L utilizzo del gas naturale per autotrazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L utilizzo del gas naturale per autotrazione"

Transcript

1 L utilizzo del gas naturale per autotrazione La gestione sostenibile dell energia a livello locale: efficienza e tutela ambientale Bari 4 dicembre 2012

2 Contenuti 1. Introduzione 2. Vantaggi del metano nel settore dei trasporti 3. Politica Europea sul gas naturale nel settore dei trasporti 4. La politica di Gas NaturalVendita Italia a sostegno dello sviluppo dell utilizzo del gas naturale nel settore dei trasporti

3 Introduzione

4 Introduzione ll quadro internazionale dei consumi di energia ha confermato che il petrolio e quindi i carburanti fossili derivati saranno indispensabili per lo sviluppo delle attività umane nei prossimi anni e la mobilità di massa si servirà ancora principalmente di autoveicoli. l'unione europea dipende tuttora dal petrolio e dai suoi derivati per coprire il 96% del fabbisogno energetico del settore dei trasporti. Oggi i trasporti inquinano meno, ma l'aumento dei volumi trasportati fa sì che questo settore rimanga una fonte primaria di inquinamento atmosferico e acustico. Gli autoveicoli elettrici e le forme di combustibili alternativi(h2, biofuel, ecc.) se pur in crescita sono ancora lontane dall insidiare il predominio del petrolio. La crescita dei consumi di energia fossile è quindi inevitabile ma deve essere modulata per ridurre al minimo gli effetti negativi sull ambiente.

5 Introduzione Livelli di inquinamento introdotto dai trasporti CO CO2 Nox; NMHC; PM; ecc. 60% Piogge acide Nebbie urbane Emissioni medie % sul totale attribuite al settore dei trasporti in Europa La struttura urbana e le condizioni climatiche specifiche aggravano il problema (maggiore densità di edifici, loro altezza, basse precipitazioni, ecc)

6 Introduzione Forte impulso dato al gas naturale come carburante alternativo L utilizzo del gas naturale come carburante alternativo ai carburanti tradizionali non è una novità ma una soluzione già praticata ed ecologicamente valida. Il suo sviluppo non è stato omogeneo nel mondo in quanto paesi come l Italia, Argentina e Brasile sono stati leader nello sviluppo di questa tecnologia L Italia con veicoli (dato 2011) è la maggiore delle flotte dell area EU e una delle maggiori del mondo dopo Argentina e Brasile, e con i sui c.ca 60 anni di esperienza nel settore CNG è stato il paese pioniere in Europa.Molto dello sviluppo in Italia si è basato sulle trasformazioni dei mezzi leggeri come le auto private. Altre nazioni UE come Francia, Spagna, Grecia e Svezia hanno sviluppato inizialmente il mercato delle flotte dei mezzi pubblici(bus, raccolta rifiuti, ecc.)

7 Introduzione Forte impulso dato al gas naturale come carburante alternativo Oggi le innovazioni tecnologiche che permettono l impiego del metano in forma liquido criogenica nel campo dell autotrazione (stazioni L-CNG e LNG) si stanno consolidando nel mercato aprendo prospettive confortanti per l applicazione su mezzi pesanti, conseguendo basse emissioni ed elevata efficienza e permettendo al contempo di superare il vincolo della presenza del metanodotto per la costruzione di nuovi impianti distributori. Nei mesi scorsi Iveco e Volvo hanno presentato i primi loro mezzi pesanti a GNL per il mercato italiano. Fonte HAM Fonte HAM Fonte HAM

8 Introduzione Forte impulso dato al gas naturale come carburante alternativo Country Total NGV population CNG Station EU countries Total NGVs % of total LD+MD+HD vehicles in the country % of total NGVs in the area Total Public Private Planned % of total CNG stations in the area Source: adapted from NGVA December 2011 L-CNG stations LNG stations All stations Total Total Total Austria ,13% 0,59% ,2% L-CNG LNG All Belgium Country 283 Total NGV population 0,00% (other than 0,03% ships, trains and 14aircraft) ,5% VRA ** stations 0stations stations Bulgaria ,84% 6,06% ,6% % of total Czech Republic LD+MD 0,07% 0,34% % 49 of total % of 37 total ,7% CNG Total LD MD+HD MD+HD LD+MD+HD Denmark NGVs 14 +HD 0,00% Vehicles Buses 0,00% Trucks Other vehicles 1 NGVs in 1in Total 0Public Private 0 Planned 0,0% stations Total 0 Total Total Vehicles the area in the Estonia 110 0,02% 0,01% the country ,1% area Finland 985 0,03% 0,10% ,6% EU countries Austria ,13% 0,59% ,2% France ,04% 1,33% ,3% Belgium ,00% 0,03% ,5% Germany Bulgaria ,22% ,49% ,84% 839 6,06% ,2% 5 3,6% Czech Republic ,07% 0,34% ,7% Greece Denmark ,01% 14 0,05% ,00% 0,00% ,1% 0,0% Hungary Estonia ,01% 100 0,03% ,02% 0,01% ,1% 0,1% Finland ,03% 0,10% ,6% Ireland France ,00% ,00% ,04% 1,33% ,0% 6,3% Germany ,22% 9,49% ,2% Italy ,91% 76,82% ,6% Greece ,01% 0,05% ,1% Latvia Hungary ,00% ,00% ,01% 0,03% ,0% 0,1% Ireland ,00% 0,00% ,0% Lithuania Italy ,01% ,02% ,91% 76,82% ,1% 30,6% Luxembourg Latvia ,07% 18 0,02% ,00% 0,00% ,3% 0,0% Lithuania ,01% 0,02% ,1% Netherlands Luxembourg ,05% ,42% ,07% 85 0,02% ,3% 0,3% Poland Netherlands ,01% ,21% ,05% 32 0,42% ,6% 5,3% Poland ,01% 0,21% ,6% Portugal Portugal ,01% ,06% ,01% 0,06% ,2% 0,2% Slovakia ,05% 0,09% ,5% Slovakia 864 0,05% 0,09% ,5% Slovenia ,00% 0,00% ,1% Slovenia Spain ,00% ,00% ,01% 0,32% ,1% 2,0% Sweden ,83% 3,95% ,4% Spain United Kingdom ,01% 20 0,32% ,00% 14 0,06% ,0% 0,3% Sweden Total ,83% ,95% ,38% 100,00% ,4% 100,0% United Kingdom 559 0,00% 0,06% ,3% VRA

9 Vantaggi del metano nel settore dei trasporti

10 Introduzione Vantaggi del metano nel settore dei trasporti Il gas naturale è un combustibile che in natura si trova comunemente allo stato fossile, insieme al petrolio, al carbone o da solo in giacimenti di gas naturale. ll principale componente del gas naturale è il metano (CH4), la più piccola e leggera fra le molecole degli idrocarburi Il Metano contiene in peso 25% H e 75% C CH4 GPL Benzina Gasolio H C Pc Ampio potere detonante Numero di ottani tra 130 e 140 a fronte dei 98 ottani della migliore benzina Ed è per tale caratteristica energetica che le emissioni di scarico e CO2 sono più favorevoli nei motori alimentati a gas naturale.

11 Introduzione Vantaggi del metano nel settore dei trasporti Source: NGVA adapted from German Energy Agency (DENA) Study 2010 Fonte: Federmetano 0% particolato - 50% c.ca Nox - 25% c.ca CO2

12 Introduzione Vantaggi del metano nel settore dei trasporti Nella sua forma liquida i vantaggi ambientali migliorano, infatti grazie alla filtrazione, a cui è sottoposto nel processo di liquefazione, viene rimosso il più dei composti non metano portando la sua purezza a valori più elevati (c.ca 95%-98 %) con conseguente tasso di emissioni più limitato. Fonte: CEE Center for Energy Economy

13 Introduzione Vantaggi del metano nel settore dei trasporti Riduzione delle emissioni di CO2. Non contiene Pb ne metalli pesanti. Non emette particelle solide di SO2. Riduce considerevolmente le emissioni NOx e CO. Genera minori livelli di emissione sonora e vibrazione rispetto ai motori alimentati a gasolio Garantisce un minor livello di altre emissioni tossiche non regolamentate rispetto agli altri combustibili fossili. E 100% compatibile con l utilizzo del biometano (biogas trattato) che è un combustibile totalmente rinnovabile Èilpiùvolatile(0,71Kg/mccontro1,29Kg/mcdell aria) È il carburante più sicuro (temp. di autoaccensione doppia rispetto ai combustibili liquidi e GPL) Fonte: EMT - Madrid Minori costi sociali associati alle emissioni.

14 Introduzione Vantaggi del metano nel settore dei trasporti Minori costi sociali associati alle emissioni Costi sociali imputabile alle emissioni valutati in base a: danni causati costi per evitare e rimediare ai danni Riscaldamento globale (effetto serra). Piogge acide (deforestazioni e danni agli edifici). Effetto sulla salute: esiste una relazione statisticamente significativamente tra l incremento delle concentrazioni inquinanti e la frequenza delle patologie Manutenzione urbana(costi associati alla pulizia e riparazione di edifici emonumenti).

15 Politica UE sul gas naturale nel settore dei trasporti

16 Politica UE sul gas naturale nel settore dei trasporti Obiettivi stabiliti Con la finalità di migliorare la qualità ambientale delle aree urbane e assicurare agli abitanti delle città europee un ambiente di vita sano, ed uno sviluppo urbano sostenibile, tenendo conto nel contempo dei connessi aspetti economici e sociali, la UE negli anni ha emanato una serie di provvedimenti tra cui: 2000 Libro verde "Verso una strategia europea di sicurezza dell approvvigionamento energetico" 2001 Libro Bianco dei trasporti La politica europea dei trasporti fino al 2010: il momento delle scelte conseguire gli obiettivi del protocollo di Kyoto in termini di riduzione di immissioni di CO2; ridurre la dipendenza del fabbisogno energetico della UE da paesi geopoliticamente instabili; sostituire entro il 2020 il 20% dei carburanti classici con carburanti alternativi. creare un nuovo quadro regolamentare per i carburanti alternativi individuando nei biocarburanti nel breve-medio termine, nel gas naturale nel medio-lungo termine e l idrogeno nel lungo termine le prospettive più promettenti.

17 Politica UE sul gas naturale nel settore dei trasporti Obiettivi stabiliti Con la comunicazione (COM(2001) 547), la Commissione Europea ha identificato quali carburanti alternativi: biocombustibili, gas naturale e idrogeno. Prevedendo nello Optimistic development scenario il seguente tasso di sostituzione % di carburanti classici con carburanti alternativi. % di sostituzione Anno Biofuel GN H2 Totale 10 5 (*) obiettivo ampliato con la comunicazione (COM(2006) 845)

18 Politica UE sul gas naturale nel settore dei trasporti Obiettivi stabiliti La Commissione stabilì un Contact Group con la missione di analizzare e proporre le basi tecniche ed economiche per raggiungere gli obiettivi esposti. Detto gruppo elaborò una relazione(dicembre 2003) che stabilì rispetto al gas naturale quanto segue: Il gas naturale potrebbe raggiungere un'ampia quota di mercato se fosse sostenuto da una politica impositiva ridotta o da altri vantaggi fiscali. È necessaria l'implementazione di un'infrastruttura di stazioni di rifornimento pubbliche e private a partire da programmi adeguati. L'appoggio istituzionale sarebbe necessario fino a raggiungere l'obiettivo del 10% nell'anno 2020.

19 Politica UE sul gas naturale nel settore dei trasporti Libro Bianco dei trasporti- Tabella di marcia verso uno spazio unico europeo dei trasporti - Per una politica dei trasporti competitiva e sostenibile Nel tentativo davvero complesso di coniugare l incremento della mobilità e la riduzione delle emissioni, si punta sull impiego dell auto pulita su vasta scala in ambito urbano, senza intravedere delle soluzioni operative in tempi ravvicinati. A tal fine si rimanda alla ricerca e innovazione tecnologica, senza mai richiamare specifiche tecnologie di alimentazione delle vetture, ma ammettendo che per i carburanti alternativi non si potrà fare affidamento su di una sola soluzione tecnologica. Nei documenti di lavoro preparatori si trovano diversi riferimenti ad elettricità, idrogeno e biocarburanti, mentre come soluzione ponte da usare insieme al petrolio si richiamano gas naturale, GPL carburanti sintetici.

20 Politica UE sul gas naturale nel settore dei trasporti CARS 21* Vision 2020 : raccomandazioni del Gruppo CARS 21 per rilanciare la congiuntura dell industria automobilistica La regolamentazione per ridurre le emissioni di CO2resta una priorità senza tuttavia influenzare negativamente la competitività dell industria automobilistica. Le misure da prendere saranno proporzionate, efficienti in termini di costo/benefici e di una regolazione migliore/intelligente e tener conto dell accessibilità dei nuovi veicoli. Looking beyond 2020: Alternative long-term options for substituting oil as energy source for propulsion in transport are electricity, hydrogen, liquid biofuelsand bio-methane; methane (liquid and gaseous) as a complementary fuel; and LPG as a possible supplement. (*) Competitive Automotive Regulatory System for the 21st century Gruppo della commissione UE formato da rappresentanti delle istituzioni europee, dell'industria automobilistica, sindacati, organizzazioni non governative e consumatori, il gruppo si occupa di rilanciare ilsettore automobilisticoin termini diefficienza energeticaper raggiungere gli obiettivi fissati nelle strategie che vanno sotto il nome di Europa2020.

21 Politica UE sul gas naturale nel settore dei trasporti European LNG Blue Corridors Project Progetto europeo finanziato dalla UE e finalizzato a realizzare un opera dimostrativa su larga scala sull utilizzo del gas naturale liquefattonei veicoli pesanti. Prevede la realizzazione di una serie di stazioni di rifornimento LNG (20-30) alcune delle quali (4-6) in Italia. L impiego del LNG sui veicoli pesanti consente infatti, oltre alla riduzione delle emissioni, la riduzione della tara del veicolo ed un aumento dell autonomia del veicolo fino a km, più che sufficiente per i trasporti a lunga distanza. Source: NGVA Antonio Tricas, funzionario della Direzione Generale Trasporti della Commissione Europea, in occasione della fiera NGV2012 E importante che questo progetto offra anche indicazioni per gli standard di omologazione dei veicoli a gas naturale I carburanti alternativi svolgeranno un ruolo essenziale in questo programma e il gas naturale liquefatto è un opzione attraente per l utilizzo su mezzi pesanti e navi, soprattutto per l elevata densità energetica e per la bassa emissione di inquinanti.

22 Politica UE sul gas naturale nel settore dei trasporti European LNG Blue Corridors Project Va da se che lo sviluppo capillare di una rete distributiva dovrà essere sostenuto dalla realizzazione di infrastrutture di rigassificazione, che garantiscano una sostenibile logistica di approvvigionamento e distribuzione del GNL. Fonte: Stream Fonte: Gas Natural Rigassificazione Italia S.p.A

23 Politica UE sul gas naturale nel settore dei trasporti Proposta di modifica alla direttiva europea 2003/96 sulle accise carburanti Nei mesi scorsi la UE ha discusso in merito ad una proposta di riparametrazione delle accise a livello comunitario per tutti i carburanti per autotrazione secondo un meccanismo comune in parte legato al contenuto energetico del carburante, in parte legato all aspetto ambientale dello stesso, introducendo i seguenti nuovi livelli di accise per il gas naturale: Una simile proposta, rappresentando una minaccia per lo sviluppo dell intero settore NGV in Europa, ha mobilitato per contrastarla tutti gli organismi e stakeholdersoperando sia a livello delle singole commissioni politiche nazionali che tramite NGVA Europe presso il Parlamento Europeo Proposta Proposta aumento aumento accise accise metano metano - Direttiva - Direttiva europea europea 2003/ /96 Prezzo Prezzo totale totale alla alla Anno Anno Prezzo Prezzo Unitario Unitario senza senza accisa* accisa* Accisa Accisa colonnina (Iva (Iva Inclusa) ,983 0,983 /kg /kg 0,005 0,005 /kg /kg 0,988 0,988 /kg /kg ,983 0,983 /kg /kg 0,163 0,163 /kg /kg 1,145 1,145 /kg /kg ,983 0,983 /kg /kg 0,420 0,420 /kg /kg 1,403 1,403 /kg /kg ,983 0,983 /kg /kg 0,684 0,684 /kg /kg 1,667 1,667 /kg /kg *Prezzo *Prezzo medio medio nazionale nazionale a Ottobre a Ottobre Fonte Metanauto

24 Politica UE sul gas naturale nel settore dei trasporti Proposta di modifica alla direttiva europea 2003/96 sulle accise carburanti Dopo una lunga discussione presso il PE - Comitato Economic and Monetary Affairs (ECON) e diverse consultazioni con gli stakeholders il 29 Febbraio scorso, lo stesso comitato ha adottato alcuni importanti emendamenti a supporto del gas naturale come carburante. Il 19 Aprile scorso il PE ha votato a larga maggioranza a favore dell estensione dei benefici delle accise agevolate per i carburanti gas naturale e biometano fino al "In the case of natural gas and biomethane( ) higher minimum levels of general energy consumption taxation shall apply only after an assessment, to be carried out by the Commission by 2023, ( ). That assessment shall, inter alia, examine the progress in the availability of natural gas and biomethane, the growth of the refilling stations network in Union, the market share of natural gas vehicles in the Union, the innovation and technological developments in biomethaneused as transport fuel and the real value of the minimum level of taxation. See Amd. 34, Article 4-paragraph3 subparagraph2a Fonte: NGVA Europe e European Parliament According to the initially proposed alignment of fuel taxation based on CO2 and energy content, the EP recommends that for the energy component of natural gas and biomethane"from 1 January 2023 until 1 January 2030, Member States may apply a reduction of up to 50% of the minimum levels of taxation for these fuels See Amd. 45, Article 15 paragraph1 point (i) I risultati finora conseguiti sono incoraggianti quantomeno nel senso di aver risvegliato l attenzione dei decisori su un tema quanto mai importante...il dibattito continua.

25 La politica di Gas Natural a sostegno dello sviluppo dell utilizzo del gas naturale nel settore dei trasporti

26 La politica di Gas Natural a sostegno dello sviluppo dell utilizzo del gas naturale in autotrazione Stazioni di servizio pubbliche esistenti Proporre accordi con i proprietari delle stazioni di servizio pubbliche esistenti per installare l impiantistica necessaria all erogazione del GNC come ulteriore combustibile ecologico sostenendone i relativi investimenti Amministrazioni Servizi pubblici (stazioni private) Proporre accordi di collaborazione per incentivare l uso alternativo del GNC nelle flotte pubbliche in particolare nelle centri urbani del paese, partecipando se richiesto al progetto di investimento necessario Aziende con flotte clienti privati Proporre accordi di collaborazione per lo sviluppo di flotte alimentate a CNG

27 La politica di Gas Natural a sostegno dello sviluppo dell utilizzo del gas naturale in autotrazione Casi di successo del Gruppo GN TMB-Transportes Metropolitanos de Barcelona Ubicazione: Barcellona Inizio attività: 2001 Vigenza contratto: sino al 2023 Investimenti accumulati: 4,6 M Capacità di compressione: Nm 3 /h Evoluzione Numero Autobus GNC Consumo GWh/año , ND

28 La politica di Gas Natural a sostegno dello sviluppo dell utilizzo del gas naturale in autotrazione Casi di successo del Gruppo GN Urbaser- Stazione per mezzi raccolta RSU Ubicazione: Bon Pastor(Barcellona) Inizio attività: 1999 Vigenza contratto: 10 anni Investimenti accumulati: 0,832 M Capacità di compressione: Nm 3 /h Punti di carica in parking: 7 Punti di carica rapida : Flotta Previsioni di vendita 41 RSU (Camiones 20 automezzi propri + Punto di carica esterno aperto a(taxis Barcelona) MWh/año

29 La politica di Gas Natural a sostegno dello sviluppo dell utilizzo del gas naturale Casi di successo del Gruppo GN EMT Madrid Ubicazione: Sanchinarro(Madrid) Inizio attività: 2011 Vigenza contratto:12 anni Investimenti accumulati: 6 Mil Capacità di compressione: 9 compressori da 350 kw e 3200 Nm3/h Punti di carica rapida : 9 Flotta: c.ca 400 autobus Tempo di carica : 3min La più grande stazione di rifornimento GNV d Europa ed una delle più grandi al mondo tanto per volume della flotta che capacità di compressione

30 Conclusioni

31 Conclusioni Nella Unione Europea esiste un crescente interesse nello sviluppare l utilizzo di combustibili alternativi, con un duplice obiettivo: o Ridurre la dipendenza dal petrolio e quindi da paesi geopoliticamente instabili o Minimizzare le emissioni di gas contaminanti Delle alternative energetiche di sostituzione dei carburanti tradizionali, il gas naturale è il carburante che presenta, già oggi, una migliore fattibilità tecnico-economica. L ampliamento della quota di energia immessa nel sistema mediante l impiego del gas naturale (aeriforme e liquido) nel settore dei trasporti diventa quindi un fattore prioritario di sviluppo sostenibile sia da un punto di vista economico che ambientale. Un regime di fiscalità favorevole è il requisito principale, non unico ma irrinunciabile, per poter sviluppareilsettoredelmetanoper autotrazioneche ineuropaèancoracomevistoadunlivellodi nicchia. Tutti gli attori coinvolti chiamati ad investire devono poter contare su un quadro normativo in materia fiscale certo ed affidabile nel tempo, oltre che favorevole, almeno fino a quando lo sviluppo del settore abbia perso la connotazione di nicchia del mercato di riferimento (>10%) e possa ritenersi maturo.

32 Conclusioni Lo sviluppo nell impiego del GNL in Italia dovrà essere accompagnato e sostenuto dalla realizzazione di infrastrutture di rigassificazione per le quali ci si auspica che a livello politico ed imprenditoriale siano perseguite strategie comuni che agevolino il superamento di alcuni ostacoli tipici dell iter autorizzativo quali la macchinosità e complessità dello stesso, e l assenza di perentorietà nelle decisioni amministrative che sovente comportano un allungamento indefinito dei tempi di autorizzazione costruzione e messa in esercizio. Il Gruppo Gas Natural partecipa attivamente dall assistenza agli studi di fattibilità tecnico economica, fino alla realizzazione degli investimenti necessari alla realizzazione delle stazioni di rifornimento di gas naturale ed alla loro successiva gestione, per contribuire allo sviluppo dell utilizzo del gas naturale nel settore dei trasporti

33 Grazie Alberto Mele Responsabile Gestione e sviluppo Servizi Energetici Gas Natural Vendita Italia Spa Via Puglia snc ZI Acquaviva delle fonti (BA) 080/

34 Esta presentación es propiedad del Grupo Gas Natural. Tanto su contenido temático como diseño gráfico es para uso exclusivo de su personal. Copyright Gas Natural SDG, S.A.

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

2nd Conference on Liquefied Natural Gas for Transport Italy and the Mediterranean Area Andrea Stegher, Head of Business Development

2nd Conference on Liquefied Natural Gas for Transport Italy and the Mediterranean Area Andrea Stegher, Head of Business Development 2nd Conference on Liquefied Natural Gas for Transport Italy and the Mediterranean Area Andrea Stegher, Head of Business Development Roma, 10-11 aprile 2014 snam.it «Small-scale LNG»: un interesse in crescita

Dettagli

Veicoli più puliti e carburanti alternativi

Veicoli più puliti e carburanti alternativi O2 P o l i c y A d v i C E n ot e s L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita ed efficiente in termini energetici.

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione"

Roma, 14 aprile 2015 Convegno Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione" Attività del CRA-ING 1. Ricerca: sistemi per la determinazione

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

FARE DI PIÙ CON MENO

FARE DI PIÙ CON MENO FARE DI PIÙ CON MENO Libro verde sull efficienza energetica Direzione generale dell'energia e dei trasporti COMMISSIONE EUROPEA Fotografie: per gentile concessione di Comunità europee e Wärtsilä FARE DI

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA. Esame 2009. Sintesi

Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA. Esame 2009. Sintesi Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA Esame 2009 Sintesi Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA Esame 2009 Il Governo Italiano ha segnato progressi sostanziali in numerosi

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile Nuove risorse energetiche 30 Settembre Donne e società civile Tema di enorme importanza e attualità, con implicazioni politiche e ambientali Esempi: Germania nella II guerra mondiale Iran, Iraq, Afganistan

Dettagli

Distribuzione digitale

Distribuzione digitale Distribuzione digitale Amazon Kindle Store La più grande libreria on line al mondo, con il Kindle ha fatto esplodere le vendite di ebook in America. Il Kinde Store è presente in Italia dal Novembre 2011.

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

PRINCIPI DI BASE. GPL e METANO: l alternativa in movimento. stop allo smog, dai gas al risparmio

PRINCIPI DI BASE. GPL e METANO: l alternativa in movimento. stop allo smog, dai gas al risparmio PRINCIPI DI BASE GPL e METANO: l alternativa in movimento stop allo smog, dai gas al risparmio Con un impianto GPL o Metano la tua auto inquinerà meno, scoprirai un modo di viaggiare più rispettoso dell

Dettagli

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI COMMISSIONE EUROPEA Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI Libro bianco per una strategia e un piano di azione della Comunità INDICE 1 Premessa p.4 1.1

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa?

Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa? Editoriale n. 6 del 18/5/2009 Fabio Pammolli e Nicola C. Salerno Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa? Dai dati del Taxing wages

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia

Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia di Fabio Orecchini L adozione diffusa dell idrogeno come vettore energetico di larghissimo utilizzo mostra tutto il suo interesse nel

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

AREA STUDI E STATISTICHE

AREA STUDI E STATISTICHE AREA STUDI E STATISTICHE L industria automotive mondiale nel 2013 Profilo dell'associazione Nata a Torino nel 1912, ANFIA - Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica, svolge da oltre 100

Dettagli

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.)

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.) La stazione di rifornimento M. Rea (SOL S.p.A.) Chi è SOL Il Gruppo SOL Fondata nel 1927, SOL è una multinazionale italiana presente in 23 paesi con oltre 2.500 dipendenti. SOL è focalizzata in due aree

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 Roma, 23 giugno 2015 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

: il metano ha messo il turbo

: il metano ha messo il turbo Torino, 14 Giugno 2010 Nuovo DOBLO : il metano ha messo il turbo A pochi mesi dal lancio commerciale, Nuovo DOBLO ha già raggiunto la leadership nel segmento delle vetture multi spazio, riscuotendo un

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 Roma, 26 giugno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA TESI DI LAUREA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI, GENERAZIONE DISTRIBUITA E CELLE AD IDROGENO: STATO

Dettagli

Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou

Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou Roma Milano Paris Bruxelles Amsterdam Casablanca Dubai Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou EXECUTIVE SUMMARY Convegno Nuove

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

LUBRIFICANTI TOTAL L'INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLE PRESTAZIONI. Prodotto e distribuito in Italia da

LUBRIFICANTI TOTAL L'INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLE PRESTAZIONI. Prodotto e distribuito in Italia da LUBRIFICANTI TOTAL L'INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLE Prodotto e distribuito in Italia da EMISSIONI INQUINANTI: EVOLUZIONE EUROPEA DEI LIMITI REGOLAMENTARI LIMITI ALLE EMISSIONI INQUINANTI HC g/km Euro 2

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Maria Rosa Virdis ENEA - Unità Centrale Studi e Strategie Università Bocconi - Milano, 5 Dicembre 2012 1 SOMMARIO Le attività

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

L azione dell UE contro il cambiamento climatico

L azione dell UE contro il cambiamento climatico L azione dell UE contro il cambiamento climatico Alla guida dell azione globale in vista del 2020 e oltre Edizione 2008 Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia (affiliata all International Society of Doctors for the Environment, in rapporto consultivo con l'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. Questa è la visione di Solcrafte per il futuro. La tendenza in aumento ininterrotto, dei

Dettagli

Industria ed Efficienza Energetica. Manuale per gli studenti

Industria ed Efficienza Energetica. Manuale per gli studenti Industria ed Efficienza Energetica Manuale per gli studenti Edizione: IT 1.0 Ottobre 2010 Controllare il sito del Progetto IUSES www.iuses.eu per verificare l ultima versione disponibile. Esonero di responsabilità:

Dettagli

Sistema di trattamento dell'aria

Sistema di trattamento dell'aria EMCAirPrep01AIT Sistema di trattamento dell'aria Avete uno dei seguenti problemi? Errore di avviamento ed elevato indice di scarto prodotto Guasto alimentazione tramoggia Distribuzione irregolare della

Dettagli

Gli aiuti di Stato al settore ferroviario nell Unione Europea. Ugo Arrigo - Giacomo Di Foggia

Gli aiuti di Stato al settore ferroviario nell Unione Europea. Ugo Arrigo - Giacomo Di Foggia Gli aiuti di Stato al settore ferroviario nell Unione Europea Ugo Arrigo - Giacomo Di Foggia 01/12/2013 Gli aiuti di Stato al settore ferroviario nell Unione Europea Ugo Arrigo: Professore di Scienza delle

Dettagli

FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto. Carrelli industriali

FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto. Carrelli industriali FEM-IT-T/N863 FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto Carrelli industriali FEM Breve guida all identificazione dei carrelli industriali non conformi 05.2012 (I) - marcatura macchina,

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 26.6.2002 COM(2002) 321 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Relazione finale sul Libro verde "Verso una strategia

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

molto più lontano Intelligent solutions for HGV drivers

molto più lontano Intelligent solutions for HGV drivers Servizi che vi portano molto più lontano Intelligent solutions for HGV drivers L innovazione al servizio dell autotrasporto: AS 24 apre la strada 1 a rete europea di stazioni dedicate ai mezzi pesanti,

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI Italian translation SINTESI WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 Il World Energy Outlook (WEO) 2012 è uno strumento indispensabile per i decision maker della politica e dell industria

Dettagli

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS Istituto d Istruzione Superiore Statale Enrico Mattei Via Martiri di Cefalonia 46-20097 San Donato Milanese Tel. 0255691411 - Fax 025276676 itisando@tin.it www.itismattei.it ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli