L ELEMENTO AMERINDIO NEL LESSICO ITALIANO. ANALISI STORICO-ETIMOLOGICA E DOCUMENTAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ELEMENTO AMERINDIO NEL LESSICO ITALIANO. ANALISI STORICO-ETIMOLOGICA E DOCUMENTAZIONE"

Transcript

1 UNIVERSITÄT DES SAARLANDES PHILOSOPHISCHE FAKULTÄT II SPRACH-, LITERATUR- UND KULTURWISSENSCHAFTEN L ELEMENTO AMERINDIO NEL LESSICO ITALIANO. ANALISI STORICO-ETIMOLOGICA E DOCUMENTAZIONE LESSICOGRAFICA DI PAROLE PROVENIENTI DALLʼAMERICA CENTRALE E MERIDIONALE DISSERTATION ZUR ERLANGUNG DES AKADEMISCHEN GRADES EINES DOKTORS DER PHILOSOPHIE DER PHILOSOPHISCHEN FAKULTÄTEN DER UNIVERSITÄT DES SAARLANDES vorgelegt von ANGELO VARIANO aus CAMPOBASSO SAARBRÜCKEN, 2014

2 Der Dekan Prof. Dr. Dr. h.c. Roland Marti Berichterstatter Prof. Dr. Dr. h.c. Wolfgang Schweickard Prof. Dr. Claudia Polzin-Haumann Tag der letzten Prüfungsleistung:

3 Indice Introduzione V Capitolo primo. Il prestito linguistico Introduzione Il prestito Sul concetto di prestito Prestito e interferenza linguistica Questioni terminologiche Sul concetto di lusso e di necessità Sul concetto di esotismo, di forestierismo, di americanismo 13 Capitolo secondo. Il prestito extra-europeo Le trafile dei prestiti extra-europei I prestiti europei negli studi di italianistica: caratteri generali I prestiti extra-europei negli studi di italianistica Stratificazione cronologica di parole extra-europee 35 Capitolo terzo. Gli Europei e il Nuovo Mondo Profilo storico e sociale La Spagna Il Portogallo Le altre nazioni europee: Olanda, Francia, Inghilterra Il contatto linguistico con il Nuovo Mondo La letteratura missionaria La letteratura odeporica Cronistorie, lettere e relazioni di viaggio Il viaggio scientifico La letteratura scientifica nel XVIII e XIX secolo: opere compilative, dizionari, riviste specialistiche 69 I

4 Capitolo quarto. Le lingue amerindie del Centro e del Sud America Storia degli studi Una tassonomia delle lingue amerindie Le lingue generali amerindie 83 Capitolo quinto. L elemento amerindio nel lessico italiano L apporto amerindio nel lessico italiano Una tassonomia lessicale Sulla natura degli amerindianismi nel lessico italiano Studi e ricerche Panoramica generale di studi sulle lingue amerindie Gli amerindianismi: studi e opere lessicografiche Gli amerindianismi in italiano: studi e ricerche Gli amerindianismi nei dizionari italiani Amerindianismi di àmbito faunistico non entrati nel lessico comune Amerindianismi di àmbito faunistico entrati nel lessico comune Amerindianismi di àmbito botanico Amerindianismi da altri àmbiti Amerindianismi assenti nei dizionari dell uso Amerindianismi assenti nella lessicografia italiana Amerindianismi e dizionari: qualche osservazione conclusiva Gli amerindianismi nei dialetti italiani Amerindianismi inalterati Amerindianismi alterati d uso comune Amerindianismi alterati d uso specialistico Mutamento ed estensione semantica Alcune osservazioni conclusive 140 Capitolo sesto: Il Glossario Il lemmario Le fonti Le fonti dirette Google libri: potenzialità e limiti di uno strumento La struttura delle voci 146 II

5 6.4. Alcune osservazioni sulle voci Alcune osservazioni sul glossario Prosepettive di lavoro 152 Glossario 155 Appendice 419 Bibliografia 436 III

6

7 INTRODUZIONE Nellʼàmbito della ricerca sul contatto linguistico gli studi sui forestierismi nella lingua italiana trovano da sempre terreno fertile. La sfera lessicale, prima di quella fonetica e morfosintattica, è stata e tuttora è al centro di un intenso dibattito, che ruota attorno al concetto di prestito linguistico. Il presente lavoro, inserendosi in questo panorama, intende portare lʼattenzione su un aspetto di settore ancora poco noto: lʼinflusso delle lingue indigene amerindie nel lessico italiano. Nel dettaglio, si vuole evidenziare il modo in cui il lessico italiano ha recepito una quota di lessico amerindio dalle principali lingue indigene sudamericane, alcune delle quali meglio conosciute come lingue generali. Lʼingresso di tali parole, come noto, non avviene quasi mai attraverso una trafila diretta, ovvero attraverso un contatto diretto tra lʼitalia e il continente americano. Seppur non manchino rare eccezioni (come vedremo, alcune parole giungono in Italia attraverso la mediazione di viaggiatori, esploratori e naturalisti italiani o anche stranieri, ma conoscitori della lingua italiana), nella maggior parte dei casi è una lingua europea a farsi portatrice di un bagaglio non autoctono che, successivamente, trasferisce alla lingua con cui viene in contatto. Quando questo avviene la parola ha già risentito degli effetti di un sistema linguistico a essa estraneo. Pertanto nostro obiettivo è mostrare, per quanto possibile, come parole, il cui etimo remoto è da ricercarsi nelle principali lingue indigene del continente centrale e meridionale dellʼamerica, siano entrate, prevalentemente nellʼitaliano scritto scientifico, o comunque settoriale, e a volte senza attestarsi stabilmente, attraverso la mediazione di una o più lingue europee. Il nostro studio intende indagare sia aspetti diacronici che sincronici mostrando, attraverso una metodologia storico-etimologica, V

8 il grado di sviluppo e di diffusione di tali parole. Lʼintento è di spiegare nel modo più chiaro possibile, analizzando sia aspetti linguistici che storico-sociali, il ruolo delle lingue amerindie allʼinterno del panorama del contatto linguistico con lʼitalia. Il presente lavoro consta di tre parti: nella prima parte (capp. 1-2) si focalizza l attenzione sul concetto di prestito linguistico e di esotismo in chiave sia sincronica che diacronica. In particolar modo vengono analizzate, sotto un aspetto propriamente semantico, le etichette, ormai desuete e anacronistiche, di prestito di lusso e di necessità e quella di esotismo. Nel secondo capitolo viene riformulato il concetto di esotismo, generalmente applicato anche ai forestierismi giunti dal continente centrale e meridionale americano, e da noi sostituito con quello più dettagliato di amerindianismo ( ). Nella seconda parte (capp. 3-5), dopo aver contestualizzato, attraverso brevi nozioni storiche, la presenza degli amerindianismi in Europa e in Italia viene trattato il contatto linguistico tra gli europei e il nuovo mondo sotto un priflo letterario. Unʼanalisi sulle parole amerindie nel lessico italiano non può esimersi dal trattare questioni inerenti al contesto letterario in cui esse sono entrate e si sono diffuse; ci è parso doveroso fare una riflessione diacronica sulle varie tipologie narrative che hanno accolto gli amerindianismi. I paragrafi della seconda parte ( ) sono dedicati alla letteratura che ha trattato del continente americano: dalle cronistorie, lettere, relazioni di viaggio cinquecentesche italiane ai repertori lessicografici amatoriali spagnoli e portoghesi passando per l importante apporto della letteratura scientifica europea, attraverso le riviste specialistiche in primis di biologia, antropologia, botanica e zoologia; una sezione è dedicata anche agli attuali dizionari sintattici e morfologici delle lingue amerindie. Segue poi (cap. 4) una rassegna delle principali lingue amerindie che hanno prestato, attraverso le linguetramite europee, parole al lessico dell uso comune o ai linguaggi specialistici. Il cap. 5, nel dettaglio, affronta le questioni poste dagli studi effettuati sugli amerindianismi, sia in àmbito straniero che italiano, tra il XX e il XXI secolo. Infine, la terza parte (cap. 6) è composta interamente dal Glossario. Per ciascuna parola presentata viene stabilito l etimo remoto (la lingua amerindia o la famiglia linguistica amerindia di provenienza), la trafila europea d arrivo, eventuali varianti grafemiche e un commento di spiegazione. Inoltre, alcune voci, quelle che maggiormente hanno attecchito nella lingua italiana, presentano anche esiti dialettali VI

9 registrati nei principali repertori lessicografici dialettali. La struttura del lemma analizzato si chiude con una bibliografia di riferimento basata sulla consultazione dei maggiori dizionari etimologici europei e specialistici delle principali lingue amerindie. Nelle conclusioni, infine, si propone sinteticamente una riflessione su alcuni aspetti dell influsso delle lingue amerindie nell italiano che sembrano emergere in modo rilevante dal nostro glossario. VII

10

11 CAPITOLO PRIMO. IL PRESTITO LINGUISTICO 1.1 Introduzione «Une étude de l emprunt est et doît être avant tout lexicologique». Così scrive Ivan Klajn, citando Louis Deroy, nel suo noto lavoro Influssi inglesi nella lingua italiana (1972). La frase dello studioso francese, a distanza di più di cinquant anni, è ancora il caposaldo per i lavori di lessicologia e lessicografia, e gli studi a riguardo continuano a interrogarsi sulle conseguenze del prestito linguistico sia in prospettiva diacronica che sincronica. Riflettere sul prestito significa inevitabilmente parlare di influenza linguistica, dell influsso che una lingua esercita su un altra. Notevoli lavori si sono occupati di questo, da quelli già citati di Louis Deroy e Ivan Klajn, a Lexical Borrowing in the Romance languages di T. E. Hope, agli ormai noti e indispensabili saggi sull interferenza linguistica di Roberto Gusmani, in primo luogo Aspetti del prestito linguistico e Saggi sull interferenza linguistica. Per quanto concerne i prestiti 1 provenienti dalle Americhe nella lingua italiana è doveroso citare i lavori 2 di Gian Luigi Beccaria, Spagnolo e spagnoli in Italia. Riflessi ispanici sulla lingua italiana del Cinque e del Seicento di Gian Luigi Beccaria, L esotismo nel lessico italiano e Voci orientali ed esotiche nella lingua italiana di Marco mancini e L Apporto spagnolo, portoghese e catalano (che verte in 1 Nellʼàmbito della ricerca linguistica il concetto di prestito linguistico è ricco di molteplici significati non sempre convergenti lʼuno con lʼaltro. In questa sede si è scelto di intendere il sostantivo nel suo significato più comune: ʻfenomeno per cui una lingua trae da unʼaltra un elemento, di solito un vocabolo, più o meno adattandolo al suo sistema fonologico e morfologico; lʼelemento stessoʼ (GRADIT 2007). Come si avrà modo di trattare dettagliatamente nei prossimi capitoli, la lingua italiana solo in rarissimi casi ha preso in prestito direttamente parole dalle lingue indigene del continente centrale e meridionale americano; nella maggior parte dei casi il prestito è avvenuto tra la lingua italiana con un altro sistema linguistico europeo. 2 Facciamo qui solo una marginale panoramica dei lavori; un ampia rassegna sulla lessicografia amerindia e sugli studi italiani in questo settore verrà trattata nei capitoli successivi. 1

12 particolar modo sul ruolo di mediazione linguistica svolto da Spagna e Portogallo con le lingue amerindie) di Alfonso D Agostino, oltre, ovviamente, al pioneristico testo in quest àmbito, L elemento iberico nella lingua italiana di Enrico Zaccaria, studio che seppur imperlato di note di colore amatoriale, riesce a fornire preziose informazioni, soprattutto per diverse parole amerindie presenti nella letteratura odeporica italiana. Nell affrontare uno studio sul lessico di origine amerindia, bisogna considerare quanto affermato da Paolo Zolli: «per quanto riguarda lo studio dei forestierismi in italiano non disponiamo di strumenti adeguati né uniformi. L influsso di certe lingue è stato studiato con eccezionale larghezza di documentazione (pensiamo all arabo per il quale G. B. Pellegrini ha condotto spogli amplissimi su testi medievali), l influsso di altre è stato si può dire trascurato dagli studiosi [...] anche per le lingue più studiate, certi periodi sono studiati a fondo, altri sono stati ignorati: è il caso del francese, dell inglese, dello spagnolo» (Zolli 1976: 6). I lavori che affrontano la questione dei prestiti lessicali provenienti dal continente americano non sono molti, e la questione si complica maggiormente quando per essi bisogna identificare suoni con lettere e pronuncia con ortografia, oltre che la giusta trafila europea (quando ce n è sola una) che ha permesso il loro ingresso nella lingua d arrivo. Nonostante le difficoltà insite in una siffatta operazione, proveremo a fornire un quadro esaustivo delle entrate lessicali di origine amerindia presenti nel lessico italiano Il prestito Sul concetto di prestito Uno studio sui prestiti dalle parole indigene amerindie nel lessico italiano non può esimersi dal richiamare, seppur in maniera sintetica, alcuni temi della tradizione linguistica. L indagine di parole provenienti da altri sistemi linguistici è strettamente correlata all àmbito del contatto e dell interferenza linguistica e dunque, in primis, al concetto del prestito linguistico. Il termine prestito è legato eminentemente a parole che, a seguito di un contatto, passano da un sistema linguistico A a uno B. Esito di un fenomeno di 2

13 interferenza tra due lingue, il prestito, nella linguistica, assume un significato suo proprio, esula, cioè, da obblighi di restituzione. Gia Louis Deroy nel 1956 commentava così il sostantivo: «Il est inexact, a-t-on dit, d appeler emprunt un élément dont le prêteur n est pas plus dépourvu après qu avant et que l emprunteur n a ni l obligation ni l intention de restituer» 3 (Deroy 1956: 18). In tale ottica, seguendo Maurizio Dardano (1996: 256), siamo più propensi a parlare di prestito come di un processo di cattura lessicale nella relazione che avviene tra le lingue. Il fenomeno del prestito linguistico, infatti, prima ancora di interessare l aspetto fonologico e morfosintattico di una lingua, è un innovazione del domino della parola; come sostiene Ivan Klajn, «nell influsso che una lingua esercita sull altra, l elemento di gran lunga più importante è costituito sempre dai prestiti lessicali [...] essi non soltanto sono molto più numerosi dei prestiti non lessicali, ma rappresentano il veicolo che rende possibile l adozione di questi ultimi [...] gli elementi fonetici, grafici, morfologici stranieri (con la sola eccezione di alcuni costrutti sintattici che superano l ambito del vocabolo) non arrivano indipendentemente, ma sono estratti dai prestiti lessicali ricevuti in precedenza» (Klajn 1972: 9). Prima di lui, Einar Haugen (Haugen 1950), aveva già focalizzato la questione, considerando per una lingua molto più facile prendere in prestito sostantivi che parti del discorso come suffissi, flessioni, suoni 4. Ovviamente, il prestito linguistico è tale solo in condizioni di contatto linguistico; ciò può comportare il cambiamento della lingua stessa, con interferenze di sostrato, superstrato e adstrato, o, se la lingua è stata conservata ma il contatto è stato particolarmente intenso, anche importanti cambi strutturali al suo interno. Il principio generale con il quale si vuole spiegare il prestito linguistico è determinato dal fattore extra-linguistico, oltre al fatto di essere collegato a filo doppio con esso: «quanto più stretti sono i rapporti, tanto più facile e frequente è il passaggio di parole» (Zolli 1976: 1). I contatti linguistici, storicamente, si spiegano quasi sempre con condizioni di iniquità sociale: guerre, conquiste, colonizzazioni, 3 Tuttavia l autore cita anche casi di emprunts aller-retour, in cui la parola prestata è poi rientrata nel sistema linguistico d origine con un significato diverso: «sont les mots de l ancien français qui, passés en anglais, ont été rempruntés par le français moderne: on passe ainsi de bougette petit sac à budget, de tenez terme du jeu de paume à tennis [ ]. Il faut dire que ces mots nous sont revenus avec des sens spéciaux et c est cela naturellement qui explique le remprunt» (ib.: 19). 4 A tal proposito si veda E. Haugen, The Analysis of Linguistic Borrowing, «Language» XXVI, 1950, pp ; A. Meillet, Linguistique historique et linguistique générale, Paris, La société de linguistique de Paris,

14 migrazioni forzate, schiavitù. Il prestito è legato anche al livello di avanzamento raggiunto da un popolo in un determinato campo. «La terminologia musicale ed artistica delle principali lingue europee, ad esempio è d origine italiana, data la superiorità avuta per lunghi secoli dall Italia nel campo delle belle arti; viceversa molti termini italiani della moda sono d origine francese a causa del predominio tenuto dalla Francia in questo settore. Le voci dello sport sono d origine inglese e anche questo si spiega chiaramente col fatto che fu l Inghilterra a diffondere, specialmente nel secondo Ottocento, certi sport» (Zolli, 1976: 2). Il prestito dipende, dunque, dal prestigio di una lingua e del popolo che la parla, ma, come sostiene Maurizio Dardano «può dipendere anche dal disprezzo con cui l una e l altro sono considerati. Che i Germani fossero guardati con disprezzo dai Romani si vede dal carattere di alcuni germanismi entrati nella nostra lingua» (Dardano 1996: 258). Non bisogna dimenticare, infine, che tra i fattori extralinguistici c è anche il fascino esercitato dalla lingua straniera, che porta il parlante a entrare in contatto con l altra lingua (assorbendone una minima parte del lessico) 5 solo perché essa rappresenta un certo prestigio sociale in un determinato settore o periodo storico 6. Un discorso a parte meritano i prestiti scientifici, tecnicismi che vengono veicolati sempre per via scritta, attraverso testi specifici, nel nostro caso la letteratura odeporica, scientifica, i testi di botanica, di zoologia, le riviste di geografia, sociologia e antropologia. Sebbene queste parole abbiano qualche grado di utilizzo, come vedremo in seguito, alcune di esse, nello specifico tecnicismi setteottocenteschi con etimo amerindio, restano marginali all interno di un quadro che vede i prestiti lessicali come fautori di un processo di accrescimento e ricreazione lessicale di una lingua. Se si osserva la lingua sotto un profilo più propriamente 5 Scrive ancora Zolli: «L uso di queste parole non è comunque sempre perfetto: nella loro grafia non è raro trovare imprecisioni; per quanto riguarda la loro pronunzia, i suoni che non esistono nella lingua del parlante vengono resi di norma in modo approssimativo. Le voci non adattate sono naturalmente quelle più esposte alle operazioni di rigetto da parte della lingua che le riceve[...]. Fattori linguistici [...] e fattori extralinguistici [...] spingono spesso queste parole ai margini della lingua o le costringono ad integrarsi nel sistema attraverso l adattamento» (Zolli 1976: 4). 6 Tagliavini parla di prestiti di moda, ma è maggiormente diffuso il sintagma prestiti di lusso. I forestierismi provenienti dalle Americhe sono invece, secondo una terminologia ormai desueta, prestiti di necessità, dato che non mirano alla promozione sociale o a un fine stilistico; esse entrano nel lessico prendendo la parola e insieme il referente. Si veda: C. Tagliavini, Le origini delle lingue neolatine, Pàtron, Bologna, 1962; anche: M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, Bologna, Zanichelli, 1996; P. D Achille, L italiano contemporaneo, Bologna, Il Mulino,

15 internalista, va dato, con Uriel Weinreich 7, ampio rilievo al fattore del bilinguismo, soprattutto quando esso genera interferenza linguistica: «indicheremo con il nome di fenomeni di interferenza quegli esempi di deviazione delle norme dell una e dell altra lingua che compaiono nel discorso dei bilingui come risultato delle loro familiarità con più di una lingua, cioè come risultato di un contatto linguistico» (Weinreich 1974: 3). Una stretta relazione tra lingue, dunque, che implica un certo grado di bilinguismo e che viene notoriamente etichettata anche con il nome di intimate borrowing; a differenza del cultural borrowing, in cui invece si tende a parlare di una lingua donatrice e di una ricevente 8. Il cultural borrowing, come sostiene Klajn (1972: 10), «significa quasi sempre prestito p e r v i a s c r i t t a», ed è proprio quest ultimo il caso dei prestiti provenienti dalle Americhe; forestierismi 9 che, a volte, rappresentano, più che un bagaglio vero e proprio da un altra lingua, una risultante da fenomeni di interferenza linguistica 10. Il prestito è, in definitiva, un fenomeno linguistico ma anche extra-linguistico; solo considerando entrambi gli aspetti è possibile scindere e analizzare i singoli fattori: «lo sviluppo della lingua, che è un fenomeno sociale, è così determinato principalmente dalla storia sociolinguistica dei parlanti e non dalla struttura della lingua stessa» (Thomason-Kaufman 1998: 35) Di tale avviso è anche Gusmani che anni dopo scrive: «che anche il prestito vada in ultima analisi ricondotto all attività di singoli bilingui, è cosa da tempo ammessa da tutti. Identici sono anche gli stimoli che inducono l individuo a compiere l uno o l altro tipo d innovazione: la necessità di trovare una contropartita linguistica alle sempre nuove esperienze e l esigenza di adeguare i mezzi offerti dalla lingua ai particolari bisogni espressivi, per cui il parlante tende a preferire le forme che ai suoi occhi godono di maggior prestigio o sono comunque ritenute più confacenti» (Gusmani 1981: 11). 8 Per uno studio più dettagliato si veda: L. Bloomfield, Language, New York, Holt & Co., Deroy parla invece di pérégrinismes o xénismes: «c est-à-dire les mots sentis comme étrangers et en quelque sorte cités [ ] et les emprunts proprement dits ou mots tout à fait naturalisés [ ] Le pérégrinisme appartient souvent à la langue cultivée, savante, écrite» (Deroy 1956: 224). 10 A tal proposito scrive Deroy: «À la rigueur et théoriquement, les pérégrinismes pourraient être exclus d une étude des emprunts. Pratiquement, ce serait irréalisable, car il ne n est pas possible de tracer une limite précise entre les deux catégories. Non seulement l usage varie selon les époques, mais à tout moment il comporte un certain flou, que ne supprime même pas la tyrannie de la grammaire normative [ ]. En realité, le pérégrinisme appartient surtout aux langues spéciales et il ne devient un emprunt proprement dit que s il est employé non plus occasionnellement, mais couramment dans la langue commune» (ib.). 11 Scrive Gillian Sankoff: «Thomason and Kaufman envision two alternative directions in which language contact can go, resulting in two distinct linguistic process: borrowing and substratum interference. T&K reserve the term borrowing to refer only to the incorporation of foreign elements into the speaker s native language [ ]. When the influence goes the other way, and native language structures influence the second language, they speak of substratum interference. [ ] their second dimension brings back the social factors by setting up a scale of relative pressure of one group (one language) on the other [ ]. T&K s distinction between substratum influence and borrowing is a 5

16 Prestito e interferenza linguistica «A rigore dovremmo chiamare prestito qualsiasi fenomeno d interferenza, connesso cioè col contatto e col reciproco influsso di lingue diverse, ove per lingue si dovrebbero intendere non solo quelle letterarie, nazionali e così via, ma anche quelle individuali, proprie di ciascun parlante» (Gusmani 1981: 7). Ovviamente, affinché si possa parlare di prestito, cioè di quella che Gusmani chiama una manifestazione della creatività di una lingua, dobbiamo considerare l aspetto dell adeguamento a un modello straniero che può essere più o meno fedele nella riproduzione della forma originaria. «Il ventaglio delle possibilità andrà dai casi in cui la riproduzione è molto fedele (it. jet, dall inglese) a quelli in cui il modello straniero è stato più o meno sensibilmente adattato alle strutture indigene (it. gol, pronunziato /gòl/ per ingl. goal [...]) o in cui c è stata identificazione di forma arbitraria o non con materiale indigeno [...] a quelli in cui il modello straniero è riprodotto con elementi preesistenti nel sistema della lingua in questione, richiamati dalla sola affinità semantica (it. grattacielo sull ingl. sky-scraper), a quei casi infine in cui l imitazione si traduce nel semplice allargamento del campo semantico di una parola indigena (ted. Ente «anitra» che acquista il valore di «notizia falsa» per l analogia del fr. canard, che presenta la stessa polisemia [...]» (Gusmani 1973: 10). Nel caso specifico di lemmi come grattacielo o la voce tedesca Ente, osserva ancora Gusmani, possiamo parlare più in dettaglio di calco 12, cioè di un processo di formazione delle parole che porta alla creazione di nuovi lessemi ricalcando, per useful heuristic in reviewing the individual cases» (Sankoff 2001: 641). Ciononostante, secondo la sociolinguista, bisogna considerare ulteriori fattori: «from a sociolinguistic perspective, I believe that we can go farther than T&K in exploring types of socio-historical situations that have given rise to different linguistic outcomes. Moreover, a good deal of light can be shed on the nature of linguistic outcomes in language contact by systematically considering internal variability, both inter-individual within bilingual communities, and by the quantitative analysis of linguistic constraints on language contact outcomes» (ib.). Per una conoscenza più dettagliata si veda: G. Sankoff, Linguistic Outcomes in language Contact, in: P. Trudgill, J. Chambers & N. Schilling-Estes, eds., Handbook of Sociolinguistics, Oxford, Basil Blackwell, 2001, pp Non indaghiamo in questa sede i diversi tipi di calco dovuti a fenomeni di interferenza; basti ricordare quanto sostiene ancora Gusmani: «[...] la differenza tra calco e prestito è di gradazione soltanto, non di natura: si sarebbe tentati di definire meglio il secondo come un calco superficiale e pedissequo, visto il sostanziale carattere mimetico del fenomeno e l equivoco che potrebbe ingenerare il termine peraltro ormai consacrato dall uso» (ib.: 13). 6

17 l appunto, la struttura di parole provenienti da altre lingue. «Tuttavia va sottolineato che tali forme più raffinate e anche meno palesi di prestito non si differenziano dalle altre più servili ed evidenti per la diversa natura del fenomeno, ma semplicemente per la diversa misura in cui entrano in gioco l adesione al modello e l originalità d interpretazione» (ib.). L interferenza linguistica 13 porta due o più lingue a entrare in un contatto in cui «l una cede e l altra prende dalla prima una qualche elemento» ma, come sostiene ancora il Gusmani, «è ovvio che la prima non cede alcunché. Essa si limita a fornire il modello, ispirandosi al quale un altra tradizione linguistica crea un nuovo elemento acquisendolo al proprio patrimonio» (ib.: 11). A questo punto, dunque, riprendendo la terminologia di Deroy, avremo alcuni prestiti totali, perfettamente inseriti nel sistema flessionale di una lingua, anche con eventuali estensioni semantiche, e prestiti parziali 14, che restano stranieri, pérégrinismes, come accade a molti termini scientifici provenienti dal continente americano, necessari alla lingua per assenza di lessico da parte del sistema linguistico nel quale entrano o perché il sistema linguistico stesso «non è propizio ai neologismi» 15 ; in tal senso, dunque, la lingua è giustificata da un utilità pratica che garantisca una comunanza lessicale con altri sistemi linguistici. 13 In quest ottica la definizione data da Massimo Palermo (2010) è chiara ed esaustiva: «Il termine interferenza si riferisce all azione di un sistema linguistico su un altro e agli effetti provocati dal contatto tra lingue, e si usa in una duplice accezione: per indicare i prestiti di elementi lessicali, fonomorfologici e sintattici da un sistema linguistico a un altro, oppure i mutamenti innescati nella competenza del parlante dal contatto tra due o più lingue [ ] Lʼinterferenza può riguardare tutti i livelli d analisi della lingua. I principali fenomeni a cui essa dà luogo a livello lessicale e semantico sono il passaggio da una lingua all altra [ ] e il prestito semantico, vale a dire l allargamento o la specificazione della gamma dei significati di una parola italiana già esistente per effetto di un modello straniero» (Interferenza, in Enciclopedia Treccani in linea). 14 Deroy parla di emprunt total e di emprunt partiel: «D une part, l emprunt est partiel et ne va pas jusqu à reproduire la forme étrangère [ ]. D autre part, l emprunt est total. La forme étrangère est reprise, mais elle n est pas toujours, pour le cause, introduite dans l usage commun. Il arrive que l emploi en soit limité à certaines régions, à certaines classes sociales ou à certains milieux professionnels» (Deroy 1956: 342). Una prerogativa, questa, che rispecchia la maggior parte dei prestiti amerindi presenti nel lessico italiano. Parole come patata, ananas, cioccolata, chicchera, tomate, caucciù, possono, invece, ritenersi emprunts totals, dato che prendono tratti fonetici e subiscono in alcuni casi ristrutturazioni semantiche della lingua. 15 Cfr. Deroy 1956:

18 1.3. Questioni terminologiche Sul concetto di lusso e di necessità Uno degli aspetti che risaltano maggiormente agli occhi quando si affronta l analisi del prestito linguistico è rappresentato dall ingente e variegata tassonomia con cui esso viene spiegato e spesso categorizzato. Parte della terminologia adottata da dizionari e manuali di linguistica è desueta. Così è, per esempio, per prestito di lusso e prestito di necessità, concetti risalenti a un classico saggio di Ernst Tappolet (1914) 16. Nel primo caso parliamo di parole giunte in un sistema linguistico indigeno da un altra lingua, speculari alle controparti indigene, che sembrano non avere una stringente necessità all interno del sistema mutuante 17. Il secondo caso è invece rappresentato da parole indispensabili, necessarie per l appunto, poiché non sono sinonimiche di nessuna parola all interno del sistema linguistico indigeno nel quale entrano. Secondo la terminologia tradizionale della linguistica rientrano più che mai sotto questa etichetta parole orientali, tropicali, esotiche che indicano oggetti o realia nuovi. Sebbene sia un concetto assodato, è opportuno sottolineare che una parola vive all interno della lingua se i parlanti la giudicano funzionale alle loro necessità comunicative, (ma anche espressive, allusive, estetiche, innovative). Ciò è a maggior ragione vero se la parola, nel nostro caso un prestito, sviluppa una certa produttività linguistica. Se questo avviene, risulta allora riduttivo parlare di fuorvianti etichette, tecnicamente vuote, come lusso e necessità. Una volta giunta in una lingua una parola straniera può radicarsi, cambiare significato, estenderlo o anche estinguersi. Scrive Gusmani: «riallacciandoci alla definizione del prestito come reproduction data dal Haugen [ ] dovremmo dunque intendere il termine in causa nel senso etimologico di riproduzione e quindi di ri-creazione. Potremmo anche parlare di imitazione [ ] purché sia chiaro però che qui imitazione non significa passiva, supina accettazione, bensì sforzo di acquisizione. Del resto ogni forma di imitazione implica in un certo senso un (seppur modesto) momento di creatività». (Gusmani 1973: 13). 16 E. Tappolet, Die alemannischen Lehnwörter in den Mundarten der französischen Schweiz, Strasbourg, Trübner, Sebbene il criterio dell utilità e della necessità, come vedremo, è sempre relativo. 8

19 Se attribuiamo a lusso una caratterizzazione di surplus, sovrabbondanza, nel prestito linguistico tale valore viene meno. Non solo perché il concetto di lusso, associato al prestito linguistico, è di difficile interpretazione ma, attraverso il contatto linguistico, il lessico di una lingua si arricchisce di nuovi lessemi che possono contenere sfumature diverse da quelle della parola indigena 18. Continua ancora Gusmani: «il prestito non può dirsi un corpo estraneo neppure nella fase precedente la sua assunzione nel patrimonio comune di una lingua» (ib: 17). Facciamo un esempio, prendendo in esame la parola uragano, giunta in italiano per trafila indiretta attraverso lo spagnolo, a sua volta dal taino hurakán. Il termine designa un ciclone tropicale, frequente soprattutto nel Mar delle Antille e caratterizzato da vento forte. La lingua italiana ha altri due significanti per designare lo stesso referente (anche se in zone continentali differenti): ciclone perturbazione atmosferica caratterizzata da una veloce rotazione dei venti e da precipitazioni violente, provocata dal contrasto di masse d aria calda e fredda (GRADIT 2007) e tifone ciclone tropicale che porta con sé venti violentissimi e piogge torrenziali, frequente soprattutto nei mari dell Asia sudorientale (ib.), oltre al classico sostantivo tempesta, nel significato di violenta perturbazione atmosferica che si manifesta con forti venti e precipitazioni (ib) e agitazione violenta della superficie del mare o di un lago provocata dalla furia del vento (ib.). Nel caso di ciclone parliamo di un prestito dal fr. cyclone, a sua volta dall ingl. cyclone, attestato in italiano dal 1873 (E. Ribighini F. Ascoli, DELIN 337), mentre la voce tifone è attestata dal 1583 (F. Sassetti, DELIN 1693) come forma dotta dal lat. thyphōne, a sua volta dal gr. τυφῶν turbine. Sebbene la parola uragano sia successiva almeno a tifone, (nella forma con -g- intervocalica a noi nota), a differenza di questa ha subito, stando a quanto si legge nei dizionari dell uso, un estensione di significato, assumendo anche i sensi di grande frastuono o di persona eccessivamente agitata, irrequieta. Citando ancora Gusmani: «In realtà ogni prestito [ ] stabilisce sempre una rete, per quanto modesta, di relazioni con la struttura linguistica in cui è inserito e finisce quindi con l ambientarsi, cioè con il diventare parte costitutiva del patrimonio lessicale del sistema [ ] l acclimatamento di un prestito è data non dagli aspetti 18 Come suggerisce Hope: «Borrowing at the lexical level may introduce new forms for wordbuilding, a new word or group of words, or add a new signification, a new habit of use to indigenous terms; again it may cause extraneous syntactical patterns to be employed in respect of elements already existing in the language» (Hope 1971: 578). 9

20 formali, bensì dall uso che ne fa il parlante: quanto più egli si familiarizza col neologismo, tanto più quest ultimo risulterà acclimatato» (Gusmani 1973: 23). Dove si evince maggiormente la creatività e l autonomia di una lingua nei confronti di un prestito è nella cosiddetta polarizzazione lessicale. «In italiano, ad esempio, l anglicismo drink bevanda (in generale) si è specializzato a indicare la bevanda alcolica, mentre gli indigenismi bibita e bevanda indicano di preferenza la bevanda non alcolica» (Fanciullo 2007: 183) 19. La possibilità che il significato di una parola di una lingua A possa allargarsi o restringersi una volta entrato nel lessico di una lingua B fa sì che il concetto di lusso venga meno; il prestito porta sempre e comunque a cambiamenti, seppur marginali, fonetici, morfologici, semantici che nulla hanno a vedere con il lusso. Il prestito, nel nostro caso amerindio, può, inoltre, interessare anche sistemi linguistici secondari come i dialetti. Se in italiano abbiamo la forma arachide, dal latino scientifico arachis -ĭdis, a sua volta dal greco αραχίς, αραχίδος cicerchia, in alcuni dialetti italiani entra la voce spagnola cacahuete, a sua volta dal nahuatl tlalkakáwatl, composto di tlalli terra e kakáwatl cacao, propriamente cacao di terra. Questa forma non si sviluppa in italiano ma lascia traccia solo in alcuni dialetti isolani. Abbiamo in gigliese k a k k a : t t o, k a k k a y : t t o (Fanciulli,ID 34), ma anche k a k k á u s s o, k a k k á u z z o (Merlo,ID 8), a Ischia si sviluppa la forma cacuètte (Jovene), mentre a Pantelleria abbiamo la forma femminile k a k k a v í a (Tropea,RicDial 1) 20. Il prestito, in definitiva, è solo una riproduzione parziale del modello, dato che i due sistemi linguistici entro cui si verifica il contatto non sono comparabili in senso stretto; questo è tanto più vero quando i due sistemi linguistici sono di famiglie linguistiche diverse, nel nostro caso prestiti provenienti dal continente americano. La nuova parola e quelle già esistenti si condizionano quando «tra il nuovo termine e quelli già presenti nel sistema della lingua si stabilisce un rapporto di reciproco condizionamento ed è da questa trama di relazioni che viene determinato il 19 F. Fanciullo, Introduzione alla linguistica storica, Bologna, Il Mulino, Per maggiori dettagli si veda: M. Cortelazzo, Conseguenze nei dialetti italiani delle esplorazioni geografiche in: L Età delle scoperte geografiche nei suoi riflessi linguistici in Italia, Atti del convegno di studi dell Accademia della Crusca, Firenze, Accademia della Crusca, 1994, pp ; A. Variano, L influsso del lessico amerindio nei dialetti italiani, in: La variazione nell italiano e nella sua storia. Varietà e varianti linguistiche e testuali, Atti dell XI congresso SILFI - Società Internazionale di Linguistica e Filologia Italiana, 2 voll., Firenze, Cesati, II vol., pp

PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano

PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano Titolo percorso Parole senza frontiere Autore Nicola De Laurentiis Unità teorica di riferimento Modulo 7 Lessico e dizionari dell italiano Nucleo tematico di

Dettagli

Per informazioni: contattare l agente Licosa di zona. Oppure: banchedati@licosa.com. il Sansoni Francese. il Sabatini Coletti. il Sansoni Tedesco

Per informazioni: contattare l agente Licosa di zona. Oppure: banchedati@licosa.com. il Sansoni Francese. il Sabatini Coletti. il Sansoni Tedesco il Sabatini Coletti versione professionale 190.000 lemmi e accezioni 39.300 locuzioni 1580 polirematiche 45.400 sinonimi 83.000 etimologie e date della prima attestazione Divisione in sillabe e pronuncia

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

Italiano Primo biennio

Italiano Primo biennio PROFILO IN USCITA DELLO STUDENTE IN TERMINI DI COMPETENZE E ABILITÀ TECNICO-ECONOMICO Italiano Primo biennio Competenze Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi di base indispensabili per

Dettagli

! Approvato AD Data 01/06/2013

! Approvato AD Data 01/06/2013 1 Dipartimento di: Lettere Linguistico: latino 1. COMPETENZE DISCIPLINARI 2. ARTICOLAZIONE DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI Anno scolastico: 2014-2015 X Primo biennio Secondo biennio Quinto anno Competenze

Dettagli

ESERCITAZIONE POPOLAMENTO DI

ESERCITAZIONE POPOLAMENTO DI Esercitazione URL: ESERCITAZIONE POPOLAMENTO DI TRADUCENTI NEL LESSICO SPECIALISTICO MUSICALE http://www.alphabit.net/home/index.php?option=com_content&view=article&id=249 &Itemid=116 L accesso alla pagina

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Schema di PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE dei LINGUAGGI SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO 1 SECONDO BIENNIO E

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo.

Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo. Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo. Mirko Bradley Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione

Dettagli

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe a comprendere testi di vario tipo. Colori Oggetti di uso comune Animali domestici Numeri (-0) Identificare la corrispondenza parole/immagini e viceversa di : colorioggetti-animali-numeri

Dettagli

Emigrare per sopravvivere

Emigrare per sopravvivere VOLUME 3 PER LA PROVA INVALSI Unità 16 La mondialità Emigrare per sopravvivere Cognome Nome Classe Data CHI L HA SCRITTO? Nedo Rossi, docente universitario, ed Enzo Tiezzi (1938), insegnante di Chimica

Dettagli

TURISMO CLASSE TERZA TURISMO. DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI Ruolo del turismo nel contesto storico sociale ed economico

TURISMO CLASSE TERZA TURISMO. DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI Ruolo del turismo nel contesto storico sociale ed economico TURISMO CLASSE TERZA TURISMO CONOSCENZE ABILITA' DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI Ruolo del turismo nel contesto storico sociale ed economico Mercato turistico Specificità e rischi di gestione delle imprese

Dettagli

Il morbus anglicus nell italiano di oggi Lezione del 7 novembre 2014

Il morbus anglicus nell italiano di oggi Lezione del 7 novembre 2014 Il morbus anglicus nell italiano di oggi Lezione del 7 novembre 2014 [Fonti: A. Castellani, Morbus anglicus; C. Giovanardi-R. Gualdo, Inglese-italiano 1-1; E. Picchiorri, intervista a Tullio De Mauro;

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino Sull inglese come lingua universale La decisione

Dettagli

antiana Testi Ricerche Materiali sull irradiazione di Kant

antiana Testi Ricerche Materiali sull irradiazione di Kant antiana Testi Ricerche Materiali sull irradiazione di Kant Progetto di ricerca 0. Presentazione Kantiana è un progetto di ricerca finanziato dall Università della Valle d Aosta e, in precedenza, dall Università

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

Il laboratorio. Fonti: repertori e altri strumenti. Tiziana Calvitti. Giornata di presentazione del Nuovo soggettario Firenze, 8 Febbraio 2007

Il laboratorio. Fonti: repertori e altri strumenti. Tiziana Calvitti. Giornata di presentazione del Nuovo soggettario Firenze, 8 Febbraio 2007 Il laboratorio Fonti: repertori e altri strumenti Tiziana Calvitti Giornata di presentazione del Nuovo soggettario Firenze, 8 Febbraio 2007 Repertori in uso nel Nuovo Soggettario: 1. strumenti catalografici

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

Un cervello, due lingue: vantaggi linguistici e cognitivi del bilinguismo infantile Antonella Sorace Università di Edimburgo

Un cervello, due lingue: vantaggi linguistici e cognitivi del bilinguismo infantile Antonella Sorace Università di Edimburgo Un cervello, due lingue: vantaggi linguistici e cognitivi del bilinguismo infantile Antonella Sorace Università di Edimburgo Il mantenimento della diversità linguistica, in Italia e nel resto dell Europa,

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Risposte alle domande del Capitolo 4

Risposte alle domande del Capitolo 4 Linguistica generale, 2e Giovanni Gobber, Moreno Morani Copyright 2014 McGraw Hill Education (Italy) 4.1 Qual è l oggetto di indagine della morfologia? Risposte alle domande del Capitolo 4 La morfologia

Dettagli

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi 2011-2012 Modulo 8 Ancora un altra tradizione di ricerca in biologia: Gregor Mendel, gli ibridatori e la riscoperta di Mendel nel Novecento

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

Osservatorio sull euroletto. Analisi interlinguistica e intralinguistica delle varietà giuridiche in contesto UE.

Osservatorio sull euroletto. Analisi interlinguistica e intralinguistica delle varietà giuridiche in contesto UE. Osservatorio sull euroletto. Analisi interlinguistica e intralinguistica delle varietà giuridiche in contesto UE. Laura Mori (laura.mori@unint.eu) UNINT.EU Il Gruppo di ricerca (2013-2016): 11 lingue UE

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione Cambiare mentalità. di Jaime Ortega Professore ordinario di Organizzazione aziendale, Dipartimento di Economia aziendale, Università Carlos III di Madrid Negli ultimi vent anni (1991-2011) in Europa e

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI PALERMO

ACCADEMIA DI BELLE ARTI PALERMO ACCADEMIA DI BELLE ARTI PALERMO A.A. 2011-2012 Programma del Corso di LANDSCAPE DESIGN prof. arch. carlo bellavista 1 PREMESSA. La scienza dell Ecologia ha recentemente rivalutato il senso del termine

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Scienze XXXXX linguistiche e letterature straniere FOTO. Facoltà di. Laurea triennale. Servizio orientamento. Milano a.a. 2013-2014. www.unicatt.

Scienze XXXXX linguistiche e letterature straniere FOTO. Facoltà di. Laurea triennale. Servizio orientamento. Milano a.a. 2013-2014. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX linguistiche e letterature straniere Servizio orientamento FOTO Milano - Largo A. Gemelli, 1 Scrivi a servizio.orientamento@unicatt.it Telefona al numero 02

Dettagli

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva CAPITOLO 1 Introduzione Nella fisica moderna i metodi algebrici e in particolare la teoria dei gruppi hanno acquistato un interesse sconosciuto alla fisica del secolo scorso. Si può vedere la cosa in una

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

Lingua e Cultura / Civiltà Inglese

Lingua e Cultura / Civiltà Inglese 5.6. LINGUE COMUNITARIE Coordinatore del Dipartimento di lingue comunitarie: prof.ssa Elena Galeotti Docenti componenti il Dipartimento di lingue comunitarie: proff. Isabella Birrini, Stefania Colavizza,

Dettagli

Homeland Security: Sistemi, metodi e strumenti per la security ed il crisis management

Homeland Security: Sistemi, metodi e strumenti per la security ed il crisis management Giornata di presentazione IV edizione Master universitario in Homeland Security: Sistemi, metodi e strumenti per la security ed il crisis management www.masterhomelandsecurity.eu Etica, Legalità e Sicurezza:

Dettagli

Sociolinguistica a.a. 2005-2006 II modulo didattico. V Competenza multipla Bilinguismo e diglossia

Sociolinguistica a.a. 2005-2006 II modulo didattico. V Competenza multipla Bilinguismo e diglossia Sociolinguistica a.a. 2005-2006 II modulo didattico V Competenza multipla Bilinguismo e diglossia 1 Il repertorio linguistico Definiti i fattori che all interno di una comunità linguistica influenzano

Dettagli

Dialettologia Italiana

Dialettologia Italiana Dialettologia Italiana dott. Marina Pucciarelli LINGUA e DIALETTO a.a. 2011/2012 1 ATTENZIONE: Questi materiali didattici sono coperti da copyright. Vengono messi liberamente a disposizione esclusivamente

Dettagli

Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo. Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione

Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo. Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione S.I.S.S.I.S. - Indirizzo 2 Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione Erasmo Modica erasmo@galois.it Giovanna

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) lessico

Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) lessico ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello (5-6) Livello (-5) Livello 5 (2-) Lessico Ottimo Buono Uso essenziale del Difficoltà nel Uso

Dettagli

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE CATALOGO 2015 DIZIONARI E CORSI DI LINGUE EDITORE 3 MOTIVI PER IMPARARE LE LINGUE CON I CORSI DI LINGUA DIGITAL PUBLISHING Corso 1 inglese 59,00 Contenuto: cd-rom libro di testo cuffia-microfono NUOVA

Dettagli

3.7 L affidabilità delle fonti

3.7 L affidabilità delle fonti 3.7 L affidabilità delle fonti Un altro aspetto indagato dal questionario riguarda i criteri con cui i giovani adulti valutano l affidabilità di una fonte informativa, in particolar modo quando riferita

Dettagli

Curricolo d Istituto per

Curricolo d Istituto per Istituto Comprensivo Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria di primo grado Curricolo d Istituto per LINGUA STRANIERA Le lingue straniere offerte sono le seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Dettagli

Curricolo Inglese 6 + 9 Circolo Didattico Sassari

Curricolo Inglese 6 + 9 Circolo Didattico Sassari Curricolo Inglese 6 + 9 Circolo Didattico Sassari C L A S S E P R I M A OBIETTIVI FORMATIVI CONOSCENZE ABILITA Ascoltare e comprendere semplici messaggi Conoscere e utilizzare parole e frasi per comunicare

Dettagli

DESTINAZIONE ALLE SCUOLE ITALIANE ALL ESTERO: il 18 OTTOBRE LA PUBBLICAZIONE DEL BANDO PER LE SELEZIONI LINGUISTICHE

DESTINAZIONE ALLE SCUOLE ITALIANE ALL ESTERO: il 18 OTTOBRE LA PUBBLICAZIONE DEL BANDO PER LE SELEZIONI LINGUISTICHE DESTINAZIONE ALLE SCUOLE ITALIANE ALL ESTERO: il 18 OTTOBRE LA PUBBLICAZIONE DEL BANDO PER LE SELEZIONI LINGUISTICHE Sulla G.U. del 18 ottobre con la pubblicazione del decreto MAE/MIUR per l indizione

Dettagli

CURRICOLO DI INGLESE

CURRICOLO DI INGLESE CURRICOLO DI INGLESE FINALITÀ Le finalità dell insegnamento della lingua inglese nella Scuola Primaria e Secondaria di primo grado del nostro Istituto riguardano: a) l area formativa: la lingua straniera

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

Lessico specialistico, linguaggi settoriali e linguaggio giornalistico UNA SCIENZA È UN LINGUAGGIO BEN FATTO (CONDILLAC) ISABELLA CHIARI

Lessico specialistico, linguaggi settoriali e linguaggio giornalistico UNA SCIENZA È UN LINGUAGGIO BEN FATTO (CONDILLAC) ISABELLA CHIARI Lessico specialistico, linguaggi settoriali e linguaggio giornalistico 1 UNA SCIENZA È UN LINGUAGGIO BEN FATTO (CONDILLAC) ISABELLA CHIARI Terminologia della lessicologia Parole chiave Lessema Lemma Termine

Dettagli

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) Lessico Ottimo Buono Uso essenziale del lessico Difficoltà

Dettagli

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO:

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico.

Dettagli

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE La comunicazione nelle lingue straniere condivide essenzialmente le principali abilità richieste per la comunicazione nella madrelingua:

Dettagli

ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA

ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA G. CAVADI / V. GUANCI / C. PELIGRA / A.TORRISI ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA PERCORSI DISCIPLINARI E DIDATTICI PER LA PREPARAZIONE ALLA PROVA SCRITTA E ORALE DELL AMBITO DISCIPLINARE

Dettagli

VESTIRE GLI ITALIANI

VESTIRE GLI ITALIANI CANTIERI DI STORIA VI La storia contemporanea in Italia oggi: ricerche e tendenze Forlì 22-24 settembre 2011 www.sissco.it VESTIRE GLI ITALIANI Coordinatrice Emanuela Scarpellini, Università degli Studi

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Programmazione Italiano, storia e geografia. Classe IV Costruzioni, ambiente e territorio Anno 2014/2015 Professoressa Pili Francesca Situazione di

Dettagli

FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA PIANO DEGLI STUDI CORSI DI LAUREA TRIENNALI CORSI DI LAUREA MAGISTRALI A.A. 2011/2012

FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA PIANO DEGLI STUDI CORSI DI LAUREA TRIENNALI CORSI DI LAUREA MAGISTRALI A.A. 2011/2012 FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA PIANO DEGLI STUDI CORSI DI LAUREA TRIENNALI E CORSI DI LAUREA MAGISTRALI A.A. 2011/20 LETTERE...3 BENI ARTISTICI E DELLO SPETTACOLO...5 CIVILTA E LINGUE STRANIERE MODERNE...5

Dettagli

LE COMPETENZE-CHIAVE POF 2012

LE COMPETENZE-CHIAVE POF 2012 1 LE COMPETENZE-CHIAVE In ragione delle scelte etiche e pedagogiche operate dal collegio e dai consigli di classe, il Buonarroti ha individuato le competenze chiave necessarie allo sviluppo globale della

Dettagli

COMPETENZE IN USCITA PREVISTE AL TERMINE DEL MONOENNIO ( CLASSE 1 )

COMPETENZE IN USCITA PREVISTE AL TERMINE DEL MONOENNIO ( CLASSE 1 ) COMPETENZE IN USCITA PREVISTE AL TERMINE DEL MONOENNIO ( CLASSE 1 ) Funzioni comunicative previste. Per il lessico si fa riferimento alla metodologia del docente Funzioni comunicative per: salutare, congedarsi,

Dettagli

* La scelta di Lingua inglese come prima lingua ESCLUDE la possibilità di scegliere Angloamericano come seconda lingua e viceversa.

* La scelta di Lingua inglese come prima lingua ESCLUDE la possibilità di scegliere Angloamericano come seconda lingua e viceversa. Corso di laurea triennale in Mediazione Linguistica e Interculturale (L 12) I anno Lingua 1 (I corso) a scelta tra: L-LIN/12 Lingua e traduzione inglese I* 9 CFU Base L-LIN/11 Lingua e Traduzione angloamericana

Dettagli

MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2

MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2 MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2 Abstract Mappe concettuali, semantiche, mentali, lessicali. Comunque le

Dettagli

DIPARTIMENTO LINGUE STRANIERE. OBIETTIVI MINIMI Inglese - I ANNO A1-A2

DIPARTIMENTO LINGUE STRANIERE. OBIETTIVI MINIMI Inglese - I ANNO A1-A2 Comprensione della lingua orale DIPARTIMENTO LINGUE STRANIERE OBIETTIVI MINIMI Inglese - I ANNO A1-A2 - Comprende brevi messaggi contenenti lunghe pause che gli permettono di coglierne il senso. - Comprende

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA (a cura del Servizio Tutorato) La tesi di laurea è un momento importante nella carriera di tutti gli studenti perché rappresenta il momento finale del

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME OBIETTIVI 1. Acquisizione di competenza linguistica in vari campi del sapere 2. Oggettivazione e formalizzazione delle strutture linguistiche,

Dettagli

Una tecnica metacognitiva: il cloze. Licia Landi landi@univirtual.it Laboratorio RED Università Ca' Foscari di Venezia

Una tecnica metacognitiva: il cloze. Licia Landi landi@univirtual.it Laboratorio RED Università Ca' Foscari di Venezia Una tecnica metacognitiva: il cloze Licia Landi landi@univirtual.it Laboratorio RED Università Ca' Foscari di Venezia In che cosa consiste il cloze? La procedura cloze è una tecnica che consiste nell'inserimento

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Frege. I fondamenti dell aritmetica (1884) Senso e significato (1892) Funzione e concetto (1892) Il pensiero Una ricerca logica (1918)

Frege. I fondamenti dell aritmetica (1884) Senso e significato (1892) Funzione e concetto (1892) Il pensiero Una ricerca logica (1918) Frege I fondamenti dell aritmetica (1884) Senso e significato (1892) Funzione e concetto (1892) Il pensiero Una ricerca logica (1918) Frege 1892 (A) Aristotele è il maestro di Alessandro Magno (B) Aristotele

Dettagli

Curriculo per la disciplina Lingua e cultura straniera 2: francese

Curriculo per la disciplina Lingua e cultura straniera 2: francese Curriculo per la disciplina Lingua e cultura straniera 2: francese Secondo Biennio e Quinto anno Docente: Isabelle Rohmer OBBIETTIVI E COMPETENZE Proseguendo il percorso già iniziato durante il Primo Biennio

Dettagli

BA Lingua e Letteratura Italiane 30 crediti

BA Lingua e Letteratura Italiane 30 crediti Bachelor of Arts BA Lingua e Letteratura Italiane 0 crediti 1. Descrizione generale del programma Gli studi d Italiano che conducono al Diploma universitario in Lettere (BA) Dominio III (materia complementare)

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE «V. VOLTERRA» - FABRIANO. Indirizzo Scientifico. Classe I. Primo Biennio PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNUALE DI

LICEO SCIENTIFICO STATALE «V. VOLTERRA» - FABRIANO. Indirizzo Scientifico. Classe I. Primo Biennio PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNUALE DI LICEO SCIENTIFICO STATALE «V. VOLTERRA» - FABRIANO SEDE CENTRALE DI FABRIANO SEDE STACCATA DI SASSOFERRATO Indirizzo Scientifico Classe I Primo Biennio PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNUALE DI LINGUA E CULTURA

Dettagli

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte.

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte. Introduzione Il manuale La scuola inclusiva nell Italia che cambia. si propone di accompagnare e sostenere l insegnante in ogni fase dell inserimento scolastico di un allievo non madrelingua nella scuola

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

Lingua e letteratura italiana

Lingua e letteratura italiana Lingua e letteratura italiana 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura italiana 119 119 119 119 119 Premessa generale La lingua italiana, nel percorso dell obbligo di istruzione riferito

Dettagli

L insegnamento delle scienze nelle scuole in Europa

L insegnamento delle scienze nelle scuole in Europa MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI INTERNAZIONALI DELL ISTRUZIONE SCOLASTICA INDIRE Unità Italiana di Eurydice L insegnamento delle scienze nelle scuole in Europa Politiche

Dettagli

1.1 Opera multimediale come software

1.1 Opera multimediale come software Possibile qualificazione dell opera multimediale in base alle categorie di opere dell ingegno: software; opera cinematografica; banca di dati; opera letteraria Dopo aver affrontato un possibile inquadramento

Dettagli

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA Nella redazione degli elaborati di esame è di fondamentale importanza porre molta attenzione alla scrittura, sotto tutti i profili: grafico, ortografico, semantico e stilistico.

Dettagli

TRADUTTRICE E TRADUTTORE

TRADUTTRICE E TRADUTTORE Aggiornato il 9 luglio 2009 TRADUTTRICE E TRADUTTORE 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 8 Quali competenze sono necessarie?...

Dettagli

Atti del 1 Convegno della DILLE

Atti del 1 Convegno della DILLE Atti del 1 Convegno della DILLE Società Italiana di Didattica delle Lingue e Linguistica Educativa Le lingue dell educazione in un mondo senza frontiere Urbino, February 2009 Atti del 1 Convegno della

Dettagli

Evoluzione della scrittura occidentale.

Evoluzione della scrittura occidentale. Evoluzione della scrittura occidentale. L esigenza di comunicare e di trasmettere idee e concetti in una maniera meno transitoria di quella orale è sempre stata una caratteristica dell umanità, fin dalle

Dettagli

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA Nel corso degli anni 90, il numero di permessi di soggiorno per l ingresso in Italia di minori stranieri è aumentato notevolmente. Si calcola infatti che negli ultimi

Dettagli

LICEO CLASSICO e SCIENTIFICO

LICEO CLASSICO e SCIENTIFICO LICEO CLASSICO e SCIENTIFICO 1.1 FINALITÀ EDUCATIVE ED OBIETTIVI DEI LICEI CLASSICO E SCIENTIFICO La scuola ha elaborato un corso di studi liceale organizzato in un Area Comune e due di Indirizzo, una

Dettagli

Attività e insegnamenti dell area generale degli istituti tecnici. Disciplina: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA. Secondo biennio e quinto anno

Attività e insegnamenti dell area generale degli istituti tecnici. Disciplina: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA. Secondo biennio e quinto anno Attività e insegnamenti dell area generale degli istituti tecnici Disciplina: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Il docente di Lingua e letteratura italiana concorre a far conseguire allo studente, al termine

Dettagli

2011/FEI/PROG-101909 CUP ASSEGNATO AL PROGETTO E82I12000230007 QCER

2011/FEI/PROG-101909 CUP ASSEGNATO AL PROGETTO E82I12000230007 QCER Progetto Vivere in Italia. L'italiano per il lavoro e la cittadinanza Convenzione di Sovvenzione n. 2011/FEI/PROG-101909 CUP ASSEGNATO AL PROGETTO E82I12000230007 QCER e didattica delle in una prospettiva

Dettagli

PROGRAMMA DI. Linguistica italiana

PROGRAMMA DI. Linguistica italiana PROGRAMMA DI Linguistica italiana Docente Tutor disciplinare Programma dell insegnamento Paolo Martino Sara Deodati MODULO 1. CHE COS'È L'ITALIANO (= circa 25 ore di didattica) mira a puntualizzare alcune

Dettagli

IPOTESI DI CURRICOLO

IPOTESI DI CURRICOLO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Enrico Fermi via Capitano Di Castri - 72021 Francavilla Fontana (BR) Tel. e fax 0831/ 852132 (centr.) 0831/852133 (pres.) Specializzazioni: ELETTRONICA E TELECOM. -

Dettagli

INGLESE SCUOLA PRIMARIA. INGLESE - CLASSI PRIME, SECONDE e TERZE Scuola Primaria

INGLESE SCUOLA PRIMARIA. INGLESE - CLASSI PRIME, SECONDE e TERZE Scuola Primaria INGLESE SCUOLA PRIMARIA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria per la lingua inglese (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo.

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo. La comunicazione Comunicare significa mettere in comune, entrare in relazione con gli altri per informare, chiedere, ordinare, scambiare idee, desideri, sentimenti, dubbi, pensieri, progetti Tutta la vita

Dettagli

I TEMPI DELL ADOZIONE

I TEMPI DELL ADOZIONE 58 CAPITOLO 4 I TEMPI DELL ADOZIONE 4.1 IL PERCORSO DEL BAMBINO: DALL ABBANDONO ALL ADOZIONE UNA DELLE NOVITÀ SALIENTI del rapporto 2008 è rappresentata dal monitoraggio sui dati che permettono di tracciare

Dettagli

Guida alla stesura di una tesi di laurea breve

Guida alla stesura di una tesi di laurea breve Guida alla stesura di una tesi di laurea breve Dipartimento di Lingua e Cultura Italiana Università di Amsterdam Linda Pennings & Ronald de Rooy Fare una tesi significa divertirsi. [ ] L importante è fare

Dettagli

J.L. Austin. J.L. Austin. Come fare cose con le parole. performativi vs constativi. performativi vs constativi. performativi vs constativi

J.L. Austin. J.L. Austin. Come fare cose con le parole. performativi vs constativi. performativi vs constativi. performativi vs constativi J.L. Austin J.L. Austin, Come fare cose con le parole cap. VII, VIII, IX, XI J.L. Austin e la teoria degli atti linguistici Le lezioni di Austin intitolate How to do things with words sono state tenute

Dettagli

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE 273 COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE L articolo di giornale è principalmente un testo che informa su una notizia, che racconta un fatto, cercando di esporre il maggior numero di elementi necessari

Dettagli

INVALSI English Language Test

INVALSI English Language Test INVALSI English Language Test Rapporto scuola Scuola secondaria di primo grado Settembrini - Roma Pretest 2012 APPENDICE 1. Risultati dei singoli studenti Introduzione Questo rapporto presenta i risultati

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI Silvana Cantù Graziella Favaro Arcangela Mastromarco Centro COME Cooperativa Farsi Prossimo Via Porpora, 26 20131 Milano tel 02.29.53.74.62

Dettagli

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato La nuova biblioteca pubblica della città di Prato, l Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini, è situata

Dettagli