1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio "Informanascita"- linea telefonica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio "Informanascita"- linea telefonica"

Transcript

1 1A - Attività Differenza Maternità 1 Associazione responsabile e collaborazioni. Rete/Partners coinvolti Associazione Differenza Maternità Descrizione intervento / prodotto 2 Denominazione Informamamma: prevenzione e sostegno del disagio materno Ampliamento del servizio "Informanascita"- linea telefonica 3 Mission \ Strategie INFORMAMAMMA è ormai un servizio radicato nella nostra realtà e costituisce un punto di riferimento per agevolare e stimolare la fruizione consapevole da parte delle donne, delle mamme, delle famiglie, dei tanti servizi esistenti. Obiettivi generali: - Fornire sostegno a donne, gestanti, neo mamme e genitori, anche in condizioni di disagio, attraverso la facilitazione dell accesso ai servizi presenti sul territorio e la messa in rete di informazioni utili anche agli stessi operatori. - Lavoro di ricerca dati e costruzione mappatura dei servizi (pubblici e privati) a sostegno dell attività informativa. Lavoro di informazione alle donne intorno ai temi della salute, della maternità, del parto, del sostegno all allattamento materno. - Azione per una piena condivisione del progetto di nascita da parte della madre e del padre. - Produrre sinergie di riflessione, di proposte e di realizzazioni con i diversi soggetti, pubblici e privati che, sul territorio, realizzano servizi al sostegno della maternità. Strategie: - Diffondere il contenuto di scelte legislative sul tema maternità effettuate ai diversi livelli istituzionali, con particolare attenzione a quelle della Regione Emilia Romagna (ad esempio la legge sul Parto a Domicilio L.R. Emilia Romagna n 26 del 1998). - Agire, per costruire e organizzare nuovi servizi a sostegno della maternità capaci di garantire libera valutazione, libera scelta e scelta consapevole. - Agire insieme alle istituzioni locali pubbliche e sanitarie per costruire un rapporto fecondo con le utenti e le famiglie al fine di attuare le scelte legislative corrispondenti alle loro esigenze, ai lori saperi, alle loro culture. 4 Attività L Associazione Differenza Maternità offre alla città di Modena dall anno 2001 il servizio Informanascita, ampliato nel servizio "Informamamma" attraverso il quale sempre più donne e famiglie ricevono informazioni sui servizi e le opportunità che il nostro territorio offre riguardo la salute della donna in tutte le sue fasi evolutive (la gravidanza, il parto, l allattamento,.). L attività comprende: 1)- linea telefonica per ascolto e informazioni: a)- sui servizi e le opportunità presenti nel territorio, nel pubblico e nel privato, su assistenza e sostegno alla maternità, alla nascita, alla prima infanzia, ai neogenitori, ai futuri genitori; b)- leggi e diritti relativi alla maternità, nascita, alla genitorialità; 2)- accoglienza, in orario di apertura della sede, per un primo livello di ascolto ed informazioni sui temi della linea telefonica; 3)- consulenze alla persona. Dai servizi 1 e 2 possono emergere bisogni e problemi che necessitano di maggiore approfondimento: siamo in grado di fornire consulenza alla persona a)- sui diritti e sulle leggi; b)- sulle modalità di assistenza alla gravidanza, alla nascita e al puerperio; c)- su conflitti fra generazioni all interno della famiglia. Per tali consulenze, assolutamente gratuite, ci si avvale delle prestazioni volontarie di competenti (avvocate, ostetriche, psicologhe, mediatrici generazionali), socie della nostra associazione; 4)- iniziative pubbliche organizzate di prassi assieme alle associazioni di donne straniere in modo da meglio rispondere alle problematiche specifiche anche delle persone provenienti da altre culture. 5 Destinatari \ Target Donne e famiglie italiane e straniere, con difficoltà di accesso alle informazioni e in difficoltà nel fruire i servizi disponibili sul territorio.

2 Risorse Umane 6.D ALTRI SOGGETTI Personale volontario (indicare il numero e le ore annue) Personale retribuito (indicare il numero e la spesa annua) n ore n ore n ore n spesa n spesa n spesa Utenza/ programmate nel 2013 Utenza/ previste per il Utenza coinvolta e Indicatori Attività L utenza che si rivolge all associazione sono donne, mamme e famiglie italiane e straniere, con difficoltà di accesso alle informazioni e in difficoltà nel fruire i servizi disponibili sul territorio. Si ipotizza per il 2013 un incremento pari a n. 650 contatti tra telefonate e richieste via mail, ciò dovuto, anche, alla traduzione parziale in lingue del sito internet. Il riscontro positivo delle donne che hanno usufruito dei servizi offerti, il numero di donne e famiglie che usufruiscono dei servizi Informanascita e Informamamma" sono per l associazione la conferma dell importanza e del valore sociale del servizio. - Promozione del servizio Informamamma attraverso il sito internet Informanascita on line e servizio di consulenza e risposta alle richieste inviate via . - Attività di distribuzione del materiale informativo dell associazione e delle sue iniziative. - Realizzazioni di attività informative. - Realizzazione di materiale informativo. - Sensibilizzazione delle donne e della città. L utenza che si rivolge all associazione sono donne, mamme e famiglie italiane e straniere, con difficoltà di accesso alle informazioni e in difficoltà nel fruire i servizi disponibili sul territorio Si ipotizza n. 650 contatti tra telefonate e richieste via mail (come previsti per il 2013). - Promozione del servizio Informamamma attraverso il sito internet Informanascita on line e servizio di consulenza e risposta alle richieste inviate via . - Coinvolgimento delle giovani generazioni di donne sulle tematiche della maternità e della sessualità vissuta in modo pieno e consapevole. - Maggiore coinvolgimento, in vista di un aumento della qualità del servizio, di operatrici socio-sanitarie pubbliche e private. - Realizzazione di corso di formazione per le operatrici. Per poter intervenire in tal senso si propone l attivazione di una convenzione con il Comune di Modena.

3 Descrizione intervento / prodotto 2 Denominazione Progetto per la realizzazione di interventi integrati a favore delle donne in gravidanza e delle madri in condizione di difficoltà. 3 Mission \ Strategie Obiettivi: - Raggiungere, in un contesto attento e rispettoso della cultura e dei vissuti delle persone, un numero crescente di donne in gravidanza e madri in condizione di difficoltà, attraverso attività di ascolto e accompagnamento nell ambito di un progetto personalizzato e condiviso con il sistema dei servizi per promuovere l autonomia personale delle donne con particolare attenzione alle madri sole con bambine o bambini. - Promuovere una cultura favorevole alle scelte di maternità e paternità consapevoli. - Condividere la responsabilità sociale verso le nuove generazioni, sostenendo le competenze genitoriali. - Offrire opportunità e luoghi di incontro affinché l esperienza della gravidanza e della maternità non sia vissuta in condizioni di solitudine. - Promuovere un contesto comunitario attento alle differenze di genere. Per raggiungere i suddetti obiettivi è necessario: - un ampliamento del gruppo di volontarie attualmente impegnato nelle attività di ascolto e supporto alle donne; - un potenziamento delle attività informative e di accoglienza, attraverso la definizione di modalità e tempi dedicati, con riferimento anche alla possibilità di contatti telefonici; - una definizione di protocolli operativi con i servizi territoriali interessati, in modo da garantire condizioni di efficacia agli interventi programmati. 4 Attività - Realizzazione attività di ascolto e accompagnamento a favore delle donne e delle madri italiane e straniere, privilegiando percorsi individualizzati, incontri di gruppo e rete ampia di relazioni e supporto. - Potenziamento delle attività rivolte al sostegno dell allattamento materno e al benessere della neonata o del neonato. - Attivazione di un percorso di sensibilizzazione e informazione rivolto alla prevenzione dell abbandono traumatico della neonata o del neonato. - Documentazione dell attività svolta con monitoraggio e valutazione degli interventi realizzati. 5 Destinatari \ Target -Donne italiane e straniere in gravidanza. -Eventuali loro partner e familiari. -Madri italiane e straniere in condizioni di difficoltà. Risorse Umane 6.D ALTRI SOGGETTI Personale volontario (indicare il numero e le ore annue) Personale retribuito (indicare il numero e la spesa annua) n ore n ore n ore n spesa n spesa n spesa 7.Utenza coinvolta e Indicatori Attività 7.1

4 Utenza/ programmate nel 2013 Basandoci sul consuntivo del 2012 si prevede che, anche per il 2013, si possa confermare complessivamente n.80 donne, considerando i contatti telefonici, le donne coinvolte in incontri sia di gruppo che individuali e in progetti per un percorso di accompagnamento. L utenza coinvolta comprende donne in gravidanza e madri in condizioni di difficoltà italiane e straniere. Gli indicatori di risultato sono: - numero delle volontarie - numero dei contatti telefonici - numero colloqui - i gruppi di auto-mutuo-aiuto 7.2 Utenza/ previste per il Consolidare e migliorare l accoglienza e l attività di accompagnamento a favore di donne in gravidanza, di madri in condizione di difficoltà sia italiane che straniere. - Rielaborazione degli strumenti di documentazione delle attività. - Organizzazione di gruppi di auto-mutuo-aiuto con o senza operatrice professionale. Probabilmente si può ipotizzare lo stesso numero indicato per gli anni precedenti, n. 80 donne, considerando i contatti telefonici, gli incontri di gruppo e individuali e i progetti per un percorso di accompagnamento. L utenza coinvolta comprende donne in gravidanza, madri in condizioni di difficoltà sia italiane che straniere. L impegno e la volontà dell associazione è quello di mantenere l attività di ascolto, di accoglienza e di accompagnamento a favore di donne in gravidanza e madri in condizione di difficoltà, sia italiane che straniere, e l organizzazione di gruppi di auto-mutuo-aiuto con o senza operatrice professionale. Per poter intervenire in tal senso si propone l attivazione di una convenzione con il Comune di Modena. Descrizione intervento / prodotto 2 Denominazione SITO INTERNET "INFORMANASCITA ON-LINE 3 Mission \ Strategie Obiettivi generali: Fornire sostegno a donne, gestanti, neo mamme e genitori, anche in condizioni di disagio, attraverso la facilitazione dell accesso ai servizi presenti sul territorio e la messa in rete di informazioni utili anche agli stessi operatori. Obiettivi specifici: - Ampliare l accessibilità al vastissimo materiale informativo su salute donna, maternità e genitorialità, servizi e opportunità, raccolto in questi anni per la linea telefonica Informanascita. - Essere punto di riferimento e raccordo per la fruizione dei servizi socio sanitari offerti dal pubblico, dal privato e dal privato sociale, presenti sul territorio, per favorirne l accesso e prevenire così la possibile nascita e degenerazione di situazioni di disagio. - Favorire la scelta informata di mamme e genitori riguardo ai temi del percorso nascita. - Fornire informazioni specifiche alle donne e madri in stato di difficoltà e disagio legato alla maternità e ad una situazione di emarginazione sociale, favorendo l accesso anche al nostro servizio di consulenze Informamamma. - Creare una rete di supporto tra le stesse donne, le donne e le istituzioni, le donne e i servizi che si configuri come opera preventiva nei confronti di ulteriori disagi. - Divulgare informazioni, saperi e conoscenze tra Associazioni e operatori nell ambito sociosanitario.

5 4 Attività L attività per il sito INFORMANASCITA ON LINE consiste: - nella continua analisi, revisione e ampliamento del materiale informativo raccolto per il servizio Informanascita ; - nella ricerca nuovi dati; - nella strutturazione tecnica di tutti i dati raccolti e della messa in rete; - nel collegamento con i siti istituzionali del Comune e della Provincia di Modena; - nel costante aggiornamento dei dati in rete; - nell aggiornamento della rassegna stampa. 5 Destinatari \ Target Tutta la popolazione femminile e i nuclei famigliari, le giovani generazioni. Risorse economiche Spese Ente \ Associazione 6.C ALTRI SOGGETTI Entrate Ente \ Associazione da soci da Comune di Modena da Ausl da Altro (specificare) da Altro (specificare) Contributo Fondazione Cassa di Risparmio di Modena derivante dal progetto Osservatorio sulla genitorialità da Altro (specificare) Associazione Differenza Maternità di Modena Euro 3.212,55 Euro ,00. Lavoro volontario delle socie, operatrici e Differenza Maternità - Modena Lavoro volontario delle socie, operatrici e Differenza Maternità - Modena Lavoro volontario delle socie, operatrici e Differenza Maternità - Modena Risorse Umane 6.D ALTRI SOGGETTI Personale volontario (indicare il numero e le ore annue) Personale retribuito (indicare il numero e la spesa annua) n ore n ore n ore n spesa n spesa n spesa , ,00 7.Utenza coinvolta e Indicatori Attività 7.1

6 Utenza/ programmate nel 2013 L utenza coinvolta comprende donne, mamme, famiglie e giovani generazioni, sia italiane che straniere. Si ipotizza per il 2013 un incremento pari a 1000 contatti grazie all aggiornamento e alla parziale traduzione, in lingue, del sito internet. Indicatore di risultato è l affluenza al sito, la soddisfazione espressa dalle/dagli utenti segnalate dal counter del sito e le richieste di informazioni giunte via mail dopo la consultazione del sito. 7.2 Utenza/ previste per il 2014 Adeguamento e ammodernamento del sito Internet con l aggiunta di nuove sezioni e l aggiornamento di alcune aree al fine di poter gestire la traduzione degli articoli nelle diverse lingue, grazie anche al lavoro volontario delle socie, operatrici e. L utenza coinvolta comprende donne, mamme, famiglie e giovani generazioni, sia italiane che straniere. Si ipotizza n contatti come previsti per il Aggiornamento del sito Internet tramite lavoro volontario delle socie, operatrici e. Per poter intervenire in tal senso si propone l attivazione di una convenzione con il Comune di Modena che permetterebbe di poter effettuare, in modo continuativo, l aggiornamento del sito e la traduzione in lingua straniera. Servizio ritenuto importante per le donne straniere che ancora hanno difficoltà a districarsi nell individuazione dei servizi esistenti sul territorio, le relative modalità di accesso urgente ed indispensabile per la salute e per la prevenzione. Descrizione intervento / prodotto 2 Denominazione Ciclo di corsi per donne italiane e straniere su: massaggio infantile, accompagnamento alla nascita anche per donne con problemi causati da mutilazioni genitali femminili, incontri esperienziali per la coppia e varie tematiche sulla salute e benessere della donna (MGF, vaccinazioni, gravidanza, parto e allattamento nel rispetto della fisiologia). 3 Mission \ Strategie Con queste iniziative si intende aiutare la donna a vivere la simbiosi madre-bambina/o durante la gestazione, a fare scelte consapevoli insieme al partner riguardo al parto, a gestire l arrivo della bambina o del bambino con informazioni sull allattamento e sul massaggio neonatale, primi elementi costitutivi del legame di amore e ad affrontare consapevolmente le varie tematiche rientranti nell ambito della salute e del benessere della donna.

7 4 Attività 5 Destinatari \ Target - Attivare le risorse delle donne, fornendo un sostegno nel percorso di presa di coscienza del proprio corpo, nel riconoscimento dei propri bisogni fisici, emozionali, comportamentali, degli strumenti e delle competenze che le donne stesse hanno per soddisfarli. - Fornire informazioni sui processi fisiologici legati alla gravidanza, al parto, all allattamento, alla salute e al benessere della donna. - Fornire informazioni sui processi emotivi (della gravidanza, del parto e dell esogestazione primi 9 mesi di vita della bambina o del bambino). - Favorire un atteggiamento positivo verso il parto come evento naturale della vita di una donna. - Favorire la crescita nella donna della fiducia nelle sue competenze come madre per scegliere struttura e tipo di assistenza al parto, oltre alla consapevolezza del proprio stato di salute e stile di vita. In relazione al corso di massaggio infantile: - risvegliare nelle madri le proprie competenze tattili, sensibili e relazionali anche in situazioni difficili; - far acquisire alle mamme, attraverso l esperienza su se stesse e con il gruppo, capacità comunicative non verbali, tattili, come essenza della relazione. Donne italiane e straniere, donne gravide in qualunque momento della loro gestazione, futuri padri, neonate/neonati. Risorse economiche Spese Ente \ Associazione 6.C ALTRI SOGGETTI Entrate Ente \ Associazione da soci da Comune di Modena da Ausl da Altro (specificare) da Altro (specificare) Contributo Fondazione Cassa di Risparmio di Modena derivante dal progetto Osservatorio sulla genitorialità da Altro (specificare) Associazione Differenza Maternità Modena Euro , ,00 Lavoro volontario delle socie, operatrici e Differenza Maternità - Modena Lavoro volontario delle socie, operatrici e Differenza Maternità - Modena Lavoro volontario delle socie, operatrici e Differenza Maternità - Modena Risorse Umane 6.D ALTRI SOGGETTI Personale volontario (indicare il numero e le ore annue) Personale retribuito (indicare il numero e la spesa annua) n ore n ore n ore n spesa n spesa n spesa , ,42

8 Utenza/ programmate nel 2013 Utenza/ previste per il Utenza coinvolta e Indicatori Attività Le utenti che si rivolgono all associazione sono donne, donne in gravidanza, mamme con bambina/o, sia italiane che straniere, e coppie di genitori (circa 200 persone). Indicatori: - partecipazione delle donne ai vari corsi e alle iniziative; - costituzione di una rete di conoscenza, solidarietà e di auto-mutuo-aiuto tra mamme; - coinvolgimento di una ampia rete parentale ed amicale. A seguito del completamento nel 2013 del progetto Osservatorio sulla genitorialità ed in assenza di altre risorse economiche, l associazione dovrà purtroppo diminuire le sue attività e non potrà dare risposte positive a tutte le richieste che perverranno, sia per i corsi che per le iniziative tematiche dedicate all informazione e alla prevenzione. Nonostante ciò l Associazione si attiverà: - per potenziare il numero delle operatrici e delle volontarie impegnate nell organizzazione dei vari interventi in modo da consentire un adeguata risposta ai bisogni emersi e alle richieste in continuo aumento; - per il consolidamento del gruppo di auto-mutuo- aiuto tra le mamme. Le utenti che si rivolgono all associazione sono donne, donne in gravidanza, mamme con bambina/o, sia italiane che straniere, e coppie di genitori (circa 200 persone). Indicatori: - partecipazione delle donne ai vari corsi e alle iniziative; - costituzione di una rete di conoscenza, solidarietà e di auto-mutuo-aiuto tra mamme; - coinvolgimento di una ampia rete parentale ed amicale. L Associazione prevede una riduzione di attività a causa della difficoltà a reperire le risorse economiche necessarie per soddisfare le richieste che perverranno. Nonostante ciò l Associazione si attiverà: - per potenziare il numero delle operatrici e delle volontarie impegnate nell organizzazione dei vari interventi in modo da consentire un adeguata risposta ai bisogni emersi e alle richieste in continuo aumento; - per il consolidamento del gruppo di auto-mutuo- aiuto tra le mamme. Per poter intervenire in tal senso sarebbe necessaria l attivazione di una convenzione con il Comune di Modena. Descrizione intervento / prodotto 2 Denominazione MENOPAUSA: UN CAMBIAMENTO ALLA RISCOPERTA DI SE

9 3 Mission \ Strategie Attraverso cicli di incontri si intendono fornire le informazioni necessarie al raggiungimento di una diversa consapevolezza sia sul climaterio (pre-menopausa) che sulla menopausa. Si vuole aiutare le donne a vivere, questa fase esistenziale, non come un momento di decadimento o di isolamento, ma come un momento di riscoperta di sé, di cura del proprio corpo e delle proprie emozioni. Si vuole indurre una visione positiva, affinché questo cambiamento esistenziale permetta di uscire da tutte quelle stigmatizzazioni del passato che non trovano riscontro né nella coppia né nella società. L associazione ritiene indispensabile fornire spazio e momenti di incontro per affrontare, insieme ad esperte della materia, i problemi delle donne a questa età, dare ascolto alle sensazioni e alle emozioni che questo periodo della vita comporta, per offrire sostegno e possibilità di confronto con altre donne per discutere di questo grande cambiamento della propria vita. 4 Attività - Ascolto telefonico ed accoglienza individuale. - Ciclo di incontri su temi, quali: come affrontare i problemi legati alla menopausa; l importanza dell alimentazione in menopausa; il benessere fisico in menopausa; la salute del perineo. - Gruppo auto- mutuo- aiuto 5 Destinatari \ Target Donne di età superiore ai 40 anni Risorse Umane 6.D ALTRI SOGGETTI Personale volontario (indicare il numero e le ore annue) Personale retribuito (indicare il numero e la spesa annua) n ore n ore n ore n spesa n spesa n spesa 7.1 Utenza/ programmate nel Utenza coinvolta e Indicatori Attività Donne italiane e straniere, di età superiore ai 40 anni, sia in pre-menopausa che in menopausa. Considerando il consuntivo del 2012, pensiamo che anche per il 2013 si possa raggiungere 150 donne tra contatti telefonici, incontri individuali e partecipanti ad iniziative. Pervengono in associazione sempre più richieste di sviluppare l attività di prevenzione e di sostegno alle donne con gruppi di auto-mutuo-aiuto intorno al tema della pre-menopausa e della menopausa. - Proseguimento delle attività di ascolto telefonico e di colloqui individuali. - Organizzazione di nuovi cicli di incontri per fornire le informazioni necessarie al raggiungimento di una diversa consapevolezza sulla menopausa, da vivere come momento di cura e di riscoperta di sé, del proprio corpo e delle proprie emozioni. 7.2 Utenza/ previste per il 2014 Donne italiane e straniere, di età superiore ai 40 anni,sia in pre-menopausa che in menopausa. Considerando il consuntivo del 2012, pensiamo che anche per il 2014 si possa raggiungere 150 donne tra contatti telefonici, incontri individuali e partecipanti ad iniziative.

10 - Proseguimento delle attività di ascolto telefonico e di colloqui individuali. - Organizzazione di nuovi cicli di incontri per fornire le informazioni necessarie al raggiungimento di una diversa consapevolezza sulla menopausa, da vivere come momento di cura e di riscoperta di sé, del proprio corpo e delle proprie emozioni. - Organizzazione di un gruppo sperimentale di auto - mutuo- aiuto con operatrice professionale con funzione di facilitatrice. L associazione in questi anni ha approntato un progetto sul tema della menopausa costruito insieme alle donne che esprimendo le loro esigenze hanno contribuito alla sua realizzazione, ma per poter intervenire in tal senso si propone l'attivazione di una convenzione con il Comune di Modena.

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013 CARTA DEI SERVIZI n. 3, 4 novembre 2013 Cos è il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un luogo che offre interventi di tutela, di prevenzione e di promozione della salute. In modo particolare

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA La nascita di un figlio rappresenta per il sistema familiare l ingresso in una nuova fase

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità Attuazione del Programma regionale per la promozione e tutela dei diritti, la protezione e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva e il sostegno alla genitorialità ai sensi della Legge regionale n. 14/08

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

SCHEDA PROGETTO SALUTE PROVINCIA DI CAGLIARI (21/04/2015)

SCHEDA PROGETTO SALUTE PROVINCIA DI CAGLIARI (21/04/2015) SCHEDA PROGETTO SALUTE PROVINCIA DI CAGLIARI (21/04/2015) Settore di intervento Area territoriale 1. Sistema dei servizi 2. Occupazione e formazione 3. Scuola e Istruzione 4. Casa/Alloggio 5. X Salute

Dettagli

Viale Trastevere, 251 Roma

Viale Trastevere, 251 Roma PROGETTO SPORTELLO DI ASCOLTO ATTIVITA DI COUNSELING PSICOLOGICO RIVOLTO AGLI STUDENTI, INSEGNANTI E FAMIGLIE ISTITUTO SAN GAETANO Viale Trastevere, 251 Roma ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Una proposta a cura

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA

QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA Azioni a sostegno di persone, famiglie, comunità locali e promozione della domiciliarità degli anziani Biennio 2012-2013 PREMESSA Mani di Scorta è un Consultorio

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA

SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO DI PSICOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI PSICOLOGIA PRESSO I CONSULTORI AIED Il servizio di psicologia nei consultori Aied, articolato nelle

Dettagli

Consultori familiari

Consultori familiari Consultori familiari Le prestazioni del consultorio corsi di accompagnamento alla nascita rivolti ad entrambi i genitori assistenza a domicilio a mamma e neonato dopo il parto (Servizio di Dimissione protetta):

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

Codice etico del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS

Codice etico del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Codice etico del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Via Milano, 5/c 26100 Cremona Tel. 0372 20751/34402 Fax 0372-1960388 Codice fiscale 80011480193 Partita Iva 01273220192 mail: segreteria@ucipemcremona.it

Dettagli

SCHEDA PROGETTO FAMIGLIA DONNE E MINORI PROVINCIA DI CAGLIARI (05/05/2015)

SCHEDA PROGETTO FAMIGLIA DONNE E MINORI PROVINCIA DI CAGLIARI (05/05/2015) SCHEDA PROGETTO FAMIGLIA DONNE E MINORI PROVINCIA DI CAGLIARI (05/05/2015) Settore di intervento 1. Sistema dei servizi 2. Occupazione e formazione x 3. Scuola e Istruzione x 4. Casa/Alloggio 5. Salute

Dettagli

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE PREMESSA I concetti di cura e territorio sono al centro di iniziative ed interventi realizzati da più enti che aderiscono al sotto tavolo sulla

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE Sede: Distretto Sanitario - Via San Valentino 20, 3 piano Udine Numero Verde: 800.531.135

Dettagli

Centro Polifunzionale di Gavirate. Centro di Accoglienza di Cittiglio. Fondazione FELICITA MORANDI. Associazione IL PASSO onlus

Centro Polifunzionale di Gavirate. Centro di Accoglienza di Cittiglio. Fondazione FELICITA MORANDI. Associazione IL PASSO onlus Centro di Accoglienza di Cittiglio Centro Polifunzionale di Gavirate Fondazione FELICITA MORANDI Associazione IL PASSO onlus Luglio 2012 FONDAZIONE FELICITA MORANDI Servizi e interventi a favore dei minori

Dettagli

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO Premessa La scuola,oggi, trova la sua ragione di essere nell assicurare ad ogni alunno il successo formativo, inteso come piena formazione della persona umana nel rispetto

Dettagli

PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D. 308/2006) Un cibo secondo natura

PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D. 308/2006) Un cibo secondo natura PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D. 308/2006) Un cibo secondo natura Un cibo secondo natura ASL TO5 CHIERI Data di avvio e conclusione Avvio il 01/07/2007 conclusione 04/06/2008

Dettagli

ACCOGLIENZA PER BAMBINE e BAMBINI ADOTTATI NELLE SCUOLE

ACCOGLIENZA PER BAMBINE e BAMBINI ADOTTATI NELLE SCUOLE ACCOGLIENZA PER BAMBINE e BAMBINI ADOTTATI NELLE SCUOLE Linee guida per genitori ed insegnanti Conoscere per accogliere I minori adottati nella provincia di Bolzano 478 negli ultimi 10 anni 30 nuove adozioni

Dettagli

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno Assessorato alle Politiche Sociali Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno - Centro Servizi Sociali Pag. 1 di 5 La Responsabile del Servizio e del Procedimento: A.S. Tassi

Dettagli

DICHIARAZIONE DI IDENTITÀ E MISSIONE

DICHIARAZIONE DI IDENTITÀ E MISSIONE I NOSTRI RIFERIMENTI Associazione Antidroga Picena C.so Mazzini, 248 - Ascoli Piceno aap2010@libero.it 0736/258855 DICHIARAZIONE DI IDENTITÀ E MISSIONE Condividere strategie per rendere efficaci gli incontri

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE

CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE Centro Riabilitativo Psicopedagogico Il Timone Vico San Luca 4/3 scala sn. 16123 GENOVA tel. 0102467774 P.Iva 03399250103 email: iltimone@libero.it Il Centro

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

DIVERSI DA CHI? 2) RENDERE CONSAPEVOLI DELL IMPORTANZA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA.

DIVERSI DA CHI? 2) RENDERE CONSAPEVOLI DELL IMPORTANZA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA. DIVERSI DA CHI? Sintesi delle linee guida dell Osservatorio Nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del MIUR e protocollo di accoglienza dell IC di Porlezza 1) DIRITTO

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

Divisione Servizi Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Divisione Servizi Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Divisione Servizi Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PROGETTO PRISMA PER LO SVILUPPO DELLA CULTURA DELLE RELAZIONI D AIUTO, PROMOZIONE

Dettagli

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare A cura di Dr.ssa BOVE Daniela Laura Cooperativa Sociale AMANI Comune di Brindisi Roma, 18 Gennaio 2010 cambiamenti

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Consultorio Familiare

Consultorio Familiare Distretto Sanitario di Trebisacce Consultorio Familiare Botero: Famiglia Il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un presidio socio-sanitario pubblico che offre interventi di tutela e di prevenzione

Dettagli

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio Annualità: I ann. II ann. X III ann. Progetto di durata biennale AMBITO _COMUNE DI BARI PROV Ba AUSL BA/4

Dettagli

LA RETE LOCALE. PER CONTO DELLE DIVERSE ORGANIZZAZIONI DELLA RETE Modena, 24 novembre 2009

LA RETE LOCALE. PER CONTO DELLE DIVERSE ORGANIZZAZIONI DELLA RETE Modena, 24 novembre 2009 LA RETE LOCALE PER CONTO DELLE DIVERSE ORGANIZZAZIONI DELLA RETE Modena, 24 novembre 2009 1 PAROLE CHIAVE SUSSIDIARIETA AL CENTRO VI SONO LE DONNE, GLI UOMINI, LE BAMBINE, I BAMBINI E LE FAMIGLIE; LE RISORSE

Dettagli

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA Cap 06060 P.zza della Repubblica n. 4 P.IVA 00436320543 Tel. 075.830186 e-mail: info@comune.paciano.pg.it fax. 075.830447 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO

Dettagli

ASILO NIDO CASCINA LEVADA

ASILO NIDO CASCINA LEVADA UNA GIORNATA TIPO e Il METODO EDUCATIVO ASILO NIDO CASCINA LEVADA 7.30-9.30: accoglienza personalizzata, riferita ai diversi gruppi di età utilizzando le zone appositamente allestite in modo caldo, confortevole

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 6 2. TITOLO AZIONE SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Analisi del Contesto Nel piano

Dettagli

DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere.

DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere. Titolo DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere. Servizi di riferimento Dalla primavera del 2005 è stato attivato nella fabbrica

Dettagli

Progetto PROFESSIONE GENITORI 2013-2014

Progetto PROFESSIONE GENITORI 2013-2014 Progetto PROFESSIONE GENITORI 2013-2014 Gli incontri del nostro itinerario vogliono essere una sorta di occhiali da cui i genitori di ragazzi di un età compresa tra i 6-13 anni escano vedendo e vedendosi

Dettagli

Che cosa è l Affidamento?

Che cosa è l Affidamento? Che cosa è l Affidamento? L affidamento,, diversamente dall adozione adozione, è l accoglienza temporanea nella propria casa di un bambino o di un ragazzo. A Torino esiste sin dal 1976,, a livello nazionale

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto AXIA FAMIGLIA - RETE INFORMATIVA Ambito/settore di intervento Settore E: Educazione e promozione culturale Area d intervento:

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. luogo di accoglienza, nel quale, passata l emergenza, poter riflettere sul proprio PROGETTO GENERALE

CARTA DEI SERVIZI. luogo di accoglienza, nel quale, passata l emergenza, poter riflettere sul proprio PROGETTO GENERALE CARTA DEI SERVIZI PROGETTO GENERALE L associazione, attraverso la comunità educativa mamma-bambino denominata Casa Cinzia e gli alloggi per l autonomia denominati Cinzia 1 e Cinzia 2, collegati a Casa

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PREMESSA L Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) nasce a livello nazionale nel 1985 con l obiettivo di dare voce alle necessità delle famiglie colpite

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE -SAAT

CARTA DEI SERVIZI CENTRO SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE -SAAT CARTA DEI SERVIZI CENTRO SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE -SAAT Pag.1 Pag.2 Sommario COS È IL SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE SAAT... 3 DESTINATARI DEL SERVIZIO... 3 I SERVIZI OFFERTI...

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA AI MINORI E ALLE LORO FAMIGLIE 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Minori e Famiglia 5. Macrotipologia

Dettagli

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI In uno strumento complesso e articolato come l affidamento familiare, intervento di rete per eccellenza, è fondamentale definire i compiti di ogni tecnico. Una prima chiarezza

Dettagli

PREMESSA disagio scolastico Difficoltà di apprendimento Difficoltà relazionali/emozionali Apatia FINALITA OBIETTIVI

PREMESSA disagio scolastico Difficoltà di apprendimento Difficoltà relazionali/emozionali Apatia FINALITA OBIETTIVI DISAGIO 0 PREMESSA La scuola ha il compito di creare le condizioni che favoriscano nell alunno la costruzione di un immagine positiva di sé poiché l esperienza scolastica riveste un ruolo importante per

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del Ente proponente Referente del IDENTITA E ADOLESCENZA genere, ruolo, orientamento tra eterosessualità

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

AREA RESPONSABILITA FAMILIARI

AREA RESPONSABILITA FAMILIARI RESPONSABILITA FAMILIARI Componente dell U. d. P. referente e responsabile d Area Nome e cognome Enrichetta La Ragione - Annamaria Neri - Giovanna Canfora - Raffaella Scotto Di Ciccariello Franco Napolitano

Dettagli

Comune di Morlupo Provincia di Roma

Comune di Morlupo Provincia di Roma Prot. n. 8942 Morlupo, 27/07/12 OGGETTO: Attività sportive e culturali a favore di minori in età evolutiva provenienti da famiglie multiproblematiche e/o a rischio di devianza e minori disabili. PREMESSA

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

(Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013. Presentazione del progetto

(Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013. Presentazione del progetto (Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013 Presentazione del progetto LA CURA DELL INCONTRARSI: lo stare insieme di bambini e famiglie a Moglia e a Pegognaga per superare l ombra della calamità

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE Allegato B PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE PREMESSA Negli ultimi anni l attenzione al disagio in generale,

Dettagli

Sostegno e Accompagnamento Educativo

Sostegno e Accompagnamento Educativo Sostegno e Accompagnamento Educativo 1. Definizione La prestazione sostegno e accompagnamento educativo consiste nel fornire sia un supporto e una consulenza ai genitori nello svolgimento della loro funzione

Dettagli

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni Milano, 9 novembre 2013 Vincenzo Saturni 1 La carta etica: perché e per chi? Avis opera da 86 anni per diffondere una cultura solidale tra i cittadini su tutto il territorio nazionale. E sin dal momento

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PROGETTO SPAZIO D ASCOLTO PSICOLOGICO PER ALLIEVI E FAMIGLIE E SUPPORTO ALLE DINAMICHE PONTE NEL CONTESTO SCOLASTICO Insegnante Valeria Sassu ISTITUTO

Dettagli

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne;

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA L Amministrazione Provinciale di Cuneo,

Dettagli

CHE COS E L AUTO MUTUO AIUTO

CHE COS E L AUTO MUTUO AIUTO 1 CHE COS E L AUTO MUTUO AIUTO L Auto Mutuo Aiuto è una metodica semplice e spontanea, un approccio sociale, una cultura, una filosofia, sicuramente una risorsa. E un modo di trattare i problemi che ciascuno

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

PROGETTO SERVIZI DI SUPPORTO DOMICILIARE PER MINORI E FAMIGLIE

PROGETTO SERVIZI DI SUPPORTO DOMICILIARE PER MINORI E FAMIGLIE ONLUS Vicolo San Savino, 10 Tel. 0125 48948 Fax 0125 1902028 E-mail: centrobase@libero.it 10015 IVREA (TO) PROGETTO SERVIZI DI PER MINORI E FAMIGLIE Per approvazione: Pagina 2/7 L'équipe della comunità

Dettagli

2-3-2 Percorso Neonatale

2-3-2 Percorso Neonatale 2-3-2 Percorso Neonatale Primo accesso percorso Colloquio di informazione e di accoglienza Consegna libretto protocollo esami previsti per la gravidanza Consegna opuscolo informativo tradotto in più lingue

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

L.e.A. - Lavoro e Accoglienza

L.e.A. - Lavoro e Accoglienza L.e.A. - Lavoro e Accoglienza Ricerca intervento sul fenomeno della violenza sulle donne della Regione Abruzzo Linea di intervento B Ente attuatore: Le Onde Onlus Referente locale: Associazione femminile

Dettagli

PANNOLINI LAVABILI L ESPERIENZA FORLIVESE. Dott. sa Francesca Bacchiocchi Responsabile Unità Ambiente Comune di Forlì

PANNOLINI LAVABILI L ESPERIENZA FORLIVESE. Dott. sa Francesca Bacchiocchi Responsabile Unità Ambiente Comune di Forlì PANNOLINI LAVABILI L ESPERIENZA FORLIVESE Dott. sa Francesca Bacchiocchi Responsabile Unità Ambiente Comune di Forlì COME NASCE Nell ottobre 2009 l Associazione di volontariato Nonsolociripà ha contattato

Dettagli

A.ULSS di Padova Struttura A.P. Immigrazione /Area Materno Infantile Responsabile dott.ssa Mariagrazia D Aquino. Home Visiting

A.ULSS di Padova Struttura A.P. Immigrazione /Area Materno Infantile Responsabile dott.ssa Mariagrazia D Aquino. Home Visiting A.ULSS di Padova Struttura A.P. Immigrazione /Area Materno Infantile Responsabile dott.ssa Mariagrazia D Aquino Home Visiting uno strumento di promozione della salute e di contrasto precoce delle disuguaglianze

Dettagli

Settore Formazione Corso di informazione/formazione per gli insegnanti delle Scuole Medie Inferiori sull utilizzo di Lezioni di fiducia

Settore Formazione Corso di informazione/formazione per gli insegnanti delle Scuole Medie Inferiori sull utilizzo di Lezioni di fiducia Corso di informazione/formazione per gli insegnanti delle Scuole Medie Inferiori sull utilizzo di Lezioni di fiducia e approfondimento delle problematiche relative all abuso e al maltrattamento all adolescenza

Dettagli

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere I Servizi della Provincia di Rimini a favore delle donne in difficoltà e per il contrasto della violenza di genere Servizio Per Lei accompagnamento ed inclusione sociale per donne in difficoltà Come noto,

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 BENVENUTO CITTADINO

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 BENVENUTO CITTADINO DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 18 2. TITOLO AZIONE BENVENUTO CITTADINO 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA 235 236 PROGETTO 16.1: CONTRASTO AL MALTRATTAMENTO ED ALLA VIOLENZA SULLE DONNE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2015-2017 Titolo obiettivo 1: Sostenere la legge contro

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA

ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA PROGETTO FAMIGLIE SOLIDALI 2012 S ommario Premessa 1. Il contesto 2. Finalità 3. Obiettivi specifici 4. Attività 5. Destinatari 6. Durata del progetto 7. Cronogramma 8.

Dettagli

Lo sportello d ascolto.

Lo sportello d ascolto. Lo sportello d ascolto. La presenza di uno sportello di ascolto psicologico all interno della scuola è una grande occasione e opportunità per affrontare e risolvere problematiche inerenti la crescita,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 BOLOGNA

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 BOLOGNA ISTITUTO COMPRENSIVO 1 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO G. DOZZA n. di classi 18 n. alunni 458 di cui 116 stranieri ALUNNI CON CITTADINANZA NON ITALIANA Est Europa: 42 Estremo oriente:37 Maghreb: 19

Dettagli