Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.quotidianoenergia.it"

Transcript

1 MERCATI PETROLIFERI 8 agosto Anno 8 numero chiuso alle ore 19:20 di L EDITORIALE Nuovo QE, stesso impegno Era il 10 novembre del 2005 quando... di Stefano Delli Colli Faremo informazione obiettiva. Come d obbligo. Non rinunciando tuttavia a prendere posizione quando, come nella difesa della liberalizzazione dei mercati, ciò si renderà indispensabile. Faremo informazione il più possibile completa. Come si reclama, giustamente, per tenere il passo premiante con l attualità. Non ci nascondiamo il desiderio di divenire sicuro e L INTERVENTO segue a pag. 6 Presente e futuro fino al MW di elemens e EPF Energy Spesso sentiamo dire che di idroelettrico in Italia non se ne farà più. Curiosa affermazione, almeno a guardare il testo del nuovo decreto Fer che fissa un tetto di 70 MW/ annui di potenza massima incentivabile. E il legislatore ad aver preso un abbaglio o si tratta di rivedere il pregiudizio di alcuni? E noto che la tecnologia idroelettrica è la più matura tra le fonti rinnovabili, tuttavia troppo spesso viene immaginata su una pellicola in bianco segue a pag. 9 QUINTO CONTO ENERGIA Il Gse ha aggiornato il contatore fotovoltaico con gli impianti che godono delle nuove tariffe. Sono 386 gli impianti fotovoltaici entrati in esercizio dal 27 agosto (data di partenza del Quinto conto energia) ad oggi e che godono pertanto delle nuove tariffe incentivanti per una potenza complessiva di 2,175 MW e un costo annuo di euro. Lo si apprende dal contatore FV del Gse aggiornato con i dati relativi al nuovo sistema di sostegno. PREZZI CARBURANTI Eni guida Segnale atteso su benzina e diesel, ma ci sono anche Q8 e TotalErg Atteso da diversi giorni a fronte di quotazioni internazionali cedenti (sebbene in leggera ripresa nel fine settimana), arriva finalmente il segnale forte di ribasso dell Eni al quale hanno fatto subito seguito alcune compagnie. Il market leader ha infatti messo mano ai propri prezzi raccomandati con 2,5 cent euro/litro in meno sulla benzina e 0,5 sul diesel (mentre sale di 1 cent il gpl). a pag.. 4 AMBIENTE a pag % gli incassi da accise e Iva. E i consumi continuano a scendere. pag. 6 In evidenza su : MERCATO GAS AUTORITÀ ENERGIA Morosità e default gas Dco sul rischio credito. Ok a procedure fornitore transitorio di trasporto pag. 2 CRISI & ENERGIA Una fredda In calo la domanda: -1,9% energia elettrica, -2,1% il gas. Prodotti oil a -8,6% Tenaris, titolo non attrae pag. 7 ENERGIA A PIAZZA AFFARI Dati in crescita ma la quotazione ha scarso upside. Il rating è hold. pag. 8 Istat, +11,5% l export di energia PAG. 2 Wti e Brent: torna la quiete PAG. 3 Ortis: paghiamo anni di protezionismo PAG. 6 PAG. 9 PAG. 10 PAG. 10

2 ATTUALITÀ 17 settembre 2012 Autorità su morosità e default gas Dco sul rischio di credito. Ok a procedure per selezionare il fornitore transitorio di trasporto Due interventi dell Autorità per l Energia a tutela degli operatori dell elettricità e del gas. Nel primo caso, il Regolatore ha pubblicato un documento di consultazione (disponibile sul sito di QE) per la revisione dei meccanismi di contenimento del rischio di credito e di riconoscimento degli oneri legati alla morosità per le aziende che operano in regime di maggior tutela. Il trattamento differenziato rispetto agli operatori del mercato libero, spiega il Dco, è dovuto al fatto che questi ultimi hanno più strumenti a disposizione per valutare il rischio creditizio di un cliente in fase di acquisizione e per interrompere il rapporto in caso di morosità. Strumenti limitati invece dal carattere di obbligatorietà che caratterizza il servizio di maggior tutela. L Autorità propone quindi una serie di misure per aumentare l entità del deposito cauzionale e per introdurre un sistema di unpaid ratio (tasso di mancato pagamento delle fatture da parte dei clienti finali in un determinato periodo temporale) come base per il riconoscimento degli oneri legati alla morosità, con meccanismi di differenziazione geografica e di aggiornamento pluriennale. Per le osservazioni il termine è fissato al 31 dicembre Passando al servizio di default gas (QE 6/8), il Regolatore ha approvato misure urgenti (delibera 363/2012/R/gas, disponibile sul sito di QE) per l individuazione dei fornitori transitori con effetto dal primo giorno gas di ottobre E stata inoltre varata una specifica disciplina di costituzione in mora applicabile ai clienti in servizio di default, unitamente alla possibilità per Snam di richiedere un apposita garanzia agli utenti della distribuzione. L Autorità ha quindi approvato la proposta di aggiornamento al Codice di rete presentata da Snam con lettera 10 Ad agosto scambiati 4,76 m.di mc Di nuovo sotto la soglia dei 5 miliardi di metri cubi il trading di gas al Psv. Ad agosto, infatti, i volumi scambiati sulla piattaforma di Snam sono infatti ammontati a 4.764,3 milioni di mc, registrando una contrazione dell 11,6% rispetto ai 5.391,7 m.ni di mc del mese precedente ma, allo stesso tempo, una crescita del 5,8% nei confronti dei m.ni di mc di agosto Nei primi 11 mesi dell anno termico , gli scambi al Psv sono risultati pari a m.ni di mc, contro i ,2 m.ni di mc dell analogo periodo del precedente anno termico (+23,6%). In aumento ad agosto le transazioni (17.648), mentre il tasso Churn (volumi scambiati/volumi fisici) sale a 3,2 ma con volumi fisici in flessione sotto quota 1,5 m.di di mc. Istat, +11,5% l export di energia -2,4% l import. I dati di luglio A luglio le esportazioni italiane sono cresciute del 4,3% su base annua, mentre le importazioni sono diminuite dello stesso importo. Il saldo è stato positivo per milioni di euro. È quanto emerge dal rapporto Istat sul commercio con l estero. Quanto all energia, le esportazioni sono salite dell 11,5%, mentre l import è sceso del 2,4%. Il saldo è stato negativo per circa 4,8 miliardi di euro. Nei sette mesi export +17,8%, import +8,6%, disavanzo pari a circa 37,5 miliardi di euro. LA GIORNATA GAS Andamento immissioni Importazioni Totale Prod. NazionaleS istemi di stoccaggio lun 10 mar 11 mer 12g io 13 ven 14 sab 15 dom 16 Totale Totale riconsegne Snam Industriale Termoelettrico Impianti di distribuzione Andamento prelievi Reti di terzi e consumi di sistema lun 10 mar 11 mer 12g io 13 ven 14 sab 15 dom 16 Fonte: QE su dati Snam Rete Gas I dati puntuali del weekend sono disponibili sul sito di QE Autorità e Antitrust Protocollo d intesa per collaborazioni, gruppi di lavoro, una serie di iniziative comuni Autorità per l Energia e Antitrust uniscono le forze per garantire in modo sempre più efficace il funzionamento dei mercati e la tutela dei consumatori. Il Protocollo d intesa, anticipato alcuni mesi fa (QE 26/6), è stato approvato dai Collegi e firmato a Roma dai rispettivi presidenti Giovanni Pitruzzella (Antitrust) e Guido Bortoni (Aeeg). In attuazione delle disposizioni del decreto legislativo n. 93 del 2011 che ha recepito il cosiddetto terzo pacchetto energia, il documento mira a intensificare le attività di reciproco interesse attraverso segnalazioni, scambi di pareri e informazioni. Le due Autorità potranno avviare iniziative congiunte finalizzate alla vigilanza dei mercati, e si scambieranno periodicamente informazioni sulle linee generali di intervento, sui procedimenti avviati sia in materia di concorrenza che in materia di pratiche commerciali scorrette. A livello operativo, è prevista la costituzione di specifici gruppi di lavoro, lo scambio di documenti, dati e informazioni e lo svolgimento di incontri periodici tra gli uffici. Le due Autorità potranno inoltre definire le modalità di collaborazione necessarie per lo svolgimento di specifiche funzioni e attività. 2

3 INDICI Var. % ,14 116,66-0,21 114,87 Paniere QE Italia 116,22 1,00 1,58 Fonte: QE su dati mercato BORSA ELETTRICA ITALIA F1 F2 88,60 var. % sett. -12,25 Media Piena Vuota 78,78 84,25 var. % sett. -6,28-5,06-10,65 Domanda Sistema Italia ,56 Ora max Fonte: elaborazione QE su datigme Base Load Peak ,11 Ipex 75,88 Fonte: QE su dati mercato h set 12 ott 12 ITEC 88,06 87,60 ITEC12 68,26 67,72 Fonte: Ref-e 25,82 0,74 25,64 0,75 25,76 0,61 25,74 Fonte: QE su dati mercato 7,45-4,61 Eex -4,78 Fonte: QE su dati mercato Eni 18,51 18,7 Enel Snam Terna A2A 0,47 0,47 5 Saras 1,02 1,04 Hera Iren 0,55 0,55 Erg Fonte: QE su dati Bce 1,26 1,26 Fonte: QE su dati Borsa Italiana CheckUp Prezzi QE è lo strumento più innovativo per utenti e media che hanno necessità di comprendere il trend dei prezzi praticati sui carburanti. Quotidiano Energia, in collaborazione con Oil & Energy Consulting, fornisce il monitoraggio e la sintesi dei prezzi dei carburanti praticati sul territorio dalle grandi Compagnie e anche dagli impianti definiti no logo, prezzi che subiscono quotidiane modifiche in funzione della competizione nelle differenti macroaree del territorio nazionale. Il servizio, disponibile solo su abbonamento, permette di consultare e scaricare tabelle e grafici interattivi che analizzano le dinamiche di prezzo confrontate fra i competitor selezionati dall utente. Per maggiori informazioni: Tel /64 o scrivi a

4 MERCATI PETROLIFERI Segnale atteso su benzina (-2,5 cent) e diesel (-0,5), ma ci sono anche Q8 e TotalErg. In calo le no-logo. Il Servizio Check-Up Prezzi QE Atteso da diversi giorni a fronte di quotazioni internazionali cedenti (sebbene in leggera ripresa nel fine settimana), arriva finalmente il segnale forte di ribasso dell Eni al quale hanno fatto subito seguito alcune compagnie. Il market leader ha infatti messo mano ai propri prezzi raccomandati con 2,5 cent euro/litro in meno sulla benzina e 0,5 sul diesel (mentre sale di 1 cent il gpl). Stavolta, tuttavia, Eni non è risultata sola: Q8 è scesa infatti di 1 centesimo su entrambi i prodotti come pure TotalErg. Dal monitoraggio di QE risulta che anche Esso e Shell hanno effettuato ritocchi in discesa, in specie sulla verde, tuttavia differenziati in funzione di politiche locali. Scendono di conseguenza i prezzi praticati sul territorio (con le punte adesso a 2,014 euro/litro sulla benzina, 1,853 sul diesel e 0,846 sul gpl) anche se in maniera morbida a causa della minima rotazione delle scorte. No-logo in flessione accentuata specie sulla benzina. Quanto alle medie nazionali queste registrano 1,934 euro/litro sulla benzina, 1,819 sul diesel e 0,816 sul gpl. Più nel dettaglio, a livello Paese, secondo quanto risulta in un campione di stazioni di servizio che rappresenta la situazione nazionale per il Servizio Check- Up Prezzi QE, il prezzo medio praticato della benzina (sempre in modalità servito ) va oggi dall 1,923 euro/litro di Esso all 1,934 di IP e Shell (no-logo in discesa a 1,816). Per il diesel si passa dall 1,810 euro/litro ancora di Esso all 1,819 di Shell (no-logo a 1,715). Il gpl è tra 0,798 euro/ litro ancora una volta di Esso e 0,816 di TotalErg (no-logo a quota 0,794). Prezzi medi praticati con servizio ( /l) del 17/09/2012 Wti e Brent, torna la quiete Dopo una settimana agitata I mercati petroliferi si lasciano alle spalle una settimana alquanto movimentata. Il sì tedesco al fondo salva-stati, l annuncio di nuove misure di politica monetaria da parte della Federal Reserve e gli incidenti in Libia (poi sfociati in manifestazioni di protesta contro gli Stati Uniti in diversi Paesi islamici) avevano fatto salire di oltre 2 $/b i futures su Wti e Brent. Adesso i trader sembrano voler capitalizzare i guadagni e guardano con estrema attenzione ai nuovi segnali provenienti da Stati Uniti (l indice Empire, termometro dell attività manifatturiera dello stato di New York, è al livello più basso da novembre 2010) e Cina (cresce l attesa per le prossime mosse di politica economica da parte di Pechino). Così, alle 17.30, il Wti guadagnava una manciata di centesimi riavvicinandosi a piccoli passi verso la soglia dei 100 $/b (agganciata venerdì e poi persa), mentre il Brent cedeva terreno scivolando verso 116 $/b. Livelli ben lontani ai 150 $/b auspicati dal ministro del Petrolio iraniano, Rostam Qasemi. Le quotazioni settimanali Nuovo passo in avanti Nuovo passo in avanti per le quotazioni del paniere Opec. La rivelazione del 14 settembre si apprezza infatti di circa 1,5 $/b rispetto alla chiusura precedente, oltrepassando i 113 $/b. La media del mese si attesta a 112,62 $/b, in salita di oltre 3 dollari su agosto. Il terzo trimestre viaggia a 106,09 $/b, in calo di una manciata di centesimi nei confronti del periodo aprile/giugno. Per l anno in corso, quotazione settimanale in salita di quasi tre dollari sul 2011, a quota 110,26 $/b. Russia, aumenti in vista per i dazi oil +6,4% dal 1 ottobre NAZIONALE Eni TotalErg Esso IP Q8 Shell Tamoil No logo Benzina 1,924 1,933 1,923 1,934 1,931 1,934 1,931 1,816 Diesel 1,812 1,818 1,810 1,818 1,817 1,819 1,812 1,715 Gpl 0,815 0,816 0,798 0,801 0,812 0,806 0,801 0,794 Fonte: quotidianoenergia.it (citazione obbligatoria) La tabella riporta un valore medio stimato dei prezzi praticati al pubblico di benzina, diesel e Gpl in un campione di stazioni di servizio rappresentativo della situazione nazionale. Per visionare i valori minimi e massimi dei prezzi medi nazionali, lo spaccato della situazione nelle 4 macro-aree del Paese e utilizzare la funzione dei Il servizio è disponibile in abbonamento, consultandone le condizioni sul sito. Forti rialzi in vista per i dazi sulle esportazioni petrolifere russe. Dal 1 ottobre, infatti, l imposizione fiscale sui flussi di greggio in uscita dal Paese dovrebbero aumentare del 6,4% passando dagli attuali 393,8 $/ton e 418,9 $/ton. Per i campi della Siberia orientale, del Caspio del Nord e dell Artico a tassazione agevolata la salita sarà da 191,3 a 210,1 $/ton. L incremento è da ricondurre al deciso apprezzamento del prezzo dell Urals, benchmark di riferimento per il calcolo dei dazi, tra la metà di agosto e la metà di settembre. In questo periodo, ha spiegato il numero uno del dipartimento studi e analisi del ministero delle Finanze russo, Alexander Sakovich, il greggio si è attestato in media attorno a 113,98 $/b contro i precedenti 108,25 $/b. I prodotti leggeri e i distillati medi saranno gravati da imposte pari a 276,4 $/ton (259,9 a settembre), mentre la benzina da dazi di 377 $/ton (contro gli attuali 354,4). Il meccanismo di calcolo in vigore cerca di scoraggiare la produzione di derivati pesanti, come l olio combustibile, a favore di quelli a più alto valore aggiunto. QUOTAZIONI SETTIMANALI Mese Paniere ago ago 110,82 24-ago 110,8 set set 14-set Medie mensili ago-12 set ,62 II trim ,61 III trim 2012 Media annuale ,26 Fonte: Opec 4

5 MERCATI PETROLIFERI - INTERNAZIONALE Medio Oriente in primo piano Greggi & Prodotti - a cura di Vittorio D Ermo Al traguardo di metà mese nuovi fattori si sono messi in moto per spingere al rialzo le quotazioni del greggio. Sul fronte economico europeo il via libera, anche se con alcune condizioni, della Corte Costituzionale tedesca al fondo salva-stati, ha rimosso un grosso ostacolo alla piena operatività delle misure anti speculazione predisposte dalla Banca Centrale Europea che sta continuamente rafforzando il suo ruolo. Negli Stati Uniti il capo della Federal Reserve ha deciso di intervenire a sostegno dell economia con una nuova immissione di liquidità. Queste due decisioni sono state accolte molto favorevolmente dai mercati finanziari che hanno visto consolidarsi la prospettiva di una ripresa dell economia reale incoraggiando gli acquisti di commodities energetiche e non. A questa componente si è aggiunta un improvvisa impennata della tensione geopolitica già a livelli molto elevati. Un film sulla vita del profeta Maometto, realizzato negli Stati Uniti, ha scatenato fortissime proteste in tutto il mondo islamico e anche in Occidente, dove le comunità islamiche sono molto numerose. La condanna delle autorità americane di questa pellicola non è stata finora sufficiente a frenare le proteste. Su questo sfondo, in Libia, un gruppo di attentatori ha ucciso l ambasciatore americano e altri cittadini aggravando ulteriormente la tensione ed aumentando le difficoltà del governo locale. Non è possibile in questo momento valutare la durata di questa crisi, che rappresenta una grave sfida per l amministrazione americana (che aveva investito sul successo della primavera araba) e per i nuovi governi arabi, che devono fronteggiare proteste ma anche le violenze di masse di scontenti e dei movimenti più estremi rinvigoriti da questo episodio. L impatto sui prezzi del petrolio di questi nuovi sviluppi, almeno sino a quando questa pericolosa ondata emozionale non si placherà, potrebbe essere sensibile. Alla fine della seduta di venerdì si è avuto un segnale preoccupante con il prezzo del Light Sweet quotato al Nymex dinew York che è salito a quota 99 $/barile dopo aver toccato i 100 in corso di giornata; il Brent quotato all Ice di Londra si è invece attestato a 116,66 $/b, con un massimo della giornata a quota 117,95 $/ barile $/b 13-ago-12 $/ton 13-ago ago-12 BENZINA IRANIAN HEAVY 17-ago ago ago-12 Prodotti a confronto CIF Med Genova O.C. 1% S 25-ago ago-12 Greggi a confronto BRENT DATED 29-ago ago-12 2-set-12 2-set-12 WTI 6-set-12 DIESEL 6-set set-12 O.C. 3,5% S 10-set set set-12 Fonte: elaborazioni QE su dati di mercato Sul mercato fisico il prezzo del Brent ha raggiunto i 117, 15 $/barile rispetto ad una media da inizio mese di 114,85 $/ton; il Wti si è avvicinato a quota 100 $/barile rispetto ad una media da inizio mese di 96,62 $/barile. Il prezzo dell Ural sul Mediterraneo si è attestato a 115,90 $/b con un differenziale dal Brent di 1,25 $/barile. Il Brent, quotato in euro, nonostante il recupero nei confronti del dollaro, sé stato pari a 89,11 euro per barile, sempre vicino alla media da inizio mese di 90 euro per barile. Sul mercato dei prodotti la settimana si è conclusa con diffusi rialzi: il prezzo della benzina Cif Med, dopo il crollo di giovedì determinato dalla ripresa di attività delle raffinerie del Golfo del Messico, che ha chiuso gli arbitraggi, è salita a quota 1.093,75 $/ton rispetto ad una media settimanale di 1.108,60 $/ton. Dall inizio del mese questo prodotto ha perso molto in termini di posizione relativa nei confronti del greggio, ma l ambiente dei trader rimane comunque ottimista sulle sue prospettive. In recupero appare il mercato della virgin naphtha con un prezzo di 995 $/ ton e un differenziale dalla benzina in riduzione. Il diesel, con un aumento decisamente inferiore a quello della benzina, è salito a $/ton rispetto ad una media settimanale di 1.030,70 $/ton; la posizione relativa di questo prodotto nei confronti del greggio è rimasta comunque abbastanza stabile. Di conseguenza il differenziale con la benzina è sceso, al termine della settimana, a 43 $/ton rispetto ai circa 100 di inizio mese. L olio combustibile a basso tenore di zolfo è stato scambiato a 734 $/ton rispetto a una media settimanale di 725,30 $/ton; il prezzo di questo prodotto è in rialzo dall inizio del mese; la qualità ad alto tenore di zolfo si è attestata a quota 666,50 $/ton con un differenziale di 67,5 $/ton, in riduzione rispetto all inizio della settimana. 5

6 ATTUALITÀ DALLA PRIMA PAGINA stimolante approdo per dibattiti e confronti. Come sempre dovrebbe essere quando a vincere sono trasparenza e collegialità di intenti. Risponderemo appieno alle attese? E questa la nostra ferma volontà. Ed in questo non potremo fare a meno del vostro aiuto che, dai segnali già raccolti e dalla disponibilità manifestata, siamo certi non mancherà. L Energia per fortuna è un settore che offre immensi spazi di azione e di iniziativa (...). Il 10 novembre 2005, con un editoriale dal titolo C è QE, cresce l informazione, spingevamo il tasto che, mano mano, sul monitor del computer lanciava le prime notizie del nuovo quotidiano online. Sette anni e articoli dopo, non cambieremmo una virgola di quanto scritto. E, pure nelle difficoltà che incontra sempre chi fa informazione, tanto più se specializzata, ci sentiamo immodestamente di tirare un bilancio positivo quanto all interrogativo che ci si poneva allora ( Risponderemo appieno alle attese? ). Riteniamo infatti di aver camminato spediti in un mercato che era fermo rendendolo più competitivo, aumentando e allargando l informazione, abituando il settore allo stimolo sempre trainante delle sfide. Spingendo così noi stessi a crescere e migliorarci. Tutto questo confermando e rafforzando la piena terzietà dell Editore. Diciamo questo, oggi, nel momento in cui annunciamo una novità costruita pazientemente e con tenacia in un periodo che, come tutti sanno bene, non è affatto facile per quanti si cimentano con gli investimenti. Nondimeno siamo arrivati al taglio del nastro: il quotidiano rinnova integralmente la veste grafica e raddoppia la sua home page. Mentre anche la versione cartacea, scaricabile come di consueto ogni sera, si rinnova sposando l interattività. Entriamo in un periodo decisivo per le sorti economiche, sociali e politiche del Paese. Un periodo nel quale l energia sarà, come sempre, uno degli elementi centrali (investimenti per 180 m.di prevede, forse troppo ottimisticamente, al 2020 la bozza della Sen messa a punto dal Mse) nello scontro di interessi dal quale nasceranno, nel 2013, un nuovo Governo e un nuovo Parlamento. Un panorama ancora molto confuso, un esito incertissimo con l occhio ormai stabilmente rivolto ai mercati. Mai, forse, come in passato siamo davvero ad una svolta. Naturalmente, QE ve la racconterà. Per lo Stato introiti superiori di 3,6 miliardi di euro rispetto allo scorso anno. E questo nonostante il calo dei consumi Non conosce crisi il gettito fiscale su benzina e diesel. Malgrado i dati Mse sui consumi dei primi otto mesi (QE 13/9) abbiano evidenziato un declino della domanda dei due prodotti rispettivamente del 9,7% e del 9,1% su base annua, infatti, secondo le stime di Quotidiano Energia nello stesso periodo nelle casse dello Stato sono confluiti 24,67 miliardi di euro, ossia circa il 18% in più nel confronto con il Il fenomeno è spiegato in gran parte dai forti rincari che hanno interessato le accise sui carburanti alla fine dello scorso anno (QE 7/12/11) e dai recenti ulteriori ritocchi all insù (QE 10/8). Il risultato è che tra gennaio e agosto questa voce ha fruttato allo Stato circa 5,5 miliardi di euro per la sola benzina e 11,3 miliardi per il diesel, per un totale di 16,8 miliardi pari al 20,7% in più rispetto allo scorso anno. A questo va ad aggiungersi l effetto moltiplicatore dell Iva, che ha generato a sua volta 2,4 e 5,5 miliardi di euro, ossia 7,9 miliardi di euro (+13,2% vs il 2011). Nel complesso, dunque, nei primi otto mesi l Erario ha incassato circa 3,8 miliardi di euro in più. Depurando il dato in funzione delle varie agevolazioni in vigore, il surplus può essere stimato in oltre 3,6 miliardi di euro. Il tutto in barba allo stato di sofferenza delle compagnie (che registrano una brusca contrazione dei ricavi e si danno battaglia a colpi di sconti e promozioni per non perdere quote di mercato), dei gestori (che lamentano una riduzione dei margini e una spinta verso la selfizzazione della rete) e dei consumatori finali (costretti a fare i conti con prezzi ormai alle stelle). riordino degli incentivi alle Fer. Sulla Sen: ampia consultazione È indubitabile che si debba andare verso un sistema migliore dell attuale. Famiglie e imprese stanno pagando anni di lente liberalizzazioni, di protezionismi e scarsi investimenti nello sviluppo tecnologico. Quello della liberalizzazione del mercato dell energia resta il chiodo fisso dell ex numero uno dell Autorità per l Energia, Alessandro Ortis, che nell intervista pubblicata oggi da Affari&Finanza, a proposito della nuova Strategia energetica nazionale su cui è al lavoro l esecutivo di Mario Monti, auspica sia data una ampia e profonda partecipazione per la consultazione. Anche nella veste di co-presidente del panel delle assemblee del Mediterraneo per l energia, del resto Ortis continua a puntare il dito contro un prezzo della bolletta che in Italia si mantiene il 30% sopra la media europea. Le cause? Innanzitutto, enumera, il nostro mix di risorse energetiche è meno diversificato e competitivo rispetto ad altri Paesi. Poi va detto che i mercati all ingrosso del gas (%u2026) non hanno ancora raggiunto livelli adeguati di efficienza. Senza dimenticare i ritardi nello sviluppo delle reti, le troppe congestioni nelle infrastrutture che limitano i flussi elettrici interni e con l estero e gli oneri fiscali in bolletta che restano troppo pesanti. Malgrado l istituzione della Borsa elettrica e del gas: Bisogna che la domanda trovi abbondanza di offerta e abbondanza di operatori che offrano prezzi competitivi. Un processo che per il gas resta ancora troppo lento. Malgrado le opportunità che da tempo emergono dallo scacchiere internazionale, in testa il prezzo in calo della materia prima. Perché? A causa del deficit infrastrutturale, della ritardata separazione tra monopoli, della scarsa apertura del mercato nazionale come dell insufficiente integrazione di quelli europei. Da qui il plauso di Ortis alla ricetta targata Monti fatta di più rigassificatori e più gasdotti per dare una sforbiciata alla bolletta. Serviranno? Certamente sì. Specialmente se associati alla realizzazione di nuovi stoccaggi, in vista di una maggiore diversificazione degli approvvigionamenti. E le rinnovabili? Sostenerle, dice l ex presidente, era e resta irrinunciabile. Anche se i meccanismi legislativi avrebbero dovuto essere più flessibili e più efficienti. E basati su soluzioni di mercato meritocratiche e meglio tarate sulle specificità di ciascuna fonte. E invece, ci ritroviamo in bolletta un coacervo di voci che avrebbero bisogno di un profondo riordino. 6

7 CRISI & ENERGIA In calo la domanda: -1,9% energia elettrica, -2,1% il gas. Prodotti petroliferi a -8,6% I dati sul prodotto interno lordo (PIL) diffusi dall Istat la scorsa settimana misurano l intensità della recessione ed evidenziano come la crescita dell economia sia letteralmente aggrappata alla domanda estera: a fronte di una caduta del PIL nel secondo trimestre del 2012 in termini reali del 2,6% nei confronti del secondo trimestre del 2011, il calo dei consumi finali nazionali è del 2,9%, quello degli investimenti fissi lordi del 10,4% mentre tiene solo la domanda estera, con le esportazioni che sono salite dell 1,4%. La comparazione europea evidenzia per l Italia condizioni peggiori rispetto agli altri paesi europei: mentre nel Regno Unito si registra una diminuzione dello 0,5%, la Francia segna una sostanziale costanza (0,3%) e la Germania registra, al contrario, una crescita tendenziale dell 1,0%. Il generalizzato rallentamento della crescita, che coinvolge anche le economie emergenti, determina una frenata degli scambi commerciali: da una crescita del 5,9% del 2011 si passa al 3,8% del 2012 secondo i dati di luglio del Fondo Monetario Internazionale. Il direttore generale dell organizzazione mondiale del commercio (Wto) Pascal Lamy nell incontro con il presidente del Consiglio Mario Monti di mercoledì scorso ha preannunciato una revisione al ribasso del tasso di crescita del commercio mondiale. Vediamo ora alcuni dati congiunturali nell ottica di un confronto internazionale tra i principali paesi europei e l Eurozona. Le esportazioni nel corso dell anno hanno registrato una accentuazione dei segnali di rallentamento: nei primi cinque mesi del 2012 le esportazioni dell Italia salgono del 3,9% rispetto allo stesso periodo dell anno mese precedente. Il ritmo rimane superiore a quello dell Eurozona (3,6%). Si tratta, comunque, di valori sensibilmente inferiori ai tassi crescita a due cifre registrati lo scorso anno. La marcata recessione italiana fa segnare una flessione del 5,5% delle nostre importazioni nei primi cinque mesi del 2012 contro una crescita in Eurozona dello 0,7%. Nei primi sei mesi del 2012 l indice della produzione industriale registra un calo del 6,7% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. Il calo rilevato in Italia è di intensità quasi tripla rispetto al -2,5% dell Eurozona. Il mix velenoso presente in Italia dato dal forte incremento della tassazione sugli immobili e le tensioni sui tassi di interesse stanno accentuando in modo preoccupante la recessione nell edilizia: nei primi cinque mesi del 2012 l indice della produzione nelle costruzioni nel nostro Paese è diminuito del 13,8% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, con un ritmo più che doppio rispetto all Eurozona dove il calo si ferma al 6,4%. La minore domanda, in particolare di quella interna, si riverbera sui bilanci delle imprese: in Italia nei primi cinque mesi del 2012 l indice grezzo del fatturato delle imprese industriali registra, in termini tendenziali, una diminuzione del 3,0% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. Tiene il fatturato in Eurozona (0,2%). Preoccupa in Italia il forte calo degli ordinativi nel primo quadrimestre del 2012, in diminuzione del 12,2%; è di entità molto più contenuta (-3,5%) il calo registrato in Eurozona. La recessione in corso si riflette in un marcato calo della domanda di energia. Nei primi sette mesi dell anno le importazioni extra UE di energia registrano un aumento pari al 8,5% (era 21,4% un anno prima) ma in termini congiunturali si osservano evidenti segnali di flessione: a luglio 2012 l import di energia cala 2,3% rispetto al mese precedente e nel trimestre maggio-luglio 2012 il valore delle importazioni di prodotti energetici, al netto della stagionalità, segna una flessione del 5,7% rispetto al precedente trimestre febbraio-aprile La tendenza al calo dell import di energia è accompagnata da una forte flessione dei consumi dei prodotti petroliferi: i dati del Dipartimento per l Energia del Ministero dello sviluppo economico indicano nei primi otto mesi del 2012 un calo dell 8,6% rispetto allo stesso periodo del Il dato è addirittura peggiore di quello del 2009, anno della Grande recessione in cui il PIL crollò del 5,5%, quando i consumi di prodotti petroliferi nei primi otto mesi dell anno calarono del 6,8%. Cala la domanda anche sul fronte dell energia elettrica e del gas. Secondo il rapporto sul sistema elettrico di Terna nei primi otto mesi di quest anno la richiesta di energia elettrica scende dell 1,9% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, al netto degli effetti del calendario. Nel precedente anno di recessione il calo fu molto più intenso: nei primi otto mesi del 2009, infatti, la richiesta di elettricità calò del 7,3%. I dati del Dipartimento per l Energia del Ministero dello sviluppo economico indicano che nei primi sette mesi del 2012 il consumo interno lordo di gas è in calo del 2,1%. Anche per questa commodity andò molto peggio nel 2009 quando si registrò un calo tendenziale nei primi sette mesi dell anno del 12,6%. Nel caso di elettricità e gas si assiste, quindi, ad un calo dei consumi meno accentuato rispetto ai prodotti petroliferi e in generale meno gravi di quelli del 2009; su queste differenti intensità del calo dei consumi influisce certamente una diversa dinamica dei prezzi. Se prendiamo a riferimento i prezzi al consumo dei carburanti il livello medio dei prezzi nei primi sette mesi del 2012 è del 50,1% superiore a quello dei primi sette mesi del 2009, determinando un calo degli acquisti lungo la curva di domanda. Più attenuate, invece, le dinamiche dei prezzi al consumo per gas ed elettricità: il gas registra un livello medio dei prezzi nei primi sette mesi del 2012 del 13,2% superiore alla media gennaio-luglio 2009 mentre per l energia elettrica il gap di prezzo tra 2009 e 2012 si limita al 5,4%. Le differenti tensioni sono evidenti anche esaminando la dinamica dei prezzi alla produzione: per i Prodotti petroliferi raffinati la media dei prezzi nei primi sette mesi del 2012 è del 59,9% superiore alla media dello stesso periodo del 2009, mentre per l Energia elettrica, gas, vapore ed aria la crescita si limita al 5,2%. 7

8 ENERGIA A PIAZZA AFFARI Dati in crescita e prospettive positive ma la quotazione ha scarso upside. Rating Hold Tenaris, produttore e fornitore di tubi in acciaio e servizi per l industria energetica, ha riportato ottimi risultati nel secondo trimestre dell esercizio, tuttavia riteniamo che la quotazione del gruppo presenti ormai uno scarso upside e assegniamo pertanto un rating HOLD al titolo. Nel corso del secondo trimestre del 2012 Tenaris ha generato ricavi pari a Usd 2.801,5 milioni, in crescita del 17% su base annua (i prezzi medi di vendita sono risultati in aumento del 7% circa su base annua e del 3% dal trimestre precedente). La distribuzione geografica dei ricavi evidenzia su base sequenziale buoni tassi di crescita in tutte le aree in cui il gruppo è attivo ad eccezione del Nord America. Tenaris ha riportato un ebitda di Usd 759 milioni, pari ad un incremento del 39% su base annua (+8% dal trimestre precedente). Nel corso del trimestre l ebitda margin del gruppo si è attestato a 27%, superiore di 4 punti percentuali al secondo trimestre del L utile netto del periodo è ammontato a Usd 460,2 milioni, pari ad un aumento del 51% dal secondo trimestre del 2011 (+1% dal trimestre precedente). Il tax rate del gruppo è rimasto invariato al 28%. La maggiore marginalità del gruppo è imputabile all incremento del fatturato, che ha più che compensato l effetto negativo dell incremento di oneri finanziari netti (passati da Usd 5,7 sa 7 milioni), dell andamento dei cambi valutare e della valutazione a fair value dei derivati. La posizione finanziaria netta di Tenaris al 30 giugno risulta a debito per Usd 540,5 mln, a fronte di una liquidità netta pari a Usd 323,6 mln al 31 dicembre 2011, variazione che è conseguenza degli investimenti effettuati in Brasile (Usd mln per partecipazioni in Usiminas e Confab), oltre che del pagamento di dividendi per Usd 295,1 mln. Tenaris dovrebbe registrare un rallentamento dell attività nel prossimo trimestre a causa degli interventi di manutenzione programmati, tuttavia il secondo semestre nel suo complesso dovrebbe registrare un ulteriore incremento dei risultati del gruppo, nonostante le attese per un calo di attività nell area del Golfo del Messico. Tenaris ha mantenuto un buon pricing power che ha consentito al gruppo di Tenaris FTSE Mib Prezzo Ord 16/09/2012 euro 16,97 Settore Energy Equipment Indice FTSE MIB Capitalizzazione totale (Mln Euro) N Azioni Ord Flottante az. ordin. (Mln Euro) 21,49% Principale azionista: Techint Group 60,45% Min - Max anno 9,06-17,02 Volumi medi (30gg) Performance Relativa 1M 3M 6M vs FTSE Mib -11,44% 5,70% 11,02% Fonte: Consob, Borsa Italia, elaborazioni Axia registrare ottimi margini operativi, tuttavia riteniamo che il titolo presenti ormai uno scarso upside. Tenaris sconta attualmente un PE ttm (aggiustato per elementi non ricorrenti) pari a 18 circa ed un EV/Ebitda ttm pari a 9,38, valori in linea con i multipli scontati dal titolo negli ultimi tre esercizi (rispettivamente 20,0 e 9,48). Ipotizzando per il prossimo esercizio un dividendo di 0,44 Usd (da 0,38 Usd nel 2011), lo yield lordo del titolo ammonterebbe a 2,3%. Assegniamo a Tenaris un rating HOLD con target price pari a 19,50 per azione. Antitrust, le nuove soglie di fatturato Comunicazione obbligatoria preventiva: 474 m.ni di euro complessivi. In vigore da oggi Entrano in vigore da oggi le nuove soglie di fatturato oltre le quali diviene obbligatoria la comunicazione preventiva all Antitrust delle operazioni di concentrazione. In particolare, sottolinea il Garante in una nota, viene introdotto il livello minimo di 474 milioni di euro per il fatturato realizzato a livello nazionale dall insieme delle imprese interessate all operazione, mentre resta ferma a 47 milioni la soglia per l impresa di cui è prevista l acquisizione. L incremento corrisponde, come previsto dall art. 16 della legge n. 287/90, all aumento dell indice del deflatore dei prezzi del prodotto interno lordo, pari, come risulta dai dati pubblicati dall Istat, per il 2011, allo 1,31%. 8

9 ITALIA DALLA PRIMA PAGINA e nero, dove dighe e grandi derivazioni sono le uniche protagoniste nel business environment. Considerazioni queste smentite dalla prova dei fatti e, soprattutto, dal mercato. L idroelettrico, rispetto alle fonti rinnovabili su cui si sono concentrati gli investimenti negli ultimi anni, sembra dunque pagare uno scarto in termini di comunicazione che, sommato ad un maggior livello di complessità tecnologica e a criticità di carattere autorizzativo, rende questa fonte in apparenza meno sexy agli occhi degli investitori. D altra parte in Italia, parlando di nuovi impianti, se è vero che il grande idroelettrico ha limitate potenzialità residuali, il mini hydro con taglie da pochi kw fino al MW ha invece un presente e un futuro ricco di opportunità. In quest ottica il nuovo decreto ha ridisegnato i confini degli investimenti idroelettrici ponendo in primo piano gli impianti sotto i 500 kw che possono contare su un tariffa incentivante pari a 219 /MWh: considerando l estensione della durata dell incentivo da 15 a 20 anni, di fatto appare più conveniente investire oggi su questa specifica taglia rispetto a quanto lo sia stato in passato. In linea generale l idroelettrico è la fonte in cui la riduzione delle revenue connessa alla corresponsione delle tariffe incentivanti è meno accentuata: in effetti, anche ove il livello nominale degli incentivi viene ridotto, si assiste contestualmente ad un estensione del periodo di incentivazione (20, 25 o 30 anni a seconda della specifica taglia e tipologia). Ne derivano livelli di remunerazione in alcuni casi di molto superiori rispetto al passato (35% in più per impianti ad acqua fluente fino a 20 kw, 15% in più per impianti, sempre ad acqua fluente, tra 20 kw e 500 kw) e in altri sostanzialmente in linea con le tariffe previgenti (impianti ad acqua fluente tra 1 e 10 MW). Nello specifico, pur nella difficoltà di rappresentare in maniera omogenea i valori relativi agli impianti, che presentano un livello di variabilità connessa alle specificità di ciascun singolo sito, gli impianti ad acqua fluente di potenza vicina a 200 kw mostrano buoni livelli di profitability (con IRR unlevered post tax anche superiori al 10%); anche a causa del minor livello tariffario percepito, gli impianti vicini al MW di potenza si attestano su livelli ancora discreti ma inferiori (tra l 8% e il 9% di IRR), mentre impianti di taglia maggiore (4 MW) scontano ancora maggiormente l inferiore livello di incentivazione raggiungendo IRR tra il 7% e l 8%. Possiamo quindi concludere che l idroelettrico in Italia si farà ancora mentre è forse finita l epoca dello sviluppo dei grandi impianti, oramai parte storica e fattore distintivo dell infrastruttura elettrica nazionale. Per approfondire il tema, elemens e EPF Energy, in media partnership con Quotidiano Energia e canaleenergia, propongono per il 27 settembre a Milano Idroelettrico: un evergreen di opportunità e investimento, un momento di incontro dedicato alla comunità finanziaria. primi numeri Il Gse ha aggiornato il contatore fotovoltaico con gli impianti che godono delle nuove tariffe. 350 m.ni di euro Sono 386 gli impianti fotovoltaici entrati in esercizio dal 27 agosto (data di partenza del Quinto conto energia) ad oggi e che godono pertanto delle nuove tariffe incentivanti per una potenza complessiva di 2,175 MW e un costo annuo di euro. Lo si apprende dal contatore FV del Gse aggiornato con i dati relativi al nuovo sistema di sostegno (QE 27/8). Contatore che, mettendo insieme tutti i conti energia, segna oggi un costo cumulato annuo di incentivi pari a 6,328 miliardi di euro ( impianti per una potenza di 15,488 GW). Ai fini del raggiungimento della soglia dei 6,7 miliardi di euro, superata la quale dopo 30 giorni termina il V conto energia, ai numeri riportati sul contatore - precisa il Gse - devono essere poi sommati il costo già impegnato per i grandi impianti iscritti nei registri del IV conto energia in posizione utile ma non ancora in esercizio, pari attualmente a 21 milioni di euro, e le risorse che saranno impegnate dagli impianti iscritti in posizione utile nei registri del V conto energia, anche se non ancora in esercizio. Mancano quindi meno di 350 milioni di euro prima della fine dei fondi a disposizione (QE 5/9). L agenda parlamentare Calendario fitto di audizioni nell agenda parlamentare dell energia di questa settimana. A partire dalla Camera, che domani alle in commissione Finanze, nell ambito del Ddl delega fiscale (AC. 5291), ascolterà il direttore del dipartimento delle Finanze del ministero dell Economia, quello dell agenzia delle Dogane e i rappresentanti di R.ETE. Imprese Italia. Mercoledì dalle 13.30, invece, sarà la volta delle associazioni dei consumatori, del presidente di Confedilizia e del numero uno di Confindustria. Ancora audizioni per la commissione Ambiente, che mercoledì alle sentirà gli esperti nel settore degli appalti pubblici per l esame delle proposte di direttive Ue su appalti pubblici (COM(2011)896 def.), contratti di concessione (COM(2011)897) e procedure d appalto degli enti erogatori nei settori acqua, energia, trasporti, servizi postali (COM(2011)895). Domani alle 13 la commissione Attività Produttive sarà alle prese con l audizione dei rappresentati sindacali (Cgil, Cisl, Uil e Ugl) e mercoledì alle 14 con il Gse all interno dell indagine conoscitiva sul ruolo delle imprese partecipate dallo Stato, con particolare riferimento al settore energetico. Quanto al Senato, Nomos segnala che domani la commissione Industria riprende l indagine sulla Sen, con le audizioni alle 14 dei consumatori del Cncu e, mercoledì alle 14, quelli di Assopetroli. In commissione Ambiente proseguiranno i lavori sul Ddl per l abrogazione dell art. 35 della Legge Crescita, in materia di ricerca e estrazione di idrocarburi. Mercoledì alle 8.45, infine, sempre in 13ª, prenderà il via l esame dello schema di D.Lgs che modifica il D.Lgs 155/2010 sulla qualità dell aria in Europa (502). AVVISO A PAGAMENTO Esecuzione n /10 G.E. Dott. Argan vende a mezzo commissionario, con modalità a trattativa privata, il 47,27% delle quote di società impegnata nel settore della rigassificazione. Info: Commissionario, Dott. Teodorico Citerni di Siena, Via Marcantonio Colonna Roma, tel 06/ PEC:

10 ATTUALITÀ generali di Hollande Ecco le strategie energetiche dell Eliseo. Chiusa la conferenza di Parigi. No allo shale gas Chiusura della vetusta centrale nucleare di Fessenheim, rilancio delle rinnovabili, una sferzata all Ue perché in fatto di cambiamenti climatici sia più ambiziosa, un no secco allo shale gas. La svolta verde targata Francois Hollande, il capo dell Eliseo l ha illustrata venerdì scorso aprendo la conferenza sull ambiente di Parigi, una due-giorni di incontri e dibattiti che ha messo a confronto parlamentari, Ong, sindacati e industrie sulla politica energetica del Paese. La centrale dell Alsazia, la più vecchia del parco (classe 1978), chiuderà i battenti nel 2016 in condizioni che garantiranno la sicurezza dei rifornimenti di questa regione, la riconversione del sito e la conservazione di tutti i posti di lavoro, ha garantito il capo dello Stato ricordando il suo obiettivo di ridurre, dal 75 al 50% entro il 2025, l apporto dell atomo nella produzione elettrica nazionale. Da Parigi, assieme a un pacchetto di misure per rilanciare il settore in crisi delle Fer, il socialista ha spinto per il superamento del target di riduzione di gas serra a livello europeo (20% al 2020). Sono pronto a spingermi più lontano (40% al 2030, 60% al 2040), ha detto il presidente puntando il dito contro la politica ambientale dell ex inquilino dell Eliseo. Sulla stessa linea il presidente ha annunciato la candidatura di Parigi per accogliere nel 2015 una grande conferenza internazionale che sancisca il primo accordo globale sul clima post Kyoto. Quanto al fracking, malgrado la posizione più possibilista del premier Jean- Marc Ayrault, Hollande è stato categorico: Allo stato attuale delle nostre conoscenze nessuno può garantire che la fratturazione idraulica sia priva di gravi rischi per la salute e per l ambiente. Oxfam: biofuel scatenano prezzi alimentari. Bruxelles si difende: cambio di marcia La Commissione europea intende limitare la produzione di biocarburanti da origine alimentare al 5% del consumo finale di energia nei trasporti al Lo hanno indicato i responsabili dell Energia, Gunther Oettinger, e del Clima, Connie Hedegaard, rispondendo così alle accuse di Oxfam (network di organizzazioni per la lotta alla povertà) che in un rapporto dal titolo Bad Bio, diffuso oggi in occasione di una riunione dei ministri dell Energia Ue in corso a Cipro, sottolinea come la crescente domanda europea di biofuel stia scatenando l aumento dei prezzi alimentari, lasciando senza cibo milioni di persone (il rapporto è disponile sul sito di QE). E sbagliato ritenere che stiamo spingendo i biocarburanti basati sul cibo, hanno detto i due commissari, annunciando appunto che a breve presenteranno una proposta per contenere al 5% l apporto di biofuel convenzionali (10% l obiettivo complessivo di biocarburanti al 2020). Un cambio di marcia che, a quanto riporta Afp, ha già messo in allarme l industria europea dei produttori di biodiesel. Rinviati programmi esplorativi A distanza di una settimana dall avvio delle perforazioni nel mare di Chukchi, nella regione artica dell Alaska (QE 10/9), Shell ha annunciato oggi che durante i test finali di contenimento di eventuali sversamenti di idrocarburi il mezzo Arctic Challenger ha subito danneggiamenti. I tempi di manutenzione e la necessità di interrompere le operazioni prima che si formi il ghiaccio invernale hanno portato la compagnia anglo-olandese a rivedere i programmi esplorativi per il biennio e, in particolare, a rinviare i programmi upstream per la restante parte dell anno. Gran parte dei pozzi perforati in questi giorni e in queste settimane saranno chiusi e temporaneamente abbandonati nel rispetto dei regolamenti, conclude la compagnia. A breve sono in programma attività di perforazione anche nel Mare di Beaufort. Borsa Apx-Endex Intesa con Gasunie per la piattaforma olandese L Intercontinental Exchange ha annunciato oggi di aver raggiunto un accordo con l operatore olandese della rete gas Gasunie per l acquisizione rispettivamente del 79,12% e del 20,88% della nuova società nella quale la piattaforma energetica Apx-Endex farà confluire tutte le attività di trading sul gas. L annuncio giunge in concomitanza con la nota della stessa piattaforma dalla quale si apprende dell intenzione di separare i business gas ed elettrico in due compagnie ad hoc con differenti proprietari. L operazione, soggetta al via libera delle autorità competenti, dovrebbe concludersi entro il primo trimestre Quotidiano Energia TUTTI I DIRITTI RISERVATI. È VIETATA LA DIFFUSIONE E RIPRODUZIONE TOTALE O PARZIALE IN QUALUNQUE FORMATO. Direttore responsabile: Stefano Delli Colli / Direttore editoriale GIE: Emanuele Martinelli Redazione di Roma: Romina Maurizi (caposervizio), Luigi Stieri, Luca Tabasso, Carlo Maciocco / Redazione di Milano: Evgeny Utkin / Collaboratori: Francesca di Macco, Miriam Benedettini, Vittorio D Ermo, Matteo Falcione, Antonello Minciaroni, Roberto Degl Innocenti, Alberto Pototschnig, Miriam Spalatro / Produzione: Leonardo Rosa, Roberta Avanzati / Amministrazione: Simona Tomei / Abbonamenti: Raffaella Landi / unico: Franca Rossi / Pubblicità: Serena Selvarolo, Sara Delli Colli 10

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: da aprile bollette elettricità ancora in calo (-3,1%), aumento per il gas (+3,6%) Oltre al caro- petrolio, pesa sul gas il basso grado di concorrenza

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

VALUTAZIONI. Paesi europei e cercare di capire le cause della variabilità di questa commodity in Europa. In questo articolo

VALUTAZIONI. Paesi europei e cercare di capire le cause della variabilità di questa commodity in Europa. In questo articolo Spazio a perto VALUTAZIONI Il costo dell energia elettrica per le imprese italiane: un analisi comparata a livello europeo I costi sostenuti dalle imprese italiane per l energia elettrica sono considerati

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: dal 1 gennaio bollette 2,2% per l elettricità, +2,8%per il gas Con i bonus, riduzioni superiori al 15% per le famiglie più bisognose Milano,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del paese

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del paese Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del paese Audizione presso la 10 a Commissione permanente (Industria, commercio,

Dettagli

A. Consistenze e caratteristiche generali della rete

A. Consistenze e caratteristiche generali della rete REPORT SULLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA SETTEMBRE 2013 1 A. Consistenze e caratteristiche generali della rete Tav.1 Evoluzione della rete di distribuzione carburanti 2000 2005 2010 2011 Autostradali

Dettagli

IL QUADRO PETROLIFERO IN ITALIA NEL 2014. Rita Pistacchio

IL QUADRO PETROLIFERO IN ITALIA NEL 2014. Rita Pistacchio Seminario AIEE IL SISTEMA ENERGETICO ITALIANO NEL 2014 E VERSO IL 2015: SITUAZIONI E TENDENZE IL QUADRO PETROLIFERO IN ITALIA NEL 2014 1 aprile 2015 Centro Studi Americani Via Michelangelo Caetani, 32

Dettagli

#1y14: gennaio dicembre 2013

#1y14: gennaio dicembre 2013 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #1y14: gennaio dicembre 2013 I dati degli ultimi mesi del 2013 e le stime e valutazioni che se ne possono trarre

Dettagli

Scenari petroliferi ed energetici

Scenari petroliferi ed energetici Confindustria Siracusa Scenari petroliferi ed energetici A cura dell Area comunicazione ed organizzazione Ufficio studi e statistiche Elaborazione su dati dell Unione Petrolifera IL MERCATO PETROLIFERO

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

#2y15: gennaio marzo 2015

#2y15: gennaio marzo 2015 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #2y15: gennaio marzo 2015 Nei primi tre mesi del 2015 i dati del settore elettrico nazionale hanno fatto registrare

Dettagli

#1y15: gennaio dicembre 2014

#1y15: gennaio dicembre 2014 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #1y15: gennaio dicembre 2014 Nel 2014 i dati del settore elettrico nazionale evidenziano una contrazione della produzione

Dettagli

Oggetto: indagine conoscitiva costi prodotti petroliferi ed energia elettrica e gas.

Oggetto: indagine conoscitiva costi prodotti petroliferi ed energia elettrica e gas. Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L ENERGIA Oggetto: indagine conoscitiva costi prodotti petroliferi ed energia elettrica e gas. FABBISOGNO ENERGETICO Il consumo interno lordo del Paese

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

BOLLETTA ELETTRICA: UN 2015 FAVOREVOLE ALLE IMPRESE

BOLLETTA ELETTRICA: UN 2015 FAVOREVOLE ALLE IMPRESE BOLLETTA ELETTRICA: UN 2015 FAVOREVOLE ALLE IMPRESE I trimestre 2015: forte contrazione dei prezzi dell energia Milano, marzo 2015 I primi mesi del 2015 restituiscono un quadro di timida ripresa dell attività

Dettagli

#3y14: gennaio giugno 2014

#3y14: gennaio giugno 2014 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #3y14: gennaio giugno 2014 I dati del settore elettrico del primo semestre del 2014 appaiono in linea con quelli

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei pacchetti vacanza...7. I prezzi più caldi e più freddi...

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei pacchetti vacanza...7. I prezzi più caldi e più freddi... Indice Presentazione............................................................. 3 In sintesi................................................................. 4 Confronto con l Europa......................................................5

Dettagli

4 dicembre 2015. Petrolio: quotazioni della qualità Brent

4 dicembre 2015. Petrolio: quotazioni della qualità Brent Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Alcune verità sui prezzi dei carburanti Nota metodologica

Alcune verità sui prezzi dei carburanti Nota metodologica Alcune verità sui prezzi dei carburanti Nota metodologica 6 ottobre 2015 Il comunicato dell Istat del 30 settembre sull andamento dei prezzi al consumo evidenzia in termini inequivocabili i cali registrati

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Ingegneria Corso di Gestione ed Economia dell Energia e Fonti Rinnovabili Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Ing. Tiziana

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL CARRELLO DELLA SPESA E DELLE TARIFFE ELETTRICHE E DEL GAS NEL MERCATO TUTELATO E LIBERO

L EVOLUZIONE DEL CARRELLO DELLA SPESA E DELLE TARIFFE ELETTRICHE E DEL GAS NEL MERCATO TUTELATO E LIBERO AUDIZIONE X COMMISSIONE DEL SENATO L EVOLUZIONE DEL CARRELLO DELLA SPESA E DELLE TARIFFE ELETTRICHE E DEL GAS NEL MERCATO TUTELATO E LIBERO A cura di Federconsumatori Nazionale Roma, 8 Ottobre 2013 1 GAS

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: bollette ancora in calo, dal 1 luglio energia elettrica -1%, gas -7,7% Da inizio anno calo medio totale del 13,1% - La spesa media annua delle

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: nuovo calo delle bollette, dal 1 aprile energia elettrica -2%, gas -7,5% La spesa media per le famiglie si riduce ulteriormente di 92 euro

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Per caro petrolio, elettricità + 3,8 % e gas + 3,4% nel 1 trimestre 2008 Scatta ulteriore riduzione tariffe trasporto e distribuzione- In arrivo le

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori,

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori, Roma, 18 giugno 2008 INTERVENTO VIDEO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA ALL ASSEMBLEA ANNUALE DELL UNIONE PETROLIFERA Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Rapporto Ice 2009-2010. L Italia nell economia internazionale. 2007 2008 2009 (1) quota Var % 2008/2009

Rapporto Ice 2009-2010. L Italia nell economia internazionale. 2007 2008 2009 (1) quota Var % 2008/2009 234 contributi L Italia nei mercati internazionali dell energia: effetti della crisi e strategie delle imprese nazionali di Matteo Verda * La crisi e i mercati dell energia La contrazione dell economia

Dettagli

Federica Guidi. Spunti per l intervento di. Presentazione del World Energy Outlook ENI. Ministro dello Sviluppo Economico. World Energy Otlook 2014

Federica Guidi. Spunti per l intervento di. Presentazione del World Energy Outlook ENI. Ministro dello Sviluppo Economico. World Energy Otlook 2014 Spunti per l intervento di Federica Guidi Ministro dello Sviluppo Economico Presentazione del World Energy Outlook ENI 1 Vorrei innanzitutto salutare e ringraziare l Agenzia Internazionale per l Energia

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

La determinazione del prezzo al consumo dei carburanti

La determinazione del prezzo al consumo dei carburanti La determinazione del prezzo al consumo dei carburanti Rotary Club Messina, Royal Palace Hotel 23 ottobre 2012 Massimiliano Giannocco Nel mondo circolano un sacco di menzogne e il peggio è che molte di

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Fraterni saluti. - A tutte le strutture UIL CIRCOLARE N. 31 LORO SEDI. IL SEGRETARIO CONFEDERALE (Paolo Carcassi) All./2

Fraterni saluti. - A tutte le strutture UIL CIRCOLARE N. 31 LORO SEDI. IL SEGRETARIO CONFEDERALE (Paolo Carcassi) All./2 Data 13 Aprile 2015 Protocollo: 104/15/FF/cm Servizio: Sviluppo Sostenibile Salute e Sicurezza Bilateralità Cooperazione Oggetto: Revisione delle tariffe luce e gas AEEG. CIRCOLARE N. 31 - A tutte le strutture

Dettagli

Marzo 2012. Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA

Marzo 2012. Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA Marzo 2012 Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA Gabriele OLINI Ufficio Studi CISL Negli ultimi mesi abbiamo avuto una

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Memoria per l audizione di Anigas

Memoria per l audizione di Anigas X COMMISSIONE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO CAMERA DEI DEPUTATI Indagine conoscitiva sulla strategia energetica nazionale sulle principali problematiche in materia di energia Memoria per l audizione

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

Audizione Leonardo Bellodi Executive Vice President International and Government Affairs. Indagine conoscitiva sul sistema dei prezzi e delle tariffe

Audizione Leonardo Bellodi Executive Vice President International and Government Affairs. Indagine conoscitiva sul sistema dei prezzi e delle tariffe Audizione Leonardo Bellodi Executive Vice President International and Government Affairs Indagine conoscitiva sul sistema dei prezzi e delle tariffe 6 Giugno 2012 I prezzi dell energia CARBURANTI ENI divisione

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE INDAGINE CONOSCITIVA SULLA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE AUDIZIONE UNIONE PETROLIFERA Ing. Alessandro Gilotti Presidente Camera Commissione Attività Produttive Roma, 5 marzo 2014 Temi chiave 1) LA RAFFINAZIONE

Dettagli

LA VERITÀ SULLE BOLLETTE ELETTRICHE

LA VERITÀ SULLE BOLLETTE ELETTRICHE LA VERITÀ SULLE BOLLETTE ELETTRICHE 10 anni di aumenti per le famiglie italiane a causa della dipendenza dalle fonti fossili! Telegiornali e quotidiani lo hanno raccontato con grande enfasi negli ultimi

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 2 Le materie prime energetiche nel commercio estero italiano (Aprile 2006) 1 LE MATERIE

Dettagli

Energy & commodities. Analisi tecnica dei principali future del gas 3. Analisi tecnica dei principali future del petrolio 4

Energy & commodities. Analisi tecnica dei principali future del gas 3. Analisi tecnica dei principali future del petrolio 4 1 Anno 12 22/04/2013 (112/17) bis Registrazione al Tribunale di Roma n.521/2002 del 03/09/2002 Energy & commodities Direttore: Fabrizio Spagna Commodities indexes 2 Gas Petrolio Analisi tecnica dei principali

Dettagli

G.B. Zorzoli. Riflessioni: da dove ripartiamo col fotovoltaico. Convegno Ripartire col fotovoltaico Milano, 6 giugno 2011

G.B. Zorzoli. Riflessioni: da dove ripartiamo col fotovoltaico. Convegno Ripartire col fotovoltaico Milano, 6 giugno 2011 G.B. Zorzoli Riflessioni: da dove ripartiamo col fotovoltaico Convegno Ripartire col fotovoltaico Milano, 6 giugno 2011 ISES ITALIA (sezione nazionale dell International Solar Energy Society) è un'associazione

Dettagli

ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI RELAZIONE

ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI RELAZIONE ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI Doc. CXLI n. 2 RELAZIONE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA DALL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS (Al 31 marzo 2007) (Articolo

Dettagli

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei servizi dentistici...7. I prezzi più caldi e più freddi...

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei servizi dentistici...7. I prezzi più caldi e più freddi... Indice Presentazione............................................................. 3 In sintesi................................................................. 4 Confronto con l Europa......................................................5

Dettagli

COMMISSIONI RIUNITE FINANZE E ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO CAMERA DEI DEPUTATI

COMMISSIONI RIUNITE FINANZE E ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO CAMERA DEI DEPUTATI COMMISSIONI RIUNITE FINANZE E ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO CAMERA DEI DEPUTATI Disegno di legge recante Legge Annuale per il Mercato e la Concorrenza (AC 3012) Memoria Anigas Anigas, Associazione

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Gas Naturale. Rapporto ref. sul mercato e la regolamentazione. ref. Osservatorio Energia

Gas Naturale. Rapporto ref. sul mercato e la regolamentazione. ref. Osservatorio Energia Gas Naturale 2009 Rapporto ref. sul mercato e la regolamentazione ref. Osservatorio Energia Il Rapporto è stato realizzato dal gruppo di lavoro dell Osservatorio Energia sotto la supervisione scientifica

Dettagli

DOCUMENTO DELLA CGIL E DELLA FILCTEM-CGIL CONSEGNATO PER L'AUDIZIONE DELL'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS (20 settembre 2012)

DOCUMENTO DELLA CGIL E DELLA FILCTEM-CGIL CONSEGNATO PER L'AUDIZIONE DELL'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS (20 settembre 2012) DOCUMENTO DELLA CGIL E DELLA FILCTEM-CGIL CONSEGNATO PER L'AUDIZIONE DELL'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS (20 settembre 2012) Condividiamo la relazione del presidente Bortoni nel suo insieme

Dettagli

VII INDAGINE NAZIONALE SULLE BOLLETTE ELETTRICHE E DEL GAS

VII INDAGINE NAZIONALE SULLE BOLLETTE ELETTRICHE E DEL GAS VII INDAGINE NAZIONALE SULLE BOLLETTE ELETTRICHE E DEL GAS Nel 2006 le famiglie italiane hanno dovuto fronteggiare una spesa annua record per le bollette elettriche e del gas E la bolletta più alta degli

Dettagli

TERNA: UTILI PER IL PAESE

TERNA: UTILI PER IL PAESE TERNA: UTILI PER IL PAESE Audizione presso la Commissione Industria Senato Atto n. 282 Affare assegnato risultati società partecipate dallo Stato ROMA, 19 marzo 2014 1 Il Gruppo Terna Il Gruppo si compone

Dettagli

Commissione Industria Senato. Audizione Unione Petrolifera

Commissione Industria Senato. Audizione Unione Petrolifera Commissione Industria Senato Audizione Unione Petrolifera Indagine conoscitiva prezzi e tariffe Roma, 19 maggio 2009 Le indagini Antitrust dal 1994 Gennaio 1994: Indagine Antitrust rete carburanti (IC13)

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Emilio di Camillo Marzo 2011 http://www.centrostudisubalpino.it

Emilio di Camillo Marzo 2011 http://www.centrostudisubalpino.it Osservatorio congiunturale del Mercato Europeo dell Auto. Fine anno 21. Dopo un 29 condizionato dalla spinta agli acquisti motivata dagli incentivi, il 21 ci ha fatto riavvicinare, almeno nel caso Italiano,

Dettagli

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 835 ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 24 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE

Dettagli

Relazione Annuale 2010

Relazione Annuale 2010 Relazione Annuale 21 5 Luglio 211 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato 2 Disclaimer All interno di questo documento: I dati relativi al 211 sono consolidati

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Analisi sui recenti andamenti del prezzo dei carburanti Nota metodologica

Analisi sui recenti andamenti del prezzo dei carburanti Nota metodologica Analisi sui recenti andamenti del prezzo dei carburanti Nota metodologica 11 dicembre 2015 I prezzi dei carburanti anche in queste ultime settimane hanno proseguito la loro discesa in linea con l andamento

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 974 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO 8 gennaio 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

FOCUS ON. Iran: sanzioni, export italiano e prospettive. A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT

FOCUS ON. Iran: sanzioni, export italiano e prospettive. A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT FOCUS ON Iran: sanzioni, export italiano e prospettive A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT Le sanzioni applicate a partire dal 2006 all Iran da Stati Uniti, ONU e Unione Europea (UE) hanno avuto

Dettagli

La struttura del sistema energetico e i meccanismi di incentivazione delle fonti energetiche rinnovabili

La struttura del sistema energetico e i meccanismi di incentivazione delle fonti energetiche rinnovabili Corso di Tecnologie delle Energie Rinnovabili A.A. 2014-2015 La struttura del sistema energetico e i meccanismi di incentivazione delle fonti energetiche rinnovabili Prof. Daniele Cocco Dipartimento di

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI CONTENUTI DEL I VOLUME DELLA RELAZIONE ANNUALE STATO DEI SERVIZI

SINTESI DEI PRINCIPALI CONTENUTI DEL I VOLUME DELLA RELAZIONE ANNUALE STATO DEI SERVIZI SINTESI DEI PRINCIPALI CONTENUTI DEL I VOLUME DELLA RELAZIONE ANNUALE STATO DEI SERVIZI LO SCENARIO INTERNAZIONALE PETROLIO: DOMANDA ANCORA IN CRESCITA, PREZZO DEL BARILE AI MINIMI Nel 2014 la domanda

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH APRILE 2014

CONGIUNTURA FLASH APRILE 2014 5 APRILE 2014 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Le economie avanzate accelerano, le emergenti frenano ancora. Per la crescita globale la somma è positiva,

Dettagli

Ma l incidenza delle componenti fiscali al 60% limita fortemente i benefici

Ma l incidenza delle componenti fiscali al 60% limita fortemente i benefici DIREZIONE COMUNICAZIONE E IMMAGINE UFFICIO STAMPA 59/16 Roma, 26.4.2016 Ma l incidenza delle componenti fiscali al 60% limita fortemente i benefici INDICE COSTO ENERGIA CONFCOMMERCIO: PER IMPRESE TERZIARIO

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

Congiuntura energetica a cura dell Osservatorio IRES sull impresa pubblica sez. energia

Congiuntura energetica a cura dell Osservatorio IRES sull impresa pubblica sez. energia Congiuntura energetica a cura dell Osservatorio IRES sull impresa pubblica sez. energia 6 febbraio 2006 200666 Congiuntura energetica * Petrolio e gas Un gennaio turbolento per l energia, quello appena

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5 5 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Nello scenario globale si accentua la divaricazione tra le grandi aree. Gli USA conservano un moderato incremento

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Aprile - giugno 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Aprile - giugno 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Aprile - giugno 2015 Euro/dollaro Dopo aver toccato il livello minimo negli ultimi dodici anni, nel secondo trimestre

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

11 Luglio 2012 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato

11 Luglio 2012 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato Relazione Annuale 211 11 Luglio 212 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato 2 Disclaimer All interno di questo documento: I dati relativi al 212 sono consolidati

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Risultati dell indagine congiunturale del 1 semestre 2011 e tendenze del 3 trimestre 2011

Risultati dell indagine congiunturale del 1 semestre 2011 e tendenze del 3 trimestre 2011 AR-VV/em Prot. n. 148/V/13 Milano, 13 Ottobre 2011 AGLI EGREGI SIGNORI COMPONENTI LA GIUNTA ALLE AZIENDE GRAFICHE, CARTOTECNICHE E TRASFORMATRICI DEL PANEL OSI ALLE ASSOCIAZIONI TERRITORIALI ADERENTI LORO

Dettagli

Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana

Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni riunite V Commissione "Programmazione

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

Indagine congiunturale rapida su quarto trimestre 2014 e primo trimestre 2015

Indagine congiunturale rapida su quarto trimestre 2014 e primo trimestre 2015 Indagine congiunturale rapida su quarto trimestre 2014 e primo trimestre 2015 Clima sempre cauto: SI al bonus lettura per rilanciare la cultura del Paese. NO all esplosione dei costi energetici. Il deprezzamento

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

25 marzo 2014 Roberto Russo. www.assitecasim.it

25 marzo 2014 Roberto Russo. www.assitecasim.it Gazprom 25 marzo 2014 Roberto Russo www.assitecasim.it Gazprom è una compagnia energetica globale specializzata nei business dell esplorazione, produzione, trasporto, trasformazione e vendita di gas, condensato

Dettagli

Situazione e prospettive per l industria chimica

Situazione e prospettive per l industria chimica Situazione e prospettive per l industria Luglio 21 Sintesi Per informazioni: Direzione Centrale Analisi Economiche-Internazionalizzazione Tel. 2/346.337 - Mail aei@feder.it Chimica europea in moderata

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

ICET 4. Indice Costo Energia Terziario. Energia elettrica. a cura di Confcommercio-Imprese per l Italia in collaborazione con REF Ricerche

ICET 4. Indice Costo Energia Terziario. Energia elettrica. a cura di Confcommercio-Imprese per l Italia in collaborazione con REF Ricerche Ambiente e Utilities ICET 4 Indice Costo Energia Terziario a cura di Confcommercio-Imprese per l Italia in collaborazione con REF Ricerche aprile 2016, numero 4 Sintesi Energia Elettrica Prevista una riduzione

Dettagli

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO 80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO INTERVENTO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA DOTT. ANTONIO FAZIO Sommario 1. La congiuntura internazionale 1 2. La condizione dei mercati finanziari 3 3. La congiuntura

Dettagli

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

Energia e trasporti: il ruolo del metano

Energia e trasporti: il ruolo del metano Metano e trasporti per il governo della mobilità Energia e trasporti: il ruolo del metano di Edgardo Curcio Presidente AIEE Parma, 16 marzo 2010 Centro Congressi Paganini Indice della presentazione 1.

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

comunicato stampa Bologna, 20 marzo 2014 Highlight finanziari LINK UTILI MULTIMEDIA Highlight operativi CONTATTI -------------

comunicato stampa Bologna, 20 marzo 2014 Highlight finanziari LINK UTILI MULTIMEDIA Highlight operativi CONTATTI ------------- comunicato stampa Bologna, 20 marzo 2014 Il Gruppo Hera approva i risultati al 31/12/2013 L anno si chiude con valori in crescita, anche grazie dell aggregazione di AcegasAps. Dividendo confermato a 9

Dettagli

Panorama sull Energia

Panorama sull Energia Panorama sull Energia I Fondamentali permetteranno prezzi del petrolio più elevati? 21 Febbraio 2011 Venerdì i futures sul petrolio Brent sono scesi sul NYMEX a $102,52, scivolando dal recente massimo

Dettagli