MODELLI DI CULTURA E IMMAGINI SOCIALI NEGLI ANNI '70 E '80 (La Scuola/La Cultura/I Giovani/ Il Costume)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODELLI DI CULTURA E IMMAGINI SOCIALI NEGLI ANNI '70 E '80 (La Scuola/La Cultura/I Giovani/ Il Costume)"

Transcript

1 MODELLI DI CULTURA E IMMAGINI SOCIALI NEGLI ANNI '70 E '80 (La Scuola/La Cultura/I Giovani/ Il Costume) Edgar Morin, parafrasando Santayana, afferma che coloro che non vogliono rammentare l'esperienza sono condannati a ripeterla. L'argomento che affrontiamo non vuole essere un revival di fatti e avvenimenti accaduti negli anni presi in esame, bensì una ulteriore riflessione su alcuni fenomeni connotativi e interni alla società italiana. Molto si è scritto e detto del '68, degli "anni di piombo", della crisi delle istituzioni, dell'editoria e dell'informazione, delle generazioni giovanili e dei loro costumi. Tuttavia, riteniamo che non è mai esaustivo riflettere sull'accaduto, fare bilanci, capire e prendere coscienza di fenomeni che tipicizzano l'evolversi dinamico della complessità sociale. Il ponte tra passato e futuro, trova nel presente un proprio laboratorio progettuale in cui il meccanismo di sviluppo si concretizza non sull'ampliamento, ma su ristrutturazioni continue. Venti anni di storia sociale e culturale sono uno spaccato interessante per chi con gli strumenti dell'analisi psicosociale tenta di cogliere modelli e immagini che hanno configurato in modo inequivocabile un periodo di transizione e crisi evolutiva tra il dopoguerra e l'appuntamento con l'europa degli anni '90. Verso la fine degli anni '60 matura in Italia - ma il fenomeno è già diffuso altrove - una nuova dimensione sociale, che incalza attraverso precise richieste, in specie per il radicale mutamento che avviene nelle classi sociali che postulano una revisione dell'assetto strutturale e culturale della società. Lo scontro con la nuova ed emergente realtà è inevitabile, proprio nel momento in cui la classe dirigente si ostina a tenere in scarsa considerazione l'opportunità di modificare l'organizzazione della società, per mettere i giovani nella condizione di realizzarsi attraverso processi formativi più adeguati ai nuovi tempi, per rivitalizzare e ristrutturare dall'interno le istituzioni pubbliche. Si comprende bene come il carattere "mondiale" e la simultaneità delle rivolte giovanili e studentesche siano la prova indiscutibile di siffatto stato di tensione che ferve in ogni società, in ogni paese; e tutto ciò mette in 207

2 risalto anche quanto il mondo sia piccolo, in sostanza, proprio in virtù del modo con cui le diverse culture vengono avvicinate tra loro dalla rapidità dei trasporti e delle comunicazioni. Ciò che rende "mondiale" il fenomeno '68 non è semplicemente la simultaneità delle agitazioni, bensì il fatto che i loro protagonisti appartengono ovunque alla stessa generazione e presentano caratteristiche sociali analoghe, individuabili in alcune "regole comuni", fatte di corrispondenze di idee, di slogan, di tecniche di propaganda, frutto di una circolazione internazionale, di momenti di scambio e di dialogo tra realtà differenti. Il sociologo americano Shils, esperto in comunicazioni di massa, nell'analizzare il fenomeno, parla di un modello narrativo-interpretativo della circolazione delle agitazioni tra diverse università: da Barkeley a Londra, Berlino e da esse a Parigi, Bruxelles, Milano e Roma. Tuttavia, va precisato che il carattere internazionale delle agitazioni studentesche è da imputare ad una "circolazione per identificazioni"; ed a distanza di vent'anni affiora in tutta evidenza la caratteristica "generazionale" del movimento, quale problema storiografico di grande complessità. La spiegazione è nel fatto che negli anni '60 matura un filone di studi e ricerche sulla gioventù, promosso da studiosi di psicologia sociale, che ipotizzano l'emergere di una gioventù apatica, spoliticizzata, quasi totalmente disimpegnata. Il movimento studentesco sembra costituire una sfida a tale ipotesi. postulando una revisione dell'assunto, sollecitando dibattiti, in cui il tema dominante è il "conflitto con il padre". Da ciò deriva la diffusa interpretazione configurata nell'etichetta freudiana di "rivolta edipica" attribuita al movimento, che intende le ribellioni giovanili della fine degli anni 60 come un momento inevitabile, ma passeggero, dello sviluppo di una giovane generazione. Calandoci nella realtà del nostro paese, oggi una valutazione del fenomeno '68 è da interpretare come un grande esperimento sociale "in vitro" in una realtà socio-economica dove l'industrializzazione e il benessere di massa giungono dopo la guerra. In Italia il '68 viene vissuto in una dimensione teatrale, di rappresentazioni, con linguaggi irruenti di messa in scena, con un bisogno molto forte di avviare un mutamento, una nuova comunicazione generazionale e modelli di comportamento, il cui punto di riferimento è sempre la comunità dei giovani. 208

3 Gli anni '70 sono carichi di fermenti e spinte innovative e la scuola è la prima istituzione ad essere incalzata da ventate innovatrici, che intendono rifondare il sistema formativo, tanto postulato dai giovani. Viene lanciata una parola d'ordine: "Cambiamento", per rinnovare dal profondo la scuola e la società nel suo complesso. Don Milani con la sua Lettera ad una professoressa diventa il simbolo sul fronte cattolico di siffatto processo di rinnovamento, mentre sul fronte laico si costituisce il Movimento di Cooperazione Educativa, che fa capo a Codignola ed alla sua casa editrice La Nuova Italia. Negli anni '70 vengono alla ribalta per la prima volta temi come "la funzione sociale dell'educazione", "il rapporto studio-lavoro", "la comunicazione creativa", "il territorio come struttura formativa e laboratorio di acculturazione". Si parla di insegnanti non passivi trasmettitori di cultura, ma organizzatori del sapere e analisti di risorse e motivazioni. Se con i Decreti Delegati si consolida un discorso di apertura della scuola ad una partecipazione gestionale e culturale esterna, l'inchiesta condotta e pubblicata con il titolo Le vestali della classe media di Marzio Barbagli e Marcello Dei denuncia in modo aperto l'universo degli operatori della scuola, che appaiono molto spesso demotivati nella pratica della professione docente. Il dibattito nel mondo della scuola negli anni si fa sempre più vivace e, nonostante le innovazioni, molti problemi attendono soluzioni ancora oggi; tra gli altri citiamo la non risolta e spinosa riforma della "superiore" ed il conseguente implicito problema, molto avvertito in ambito giovanile, del rapporto formazione scolastica-mondo del lavoro ed orientamento universitario. Fervono dibattiti e sperimentazioni, apertura della scuola alle agenzie e istituzioni culturali del territorio (Musei, Biblioteche, Teatri, ecc.), la lunga battaglia sulla riforina dei libri di testo (logorante braccio di ferro tra insegnanti e industria editoriale!). Gli inizi degli anni '70 risentono ancora dello shock degli avvenimenti con cui si sono conclusi gli anni '60. Eventi travolgenti, imprevisti in varie manifestazioni esterne, con parole d'ordine cariche di portata politica (Vietnam, Che Guevara, Mao, ecc.). Lo stesso "Maggio francese" è ben più che un episodio del movimento studentesco: la rivolta giovanile innesca in Francia uno sciopero generale di proporzioni notevoli. Accanto a dieci 209

4 milioni di operai scendono in piazza anche gli impiegati, il ceto medio nonché i tecnici ed i professionisti. Lo stesso "autunno caldo" in Italia esprime la ventata di protesta verso una società ed un sistema che devono invertire le linee di tendenza. Negli anni '71 -'72 l'onda delle lotte studentesche, espressa nelle forme del collettivismo massiccio, comincia lentamente a rifluire per dar luogo ad una costellazione di gruppi e gruppuscoli in conflitto permanente tra loro, ma pronti a rinascere dalle ceneri al primo segnale di rivolta generale. La storia della nostra società ci ha insegnato che nulla avviene in modo aprioristico e che a fondamento di ogni evento innovatore, di ogni fenomeno che scuote gli assetti sociali e li solca vi sono i fermenti culturali, alimenti delle ideologie, che, a loro volta, determinano e configurano le azioni degli uomini. La "nuova cultura", che informa i movimenti e le ventate innovatrici, è quella che si rifà alla Scuola di Francoforte ed ai suoi migliori esponenti: Horkheimer, Adorno e Marcuse, emigrati dalla Germania hitleriana negli Stati Uniti, le cui analisi sulla società industriale vengono ora scoperte, tradotte e diffuse. La Scuola di Francoforte vive una sua imprevista fortuna, dovuta alla forte compenetrazione di temi dialettici hegeliani (molte avvertiti nella cultura accademica italiana!) ed alla critica radicale della società industriale moderna, simboleggiata dagli Stati Uniti; nonché alla scelta di un impegno politico-sociale a favore dei popoli del terzo mondo e degli emarginati, oppressi dai detentori della civiltà dell'opulenza consumistica. Se La dialettica dell'illuminismo di Horkheimer e Adorno si configura come critica alla società dei consumi ed all'industria della cultura che la governa, Eros e Civiltà e L'uomo ad una dimensione di Marcuse giungono in Europa come strumenti di analisi dirompente e di revisione culturale. E ben attecchiscono in anni in cui la gioventù occidentale, che frequenta le università, elegge a modelli di incontaminazione sociale il diseredato, l'emarginato, il povero. Marcuse aveva già verificato tutto ciò con i propri studenti del campus di Berkeley: scopre che i "figli" della società opulenta e consumistica amano "protrarre" la loro stagione della vita. Matura, cioè tra i giovani americani la concezione dell'adolescenza protratta, del "differimento" dell'impatto con il mondo, dopo anni di parcheggio/studio nelle superiori e nelle università, per volere capire il funzionamento del 210

5 sistema e qual'è il meccanismo che è alla base del principio di "prestazione di efficienza", postulato dal sistema capitalistico-industriale. Le concezioni marcusiane trovano un terreno molto fertile: Marcuse definisce nella categoria dell "Eros" il piacere, il godimento ed in quello di "Civiltà" la -repressione addizionale", dovuta al fatto che la società capitalistica e industriale moderna, per sopravvivere, ha bisogno di produrre e chiede sacrifici che reprimono l "Eros", rendono l'uomo irrazionale, mortificando la fantasia e l'immaginazione. La proposta marcusiana è nel recupero dell "uomo unidimensionale" da realizzare attraverso la liberazione dal lavoro alienante di una società che garantisce da una parte dei beni, dall'altra li sottrae; e che opprime con i suoi ritmi produttivi intensi, con le sue richieste di consenso e integrazione in un mostruoso ingranaggio che priva l'uomo di spazi da gestire in autenticità. E' in questa analisi delle società moderne che matura la ideologia marcusiana del "Gran Rifiuto al Sistema", per salvare l'uomo dall'integrazione ed omogenizzazione di massa. Una sorta di postulato anarchico che viene sposato dalla cultura dei movimenti giovanili di quegli anni; che se da una parte è servito per costruire proposte innovative, dall'altra ha registrato esisti negativi, provocando fenomeni deteriori, come quelli, ad esempio, avvenuti nel nostro paese, della violenza alle Istituzioni nelle forme della "P 38" e della lotta armata allo Stato delle "Brigate rosse". La diffusione dell'ideologia marcusiana e delle teorie della Scuola di Francoforte non sono l'unico elemento connotativo della revisione culturale di questo ventennio. Un ruolo determinante è giocato dalla presenza/ pressione di fenomeni emergenti, quali, ad esempio, il grande mercato che attiva l'industria culturale e la diffusione dei mass-media. Agiscono e si moltiplicano vecchie e nuove strutture culturali: biblioteche in ogni comune, in ogni scuola, edicole di giornali più diffuse, sale cinematografiche, televisore in ogni abitazione, l'editoria di massa. Superata la fase delle enciclopedie "popolari", delle "summae" a dispense, del libro tascabile da potere acquistare in edicola insieme al quotidiano, l'industria editoriale intraprende in questi anni più ambiziose iniziative, per soddisfare nello stesso tempo livelli diversi della nuova scala produttivo-distributiva. Tuttavia, se da una parte si allarga la sfera delle possibilità degli acquisti culturali, dall'altra non corrisponde un allargamento della sfera della 211

6 lettura. Per cui, se nel centro e nel nord del paese il mercato editoriale in buona misura tira; nel Mezzogiorno, nonostante la presenza di case editrici come la prestigiosa Laterza e le nuove Dedalo e De Donato, nonché la Sellerio di Palermo che si indirizza, sotto la guida culturale di L. Sciascia. a lettori raffinati, nulla avviene di nuovo. Molti acquistano libri con l'intento dell'arredo delle pareti domestiche e, fatte salve alcune fasce di classi sociali e i giovani universitari, gli indici sulla lettura sono molto bassi. La "repubblica delle lettere" registra, un fenomeno alquanto singolare: da una parte abbiamo l'assalto agli Oscar di cultura che in veste economica riproducono la gloriosa collana mondadoriana della Medusa (un Oscar in un solo giorno può bruciare una buona fetta di tiratura che normalmente con una novità si esaurisce in alcuni mesi!); dall'altra prende piede il best-seller di "qualità", in specie se rivestito della fascetta che lo segnala selezionato in qualche premio. Così, negli anni'70 abbiamo Paura e tristezza dì Cassola (Einaudi) con copie; Ritratto in piedi della Manzini (Mondadori) con copie; I cieli della sera di Prisco (Rizzoli) con copie; sino a giungere alle copie de La storia della Morante (Einaudi) ed agli inizi degli anni '80 al Il nome della rosa di Eco (Bompiani) con copie. Chiaramente tutto ciò è solo un aspetto: ve ne sono altri nel mercato editoriale, che sono legati alle arretratezze e ritardi di una società che vuole diventare dinamicamente moderna. Dietro le classifiche commerciali del best-seller letterario e dell'oscar si delinea una vasta area di non-lettori o di lettori di sottocultura. Per cui, "chi legge" e "che cosa si legge" o "chi acquista quali libri legge" continua ad essere oggetto di dibattito e analisi che devono necessariamente tenere conto della realtà di un paese che al suo interno negli anni '80 continua a contenere sacche di arretratezza socio-economico-culturale e che, nonostante la scolarizzazione di massa, registra ancora tassi di analfabetismo nonché fenomeni di dispersione scolastica. Il foglio n. 35 dell'istat riferisce che nel 1970 in Italia la tiratura dei libri è di copie, una media, cioè, di n. 2 libri per ogni cittadino; nel 1980 è di copie, ma la media percentuale non cambia. Le relazioni ISTAT riferiscono anche dei generi tra i più letti, così nell'ordine: erotici, fantascienza, gialli, neoromantici, teleromanzi, rosa 212

7 costume, astrologia e scienze occulte, best-seller, saggistica varia. Una inversione di tendenza prende avvio intorno al 1982: il romanzo best-seller entra in crisi, mentre si registra un incremento della "varia" (libri per il tempo libero, di viaggi, di giardinaggio, di cucina) e di una certa saggistica di diverso livello (da Ronkey a Pansa, da Bocca a Alberoni, Biagi e Luca Goldoni), nonché le biografie. Negli anni '70 entra nel vivo il dibattito su le nuove forme di politica culturale; ed alla democratizzazione della cultura degli anni '60 si contrappone la "democrazia culturale", vale a dire l'intervento diretto delle istituzioni in un processo di decentramento e pluralismo. In realtà, la nuova linea di tendenza non è quella di decentrare la cultura dalle grandi città ai piccoli comuni, bensì di attivare iniziative coinvolgenti più cittadini ai banchetti di cultura, per sollecitare le capacità creative collettive. Il Progetto '80 indica per la prima volta tra gli impegni della programmazione economica la spesa per la promozione della cultura, da perseguire con il controllo sociale dei mass-media e con la creazione di interventi in ambito territoriale. I sociologi Bechelloni e Rositi nel Convegno sul "Decentramento culturale in Italia", organizzato dalla Biennale di Venezia nel 1976 definiscono il "decentramento" come allargamento della base dei produttori di cultura. Le Regioni, i Comuni, la Province si fanno promotori di una miriade di iniziative: dal teatro in piazza, ai concerti negli stadi ed ai Festival di musica jazz delle "Estati culturali", sino a mostre d'ogni genere, a programmazioni di film d'autore ed ai revival della cultura locale-tradizionale. Vi è un pullulare di cooperative teatrali, di gruppi di animazione, di cooperative di arti visive che gestiscono in appalto i programmi promozionali degli Enti locali. Un esempio vistoso è quello di Nicolini a Roma, che punta con una serie di iniziative a contestare l'emarginazione sociale e culturale dei giovani nella Capitale. Come spesso accade, molti di questi interventi sono gestiti e programmati in modo selvaggio e nella prospettiva di fare crescere il consenso elettorale di questo o quello Assessore alla cultura di turno, rivelandosi poco incisivi e incapaci di innescare positivi meccanismi di crescita culturale. Si sono profusi nel nome della cultura centinaia di milioni appartenenti ai cittadini contribuenti che sono serviti, nella maggiore parte dei casi, a foraggiare questo o quel gruppo teatrale o musicale, o a dare assistenza a cooperative di improvvisati professionisti dello spettacolo. 213

8 Un fenomeno interessante si registra verso la fine degli anni '70 nei generale clima del costume culturale italiano: il tanto conclamato "impegno politico" va ormai attenuandosi in modo notevole, mentre si rilancia la vita quotidiana ed i suoi valori: in breve, si ritorna al "privato". Il sociologo Francesco Alberoni coglie l'importanza di un dibattito, sorto intorno al 1978, sull'amore e l'adulterio (v. inchieste di Panorama. di L'espresso); ed afferma che non esiste un netto contrasto tra momento collettivo e politico e momento personale, per cui nel campo dell'amore l'innamoramento appartiene alla stessa classe dei movimenti collettivi. Dice, infatti, che l'amore è speranza, è rottura con il passato e nel contempo sua memoria, ricrea il mondo attraverso la necessità di unione e fusione e quindi, si concretizza come progetto. Se l'ondata femminista sessantottina ha elevato a primato la politica e nell'apparenza ha provocato la frattura tra i sessi, secondo il nostro sociologo ora l'amore si presenta come "nostalgia dell'amore". Siffatte tesi Alberoni le sostiene in Innamoramento e amore, edito da Garzanti nel 1979, registrando un notevole successo editoriale: dopo cinque mesi la vendita è di copie! La stampa divulga la dottrina alberoniana dell "amore", definito dal suo autore "stato nascente di un movimento collettivo a due", innescando un dibattito che diventa moda e costume. Il cattedratico Alberoni autorizza a non sorridere più dalle vicende sentimentali degli altri, a diffondere le proprie senza ritegni, per sentirsi orgogliosi avversari di un sistema che tenta di reprimere anche l'amore. E' sufficiente innamorarsi, raccontarlo per sentirsi dalla parte di chi è progressista. La sortita di Alberoni non è una semplice trovata commerciale per l'editoria, ed al di là dello stupore ed ironia che suscita negli ambienti accademici e degli intellettuali "impegnati", è il segnale eloquente di una stagione politico-culturale che volge al tramonto. I sessantottini sono nella fase della seconda età, quella che va dai quaranta ai sessant'anni e l'amore è una tematica carica di implicazioni psicologiche di natura complessa, in cui il ritorno ai sentimenti della vita a due è l'elemento trainante su cui si fonda il "riciclaggio sociale" delle leve non più giovani. Nel soffermarci sull'argomento che più ci interessa, vediamo che i giovani, oggi, sono un problema culturale, sociale e politico, in specie per la dilatazione notevole della fase adolescenziale, determinata dalla 214

9 scolarizzazione di massa. E' un nuovo e diverso stadio della vita, creato dalle società industriali e post-industriali, in cui i modelli e le regole non vengono più dai canali collaudati dalla tradizione, quali la famiglia, la chiesa e la scuola, bensì dai coetanei, dai mass-media, dalla civiltà dei consumi. I giovani, più che gli adulti, sono il terreno fertile su cui il consumismo attiva tutti i canali della comunicazione che detiene e governa, orientando i comportamenti, plasmando i gusti, inserendosi in un processo formativo che la famiglia e la scuola non riescono a controllare. L'industria culturale (dal cinema, alla stampa e alla televisione) e quella della pubblicità si sono attrezzate di esperti che studiano i fenomeni giovanili per rilanciare di volta in volta un mercato di nuovi miti e nuovi riti, di modelli a cui conformarsi, in cui trovare identità che la società continuamente vanifica. Nell'industria del cinema, agli inizi degli anni '80, viene lanciata per i giovani una diva, una star "del riflusso", come l'ha definita la critica. E' Sophie Marceau, protagonista di Il tempo delle mele: una giovane star che impone nel mondo giovanile un modello di adolescente tutta casa e buoni sentimenti. Il regista ci presenta l'iniziazione sessuale della protagonista bandendo dalla narrazione filmica il sesso; ad attenta lettura, però, vediamo come esso sia tenuto a distanza per essere meglio esorcizzato. Sophie Marceau incarna un tipo di adolescente che tenta di rimuovere la sessualità proprio nel momento in cui ne è assillata, ne è attratta. Il ruolo della star riveste una grande influenza nel momento di indeterminazione psicologica, tipico della fase adolescenziale, allorché la personalità in evoluzione è alla ricerca di sé stessa, di una propria identità. Una volta il cinema usava i divi adulti per offrire modelli ai giovani. Ora, i mass-media propongono come divi i coetanei (si pensi alla forte presa della rock-star Madonna!), divi che hanno la stessa età dei loro fans e che proprio per questo interpretano in modo assai più credibile sentimenti e problemi. Sono, cioè, modelli di proiezione/identificazione. Le statistiche di qualche anno fa evidenziano come i giovani sono la maggioranza del pubblico cinematografico: sono attratti dal cinema, sia perché la loro autoeducazione individuale e le relazioni con i coetanei li spingono fuori di casa a frequentare un ambiente sociale più vasto; sia perché cercano miti culturali e modelli di comportamenti personali che il cinema può ancora loro fornire come mezzi per scoprire il mondo ed il proprio posto in esso. 215

10 La televisione in questi anni ha ancora di più messo in crisi il grande schermo ed i suoi miti. La TV crea nuovi miti e nuovi riti, più privati, quasi personalizzati o familiari: le personalità televisive si distinguono per una loro tipica rappresentatività, per una loro tipicità, per la volontà di essere ordinarie e nel contempo accettate come familiari. I divi del cinema sono spesso modelli eccezionali, stelle enfatizzate e per questo hanno una maggiore presa sui giovani. Il dopoguerra ha prodotto tutta una schiera di eroi solitari, scettici, individualisti, insoddisfatti, in lotta con un mondo difficile, sconcertante e ambiguo. I giovani amano molto gli eroi negativi, per loro sono i migliori interpreti della decadenza, della crisi. I problemi dei giovani, infatti si manifestano in tutta la loro evidenza in un momento in cui l'adolescenza li sollecita a ripiegarsi su se stessi, a riflettere e prendere coscienza di una propria identità, mentre la società non offre loro alcuna soluzione o comunque possibilità di riconoscersi. Deriva da ciò un fenomeno importante avvenuto verso la fine degli anni '70: i giovani incominciano ad avere un atteggiamento diverso nei confronti del divismo, che per anni ha imperversato. Essi continuano ad avere i loro modelli preferiti, ma relativamente pendono dalle loro labbra. Li considerano semplicemente dei loro rappresentanti ai quali affidano il compito di dare voce ai loro sentimenti. Il divo di questi anni è problematico, una sorta di anti-divo; all'happy-end si va sempre più sostituendo il finale tragico o elusivo. Il benessere come soluzione esistenziale diventa problema e la vita piena di beni e di divertimenti viene messa in discussione. Le insonnie, le depressioni, le turbe psicosomatiche sono i primi segni di un malessere che si diffonde e si fa più profondo: e la cultura di massa pone i problemi della coppia, dell'amore, del matrimonio, del sesso, delle malattie sociali in genere. La mitologia euforica degli anni '60 trova il suo epilogo nella tragedia di Marilyn Monroe, nel suicidio, cioè, della star trionfante. Quella degli anni '80 si disincanta nelle euforie dei concerti della rock-star Madonna. Sostanzialmente si è messo in movimento la crisi delle ideologie ed il malessere giovanile è il malessere nei confronti della società dei consumi. di un modello di vita fondato, per dirla con Fromm, più sull'avere che sull'essere, con tutte le ansie e le angosce che ne derivano, e che una volta razionalizzate si trasformano in manifestazioni di critica radicale, in depressioni, in impotenze. 216

11 I divi televisivi e della musica rock incarnano modelli di autorealizzazione della vita privata, tendendo a spodestare sempre più quelli antichi e collaudati rappresentati dagli educatori, dai genitori. Suggeriscono essi norme di comportamento, seguono i loro fans passo passo, in modo indiretto, con continui e allusivi messaggi. Sophie Marceau tiene ad informare i suoi giovani fans che ama Sthendal e legge Sartre; Renato Zero impartisce con le sue canzoni una "nuova etica"; Dalla e Morandi colgono nel segno alcune molle emozionali. Le magliette unisex e le gonne a fiorellini dei giovani sessantottini cedono il posto ad una moda fondata sul sex-appel: minigonne vertiginose, pantacollant e niente reggiseno. Mike Buongiorno continua ad incarnare la figura rassicurante del tuttologo formato famiglia che informa opinioni e sentimenti dei telespettatori su un campo vastissimo. Costanzo, Minà e Arbore mettono in piedi trasmissioni trasgressive e provocatorie, ma nella sostanza omogenizzatrici e rassicuranti. Frassica inventa comunicazioni gergali all'insegna della strasgressione linguistica fascinando i giovani, mentre Bennato e Episcopo con i loro travolgenti concerti decantano le tensioni adolescenziali. Gli eroi, i simboli, i nomi degli spettacoli di massa riprodotti su milioni di supporti diversi, indossati da milioni di fans, trasformano questi ultimi in viventi ripetitori di pubblicità, destinati a imprimere una accellerazione simbiotica tra popolarità e indici di gradimento, tra successo di pubblico e successo commerciale. Quanto abbiamo detto è solo un versante del sofisticato e sottile gioco in cui vengono coinvolti i giovani della nostra generazione. Un gioco che da' vertigine, continuamente provocatorio, che tende al conformismo collettivo e mette in moto meccanismi palesi e latenti incontrollabili, privilegiando la provvisorietà e l'effimero. In realtà, i giovani oggi vogliono certezze, sono desiderosi di conferme che la società, l'industria della cultura fingono di dare. Nel momento in cui matura in essi una coscienza critica e cercano di andare al di là delle apparenze avvertono il vuoto, l'inconsistenza, la provvisorietà, la solitudine di questa società, pur così piena di immagini e suoni. L'angoscia li solca ed a livelli più stratificati crea le nevrosi, le ansie, le turbe comportamentali che sono le matrici delle devianze più diffuse: dalle manifestazioni di violenza gratuita alla droga, dalla vocazione all'etilismo al rifiuto totale di ogni responsabilità di reinserimento. 217

12 La società dei consumi e il suo sistema informativo si sono incuneati con ruolo cattivante - e legato alla logica della mercificazione - nelle strutture formative tradizionali, quali la famiglia e la scuola. La famiglia vive oggi una situazione di grave disorientamento, dovuto in modo peculiare alla dimensione stessa della organizzazione del sistema sociale. I genitori sono, spesso, assenti nel processo formativo dei propri figli. perché delegano ad altri compiti che non possono, o non sanno, gestire. La famiglia non coltiva al suo interno un buon patrimonio di relazioni tra i membri che la compongono, la struttura stessa del dialogo e della comunicazione è frammentata e ridotta spesso all'essenziale. I giovani si avvertono sempre più soli e reagiscono cercando la loro identità di generazione in momenti collettivi, nell'organizzarsi in gruppi, nell'affollare gli stadi per applaudire i concerti dei loro autori preferiti. La scuola, a cui la famiglia ha "scaricato" una pesante delega, non riesce a stare al passo con i tempi, rivelandosi impreparata e aggravata da responsabilità che, spesso, non le competono. Le procedure formative, che in essa si attivano, sono molte volte lontane dal soddisfare le rinnovate esigenze che i giovani reclamano. La società dei consumi li bombarda di messaggi molteplici, di modelli che essi vogliono sapere leggere e bene interpretare. I giovani alla scuola chiedono metodi e strumenti nuovi. L'esigenza di fondo è quella di avere i pass-partout per la lettura della realtà, per rendersi conto in modo diretto dei meccanismi che la predeterminano. In breve, vogliono essere sostenuti, formati, laddove per formazione si intende lo sviluppo delle capacità critiche, delle possibilità creative che permettono ad ogni individuo di costruirsi una propria ed originale identità. Luigi Mancino 218

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente LA SFIDA EDUCATIVA Kenneth J. Gergen La mia proposta è che la principale sfida del sistema educativo del nostro secolo sia quella di sostituire la tradizionale

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

L IMMAGINE CHE NON C ERA

L IMMAGINE CHE NON C ERA L IMMAGINE CHE NON C ERA SEZIONE SCIENTIFICA DEL CONCORSO LA PAGINA CHE NON C ERA BANDO DELLA II EDIZIONE Se è vero che un'immagine può essere più esplicativa di tante parole, allora perché non provare

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

SE MI LASCI NON CRESCI

SE MI LASCI NON CRESCI F.S.E. Fai Scuola con l'europa Evento di lancio del nuovo POR FSE 2014-2020 REGOLAMENTO CONCORSO VIDEO SE MI LASCI NON CRESCI RIVOLTO AGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE SECONDARIA DI II GRADO Regolamento del

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale.

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. Rileggere oggi Lettera a una professoressa Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. 1. Lettera a una professoressa Lettera a una professoressa è un libro

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni

L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni Presenta L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni Premio IN-BOX 2014 LA CRITICA Uno spettacolo intenso... L'eco del diluvio è dilagata in noi con il suo fragore incontenibile

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli