MODELLI DI CULTURA E IMMAGINI SOCIALI NEGLI ANNI '70 E '80 (La Scuola/La Cultura/I Giovani/ Il Costume)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODELLI DI CULTURA E IMMAGINI SOCIALI NEGLI ANNI '70 E '80 (La Scuola/La Cultura/I Giovani/ Il Costume)"

Transcript

1 MODELLI DI CULTURA E IMMAGINI SOCIALI NEGLI ANNI '70 E '80 (La Scuola/La Cultura/I Giovani/ Il Costume) Edgar Morin, parafrasando Santayana, afferma che coloro che non vogliono rammentare l'esperienza sono condannati a ripeterla. L'argomento che affrontiamo non vuole essere un revival di fatti e avvenimenti accaduti negli anni presi in esame, bensì una ulteriore riflessione su alcuni fenomeni connotativi e interni alla società italiana. Molto si è scritto e detto del '68, degli "anni di piombo", della crisi delle istituzioni, dell'editoria e dell'informazione, delle generazioni giovanili e dei loro costumi. Tuttavia, riteniamo che non è mai esaustivo riflettere sull'accaduto, fare bilanci, capire e prendere coscienza di fenomeni che tipicizzano l'evolversi dinamico della complessità sociale. Il ponte tra passato e futuro, trova nel presente un proprio laboratorio progettuale in cui il meccanismo di sviluppo si concretizza non sull'ampliamento, ma su ristrutturazioni continue. Venti anni di storia sociale e culturale sono uno spaccato interessante per chi con gli strumenti dell'analisi psicosociale tenta di cogliere modelli e immagini che hanno configurato in modo inequivocabile un periodo di transizione e crisi evolutiva tra il dopoguerra e l'appuntamento con l'europa degli anni '90. Verso la fine degli anni '60 matura in Italia - ma il fenomeno è già diffuso altrove - una nuova dimensione sociale, che incalza attraverso precise richieste, in specie per il radicale mutamento che avviene nelle classi sociali che postulano una revisione dell'assetto strutturale e culturale della società. Lo scontro con la nuova ed emergente realtà è inevitabile, proprio nel momento in cui la classe dirigente si ostina a tenere in scarsa considerazione l'opportunità di modificare l'organizzazione della società, per mettere i giovani nella condizione di realizzarsi attraverso processi formativi più adeguati ai nuovi tempi, per rivitalizzare e ristrutturare dall'interno le istituzioni pubbliche. Si comprende bene come il carattere "mondiale" e la simultaneità delle rivolte giovanili e studentesche siano la prova indiscutibile di siffatto stato di tensione che ferve in ogni società, in ogni paese; e tutto ciò mette in 207

2 risalto anche quanto il mondo sia piccolo, in sostanza, proprio in virtù del modo con cui le diverse culture vengono avvicinate tra loro dalla rapidità dei trasporti e delle comunicazioni. Ciò che rende "mondiale" il fenomeno '68 non è semplicemente la simultaneità delle agitazioni, bensì il fatto che i loro protagonisti appartengono ovunque alla stessa generazione e presentano caratteristiche sociali analoghe, individuabili in alcune "regole comuni", fatte di corrispondenze di idee, di slogan, di tecniche di propaganda, frutto di una circolazione internazionale, di momenti di scambio e di dialogo tra realtà differenti. Il sociologo americano Shils, esperto in comunicazioni di massa, nell'analizzare il fenomeno, parla di un modello narrativo-interpretativo della circolazione delle agitazioni tra diverse università: da Barkeley a Londra, Berlino e da esse a Parigi, Bruxelles, Milano e Roma. Tuttavia, va precisato che il carattere internazionale delle agitazioni studentesche è da imputare ad una "circolazione per identificazioni"; ed a distanza di vent'anni affiora in tutta evidenza la caratteristica "generazionale" del movimento, quale problema storiografico di grande complessità. La spiegazione è nel fatto che negli anni '60 matura un filone di studi e ricerche sulla gioventù, promosso da studiosi di psicologia sociale, che ipotizzano l'emergere di una gioventù apatica, spoliticizzata, quasi totalmente disimpegnata. Il movimento studentesco sembra costituire una sfida a tale ipotesi. postulando una revisione dell'assunto, sollecitando dibattiti, in cui il tema dominante è il "conflitto con il padre". Da ciò deriva la diffusa interpretazione configurata nell'etichetta freudiana di "rivolta edipica" attribuita al movimento, che intende le ribellioni giovanili della fine degli anni 60 come un momento inevitabile, ma passeggero, dello sviluppo di una giovane generazione. Calandoci nella realtà del nostro paese, oggi una valutazione del fenomeno '68 è da interpretare come un grande esperimento sociale "in vitro" in una realtà socio-economica dove l'industrializzazione e il benessere di massa giungono dopo la guerra. In Italia il '68 viene vissuto in una dimensione teatrale, di rappresentazioni, con linguaggi irruenti di messa in scena, con un bisogno molto forte di avviare un mutamento, una nuova comunicazione generazionale e modelli di comportamento, il cui punto di riferimento è sempre la comunità dei giovani. 208

3 Gli anni '70 sono carichi di fermenti e spinte innovative e la scuola è la prima istituzione ad essere incalzata da ventate innovatrici, che intendono rifondare il sistema formativo, tanto postulato dai giovani. Viene lanciata una parola d'ordine: "Cambiamento", per rinnovare dal profondo la scuola e la società nel suo complesso. Don Milani con la sua Lettera ad una professoressa diventa il simbolo sul fronte cattolico di siffatto processo di rinnovamento, mentre sul fronte laico si costituisce il Movimento di Cooperazione Educativa, che fa capo a Codignola ed alla sua casa editrice La Nuova Italia. Negli anni '70 vengono alla ribalta per la prima volta temi come "la funzione sociale dell'educazione", "il rapporto studio-lavoro", "la comunicazione creativa", "il territorio come struttura formativa e laboratorio di acculturazione". Si parla di insegnanti non passivi trasmettitori di cultura, ma organizzatori del sapere e analisti di risorse e motivazioni. Se con i Decreti Delegati si consolida un discorso di apertura della scuola ad una partecipazione gestionale e culturale esterna, l'inchiesta condotta e pubblicata con il titolo Le vestali della classe media di Marzio Barbagli e Marcello Dei denuncia in modo aperto l'universo degli operatori della scuola, che appaiono molto spesso demotivati nella pratica della professione docente. Il dibattito nel mondo della scuola negli anni si fa sempre più vivace e, nonostante le innovazioni, molti problemi attendono soluzioni ancora oggi; tra gli altri citiamo la non risolta e spinosa riforma della "superiore" ed il conseguente implicito problema, molto avvertito in ambito giovanile, del rapporto formazione scolastica-mondo del lavoro ed orientamento universitario. Fervono dibattiti e sperimentazioni, apertura della scuola alle agenzie e istituzioni culturali del territorio (Musei, Biblioteche, Teatri, ecc.), la lunga battaglia sulla riforina dei libri di testo (logorante braccio di ferro tra insegnanti e industria editoriale!). Gli inizi degli anni '70 risentono ancora dello shock degli avvenimenti con cui si sono conclusi gli anni '60. Eventi travolgenti, imprevisti in varie manifestazioni esterne, con parole d'ordine cariche di portata politica (Vietnam, Che Guevara, Mao, ecc.). Lo stesso "Maggio francese" è ben più che un episodio del movimento studentesco: la rivolta giovanile innesca in Francia uno sciopero generale di proporzioni notevoli. Accanto a dieci 209

4 milioni di operai scendono in piazza anche gli impiegati, il ceto medio nonché i tecnici ed i professionisti. Lo stesso "autunno caldo" in Italia esprime la ventata di protesta verso una società ed un sistema che devono invertire le linee di tendenza. Negli anni '71 -'72 l'onda delle lotte studentesche, espressa nelle forme del collettivismo massiccio, comincia lentamente a rifluire per dar luogo ad una costellazione di gruppi e gruppuscoli in conflitto permanente tra loro, ma pronti a rinascere dalle ceneri al primo segnale di rivolta generale. La storia della nostra società ci ha insegnato che nulla avviene in modo aprioristico e che a fondamento di ogni evento innovatore, di ogni fenomeno che scuote gli assetti sociali e li solca vi sono i fermenti culturali, alimenti delle ideologie, che, a loro volta, determinano e configurano le azioni degli uomini. La "nuova cultura", che informa i movimenti e le ventate innovatrici, è quella che si rifà alla Scuola di Francoforte ed ai suoi migliori esponenti: Horkheimer, Adorno e Marcuse, emigrati dalla Germania hitleriana negli Stati Uniti, le cui analisi sulla società industriale vengono ora scoperte, tradotte e diffuse. La Scuola di Francoforte vive una sua imprevista fortuna, dovuta alla forte compenetrazione di temi dialettici hegeliani (molte avvertiti nella cultura accademica italiana!) ed alla critica radicale della società industriale moderna, simboleggiata dagli Stati Uniti; nonché alla scelta di un impegno politico-sociale a favore dei popoli del terzo mondo e degli emarginati, oppressi dai detentori della civiltà dell'opulenza consumistica. Se La dialettica dell'illuminismo di Horkheimer e Adorno si configura come critica alla società dei consumi ed all'industria della cultura che la governa, Eros e Civiltà e L'uomo ad una dimensione di Marcuse giungono in Europa come strumenti di analisi dirompente e di revisione culturale. E ben attecchiscono in anni in cui la gioventù occidentale, che frequenta le università, elegge a modelli di incontaminazione sociale il diseredato, l'emarginato, il povero. Marcuse aveva già verificato tutto ciò con i propri studenti del campus di Berkeley: scopre che i "figli" della società opulenta e consumistica amano "protrarre" la loro stagione della vita. Matura, cioè tra i giovani americani la concezione dell'adolescenza protratta, del "differimento" dell'impatto con il mondo, dopo anni di parcheggio/studio nelle superiori e nelle università, per volere capire il funzionamento del 210

5 sistema e qual'è il meccanismo che è alla base del principio di "prestazione di efficienza", postulato dal sistema capitalistico-industriale. Le concezioni marcusiane trovano un terreno molto fertile: Marcuse definisce nella categoria dell "Eros" il piacere, il godimento ed in quello di "Civiltà" la -repressione addizionale", dovuta al fatto che la società capitalistica e industriale moderna, per sopravvivere, ha bisogno di produrre e chiede sacrifici che reprimono l "Eros", rendono l'uomo irrazionale, mortificando la fantasia e l'immaginazione. La proposta marcusiana è nel recupero dell "uomo unidimensionale" da realizzare attraverso la liberazione dal lavoro alienante di una società che garantisce da una parte dei beni, dall'altra li sottrae; e che opprime con i suoi ritmi produttivi intensi, con le sue richieste di consenso e integrazione in un mostruoso ingranaggio che priva l'uomo di spazi da gestire in autenticità. E' in questa analisi delle società moderne che matura la ideologia marcusiana del "Gran Rifiuto al Sistema", per salvare l'uomo dall'integrazione ed omogenizzazione di massa. Una sorta di postulato anarchico che viene sposato dalla cultura dei movimenti giovanili di quegli anni; che se da una parte è servito per costruire proposte innovative, dall'altra ha registrato esisti negativi, provocando fenomeni deteriori, come quelli, ad esempio, avvenuti nel nostro paese, della violenza alle Istituzioni nelle forme della "P 38" e della lotta armata allo Stato delle "Brigate rosse". La diffusione dell'ideologia marcusiana e delle teorie della Scuola di Francoforte non sono l'unico elemento connotativo della revisione culturale di questo ventennio. Un ruolo determinante è giocato dalla presenza/ pressione di fenomeni emergenti, quali, ad esempio, il grande mercato che attiva l'industria culturale e la diffusione dei mass-media. Agiscono e si moltiplicano vecchie e nuove strutture culturali: biblioteche in ogni comune, in ogni scuola, edicole di giornali più diffuse, sale cinematografiche, televisore in ogni abitazione, l'editoria di massa. Superata la fase delle enciclopedie "popolari", delle "summae" a dispense, del libro tascabile da potere acquistare in edicola insieme al quotidiano, l'industria editoriale intraprende in questi anni più ambiziose iniziative, per soddisfare nello stesso tempo livelli diversi della nuova scala produttivo-distributiva. Tuttavia, se da una parte si allarga la sfera delle possibilità degli acquisti culturali, dall'altra non corrisponde un allargamento della sfera della 211

6 lettura. Per cui, se nel centro e nel nord del paese il mercato editoriale in buona misura tira; nel Mezzogiorno, nonostante la presenza di case editrici come la prestigiosa Laterza e le nuove Dedalo e De Donato, nonché la Sellerio di Palermo che si indirizza, sotto la guida culturale di L. Sciascia. a lettori raffinati, nulla avviene di nuovo. Molti acquistano libri con l'intento dell'arredo delle pareti domestiche e, fatte salve alcune fasce di classi sociali e i giovani universitari, gli indici sulla lettura sono molto bassi. La "repubblica delle lettere" registra, un fenomeno alquanto singolare: da una parte abbiamo l'assalto agli Oscar di cultura che in veste economica riproducono la gloriosa collana mondadoriana della Medusa (un Oscar in un solo giorno può bruciare una buona fetta di tiratura che normalmente con una novità si esaurisce in alcuni mesi!); dall'altra prende piede il best-seller di "qualità", in specie se rivestito della fascetta che lo segnala selezionato in qualche premio. Così, negli anni'70 abbiamo Paura e tristezza dì Cassola (Einaudi) con copie; Ritratto in piedi della Manzini (Mondadori) con copie; I cieli della sera di Prisco (Rizzoli) con copie; sino a giungere alle copie de La storia della Morante (Einaudi) ed agli inizi degli anni '80 al Il nome della rosa di Eco (Bompiani) con copie. Chiaramente tutto ciò è solo un aspetto: ve ne sono altri nel mercato editoriale, che sono legati alle arretratezze e ritardi di una società che vuole diventare dinamicamente moderna. Dietro le classifiche commerciali del best-seller letterario e dell'oscar si delinea una vasta area di non-lettori o di lettori di sottocultura. Per cui, "chi legge" e "che cosa si legge" o "chi acquista quali libri legge" continua ad essere oggetto di dibattito e analisi che devono necessariamente tenere conto della realtà di un paese che al suo interno negli anni '80 continua a contenere sacche di arretratezza socio-economico-culturale e che, nonostante la scolarizzazione di massa, registra ancora tassi di analfabetismo nonché fenomeni di dispersione scolastica. Il foglio n. 35 dell'istat riferisce che nel 1970 in Italia la tiratura dei libri è di copie, una media, cioè, di n. 2 libri per ogni cittadino; nel 1980 è di copie, ma la media percentuale non cambia. Le relazioni ISTAT riferiscono anche dei generi tra i più letti, così nell'ordine: erotici, fantascienza, gialli, neoromantici, teleromanzi, rosa 212

7 costume, astrologia e scienze occulte, best-seller, saggistica varia. Una inversione di tendenza prende avvio intorno al 1982: il romanzo best-seller entra in crisi, mentre si registra un incremento della "varia" (libri per il tempo libero, di viaggi, di giardinaggio, di cucina) e di una certa saggistica di diverso livello (da Ronkey a Pansa, da Bocca a Alberoni, Biagi e Luca Goldoni), nonché le biografie. Negli anni '70 entra nel vivo il dibattito su le nuove forme di politica culturale; ed alla democratizzazione della cultura degli anni '60 si contrappone la "democrazia culturale", vale a dire l'intervento diretto delle istituzioni in un processo di decentramento e pluralismo. In realtà, la nuova linea di tendenza non è quella di decentrare la cultura dalle grandi città ai piccoli comuni, bensì di attivare iniziative coinvolgenti più cittadini ai banchetti di cultura, per sollecitare le capacità creative collettive. Il Progetto '80 indica per la prima volta tra gli impegni della programmazione economica la spesa per la promozione della cultura, da perseguire con il controllo sociale dei mass-media e con la creazione di interventi in ambito territoriale. I sociologi Bechelloni e Rositi nel Convegno sul "Decentramento culturale in Italia", organizzato dalla Biennale di Venezia nel 1976 definiscono il "decentramento" come allargamento della base dei produttori di cultura. Le Regioni, i Comuni, la Province si fanno promotori di una miriade di iniziative: dal teatro in piazza, ai concerti negli stadi ed ai Festival di musica jazz delle "Estati culturali", sino a mostre d'ogni genere, a programmazioni di film d'autore ed ai revival della cultura locale-tradizionale. Vi è un pullulare di cooperative teatrali, di gruppi di animazione, di cooperative di arti visive che gestiscono in appalto i programmi promozionali degli Enti locali. Un esempio vistoso è quello di Nicolini a Roma, che punta con una serie di iniziative a contestare l'emarginazione sociale e culturale dei giovani nella Capitale. Come spesso accade, molti di questi interventi sono gestiti e programmati in modo selvaggio e nella prospettiva di fare crescere il consenso elettorale di questo o quello Assessore alla cultura di turno, rivelandosi poco incisivi e incapaci di innescare positivi meccanismi di crescita culturale. Si sono profusi nel nome della cultura centinaia di milioni appartenenti ai cittadini contribuenti che sono serviti, nella maggiore parte dei casi, a foraggiare questo o quel gruppo teatrale o musicale, o a dare assistenza a cooperative di improvvisati professionisti dello spettacolo. 213

8 Un fenomeno interessante si registra verso la fine degli anni '70 nei generale clima del costume culturale italiano: il tanto conclamato "impegno politico" va ormai attenuandosi in modo notevole, mentre si rilancia la vita quotidiana ed i suoi valori: in breve, si ritorna al "privato". Il sociologo Francesco Alberoni coglie l'importanza di un dibattito, sorto intorno al 1978, sull'amore e l'adulterio (v. inchieste di Panorama. di L'espresso); ed afferma che non esiste un netto contrasto tra momento collettivo e politico e momento personale, per cui nel campo dell'amore l'innamoramento appartiene alla stessa classe dei movimenti collettivi. Dice, infatti, che l'amore è speranza, è rottura con il passato e nel contempo sua memoria, ricrea il mondo attraverso la necessità di unione e fusione e quindi, si concretizza come progetto. Se l'ondata femminista sessantottina ha elevato a primato la politica e nell'apparenza ha provocato la frattura tra i sessi, secondo il nostro sociologo ora l'amore si presenta come "nostalgia dell'amore". Siffatte tesi Alberoni le sostiene in Innamoramento e amore, edito da Garzanti nel 1979, registrando un notevole successo editoriale: dopo cinque mesi la vendita è di copie! La stampa divulga la dottrina alberoniana dell "amore", definito dal suo autore "stato nascente di un movimento collettivo a due", innescando un dibattito che diventa moda e costume. Il cattedratico Alberoni autorizza a non sorridere più dalle vicende sentimentali degli altri, a diffondere le proprie senza ritegni, per sentirsi orgogliosi avversari di un sistema che tenta di reprimere anche l'amore. E' sufficiente innamorarsi, raccontarlo per sentirsi dalla parte di chi è progressista. La sortita di Alberoni non è una semplice trovata commerciale per l'editoria, ed al di là dello stupore ed ironia che suscita negli ambienti accademici e degli intellettuali "impegnati", è il segnale eloquente di una stagione politico-culturale che volge al tramonto. I sessantottini sono nella fase della seconda età, quella che va dai quaranta ai sessant'anni e l'amore è una tematica carica di implicazioni psicologiche di natura complessa, in cui il ritorno ai sentimenti della vita a due è l'elemento trainante su cui si fonda il "riciclaggio sociale" delle leve non più giovani. Nel soffermarci sull'argomento che più ci interessa, vediamo che i giovani, oggi, sono un problema culturale, sociale e politico, in specie per la dilatazione notevole della fase adolescenziale, determinata dalla 214

9 scolarizzazione di massa. E' un nuovo e diverso stadio della vita, creato dalle società industriali e post-industriali, in cui i modelli e le regole non vengono più dai canali collaudati dalla tradizione, quali la famiglia, la chiesa e la scuola, bensì dai coetanei, dai mass-media, dalla civiltà dei consumi. I giovani, più che gli adulti, sono il terreno fertile su cui il consumismo attiva tutti i canali della comunicazione che detiene e governa, orientando i comportamenti, plasmando i gusti, inserendosi in un processo formativo che la famiglia e la scuola non riescono a controllare. L'industria culturale (dal cinema, alla stampa e alla televisione) e quella della pubblicità si sono attrezzate di esperti che studiano i fenomeni giovanili per rilanciare di volta in volta un mercato di nuovi miti e nuovi riti, di modelli a cui conformarsi, in cui trovare identità che la società continuamente vanifica. Nell'industria del cinema, agli inizi degli anni '80, viene lanciata per i giovani una diva, una star "del riflusso", come l'ha definita la critica. E' Sophie Marceau, protagonista di Il tempo delle mele: una giovane star che impone nel mondo giovanile un modello di adolescente tutta casa e buoni sentimenti. Il regista ci presenta l'iniziazione sessuale della protagonista bandendo dalla narrazione filmica il sesso; ad attenta lettura, però, vediamo come esso sia tenuto a distanza per essere meglio esorcizzato. Sophie Marceau incarna un tipo di adolescente che tenta di rimuovere la sessualità proprio nel momento in cui ne è assillata, ne è attratta. Il ruolo della star riveste una grande influenza nel momento di indeterminazione psicologica, tipico della fase adolescenziale, allorché la personalità in evoluzione è alla ricerca di sé stessa, di una propria identità. Una volta il cinema usava i divi adulti per offrire modelli ai giovani. Ora, i mass-media propongono come divi i coetanei (si pensi alla forte presa della rock-star Madonna!), divi che hanno la stessa età dei loro fans e che proprio per questo interpretano in modo assai più credibile sentimenti e problemi. Sono, cioè, modelli di proiezione/identificazione. Le statistiche di qualche anno fa evidenziano come i giovani sono la maggioranza del pubblico cinematografico: sono attratti dal cinema, sia perché la loro autoeducazione individuale e le relazioni con i coetanei li spingono fuori di casa a frequentare un ambiente sociale più vasto; sia perché cercano miti culturali e modelli di comportamenti personali che il cinema può ancora loro fornire come mezzi per scoprire il mondo ed il proprio posto in esso. 215

10 La televisione in questi anni ha ancora di più messo in crisi il grande schermo ed i suoi miti. La TV crea nuovi miti e nuovi riti, più privati, quasi personalizzati o familiari: le personalità televisive si distinguono per una loro tipica rappresentatività, per una loro tipicità, per la volontà di essere ordinarie e nel contempo accettate come familiari. I divi del cinema sono spesso modelli eccezionali, stelle enfatizzate e per questo hanno una maggiore presa sui giovani. Il dopoguerra ha prodotto tutta una schiera di eroi solitari, scettici, individualisti, insoddisfatti, in lotta con un mondo difficile, sconcertante e ambiguo. I giovani amano molto gli eroi negativi, per loro sono i migliori interpreti della decadenza, della crisi. I problemi dei giovani, infatti si manifestano in tutta la loro evidenza in un momento in cui l'adolescenza li sollecita a ripiegarsi su se stessi, a riflettere e prendere coscienza di una propria identità, mentre la società non offre loro alcuna soluzione o comunque possibilità di riconoscersi. Deriva da ciò un fenomeno importante avvenuto verso la fine degli anni '70: i giovani incominciano ad avere un atteggiamento diverso nei confronti del divismo, che per anni ha imperversato. Essi continuano ad avere i loro modelli preferiti, ma relativamente pendono dalle loro labbra. Li considerano semplicemente dei loro rappresentanti ai quali affidano il compito di dare voce ai loro sentimenti. Il divo di questi anni è problematico, una sorta di anti-divo; all'happy-end si va sempre più sostituendo il finale tragico o elusivo. Il benessere come soluzione esistenziale diventa problema e la vita piena di beni e di divertimenti viene messa in discussione. Le insonnie, le depressioni, le turbe psicosomatiche sono i primi segni di un malessere che si diffonde e si fa più profondo: e la cultura di massa pone i problemi della coppia, dell'amore, del matrimonio, del sesso, delle malattie sociali in genere. La mitologia euforica degli anni '60 trova il suo epilogo nella tragedia di Marilyn Monroe, nel suicidio, cioè, della star trionfante. Quella degli anni '80 si disincanta nelle euforie dei concerti della rock-star Madonna. Sostanzialmente si è messo in movimento la crisi delle ideologie ed il malessere giovanile è il malessere nei confronti della società dei consumi. di un modello di vita fondato, per dirla con Fromm, più sull'avere che sull'essere, con tutte le ansie e le angosce che ne derivano, e che una volta razionalizzate si trasformano in manifestazioni di critica radicale, in depressioni, in impotenze. 216

11 I divi televisivi e della musica rock incarnano modelli di autorealizzazione della vita privata, tendendo a spodestare sempre più quelli antichi e collaudati rappresentati dagli educatori, dai genitori. Suggeriscono essi norme di comportamento, seguono i loro fans passo passo, in modo indiretto, con continui e allusivi messaggi. Sophie Marceau tiene ad informare i suoi giovani fans che ama Sthendal e legge Sartre; Renato Zero impartisce con le sue canzoni una "nuova etica"; Dalla e Morandi colgono nel segno alcune molle emozionali. Le magliette unisex e le gonne a fiorellini dei giovani sessantottini cedono il posto ad una moda fondata sul sex-appel: minigonne vertiginose, pantacollant e niente reggiseno. Mike Buongiorno continua ad incarnare la figura rassicurante del tuttologo formato famiglia che informa opinioni e sentimenti dei telespettatori su un campo vastissimo. Costanzo, Minà e Arbore mettono in piedi trasmissioni trasgressive e provocatorie, ma nella sostanza omogenizzatrici e rassicuranti. Frassica inventa comunicazioni gergali all'insegna della strasgressione linguistica fascinando i giovani, mentre Bennato e Episcopo con i loro travolgenti concerti decantano le tensioni adolescenziali. Gli eroi, i simboli, i nomi degli spettacoli di massa riprodotti su milioni di supporti diversi, indossati da milioni di fans, trasformano questi ultimi in viventi ripetitori di pubblicità, destinati a imprimere una accellerazione simbiotica tra popolarità e indici di gradimento, tra successo di pubblico e successo commerciale. Quanto abbiamo detto è solo un versante del sofisticato e sottile gioco in cui vengono coinvolti i giovani della nostra generazione. Un gioco che da' vertigine, continuamente provocatorio, che tende al conformismo collettivo e mette in moto meccanismi palesi e latenti incontrollabili, privilegiando la provvisorietà e l'effimero. In realtà, i giovani oggi vogliono certezze, sono desiderosi di conferme che la società, l'industria della cultura fingono di dare. Nel momento in cui matura in essi una coscienza critica e cercano di andare al di là delle apparenze avvertono il vuoto, l'inconsistenza, la provvisorietà, la solitudine di questa società, pur così piena di immagini e suoni. L'angoscia li solca ed a livelli più stratificati crea le nevrosi, le ansie, le turbe comportamentali che sono le matrici delle devianze più diffuse: dalle manifestazioni di violenza gratuita alla droga, dalla vocazione all'etilismo al rifiuto totale di ogni responsabilità di reinserimento. 217

12 La società dei consumi e il suo sistema informativo si sono incuneati con ruolo cattivante - e legato alla logica della mercificazione - nelle strutture formative tradizionali, quali la famiglia e la scuola. La famiglia vive oggi una situazione di grave disorientamento, dovuto in modo peculiare alla dimensione stessa della organizzazione del sistema sociale. I genitori sono, spesso, assenti nel processo formativo dei propri figli. perché delegano ad altri compiti che non possono, o non sanno, gestire. La famiglia non coltiva al suo interno un buon patrimonio di relazioni tra i membri che la compongono, la struttura stessa del dialogo e della comunicazione è frammentata e ridotta spesso all'essenziale. I giovani si avvertono sempre più soli e reagiscono cercando la loro identità di generazione in momenti collettivi, nell'organizzarsi in gruppi, nell'affollare gli stadi per applaudire i concerti dei loro autori preferiti. La scuola, a cui la famiglia ha "scaricato" una pesante delega, non riesce a stare al passo con i tempi, rivelandosi impreparata e aggravata da responsabilità che, spesso, non le competono. Le procedure formative, che in essa si attivano, sono molte volte lontane dal soddisfare le rinnovate esigenze che i giovani reclamano. La società dei consumi li bombarda di messaggi molteplici, di modelli che essi vogliono sapere leggere e bene interpretare. I giovani alla scuola chiedono metodi e strumenti nuovi. L'esigenza di fondo è quella di avere i pass-partout per la lettura della realtà, per rendersi conto in modo diretto dei meccanismi che la predeterminano. In breve, vogliono essere sostenuti, formati, laddove per formazione si intende lo sviluppo delle capacità critiche, delle possibilità creative che permettono ad ogni individuo di costruirsi una propria ed originale identità. Luigi Mancino 218

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze...

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze... SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze....4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO BAMBINI DI TRE ANNI...4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana)

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) FICTION DI PROTOTIPI Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) Le location ed i poli produttivi della serialità televisiva in Italia: un sistema romanocentrico

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI? Sezioni VRD e GIALLA PROGTTO ALIMNTAZION COSA MANGIO OGGI? IL Bruco Maisazio, personaggio che ha accompagnato i bambini nel progetto di continuità nido-infanzia, quest anno ci porterà alla scoperta dei

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016)

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Premessa La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

I cambiamenti nel decennio 1980-1990

I cambiamenti nel decennio 1980-1990 LA STORIA DI LUCCA 2 CIRCOLO I cambiamenti nel decennio 1980-1990 Per opera del dimensionamento dei plessi scolastici avviato dal M.P.I. ed a causa del calo demografico della popolazione scolastica degli

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum Questa storia è stata scelta perché ricca di spunti educativi. Nel periodo dell inserimento ci guiderà DOROTHY che ci aiuterà nella conoscenza delle regole

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

LABORATORIO DI ANIMAZIONE TEATRALE TEATRO DEI GENITORI

LABORATORIO DI ANIMAZIONE TEATRALE TEATRO DEI GENITORI LABORATORIO DI ANIMAZIONE TEATRALE TEATRO DEI GENITORI Anno scolastico 2013/2014 PREMESSA Negli ultimi anni il rapporto scuola-famiglie è notevolmente mutato. I genitori sentendosi, a giusta ragione, parte

Dettagli

Il Direttore Generale. Loredana Gulino

Il Direttore Generale. Loredana Gulino PICCOLI E GRANDI INVENTORI CRESCONO: UN LUNGO VIAGGIO NELLE SCUOLE ITALIANE PER PROMUOVERE LA CULTURA BREVETTUALE PREMESSA Quando, nel 2008, ho assunto la direzione della Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

I tre modelli di coabitazione (mediterraneo, nordico e continentale) Socializzazione e rapporti tra generazioni I valori giovanili

I tre modelli di coabitazione (mediterraneo, nordico e continentale) Socializzazione e rapporti tra generazioni I valori giovanili Galland e Cicchelli Gli elementi che caratterizzano la gioventù a livello europeo Rinvio soglia di ingresso all età adulta Incertezza sul futuro Dipendenza sociale dei giovani rispetto alla collettività

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

Dopo il Neorealismo anni 60 neorealismo esaurimento trasformazioni economiche sociali culturali boom economico mass media nuove problematiche

Dopo il Neorealismo anni 60 neorealismo esaurimento trasformazioni economiche sociali culturali boom economico mass media nuove problematiche Dopo il Neorealismo Intorno agli anni 60 del XX secolo il neorealismo in Italia conosce un naturale esaurimento viste le profonde trasformazioni economiche ma anche sociali e culturali: il boom economico,

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Scuola dell Infanzia Parrocchia S. Martino Saonara (Pd) Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Carissimi genitori, l ambiente e le persone a cui affidare l educazione dei vostri figli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile RELAZIONE FINALE PROGETTO COMPETENZE IN CRESCITA. Laboratorio 2 1) TITOLO: Il gusto della lettura 2) CLASSE: Classi della scuola dell infanzia (solo bambini di 5 anni) Classi prime, seconde e quarte della

Dettagli

TEMPI Il progetto, scandito in Unità didattiche di apprendimento, accompagnerà i bambini nel loro percorso didattico per tutto l anno scolastico.

TEMPI Il progetto, scandito in Unità didattiche di apprendimento, accompagnerà i bambini nel loro percorso didattico per tutto l anno scolastico. 1 PREMESSA Ancora oggi, come ieri, i bambini hanno voglia di ascoltare fiabe e storie. Desiderano ascoltare storie che arrivano al cuore e alla mente e hanno voglia di mettere le ali e volare dentro a

Dettagli

Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità

Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità con il contributo della L.R. 16/2009 Cittadinanza di genere Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità (percorso per le scuole primarie) Premessa Nell ambito delle iniziative

Dettagli

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI PROGETTO LETTURA UNA CASCATA DI LIBRI Il progetto si prefigge di stimolare negli alunni la motivazione alla lettura e all ascolto, guidandoli a saper cogliere, insieme

Dettagli

UNA SCUOLA PER AMARE

UNA SCUOLA PER AMARE UNA SCUOLA PER AMARE L iniziativa UNA SCUOLA PER AMARE vuole essere una chiave d accesso per entrare nelle scuole, ma soprattutto nella sfera affettiva dei giovani, alla quale durante il percorso scolastico

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA

SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA titolo documento SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente modulo costituisce la scheda da utilizzare per la valutazione del processo

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Workshop n. 10 L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Introducono il tema e coordinano i lavori - Simona Cherubini, Lega delle Cooperative - Giancarlo Pasinetti,

Dettagli

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI Dott.ssa Valentina Zaffino PREMESSA La scuola è per i ragazzi la prima e la principale forma di aggregazione. La personalità del singolo

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2011-2012. PROGRAMMAZIONE della SCUOLA DELL INFANZIA La Pellegrina

ANNO SCOLASTICO 2011-2012. PROGRAMMAZIONE della SCUOLA DELL INFANZIA La Pellegrina ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMAZIONE della SCUOLA DELL INFANZIA La Pellegrina I BAMBINI I GENITORI CONOSCENZA dei COMPAGNI CONOSCENZA degli INSEGNANTI CONOSCENZA del PERSONALE DELLA SCUOLA CONOSCENZA

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la PREMESSA Lo studio dei mass media non può mai prescindere dal contesto storico-sociale in cui opera e di cui tratta influenzando, spesso, i soggetti che vi vivono. È sembrato opportuno partire, in questo

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 Il Progetto Educativo di Istituto (PEI) che definisce l identità e le finalità educative e culturali dell istituto Bertoni

Dettagli

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione IL SE e L ALTRO Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. Sviluppa il senso dell identità personale,

Dettagli

Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda

Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda Conoscendo l evoluzione storica della moda, è possibile affermarne la caratteristica di variabilità nel tempo, che dà vita ad un processo di cambiamento continuo,

Dettagli

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Interventi di prevenzione delle situazioni di disagio a scuola Percorsi educativi Classi Prime Educazione psico-affettiva L educazione psico-affettiva,

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

I CAMPI DI ESPERIENZA

I CAMPI DI ESPERIENZA I CAMPI DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO sviluppa il senso dell identità personale; riconosce ed esprime sentimenti e emozioni; conosce le tradizioni della famiglia, della comunità e della scuola, sviluppando

Dettagli

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012)

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012) LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Filastrocche / Canzoni / Giochi di Total Physical Response (TPR) Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina

Dettagli

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina di riferimento LINGUA INGLESE Obiettivi formativi Competenze europee

Dettagli

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria Centro Studi Hänsel e Gretel onlus con il contributo della L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA Il progetto si propone di avvicinare i ragazzi al mondo del cinema con un approccio ludico

Dettagli

Dalla rete tante idee per costruire a Natale

Dalla rete tante idee per costruire a Natale Dalla rete tante idee per costruire a Natale Il Natale è un momento speciale per i bambini e per gli adulti, educare al senso di appartenenza alla propria comunità, con le proprie scelte di fede e di valori,

Dettagli

Romanzi, avventure,parole,figure. Le ore azzurre delle letture tu senza orologio le misurerai. I libri non finiscono mai B. Tognolini LIBRI A..

Romanzi, avventure,parole,figure. Le ore azzurre delle letture tu senza orologio le misurerai. I libri non finiscono mai B. Tognolini LIBRI A.. ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA DI CORTE DE FRATI Romanzi, avventure,parole,figure. Le ore azzurre delle letture tu senza orologio le misurerai. I libri non finiscono

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA Premessa L avvio di una nuova esperienza scolastica o il passaggio da una classe all altra dovrebbe avvenire senza cambiamenti bruschi, senza traumi, solo con l entusiasmo di intraprendere

Dettagli

Il bambino con labiopalatoschisi

Il bambino con labiopalatoschisi Il bambino con labiopalatoschisi Aspetti psicologici e ruolo dello psicologo Ornella Manca Uccheddu La nascita del figlio A. M. Di Vita (Palermo, 2002) Ha messo in evidenza una differenza fra padri e madri

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

Nella produzione libraria 2006 sulla gestione

Nella produzione libraria 2006 sulla gestione LE VIE DELLA PROMOZIONE Il segmento intermedio tra lettori forti e deboli di Paola Dubini Il segmento delle persone che leggono dai due ai dieci libri l anno rappresenta la scommessa per la crescita stabile

Dettagli

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Il Cineforum prof. Fabio Sandroni - prof.ssa Nadia Ciambrignoni Cineforum: 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Progetto: Sentieri di Cinema CGS ACEC Marche Circuito di cinema di qualità

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE a.s 2015-16 SCUOLA DELL INFANZIA Sezioni 3^A

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 IC 41 CONSOLE: LA SCUOLA DELL INFANZIA PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 DESCRIZIONE DELLA SCUOLA La scuola dell infanzia dell IC 41 Console e situata nel quartiere Bagnoli in

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

Cocaina e il mondo della notte

Cocaina e il mondo della notte Cocaina e il mondo della notte Gruppo di ricerca formato da : Fabio Mariani e Claudio Marinelli Cooperativa Progetto sul cocainismo - Seconda Annualità anno 2009 FINALITA Emersione del cosiddetto sommerso

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

LINGUA INGLESE (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa)

LINGUA INGLESE (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa) LINGUA INGLESE (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa) Competenze europee: 1. LA COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA: che

Dettagli

PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011

PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011 PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011 promosso dalle Associazioni di volontariato E pas e temp, Unasam (Unione Nazionale delle Associazioni per la Salute Mentale) e Associazione Club degli alcolisti in

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

Evoluzione della comunicazione pubblica

Evoluzione della comunicazione pubblica INTERVENTO DELLA PROF.SSA ELENA ESPOSITO DOCENTE DI SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE UNIVERSITA DI MO.RE Evoluzione della comunicazione pubblica RELAZIONE PRESENTATA IN OCCASIONE DEL CONVEGNO, PROMOSSO DALLA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE LORENZO BARTOLINI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE LORENZO BARTOLINI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE LORENZO BARTOLINI PERCORSI DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ Anno scolastico 2007/2008 L educazione alla legalità ha trovato spazio nella progettazione della scuola secondaria di

Dettagli

TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti

TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti DESTINATARI: Il laboratorio è rivolto al gruppo omogeneo per età dei bambini di 5 anni (sezione B) della Scuola dell infanzia di Campitello. PERSONE COINVOLTE:

Dettagli

DELLE!SCUOLE!MEDIE!E!DELLE!UNIVERSITA! IN#COLLABORAZIONE#CON! CON#IL#PATROCINO#DI! ****************!!

DELLE!SCUOLE!MEDIE!E!DELLE!UNIVERSITA! IN#COLLABORAZIONE#CON! CON#IL#PATROCINO#DI! ****************!! UNANUOVACARTAD'IDENTITÀPERLARAI CONCORSONAZIONALERIVOLTOAGLISTUDENTI DELLESCUOLEMEDIEEDELLEUNIVERSITA INCOLLABORAZIONECON MINISTERODELL'ISTRUZIONE,DELL'UNIVERSITÀERICERCA CONILPATROCINODI EUROPEANBROADCASTINGUNION(EBU)

Dettagli

Perché un Premio sul telegiornale o un inchiesta a scuola intitolato a Maria Rosaria Sessa

Perché un Premio sul telegiornale o un inchiesta a scuola intitolato a Maria Rosaria Sessa 1 Perché un Premio sul telegiornale o un inchiesta a scuola intitolato a Maria Rosaria Sessa I media sono il modo in cui vediamo la realtà, sono la nostra principale fonte di informazione; oltre a rilassarci

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

le ragioni del progetto

le ragioni del progetto 1 2 le ragioni del progetto Il progetto mira a mettere in luce la complessità del mondo della cooperazione allo sviluppo, spesso confusa dall opinione pubblica con più superficiali atteggiamenti solidaristici

Dettagli

A cura di Maria Alessandra

A cura di Maria Alessandra PROGETTO GENITORI: - CORSO DI FORMAZIONE ED. AFFETTIVO-RELAZIONALE - CINEFORUM A cura di Maria Alessandra PREMESSA L'ipotesi di questo progetto nasce da una visione più ampia e integrativa dell'educazione

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta. Valeria Aquaro

IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta. Valeria Aquaro IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta Valeria Aquaro E essenzialmente un attività di AIUTO, con proprie e specifiche caratteristiche. Si è sviluppata a partire dagli anni 60 come fenomeno sociale

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

responsabile e solidale

responsabile e solidale Progetto: abbiamo fatto un sogno realizzare una scuola responsabile e solidale aiutando i nostri allievi a diventare soggetti attivi della propria vita attraverso scelte responsabili. Responsabilità è

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli

ARTI MIMICHE & GESTUALI

ARTI MIMICHE & GESTUALI ARTI MIMICHE & GESTUALI PROPOSTE ARTISTICHE E PROGETTUALITA by DN-Art Associazione Arti Mimiche & Gestuali - Centro Internazionale Come nascono il Centro e L Accademia Il panorama artistico in Italia è

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

Istituto Comprensivo F. Crispi Ragusa. Progetto Pedagogia di Genere. Scuola dell Infanzia Via Carducci sez. B, Inss.

Istituto Comprensivo F. Crispi Ragusa. Progetto Pedagogia di Genere. Scuola dell Infanzia Via Carducci sez. B, Inss. Istituto Comprensivo F. Crispi Ragusa Progetto Pedagogia di Genere Scuola dell Infanzia Via Carducci sez. B, Inss. Greco - Massari E' stata affrontata una tematica, oggi più che mai, attuale e necessaria,

Dettagli

AFTER X 2015. B(eat)

AFTER X 2015. B(eat) 1 AFTER X 2015 B(eat) Be eat, beat, to beat Il progetto After X 2015 del Centro Didattico produzione Musica Europe per Onlus Robur Solidale in collaborazione con l Istituto Comprensivo di Verdellino e

Dettagli

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA Manifesto della Cultura d Impresa MANIFESTO DELLACULTURA D IMPRESA

Dettagli

CENTRO FEDERATO INER VERONA

CENTRO FEDERATO INER VERONA CENTRO FEDERATO INER VERONA Via Seminario, 8 37129 Verona Referente: Giancarla Stevanella Segreteria :da Lunedì a Venerdì dalle 9,30 alle 14,00 Tel. 045 9276227 - fax 045 9276226 e mail: iner.verona@fecunditas.it

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

Progetto educativo d Istituto

Progetto educativo d Istituto Istituto Privato d Istruzione Superiore Progetto educativo d Istituto A.S. 2014 / 2015 Progetto educativo del Nuovo Istituto Meucci PREMESSA Ai Genitori, quali titolari del Progetto Educativo, spetta la

Dettagli

LA CITTA AMICA DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

LA CITTA AMICA DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI LA CITTA AMICA DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Azioni positive per lo sviluppo dei diritti di cittadinanza delle bambine e dei bambini e loro partecipazione attiva alla vita della comunità. OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli