO UNIVERSITARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI IL POTASSIO IN DIALISI Dott. Francesco Cosa AZIENDA OSPEDALIERA SAN PAOLO POLO UNIVERSITARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI RESPONSABILE PROF. DANIELE CUSI METABOLISMO

Dettagli

www.slidetube.it Il nefrone è costituito dal corpuscolo renale e dal tubulo

www.slidetube.it Il nefrone è costituito dal corpuscolo renale e dal tubulo Il nefrone è costituito dal corpuscolo renale e dal tubulo Il corpuscolo renale è formato da : a) il glomerulo arterioso b) la capsula di Bowman www.slidetube.it Zona corticale Zona midollare Dall arteria

Dettagli

Funzioni del Rene. Escrezione prodotti di scarto del metabolismo (urea, creatinina, acido urico) e di sostanze estranee (farmaci, additivi alimentari)

Funzioni del Rene. Escrezione prodotti di scarto del metabolismo (urea, creatinina, acido urico) e di sostanze estranee (farmaci, additivi alimentari) Il sistema urinario Funzioni del Rene Corticale Nefroni Escrezione prodotti di scarto del metabolismo (urea, creatinina, acido urico) e di sostanze estranee (farmaci, additivi alimentari) Midollare Pelvi

Dettagli

Il sistema urinario. Regolazione della concentrazione di sali e acqua, del volume e osmolarità del sangue

Il sistema urinario. Regolazione della concentrazione di sali e acqua, del volume e osmolarità del sangue Il sistema urinario Regolazione della concentrazione di sali e acqua, del volume e osmolarità del sangue Funzioni dei reni Regolazione del volume del liquido extracellulare e plasmatico per evitare che

Dettagli

NEFROLITIASI ACUTA. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore

NEFROLITIASI ACUTA. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore NEFROLITIASI ACUTA Dolore costante e non colico, localizzato al fianco eo irradiato all inguine. Micro-macroematuria. Sovente nausea e vomito. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore NEFROLITIASI

Dettagli

Calcio, fosforo e magnesio

Calcio, fosforo e magnesio Calcio, fosforo e magnesio Calcio (Ca 2+) elemento più abbondante del corpo umano (dopo O, C, H, N) 1200 g in totale nell uomo adulto di cui 99% nello scheletro Fosforo (P) 850 g totali nel corpo umano

Dettagli

OSMOREGOLAZIONE DEI LIQUIDI CORPOREI

OSMOREGOLAZIONE DEI LIQUIDI CORPOREI OSMOREGOLAZIONE DEI LIQUIDI CORPOREI Lezione 25 1 Distribuzione dei liquidi corporei L H 2 O contenuta nel corpo è circa il 60% del peso totale ed è così ripartita: 67% 33% EXTRACELLULARE 33% INTRACELLULARE

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie renali PREMESSA: In tutti i casi di malattia a carico dell emuntorio renale deve essere richiesta la visita specialistica nefrologica con allegati esami ematochimici

Dettagli

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio Conoscere la malattia renale per curarsi meglio A cura di Carmelo Libetta Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto IRCCS Policlinico San Matteo - Università di Pavia Indice La malattia renale:

Dettagli

NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA. Dott. Adolfo Affuso

NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA. Dott. Adolfo Affuso NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA Dott. Adolfo Affuso La nutrizione artificiale è parte integrante della terapia del paziente Un adeguato apporto nutrizionale migliora l outcome del malato INDICAZIONI ALLA

Dettagli

Bilancio idro-elettrolitico Composizione dei liquidi corporei

Bilancio idro-elettrolitico Composizione dei liquidi corporei Bilancio idro-elettrolitico Composizione dei liquidi corporei L'acqua presente nei compartimenti corporei è ricca di sali o elettroliti un elettrolitita disciolto in acqua si separa in ioni si dividono

Dettagli

ph = log 1/[H+] = - log [H+]

ph = log 1/[H+] = - log [H+] ph = log 1/[H+] = log [H+] Sangue arterioso ph = 7.4 Sangue venoso ph = 7.35 ph inferiori = acidosi (limite ph = inizio 7,36 max 6.8) ph superiori = alcalosi (limite ph inizio 7,44 max 7.8) ph intracellulare

Dettagli

Fisiologia dell apparato urinario

Fisiologia dell apparato urinario Fisiologia dell apparato urinario Funzioni del Rene Nefroni Corticale Midollare Pelvi renale Uretere Capsula Escrezione prodotti di scarto del metabolismo (urea, creatinina, acido urico, prodotti finali

Dettagli

Alcuni esempi di ruoli fisiologici. Effetto di trascinamento nei capillari arteriosi e venosi Effetto di trascinamento nel glomerulo renale

Alcuni esempi di ruoli fisiologici. Effetto di trascinamento nei capillari arteriosi e venosi Effetto di trascinamento nel glomerulo renale Alcuni esempi di ruoli fisiologici Effetto di trascinamento nei capillari arteriosi e venosi Effetto di trascinamento nel glomerulo renale Formazione e riassorbimento del liquido interstiziale Cellule

Dettagli

Alterazioni equilibrio acidobase

Alterazioni equilibrio acidobase Alterazioni equilibrio acidobase In base all equazione di HendersonHasselbalch ph = pk+ log [HCO 3 ] [CO 2 ] Acidosi: rapporto HCO 3 /CO 2 ph. Se diminuzione dipende da: HCO 3 acidosi metabolica (nonrespiratoria)

Dettagli

UNO SGUARDO ALLA VETERINARIA di Alberto Sani

UNO SGUARDO ALLA VETERINARIA di Alberto Sani UNO SGUARDO ALLA VETERINARIA di Alberto Sani GLI ESAMI DEL SANGUE Quando un cane manifesta sintomi di malessere e viene portato dal veterinario per una visita, il più delle volte per individuare al più

Dettagli

PARATORMONE, CALCITONINA, CALCITRIOLO, MELATONINA

PARATORMONE, CALCITONINA, CALCITRIOLO, MELATONINA PARATORMONE, CALCITONINA, CALCITRIOLO, MELATONINA OMEOSTASI DEL CALCIO E SUA REGOLAZIONE TRE ORMONI: PARATORMONE /PTH CALCITRIOLO CALCITONINA Klinke cap 11.7 Le paratiroidi L ormone paratiroideo o PTH

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi

Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi Metabolismo degli aminoacidi I composti azotati L azoto contenuto nella cellula è presente soprattutto negli AMINOACIDI delle proteine e nelle

Dettagli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Surrene: secrezione nelle varie zone del surrene, sintesi degli ormoni surrenali, Mineralcorticoidi-aldosterone,

Dettagli

ACCOMPAGNARE IL PAZIENTE IN EMODIALISI. Dr. Fabrizio Vellani Nefrologo

ACCOMPAGNARE IL PAZIENTE IN EMODIALISI. Dr. Fabrizio Vellani Nefrologo ACCOMPAGNARE IL PAZIENTE IN EMODIALISI Dr. Fabrizio Vellani Nefrologo Composizione del corpo umano e distribuzione dei liquidi corporei Per un giovane maschio: SOLIDI 40% Proteine 18 % Grassi 15 % Minerali

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

L anatomia dell apparato urinario

L anatomia dell apparato urinario L anatomia dell apparato urinario Le funzioni del rene Secrezione (escrezione) Equilibrio idrico (controllo della pressione arteriosa) Equilibrio salino (controllo della composizione elettrolitica) Endocrina

Dettagli

Acqua e bilancio idrico-salino

Acqua e bilancio idrico-salino Acqua e bilancio idrico-salino Acqua: aspetti chimici generali e fonti L acqua (H2O)è una sostanza inorganica formata da due atomi di idrogeno (H) e uno di ossigeno (O). E un ott imo solvente per sostanze

Dettagli

DIALISI INDICAZIONI PER L INIZIO DELLA TERAPIA DIALITICA

DIALISI INDICAZIONI PER L INIZIO DELLA TERAPIA DIALITICA Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Presidio Ospedaliero S. Maria del P. Incurabili S.C. Universitaria di Nefrologia e Dialisi DIALISI INDICAZIONI PER L INIZIO DELLA

Dettagli

ANATOMIA dell APPARATO URINARIO

ANATOMIA dell APPARATO URINARIO ANATOMIA dell APPARATO URINARIO APPARATO URINARIO Insieme di organi il cui compito e e quello di filtrare il sangue dai cataboliti che vi si accumulano e di eliminarli all esterno RENI RENI VIE URINARIE

Dettagli

FARMACOCINETICA 2 ELIMINAZIONE DEI FARMACI. L eliminazione di un farmaco avviene per escrezione del farmaco immodificato o dei suoi metaboliti.

FARMACOCINETICA 2 ELIMINAZIONE DEI FARMACI. L eliminazione di un farmaco avviene per escrezione del farmaco immodificato o dei suoi metaboliti. FARMACOCINETICA 2 Farmacologia generale 1 ELIMINAZIONE DEI FARMACI L eliminazione di un farmaco avviene per escrezione del farmaco immodificato o dei suoi metaboliti. Le principali vie di escrezione sono:

Dettagli

Alimentazione Fabbisogni 4.8

Alimentazione Fabbisogni 4.8 08/2000 Alimentazione Fabbisogni 4.8 IL FOSFORO P di Cosmino Giovanni Basile Lo scheletro è la parte più ricca di fosforo di tutto l organismo. Nel tessuto osseo il P si trova sotto forma di fosfato tricalcico

Dettagli

Metabolismo degli aminoacidi

Metabolismo degli aminoacidi Metabolismo degli aminoacidi Quando gli aminoacidi provenienti dalla digestione gastrica e intestinale, non vengono utilizzati per la costruzione di nuove proteine vengono demoliti Transaminazione Per

Dettagli

Valori di riferimento per la Bioimpedenza

Valori di riferimento per la Bioimpedenza Valori di riferimento per la Bioimpedenza L Acqua Corporea Totale (TBW = Total Body Water) L acqua totale è il maggior componente dell organismo, per questo la corretta determinazione, in percentuale e

Dettagli

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene A breve termine Riflesso barocettivo A lungo termine Controllo volemia Quota introduzione liquidi RPT GC Pa Volume liquidi corporei Rene Diuresi Un modo per regolare la Pa è quello di aggiungere o sottrarre

Dettagli

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

GLUCONEOGENESI. Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio

GLUCONEOGENESI. Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio GLUCONEOGENESI Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio CATABOLISMO ANABOLISMO OSSIDAZIONI Produzione di ATP RIDUZIONI Consumo di ATP La GLUCONEOGENESI è un PROCESSO ANABOLICO La gluconeogenesi

Dettagli

SINDROME NEFROSICA. Sindrome clinica caratterizzata da: - Edema (volto, piedi, mani) - Proteinuria (>3 g/die) - Ipoalbuminemia - Ipercolesterolemia

SINDROME NEFROSICA. Sindrome clinica caratterizzata da: - Edema (volto, piedi, mani) - Proteinuria (>3 g/die) - Ipoalbuminemia - Ipercolesterolemia SINDROME NEFROSICA SINDROME NEFROSICA Sindrome clinica caratterizzata da: - Edema (volto, piedi, mani) - Proteinuria (>3 g/die) - Ipoalbuminemia - Ipercolesterolemia SINDROME NEFROSICA - EPIDEMIOLOGIA

Dettagli

Metabolismo degli amminoacidi. Ciclo dell urea

Metabolismo degli amminoacidi. Ciclo dell urea Metabolismo degli amminoacidi Ciclo dell urea Biosintesi di amminoacidiporfirine, creatina, carnitina, ormoni, nucleotidi Gli amminoacidi possono subire una degradazione ossidativa in 3 diverse situazioni

Dettagli

Fisiologia Renale 5. Equilibrio acido-base: Fisiologia e fisiopatologia

Fisiologia Renale 5. Equilibrio acido-base: Fisiologia e fisiopatologia Fisiologia Renale 5. Equilibrio acidobase: Fisiologia e fisiopatologia Fisiologia Generale e dell Esercizio Carlo Capelli Facoltà di Scienze Motorie, Università di Verona Obiettivi Produzione e bilancio

Dettagli

Degradazione delle proteine della dieta. Catabolismo degli aminoacidi

Degradazione delle proteine della dieta. Catabolismo degli aminoacidi Degradazione delle proteine della dieta Catabolismo degli aminoacidi LE PROTEINE DELLA DIETA SONO DEGRADATE ENZIMATICAMENTE AD AMINOACIDI LIBERI L ingresso di una proteina nello stomaco stimola la mucosa

Dettagli

Sistema urinario: la funzione renale

Sistema urinario: la funzione renale Sistema urinario: la funzione renale FUNZIONI: Regolazione della composizione ionica del sangue: aumentando o diminuendo l escrezione di ioni specifici, i reni ne regolano la concentrazione plasmatica

Dettagli

STRUTTURA DEL PARENCHIMA RENALE

STRUTTURA DEL PARENCHIMA RENALE STRUTTURA DEL PARENCHIMA RENALE Capsula fibrosa Midollare Corticale Uretere Papille CAPSULA CONNETTIVALE È costituita da connettivo lasso con fibre collagene ed elastiche e fibre muscolari liscie. STRUTTURA

Dettagli

Equilibrio idro-elettrolitico. ed acido-base. Diagnostica biochimico-clinica. clinica Lezione 6

Equilibrio idro-elettrolitico. ed acido-base. Diagnostica biochimico-clinica. clinica Lezione 6 Equilibrio idro-elettrolitico ed acido-base Diagnostica biochimico-clinica clinica Lezione 6 L equilibrio dei fluidi corporei I liquidi presenti nell organismo sono raccolti in due distretti principali:

Dettagli

Modello mono-compartimentale

Modello mono-compartimentale Modello mono-compartimentale Cinetica di invasione (cinetica di I ordine): [1] C ( t) D V D (1 e C (t) = concentrazione plasmatica al tempo t D=dose assorbibile K V D =volume di distribuzione all equilibrio

Dettagli

Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison)

Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison) Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison) L ipoadrenocorticismo è una malattia endocrina causata dalla ridotta produzione di mineralcorticoidi (aldosterone) e glucocorticoidi (cortisolo) da parte delle

Dettagli

Faccia anteriore rene destro

Faccia anteriore rene destro Faccia anteriore rene destro estremità superiore margine mediale margine laterale ilo arteria renale vena renale estremità inferiore uretere Rene destro sezionato sostanza corticale sostanza midollare

Dettagli

Principali patologie renali -Pielonefrite acuta e cronica -Glomerulonefrite acuta e cronica -Sindrome nefrosica -Insufficienza renale reversibile e irreversibile -Calcolosi renale Pielonefrite acuta Da

Dettagli

Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo

Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo La regolazione dei livelli plasmatici di calcio è un evento critico per una normale funzione cellulare, per la trasmissione nervosa,

Dettagli

3000 anni fa in Tibet

3000 anni fa in Tibet Il Rene 3000 anni fa in Tibet Definizione I Reni = sono 2 organi posti dietro il peritoneo, nella zona lombare, che insieme alle vie urinarie costituiscono l apparato escretore. Faccia anteriore rene destro

Dettagli

Dichiarazione. Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei.

Dichiarazione. Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei. Per le lezioni del prof. P.P. Battaglini Schemi di Dichiarazione Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei. Queste immagini vengono utilizzate per l

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz FARMACOCINETICA La farmacocinetica è quella branca della farmacologia che studia il destino del farmaco nell organismo, dal momento in cui entra fino a quando sarà eliminato.

Dettagli

Università degli Studi di Bologna Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Diploma per Infermiere

Università degli Studi di Bologna Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Diploma per Infermiere Università degli Studi di Bologna Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Diploma per Infermiere Emodialisi: La sostituzione della funzionalità di un organo. Implicazione infermiereristiche per fronteggiare

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

ESAMI EFFETTUATI PRESSO I CENTRI TRASFUSIONALI A TUTELA DELLA SALUTE DEL DONATORE

ESAMI EFFETTUATI PRESSO I CENTRI TRASFUSIONALI A TUTELA DELLA SALUTE DEL DONATORE ESAMI EFFETTUATI PRESSO I CENTRI TRASFUSIONALI A TUTELA DELLA SALUTE DEL DONATORE EMOCROMOCITROMETRICO Numero dei globuli rossi Quantità di globuli rossi presenti in un mmc. di sangue. tra 4,4 e 5,6 milioni/microlitro

Dettagli

Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K

Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K Università di Roma Tor Vergata Scienze della Nutrizione umana Biochimica della nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano A.A. 2009-2010 Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K VITAMINA D FONTI dieta: necessita

Dettagli

20 Fisiologia. integrativa II: equilibrio idro-elettrolitico. Diabete insipido. Omeostasi idro-elettrolitica

20 Fisiologia. integrativa II: equilibrio idro-elettrolitico. Diabete insipido. Omeostasi idro-elettrolitica 20 Fisiologia integrativa II: equilibrio idro-elettrolitico ORGANIZZAZIONE DEL CAPITOLO 643 Omeostasi idro-elettrolitica 643 L osmolarità del LEC influisce sul volume cellulare 643 Il bilancio idro-elettrolitico

Dettagli

Metabolismo degli amminoacidi

Metabolismo degli amminoacidi Metabolismo degli amminoacidi Gli amminoacidi derivati in gran parte dalla degradazione delle proteine della dieta o intracellulari possono essere ossidati per generare e energia. La quantità di energia

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

N 2, malgrado la sua abbondanza, è un fattore limitante la crescita della maggior parte degli organismi

N 2, malgrado la sua abbondanza, è un fattore limitante la crescita della maggior parte degli organismi Glicina (Gly) Alanina (Ala) N 2, malgrado la sua abbondanza, è un fattore limitante la crescita della maggior parte degli organismi La digestione delle proteine endopeptidasi H O R H O R R H 3+ N -C-C-NH-C-C-NH-C-C-NH-C-C-NH-C-COO

Dettagli

Volume liquidi corporei. Rene

Volume liquidi corporei. Rene A breve termine Riflesso barocettivo A lungo termine Controllo volume ematico Quota introduzione liquidi RPT GC Pa Volume liquidi corporei Rene Diuresi Un modo per regolare la Pa è quello di aggiungere

Dettagli

dieta vengono convertiti in composti dei corpi chetonici.

dieta vengono convertiti in composti dei corpi chetonici. Metabolismo degli aminoacidi Metabolismo degli aminoacidi Gli aminoacidi introdotti in eccesso con la dieta vengono convertiti in composti precursori del glucosio, degli acidi grassi e dei corpi chetonici.

Dettagli

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza ITI ENRICO MEDI Programmazione Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza L insegnamento di Igiene, Anatomia, Fisiologia e Patologia, in particolare, vuol far acquisire agli alunni:

Dettagli

Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido

Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido extracellulare e dalla loro regolazione. Membrana cellulare Ogni cellula presenta

Dettagli

PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA. Artificiale: Dialisi

PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA. Artificiale: Dialisi PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA Artificiale: Dialisi Naturale: Trapianto EMODIALISI Metodica di depurazione extra- corporea realizzata mediante scambi di soluti e di acqua

Dettagli

ORGANI BERSAGLIO E FUNZIONI DELL ORMONE NATRIURETICO ATRIALE NATRIURETICO = CHE FA AUMENTARE IL SODIO NELL URINA

ORGANI BERSAGLIO E FUNZIONI DELL ORMONE NATRIURETICO ATRIALE NATRIURETICO = CHE FA AUMENTARE IL SODIO NELL URINA ORGANI BERSAGLIO E FUNZIONI DELL ORMONE NATRIURETICO ATRIALE NATRIURETICO = CHE FA AUMENTARE IL SODIO NELL URINA --VASODILATAZIONE --RIDUCE LA SINTESI DI ALDOSTERONE --RIDUCE LA LIBERAZIONE DI RENINA --INIBISCE

Dettagli

Farmacocinetica dell escrezione dei farmaci nel latte. I neurotrasmettitori nella moderna diagnostica. Piperazina e suoi derivati

Farmacocinetica dell escrezione dei farmaci nel latte. I neurotrasmettitori nella moderna diagnostica. Piperazina e suoi derivati Farmacocinetica dell escrezione dei farmaci nel latte I neurotrasmettitori nella moderna diagnostica Piperazina e suoi derivati dr. Angelo Marzìa FARMACOCINETICA DELL ESCREZIONE DEI FARMACI NEL LATTE

Dettagli

2. Fisiologia Cellulare Diffusione, Trasporto, Osmosi

2. Fisiologia Cellulare Diffusione, Trasporto, Osmosi 2. Fisiologia Cellulare Diffusione, Trasporto, Osmosi Prof. Carlo Capelli Fisiologia Laurea in Scienze delle attività motorie e sportive Università di Verona Obiettivi Diffusione semplice e mediata da

Dettagli

I Reni (Fig.1) (Fig.1) Fig. 1 (Fig. 2).

I Reni (Fig.1) (Fig.1) Fig. 1 (Fig. 2). Associata alla International Federation of Kidney Foundations Presidente: Prof. Vittorio E. Andreucci - Via Giacomo Puccini 18-80127 Napoli Tel. (081)5562922 - Fax (081)5466844 - e-mail: firandreucci@yahoo.it

Dettagli

I Reni (Fig.1) (Fig.1) Fig. 1 (Fig. 2).

I Reni (Fig.1) (Fig.1) Fig. 1 (Fig. 2). I Reni Sono due organi situati nell addome, a forma di fagiolo, grandi poco più di un pugno, collegati alla vescica da un condotto (Uretere) (Fig.1). L urina dei due reni si raccoglie nella vescica. Fig.

Dettagli

Il sistema endocrino

Il sistema endocrino Il sistema endocrino 0 I messaggeri chimici 0 I messaggeri chimici coordinano le diverse funzioni dell organismo Gli animali regolano le proprie attività per mezzo di messaggeri chimici. Un ormone è una

Dettagli

IL PAZIENTE IN DIALISI

IL PAZIENTE IN DIALISI IL PAZIENTE IN DIALISI Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI DIALISI OBIETTIVI Cenni sull INSUFFICIENZA RENALE Diversi tipi di DIALISI Il PAZIENTE DIALIZZATO: problematiche ed emergenze EMORRAGIE della

Dettagli

Trasporto epiteliale

Trasporto epiteliale Trasporto epiteliale Rivestono le cavità e le superfici corporee: interfaccia tra gli spazi interni dell organismo e l ambiente Semplice rivestimento o funzione di regolazione (es:osmoregolazione) Trasporto

Dettagli