Due! Il bello e il brutto di essere gemelli. Jessica Marci Docente relatore: Alberto Heisenhardt

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Due! Il bello e il brutto di essere gemelli. Jessica Marci Docente relatore: Alberto Heisenhardt"

Transcript

1 Due! Il bello e il brutto di essere gemelli Jessica Marci Docente relatore: Alberto Heisenhardt tesi di diploma in video Comunicazione Visiva SUPSI agosto-ottobre 2006

2

3 Indice 1. Premessa 7 2. Sommario 9 3. Introduzione Gli aspetti scientifico-biologici La fecondazione e l inizio della gravidanza La gemellarità I gemelli monozigoti I gemelli dizigoti La diagnosi di gravidanze gemellari La determinazione della zigosi e del sesso La determinazione del periodo di gestazione Gli annessi fetali Il parto La presentazione dei feti Il travaglio e la nascita La frequenza di gravidanze gemellari La frequenza di gemelli monozigoti La frequenza di gemelli dizigoti Le complicazioni nelle gravidanze gemellari Le gestosi I gemelli siamesi Le anastomosi Le patologie del cordone ombelicale Il parto prematuro 24 3

4

5 4.5. Le gravidanze multiple Quando ci sono troppi embrioni Le cure contro l infertilità La fecondazione assistita La clonazione I gemelli e la legge Gli aspetti psico-sociali La ricerca psicologica e psichiatrica Le diverse culture L influenza delil ambiente e dei geni Il rapporto tra gemelli Il legame L isolamento La criptofasia La separazione Il problema dello specchio Il gemello dominante La competizione e la conflittualità Trascrizione delle interviste 46 1a intervista Debora 46 1a intervista Jessica 47 2a intervista Debora 49 2a intervista Jessica 53 Intervista Brunella (madre) Il film Scelta del percorso L indagine sull immagine I dispositivi tecnici 81 L intervista 81 Il montaggio alternato 82 L animazione grafica 84 Il narratore 84 Le fotografie 85 L audio Conclusioni Le interviste Bibliografia I temi trattati nell intervista 43 Annesso A: Storyboard La comunicazione L identità ll legame L infanzia e la crescita La separazione Gli aspetti fisici Gli aspetti psicologici 45 5

6

7 uno Premessa Vi è mai successo di accorgervi di parlare da soli, di guardarvi allo specchio e cominciare ad avere una conversazione o anche solo uno scambio di sguardi oppure che un vostro conoscente afferma di avervi visto in un luogo e in un tempo in cui voi non c eravate, o ancora, di incontrare qualcuno che vi saluta e sembra conoscervi, ma voi non vi ricordate assolutamente di averlo mai incontrato. Sono tutte situazioni queste, che capitano raramente, anche se tutti hanno avuto modo di viverle almeno una volta nella loro vita. A me, invece, è tutta la vita che succede e a volte si creano delle situazioni davvero strane dalle quali è difficile uscire e di conseguenza mi ritrovo ad interpretare un ruolo, che non è il mio. Ma perché sto parlando di questo? Perché io dovrei essere un caso speciale, rispetto a tutti gli altri? È successo all inizio di tutto, quando, invece di avere uno sviluppo normale, quel piccolo ovulo fecondato si è rotto a metà; da lì siamo nate noi e da quel momento siamo sempre state insieme, così, va a finire che siamo uguali in tutti gli aspetti della vita. In realtà non esiste alcun problema fin tanto che siamo insieme, solo noi due, ma appena gli altri cercano in un qualche modo di intromettersi fra di noi o ci interrogano su ciò che siamo, ci scrutano come se fossimo due alieni e ci scambiano continuamente, allora ci rendiamo conto che qualcosa non va: stiamo vivendo una sola vita in due. È proprio così che abbiamo cominciato a sentire la necessità di avere ognuna una propria vita, ma quanto è difficile andare ognuna per parte dopo che hai vissuto ogni attimo della tua vita insieme. Però è un passo necessario da compiere perché arriva un momento in cui hai bisogno di esistere come individuo e non più come una metà di un insieme. Sono situazioni strane quelle che devono affrontare i gemelli, difficili da capire se non le si vivono di persona, ma allo stesso tempo sono esperienze ordinarie se sei nato in doppio. È proprio per questo motivo che ho cercato di dare una risposta al perché io non sono uguale agli altri e come questa condizione agisce sulla mia personalità, sulla mia identità e sul mio rapporto al mondo. Il mio obiettivo è quello di proporre un punto di vista personale, mio e di mia sorella, un punto di vista interno e dal quale ognuno potrà trarre delle proprie conclusioni. Si tratta di ripercorrere delle tappe fondamentali che hanno caratterizzato la nostra crescita e che ci hanno permesso alla fine di diventare ciò che siamo oggi: Due! persone indipendenti. Per avermi sostenuta tantissimo e per avermi aiutata in vari modi durante tutta la realizzazione del progetto, ringrazio mia mamma e mio papà, Debora, Michael, tutti i compagni di scuola che hanno saputo consigliarmi, Alberto Eisenhardt, per la grande disponibilità e il prezioso aiuto, Gregory Catella, Riccardo Studer, gli assistenti di Comunicazione Visiva, tutti gli amici e in particolare Michele, Brigitte e Walter Bettoni. 7

8

9 due Sommario La mia ricerca si è svolta, innanzitutto su un piano personale; vivendo in prima persona la situazione di cui parlo, è stato facile, poter fare sempre riferimento a esperienze che io e mia sorella abbiamo vissuto, o punti di vista di persone vicine, che ci hanno viste crescere, che hanno vissuto anche loro una presenza un po particolare, come può essere una coppia di gemelli. Ovviamente ho dovuto comunque documentarmi in modo più specifico, per poter chiarire quei temi che sono di natura più scientifica, o che comunque richiedono una certa informazione. Dunque, ho deciso di introdurre il mio progetto scritto con un approfondimento di tipo biologico-scientifico, così da rendere chiari alcuni punti che potrebbero essere sconosciuti ad alcuni. L aspetto biologico è anche un mezzo che permette di capire quanto una coppia di gemelli può essere legata solo per il semplice fatto di avere in comune l intero patrimonio genetico (parlo di gemelli monozigoti, come nel mio caso) e per aver condiviso quei momenti di vita dove, normalmente, si è soli, come la gravidanza. Questi fattori prettamente scientifici hanno molta importanza sulle ripercussioni psicologiche che subiscono i gemelli (e non con un accezione esclusivamente negativa). A un analisi scientifico-biologica, fa seguito una parte dedicata al tema trattato in ambito psicologico, il quale è un aspetto assolutamente di grande rilevanza, in quanto è in grado di spiegare, non solo quanto i gemelli hanno in comune anche a livello mentale e interpersonale, ma proprio il legame che si instaura, le relazioni che nascono in una coppia di gemelli, che tipo di influenza e che tipo di conseguenze ha sulla loro vita e sulla vita di tutti coloro con cui condividono il loro cammino, sia per lungo, sia per breve tempo, il fatto di essere in due. In seguito, ho ritenuto importante, inserire una parte più personale, dove racconto le mie esperienze e quelle di mia sorella, rifacendomi in un certo senso ai temi trattati nella parte dedicata alla ricerca psicologica. Si tratta di momenti, spezzoni di vita, che credo che rendono più chiare alcune problematiche, che ho deciso di approfondire tramite il mezzo audiovisivo, utilizzando un meccanismo di intervista doppia, supportata da immagini fotografiche e interventi da parte di un narratore, che in questo caso sono io. L intervista a me e a mia sorella mi ha permesso di trarre determinate conclusioni, che mi serviranno nella risposta alla domanda fondamentale del fillm: come ha influito, il fatto di essere gemella, sulla mia personalità? La questione della rappresentazione visiva ed estetica con un tema simile, permette vari tipi di sperimentazione e, proprio queste infinite possibilità, ho cercato di riprodurle usando sempre l impostazione dell intervista doppia, ma rivisitandola ogni volta che il testo lo permetteva. Al video è dedicato un capitolo di riflessioni, di considerazioni personali del lavoro pratico come ulltima parte della tesi. Vengono esplicati tutti i vari mezzi che sono intervenuti nel video, con motivazioni e chiarimenti. 9

10

11 tre Introduzione Come, il fatto di essere gemella, ha influito e influisce tutt ora sulla mia personalità, sulla mia identità e sul mio rapporto con il mondo? L obiettivo di questo progetto è quello di sottoporre lo spettatore a determinate problematiche e stimolare in lui una risposta a questa domanda. Non sono io, infatti, che risponderò; io mi limiterò a dare dei suggerimenti, a fornire dei dati che poi lo spettatore dovrà rielaborare e trarre delle proprie conclusioni. La tematica dei gemelli oltre che essere un tema di grande attualità, per la sua capacità di attirare l attenzione della gente, grazie anche all alone di mistero che avvolge questi esseri un po speciali, è anche un tema molto interessante da sviluppare in ambito estetico, soprattutto con l ausilio del mezzo audiovisivo, perché permette svariate sperimentazioni di tipo formale e contenutistico. L approccio a questo tema, per come l ho affrontato io, è particolare perché è interno a una coppia di gemelli, quindi gli argomenti trattati nel documento audiovisivo sono diretti, non passano attraverso alcun tipo di filtro. I dispositivi che mi permettono di far ciò sono molteplici: l intervista, un intervista doppia, in un certo senso, che mette in luce determinate problematiche, dalla comunicazione, ai rapporti con il mondo esterno alla coppia, a temi più intimi e personali. Immagini fotografiche, portano avanti i temi trattati nell intervista, contestualizzano lo spettatore in un tempo e in un luogo. L animazione grafica, invece, è riservata a un momento di spiegazioni più scolastiche, infatti anche l estetica con cui è realizzata ricorda il bianco su nero, del gesso sulla lavagna. Si tratta di una serie di approcci diversi a delle tematiche curiose per quanto riguarda il mondo dei gemelli e in particolare la nostra storia, la nostra esperienza. L utilizzo di diversi linguaggi permette, inoltre, di adattare ogni volta la tecnica e la rappresentazione visiva a un determinato momento, rendendo il prodotto finale più interessante, in quanto variato. Questo lavoro, inoltre, permette a me stessa di approfondire determinati argomenti che fanno parte del mio quotidiano, ma che, a volte, sono talmente ordinari, che non ci faccio nemmeno caso, ma che potrebbero aiutarmi a comprendere meglio me stessa e mia sorella, che paradossalmente, a volte è un m istero anche per me. Inoltre è anche un buon mezzo per me, mia sorella e per tutti gli altri gemelli, che vi potrebbe capitare di incontrare, in quanto, rivela alcuni dei piccoli misteri che si celano tra questi esseri un po speciali. Dà una risposta a quelle domande che noi, in qualità di gemelli, ci ritroviamo a dover rispondere così di frequente, forse per una sorta di ignoranza generale dovuta, in particolare, a quelle credenze popolari che si tramandano di generazione in generazione, nate chissà in quale occasione, ma che sono vere solo in una minima parte. Queste rivelazioni si manifestano all interno della ricerca, sia in ambito prettamente scientifico, sia nei capitoli dedicati all aspetto psicologico. 11

12

13 quattro Gli aspetti scientifico-biologici quattro.uno La fecondazione e l inizio della gravidanza quattro.uno.uno La gemellarità Col termine gemelli s identificano, generalmente, due o più individui nati da una singola gravidanza. I gemelli si distinguono essenzialmente in gemelli monozigoti (o gemelli monovulari o gemelli identici) e in gemelli dizigoti (o gemelli biovulari o gemelli fraterni). Esistono, però, anche altri tipi di gemellarità come nel caso di gemelli siamesi, di gemelli monozigoti con differente cariotipo, di feto nel feto, di sindrome del gemello scomparso (vanishing twin), di feto papiraceo e di chimere, ma questi sono tutti casi molto rari. quattro.uno.due I gemelli monozigoti Una gravidanza monozigotica inizia esattamente come una gravidanza singola: un ovaia porta alla maturazione un ovulo che entra nella tuba pronto per essere fecondato. Le ciglia presenti sulla superficie della tuba lo spingono in avanti verso l utero e non appena uno spermatozoo entra col proprio nucleo (testa) nell ovulo, la membrana che lo riveste diventa impermeabile e tutti gli altri spermatozoi moriranno nell utero dopo poco tempo. A questo punto, l ovulo fecondato comincia a dividersi. Se si trattasse di una gravidanza normale o dizigotica, lo zigote, o gli zigoti nel secondo caso, continuerebbe a moltiplicare le proprie cellule per poi impiantarsi nell utero, ma nel caso di una gravidanza gemellare monozigotica lo zigote forma due masse cellulari distinte che diventano indipendenti e che continueranno a dividersi separatamente per poi impiantarsi nell utero. 13

14 Il momento in cui lo zigote si divide non è sempre lo stesso, ma può avvenire in tre stadi diversi: quando nello zigote avviene la prima divisione cellulare, in questo caso i due embrioni si posizioneranno nell utero in zone distanti e cresceranno come due gemelli dizigoti, quindi con i vari annessi fetali (placenta, sacco amniotico e sacco corionico) separati. Se, invece la divisione dello zigote avviene nei primi stadi della morula (4-5 giorni dalla fecondazione), lo zigote prima si annida nell endometrio (mucosa che riveste le pareti interne dell utero) e poi si divide, dunque i gemelli avranno in comune la placenta e il sacco corionico, mentre il sacco amniotico sarà ancora individuale. Se, infine, la divisione cellulare avviene nel primo stadio della formazione dell embrione (disco embrionale), i gemelli avranno in comune tutti gli annessi fetali, inoltre lo zigote può cominciare la divisione e non riuscire a terminarla, questo significa una gravidanza di gemelli siamesi, cioè due gemelli che rimangono uniti in alcune parti del corpo, ma questo fenomeno avviene soltanto in un caso su 400 coppie di gemelli monozigoti. Dal momento in cui l ovulo viene fecondato, fino al momento in cui lo zigote si divide, questo continua a moltiplicare le sue cellule che si sistemano nel posto esatto in modo che in futuro andranno a comporre determinati organi, quindi è probabile che più tardi si divide, più complessa è diventata l organizzazione cellulare e più saranno le differenze che caratterizzeranno i due embrioni e i due bambini, al momento della nascita. Queste differenze possono essere delle malformazioni genetiche che appunto possono colpire anche solo un gemello oppure, da una divisione tardiva, possono avere origine due gemelli speculari, vale a dire due gemelli con caratteristiche contrarie, come per esempio l espressione del viso o la direzione dei capelli che sono opposte a quelle del fratello, o ancora il fatto che uno è mancino e l altro è destrimane. Questo aspetto si crede che derivi dal fatto che la divisione dello zigote avviene quando l organizzazione cellulare si è già lateralizzata. Altre differenze fisiche tra gemelli monozigoti possono subentrare nel caso in cui durante lo sviluppo uno dei gemelli si trova in una posizione più sfavorevole rispetto all altro o nel caso in cui i vasi sanguigni, e quindi anche l apporto di ossigeno e nutrimento, non è simmetrico, ma queste differenze più evidenti alla nascita, tenderanno a diminuire, fino a scomparire quasi del tutto durante l infanzia. Una gravidanza gemellare monozigotica dà dunque origine a due individui con lo stesso patrimonio genetico, quindi anche dello stesso sesso. 14

15 quattro.uno.tre I gemelli dizigoti Per quanto riguarda la gravidanza dizigotica, invece, le cose sono un po diverse. I gemelli dizigoti, in realtà, sono due comuni fratelli che si sviluppano all interno della stessa gravidanza e che in seguito cresceranno nello stesso ambiente famigliare ed educativo. Essi derivano dalla maturazione di due o più ovuli distinti fecondati da due spermatozoi. Una situazione più o meno rara, dal momento che, normalmente, le ovaie portano alla maturazione un solo ovulo per ciclo e al momento della fecondazione le ovaie smettono di produrne fino alla fine della gestazione. A volte però capita che si verifichi una sovvraproduzione, soprattutto nel caso in cui ci sono state delle cure ormonali, ma anche in casi dovuti alla fecondità della gestante, questo significa appunto un possibile sviluppo di gravidanza gemellare dizigotica. I gemelli dizigoti si assomigliano molto al momento della nascita, ma crescendo le caratteristiche diventano sempre più singolari, proprio come nel caso di due comuni fratelli. I gemelli dizigoti possono anche essere di sesso diverso. Inoltre si presume che possa esistere un altro tipo di gemelli definito identico alla madre ma non al padre, i cosiddetti gemelli ovocitari. In altre parole, si tratta di un uovo che si divide prima che avvenga la fecondazione per opera di due diversi spermatozoi. Questi gemelli sarebbero molto simili nell aspetto avendo in comune il 75% del loro patrimonio genetico. Infine può verificarsi un fenomeno nominato vanishing twin che in italiano è possibile tradurlo con gemello evanescente o gemello scomparso e descrive un eventualità frequente nella gravidanza gemellare, ovvero l interruzione spontanea della gravidanza di un gemello. Spesso si rileva già alle prime ecografie un secondo uovo che non presenta attività cardiaca registrabile, si tratta di un gemello in via d eliminazione che non sarà più visualizzabile negli esami successivi. quattro.uno.quattro La diagnosi di gravidanze gemellari Diagnosticare una gravidanza gemellare non è sempre facile in quanto i gemelli crescono più lentamente rispetto ai bambini di gravidanze singole, soprattutto in passato le tecniche di diagnosi non erano particolarmente infallibili. Inoltre le dimensioni dell utero sono molto variabili anche per quanto riguarda una gravidanza singola, a volte un utero con una circonferenza superiore alla media nella prima parte della gestazione può voler significare un feto più grande del normale, mentre nella seconda parte della gestazione può essere sintomo di un idramnios, un accumulo di liquido amniotico che spesso significa un feto più piccolo della norma. 15

16 L amplificazione dei sintomi funzionali gravidici è un probabile segno della presenza di una doppia gravidanza, questo significherebbe una nasuea più accentuata, accompagnata da vomito e da un eccessiva salivazione e livelli ematici ed endocinologici più alti. Infatti, un anomala proporzione di alfa-feto-proteine, una sostanza prodotta dal fegato, presente nel sangue della madre può voler giustificare la presenza di due feti, anche se questo elemento di controllo non è unicamente legato a questa diagnosi. I mezzi più sicuri, a livello clinico, comunque, restano l auscultazione di due battiti cardiaci fetali e la palpazione di due teste. La presenza di una gravidanza gemellare, oggi, può essere già accertata dalle prime settimane di gestazione tramite l uso dell ecografia (radiografia del contenuto dell utero), infatti dopo circa cinque settimane si può già individuare il numero di embrioni. quattro.uno.cinque La determinazione della zigosi e del sesso Dopo aver accertato che la gravidanza è gemellare, è necessario determinare la zigosi, ovvero capire se si tratta di gemelli monozigoti oppure di gemelli dizigoti. È importante sapere se i feti sono nati da un ovulo solo o se hanno origine da due ovuli diversi perché i gemelli monozigoti sono più soggetti a complicazioni. Per venire in aiuto alla determinazione della zigosi è necessario sapere il sesso dei gemelli, infatti sapendo che sono di sesso diverso, si è certi che si tratta di gemelli dizigoti. Per sapere il sesso degli embrioni si può ricorrere a vari sistemi: l iniezione di una particolare sostanza all interno della cavità amniotica (amnios), l ecografia che può mostrare i testicoli, anche se, in caso contrario la determinazione del sesso rimane incerta, perché questi potrebbero essere nascosti da una qualche struttura fetale, e infine, un altro metodo per definire il sesso dei nascituri è l amniocentesi, il quale è, finora, il metodo più sicuro. Le possibilità che una coppia di gemelli monozigoti sia composta da maschi è del 50% e uguali sono le possibilità che la coppia sia composta da femmine. Nel caso dei gemelli dizigoti le possibilità di avere una coppia mista è anche del 50%, ma la possibilità di una coppia di soli maschi o di sole femmine corrisponde al 25%. 16

17 quattro.uno.sei La determinazione del periodo di gestazione Un altro punto da verificare, ma che si rivela non del tutto facile nel caso di gravidanze gemellari, è il periodo di gestazione. Generalmente fino alla 20ma settimana i feti crescono normalmente, hanno dunque le stesse dimensioni di un feto singolo, dopo questo termine però crescono più lentamente ed è per questo che alla nascita sono sempre sottopeso rispetto alla media, infatti i gemelli devono dividersi quello che di solito è destinato ad un feto soltanto: spazio e nutrimento. quattro.uno.sette Gli annessi fetali Come per tutte le gravidanze, anche nel caso dei gemelli i principali annessi fetali sono: la placenta, il sacco corionico (corion) e il sacco amniotico (amnios). Gli annessi fetali giocano un ruolo molto importante nella determinazione della zigosi, infatti esistono delle differenze tra gli annessi fetali di gemelli monozigoti e quelli di gemelli dizigoti. I gemelli monozigoti hanno annessi fetali in comune o separati a dipendenza del momento in cui lo zigote si divide per dare origine a due individui. Se la divisione avviene presto ognuno dei gemelli avrà i propri annessi fetali. In questo caso, al momento della nascita, sarà difficile stabilire la zigosi e bisognerà ricorrere ad altri fattori come l aspetto fisico. Se i gemelli si dividono ai primi stadi dello sviluppo embrionale, avranno in comune tutti gli annessi fetali, questo significa che corrono il pericolo che i loro cordoni ombelicali si aggroviglino a tal punto da bloccare la circolazione sanguinga e l apporto di nutrimento e di ossigeno. I gemelli dizigoti hanno ognuno i propri annessi fetali, quindi ci sono due amnios, due corion e due placente, anche se può capitare che gli zigoti si impiantano nell utero così vicino che le rispettive placente si fondono insieme e quindi, al momento del parto, non è più così evidente distinguere se i gemelli sono di un tipo o di un altro. Questo problema si ha anche quando la placenta si rompe e non è più chiaro se la placenta era una sola o due fuse inseme. La posizione dei feti e della placenta è anche un fattore rilevante che può influire sullo sviluppo fetale. Infatti si è notato che una posizione può essere più favorevole di un altra. Solitamente i gemelli che si trovano in alto sono più avvantaggiati rispetto a quelli che si trovano in basso e, dunque, riceveranno una maggior quantità di sostanze vitali. Oltre ai tre principali annessi fetali (placenta, corion ed amnios) esistono altri annessi fetali che svolgono ruoli ugualmente importanti. Il liquido amniotico, composto dal 99% di acqua e da una parte di secrezioni da parte della madre, una parte di secrezioni dell apparato escretore del feto e di secrezioni dei vasi sanguigni placentari. Ha la funzione principale di fornire un supporto protettivo per l embrione, un ambiente per permettere al feto di muoversi e un aiuto per la regolazione termica del nascituro. 17

18 Il cordone ombelicale, è il mezzo attraverso il quale passa il nutrimento e l ossigeno dalla madre al feto. Inoltre la placenta si suddivide in due parti che lavorano in sincronia per assicurare il trasporto placentare: una parte del corion villoso e una parte della decidua basale della madre (mucosa dell utero materno). Le sue funzioni principali sono il metabolismo, il trasporto e la secrezione endocrina. Infine ci sono due strutture vestigiali, ma che servono comunque per il normale sviluppo dei feti: il sacco vitellino e l allantoide; entrambi servono per la precoce formazione del sangue, ma il primo è anche necessario per costituire un intestino primitivo e fornisce il nutrimento all ovulo fecondato che si sta sviluppando. quattro.due Il parto Un altra delle possibilità è quella dove il primo gemello si trova in posizione cefalica, mentre il secondo in posizione podalica o trasversale. In questo caso il primo gemello nascerà normalmente, mentre il secondo gemello dovrà essere girato, una volta che il primo è uscito, tramite manovre esterne (pressioni esercitate sul feto dall esterno) oppure potrà nascere con un parto podalico o con un taglio cesareo. Ma può anche capitare che il secondo gemello si giri da solo. L elevata mortalità nei gemelli al moquattro.due.uno La presentazione dei feti Un parto gemellare è sempre più problematico rispetto a un parto normale perché i bambini da partorire sono due, questo significa doppia fatica per la madre e doppia fatica anche per l utero che si trova in sovradistensione, in più i gemelli nascono spesso prematuri, quindi sono più deboli rispetto alla norma. Non è raro che un parto gemellare deve avvenire tramite taglio cesareo, piuttosto che per via vaginale, ma questa decisione è determinata da diversi fattori: la presentazione del primo gemello ed eventualmente anche la presentazione del secondo, dalle dimensioni del bacino della madre rispetto alla circonferenza della testa dei due feti e dalle possibili complicazioni che potrebbero giungere nel caso di una gravidanza gemellare con sacchi amniotici in comune. Il caso di presentazione dei feti entrambi in posizione cefalica, ovvero con la testa rivolta verso l uscita, è, fortunatamente, il più frequente: avviene circa nel 40-45% dei casi ed è la soluzione più semplice perché permette un parto per via vaginale a prescindere dal periodo di gestazione, quindi anche in caso di prematurità, a meno che sorgono delle complicazioni o che i gemelli non sono in grado di sopportare lo stress. 18

19 mento del parto è legata soprattutto alla prematurità e al ritardo di crescita intrauterino piuttosto che alla presentazione del secondo gemello e al tipo di parto affrontato, infatti il taglio cesareo non migliora per forza l esito, in particolare se si tratta di gemelli con un peso inferiore ai 1000 g. Solitamente si può eseguire un parto vaginale, sempre in questo caso, ammesso che il secondo gemello abbia le stesse dimensioni del primo o che la differenza di peso tra i due non supera i 500 g, con un peso minimo di 1500 g. Bisogna tentare la manovra esterna per cercare di girare il secondo feto in posizione cefalica, manovra che ha successo nel 46-70% dei casi, se non si riesce a fare un estrazione podalica, a meno che non sorgano pericoli per il feto o per la madre. La manovra è fatta subito dopo il parto del primo gemello o addirittura durante, perché in questi momenti l utero è molto rilasciato. Nel caso che il primo bambino si presenti podalico, benché è una situazione che si verifica solo nel 20% dei casi, si ammette quasi esclusivamente il taglio cesareo, infatti non sarebbe possibile girare il primo bambino tramite manovre esterne perché non ha lo spazio e tentare un parto podalico è troppo rischioso sia per lui, sia per il secondo gemello. Il primo bambino nasce come se si trattasse di una gravidanza singola, normalmente, ma subito dopo l uscita del primo gemello si deve chiudere il cordone ombelicale dalla parte della madre per evitare un emorragia che metterebbe in pericolo la vita del secondo gemello. Dopo la nascita del primo gemello le contrazioni smettono per poi riquattro.due.due Il travaglio e la nascita Il travaglio, ovvero il periodo che precede il parto caratterizzato da contrazioni uterine dolorose, che permettono all utero di dilatarsi e di espellere il feto, è generalmente più breve per quanto riguarda una gravidanza gemellare rispetto a una gravidanza singola, in compenso la fase di espulsione, il parto vero e proprio, prende più tempo perché si tratta di far nascere due bambini e si deve considerare anche l intervallo di tempo che passa tra la nascita del primo e la nascita del secondo gemello, che dura circa 5-30 minuti. Il parto è solitamente lento siccome il muscolo uterino è sovradisteso e si contrae male, inoltre le acque si rompono spesso troppo prematuramente e la dilatazione vaginale non è normale, di conseguenza è frequente ricorrere a dei mezzi ausiliari per aiutare i bambini a nascere, come il forcipe o la ventosa. 19

20 cominciare dopo poco tempo. La nascita del secondo gemello sarà più facile e veloce, se non dovessero sorgere complicazioni, perché la strada è già stata fatta, ma bisogna comunque essere molto prudenti perché dopo il parto può verificarsi un emorragia a causa dell utero sovradisteso. Il distacco e l espulsione della placenta avviene circa 20 minuti dopo la nascita del secondo gemello, ma sempre per il motivo che l utero è troppo sotto stress e non si contrae bene, potrebbe provocare anche in questo caso un emorragia, per evitare questo rischio o per ridurlo, si somministra alla madre una sostanza, l ossitocina, che fa aumentare le contrazioni dell utero e sono quindi accelerati il distacco e l espulsione della placenta. quattro.tre La frequenza di gravidanze gemellari Nascono gemelli ogni parti, due terzi dei quali sono gemelli dizigoti, il terzo restante si tratta di gemelli monozigoti. Una nascita trigemina avviene in un caso su 8100, una nascita di quattro gemelli in un caso su e quella di cinque gemelli in un caso su 5 milioni. I parti plurigemellari sono una vera e propria rarità, anche se negli ultimi anni con l introduzione della fecondazione assisitita, questi tipi di parti si sono sempre più diffusi. quattro.tre.uno La frequenza di gemelli monozigoti L incidenza dei gemelli monozigoti non sembra avere alcun collegamento con fattori esterni o genetici, anzi si direbbe un fenomeno del tutto casuale. In tutte le popolazioni, per tutte le razze e per ogni età della donna, la ricorrenza di una gravidanza gemellare monozigotica si aggira sul 3-5%. Lo sviluppo di gemelli monozigoti è più che altro un difetto nello sviluppo genetico embrionale. Una variante più grave si ritrova nei gemelli siamesi che però si ritrova in un caso su e spesso è possibile dividere i gemelli chirurgicamente senza conseguenze. Il perché possano nascere dei gemelli monozigoti è tuttora un enigma. La scienza non è ancora riuscita a spiegare il motivo per il quale un embrione, a un certo punto del suo sviluppo, si divide. Un ipotesi è quella che, riferendosi all innato istinto di sopravvivenza, lo sdoppiamento avverrebbe per suddividere i rischi e aumentare le possibilità di rimanere in vita qualora si verificasse un problema durante i primi giorni dalla fecondazione. 20

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Test per portatori sani

Test per portatori sani 16 Test per portatori sani Tutti i nomi originali in questo opuscolo sono stati cambiati per proteggere l'identità degli intervistati. Queste informazioni sono state elaborate dal Genetic Interest Group.

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Cos'é un test genetico predittivo?

Cos'é un test genetico predittivo? 16 Orientamenti bioetici per i test genetici http://www.governo.it/bioetica/testi/191199.html IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Autorizzazione al trattamento dei dati genetici - 22 febbraio

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Kypros H. Nicolaides Laura Bedocchi L ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Fetal Medicine Foundation, Londra 2004 Dedicato a Erodoto e Despina

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI CORSO PER CHI VUOLE CAMBIARE LA PROPRIA VITA Questo corso si proporne di insegnare e cambiare. Alterna conoscenza e applicazione. Ha come obiettivo la trasformazione. Perché sono malato? Perché proprio

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DADDY FADEL OPTOMETRISTA Nel 1866 John Langdon Down ha descritto per la prima volta la sindrome che porta il suo nome. Nel 1959 Lejeune et al. hanno

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli