Investimenti : in Europa si investe tre volte tanto

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Investimenti 2014-2017: in Europa si investe tre volte tanto"

Transcript

1 luglio 2014 Investimenti : in Europa si investe tre volte Laboratorio Servizi Pubblici Locali Abstract In questi mesi gli Enti d ambito sono stati chiamati a formulare le proposte tariffarie per il biennio , in applicazione del nuovo Metodo Tariffario Idrico. Le tariffe recuperano di più laddove erano rimaste più indietro e rimangono in ogni caso tra le più basse d Europa: la regolazione afferma il principio del full cost recovery. Il 75% della tariffa è ancora assorbito dai costi operativi: troppo poco lo spazio residuo per finanziare le infrastrutture. La pianificazione sul quadriennio conferma una buona progressione degli investimenti a 35 euro/abitante/ anno: un volume ancora carente se confrontato con valori tre volte superiori di Germania, Francia e Regno Unito. REF Ricerche srl, Via Aurelio Saffi, 12, Milano (www.refricerche.it) Il Laboratorio è un'iniziativa sostenuta da (in ordine di adesione): ACEA, Federutility - Utilitatis, SMAT, IREN, Confcommercio - Imprese per l'italia, CO.MO.I. Group, SIBA. Stesura: Donato Berardi, Francesca Signori e Samir Traini Editing: Giuseppe Voto

2 La missione del Laboratorio Dal 1 dicembre 2013 ha iniziato la sua attività il Laboratorio Servizi Pubblici Locali (Lab SPL), un forum di analisi e discussione che intende riunire selezionati rappresentanti del mondo dell impresa, delle istituzioni e della finanza al fine di rilanciare il dibattito sul futuro dei Servizi Pubblici Locali. Molteplici tensioni sono presenti nel panorama economico italiano, quali la crisi delle finanze pubbliche nazionali e locali, la spinta comunitaria verso la concorrenza, la riduzione del potere d acquisto delle famiglie, il rapporto tra amministratori e cittadini, la tutela dell ambiente. Nonostante questi avvenimenti, il comparto dei Servizi Pubblici Locali in Italia raramente è fonte di un dibattito sistemico : prevalgono nella discussione contrapposizioni e dicotomie (pubblico vs. privato, stato vs. mercato, locale vs. nazionale, ) quasi mai sorrette da analisi quantitative ed economiche. Per esperienza, indipendenza e qualità nella ricerca economica REF Ricerche è il luogo ideale sia per condurre il dibattito sui Servizi Pubblici Locali su binari di razionalità economica, sia per porlo in relazione con il più ampio quadro delle compatibilità e delle tendenze macroeconomiche del Paese. Donato Berardi Direttore tel

3 Investimenti : in Europa si investe tre volte Un'analisi sui Piani Economici Finanziari approvati La principali evidenze Le evidenze in sintesi Un analisi su 35 gestioni ove risiedono circa 20 milioni di abitanti restituisce un quadro delle scelte degli Enti d ambito in materia di investimenti e sviluppi tariffari. Si tratta di un esercizio sviluppato a partire dalle informazioni contenute nei Piani Economici Finanziari approvati ai sensi della 643/2014/r/idr, contestualmente alla definizione del moltiplicatore tariffario per gli anni 2014 e L analisi ha riguardato la dimensione dei programmi di investimenti sottesi agli adeguamenti per il quadriennio , l entità degli incrementi tariffari approvati e la composizione del vincolo sui ricavi. Tra i risultati principali si evidenziano: 1. una buona accelerazione degli investimenti per il quadriennio rispetto agli ultimi dati pubblici disponibili, in particolare per le gestioni dell area del Centro: in media nazionale, gli interventi pro-capite, al netto dei contributi a fondo perduto, passano da 25,3 a 35,5 euro/ab./anno; 2. tariffe che si confermano tra le più basse del panorama europeo; 3. incrementi tariffari medi dell 8,6% nel 2014 e del 6,6% nel 2015; più consistenti al Sud dove il fabbisogno infrastrutturale è maggiore e le tariffe più contenute; 4. un contributo al vincolo sui ricavi sbilanciato sui costi operativi (75%) piuttosto che su quelli di capitale (appena 19%), a segnalare che unitamente al rilancio degli investimenti urge consolidare l equilibrio economico delle gestioni; tra i costi operativi il 60% è rappresentato da costi passanti, dunque non efficientabili. Rimettere in moto gli investimenti Le informazioni del PdI Una misura indicativa del fabbisogno infrastrutturale Investimenti: accelerazione nel quadriennio ( ) Tra gli obiettivi che ispirano la regolazione AEEGSI vi è certamente quello di definire regole certe in grado di rimettere in moto gli investimenti 1. Lo stretto nesso che lega il riconoscimento degli adeguamenti tariffari agli investimenti è testimoniato, tra le altre cose, anche dall obbligo di approvazione del Piano degli Interventi (PdI) posto in capo agli Enti d ambito quale condizione per l avvio della revisione tariffaria. Nel PdI sono dettagliati gli obiettivi di servizio e i relativi interventi inclusi nella pianificazione, il valore degli investimenti previsti nel periodo che, attraverso il Capex e il FoNI, costituisce uno degli elementi fondanti della richiesta di adeguamento tariffario. È opportuno precisare che gli investimenti del quadriennio non hanno impatto sulle variazioni tariffarie del biennio di seguito analizzate, ma dispiegheranno i propri effetti a partire dal Tuttavia, l analisi dei dati relativi agli investimenti nel quadriennio permette di avere una misura indicativa del fabbisogno infrastrutturale espresso dal servizio idrico, tenendo comunque in debita considerazione che la predisposizione dei PdI è stata effettuata in un 1 Si veda Contributo n.9, Regolazione e investimenti: il servizio idrico può partire, aprile luglio 2014 Pagina 3

4 momento antecedente le Sentenze del TAR Lombardia del febbraio u.s. 2. Gli investimenti complessivamente programmati nel quadriennio Fatte queste premesse, per quanto riguarda le gestioni analizzate, gli investimenti complessivamente programmati nel quadriennio, al netto dei contributi 3, sono pari a quasi 2 miliardi di euro, ovvero un valore medio, di circa 133 euro/ab. in quattro anni, ma con una notevole escursione, da un minimo di 19 euro/ab. e un massimo di oltre 330 euro/ab. Si tratta di 31 euro/ab./anno. Il Centro registra il livello più elevato di investimenti pro-capite, con un valore di 50 euro/ab./anno; segue il Nord con 34 euro/ab./anno e, a distanza, il Sud, dove gli investimenti si fermano a 15 euro/ab./anno. Investimenti programmati , euro/abitante/anno euro/abitante/anno Italia Nord Centro Sud Desta preoccupazioni il dato del Sud Il dato del Sud risulta preoccupante, in quanto si tratta dell area geografica con il maggior deficit infrastrutturale. Il deficit, inteso come grado di mancata copertura del servizio di depurazione è in media nazionale pari al 15% se riferito alla capacità e a circa il 20% con riferimento al carico trattato: gli stessi indicatori passano rispettivamente a quasi il 29% e oltre il 31% nelle regioni del Mezzogiorno. Deficit infrastrutturale: estensione dei servizi per area geografica Acquedotto Fognatura Depurazione Depurazione (capacità) (carico trattato) copertura deficit copertura deficit copertura deficit copertura deficit Nord 95.10% 4.9% 94.8% 5.2% 93.2% 6.8% 84.9% 15.1% Centro 94.20% 5.8% 92.6% 7.4% 87.2% 12.8% 81.1% 18.9% Sud 98.00% 2.0% 90.9% 9.1% 71.1% 28.9% 68.6% 31.4% Totale Italia 95.60% 4.4% 93.1% 6.9% 85.0% 15.0% 78.5% 21.5% Fonte: Elaborazione Utilitatis su dati CoNViRI e ISTAT ISTAT - Rilevazione sui servizi idrici, dati riferiti al 2008 Co.N.Vi.R.I. - Rapporto sullo stato dei servizi idrici, dati riferiti al Peraltro, per una valutazione sui benefici della buona regolazione sulla pianificazione degli investimenti sarà necessario attendere il parere del Consiglio di Stato sui ricorsi e la disciplina del valore residuo delle opere idriche di prossima emanazione. Per un approfondimento su questi punti si rimanda al Contributo n.8, Ricorsi sul metodo tariffario: vince il diritto, marzo 2014 e al Contributo n. 19, Valore residuo delle opere del servizio idrico: cercasi certezze, luglio Gli investimenti sono considerati al netto dei contributi a fondo perduto già stanziati ed effettivamente disponibili, come previsto dal MTI (12.1, Allegato A). luglio 2014 Pagina 4

5 Rispetto al 2011 aumentano gli investimenti in tutte le aree geografiche Il confronto con il 2011, mostra un progresso degli investimenti pro-capite in tutte le aree geografiche. In particolare, al Nord il livello degli investimenti programmati è superiore del 12% rispetto al dato del 2011, sebbene inferiore a quanto realizzato nello stesso anno (al lordo dei contributi a fondo perduto). Le gestioni del Centro hanno programmato un volume di investimenti pro-capite superiore di quasi il 55% al dato 2011, crescita confermata anche nel confronto al lordo dei contributi a fondo perduto. Nel Sud, invece, nonostante l aumento degli investimenti programmati (+40% rispetto al 2011) non si raggiunge il livello degli investimenti realizzati nel 2011 grazie anche ai contributi a fondo perduto. Investimenti pro-capite realizzati nel 2011 e programmati nel 2014/2017 euro/abitante/anno Investimenti realizzati nel 2011 Investimenti annui* al lordo dei Contributi al netto dei Contributi programmati nel periodo Nord Centro Sud Italia * Valore annualizzato, iportizzando una distribuzione costante nel periodo Fonte: Utilitatis (anno 2011) ed elaborazioni REF Ricerche sui dati dei PEF dei gestori ( ) Nel confronto internazionale tale accelerazione non basta Nonostante l accelerazione osservata è opportuno rilevare che gli investimenti pro-capite del nostro paese si collocano su livelli decisamente inferiori a quelli dei principali Paesi europei: si va dai 79 euro/abitante in Germania fino ai 139 euro/abitante in Danimarca (Figura). Investimenti pro-capite nel settore idrico in Europa euro/abitante/anno Germania Francia UK Danimarca Fonte: Federutility I vincoli del MTI Adeguamenti tariffari: le tariffe rimangono tra le più basse in Europa Il metodo tariffario fissa un limite massimo all incremento annuale delle tariffe, da calcolarsi per il 2014 rispetto al moltiplicatore tariffario approvato dagli Enti d ambito per il 2013, ed eventualmente validato da AEEGSI. La variazione massima consentita, fatta salva la possibilità di accedere ad un istruttoria specifica per richiedere una deroga, dipende dal luglio 2014 Pagina 5

6 rapporto tra gli investimenti programmati (nel quadriennio ) e la consistenza della RAB al 2011: l incremento massimo annuo è del 6,5% (al lordo dell inflazione) se il rapporto rimane al di sotto del 50%, ma si può spingere fino al 9% laddove il fabbisogno di investimenti risulti più elevato. Il moltiplicatore tariffario si colloca spesso al di sotto del tetto massimo Tra le gestioni analizzate il moltiplicatore tariffario si colloca nella grande maggioranza dei casi su livelli inferiori al tetto massimo. Non mancano tuttavia casi di realtà che hanno chiesto di accedere all istruttoria AEEGSI al fine di ottenere un incremento tariffario superiore. La Tavola illustra la distribuzione delle gestioni, distinte per area geografica, per livello di incremento massimo ammissibile, nonché alcune misure di sintesi dell incremento deliberato e il livello della spesa media per il servizio di una famiglia di 3 componenti. La spesa per il servizio idrico Incremento annuale massimo consentito Inremento annuale media* Spesa media* 6,5% 9% (numero di gestioni) (var %) (var %) (euro/anno) Italia % 6.6% 292 Nord % 5.4% 262 Centro % 6.7% 380 Sud % 8.6% 234 * Media ponderata sulla popolazione Più di metà delle gestioni ha chiesto l incremento massimo del 9%, soprattutto al Centro-Sud Più di metà delle gestioni ha chiesto di accedere all incremento massimo del 9%, in particolare al Centro e al Sud; il beneficio appare però discendere da un basso livello di RAB al 2011 più che da un elevato livello degli investimenti pro capite programmati. L adeguamento medio, ponderato sulla popolazione residente, è pari all 8,7% nel 2014 e al 6,6% nel Tale risultato è frutto di incrementi più contenuti al Nord e al Centro e più sostanziosi al Sud. L entità degli adeguamenti risulta inversamente correlata al livello iniziale della spesa a segnalare che siamo in presenza di un recupero di un divario accumulato pregresso, tra costi e ricavi operativi oltre che infrastrutturale. La Tavola illustra per ciascuna gestione alcune delle variabili che hanno contribuito a definire il livello della variazione. La variazione tariffaria del MTT Gestione Investimenti RAB Investimenti/ Limite Incremento Incremento pro-capite pro-capite RAB incremento tariffario 2014 tariffario (euro/abitante) (euro/abitante) (%) (%) (%) % 5.0% 8.6% % 6.0% 3.4% % 0.0% 0.1% % 6.4% 4.5% % 7.6% 5.8% % 9.0% 8.9% % 8.3% 8.5% % 8.5% 8.5% % 27.8% 16.3% % 7.3% 3.3% (segue) % 1.4% 6.0% % 6.2% 6.0% luglio Pagina 6 Investimenti 6.5% : 5.5% in Europa si investe 5.8% tre volte % 9.6% 1.1% % 8.0% 8.5% 16* % 6.5% 6.5%

7 2017 (euro/abitante) (euro/abitante) (%) (%) (%) % 5.0% 8.6% % 6.0% 3.4% % 0.0% 0.1% % 6.4% 4.5% % 7.6% 5.8% % 9.0% 8.9% % 8.3% 8.5% % 8.5% 8.5% % 27.8% 16.3% (segue da pag. precedente) % 7.3% 3.3% % 1.4% 6.0% % 6.2% 6.0% % 5.5% 5.8% % 9.6% 1.1% % 8.0% 8.5% 16* % 6.5% 6.5% 17* % 5.4% 5.4% 18* % 12.6% 12.6% % 6.5% 6.5% % 3.4% 6.4% % 6.5% 6.5% % 6.5% 6.5% % 6.5% 6.5% % 5.2% 6.5% % 6.5% 6.5% % 5.2% -0.9% % 6.5% 6.5% % 5.0% 5.0% % 6.5% 6.5% % 6.5% 6.5% % 6.5% 3.8% % 6.5% 6.5% % 6.5% 6.4% % 6.4% 6.6% % 6.5% 6.5% % 6.5% 6.5% % 6.1% 7.4% Medie ponderate Italia % 6.6% Nord % 5.4% Centro % 6.7% Sud % 8.6% * I dati sono relativi alla medesima gestione, che presenta variazioni differenziate per bacino tariffario Gli aumenti originano da una spesa "relativamente bassa"... L aumento delle tariffe va tuttavia contestualizzato perché va ad incidere su una spesa di partenza per il servizio idrico integrato che per una famiglia di 3 componenti incide per circa l 1% della spesa per consumi (Tavola). Spesa per il servizio idrico in Italia e quota sul totale dei consumi Valori mediani, Anno comp. 80 m3 3 comp. 160 m3 5 comp. 210 m3 Spesa per il servizio idrico (euro/anno) In % sulla spesa per consumi 0.65% 0.87% 1.15% Fonte: elaborazioni su dati REF Ricerche e ISTAT... anche a livello europeo Il livello contenuto della spesa è confermato anche dal confronto con gli altri Paesi europei: la maggior parte dei capoluoghi di provincia italiani registra una spesa unitaria (profilo di 200 m3/anno), inferiore a quella delle principali capitali europee, ad eccezione di Madrid, in linea con la media italiana. luglio 2014 Pagina 7

8 Costo unitario del servizio idrico integrato euro/mc Copenaghen Germania (media) Parigi Londra 1 0 Capoluoghi italiani (anno 2013) Madrid Fonte: REF Ricerche e SMAT VRG: la quota più significativa è rappresentata dai costi operativi... La composizione del VRG: la quota maggiore a copertura dei costi operativi Tra le determinati del VRG, la quota più significativa è rappresentata dai costi operativi che complessivamente pesano per circa il 75%. Seguono i costi di capitale, pari a circa il 19%, mentre residuale è il peso del FoNI (3%) e delle componenti di recupero (2%), come illustrato nel grafico. Il confronto tra 2014 e 2015 mostra un lieve aumento della quota di capitale a scapito di quella relativa ai costi operativi. La composizone del VRG Anno % 30% 19% 4% Capex Foni OPEX end OPEX al Rc 46%... con differenze territoriali L analisi mostra un peso maggiore dei costi di capitale nelle Regioni del Centro, dove raggiunge in media il 25%, e un peso molto ridotto al Sud, dove raggiunge appena l 8% sul totale, a conferma della scarsa patrimonializzazione delle gestioni in quest area, conseguenza dei ridotti o assenti livelli di investimento del recente passato. luglio 2014 Pagina 8

9 Al Sud pesa la morosità A determinare un maggior peso dei costi operativi nelle regioni del Sud è anche il costo della morosità, che viene riconosciuto fino ad un massimo differenziato per area geografica e pari a 1,6% del fatturato al Nord, al 3% al Centro e al 6,5% nelle Regioni del Sud. Laddove disponibile tra il dettaglio dei costi, la percentuale riconosciuta per la morosità si colloca ai massimi consentiti, a segnalare come la morosità sia diventata negli anni recenti una vera e propria emergenza diffusa. Composizione del VRG Dettaglio per area geografica 100% 1% 3% 5% 80% 60% 40% 20% 0% 76% 64% 82% 3% 2% 25% 20% 5% 8% Nord Centro Sud Rc OPEX Foni Capex Rispetto al biennio aumenta il peso dei costi operativi passanti Rispetto al biennio si registra un aumento generalizzato del peso dei costi operativi passanti e una riduzione dell incidenza dei costi di capitale; l eccezione è rappresentata dalle Regioni del Centro dove si registra un leggero aumento dei costi di capitale, compensato da un calo dei costi operativi efficientabili. Composizione del VRG MTT MTI* Costi di capitale Costi operativi Costi operativi Costi operativi Costi operativi Costi di capitale efficientabili passanti efficientabili passanti Nord 27% 46% 27% 23% 47% 30% Centro 29% 44% 27% 31% 40% 28% Sud 16% 50% 35% 14% 49% 38% Italia 25% 46% 28% 23% 46% 31% * Al netto della componente Rc Fonte: elaborazioni su dati Utilitatis e REF Ricerche Il peso dei costi operatici è un'anomalia in un settore capital intensive Il peso preponderante dei costi operativi all interno del VRG è un anomalia, vista la natura capital intensive del settore: il confronto con il Regno Unito mostra un equilibrio speculare con un peso dei costi di investimento sul VRG pari al 61%. Una evidenza che riflette il divario cumulato in anni di mancati adeguamenti tariffari, pur in presenza di un aumento 4 Per garantire coerenza, il confronto rispetto al precedente aggiornamento tariffario (basato sul MTT) viene effettuato su macro aggregati di costo: costi di capitale (che comprendono Capex e FoNi), costi endogeni e costi esogeni. luglio 2014 Pagina 9

10 dei costi. Del resto, la crescita della quota dei costi operativi sul vincolo dei ricavi nei primi anni successivi all introduzione di un nuovo quadro regolatorio è quanto si è osservato anche nell esperienza inglese: solo successivamente con l implementazione di una regolazione incentivante l efficienza operativa i costi operativi hanno intrapreso una parabola discendente a fronte di una crescita significativa dei costi di capitale. La composizone del VRG Anno 2014 Italia Capex Opex Inghilterra e Galles 22% 39% 78% 61% I costi di capitale Compressione del Capex Il peso del delta- CUIT nelle Regioni del Sud I costi endogeni rappresenta circa il 60% di quelli operativi Tra i costi di capitale, la quota più significativa è quella relativa agli ammortamenti che pesa circa la metà (47%), seguita dagli oneri finanziari (30%) e dagli oneri fiscali (13%); residuale è l impatto del deltacuit, cioè dei costi di capitale riconosciuti ai proprietari delle infrastrutture diversi dal gestore (ammortamento, oneri finanziari e oneri fiscali) 5. In alcuni casi, gli Enti d ambito, dopo aver ridotto le componenti del FoNI riconosciute nel VRG, hanno optato (verosimilmente in accordo con il gestore) per una compressione del Capex, e in particolare degli oneri finanziari, al fine di mantenere l incremento tariffario al di sotto del limite previsto dal MTI. Questa tendenza potrebbe quindi giustificare, almeno in parte, la riduzione del peso degli oneri finanziari sui costi di capitale, per lasciare posto, in primis, al recupero dei costi operativi. Tra le differenze territoriali è interessante sottolineare il peso del deltacuit nelle Regioni del Sud, dovuto al fatto che in quest area molti gestori utilizzano infrastrutture di proprietà di terzi, ovvero società patrimoniali detentrici delle reti e delle altre dotazioni patrimoniali, cioè soggetti strumentali degli Enti locali. Per quanto riguarda invece i costi operativi, la componente relativa ai costi endogeni rappresenta circa il 60%, senza peraltro particolari differenze a livello geografico, suggerendo che una quota consistente (40%) dei costi del servizio è considerata passante e quindi non suscettibile di efficientamento da parte del gestore. 5 Il valore viene nettato della quota riconosciuta come canoni e rimborso di mutui che confluiscono nei costi operativi esogeni ed è riconosciuto nei limiti della componente non inclusa nel FoNI. luglio 2014 Pagina 10

11 La componente più significativa è quella legata ai volumi Le altre componenti Si tratta della quota riconosciuta nel 2014 e nel 2015 e non di quella complessiva Conguagli sostenuti dalla riduzione dei consumi Per quanto riguarda i conguagli, la componente più significativa è quella legata ai volumi: il MTI consente infatti di recuperare lo scarto (positivo o negativo) tra il gettito effettivo e quanto riconosciuto in applicazione del metodo tariffario transitorio (MTT). Nella maggior parte dei casi si registra una sovrastima a preventivo dei volumi rispetto a quelli effettivi, complice la riduzione del consumo domestico e, soprattutto, di quello non domestico in congiunzione della crisi economica. Tale scarto si scarica sul VRG 2014 e 2015, contribuendo a sostenere gli adeguamenti tariffari. Le altre componenti di conguaglio, calcolate come differenza tra i costi previsti nei Piani d ambito (ovvero quelli considerati nel VRG in applicazione del MTT), e quelli effettivamente sostenuti (da bilancio), riguardano la fornitura di energia elettrica, l acquisto di acqua all ingrosso, l eventuale rimborso per la quota di fognatura restituita agli utenti perché non dovuta e gli altri oneri: tali conguagli complessivamente hanno un peso ridotto sulle gestioni. Nel valutare il peso della componente conguagli sul VRG è importante ricordare che si tratta della quota riconosciuta nel 2014 e nel 2015 e non di quella complessiva: in caso di variazioni tariffarie superiori al massimo consentito, infatti, gli Enti d ambito hanno optato per una dilazione del recupero dei conguagli. E il caso, ad esempio, di 5 gestioni per le quali il recupero del 2014 è stato totalmente rinviato a dopo il 2015, e di altre per cui il rinvio è stato parziale ed ha interessato i 2/3 dell intero ammontare. Complessivamente, i conguagli riconosciuti hanno un discreto impatto sulla variazione tariffaria annua, da spiegare circa 1,3 punti percentuali di aumento medio delle tariffe. luglio 2014 Pagina 11

12 Allegato 1. Le gestioni analizzate I Piani analizzati si riferiscono a 35 gestioni che interessano complessivamente circa Comuni ove risiedono circa 15 milioni di abitanti, circa il 25% della popolazione residente nel Paese. Nella Tavola allegata sono indicati, per ciascuna area geografica, il numero delle gestioni analizzate, quello dei Comuni serviti, la popolazione e la percentuale degli abitanti residenti serviti sul totale dell area. Distribuzione delle osservazioni Num. Gestioni Num. Comuni Popolazione % Pop. Totale Italia % Nord % Centro % Sud % La distribuzione geografica vede la netta prevalenza di gestioni del Nord (20) e del Centro (11), con un peso in termini di popolazione servita rispettivamente del 24% e del 39% sulla popolazione residente, mentre le gestioni del Sud sono numericamente inferiori (4) ma con una incidenza della popolazione residente che comunque raggiunge il 17%. Le gestioni del Nord risultano mediamente di dimensioni inferiori: ogni gestione serve in media 56 Comuni e una popolazione di 325 mila abitanti. Al Centro prevalgono gestioni che servono realtà di grandi dimensioni, con un ridotto numero di Comuni: la popolazione servita da ciascuna gestione è in media di 420 mila abitanti. Al Sud ciascuna gestione interessa un numero elevato di realtà popolose: sono circa 120 i Comuni per ciascuna gestione, con una media di oltre 900 mila abitanti serviti. luglio 2014 Pagina 12

13 Allegato 2. Il Metodo Tariffario Idrico: un breve richiamo Prima di passare all analisi dei dati, è utile richiamare brevemente i criteri del Metodo Tariffario Idrico (MTI) e le componenti di costo riconosciute nel vincolo dei ricavi che contribuiscono a determinare la tariffa finale. Il MTI definito dall AEEGSI (delibera 643/2013/R/IDR) si basa sul principio del revenue cap, cioè un tetto massimo all aumento dei ricavi dei gestori, e di fatto consiste nella definizione di un moltiplicatore annuale da applicare alle tariffe vigenti nel Il Vincolo ai Ricavi del Gestore (VRG) è calcolato come somma di diverse voci di costo (building block), distinte in: costi di capitale, costi operativi e conguagli tariffari. I costi di capitale sono a loro volta distinti in diverse componenti: una parte, cosiddetta Capex, è calcolata sulla base del capitale investito netto a fini tariffari, ovvero la Regulatory Asset Base (RAB) che nello specifico è costituita da: ammortamenti, calcolati come quota del costo storico rivalutato del cespite, ripartita in base alla vita utile tecnica dello stesso, oneri finanziari, ovvero il costo del capitale calcolato sulla base di un tasso di interesse standard di mercato, oneri fiscali, calcolati come quota standard sul risultato ante imposte; le infrastrutture di soggetti diversi dal gestore, in eccedenza rispetto a quanto riconosciuto come canone sia per i mutui sia per altri corrispettivi (cosiddetto deltacuit). Una seconda parte dei costi di capitale è costituita dalla quota relativa al Fondo Nuovi Investimenti (cosiddetto FoNI) che rispetto al Metodo Tariffario Transitorio (MTT) adottato per il biennio è quantificata separatamente e non più come quota parte del Capex. Il FoNI è alimentato da tre diverse componenti, ovvero: la quota riconosciuta a titolo di anticipazione per nuovi investimenti, ovvero il FNIFoNI (presente solo qualora la somma degli investimenti previsti nel periodo sia superiore alla RAB) la componente riconosciuta a titolo di ammortamento sui contributi a fondo perduto (AMMFoNI) la componente riconosciuta a titolo di eccedenza del costo per l uso delle infrastrutture degli Enti locali. Il FoNI è obbligatoriamente destinato alla realizzazione degli investimenti individuati come prioritari e a coprire le tariffe sociali previste nei regolamenti (delibera 585/2012/R/IDR). Dal punto di vista operativo, è opportuno segnalare che l ammontare del Capex e del FoNI riconosciuto ai fini del calcolo del moltiplicatore tariffario per il 2014 si basa sugli investimenti realizzati nel 2012, primo anno di operatività della regolazione AEEGSI. Per quanto riguarda i costi operativi occorre distinguere tra costi endogeni che possono essere efficientati dal gestore e costi esogeni, quali ad esempio quelli per l acquisto di acqua all ingrosso o per i canoni di derivazione e oneri locali, che sono considerati passanti, in quanto su di essi il gestore ha una ridottissima capacità di intervento. Nello specifico, i primi dipendono dai costi operativi previsti nel Piano d Ambito vigente (cosiddetti costi di piano) e da quelli effettivi del 2011 (da bilancio) calcolati ai sensi del Metodo Tariffario Transitorio (MTT), aggiornati al sulla base del tasso di inflazione indicato da AEEGSI, mentre i costi esogeni sono calcolati, per il 2014, sulla base dei costi rendicontati nel 2012, sempre aggiornati per il tasso di inflazione. Infine, la componente dei conguagli, non prevista nel MTT, ha lo scopo di riconoscere, seppur con un ritardo temporale di 2 anni, eventuali scostamenti, sia in difetto che in eccesso, nei ricavi garantiti dal vincolo, ad esempio per una variazione dei volumi fatturati, o nei costi esogeni, cioè voci di spesa non previste precedentemente o erroneamente valorizzate. Poiché, come esplicitato più avanti, il MTI prevede un tetto massimo agli incrementi annuali della tariffa, nel caso in cui il vincolo dei ricavi regolati (VRG) comporti una variazione superiore al limite, gli Enti d ambito possono discrezionalmente (ovvero in accordo con il gestore) intervenire su alcuni voci di costo, ad esempio dilazionare il riconoscimento dei conguagli e possono ridurre il FoNI. luglio 2014 Pagina 13

Qualità, investimenti e sostenibilità finanziaria: un equilibrio da trovare nella regolazione a vent anni della riforma Galli

Qualità, investimenti e sostenibilità finanziaria: un equilibrio da trovare nella regolazione a vent anni della riforma Galli Seconda Conferenza Nazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici Autorità Energia Elettrica e Gas Qualità, investimenti e sostenibilità finanziaria: un equilibrio da trovare nella regolazione a vent anni

Dettagli

regolazione e investimenti

regolazione e investimenti La Regolazione: quali strumenti per incentivare lo sviluppo del servizio idrico regolazione e investimenti Claudio Cosentino L Aquila, ottobre 2013 Quanto si investe nei servizi idrici? Nel 2011: 1,6 miliardi

Dettagli

Chiarimenti Metodo Tariffario Idrico

Chiarimenti Metodo Tariffario Idrico Chiarimenti Metodo Tariffario Idrico Deliberazione 643/2013/R/IDR Documento congiunto ANEA FederUtility Seminario di approfondimento 26 Febbraio 2014 Roma 1 Perché i chiarimenti? Frutto della collaborazione

Dettagli

Modelli di regolazione per un «monopolio naturale»

Modelli di regolazione per un «monopolio naturale» Modelli di regolazione per un «monopolio naturale» L assetto del SII dopo il decreto 214/2011 AATO Definizione del piano e della tariffa del SII; Affidamento ad uno o più gestori; Controllo sulla realizzazione

Dettagli

Regolazione e investimenti: il servizio idrico può partire

Regolazione e investimenti: il servizio idrico può partire aprile 2014 Regolazione e investimenti: il servizio idrico può partire Laboratorio Servizi Pubblici Locali Abstract Il nuovo metodo tariffario per il servizio idrico ha le carte in regola per assicurare

Dettagli

Speciale tariffa 2014 2015

Speciale tariffa 2014 2015 Speciale tariffa 2014 2015 L' Autorità per l'energia Elettrica e il Gas e il Servizio Idrico - AEEGSI -, cui sono attribuite ai sensi del decreto legge 201/11 le funzioni attinenti alla regolazione e al

Dettagli

La nuova regolazione del servizio idrico

La nuova regolazione del servizio idrico La nuova regolazione del servizio idrico Il nuovo metodo tariffario transitorio Egidio Fedele Dell Oste Uff. Speciale Tariffe e Qualità dei Servizi Idrici Autorità per l energia elettrica e il gas Geneva,

Dettagli

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi Il metodo tariffario transitorio per il calcolo delle tariffe idriche e la prima direttiva per la trasparenza della bolletta dell acqua: sintesi delle principali novità

Dettagli

I servizi idrici integrati in Italia. Roma, 27 marzo 2014

I servizi idrici integrati in Italia. Roma, 27 marzo 2014 I servizi idrici integrati in Italia Roma, 27 marzo 2014 I servizi idrici integrati 2 2 Dati caratteristici del settore Acqua fatturata: 5,5 miliardi m 3 Reti acquedotto: 490.000 km Reti fognarie: 450.000km

Dettagli

ICET 4. Indice Costo Energia Terziario. Energia elettrica. a cura di Confcommercio-Imprese per l Italia in collaborazione con REF Ricerche

ICET 4. Indice Costo Energia Terziario. Energia elettrica. a cura di Confcommercio-Imprese per l Italia in collaborazione con REF Ricerche Ambiente e Utilities ICET 4 Indice Costo Energia Terziario a cura di Confcommercio-Imprese per l Italia in collaborazione con REF Ricerche aprile 2016, numero 4 Sintesi Energia Elettrica Prevista una riduzione

Dettagli

Investimenti e sviluppo delle imprese operanti sui servizi a rete Catia Tomasetti Vice Presidente Utilitalia

Investimenti e sviluppo delle imprese operanti sui servizi a rete Catia Tomasetti Vice Presidente Utilitalia Investimenti e sviluppo delle imprese operanti sui servizi a rete Catia Tomasetti Vice Presidente Utilitalia Milano, 7 ottobre 2015 Investimenti Solidarietà Futuro Efficientamento Aggregazioni Innovazione

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

WATER FUTURE. «Le prospettive per i servizi idrici in Italia»

WATER FUTURE. «Le prospettive per i servizi idrici in Italia» WATER FUTURE Conferenza internazionale «Le prospettive per i servizi idrici in Italia» Adolfo Spaziani, Federutility Il quadro normativo ambientale in Italia Il quadro normativo italiano in ambito ambientale,

Dettagli

Il Metodo Tariffario Transitorio secondo la delibera AEGG n.585 del 28 dic 2012

Il Metodo Tariffario Transitorio secondo la delibera AEGG n.585 del 28 dic 2012 Il Metodo Tariffario Transitorio secondo la delibera AEGG n.585 del 28 dic 2012 La regolazione del servizio idrico integrato (SII), a partire dalla legge n. 36/94 (Legge Galli) e in gran parte confermata

Dettagli

Deliberazione 643/2013/R/IDR

Deliberazione 643/2013/R/IDR Deliberazione 643/2013/R/IDR Prime analisi e considerazioni metodologiche ed operative ASPETTI GENERALI IL METODO TARIFFARIO IDRICO 1 Come è strutturata la Delibera 643/2013/R/IDR? DELIBERA (9 articoli)

Dettagli

RELAZIONE ACCOMPAGNATORIA

RELAZIONE ACCOMPAGNATORIA RELAZIONE ACCOMPAGNATORIA In base a quanto stabilito nell art. 37.2 dell allegato A deliberazione n. 585//R/IDR, in accordo con il Consiglio di Bacino al fine di calcolare un coefficiente ϑ unico, in analogia

Dettagli

I finanziamenti necessari nel settore idrico: possono esserci soluzioni innovative?

I finanziamenti necessari nel settore idrico: possono esserci soluzioni innovative? I finanziamenti necessari nel settore idrico: possono esserci soluzioni innovative? Valentina Menin Consultant Forlì 12 aprile 2013 Agenda Le criticità del settore idrico Meccanismi tariffari volti ad

Dettagli

Problematiche relative alla gestione dei conguagli dei volumi

Problematiche relative alla gestione dei conguagli dei volumi AEEGSI - 3 Conferenza Nazionale sulla regolazione dei Servizi Idrici 24/11/2014 - Milano A cura del Consorzio VIVERACQUA in rappresentanza di 11 aziende pubbliche del settore idrico dell area Veneta: Acque

Dettagli

MTC - criteri di applicazione

MTC - criteri di applicazione Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas 1 MTC - criteri di applicazione Si applicano tutte le disposizioni previste dal MTT in coerenza con i seguenti criteri

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo 267,1 milioni di Euro di ricavi, in crescita del 26% rispetto al primo trimestre 2003 Crescita

Dettagli

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato Relazione tecnica Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato 1. Premessa e contesto normativo Il provvedimento

Dettagli

QUANTIFICAZIONE E RICONOSCIMENTO DELLE PARTITE PREGRESSE ANNO 2011

QUANTIFICAZIONE E RICONOSCIMENTO DELLE PARTITE PREGRESSE ANNO 2011 Consiglio di Bacino dell Ambito Bacchiglione Sede legale: via Palladio, 128 fraz. Novoledo 36030 Villaverla (VI) Sede operativa: Corso Stati Uniti, 14/D 35127 PADOVA RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AI SENSI

Dettagli

PROGETTO PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI AMBITO

PROGETTO PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI AMBITO PROGETTO PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI AMBITO Piano Economico Finanziario Novembre 2010 1. IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO 1.1 INTRODUZIONE Il presente piano presenta il dettaglio della programmazione del

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Ma l incidenza delle componenti fiscali al 60% limita fortemente i benefici

Ma l incidenza delle componenti fiscali al 60% limita fortemente i benefici DIREZIONE COMUNICAZIONE E IMMAGINE UFFICIO STAMPA 59/16 Roma, 26.4.2016 Ma l incidenza delle componenti fiscali al 60% limita fortemente i benefici INDICE COSTO ENERGIA CONFCOMMERCIO: PER IMPRESE TERZIARIO

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Per caro petrolio, elettricità + 3,8 % e gas + 3,4% nel 1 trimestre 2008 Scatta ulteriore riduzione tariffe trasporto e distribuzione- In arrivo le

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 999 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI POLIDORI, VIGNALI Disposizioni per la razionalizzazione della gestione delle acque e istituzione

Dettagli

Strumenti finanziari per rilanciare gli investimenti per il settore idrico

Strumenti finanziari per rilanciare gli investimenti per il settore idrico Acqua 2.0 Tutela e valorizzione del patrimonio idrico Riparte la civilizzazione del Paese Strumenti finanziari per rilanciare gli investimenti per il settore idrico Alfredo Macchiati Roma, 27 marzo 2014

Dettagli

Indice Costo Elettricità Terziario

Indice Costo Elettricità Terziario ICET Indice Costo Elettricità Terziario NOTA METODOLOGICA Documento realizzato da Confcommercio-Imprese per l Italia Informazioni: Direzione Comunicazione e Immagine Confcommercio Tel 065866.228-219 email:stampa@confcommercio.it

Dettagli

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003 NOTA METODOLOGICA I dati elaborati per la presente pubblicazione sono quelli riportati nell allegato D ed F al rendiconto finanziario, rilevati dall Istat non più con un suo proprio modello ma a partire

Dettagli

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 Quadro economico Ricavi e costi del Sistema Attività industriale Risultati di riciclo e recupero degli imballaggi Attività sul territorio Accordo

Dettagli

La remunerazione del capitale investito: riflessioni metodologiche e confronto intersettoriale. 5 giugno 2015

La remunerazione del capitale investito: riflessioni metodologiche e confronto intersettoriale. 5 giugno 2015 La remunerazione del capitale investito: riflessioni metodologiche e confronto intersettoriale 5 giugno 2015 I criteri della remunerazione del capitale investito nei settori regolati Obiettivi del regolatore

Dettagli

Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10

Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10 Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10 TESTO INTEGRATO DELLE MODALITÀ E DELLE CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER LO SCAMBIO

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: dal 1 gennaio elettricità +0,7%, nessun aumento per il gas Al via il nuovo Metodo tariffario idrico e un indagine per le

Dettagli

L energia motore o freno delle PMI

L energia motore o freno delle PMI L energia motore o freno delle PMI CONVEGNO ASSOCARBONI Strategia energetica nazionale e Strategia energetica nazionale e competitività del sistema elettrico italiano 22 Marzo 2013 Agenda Il costo dell

Dettagli

Il bilancio per il cittadino - Comune di Napoli. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo

Il bilancio per il cittadino - Comune di Napoli. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo Il bilancio per il cittadino - Comune di Napoli Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo 2 Premessa Il rapporto Civicum-Politecnico di Milano sul Comune di Napoli ha l obiettivo di sintetizzare le

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Infrazioni comunitarie e investimenti pubblici

Infrazioni comunitarie e investimenti pubblici Infrazioni comunitarie e investimenti pubblici Giorgia Ronco Struttura di missione contro il dissesto idrogeologico e per lo sviluppo delle infrastrutture idriche Infrazioni comunitarie Direttiva 91/271/CE

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

BOLLETTA ELETTRICA: UN 2015 FAVOREVOLE ALLE IMPRESE

BOLLETTA ELETTRICA: UN 2015 FAVOREVOLE ALLE IMPRESE BOLLETTA ELETTRICA: UN 2015 FAVOREVOLE ALLE IMPRESE I trimestre 2015: forte contrazione dei prezzi dell energia Milano, marzo 2015 I primi mesi del 2015 restituiscono un quadro di timida ripresa dell attività

Dettagli

Il bilancio per il cittadino - Comune di Venezia. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo

Il bilancio per il cittadino - Comune di Venezia. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo Il bilancio per il cittadino - Comune di Venezia Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo 2 Premessa Il rapporto Civicum-Politecnico di Milano sul Comune di Venezia ha l obiettivo di sintetizzare

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 17 LUGLIO 2014 349/2014/R/IDR APPROVAZIONE DEGLI SPECIFICI SCHEMI REGOLATORI, RECANTI LE PREDISPOSIZIONI TARIFFARIE PER GLI ANNI 2014 E 2015, PROPOSTI DAL CONSIGLIO DI BACINO VERONESE L AUTORITÀ

Dettagli

ANALISI ECONOMICO - FINANZIARIA

ANALISI ECONOMICO - FINANZIARIA ANALISI ECONOMICO - FINANZIARIA BILANCIO DI ESERCIZIO 2011 Indice: Analisi economica Analisi patrimoniale finanziaria Conto economico riclassificato a valore aggiunto (tabella 1) Stato Patrimoniale riclassificato

Dettagli

Distribuzione di gas naturale

Distribuzione di gas naturale 56 Distribuzione di gas naturale PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE (milioni di ) 2010 2011 2012 Var.ass. Var.% Ricavi della gestione caratteristica (*) 1.233 1.297 1.434 137 10,6 - di cui ricavi di

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 23 APRILE 2015 189/2015/R/IDR APPROVAZIONE DELLO SPECIFICO SCHEMA REGOLATORIO, RECANTE LE PREDISPOSIZIONI TARIFFARIE PER GLI ANNI 2014 E 2015, PROPOSTO DALL ENTE D AMBITO AQUILANO L AUTORITÀ

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli

SCHEDA DISTRIBUZIONE GAS NEL TERRITORIO DELLA CAPITALE

SCHEDA DISTRIBUZIONE GAS NEL TERRITORIO DELLA CAPITALE SCHEDA Roma Capitale, Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana, il 10 settembre 2012, un anno dopo la pubblicazione del bando di gara, ha assegnato il contratto di concessione del servizio

Dettagli

La regolazione tariffaria degli investimenti nei servizi pubblici Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici. Roma, 14 dicembre 2011

La regolazione tariffaria degli investimenti nei servizi pubblici Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici. Roma, 14 dicembre 2011 La regolazione tariffaria degli investimenti nei servizi pubblici Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici Roma, 14 dicembre 2011 La finanziabilità dei Piani nel servizio idrico Ovvero,

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Le simulazioni della riforma sui gestori toscani

Le simulazioni della riforma sui gestori toscani Le simulazioni della riforma sui gestori toscani Il Metodo tariffario AEEG: il futuro degli investimenti nel servizio idrico Seminario ANEA, Roma 19 dicembre 2012 Indice I principali aspetti del Metodo

Dettagli

La partenza ritardata e lenta I fondi europei leva per uscire dalla crisi

La partenza ritardata e lenta I fondi europei leva per uscire dalla crisi discussione di Scenari economici n. 20 La partenza ritardata e lenta I fondi europei leva per uscire dalla crisi Alessandra Staderini Servizio Struttura economica, Banca d Italia Roma, 26 giugno 2014 Confindustria,

Dettagli

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 190/2014/R/GAS MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA Documento per la consultazione

Dettagli

50 Stoccaggio di gas naturale. Stoccaggio di gas naturale

50 Stoccaggio di gas naturale. Stoccaggio di gas naturale 50 Stoccaggio di gas naturale Stoccaggio di gas naturale Stoccaggio di gas naturale 51 PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE (milioni di e) 2012 2013 2014 Var.ass. Var.% Ricavi totali (a) (b) 402 489 541

Dettagli

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013 INVESTIMENTI DEGLI ENTI TERRITORIALI E PATTO DI STABILITA INTERNO - L incompatibilità dei vincoli di finanza pubblica con una politica di sviluppo del territorio A cura della Direzione Affari Economici

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 4 DICEMBRE 2014 597/2014/R/COM AVVIO DI PROCEDIMENTO PER L ADOZIONE DI PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI METODOLOGIE E CRITERI PER LA DETERMINAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO Nel 2015 raddoppia la scelta per il tasso fisso, il variabile perde appeal PREMESSA I segnali di ripartenza sul mercato del

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione Presentazione Rendiconto della Gestione 2007 1 IL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2007 Come sono stati spesi i soldi dei cittadini di Rovigo nel 2007 1. La popolazione* nell ultimo triennio Abitanti al 31.12.2005

Dettagli

Delibera ARG/elt 37/08

Delibera ARG/elt 37/08 Delibera ARG/elt 37/08 Aggiornamento per il trimestre aprile - giugno 2008 delle condizioni economiche del servizio di vendita di energia elettrica di maggior tutela L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

DOSSIER SUGLI INVESTIMENTI

DOSSIER SUGLI INVESTIMENTI DOSSIER SUGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI IDRICI Aggiornamento Dicembre 2013 SEMBLEA ASSEMBLEA ASSEMBLEA ASSEMBLEA ASSEMBLEA ASSEMBLEA ASSEMBLEA ASSEMBLEA ASSEMBLEA ASSEMBLEA ERALE GENERALE GENERALE GENERALE

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 26 FEBBRAIO 2015 75/2015/R/GAS CHIUSURA DEL PROCEDIMENTO, AVVIATO CON DELIBERAZIONE DELL AUTORITÀ 350/2013/R/GAS, PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE RELATIVE AGLI ANNI 2012 E 2013 DELLA

Dettagli

Investimenti nel servizio idrico: fabbisogno elevato, risorse scarse

Investimenti nel servizio idrico: fabbisogno elevato, risorse scarse giugno 2014 Investimenti nel servizio idrico: fabbisogno elevato, risorse Laboratorio Servizi Pubblici Locali Abstract Il Paese ha bisogno di tornare ad investire nelle infrastrutture idriche: lo dicono

Dettagli

EGIDIO FEDELE DELL OSTE

EGIDIO FEDELE DELL OSTE ACQUA Il nuovo Metodo Tariffario per i servizi idrici EGIDIO FEDELE DELL OSTE Autorità per l energia elettrica e il gas Uff. Speciale Tariffe e Qualità dei Servizi Idrici Napoli, 4 ottobre 2012 Autorità

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

A relazione del Presidente Cota: Richiamate: REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 2-6205 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan

Dettagli

Energia: da ottobre elettricità +3,4%, gas +2,4%, ma nel 2015 risparmi per 60 euro

Energia: da ottobre elettricità +3,4%, gas +2,4%, ma nel 2015 risparmi per 60 euro COMUNICATO Energia: da ottobre elettricità +3,4%, gas +2,4%, ma nel 2015 risparmi per 60 euro Milano, 29 settembre 2015 Dopo i ribassi nei primi 9 mesi dell anno, in aumento le bollette nell ultimo trimestre,

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Alessandro Marangoni Chief Executive Officer Althesys

Alessandro Marangoni Chief Executive Officer Althesys Le local italiane e il settore idrico. Gli investimenti e le performance delle imprese Alessandro Marangoni Chief Executive Officer Althesys Audizione nella 2 Conferenza Nazionale sulla Regolazione dei

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

La redazione del bilancio preventivo. Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati

La redazione del bilancio preventivo. Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati Michele Pisani La redazione del bilancio preventivo modulo 4 Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati Le macro-fasi di redazione del preventivo operazioni

Dettagli

Bolzoni SpA Relazione Trimestrale al 31.03.2008 Attività del Gruppo

Bolzoni SpA Relazione Trimestrale al 31.03.2008 Attività del Gruppo Attività del Gruppo Il Gruppo Bolzoni è attivo da oltre sessanta anni nella progettazione, produzione e commercializzazione di attrezzature per carrelli elevatori e per la movimentazione industriale. Lo

Dettagli

Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010

Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010 8 aprile 2011 Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

Sommario Premessa... 1 Costi del personale: organigramma e funzioni... 2 Costi per la sede... 4 Costi per spese correnti e servizi...

Sommario Premessa... 1 Costi del personale: organigramma e funzioni... 2 Costi per la sede... 4 Costi per spese correnti e servizi... Allegato 3 Relazione tecnica allegata all istanza ai sensi del co.8, art.6 della deliberazione 585/2012/R/Idr per la modifica dei costi di funzionamento della Segreteria Tecnica dell ATO genovese da riconoscere

Dettagli

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Audizione del Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Roma, 3 luglio 2014 Indice Il Gruppo GSE Decreto-Legge 24

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da gennaio deciso calo per la bolletta elettricità -3%, in lieve riduzione il gas -0,3% sull anno risparmi per oltre 72 euro

Dettagli

La regolazione delle reti elettriche in Italia

La regolazione delle reti elettriche in Italia La regolazione delle reti elettriche in Italia IEFE UNIVERSITA BOCCONI PROGETTO DI RICERCA PROMOSSO DA ANIE RAPPORTO FINALE, GIUGNO 2014 Michele Polo (IEFE, Dipartimento di Economia e eni Chair in Energy

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. MISURA IV.1 Più forti patrimonialmente Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle piccole e medie imprese mediante

Dettagli

La tematica dell intervento del capitale

La tematica dell intervento del capitale A&T 41 Il project financing nel settore idrico A cura di Francesco Saverio Coppola, Alessandro Panaro Associazione Studi e Ricerche per il Mezzogiorno La tematica dell intervento del capitale privato nelle

Dettagli

2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009

2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009 I CONTI DEL SETTORE PUBBLICO 2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009 Il conto degli Enti previdenziali (Tabella 2.2-1) a tutto il terzo trimestre 2009 evidenzia

Dettagli

I MEZZI PUBBLICI ITALIANI SONO DAVVERO CARI? 1. Lorenzo Minetti Università di Pavia, Collaboratore Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

I MEZZI PUBBLICI ITALIANI SONO DAVVERO CARI? 1. Lorenzo Minetti Università di Pavia, Collaboratore Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali I MEZZI PUBBLICI ITALIANI SONO DAVVERO CARI? 1 Lorenzo Minetti Università di Pavia, Collaboratore Dipartimento di Scienze Politiche

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Fattori competitivi e Sistema Paese

Fattori competitivi e Sistema Paese La competitività dell industria chimica dipende dalle condizioni del Sistema Paese Sistema formativo Sistema normativo Industria chimica Pubblica Amministrazione Ricerca Infrastrutture e trasporti Costo

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.01.02 ANALISI DELLA STRUTTURA PATRIMONIALE

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE B.P.Vi FONDI SGR S.p.A. Gruppo Bancario Banca Popolare di Vicenza S.c.p.a. PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 22 GENNAIO 2015 13/2015/R/IDR APPROVAZIONE DELLO SPECIFICO SCHEMA REGOLATORIO, RECANTE LE PREDISPOSIZIONI TARIFFARIE PER GLI ANNI 2014 E 2015, PROPOSTO DALL UFFICIO D AMBITO DI COMO L AUTORITÀ

Dettagli

II FORUM GREEN ENERGY

II FORUM GREEN ENERGY II FORUM GREEN ENERGY Produzione e distribuzione elettrica: le sfide da vincere per la rete Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab Roma, 19 Giugno 2012 Le banche e il comparto delle FER Il Settore Bancario

Dettagli

LA BANCABILITÀ DEI PROGETTI D INVESTIMENTO NEL SETTORE S.I.I.

LA BANCABILITÀ DEI PROGETTI D INVESTIMENTO NEL SETTORE S.I.I. LA BANCABILITÀ DEI PROGETTI D INVESTIMENTO NEL SETTORE S.I.I. 17 Aprile 2015 pag. 1 Track Record MPSCS nel Settore SII AATO Ombrone Bridge to Project 105 mln AATO Alto Valdarno Total Senior Financing 70

Dettagli

Il programma a breve-medio termine dell Autorità per l energia

Il programma a breve-medio termine dell Autorità per l energia Il programma a breve-medio termine dell Autorità per l energia Alberto Biancardi Genova, 18 gennaio 2013 Autorità per l energia elettrica e il gas 1 Gli obiettivi dell Autorità Fornire corretti incentivi

Dettagli

Il controllo di gestione nelle società partecipate. L esperienza di Acea ATO2

Il controllo di gestione nelle società partecipate. L esperienza di Acea ATO2 Il controllo di gestione nelle società partecipate L esperienza di Acea ATO2 Albano, 2 marzo 2010 Dati principali Area servita: ATO2 Lazio Centrale Roma (112 Comuni) Popolazione servita: 3.695.734 Popolazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA A SOSTEGNO E PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE BENEFICIARIE DELLE AGEVOLAZIONI GESTITE DA SVILUPPO ITALIA SPA PAG. PARTE I DEFINIZIONI 2 PARTE

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli