PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROBLEMI FISICI DEL DISABILE"

Transcript

1 PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

2 Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata la conseguenza sulla funzione che le malattie producono Vengono classificate le malattie senza alcun nesso con le conseguenze sulle abilità motorie, psichiche, sensoriali

3 SCALE DI VALUTAZIONE FUNZIONALE E CLASSIFICAZIONE Scale di valutazione DELLA funzionale e DISABILITA classificazione della disabilita Non tutte le malattie producono deficit dell autonomia Come correlare l eziologia e la clinica di una malattia con il deficit in termini di autonomia che essa produce?

4 SCALE DI VALUTAZIONE FUNZIONALE Scale di valutazione funzionale e E CLASSIFICAZIONE DELLA DISABILITA classificazione della disabilita ICIDH 1980 (International Classification of Impairments Disabilities and Handicaps) SCALE DI VALUTAZIONE FUNZIONALE E CLASSIFICAZIONE DELLA DISABILITA :

5 SCALE DI VALUTAZIONE FUNZIONALE E CLASSIFICAZIONE DELLA DISABILITA Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita MENOMAZIONE qualsiasi perdita o anormalità a carico di strutture o funzioni psicologiche, fisiologiche o anatomiche; DISABILITÀ qualsiasi limitazione o perdita (conseguente a una menomazione) della capacità di compiere un attività nel modo o nell ampiezza considerati normali per un essere umano; HANDICAP rappresenta lo svantaggio sociale che una disabilità incontra nell interazione con l ambiente Lo svantaggio deriva dalla diminuzione o dalla perdita delle capacità di conformarsi ad aspettative o norme proprie dell universo che circonda l individuo.

6 Scale di valutazione funzionale e SCALE DI VALUTAZIONE FUNZIONALE E CLASSIFICAZIONE DELLA DISABILITA classificazione della disabilita ICF 2001 Superamento dei concetti di disabilità ed handicap Sostituiti con attività e partecipazione Ove la disabilità diventa la negativizzazione dell attività

7 DISABILITA' Limitata capacità del soggetto a svolgere una delle seguenti funzioni: Lavarsi Vestirsi Rassettarsi Nutrirsi Igiene perineale Trasferimenti letto-sedia Trasferimenti su w.c. Trasferimenti su doccia Deambulazione o spostamenti in carrozzina Esecuzione di scale Gestione di alvo e vescica Capacità espressive Capacità di comprensione Relazione con gli altri Memoria Soluzione di problemi

8 DISABILITA' DISABILITA' Menomazioni conseguenti ad un svariata moltitudine di malattie: CARDIOLOGICHE INTERNISTICHE NEUROLOGICHE POST-CHIRUGICHE ORTOPEDICHE CONGENITE ENDOCRINOLOGICHE EMATOLOGICHE ONCOLGICHE

9 DISABILITA : cause Infarto cardiaco Malattie del cervello (ischemie, emorragie, tumori, infiammazioni, infezioni) Malattie del sistema nervoso in generale (Parkinson, Sclerosi Multipla) Malattie dei nervi: paralisi di varia origine (diabete, alcoolismo cronico, Intossicazioni, carenze di vitamine, malattie del sangue) Malattie ortopediche e traumatologiche e reumatologiche (infezione ossee ed articolari, artrosi) Esiti post-chirurgici (amputazione di arti,..)

10 DISABILITA' MOTORIA conseguente a malattia: esempio ISCHEMIA CEREBRALE malattia PARALISI menomazione RIDOTTA AUTONOMIA NELLA DEAMBULAZIONE (necessità di ausilio tipo carrozzina per gli spostamenti) disabilità INCAPACITA DI RECARSI AL LAVORO PER LIMITAZIONI STRUTTURALI DELL AMBIENTE (sede lavoro in edificio quinto piano senza ascensore) handicap

11 DISABILITA' MOTORIA conseguente a malattia: esempio DISABILITA' MOTORIA conseguente a DOPO OPPORTUNI INTERVENTI DOPO OPPORTUNI INTERVENTI malattia: esempio ISCHEMIA CEREBRALE malattia PARALISI menomazione RIDOTTA AUTONOMIA NELLA DEAMBULAZIONE (necessità di ausilio tipo carrozzina per gli spostamenti) disabilità POSSIBILITA DI RECARSI AL LAVORO DOPO MODIFICHE STRUTTURALI DELL AMBIENTE (sede lavoro in edificio quinto piano con ascensore) handicap ridotto

12 PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA EMIPARESI Caratterizzato da paralisi di tutti e due gli arti di un lato (es. arto superiore ed arto inferiore di destra) Dovuto a malattie di un singolo emisfero del cervello, quello opposto agli arti affetti (es. se paralisi destra malattia coinvolgente la parte dell emisfero di sinistra) Le malattie principali sono: Ischemie Emorragie Tumori Infiammazioni Infezioni Asportazioni chiurgiche

13 PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA EMIPARESI Variabile grado di interessamento da Assenza di qualsiasi movimento volontario (emiplegia completa) Presenza di minima presenza di movimenti volontari non funzionali (emiparesi marcata) Presenza di movimenti volontari contro gravità nella maggior parte dei distretti corporei interessati (emiparesi moderata) Presenza di movimenti volontari controresistenza nella maggiore parte dei distretti corporei interessati (emiparesi lieve)

14 PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA EMIPARESI COMPLETA Paralisi completa degli arti di un lato Difficoltà a mantenersi seduto senza appoggio Impossibilità ad alzarsi autonomamente Impossibilità a spostarsi ed uscire di casa senza carrozzina e con assistenza Il paziente necessita di assistenza di due persone per spostarsi In caso di emergenza è necessario che vi siano due operatori pronti ad aiutarlo

15 PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' Proteggere la spalla dell arto colpito, in quanto a rischio lussazione Protezione e correzione di presa degli arti inferiori Dipendenza assoluta, soprattutto nelle prime fasi quando il paziente è ancora impreparato alla nuova condizione di vita Evitare trazioni sugli arti MOTORIA: emiparesi marcata senza controllo del tronco Prestare attenzione alla spasticità degli arti che potrebbe obbligare il paziente a posture anomale (tipo arto completamente flesso e ruotato ecc.)

16 PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA: emiparesi marcata con ridotto controllo del tronco Paziente in grado di mantenere la seduta senza appoggio Occorre sostenere il tronco e la spalla nella verticalizzazione Garantire l appoggio del paziente sull arto sano su cui fa perno Sostenerli la gamba affetta con una gamba dell operatore Necessita un solo operatore in condizione di routine Il paziente comunque non è in grado di accudirsi in nessuna delle attività quotidiane ove necessita di una persona Nella fase di soccorso se il paziente è cosciente in situazione di precarietà una persona, ma l ottimale sarebbero due operatori

17 PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA: emiparesi moderata con controllo del tronco Paziente in grado di mantenere la posizione eretta Necessita di un solo sostegno per camminare per tratti anche lunghi Necessita un solo operatore per sicurezza o supervisione negli spostamenti Minimo aiuto nelle attività di vita quotidiana

18 PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' PRINCIPALI FORME DI DISBAILITA' MOTORIA: emiparesi moderata con controllo controllo del tronco del Lavarsi, avere cura di sè MOTORIA: tronco

19 PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' PRINCIPALI FORME MOTORIA: DI DISBAILITA' MOTORIA: emiparesi moderata con controllo del tronco emiparesi moderata con controllo del vestirsi tronco

20 PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA: PRINCIPALI FORME DI DISBAILITA' MOTORIA: emiparesi moderata con controllo controllo del tronco del tronco Passaggio in stazione eretta, il cammino e le scale

21 PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA: emiparesi lieve Paziente recupera una certa autonomia Necessita solo di minima supervisione in alcune situazioni particolari In situazioni di emergenza o calamità non ha la capacità funzionale di uno soggetto normale per cui necessita di aiuto di altra persona per scappare, mettersi al riparo ecc.

22 PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' PARAPARESI Caratterizzato da paralisi di tutti e due gli arti inferiori Dovuto a malattie del midollo spinale a livello del torace e lombare Le cause principali sono: Post-trauma Malattie MOTORIA

23 PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA PARAPARESI Paraplegia completa post-traumatica Paraplegia incompleta grave Paraparesi lieve

24 PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA PARAPARESI COMPLETA POST-TRAUMATICA Coinvolge persone giovani, atletiche che non hanno altre patologie Persone completamente autonome, che sfruttano la carrozzina per gli spostamenti Nella vita quotidiana non necessitano di altre persone Estrema forza negli arti superiori

25 PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA PARAPARESI COMPLETA POST-TRAUMATICA In situazioni di emergenza la loro disabilità compensata potrebbe trasformarsi in grave handicap Es. incapacità di spostarsi in carrozzina (crepe nel terreno, ascensori non funzionanti, impossibilità di recuperare la stessa) Nella fase di soccorso sfruttare la forza agli arti superiori di tali soggetti, in modo da rendere facili gli spostamenti ed il soccorso Facilmente soccorribile se arti superiori son liberi Possono sollevarsi e far presa sugli arti superiori, spesso solo minimo aiuto nel garantire utilizzabile l ausilio

26 PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA PARAPARESI NON TRAUMATICA Solitamente dovuta a malattie sistemiche Associata a comorbilità Solitamente colpisce soggetti più anziani Le altre patologie concomitanti possono compromettere il compenso delle abilità residue (vedi arti superiori) che avviene nei pazienti posttraumatizzati giovani Soccorso con due operatori

27 PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA TETRAPARESI Caratterizzato da paralisi di tutti e quattro gli arti Associata a gravi alterazioni dell alvo, vescica A volte grave compromissione delle funzioni respiratorie In caso di post-traumi cranici gravi alterazioni delle funzioni cognitive, attentive, linguaggio, deglutizione, Le cause sono: Post-trauma cervicale Grave post-trauma cranico Malattie che coinvolgono estese aree del cervello

28 PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA TETRAPARESI Paziente completamente non autonomo nelle situazioni di emergenza Tre operatori necessari Eventuale spostamenti in carrozzina manovrati dall operatore Recupero ausili (ventilatore, ecc.) Soccorso fortemente delicato Non trascurare situazioni non legate direttamente alla paralisi (compensare eventuali deficit visuo-attentivi e di comunicazione con maggiore attenzione alla situazione individuale ed ambientale)

29 PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' TETRAPARESI MOTORIA

30 PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA ESITI DI AMPUTAZIONE ARTI Se amputazione post-traumatica, stessa considerazione del paziente paraplegico post-traumatico riguardo al soccorso Con protesi pazienti autonomi In situazione di emergenza possibile inutilizzabilità dall ausilio

31 PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA ESITI DI AMPUTAZIONE ARTI Se amputazione di origine vascolare/diabetico il paziente avrà numerose complicazioni associate Alterazioni dovuta a malattie nei vari distretti corporei (occhio, cuore, altri arti, reni) Possibile che il problema non sia solo l arto amputato Soccorso difficoltoso, ricerca di altre cause di disabilità

32 DISABILITA' MOTORIA ED HANDICAP La disabilità a contatto con l ambiente può essere: attenuata (facilitatori) aumentando il grado di partecipazione del soggetto aggravata (ostacoli, barriere) in riduzione della partecipazione, cioè portando all handicap (termine è superato nell ICF) ovvero allo svantaggio sociale che si manifesta a seguito dell interazione con l ambiente.

33 PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA PRINCIPALI FORME DI DISABILITA' MOTORIA Possibilità di intervento in caso di calamità: prevenire che la disabilità porti all handicap studiare facilitatori ambientali in fase di soccorso prevenire eliminando le barriere in fase di calma contare gli arti che si possono muovere (?) fornire al paziente un informativa da consegnare ai soccoritori in fase di calamità

34 GRAZIE PER L ATTENZIONE!!...

Disabilità. vita quotidiana

Disabilità. vita quotidiana Disabilità e vita quotidiana Caracciolo Antonio Fisioterapista Coordinatore Servizio DAT (Domotica, Ausili, Terapia occupazionale) IRCCS Fondazione Don Carlo Gnocchi, Milano Di chi parliamo. Handiccappati

Dettagli

DISABILITA MOTORIA E AUSILI

DISABILITA MOTORIA E AUSILI DISABILITA MOTORIA E AUSILI I.P.S.I.A. San Benedetto del Tronto 21 aprile 2008 Prof.ssa Olmo Serafina Il disturbo del movimento è la conseguenza di lesioni che possono interessare diverse strutture corporee

Dettagli

Cenni di neuropsichiatria infantile

Cenni di neuropsichiatria infantile Cenni di neuropsichiatria infantile Le cause della disabilità possono essere genetiche, prenatali (insorte durante la vita fetale), perinatali (insorte alla nascita) o postnatali (insorte dopo la nascita).

Dettagli

I.R.C.C.S. S. Maria Nascente. Domotica Ausili Terapia Occupazionale

I.R.C.C.S. S. Maria Nascente. Domotica Ausili Terapia Occupazionale I.R.C.C.S. S. Maria Nascente Domotica Ausili Terapia Occupazionale Marco Pastori Terapista Occupazionale Fondazione Don Gnocchi Onlus IRCCS S.Maria Nascente Milano Ambiti di intervento: La Terapia Occupazionale

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie neurologiche Patologia Patente A-B Patente C-D-E Accertamenti Idoneità Non idoneità Idoneità Non idoneità Paraplegia spastica da: Lesione midollare Sclerosi multipla

Dettagli

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri B.E.S. Anno 2014 Fortunata La didattica inclusiva per il I DESTINATARI ALUNNI CON B. E. S. BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E più facile rompere un atomo che un pregiudizio A. Einstein Gli studenti con B. E.

Dettagli

Inquadramento Diagnostico delle Malattie Neuromotorie

Inquadramento Diagnostico delle Malattie Neuromotorie Inquadramento Diagnostico delle Malattie Neuromotorie Giancarlo Di Battista, Marialaura Santarelli Neurologia - ACO San Filippo Neri disabilità neuromotoria Insieme di deficit motori di diversa natura

Dettagli

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte Il Servizio di Medicina Fisica e Riabilitazione dell ASL 9: una rete di servizi ospedaliera, territoriale e domiciliare per l utente con necessità di riabilitazione e assistenza L intervento riabilitativo

Dettagli

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE Dott.ssa Luisa Calliari Rovereto, 9 ottobre 2008 1 REGOLAMENTO PER FAVORIRE L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI STUDENTI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica

Corso di Laurea in Infermieristica Corso di Laurea in Infermieristica Sede Formativa di Cesena INSEGNAMENTO: SCIENZE INFERMIERISTICHE DELLA COMUNITA MODULO: INFERMIERISTICA CLINICA E RIABILITATIVA NELLA CRONICITA n. 2 CFU / n. ore 24 Docente:

Dettagli

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona PROGRAMMA Ausili ortesi protesi (definizione e concetti generali) Nomenclatore tariffario (concetti generali) Ausili: per la deambulazione, antidecubito Carrozzina e sistemi di postura (componenti e criteri

Dettagli

A cura del Prof. Antonio Pignatto. ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it

A cura del Prof. Antonio Pignatto. ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it I BISOGNI DEL PAZIENTE AUDIOLESO, TRA SALUTE E DISABILITA A cura del Prof. Antonio Pignatto ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it ICF Un nuovo membro della famiglia

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS - IRCCS Servizio Informazione Valutazione Ausili. Statistica delle Consulenze erogate nel 2000

Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS - IRCCS Servizio Informazione Valutazione Ausili. Statistica delle Consulenze erogate nel 2000 Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS - IRCCS Servizio Informazione Valutazione Ausili Statistica delle Consulenze erogate nel 2000 TIPO DI CONSULENZA 1542 % Servizi di informazione e orientamento Colloquio

Dettagli

Scienze riabilitative

Scienze riabilitative UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE AZIENDA ULSS 12 VENEZIANA Corso di laurea in Infermieristica a.a. 2010/2011 Corso Integrato di Disabilità Cronicità Scienze riabilitative Dott. Mag. Luigia Sangiani Fisioterapista

Dettagli

Relatore: Giuseppina D Intino Dirigente Medico Direzione Provinciale INPS Pescara. 68 CONGRESSO NAZIONALE 4-9 novembre 2013 Roma - Ergife Palace Hotel

Relatore: Giuseppina D Intino Dirigente Medico Direzione Provinciale INPS Pescara. 68 CONGRESSO NAZIONALE 4-9 novembre 2013 Roma - Ergife Palace Hotel La tecnologia nello studio medico del Medico di Famiglia: coniugare approccio olistico e high-tech La legge 104/92: diritti, integrazione sociale e assistenza della persona handicappata: dal sostegno socio-assistenziale

Dettagli

L alunno disabile chi è, com è, cosa fare DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA

L alunno disabile chi è, com è, cosa fare DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA L alunno disabile chi è, com è, cosa fare 21 novembre 2013 DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA FT Dott. Andrea Menon Ass. La Nostra Famiglia _ Padova Definizione di funzione: Soluzione operativa

Dettagli

Università degli studi di Pavia C.L. in Infermieristica. -Tecniche Infermieristiche Cliniche- LA MOBILIZZAZIONE. Docente: Giacomo Colzani

Università degli studi di Pavia C.L. in Infermieristica. -Tecniche Infermieristiche Cliniche- LA MOBILIZZAZIONE. Docente: Giacomo Colzani Università degli studi di Pavia C.L. in Infermieristica -Tecniche Infermieristiche Cliniche- LA MOBILIZZAZIONE Docente: Giacomo Colzani 07 Aprile 2010 OBIETTIVI DELLA GIORNATA Identificare i criteri principali

Dettagli

PREFAZIONE...XI INTRODUZIONE... XV

PREFAZIONE...XI INTRODUZIONE... XV PREFAZIONE...XI INTRODUZIONE... XV Parte prima - CONCORSI E TEST 1 CONCORSI E TEST...3 1.1 Generalità sui concorsi pubblici... 4 1.2 I concorsi pubblici per fisioterapista... 7 1.3 Fac-simile di bando

Dettagli

L importanza della fisioterapia e degli ausili nella SLA

L importanza della fisioterapia e degli ausili nella SLA L importanza della fisioterapia e degli ausili nella SLA Alessandro Biemmi Luca Risi Introduzione La Sclerosi Laterale Amiotrofica: è una malattia neurologica degenerativa determina una progressiva perdita

Dettagli

Patologie muscolo - scheletriche ed articolari

Patologie muscolo - scheletriche ed articolari Patologie muscolo - scheletriche ed articolari La struttura ossea Ossa lunghe Ossa corte Ossa piatte Struttura dell 0sso Tessuto spugnoso Tessuto compatto Struttura dell 0sso La struttura tridimensionale

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE

L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA International Classification of Functioning, Disability and Health L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE Dott.ssa Monica Pradal Pedagogista,, IRCCS

Dettagli

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1 Il team riabilitativo www.ilfisiatra.it 1 TEAM Riabilitativo Fisiatra Fisioterapista Altri medici Infermiere Bioingegnere Psicologo Paziente Terapista occupazionale Logopedista Assistente sociale Educatore

Dettagli

Centro Territoriale per l Integrazione di Garda

Centro Territoriale per l Integrazione di Garda Centro Territoriale per l Integrazione di Garda CORSO DI FORMAZIONE: Strategie didattiche e organizzative per una didattica inclusiva Le applicazioni in ambito educativo del modello ICF. Relatore: Dr.ssa

Dettagli

IL PERCORSO EVOLUTIVO, I CRITERI E GLI ASPETTI FONDAMENTALI DELL I.C.F.

IL PERCORSO EVOLUTIVO, I CRITERI E GLI ASPETTI FONDAMENTALI DELL I.C.F. IL PERCORSO EVOLUTIVO, I CRITERI E GLI ASPETTI FONDAMENTALI DELL I.C.F. A cura del Sociologo E-Mail: salvogarofalo1@libero.it DA HANDICAPPATO (ICIDH-1980) a PERSONA con disabilità (ICF 2001) livello Intern.

Dettagli

LE CONDIZIONI DI SALUTE

LE CONDIZIONI DI SALUTE LE CONDIZIONI DI SALUTE Condizione di salute della popolazione Con l evolversi del concetto di salute a livello internazionale da un approccio biomedico ad un modello multidimensionale, maturato in particolare

Dettagli

12. Modulo di luglio 2002: Salute e lavoro

12. Modulo di luglio 2002: Salute e lavoro 12. Modulo di luglio 2002: Salute e lavoro I quesiti da 69 a 85 vanno posti a tutte le persone tra i 16 e i 64 anni. Il modulo riguarda la salute dell intervistato in relazione al lavoro; più precisamente

Dettagli

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI POLITICHE SUI BES/SEN IN INGHILTERRA THE EDUCATION ACT, 1944 11 CATEGORIE DI DISABILITÀ WARNOCK REPORT, 1978 INTRODUCE IL TERMINE SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS (SEN) ANNI 2000

Dettagli

Le patologie da noi affrontate: PARALISI CELEBRALE INFANTILE SINDROME SPASTICA SINDROME ATASSICA SINDROME DISCINETICA SPINA BIFIDA DISTROFIA

Le patologie da noi affrontate: PARALISI CELEBRALE INFANTILE SINDROME SPASTICA SINDROME ATASSICA SINDROME DISCINETICA SPINA BIFIDA DISTROFIA Disabilità motoria Introduzione Lo sviluppo motorio, dal quale può derivare lo sviluppo motorio atipico, deve essere considerato come un processo complesso che si verifica grazie alle interazioni bidirezionali

Dettagli

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico? Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS Polo tecnologico Milano La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

Dettagli

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle azioni per un'inclusione scolastica di qualità Chiara Carabelli I.C. S. Fedele Intelvi Carabelli Chiara 1 indice Dalla diagnosi al profilo

Dettagli

ICF : approccio educativo. Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione

ICF : approccio educativo. Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione ICF : approccio educativo Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA L ICF sta penetrando nelle pratiche di diagnosi condotte

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DELLA MALATTIA DI PARKINSON

LA RIABILITAZIONE DELLA MALATTIA DI PARKINSON LA RIABILITAZIONE DELLA MALATTIA DI PARKINSON Emanuela Bartolomucci terapista occupazionale Angela Parlapiano logopedista Isabella Valenza fisioterapista Alberto Busetto fisioterapista RIABILITAZIONE Processo

Dettagli

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS Dott. Maurizio Ricci U. O. Medicina Riabilitativa Azienda Ospedaliero- Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE AMPUTATO LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE USTIONATO LA RIABILITAZIONE DELLE PARALISI DEL NERVO FACCIALE

LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE AMPUTATO LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE USTIONATO LA RIABILITAZIONE DELLE PARALISI DEL NERVO FACCIALE LA TERAPIA OCCUPAZIONALE: SCOPI E AMBITI APPLICATIVI LA RIABILITAZIONE DOPO INTERVENTO CHIRURGICO DI MASTECTOMIA LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE AMPUTATO LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE USTIONATO LA RIABILITAZIONE

Dettagli

LE SCALE DI VALUTAZIONE:

LE SCALE DI VALUTAZIONE: LE SCALE DI VALUTAZIONE: Scale di valutazione Rappresentano parte della semeiotica della riabilitazione Sono state elaborate a partire dagli anni 50 Esistono migliaia di scale di valutazione Proprietà

Dettagli

Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo

Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo Dolore: un problema, un mistero Il dolore l animale lo evita,

Dettagli

L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute

L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute CHE COS È È una classificazione della salute e dei domini ad essa correlati che aiuta a descrivere i cambiamenti

Dettagli

PROCESSO DI SVILUPPO DELL HANDICAP E APPROCCIO RIABILITATIVO. www.ilfisiatra.it

PROCESSO DI SVILUPPO DELL HANDICAP E APPROCCIO RIABILITATIVO. www.ilfisiatra.it PROCESSO DI SVILUPPO DELL HANDICAP E APPROCCIO RIABILITATIVO www.ilfisiatra.it 1 MODELLO TRADIZIONALE DELLA MEDICINA Il modello medico classico e tradizionale della medicina basa la sua azione su un concetto

Dettagli

Così nel 2002 fu creata la classificazione ICF (International Classification of Functioning and health) presentata dall OMS ed attualmente in vigore.

Così nel 2002 fu creata la classificazione ICF (International Classification of Functioning and health) presentata dall OMS ed attualmente in vigore. ICF E la risposta riabilitativa all ICD (International Classification of Disease) che ha permesso di avere un linguaggio comune su tutte le patologie ad es. un paziente che viene curato in Italia e deve

Dettagli

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 1 RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 2 Le informazioni trovate in questo opuscolo non sostituiscono il colloquio col

Dettagli

DI COSA PARLERO OGGI

DI COSA PARLERO OGGI DI COSA PARLERO OGGI 1. Cos è l APA? 2. La storia 3. I principali organismi 4. La carta europea dello sport 5. Le classificazioni dell OMS 6. Perchè si diventa disabili? 7. Ampliamento del concetto di

Dettagli

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich Attività Adattata Lezione 1 a.a. 2013-2014 Monica Emma Liubicich Secondo le Nazioni Unite i disabili nel mondo sono 650 milioni: 10% della popolazione In Italia circa 3.000.000, il 4,8% della popolazione

Dettagli

NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1. Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche

NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1. Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche ALLEGATO 1 NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1 Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche LA DESCRIZIONE DEGLI AUSILI TECNICI PER PERSONE DISABILI E LE NORME TECNICHE

Dettagli

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE DISABILITÀ E ICF PROF. FINO BUONO SVILUPPO DEL CONCETTO DI DISABILITA DA MODELLI BASATI SUL DEFICIT A MODELLI ECOLOGICI I MODELLI MEDICI ERANO CENTRATI SULLE

Dettagli

L Analisi del movimento

L Analisi del movimento L Analisi del movimento L Analisi del movimento Qualunque aspetto del movimento umano si voglia studiare, per prima cosa occorre osservarlo (Galileo) L Analisi del movimento E quella disciplina scientifica

Dettagli

Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica

Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica 33-34 vertebre 7 cervicali 12 dorsali 5 lombari 5 sacrali 4/5 coccigee Corpo: di forma cilindrica Archi vertebrali : circoscrivono il foro vertebrale,

Dettagli

Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista

Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista VERSO UNA SCUOLA INCLUSIVA DALL ICF AL PEI Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista CHE COS E L ICF? Un modello concettuale di approccio globale al funzionamento della persona, che

Dettagli

CORSO DI IDROKINESITERAPIA. METODO A.S.P. - APPROCCIO SEQUENZIALE E PROPEDEUTICO

CORSO DI IDROKINESITERAPIA. METODO A.S.P. - APPROCCIO SEQUENZIALE E PROPEDEUTICO CORSO DI IDROKINESITERAPIA. METODO A.S.P. - APPROCCIO SEQUENZIALE E PROPEDEUTICO Date di svolgimento 2015-2016 : Sab. 12 - Dom. 13 Dicembre 2015; Sab 23 - Dom. 24 Gennaio 2016; Sab. 06 Dom. 07 Febbraio

Dettagli

ICF-CY. Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione

ICF-CY. Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione ICF-CY Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione Dott.ssa Marianna Piccioli Supervisore Scienze della Formazione Primaria Università degli Studi di Firenze Che cosa è l ICF? Si tratta della classificazione

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI MEDICINA SPERIMENTALE Corso di Laurea in SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE (L22)

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI MEDICINA SPERIMENTALE Corso di Laurea in SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE (L22) UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI MEDICINA SPERIMENTALE Corso di Laurea in SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE (L22) Insegnamento di Metodi e Didattica degli SPORT DI SQUADRA MeD della PALLAVOLO

Dettagli

REQUISITI DI IDONEITA PARAGRAFO 1 MALATTIE INVALIDANTI E CONDIZIONI DI COMPATIBILITA PER IL RILASCIO O IL RINNOVO DELLE PATENTI NAUTICHE

REQUISITI DI IDONEITA PARAGRAFO 1 MALATTIE INVALIDANTI E CONDIZIONI DI COMPATIBILITA PER IL RILASCIO O IL RINNOVO DELLE PATENTI NAUTICHE ALLEGATO I (articolo 27) REQUISITI DI IDONEITA PARAGRAFO 1 MALATTIE INVALIDANTI E CONDIZIONI DI COMPATIBILITA PER IL RILASCIO O IL RINNOVO DELLE PATENTI NAUTICHE Possono conseguire le patenti nautiche

Dettagli

SISTEMA NERVOSO. Comitato locale CRI Firenze

SISTEMA NERVOSO. Comitato locale CRI Firenze SISTEMA NERVOSO Comitato locale CRI Firenze SISTEMA NERVOSO Struttura CENTRALE: Encefalo (cervello, cervelletto, tronco) Midollo spinale NB: non confondere Il midollo spinale con il midollo osseo!!! PERIFERICO:

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

Distorsioni Fratture Esiti di interventi chirurgici Dolori vertebrali e sciatalgie Amputazioni ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA

Distorsioni Fratture Esiti di interventi chirurgici Dolori vertebrali e sciatalgie Amputazioni ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA Le nuove frontiere della sanità preventiva e riabilitativa in traumatologia sono il frutto di uno sforzo concettuale complesso, che soddisfi esigenze diverse tra bisogni, metodiche diagnostiche e cliniche,

Dettagli

La diagnosi di morte: la morte encefalica. Dr. Maurizio Cecconi A.O. San Giovanni Addolorata Roma, 12 Ottobre 2012

La diagnosi di morte: la morte encefalica. Dr. Maurizio Cecconi A.O. San Giovanni Addolorata Roma, 12 Ottobre 2012 La diagnosi di morte: la morte encefalica Dr. A.O. San Giovanni Addolorata Roma, 12 Ottobre 2012 Premessa indispensabile per poter parlare di prelievi d organo a scopo di trapianto è il concetto di morte

Dettagli

Insegnamento di Psicologia delle disabilità e dell integrazione scolastica (Prof.ssa Ottavia Albanese)

Insegnamento di Psicologia delle disabilità e dell integrazione scolastica (Prof.ssa Ottavia Albanese) Insegnamento di Psicologia delle disabilità e dell integrazione scolastica (Prof.ssa Ottavia Albanese) Benessere e compromissione delle capacità motorie: aspetti teorici e riflessioni Dott.ssa Nicoletta

Dettagli

DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP

DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP E enorme la confusione nella terminologia relativa all handicap. Per questo negli ultimi 20 anni l OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha diffuso

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE Mod. DISTRETTO SOCIOSANITARIO UNITÀ DI VALUTAZIONE TERRITORIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE PAZIENTE Cognome e Nome Sesso Luogo di nascita Data di nascita Residente a Via Telefono Codice Fiscale:

Dettagli

NUCLEO A VALENZA RIABILITATIVA

NUCLEO A VALENZA RIABILITATIVA Opere Pie d Onigo - Pederobba (TV) NUCLEO A VALENZA RIABILITATIVA Via Roma 65 Per ricoveri tel. 0423 694711-7-8 fax 0423 694710 segreteria@operepiedionigo.it http://www.operepiedionigo.it/ - Medico Nucleo

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI/LLE ALUNNI/E DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA O LD)

LA VALUTAZIONE DEGLI/LLE ALUNNI/E DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA O LD) ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI A. S. 2010/2011 LA VALUTAZIONE DEGLI/LLE ALUNNI/E DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA O LD) Dario Paparella 1 Definizione della persona diversamente

Dettagli

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB L ICF e la sua filosofia Bolzano 18 novembre 2004 Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB IRCCS Istituto

Dettagli

SINTESI SUL TEMA DELL ICF

SINTESI SUL TEMA DELL ICF STRUMENTI E TECNICHE DI INTERVENTI RIABILITATIVI Corso di Laurea in EDUCATORE PROFESSIONALE SANITARIO a.a. 2011/2012 - TERZO ANNO Facoltà di Scienze Cognitive Corso Bettini, 84 - Rovereto SINTESI SUL TEMA

Dettagli

LESIONI SCHELETRICHE

LESIONI SCHELETRICHE LESIONI SCHELETRICHE LESIONI MUSCOLO - SCHELETRICHE Anatomia dell APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano è costituito da 208 ossa di diversi tipi: OSSA BREVI (es.vertebre) OSSA PIATTE (es. SCAPOLA, BACINO)

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DEL SOGGETTO ANZIANO CON ICTUS

LA RIABILITAZIONE DEL SOGGETTO ANZIANO CON ICTUS LA RIABILITAZIONE DEL SOGGETTO ANZIANO CON ICTUS E SUL PIU BELLO ARRIVA L ICTUS L MA L ANZIANO, PER FORTUNA E E SANO COME UN PESCE. SARA SANO MA L ESSERE L ANZIANO COMPORTA DI PER SE QUALCHE MODIFICA DI

Dettagli

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio ICF, OUTCOME e RIABILITAZIONE Perugia, 24 giugno 2011 Gabriella Guasticchi - Rita De Giuli Perché l ICF nel Sistema Informativo per l Assistenza

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Attività di Tirocinio Clinico. Obiettivo I Anno di corso

Attività di Tirocinio Clinico. Obiettivo I Anno di corso Università degli Studi di Perugia Corso di Laurea in Fisioterapia Anno Accademico 2012-13 Attività di Tirocinio Clinico Obiettivi e Competenze per la valutazione annuale Obiettivo I Anno di corso Lo studente

Dettagli

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL SOGGETTO IN CONDIZIONE DI DISABILITA

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL SOGGETTO IN CONDIZIONE DI DISABILITA 11 febbraio 2008 L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL SOGGETTO IN CONDIZIONE DI DISABILITA Dr. Gianni De Polo Neuropsichiatra Infantile Fisiatra I.R.C.C.S. E. Medea Associazione La Nostra Famiglia Conegliano

Dettagli

NUOVO CERTIFICATO PER IL RICONOSCIMENTO DELL'INVALIDITA' CIVILE

NUOVO CERTIFICATO PER IL RICONOSCIMENTO DELL'INVALIDITA' CIVILE 19 Febbraio 2010 numero 95 Cara/o Collega, Newsletter della Sezione Provinciale del Sindacato dei Medici di Medicina Generale LA SEGRETERIA PROVINCIALE INFORMA a cura di Ivana Garione, Marco Morgando e

Dettagli

INTERVENTO DI PROTESI D ANCA: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE

INTERVENTO DI PROTESI D ANCA: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE INTERVENTO DI PROTESI D ANCA: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE Agnese Teruzzi, 78 anni Ex consulente d'azienda Operata 5 anni fa di protesi alle anche Sul sito web www.storiedivitainmovimento.it

Dettagli

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Gli ausili per l'autonomia nella vita 1 AUTONOMIA 1,2 RECUPERO DI UN NUOVO EQUILIBRIO Relazione

Dettagli

I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99

I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99 I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99 30 giugno 2014 Breve quadro normativo e contenuto del D.M. 332/99 D.G.R 642/2014 Regione Liguria revisione a livello nazionale D.P.C.M. LEA La spesa dell assistenza

Dettagli

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA La rivoluzione dell ICF: ogni persona, in qualunque momento della vita, può avere una condizione di salute che in un contesto sfavorevole diventa disabilità. M. Leonardi ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO,

Dettagli

DAL ICD AL ICF I MODELLI DI CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALI COME ESPRESSIONE DELL APROCCIO ALLA DISABILITA

DAL ICD AL ICF I MODELLI DI CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALI COME ESPRESSIONE DELL APROCCIO ALLA DISABILITA CORSO DI FORMAZIONE RIVOLTA AI DOCENTI AFFERENTI AL CTRH DI CEFALU - CAMPOFELICE CASTELBUONO Modello ICF e integrazione in classe DAL ICD AL ICF I MODELLI DI CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALI COME ESPRESSIONE

Dettagli

TEL. 0935/956564, cen.3288466487 C.F. 91037450862

TEL. 0935/956564, cen.3288466487 C.F. 91037450862 LUNA ONLUS DI VALGUARNERA VIA S. ELENA N 28 94019 VALGUARNERA ( EN) TEL. 0935/956564, cen.3288466487 C.F. 91037450862 E-MAIL - lunaonlus(a)alice.it DATI GENERALI DEL PROGETTO IPPOTERAPIA Si può definire

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Brambilla Daniela Indirizzo Albaredo Arnaboldi Via. Cascinone 18 Telefono 0385/277644 cell. 339/3970442 Fax

Dettagli

DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH

DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH = facioscapulohomeral muscolar daystrophy) Detta anche distrofia di Landouzy-Dejerine che per primi la descrissero nel 1884. Definizione La distrofia FSH è la terza

Dettagli

Federazione Associazioni Italiane Paratetraplegici Associazione di Promozione Sociale

Federazione Associazioni Italiane Paratetraplegici Associazione di Promozione Sociale Il percorso clinico assistenziale riabilitativo L'Unità Spinale Unipolare (U.S.U.) rappresenta una struttura complessa unipolare espressamente destinata all'assistenza delle Persone con lesioni al midollo

Dettagli

PARTE SECONDA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 maggio 2014, n. 959

PARTE SECONDA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 maggio 2014, n. 959 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 78 del 18 06 2014 20081 PARTE SECONDA Deliberazioni del Consiglio e della Giunta DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 maggio 2014, n. 959 DPR 495/92, art.

Dettagli

Sessione 4.1 Riabilitazione e continuità assistenziale

Sessione 4.1 Riabilitazione e continuità assistenziale Modulo 4 Assistenza al paziente e alla famiglia nel post-ictus Sessione 4.1 Riabilitazione e continuità assistenziale durata: 60 h 0 di 31 Obiettivi di apprendimento della sessione descrivere la rete assistenziale

Dettagli

Diritti e opportunità I BENEFICI CONNESSI AL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE

Diritti e opportunità I BENEFICI CONNESSI AL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE fase di remissione di malattia. Una gravidanza che insorge in fase di attività di malattia è infatti molto più a rischio di problemi materni e fetali. Secondo molti autori, una gravidanza può essere intrapresa

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE E DISABILITÀ: DAL DIRE AL FARE

NUOVE TECNOLOGIE E DISABILITÀ: DAL DIRE AL FARE NUOVE TECNOLOGIE E DISABILITÀ: DAL DIRE AL FARE Dir. Min.27/12/2012 STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA Fondandosi

Dettagli

Anche vivere in un posto bellissimo.. può essere pericoloso?

Anche vivere in un posto bellissimo.. può essere pericoloso? Anche vivere in un posto bellissimo.. può essere pericoloso? Gruppo di lavoro: Barbina Paolo, Berno Andrea, Calarco Santina, Conti Adamo, Di Liello Libera, Gallo Lorenza, Giovannini Emilio, Lauletta Maria,

Dettagli

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...):

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): COS'E' IL TRAUMA: Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): l'apparato scheletrico (fratture) le articolazioni (distorsioni,

Dettagli

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553 UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO Facoltà di scienze della formazione Corso di Laurea in Scienze E Tecniche Delle Attività Motorie Preventive e Adattate CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE

Dettagli

Gestione riabilitativa dell ictus cerebrale

Gestione riabilitativa dell ictus cerebrale AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI UOC Medicina Fisica e Riabilitativa Gestione riabilitativa dell ictus cerebrale Revisione 2009 Ictus ICD9: 436-438.9 Improvvisa comparsa di segni e/o sintomi riferibili

Dettagli

Appropriatezza, efficienza e costo della riabilitazione DATA-BANKING / STUDI GESTIONALI IL PROBLEMA DISABILITÀ

Appropriatezza, efficienza e costo della riabilitazione DATA-BANKING / STUDI GESTIONALI IL PROBLEMA DISABILITÀ Appropriatezza, efficienza e costo della riabilitazione icerca IL SISTEMA FIM SCALA FIM: UN SISTEMA FOMATIVO E INFOMATIVO La scala FIM-Functional Independence Meausure si presenta come un questionario

Dettagli

La Riabilitazione Medica nella fase Sub - Acuta

La Riabilitazione Medica nella fase Sub - Acuta METODOLOGIE E STRUMENTI PER LA PRESA IN CARICO DI RETE DELLE PERSONE CON ESITI DI CEREBROLESIONI ACQUISITE Rimini, 16/1/29 La Riabilitazione Medica nella fase Sub - Acuta Dott. Loris Betti Medico Fisiatra

Dettagli

Dal turismo per disabili al turismo per tutti Dal turismo per tutti al turismo di qualità

Dal turismo per disabili al turismo per tutti Dal turismo per tutti al turismo di qualità Dal turismo per disabili al turismo per tutti Dal turismo per tutti al turismo di qualità Eliminazione e superamento delle barriere nelle strutture ricettive (progettazione, esecuzione, gestione, accoglienza)

Dettagli

Dr.ssa Maria Grazia Russo Responsabile U. O. Riabilitazione ASL BA. Dr.ssa Laura Caforio Tecnico ortopedico

Dr.ssa Maria Grazia Russo Responsabile U. O. Riabilitazione ASL BA. Dr.ssa Laura Caforio Tecnico ortopedico Manfredonia, 15 17 novembre 2010 Valutazione e Prescrizione ORTESI, PROTESI ed AUSILI I SISTEMI DI POSTURA PER LA PERSONA GRAVEMENTE DISABILE Dr.ssa Maria Grazia Russo Responsabile U. O. Riabilitazione

Dettagli

Accertamento Invalidità Civile

Accertamento Invalidità Civile Accertamento Invalidità Civile Si tratta di visite collegiali per: l'accertamento dello stato di invalidità civile Legge 118/71 e 295/90; l'accertamento dello stato di portatore di handicap Legge 104/92;

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 INTERVENTO SEMINARIALE I.T.I.S. A. D Aosta L Aquila 29 Maggio 2007 Accoglienza e assistenza agli alunni

Dettagli

LE MALATTIE PEDIATRICHE

LE MALATTIE PEDIATRICHE LE MALATTIE PEDIATRICHE Malattie infettive Tumori Malattie congenite e ereditarie Paralisi cerebrale infantile Idrocefalo Autismo Disturbi dell età evolutiva 1 LE MALATTIE INFETTIVE Le malattie infettive

Dettagli

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Prevenire i pericoli derivanti dall immobilizzazione a letto Evitare la lussazione della protesi Recuperare un articolarità

Dettagli

Il Pediatra di Famiglia ed il bambino con grave disabilità

Il Pediatra di Famiglia ed il bambino con grave disabilità Il Pediatra di Famiglia ed il bambino con grave disabilità M.Cristina Tischer Pediatra di Famiglia - mctischer@hotmail.com 13/06/2008 SIPPS - Caserta 1 obiettivo Premesse La Pediatria di Famiglia ha 30

Dettagli

INCHIESTA SOCIO-AMBIENTALE ANZIANI

INCHIESTA SOCIO-AMBIENTALE ANZIANI INCHIESTA SOCIOAMBIENTALE ANZIANI CODICE UTENTE Data di rilevamento Cognome Nome Residente Via/p.zza Data di nascita Luogo Grado di Istruzione: Analfabeta Elementari Medie Superiori Laurea Cod. Fiscale

Dettagli

SCHEDA SANITARIA (compilazione a cura del medico di famiglia o di reparto ospedaliero) NOME E COGNOME DELL'INTERESSATO:

SCHEDA SANITARIA (compilazione a cura del medico di famiglia o di reparto ospedaliero) NOME E COGNOME DELL'INTERESSATO: All. B SCHEDA SANITARIA (compilazione a cura del medico di famiglia o di reparto ospedaliero) NOME E COGNOME DELL'INTERESSATO: ANAMNESI: TIPO DI INVALIDITA' PERCECENTUALE di INVALIDITA': % INDENNITA' DI

Dettagli

LA DIAGNOSI FUNZIONALE SECONDO L ICFL

LA DIAGNOSI FUNZIONALE SECONDO L ICFL LA DIAGNOSI FUNZIONALE SECONDO L ICFL Dario Ianes Centro Studi Erickson Università di Bolzano www.darioianes.it 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it VALUTAZIONE O DIAGNOSI? 1. Diagnosi come corretto riconoscimento

Dettagli