Dispensa n. 1 I SISTEMI CAD. 1) Introduzione. 2) Caratteristiche principali dei sistemi CAD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dispensa n. 1 I SISTEMI CAD. 1) Introduzione. 2) Caratteristiche principali dei sistemi CAD"

Transcript

1 Dispensa n. 1 I SISTEMI CAD 1) Introduzione 2) Caratteristiche principali dei sistemi CAD a. Gli strumenti 2D b. L organizzazione per layers c. Sistemi di classificazione degli oggetti I layers I colori d. Le tabelle e. La creazione di modelli tridimensionali f. Files multipli g. Esportazione di un documento CAD 3) L Utilizzo dei sistemi CAD in archeologia Testi di riferimento 1

2 1) Introduzione Il termine CAD è acronimo di Computer Aided Design ed indica tutti quei software che permettono di effettuare disegno vettoriale attraverso periferiche quali tavolette grafice, penna o mouse ed elaborare progetti vettoriali bidimensionali e tridimensionali. Nato per consentire l effettuazione tramite calcolatore di progetti grafici, è stato sviluppato, ampliando sempre più la gamma di funzioni, per rispondere alle esigenze di architetti, ingegneri, disegnatori, arredatori, e progettisti in genere. Parallelamente ai software CAD si sono sviluppati i sistemi CAE (Computer Aided Engineering) e CAM (Computer Aided Manifacturing). Le funzioni realizzate dai pacchetti CAE sono soprattutto di calcolo di progetto e di verifica e simulazioni, ma si possono avere in alcuni casi importanti elaborazioni geometriche, di ricerca di soluzioni ottime ecc. Con il termine CAM invece si definisce ogni metodo di fabbricazione che utilizza in qualche modo il calcolatore; per esempio, in una fabbrica di pezzi meccanici, i calcolatori possono regolare l afflusso delle materie prime, controllare lo stato delle macchine operatrici e degli utensili, oppure controllare l esito di una lavorazione in corso. 2) Caratteristiche principali dei sistemi CAD: - Strumenti molto sofisticati di disegno 2D in grado di automatizzare anche le più complesse operazioni di disegno tecnico e geometrico. - Strumenti di disegno 3D attraverso i quali possono essere realizzati modelli tridimensionali. - I grafi vettorializzati sono organizzati per layers; livelli fisicamente distinti che possono essere attivati o disattivati a video a seconda delle esigenze dell utente. - I dati vengono inseriti in scala e possono essere misurati e calcolati nelle loro dimensioni (area, perimetro ecc). - Nella sua più recente evoluzione, gli oggetti possono essere collegati a dati alfanumerici registrati all interno di tabelle esterne sui quali possono essere attivate query molto semplici. a) Gli strumenti di disegno 2D. Gli strumenti base per il disegno sono la polilinea, lo strumento a mano libera ed il poligono. La polilinea crea poligoni aperti o chiusi definiti da una serie di archi, curve e linee collegate. Il metodo di disegno prevede che si debba cliccare tramite mouse o tastierino lungo le linee di definizione dell oggetto da riprodurre; possono essere impostati controlli o vincoli per sveltire la procedura di disegno. L oggetto ottenuto, sia aperto che chiuso, viene campito; per avere un oggetto non retinato è invece necessario impostare la trasparenza come attributi. Lo strumento a mano libera permette di disegnare in modo simile alla penna, attivando un tratto continuo tenendo premuto il mouse, il tastierino o la penna ottica stessa. In questo caso, il numero dei vertici e la loro posizione dipendono dalla forma dell oggetto e dalla velocità con la quale viene effettuato il tratto del disegno; per 2

3 questo motivo, contiene molti più vertici della polilinea e data la quantità dei vertici stessi presenta maggiori difficoltà nella manipolazione dell oggetto stesso. Il poligono permette di creare poligoni chiusi o aperti definti da linee singole o doppie, editabili in varia tipologia. Possono essere disegnati poligoni di forma irregolare secondo le esigenze dell utente oppure di forma predefinita (cerchi, rettangoli, quadrati, ellissi, spirali ecc.). Gli oggetti ottenuti possono essere modificati nelle loro dimensioni e nella loro forma sia manualmente che automaticamente grazie ad una vasta e sofisticata gamma di funzioni. Citiamo fra le tante, le opzioni di stondatura dei vertici definita smoothing che effettua una riduzione meccanica dei vertici di un oggetto attraverso tre sistemi principali (Bezier Spline, Cubic Spline, Arc). I grafi possono essere ruotati, ribaltati, riflessi in orizzontale o verticale; due o più oggetti possono essere combinati a formarne uno solo o un solo grafo può essere diviso in più grafi. La descrizione delle funzioni di disegno 2D, forzatamente sintetica ed impressionistica data la sede, si è concentrata soprattutto sugli strumenti base per far comprendere chiaramente le finalità della programmazione dei sistemi CAD: rendere sempre più agile ed affidabile la creazione di disegni e progetti grazie ad una dotazione sempre più ricca di strumenti necessari al disegno tecnico; di fatto, costruire uno strumento fondamentale per le attività dei progettisti. b) L organizzazione per layers Per spiegare in maniera elementare ed intuitiva il concetto di layer nei software CAD possiamo equipararli a fogli di un blocco, sui quali vengono disegnati parti di uno stesso progetto; una volta assegnati ad uno specifico layer, gli oggetti non possono essere spostati, se non attivando operazioni tipo copia-incolla. La distribuzione su layers distinti consente di visualizzare l intero progetto simultaneamente oppure parti di esso secondo alcune combinazioni, sfruttando opzioni quali visualizza tutti i layers ; visualizza solo il layer attivo ; rendi grigi i layers non attivi. Un organizzazione di questo tipo, per produrre un prodotto funzionale, richiede necessariamente una corretta progettazione preliminare. Un ruolo importante nello stabilire la funzionalità di un CAD dipende dal grado di frammentazione e dalla analiticità dei layers impostati. c) Sistemi di classificazione degli oggetti I layers L assegnazione ad un layer corrisponde di fatto all unico criterio stabile di definizione e riconoscimento degli oggetti. Questo richiede da un lato una pianificazione attenta della distribuzione dei grafi nei diversi layers e dall altro la definizione di un sistema standard e funzionale della nomenclatura dei layers stessi. Il sistema scelto deve inoltre rendere possibile ricercare i diversi oggetti in accordo a criteri più possibile vari e molteplici. 3

4 L organizzazione dei layers non può operare nell ambito di uno schema gerarchico e non può quindi sfruttare questo criterio per creare categorie che renderebbero più agile la consultazione del progetto. Ad esempio, tegole e coppi, antenna televisiva, gronde ecc. corrispondono a tipologie diverse, ed è necessario tenerle distinte per conservare la possibilità di consultarle indipendentemente, fanno però parte della categoria tetto. Nella necessità di avere un tipo di strutturazione gerarchica si può ovviare in modo sicuramente farraginoso e non universale, creando una sorta di convenzione, magari attribuendo un codice identificativo ad ogni layer facente parte di altrettante macro-categorie: è comunque un metodo non limpido e ottimale. Una funzione, già integrata nei pacchetti più sofisticati, per superare almeno in parte l assenza di una struttura di tipo gerarchico è la possibilità di creare delle classi, delle sotto-categorie interne ai singoli layers impostate dall utente per associare oggetti con caratteristiche simili. E possibile selezionare gli oggetti appartenenti alla stessa classe presenti nei layers attivi; qualora i layers interessati siano inattivi (non visibili o in grigio) non verranno compresi nella selezione. I colori Un altro metodo di classificazione degli oggetti e, di conseguenza un altro criterio di ricerca, può essere ottenuto grazie al colore. Colorazioni diverse però non possono essere assegnate ad oggetti contenuti nello stesso layer ed è chiaro dunque che la classificazine per colore deve essere pianificata contemporaneamente alla progettazione della scansione del progetto nei diversi layers. La classificazione per colori non deve essere comunque ritenuta alternativa a quella per layers. In primo luogo perchè il colore può essere modificato anche inavvertitamente, comportando una grave perdita di conoscenza. In secondo luogo, perchè spesso la scansione del colore viene tarata in fase di stampa e di conseguenza potrebbe essere necessario reimpostare il modello CAD ad ogni output. d) Le tabelle I sistemi CAD sono stati sviluppati per rappresentare oggetti geometrici. Nello sviluppo di questi sistemi, è stato previsto che questi oggetti possano essere descritti grazie a tabelle esterne collegate. Il fine è comunque puramente descrittivo: i dati alfanumerici aumentano semplicemente la rappresentazione geometrica di un oggetto con informazioni addizionali relative ad esempio, alla sua forma, posizione, ecc. Ad esempio, un materiale edilizio può essere linkato a dati addizionali che descrivono il suo materiale, il trattamento della superficie ecc. Queste tabelle vengono utilizzate per lo più per effettuare computi metrici effettuando link con fogli di calcolo su cui vengono registrate misure e costi. Il link fra dato e tabelle viene attivato attraverso il nome del layer ed i dati possono essere linkati sia ad un oggetto che all intero layer: questa caratteristica è ad un altro motivo per una strutturazione corretta della nomenclatura del layer. Operando sulle tabelle, possono esser attivate query molto semplici. Le funzioni di collegamento e ricerca sono più o meno estese in base al tipo di software scelto e al livello di sviluppo di questi aspetti nel software stesso. e) La creazione di modelli tridimensionali 4

5 I programmi CAD possiedono strumenti molto efficaci per definire oggetti tridimensionali, oggetti cioè che possiedano oltre ad una larghezza e lunghezza (coordinate x e y) anche un altezza (coordinata z). Un modello 3D viene ottenuto operando un estrusione pari al valore della coordinata z e grazie ad una rotazione (sweep) di profili bidimensionali. Il risultato è un 3D, in cui l oggetto assume una reale tridimensionalità. Dal momento che hanno una localizzazione nello spazio 3D, gli oggetti estrusi possono essere ruotati, posti in prospettiva e traslati. Questa caratteristica rappresenta una distinzione sostanziale con il GIS. Le tecniche di modellazione previste in questa tecnologia consentono di assegnare un valore z solamente come attributo di ognuno dei punti che costituiscono l oggetto o l area da rappresentare. Con tale presupposto, viene a mancare la topologia 3D e l unica operazione possibile è la semplice visualizzazione tridimensionale; è quindi più corretto non parlare di GIS 3D ma GIS 2 D e1/2. Il CAD può produrre 3 tipi di modello 3D: - wire-frame - surface modelling - solid modelling Un modello wire-frame consiste semplicemente in disegni di punti e linee in uno spazio tridimensionale. Non vengono rappresentate facce o superfici del modello ma solo le linee di definizione e di contorno. Non sempre di facile lettura, sono utilizzati per lo più come modelli di lavoro per la loro facilità e velocità di caricamento. Un surface modelling è un modello più complesso del precedente e permette di visualizzare tutte le superfici; non vengono però mostrate le linee di contorno dei diversi oggetti quindi non sono distinguibili i contorni dei diversi oggetti. Un solid modelling mantiene la definizione dei diversi oggetti per cui anche nella modellazione 3D sono perfettamente visibili le distinzioni fra i diversi oggetti. Su modelli di questo tipo possono essere effettuate sezioni 2D, semplicemente tracciando la linea di sezione nel punto desiderato all interno dell oggetto. Tutti i modelli 3D possono essere sottoposti a rendering; con questo termine viene indicato il processo di applicare colore, texture ecc. Sono stati elaborati una serie di processi sofisticati per i CAD per simulare o riprodurre l aspetto degli oggetti. A differenza della tecnologia GIS, il CAD è in grado di produrre modelli 3D in quanto consente di modellare realmente l oggetto, sottoponendolo ad estrusione e rotazione. f) Files multipli In progetti estesi, un solo file CAD può essere sovraccaricato e difficile da gestire. Può quindi essere meglio creare files separati per gli elementi distinti che compongono un progetto esteso. In questo modo, ogni documento CAD può essere visto contemporanemente o come parte di un singolo file. Grazie a questo tipo di impostazione, più persone possono lavorare contemporaneamente ai diversi files che fanno parte dello stesso progetto. 5

6 Gli svantaggi di questo tipo di organizzazione sono da un lato la necessità di mantenere nomi e directory dei files inalterate (unico link fra i diversi file), dall altro invece i tempi di caricamento e di elaborazione dei gruppi di files. g) Esportazione di un documento CAD Per l interscambio di dati fra prodotti CAD non esiste un formato standard proprio. I più diffusi formati di esportazione sono il.dwg ed il.dxf. Il formato.dwg, è proprio del più diffuso programma CAD, AutoCAD di Autodesk, ed è divenuto uno standard. Non si tratta di un formato con una provata compatibilità (a volte anche nell ambito di prodotti diversi della stessa softwarehouse) e non è privo di errori. Il formato.dxf (Drawing Exchanging Format) è un altro formato proprietario sviluppato da AutoDesk ed è progettato per scambiare i dati di AutoCAD verso altri programmi di disegno. Il formato.dxf è largamente usato ma non è controllato da uno standard e quindi Autodesk può modificarlo a suo piacimento con conseguenti frequenti problemi di incompatibilità fra i diversi pacchetti. Il formato.dxf non è altro che un formato in testo tabulatori nel quale vengono registrate le sole informazioni relative alle coordinate mentre viene perso qualsiasi attributo; il formato.dwg invece permette di mantenere la distinzione dei layer e la colorazione. 3) L UTILIZZO DEI SISTEMI CAD IN ARCHEOLOGIA A partire dagli anni 80 i sistemi CAD sono stati ampiamente utilizzati anche in ambito archeologico. Rappresentavano una risposta all esigenza di disporre di un archivio grafico, con il quale sveltire le procedure di presentazione del dato archeologico. Il CAD aveva molti elementi di interesse per l archeologo. In primo luogo, un impostazione di fatto semplice, di facile approccio, con strumenti di disegno abbastanza pratici ed intuitivi: sostanzialmente tecniche di disegno che replicavano in forma digitale quelle utilizzate nel disegno manuale. L organizzazione per layer ha costituito un punto di interesse notevole perchè di fatto duplicava il concetto di overlay e l associazione di più layer ben si adeguava alla nostra idea di pianta di fase o periodo. L assenza di un sistema facile ed esteso di legame fra oggetto grafico e dato alfanumerico costituiva in parte una difficoltà ma abituati per lo più a utilizzare in forma distinta le due categorie di informazione è stata ritenuta a lungo un gap tutto sommato colmabile; gli sviluppi dei sistemi CAD verso un miglioramente del link grafo-informazione hanno di fatto risposto a queste esigenze. E stata così inevitabile una diffusione pressochè globale delle applicazioni CAD per la gestione dei dati grafici proveniente dallo scavo archeologico. Meno diffuse, anche se presenti, le esperienze per quanto riguarda le indagini territoriali; le dimensioni del contesto di studio, su scala territoriale e dunque più ampio di quello di scavo, rendevano più complesse le operazioni di catastazione del dato. Al di là dei vantaggi, la struttura dei CAD poneva però una serie di problemi. 6

7 In primo luogo, la rigidità dell organizzazione per layers e l assenza di criteri di ricerca interni e trasversali rispetto ad essi rendeva necessaria una progettazione preliminare del proprio archivio grafico, non priva di difficoltà ed errori. La più naturale e funzionale scansione dei layers dovrebbe replicare quella adottata dalla documentazione cartacea: overlay=layer; piante di fase o periodo = combinazione di layers. Un impostazione di questo tipo però ha come conseguenza la non gestibilità della banca dati: inserire uno strato per ogni layer permette di inserire in CAD solo scavi di piccola estensione, unità stratigrafiche al massimo mentre diventa ingestibile uno scavo, peraltro nella media, superiore alle centoduecento unità stratigrafiche. Bisogna dunque ricorrere ad una pianificazione che richieda un processo interpretativo preliminare all immissione nel calcolatore. Organizzare una divisione a tavolino necessita di una definizione preliminare sia essa per periodi, o vicinanza spaziale (più o meno indipendente dai rapporti stratigrafici) o qualsiasi criterio le voglia essere imposto. Un procedimento di questo tipo si rivela del tutto insufficiente e non adeguato ai metodi della ricerca archeologica, per la quale è necessario disporre di una catastazione dei dati grafici indipendenti dall informazione interpretata. D altro canto, i sistemi CAD sono stati tarati sulle esigenze dei progettisti e non degli archeologi. Rispetto alla struttura dei loro lavori, architetti ed ingegneri non hanno molte variabili, in quanto trattano di piani costruttivi che per quanto articolati possono essere catastati su un numero limitato di layers e non hanno problemi interpretativi per la creazione dell impalcatura del loro prodotto digitale. D altra parte, necessita di strumenti di disegno tecnico molto raffinati, che il CAD per l appunto gli offre, ma che l archeologo utilizza per il 10% al massimo. E certo che finchè il mercato offriva solo i sistemi CAD l archeologo doveva in un certo senso adattarsi e cercare di ovviare nel miglior modo possibile ai limiti esistenti; ritengo meno logico l intestardirsi nell utilizzo di sistemi limitanti nel momento in cui l innovazione tecnologica offre strumenti più efficaci e funzionali. L introduzione della tecnologia GIS infatti ha fornito una risposta efficace alle difficoltà poste dal CAD. I motivi di questa maggiore funzionalità sono essenzialmente due: l abbattimento della logica dei layers e l esistenza di un legame diretto fra oggetto ed attributi, sui quali possono essere attivati ricerche anche complesse. Adottare un software GIS dà la possibilità di creare lo strumento aperto e funzionale che, al di là delle funzioni di calcolo ed analisi, corrisponde in pieno alle esigenze di archiviazione, lettura e presentazione del dato necessarie all archeologo. Pressochè immediata la conversione alla nuova tecnologia da parte degli archeologi del territorio; molto più ostile e sfiduciato l atteggiamento dell archeologo di scavo, che tutt oggi, a più di dieci anni dalla diffusione dei GIS, stenta a convincersi della loro utilità. Testi di riferimento: EITELJORG II H., FERNIE K., HUGGETT J., ROBINSON D., Archaeology Data Service CAD: A guide to good practice, consultabile all indirizzo web 7

Indice. Indice vi- III. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice. Indice vi- III. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Percezione Costruzioni e comunicazione geometriche Indice vi- III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa,

Dettagli

INTRODUZIONE AI SISTEMI CAD

INTRODUZIONE AI SISTEMI CAD INTRODUZIONE AI SISTEMI CAD 407 Introduzione Il termine CAD sta per Computer-aided Design. L interpretazione corretta del termine è quella di progettazione assistita dal calcolatore (e non di disegno assistito

Dettagli

Ipsia Monza via Monte Grappa 1 20052 Monza (MI) tel. 039-2003476 fax 039-2003475. Corsi CAD 2D Base. Struttura modulare

Ipsia Monza via Monte Grappa 1 20052 Monza (MI) tel. 039-2003476 fax 039-2003475. Corsi CAD 2D Base. Struttura modulare Corsi CAD 2D Base Struttura modulare Struttura della Parte I Concetti di base 1.a introduzione al Cad 2 1.b definizione delle viste 2 1.c interscambio dei disegni 2 1.d visualizzazione dei disegni 2 Tot.

Dettagli

PointCloud 7.0 Anno 2011

PointCloud 7.0 Anno 2011 PointCloud 7.0 Anno 2011 Compatibilità con AutoCAD 2007-2012 ed AutoCAD 2007-2012 Supporto del formato nativo delle nuvole di punti di AutoCAD (PCG) e miglioramento delle performance riguardo la velocità

Dettagli

Progettazione 3D. Area formativa PROGETTAZIONE TECNICA

Progettazione 3D. Area formativa PROGETTAZIONE TECNICA Progettazione 2D Disegno con il programma più diffuso nel campo del disegno CAD e preparazione all eventuale certificazione ECDL Specialised Level - CAD 2D (progettazione Computer Aided Design bidimensionale).

Dettagli

Modellazione tradizionale e CAD

Modellazione tradizionale e CAD Modellazione tradizionale e CAD 2.1 La Modellazione 3D 2.1.1 Il ruolo dei modelli nella progettazione Probabilmente i modelli hanno alle spalle un storia più che millenaria ma è nel Rinascimento che essi

Dettagli

Informazioni Tecniche su TachyCAD

Informazioni Tecniche su TachyCAD Informazioni Tecniche su TachyCAD Le seguenti pagine danno una panoramica dettagliata dei possibili utilizzi di TachyCAD. Per ulteriori domande o commenti, contattateci direttamente. Kubit Italia Topotek

Dettagli

COSTRUIAMO UN AEROMODELLO 3D 4

COSTRUIAMO UN AEROMODELLO 3D 4 COSTRUIAMO UN AEROMODELLO 3D 4 Con i comandi che abbiamo visto fina ad ora dovreste essere in grado di costruire da soli le ali del modello (ovviamente fatene una sola e poi specchiatela), basta trasformare

Dettagli

I principali formati digitali di codifica dell informazione geografica

I principali formati digitali di codifica dell informazione geografica I principali formati digitali di codifica dell informazione geografica I formati digitali di registrazione dell informazione geografica L informazione geografica digitale può essere archiviata secondo

Dettagli

Creare primitive solide

Creare primitive solide Creare primitive solide I solidi sono caratterizzati dal fatto di avere una massa oltre alle superfici e agli spigoli. Rappresentano l intero volume dell oggetto. Caratteristiche Il solido viene creato:

Dettagli

Immagini vettoriali. Immagini raster

Immagini vettoriali. Immagini raster Immagini vettoriali Le immagini vettoriali sono caratterizzate da linee e curve definite da entità matematiche chiamate vettori. I vettori sono segmenti definiti da un punto di origine, una direzione e

Dettagli

TEbIS TAglIo A FIlo DIrETTAMEnTE DAl MoDEllo CAD un programma A CnC perfetto per Il TAglIo A FIlo.

TEbIS TAglIo A FIlo DIrETTAMEnTE DAl MoDEllo CAD un programma A CnC perfetto per Il TAglIo A FIlo. Tebis Taglio a filo Direttamente dal modello CAD un programma a CNC perfetto per il taglio a filo. Con il nuovo modulo dedicato ai processi di elettroerosione a filo, Tebis rende disponibile un ulteriore

Dettagli

autocad sommario 12-10-2006 23:50 Pagina V Indice Introduzione

autocad sommario 12-10-2006 23:50 Pagina V Indice Introduzione autocad sommario 12-10-2006 23:50 Pagina V Indice Introduzione XV Capitolo 1 Introduzione ad AutoCAD 1 1.1 Comprensione della finestra di AutoCAD 1 Componenti della finestra 5 Area di disegno 9 Barra dei

Dettagli

CAD 2D / 3D. Autocad 2D/3D - Revit - Inventor - RhinoCeros - Autocad Eletrical

CAD 2D / 3D. Autocad 2D/3D - Revit - Inventor - RhinoCeros - Autocad Eletrical CAD 2D / 3D Autocad 2D/3D - Revit - Inventor - RhinoCeros - Autocad Eletrical Autocad 2D / 3D Questo corso è indirizzato a chi intenda acquisire le conoscenze necessarie per utilizzare AutoCAD 2D e 3D

Dettagli

Gli autori: Gabriele Congiu e Giovanni Perego...XI. Obiettivi del libro...xi. Struttura del libro...xii. Convenzioni di stile...

Gli autori: Gabriele Congiu e Giovanni Perego...XI. Obiettivi del libro...xi. Struttura del libro...xii. Convenzioni di stile... - Sommario - SOMMARIO PRIMA PARTE - INTRODUZIONE Introduzione...IX Gli autori: Gabriele Congiu e Giovanni Perego...XI Obiettivi del libro...xi Struttura del libro...xii Convenzioni di stile...xii Breve

Dettagli

, Premium2, Premium3

, Premium2, Premium3 , Premium2, Premium3 in generale 2007edition Con Arc+ lavori in completa libertà grazie ad un software fatto su misura per te. Pioniere nel disegno Architettonico e ambientazioni CAD, ARC+ è presente sul

Dettagli

Grafica vettoriale. Al contrario la grafica vettoriale si basa sull'idea di dare una descrizione geometrica dell'immagine

Grafica vettoriale. Al contrario la grafica vettoriale si basa sull'idea di dare una descrizione geometrica dell'immagine Grafica vettoriale Come abbiamo visto in un certo dettaglio, la grafica raster si basa sull'idea di definire certe proprietà (colore, trasparenza, ecc.) di ogni pixel applicazioni di tipo fotografico Al

Dettagli

MArine Coastal Information SysTEm

MArine Coastal Information SysTEm GUIDA ALL UTILIZZO DELL INTERFACCIA CARTOGRAFICA Il MArine Coastal Information SysTEm è un sistema informativo integrato che permette di gestire dati ambientali interdisciplinari (fisici, chimici e biologici)

Dettagli

Gioielleria. Incisoria e modellazione artistica. Lavorazione del Legno

Gioielleria. Incisoria e modellazione artistica. Lavorazione del Legno Gioielleria Incisoria e modellazione artistica Lavorazione del Legno Che cos è ArtCAM? ArtCAM è il software di Delcam dedicato ai settori dell incisoria e della modellazione artistica. Da più di 10 anni

Dettagli

Corso di Disegno Assistito e Laboratorio di Rilievo e Rappresentazione (II anno, annuale, 14 c.f.u.) Docente: Mariangela Liuzzo A.A.

Corso di Disegno Assistito e Laboratorio di Rilievo e Rappresentazione (II anno, annuale, 14 c.f.u.) Docente: Mariangela Liuzzo A.A. Corso di Disegno Assistito e Laboratorio di Rilievo e Rappresentazione (II anno, annuale, 14 c.f.u.) Docente: Mariangela Liuzzo A.A. 2012/2013 PROGRAMMA DEL CORSO Il corso si propone di fornire agli studenti

Dettagli

Introduzione al 3D con Autocad

Introduzione al 3D con Autocad 2 Introduzione al 3D con Autocad Coso di CAD B condotto da Daniela Sidari a.a. 2012/2013 19.02.2013 Modellazione geometrica 3D wireframe superfici solidi Si distinguono tre tecniche principali di modellazione:

Dettagli

www.type3.com SCOPRITE Discover TYPE EDIT V12 Italiano 04-2014 1

www.type3.com SCOPRITE Discover TYPE EDIT V12 Italiano 04-2014 1 www.type3.com SCOPRITE Discover TYPE EDIT V12 Italiano 04-2014 1 Scoprite TYPE EDIT V12, la nuova versione del nostro software CAD/CAM per applicazioni industriali e artistiche dedicate alle macchine CNC.

Dettagli

Tutorial gvsig. Versione 1.1

Tutorial gvsig. Versione 1.1 Tutorial gvsig Versione 1.1 24/10/2007 Tutorial gvsig - Versione 1.1 www.gvsig.org Testo e screenshot a cura di R3 GIS Srl Via Johann Kravogl 2 39012 Merano (BZ) Italia Tel. +39 0473 494949 Fax +39 0473

Dettagli

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Indice III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa, 6 1.4 Il disegno al computer, 7 1.5 La fotografia digitale,

Dettagli

UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA. Siti storici e archeologici

UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA. Siti storici e archeologici UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA Agosto 1998 Siti storici e archeologici La presente comunicazione prende le mosse dal progetto Gestion du patrimoine culturale

Dettagli

Collegio dei Costruttori Edili di Brescia e Provincia info ancebrescia.it www.ancebrescia.it

Collegio dei Costruttori Edili di Brescia e Provincia info ancebrescia.it www.ancebrescia.it PROGRAMMA CORSO AUTOCAD BIDIMENSIONALE Si tratta di un programma molto conosciuto nell ambiente edile che serve ad effettuare la progettazione di edifici o parti di esso, come gli impianti. Gli strumenti

Dettagli

PointCloud 6.0 Anno 2010

PointCloud 6.0 Anno 2010 PointCloud 6.0 Anno 2010 Compatibilità con AutoCAD 2011 Supporto del formato nativo delle nuvole di punti di AutoCAD (PCG) e miglioramento delle performance riguardo la velocità di visualizzazione e le

Dettagli

SOFTWARE TOPOGRAFICO MERIDIANA. Il software topografico da ufficio professionale

SOFTWARE TOPOGRAFICO MERIDIANA. Il software topografico da ufficio professionale MERIDIANA SOFTWARE TOPOGRAFICO Il software topografico da ufficio professionale Catasto Curve di livello Integrazione GPS e Stazione Totale Compensazione rigorosa Progettazione stradale CAD avanzato Post-processing

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per:

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: 1 - File Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: - l apertura e salvataggio di disegni nuovi e esistenti; - al collegamento con altri programmi, in particolare AutoCAD; - le opzioni di importazione

Dettagli

Perché questo corso? A chi è rivolto il corso

Perché questo corso? A chi è rivolto il corso Investi nella crescita della tua professionalità e competenza approcciando al Building Information Modeling con Autodesk Revit Dove la formazione può produrre occupazione Perché questo corso? Il Parlamento

Dettagli

Comandi base di Autocad

Comandi base di Autocad Comandi base di Autocad Gli appunti di Autocad che seguono sono generali, ma possono subire qualche lieve variazione in base alla versione utilizzata oppure nelle versioni più recenti possono essere stati

Dettagli

SymCAD/C.A.T.S. modulo Riscaldamento Schema

SymCAD/C.A.T.S. modulo Riscaldamento Schema SymCAD/C.A.T.S. modulo Riscaldamento Schema Il modulo Riscaldamento Schema permette di effettuare la progettazione integrata (disegno e calcoli) in AutoCAD degli impianti di riscaldamento (tubazioni, radiatori)

Dettagli

Il Disegno Tecnico. Bookin

Il Disegno Tecnico. Bookin Bookin progress Il Disegno Tecnico - secondo anno 2 Il Disegno Tecnico A cura del Prof. Resente Loris con il prezioso contributo dei Pro. Dol M., Morotti G., colleghi e collaboratori della rete Book in

Dettagli

Claudio Gussini Programma dei Corsi I e II Livello

Claudio Gussini Programma dei Corsi I e II Livello Claudio Gussini Programma dei Corsi I e II Livello Livello I - Modellazione Base - In questi primi tre giorni di corso, gli allievi impareranno a disegnare e modificare accuratamente modelli in NURBS-3D.

Dettagli

Capitolo 11. Il disegno in 3D

Capitolo 11. Il disegno in 3D Capitolo 11 Il disegno in 3D o 11.1 Uso delle coordinate nello spazio o 11.2 Creazione di oggetti in 3D o 11.3 Uso dei piani di disegno in 3D (UCS) o 11.4 Creazione delle finestre di vista o 11.5 Definizione

Dettagli

CORSO A CATALOGO - 2011 - Corso ID: 8890 - Disegnatore AutoCAD 2D e 3D

CORSO A CATALOGO - 2011 - Corso ID: 8890 - Disegnatore AutoCAD 2D e 3D CORSO A CATALOGO - 2011 - Corso ID: 8890 - Disegnatore AutoCAD 2D e D Dati principali - Corso ID: 8890 - Disegnatore AutoCAD 2D e D ID Corso: Titolo corso: logia corso: Link dettaglio Master: Master di

Dettagli

Corso di INFORMATICA GRAFICA. Modulo 2 (CAD) Stefano Cinti Luciani. Introduzione ad AutoCAD

Corso di INFORMATICA GRAFICA. Modulo 2 (CAD) Stefano Cinti Luciani. Introduzione ad AutoCAD Corso di INFORMATICA GRAFICA Modulo 2 (CAD) Stefano Cinti Luciani Introduzione ad AutoCAD Autodesk AutoCAD COS È AUTOCAD? Autodesk AutoCAD è un pacchetto software per la costruzione e modifica di disegni

Dettagli

Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore

Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore Luca Cortese c/o Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Ufficio n 20, via Eudossiana 18 tel. 06 44 585 236 e-mail: luca.cortese@uniroma1.it Laboratorio

Dettagli

Introduzione ad ArcView

Introduzione ad ArcView Introduzione ad ArcView A. Albertella F. Migliaccio Politecnico di Milano - Campus Leonardo Piazza Leonardo da Vinci 32, Milano alberta@geo.polimi.it federica@geo.polimi.it 18-21 febbraio 2002 Introduzione

Dettagli

Introduzione a ARCHICAD

Introduzione a ARCHICAD Introduzione a ARCHICAD Politecnico Di Bari Ingegneria Edile - Architettura Corso di Informatica Grafica A.A. 2004/2005 Docente del Corso: Marcello Castellano Assistente: Oronzo Tavani Pre-requisiti Pre-requisiti:

Dettagli

C.A.D. (Computer Aided Design) Tridimensionale AUTOCAD

C.A.D. (Computer Aided Design) Tridimensionale AUTOCAD Corso pratico di C.A.D. (Computer Aided Design) Tridimensionale AUTOCAD Luogo corso: Audio-VideoConferenza ALLEGATI ALLEGATO A Presentazione Azienda ALLEGATO B Descrizione del corso ALLEGATO C Programma

Dettagli

Guida alla progettazione con. RITER Informatica GUIDA PRATICA ALLA CREAZIONE, GESTIONE E RAPPRESENTAZIONE DI GRAFICI VETTORIALI

Guida alla progettazione con. RITER Informatica GUIDA PRATICA ALLA CREAZIONE, GESTIONE E RAPPRESENTAZIONE DI GRAFICI VETTORIALI RITER Informatica GUIDA PRATICA ALLA CREAZIONE, GESTIONE E RAPPRESENTAZIONE DI GRAFICI VETTORIALI Guida alla progettazione con AutoCAD Creazione entità Modifica di un disegno Gestione dei blocchi Copie

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Architettura e funzionalità di una piattaforma GIS. Parte seconda:

Dettagli

FINSON EXTRACAD 6 Manuale d uso minimo

FINSON EXTRACAD 6 Manuale d uso minimo FINSON EXTRACAD 6 minimo AVVIO Attraverso l icona ExtraCAD 2D presente sul desktop o tra i programmi del menù Start. In alcuni casi il software potrebbe non essere stato installato nella cartella Programmi,

Dettagli

Corso di Autocad Revit Architecture - software BIM 3D di Autodesk

Corso di Autocad Revit Architecture - software BIM 3D di Autodesk Corso di Autocad Revit Architecture - software BIM 3D di Autodesk Il BIM consente di far comunicare fra loro tutte le discipline coinvolte nei processi di progettazione architettonica, offrendo a geometri,

Dettagli

attraverso l impiego convenzionale di linee, numeri e simboli Il disegno rappresenta un elemento chiave del ciclo di vita di un prodotto CAM CAM

attraverso l impiego convenzionale di linee, numeri e simboli Il disegno rappresenta un elemento chiave del ciclo di vita di un prodotto CAM CAM Il disegno tecnico di un oggetto è in grado di spiegarne: - la forma, - le dimensioni, - la funzione, - la lavorazione necessaria per ottenerlo, - ed il materiale in cui è realizzato. attraverso l impiego

Dettagli

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Alla fine del capitolo saremo in grado di: Operare su forme tridimensionali comunque inclinate nello spazio rispetto ai piani

Dettagli

Prima Lezione: Costruire una mappa

Prima Lezione: Costruire una mappa Prima Lezione: Costruire una mappa I tipi di informazione geografica disponibili Navigazione nella mappa Coordinate e scala Vista panoramica Introduzione ai GIS GIS significa Sistema Informativo Geografico

Dettagli

FONDAMENTI DI AUTOCAD

FONDAMENTI DI AUTOCAD Indice Introduzione XIII PARTE PRIMA FONDAMENTI DI AUTOCAD 1 Capitolo 1 Iniziare a disegnare 3 1.1 Conoscere AutoCAD 3 1.2 Avviare AutoCAD 4 1.3 Creare un nuovo disegno 5 1.4 Utilizzare l interfaccia di

Dettagli

Gruppo di lavoro 1 Matematica Spazio e figure Traguardi per lo sviluppo della competenza della Scuola dell'infanzia

Gruppo di lavoro 1 Matematica Spazio e figure Traguardi per lo sviluppo della competenza della Scuola dell'infanzia Gruppo di lavoro 1 Matematica Spazio e figure Di estrema importanza è lo sviluppo di un adeguata visione della matematica, non ridotta a un insieme di regole da memorizzare e applicare, ma riconosciuta

Dettagli

MODELLAZIONE SOLIDA. Scheda Solidi. Disegno di un parallelepipedo

MODELLAZIONE SOLIDA. Scheda Solidi. Disegno di un parallelepipedo MODELLAZIONE SOLIDA Cliccando con il tasto destro sulla barra grigia in alto attiviamo la scheda dei Solidi > Gruppo di schede > Solidi. Tale scheda si compone di diversi gruppi: il gruppo di Modellazione

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

ARCHITETTURA. Rubrica Infografica

ARCHITETTURA. Rubrica Infografica RICOSTRUZIONE/Empler 26-07-2007 13:06 Pagina 47 PROGETTARE ARCHITETTURA Tommaso Empler* Rubrica Infografica Ricostruzione infografica di una situazione ambientale urbana Dopo aver illustrato le procedure

Dettagli

Esperto esterno Arch. Vincenza Garofalo. Tutor interno Prof. Carlo Pollaci RELAZIONE FINALE A CURA DELL ESPERTO

Esperto esterno Arch. Vincenza Garofalo. Tutor interno Prof. Carlo Pollaci RELAZIONE FINALE A CURA DELL ESPERTO Liceo Scientifico Statale Benedetto Croce - Palermo P.O.N. "COMPETENZE PER LO SVILUPPO" FONDO SOCIALE EUROPEO A.S. 2009/2010 OBIETTIVO C : Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani AZIONE

Dettagli

AutoCAD 2D Corso di base

AutoCAD 2D Corso di base AutoCAD 2D Corso di base Introduzione C.A.D. (Computer Aided Design) Permette di disegnare con l aiuto del computer. Le più diffuse applicazioni di AutoCAD sono: disegni architettonici ; disegni di interni;

Dettagli

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007.

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. La convenzione stipulata tra la Soprintendenza per i Beni

Dettagli

UN USO DIVERSO DEL COMANDO RACCORDA

UN USO DIVERSO DEL COMANDO RACCORDA UN USO DIVERSO DEL COMANDO RACCORDA Il comando raccorda ha anche un uso diverso da quello di smussare gli angoli di polinee o di poligoni.. Può servire per ottenere un tipo molto particolare di ESTENDI.

Dettagli

Territoriali. prof. ing. Nicola Crocetto

Territoriali. prof. ing. Nicola Crocetto Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Ingegneria Corso di Telerilevamento e Sistemi Informativi Territoriali prof. ing. Nicola Crocetto dott. ing. Giuseppe Domenico Santagata GIS Un GIS (Geographic

Dettagli

Dall idea alla realtà. L'unione fa la forza...e nel nostro caso fa anche la differenza!

Dall idea alla realtà. L'unione fa la forza...e nel nostro caso fa anche la differenza! Siamo un gruppo affiatato di giovani professionisti, che hanno deciso di lavorare in team, questo ci consente di metterci sempre in discussione e migliorare i nostri risultati, ma soprattutto l'eterogeneità

Dettagli

Modulo 3. Rappresentazione di solidi mediante forntiera e strutture dati collegate.

Modulo 3. Rappresentazione di solidi mediante forntiera e strutture dati collegate. Modulo 3. Rappresentazione di solidi mediante forntiera e strutture dati collegate. Nel precedente modulo abbiamo presentato le modalità di rappresentazione di un solido mediante enumerazione o mediante

Dettagli

ACCOMPAGNAMENTO ALLE INDICAZIONI NAZIONALI- MIUR 2012 MATEMATICA. Nodo concettuale disciplinare

ACCOMPAGNAMENTO ALLE INDICAZIONI NAZIONALI- MIUR 2012 MATEMATICA. Nodo concettuale disciplinare ACCOMPAGNAMENTO ALLE INDICAZIONI NAZIONALI- MIUR 2012 CURRICOLO VERTICALE MATEMATICA NUCLEO TEMATICO SPAZIO E FIGURE Nodo concettuale disciplinare DESCRIVERE E RAPPRESENTARE LE FORME E LO SPAZIO (Daniela

Dettagli

Corso di Autocad Revit Architecture - software BIM 3D di Autodesk

Corso di Autocad Revit Architecture - software BIM 3D di Autodesk Corso di Autocad Revit Architecture - software BIM 3D di Autodesk Il BIM (Building Information Modeling) consente di far comunicare fra loro tutte le discipline coinvolte nei processi di progettazione

Dettagli

tratta dati dotati di una forma geometrica, per cui ha senso parlare di forma e posizione

tratta dati dotati di una forma geometrica, per cui ha senso parlare di forma e posizione Sistemi informativi e GIS Sistema Informativo: insieme di strumenti per raccogliere, immagazzinare, elaborare, ricercare e presentare informazioni relative ad un determinato ambito applicativo (contabilità,

Dettagli

Disegno 2D, rappresentazioni

Disegno 2D, rappresentazioni CAD 2D/3D Disegno 2D, rappresentazioni piane Disegno 2D, rappresentazioni piane Il CAD 2D è il livello base per il disegno bidimensionale, cioè quello che consente di rappresentare un oggetto mediante

Dettagli

CORSO BASE DI REVIT ARCHITECTURE 2014

CORSO BASE DI REVIT ARCHITECTURE 2014 Corso di Autocad Revit Architecture - software BIM 3D di Autodesk Il BIM consente di far comunicare fra loro tutte le discipline coinvolte nei processi di progettazione architettonica, offrendo a geometri,

Dettagli

Corso di laurea in DESIGN E COMUNICAZIONE INTERIOR DESIGN

Corso di laurea in DESIGN E COMUNICAZIONE INTERIOR DESIGN Seconda Università degli studi di Napoli Facoltà di Architettura Luigi Vanvitelli Corso di laurea in DESIGN E COMUNICAZIONE INTERIOR DESIGN Interior Design (ICAR17) Prof.arch. Raffaele CUTILLO Progettazione

Dettagli

Dati geografici. Lezione 2. Modelli di dati. Umberto Vesco. Corso di Elementi di ecologia applicata alla pianificazione faunistica.

Dati geografici. Lezione 2. Modelli di dati. Umberto Vesco. Corso di Elementi di ecologia applicata alla pianificazione faunistica. Dati geografici Lezione 2 Modelli di dati Umberto Vesco Corso di Elementi di ecologia applicata alla pianificazione faunistica 3 Maggio 2006 Parte I Dati geografici Definizione di dato geografico sono

Dettagli

Grafica vettoriale. applicazioni di tipo fotografico

Grafica vettoriale. applicazioni di tipo fotografico Grafica vettoriale Come abbiamo visto in un certo dettaglio, la grafica raster si basa sull'idea di definire certe proprietà (colore, trasparenza, ecc.) di ogni pixel applicazioni di tipo fotografico Al

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system 4 - PARTICELLE

S.C.S. - survey CAD system 4 - PARTICELLE 4 - PARTICELLE Il menu PARTICELLE gestisce la creazione di nuove particelle mediante diversi problemi relativi alla divisione di aree. È possibile impostare l orientamento della dividente, generarla parallela

Dettagli

Corso PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA INTEGRATA BIM CON REVIT

Corso PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA INTEGRATA BIM CON REVIT AREA FORMAZIONE AREA SICUREZZA Corso PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA INTEGRATA BIM CON REVIT PRESENTAZIONE Acronimo di Building Information Modeling, il BIM è il processo di creazione e gestione del modello

Dettagli

GRAPHPAD - PRO GUIDA PER GLI UTENTI

GRAPHPAD - PRO GUIDA PER GLI UTENTI GRAPHPAD - PRO GUIDA PER GLI UTENTI Settembre 2011 v2.3.0 Di Robert Shawhan Presentazione: 2 Interfaccia: 2 Schizzo: 2 Punti: 2 Linee: 2 Aree: 2 Archi: 2 Dimensioni: 2 Mettere in scala: 2 Frecce: 2 Testo:

Dettagli

Claudio Mazzi. I Modelli Implementativi - Scelta e valutazione dei sistemi open-source e proprietari per la produzione e la gestione

Claudio Mazzi. I Modelli Implementativi - Scelta e valutazione dei sistemi open-source e proprietari per la produzione e la gestione Claudio Mazzi I Modelli Implementativi - Scelta e valutazione dei sistemi open-source e proprietari per la produzione e la gestione Gli strumenti della GeoUML Methodology sono in grado di gestire diversi

Dettagli

Le superfici e i modelli di elevazione digitale in genere possono essere rappresentati mediante le strutture raster Difetto delle strutture dati

Le superfici e i modelli di elevazione digitale in genere possono essere rappresentati mediante le strutture raster Difetto delle strutture dati Triangulated Irregular Network Le superfici e i modelli di elevazione digitale in genere possono essere rappresentati mediante le strutture raster Difetto delle strutture dati raster classiche: sono a

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali. Legge e comprende testi che coinvolgono aspetti logici e matematici.

Dettagli

Indice. Ventilazione Standard

Indice. Ventilazione Standard SYMCAD VENTIILAZIIONE STANDARD Indice 1. Descrizione del modulo 1.1 Introduzione 1.2 Applicazioni 2. Disegno 2.1 Percorso della rete 2.2 Vincoli e parametri progettuali 2.3 Comandi ausiliari 3. Calcolo

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

ref building AREA ASSET AREA PROPERTY AREA FACILITY AREA AGENCY SCHEDA DI PRODOTTO CONSISTENZA CATASTO FISCALITA GESTIONE DOCUMENTALE CAD GIS

ref building AREA ASSET AREA PROPERTY AREA FACILITY AREA AGENCY SCHEDA DI PRODOTTO CONSISTENZA CATASTO FISCALITA GESTIONE DOCUMENTALE CAD GIS ref building SCHEDA DI PRODOTTO CONSISTENZA CATASTO AREA ASSET FISCALITA GESTIONE DOCUMENTALE CAD GIS LOCAZIONI ATTIVE LOCAZIONI PASSIVE AREA PROPERTY INCASSI MOROSITA SERVIZI AL FABBRICATO CONDOMINI FORESTERIE

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE D. MILANI MONTICHIARI CORSO DI AUTOCAD 2014/15 DOCENTE :GIOACCHINO IANNELLO

ISTITUTO SUPERIORE D. MILANI MONTICHIARI CORSO DI AUTOCAD 2014/15 DOCENTE :GIOACCHINO IANNELLO ISTITUTO SUPERIORE D. MILANI MONTICHIARI CORSO DI AUTOCAD 2014/15 DOCENTE :GIOACCHINO IANNELLO AutoCAD (prodotto dall'autodesk) è, senza dubbio, il programma più diffuso nel campo del disegno tecnico assistito

Dettagli

Introduzione ai GIS. Potenzialità e limiti & software in commercio

Introduzione ai GIS. Potenzialità e limiti & software in commercio Potenzialità e limiti & software in commercio Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali Genova, 26 marzo 2013 Cos è un GIS (Geographic Information System)? [SIT

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA

CURRICOLO MATEMATICA 1 CURRICOLO MATEMATICA Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 2 NUMERI Raggruppare, ordinare, contare, misurare oggetti, grandezze ed eventi direttamente esperibili. Utilizzare calendari settimanali

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Introduzione ai GIS Le attività dell uomo...... hanno sempre un

Dettagli

software applicativo per AutoCAD OmbraSolare 1.0 - Manuale d uso

software applicativo per AutoCAD OmbraSolare 1.0 - Manuale d uso software applicativo per AutoCAD OmbraSolare 1.0 - Manuale d uso Indice Descrizione...pag. 3 Installazione. pag. 4 Caricamento in AutoCAD ed avvio del programma. pag. 4 Uso di OmbraSolare....pag. 5 Disegno

Dettagli

Approccio al BIM BUILDING INFORMATION MODELING

Approccio al BIM BUILDING INFORMATION MODELING Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà Approccio al BIM

Dettagli

Syllabus P.E.K.I.T. CAD

Syllabus P.E.K.I.T. CAD Syllabus P.E.K.I.T. CAD 1 Fase 1 Concetti di base 1.1 Cominciare a lavorare 1.1.1 Campi di applicazioni del CAD Sistemi di disegno tecnico computerizzato (CAE, CAM, GIS) Autodesk e le versioni di AutoCAD,

Dettagli

AutoCAD 2D. Corso di base. Roberta Virili

AutoCAD 2D. Corso di base. Roberta Virili AutoCAD 2D Corso di base Roberta Virili Introduzione C.A.D. (Computer Aided Design) Permette di disegnare con l aiuto del computer. Le più diffuse applicazioni di AutoCAD sono: disegni architettonici ;

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Use of the GIS Software. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Use of the GIS Software. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE Use of the GIS Software Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL GIS Modulo 3 Uso di un software GIS. Il syllabus descrive, attraverso i risultati

Dettagli

FFA CAD 2D/3D E RENDERING CON 3D STUDIO MAX

FFA CAD 2D/3D E RENDERING CON 3D STUDIO MAX FFA CAD 2D/3D E RENDERING CON 3D STUDIO MAX OBIETTIVI Il corso si propone di fornire agli allievi le abilità pratiche necessarie per una corretta formazione relativa all uso professionale di AUTOCAD 2D,

Dettagli

Modellazione di una parte mediante le Superfici

Modellazione di una parte mediante le Superfici Modellazione di una parte mediante le Superfici Numero di pubblicazione spse01560 Informativa sui diritti di proprietà esclusiva e sulle limitazioni d uso Questo prodotto software e la relativa documentazione

Dettagli

SITI Viewer GIS. Progetto SITI Catasto 1.4. Manuale Utente. ABACO S.r.l.

SITI Viewer GIS. Progetto SITI Catasto 1.4. Manuale Utente. ABACO S.r.l. Progetto SITI Catasto 1.4 Manuale Utente SITI Viewer GIS ABACO S.r.l. ABACO S.r.l. C.so Umberto, 43 46100 Mantova (Italy) Tel +39 376 222181 Fax +39 376 222182 www.abacogroup.com e-mail : info@abacogroup.com

Dettagli

La strada più veloce per il Reverse Engineering

La strada più veloce per il Reverse Engineering La strada più veloce per il Reverse Engineering Modelli Cad parametrici a partire da scansioni 3D Riprogettare oggetti fisici in modelli CAD matematici con il vostro Scanner 3D e RAPIDFORM XOR Velocizzare

Dettagli

Le strumentazioni laser scanning oriented per i processi di censimento anagrafico dei patrimoni

Le strumentazioni laser scanning oriented per i processi di censimento anagrafico dei patrimoni CONVEGNO FACILITY MANAGEMENT: LA GESTIONE INTEGRATA DEI PATRIMONI PUBBLICI GENOVA FACOLTA DI ARCHITETTURA 06.07.2010 Le strumentazioni laser scanning oriented per i processi di censimento anagrafico dei

Dettagli

Gianluca Porrello Salvatore Grillo PROGETTARE CON AutoCAD. GUIDA AL DISEGNO 2D E 3D ISBN 13 978-88-8207-380-0 EAN 9 788882 073800

Gianluca Porrello Salvatore Grillo PROGETTARE CON AutoCAD. GUIDA AL DISEGNO 2D E 3D ISBN 13 978-88-8207-380-0 EAN 9 788882 073800 Gianluca Porrello Salvatore Grillo PROGETTARE CON AutoCAD. GUIDA AL DISEGNO 2D E 3D ISBN 13 978-88-8207-380-0 EAN 9 788882 073800 Manuali, 89 Prima edizione, marzo 2010 Porrello, Gianluca Progettare

Dettagli

Object creation Schaffen von Objekten Creazione di oggetti Création d objets Creación de objetos. ArchiForma. vers. 2.0 PLUG-IN FOR ARCHICAD.

Object creation Schaffen von Objekten Creazione di oggetti Création d objets Creación de objetos. ArchiForma. vers. 2.0 PLUG-IN FOR ARCHICAD. Object creation Schaffen von Objekten Creazione di oggetti Création d objets Creación de objetos ArchiForma vers. 2.0 PLUG-IN FOR ARCHICAD Cigraph ArchiForma Manuale Utente Cigraph S.r.l. Via Orsato, 38

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 A2 Elaborazione grafica in 2D 1 Prerequisiti Utilizzo elementare di applicazioni grafiche Conoscenza elementare di dispositivi grafici Elementi di numerazione binaria 2 1

Dettagli

Creare superfici. Le superfici. Informatica Grafica ][ Le superfici. Le superfici. Le superfici. Le superfici

Creare superfici. Le superfici. Informatica Grafica ][ Le superfici. Le superfici. Le superfici. Le superfici Informatica Grafica ][ Creare superfici Come visto nel corso di IG1, gli oggetti 3D vengono memorizzati attraverso le superfici che li delimitano. In Maya esistono 3 diverse classi di superfici: Marco

Dettagli

SymCAD/C.A.T.S. modulo Canali Schema

SymCAD/C.A.T.S. modulo Canali Schema SymCAD/C.A.T.S. modulo Canali Schema Il modulo Ventilazione Standard permette di effettuare la progettazione integrata (disegno e calcoli) in AutoCAD di reti di canali aria (mandata e ripresa). Il disegno

Dettagli

MODULO 3/4 - TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE - (Supporto didattico)

MODULO 3/4 - TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE - (Supporto didattico) MODULO 3/4 - TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE - (Supporto didattico) 1. Alcuni obiettivi da far conseguire agli alunni entro la quinta classe della scuola primaria riguardano sostanzialmente un capitolo della

Dettagli

Disegno tradizionale VS modellazione digitale affinità e differenze. Modello matematico VS modello numerico

Disegno tradizionale VS modellazione digitale affinità e differenze. Modello matematico VS modello numerico Disegno tradizionale VS modellazione digitale affinità e differenze Modello matematico VS modello numerico IUAV Disegno Digitale Camillo Trevisan Capitelli hatoriani di Abu Fedah, dalla Description de

Dettagli

Computer Graphics. La disciplina fornisce metodi per creare elaborare memorizzare visualizzare. immagini di oggetti o scene mediante un computer

Computer Graphics. La disciplina fornisce metodi per creare elaborare memorizzare visualizzare. immagini di oggetti o scene mediante un computer Computer Graphics La disciplina fornisce metodi per creare elaborare memorizzare visualizzare immagini di oggetti o scene mediante un computer Image Processing La disciplina fornisce metodi per acquisire

Dettagli